Benestare Tecnico Europeo. ETA 10/0389 del 01/12/2014. Aspetti generali. Istituto Austriaco di Ingegneria Edile (OIB)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Benestare Tecnico Europeo. ETA 10/0389 del 01/12/2014. Aspetti generali. Istituto Austriaco di Ingegneria Edile (OIB)"

Transcript

1 Benestare Tecnico Europeo Aspetti generali Ente omologatore tecnico rilasciante l'eta Denominazione commerciale del prodotto da costruzione Famiglia di prodotti a cui appartiene il prodotto da costruzione Produttore Stabilimento di produzione Il presente Benestare Tecnico Europeo contiene ETA 10/0389 del 01/12/2014 Istituto Austriaco di Ingegneria Edile (OIB) Sigillante Antifuoco Acrilico Hilti CFS S ACR Prodotto sigillante e antifuoco: Sigillanti per giunti lineari Hilti AG Feldkircherstrasse Schaan Liechtenstein Stabilimento Hilti CP606 Stabilimento Hilti 4a 18 pagine compresi 4 allegati che costituiscono parte integrante del presente benestare: Il presente Benestare Tecnico Europeo è rilasciato in conformità con il regolamento (UE) no. 305/2011, sulla base di Questa versione sostituisce Linea guida per il Benestare Tecnico Europeo (ETAG) n di Prodotti Sigillanti e Antifuoco - Parte 2: Sigillature di attraversamenti, edizione agosto 2011, utilizzata come Documento di Valutazione Europea (EAD) Benestare tecnico europeo ETA 10/0389 con validità da a La traduzione in altre lingue del presente Benestare Tecnico Europeo deve corrispondere appieno al documento originale e deve essere identificata in quanto tale. La comunicazione di questo Benestare Tecnico Europeo, inclusa la trasmissione elettronica, deve avvenire in versione integrale (a eccezione degli Allegati riservati cui si fa riferimento sopra). Tuttavia, una riproduzione parziale può essere effettuata con il consenso scritto dell Österreichisches Institut für Bautechnik, Vienna. L eventuale riproduzione parziale deve essere identificata come tale.

2 Pagina 3 del Benestare Tecnico Europeo di ETA-xx/aaaa, 1 Parti specifiche 1.1 Descrizione tecnica del prodotto Designazione del prodotto Il sigillante acrilico resistente al fuoco Hilti CFS-S ACR è un sigillante utilizzato per formare un giunto lineare con lana minerale oppure cordone in lana minerale Hilti CFS-CO come materiale di riempimento. Per i dettagli relativi al disegno di sigillatura in funzione dell orientamento, degli elementi costruttivi che formano il giunto o il materiale di riempimento e relative classificazioni si rimanda all Allegato 3 Per ulteriori particolari sul sigillante acrilico resistente al fuoco Hilti CFS-S ACR e sul cordone in lana minerale Hilti CFS-CO si rimanda all Allegato 3. Per una specifica relativa alla lana minerale idonea vedere l Allegato 3. Per una descrizione della procedura di installazione vedere l'allegato 4. 2 Specifica della destinazione d uso in conformità con il Documento di Valutazione Europea (di seguito EAD) 2.1 Destinazione d uso La destinazione d uso del sigillante acrilico resistente al fuoco Hilti CFS-S ACR consiste nel ripristinare la prestazione di resistenza al fuoco di costruzioni di pareti flessibili, costruzioni di pareti rigide, costruzioni di solai rigidi e costruzioni di acciaio orizzontali e verticali lungo giunti lineari all'interno di quelle costruzioni oppure laddove esse siano adiacenti ad un altra costruzione di solaio o parete. Gli elementi specifici della costruzione nei quali è possibile utilizzare il sigillante acrilico resistente al fuoco Hilti CFS-S ACR per realizzare una sigillatura lineare sono i seguenti: - Pareti flessibili: - Pareti rigide: - Solai rigidi: - Costruzioni di acciaio: Per specifiche dettagliate degli elementi della costruzione vedere Allegato 3 La struttura di supporto deve essere classificata in conformità con la EN per il periodo di resistenza al fuoco richiesto. 2.2 Categoria d uso Il sigillante acrilico resistente al fuoco Hilti CFS-S ACR è stato testato in conformità con EOTA TR 024, Tabella 4.2 per la categoria d uso Y2 specificata in EOTA ETAG e i risultati del test hanno dimostrato l idoneità dei sigillanti in presenza di temperature comprese tra -5 C e +70 C ma senza esposizione a pioggia o a UV (Y 2, (-5/+70) C ). 2.3 Presupposti generali Si presuppone che: - i danni alla sigillatura di attraversamento siano riparati adeguatamente, - l'installazione della sigillatura di attraversamento non influenza la stabilità dell elemento costruttivo adiacente - anche in caso di incendio, - l architrave o il solaio sopra la sigillatura di attraversamento sono progettati strutturalmente e in termini di protezione antincendio in modo tale che nessun carico meccanico aggiuntivo (oltre al suo peso) venga imposto sulla sigillatura di attraversamento,

3 Pagina 4 del Benestare Tecnico Europeo di ETA-xx/aaaa, - il rivestimento dell apertura all interno di una parete flessibile è supportata dai perni (traversi e montanti) in modo tale che il carico meccanico imposto sul rivestimento dell apertura non influenzi la stabilità del rivestimento dell apertura e la parete flessibile, - le installazioni sono fissate all elemento costruttivo adiacente in conformità con le normative vigenti in modo tale che, in caso di incendio, nessun carico meccanico aggiuntivo venga imposto sulla sigillatura di attraversamento, 2.4 Controllo della produzione Il Benestare Tecnico Europeo viene rilasciato per il prodotto sulla base di dati ed informazioni specifiche ed è stato depositato presso l Österreichisches Institut für Bautechnik che identifica il prodotto valutato e giudicato. Modifiche al prodotto o al processo di produzione in base alle quali dette informazioni o detti dati depositati potrebbero risultare imprecisi devono essere notificate all Österreichisches Institut für Bautechnik prima di essere introdotte. L Österreichisches Institut für Bautechnik deciderà se queste modifiche influenzeranno o meno il Benestare Tecnico Europeo e di conseguenza la validità della marcatura CE sulla base di quest ultimo e, in caso affermativo, se sarà necessaria una valutazione successiva o emendamenti ulteriori al Benestare Tecnico Europeo. 2.5 Installazione Il prodotto deve essere installato e utilizzato come descritto precedentemente nel presente Benestare Tecnico Europeo. Una marcatura aggiuntiva della sigillatura di attraversamento verrà effettuata in caso di requisiti nazionali. 3 Performance del prodotto e riferimenti ai metodi usati per la sua valutazione Requisiti di base per lavori di costruzione Caratteristiche essenziali Metodo di verifica BWR 1 Nessuna Non rilevante BWR 2 BWR 3 BWR 4 BWR 5 Reazione al fuoco EN Resistenza al fuoco Permeabilità all aria (proprietà materiale) Permeabilità all acqua (proprietà materiale) Contenuto e/o rilascio di sostanze pericolose EN :2007+A1:2009 EN 1026 ETAG Stabilità e resistenza meccanica ETAG Resistenza agli urti / movimenti ETAG Adesione ISO Isolamento acustico per via aerea Direttiva del Consiglio Europeo 67/548/EEC - Direttiva sulle Sostanze Pericolose e Regolamento (CE) No. 1272/2008 EN ISO / / Prestazione classe D

4 Pagina 5 del Benestare Tecnico Europeo di ETA-xx/aaaa, BWR 6 BWR 7 Proprietà termiche Permeabilità al vapore acqueo Nessuna prestazione determinata Nessuna prestazione determinata Nessuna prestazione determinata Stabilità e resistenza meccanica (BWR 1) Non rilevante. 3.2 Sicurezza in caso di incendio (BWR 2) Reazione al fuoco La classificazione della reazione al fuoco del sigillante acrilico resistente al fuoco Hilti CFS-S ACR corrisponde alla classe 'D - s1 d0' in conformità con la EN La reazione al fuoco del cordone in lana minerale Hilti CFS-CO corrisponde alla classe 'A1' in conformità con la EN I componenti del prodotto da costruzione xxx sono stati valutati ai sensi di ETAG 026-Parte 2 utilizzato come EAD articolo e classificati secondo EN Resistenza al fuoco Il sigillante acrilico resistente al fuoco Hilti CFS-S ACR è stato testato in conformità con la EN :2006, installato all interno di giunti lineari in pareti flessibili e rigide, costruzioni di acciaio e solai. Come materiale di riempimento è stata utilizzata lana minerale Rockwool RP-V e Termarock 40 così come il cordone in lana minerale CFS-CO. In base ai risultati di questi test e al campo di applicazione diretta specificato nella EN :2006, il sigillante acrilico resistente al fuoco Hilti CFS-S ACR è stato classificato in accordo con la EN , come illustrato nell Allegato C. Per i particolari relativi alle strutture a parete e a solaio idonee vedere Allegato Igiene, salute e ambiente (BWR 3) Permeabilità all aria La permeabilità relativa ai gas aria, azoto (N2), anidride carbonica (CO 2 ) e CH 4 (metano) è stata testata in conformità ai principi della EN 1026 per uno spessore del Sigillante Acrilico pari a 10 mm. Sono state raggiunte le seguenti due portate per superficie (q/a) relativamente alle differenze di pressione atmosferica (Δp) indicate. L indice della portata indica il tipo di gas: Permeabilità ai gas del sigillante per giunti resistente al fuoco Hilti CFS-S ACR Δp [Pa] q/a aria [m 3 /(h m 2 )] q/a N 2 [m 3 /(h m 2 )] q/a CO 2 [m 3 /(h*m 2 )] q/a CH 4 [m 3 /(h*m 2 )] 50 1,9E-06 1,1E-06 6,4E-05 4,3E ,7E-06 5,5E-06 3,2E-04 2,1E-04 I valori dichiarati fanno riferimento ad un corpo di puro sigillante acrilico resistente al fuoco Hilti CFS-S ACR senza attraversamento di impianti.

5 Pagina 6 del Benestare Tecnico Europeo di ETA-xx/aaaa, Permeabilità all acqua La permeabilità all acqua è stata testata usando i principi della procedura di prova descritta nell Allegato C di ETAG I campioni erano costituiti da 2 mm di Sigillante antifuoco acrilico Hilti CFS-S ACR (spessore della pellicola asciutta) su lana minerale. Risultato della prova: tenuta a 1000 mm di colonna d acqua oppure 9806 Pa Rilascio di sostanze pericolose Hilti AG ha presentato una Scheda Tecnica di Sicurezza dei Materiali conforme al Regolamento 1907/2006/CE, articolo 31 ed una dichiarazione nella quale afferma che il sigillante acrilico resistente al fuoco Hilti CFS-S ACR è conforme al Regolamento 1907/2006/CE relativo alla registrazione, valutazione, autorizzazione e restrizione delle sostanze chimiche (REACH). È stato confermato inoltre che sostanze chimiche tossiche, cancerogene, tossiche per la riproduzione e mutagene della categoria 1 e 2 0,1 % w/w (versione: Regolamento 790/2009/CE 1 ATP del Regolamento 1272/2008/CEE) non sono utilizzate per il sigillante acrilico resistente al fuoco Hilti CFS-S ACR e che tutte le altre sostanze chimiche pericolose sono state prese in considerazione per la classificazione dei prodotti in conformità al Regolamento 1272/2008/CE (classificazione, etichettatura e confezionamento di sostanze e miscele, emendamenti compresi). Oltre alle clausole specifiche relative a sostanze pericolose contenute nel presente Benestare Tecnico Europeo, possono esserci altri requisiti applicabili ai prodotti rientranti nel suo ambito (ad es. dispositivi legislativi, regolamentari e amministrativi nazionali e legislazione europea trasposta). Al fine di soddisfare le disposizioni della Direttiva sui Prodotti da Costruzione, si devono soddisfare anche questi requisiti, qualora e nella misura in cui essi dovessero essere applicabili. 3.4 Sicurezza e accessibilità in uso (BWR 4) Stabilità e resistenza meccanica A causa della larghezza massima del giunto di 100 mm non sono necessarie prove d urto ai sensi della ETAG e pertanto non è stata determinata nessuna prestazione Resistenza agli urti / movimenti Vedere par Adesione I test relativi all adesione mirano a determinare la capacità di movimento ai sensi della norma ISO Protezione dal rumore (BWR 5) Isolamento acustico per via aerea Sono stati forniti verbali di prova relativi alla riduzione del rumore ai sensi delle norme EN ISO 140-3, EN ISO ed EN ISO I test acustici sono stati eseguiti in una parete flessibile e in una parete rigida. Il sigillante acrilico resistente al fuoco Hilti CFS-S ACR è stato testato come sigillante intorno ad un tubo di acciaio, riempito con calcestruzzo. La sigillatura aveva una larghezza di 50 mm (spazio anulare) ed era costituita da 160

6 Pagina 7 del Benestare Tecnico Europeo di ETA-xx/aaaa, mm di lana minerale, coperta da 20 mm di sigillante acrilico resistente al fuoco Hilti CFS-S ACR su entrambi i lati (parete rigida) e 50 mm di lana minerale coperta da 25 mm su entrambi i lati (parete flessibile). Questa disposizione simula un giunto lineare così come un singolo attraversamento sigillato. Il sigillante per giunti resistente al fuoco CFS-S ACR di Hilti aveva una superficie di 0,0236 m². Le caratteristiche acustiche delle pareti non sono state misurate. In base a questi verbali di prova, i singoli valori classificati sono i seguenti Parete flessibile: Livello di isolamento acustico standardizzato ponderato: D n,w = 60 db Da questo D n,w l indice di attenuazione acustica ponderato è calcolato in: R w = 53 db Struttura della parete flessibile: 2 x 12,5 mm lastre di cartongesso su entrambi i lati di un telaio con bulloni metallici da 50 mm. Lo spazio vuoto è stato riempito con una lastra di lana minerale da 50 mm. Parete rigida: Livello di isolamento acustico standardizzato ponderato: D n,w = 58 db Da questo D n,w l indice di attenuazione acustica ponderato è calcolato in: R w = 51 db Struttura della parete rigida: parete in calcestruzzo dello spessore di 200 mm con una densità di 2000 kg/m³ intonacata su entrambi i lati. Va notato che entrambi i risultati di cui sopra fanno riferimento alla costruzione complessiva della parete avente le dimensioni S = 1,25 m x 1,50 m (= 1,88 m²), ossia la parete data con 0,0236 m² di sigillante acrilico resistente al fuoco Hilti CFS-S ACR. 3.6 Risparmio energetico e ritenzione di calore (BWR 6) Proprietà termiche Non è stata determinata nessuna prestazione Permeabilità al vapore acqueo Non è stata determinata nessuna prestazione. 3.7 Uso sostenibile di risorse naturali (BWR 7) Nessuna prestazione determinata 3.8 Aspetti generali relative all idoneità all uso 4 Sistema di valutazione e verifica della costanza delle prestazioni (di seguito AVCP), con riferimento alla sua base legale 4.1 Sistema AVCP

7 Pagina 8 del Benestare Tecnico Europeo di ETA-xx/aaaa, Secondo la Delibera 1999/454/CE 1, modificata dalla Delibera 2001/596/CE 2 della Commissione Europea, si utilizza il sistema di valutazione e verifica della continuità delle prestazioni (vedere Appendice V del Regolamento (UE) n 305/2011). 5 Particolari tecnici necessari per l implementazione del sistema AVCP, come previsto nell EAD applicabile 5.1 Compiti del produttore Controllo della produzione di fabbrica Il produttore dovrà esercitare un controllo interno permanente della produzione. Tutti gli elementi, i requisiti e le disposizioni adottate dal produttore dovranno essere documentate in modo sistematico sotto forma di procedure e assicurazioni scritte, comprese registrazioni dei risultati ottenuti. Questo sistema di controllo della produzione dovrà garantire che il prodotto sia conforme al presente Benestare Tecnico Europeo. Il produttore può utilizzare soltanto i materiali costituenti / grezzi / iniziali indicati nella documentazione tecnica del presente Benestare Tecnico Europeo. Il controllo della produzione in fabbrica dovrà essere attuato in conformità con il Piano di Controllo relativo al Benestare Tecnico Europeo ETA-13/0xxx che fa parte della documentazione tecnica del presente Benestare tecnico Europeo. Il Piano di Controllo è stilato nel contesto del sistema di controllo della produzione di fabbrica gestito dal produttore ed è depositato presso l Österreichisches Institut für Bautechnik. I risultati del controllo della produzione di fabbrica verranno registrati e valutati in conformità con le disposizioni del piano di controllo Altri compiti del produttore Il produttore dovrà fornire una scheda tecnica ed istruzioni per l installazione contenenti almeno le informazioni seguenti: Scheda tecnica: Campo di applicazione: Elementi costruttivi in cui il prodotto può essere installato, il tipo e le proprietà degli elementi costruttivi come spessore minimo, densità e - in caso di strutture leggere i requisiti di costruzione. Impianti che possono attraversare l'elemento costruttivo, il tipo e le proprietà degli impianti, come materiale, diametro, spessore ecc. in caso di tubi con materiale isolante; supporti/fissaggi necessari/consentiti (per es. canaline portacavi), separazioni, ecc. Design delle Sigillature di Giunti Lineari, compresi limiti dimensionali, spessore minimo, separazioni, ecc. delle sigillature stesse. Definizioni dei prodotti ausiliari (ad es. materiale di riempimento) indicando chiaramente se sono generici o specifici. Condizioni ambientali coperte dall'eta Costruzione della sigillatura di attraversamento compresi i componenti necessari e prodotti aggiuntivi (ad es. materiale di riempimento) indicando chiaramente se sono generici o specifici. 1 2 Gazzetta Ufficiale delle Comunità Europee n L 178, 14/07/1999, pag. 52 Gazzetta Ufficiale delle Comunità Europee n L 209, 2/8/2001, pag. 33

8 Pagina 9 del Benestare Tecnico Europeo di ETA-xx/aaaa, Istruzioni per l installazione: Fasi da seguire Stipulazioni su manutenzione, riparazione e sostituzione. Sulla base di un contratto, il produttore dovrà coinvolgere un ente notificato di certificazione del prodotto, che sia approvato per i compiti precisati al paragrafo 4.1 del Benestare Tecnico Europeo nel settore del prodotto oggetto di valutazione. A tale scopo, il piano di controllo di cui ai paragrafi 5.1 e 5.2 del Benestare Tecnico Europeo deve essere inoltrato dal produttore all'ente notificato di certificazione del prodotto interessato. Il produttore dovrà rilasciare una dichiarazione di conformità indicante che il prodotto da costruzione è conforme alle disposizioni di questo Benestare Tecnico Europeo Altre prove sui campioni prelevati presso lo stabilimento Non sono richieste prove dei campioni prelevati presso lo stabilimento da parte del produttore. 5.2 Compiti dell'ente notificato di certificazione del prodotto L ente notificato dovrà agire essenzialmente in linea con gli articoli da a e dovrà riportare i risultati ottenuti e le conclusioni in una relazione scritta. Questi compiti dovranno essere eseguiti in conformità con le disposizioni contenute nel piano di controllo di questo Benestare Tecnico Europeo Determinazione del tipo di prodotto Gli enti notificati che intraprendono i compiti di cui ai Sistemi 1 devono considerare il Benestare Tecnico Europeo rilasciato per il prodotto da costruzione in questione come una valutazione delle prestazioni di tale prodotto. Gli enti notificati non dovranno quindi intraprendere i compiti indicati al punto 1.2 (b)(i), nell'appendice V del Regolamento (UE) n 305/2011 qualora non vi siano cambiamenti nella produzione o nello stabilimento di produzione del fabbricante. In questi casi, si dovranno concordare le prove iniziali di tipo necessarie tra l Österreichisches Institut für Bautechnik e l'ente notificato di certificazione interessato Ispezione iniziale dello stabilimento di produzione e del controllo della produzione di fabbrica L'ente notificato di certificazione del prodotto deve accertarsi che, in accordo con il piano di controllo, lo stabilimento di produzione, in particolare gli addetti e le attrezzature, e il sistema di controllo della produzione di fabbrica siano adeguati ad assicurare una produzione continua e ordinata del kit in accordo con e specifiche indicate nell'articolo 2 e negli Allegati di questo Benestare Tecnico Europeo Sorveglianza continua, stima e valutazione del controllo della produzione in fabbrica L'ente notificato di certificazione del prodotto effettuerà una visita presso la fabbrica almeno una volta l'anno per la sorveglianza del produttore. Si deve verificare che il sistema di controllo della produzione di fabbrica e il processo di produzione specificato vengano effettuati nel rispetto del piano di controllo.

9 Pagina 10 del Benestare Tecnico Europeo di ETA-xx/aaaa, La sorveglianza e valutazione continue del controllo di produzione in fabbrica devono essere effettuate secondo il piano di controllo. Gli esiti della sorveglianza continua devono essere resi disponibili su richiesta da parte dell'ente notificato di certificazione del prodotto o dell'österreichisches Institut für Bautechnik. Qualora non vi sia più rispondenza alle disposizioni del Benestare Tecnico Europeo e del piano di controllo, il certificato di continuità delle prestazioni verrà revocato. Pubblicato a Vienna il xx/xx/20xx dall Österreichisches Institut für Bautechnik Rainer Mikulits Direttore

10 Pagina 2 del Benestare Tecnico Europeo di ETA-xx/aaaa, ALLEGATO 1 1 Documenti di riferimento ed elenco delle abbreviazioni 1.1 Riferimenti a normative citate nell ETA EN 1026 EN Finestre e porte Permeabilità all aria Metodo di prova Prove di resistenza al fuoco per installazioni di servizio Parte 4: Sigillature di giunti lineari EN Classificazione al fuoco dei prodotti da costruzione ed elementi costruttivi Parte 1: Classificazione in base ai risultati delle prove di reazione al fuoco EN Classificazione al fuoco dei prodotti da costruzione ed elementi costruttivi Parte 2: Classificazione in base ai risultati delle prove di resistenza al fuoco EN ISO Acustica Misurazione dell isolamento acustico negli edifici e di elementi da costruzione Parte 3: Misurazione in laboratorio dell isolamento acustico per via aerea di elementi da costruzione EN ISO Acustica Misurazioni dell isolamento acustico negli edifici e di elementi da costruzione Parte 10: Misurazione in laboratorio di isolamento acustico per via aerea di piccoli elementi da costruzione EN ISO Acustica Classificazione dell isolamento acustico di edifici e di elementi da costruzione Parte 1: Isolamento acustico per via aerea 1.2 Altri documenti di riferimento: EOTA TR 001 EOTA TR 024 ISO DIN IEC Determinazione della resistenza agli urti di pannelli e assiemi di pannelli Caratterizzazione, aspetti di durabilità e controllo interno di produzione per materiali reattivi, componenti e prodotti Edilizia - Prodotti per giunti - Classificazione e requisiti per i sigillanti Metodi di prova per materiali isolanti a scopi elettrici: (VDE 0303 Part 30) Resistività volumetrica e superficiale di materiali isolanti elettrici solidi Scheda Tecnica di Sicurezza ai sensi della 1907/2006/CE, Articolo 31, per sigillante per giunti resistente al fuoco Hilti CFS-S ACR 1.3 Abbreviazioni utilizzate nei disegni Abbreviazione A, A 1, A 2,.. Prodotto antifuoco B E t A t B t E Materiale di riempimento Descrizione Elemento costruttivo (parete, solaio) Spessore del sigillante Spessore del materiale di riempimento Spessore dell elemento da costruzione / profondità del giunto

11 Pagina 3 del Benestare Tecnico Europeo di ETA-xx/aaaa, ALLEGATO 2 2 DESCRIZIONE E LETTERATURA DEL PRODOTTO 2.1 Sigillante Antifuoco Acrilico Hilti CFS S ACR Il sigillante acrilico resistente al fuoco Hilti CFS-S ACR è un prodotto monocomponente costituito essenzialmente da sostanze riempitive ed un legante acrilico. È disponibile in colori diversi. Il sigillante acrilico resistente al fuoco Hilti CFS-S ACR è fornito in cartucce da 310 e 580 ml e in secchi da 5 e 19 litri. Una specifica dettagliata del prodotto è contenuta nel documento Identificazione / Specifica del prodotto e Piano di Controllo relativamente al Benestare Tecnico Europeo ETA 10/0292 e ETA-10/0292 emesso il 22/11/2010 sigillante acrilico resistente al fuoco Hilti CFS-S ACR che costituisce una parte non pubblica del presente ETA 2.2 Prodotti ausiliari Lana minerale Prodotti in lana minerale idonei per essere usati come materiale di riempimento Caratteristiche Specifica Lana di roccia EN o EN Densità da 30 a 70 kg/m 3 Rivestimento Nessun rivestimento Al, nessun altro rivestimento 2.3 Cordone in lana minerale Hilti CFS-CO Il cordone Antifuoco Hilti CFS-CO è un cordone in lana di roccia rivestito da una maglia in fibra di vetro. È disponibile in diametri da 20, 30, 40, 50 e 60 mm per adattarsi a giunti di larghezza diversa. Una specifica dettagliata del prodotto è contenuta nel documento Identificazione / Specifica del prodotto relativamente al Benestare Tecnico Europeo ETA -10/0292 emesso il 22/11/2010 cordone in lana minerale Hilti CFS-CO che costituisce una parte non pubblica del presente ETA 2.4 Letteratura tecnica del prodotto: Scheda tecnica e istruzioni per l uso del sigillante acrilico resistente al fuoco Hilti CFS-S ACR (compreso cordone in lana minerale Hilti CFS-CO)

12 Pagina 4 del Benestare Tecnico Europeo di ETA-xx/aaaa, ALLEGATO 3 3 CLASSIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO DI SIGILLATURE PER GIUNTI LINEARI REALIZZATI CON SIGILLANTE ACRILICO RESISTENTE AL FUOCO HILTI CFS-S 3.1 Informazioni generali: Costruzioni di pareti / solai rivestiti: a) Pareti flessibili: La parete deve avere uno spessore minimo di 100 mm e comprendere pali in legno o acciaio rivestiti su entrambi i lati con minimo 2 strati di pannelli dello spessore di 12,5 mm. Per pareti con bulloni di legno deve essere presente una distanza minima di 100 mm tra la sigillatura e il bullone e la cavità tra bullone e sigillatura deve essere chiusa con un isolante minimo di 100 mm di Classe A1 o A2 (in conformità con la EN ). b) Pareti rigide: La parete deve avere uno spessore minimo di 100 mm e comprendere calcestruzzo, calcestruzzo aerato o laterizio, con una densità minima di 650 kg/m 3. c) Pareti rigide: La parete deve avere uno spessore minimo di 150 mm e comprendere calcestruzzo o laterizio, con una densità minima di 2400 kg/m 3. d) Solai rigidi: il solaio deve avere uno spessore minimo di 150 mm e comprendere calcestruzzo aerato o laterizio con una densità minima di 2400 kg/m 3. e) Costruzioni di acciaio: le costruzioni, ad es. colonne, travi o bordi dei giunti protetti da angolari di acciaio, devono formare una profondità minima della sigillatura di 150 mm. Le pareti / i solai devono essere classificati in conformità con la EN per il periodo di resistenza al fuoco richiesto oppure devono soddisfare i requisiti dell Eurocodice relativo. Questo ETA Applicazione di sigillante per giunti resistente al fuoco Hilti CFS-S ACR (A), - t A = 6 mm, compressione di lana minerale minimo 60% - t A = 10 mm, compressione di lana minerale minimo 50% - Capacità di movimento: ± 12,5% Applicazione di lana minerale (B) - compressione di lana minerale 50%, - distanza di giunzione minimo 625 mm Nelle costruzioni di pareti il sigillante è utilizzato su entrambi i lati, mentre nelle costruzioni del solaio nella maggior parte dei casi è utilizzato soltanto sul lato superiore. I bordi dei giunti molto porosi sono trattati con sigillante acrilico resistente al fuoco Hilti CFS-S ACR, diluito con acqua, per ottenere un adesione migliore

13 Pagina 5 del Benestare Tecnico Europeo di ETA-xx/aaaa, 3.2 CLASSIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO DI SIGILLATURE PER GIUNTI LINEARI REALIZZATI CON SIGILLANTE ACRILICO RESISTENTE AL FUOCO HILTI CFS-S Il sigillante acrilico resistente al fuoco Hilti CFS-S ACR (A) insieme a prodotti di lana minerale (B) come specificato nella Tabella come materiale di riempimento: t B 100 mm All interno o tra costruzioni rigide (E) ai sensi di 1.2.1c) e d) di t E 150 mm in giunti lineari con movimento massimo ± 12,5%, distanza minima di giunzione 625 mm: Per simboli e abbreviazioni vedere Allegato 1.3 tipo I Giunti verticali in / tra costruzioni di pareti tipo II Giunti di solai tipo III Giunti orizzontali in una parete adiacente a un solaio, soffitto o tetto tipo IV Giunti orizzontali in una parete adiacente a un solaio, soffitto o tetto

14 Pagina 6 del Benestare Tecnico Europeo di ETA-xx/aaaa, Orientamento Larghezza giunto (mm) Giunti verticali in / tra costruzioni di pareti (tipo I) da 6 a 20 Giunti di solai (tipo II) e a) Giunti orizzontali in una parete adiacente a un solaio, soffitto o tetto (tipo III) Giunti verticali in / tra costruzioni di pareti (tipo I) da 20 a 100 Giunti di solai (tipo II) e b) Giunti orizzontali in una parete adiacente a un solaio, soffitto o tetto (tipo III) Giunti orizzontali in una parete flessibile adiacente a un solaio, soffitto o tetto (tipo IV) a) t A = 6 mm, compressione di lana minerale minimo 60% b) t A = 10 mm, compressione di lana minerale minimo 50 Classificazione EI 180-V-M 12,5-F-W da 6 a 20 E 240-V-M 12,5-F-W da 6 a 20 EI 180-H-M 12,5-F-W da 6 a 20 EI 180-V-M 12,5-F-W da 20 a 100 E 240-V-M 12,5-F-W da 20 a 100 EI 120-H-M 12,5-F-W da 20 a 100 E 180-H-M 12,5-F-W da 20 a 100 da 6 a 30 a EI 120-T-M 12,5-F-W da 6 a Tra elementi da costruzione in acciaio ai sensi di 1.2.1e) o in costruzioni rigide ai sensi di 1.2.1c) o d) con elementi di acciaio come superfici in giunti lineari con movimento massimo ± 7,5% (giunti non di movimento), distanza minima di giunzione 1250 mm, t E 150 mm: Per simboli e abbreviazioni vedere Allegato 1.3 tipo I Giunti verticali in / tra costruzioni di pareti tipo II Giunti di solai Orientamento Larghezza giunto (mm) Giunti verticali in / tra costruzioni di pareti (tipo I) Giunti di solai (tipo II) e da 6 a 20 a) Giunti orizzontali in una parete adiacente a un solaio, soffitto o tetto Giunti verticali in / tra costruzioni di pareti (tipo I) Giunti di solai (tipo II) e da 20 a 100 b) Giunti orizzontali in una parete adiacente a un solaio, soffitto o tetto a) t A = 6 mm, compressione di lana minerale minimo 60% b) t A = 10 mm, compressione di lana minerale minimo 50% Classificazione EI 60-V-X-F-W da 6 a 20 E 240-V-X-F-W da 6 a 20 EI 120-H-X-F-W da 20 a 100 EI 60-V-X-F-W da 20 a 100 E 240-V-X-F-W da 20 a 100 EI 60-H-X-F-W da 20 a 100 E 120-H-X-F-W da 20 a All interno o tra pareti flessibili e pareti rigide ai sensi dell allegato in giunti lineari verticali con movimento massimo ± 7,5% (giunti non di movimento), distanza minima di giunzione 1250 mm, t A = 10 mm su entrambi i lati, t t E parete flessibile 150 mm:

15 Pagina 7 del Benestare Tecnico Europeo di ETA-xx/aaaa, Per simboli e abbreviazioni vedere Allegato 1.3 tipo I Giunti verticali in / tra costruzioni di pareti flessibili tipo II Giunti verticali tra costruzioni di pareti rigide e flessibili Orientamento Giunti verticali in / tra costruzioni di pareti (tipo I) Giunti verticali in / tra costruzioni di pareti (tipo II) a) t A = 6 mm, compressione di lana minerale minimo 60% b) t A = 10 mm, compressione di lana minerale minimo 50 Larghezza Classificazione giunto (mm) da 10 a 30 b) EI 120-V-X-F-W da 10 a 30 da 10 a 20 b) EI 120-V-X-F-W da 10 a CLASSIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO DI SIGILLATURE PER GIUNTI LINEARI REALIZZATI CON SIGILLANTE ACRILICO RESISTENTE AL FUOCO HILTI CFS-S AC INSIEME A CORDONE IN LANA MINERALE HILTI CFS-CO All interno di o tra elementi di pareti rigide ai sensi di 1.2.1c) in giunti verticali, all interno di solai rigidi ai sensi di 1.2.1d) e tra dette pareti e solai ( testa di giunto di parete ), t E 150 mm, con movimento massimo ± 7,5% (giunti non di movimento). In caso di due o più strati di cordoni si deve mantenere un intercapedine tra i cordoni. Spostamento delle giunzioni nei due strati di cordoni minimo 140 mm (giunti verticali, larghezza giunto 17 mm), 450 mm (giunti verticali, larghezza giunto > 17 mm) e 645 mm (giunti orizzontali). Per simboli e abbreviazioni vedere Allegato 1.3 tipo I tipo II tipo III Giunti verticali in / tra Giunti di solai Giunti orizzontali in una parete

16 Pagina 8 del Benestare Tecnico Europeo di ETA-xx/aaaa, costruzioni di pareti adiacente a un solaio, soffitto o tetto Orientamento Giunti verticali in / tra costruzioni di pareti (tipo I) Giunti di solai (tipo II) e Giunti orizzontali in una parete adiacente a un solaio, soffitto o tetto (tipo III) a) t A = 6 mm b) t A = 10 mm Larghezza giunto W (mm) Diametro di cordone in lana minerale Hilti CFS-CO da 12 a 17 a) 20 da 17 a 27 b) 30 da 27 a 37 b) 40 da 37 a 47 b) 50 da 47 a 55 b) 60 da 12 a 17 a) 20 da 17 a 27 b) 30 da 27 a 37 b) 40 da 37 a 47 b) 50 da 47 a 55 b) 60 Classificazione EI 180-V-X-F E 240-V-X-F EI 180-H-X-F All interno di costruzioni di solai rigidi (E) ai sensi di 1.2.1d), t E 150 mm, con movimento massimo ± 12,5% (solo movimento a taglio). Minimo due strati di cordoni con un intercapedine tra i cordoni ed una distanza minima di 25 mm dalle superfici della del solaio. Spostamento delle giunzioni nei due strati di cordoni minimo 100 mm (larghezza giunto 30 mm). Per simboli e abbreviazioni vedere Allegato 1.3 tipo I tipo II tipo III Giunti di solai Giunti orizzontali in una parete adiacente a un solaio, soffitto o tetto Giunti orizzontale in un solaio adiacente a una parete

17 Pagina 9 del Benestare Tecnico Europeo di ETA-xx/aaaa, Orientamento Giunti di solai (tipo I) e Giunti orizzontali in una parete adiacente a un solaio, soffitto o tetto (tipo II) Giunti orizzontale in un solaio adiacente a una parete (tipo III) a) t A = 6 mm b) t A = 10 mm Larghezza giunto W (mm) Diametro di cordone in lana minerale Hilti CFS-CO da 12 a 17 a) 20 da 17 a 27 b) 30 da 27 a 37 b) 40 da 37 a 47 b) 50 da 47 a 50 b) 60 Classificazione EI 90-H-M 12,5-F

18 Pagina 10 del Benestare Tecnico Europeo di ETA-xx/aaaa, Allegato 4 4 Installazione del prodotto 4.1 Istruzioni per l uso L installazione del sigillante acrilico resistente al fuoco Hilti CFS-S ACR dovrà essere effettuata nel modo seguente: - Pulire l apertura. Le superfici sulle quali verrà applicato il sigillante acrilico resistente al fuoco Hilti CFS-S ACR dovranno essere pulite da detriti, sporcizia, olio, cera e grasso. - Il sigillante acrilico resistente al fuoco Hilti CFS-S ACR aderisce alla maggior parte dei substrati (calcestruzzo, laterizio, muro a secco, intonaco, ecc.) senza richiedere l uso di un primer. Per substrati molto porosi, è consigliabile usare un rivestimento preliminare di

19 Pagina 11 del Benestare Tecnico Europeo di ETA-xx/aaaa, sigillante acrilico resistente al fuoco Hilti CFS-S ACR diluito con acqua come primer. Non sono necessari altri primer. - Inserire il materiale di riempimento. Lasciare una profondità sufficiente del giunto per l applicazione del sigillante acrilico. - Applicare il sigillante acrilico resistente al fuoco Hilti CFS-S ACR usando un dispenser manuale (per cartucce da 310 ml Hilti CB 200-P1, per cartucce da 580 ml Hilti CS 270-P1). - Lisciare il sigillante acrilico. Utilizzare un sapone liquido diluito oppure un agente lisciante e lisciare accuratamente usando un dito o una spatola stretta. - I giunti di movimento non devono mai essere progettati con una larghezza nominale inferiore a 6 mm. - Temperatura di applicazione: da +5 C a +40 C.

Manuale Tecnico. Sigillante siliconico antifuoco Hilti CFS-S SIL. Benestare Tecnico Europeo ETA n 10/0291

Manuale Tecnico. Sigillante siliconico antifuoco Hilti CFS-S SIL. Benestare Tecnico Europeo ETA n 10/0291 Manuale Tecnico Sigillante siliconico antifuoco Hilti CFS-S SIL Benestare Tecnico Europeo ETA n /0291 Sigillante siliconico antifuoco CFS-S SIL Sigillante elastico antifuoco a base siliconica che consente

Dettagli

Benestare Tecnico Europeo

Benestare Tecnico Europeo Autorizzazione e notifica ai sensi dell Articolo 10 della Direttiva del Consiglio 89/106/CEE del 21 dicembre 1988 sul ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative degli

Dettagli

Manuale Tecnico. Benda antifuoco Hilti CFS-B. Benestare Tecnico Europeo ETA n 10 / 0212

Manuale Tecnico. Benda antifuoco Hilti CFS-B. Benestare Tecnico Europeo ETA n 10 / 0212 Manuale Tecnico Benda antifuoco Hilti CFS-B Benestare Tecnico Europeo ETA n 10 / 0212 Benda antifuoco CFS-B Semplice soluzione antifuoco per tubi metallici isolati. Benestare Tecnico Europeo. Istruzioni

Dettagli

Manuale Tecnico. Malta antifuoco Hilti CFS-M RG. Benestare Tecnico Europeo ETA n 12/0101

Manuale Tecnico. Malta antifuoco Hilti CFS-M RG. Benestare Tecnico Europeo ETA n 12/0101 Manuale Tecnico Malta antifuoco Hilti CFS-M RG Benestare Tecnico Europeo ETA n 12/0101 Malta cementizia resistente al fuoco per la protezione antincendio permanente di attraversamenti misti in aperture

Dettagli

BENESTARE TECNICO EUROPEO (traduzione in lingua italiana)

BENESTARE TECNICO EUROPEO (traduzione in lingua italiana) BENESTARE TECNICO EUROPEO (traduzione in lingua italiana) ETA-11/0528 Nome commerciale Trade name Titolare del Benestare Holder of approval Oggetto del Benestare e finalità d impiego Generic type and use

Dettagli

Benestare Tecnico Europeo ETA 10/0109

Benestare Tecnico Europeo ETA 10/0109 Membro di SINTEF Building and Infrastructure P.O.Box 124 Blindern N-0314 Oslo Tel. 47 22 96 55 55 Fax 47 22 69 54 38 e-mail: byggforsk@sintef.no www.eota.eu Benestare Tecnico Europeo ETA 10/0109 dell'11.04.2014

Dettagli

Europea del 23/04/2014

Europea del 23/04/2014 Valutazione Tecnica ETA-14/0085 Europea del 23/04/2014 Parte generale Organismo di Valutazione Tecnica per il rilascio dell ETA Istituto Austriaco di Ingegneria delle Costruzioni (OIB) Denominazione commerciale

Dettagli

VITAL PANNELLO DI FIBRE DI CELLULOSA ISOLAMENTO TERMICO ED ACUSTICO BIOECOLOGICO IN FIBRE DI CELLULOSA

VITAL PANNELLO DI FIBRE DI CELLULOSA ISOLAMENTO TERMICO ED ACUSTICO BIOECOLOGICO IN FIBRE DI CELLULOSA PANNELLO DI FIBRE DI CELLULOSA ISOLAMENTO TERMICO ED ACUSTICO BIOECOLOGICO IN FIBRE DI CELLULOSA SOMMARIO - PANNELLO DI FIBRE DI CELLULOSA 4 5 6 8 GENERALITà IL PRODOTTO Vital LE APPLICAZIONI Assorbimento

Dettagli

La certificazione del professionista: ultimo atto della marcatura CE e della corretta installazione dei prodotti. Rimini 10 aprile 2015

La certificazione del professionista: ultimo atto della marcatura CE e della corretta installazione dei prodotti. Rimini 10 aprile 2015 La certificazione del professionista: ultimo atto della marcatura CE e della corretta installazione dei prodotti Rimini 10 aprile 2015 DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA SCIA DM 12 08 2014 e modulistica di

Dettagli

VITAL PANNELLO DI FIBRE DI CELLULOSA ISOLAMENTO TERMICO ED ACUSTICO BIOECOLOGICO IN FIBRE DI CELLULOSA

VITAL PANNELLO DI FIBRE DI CELLULOSA ISOLAMENTO TERMICO ED ACUSTICO BIOECOLOGICO IN FIBRE DI CELLULOSA PANNELLO DI FIBRE DI CELLULOSA ISOLAMENTO TERMICO ED ACUSTICO BIOECOLOGICO IN FIBRE DI CELLULOSA GENERALITÀ SOMMARIO - PANNELLO DI FIBRE DI CELLULOSA PAG. 4 PAG. 5 PAG. 6 PAG. 8 GENERALITÀ IL PRODOTTO

Dettagli

PARETI A SECCO DIVISORIE IL PRODOTTO IDEALE PER L ISOLAMENTO TERMICO ED ACUSTICO DELLE PARETI IN GESSO RIVESTITO EDILIZIA ED ACUSTICO NELL

PARETI A SECCO DIVISORIE IL PRODOTTO IDEALE PER L ISOLAMENTO TERMICO ED ACUSTICO DELLE PARETI IN GESSO RIVESTITO EDILIZIA ED ACUSTICO NELL COMFORT TERMICO ED ACUSTICO NE EDIIZIA ARETI DIVISORIE A SECCO I RODOTTO IDEAE ER ISOAMENTO TERMICO ED ACUSTICO DEE ARETI IN GESSO RIVESTITO 2 Eurosystem e Europan I prodotti ideali per l isolamento termico

Dettagli

ALLEGATO A Calcoli di progetto PREMESSA Scopo della presente relazione, redatta ai sensi della Legge 26 ottobre 1995, n. 447 Legge quadro sull'inquinamento acustico e del Decreto del Presidente del Consiglio

Dettagli

Certificazione ETA: campi d applicazione e marcatura CE

Certificazione ETA: campi d applicazione e marcatura CE Certificazione ETA: campi d applicazione e marcatura CE Certificazione ETA: campione di prova e risultati I vantaggi delle certificazioni ETA Prodotti testati secondo metodi univoci e comparabili (in conformità

Dettagli

Resistenza al fuoco di tetti a falda in legno

Resistenza al fuoco di tetti a falda in legno Resistenza al fuoco di tetti a falda in legno Prove di comportamento al fuoco di strutture edilizia isolate con schiume poliuretaniche Protezione passiva dal rischio incendi Come è noto per la valutazione

Dettagli

La nuova dimensione nella protezione al fuoco Fire protection

La nuova dimensione nella protezione al fuoco Fire protection FERMACELL Firepanel A1 La nuova dimensione nella protezione al fuoco Fire protection Firepanel A1 La nuova lastra incombustibile di FERMACELL La lastra FERMACELL Firepanel A1 rappresenta una novità assoluta

Dettagli

FERMACELL. L'alta qualità FERMACELL per pareti, soffitti, sottotetti

FERMACELL. L'alta qualità FERMACELL per pareti, soffitti, sottotetti FERMACELL L'alta qualità FERMACELL per pareti, soffitti, sottotetti EDIZIONE 00 0 buone ragioni scegliere l alta qualità FERMACELL! Le lastre in gessofibra FERMACELL hanno le carte in regola per soddisfare

Dettagli

THERMO RASATURA. Rivestimento minerale ad elevato potere termoisolante per il risanamento delle pareti da muffe, funghi, umidità e crepe

THERMO RASATURA. Rivestimento minerale ad elevato potere termoisolante per il risanamento delle pareti da muffe, funghi, umidità e crepe THERMO RASATURA Rivestimento minerale ad elevato potere termoisolante per il risanamento delle pareti da muffe, funghi, umidità e crepe konstruktive leidenschaft 01.2016 Vimark 2 5 DESCRIZIONE COMPOSIZIONE

Dettagli

LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI

LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI Le lastre Ytong, sono elementi armati autoportanti che permettono di realizzare solai e tetti di edifici residenziali, con una velocità di posa insuperabile rispetto

Dettagli

SOLUZIONI PER LA REALIZZAZIONE DI INVOLUCRI PERFORMANTI E SICURI IN CASO DI INCENDIO Milano 6 dicembre 2011

SOLUZIONI PER LA REALIZZAZIONE DI INVOLUCRI PERFORMANTI E SICURI IN CASO DI INCENDIO Milano 6 dicembre 2011 SOLUZIONI PER LA REALIZZAZIONE DI INVOLUCRI PERFORMANTI E SICURI IN CASO DI INCENDIO Milano 6 dicembre 2011 Soluzioni in lana di roccia per la sicurezza in caso di Incendio. Arch. Fermo Mombrini Il Gruppo

Dettagli

FIBRANgeo BP-ETICS. Utilizzo e specifiche d installazione del cappotto termico esterno su supporto in legno

FIBRANgeo BP-ETICS. Utilizzo e specifiche d installazione del cappotto termico esterno su supporto in legno FIBRANgeo BP-ETICS Utilizzo e specifiche d installazione del cappotto termico esterno su supporto in legno Luglio 2015 Sistema a cappotto esterno con FIBRANgeo BP-ETICS su supporto in legno Specifiche

Dettagli

Strato di controllo del vapore (Barriera/Freno al Vapore)

Strato di controllo del vapore (Barriera/Freno al Vapore) Scheda Tecnica Edizione 29.09.2011 Sarnavap 500E EN 13984 Sarnavap 500E Strato di controllo del vapore (Barriera/Freno al Vapore) Costruzioni Descrizione Prodotto Impieghi Sarnavap 500E è una barriera/freno

Dettagli

AIRROCK HD ALU AIRROCK HD K1

AIRROCK HD ALU AIRROCK HD K1 Controllo del comportamento termoigrometrico nelle chiusure verticali opache AIRROCK HD ALU AIRROCK HD K1 Approfondimenti tecnici prestazione termoigrometrica spunti progettuali analisi ed esempi applicativi

Dettagli

MARCATURA CE CONGLOMERATI BITUMINOSI

MARCATURA CE CONGLOMERATI BITUMINOSI MARCATURA CE CONGLOMERATI BITUMINOSI COS E LA MARCATURA CE? La marcatura CE, é il principale indicatore della conformità di un prodotto alle normative UE e ne consente la libera commercializzazione entro

Dettagli

Pannelli isolanti in fibra di legno. L isolamento moderno che rispetta l ambiente.

Pannelli isolanti in fibra di legno. L isolamento moderno che rispetta l ambiente. Pannelli isolanti in fibra di legno L isolamento moderno che rispetta l ambiente. 22 Vantaggi dei Pannelli isolanti in fibra di legno Produzione personalizzata! Produzione personalizzata in funzione di

Dettagli

La nuova dimensione nella protezione al fuoco Fire protection

La nuova dimensione nella protezione al fuoco Fire protection FERMACELL Firepanel A1 La nuova dimensione nella protezione al fuoco Fire protection Firepanel A1 La nuova lastra incombustibile di FERMACELL La lastra FERMACELL Firepanel A1 rappresenta una novità assoluta

Dettagli

Prova Isolamento acustico per giunti di riempitivi

Prova Isolamento acustico per giunti di riempitivi Prova Isolamento acustico per giunti di riempitivi Verbale di prova 167 41634/1 ROSENHEIM Committente Denominazione prodotto Hilti AG Befestigungstechnik Feldkircherstrasse 100 9494 Schaan Principato di

Dettagli

Gyproc Easy2 Activ Air

Gyproc Easy2 Activ Air Gyproc Easy2 Activ Air Norma di prodotto: EN 520:2009 La tecnologia Activ Air permette alla lastra di assorbire e neutralizzare fino al 70% della formaldeide presente nell aria degli ambienti interni.

Dettagli

DIBt. Tel.: +49 30 78730-0 Fax: +49 30 78730-320 E-mail: dibt@dibt.de

DIBt. Tel.: +49 30 78730-0 Fax: +49 30 78730-320 E-mail: dibt@dibt.de Omologazione generale di applicazione ai fini della sicurezza costruttiva Istituto tedesco per la tecnica delle costruzioni ENTE DI DIRITTO PUBBLICO Istituto di omologazione per prodotti edili e tipologie

Dettagli

Rivestimenti e sigillanti endotermici

Rivestimenti e sigillanti endotermici 18 A completamento delle soluzioni per la protezione passiva antincendio, riportate nel capitolo Fire Barrier (17), in questa sezione, sono rappresentati i sistemi Interam e FireDam per il rivestimento

Dettagli

PROTEZIONE DAI RUMORI TRASMESSI PER VIA AEREA SOLUZIONE UNIVERSALE PER PARETI, SOLAI, SOFFITTI E COPERTURE

PROTEZIONE DAI RUMORI TRASMESSI PER VIA AEREA SOLUZIONE UNIVERSALE PER PARETI, SOLAI, SOFFITTI E COPERTURE PROTEZIONE DAI RUMORI TRASMESSI PER VIA AEREA ISOLAMENTO ACUSTICO DAI RUMORI DA CALPESTIO PROTEZIONE DALLE RADIAZIONI SOLUZIONE UNIVERSALE PER PARETI, SOLAI, SOFFITTI E COPERTURE SICUREZZA AL 100% NON

Dettagli

COI SISTEMI FASSA. Dott. Vincenzo De Astis Responsabile Tecnico Sistema Cartongesso. Milano, 26 Ottobre 2011

COI SISTEMI FASSA. Dott. Vincenzo De Astis Responsabile Tecnico Sistema Cartongesso. Milano, 26 Ottobre 2011 LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO COI SISTEMI FASSA Dott. Vincenzo De Astis Responsabile Tecnico Sistema Cartongesso Milano, 26 Ottobre 2011 COMPORTAMENTO IN CASO DI INCENDIO La Prevenzione è una materia

Dettagli

Schede tecniche e linee guida per l installazione

Schede tecniche e linee guida per l installazione Schede tecniche e linee guida per l installazione 43 Intumex RS10 - Collare tagliafuoco Generalità Intumex RS10 è un tagliafuoco per tubazioni in plastica realizzato in acciaio inossidabile vericiato a

Dettagli

La previsione della protezione acustica degli edifici con metodi semplificati

La previsione della protezione acustica degli edifici con metodi semplificati La previsione della protezione acustica degli edifici con metodi semplificati EDILTIRRENO EXPO Carrara, 16 Maggio 2008 Simone Secchi Dipartimento di Tecnologie dell Architettura e Design _ Università di

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10 SCHEMA per la certificazione dei tubi di acciaio per il convogliamento di acqua e di altri liquidi acquosi, di cui alla norma UNI EN 10224 - Ed. Marzo 2006 Il presente documento è stato approvato dalla

Dettagli

i rapporti di classificazione Dossier/16034 Chiusure tagliafuoco e tagliafumo 416 NUOVAFINESTRA www.guidafinestra.it

i rapporti di classificazione Dossier/16034 Chiusure tagliafuoco e tagliafumo 416 NUOVAFINESTRA www.guidafinestra.it 68 Dossier/16034 Chiusure tagliafuoco e taglia El2-C5-Sa: tutto chiaro? La nuova norma di prodotto per porte e finestre con proprietà tagliafuoco e taglia EN 16034 entra in vigore a partire dal 01.12.2015,

Dettagli

Scheda dati tecnici. Chiusura con doppio pannello antifuoco Hilti e Vernice antifuoco Hilti CFS-CT. Benestare tecnico europeo ETA N o 11/ 0429

Scheda dati tecnici. Chiusura con doppio pannello antifuoco Hilti e Vernice antifuoco Hilti CFS-CT. Benestare tecnico europeo ETA N o 11/ 0429 Scheda dati tecnici Vernice antifuoco Hilti CFS-CT Chiusura con doppio pannello antifuoco Hilti e Vernice antifuoco Hilti CFS-CT Benestare tecnico europeo ETA N o 11/ 0429 Data di rilascio 09 / 2013 Vernice

Dettagli

Laurea in Scienze dell Ingegneria Edile Corso di Architettura Tecnica a.a. 2010/2011. 3 Maggio 2011 Ing. Aurora Valori

Laurea in Scienze dell Ingegneria Edile Corso di Architettura Tecnica a.a. 2010/2011. 3 Maggio 2011 Ing. Aurora Valori CONTROSOFFITTI Laurea in Scienze dell Ingegneria Edile Corso di Architettura Tecnica a.a. 2010/2011 Prof. Arch. Frida Bazzocchi 3 Maggio 2011 Ing. Aurora Valori UNI EN 13964:2007 Controsoffitti. e metodi

Dettagli

Scheda prodotti Rockpanel Woods

Scheda prodotti Rockpanel Woods Scheda prodotti Rockpanel Woods Durable - Xtreme - FS-Xtra Italia 1 Descrizione del prodotto I pannelli Rockpanel sono pannelli prefabbricati in lana minerale compressa con strato intermedio organico termoindurente.

Dettagli

FASCICOLO TECNICO DI PRODOTTO

FASCICOLO TECNICO DI PRODOTTO pagina 1 di 6 FASCICOLO TECNICO DI PRODOTTO ESAPOL 0109-35, 0109-45 e 0109-60 e ESTAN 37 Sistemi formulati pronti all uso per la realizzazione in situ di manti termoisolanti in poliuretano rigido espanso

Dettagli

ATTRAVERSAMENTI PER MURI TAGLIAFUOCO

ATTRAVERSAMENTI PER MURI TAGLIAFUOCO A T T R A V E R S A M E N T I PER M U R I TAGLIAFUOCO A D V I N F O A M PV Giunti, piccoli varchi e interstizi fra muratura ed elementi di chiusura ADVIN FOAM PV è una nuova schiuma atta a sigillare piccoli

Dettagli

EFD Serrande tagliafuoco certificate EI 180 S EN 1366-2 marcata UNI EN15650.

EFD Serrande tagliafuoco certificate EI 180 S EN 1366-2 marcata UNI EN15650. Serrande tagliafuoco certificate EI 180 S EN 1366-2 marcata UNI EN15650. Classificazione secondo EN13501-3:2005 Supporti normalizzati EI 120 S EI 180 S Parete in cartongesso 150 mm (v e i o) 1500x1000

Dettagli

APPROFONDIMENTO DELLA TEMATICA DI PREVENZIONE INCENDI APPLICATA ALLA PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE DI FACCIATE VENTILATE

APPROFONDIMENTO DELLA TEMATICA DI PREVENZIONE INCENDI APPLICATA ALLA PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE DI FACCIATE VENTILATE APPROFONDIMENTO DELLA TEMATICA DI PREVENZIONE INCENDI APPLICATA ALLA PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE DI FACCIATE VENTILATE Monza, 22 gennaio 2014 Progettazione di una facciata ventilata Nella

Dettagli

LA MARCATURA CE DEGLI AGGREGATI RICICLATI LA MARCATURA CE DEGLI AGGREGATI RICICLATI

LA MARCATURA CE DEGLI AGGREGATI RICICLATI LA MARCATURA CE DEGLI AGGREGATI RICICLATI LA MARCATURA CE DEGLI Ing. Antonio Bianco Direttore ABICert D.M. 14.01.2008 Capitolo 11 Contesto normativo nazionale I materiali e prodotti per uso strutturale devono essere: identificati univocamente

Dettagli

www.rockwool-coresolutions.com Soluzioni innovative per pannelli sandwich con isolamento in lana di roccia

www.rockwool-coresolutions.com Soluzioni innovative per pannelli sandwich con isolamento in lana di roccia www.rockwool-coresolutions.com Soluzioni innovative per pannelli sandwich con isolamento in lana di roccia Da decenni i pannelli sandwich con isolamento in lana di roccia si rivelano estremamente efficaci

Dettagli

Soluzioni per la protezione passiva con i sistemi in lastre

Soluzioni per la protezione passiva con i sistemi in lastre Soluzioni per la protezione passiva con i sistemi in lastre il corretto uso dei rapporti di prova europei e del relativo fascicolo tecnico. Funzione tecnico-commerciale Ing. ZAMUNER Edoardo D.M. 16 febbraio

Dettagli

Il fissaggio mediante ancoranti chimici o meccanici

Il fissaggio mediante ancoranti chimici o meccanici Il fissaggio mediante ancoranti chimici o meccanici Hilti. Passione. Performance. 1 Agenda 1. Campi di applicazione 2. Principi di funzionamento 3. Inquadramento normativo e metodo di calcolo 4. Fattori

Dettagli

La nuova UNI EN 1090-1

La nuova UNI EN 1090-1 . Come identificarlo, certificarlo e controllarlo attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011 La nuova UNI EN 1090-1 Agrigento, 18 giugno 2014 Geom. Raffaello Dellamotta Tel. 0541-322.324 r.dellamotta@giordano.it

Dettagli

PARETI IN LECABLOCCO PER IL COMFORT ACUSTICO SOLUZIONI PER LA NORMA UNI 11367

PARETI IN LECABLOCCO PER IL COMFORT ACUSTICO SOLUZIONI PER LA NORMA UNI 11367 PARETI IN LECABLOCCO PER IL COMFORT ACUSTICO SOLUZIONI PER LA NORMA UNI 67 LA NUOVA NORMA UNI 67 Classificazione acustica delle Unità Immobiliari. Norma UNI 67. Nel luglio 00 è stata pubblicata la norma

Dettagli

Lane minerali. Soluzioni acustiche per pareti perimetrali e divisorie

Lane minerali. Soluzioni acustiche per pareti perimetrali e divisorie Lane minerali. Soluzioni acustiche per pareti perimetrali e divisorie with ECOSE Technology Lane minerali with ECOSE Technology 07/0 Sostenibilità, performance termica ed acustica straordinaria, tutto

Dettagli

Sistemi a secco Protezione con sistemi in lastre

Sistemi a secco Protezione con sistemi in lastre Sistemi a secco Protezione con sistemi in lastre Programma 1. Il Metodo Sperimentale: Rapporto di Prova, Rapporto di Classificazione, Fascicolo Tecnico 2. Compartimentazioni: Pareti a grande altezza 3.

Dettagli

Elementi di collegamento strutturali ad alta resistenza adatti al precarico, secondo EN 14399. Informazioni tecniche per l'utilizzo.

Elementi di collegamento strutturali ad alta resistenza adatti al precarico, secondo EN 14399. Informazioni tecniche per l'utilizzo. Elementi di collegamento strutturali ad alta resistenza adatti al precarico, secondo EN 14399. Informazioni tecniche per l'utilizzo. Indice 1. Scopo 2. Riferimenti 3. Aspetti generali 4. Simboli ed unità

Dettagli

Membrana Liquida Poliuretano-Bituminosa Bicomponente, 1-1 in Volume, per Impermeabilizzazione e Protezione

Membrana Liquida Poliuretano-Bituminosa Bicomponente, 1-1 in Volume, per Impermeabilizzazione e Protezione Page 1/5 Membrana Liquida Poliuretano-Bituminosa Bicomponente, 1-1 in Volume, per Impermeabilizzazione e Protezione DESCRIZIONE : HYPERDESMO-PB-2K è una membrana liquida bicomponente poliuretano-bituminosa,

Dettagli

principalmente la funzione di ripartire gli spazi interni degli edifici

principalmente la funzione di ripartire gli spazi interni degli edifici LE PARETI INTERNE Sono elementi costruttivi che hanno principalmente la funzione di ripartire gli spazi interni degli edifici secondo dimensioni adatte alla destinazioni funzionali che devono essere realizzate

Dettagli

CHE COSA CAMBIA CON LA NUOVA NORMA EUROPEA PER PROFILI IN PVC UNI EN 12608

CHE COSA CAMBIA CON LA NUOVA NORMA EUROPEA PER PROFILI IN PVC UNI EN 12608 COSTRUIRE SERRAMENTI IN PVC CHE COSA CAMBIA CON LA NUOVA NORMA EUROPEA PER PROFILI IN PVC UNI EN 12608 1 La norma europea rivolta alla definizione delle caratteristiche dei profili in PVC per finestre

Dettagli

Colla di montaggio Pro

Colla di montaggio Pro Scheda prodotto Prodotto COLLA DI MONTAGGIO PRO è una colla e un mastice per fughe dalla qualità pregiata, a presa rapida e capace di mantenere l elasticità, a base di polimero MS ad elevata adesione iniziale.

Dettagli

Intonaco a spruzzo antincendio per la protezione contro il fuoco di costruzioni in acciaio

Intonaco a spruzzo antincendio per la protezione contro il fuoco di costruzioni in acciaio Birocoat Stand: 23.10.2007 Construction Birocoat Intonaco a spruzzo antincendio per la protezione contro il fuoco di costruzioni in acciaio Birocoat Biromix Con impiego di rete di supporto Esecuzione di

Dettagli

CIRFIBER ECO CAMPO DI UTILIZZO: DESCRIZIONE DI CAPITOLATO: DIMENSIONI DI FORNITURA: CARATTERISTICHE FISICHE MECCANICHE:

CIRFIBER ECO CAMPO DI UTILIZZO: DESCRIZIONE DI CAPITOLATO: DIMENSIONI DI FORNITURA: CARATTERISTICHE FISICHE MECCANICHE: CIRFIBER ECO Pannello fonoassorbente in fibra di poliestere rigenerata. CAMPO DI UTILIZZO: CIRFIBER ECO è un prodotto specifico per l isolamento acustico di pareti e soffitti. Il materiale si presenta

Dettagli

CARATTERISTICHE TECNICO STRUTTURALI: SISTEMI COSTRUTTIVI

CARATTERISTICHE TECNICO STRUTTURALI: SISTEMI COSTRUTTIVI CARATTERISTICHE TECNICO STRUTTURALI: SISTEMI COSTRUTTIVI STRUTTURA PORTANTE IN LEGNO LAMELLARE La struttura portante è realizzata in legno lamellare di abete, generalmente con classe di resistenza GL24c

Dettagli

Estratto della. Norma UNI TS 11278

Estratto della. Norma UNI TS 11278 Estratto della Norma UNI TS 11278 Estratto della NORMA UNI TS 11278 Maggio 2008 Camini/canali da fumo/condotti/canne fumarie metallici. Scelta e corretto utilizzo in funzione del tipo di applicazione e

Dettagli

Ci sta a cuore. il vostro benessere. Prodotti ecologici per l edilizia realizzati con materie prime naturali e rinnovabili

Ci sta a cuore. il vostro benessere. Prodotti ecologici per l edilizia realizzati con materie prime naturali e rinnovabili Prodotti ecologici per l edilizia realizzati con materie prime naturali e rinnovabili Gamma dei prodotti Ci sta a cuore il vostro benessere isolare meglio, naturalmente legno: doni che la natura ci offre

Dettagli

31Sistemi a secco per esterni

31Sistemi a secco per esterni Sistemi a secco per esterni Costruire in modo semplice e naturale l involucro dell edificio SECUROCK è una lastra innovativa ad elevata resistenza all umidità e all acqua, creata e progettata da USG appositamente

Dettagli

LA REAZIONE AL FUOCO DEI MATERIALI

LA REAZIONE AL FUOCO DEI MATERIALI Ordine degli Ingegneri della provincia di Forlì- Cesena LA REAZIONE AL FUOCO DEI MATERIALI Euroclassi e marcatura CE 18 Novembre 2014 - Sala Conferenze Fiera di Forlì SEMINARIO TECNICO Gli incendi e la

Dettagli

Le serrande tagliafuoco, evoluzione di norme e prodotto

Le serrande tagliafuoco, evoluzione di norme e prodotto Le serrande tagliafuoco, evoluzione di norme e prodotto 63 Evoluzione delle norme Dalla Circolare 91, DM 6 marzo 1986 e 30 novembre 1983 64 Evoluzione delle norme alla EN 13501-3, EN 1366-2 E I 120 ( ve

Dettagli

Milano 1/2 ottobre 2014

Milano 1/2 ottobre 2014 Milano 1/2 ottobre 2014 Protezione passiva dal fuoco di elementi strutturali quali: murature, cemento armato, solai in laterocemento e solai misti in lamiera grecata e calcestruzzo, mediante l applicazione

Dettagli

Soluzione tecnico pratiche in un contesto in continua evoluzione

Soluzione tecnico pratiche in un contesto in continua evoluzione Soluzione tecnico pratiche in un contesto in continua evoluzione Convegno: La città cresce in altezza I 15-07-2010 I Sesto San Giovanni 1 Obiettivi della progettazione antifuoco Sicurezza per le persone

Dettagli

L isolamento acustico delle pareti in legno massicio:

L isolamento acustico delle pareti in legno massicio: L isolamento acustico delle pareti in legno massicio: L ottimo comfort acustico contribuisce notevolmente a creare una gradevole atmosfera. Grazie alla struttura monolitica, le PARETI IN LEGNO MASSICCIO

Dettagli

Costruzione. 1 Edilizia industriale e commerciale 1.1 Fissaggio delle pareti. Realizzazione ALTRI IMPIEGHI 04/2012

Costruzione. 1 Edilizia industriale e commerciale 1.1 Fissaggio delle pareti. Realizzazione ALTRI IMPIEGHI 04/2012 D_Altri impieghi 1 Edilizia industriale e commerciale 1.1 Fissaggio delle pareti fissaggio dell elemento parete contro il risucchio (come da requisiti statici) rivestimento esterno pannello per parete

Dettagli

Le soluzioni fonoisolanti bauexpert

Le soluzioni fonoisolanti bauexpert Le soluzioni fonoisolanti bauexpert www.bauexpert.it Appiano (BZ) - Tel. 0471 662 119 Borgo Valsugana (TN) - Tel. 0461 753 208 Bressanone (BZ) - Tel. 0472 821 818 Brunico (BZ) - Tel. 0474 572 500 Campo

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PARETE ESTERNA AQUAROC PRIMA

RELAZIONE TECNICA PARETE ESTERNA AQUAROC PRIMA PARETE ESTERNA AQUAROC PRIMA Parete di tamponamento esterno GYPROC AQUAROC PRIMA dello spessore totale di circa 246 mm costituita dagli elementi sottoelencati: LASTRE DI GESSO RIVESTITO GYPROC HABITO VAPOR

Dettagli

sistema DAMPER isolamento acustico

sistema DAMPER isolamento acustico sistema DAMPER isolamento acustico DAMProll 3 Materassino in gomma per isolamento rumori da calpestio SILEREX 5 Premiscelato sfuso in gomma per isolamento vibrazioni, rumori impattivi e da calpestio DAMPstrip

Dettagli

SOLUZIONI FASSA BORTOLO PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO:

SOLUZIONI FASSA BORTOLO PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO: SOLUZIONI FASSA BORTOLO PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO: Sistema cartongesso Gypsotech Dott. Vincenzo De Astis Responsabile Tecnico Sistema Cartongesso Rimini, 16 Marzo 2011 FASSA Un esperienza che

Dettagli

SOLUZIONI FASSA BORTOLO PER L ISOLAMENTO ACUSTICO IN EDILIZIA

SOLUZIONI FASSA BORTOLO PER L ISOLAMENTO ACUSTICO IN EDILIZIA SOLUZIONI FASSA BORTOLO PER L ISOLAMENTO ACUSTICO IN EDILIZIA ORA VEDREMO IN SINTESI LE POSSIBILI SOLUZIONI TECNICHE RELATIVE A: 1. Isolamento acustico per via aerea mediante sistemi in cartongesso per

Dettagli

Il serramento: innovazione, tecnologia ed efficienza energetica

Il serramento: innovazione, tecnologia ed efficienza energetica Il serramento: innovazione, tecnologia ed efficienza energetica Agenzia Parma Energia ALPI Fenster s.r.l. Parma, 1/10/2010 AGENDA Storia e visione aziendale Le caratteristiche di una finestra moderna Permeabilità

Dettagli

normativa ISO 140:1995 parte 3 a normativa ISO 717:1996 parte 1 a

normativa ISO 140:1995 parte 3 a normativa ISO 717:1996 parte 1 a PROVE TECNICHE ACUSTICA normativa ISO 140:1995 parte 3 a normativa ISO 717:1996 parte 1 a INDICE PARETE IN MURATURA R w 54 80 50 120 pag. 1.a PARETE IN MURATURA R w 55 120 50 200 pag. 2.a PARETE IN MURATURA

Dettagli

L UNICA. COME NESSUNA.

L UNICA. COME NESSUNA. GESSI LADURA Pregy LaDura L UNICA. COME NESSUNA. Lastra in gesso rivestito rinforzata con fibra di legno. Naturale. LaDura. Indice 3 Il vostro partner di fiducia 4-5 Dati tecnici 6-7 Vantaggi e valore

Dettagli

INCOLLAGGIO E FISSAGGI MECCANICI

INCOLLAGGIO E FISSAGGI MECCANICI INCOLLAGGIO E FISSAGGI MECCANICI F verticale: Le forze dovute al peso proprio vengono trasportate nel supporto dal collante. F orizzontale = depressione dovuta al carico da vento F verticale = Massa (peso

Dettagli

Schede tecniche e linee guida per l installazione

Schede tecniche e linee guida per l installazione 49 Intumex RS50 - Collare tagliafuoco Generalità Intumex RS50 è un collare tagliafuoco per tubazioni in plastica realizzato in acciaio inossidabile verniciato a polvere, che utilizza il laminato intumescente

Dettagli

lunghezza 3000 mm larghezza 310 mm spessore 70 mm (T1 = 40 mm) 5 microns con smalto epossidico spessore minimo 20 mm.

lunghezza 3000 mm larghezza 310 mm spessore 70 mm (T1 = 40 mm) 5 microns con smalto epossidico spessore minimo 20 mm. 75 I pannelli Flexophone sono elementi modulari, autoportanti, costituiti da un involucro in lamiera s=5/10 preverniciata nel colore bianco simile Le dimensioni STANDARD del pannello sono le seguenti:

Dettagli

IL D.M. 16/2/2007 E LE PRESTAZIONI DI RESISTENZA AL FUOCO DEI PRODOTTI. dott. ing. Luca Ponticelli C.N.VV.F.

IL D.M. 16/2/2007 E LE PRESTAZIONI DI RESISTENZA AL FUOCO DEI PRODOTTI. dott. ing. Luca Ponticelli C.N.VV.F. IL D.M. 16/2/07 E LE PRESTZIONI DI RESISTENZ L FUOCO DEI PRODOTTI dott. ing. Luca Ponticelli C.N.VV.F. CMPO DI PPLICZIONE Classificazione prodotti per r.a.f. Il D.M. 16/2/07 si applica ai prodotti ed agli

Dettagli

MARCATURA CE DIRETTIVA 97/23 PED

MARCATURA CE DIRETTIVA 97/23 PED MARCATURA CE DIRETTIVA 97/23 PED (Pressure Equipment Directive) Campo di applicazione La Direttiva si applica alla progettazione, fabbricazione e valutazione di conformità delle attrezzature a pressione

Dettagli

Prospetto informativo Lastre Knauf

Prospetto informativo Lastre Knauf Prospetto informativo Definizione Le sono costituite da un nucleo di gesso di cui le superfici e bordi longitudinali sono rivestiti di speciale cartone perfettamente aderente. Sono prodotte in varie versioni,

Dettagli

AKTIVBOARD PANNELLI RADIANTI PER PARETE E SOFFITTO IN CARTONGESSO

AKTIVBOARD PANNELLI RADIANTI PER PARETE E SOFFITTO IN CARTONGESSO AKTIVBOARD PANNELLI RADIANTI PER PARETE E SOFFITTO IN CARTONGESSO SISTEMI RADIANTI Pag. 14 PANNELLO RADIANTE PER PARETI E SOFFITTI COS È AktivBoard è un sistema di riscaldamento e raffrescamento a parete

Dettagli

THE INDEX LE SOLUZIONI ANTINCENDIO CLASSE A1

THE INDEX LE SOLUZIONI ANTINCENDIO CLASSE A1 THE INDEX LE SOLUZIONI ANTINCENDIO CLASSE A1 CONTROSOFFITTI E PROTEZIONE ANTINCENDIO DI SOLAI 2 [00813 EN] Controsoffitto a membrana ERACUSTIC-S - EI 60, ΔRw=15/20dB, fonoassorbente Controsoffitto antincendio,

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro La progettazione degli edifici e della sicurezza integrazione del regolamento locale di igiene OBIETTIVO: introdurre

Dettagli

SISTEMA COSTRUTTIVO ANTISISMICO EMMEDUE

SISTEMA COSTRUTTIVO ANTISISMICO EMMEDUE SISTEMA COSTRUTTIVO ANTISISMICO EMMEDUE rev. 02 del 08/11 1. INTRODUZIONE In questo documento vengono illustrati gli elementi principali che compongono il sistema costruttivo Emmedue. Rev. 02 del 08/11

Dettagli

I MODELLI DI CERTIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO

I MODELLI DI CERTIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO I MODELLI DI CERTIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO dott. ing. LUCA PONTICELLI C.N.VV.F. (Area V D.C.P.S.T.) Corso di aggiornamento in prevenzione incendi Prato, 24/06/2015 INQUADRAMENTO NORMATIVO DELLA

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO (Norme di Riferimento: UNI EN ISO 9001:00 ) Viale C. Castracani, 55 55100 Lucca tel.: 0583.464482 464536 Web: www.cartesiostudio.it e-mail: info@cartesiostudio.it Marcatura

Dettagli

canne fumarie in ceramica refrattaria per caminetti e stufe per caldaie a gas Massima resistenza alle alte temperature

canne fumarie in ceramica refrattaria per caminetti e stufe per caldaie a gas Massima resistenza alle alte temperature canne fumarie in ceramica refrattaria per caminetti e stufe Massima resistenza alle alte temperature per caldaie a gas Massima resistenza alle condense acide Sistema fumario ceramico LINEA Ultra Per caldaie

Dettagli

La termografia per individuare il thermal bypass

La termografia per individuare il thermal bypass La termografia per individuare il thermal bypass Il fenomeno del thermal bypass può portare ad un grave decadimento delle prestazioni dell involucro e spesso non è individuabile con il blower door test

Dettagli

Aggiornamento sulle norme UNI e CEI

Aggiornamento sulle norme UNI e CEI Aggiornamento sulle norme UNI e C Elenco tematico delle norme UNI e C per l edilizia nuove o aggiornate, suddiviso in 7 capitoli: I. sistema edilizio e tecnologico; II. applicazioni di fisica tecnica;

Dettagli

Il Cartongesso e l Edilizia Residenziale

Il Cartongesso e l Edilizia Residenziale Il Cartongesso e l Edilizia Residenziale 2 L AZIENDA Lafarge Gessi è una società del Gruppo multinazionale Lafarge, nata in seguito alla rapida crescita dei sistemi costruttivi a secco che si è registrata

Dettagli

HIGH QUALITY LEADER MONDIALE NELLE SCHIUME POLIURETANICHE

HIGH QUALITY LEADER MONDIALE NELLE SCHIUME POLIURETANICHE HIGH QUALITY LEADER MONDIALE NELLE SCHIUME POLIURETANICHE NOVITA MONTAGGIO & ISOLAMENTO GENIUS APPLICATORE BREVETTATO Monocomponente, autoespandente, con particolare applicatore Genius Gun. MONTAGGIO &

Dettagli

SISTEMA NAVI CERCOL CERCOL

SISTEMA NAVI CERCOL CERCOL Introduzione All interno di imbarcazioni, dagli yacht privati alle grandi navi da crociera, gli acciai strutturali ed inossidabili costituiscono la grande maggioranza dei sottofondi degli ambienti comuni

Dettagli

4 Geberit Sanbloc e Geberit Combifix

4 Geberit Sanbloc e Geberit Combifix 4 Geberit Sanbloc e Geberit Combifix 4.1 Geberit Sanbloc................................... 158 4.1.1 Sistema.............................................. 158 4.1.2 Progettazione........................................

Dettagli

La normativa acustica per le opere edilizie: RELAZIONE VERIFICA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI D.P.C.M. 5/12/1997

La normativa acustica per le opere edilizie: RELAZIONE VERIFICA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI D.P.C.M. 5/12/1997 La normativa acustica per le opere edilizie: Requisiti Acustici Passivi degli edifici: relazione verifica D.P.C.M. 5/12/97 CRISTIANA BERNASCONI RELAZIONE VERIFICA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI

Dettagli

Icoper Gold. L eccellenza italiana nelle impermeabilizzazioni. 1 in Italia con Certificazione CE

Icoper Gold. L eccellenza italiana nelle impermeabilizzazioni. 1 in Italia con Certificazione CE Icoper Gold L eccellenza italiana nelle impermeabilizzazioni 1 in Italia con Certificazione CE Nuovo Icoper Rapid Cambia la realtà icoper gold Impermeabilizzante monocomponente a base acqua con certificazione

Dettagli

L uso di modelli per la verifica della sicurezza antincendio delle facciate ventilate

L uso di modelli per la verifica della sicurezza antincendio delle facciate ventilate L uso di modelli per la verifica della sicurezza antincendio delle facciate ventilate Ing. Giovanni Longobardo Area V Protezione passiva giovanni.longobardo@vigilfuoco.it Negli ultimi decenni il numero

Dettagli

SOMMARIO 1. PARETI... 5 2. COPERTURE... 25 3. SOLAI INTERMEDI... 33 4. DETTAGLI COSTRUTTIVI... 37

SOMMARIO 1. PARETI... 5 2. COPERTURE... 25 3. SOLAI INTERMEDI... 33 4. DETTAGLI COSTRUTTIVI... 37 Rev.7 MAPPA TECNICA SOMMARIO 1. PARETI... 5 1.1 PARETE ESTERNA A TELAIO SENZA VANO TECNICO... 6 1.2 PARETE ESTERNA A TELAIO CON VANO TECNICO... 8 1.3 PARETE ESTERNA A TELAIO REI 60... 10 1.4 PARETE ESTERNA

Dettagli

VETROMATTONE CARATTERISTICHE :

VETROMATTONE CARATTERISTICHE : Rev.2 del 25-02-2008 - VIETATA LA RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE VETROMATTONE CARATTERISTICHE : Elemento in VETRO MATTONE per la costruzione di muri trasparenti decorativi. Resistente al freddo e al calore,contribuisce

Dettagli

Istruzioni per la posa di mflorcontact

Istruzioni per la posa di mflorcontact Istruzioni per la posa di mflorcontact Ispezione e pre-trattamento del sottofondo Verifiche Il sottofondo deve essere mantenuto asciutto, in piano e pulito, come stabilito dalla norma DIN 18365. Deve essere

Dettagli