I.I.S. Giulio Natta Istituto di Istruzione Superiore Tecnico per la meccanica e le materie plastiche Liceo delle Scienze Applicate

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I.I.S. Giulio Natta Istituto di Istruzione Superiore Tecnico per la meccanica e le materie plastiche Liceo delle Scienze Applicate"

Transcript

1 I.I.S. Giulio Natta Istituto di Istruzione Superiore Tecnico per la meccanica e le materie plastiche Liceo delle Scienze Applicate Impianti Materie Plastiche Modulo 2 Alimentazione Contenuti 1. Premessa 2. Alimentazione meccanica 3. Alimentazione pneumatica Parametri del processo Relazioni tra i parametri (diagrammi) 4. Esempi di impianti 1. Premessa ALIMENTAZIONE La materia prima, solitamente sotto forma di granuli o polvere, è possibile trovarla sia sfusa che in contenitori (sacchi, big-bag -...). Allo stato sfuso essa è solitamente conferita in silos. Il trasporto delle materie prime dal magazzino al reparto e alla macchina trasformatrice, per ridurre al minimo l opera dell uomo, si effettua con sistemi automatici. Questo permette anche di eliminare la perdita di materiale dovuta alla manipolazione dei sacchi e il cosiddetto problema di tramoggia vuota : la macchina in funzione non è alimentata e gira a vuoto. I sistemi di trasporto automatici sono di due tipi: - meccanico - pneumatico 2. Trasporti meccanici Gli elementi che costituiscono un comune trasportatore meccanico sono: - motoriduttore - bocca di scarico - supporto - elica di trasporto - tubo - bocca di alimentazione Il trasporto del materiale è dovuto alla rotazione dell elica nel tubo di trasporto. L elica può essere - rigida COCLEA oppure - flessibile SPIRALE GIMAT S.r.l. - Via Sant'Andrea, Ozzano Emilia (Bo) - Italia ImpMP_02 ALIMENTAZIONE 1/17 Prof. Giovanni

2 La lunghezza dei tubi è di qualche metro fino a 10 m ma è possibile coprire distanze maggiori accoppiando più sistemi in serie. Entrambi le soluzioni (coclea, spirale) non presentano particolari problemi di pulizia, ciò che influenza la scelta di un tipo rispetto all altro sono il tipo percorso e la forma del materiale. La coclea è impiegata per il trasporto di materiali solidi sia in granuli che in polveri e per tratti rettilinei: La spirale permette invece, con tubi flessibili, di coprire tratti anche curvi ed è indicata per materiale scorrevole in granuli. I parametri tecnici caratteristici sono (vedi tabella): - il diametro del tubo - il passo dell elica - la velocità di rotazione dell elica - la portata volumetrica [m 3 /h] - la portata in massa [kg / h] Tabella MODELLO - D RPM PVOL. PSA PPESO * mm Giri / m 3 / h Kg / m 3 Kg / h Minuto TC.95/ TC.105/ , TC.114/ , TC.350/ , TC.450/ , PSA = densità apparente considerata Schema di impianto di trasporto multiplo per alimentazione silo con agitatore assiale interno. GIMAT S.r.l. - Via Sant'Andrea, Ozzano Emilia (Bo) - Italia ImpMP_02 ALIMENTAZIONE 2/17 Prof. Giovanni

3 3. Trasporti pneumatici Il trasporto pneumatico può essere effettuato in pressione o in depressione. Il trasporto in pressione (pressione positiva > 0) trova impiego nel caso di riempimento dei sili di materiale sia sfuso che in contenitori (sacchi, octabin, bigbag). Nel caso di alimentazione delle macchine l impiego del sistema in pressione è limitato al caso in cui serve trasportare dai sili materiale in grandi quantità e di pochi tipi. Il sistema di trasporto pneumatico più comunemente utilizzato per alimentare le macchine è quello in depressione (o a pressione negativa < 0). I componenti di un alimentatore pneumatico in depressione sono riportati in figura: contenitore (tramoggia) indicatore di livello tubo serranda sonda aspirante filtri contenitore (octabin) unità aspirante (a terra) Il contenitore, solitamente la tramoggia, è a tenuta e riceve il granulo trasportato. L unità aspirante può essere fissata direttamente sulla tramoggia oppure posta a terra I fattori che influenzano il processo sono: 1. le quantità a. dell aria di trasporto (Ma [kg/h]) b. di prodotto trasportato(mp [kg/h]) 2. la densità di fase D = Mp/Ma 3. la pressione e la caduta di pressione [bar] 4. la velocità [m/s] 5. tipo di prodotto 6. dimensioni della condotta 1. Le quantità, di aria e di prodotto, sono espresse come portata in massa e non in volume di modo da introdurre valori certi nei calcoli. Infatti l aria è comprimibile e il suo volume dipende dalla pressione; nel trasporto (in pressione o in depressione) la pressione varia lungo il condotto e dunque anche il volume dell aria varia. Anche per il ImpMP_02 ALIMENTAZIONE 3/17 Prof. Giovanni

4 prodotto, che solitamente si presenta in granuli, il volume varia in ragione della dimensione dei granuli. 2. La densità di fase, data dal rapporto tra quantità di prodotto trasportato e quantità d aria di trasporto, rimane pressoché costante lungo tutta la condotta. Si distingue tra fase diluita (bassa densità di fase) e fase densa (alta densità di fase). Il valore soglia che distingue le due fasi è pari a 10. In fase diluita il valore della densità è inferiore a 10 ed il prodotto rimane in sospensione nell aria dentro il condotto. Con questa modalità si trasportano le materie plastiche in granuli. In fase densa il valore della densità è compreso tra 10 a 40, il prodotto non rimane in sospensione nell aria dentro il condotto. Il trasporto avviene con il prodotto che riempie parzialmente la tubazione oppure appoggiato sul fondo o infine a tappi di flusso. Con questa modalità si trasportano le materie plastiche in polvere. La densità di fase influenza allo stesso modo materiali in granulo e in polvere: deve diminuire con l aumentare della distanza; ovvero tubazione lunga fase molto diluita (poco materiale e tanta aria). 3. In base alla pressione i sistemi di trasporto si classificano in: sistema in pressione e sistema in depressione. Il sistema in pressione (pressione positiva >0) si differenzia a sua volta in bassa ed alta pressione: a. sistema a bassa pressione con p < 1 bar b. sistema ad alta pressione con 1 < p < 5 bar Il sistema in depressione si differenzia a sua volta in base alle apparecchiature utilizzate per raggiungere i livelli di pressione negativa (<0): a. con ventilatori centrifugo fino a p di 0,5 bar b. con soffianti particolari e/o pompe per il vuoto fino a p di 0,8 bar In entrambi i casi (pressione e depressione) il moto della miscela aria / granulo si deve alla differenza di pressione tra punto di partenza (1) e di arrivo (2): p P 1 a d 2 v A gra p = p 1 p 2 Ci sarà moto solo se p 1 > p 2 ovvero p 1 p 2 > 0 Esempi nei due casi: in pressione p = p 1 p 2 = 4 1 = 3 bar in depressione p = p 1 p 2 = 0,1 ( 0,4) = 0,3 bar La variazione di pressione lungo la condotta, gradiente di pressione, è riportata in figura. In blu in pressione e in rosso in depressione. b Andamento del gradiente di pressione nella condotta: a) in pressione, b) in depressione L Ai fini dell ingresso del prodotto in condotta il sistema in depressione è vantaggioso mentre il sistema in pressione ostacola l alimentazione. Infatti all imbocco il materiale deve passare dal contenitore nella condotta. Il materiale si trova alla pressione atmosferica mentre nella condotta la pressione in quel punto col sistema in depressione è inferiore a quella del materiale e dunque esso è libero di fluire; con il sistema in pressione nella bocca di alimentazione si ha una ImpMP_02 ALIMENTAZIONE 4/17 Prof. Giovanni

5 Sulla stessa condotta è riportato l andamento della velocità della fase pressione maggiore di quella del materiale, pertanto occorrono opportuni accorgimenti per permettere il passaggio del materiale in condotta. 4. Velocità [m/s] La velocità nella condotta è minima alla partenza e massima all arrivo. Per convenzione ci si riferisce sempre alla velocità massima. Essa ha una forte influenza sul trasporto. Oltre alla relazione con la caduta di pressione si verifica che se in fase diluita la velocità è troppo bassa c è il pericolo di intasamento della tubazione. Al contrario valori eccessivi provocano talora erosione della tubazione e degradazione del materiale. Trasporto in depressione In fase diluita la velocità è solitamente intorno ai 15 m/s fino ad un massimo di 30 m/s, in fase densa la velocità è normalmente più bassa e rimane sempre inferiore ai 10 m/s. Trasporto in pressione La velocità è solitamente superiore ai 13 m/s fino 5. Tipo di prodotto Le materie plastiche trasportate mediante impianti pneumatici si presentano generalmente in granuli, talora meno frequentemente in polveri. Polveri e granulo sono caratterizzati da una grande differenza dei relativi pesi specifici [kg/m 3 ] apparenti (psa). A parità di peso specifico effettivo (pse) il granulo presenta valori di psa più alti delle polveri. Le specifiche del trasporto sono diverse nei due casi. Le polveri godono di una buona proprietà di trattenere l aria e quindi ne occorre una piccola quantità ed il trasporto avviene normalmente in fase densa e a velocità limitate. Le polveri si trasportano col sistema in pressione e distinguono due casi: - brevi distanze: fase densa (D>50), basse velocità (da 4 a 7 m/s), bassa pressione (da 1 a 3 bar) - alte distanze: fase relativamente densa (D<50), velocità (da 10 a 12 m/s), alta pressione (più di 3 bar) - Il granulo ha una scarsa proprietà di trattenere l aria e quindi ne occorre una quantità elevata ed il trasporto avviene normalmente in fase diluita e a velocità elevate. Il materiale in granuli si trasporta solo col sistema in depressione solo in fase diluita (D<10), velocità superiori ai 13 m/s), con differenze di pressione dell ordine di 1 bar tra punto di partenza e arrivo. 6. Dimensioni della condotta E importante stabilire correttamente le dimensioni della condotta tenendo conto che esse sono in relazione con gli altri parametri del processo. La caduta di pressione, spinta del moto, dipende largamente dalla densità di fase, dalle dimensioni della tubazione dal tipo di percorso (piano, con variazioni di direzione..) e dalla velocità. Aumenta all aumentare della densità di fase, della distanza e al diminuire del diametro (cioè all aumentare della velocità). Le 6 grandezze viste sono interdipendenti tra loro. Di seguito alcuni diagrammi che rappresentano alcune delle reciproche relazioni. ImpMP_02 ALIMENTAZIONE 5/17 Prof. Giovanni

6 Fig 1 Diagramma Mp p - D Diagramma a Lunghezza e velocità costanti 1,2,3 = densità di fase in ordine crescente. D1<D2<D3 Fig 2 Diagramma p L - D Diagramma a velocità costante 1,2,3,4 = densità di fase in ordine crescente. D1<D2<D3<D4 ImpMP_02 ALIMENTAZIONE 6/17 Prof. Giovanni

7 Fig 3 Diagramma V - D ImpMP_02 ALIMENTAZIONE 7/17 Prof. Giovanni

8 4. Esempi di impianti Sistema in pressione positiva Bassa Alta Dispositivi di scarico ImpMP_02 ALIMENTAZIONE 8/17 Prof. Giovanni

9 Rotocella Tubo di Venturi Coclea ImpMP_02 ALIMENTAZIONE 9/17 Prof. Giovanni

10 Valvola a doppia porta Separatori (Cicloni) ImpMP_02 ALIMENTAZIONE 10/17 Prof. Giovanni

11 Sistema in pressione negativa ImpMP_02 ALIMENTAZIONE 11/17 Prof. Giovanni

12 Prelievo sistemi misti ImpMP_02 ALIMENTAZIONE 12/17 Prof. Giovanni

13 Alimentazione in pressione ImpMP_02 ALIMENTAZIONE 13/17 Prof. Giovanni

14 ImpMP_02 ALIMENTAZIONE 14/17 Prof. Giovanni

15 Alimentazione in depressione ImpMP_02 ALIMENTAZIONE 15/17 Prof. Giovanni

16 ImpMP_02 ALIMENTAZIONE 16/17 Prof. Giovanni

17 [1] Le Apparecchiature Ausiliarie nella trasformazione dei termoplastici - Romano Durante CENTROOFFSET MASTER (Mestrino Padova) 2001 ImpMP_02 ALIMENTAZIONE 17/17 Prof. Giovanni

Modulo 3. Impianti di trasporto in sospensione fluida

Modulo 3. Impianti di trasporto in sospensione fluida Corso di Impianti Meccanici Laurea Magistrale Modulo 3. Impianti di trasporto in sospensione fluida Sezione 3.1 Introduzione al trasporto pneumatico Prof. Ing. Cesare Saccani Department of Industrial Engineering

Dettagli

MEZZI DI TRASPORTO PER I SOLIDI

MEZZI DI TRASPORTO PER I SOLIDI Generalità dei materiali solidi MEZZI DI TRASPORTO PER I SOLIDI Tecnologie chimiche 07:26 Prof.ssa Silvia Recchia! conoscenza delle caratteristiche peculiari come:! durezza! friabilità! adesività! punto

Dettagli

UNI 10531 Ventilatori Industriali: Metodi di prova e di accettazione

UNI 10531 Ventilatori Industriali: Metodi di prova e di accettazione CORSO DI SPERIMENTAZIONE E PROVE SULLE MACCHINE Docente Prof. L. Postrioti UNI 10531 Ventilatori Industriali: Metodi di prova e di accettazione 1- Generalità La Norma descrive le procedure di prova delle

Dettagli

Mescolatore Tipo a V. I Applicazione. I Principio di funzionamento

Mescolatore Tipo a V. I Applicazione. I Principio di funzionamento MS I Applicazione Il mescolatore tipo a V realizza una miscelazione omogenea dei solidi. Il processo di miscelazione è un operazione comune nella produzione destinata all industria farmaceutica e sanitaria

Dettagli

14.4 Pompe centrifughe

14.4 Pompe centrifughe 14.4 Pompe centrifughe Le pompe centrifughe sono molto diffuse in quanto offrono una notevole resistenza all usura, elevato numero di giri e quindi facile accoppiamento diretto con i motori elettrici,

Dettagli

Ventilatori. Generalità e classificazione VENTILATORI. Apparecchi per il trasporto degli aeriformi (pneumofore) e pompe da vuoto

Ventilatori. Generalità e classificazione VENTILATORI. Apparecchi per il trasporto degli aeriformi (pneumofore) e pompe da vuoto Generalità e classificazione Apparecchi per il trasporto degli aeriformi (pneumofore) e pompe da vuoto MACCHINE PNEUMOFORE BASSE P applicano energia cinetica Elicoidali In base al moto dell aria Centrifughi

Dettagli

Sistemi di trasporto centralizzati

Sistemi di trasporto centralizzati Sistemi di trasporto centralizzati Italiano Con elevata capacità di engineering, Piovan realizza impianti di trasporto specifi ci per le diverse esigenze produttive e tipologie di materiali. Un intera

Dettagli

Sistemi di bonifica dell ambiente

Sistemi di bonifica dell ambiente Sistemi di bonifica dell ambiente Per definire il tipo di zona pericolosa generata dalla sorgente di emissione (per effetto della fuoriuscita della polvere dal sistema di contenimento) AtexPOLVERI chiede

Dettagli

Il trasporto dei SOLIDI

Il trasporto dei SOLIDI 1 Il trasporto dei SOLIDI 1. Generalità e classificazione degli apparecchi Nell industria chimica i materiali solidi, siano essi materie prime, o prodotti intermedi, o prodotti finiti, nel ciclo di lavorazione

Dettagli

Istruzioni d uso Stazione di filtrazione

Istruzioni d uso Stazione di filtrazione Stazione di filtrazione Costruttore: deconta GmbH Im Geer 20, 46419 Isselburg N del tipo.: 406 N di serie.:... Indice 1 Indicazioni fondamentali per la sicurezza 3 pagina 2 Descrizione tecnica 4 2.1 Modo

Dettagli

COSTRUZIONI BERGAMASCO S.R.L. IMPIANTO DI POLVERIZZAZIONE D1400

COSTRUZIONI BERGAMASCO S.R.L. IMPIANTO DI POLVERIZZAZIONE D1400 IMPIANTO DI POLVERIZZAZIONE D1400 DESCRIZIONE L'impianto di polverizzatore RUBER SELECTY D1400 si pone all avanguardia dei sistemi basati sulla macinazione ad urto del prodotto ed è il frutto della pluridecennale

Dettagli

Workshop: Gestire la Sicurezza di Processo

Workshop: Gestire la Sicurezza di Processo Workshop: Gestire la Sicurezza di Processo ing. Nicola Mazzei Laboratorio Infiammabilità ed Esplosioni Innovhub - Stazioni Sperimentali per l Industria Tel: 02-51604.256 Fax: 02-514286 mazzei@ssc.it 1

Dettagli

PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA

PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA Comando pneumatico: è costituito da un insieme di tubazioni e valvole, percorse da aria compressa, che collegano una centrale di compressione ad una

Dettagli

Schema piezometrico di un generico impianto di sollevamento.

Schema piezometrico di un generico impianto di sollevamento. La scelta della pompa da inserire in un generico impianto di sollevamento (Figura 9-) che debba sollevare un assegnata portata non è univoca se a priori non sono assegnati anche il tipo e il diametro delle

Dettagli

Presentazione. Impianti di aspirazione centralizzati a bassa pressione ATEX per polveri potenzialmente esplosive KOMSAITALIASRL

Presentazione. Impianti di aspirazione centralizzati a bassa pressione ATEX per polveri potenzialmente esplosive KOMSAITALIASRL 1 Presentazione Impianti di aspirazione centralizzati a bassa pressione ATEX per polveri potenzialmente esplosive ARCH. PIER GIORGIO AMATI KOMSA ITALIA SRL www.komsa.it Unindustria Pordenone, 18/11/2010

Dettagli

B.T. Bart-technology S.r.l.

B.T. Bart-technology S.r.l. PRESENTAZIONE La Bart-technology S.r.l. opera sul mercato nazionale ed estero come società di tecnologia impiantistica, continuando la tradizione di designer e produzione delle Officine Meccaniche Molteni;

Dettagli

I Applicazione. I Principio di funzionamento. I Disegno e caratteristiche. I Materiali

I Applicazione. I Principio di funzionamento. I Disegno e caratteristiche. I Materiali I Applicazione La gamma dei Dissolutori Triblender si utilizza per la dissoluzione di solidi nei liquidi. Offrono una soluzione ideale nell'industria alimentare per la ricostituzione di latte in polvere,

Dettagli

ALLEGATO 3. EMISSIONI IN ATMOSFERA (prot. 962886 del 19.12.11) SCARICO IDRICI (prot. 962886 del 19.12.11) fonte: http://burc.regione.campania.

ALLEGATO 3. EMISSIONI IN ATMOSFERA (prot. 962886 del 19.12.11) SCARICO IDRICI (prot. 962886 del 19.12.11) fonte: http://burc.regione.campania. ALLEGATO 3 EMISSIONI IN ATMOSFERA (prot. 962886 del 19.12.11) SCARICO IDRICI (prot. 962886 del 19.12.11) Sezione L.1: EMISSIONI N camino 1 Posizione Amm.va 2 1 E1 2 E2 3 E3 3 E3 Reparto/fase/ blocco/linea

Dettagli

BILANCIA MANUALE. Bilancia insaccatrice per sacchi bocca aperta, per prodotti in granuli, polveri, scaglie e Pellet.

BILANCIA MANUALE. Bilancia insaccatrice per sacchi bocca aperta, per prodotti in granuli, polveri, scaglie e Pellet. INSACCO BILANCIA MANUALE Bilancia insaccatrice per sacchi bocca aperta, per prodotti in granuli, polveri, scaglie e Pellet. CARATTERISTICHE: Sistema di pesatura omologato ufficio metrico Movimentazione

Dettagli

Mescolatore Tipo Biconico

Mescolatore Tipo Biconico MS I Applicazione Il miscelatore tipo biconico realiza una miscelazione omogenea dei solidi. Il processo di miscelazione è una operazione comune nella produzione destinata all industria farmaceutica,alimentare,

Dettagli

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ]

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ] Idrogeologia Oltre alle proprietà indici del terreno che servono a classificarlo e che costituiscono le basi per utilizzare con facilità l esperienza raccolta nei vari problemi geotecnici, è necessario

Dettagli

Capitolo 03 LA PRESSIONE ATMOSFERICA. 3.1 Esperienza del Torricelli 3.2 Unità di misura delle pressioni

Capitolo 03 LA PRESSIONE ATMOSFERICA. 3.1 Esperienza del Torricelli 3.2 Unità di misura delle pressioni Capitolo 03 LA PRESSIONE ATMOSFERICA 3.1 Esperienza del Torricelli 3.2 Unità di misura delle pressioni 12 3.1 Peso dell aria I corpi solidi hanno un loro peso, ma anche i corpi gassosi e quindi l aria,

Dettagli

DISPENSA DI PNEUMATICA

DISPENSA DI PNEUMATICA DISENS DI NEUMTIC 1 RESSIONE La pressione è una grandezza fisica derivata dal rapporto tra forza e superficie. L unità di misura internazionale della pressione è il ascal, anche se è più comodo utilizzare

Dettagli

Classificazione delle pompe. Pompe rotative volumetriche POMPE ROTATIVE. POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... VOLUMETRICHE

Classificazione delle pompe. Pompe rotative volumetriche POMPE ROTATIVE. POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... VOLUMETRICHE Classificazione delle pompe Pompe rotative volumetriche POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... POMPE ROTATIVE VOLUMETRICHE Pompe rotative volumetriche Principio di funzionamento Le pompe rotative sono caratterizzate

Dettagli

Le pompe (Febbraio 2009)

Le pompe (Febbraio 2009) Le pompe (Febbraio 2009) Sommario Premessa 2 Classificazione e campi d impiego delle pompe 3 Prevalenza della pompa 4 Portata della pompa 6 Potenza della pompa 6 Cavitazione 6 Perdite di carico 6 Curve

Dettagli

L uso delle pompe negli interventi di Protazione Civile

L uso delle pompe negli interventi di Protazione Civile 1 Pompe Le pompe, più propriamente chiamate macchine idrauliche operatrici, sono quei macchinari che, opportunamente azionati da motrici di diverso tipo, comunicano energia ad un fluido per sollevarlo

Dettagli

POMPE TRAVASO BENZINA

POMPE TRAVASO BENZINA POMPE TRAVASO BENINA 6561 Pompa pneumatica rotativa a palette per travaso benzina, autoadescante, corpo in ghisa con trattamento anticorrosione e rotore in plastica. Fornita completa di cavo di messa a

Dettagli

LISTINO PREZZI 2013. Listino prezzi valido dal 01-07-2013. La società si riserva il diritto di modificare i propri prodotti senza preavviso.

LISTINO PREZZI 2013. Listino prezzi valido dal 01-07-2013. La società si riserva il diritto di modificare i propri prodotti senza preavviso. LISTINO PREZZI 2013 Ciudad Tecnológica Valnalón C/ Hornos Altos s/n, Nave 4 y 6 33930 Langreo-Asturias (Spagna) Tel: +34 985 673 790 Fax: +34 985 683 193 Mail: info@supersilo.es Listino prezzi valido dal

Dettagli

Per poter operare su un grande varietà di pezzi, la gamma delle macchine granigliatrici/sabbiatrici/pallinatrici disponibili è molto ampia.

Per poter operare su un grande varietà di pezzi, la gamma delle macchine granigliatrici/sabbiatrici/pallinatrici disponibili è molto ampia. Gli impianti di granigliatura/sabbiatura Descrizione generale del funzionamento e principali gruppi componenti Per poter operare su un grande varietà di pezzi, la gamma delle macchine granigliatrici/sabbiatrici/pallinatrici

Dettagli

VENTILATORI TRL /FRL/FEA

VENTILATORI TRL /FRL/FEA VENTILATORI TRL /FRL/FEA TRL/FEA/FRL I ventilatori Kongskilde FRL, FEA e TRL formano una gamma ben collaudata di ventilatori, ideali per una vasta gamma di applicazioni industriali e per fornire energia

Dettagli

B.T. Bart-technology S.r.l.

B.T. Bart-technology S.r.l. DISPERSORI MESCOLATORI DA BANCO Per lavorazioni anche sottovuoto 15/23 Dispersione sia in vasche che in latte commerciali di capacità geometrica compresa tra 2,5 e 20 litri, potenza 1,5 Kw, inverter 1,5

Dettagli

MACCHINE IDRAULICHE Le macchine idrauliche si suddividono in. ELEMENTI DI IDRODINAMICA (3 a PARTE)

MACCHINE IDRAULICHE Le macchine idrauliche si suddividono in. ELEMENTI DI IDRODINAMICA (3 a PARTE) ELEMENTI DI IDRODINAMICA (3 a PARTE) PERDITE DI CARICO NEI TUBI Le tubature comunemente utilizzate in impiantistica sono a sezione circolare e costante, con conseguente velocità del liquido uniforme e

Dettagli

MACCHINE DA TINTURA VERTICALI MODELLO GS

MACCHINE DA TINTURA VERTICALI MODELLO GS MACCHINE DA TINTURA VERTICALI MODELLO GS Queste macchine verticali di tintura ad alta temperatura e pressione sono il risultato di una costante e continua ricerca di miglioramenti, lavorando in stretto

Dettagli

CALDAIE A PELLET HPK-RA 12,5-160

CALDAIE A PELLET HPK-RA 12,5-160 CALDAIE A PELLET HPK-RA 1,5-160 8 4 7 6 5 caldaie a pellet Caldaia a pellet C 3 1 9 HPK-RA 1,5-160 10 Grado d efficienza di tutti gli impianti a pieno carico e a carico parziale maggiore del > 93,7%!!

Dettagli

TRISK Gun Washer TRISK GUN WASHER ACQUA1000. automotive technology catalog

TRISK Gun Washer TRISK GUN WASHER ACQUA1000. automotive technology catalog TRISK Gun Washer automotive technology catalog TRISK GUN WASHER ACQUA1000 TRISK leader nel settore autocarrozzeria oggi introduce una nuova versione di vasche lavaerografi che prevede un sistema integrale

Dettagli

depolverazione POLJET Filtri a maniche autopulenti

depolverazione POLJET Filtri a maniche autopulenti 26 depolverazione POLJET Filtri a autopulenti DESCRIZIONE I depolveratori della serie POLJET sono filtri a e come tali sfruttano la filtrazione tessile. Nel caso specifico si tratta di una filtrazione

Dettagli

Irroratrice: ATV 3000

Irroratrice: ATV 3000 SERVIZIO DI ACCERTAMENTO DELLE CARATTERISTICHE FUNZIONALI E DELLA SICUREZZA DELLE MACCHINE AGRICOLE Irroratrice: ATV 3000 Centro prova: Ditta costruttrice: AGRICOLMECCANICA Srl Stradone Zuino Nord, 4050

Dettagli

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Maintenance Stories Fatti di Manutenzione Kilometro Rosso - Bergamo 13 novembre 2013 La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Guido Belforte Politecnico

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL USO Depuratore-Disoleatore MIXI D

GUIDA RAPIDA ALL USO Depuratore-Disoleatore MIXI D GUIDA RAPIDA ALL USO Depuratore-Disoleatore MIXI D INFORMAZIONI GENERALI Questo manuale e parte integrante del depuratore-disoleatore per lubrorefrigeranti e liquidi di macchine lavaggio sgrassaggio pezzi

Dettagli

Decantazione. Ne= f(re);

Decantazione. Ne= f(re); TUTTI I «PROCESSI» DELLE INDUSTRIE ALIMENTARI SONO SUDDIVISIBILI IN «OPERAZIONI UNITARIE» DETTE OPERAZIONI RAPPRESENTANO I MATTONI E POSSONO ESSERE VALUTATE INDIPENDENTEMENTE DAL PROCESSO IN CUI SONO INSERITE

Dettagli

PTT di 3.500 Kg e pertanto conducibile con Patente B. Pagina 1

PTT di 3.500 Kg e pertanto conducibile con Patente B. Pagina 1 SPAZZATRICE ASPIRANTE VELOCE mod. MINOR m 3 2 La Spazzatrice Aspirante Scarab Minor è una delle più potenti spazzatrici compatte per aree urbane. E allestita con motore Diesel VM sovralimentato (conforme

Dettagli

BIOMASSA: Sistemi di filtrazione: filtro a maniche e ciclone separatore. Gabriele Pezzini. Ingegnere Ambientale di Tama S.p.A.

BIOMASSA: Sistemi di filtrazione: filtro a maniche e ciclone separatore. Gabriele Pezzini. Ingegnere Ambientale di Tama S.p.A. BIOMASSA: OPPORTUNITA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE? VENERDI 5 GIUGNO 2015 TAIO (TN), SALA CONVEGNI C.O.CE.A. Sistemi di filtrazione: filtro a maniche e ciclone separatore Gabriele Pezzini Ingegnere Ambientale

Dettagli

Impianti di sollevamento

Impianti di sollevamento Idraulica Agraria. a.a. 2008-2009 Impianti di sollevamento Idraulica Agraria-prof. A. Capra 1 Impianto di sollevamento Nel campo gravitazionale, per effetto del dislivello piezometrico esistente tra due

Dettagli

EVOLUZIONE NELLA TRADIZIONE

EVOLUZIONE NELLA TRADIZIONE www.off-alce.it EVOLUZIONE NELLA TRADIZIONE Un importante elemento primario di misura della portata di prodotti solidi granulari o in polvere, è senza dubbio il nastro pesatore. I componenti fondamentali

Dettagli

SISTEMA AUTOMATIZZATO

SISTEMA AUTOMATIZZATO biomassa SISTEMA AUTOMATIZZATO PER CARICAMENTO PELLET E GRANULARI Un sistema completo e universale Pellet Nocciolino Gusci di frutta secca Elevato grado di automazione Adattabile su caldaie a pellet e/o

Dettagli

CAPITOLO 5 IDRAULICA

CAPITOLO 5 IDRAULICA CAPITOLO 5 IDRAULICA Cap. 5 1 FLUIDODINAMICA STUDIA I FLUIDI, IL LORO EQUILIBRIO E IL LORO MOVIMENTO FLUIDO CORPO MATERIALE CHE, A CAUSA DELLA ELEVATA MOBILITA' DELLE PARTICELLE CHE LO COMPONGONO, PUO'

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari. Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali IMPIANTI MECCANICI MATERIAL HANDLING

Università degli Studi di Cagliari. Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali IMPIANTI MECCANICI MATERIAL HANDLING Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali IMPIANTI MECCANICI MATERIAL HANDLING Ing. Pier Francesco Orrù Definizione Con il termine trasporti interni

Dettagli

(BO) T. - 40053-051/831147 - F.

(BO) T. - 40053-051/831147 - F. ENERGIA DA BIOMASSE ECONOMIC 000 * CALDAIA A LEGNA La serie ECONOMIC 000 è una rivisitazione della caldaia di tipo Cornovaglia a tiraggio naturale con tubi di ritorno orizzontali. La costruzione si avvale

Dettagli

serie EX-1 GAS AUTO Dati tecnici Depressione di esercizio mm/c.a.

serie EX-1 GAS AUTO Dati tecnici Depressione di esercizio mm/c.a. aspirazione gas di scarico dati tecnici Colore: nero Pezzature: 10 o 20 mt standard Temperature impiego: -40 C / +150 C (punte) A richiesta: EX-1 GAS AUTO - FR Autoestinguente EX-1 GAS AUTO caratteristiche

Dettagli

Impianto di trasporto pneumatico del grano

Impianto di trasporto pneumatico del grano Impianto di trasporto pneumatico del grano Soluzioni di trasporto pneumatiche Moving agriculture ahead Soffiatore ad alta pressione Ciclone di uscita Ciclone di uscita Soffiatore Punto di alimentazione

Dettagli

BIG 4 PLUS TRIFASE CARATTERISTICHE TECNICHE:

BIG 4 PLUS TRIFASE CARATTERISTICHE TECNICHE: BIG 4 PLUS TRIFASE CARATTERISTICHE TECNICHE: Tutti i componenti sono costruiti con materiali di qualità ed in grado di assicurare la massima sicurezza ed affidabilità nel tempo. Composizione macchina base

Dettagli

MASSA VOLUMICA o DENSITA

MASSA VOLUMICA o DENSITA MASSA VOLUMICA o DENSITA Massa volumica di una sostanza: è la massa di sostanza, espressa in kg, che occupa un volume pari a 1 m 3 1 m 3 di aria ha la massa di 1,2 kg 1 m 3 di acqua ha la massa di 1000

Dettagli

Particelle e dispersioni

Particelle e dispersioni Particelle e dispersioni Separatori Centrifughi Cicloni Un ciclone è essenzialmente una camera di sedimentazione in cui alla accelerazione di gravità viene sostituita l accelerazione centrifuga. I cicloni

Dettagli

G 50/2-70/2 GAS DESCRIZIONE PER CAPITOLATO DIMENSIONI

G 50/2-70/2 GAS DESCRIZIONE PER CAPITOLATO DIMENSIONI DESCRIZIONE PER CAPITOLATO I bruciatori G 50-70/2 GAS di gas ad aria soffiata di tipo bistadio sono predisposti per funzionamento a G.P.L. (con kit di trasformazione). Cofano insonorizzato sagomato in

Dettagli

MASAJA - MASAJA INOX DESCRIZIONE PER CAPITOLATO DIMENSIONI MASAJA / MASAJA INOX 29 43 55 68 88 112

MASAJA - MASAJA INOX DESCRIZIONE PER CAPITOLATO DIMENSIONI MASAJA / MASAJA INOX 29 43 55 68 88 112 MASAJA - MASAJA INOX Le caldaie a legna MASAJA e MASAJA INOX possono essere alimentate con tronchetti di lunghezza massima, a seconda dei modelli, da 500 a 1.060 mm. Corpo caldaia costituito da due elementidi

Dettagli

HQ03. pompa singola a palette tipo. 20 a 23 gpm) a 1000 rpm e 7 bar.

HQ03. pompa singola a palette tipo. 20 a 23 gpm) a 1000 rpm e 7 bar. HQ3 Descrizione generale Pompa a palette a cilindrata fissa, idraulicamente bilanciata, con portata determinata dal tipo di cartuccia utilizzato e dalla velocità di rotazione. La pompa è disponibile in

Dettagli

Impianti di produzione e distribuzione di aria compressa

Impianti di produzione e distribuzione di aria compressa Impianti di distribuzione di aria compressa 1 Applicazioni dell aria compressa L impiego dell aria compressa negli stabilimenti è ormai generalizzato per il comando, la regolazione di utenze e come forza

Dettagli

TECNICHE ANTINCENDIO LE POMPE ANTINCENDIO. Nozioni base ed indicazioni pratiche sulle POMPE AD USO ANTINCENDIO, TUBAZIONI E LORO UTILIZZO

TECNICHE ANTINCENDIO LE POMPE ANTINCENDIO. Nozioni base ed indicazioni pratiche sulle POMPE AD USO ANTINCENDIO, TUBAZIONI E LORO UTILIZZO TECNICHE ANTINCENDIO LE POMPE ANTINCENDIO Nozioni base ed indicazioni pratiche sulle POMPE AD USO ANTINCENDIO, TUBAZIONI E LORO UTILIZZO Vol AIB ProCiv Castelli Calepio Alcune considerazioni poco

Dettagli

MISURAZIONE E MONITORAGGIO DI MATERIALI SOLIDI. Elevata accuratezza Esenti da manutenzione Senza contatto

MISURAZIONE E MONITORAGGIO DI MATERIALI SOLIDI. Elevata accuratezza Esenti da manutenzione Senza contatto MISURAZIONE E MONITORAGGIO DI MATERIALI SOLIDI Elevata accuratezza Esenti da manutenzione Senza contatto M.C.A sas Via Madonna 57 20021 Bollate mca@mcastrumenti.it DYNAguard CONTROLLO DI FLUSSO PER PROCESSI

Dettagli

EPS-XPS PROCESSING MACHINES AND PLANTS

EPS-XPS PROCESSING MACHINES AND PLANTS EPS-XPS PROCESSING MACHINES AND PLANTS La srl progetta, costruisce, collauda ed installa impianti e macchine per la lavorazione dell EPS vantando 20 anni di esperienza nel settore. La continua ricerca

Dettagli

INFORMAZIONE DI PRODOTTO

INFORMAZIONE DI PRODOTTO Ci curiamo del Vostro futuro INFORMAZIONE DI PRODOTTO Bollitore combinato pipe in tank Centrale di calore HTC Manuale tecnico Solarbayer Italia srl 1 Indice Breve descrizione 2 Caratteristiche tecniche

Dettagli

AGREX S.p.A. Via Balla, 55-57 35010 Villafranca Padovana ITALY Tel.: +39 049 9075684 Fax: +39 049 9075524 www.agrex.com e-mail: info@agrex.

AGREX S.p.A. Via Balla, 55-57 35010 Villafranca Padovana ITALY Tel.: +39 049 9075684 Fax: +39 049 9075524 www.agrex.com e-mail: info@agrex. Spettabile No. 1 IMPIANTO MOLITORIO mod. AGS8-1DB/2008-1SE/12 Per la produzione di farina e granito per uso alimentare da grano tenero Capacità totale di macinazione 50t/24h circa LAY-OUT No. LAYA134A

Dettagli

IMPIANTI FRIGORIFERI: ASPETTI REALI. Certificazione Frigoristi Regolamento CE n.842/2006

IMPIANTI FRIGORIFERI: ASPETTI REALI. Certificazione Frigoristi Regolamento CE n.842/2006 IMPIANTI FRIGORIFERI: ASPETTI REALI Certificazione Frigoristi Regolamento CE n.842/2006 I PROBLEMI DI FUNZIONAMENTO Fattori Intrinseci Errato dimensionamento componenti frigoriferi Errata regolazione Inadeguata

Dettagli

Tecnologie Materie Plastiche Modulo3 INIEZIONE Lezione _01

Tecnologie Materie Plastiche Modulo3 INIEZIONE Lezione _01 ITIS Giulio Natta Istituto Tecnico Industriale per la meccanica e le materie plastiche - Liceo Scientifico Tecnologico Via XX settembre 14/A - Rivoli TO Tecnologie Materie Plastiche Modulo3 INIEZIONE Lezione

Dettagli

SCHEDA TECNICA PUNTO DI EMISSIONE N. Dati caratteristici dell emissione

SCHEDA TECNICA PUNTO DI EMISSIONE N. Dati caratteristici dell emissione Dati caratteristici dell emissione Portata normalizzata umida.................................................................. Nm3/h... Portata normalizzata secca...................................................................

Dettagli

TECNOLOGIE PER L ACQUACOLTURA

TECNOLOGIE PER L ACQUACOLTURA Scuola di specializzazione in: Allevamento, igiene, patologia delle specie acquatiche e controllo dei prodotti derivati TECNOLOGIE PER L ACQUACOLTURA PROF. MASSIMO LAZZARI Le attrezzature per l alimentazione

Dettagli

l unico sistema di trattamento dei tubi catodici che consente di tagliare la cintura antimplosione e separare i vetri in un unica stazione di lavoro.

l unico sistema di trattamento dei tubi catodici che consente di tagliare la cintura antimplosione e separare i vetri in un unica stazione di lavoro. EcoCRT : trattamento tubi catodi di monitor e televisori Un progetto : Premessa e finalità della macchina La macchina è stata progettata e realizzata per il taglio del tubo catodico (separazione pannello

Dettagli

ALLEGATO V. Parte I. 1. Disposizioni generali

ALLEGATO V. Parte I. 1. Disposizioni generali ALLEGATO V Parte I Emissioni di polveri provenienti da attività di produzione, manipolazione, trasporto, carico, scarico o stoccaggio di materiali polverulenti. 1. Disposizioni generali 1.1. Nei casi in

Dettagli

CALDAIE A CIPPATO HPK-RA 15-160

CALDAIE A CIPPATO HPK-RA 15-160 CALDAIE A CIPPATO HPK-RA -60 CALDAIE A CIPPATO HPK-RA -9 8 Certificazione TÜ 0 9 7 Rendimento indipendente dal carico termico e superiore al > 9,7%!! 6 CALDAIA PER CIPPATO HPK-RA Il corpo caldaia è realizzato

Dettagli

MONOSTADIO PLUS DI PRODOTTO. monostadio a basse emissioni inquinanti

MONOSTADIO PLUS DI PRODOTTO. monostadio a basse emissioni inquinanti MONOSTADIO monostadio a basse emissioni inquinanti Bruciatori di gasolio monostadio a basse emissioni di NOx (< 90 mg/kwh) e sonore (< 60 dba). Sono dotati di corpo in alluminio, struttura con un sistema

Dettagli

DISCIPLINARE ELEMENTI TECNICI

DISCIPLINARE ELEMENTI TECNICI LAVORI DI COSTRUZIONE DEL DEPURATORE COMUNALE PROGETTO DEFINITIVO DISCIPLINARE ELEMENTI TECNICI nell ambito del progetto definitivo per la realizzazione di impianto comunale per la depurazione delle acque

Dettagli

LEGGE DI STEVIN (EQUAZIONE FONDAMENTALE DELLA STATICA DEI FLUIDI PESANTI INCOMPRIMIBILI) z + p / γ = costante

LEGGE DI STEVIN (EQUAZIONE FONDAMENTALE DELLA STATICA DEI FLUIDI PESANTI INCOMPRIMIBILI) z + p / γ = costante IDRAULICA LEGGE DI STEVIN (EQUAZIONE FONDAMENTALE DELLA STATICA DEI FLUIDI PESANTI INCOMPRIMIBILI) z + p / γ = costante 2 LEGGE DI STEVIN Z = ALTEZZA GEODETICA ENERGIA POTENZIALE PER UNITA DI PESO p /

Dettagli

ver 3.1.4 VERSIONE BASE VERSIONE AVANZATA MANUALE UTENTE (01/10/2006 12.25)

ver 3.1.4 VERSIONE BASE VERSIONE AVANZATA MANUALE UTENTE (01/10/2006 12.25) ver 3.1.4 VERSIONE BASE VERSIONE AVANZATA MANUALE UTENTE (01/10/2006 12.25) Sommario 1 DESCRIZIONE... 2 1.1 LIMITI VERSIONE DIMOSTRATIVA... 2 1.2 INSTALLAZIONE... 2 1.2.1 Installazione completa...2 1.2.2

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA IMPIANTO DI POMPAGGIO PER IL TRAVASO DI LIQUIDI CARBURANTI PER AUTOCARRI DOTATI DI CISTERNA

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA IMPIANTO DI POMPAGGIO PER IL TRAVASO DI LIQUIDI CARBURANTI PER AUTOCARRI DOTATI DI CISTERNA ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA SECONDA FACOLTA DI INGEGNERIA CON SEDE A CESENA Sede di Forlì IMPIANTO DI POMPAGGIO PER IL TRAVASO DI LIQUIDI CARBURANTI PER AUTOCARRI DOTATI DI CISTERNA ELABORATO

Dettagli

Guida per un corretto utilizzo di SUPERCAP

Guida per un corretto utilizzo di SUPERCAP Guida per un corretto utilizzo di SUPERCAP 1-2 - 3 - TAPPI VINO PREMESSA Data la variabilità delle tipologie dei vini, dei processi di produzione e di imbottigliamento, il tappo SUPERCAP deve essere utilizzato

Dettagli

scavo sicuro - Spazi confinati

scavo sicuro - Spazi confinati scavo sicuro - Spazi confinati scavo sicuro ASPIRAZIONE DI QUALSIASI MATERIALE SOLIDO, LIQUIDO, MELMOSO Aspiriamo 150 m di distanza + 30 m di profondità Gli Escavatori a Risucchio della Gerotto Federico

Dettagli

FILTRI AUTOMATICI AUTOPULENTI CON ATTACCHI 8 14 PER PORTATE FINO A 1000 MC/H

FILTRI AUTOMATICI AUTOPULENTI CON ATTACCHI 8 14 PER PORTATE FINO A 1000 MC/H FILTRI AMIAD MODELLO EBS FLUXA Fluxa Filtri S.p.A. Via Alberto Mario, 19 20149 Milano Tel. 0243808.1 (15 linee) Fax 024817227-0248012614 e-mail: liquid@fluxafiltri.com sito-www:fluxafiltri.com Agente per

Dettagli

Hoefer SG15, SG30, SG50 e SG100

Hoefer SG15, SG30, SG50 e SG100 man uale utente Italiano Hoefer SG15, SG30, SG50 e SG100 Gradiente makers mu SG100-IM/Italian/Rev.C0/08-12 Indice 1. Introduzione: Hoefer SG15, SG30, SG50, SG100 e produttori di gradiente...1 2. Generazione

Dettagli

CENTRIFUGAZIONE. Centrifugazione. Forza centrifuga e caratteristiche costruttive. Forza centrifuga e caratteristiche costruttive. (v =!

CENTRIFUGAZIONE. Centrifugazione. Forza centrifuga e caratteristiche costruttive. Forza centrifuga e caratteristiche costruttive. (v =! CENTRIFUGAZIONE Prof.ssa Silvia Recchia Centrifugazione Alle sospensioni viene applicato un campo gravitazionale artificiale attraverso la rotazione ad alta velocità (campo centrifugo). Per la separazione

Dettagli

SISTEMA DI POMPAGGIO (introduzione)

SISTEMA DI POMPAGGIO (introduzione) SISTEMA DI POMPAGGIO (introduzione) Si utilizzano le pompe, per il sollevamento dell acqua dai pozzi e per inviarla ai serbatoi o inviarla ad una rete di distribuzione e comunque per trasferire l acqua

Dettagli

COMUNE DI CHIUSI (PROVINCIA DI SIENA)

COMUNE DI CHIUSI (PROVINCIA DI SIENA) COMUNE DI CHIUSI (PROVINCIA DI SIENA) PROGETTO ESECUTIVO Depurazione di Chiusi, Sarteano e Cetona Ampliamento impianto di depurazione e collettori fognari al servizio della località Querce al Pino DIMENSIONAMENTO

Dettagli

Sviluppo della Tecnologia Nederman sui Filtri FS. Soluzioni per Fonderie

Sviluppo della Tecnologia Nederman sui Filtri FS. Soluzioni per Fonderie Sviluppo della Tecnologia Nederman sui Filtri FS Soluzioni per Fonderie 1 Storia dell azienda 1966 Fondazione Garant GmbH 1978 BMD-Garant GmbH 1986 DISA acquisisce BMD-Garant GmbH 1987 Cambio del nome

Dettagli

BANCO PROVA AUTOMATICO PER POMPE VOLUMETRICHE ACQUA FINO A 30 KW POMPE PER IRRORAZIONE POMPE PER IDROPULITRICI

BANCO PROVA AUTOMATICO PER POMPE VOLUMETRICHE ACQUA FINO A 30 KW POMPE PER IRRORAZIONE POMPE PER IDROPULITRICI BANCO PROVA AUTOMATICO PER POMPE VOLUMETRICHE ACQUA FINO A 30 KW POMPE PER IRRORAZIONE POMPE PER IDROPULITRICI Caratteristiche generali Banco prova per pompe volumetriche acqua a pistoni Prova di pompe

Dettagli

Attuatori Pneumatici

Attuatori Pneumatici Gli attuatori pneumatici sono organi che compiono un lavoro meccanico usando come vettore di energia l aria compressa con indubbi vantaggi in termini di pulizia, antideflagranza, innocuità e insensibilità

Dettagli

Misurazione della portata, rumorosità e lay-out impiantistico degli impianti di aspirazione

Misurazione della portata, rumorosità e lay-out impiantistico degli impianti di aspirazione ALLEGATO 6 Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Lombardia -------------------------------- Documento d inquadramento per le cappe chimiche nei Dipartimenti Provinciali dell ARPA Lombardia.

Dettagli

JM 9/2-16/2 - G 26/2 GAS

JM 9/2-16/2 - G 26/2 GAS DESCRIZIONE PER CAPITOLATO I bruciatori JM 9/2-16/2 GAS e di gas ad aria soffiata di tipo bistadio sono predisposti per funzionamento a G.P.L. (kit di trasformazione in dotazione sui modelli:, ). Cofano

Dettagli

Bracci di aspirazione alla fonte per ogni tipo di applicazione

Bracci di aspirazione alla fonte per ogni tipo di applicazione Bracci di aspirazione alla fonte per ogni tipo di applicazione Migliora il tuo ambiente di lavoro! Un ambiente di lavoro libero da fumi, polveri e particelle nocive è un bene sotto molti aspetti. Le condizioni

Dettagli

ARES Condensing 32 Caldaia a basamento, a condensazione, per solo riscaldamento

ARES Condensing 32 Caldaia a basamento, a condensazione, per solo riscaldamento 66 ARES Condensing 32 Caldaia a basamento, a condensazione, per solo riscaldamento VANTAGGI E CARATTERISTICHE GENERALI PREDISPOSTA PER FUNZIONAMENTO INDIPENDENTE O IN CASCATA ARES Condensing 32 può essere

Dettagli

ProChem GmbH 1 L IMPRESA. Servizi chimici Laboratorio Locale tecnico - Produzione

ProChem GmbH 1 L IMPRESA. Servizi chimici Laboratorio Locale tecnico - Produzione ProChem GmbH 1 We L IMPRESA Servizi chimici Laboratorio Locale tecnico - Produzione ProChem GmbH 2 Introduzione Dal 1998 ProChem GmbH produce materie prime e prodotti finiti per l industria chimica e farmaceutica.

Dettagli

Pulizia. Doppio Pulitore e Aspiratori

Pulizia. Doppio Pulitore e Aspiratori Pulizia Doppio Pulitore e Aspiratori Aspiratori KF 12 modalità di lavoro. KF 12. Il soffiatore FRL 10 può essere utilizzato per aspirare la polvere, per esempio, quando si scarica il grano essicato, ecc.

Dettagli

MOVIMENTO DI GAS (ARIA)

MOVIMENTO DI GAS (ARIA) BONIFICA ACUSTICA: MOVIMENTO DI GAS (ARIA) Affrontiamo questo problema inizialmente esaminando un impianto RCV (raffreddamento, condizionamento, ventilazione) La generazione del rumore Le cause della rumorosità

Dettagli

Energia idroelettrica

Energia idroelettrica Energia idroelettrica L'energia idroelettrica è una fonte di energia alternativa e rinnovabile, che sfrutta la trasformazione dell'energia potenziale gravitazionale, posseduta da una certa massa d'acqua

Dettagli

Problematiche metrologiche nella misura della concentrazione delle polveri

Problematiche metrologiche nella misura della concentrazione delle polveri Il Progetto MetA La Metrologia dell Ambiente Problematiche metrologiche nella misura della concentrazione delle polveri Ing. Agostino Viola Università degli Studi di Cassino Facoltà di ingegneria DiMSAT

Dettagli

MECSPE FIERE DI PARMA 26 marzo 2010

MECSPE FIERE DI PARMA 26 marzo 2010 MECSPE FIERE DI PARMA 26 marzo 2010 PNEUMATICA L efficienza negli impianti e nei sistemi pneumatici Guido Belforte, Gabriella Eula Politecnico di Torino Dipartimento di Meccanica CONDIZIONI DI RIFERIMENTO

Dettagli

Riunione agenti 2015

Riunione agenti 2015 Riunione agenti 2015 2. Dielle Carinci Progetto stufe a pellet 2. Filosofia Dielle Dielle è ricerca, innovazione, rispetto della natura, miglioramento continuo, per una totale soddisfazione del cliente.

Dettagli

1- DESCRIZIONE GENERALE

1- DESCRIZIONE GENERALE PPR REELLEEV VA AC CA AM MPPIIO ON NII A AU UTTO OM MA ATTIIC CO O -- H HEER RO ON N 33000000 1- DESCRIZIONE GENERALE Il sistema di campionatura automatico del seme proposto dalla società francese TPLG

Dettagli

M A C C H I N E P E R L A P U L I Z I A I N D U S T R I A L E E U R B A N A

M A C C H I N E P E R L A P U L I Z I A I N D U S T R I A L E E U R B A N A 5000 ZERO EMISSIONS Il concetto La spazzatrice Dulevo 5000 Zero Emissions è l unica spazzatrice meccanico-aspirante al mondo alimentata a gas metano. Senza modificarne la capacità di spazzamento, Dulevo

Dettagli

LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SCARICO

LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SCARICO Impianto di scarico - Pressioni Impianto di scarico Per impianto di scarico si intende quell insieme di tubazioni, raccordi e apparecchiature necessarie a ricevere, convogliare e smaltire le acque usate

Dettagli

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA DIAMO UNA MANO ALLA NATURA ABBATTITORI A RICIRCOLO DI ACQUA (SCRUBBER A TORRE) I sistemi di abbattimento a scrubber rappresentano un ottima alternativa a sistemi di diversa tecnologia (a secco, per assorbimento,

Dettagli

Viene riportato il ciclo produttivo dello stabilimento di Busca aggiornato sulla situazione produttiva dello stabilimento per l anno 2011.

Viene riportato il ciclo produttivo dello stabilimento di Busca aggiornato sulla situazione produttiva dello stabilimento per l anno 2011. Parte seconda: Cicli produttivi 2. CICLI PRODUTTIVI E ATTIVITA PRODUTTIVE Viene riportato il ciclo produttivo dello stabilimento di Busca aggiornato sulla situazione produttiva dello stabilimento per l

Dettagli