Component 7 - Azione Recupero dati di base per lo studio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Component 7 - Azione 7.1.1 Recupero dati di base per lo studio"

Transcript

1 Component 7 - Azione Recupero dati di base per lo studio Azione di sistema G Regione Sardegna DG Urbanistica

2 Inquadramento dei prodotti realizzati nell attività Secondo quanto riportato nella tabella del formulario di progetto, l azione prevede il recupero dei dati di base necessari per le attività di studio oggetto dell Azione di sistema. Infatti, poiché l Azione di sistema ha come obiettivo calibrare su un contesto reale (quello del bacino del Rio San Gerolamo, comune di Capoterra) il modello matematico di simulazione elaborato dall Università di Corte, è stato necessario recuperare, anche a seguito di parziali elaborazioni, i dati territoriali di contesto del bacino suddetto. Per questo motivo, nell ambito dell Accordo di collaborazione siglato in data 11 ottobre 2011 con l Università degli Studi di Cagliari, il Partner 15 (Regione Sardegna DG Urbanistica) ha prodotto dei dati di contesto del bacino del Rio San Gerolamo. Tali dati sono di due diverse tipologie: 1. dati meteorologici rilevati nel bacino stesso, comprendenti sia dati pluviometrici che dati di temperatura e velocità del vento; 2. dati di natura geologica, idrogeologica e di uso del suolo, che descrivono il comportamento fisico del territorio a seguito di un evento di precipitazione meteorica anche di carattere alluvionale. I dati meteorologici sono stati reperiti a seguito di una richiesta all Ente regionale preposto al rilevamento e alla catalogazione dei dati meteorologici, ovvero l Arpas, che peraltro è partner di progetto RESMAR in un sottoprogetto differente da questa Azione di Sistema. I dati meteorologici sono stati pertanto richiesti all Arpas con la comunicazione prot. n del 27/09/2011 e sono stati consegnati dall Arpas alla DG Urbanistica con la comunicazione prot. n. 2011/29823 del 03/11/2011.

3 Tali dati consistono nei seguenti set di dati: file 2011-PA55 (Ass.to Enti Locali).xls contenente i seguenti fogli: o Temp, prec, vent Uta o Precipitazioni Uta o Temperature Uta o Vento Uta o prec-temp Elmas o vent-temp Elmas Sono stati inoltre reperiti altri dati, dal sito web dello stesso ente, riportati nei seguenti file: 0202_03_01_02R_Allegati.pdf, in cui sono riportate le serie storiche delle precipitazioni massime giornaliere (colonna "Giorno") e delle precipitazioni massime nell'arco di un'ora (colonna "1 ora"), 3 ore, 6 ore e 24 ore. I dati sono relativi a quattro stazioni pluviometriche che si trovano nelle località Is Cannoneris, Capoterra, Pixinamanna e Pula, che si trovano all'esterno dell'areale del Rio San Gerolamo; idrografico.rar, in cui i dati pluviometrici di precipitazione rilevati nell'area del bacino del rio san gerolamo sono organizzati in 4 tipologie: o FILE "GIORN_4STZ.XLS": altezze di precipitazione giornaliere per gli anni dal 1982 al 2008 o FILE "GC_4STZ.XLS": serie annuali delle massime altezze di precipitazione per uno, due, tre, quattro, cinque giorni consecutivi

4 o FILE "INTEBREVI_4STZ.XLS": serie delle precipitazioni brevi ed intense contenute negli Annali pubblicati dal Settore Idrografico di Cagliari e integrate con studi successivi (Cao et al., 1969) o FILE "MI_4STZ.XLS": massime altezze di precipitazione annue a ore contenute negli Annali e integrate con studi successivi (Cao et al., 1969). Tutti questi set di dati sono stati trasmessi all Università di Corte che li ha utilizzati per il running del modello, ottenendo il prodotto dell attività 7.1.2: Elaborazione del modello matematico (si veda il relativo rapporto). I dati di natura geologica, idrogeologica e di uso del suolo sono stati invece prodotti dall Università di Cagliari nell ambito dell Accordo istituzionale di collaborazione con la DG Urbanistica della Regione Sardegna. Essi riportano la zonizzazione, secondo classi di legenda specificamente individuate, delle caratteristiche geologiche, morfometriche e di copertura del suolo del bacino del Rio San Gerolamo. In particolare, l Università di Cagliari ha realizzato sia rilievi diretti sul territorio sia studi di letteratura, dall elaborazione dei quali sono stati realizzati i seguenti prodotti (tutti con copertura sull intero bacino): Carta geologica in scala 1: che aggiorna e dettaglia la carta geologica in scala 1: realizzata della Regione Sardegna; Carta geomorfologica, che costituisce lo strumento di rappresentazione delle dinamiche che hanno portato all assetto attuale del territorio. Carta della permeabilità delle rocce in scala 1:10.000, che riporta la permeabilità del solo substrato roccioso (escludendo quindi la copertura pedologica) basata su stime delle caratteristiche idrauliche elaborate a partire da dati in possesso dell Università di Cagliari e da dati di letteratura;

5 questi dati sono attualmente in corso di verifica e di consolidamento tramite rilievi diretti sul campo. Carta delle unità pedologiche in scala 1:10.000, in cui sono distinte diverse unità pedologiche. Carte del land use attuale e della sua evoluzione dal 1954 al I dati prodotti dall Università di Cagliari descrivono quindi la tipologia di suolo e di copertura del bacino, e risultano pertanto fondamentali nella comprensione del comportamento idraulico delle diverse porzioni di territorio all interno del bacino del Rio San Gerolamo. Essi sono stati consegnati alla DG Urbanistica in data 01/03/2012 e consistono nei seguenti file.

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici Ing. Giovanni Carena - Progettazioni idrauliche Via Casa Scopelli, 4/A 15050 Carbonara Scrivia (AL) Tel: 0131 892 955 Cell: 335 6070937 E-mail: giovanni_carena@alice.it Carbonara Scrivia, 3 marzo 2011

Dettagli

IL SITO DELL AUTORITA DI BACINO DEL FIUME SERCHIO: CARTOGRAFIA E MONITORAGGIO

IL SITO DELL AUTORITA DI BACINO DEL FIUME SERCHIO: CARTOGRAFIA E MONITORAGGIO IL SITO DELL AUTORITA DI BACINO DEL FIUME SERCHIO: CARTOGRAFIA E MONITORAGGIO Dario TRICOLI (*), Nicola COSCINI (**), Nicola DEL SEPPIA (**), Enzo DI CARLO (**), Andrea MORELLI (**) (*) Autorità di Bacino

Dettagli

Il monitoraggio delle PORTATE dei fiumi marchigiani

Il monitoraggio delle PORTATE dei fiumi marchigiani REGIONE MARCHE Dipartimento per le Politiche Integrate di Sicurezza e per la Protezione Civile Centro Funzionale per la Meteorologia, l Idrologia e la Sismologia Il monitoraggio delle PORTATE dei fiumi

Dettagli

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dipartimento Risorse Forestali e Montane Servizio Bacini Montani PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI Valutazione

Dettagli

AUTORITÀ DI BACINO REGIONALE COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N. 2 DEL 16.06.2015

AUTORITÀ DI BACINO REGIONALE COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N. 2 DEL 16.06.2015 REGIONALE COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N. 2 Oggetto: Comune di Olbia - Proposta di variante al P.A.I. ai sensi dell art. 37, comma 3 lett. B delle N.A. del P.A.I., per le aree di pericolosità idraulica

Dettagli

ALPENGEO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI SANT AMBROGIO

ALPENGEO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI SANT AMBROGIO ALPENGEO dott. geologo Michele TARABIONO Geologo libero professionista Consulente Tecnico del Giudice e Perito presso il Tribunale di Torino 1 Strada Truc Carlevè 10090 VILLARBASSE Torino cell.347-4513866

Dettagli

PROGETTO QUADRO DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE

PROGETTO QUADRO DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE PROGETTO QUADRO DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE RILEVAZIONE DEI FATTORI METEO-CLIMATICI E IDROLOGICI PER IL CALCOLO DEL BILANCIO IDRICO DEGLI ACQUIFERI PREMESSA Con riferimento a quanto indicato

Dettagli

Bollettino mensile di monitoraggio della siccità

Bollettino mensile di monitoraggio della siccità REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ARPAS Dipartimento Meteoclimatico Servizio Meteorologico, Agrometeorologico ed Ecosistemi Bollettino mensile di monitoraggio della siccità AGENZIA

Dettagli

CAI COMITATO SCIENTIFICO LIGURE PIEMONTESE VALDOSTANO BACINO TERZIARIO PIEMONTESE RISCHIO IDROGEOLOGICO

CAI COMITATO SCIENTIFICO LIGURE PIEMONTESE VALDOSTANO BACINO TERZIARIO PIEMONTESE RISCHIO IDROGEOLOGICO CAI COMITATO SCIENTIFICO LIGURE PIEMONTESE VALDOSTANO BACINO TERZIARIO PIEMONTESE RISCHIO IDROGEOLOGICO 1 RISCHIO IDROGEOLOGICO In geologia con il termine rischio idrogeologico si designa il rischio connesso

Dettagli

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Come previsto dalle norme tecniche del Piano stralcio (autorità Bacini Romagnoli) l area è soggetta al rispetto del principio di invarianza

Dettagli

Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica

Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica 20 ottobre 2004 Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica Norme di Attuazione: Titolo 6 Elaborati grafici di riferimento: Tavola 2 OBIETTIVI DEL PTCP COORDINAMENTO

Dettagli

Relatore: Dott. Ing. Andrea Alessandro MUNTONI (andreaalessandro@muntoni.it)

Relatore: Dott. Ing. Andrea Alessandro MUNTONI (andreaalessandro@muntoni.it) Relatore: Dott. Ing. Andrea Alessandro MUNTONI (andreaalessandro@muntoni.it) LEGISLAZIONE COMUNITARIA, NAZIONALE E REGIONALE La prevenzione del rischio idraulico e idrogeologico e la protezione della popolazione

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile 2.4. FLUSSO INFORMATIVO E MESSAGGISTICA Il flusso informativo tra le diverse componenti del sistema di protezione civile e da/verso l esterno è un aspetto cruciale del piano regionale di gestione del rischio

Dettagli

Eventi Estremi di Precipitazione e Criticità Geologico-Idrauliche nell Area Urbana della Capitale

Eventi Estremi di Precipitazione e Criticità Geologico-Idrauliche nell Area Urbana della Capitale Marco Amanti, Domenico Berti, Mauro Lucarini & Alessandro Troccoli ISPRA Lo studio affronta le possibili relazioni tra dissesto geologico-idraulico e variazioni climatiche, attraverso un approfondimento

Dettagli

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA RELAZIONE IDRAULICA A SUPPORTO DEL P.A.4 NEL COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE CON INDICAZIONE SUL SISTEMA DI INVARIANZA IDRAULICA Il TECNICO INCARICATO Dott. Ing.

Dettagli

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO 4 RISCHIO IDROGEOLOGICO Premessa Il rischio è dovuto all interazione di una somma di elementi diversi ed è conseguenza di fenomeni associati all assetto geologico, idrogeologico-idraulico e situazioni

Dettagli

ALIRHYS. Val Maira 17-18 ottobre 2014 San Damiano Macra Acceglio (CN)

ALIRHYS. Val Maira 17-18 ottobre 2014 San Damiano Macra Acceglio (CN) ALIRHYS Banzato C. 1, Bianco F. 1, Fiorucci A. 1, Governa M. 2, Marchionatti F. 1, Menegatti S. 1, Moitre B., Petricig M. 2, Vigna B. 1 1- DIATI Dipartimento di Ingegneria dell Ambiente, del Territorio

Dettagli

STUDIO IDROLOGICO IDRAULICO

STUDIO IDROLOGICO IDRAULICO COMUNE DI CAPOLIVERI Provincia di Livorno STUDIO IDROLOGICO IDRAULICO a cura del dott. Ing. Filippo Ginanni Il Sindaco: Ruggero Barbetti I Progettisti: arch. Gianni Vivoli e arch. Sergio Seritti Collaborazione:

Dettagli

Modello metodologico per la stima del danno atteso da inondazione

Modello metodologico per la stima del danno atteso da inondazione Modello metodologico per la stima del danno atteso da inondazione Risultati preliminari Luino F., Biddoccu M., Cirio C. G. fabio.luino@irpi.cnr.it CNR-IRPI Strada delle Cacce 73-10135 (TO) http://www.irpi.to.cnr.it/

Dettagli

Il rischio idrogeologico e l'emanazione degli avvisi di allerta. Terralba 31 gennaio 2014

Il rischio idrogeologico e l'emanazione degli avvisi di allerta. Terralba 31 gennaio 2014 PRESIDENZA Direzione Generale della Protezione Civile Il rischio idrogeologico e l'emanazione degli avvisi di allerta Ing. Salvatore Cinus scinus@regione.sardegna.it Terralba 31 gennaio 2014 Inquadramento

Dettagli

Area di crisi idrica della Piana di Lucca: dinamica della falda e simulazioni previsionali

Area di crisi idrica della Piana di Lucca: dinamica della falda e simulazioni previsionali ORDINE DEI GEOLOGI DELLA TOSCANA Convegno: La geologia: Università ed Enti Pubblici Firenze, 14 settembre 2009 Area di crisi idrica della Piana di Lucca: dinamica della falda e simulazioni previsionali

Dettagli

P.U.A. n 3 Via Leopardi

P.U.A. n 3 Via Leopardi P.U.A. n 3 Via Leopardi REGIONE VENETO provincia di Padova comune di Galliera Veneta Relazione idraulica Il committente Comune di Galliera Veneta Via Roma 174 Il progettista Arch. Sara Favotto STUDIO NOVE

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO. Risposta alle Osservazioni R.U.

REGOLAMENTO URBANISTICO. Risposta alle Osservazioni R.U. COMUNE DI RIO MARINA PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO URBANISTICO Risposta alle Osservazioni R.U. Gruppo di Lavoro Vittorio D'Oriano Geologo Marco Folini Geologo Tommaso Cantini Ingenere Ambientale data:

Dettagli

PROTEZIONE CIVILE previsione, prevenzione e pianificazione di emergenza

PROTEZIONE CIVILE previsione, prevenzione e pianificazione di emergenza Id : 3 1 8 S P 7 2 c o d ic e : 3 1 8-0 7 5-0 7 2 a l K m : 8 1,8 5 0 C o m u n e : D e rvio c o rs o d a c q u a : V a rro n e PROTEZIONE CIVILE previsione, prevenzione e pianificazione di emergenza RISCHIO:

Dettagli

D 2 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_d2_-_rel_tec_idro e idrogeo ed ev_eccez.docm \\save.13

D 2 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_d2_-_rel_tec_idro e idrogeo ed ev_eccez.docm \\save.13 COMUNE DI SEUI PROVINCIA DELL OGLIASTRA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE R EGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE "Disposizioni urgenti di protezione civile per fronteggiare

Dettagli

Profili professionali

Profili professionali FONDO EUROPEO DI SVILUPPO. Prot N. _143 Rep. n. 9 del 10 gennaio 2014 Procedura di selezione comparativa pubblica per titoli per l affidamento di n. 8 incarichi di collaborazione coordinata e continuativa

Dettagli

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:...

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:... INDICE 1) Premessa... 2 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela dal Rischio Idrogeologico:... 3 3) Lo studio di compatibilità idraulica... 8 4) Contenuti dello studio

Dettagli

Attività di protezione civile per la gestione del rischio di alluvioni. Gorizia, 12 marzo 2013

Attività di protezione civile per la gestione del rischio di alluvioni. Gorizia, 12 marzo 2013 Attività di protezione civile per la gestione del rischio di alluvioni Gorizia, 12 marzo 2013 La gestione del rischio di alluvioni nell ambito di protezione civile prevede tre diverse fasi consequenziali

Dettagli

ANALISI METEOROLOGICA DEL TERRITORIO DI CASBENO

ANALISI METEOROLOGICA DEL TERRITORIO DI CASBENO PROGETTO METEO ANALISI METEOROLOGICA DEL TERRITORIO DI CASBENO RIELABORAZIONI STATISTICHE CLASSI COINVOLTE: 2A Agri, 2B Agri, 2D Mas A. S. 2013-2014 L indagine statistica, svolta durante il corso dell

Dettagli

Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE

Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI E DAL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

Dettagli

PRESENTAZIONE GENERALE

PRESENTAZIONE GENERALE PRESENTAZIONE GENERALE Il sito è stato ideato ed istituito per rendere visibile a tutti, specialmente ai soggetti operanti nella protezione civile, la situazione idrometeorologica rilevata dalle stazioni

Dettagli

Il sito del CF Umbria pubblica, ad esempio, le seguenti sezioni:

Il sito del CF Umbria pubblica, ad esempio, le seguenti sezioni: 1 2 Una breve descrizione del network dei Centri Funzionali: nei confronti del rischio idrogeologico, il sistema di allerta nazionale è assicurato dal Dipartimento Nazionale di Protezione Civile (DPCN),

Dettagli

COMUNE DI MONTEROSSO GRANA PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI MONTEROSSO GRANA PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI MONTEROSSO GRANA PROVINCIA DI CUNEO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO SERVIZIO: UFFICIO: Segreteria N. 23 DATA: _24.02.2012 Oggetto: ALLUVIONE 2008 CN_DA14_3683_08_287 INTERVENTI DI

Dettagli

Relatore: Dott. Ing. Andrea Alessandro MUNTONI (andreaalessandro@muntoni.it)

Relatore: Dott. Ing. Andrea Alessandro MUNTONI (andreaalessandro@muntoni.it) Relatore: Dott. Ing. Andrea Alessandro MUNTONI (andreaalessandro@muntoni.it) L EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE è definita come l evento atteso o prevedibile determinato da un fenomeno fisico o da un incidente

Dettagli

UTOE 5_Latignano. IR_g3 IR_g4(a) IR_g4(b) IR_g1 IR_g5. IR_g2. IR_g7. IR_g6 SCHEDE GUIDA

UTOE 5_Latignano. IR_g3 IR_g4(a) IR_g4(b) IR_g1 IR_g5. IR_g2. IR_g7. IR_g6 SCHEDE GUIDA UTOE 5_Latignano IR_g2 IR_g3 IR_g4(a) IR_g4(b) IR_g1 IR_g5 IR_g6 IR_g7 SCHEDE GUIDA COMUNE DI CASCINA - REDAZIONE DI SCHEDE NORMA E SCHEDE GUIDA PER LE AREE DI RECUPERO (IR) DELL'UTOE 4 - Cascina

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS PIANO DI PROTEZIONE CIVILE

UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS PIANO DI PROTEZIONE CIVILE UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS COMUNE DI VILLASPECIOSA PIANO DI PROTEZIONE CIVILE DOSSIER RISCHIO IDROGEOLOGICO IL TECNICO COLLABORATORI IL COMMITTENTE Ottobre 2011 DOTT. ING. DANIELA

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

Consiglio Nazionale Geologi.it

Consiglio Nazionale Geologi.it Consiglio Nazionale Geologi.it Circolari A tutti gli Ordini Regionali dei Geologi Roma, 25 gennaio 2007 Rif. P/CR.c/381 LORO SEDI CIRCOLARE N 252 OGGETTO: Parere relativo alla competenza del geologo a

Dettagli

Le politiche di adattamento per rispondere all esigenza climatica Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente Ufficio Scientifico di

Le politiche di adattamento per rispondere all esigenza climatica Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente Ufficio Scientifico di Le politiche di adattamento per rispondere all esigenza climatica Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente Ufficio Scientifico di Legambiente Rischio Idrogeologico: Un problema nazionale

Dettagli

Seminario proposto dall Ordine degli Architetti PCC Monza e Brianza col Patrocinio della Consulta Architetti Lombardi Durata presentazione : 1 ora

Seminario proposto dall Ordine degli Architetti PCC Monza e Brianza col Patrocinio della Consulta Architetti Lombardi Durata presentazione : 1 ora Seminario proposto dall Ordine degli Architetti PCC Monza e Brianza col Patrocinio della Consulta Architetti Lombardi Durata presentazione : 1 ora Sala conferenze ELLEPI libere professioni Monza (MB),

Dettagli

PREMESSA...2 INQUADRAMENTO TOPOGRAFICO...3

PREMESSA...2 INQUADRAMENTO TOPOGRAFICO...3 PREMESSA...2 INQUADRAMENTO TOPOGRAFICO...3 PERIMETRAZIONE DELLE AREE A PERICOLOSITA DI FRANA E INONDAZIONE SECONDO IL VIGENTE PIANO DI ASSETTO IDROGEOLOGICO...4 INDIRIZZI DI PIANO E PREMESSE RELATIVE ALLA

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNITA MONTANA DEL PINEROLESE EX VALLI CHISONE E GERMANASCA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE AGGIORNAMENTO 2011 Allegato 5 IL SISTEMA DI ALLERTAMENTO METEO

Dettagli

REGIONE PIEMONTE - BOLLETTINO UFFICIALE N. 12 DEL 25/03/10

REGIONE PIEMONTE - BOLLETTINO UFFICIALE N. 12 DEL 25/03/10 1 REGIONE PIEMONTE - BOLLETTINO UFFICIALE N. 12 DEL 25/03/10 Deliberazione della Giunta Regionale 16 marzo 2010, n. 50-13546 L.R. 5.12.1977 n. 56 e successive modificazioni. Comune di CARIGNANO (TO). Variante

Dettagli

ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI DI SICILIA

ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI DI SICILIA Ns. Rif. 202/14 Palermo, 21/01/2014 Egr. Presidente della Regione Siciliana dott. Rosario Crocetta Egr. Assessore al Territorio ed all Ambiente dott.ssa Maria Lo Bello Egr. Presidente IV Commissione Ambiente

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 Redazione: Dott. Alberto Ventura, Arch. e DI.MA. Graziella Vallone Regione Cantarana, 17 28041 ARONA (NO)

Dettagli

ILPRINCIPIO DELL INVARIANZA IDRAULICA NEI NUOVI INSEDIAMENTI: Implicazioni e spunti per la pianificazione di bacino

ILPRINCIPIO DELL INVARIANZA IDRAULICA NEI NUOVI INSEDIAMENTI: Implicazioni e spunti per la pianificazione di bacino ILPRINCIPIO DELL INVARIANZA IDRAULICA NEI NUOVI INSEDIAMENTI: Implicazioni e spunti per la pianificazione di bacino Autorità di bacino del fiume Tevere Centro di Ricerca CERI Previsione, Prevenzione e

Dettagli

2. Raccordo tra serie derivanti da strumenti meccanici ed automatici

2. Raccordo tra serie derivanti da strumenti meccanici ed automatici . Raccordo tra serie derivanti da strumenti meccanici ed automatici.1. Obiettivi I dati di precipitazioni in Piemonte sin dall inizio del secolo scorso sono stati raccolti da stazioni di misura in parte

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

Monitoraggio meteoidrologico del Centro Funzionale Regionale

Monitoraggio meteoidrologico del Centro Funzionale Regionale Regione Puglia Servizio Protezione Civile Centro Funzionale Decentrato Regionale Monitoraggio meteoidrologico del Centro Funzionale Regionale SIGEA (Società Italiana di Geologia Ambientale) Sezione Puglia

Dettagli

Procedura Tecnica Realizzazione del prodotto. Procedura tecnica relativa al Sistema informativo dei fenomeni U.RP.T087 INDICE

Procedura Tecnica Realizzazione del prodotto. Procedura tecnica relativa al Sistema informativo dei fenomeni U.RP.T087 INDICE Realizzazione del prodotto Procedura tecnica relativa al Sistema informativo dei fenomeni Revisione Data Oggetto Revisione 1 13/02/2008 Prima emissione INDICE 1. Scopo ed Obiettivi 2. Campo di applicazione

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO Il territorio comunale di Capestrano è compreso, dal punto di vista cartografico, nel Foglio della Carta Geologica di Italia n. 146 Sulmona scala 1 : 100.000 e nel Foglio della

Dettagli

stato della cartografia 2010 REGIONE LOMBARDIA

stato della cartografia 2010 REGIONE LOMBARDIA stato della cartografia 2010 REGIONE LOMBARDIA Direzione Territorio e Urbanistica - Struttura "Infrastruttura per l'informazione Territoriale" Indirizzo Via F. Sassetti, 32/2-20124 Milano Telefono/Fax

Dettagli

Riassunto L intervento mira a descrivere la rete agrometeorologica nazionale del Ministero delle Politiche Agrarie e Forestali.

Riassunto L intervento mira a descrivere la rete agrometeorologica nazionale del Ministero delle Politiche Agrarie e Forestali. 74 LA RETE AGROMETEOROLOGICA NAZIONALE DEL MINISTERO PER LE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI Maria Carmen Beltrano Ufficio Centrale di Ecologia Agraria - Roma Riassunto L intervento mira a descrivere la

Dettagli

COMUNICAZIONE PREVENTIVA

COMUNICAZIONE PREVENTIVA Modello di COMUNICAZIONE PREVENTIVA Utilizzazione agronomica delle acque di vegetazione e delle sanse umide dei frantoi oleari (prevista dall art. 3 1 e 2 comma del REGOLAMENTO REGIONALE 7 dicembre 2007,

Dettagli

Nota informativa 06 Aprile 2007 1

Nota informativa 06 Aprile 2007 1 Nota informativa 06 Aprile 2007 1 Situazione della disponibilità idrica nel bacino del Fiume Adige. 1) Invasi artificiali regolati 2 Tabella 1 Confronto fra i volumi invasati 3 Figura 1 Confronto fra i

Dettagli

Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile

Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile 1 Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE STRUTTURA DEL PIANO COMUNE DI RIETI SETTORE VI - Ufficio Protezione Civile CODICE DOCUMENTO ELABORATO 0 1-0 1-0 2-0 4

Dettagli

La Geotematica in tempo reale nella gestione operativa dei rischi naturali

La Geotematica in tempo reale nella gestione operativa dei rischi naturali La Geotematica in tempo reale nella gestione operativa dei rischi naturali Roberto Cremonini Arpa Piemonte Dip. Sistemi Previsionali Rocco Pispico Arpa Piemonte Dip. Geologia e Dissesto La nostra geomatica

Dettagli

L Indagine geologica ai sensi della DGR 2649/99 e successive modifiche e integrazioni

L Indagine geologica ai sensi della DGR 2649/99 e successive modifiche e integrazioni Corso di Aggiornamento Professionale I CONTENUTI DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA ALLA LUCE DELLA NORMATIVA VIGENTE Roma, 29 novembre 2012 Parco Regionale dell Appia Antica Via Appia

Dettagli

Cooperazione transfrontaliera INTERREG Italia / Francia

Cooperazione transfrontaliera INTERREG Italia / Francia Cooperazione transfrontaliera INTERREG Italia / Francia Contesto storico Il Programma ALCOTRA 2007-2013 Nell'ambito dell'obiettivo Cooperazione Territoriale 2007-2013 la Commissione europea ha approvato,

Dettagli

o.o nella sede dewente,

o.o nella sede dewente, DELIBERAZIONE N )) S1 SEDUTA DEL 2 6 SET. 2014 PRESIDENZAzyxwvutsrqponmlkjihgfedcbaZYXWVUTSRQPONMLKJIHGFEDCBA...,. DIPARTIMENTdzyxwvutsrqponmlkjihgfedcbaZYXWVUTSRQPONMLKJ OGGETTO D.P.C.M. 27 febbraio 2004:

Dettagli

2. Sistemazione movimento franoso loc. Rif. Rey/San Giusto: RELAZIONE SUL CONTO FINALE E CERTIFICATO DI REGOLARE ESECUZIONE (29 settembre 2008)

2. Sistemazione movimento franoso loc. Rif. Rey/San Giusto: RELAZIONE SUL CONTO FINALE E CERTIFICATO DI REGOLARE ESECUZIONE (29 settembre 2008) INDICE 1. Lavori di mitigazione dei fattori di rischio idrogeologico nel bacino del Rio San Giusto (Frana Rifugio Rey / Rio San Giusto) : RELAZIONE E CERTIFICATO DI COLLAUDO (13 aprile 2006) 2. Sistemazione

Dettagli

M. Brugioni, F. Consumi, B. Mazzanti, G. Menduni, G. Montini

M. Brugioni, F. Consumi, B. Mazzanti, G. Menduni, G. Montini Determinazione dell infiltrazione efficace alla scala di bacino finalizzata alla individuazione delle aree a diversa disponibilità di risorse idriche sotterranee M. Brugioni, F. Consumi, B. Mazzanti, G.

Dettagli

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile 2.3. LE FASI OPERATIVE A giugno 2015 è stato approvato dal tavolo tecnico della Commissione speciale di pc il documento sulla omogeneizzazione del Sistema di allertamento nazionale. Il documento sull omogeneizzazione

Dettagli

COMUNITA MONTANA VALLI CHISONE, GERMANASCA, PELLICE, PINEROLESE PEDEMONTANO

COMUNITA MONTANA VALLI CHISONE, GERMANASCA, PELLICE, PINEROLESE PEDEMONTANO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNITA MONTANA VALLI CHISONE, GERMANASCA, PELLICE, PINEROLESE PEDEMONTANO VERIFICHE DI COMPATIBILITA IDRAULICA DA EFFETTUARSI AI SENSI DELL ART. 18 COMMA 2 DELLA

Dettagli

Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI"

Workshop VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI" Ing. Giorgio Cesari Autorità di bacino del Fiume Tevere Distretto Idrografico dell Appennino Centrale

Dettagli

Corso di Aggiornamento Professionale ROMA, 26 novembre 2012 Parco Regionale dell Appia Antica

Corso di Aggiornamento Professionale ROMA, 26 novembre 2012 Parco Regionale dell Appia Antica Corso di Aggiornamento Professionale ROMA, 26 novembre 2012 Parco Regionale dell Appia Antica A cura di: Maurizio D Orefice & Roberto Graciotti ISPRA - Dipartimento difesa del suolo Servizio Geologico

Dettagli

VARIANTE COMPONENTE GEOLOGICA PGT DI MORBEGNO

VARIANTE COMPONENTE GEOLOGICA PGT DI MORBEGNO Sede : via T. Nani, 7 23017 Morbegno (SO) Tel 0342 610774 Fax: 0342 1971501 VARIANTE COMPONENTE GEOLOGICA PGT DI MORBEGNO STUDIO DI APPROFONDIMENTO AI SENSI DELL ALLEGATO 2 ALLA D.G.R. 30 NOVEMBRE 2011

Dettagli

PROVINCIA DI ASTI Medaglia d oro al valor militare

PROVINCIA DI ASTI Medaglia d oro al valor militare PROVINCIA DI ASTI Medaglia d oro al valor militare SERVIZIO TRASPORTI,PROTEZIONE CIVILE E SICUREZZA UFFICIO PROTEZIONE CIVILE N. meccanografico DT008-162-2010 del 10/12/2010 N. determina 6536 del 27/12/2010

Dettagli

PIANIFICAZIONE E DIFESA DEL SUOLO IN TOSCANA Ing. Beatrice Mengoni Settore Difesa del suolo Regione Toscana

PIANIFICAZIONE E DIFESA DEL SUOLO IN TOSCANA Ing. Beatrice Mengoni Settore Difesa del suolo Regione Toscana Progetto di Piano di Gestione del Rischio di Alluvioni FASE DI PARTECIPAZIONE ATTIVA (art.66 c.7 D.Lgs 152/06) I INCONTRO PUBBLICO PIANIFICAZIONE E DIFESA DEL SUOLO IN TOSCANA Ing. Beatrice Mengoni Settore

Dettagli

Consorzio del Parco Naturale Regionale Molentargius-Saline

Consorzio del Parco Naturale Regionale Molentargius-Saline AVVISO PUBBLICO SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE PER N. 6 ESPERTI PER LA REDAZIONE DEL PIANO DEL PARCO, DEL RELATIVO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE E DEL PIANO DI RISANAMENTO URBANISTICO

Dettagli

Comune di Montegrotto Terme

Comune di Montegrotto Terme Territorio Agricoltura Ambiente STUDIO BENINCA - Ass. tra Prof. Via Serena 1-37036 San Martino B.A. (VR) Tel. 045 8799229 - Fax 045 8780829 E-mail: studio.beninca@tiscali.it Comune di Montegrotto Terme

Dettagli

REGIONE MARCHE. Piano Assetto Idrogeologico (PAI) Relazione. Autorita' di Bacino Regionale. Bacini idrografici:

REGIONE MARCHE. Piano Assetto Idrogeologico (PAI) Relazione. Autorita' di Bacino Regionale. Bacini idrografici: REGIONE MARCHE Autorita' di Bacino Regionale Piano Assetto Idrogeologico (PAI) Relazione Bacini idrografici: 01 - Litorale tra Gabicce e Pesaro (1) 02 - Fiume Foglia (1) 03 - Rio Genica (1) 04 - Torrente

Dettagli

SOGLIE PLUVIOMETRICHE

SOGLIE PLUVIOMETRICHE CONVENZIONE TRA IL DIPARTIMENTO PER LA PROTEZIONE CIVILE E L ARPA PIEMONTE PER L ASSISTENZA ALLA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI RISCHIO IDRO-METEOROLOGICO SUL TERRITORIO NAZIONALE Progetto di un sistema

Dettagli

Secondo ciclo di incontri di consultazione pubblica Focal Point: Venezia Bacino di riferimento: Bacino Scolante della Laguna di Venezia

Secondo ciclo di incontri di consultazione pubblica Focal Point: Venezia Bacino di riferimento: Bacino Scolante della Laguna di Venezia Secondo ciclo di incontri di consultazione pubblica Focal Point: Venezia Bacino di riferimento: Bacino Scolante della Laguna di Venezia Le azioni previsionali e di monitoraggio della Protezione Civile

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO Nelle tavole seguenti si esaminano rispettivamente i valori storico-culturali e il patrimonio storico architettonico con la viabilità storica; in questo caso non si rilevano situazioni di particolare interesse.

Dettagli

DIPARTIMENTO INFRASTRUTTURE OPERE PUBBLICHE E MOBILITA UFFICIO PROTEZIONE CIVILE LA RETE DI MONITORAGGIO IDROMETEOPLUVIOMETRICA

DIPARTIMENTO INFRASTRUTTURE OPERE PUBBLICHE E MOBILITA UFFICIO PROTEZIONE CIVILE LA RETE DI MONITORAGGIO IDROMETEOPLUVIOMETRICA DIPARTIMENTO INFRASTRUTTURE LA RETE DI MONITORAGGIO IDROMETEOPLUVIOMETRICA LEGGI ISTITUTIVE DEL SIM L. 5 maggio 1907 n. 257 istituisce il Magistrato alle Acque delle provincie venete con compiti di raccolta

Dettagli

RILOCALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE

RILOCALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE REGIONE DEL VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA RILOCALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE Domanda di Verifica di Assoggettabilità alla VIA

Dettagli

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee NORME DI ATTUAZIONE Art. 1 Norma transitoria Le norme relative al dissesto sono da ritenersi transitorie fino all'approvazione (previa intesa con l'autorità di Bacino) del PTCP 2007. Il PSC dovrà adeguarsi

Dettagli

Carmen Maria ROSSKOPF

Carmen Maria ROSSKOPF Carmen Maria ROSSKOPF Data e luogo di nascita: 22/07/1960 Münster (Germania) Residenza: Via degli Ulivi 11, 84043 Agropoli (SA) C.F.: RSSCMN60L62Z112C Tel.+39 3204309082 E-mail: rosskopf@unimol.it Esperienze

Dettagli

Il bacino urbano sperimentale di Cascina Scala (Pavia)

Il bacino urbano sperimentale di Cascina Scala (Pavia) Il bacino urbano sperimentale di Cascina Scala (Pavia) Piogge, portate e qualità dei deflussi in fognatura nel periodo 1987-2006 Sergio Papiri Professore Associato di Costruzioni Idrauliche Dipartimento

Dettagli

Autorità di Bacino Interregionale del Fiume Fiora PIANO DI ASSETTO IDROGEOLOGICO

Autorità di Bacino Interregionale del Fiume Fiora PIANO DI ASSETTO IDROGEOLOGICO REGIONE TOSCANA REGIONE LAZIO Autorità di Bacino Interregionale del Fiume Fiora PIANO DI ASSETTO IDROGEOLOGICO Legge 18 maggio 1989 n. 183 art. 17 comma 6 - ter, Legge 3 agosto 1998 n. 267 modificata con

Dettagli

INDICE ALLEGATI - UBICAZIONE INDAGINI GEOGNOSTICHE - GRAFICI PROVE PENETROMETRICHE

INDICE ALLEGATI - UBICAZIONE INDAGINI GEOGNOSTICHE - GRAFICI PROVE PENETROMETRICHE INDICE 1. PREMESSA E SCOPO DEL LAVORO... 2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO GEOMORFOLOGICO... 3 3. INQUADRAMENTO IDROGEOLOGICO ED IDROLOGICO... 4 4. CLASSIFICAZIONE SISMICA... 5 4.1 OPCM 20 marzo 2003... 5 4.2

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA. Direzione Territorio e Urbanistica - Struttura "Infrastruttura per l'informazione Territoriale"

REGIONE LOMBARDIA. Direzione Territorio e Urbanistica - Struttura Infrastruttura per l'informazione Territoriale REGIONE LOMBARDIA Direzione Territorio e Urbanistica - Struttura "Infrastruttura per l'informazione Territoriale" Indirizzo Via F. Sassetti, 32/2-20124 Milano Telefono/Fax 02 67654333 / 02 67654620 E-Mail

Dettagli

COMUNE DI ASSEMINI Provincia di Cagliari

COMUNE DI ASSEMINI Provincia di Cagliari COMUNE DI ASSEMINI Provincia di Cagliari COPIA Deliberazione del Commissario Straordinario n. 1 (assunta con i poteri della Giunta) OGGETTO: ELEZIONI POLITICHE PER IL RINNOVO DELLA CAMERA DEI DEPUTATI

Dettagli

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE B IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE Premessa Il quadro conoscitivo del PTCP restituisce un analisi del sistema naturale ed ambientale del territorio provinciale che pone limiti ed offre opportunità alle

Dettagli

D.Lgs. 23 febbraio 2010 n. 49 Attuazione della direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni.

D.Lgs. 23 febbraio 2010 n. 49 Attuazione della direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni. D.Lgs. 23 febbraio 2010 n. 49 Attuazione della direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni. Piano di Gestione del Rischio Alluvioni dicembre 2013 A cura di: Direzione

Dettagli

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10 PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA DIREZIONE GENERALE DELLA AGENZIA REGIONALE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SARDEGNA DIRETTIVA PER LO SVOLGIMENTO DELLE VERIFICHE DI SICUREZZA DEI CANALI DI GUARDIA ESISTENTI (ARTICOLO

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO (Classe delle Lauree Specialistiche in Ingegneria per l Ambiente

Dettagli

DGR DEL. DPCM del 27 febbraio 2004.

DGR DEL. DPCM del 27 febbraio 2004. giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/11 DGR DEL. DPCM del 27 febbraio 2004. Affidamento ad ARPAV delle attività di supporto al funzionamento del Centro Funzionale Decentrato presso

Dettagli

COMUNE di MARTELLAGO. Assessorato alla Protezione Civile

COMUNE di MARTELLAGO. Assessorato alla Protezione Civile COMUNE di MARTELLAGO Assessorato alla Protezione Civile INDICE 1. Rischio Idraulico...3 1.1 Premessa...3 1.2 Scenari di rischio idraulico...3 1.2.1 Rischio idraulico da rete principale....4 1.2.2 Rischio

Dettagli

38/S - Classe delle lauree specialistiche in ingegneria per l'ambiente e il territorio

38/S - Classe delle lauree specialistiche in ingegneria per l'ambiente e il territorio Scheda informativa Università Classe Nome del corso Universita' degli Studi di CAGLIARI 38/S - Classe delle lauree specialistiche in ingegneria per l'ambiente e il territorio Data del DM di approvazione

Dettagli

RETE DI MONITORAGGIO ATMOSFERICO DELLE PROVINCE DI CAGLIARI CARBONIA-IGLESIAS MEDIO-CAMPIDANO

RETE DI MONITORAGGIO ATMOSFERICO DELLE PROVINCE DI CAGLIARI CARBONIA-IGLESIAS MEDIO-CAMPIDANO AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS Direzione Tecnico Scientifica Servizio Valutazione, Controlli e Monitoraggio Ambientale RETE DI MONITORAGGIO ATMOSFERICO DELLE PROVINCE

Dettagli

RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO IN PIEMONTE

RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO IN PIEMONTE RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO IN PIEMONTE L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE DAL 1994 AD OGGI Vincenzo COCCOLO Regione Piemonte Il quadro fisico del Piemonte Superficie pari a circa 25.000

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA 1 2. ATTIVITÀ SVOLTA DALL AUTORITÀ DI BACINO DEI FIUMI LIRI-GARIGLIANO E VOLTURNO 1

INDICE 1. PREMESSA 1 2. ATTIVITÀ SVOLTA DALL AUTORITÀ DI BACINO DEI FIUMI LIRI-GARIGLIANO E VOLTURNO 1 INDICE 1. PREMESSA 1 2. ATTIVITÀ SVOLTA DALL AUTORITÀ DI BACINO DEI FIUMI LIRI-GARIGLIANO E VOLTURNO 1 3. BANCA DATI MULTIMEDIALE ALFANUMERICA 2 3.1.1 Creazione della tabella di riferimento per l archiviazione

Dettagli

AUTORITÀ DI BACINO REGIONALE COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N.1 DEL 31.03.2015

AUTORITÀ DI BACINO REGIONALE COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N.1 DEL 31.03.2015 COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N.1 Oggetto: Definizione del Piano per il recupero dei costi relativi ai servizi idrici per l acqua all ingrosso in capo ad ENAS per l anno 2014 Commi 1 e 2 dell art.

Dettagli

PIANO GENERALE DEL SISTEMA FOGNARIO DEL COMUNE DI RIMINI 11 PIANO DEGLI INTERVENTI CON INDIVIDUAZIONE DEL LIVELLO DI PRIORITA E DEI COSTI

PIANO GENERALE DEL SISTEMA FOGNARIO DEL COMUNE DI RIMINI 11 PIANO DEGLI INTERVENTI CON INDIVIDUAZIONE DEL LIVELLO DI PRIORITA E DEI COSTI PIANO GENERALE DEL SISTEMA FOGNARIO DEL COMUNE DI RIMINI 11 PIANO DEGLI INTERVENTI CON INDIVIDUAZIONE DEL LIVELLO DI PRIORITA E DEI COSTI 85 PIANO GENERALE DEL SISTEMA FOGNARIO DEL COMUNE DI RIMINI IL

Dettagli

SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE PER IL RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO

SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE PER IL RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO Regione Molise Servizio per la Protezione Civile Centro Funzionale del Molise SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE PER IL RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO Approvato con D.G.R. n. 152 del 23.02.2009 Stato:

Dettagli

- PROGETTAZIONE - DIREZIONE LAVORI - COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA - CONSULENZA TECNICO-ECONOMICA

- PROGETTAZIONE - DIREZIONE LAVORI - COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA - CONSULENZA TECNICO-ECONOMICA SERVIZI DI INGEGNERIA NEL SETTORE DELL IDRAULICA URBANA (ACQUEDOTTI, FOGNATURE, IMPIANTI DI DEPURAZIONE), DELLE SISTEMAZIONI FLUVIALI E DELL ASSETTO IDROGEOLOGICO - PROGETTAZIONE - DIREZIONE LAVORI - COORDINAMENTO

Dettagli