AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS"

Transcript

1 AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS Direzione generale PIANO DI MONITORAGGIO AMBIENTALE DELLA LAGUNA DI SANTA GILLA E DELLO STAGNO DI CAPOTERRA FASE I CAMPIONATURA ED ANALISI DEI SEDIMENTI ALLEGATO 1 Figure e Tabelle Ottobre 2006

2 2. DESCRIZIONE ATTIVITÁ PREGRESSE ATTIVITÁ 1)Indagine sulla distribuzione e diffusione di metalli pesanti nei sedimenti dello stagno di S. Gilla reticolazione criteri di campionamento (4 dicembre 1985) 2)Relazione sullo stato di avanzamento delle indagini effettuate nei sedimenti dello stagno di S. Gilla (aggiornata novembre 1986) 3)Relazione finale riguardante le ricerche svolte nell ambito della convenzione approvata dalla Corte dei Conti in data 11/2/1986 dello stagno di S. Gilla (20 dicembre 1986) all. al n. 5 4) Relazione finale riguardante le ricerche svolte nell ambito della convenzione approvata dalla Corte dei Conti in data 16 settembre 1986 (9 novembre 1987) 5) Relazione finale riguardante le ricerche svolte nell ambito della convenzione approvata dalla Corte dei Conti in data 2 giugno convenzione approvata dalla Corte dei Conti in data 2 giugno 1987 (20 maggio 1988) 6) Relazione finale riguardante le ricerche relative agli inquinanti di accumulo in mitili allevati nella laguna di S. Gilla (12 dicembre 1990) 7) Relazione finale riguardante le ricerche svolte nell ambito della convenzione approvata dalla Corte dei Conti in data 14 gennaio 1991 (20 dicembre 1991) Tabella 2.1 Indagini relative al corpo idrico e ai sedimenti ISTITUTO CNR Istituto di chimica e tecnologia dei radioelementi Padova CNR Istituto di chimica e tecnologia dei radioelementi Padova CNR Istituto di chimica e tecnologia dei radioelementi Padova CNR Istituto di chimica e tecnologia dei radioelementi Padova CNR Istituto di chimica e tecnologia dei radioelementi Padova Istituto di chimica farmaceutica e tossicologica - Università degli Studi di Cagliari CNR Istituto di chimica e tecnologia dei radioelementi Padova Tipologia intervento Periodo Periodicità Parametri Parametri Parametri acqua campioni mitili sedimento Temperatura, ph, CES, Riapertura della laguna Salinità, Torbidità, O2, trimestrali alla pesca Saturazione O2, N- NH4 +, N- Hg, Pb Hg, Pb, Cd, Cr NO2 -, P- PO4 Classificazione Temperatura, ph, CES, mitilicoltura e succesivi trimestrali Colore, Salinità, Saturazione controllo periodici parte O2,N- NH4 +, N-NO2 -, P-PO4 Sud Hg, Pb Classificazione mitilicoltura e successivi trimestrali Temperatura, ph, CES, Colore, Salinità, Saturazione Hg, Pb controlli parte Nord O2,N- NH4 +, N-NO2 -, P-PO4 Oltre ai parametri suesposti: C, organico, As, Monitoraggio Salinità, O2 e Saturazione O2 Cd, Cr, Cu, Hg, trimestrali Hg, Pb ambientale sul fondo, N-NO3 -, N tot., P, Ni, Pb, P.C.B., tot I.P.A., fitofarmaci Tabella Attività svolte e parametri indagati nel corso delle indagini di RAS, NOE, Servizio Veterinario ASL 8. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Sardegna ARPAS 2

3 3. METODOLOGIA DI CAMPIONATURA ED ANALISI DEI SEDIMENTI Figura 3.1 Schema di campionatura saggi ecotossicologici, campione profondo Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Sardegna ARPAS 3

4 4. OPERAZIONI DI CAMPIONATURA DEI SEDIMENTI Stazioni Campionamento Superficiale 0,50 cm Profonda 1,50 m B1 B2 B3 B4 C1 C2 D2 D4 D5 D1 D3 E3 F1 F3 G2 G4 N1 E1 E2 E4 F2 G1 G3 H1 H2 H3 N3 M1 M2 N2 I1 L1 M3 M4 M5 Tabella 4.1 Stazioni di campionamento Figura Piano di campionatura dello Stagno di Santa Gilla e Capoterra. Ubicazione stazioni. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Sardegna ARPAS 4

5 Giornata Data Stazione Campionamento esecuzione Superficiale 0,50 m Profonda 1,50 m 1 26/5/06 G1, G3, F2 G /06 E1, E2, D2, C1, C2 F1 3 31/05/06 E4, D5 4 01/06/06 D4, M5 5 05/06/06 L1,I1, N2, B1, B2, B3,B4 6 06/06/06 M3, M4 M1, M2 7 07/06/06 F1, D3, E3 8 08/06/06 G4, N1, N3 9 09/06/06 H1, H2, H /06/06 F3 Tabella 4.2 Schema di esecuzione della campionatura Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Sardegna ARPAS 5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16 5. RISULTATI DEL MONITORAGGIO FASE 1 Sub-campione Laboratorio di analisi Indirizzo a b, c, d, e, f, g, h, i, l, q m n, o o Tabella 5.1 Schema di analisi PMP di Portoscuso Provincia di Cagliari Settore ecologia ARPA Liguria PMP di Cagliari Area biotossicologica PMP Dip. Prov. ARPAS Oristano Area biotossicologica Via Cagliari, Portoscuso Via Dei Valenzani, Cagliari (CA) Via Bombrini Genova Viale Ciusa, Cagliari Viale Diaz Oristano Sigla Tipologia indagine analitica Quantità minima Tipo di contenitore A Analisi granulometrica 100 g Sacchetto di plastica B Contenuto acqua, peso specifico, ph, redox 100 g Sacchetto di plastica C Metalli (Al, As, Cd, Cr, Fe, Mn, Hg, Ni, Pb, Cu, Va, Zn) 50 g HDPE D IPA, Esaclorobenzene 100 g Teflon/HDPE E TOC 100 g Teflon/HDPE F Azoto, fosforo 50 g HDPE G PCB 50 g Teflon/HDPE H Idrocarburi C >12, Rumene 50 g Teflon/HDPE I Idrocarburi C <12, Solventi aromatici (BTEX) 50 g Vetro L Alifatici clorurati cancerogeni 50 g vetro M Diossine, furani 100 g Teflon/HDPE N Parametri batteriologici 100 g sterili di polietilene o di polistirolo O Parametri ecotossicologici 200 g polietilene o vetro P Fitofarmaci 100 g Teflon/HDPE q Aliquota di riserva 200 g Teflon/ HDPE Tabella 5.2 Sigle dei campioni e tipo di analisi Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Sardegna ARPAS 6

17 5.1 Analisi dei sedimenti Analisi Granulometriche Profondità Livello m GHIAIA % SABBIA % SILT % ARGILLA % 0,00 0,20 8,8 30,2 45,0 15,9 0,30 0,50 6,2 32,8 44,7 16,3 0,8 1, ,3 1, Tabella Tessitura dei diversi livelli Analisi chimico fisiche STATISTICA ph Fosforo mg/kg Azoto Totale TOC ss %/peso Redox mv Num Camp Min 7, ,00-210,0 Max 9, ,15 173,0 Media 8, ,07 10,3 Mediana ,08 53 Dev Std 0,3 42,7 1,8 0,04 104,1 95% percentile 8,7 140,0 6 0,13 136,75 Tabella Statistiche elementari parametri chimico-fisici Dati chimici elutriato Figura ph elutriati Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Sardegna ARPAS 7

18 Figura Salinità elutriati Figura Potenziale redox elutriati Figura Concentrazione di ammoniaca elutriati Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Sardegna ARPAS 8

19 Metalli e metalloidi STATISTICA Al Fe As Cd Cr Mn Ni Pb Cu V Zn Hg Num Camp Min <5 <0, <-2 <2 <2 15 <0,5 Max , ,7 Media , ,6 Mediana , ,3 Dev Std % percentile ,0 1, ,3 CSC Tab 1A N Campioni >Tab,1A % Superamenti CSC 0 1, ,8 0 12,0 60,9 24,2 Tabella Statistiche elementari inorganici. La notazione < indica una concentrazione inferiore al limite di detezione del parametro. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Sardegna ARPAS 9

20 Saggi biologici - test con Vibrio fischeri Tabella Test Fase Solida Vibrio Fischeri Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Sardegna ARPAS 10

21 Figura S.T.I. Figura Classi di tossicità S.T.I. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Sardegna ARPAS 11

22 SEDIMENT TOXICITY INDEX (S.T.I.) Vibrio fischeri (S.T.I. / PELITE) %Pelite ,00 15,00 12,00 9,00 6,00 3,00 S.T.I. 0 D1-A D1-P D3-A D3-P E3-A E3-P F1-A F1-P F3-A F3-P G2-A G2-P G4-A G4-P M1-A M1-P M2-A M2-P N1-A N1-P N3-A N3-P 0,00 Pelite 93,05 94,66 84,69 76,44 88,90 90,99 77,95 85,06 77,07 97,22 42,04 92,98 61,21 69,61 73,91 74,58 57,28 28,37 47,04 64,38 12,47 66,45 S.T.I. 4,70 2,50 4,30 1,00 5,00 1,30 7,80 11,30 4,80 14,90 1,80 0,20 0,90 1,00 1,40 4,10 10,40 12,00 2,90 2,50 1,30 0,60 Stazioni (A= 00_20 cm) (P = Pool 60_ _120 cm) Figura S.T.I./Pelite Figura Analisi per livelli Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Sardegna ARPAS 12

23 Tabella Analisi elutriati Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Sardegna ARPAS 13

24 Figura Elutriati Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Sardegna ARPAS 14

25 Figura Andamento elutriati Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Sardegna ARPAS 15

26 ID campione Al mg/l As mg/l Cd mg/l Cr mg/l Fe mg/l Mn mg/l Hg µg/l Ni mg/l Pb mg/l Cu mg/l V mg/l Zn mg/l B1 (0-20) 0,91 <0,10 <0,01 <0,05 0,27 <0,02 < 1 <0,05 <0,05 0,02 <0,02 0,03 B2 (0-20) 0,54 <0,10 <0,01 <0,05 <0,05 <0,02 < 1 <0,05 0,06 <0,01 <0,02 <0,02 B3 (0-20) 0,30 <0,10 <0,01 <0,05 <0,05 <0,02 < 1 <0,05 <0,05 <0,01 <0,02 <0,02 B4 (0-20) 0,83 <0,10 <0,01 <0,05 <0,05 <0,02 < 1 <0,05 <0,05 <0,01 <0,02 <0,02 C1 (0-20) 0,36 <0,10 <0,01 <0,05 <0,05 <0,02 < 1 <0,05 <0,05 <0,01 <0,02 <0,02 C2 (0-20) 0,32 <0,10 <0,01 <0,05 <0,05 <0,02 < 1 <0,05 <0,05 <0,01 <0,02 <0,02 D1 (0-20) 0,31 <0,10 <0,01 <0,05 <0,05 <0,02 < 1 <0,05 0,05 <0,01 <0,02 <0,02 D2 (0-20) 0,31 <0,10 <0,01 <0,05 <0,05 <0,02 < 1 <0,05 <0,05 <0,01 <0,02 <0,02 D3 (0-20) 0,46 <0,10 <0,01 <0,05 <0,05 <0,02 < 1 <0,05 <0,05 <0,01 <0,02 <0,02 D4 (0-20) 1,24 <0,10 <0,01 <0,05 <0,05 <0,02 < 1 <0,05 <0,05 <0,01 <0,02 <0,02 D5 (0-20) 2,50 <0,10 <0,01 <0,05 <0,05 <0,02 < 1 <0,05 <0,05 0,02 <0,02 0,03 E1 (0-20) 0,44 <0,10 <0,01 <0,05 <0,05 <0,02 < 1 <0,05 <0,05 0,06 <0,02 <0,02 E2 (0-20) 0,35 <0,10 <0,01 <0,05 <0,05 <0,02 < 1 <0,05 <0,05 <0,01 <0,02 <0,02 E3 (0-20) 0,75 <0,10 <0,01 <0,05 <0,05 <0,02 < 1 <0,05 <0,05 0,02 <0,02 <0,02 E4 (0-20) 1,25 <0,10 <0,01 <0,05 <0,05 <0,02 < 1 <0,05 <0,05 0,01 <0,02 <0,02 F1 (0-20) 1,18 <0,10 <0,01 <0,05 <0,05 <0,02 < 1 <0,05 0,08 0,02 <0,02 <0,02 F2 (0-20) 0,62 <0,10 <0,01 <0,05 <0,05 <0,02 < 1 <0,05 0,06 0,03 <0,02 <0,02 F3 (0-20) 0,38 <0,10 <0,01 <0,05 <0,05 <0,02 < 1 <0,05 0,05 0,02 <0,02 <0,02 G1 (0-20) 0,60 <0,10 <0,01 <0,05 <0,05 <0,02 < 1 <0,05 <0,05 0,04 <0,02 <0,02 G2 (0-20) 0,62 <0,10 <0,01 <0,05 <0,05 0,05 < 1 <0,05 0,10 0,07 <0,02 <0,02 G3 (0-20) 0,58 <0,10 <0,01 <0,05 <0,05 <0,02 < 1 <0,05 <0,05 0,03 <0,02 <0,02 G4 (0-20) 0,65 <0,10 <0,01 <0,05 <0,05 <0,02 1,00 <0,05 <0,05 0,02 <0,02 <0,02 H1 (0-20) 0,70 <0,10 <0,01 <0,05 <0,05 <0,02 < 1 <0,05 <0,05 0,02 <0,02 <0,02 H2 (0-20) 0,89 <0,10 <0,01 <0,05 <0,05 <0,02 < 1 <0,05 0,06 0,02 <0,02 0,02 H3 (0-20) 0,97 <0,10 <0,01 <0,05 <0,05 <0,02 < 1 <0,05 <0,05 0,04 <0,02 <0,02 I 1 (0-20) 0,81 <0,10 <0,01 <0,05 <0,05 <0,02 < 1 <0,05 0,06 0,01 <0,02 <0,02 L1 (0-20) 0,59 <0,10 <0,01 <0,05 0,16 <0,02 < 1 <0,05 <0,05 0,04 <0,02 <0,02 M1 (0-20) 0,92 <0,10 <0,01 <0,05 <0,05 <0,02 < 1 0,06 0,10 0,02 <0,02 <0,02 M2 (0-20) 1,32 <0,10 <0,01 <0,05 <0,05 0,17 < 1 <0,05 0,06 0,02 <0,02 <0,02 M3 (0-20) 1,97 <0,10 <0,01 <0,05 <0,05 0,44 < 1 <0,05 <0,05 <0,01 <0,02 <0,02 M4 (0-20) 0,57 <0,10 <0,01 <0,05 <0,05 <0,02 < 1 <0,05 <0,05 0,01 <0,02 <0,02 M5 (0-20) 1,46 <0,10 <0,01 <0,05 0,10 <0,02 < 1 <0,05 0,05 0,03 <0,02 <0,02 N1 (0-20) 1,19 <0,10 <0,01 <0,05 <0,05 <0,02 < 1 <0,05 <0,05 0,02 <0,02 <0,02 N2 (0-20) 0,86 <0,10 <0,01 <0,05 <0,05 <0,02 < 1 <0,05 <0,05 <0,01 <0,02 <0,02 N3 (0-20) 0,57 <0,10 <0,01 <0,05 <0,05 <0,02 < 1 <0,05 <0,05 0,03 <0,02 <0,02 Tabella 3 1,00 0,50 0,02 2,00 2,00 2,00 5 2,00 0,20 0,10 nd 0,50 Tabella Risultati test eluizione UNI10802 e confronto con tabella 3 all. 5 D.Lgs. 152/2006 Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Sardegna ARPAS 16

Relazione Conclusiva

Relazione Conclusiva AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS Direzione generale PIANO DI MONITORAGGIO AMBIENTALE DEGLI STAGNI DI S. GIOVANNI E DI MARCEDDI E DELLA ANTISTANTE FASCIA MARINO COSTIERA

Dettagli

ANALISI ACQUE DI SCARICO 2011 USCITA FINALE SF1

ANALISI ACQUE DI SCARICO 2011 USCITA FINALE SF1 ANALISI ACQUE DI SCARICO USCITA FINALE SF1 Det. Dirig. 8353/2009 Provincia di Roma ph 5,5-9,5 8,17 Temperatura C 35 20,0 COD mg/l 15 160 25,60 SO 3 = mg/l * 0,1 1 =< 0,1 (=) SO 4 = mg/l 0,15 1000 83,70

Dettagli

SERVIZIO di CAMPIONAMENTO ed ANALISI RIGUARDANTI ARIA, ACQUE, SEDIMENTI, SUOLO e PERCOLATO c/o IMPIANTI della Valle Umbra Servizi S.p.A.

SERVIZIO di CAMPIONAMENTO ed ANALISI RIGUARDANTI ARIA, ACQUE, SEDIMENTI, SUOLO e PERCOLATO c/o IMPIANTI della Valle Umbra Servizi S.p.A. SERVIZIO di CAMPIONAMENTO ed ANALISI RIGUARDANTI ARIA, ACQUE, SEDIMENTI, SUOLO e PERCOLATO c/o IMPIANTI della Valle Umbra Servizi S.p.A. ALLEGATO E al capitolato d'oneri ELENCO PREZZI LOTTO 1 Matrice Parametro

Dettagli

9 RELAZIONE ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEL GOLFO DELLA SPEZIA PER IL DRAGAGGIO DELLO SPECCHIO ACQUEO ANTISTANTE TERMINAL RAVANO

9 RELAZIONE ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEL GOLFO DELLA SPEZIA PER IL DRAGAGGIO DELLO SPECCHIO ACQUEO ANTISTANTE TERMINAL RAVANO 9 RELAZIONE ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEL GOLFO DELLA SPEZIA PER IL DRAGAGGIO DELLO SPECCHIO ACQUEO ANTISTANTE TERMINAL RAVANO Campagne di monitoraggio Marzo - Ottobre 2012 INDICE 1 INTROduZIONE... 3 2

Dettagli

Le indagini e i servizi di ARPA Veneto per la razionalizzazione della fertilizzazione

Le indagini e i servizi di ARPA Veneto per la razionalizzazione della fertilizzazione Le indagini e i servizi di ARPA Veneto per la razionalizzazione della fertilizzazione Paolo Giandon ARPAV - Servizio Suoli Riferimenti normativi Relazione fra pratiche agricole, in particolare fertilizzazione,

Dettagli

La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: affidabilità dei risultati d analisi.

La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: affidabilità dei risultati d analisi. R&C Lab S.r.l. La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: rintracciabilità come garanzia di affidabilità dei risultati d analisi. Dr. Dino Celadon Responsabile Ricerca & Sviluppo Ambientale

Dettagli

Monitoraggio ambientale di un area di sversamento a mare per materiale di dragaggio del porto di Ancona (Mar Adriatico)

Monitoraggio ambientale di un area di sversamento a mare per materiale di dragaggio del porto di Ancona (Mar Adriatico) Monitoraggio ambientale di un area di sversamento a mare per materiale di dragaggio del porto di Ancona (Mar Adriatico) A. Gomiero 1, A. de Biasi 2, E. Punzo 1, A. Santelli 1, P. Strafella 1, A. Spagnolo

Dettagli

COMUNE DI BAGNARA DI ROMAGNA PROVINCIA DI RAVENNA

COMUNE DI BAGNARA DI ROMAGNA PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI BAGNARA DI ROMAGNA PROVINCIA DI RAVENNA REGOLAMENTO FOGNARIO DI DEPURAZIONE E DEGLI SCARICHI MAGGIO 2001. TITOLO I...4 FINALITA DEL REGOLAMENTO...4 ART.1 Oggetto del regolamento...4 ART. 2 Ambito

Dettagli

La gestione dei materiali di risulta nei cantieri Evoluzione normativa e casi di studio

La gestione dei materiali di risulta nei cantieri Evoluzione normativa e casi di studio La gestione dei materiali di risulta nei cantieri Evoluzione normativa e casi di studio IL SITO CONTAMINATO DELLA NUOVA STAZIONE AV DI BOLOGNA Gestione dell iter amministrativo e delle interferenze con

Dettagli

ESEMPI DI DETERMINAZIONE DEI VALORI DI FONDO NEI TERRENI: IL SIN DI BRINDISI

ESEMPI DI DETERMINAZIONE DEI VALORI DI FONDO NEI TERRENI: IL SIN DI BRINDISI ESEMPI DI DETERMINAZIONE DEI VALORI DI FONDO NEI TERRENI: IL SIN DI BRINDISI ISPRA 1 Indice 1. Il Sito di Interesse Nazionale di Brindisi 2. La questione del fondo nel SIN di Brindisi 3. Il protocollo

Dettagli

Caratterizzazione chimico fisica delle biomasse legnose

Caratterizzazione chimico fisica delle biomasse legnose Caratterizzazione chimico fisica delle biomasse legnose Rossana Cerioni SIBE Srl Spin-Off dell Università Politecnica delle Marche BIOENERGY - Verona, 4 febbraio 2010 COMPONENTI DELLA BIOMASSA SOLIDA Aspetti

Dettagli

La caratterizzazione dei sedimenti

La caratterizzazione dei sedimenti Sessione 1 / CONTRIBUTI CONOSCITIVI Risultati del Progetto Osservatorio Trasimeno La caratterizzazione dei sedimenti Nicola Morgantini - Luca Peruzzi ARPA Umbria - Dipartimento Provinciale di Perugia Lo

Dettagli

Caratteristiche dei sedimenti nei porti canale dell Emilia-Romagna

Caratteristiche dei sedimenti nei porti canale dell Emilia-Romagna Ravenna 26/09/2012 PROGETTO LIFE ENV/IT/426 COAST-BEST http://www.coast-best.eu Caratteristiche dei sedimenti nei porti canale dell Emilia-Romagna Action 2: Il prelievo dei campioni di sedimenti nei porti

Dettagli

Risultati della caratterizzazione dei fumi

Risultati della caratterizzazione dei fumi Progetto Produzione di energia e sostanza organica dai sottoprodotti del vigneto Risultati della caratterizzazione dei fumi Paolo Giandon ARPAV Dipartimento Provinciale di Treviso Biella, 24 settembre

Dettagli

La caratterizzazione del rifiuto è solo una questione di analisi?

La caratterizzazione del rifiuto è solo una questione di analisi? La caratterizzazione del rifiuto è solo una questione di analisi? Dr Chimico Giuseppe Postorino Provincia di Reggio Calabria Reggio Calabria 30 maggio 2014 100 volume d affari dei servizi su base nazionale

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee 12.9.2001 IT Gazzetta ufficiale delle Comunità europee L 242/17 DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 28 agosto 2001 che stabilisce i criteri per l'assegnazione di un marchio comunitario di qualità ecologica

Dettagli

SERVIZIO DI CARATTERIZZAZIONE AMBIENTALE DELL AREA DI PROPRIETA DISTRIPARK TARANTO s.c.a r.l.

SERVIZIO DI CARATTERIZZAZIONE AMBIENTALE DELL AREA DI PROPRIETA DISTRIPARK TARANTO s.c.a r.l. SERVIZIO DI CARATTERIZZAZIOE AMBIETALE DELL AREA DI PROPRIETA DISTRIPARK TARATO s.c.a r.l. ELECO PREZZI UITARI DISTRIPARK TARATO SOCIETA COSORTILE A RESPOSABILITA LIMITATA Iscritta al Registro delle Imprese

Dettagli

Servizio CheckVeloce Qualitycheck. Richiesta di Preventivo Personalizzato

Servizio CheckVeloce Qualitycheck. Richiesta di Preventivo Personalizzato Servizio CheckVeloce Qualitycheck Richiesta di Preventivo Personalizzato. Sei libero di personalizzare il tuo Servizio CheckVeloce, scegliendo: i misurandi da valutare le matrici di tuo interesse. Istruzioni

Dettagli

Rete di monitoraggio in Italia per valutare le ricadute al suolo utilizzando muschi e suoli superficiali

Rete di monitoraggio in Italia per valutare le ricadute al suolo utilizzando muschi e suoli superficiali Rete di monitoraggio in Italia per valutare le ricadute al suolo utilizzando muschi e suoli superficiali R. M. Cenci BIOMONITORAGGIO DELL'ARIA: VERSO UNA PROPOSTA NORMATIVA Roma, 3 Marzo 2009 1 Attività

Dettagli

COMPLETAMENTO DEL PIANO DI CARATTERIZZAZIONE AMBIENTALE DEL SITO PRODUTTIVO DISMESSO CENTRALE DEL LATTE DI VICENZA IN VIA MEDICI

COMPLETAMENTO DEL PIANO DI CARATTERIZZAZIONE AMBIENTALE DEL SITO PRODUTTIVO DISMESSO CENTRALE DEL LATTE DI VICENZA IN VIA MEDICI REGIONE VENETO PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI VICENZA COMPLETAMENTO DEL PIANO DI CARATTERIZZAZIONE AMBIENTALE DEL SITO PRODUTTIVO DISMESSO CENTRALE DEL LATTE DI VICENZA IN VIA MEDICI IN COMUNE DI VICENZA.

Dettagli

ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA

ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA Paolo Parati ARPAV (Direzione Tecnica Servizio Acque Interne) 5 Marzo 2009 INTERVENTI FINANZIATI DALLA REGIONE CON

Dettagli

Biomonitoraggio di metalli urinari nella popolazione residente nei pressi del termovalorizzatore di Torino

Biomonitoraggio di metalli urinari nella popolazione residente nei pressi del termovalorizzatore di Torino Biomonitoraggio di metalli urinari nella popolazione residente nei pressi del termovalorizzatore di Torino Monica Chiusolo 1, Ennio Cadum 1, Martina Gandini 1, Alessandro Alimonti 2, Beatrice Bocca 2,

Dettagli

Innovazione in Toscana sul trattamento dei sedimenti di dragaggio

Innovazione in Toscana sul trattamento dei sedimenti di dragaggio Innovazione in Toscana sul trattamento dei sedimenti di dragaggio Giornata di studio Livorno, 14 aprile 2015 Fortezza Vecchia Il progetto LIFE+ SEKRET Sediment electrokinetic remediation technology for

Dettagli

Laboratorio Biomasse - Elenco delle analisi

Laboratorio Biomasse - Elenco delle analisi Laboratorio Biomasse - Elenco delle analisi 1 - Analisi per la caratterizzazione energetica e chimico-fisica dei materiali 1.1 - Biomasse solide * 1 Umidità CEN/TS 14774 Ceneri a 550 C CEN/TS 14775 Potere

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE DELL AMBIENTE MARINO CIRCOSTANTE LA PIATTAFORMA RSM-B

CARATTERIZZAZIONE DELL AMBIENTE MARINO CIRCOSTANTE LA PIATTAFORMA RSM-B VARIAZIONE PROGRAMMA LAVORI NELL AMBITO DELLA CONCESSIONE DI COLTIVAZIONE B.C8.LF : PERFORAZIONE DI NUOVI POZZI DI COLTIVAZIONE E ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ESISTENTI PER L OTTIMIZZAZIONE DEL RECUPERO

Dettagli

TARIFFARIO. (DICA_LIA/DOC.95.301 agg. 4 del 08.08.2013) Verifica e approvazione: Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale.

TARIFFARIO. (DICA_LIA/DOC.95.301 agg. 4 del 08.08.2013) Verifica e approvazione: Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale. Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale ( agg. 4 del 08.08.2013) Verifica e approvazione: Il Responsabile di Laboratorio prof. Michele. Giugliano Il Direttore Prof. Gianpaolo Rosati Pagina 1 di

Dettagli

ALLEGATO A BANDO DI GARA

ALLEGATO A BANDO DI GARA ALLEGATO A BANDO DI GARA SERVIZIO DI CAMPIONAMENTO E CONTROLLO ANALITICO DA EFFETTUARSI PRESSO GLI IMPIANTI DI POTABILIZZAZIONE, DEPURAZIONE, NONCHÉ TRATTAMENTO E SMALTIMENTO RSU/RSA DI PROPRIETÀ DEL CONSORZIO

Dettagli

CAMPIONAMENTO DEL SUOLO

CAMPIONAMENTO DEL SUOLO CAMPINAMENT DEL SUL Metodo Nei tre anni di durata del progetto è stato effettuato un solo campionamento del suolo da tutte le 6 AdS di Livello IIA-B, esattamente tra la fine di Maggio e Giugno 1996. Il

Dettagli

PIANO DI MONITORAGGIO PER LA PRIMA CARATTERIZZAZIONE DEI CORPI IDRICI DELLA REGIONE SICILIA

PIANO DI MONITORAGGIO PER LA PRIMA CARATTERIZZAZIONE DEI CORPI IDRICI DELLA REGIONE SICILIA AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE SICILIA PIANO DI MONITORAGGIO PER LA PRIMA CARATTERIZZAZIONE DEI CORPI IDRICI DELLA REGIONE SICILIA MONITORAGGIO QUALITATIVO E CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE

Dettagli

Sistema di Monitoraggio Idrologico Tevere Aniene Area Urbana (Studio preliminare)

Sistema di Monitoraggio Idrologico Tevere Aniene Area Urbana (Studio preliminare) Ufficio Idrografico e Mareografico Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale Sistema di Monitoraggio Idrologico Area Urbana (Studio preliminare) Via Monzambano, 10-00185 Roma Tel. 06491658-064957746

Dettagli

Servizi Consulenze Analisi Ambientali i S.C.A. s.n.c. - Analisi ambientali e alimentari, formazione I

Servizi Consulenze Analisi Ambientali i S.C.A. s.n.c. - Analisi ambientali e alimentari, formazione I Servizi Analisi Ambientali i S.C.A. s.n.c. - Analisi ambientali e alimentari, formazione I CARATTERIZZAZIONE CHIMICO-FISICA DI SEDIMENTI FLUVIALI PER SOSPETTA PRESENZA DIIDROCARBURI PRESSO LA FOCE DEL

Dettagli

TARIFFARIO. (DIIAR/DOC.95.301 agg. 3 del 25.03.2007) Verifica e approvazione: Il Responsabile di Laboratorio

TARIFFARIO. (DIIAR/DOC.95.301 agg. 3 del 25.03.2007) Verifica e approvazione: Il Responsabile di Laboratorio Dipartimento di Ingegneria Idraulica, Ambientale, Infrastrutture Viarie, Rilevamento Laboratorio di Ingegneria Ambientale TARIFFARIO (DIIAR/DOC.95.301 agg. 3 del 25.03.2007) Verifica e approvazione: Il

Dettagli

STUDIO GEOCHIMICO DEL PARTICOLATO ATMOSFERICO

STUDIO GEOCHIMICO DEL PARTICOLATO ATMOSFERICO UNIVERSITA CA FOSCARI VENEZIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE AMBIENTALI STUDIO GEOCHIMICO DEL PARTICOLATO ATMOSFERICO Prof. Rampazzo Giancarlo CHE COS E LA GEOCHIMICA 1.La geochimica studia la composizione chimica

Dettagli

LISTINO ANALISI CHIMICHE LABORATORIO GENESI srl ANNO 2013

LISTINO ANALISI CHIMICHE LABORATORIO GENESI srl ANNO 2013 LISTINO ANALISI CHIMICHE LABORATORIO GENESI srl ANNO 2013 All.MQ_4.4_02 rev.00 del 30.03.2013 Pagina 1 di 23 MATRICE: ACQUE PARAMETRO METODO PREZZO ph APAT CNR IRSA 2060 Man 5,00 Conducibilità elettrolitica

Dettagli

DISCARICA DI SCURELLE - DATI

DISCARICA DI SCURELLE - DATI La discarica di Scurelle DISCARICA PER RIFIUTI URBANI NON PERICOLOSI DELLA COMUNITA VALSUGANA E TESINO LOC. SOLIZZAN SCURELLE Autorizzazioni per lo smaltimento dei rifiuti in discarica Anno N autorizzazioni

Dettagli

Le nuove aree agricole indagate

Le nuove aree agricole indagate Caffaro e Brescia I nuovi dati Dott.ssa Geol. Maria Luigia Tedesco Dott. Geol. Enrico Alberico Brescia, 20 Ottobre 2015 Le campagne di indagini precedenti svolte da ARPA 2002 2005 2003 2006 Metodo delle

Dettagli

D.M. 13 marzo 2003 1 Criteri di ammissibilità dei rifiuti in discarica. (G.U. 21 marzo 2003, n. 67)

D.M. 13 marzo 2003 1 Criteri di ammissibilità dei rifiuti in discarica. (G.U. 21 marzo 2003, n. 67) D.M. 13 marzo 2003 1 Criteri di ammissibilità dei rifiuti in discarica. (G.U. 21 marzo 2003, n. 67) Art. 1. Criteri di ammissibilità dei rifiuti in discarica 1. Il presente decreto stabilisce i criteri

Dettagli

Decreto 13 marzo 2003 (Criteri di ammissibilità dei rifiuti in discarica)

Decreto 13 marzo 2003 (Criteri di ammissibilità dei rifiuti in discarica) Decreto 13 marzo 2003 (Criteri di ammissibilità dei rifiuti in discarica) Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio Decreto 13 marzo 2003 (Gazzetta ufficiale 21 marzo 2003 n. 67) Criteri di

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento ADEP Servizio Gestione degli Impianti Ing. Giovanni Battista Gatti. Pordenone, settembre 2013

Provincia Autonoma di Trento ADEP Servizio Gestione degli Impianti Ing. Giovanni Battista Gatti. Pordenone, settembre 2013 RUOLO DELLA PROVINCIA DI TRENTO NELLA GESTIONE DEI DEPURATORI E OTTIMIZZAZIONE DELLA RACCOLTA DEI DATI DI FUNZIONAMENTO PER FAVORIRE UNA GESTIONE CONSAPEVOLE DEGLI IMPIANTI Provincia Autonoma di Trento

Dettagli

Produzione di quantità sempre maggiori Mancanza di procedure di raccolta, separazione, recupero e smaltimento Competenze tecniche e risorse

Produzione di quantità sempre maggiori Mancanza di procedure di raccolta, separazione, recupero e smaltimento Competenze tecniche e risorse Produzione di quantità sempre maggiori Mancanza di procedure di raccolta, separazione, recupero e smaltimento Competenze tecniche e risorse finanziarie non adeguate Rilascio dei rifiuti senza sistemi di

Dettagli

CHIEDE ai sensi dell'art. 23 del Testo Unico delle leggi provinciali in materia di tutela dell'ambiente dagli inquinamenti,

CHIEDE ai sensi dell'art. 23 del Testo Unico delle leggi provinciali in materia di tutela dell'ambiente dagli inquinamenti, marca da bollo FAC-SIMILE SPAZIO RISERVATO AL GESTORE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DEGLI INSEDIAMENTI INDUSTRIALI (Testo Unico delle leggi provinciali in materia di tutela dell'ambiente dagli

Dettagli

LA GESTIONE DEI MATERIALI DI RISULTA COME RIFIUTO. Claudio Pilla

LA GESTIONE DEI MATERIALI DI RISULTA COME RIFIUTO. Claudio Pilla LA GESTIONE DEI MATERIALI DI RISULTA COME RIFIUTO Claudio Pilla DEFINIZIONE DI RIFIUTO D.lgs.152/2006 Art. 183 comma 1 lettera a) Si intende per rifiuto qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore

Dettagli

Stagno di Casaraccio Valutazione sullo stato di qualità ambientale in riferimento al D.Lgs 152/99. Indice OGGETTO E SCOPO 3 PREMESSA 3

Stagno di Casaraccio Valutazione sullo stato di qualità ambientale in riferimento al D.Lgs 152/99. Indice OGGETTO E SCOPO 3 PREMESSA 3 AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS Dipartimento Provinciale di Sassari Stagno di Casaraccio Valutazioni sullo stato di qualità ambientale in riferimento al D.Lgs 152

Dettagli

Decreto ministeriale 13/03/2003 Criteri di ammissibilità dei rifiuti in discarica.

Decreto ministeriale 13/03/2003 Criteri di ammissibilità dei rifiuti in discarica. Legge Decreto ministeriale 13/03/2003 Criteri di ammissibilità dei rifiuti in discarica. Preambolo [IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO di concerto con IL MINISTRO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

Dettagli

L IMPIANTO SPERIMENTALE DI FITODEPURAZIONE REALIZZATO DAL MAGISTRATO ALLE ACQUE DI VENEZIA NELL ALVEO ABBANDONATO DEL CANALE NOVISSIMO

L IMPIANTO SPERIMENTALE DI FITODEPURAZIONE REALIZZATO DAL MAGISTRATO ALLE ACQUE DI VENEZIA NELL ALVEO ABBANDONATO DEL CANALE NOVISSIMO L IMPIANTO SPERIMENTALE DI FITODEPURAZIONE REALIZZATO DAL MAGISTRATO ALLE ACQUE DI VENEZIA NELL ALVEO ABBANDONATO DEL CANALE NOVISSIMO La realizzazione di interventi per la fitodepurazione delle acque

Dettagli

STRUTTURA TERRITORIALE DI TRAPANI

STRUTTURA TERRITORIALE DI TRAPANI Monitoraggio Gorgo Basso 2015 Classificazione dello stato ecologico e dello stato chimico in base al DM n. 260/2010. Nel 2015 la ST di Trapani ha effettuato il monitoraggio del corpo idrico di transizione

Dettagli

Dose interna: metalli nelle urine e piombo ematico

Dose interna: metalli nelle urine e piombo ematico Dose interna: metalli nelle urine e piombo ematico Alessandro Alimonti, Beatrice Bocca, Anna Pino Istituto Superiore di Sanità Metodologia analitica I campioni di urina e sangue prelevati, sono diluiti

Dettagli

La determinazione del ph

La determinazione del ph La determinazione del ph Claudio Marzadori, Claudio Ciavatta Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali (DiSTA) Università di Bologna Bologna 31/03/2011 La revisione dei metodi ufficiali di analisi

Dettagli

Decreta: Art. 2. Impianti di discarica per rifiuti inerti 1. Fatto salvo quanto previsto dall'art. 6, sono smaltiti in discarica per rifiuti inerti:

Decreta: Art. 2. Impianti di discarica per rifiuti inerti 1. Fatto salvo quanto previsto dall'art. 6, sono smaltiti in discarica per rifiuti inerti: APPENDICE 4 Decreto 13 marzo 2003 Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio. Criteri di ammissibilita' dei rifiuti in discarica. (GU n. 67 del 21-3-2003) IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA

Dettagli

Un nuovo studio sullo stato del Serio: le preoccupazioni aumentano Di Alvaro Dellera - ottobre 2005

Un nuovo studio sullo stato del Serio: le preoccupazioni aumentano Di Alvaro Dellera - ottobre 2005 Un nuovo studio sullo stato del Serio: le preoccupazioni aumentano Di Alvaro Dellera - ottobre 2005 Introduzione Dopo lo studio commissionato da diversi enti e già commentato a http://www.verdicrema.org/archivio/dib_anal/serio.htm

Dettagli

Dott. Massimo FREGONESE Responsabile Settore Laboratori

Dott. Massimo FREGONESE Responsabile Settore Laboratori 1 Dott. Massimo FREGONESE Responsabile Settore Laboratori RIFIUTO qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia l intenzione o abbia l'obbligo di disfarsi (Decreto legislativo 3 aprile

Dettagli

MODELLO PER LA STIMA DELL ESPOSIZIONE

MODELLO PER LA STIMA DELL ESPOSIZIONE Progetto di sorveglianza degli effetti sanitari diretti e indiretti dell impianto di trattamento rifiuti (PAIP) di Parma Delibera n. 938/2008 del 15/10/2008 la Giunta provinciale di Parma VIA-AIA: Prescrizioni

Dettagli

LIPIDUR MISCELA PER OPERE DI IMMOBILIZZAZIONE E STABILIZZAZIONE

LIPIDUR MISCELA PER OPERE DI IMMOBILIZZAZIONE E STABILIZZAZIONE LIPIDUR MISCELA PER OPERE DI IMMOBILIZZAZIONE E STABILIZZAZIONE LIPIDUR LIPIDUR è un prodotto premiscelato composto da leganti minerali cementizi e aggiunte speciali. LIPIDUR viene sempre confezionato

Dettagli

Sulle matrici indagate sono stati determinati i livelli di concentrazione delle seguenti sostanze:

Sulle matrici indagate sono stati determinati i livelli di concentrazione delle seguenti sostanze: 1 La Relazione sui risultati preliminari dei Piani di monitoraggio sugli inquinanti ambientali nell area del Poligono interforze del salto di Quirra, predisposta dall Istituto zooprofilattico della Sardegna

Dettagli

Il recupero agricolo

Il recupero agricolo Il recupero agricolo Origine dei fanghi biologici A seguito dell entrata in vigore della legge n. 319/76 (Merli), finalizzata alla tutela delle acque dall inquinamento, si è dato l avvio alla costruzione

Dettagli

MATERIALE O PRODOTTO DA PROVARE DENOMINAZIONE DELLA PROVA RIFERIMENTO NORMA

MATERIALE O PRODOTTO DA PROVARE DENOMINAZIONE DELLA PROVA RIFERIMENTO NORMA MATERIALE O PRODOTTO DA PROVARE DENOMINAZIONE DELLA PROVA RIFERIMENTO NORMA ACQUE POTABILI, MINERALI, SUPERFICIALI, DI, LIQUIDI DI DISSOLUZIONE ACQUE POTABILI, MINERALI, SUPERFICIALI, DI, LIQUIDI DI DISSOLUZIONE

Dettagli

LIVELLO DI FONDO NATURALE DI METALLI PESANTI NEI SUOLI DELL ENTROTERRA VENEZIANO - Addendum

LIVELLO DI FONDO NATURALE DI METALLI PESANTI NEI SUOLI DELL ENTROTERRA VENEZIANO - Addendum Premessa al documento LIVELLO DI FONDO NATURALE DI METALLI PESANTI NEI SUOLI DELL ENTROTERRA VENEZIANO - Addendum Il seguente documento deve intendersi quale addendum al progetto presentato il 5 agosto

Dettagli

AUTUNNO 2011 Corpo idrico N. totale stazioni

AUTUNNO 2011 Corpo idrico N. totale stazioni AUTUNNO 2011 La qualità delle acque di transizione del Veneto è controllata, per conto della Regione, dal Settore Acque di ARPAV. Nella mappa riportata in Figura 1 sono indicati i corpi idrici di transizione

Dettagli

Esperienze di caratterizzazione delle componenti inorganiche in deposizioni umide e secche nei pressi di un impianto di incenerimento

Esperienze di caratterizzazione delle componenti inorganiche in deposizioni umide e secche nei pressi di un impianto di incenerimento Esperienze di caratterizzazione delle componenti inorganiche in deposizioni umide e secche nei pressi di un impianto di incenerimento Brescia, Auditorium del Museo Civico di Scienze Naturali 5 giugno 2014

Dettagli

Tecnologie di trattamento del percolato

Tecnologie di trattamento del percolato Tecnologie di trattamento del percolato Corso di Gestione dei Rifiuti Solidi Dipartimento IMAGE dott. ing. Luca Alibardi a.a.2004-2005 INTRODUZIONE Il percolato proveniente dalle discariche controllate

Dettagli

Accertamenti in caso di moria ittica e le modalità di conferimento dei campioni

Accertamenti in caso di moria ittica e le modalità di conferimento dei campioni Accertamenti in caso di moria ittica e le modalità di conferimento dei campioni SALOGNI CRISTIAN SEZ. DIAGNOSTICA DI BRESCIA LABORATORIO DI ITTIOPATOLOGIA Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia

Dettagli

Tab.1 Punti di monitoraggio oggetto di campionamento di suolo

Tab.1 Punti di monitoraggio oggetto di campionamento di suolo ARPAT Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana Dipartimento Provinciale di Arezzo U.O. C. Prevenzione e Controlli Ambientali Integrati 52100 Arezzo - viale Maginardo, 1 tel. 0575939105

Dettagli

DAISY S.R.L. Discarica per rifiuti non pericolosi sita in località San Procopio, S.P. 12 Km 4 76121 Barletta (BT)

DAISY S.R.L. Discarica per rifiuti non pericolosi sita in località San Procopio, S.P. 12 Km 4 76121 Barletta (BT) DAISY S.R.L. Discarica per rifiuti non pericolosi sita in località San Procopio, S.P. 12 Km 4 76121 Barletta (BT) A.I.A. n.124 del 09.12.2008 Relazione Annuale Gennaio Dicembre Data 28/01/14 Rev: 0 Pagina

Dettagli

IMPIANTO DI DEPURAZIONE MILANO SAN ROCCO CRITERI DI MONITORAGGIO E GESTIONE. Carmen TERZI - DEGREMONT SPA 27 OTTOBRE 2014

IMPIANTO DI DEPURAZIONE MILANO SAN ROCCO CRITERI DI MONITORAGGIO E GESTIONE. Carmen TERZI - DEGREMONT SPA 27 OTTOBRE 2014 IMPIANTO DI DEPURAZIONE MILANO SAN ROCCO CRITERI DI MONITORAGGIO E GESTIONE Carmen TERZI - DEGREMONT SPA 27 OTTOBRE 2014 LEGISLAZIONE D.Lgs 152 del 3 aprile 2006 : TESTO UNICO AMBIENTALE Allegato 5 PARTE

Dettagli

RICHIESTA DI ALLACCIO ALLA RETE FOGNARIA CONSORTILE

RICHIESTA DI ALLACCIO ALLA RETE FOGNARIA CONSORTILE Consorzio Industriale Provinciale Cagliari Sede Legale e Recapito Postale: Viale Diaz, 86 09125 CAGLIARI tel 070 2481 fax 070 247411 www.cacip.it Sede Legale e Recapito Postale: Viale A. Diaz, 86 09125

Dettagli

Valori misurati dei parametri inquinanti nelle stazioni della rete regionale di monitoraggio delle acque superficiali

Valori misurati dei parametri inquinanti nelle stazioni della rete regionale di monitoraggio delle acque superficiali settore ambiente servizio acque, suolo e protezione civile Valori misurati dei parametri inquinanti nelle stazioni della rete regionale di monitoraggio delle acque superficiali Allegato 1 Mantova, novembre

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO Allegato A2.4 BILANCIO DELLE EMISSIONI INQUINANTI Riferimento al capitolo 2.6 della Relazione di sintesi PEAP GR A cura di CO.SVI.G., PIN SCRL.

Dettagli

Un nuovo spettrometro XRF portatile: prima applicazione a un bronzo dorato del Battistero di Firenze

Un nuovo spettrometro XRF portatile: prima applicazione a un bronzo dorato del Battistero di Firenze Un nuovo spettrometro XRF portatile: prima applicazione a un bronzo dorato del Battistero di Firenze A. Migliori a,b, P. Bonanni a, L. Carraresi a, N. Grassi a, P.A. Mandò a a Dipartimento di Fisica dell

Dettagli

PROVINCIA DI PISA FIUME SERCHIO INTERVENTI DI RICALIBRATURA D ALVEO IN LOC. MIGLIARINO

PROVINCIA DI PISA FIUME SERCHIO INTERVENTI DI RICALIBRATURA D ALVEO IN LOC. MIGLIARINO L intervento in progetto prevede di eseguire la riprofilatura delle aree di golena situate a valle del ponte della SS1 Aurelia, presso la località di Migliarino Pisano. La riprofilatura, in particolare,

Dettagli

Corpi Idrici Significativi secondo il D.Lgs 152/99 Normativa vigente fino al 2008

Corpi Idrici Significativi secondo il D.Lgs 152/99 Normativa vigente fino al 2008 Corpi Idrici Significativi secondo il D.Lgs 152/99 Normativa vigente fino al 2008 COSA SONO Il D.Lgs. 152/99 e s.m.i. definisce corpi idrici "significativi" i corpi idrici, superficiali e sotterranei,

Dettagli

AUTORITA DI AMBITO N.2 BASSO VALDARNO. Allegato n. 4 TARIFFA DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER LE ACQUE REFLUE INDUSTRIALI

AUTORITA DI AMBITO N.2 BASSO VALDARNO. Allegato n. 4 TARIFFA DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER LE ACQUE REFLUE INDUSTRIALI AUTRITA DI AMBIT N.2 BASS VALDARN Allegato n. 4 TARIFFA DI FGNATURA E DEPURAZINE PER LE ACQUE REFLUE INDUSTRIALI TARIFFA DI FGNATURA E DEPURAZINE PER LE ACQUE REFLUE INDUSTRIALI CALCL DELLA TARIFFA La

Dettagli

23/03/2016. Signature Not Verified. Firma Digitale. a cura del servizio prelevatore. Dati Anagrafici. Accettazione a cura dello Sportello di: BOLOGNA

23/03/2016. Signature Not Verified. Firma Digitale. a cura del servizio prelevatore. Dati Anagrafici. Accettazione a cura dello Sportello di: BOLOGNA Sezione Provinciale di Bologna Laboratorio Integrato Resp.: Dott.ssa Maria Antonietta Bucci Sabattini via F.Rocchi,19 40138 Bologna tel. 051.396211 fax. 051.342642 e-mail aoobo@cert.arpa.emr.it Signature

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

L analisi di conformità con i valori limite di legge ed il ruolo dell incertezza di misura: il contributo del campionamento della matrice suolo

L analisi di conformità con i valori limite di legge ed il ruolo dell incertezza di misura: il contributo del campionamento della matrice suolo L analisi di conformità con i valori limite di legge ed il ruolo dell incertezza di misura: il contributo del campionamento della matrice suolo Corso accreditato 4 punti ECM 9 giugno 0 Dr. A. Felluga Referente

Dettagli

Esperienze sperimentali per lo studio ed il controllo delle acque di prima pioggia a Bologna

Esperienze sperimentali per lo studio ed il controllo delle acque di prima pioggia a Bologna Esperienze sperimentali per lo studio ed il controllo delle acque di prima pioggia a Bologna Sandro Artina Marco Maglionico DISTART Costruzioni Idrauliche Università di Bologna -Facoltà di Ingegneria sandro.artina@unibo.it

Dettagli

(Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) COMMISSIONE

(Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) COMMISSIONE L 192/36 IT Gazzetta ufficiale delle Comunità europee 28.7.2000 II (Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) COMMISSIONE DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 17 luglio 2000 in

Dettagli

La gestione del Servizio Idrico Integrato di Rimini e la qualità dell acqua potabile

La gestione del Servizio Idrico Integrato di Rimini e la qualità dell acqua potabile ECOMONDO 07 novembre 2008 venerdì La gestione del Servizio Idrico Integrato di Rimini e la qualità dell acqua potabile Ing. Pierpaolo Martinini Responsabile Reti Hera Rimini Srl Principali fonti del territorio

Dettagli

DINAMICHE DI RIPARTIZIONE E DESTINO DEI METALLI IN UN CICLO DI DEPURAZIONE REFLUI CIVILI

DINAMICHE DI RIPARTIZIONE E DESTINO DEI METALLI IN UN CICLO DI DEPURAZIONE REFLUI CIVILI DINAMICHE DI RIPARTIZIONE E DESTINO DEI METALLI IN UN CICLO DI DEPURAZIONE REFLUI CIVILI Laboratori S.p.A. Giancarlo Cecchini, Paolo Cirello, Biagio Eramo Rimini 7 novembre 2014 Soluzioni e prospettive

Dettagli

Prove di combustione

Prove di combustione Giornata Dimostrativa del Progetto BioTec Analisi delle tecniche di combustione e ricerca sui processi di produzione di biocombustibili da biomasse agro-forestali Prove di combustione Andrea Cristoforetti

Dettagli

Allegato 1 al Titolo III-bis alla Parte Quarta. Norme tecniche e valori limite di emissione per gli impianti di incenerimento di rifiuti

Allegato 1 al Titolo III-bis alla Parte Quarta. Norme tecniche e valori limite di emissione per gli impianti di incenerimento di rifiuti Allegato 1 al Titolo III-bis alla Parte Quarta Norme tecniche e valori limite di emissione per gli impianti di incenerimento di rifiuti A. VALORI LIMITE DI EMISSIONE IN ATMOSFERA 1. Valori limite di emissione

Dettagli

Acqua Minerale Naturale oligominerale fonte SAN BENEDETTO -naturale-

Acqua Minerale Naturale oligominerale fonte SAN BENEDETTO -naturale- Descrizione o modifica NOME COMMERCIALE ACQUA MINERALE NATURALE MARCHIO SAN BENEDETTO FORMATO TMC TERMINE MINIMO DI CONSERVAZIONE Naturale 2 Litri PET 18 Mesi 1.5 Litri PET 18 Mesi 1 Litri PET 18 Mesi

Dettagli

Verbale di campionamento del suolo

Verbale di campionamento del suolo V. Allegati Regione Campania Assessorato all Agricoltura Verbale di campionamento del suolo Comune codice ISTAT Coordinate geografiche: UTM-Est Sigla identificazione del campione codice rilevatore codice

Dettagli

Oggetto: IMPIANTO CONTAINERIZZATO PER IL TRATTAMENTO DEL PERCOLATO A 3 STADI CAPACITA 120m3/g

Oggetto: IMPIANTO CONTAINERIZZATO PER IL TRATTAMENTO DEL PERCOLATO A 3 STADI CAPACITA 120m3/g Oggetto: IMPIANTO CONTAINERIZZATO PER IL TRATTAMENTO DEL PERCOLATO A 3 STADI CAPACITA 120m3/g Discarica di Cupinoro La tecnologia prescelta è basata sul principio della OSMOSI INVERSA L Osmosi Inversa

Dettagli

Definizione dei criteri di ammissibilità dei rifiuti in discarica

Definizione dei criteri di ammissibilità dei rifiuti in discarica Decreto Ministeriale 3 agosto 2005 Definizione dei criteri di ammissibilità dei rifiuti in discarica (pubblicato in GU 30 agosto 2005, n. 201) Il Ministro dell ambiente e della tutela del territorio di

Dettagli

ACQUA. RUOLO: - assimilazione - disassimilazione. FUNZIONI: - solvente - veicolante - termoregolatrice - apporto di sali minerali

ACQUA. RUOLO: - assimilazione - disassimilazione. FUNZIONI: - solvente - veicolante - termoregolatrice - apporto di sali minerali ACQUA RUOLO: - assimilazione - disassimilazione FUNZIONI: - solvente - veicolante - termoregolatrice - apporto di sali minerali DISPONIBILITA ¾ del pianeta ricoperti da acqua < 3% dolce 0,6 % falde freatiche

Dettagli

LA RETE SPECIALE DI MISURE DELLA QUALITA DELL ARIA OBIETTIVI GENERALI ED ASPETTI SPECIFICI SULLA SPECIAZIONE CHIMICA DEL PARTICOLATO.

LA RETE SPECIALE DI MISURE DELLA QUALITA DELL ARIA OBIETTIVI GENERALI ED ASPETTI SPECIFICI SULLA SPECIAZIONE CHIMICA DEL PARTICOLATO. LA RETE SPECIALE DI MISURE DELLA QUALITA DELL ARIA OBIETTIVI GENERALI ED ASPETTI SPECIFICI SULLA SPECIAZIONE CHIMICA DEL PARTICOLATO Cinzia Perrino CONSIGLIO NAZIONALE delle RICERCHE ISTITUTO sull INQUINAMENTO

Dettagli

ACQUA componente più abbondante dell organismo fabbisogno più abbondante riserve più limitate

ACQUA componente più abbondante dell organismo fabbisogno più abbondante riserve più limitate ACQUA componente più abbondante dell organismo fabbisogno più abbondante riserve più limitate L ORGANISMO ANIMALE NON SOPRAVVIVE ALLA PERDITA DEL 10% DI ACQUA Permette la vita, che può essere considerata

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Modello predisposto dall'agenzia Provinciale per la Protezione dell'ambiente Marca da bollo PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DEGLI INSEDIAMENTI INDUSTRIALI (Per la corretta

Dettagli

Valutazione dei valori di fondo geochimici naturali nelle acque sotterranee: casi di studio nel Lazio

Valutazione dei valori di fondo geochimici naturali nelle acque sotterranee: casi di studio nel Lazio Valutazione dei valori di fondo geochimici naturali nelle acque sotterranee: casi di studio nel Lazio Elisabetta Preziosi, Andrea Del Bon, Stefano Ghergo IRSA-CNR - Area della Ricerca Roma 1 - Monterotondo

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA N. 3717/15

RAPPORTO DI PROVA N. 3717/15 Spett.le P3 SRL VIA SALVO D'ACQUISTO, 5 35010 RONCHI DI VILLAFRANCA (PD) Sigla del campione SFRIDI E SCARTI DI LAVORAZIONE PANNELLI POLIURETANICI COMPOSTI Numero accettazione 3717 Campione ricevuto 08/07/2015

Dettagli

SPERIMENTAZIONE della cartografia dei valori di fondo. gestione delle terre e rocce da scavo. Bologna, 2 Aprile 2014

SPERIMENTAZIONE della cartografia dei valori di fondo. gestione delle terre e rocce da scavo. Bologna, 2 Aprile 2014 SPERIMENTAZIONE della cartografia dei valori di fondo dei metalli pesanti, a supporto della gestione delle terre e rocce da scavo Bologna, 2 Aprile 2014 Cos è il contenuto di fondo naturale? (art. 1 comma

Dettagli

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Ligure

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Ligure Validazione della Caratterizzazione Ambientale dei Cantieri Navali Michelini s.r.l. V.le S. Bartolomeo S.I.N. Pitelli La Spezia 1 Indice INDICE...2 1 PREMESSA...3 2 RISULTATI DELLA CARATTERIZZAZIONE...5

Dettagli

Emilia-Romagna Prelievo, trasporto e consegna di campioni di fango per verifica D. Lgs 99/92 Revisione 2 del 13/03/08 Pagina 1 di 10

Emilia-Romagna Prelievo, trasporto e consegna di campioni di fango per verifica D. Lgs 99/92 Revisione 2 del 13/03/08 Pagina 1 di 10 Arpa LINEA GUIDA-DIREZIONE TECNICA LG09/DT Emilia-Romagna Prelievo, trasporto e consegna di campioni di fango per verifica D. Lgs 99/92 Revisione 2 del 13/03/08 Pagina 1 di 10 PRELIEVO, TRASPORTO E CONSEGNA

Dettagli

La metodologia per il recupero dei Metalli Nobili dai RAEE

La metodologia per il recupero dei Metalli Nobili dai RAEE Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Chimica Inorganica ed Analitica Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica Dott. Angela Serpe Prof. Paola Deplano Prof. Massimo Vanzi La metodologia

Dettagli

CHIEDE ai sensi dell'art. 23 del Testo Unico delle leggi provinciali in materia di tutela dell'ambiente dagli inquinamenti,

CHIEDE ai sensi dell'art. 23 del Testo Unico delle leggi provinciali in materia di tutela dell'ambiente dagli inquinamenti, (*) Pag. 1 di 13 MARCA DA BOLLO TIMBRO PROTOCOLLO STET Spettabile STET S.p.A. Viale Venezia, 2/E 38057 Pergine Valsugana (TN) Il/La sottoscritto/a (nome e cognome) Nato/a a il / / Codice fiscale Residente/con

Dettagli

BONIFICA. Tecnologie di bonifica: - Chimiche - Fisiche - Biologiche - Termiche 1

BONIFICA. Tecnologie di bonifica: - Chimiche - Fisiche - Biologiche - Termiche 1 BONIFICA - intervento necessario al risanamento di situazioni di contaminazione create da eventi accidentali o a seguito dell individuazione di fenomeni di inquinamento derivanti da attività lavorative.

Dettagli

PT0003: contenuti e proposte di revisione ISPRA - ROMA, 25 Giugno 2009 Alessandro Grigato ARPAV

PT0003: contenuti e proposte di revisione ISPRA - ROMA, 25 Giugno 2009 Alessandro Grigato ARPAV PT0003: contenuti e proposte di revisione ISPRA - ROMA, 25 Giugno 2009 Alessandro Grigato ARPAV 1 Procedura SINAL PT-0003 Prove valutative (Proficiency test) Analisi dei contenuti e Proposte di revisione

Dettagli

Sostanza organica e potenzialità di sequestro di CO2 nei suoli agricoli emilianoromagnoli

Sostanza organica e potenzialità di sequestro di CO2 nei suoli agricoli emilianoromagnoli Convegno L Agricoltura Conservativa esperienze concrete e misure di incentivazione Giovedì 30 ottobre 2014, ore 9,30 Tecnopolo di Reggio Emilia Piazzale Europa, 1 RE Sostanza organica e potenzialità di

Dettagli

Qualità del suolo e metriche territoriali per la pianificazione peri-urbana

Qualità del suolo e metriche territoriali per la pianificazione peri-urbana Qualità del suolo e metriche territoriali per la pianificazione peri-urbana F. Ajmone Marsan, E. Borgogno Mondino Università di Torino - DISAFA Percezione del suolo come superficie Il suolo in 3D Il

Dettagli

I dati di ARPAV del monitoraggio delle acque interne

I dati di ARPAV del monitoraggio delle acque interne I dati di ARPAV del monitoraggio delle acque interne Filippo Mion RETI DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELLE ACQUE SAI predispone i piani di monitoraggio e raccoglie e valuta i risultati dei monitoraggi

Dettagli