L 8 marzo delle donne

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L 8 marzo delle donne"

Transcript

1 L 8 marzo delle donne 1 STORIAE Fare memoria

2 1 L 8 marzo delle donne di Milena Cossetto Orientarsi tra storia, miti e leggende nate intorno all 8 marzo non è semplice. Questo vademecum, dedicato alla Giornata Internazionale della Donna, vuole essere uno strumento agile per comprendere le molteplici letture che via via ne sono state date. La pubblicazione, curata dalla rivista STORIA E dell Intendenza Scolastica Italiana, propone una breve rassegna delle diverse interpretazioni sull origine storica dell 8 marzo, una cronologia essenziale sulla diffusione del diritto di voto delle donne nel mondo e sulle tappe della emancipazione femminile in Europa. Il rischio è che la Giornata Internazionale della Donna, si trasformi in una festa commerciale, omologata a tante altre, mentre va ripreso il senso più autentico dell 8 marzo: una giornata di impegno e di studio per ribadire le conquiste culturali, sociali, economiche delle donne in occidente nel corso del Novecento e promuovere iniziative affinché la parità uomo donna, le pari opportunità, la valorizzazione della differenza di genere, siano patrimonio e realtà di tutte le donne (e gli uomini) del mondo. 2

3 2 È davvero straordinario, meraviglioso, confortante Sapere che ho occhi per leggere Mani che sanno scrivere E un infinito amore per le parole Sono fortunata a saper parlare Alcune lingue bellissime Perché io amo le parole la lingua dei miei antenati. Quando sono felice, sono le parole a dare forma alla mia felicità Quando sono triste e confusa Le parole si trasformano in argilla e mi permettono Di modellare e rimodellare i miei pensieri scomposti Fino a che non riesco a trovare la pace, nel profondo della mia anima Gcina Mhlophe (Durban Sudafrica, 1959). 3

4 Il diritto di voto delle donne nel mondo 3 4

5 8 marzo Giornata Internazionale della Donna Alle origini dell 8 marzo La celebrazione dell 8 marzo ha sicuramente radici lontane. Come molti eventi sociopolitici, anche l 8 marzo subisce il confronto con leggende e fatti reali. Spesso accade che le verità siano ingigantite o arricchite di dettagli da chi le racconta, specialmente quando il sistema di divulgazione sia affidato, anche per le condizioni di miseria di chi le ha tramandate, al solo mezzo verbale. Questa era la situazione in cui vivevano i lavoratori e le lavoratrici fino ai primi decenni del secolo scorso. Saper leggere e scrivere era un privilegio di pochi, limitato alle classi più ricche. Quindi l unico modo per la divulgazione delle notizie, e della cultura, era affidato ai racconti. Lasciamo a chi legge la scelta di scorrere alcune verità sul perché dell 8 marzo. Una festa tra miti e verità Come qualche volta accade ad eventi che per la loro rilevanza sono entrati a far parte della storia del costume di una società, anche l origine della festa della donna è circondata da un alone di mistero che la rende in qualche modo leggendaria. Alcuni storici sostengono che possa risalire all 8 marzo del 1848, giorno in cui il re di Prussia, asserragliato nel suo palazzo e terrorizzato alla vista dei dimostranti inferociti, si affrettò ad elencare promesse su promesse (quasi tutte mai mantenute) come quella di concedere il diritto di voto alle donne. Altri autori riportano episodi di sangue nel tentativo di dare a quella celebrazione anche il crisma del martirio: l 8 marzo del 5

6 una fabbrica di Washington Square, New York, avrebbe preso fuoco e sarebbero morte 129 operaie; oppure viene citato quello sciopero, organizzato sempre a New York nel marzo del 1857, durante il quale le donne che vi partecipavano furono brutalmente disperse dalla polizia. Ma Tilde Capomazza e Marisa Ombra, nel loro studio 8 marzo. Storie, miti e riti della Giornata Internazionale della Donna, hanno messo in chiaro che quegli episodi non sono avvenuti. È documentato invece l episodio del 23 febbraio 1917 a San Pietroburgo: un grande corteo di donne si formò quasi spontaneamente e sfilò per le strade della grande città russa. Erano madri, mogli e figlie delle migliaia di soldati impegnati nella prima guerra mondiale, che chiedevano a gran voce la fine delle violenze, il ritorno a casa dei loro uomini, la caduta della dittatura zarista. Si potrà obbiettare: ma cosa c entra una manifestazione avvenuta un 23 febbraio con la festa dell 8 marzo? C entra, perché in quell epoca in Russia si adottava ancora il calendario Giuliano (elaborato da Giulio Cesare) che era sfalsato di tredici giorni rispetto al calendario Gregoriano (da papa Gregorio XIII), in uso fino dal 1582 in quasi tutto il mondo occidentale. In Italia la festa ha un origine ancora più recente: l 8 marzo del 1945 un gruppo di donne appartenenti all UDI (Unione donne italiane) si riunì a Roma per approvare un ordine 6

7 del giorno mirato a:...difendere il pane ai nostri figli, alle nostre famiglie e per difenderci dal freddo e dalla miseria.... La festa vera e propria fu organizzata solo l anno successivo, dopo che a Londra si erano riunite le rappresentanti di venti nazioni per redigere la Carta della donna nella quale si chiedeva, fra l altro:...il diritto al lavoro in tutte le industrie, la parità salariale, la possibilità di accedere a posti direttivi e di partecipare alla vita politica nazionale e internazionale. E fu proprio in quel il 2 giugno - che la donna italiana, per la prima volta nella storia, poté partecipare in maniera attiva al governo del Paese, contribuendo con il proprio voto alla nascita della Repubblica. Anche la tradizione di offrire alle festeggiate un rametto di mimosa è tipicamente italiana e - contrariamente a quanto si potrebbe pensare riallacciandosi al garofano rosso, che viene offerto il primo di maggio e che possiede una simbologia precisa - nacque per ragioni unicamente pratiche: perché quello è l unico fiore - o perlomeno il più comune (e quindi il meno costoso) - che sboccia spontaneamente nel periodo invernale. Le diverse origini dell 8 marzo Un altra versione fa risalire la scelta di questa data all 8 marzo 1848, quando le 5 lavoratrici dell industria dell abbigliamento di New York proclamarono uno sciopero a cui parteciparono trentamila donne, la più gigantesca manifestazione 7

8 femminile che si fosse mai avuta negli Stati Uniti. Ma sulla scelta della data vennero fuori leggende dal sapore tragico: Il 7 marzo 1952 il settimanale bolognese La Lotta scrive che l 8 marzo vuol ricordare l episodio dell incendio scoppiato quel giorno in una fabbrica tessile di New York in cui morirono, chiuse dentro dall interno per volere del padrone, perché minacciavano di scioperare, 129 giovani operaie. Il Secolo XIX di Genova nel 1978 riporta l episodio come avvenuto a Chicago in una filanda. La Repubblica nel 1980 parla di un incendio a Boston, datato Stampa Sera nel 1981 situa l incendio ai primi del 900, in un luogo imprecisato degli Stati Uniti. Lo stesso anno L Avvenire parla di 19 operaie morte. Noi Donne nel 1982 parla di Boston e di 19 operaie morte; anno , stesso anno e stesso numero di vittime nel sito SpazioDonna, la città è però Cotton. Sul sito Internet della Città di Bari viene descritto un incendio scoppiato il 25 marzo 1911 negli ultimi tre piani dell Asch Building a Manhattan, dove delle operaie confezionavano camicette. Quando il tragico rogo fu domato si contarono 146 vittime, di cui la stragrande maggioranza donne, quasi tutte di nazionalità italiana o di origine ebraica. New York rimase sconvolta da quella tragedia e proclamò un adunata generale dei lavoratori per seguire il corteo funebre di sette vittime non identificate. Sulla stampa statunitense fino al 1908 nessuna verità storica 8

9 della misteriosa origine 7 dell 8 marzo: l incendio non risulta mai accaduto. Alla stessa conclusione giungono Tilde Capomazza e Marisa Ombra nel loro libro 8 marzo Storie, miti e riti della Giornata Internazionale della Donna. L 8 marzo per altre storiche nasce dal movimento internazionale socialista delle donne. Era il 1907: Clara Zetkin (che nella prima guerra mondiale fondò la Lega di Spartaco) dirigente del movimento operaio tedesco organizza con Rosa Luxemburg (teorica della rivoluzione marxista che fondò il partito socialista polacco e il partito comunista tedesco) la prima conferenza internazionale della donna. Le studiose, però, confermano il legame della data simbolo con l incendio divampato in un opificio (Cottons) di Chicago nel 1908, occupato nel corso di uno sciopero da 129 operaie tessili che morirono bruciate vive. Nel 1910 a Copenaghen, in occasione di un nuovo incontro internazionale della donna si propone l istituzione di una Giornata Internazionale della Donna, anche in ricordo dei fatti di Chicago. Successivamente la giornata comincia ad essere celebrata in varie 9

10 parti del mondo e anche in Italia durante e dopo la prima guerra mondiale ( ). La tradizione, nel nostro Paese, viene interrotta dal fascismo. La celebrazione riprende durante la lotta di liberazione nazionale come giornata di mobilitazione delle donne contro la guerra, l occupazione tedesca e per le rivendicazioni di diritti femminili. Nascono i gruppi di difesa della donna collegati al CLN (Comitato di Liberazione Nazionale) che daranno origine all UDI (Unione Donne Italiane). Nel 1946 l UDI prepara il primo 8 marzo nell Italia libera, proponendo di farne una giornata per il riconoscimento dei diritti economici, sociali e politici delle donne. Sceglie la mimosa come simbolo della giornata. La vera esplosione in termini di popolarità e di partecipazione, l 8 marzo l avrà negli anni È un periodo segnato dalla collaborazione dei movimenti femminili e femministi impegnati anche per sostenere la legge di parità, la legge sul divorzio e quella sull interruzione di gravidanza. La prima manifestazione femminista risale infatti al 1972 e si svolse a Roma. Ma il top, la celebrazione dell 8 marzo, lo raggiunge nel 1980, con una grande manifestazione unitaria in cui confluiscono per la prima volta 10

11 tutti i movimenti femminili e femministi. 9 Il percorso dell 8 marzo, dunque, si snoda in quasi un secolo di storia che ha visto nascere movimenti politici, guerre, ideologie, ricostruzioni. Un cammino lungo e complesso per le donne di tanti paesi, più volte interrotto, ma che con grande tenacia è sempre stato ripreso con l obiettivo dell emancipazione e della liberazione delle donne. Nel 2001 si volta pagina: la tragedia delle Torri Gemelle a New York e la guerra in Afghanistan rimettono in campo i pericoli legati ad una possibile restrizione di diritti e di libertà per l intero pianeta, ma, soprattutto per le donne e i bambini. L atto terroristico ha anche riportato all attenzione il dramma delle donne afgane, di quelle palestinesi e di tutte quelle che nel mondo non godono dei diritti e delle libertà. Safiya (la donna nigeriana condannata alla lapidazione) è diventata il simbolo di queste sofferenze. Cfr. Annie GOLDMANN, Le Donne entrano in Scena, Firenze Tilde CAPOMAZZA, Marisa OMBRA, 8 marzo Storie, miti e riti della Giornata Internazionale della Donna, Roma

12 Breve cronologia 1857 L 8 marzo centinaia di operaie tessili di New York scioperano contro i bassi salari, il lungo orario di lavoro, il lavoro minorile e le inumane condizioni di lavoro. Lo sciopero fu represso con la forza e, presumibilmente, finì con un violento scontro con la polizia Le operaie tessili di New York si costituiscono in sindacato per tentare di migliorare le condizioni di lavoro Sciopero delle lavoratrici del New England delle industrie calzaturiere Il Congresso di Parigi della Seconda Internazionale accoglie il principio del diritto delle donne al lavoro ed alla retribuzione pari a quella degli uomini Il programma di Erfurt della socialdemocrazia tedesca afferma l eguaglianza completa tra uomini e donne Nasce negli Stati Uniti la Women s Trade Union League, formata soprattutto da sindacaliste, che assieme alla campagna per il diritto al voto aiutano le donne ad organizzarsi per una paga migliore e per il loro benessere economico e politico. Regno Unito: inizia il movimento militante delle suffragette guidato da Emmeline Pankhurst, leader della Women s Social and Political Union. Il movimento si oppone a quello americano, più moderato, delle suffragiste, nato nel Australia: primo paese in cui le donne ottengono la piena parità con gli uomini nel voto politico. 12

13 1907 Lo sciopero dell 8 marzo viene ricordato in tutti gli Stati Uniti con la richiesta di una giornata lavorativa di 10 ore L 8 marzo sfilano a New York le lavoratrici delle sartorie sia per il diritto al voto sia contro il lavoro minorile febbraio. Primo Giornata Nazionale delle Donne in tutti gli Stati Uniti. Le operaie tessili di New York (al Triangle Shirtwaist Company) cominciano un nuovo sciopero scegliendo come data d inizio proprio l 8 marzo per ricordare la lotta del Comincia il 22 novembre la cosiddetta Rivolta delle ventimila o Grande Rivolta. Lo sciopero, dopo una violenta repressione della polizia ed una serie di accordi, terminerà il 24 dicembre 1910 con il Protocollo di Pace che riconosceva il diritto a regole per l orario ed il salario. Sino al 1913 la Giornata viene celebrata l ultima domenica del Mese di Febbraio, in modo da non perdere una giornata lavorativa Alla Conferenza delle Donne della Internazionale Socialista (100 donne di 17 paesi) a Copenaghen, Clara Zetkin, leader socialista tedesca e direttrice del giornale socialdemocratico tedesco Gleichheit, propone che l 8 marzo sia osservato, ogni anno, come la Giornata Internazionale delle Donne. Le donne richiedono il diritto universale al voto (e non solo in base al censo, come richiedeva il movimento delle suffragette inglesi). Vengono richieste inoltre le indennità per la maternità anche per le madri non sposate e ci si oppone al lavoro notturno. 13

14 marzo, in memoria della repressione prussiana del 1848, un milione di donne sfila in Svizzera, Austria, Danimarca e Germania, chiedendo il diritto al voto, la fine della discriminazione sessuale per le cariche pubbliche ed il diritto alla formazione professionale. 25 marzo, un incendio agli ultimi piani della Triangle Shirtwaist Company a New York uccide 146 donne, la maggioranza giovani, ebree ed italiane. Le terribili condizioni di lavoro furono la causa della morte delle lavoratrici. Esse infatti erano chiuse a chiave nelle loro fabbrica. Il fatto portò alla riforma della legislazione del lavoro negli Stati Uniti. Centomila persone partecipano a New York, sulla Broadway, ai funerali delle vittime Manifestazione delle donne a San Pietroburgo contro la guerra marzo, manifestazioni delle donne per la pace in tutta Europa San Pietroburgo, manifestazione delle donne contro la guerra, note come pane e pace. La protesta sarà alla radice della Rivoluzione di febbraio che condurrà all abdicazione dello Zar Nicola II. Il governo provvisorio concede alle donne il diritto di voto Germania: le donne ottengono la piena parità con gli uomini nel voto politico Stati Uniti: le donne ottengono, a livello federale, la piena parità con gli uomini nel voto politico. 14

15 1922 Con l aiuto di Clara Zetkin Lenin stabilisce che la Giornata Internazionale delle Donne sia una festività comunista Regno Unito: tutte le donne inglesi ottengono la piena parità con gli uomini nel voto politico (il diritto alle donne oltre i 30 anni era stato ottenuto nel 1918) Francia: le donne ottengono la piena parità con gli uomini nel voto politico Italia: le donne ottengono la piena parità con gli uomini nel voto politico ONU: anno internazionale delle donne. Viene indetto inoltre il Decennio delle donne ( ). Prima conferenza mondiale sulla condizione della donna a Città del Messico ONU: Risoluzione 32/142 della Assemblea generale delle Nazioni Unite (16 dicembre) che invita gli Stati membri, nel rispetto delle loro tradizioni storiche e nazionali ad indire una Giornata delle Nazioni Unite dei Diritti delle Donne e della Pace Internazionale per ricordare il fatto che la sicurezza della pace ed il pieno godimento dei diritti umani e delle libertà fondamentali hanno bisogno della partecipazione attiva, dell eguaglianza e dello sviluppo delle donne. Molte nazioni scelgono l 8 marzo. L UNESCO proclama l 8 marzo Giornata Internazionale della Donna Pechino: Quarta Conferenza Mondiale delle Donne con 189 rappresentanti di vari paesi. 15

16 Le donne e le conquiste del 900 Diritto di voto: Il 2 giugno 1946 l Italia va alle urne per il referendum istituzionale. Per la prima volta il voto viene esteso alle donne. Parità salariale: Art. 37 della Costituzione, regolato da una legge solo nel 57 in applicazione di una convenzione internazionale del BIT. Con un accordo interconfederale del 1960 si decide l eliminazione dai contratti collettivi nazionali di lavoro delle tabelle remunerative differenti per uomini e donne. Viene così sancita la parità formale e sostanziale tra uomini e donne nel mondo del lavoro. Le clausole di nubilato vengono definitivamente vietate con la legge n. 7 del 63. Divorzio: L. 898 del 1970, approvazione della legge sul divorzio. 12 maggio 1974: vittoria del No al referendum popolare per l abrogazione della legge. Maternità: L del 1971; viene estesa la tutela della maternità alle lavoratrici dipendenti. Amplia ed estende i diritti introdotti dalla prima legge (L. 860 varata nel 1950) sui diritti e le tutele delle lavoratrici, che definisce per la prima volta assenze per maternità, ore di allattamento e divieto di licenziamento entro il primo anno di vita del bambino. Asili nido: L del 1971; l obiettivo di questa legge è realizzare un servizio a supporto delle famiglie e soprattutto delle donne, onde favorirne la permanenza nel mondo del lavoro anche dopo la nascita dei figli. Inoltre si è voluto affermare il diritto del bambino alla socializzazione e allo sviluppo armonico della sua personalità. Diritto di famiglia: 1975; con la L. 151 viene varata la riforma del diritto di famiglia che introduce la parità tra uomini e donne nell ambito familiare: la potestà sui figli, infatti, spetta a 16

17 entrambi i coniugi che 10 hanno identici diritti e doveri e non più solo al padre, in attuazione del principio di uguaglianza morale e giuridica dei coniugi. Legge di parità (in materia di lavoro): L. 903 del 1977; ha rappresentato la più importante svolta culturale nei confronti delle donne. Si passa dal concetto di tutela per la donna lavoratrice al principio del diritto di parità nel campo del lavoro. Vengono introdotte norme più avanzate in materia di maternità e primi elementi di condivisione fra i genitori nella cura dei figli. Nel marzo 2000 con la legge 53 sui congedi parentali questa legge ha recepito i nuovi diritti di paternità in materia di assenza facoltativa. Interruzione volontaria della gravidanza: L. 194 del 1978 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza. La legge ha come scopo principale la prevenzione delle gravidanze indesiderate, oltre che contrastare l aborto clandestino. Legge pari opportunità (Azioni positive): L. 125 del 1991: fortemente voluta dalle donne, questa legge è uno strumento in grado di intervenire per rimuovere le discriminazioni e far avanzare l idea di uguali opportunità uomo-donna nel lavoro. La L. 125 ha rappresentato un importante passo avanti 17

18 per rendere visibile e 11 valorizzare la presenza delle donne nella società, nel lavoro e nella famiglia. Purtroppo resta ancora sostanzialmente inapplicata. Oltre 400 i progetti approvati in 8 anni. (Nel 2000 L. 196 di modifica) Imprenditoria femminile: L. 215 del 1992; l imprenditoria femminile è in forte sviluppo: il 35% delle nuove imprese giovanili sono guidate da donne. Questa legge promuove l uguaglianza sostanziale, pari opportunità economiche e imprenditoriali, favorisce la nascita di imprese composte per il 60% da donne, società di capitali gestiti per almeno 2/3 da donne e imprese individuali. Le imprese sono tenute a mantenere la prevalenza femminile nella società per almeno cinque anni. Violenza sessuale: L. 866 del 1996; stabilisce che la violenza sessuale non è più un delitto contro la morale, bensì contro la persona. Una legge di civiltà e dignità che rende giustizia alle donne e premia il lungo e sofferto cammino per affermare il diritto alla sessualità libera e condivisa. Lavoro notturno: legge comunitaria del 1998 per il divieto assoluto per le donne al lavoro notturno durante la maternità sino 18

19 al compimento di un anno di vita del bambino e il non obbligo fino a che il bambino ha 3 anni o, nel caso di genitore unico, fino a 12 anni. Con la legge 903 del 77 il lavoro notturno era vietato alle sole dipendenti delle imprese manifatturiere. Con la legge varata nel 98, si regolamenta il lavoro notturno per tutti i settori pubblici e privati. Assegno di maternità per casalinghe e disoccupate: L. 448 del 1999, prevede un indennità di maternità per le donne che non lavorano, o che svolgono il cosiddetto lavoro familiare. Con la Finanziaria del 2000 questo diritto viene esteso alle cittadine dell Ue ed extracomunitarie con carta di soggiorno. Infortuni domestici: L. 493 del 1999, contiene il riconoscimento del lavoro in ambito domestico. Le persone comprese tra i 18 e i 65 anni che svolgono in via non occasionale, gratuitamente e senza vincolo di subordinazione, il lavoro domestico, hanno diritto all Assicurazione contro gli infortuni. Congedi parentali: L. 53 dell 8 marzo Questa legge armonizza i tempi di cura, di formazione e di relazione (tempi delle città). Si tratta di una grande conquista sociale: la cura dei figli smette di essere prerogativa delle madri dal punto di vista legislativo e coinvolge anche i padri garantendo loro uguali diritti e tutele. Si tratta di una legge in controtendenza rispetto ai datori di lavoro che invocano riduzioni di salari e di diritti. La normativa punta a una maggiore condivisione dei compiti all'interno del nucleo familiare. Si applica a tutti i lavoratori, uomini e donne, pubblici e privati, anche autonomi, apprendisti e soci di cooperative. Prevede la parità tra genitori naturali e adottivi o affidatari. Sia la madre che il padre potranno chiedere anche contemporaneamente l aspettativa di 6 mesi fino un massimo di 10 mesi, entro gli 8 anni di vita del bambino. Al padre, inoltre, verrà concesso un bonus di un 19

20 altro mese per seguire il figlio nel caso in cui dovesse chiedere un congedo per un periodo superiore a tre mesi. L età del bambino entro cui si può fruire dei permessi per malattia viene elevata dai 3 agli 8 anni del piccolo. I padri possono usufruire del congedo anche nei casi in cui la madre del bambino non è lavoratrice. Banca del Tempo: è un esperienza che ha trovato una collocazione legislativa all interno della L. 53 (Congedi parentali). Coniugare lavoro e vita: tra le iniziative più utili c è, infatti, la Banca del tempo, nella quale anziché denaro si depositano ore. Ore di attività per scambiarle con altri correntisti decisi a mettere a disposizione le ore depositate sul proprio conto. Tutela e sostegno della maternità e della paternità: Testo unico (d.l. n. 151 del 26 marzo 2001) delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità. Misure contro la violenza nelle relazioni familiari (Legge n. 154 del 5 aprile 2001) che stabilisce tra l altro che il coniuge violento non solo può essere allontanato dall abitazione familiare, ma anche costretto a pagare gli alimenti. Flessibilità favorevoli alla conciliazione fra il tempo di vita e quello di lavoro. Decreto 15 maggio Con l approvazione delle modalità di erogazione dei contributi (ex art. 9, comma 2, della legge 8 marzo n. 53) si dispone la concessione di contributi a carico del Fondo per l occupazione, in favore di aziende che applichino accordi contrattuali che prevedono flessibilità favorevoli ai lavoratori ed alle lavoratrici. Molteplici sono ancora i provvedimenti legislativi da prendere a sostegno delle pari opportunità tra uomo e donna, di tutela del lavoro femminile e della famiglia. L impegno delle donne, comunque, sta nel garantire la corretta applicazione della legislazione esistente. 20

21 L uguaglianza tra uomo e donna è un mito! Le donne sono meglio! 12 Die Gleichheit von Mann und Frau ist ein Mythos! Frauen sind b er! 21

22 13 Donne e poesia Come in ogni campo, anche in quello della poesia oggi le donne stanno recuperando un ritardo di secoli. Guardando indietro nella storia pochi, pochissimi nomi di donne poeta si sono affiancati a quegli degli uomini e di alcune di coloro che avrebbero potuto essere alla medesima altezza è rimasta appena una traccia. Perché? La donna era troppo costretta da codici e regole nell ambito familiare, non aveva accesso agli studi, non poteva educare il suo afflato poetico e non era in grado di acquisire quegli elementi di base che consentissero di dargli un espressione dignitosa e toccante. Questa tensione poetica deve essere sostenuta dalla ricerca delle parole, da una capacità di sintesi, di armonia e di equilibrio perché la musicalità del verso non perda di incisività e di bellezza. Eppure le donne non mancavano di intelligenza e di sensibilità e neanche del senso o afflato poetico che tutte hanno. Ecco alcuni versi al femminile poco conosciuti, e purtroppo spesso esclusi dalle antologie scolastiche, che dedichiamo a l 8 marzo delle donne. Bambino Bambino, se trovi l aquilone della tua fantasia legalo con l intelligenza del cuore. Vedrai sorgere giardini incantati e tua madre diventerà una pianta che ti coprirà con le sue foglie. 22

23 Fa delle tue mani due bianche colombe che portino la pace ovunque e l ordine delle cose. Ma prima di imparare a scrivere guardati nell acqua del sentimento. Alda Merini (1931) Questo mondo è la porta chiusa. È una barriera e nello stesso tempo è il passaggio Simone Weil ( ) Dolore cosmico Io, l ardente vento del deserto, mi raffreddai, presi forma. Dov è il sole che possa liquefarmi, dove il lampo che sappia frantumarmi! Ora il mio sguardo è d ira, una petrosa testa di Sfinge volta a tutti i cieli. Else Lasker-Schüler ( ) Se io potrò impedire ad un cuore di spezzarsi non avrò vissuto invano - Se allevierò il dolore di una vita o allevierò una pena - O aiuterò un pettirosso caduto a rientrare nel nido Non avrò vissuto invano. Emily Dickinson ( ) 14 23

24 15 Per saperne di più Teresa BERTILOTTI, Anna SCATTIGNO, Il femminismo degli anni Settanta, Roma Gisela BOCK, Le donne nella storia europea. Dal Medioevo ai nostri giorni, Bari Annarita BUTTAFUOCO, Cronache femminili. Temi e momenti della stampa emancipazionista in Italia dall unità al fascismo, Arezzo Annarita BUTTAFUOCO, Questioni di cittadinanza. Donne e diritti sociali nell Italia liberale, Siena Romano CANOSA, Il giudice e la donna, Cento anni di sentenze sulla condizione femminile in Italia, Milano Tilde CAPOMAZZA, Marisa OMBRA, 8 marzo. Storie miti riti della giornata internazionale della donna, Roma Siglinde CLEMENTI, Alessandra SPADA (a cura di), Der ledige Un-Wille. Norma e contrarietà. Una storia del nubilato in età moderna e contemporanea, Bolzano Siglinde CLEMENTI, Martha VERDORFER, Storie di cittadine. Bolzano-Bozen, Bolzano Siglinde CLEMENTI (a cura di), L altra storia. Contributi alla storia delle donne di Bressanone dal BassoMedioevo fino al XX secolo, Bressanone Milena COSSETTO, Alessandra SPADA (a cura di), Donne scuola formazione in Alto Adige Südtirol: parole, pensieri, immagini di donne a scuola nel XX secolo, Bolzano-Trento Milena COSSETTO (a cura di), Vita quotidiana e storia in Alto-Adige Südtirol, STORIA E Dossier, Milena COSSETTO (a cura di), Donne e resistenza, STORIAE, n. 2, Milena COSSETTO (a cura di), Vita quotidiana durante la I. Guerra Mondiale, STORIA E Dossier, Maria Rosa CUTRUFELLI e altre, Il Novecento delle italiane, Roma Marina D AMELIA (a cura di), Donne alle urne, Roma Simone DE BEAUVOIR, Il secondo sesso, Milano Michela DE GIORGIO, Le italiane dall Unità ad oggi, Bari Victoria DE GRAZIA, Le donne nel regime fascista, Venezia Daniela DELL ORCO (a cura di), Oltre il suffragio. Il problema della cittadinanza nella storia e nella politica delle donne, Modena Georges DUBY, Michelle PERROT, Storia delle donne in Occidente. Dal Rinascimento all età moderna, a cura di Natalie ZEMON DAVIS e Arlette FARGE, Bari

25 Georges DUBY, Michelle PERROT, Storia delle donne in Occidente. L Ottocento, a cura di Georges DUBY, Michelle PERROT, Storia delle donne in Occidente. Il Novecento, a cura di Françoise THÉBAUD, Bari Rachele FARINA (a cura di), Esistere come donna, catalogo della mostra, Milano Giulia GALEOTTI, Storia del voto alle donne in Italia, Roma Annamaria GALOPPINI, Il lungo viaggio verso la parità. I diritti civili e politici delle donne dall Unità ad oggi, Pisa Simona LUNADEI, Lucia MOTTI (a cura di), Cent anni fa... Donne al lavoro nell Italia del Novecento, Roma Miriam MAFAI, Pane nero, Milano Paola MAGNARELLI (a cura di), Donne tra Otto e Novecento: progetti culturali, emancipazione e partecipazione politica, Macerata Lucia MOTTI, Le donne, Roma Franca PIERONI BORTOLOTTI, Alle origini del movimento femminile in Italia , Torino Franca PIERONI BORTOLOTTI, Socialismo e questione femminile in Italia , Milano Franca PIERONI BORTOLOTTI, Femminismo e partiti politici in Italia , Roma Franco RESTAINO, Adriana CAVARERO, Le filosofie femministe, Torino Anna ROSSI-DORIA, Diventare cittadine, Il voto alle donne in Italia, Firenze Emilia SAROGNI, La donna italiana Il lungo cammino verso i diritti, Milano Fiorenza TARICONE, Mimma DE LEO, Elettrici ed Elette, Storia, testimonianze e riflessioni a cinquant anni dal voto alle donne, Roma Virginia WOOLF, Una stanza tutta per sé, Milano Sitografia Silvia Cassamagnaghi, Mariachiara Fugazza (a cura di), Italia 1946: le donne al voto, Milano 2006 in marzo_02a2.htm w w w. w o m e n e w s. n e t / s p i p 3 / s p i p. php?article240 Didascalie Copertina: Acquarello della pittrice Bolzanina Mara Rauzi, collezione privata. IV di copertina: Was machen Sie?, Danrmark, collezione privata. 1. Oskar Kokoschka, Manifesto della mostra della Secessione, Vienna Paul Delvaux, Les Vestales, Suffragette giapponesi manifestano a Tokio nel Vendemmiatrici, Castelli Romani, primi del Novecento. 5. Lavoratrici tessili, Lecco Operaie dell Ansaldo alla fabbricazione di proiettili, Sestri Ponente Le copertine del periodico Noi Donne dell UDI, Modena Io sono mia, slogan delle manifestazioni femministe degli anni Settanta. 9. Via del Governo Vecchio, Roma, anni Settanta. 10. Pablo Picasso, Buste de jeune fille, 1926, Strasbourg. 11. Paul Delvaux, La fenétre, 1936, Bruxelles. 12. Una ragazza degli anni Trenta, Berlino, collezione privata. 13. Tamara de Lempicka, Les deux amies, Käthe Kallowitz, Brot, 1924, Ulm. 15. Will Bradley, Victor Bicycles, 1895.

I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI

I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI TUTELA DELLA DONNA E DEL FANCIULLO: LEGGE 242/1902 CARCANO Riveste un importanza notevole per aver introdotto il congedo di maternità di un mese dopo il parto, riducibile

Dettagli

8 MARZO, GIORNATA DELLA DONNA: NON SOLO MIMOSE, MA DIRITTI E RISPETTO!!!

8 MARZO, GIORNATA DELLA DONNA: NON SOLO MIMOSE, MA DIRITTI E RISPETTO!!! 8 MARZO, GIORNATA DELLA DONNA: NON SOLO MIMOSE, MA DIRITTI E RISPETTO!!! Nell ambito delle iniziative per ricordare la Giornata della donna, gli alunni della 3^ I hanno realizzato un lavoro di ricerca

Dettagli

La precedette in questo la russa Anna Kuliscioff che volle estendere il suffragio universale anche alle donne sin dal 1894.

La precedette in questo la russa Anna Kuliscioff che volle estendere il suffragio universale anche alle donne sin dal 1894. Otto marzo, la vera storia Le personalità della Storia Socialista Clara Eissner Zetkin L 8 Marzo, come il Primo Maggio, è una festa socialista. Infatti, fu la Conferenza internazionale delle donne socialiste,

Dettagli

Ogni anno, l 8 Marzo si celebra la "Festa della donna". Ma perché è stata istituita? E perché proprio l 8 Marzo? Questa data ricorda una terribile

Ogni anno, l 8 Marzo si celebra la Festa della donna. Ma perché è stata istituita? E perché proprio l 8 Marzo? Questa data ricorda una terribile Ogni anno, l 8 Marzo si celebra la "Festa della donna". Ma perché è stata istituita? E perché proprio l 8 Marzo? Questa data ricorda una terribile tragedia, avvenuta l 8 Marzo 1908, a New York, negli Stati

Dettagli

Le donne e il diritto di voto

Le donne e il diritto di voto Le donne e il diritto di voto «La donna nasce libera e ha gli stessi diritti dell uomo. L esercizio dei diritti naturali della donna non ha altri limiti se non la perpetua tirannia che le oppone l uomo.

Dettagli

Domande del gioco 1- Amnesty ha come logo una candela avvolta nel filo spinato, sapresti dirne il significato? 2- Esiste la carta dei diritti delle donne? 3- Sai perché è nato il giorno dell 8 marzo? 4-

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI

STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI Chi commette violenza, sta commettendo un reato! Spesso si minimizza la gravità di un atto violento ma, per la legge, ogni atto violento va sanzionato e punito. In Italia,

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO

DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO 1. QUANDO INIZIA A PORSI IL PROBLEMA DELLA RELAZIONE GIURIDICA DEI RAPPORTI FAMILIARI? Nell ambito della nascita dello stato moderno nel secolo XIX.

Dettagli

Tesi di laurea triennale. Università degli Studi di Macerata. Corso di laurea di servizio sociale

Tesi di laurea triennale. Università degli Studi di Macerata. Corso di laurea di servizio sociale Tesi di laurea triennale Università degli Studi di Macerata Corso di laurea di servizio sociale Titolo della tesi: Lavoro femminile e pari opportunità Anno accademico 2012-2013 Studentessa: Michela Santarelli

Dettagli

Valeria Maione per Ordine dei geologi Roma, gennaio 2015

Valeria Maione per Ordine dei geologi Roma, gennaio 2015 Valeria Maione per Ordine dei geologi Roma, gennaio 2015 Ambiguità: si trasforma nel tempo da affermazione di diritti che tende a espandere le libertà a limite e frontiera per l esclusione Nella migliore

Dettagli

PIEGHEVOLE INVITI della rassegna completa GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA DONNA_SOMSI

PIEGHEVOLE INVITI della rassegna completa GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA DONNA_SOMSI PIEGHEVOLE INVITI della rassegna completa GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA DONNA_SOMSI Venerdì 7 marzo 2014, ore 18.00 INDAGINI DONNA_Storia Storia delle origini dell 8 marzo di GIULIA SATTOLO Dopo una breve

Dettagli

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.)

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) OGGI Oggi gli Stati Uniti d America (U.S.A.) comprendono 50 stati. La capitale è Washington. Oggi la città di New York, negli Stati Uniti d America, è come la

Dettagli

Le studentesse dell Università di Pisa

Le studentesse dell Università di Pisa Storia e Politica 6 Annamaria Galoppini Le studentesse dell Università di Pisa (1875-1940) Edizioni ETS 2011 L istruzione e il lavoro, ecco le sole forze che possono risollevare la donna ed emanciparla

Dettagli

La società di massa L IRRUZIONE DELLE MASSE NELLA STORIA I SINDACATI RIFORMISTI E RIVOLUZIONARI IL CATTOLICESIMO SOCIALE E LA RERUM NOVARUM

La società di massa L IRRUZIONE DELLE MASSE NELLA STORIA I SINDACATI RIFORMISTI E RIVOLUZIONARI IL CATTOLICESIMO SOCIALE E LA RERUM NOVARUM L IRRUZIONE DELLE MASSE NELLA STORIA I SINDACATI RIFORMISTI E RIVOLUZIONARI IL CATTOLICESIMO SOCIALE E LA RERUM NOVARUM L IRRUZIONE DELLE MASSE NELLA STORIA La società di massa Ultimi decenni ottocento

Dettagli

Dal 1861. Confederazione generale del lavoro. 1891 Rerum Novarum 1894 API 1898 assicurazione degli infortuni sul lavoro a carico del imprenditore

Dal 1861. Confederazione generale del lavoro. 1891 Rerum Novarum 1894 API 1898 assicurazione degli infortuni sul lavoro a carico del imprenditore Dal 1861. Alla fine dell 800, con lo sviluppo dell industria, la nascente classe operaia era costretta a vivere nell assenza totale delle più elementari norme di tutela. Cattive condizioni igieniche e

Dettagli

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Preambolo aggiornato al 2008 Crescere figli è un segno di speranza. Ciò dimostra che si ha speranza per il futuro e fede nei valori che si

Dettagli

Belgio Francia Italia

Belgio Francia Italia Cronologie comparate: Evoluzione del diritto comunitario e delle legislazioni in Belgio, Francia e Italia Data 1791 1804 Diritto internazionale e comunitario Belgio Francia Italia Le donne ottengono il

Dettagli

70 ANNI DEI GRUPPI DI DIFESA DELLA DONNA

70 ANNI DEI GRUPPI DI DIFESA DELLA DONNA 70 ANNI DEI GRUPPI DI DIFESA DELLA DONNA A Ravenna, dal 7 al 21 novembre 2014, si è tenuta la mostra «AL TABÁCHI» per descrivere il ruolo delle donne durante la Seconda Guerra Mondiale e in particolare

Dettagli

PUBBLICAZIONI PUBBLICAZIONI DELLA COMMISSIONE PARITÀ

PUBBLICAZIONI PUBBLICAZIONI DELLA COMMISSIONE PARITÀ 298 PUBBLICAZIONI DELLA COMMISSIONE NAZIONALE PER LA PARITÀ E LE PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA Nelle Collane dirette da Giacomo F. Rech, per la Commissione nazionale per la paritàe le pari opportunitàtra

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA. Proposta di legge di iniziativa dei Consiglieri:

CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA. Proposta di legge di iniziativa dei Consiglieri: CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA Proposta di legge di iniziativa dei Consiglieri: Lorenzo Pellerano Aldo Siri avente ad oggetto: Norme per la disciplina del servizio di tagesmutter

Dettagli

Lavoratrici madri e lavoratori padri. Profili di competenza della Direzione Territoriale del Lavoro in ordine alla convalida delle dimissioni.

Lavoratrici madri e lavoratori padri. Profili di competenza della Direzione Territoriale del Lavoro in ordine alla convalida delle dimissioni. SEMINARIO DALLA CONCILIAZIONE AL WELFARE AZIENDALE Lavoratrici madri e lavoratori padri. Profili di competenza della Direzione Territoriale del Lavoro in ordine alla convalida delle dimissioni. Il mio

Dettagli

NORMATIVA IN MATERIA DI

NORMATIVA IN MATERIA DI NORMATIVA IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITÀ E DIRITTI DELLE DONNE Dichiarazione Universale dei Diritti umani del 1948, che proclama l uguaglianza di tutti gli essere umani, indipendentemente dalla razza,

Dettagli

IL TEMPO DELLE DONNE: gli Enti locali e gli interventi per la conciliazione. L'esperienza del progetto "TEMPO" del Comune di Firenze.

IL TEMPO DELLE DONNE: gli Enti locali e gli interventi per la conciliazione. L'esperienza del progetto TEMPO del Comune di Firenze. FORUM PA IL TEMPO DELLE DONNE: gli Enti locali e gli interventi per la conciliazione. L'esperienza del progetto "TEMPO" del Comune di Firenze. Nozione di tempo e implicazioni culturali; Normativa esistente

Dettagli

Programmazione annuale IRC a.s. 2015-2016 Insegnante: Davide Russo

Programmazione annuale IRC a.s. 2015-2016 Insegnante: Davide Russo Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Croce Coperta e Dozza Programmazione annuale IRC a.s. 2015-2016 Insegnante: Davide Russo Classi 1A, 1B; 2A, 2B; 3A, 3B; 4A, 4B; 5A, 5B Croce Coperta

Dettagli

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Signor Presidente della Repubblica, Gentili Autorità, Cari amici della comunità ebraica,

Dettagli

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e educazione 2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e I documenti presentati presentano nella maggior parte dei casi ripetuti riferimenti alla Dichiarazione Universale

Dettagli

FONDO GIANCARLO SALMINI CENSIMENTO

FONDO GIANCARLO SALMINI CENSIMENTO FONDO GIANCARLO SALMINI CENSIMENTO a cura di Marco Giovanella Il fondo Giancarlo Salmini è stato tra i primi a essere conferito al Centro di documentazione «Mauro Rostagno», alla fine degli anni ottanta.

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

Le leggi in ordine cronologico 1950-2011 A cura di Livia Turco Eleonora Cicconi e Tiziana Casareggio

Le leggi in ordine cronologico 1950-2011 A cura di Livia Turco Eleonora Cicconi e Tiziana Casareggio Le leggi in ordine cronologico 1950-2011 A cura di Livia Turco Eleonora Cicconi e Tiziana Casareggio 1950 Legge 26 agosto 1950, n. 860 Tutela fisica ed economica delle lavoratrici madri. Proposta da Teresa

Dettagli

IL femminismo è stato il primo momento politico di critica storica e di messa in discussione della famiglia e della società

IL femminismo è stato il primo momento politico di critica storica e di messa in discussione della famiglia e della società Comitato unico di garanzia Corso di formazione per i Comitati Unici di Garanzia del Comune e della Provincia di Genova Forme e azioni per la promozione del benessere nei luoghi di lavoro Della donna si

Dettagli

Situazione relativa ai licenziamenti per dimissioni in bianco in Provincia di Bolzano

Situazione relativa ai licenziamenti per dimissioni in bianco in Provincia di Bolzano Coordinamento Pari Opportunità e Politiche di Genere Bolzano Landeskomitee für Chanchengleichheit Bozen Situazione relativa ai licenziamenti per dimissioni in bianco in Provincia di Bolzano L Alto Adige

Dettagli

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che:

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che: Sindaco Paolo Mascaro paolo.mascaro@comune.lamezia-terme.cz.it Presidente del consiglio comunale Francesco De Sarro francesco.desarro@comune.lamezia-terme.cz.it Oggetto: mozione ex art. 18 regolamento

Dettagli

Conoscere l ambiente geografico, storico, culturale della Palestina al tempo di Gesù.

Conoscere l ambiente geografico, storico, culturale della Palestina al tempo di Gesù. RELIGIONE CATTOLICA CLASSE I U A OBIETTIVI GENERALI OBIETTIVI SPECIFICI CONTENUTI/ ATTIVIT À COMPETENZE PERIODO UA n 1 Unici e speciali Cogliere la diversità tra compagni ed amici come valore e ricchezza.

Dettagli

Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti

Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti L offerta formativa dell Istituto degli Innocenti nasce da un esperienza consolidata di gestione di servizi e attività di ricerca e formazione a

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico regionale per la Lombardia Ufficio III Ordinamenti scolastici

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico regionale per la Lombardia Ufficio III Ordinamenti scolastici MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico regionale per la Lombardia Ufficio III Ordinamenti scolastici FoRAGS FORUM REGIONALE ASSOCIAZIONI GENITORI SCUOLA Rimettere

Dettagli

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA Preambolo Istanbul, 11 maggio 2011 Gli Stati membri del Consiglio d

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Il mercato dei figli

Il mercato dei figli Il mercato dei figli È una realtà veramente inquietante che finora non riguarda direttamente l Italia almeno dal punto di vista legislativo e ci auguriamo ardentemente non arrivi MAI ad essere permessa.

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Nazionale Comuni Italiani - ANCI, con sede in Via dei Prefetti n. 46, a Roma, C.F. 80118510587, rappresentata nel presente Protocollo dal Presidente f.f. Alessandro

Dettagli

COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca

COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca MUSEO STORICO DELLA RESISTENZA Sant Anna di Stazzema COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca PARCO NAZIONALE DELL A PACE Parco nazion Alla cortese attenzione di: Dirigenti

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE

PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione consiliare

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia VIII LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 23 Presentata dai consiglieri Zorzini, Fontanelli, Petris

Dettagli

FONDO PAOLO TONIOLATTI CENSIMENTO 1968-1981, con documentazione dal 1956

FONDO PAOLO TONIOLATTI CENSIMENTO 1968-1981, con documentazione dal 1956 FONDO PAOLO TONIOLATTI CENSIMENTO 1968-1981, con documentazione dal 1956 a cura di Marco Giovanella Il fondo di Paolo Toniolatti (Trento 1941- ) è pervenuto al Centro di documentazione «Mauro Rostagno»

Dettagli

Iniziativa parlamentare Finanziamento iniziale per l istituzione di centri di accoglienza per l infanzia complementari alle famiglie (Fehr Jacqueline)

Iniziativa parlamentare Finanziamento iniziale per l istituzione di centri di accoglienza per l infanzia complementari alle famiglie (Fehr Jacqueline) ad 00.403 Iniziativa parlamentare Finanziamento iniziale per l istituzione di centri di accoglienza per l infanzia complementari alle famiglie (Fehr Jacqueline) Rapporto del 22 febbraio 2002 della Commissione

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: CONGREGAZIONE SUORE ORSOLINE DEL SACRO CUORE DI MARIA Codice di accreditamento: NZ00039 Albo e classe

Dettagli

In occasione della Giornata della Memoria, Green Cross Italia raccoglie le riflessioni del vicepresidente nazionale dell Aned

In occasione della Giornata della Memoria, Green Cross Italia raccoglie le riflessioni del vicepresidente nazionale dell Aned In occasione della Giornata della Memoria, Green Cross Italia raccoglie le riflessioni del vicepresidente nazionale dell Aned Gli anni della persecuzione nazista Dario Venegoni li ha vissuti attraverso

Dettagli

La violenza nei confronti delle donne

La violenza nei confronti delle donne Palmanova, 07 aprile 2015 Le molteplici forme della violenza: disparità e discriminazioni in ambito lavorativo Intervento di Chiara Cristini Referente per la pari opportunità La violenza nei confronti

Dettagli

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO 27 SOCIETÀ, STATO E DIRITTO Caratteri dello Stato Dal feudalesimo alla nascita dello Stato moderno Le idee del filosofo Immanuel Kant Le idee del filosofo greco Aristotele Il moderno Stato di diritto La

Dettagli

Stage a Barcellona. Diritto internazionale: I diritti umani e il Franchismo

Stage a Barcellona. Diritto internazionale: I diritti umani e il Franchismo Stage a Barcellona Diritto internazionale: I diritti umani e il Franchismo Un gruppo di venticinque alunni del II e III liceo provenienti da tutte le sezioni presenti nel liceo ha partecipato dal 7 Aprile

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Largo Dino Buzzati. Progetto d Istituto Giornata della Memoria e del Ricordo

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Largo Dino Buzzati. Progetto d Istituto Giornata della Memoria e del Ricordo ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Largo Dino Buzzati Progetto d Istituto Giornata della Memoria e del Ricordo Vedrai che è bello vivere Chi s'aggrappa al nido non sa che cos'è il mondo, non sa quello che tutti

Dettagli

CON LA FINALITA DI FAVORIRE LA CONOSCENZA E L AFFERMAZIONE ALL INTERNO DELLE ATTIVITA SPECIFICHE PER LE PARI OPPORTUNITA PROF.

CON LA FINALITA DI FAVORIRE LA CONOSCENZA E L AFFERMAZIONE ALL INTERNO DELLE ATTIVITA SPECIFICHE PER LE PARI OPPORTUNITA PROF. DELEGA RETTORALE PER IL TRIENNIO 2002-2004 CON LA FINALITA DI FAVORIRE LA CONOSCENZA E L AFFERMAZIONE ALL INTERNO DELLE ATTIVITA ISTITUZIONALI UNIVERSITARIE DELLE POLITICHE SPECIFICHE PER LE PARI OPPORTUNITA

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

Direzione Generale Educazione e Ricerca. Sed - Centro per i servizi educativi del museo e del territorio. Database della cultura

Direzione Generale Educazione e Ricerca. Sed - Centro per i servizi educativi del museo e del territorio. Database della cultura MiBACT Direzione Generale Sed - Centro per i servizi educativi del museo e del territorio Database della cultura Offerta formativa per le scuole A.S. 2015 2016 L Offerta formativa nazionale del MiBACT

Dettagli

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo L Italia fascista Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo La nascita e l affermazione del Fascismo La prima riunione del movimento dei fasci di combattimento si tenne a Milano nel 1919.

Dettagli

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità Un mondo di bellissimi colori: io e l'ambiente. Tanti bambini tutti colorati: io e gli altri. Un bambino dai colori speciali: io e la famiglia. Avvento e Natale. Io e Gesù, una giornata insieme a Gesù.

Dettagli

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010 UNICEF Missione e organizzazione Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza 23 marzo 2010 I momenti principali della storia dell UNICEF (1) 11 Dic. 1946: l Assemblea Generale dell ONU istituisce l UNICEF

Dettagli

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto Progetto Scuola 2014-18 Capire i conflitti Praticare la pace Quando si parla di guerra si parla spesso di vinti e vincitori, qui invece ci sono storie di persone partecipante del 2012 In occasione del

Dettagli

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 COMUNE DI VANZAGHELLO PROVINCIA DI MILANO Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 Il Decreto Legislativo 11 aprile 2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art.

Dettagli

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA 1 DIRITTO DI ESSERE UN BAMBINO Chiedo un luogo sicuro dove posso giocare chiedo un sorriso di chi sa amare chiedo un papà che mi abbracci forte chiedo un bacio

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Albano Laziale (RM) PROGETTO TRIENNALE DIRITTI E ROVESCI

ISTITUTO COMPRENSIVO Albano Laziale (RM) PROGETTO TRIENNALE DIRITTI E ROVESCI ISTITUTO COMPRENSIVO Albano Laziale (RM) PROGETTO TRIENNALE DIRITTI E ROVESCI Tutti nasciamo liberi ed uguali in diritti e dignità. Questo è il principio su cui fonda la convenzione sui diritti del bambino.

Dettagli

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)]

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani (Traduzione non ufficiale) L

Dettagli

Consiglio Regionale della Puglia Ufficio del Garante dei diritti dell Infanzia e dell adolescenza TRA

Consiglio Regionale della Puglia Ufficio del Garante dei diritti dell Infanzia e dell adolescenza TRA Consiglio Regionale della Puglia Ufficio del Garante dei diritti dell Infanzia e dell adolescenza MIUR PROTOCOLLO D INTESA TRA L UFFICIO DEL GARANTE DEI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA DELLA REGIONE

Dettagli

PROGETTO LEGALITÁ - Io, cittadino nel Mondo

PROGETTO LEGALITÁ - Io, cittadino nel Mondo PROGETTO LEGALITÁ - Io, cittadino nel Mondo Premessa Educare alla legalità significa elaborare e diffondere un'autentica cultura dei valori civili (Circolare Ministeriale n 302/93) Con tale progetto la

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO

ISTITUTO COMPRENSIVO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO VIA ASIGLIANO VERCELLESE Scuola primaria Antonelli VIA VEZZOLANO, 20 - TORINO Anno scolastico 2009/2010 RELIGIONE CATTOLICA classe 1^ Scoprire la grandezza dell

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

CARTA D IDENTITA V.I.D.E.S.

CARTA D IDENTITA V.I.D.E.S. Volontariato Internazionale Donna Educazione Sviluppo Volontariat International Femme Education Développement International Volunteerism Organization for Women, Education, Development ONG con Statuto Consultivo

Dettagli

LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA

LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA Il principio della parità fra donne e uomini è sempre stato uno dei cardini della costruzione dell Europa unita. I suoi aspetti essenziali sono infatti espressi già nel Trattato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale PROGETTO EDUCATIVO Scuola per l infanzia ASILO INFANTILE Suor Tarcisia PONCHIA Religiosa educatrice direttrice Presente nella scuola per 65 anni Scuola paritaria depubblicizzata Ente Morale con amministrazione

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

Incontri per far crescere la pace in un mondo nuovo

Incontri per far crescere la pace in un mondo nuovo Comitato Selma Associazione di solidarietà al popolo Saharawi ONLUS - C.F. 94098480489 www.comitatoselma.it Progetto PER LA PROMOZIONE DI UNA CULTURA DI PACE Rivolto agli alunni delle scuole italiane e

Dettagli

STORIA. Il Fascismo. Perchè si ha il Fascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra. Chi è Benito Mussolini? il testo:

STORIA. Il Fascismo. Perchè si ha il Fascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra. Chi è Benito Mussolini? il testo: 01 Perchè si ha il ascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra Nel dopoguerra (alla fine della prima Guerra Mondiale, che si chiama anche Grande Guerra) l Italia si trova in una situazione difficile. In

Dettagli

Inclusione dei disabili

Inclusione dei disabili Inclusione dei disabili Strategia europea per la parità delle opportunità Commissione europea Pari opportunità per pari diritti Il valore aggiunto europeo L Anno europeo dei cittadini disabili nel 2003

Dettagli

M O Z I O N E N. 4. interventi per favorire i rapporti con le Istituzioni europee

M O Z I O N E N. 4. interventi per favorire i rapporti con le Istituzioni europee CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO XIII LEGISLATURA M O Z I O N E N. 4 interventi per favorire i rapporti con le Istituzioni europee approvata dal Consiglio della Provincia autonoma di Trento

Dettagli

Carta dei diritti fondamentali dell Unione europea

Carta dei diritti fondamentali dell Unione europea Il Parlamento europeo, il Consiglio e la Commissione proclamano solennemente quale Carta dei diritti fondamentali dell Unione europea il testo riportato in appresso. Nizza, 7 dicembre 2000 Preambolo I

Dettagli

Strumento didattico: MODULO FORMATIVO: LE MADRI COSTITUENTI Percorso di ricerca storica

Strumento didattico: MODULO FORMATIVO: LE MADRI COSTITUENTI Percorso di ricerca storica Strumento didattico: MODULO FORMATIVO: LE MADRI COSTITUENTI Percorso di ricerca storica Referendum del 2 Giug 1945 Il voto alle donne Le donne elette all assemblea costituente Il ruolo delle donne nella

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI LA STORIA DEI DIRITTI UMANI IL DOCUMENTO CHE SEGNA UNA TAPPA FONDAMENTALE NELL AFFERMAZIONE DEI DIRITTI UMANI È LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL UOMO SIGLATA NEL 1948. OGNI DIRITTO PROCLAMATO

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici La voce de "Gli Amici" Testo più grande Cerca domenica 2 maggio 2004 Home page News Newsletter Disabili mentali: amici senza limiti Handicap e Vangelo Pagina precedente Gli Amici La mostra di pittura Scarica

Dettagli

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso Diventerò genitore Istruzioni per l uso 1 Diventare genitore Tutela della salute della donna e del bambino è un grande evento, e ti esprimiamo tutte le nostre più vive congratulazioni. La tutela riconosciuta

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013 DIREZIONE DIDATTICA STATALE LEONARDO DA VINCI Via Virgilio, 1 Mestre (VE) Tel. 041/614863 Fax 041/5346917 Cod. Fisc. 82011580279 * * * * * PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI CIRCOLO L. DA VINCI

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

Comenius project: C. H. A. N. G. E. : Common habits among the new generation of Europeans

Comenius project: C. H. A. N. G. E. : Common habits among the new generation of Europeans Comenius project: C. H. A. N. G. E. : Common habits among the new generation of Europeans Paesi partecipanti: ESTONIA ITALIA POLONIA SPAGNA SITO INTERNET: www.youthchange.eu Scuole partecipanti: ESTONIA:

Dettagli

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Biblioteca Nazionale Braidense presenta: DOMANI AVVENNE 2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Sala Microfilm 30 maggio - 30 giugno 2009 1 Rassegna DOMANI AVVENNE : ciclo di mostre documentarie di

Dettagli

PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA

PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA Comune di Casalecchio di Reno ASILO NIDO R. VIGHI PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA Per un progetto di territorio: uno spazio e un tempo per l incontro Anno educativo 2007/2008 A cura del Collettivo

Dettagli

Sociologia della famiglia

Sociologia della famiglia Sociologia della famiglia Corso di laurea in servizio sociale Sede di Biella Anno accademico 2008-2009 Prof.ssa Elisabetta Donati Lezione n. 5 1 Il matrimonio e la coppia Definizione: Una unione fra un

Dettagli

Costruiamo insieme una nuova cultura!

Costruiamo insieme una nuova cultura! Cittadinanza &Costituzione - Programma nazionale di EducAzione alla pace e ai Diritti Umani La mia scuola per la pace promosso dal Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la pace e i diritti umani

Dettagli