Risultati di Gruppo. Primo Trimestre 2015

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Risultati di Gruppo. Primo Trimestre 2015"

Transcript

1 Risultati di Gruppo Primo Trimestre 2015

2 Principali evidenze del primo trimestre 2015 Prosegue lo sviluppo del Gruppo con una Raccolta da Clientela (Depositi, Raccolta Gestita, Riserve Assicurative e Raccolta Amministrata) in crescita di oltre 2,5 miliardi (+5,0%) nel solo trimestre e di 6 miliardi (+11,8%) rispetto al primo trimestre In particolare la Raccolta Gestita è in crescita di 1,7 miliardi nel trimestre (+8,5%) e di circa 3,5 miliardi sull anno (+18,7%) Gli impieghi, penalizzati dalla normale stagionalità (-3,1% sul dato di fine 2014), si confermano in forte sviluppo sull anno: +6,6% a/a pari ad una crescita di circa 1,3 miliardi Sviluppo degli Impieghi e della Raccolta equilibrati (LtD a 1,01 in ulteriore calo rispetto al valore di 1,06 di fine 2014 e di 1,10 a fine 2013*) e sostenibili (CET1 ratio a 11,3% comprensivo dell utile di periodo**) Netta riduzione dell esposizione in titoli Governativi Italiani, passati dal 56% al 13% del portafoglio titoli del Gruppo Bancario nel trimestre, con uno spostamento di ricavi da Margine Finanziario a Trading, in coerenza con uno scenario finanziario, post-qe, dove la possibilità di ulteriori apprezzamenti di tali titoli è marginale Incremento della copertura sulle Inadempienze Probabile con un coverage ratio del totale crediti problematici in aumento al 42,3% rispetto al 40,7% di fine 2014 Previsto un accantonamento di 5,1 milioni al Single Resolution Fund (*) Impieghi calcolati al netto dei PCT con controparti centrali e dei crediti verso SPV del gruppo, Raccolta comprensiva delle Obbligazioni emesse sui mercati istituzionali (**) Coefficiente patrimoniale relativo al nuovo perimetro di vigilanza prudenziale posto su Credemholding 2

3 Evoluzione del Conto Economico Milioni di Euro 1Q14 4Q14 1Q15 Margine di Intermediazione Margine di Intermediazione (netto Trading e comm. di performance) % vs. 1Q14 % vs. 4Q14 286,7 261,1 353,1 23,2 35,2 247,5 247,7 253,0 2,2 2,1 Costi Operativi -166,7-167,1-175,5 5,3 5,0 Risultato Lordo di Gestione 120,0 94,0 177,6 48,0 88,9 Ammortamenti -9,2-9,9-9,5 3,3-4,0 Ris. Operativo 110,8 84,1 168,1 51,7 99,9 Rettifiche su crediti -13,5-37,0-36,8 172,6-0,5 Accantonamenti per rischi ed oneri Oneri/ proventi straordinari -2,3-3,3-9,4 n.a. n.a. -1,6 0,2 5,4 n.a. n.a. Utile ante imposte 93,4 44,0 127,3 36,3 189,3 Imposte/ Utile terzi -36,4-20,7-43,3 19,0 109,2 Utile netto 57,0 23,3 84,0 47,4 260,5 Margine di Intermediazione (netto di trading/ comm. Performance) Milioni di Euro L Utile Netto è in forte crescita nel trimestre beneficiando principalmente dei proventi da Trading Si conferma comunque in crescita anche la componente reddituale «core» grazie al positivo sviluppo dell aggregato commissionale 253 1Q12 3Q12 1Q13 3Q13 1Q14 3Q14 1Q15 3

4 Margine Finanziario (1/3) Milioni di Euro Margine Finanziario 123,6 122,2 125,6 119,4 106,2 1Q14 2Q14 3Q14 4Q14 1Q15 Il Margine Finanziario è in calo di circa l 11% sul trimestre a seguito della decisione di cedere una parte significativa del portafoglio titoli non vedendo particolari spazi di ulteriore apprezzamento degli stessi, data la forte contrazione dei tassi e dello spread btp-bund A livello di forbice clientela si registra una leggera ripresa rispetto al minimo del 4 trimestre 2014, guidata da una riduzione del costo della raccolta in grado di più che compensare le permanenti tensioni sul tasso medio degli impieghi 4,0 3,5 3,0 2,5 2,0 1,5 1,0 0,5 0,0 2,09 2,03 Spread sulla Clientela (Credem SpA dati gestionali) 3,35 3,28 3,30 3,38 3,31 1,26 1,24 2,22 3,12 2,96 2,92 2,38 2,36 2,22 2,11 2,14 1,08 1,00 0,94 0,90 0,85 0,78 2Q13 3Q13 4Q13 1Q14 2Q14 3Q14 4Q14 1Q15 0,4% 0,3% 0,2% 0,1% 0,0% Euribor e spread BTP/Bund: evoluzione ,30% 0,31% ,23% 0,24% ,21% 0,17% 100 0,05% 50 0,08% 0 bps spread tasso medio impieghi tasso medio depositi Euribor 3 mesi Spread BTP vs. Bund (10 anni) 4

5 Margine Finanziario (2/3) Variazione Composizione degli impieghi Portafoglio alla clientela Titoli (dati gestionali Credem SpA) 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Portafoglio Titoli Gruppo Bancario ( mln) 62% 16% 10% 56% 18% 13% 60% 11% 10% 13% 15% 17% Q15 Altro Estero Altro Italia Gov. Estero/ EFSF/ BEI Gov. Italia La ricomposizione del portafoglio titoli è evidente nel confronto con la situazione a fine 2013 e a fine 2014: l esposizione sui titoli governativi Italiani passa dal 56% al 13%, a sostanziale parità di portafoglio L esposizione totale sul «paese Italia» sul portafoglio titoli del Gruppo Bancario passa dal 67% del 4 trimestre 2014 al 23% con un netto incremento dell esposizione verso EFSF, BEI e i titoli governativi di paesi del nord Europa Tale scelta è legata ad un contesto economico dove l impatto del QE ha ridotto significativamente i tassi di raccolta di alcuni paesi, quali l Italia, rendendo marginali le possibilità di ulteriori apprezzamenti dei titoli legati a tali paesi 5

6 Margine Finanziario (3/3) 4,50 4,00 3,50 3,00 2,50 2,00 1,50 1,00 0,50 - Evoluzione Tasso Medio Impieghi da Clientela (Credem SpA dati gestionali) % 3,96 3,79 3,79 3,52 3,65 3,60 3,33 3,18 2,96 2,92-0,44% -0,46% -0,62% -0,69% -0,68% Q14 1Q15 Evoluzione Tasso Medio Raccolta da Clientela (Credem SpA dati gestionali) 2,50 2,00 1,50 1,00 0,50 - % 2,09 1,29 1,22 1,96 0,80% 0,74% 1,68 1,53 0,76% 0,68% 1,41 0,92 0,85 0, Q14 1Q15 0,63% % 2,50 2,00 1,50 1,00 0,50 0,00 Credem: Tasso medio impieghi 2,23 1,87 2,11 1,82 2,26 Sistema: Tasso medio impieghi Evoluzione Spread Medio da Clientela (Credem SpA dati gestionali) 0,36% 2,10 2,11 2,12 2, Q14 1Q15 Credem: spread 0,29% 0,14% -0,02% Sistema: spread 2,19-0,05% Credem: Tasso medio depositi Sistema: Tasso medio depositi Pur presentando un leggero miglioramento della forbice clientela, il confronto con il Sistema è ancora penalizzante. La politica commerciale declinata dal Gruppo, maggiormente orientata alla crescita, porta ad un differenziale sul tasso medio degli impieghi intorno ai ~68/69 bps rispetto ai ~45 storici. D altra parte, il già basso livello di costo della raccolta ne riduce i margini per un suo possibile contenimento, almeno in raffronto al Sistema Fonte: ABI Monthly Outlook Gennaio

7 Margine da Servizi (1/2) Margine da Servizi : evoluzione trimestrale Comm. Performance ,9 3 Trading Altri ricavi Comm. Bancarie Risultato Attività Assicurativa Comm. Gestione e Intermediazione Milioni ,1 163,1 145,8 127,7 136,8 5 27,6 11,8 3,4 39,1 133,8 138,9 141,7 118,7 10,7 5,4 4 4,5 5,6 4,5 4,9 13,2 10 3,8 4,3 3,4 4,5 5 49,3 51,3 49,2 49,9 52,5 49,5 47,9 48,4 52, ,5 9,9 7,3 9,7 11,8 13,4 11,6 9, ,9 51,9 54,9 58,1 61,2 60,9 61,8 68,5 1Q13 2Q13 3Q13 4Q13 1Q14 2Q14 3Q14 4Q14 1Q15 MAS netto Trading e Comm. Performance 117,8 115,5 113,6 122,7 123,9 127,4 124,7 128,3 146,8 La cessione di parte significativa del portafoglio titoli ha, d altra parte, un significativo impatto sul Margine da Servizi attraverso la componente del Trading Anche al netto di tali eventi «non ricorrenti» continua a rafforzarsi la componente commissionale con l ottimo dato delle commissioni di gestione e la conferma delle commissioni bancarie 7

8 Margine da Servizi (2/2) Evoluzione Raccolta Gestita e Ris. Assicurative Milioni di Euro 100% Distribuzione Sicav e Fondi per Asset Class (dati gestionali Credem SpA) 6,0% 6,9% 7,3% % % 60% 33,1% 35,2% 38,4% % 49,3% 49,2% 46,8% 20% Q15 0% 11,5% 8,7% 7,5% Q15 Monetari Obbligazionari Bilanciati/ Flessibili Azionari La progressiva crescita delle commissioni di gestione è guidata dalla continua crescita delle masse gestite, in incremento del 28% rispetto alla fine del 2013 e di quasi il 10% nel corso del solo 1 trimestre 2015 Tale trend è affiancato ad un positivo «effetto mix» che tende a premiare le asset class con i maggiori profili di rischio/ rendimento a cui sono associate commissioni di gestione mediamente più elevate 8

9 Costi Operativi Costi Operativi: evoluzione trimestrale Milioni di Euro 166,7 164,2 156, Evoluzione numerica dipendenti/ reti Dipendenti 167,1 175, Promotori Finanziari Q15 0 1Q14 2Q14 3Q14 4Q14 1Q15 Spese del Personale Costi Amministrativi L evoluzione dei costi operativi (+5,3% a/a) riprende la strategia di investimento del Gruppo con i costi amministrativi sostanzialmente stabili sui valori del 1 trim e la crescita focalizzata sull aggregato delle spese del personale (+6,9% a/a) L investimento sulla distribuzione, in termini di nuove risorse, si conferma vedendo l evoluzione dei dipendenti/ reti, tutte in continua e progressiva crescita Agenti Crecasa e della Cessione del V dello stipendio

10 Evoluzione degli impieghi Crediti alla clientela (al netto dei PCT con controparti centrali e dei crediti verso SPV del gruppo) Mil Crediti alla clientela (Valore di bilancio) Q Q La normale stagionalità dell aggregato penalizza il dato trimestrale che rimane in crescita del 6,6% a/a Continua lo sviluppo dei mutui residenziali ormai in crescita da 5 trimestri consecutivi, mentre rallenta lievemente la crescita del medio termine aziende, comunque in netto sviluppo rispetto al 1 trimestre 2014 (Leasing +3,4% a/a, Altri mutui +7,1% a/a) La qualità degli impieghi si conferma ai massimi storici con un incidenza dei crediti corporate nei primi 4 rating superiore all 84% Crediti a Breve Leasing Mutui Retail Altri Mutui 90% 80% 70% 60% 50% Distribuzione per rating impieghi Corporate (dati gestionali Credem SpA) 67% 73% 77% 77% 78% 84% 84% Q15 % di impieghi corporate nelle prime 4 classi di rating 10

11 Mutui Residenziali: raffronto con il Sistema Erogazioni di mutui residenziali (Credem SpA dati gestionali) Erogazioni: +52% Prosegue anche nei primi mesi del 2015 la crescita delle erogazioni sui mutui residenziali, in aumento di oltre il 50% anno su anno, supportate anche dalla progressiva contrazione del costo della raccolta Aumenta costantemente anche la Quota di Mercato, ai massimi dal 2008, dimostrando che la crescita generale dei volumi non è legata esclusivamente alla clientela corporate Quota di mercato sulle consistenze dei mutui residenziali 2,25% 2,22% 2,23% 2,20% 2,15% 2,10% 2,10% 2,18% 2,15% 2,16% 2,05% 2,00% Q15* Fonte: ABI per le Quote di Mercato (*) Dato a Febbraio

12 Depositi, obbligazioni e AUM Milioni di Euro Q15 C/C e risparmio CD e altri rapporti PCT Tot. Diretta Bancaria Obbligazioni -Istituzionali -Retail Tot. Diretta & Obbl. Retail Riserve Assicurative Gestioni patrimoniali Fondi comuni SICAVs Altra e prodotti di terzi Raccolta gestita La crescita del Gruppo a livello di Raccolta Diretta e Indiretta è evidente, con un aumento della Raccolta Gestita di 1,7 miliardi (+8,5%) e delle Riserve Assicurative di 0,5 miliardi (+12,1%) solo nell ultimo trimestre, e a parità di Diretta da Clientela (Tot. Diretta & Obbl. retail) Grazie allo sviluppo della base clientela è quindi possibile coniugare la crescita degli impieghi ad un miglioramento del profilo di liquidità, con il LtD in progressivo miglioramento e ormai prossimo alla parità (1,01 vs. 1,14 di fine 2011) Loan to Deposit Ratio (Crediti alla clientela su Totale Raccolta*) 1,15 1,10 1,05 1,00 1,14 1,14 1,10 1,06 1, Q15 (*) Impieghi calcolati al netto dei PCT con controparti centrali e dei crediti verso SPV del gruppo, Raccolta comprensiva delle Obbligazioni emesse sui mercati istituzionali 12

13 Qualità del Credito Crediti Problematici Lordi 1Q Q15 Milioni ,2 807,8 837,9 403,6 423,0 416,0 114,4 113,6 Sofferenze Lorde Inadempienze Probabili Scaduti Lordi 111,1 % su Impieghi (Credem) 3,8 3,7 3,9 2,0 1,9 1,9 0,6 0,5 0,5 % su Impieghi (Sistema) 8,3 9,2 9,8* Aumenti medi trimestrali dei Crediti Problematici Lordi (milioni di Euro)** Q Rimane sotto controllo l aggregato complessivo dei crediti problematici lordi con flussi trimestrali che sostanzialmente confermano rispecchiano il miglioramento delle condizioni macro-economiche e la qualità del portafoglio creditizio A livello di incidenza sul portafoglio crediti, si amplia il «gap» tra Credem ed il Sistema, evidenziando il fatto che il Sistema non sta registrando lo stesso miglioramento in termini di flussi di crediti problematici (*) Valore riferito a Febbraio 2015 (fonte ABI Montlhy Outlook) Fonte: ABI; rielaborazione interna su dati Banca di Italia (**) il valore di 26 milioni corrispondente al dato 2014 è calcolato secondo la seguente formula (Totale Crediti Problematici a fine 2014, pari a 1344 milioni + portafoglio di sofferenze ceduto, pari a 44 milioni Totale Crediti Problematici a fine 2013, pari a 1285 milioni) diviso 4 13

14 Copertura crediti problematici (1/2) Crediti Problematici Netti Milioni di Euro Q14 1H14 9M Q15 Sofferenze nette 318,9 327,1 337,4 334,4 341,7 Inadempienze Probabili nette 349,6 365,1 355,9 362,8 348,9 Past-due netti 108,3 106,5 116,9 100,2 96,6 Totale impieghi problematici al valore di realizzo 788,4 776,8 798,7 810,2 797,4 787,2 L ammontare complessivo dei Crediti Problematici Netti è sostanzialmente stabile in valore assoluto ormai da 5 trimestri consecutivi, indice dell elevata qualità del portafoglio crediti e della prudente politica di accantonamento Con riferimento ai tassi di copertura, aumenta sia il dato delle sofferenze (ormai prossimo al 60%) ma, in modo decisamente più significativo, quello dei Totali Crediti Problematici (passato da 40,7 al 42,3%) Crediti Problematici Netti Copertura Sofferenze (%) Copertura Totale Crediti Problematici (%) ,2 58,2 58,6 57,4 56,0 55, Q ,3 40,7 38,7 36,3 35,8 35, Q15 14

15 Copertura crediti problematici (2/2) Copertura crediti problematici (raffronto con principali competitor)* 70% 60% 61% 59% 59% 57% 56% 56% 50% 40% 43% 42% 40% 41% 39% 37% 50% 48% 43% 35% 34% 34% 39% 30% 27% 20% 10% 29% 16% 23% 18% 20% 19% 18% 20% 25% 16% 0% Player 1 Credem Player 2 Player 3 Player 4 Player 5 Player 6 Player 7 Player 8 Player 9 Tasso copertura Totale Crediti Problematici Tasso copertura Sofferenze Tasso copertura altri crediti dubbi Con la decisione di incrementare i tassi di copertura di Inadempienze Probabili e Past-Due, portando il «Tasso di Copertura degli altri crediti dubbi» dal 14 al 16%, il Gruppo si posiziona ai vertici, tra le banche con modelli di business comparabili (*) Valori riferiti a 1Q2015 per Credem e ai dati di bilancio di fine 2014 per gli altri «player». Il panel di raffronto è composto da seguenti Gruppi Bancari: UBI, BPER, Banco Popolare, Popolare di Milano, Banca Carige, Credito Valtellinese, Popolare di Sondrio, Veneto Banca, Popolare di Vicenza 15

16 Costo del credito Costo del credito (bps) Q14 1H14 9M Q15 Costo del credito Costo del credito (al netto di eventi non ricorrenti) Costo del credito: evoluzione storica (bps) Crack Parmalat Il netto incremento del costo del credito del trimestre è interamente legato alla modifica dei livelli di copertura delle Inadempienze Probabili e Past-due A livello normalizzato il costo del credito è in linea con i valori del 2014 e si attesterebbe sui 39 bps 16

17 Attività & Passività Att. Fin. Per la negoziazione* 8 8 Att. Fin. al fair value* Attività (Milioni di Euro) Att. Fin. disponibili per la vendita* Att. Fin. (società assicurative)* Crediti verso banche Crediti alla clientela Q15 A livello di attivi non emergono particolari modifiche nel trimestre, con un calo degli impieghi in linea con la stagionalità del periodo ed il portafoglio titoli sostanzialmente stabile, anche se solo in termini assoluti e non di mix Passività (Milioni di Euro) Racc. Istituzionale Racc. da Clientela Patrimonio Q15 Dal lato del passivo, si riducono significativamente sia le fonti di funding a breve termine (voce «Altro- Istituzionale») che l esposizione verso BCE: quest ultima risulta in calo di 1 miliardo nel trimestre pur a fronte della possibilità di incrementare la raccolta TLTRO di oltre 3 miliardi (*) Elaborazione interna gestionale relativamente ai dati di 1Q15 17

18 Posizione di Liquidità 130% 120% 110% 100% 90% 80% 70% 60% 50% Indicatore di liquidità a medio termine (NSFR) 124% 116% 122% Q15E Entrambi gli indicatori di liquidità presentano valori nettamente superiore ai livelli obiettivo «a regime» definiti dalla normativa, con un NSFR in ulteriore miglioramento rispetto ai valori di fine 2014 I titoli «eligible» BCE liberi a fine marzo 2015 sono pari a 4,2 miliardi di euro (circa il 12% del Totale Attivo) Indicatore di liquidità a breve termine (LCR) 190% 170% 150% 130% 110% 90% 70% 50% 179% 172% 149% Q15 Fonte: prima stima gestionale interna sui dati al 31 marzo

19 Coefficienti Patrimoniali Consolidati Credem Coeff. Patrimoniali Consolidati Credemholding ,1% 11,8% 1.860, , ,0% (11,3% con l utile del trimestre) 1.838,4 12,8% (13,1% con l utile del trimestre) 2.134, Q Coefficienti patrimoniali «fully phased» pari a 10,2% (CET1) e 12,3% (Tier Total) senza la contribuzione dell utile del trimestre Common Equity Tier 1 (CET1) Tier Total Capital Capitale in Eccesso I coefficienti patrimoniali calcolati a livello di Credemholding, e quindi penalizzati dalla solo parziale contribuzione del patrimonio di terzi (relativo al «flottante» Credem), rimangono sostanzialmente stabili nel trimestre a causa della mancata computazione dell utile generato nei primi mesi del 2015 Contabilizzando la generazione di capitale del trimestre, il CET1 sarebbe in aumento a 11,3% rispetto agli 11,1% di fine

20 Compagine azionaria Patto di Sindacato Cofimar S.r.l. 20,0% Max Mara Finance S.r.l. 8,3% Max Mara Fashion Group S.r.l. 8,1% Altri 39,0% Oltre azionisti 75,4% 24,6% Credemholding Flottante Credem è la maggior banca privata in Italia 76,9% 23,1% Fontre: Dati interni al 30 Marzo

21 Un business model focalizzato su Retail & Commercial Banking Retail & Commercial Banking Wealth Management Altro 100.0% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 50% 100% 21

22 Un network distributivo nazionale Gruppo CREDEM n filiali e quota di mercato sportelli Il Gruppo ha una copertura nazionale servendo 19 regioni e 91 province in Italia 5 Numero di filiali per Regione Forte presenza in Emilia-Romagna (dove è ubicata la sede del Gruppo): una delle regioni Italiane più ricche a cui fa capo circa il 10% del PIL nazionale Network fisico Promotori ed Agenti Q15 Filiali Centri Impresa Credem Points Negozi Finanziari Banca Euromobiliare Promotori Finanziari Agenti Creacasa Agenti per la cessione del V dello stipendio

23 Disclaimer e Contatti Il Dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari, Dott. Paolo Tommasini, dichiara, ai sensi del comma 2 dell art. 154 bis del Testo Unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, che l informativa contabile relativa a Credito Emiliano S.p.A. e l informativa contabile consolidata relativa al Gruppo Credem contenuta in questa presentazione corrisponde alle risultanze documentali, ai libri e alle scritture contabili *** Questa presentazione contiene previsioni, obiettivi e stime che riflettono le attuali opinioni del management Credito Emiliano in merito ad eventi futuri. Previsioni, obiettivi e stime sono in genere identificate da espressioni come è possibile, si dovrebbe, si prevede, ci si attende, si stima, si ritiene, si intende, si progetta, obiettivo oppure dall uso negativo di queste espressioni o da altre varianti di tali espressioni oppure dall uso di terminologia comparabile. Queste previsioni, obiettivi e stime comprendono, ma non si limitano a, tutte le informazioni diverse dai dati di fatto, incluse, senza limitazione, quelle relative alla posizione finanziaria futura di Credito Emiliano e ai risultati operativi, la strategia, i piani, gli obiettivi e gli sviluppi futuri nei mercati in cui Credito Emiliano opera o intende operare. A seguito di tali incertezze e rischi, si avvisano i lettori che non devono fare eccessivo affidamento su tali informazioni di carattere previsionale come previsione di risultati effettivi. La capacità del Gruppo Credito Emiliano di raggiungere i risultati o obiettivi previsti dipende da molti fattori al di fuori del controllo del management. I risultati effettivi possono differire significativamente (ed essere più negativi di) da quelli previsti o impliciti nei dati previsionali. Tali previsioni e stime comportano rischi ed incertezze che potrebbero avere un impatto significativo sui risultati attesi e si fondano su assunti di base. Le previsioni, gli obiettivi e le stime ivi formulate si basano su informazioni a disposizione di Credito Emiliano alla data odierna. Credito Emiliano non si assume alcun obbligo di aggiornare pubblicamente e di rivedere previsioni e stime a seguito della disponibilità di nuove informazioni, di eventi futuri o di altro, fatta salva l osservanza delle leggi applicabili. Tutte le previsioni e le stime successive, scritte ed orali, attribuibili a Credito Emiliano o a persone che agiscono per conto della stessa sono espressamente qualificate, nella loro interezza, da queste dichiarazioni cautelative. Investor Relations Team Daniele Morlini Head of IR Paolo Pratissoli

Risultati di Gruppo 2014. 12 Febbraio 2015

Risultati di Gruppo 2014. 12 Febbraio 2015 Risultati di Gruppo 214 12 Febbraio 215 Principali evidenze del 214 Superati tutti gli obiettivi di crescita per il 214: Impieghi in crescita di 1.57 milioni rispetto all obiettivo annunciato di un miliardo

Dettagli

Risultati di Gruppo 1H2014

Risultati di Gruppo 1H2014 Risultati di Gruppo 1H214 Conference Call Adolfo Bizzocchi 8 Agosto 214 Principali evidenze del trimestre Forte sviluppo degli aggregati patrimoniali con gli Impieghi in crescita dell 4,2% nel trimestre

Dettagli

Risultati di Gruppo 1H2013

Risultati di Gruppo 1H2013 Risultati di Gruppo 1H213 Conference Call Adolfo Bizzocchi 3 Agosto 213 Principali evidenze del semestre Margine di Intermediazione, al netto del risultato del Trading, in crescita sia trimestre su trimestre

Dettagli

Risultati di Gruppo 2013. 17 Marzo 2014

Risultati di Gruppo 2013. 17 Marzo 2014 Risultati di Gruppo 213 17 Marzo 214 Principali evidenze Margine di Intermediazione in crescita anno su anno (+2,5%) grazie al: Margine Finanziario sostanzialmente stabile, -,4% a/a, ed in significativo

Dettagli

Risultati di Gruppo - 2012

Risultati di Gruppo - 2012 Risultati di Gruppo 212 Conference Call Adolfo Bizzocchi 18 Marzo 213 Principali evidenze del 212 Margine Finanziario, al netto di poste straordinarie, in crescita nel trimestre (+,8% QoQ) grazie al buon

Dettagli

Risultati di Gruppo - 2011

Risultati di Gruppo - 2011 Risultati di Gruppo - 2011 Conference Call Adolfo Bizzocchi 16 Marzo 2012 Highlights del 2011 Il Margine Finanziario è salito (+3.3% a/a) a seguito di un significativo incremento dei volumi di impiego

Dettagli

settembre 13 14 novembre 2013

settembre 13 14 novembre 2013 settembre 13 14 novembre 2013 risultati appendici Semestrale 2013 2 sintesi Margine d'intermediazione (mln) Costi operativi (mln) 710,1 737,2 +3,8% 358,4 392,2 +9,4% 449,8 459,4 +2,1% 141,8 143,6 +1,3%

Dettagli

CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A.

CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A. CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A. IMPORTANTE SOSTEGNO ALL ECONOMIA Prestiti a clientela (1) : +5,3% a/a (vs sistema -0,6%

Dettagli

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013:

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: Nei primi sei mesi dell anno, la gestione economica del Gruppo ha generato un risultato della gestione operativa in

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: A SEGUITO DELL AVVENUTO CONFERIMENTO

Dettagli

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 COMUNICATO STAMPA BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 Il documento declina le linee strategiche e operative del Piano di Ristrutturazione presentato il 7 ottobre 2013

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015 Società per Azioni con Sede Legale in Cagliari Viale Bonaria, 33 Codice fiscale e n di iscrizione al Registro delle Imprese di Cagliari 01564560900 Partita IVA 01577330903 Iscrizione all Albo delle Banche

Dettagli

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017. Milano, 25.03.2014

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017. Milano, 25.03.2014 Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017 Milano, 25.03.2014 Agenda I Profilo del Gruppo II Dinamica delle attività III Risultati di esercizio al 31.12.2013

Dettagli

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10%

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% Utile netto consolidato a 100,3 milioni di euro, +11,2% a/a; investimenti per lo sviluppo dei canali di

Dettagli

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO COMUNICATO STAMPA Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO In forte accelerazione i flussi commerciali, 56.000 nuovi clienti nei primi quattro mesi

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 146,6 milioni (ex Euro 134,3 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 146,6 milioni (ex Euro 134,3 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: LA COMPARAZIONE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A

COMUNICATO STAMPA CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A Raccolta da clientela (1) +11,8% a/a a 56.235 milioni di euro, con un incremento in valore assoluto di circa sei miliardi di euro a/a; raccolta

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

CONFERMATA LA CAPACITÀ DEL GRUPPO DI EROGARE CREDITO IN MODO SANO ED EQUILIBRATO

CONFERMATA LA CAPACITÀ DEL GRUPPO DI EROGARE CREDITO IN MODO SANO ED EQUILIBRATO CREDEM: RISULTATI PRELIMINARI (1) CONSOLIDATI 2015: UTILE +9,5% A/A, PRESTITI +5,3% A/A, ELEVATA SOLIDITA CON CET1 (2) A 13,52% AMPIAMENTE SOPRA AL REQUISITO MINIMO SREP (7%) COSTANTE REDDITIVITA E GENERAZIONE

Dettagli

Approvati i risultati al 31 marzo 2015

Approvati i risultati al 31 marzo 2015 COMUNICATO STAMPA Approvati i risultati al 31 marzo 2015 UTILE NETTO: 47,8 milioni ( 36,9 milioni al 31 marzo 2014, +29,4%) Ricavi totali: 137 milioni ( 113 milioni al 31 marzo 2014, +20,9%) Cost/Income

Dettagli

Approvati risultati al 30 settembre 2015

Approvati risultati al 30 settembre 2015 COMUNICATO STAMPA Approvati risultati al 30 settembre 2015 Risultati record nei primi nove mesi, con il miglior trimestre di sempre Utile netto: 148,8 milioni ( 109,3 milioni al 30 settembre 2014, +36,2%)

Dettagli

CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29%

CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29% CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29% Utile netto consolidato +28,1% a/a a 128,5 milioni di euro;

Dettagli

ROAD SHOW 2008 Company Results

ROAD SHOW 2008 Company Results ROAD SHOW 2008 Company Results Milano, 24 marzo 2009 1 Relatori Luca Bronchi Direttore Generale Ugo Borgheresi Investor Relator 2 Agenda Company Highlights 31 Dicembre 2008 Linee Guida Piano Industriale

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il Roe consolidato a fine 2007 si attesta al 18,3% (17,5% nel 2006).

COMUNICATO STAMPA. Il Roe consolidato a fine 2007 si attesta al 18,3% (17,5% nel 2006). Capogruppo del Gruppo Bancario CREDITO EMILIANO CREDEM COMUNICATO STAMPA CREDEM, IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO CONSOLIDATO 2007(1): UTILE A 249,4 MILIONI DI EURO (+18,7%), ROE 18,3%, DIVIDENDO

Dettagli

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Comunicato stampa RISULTATI DEL 1 SEMESTRE DEL GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Utile Netto

Dettagli

Viene confermata la focalizzazione della Banca sulla concessione del credito e sulla gestione delle

Viene confermata la focalizzazione della Banca sulla concessione del credito e sulla gestione delle COMUNICATO STAMPA Il Consiglio d Amministrazione di Banca del Mezzogiorno MedioCredito Centrale approva il nuovo Piano Industriale Triennale 2015 2017 e la Relazione Semestrale al 30 giugno 2015 Roma,

Dettagli

GRUPPO BIPIEMME. 1 semestre 2012. 29 agosto 2012. Investor Relations

GRUPPO BIPIEMME. 1 semestre 2012. 29 agosto 2012. Investor Relations GRUPPO BIPIEMME 1 semestre 2012 29 agosto 2012 Investor Relations 1 Agenda 1 Executive summary Risultati consolidati del 1 semestre 2012 Allegati 2 Giugno 2012: aspetti principali (1/2) Ulteriore rafforzamento

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE GRUPPO ITALMOBILIARE RICAVI: 4.908,1 MILIONI DI EURO (+5,4) UTILE NETTO TOTALE:

Dettagli

Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015

Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015 Comunicato Stampa Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015 Utile netto consolidato a 7,6 milioni di Euro (+52,3% a/a) Ricavi consolidati a 44,8 milioni di Euro (+2,1% a/a) Risultato della gestione

Dettagli

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni S.p.A. approva il Bilancio consolidato ed il Bilancio d esercizio al 31 dicembre 2012: Raccolta complessiva

Dettagli

Business Plan 2010-2012 Conference Call

Business Plan 2010-2012 Conference Call Business Plan 2010-2012 Conference Call Adolfo Bizzocchi 11/01/2010 Agenda Il contesto attuale di mercato La posizione competitiva di Credem Il piano 2010-2012 CRESCERE PER CONTINUARE AD ECCELLERE 2 Il

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Utile netto consolidato a 75,3 milioni di euro: risente dell andamento negativo

Dettagli

Allegato "14" Piero Luigi Montani Consigliere Delegato Contesto economico 2011 Scenario macroeconomico Economia mondiale 2011: crescita debole del PIL ed elevata instabilità finanziaria a causa delle tensioni

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 27 ottobre 2015 Approvata la relazione trimestrale al 30/09/2015 Utile netto a 244m, miglior risultato trimestrale degli ultimi 5 anni Margine di interesse

Dettagli

CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO

CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO Prestiti (1) +7,9% a/a (vs -1,4% del sistema (2) ); rapporto sofferenze impieghi a 1,55% tra i più bassi del

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a)

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a) GRUPPO CARIPARMA CRÉDIT AGRICOLE: UTILE NETTO 2014 A 182 MILIONI (+21% A/A) TRAINATO DALLA GESTIONE OPERATIVA (+14% A/A); POSIZIONE PATRIMONIALE SOLIDA E LIVELLI PIÙ CHE ADEGUATI DI LIQUIDITÀ Il ha conseguito

Dettagli

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS Comunicato stampa Mestre, 29 aprile 2010 Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS UTILI IN FORTE CRESCITA: +107,8% SUL 4 TRIMESTRE 2009, +13,9% SUL 1 TRIMESTRE

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 Costante supporto all economia reale dei territori di insediamento: circa 3 miliardi di euro di crediti erogati alle famiglie e alle PMI, in condizioni di liquidità

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PRINCIPALI DATI PATRIMONIALI RACCOLTA

COMUNICATO STAMPA PRINCIPALI DATI PATRIMONIALI RACCOLTA COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. HA APPROVATO I RISULTATI PRELIMINARI DELL ESERCIZIO 1 AGOSTO 2014 31 DICEMBRE 2014 PRIMO BILANCIO D ESERCIZIO IN

Dettagli

GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA

GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 31 MARZO 2006 1 INDICE Prospetti contabili pag. 03 Note di commento ed osservazioni degli Amministratori pag. 04 Nota informativa pag. 04 La struttura

Dettagli

GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 1 semestre 2012

GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 1 semestre 2012 COMUNICATO STAMPA GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 1 semestre 2012 UTILE NETTO: Euro 217,5 milioni, +125% MASSE AMMINISTRATE: Euro 49,1 miliardi, +5% RACCOLTA NETTA BANCA MEDIOLANUM: Euro 1.760 milioni CARLO

Dettagli

INTERPUMP GROUP APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2015

INTERPUMP GROUP APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2015 COMUNICATO STAMPA INTERPUMP GROUP APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2015 VENDITE NETTE: 222,6 milioni (+39,0%) - 160,2 milioni nel primo trimestre 2014 EBITDA: 43,5 milioni (+35,8%) pari al 19,5%

Dettagli

Azimut Holding: Semestrale al 30 giugno 2011

Azimut Holding: Semestrale al 30 giugno 2011 Azimut Holding: Semestrale al 30 giugno 2011 COMUNICATO STAMPA Nel 1H11: Ricavi consolidati: 174,0 milioni di euro (+1,4% sul 1H10) Utile ante imposte: 48,6 milioni di euro (+2,7% sul 1H10) Utile netto

Dettagli

Risultati consolidati al 31 marzo 2015. 13 maggio 2015

Risultati consolidati al 31 marzo 2015. 13 maggio 2015 Risultati consolidati al 31 marzo 2015 13 maggio 2015 Disclaimer Questo documento è stato preparato da Banca Carige S.p.A. a scopi esclusivamente informativi e solo per presentare i principali dati finanziari

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Comunicato Stampa Risultati consolidati al 30 settembre 2006 Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Ricavi in crescita -

Dettagli

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 COMUNICATO STAMPA BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 Performance commerciale: +20% turnover factoring nei primi nove mesi 2015 a/a Outstanding CQS/CQP al 30 settembre 2015 pari

Dettagli

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI In un contesto ancora debole, il esprime una redditività in crescita continuando

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. L utile netto si posiziona a 42,7 milioni, mentre l utile netto normalizzato 2 si attesta a

Dettagli

COMUNICATO STAMPA * * *

COMUNICATO STAMPA * * * COMUNICATO STAMPA Si confermano solidi e in crescita gli indici patrimoniali Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 marzo 2015 pari al 12,45% (non include l autofinanziamento di periodo) rispetto al

Dettagli

In merito ai punti all ordine del giorno della parte Ordinaria, l Assemblea ha deliberato:

In merito ai punti all ordine del giorno della parte Ordinaria, l Assemblea ha deliberato: ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA VENETO BANCA I Soci hanno approvato il bilancio al 31 dicembre 2014 e nominato quattro Consiglieri di Amministrazione. Si è svolta oggi a Villa Spineda, a Venegazzù

Dettagli

ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO RICAVI IN PROGRESSO, IN PARTICOLARE IN INDIA E MAROCCO SOSTANZIALE STABILITA DEI VOLUMI DI VENDITA DI CEMENTO: LA DEBOLEZZA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2014 NOTA:

Dettagli

VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE

VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE DOPO L ESITO POSITIVO DELL ASSEMBLEA DEL 19 DICEMBRE 2015 E LA CONSEGUENTE TRASFORMAZIONE

Dettagli

TITOLO. Consiglio di amministrazione del 6 novembre 2013: approvazione del resoconto intermedio di gestione consolidato al 30 settembre 2013.

TITOLO. Consiglio di amministrazione del 6 novembre 2013: approvazione del resoconto intermedio di gestione consolidato al 30 settembre 2013. Società cooperativa per azioni - fondata nel 1871 Sede sociale e direzione generale: I - 23100 Sondrio So - Piazza Garibaldi 16 Iscritta al Registro delle Imprese di Sondrio al n. 00053810149 Iscritta

Dettagli

APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014

APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014 Risultati annuali APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014 - Confermati i risultati preliminari consolidati già approvati lo scorso 11 febbraio

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 VALORIZZATO IL RUOLO DI BANCA COMMERCIALE RADICATA SUL TERRITORIO, PUNTO DI

Dettagli

GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 2012

GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 2012 COMUNICATO STAMPA GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 2012 UTILE NETTO: Euro 351,0 milioni, +422% MASSE AMMINISTRATE: Euro 51,6 miliardi, +12% RACCOLTA NETTA BANCA MEDIOLANUM: Euro 2.258 milioni ACQUISIZIONE DI

Dettagli

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole continua a generare redditività malgrado

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei COMUNICATO STAMPA PRESS OFFICE Tel. +39.040.671180 - Tel. +39.040.671085 press@generali.com INVESTOR RELATIONS Tel. +39.040.671202 - Tel. +39.040.671347 - generali_ir@generali.com www.generali.com RISULTATI

Dettagli

CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008

CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008 CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008 Approvata la proposta di autorizzazione all acquisto e disposizione di azioni proprie Margine di intermediazione consolidato

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve COMUNICATO STAMPA Margini in forte crescita e indici di solidità patrimoniale a livelli di assoluta eccellenza: il Gruppo Banca IFIS conferma la validità del modello di business anche in mercati instabili

Dettagli

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 - Risultato economico netto consolidato dei primi sei mesi 2013 pari a -232 milioni di euro (perdita per l esercizio

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo semestre 2010

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo semestre 2010 Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo semestre 2010 Cagliari, 27 agosto 2010 Il Consiglio di Amministrazione di ha approvato i risultati al 30 giugno 2010. Risultato

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo trimestre 2013

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo trimestre 2013 Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo trimestre 2013 Cagliari, 14 maggio 2013 Il Consiglio di Amministrazione di ha approvato i risultati al 31 marzo 2013. Ricavi consolidati

Dettagli

I RISULTATI AL 31 MARZO 2014

I RISULTATI AL 31 MARZO 2014 PRESS RELEASE COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA CARIGE I RISULTATI AL 31 MARZO 2014 VITTORIO ROCCHETTI SUBENTRA A DIEGO MAGGIO QUALE SINDACO EFFETTIVO Tenuta della raccolta

Dettagli

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013)

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2014 GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) Il risultato è influenzato dagli oneri

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2009 DATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO

Dettagli

COMUNICATO STAMPA (ai sensi della delibera CONSOB n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche ed integrazioni)

COMUNICATO STAMPA (ai sensi della delibera CONSOB n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche ed integrazioni) COMUNICATO STAMPA (ai sensi della delibera CONSOB n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche ed integrazioni) Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati consolidati al 30 settembre 2004 del Gruppo Unipol

COMUNICATO STAMPA. Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati consolidati al 30 settembre 2004 del Gruppo Unipol COMUNICATO STAMPA Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati consolidati al 30 settembre 2004 del Gruppo Unipol I premi consolidati raggiungono 6.782 milioni di euro (in crescita del 22% rispetto

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0246-44-2015

Informazione Regolamentata n. 0246-44-2015 Informazione Regolamentata n. 0246-44-2015 Data/Ora Ricezione 23 Ottobre 2015 14:23:44 MTA - Star Societa' : SOGEFI Identificativo Informazione Regolamentata : 64513 Nome utilizzatore : SOGEFIN01 - ALBRAND

Dettagli

Benvenuti in Banca di San Marino. Welcome to Banca di San Marino

Benvenuti in Banca di San Marino. Welcome to Banca di San Marino Benvenuti in Banca di San Marino Welcome to Banca di San Marino INDICE / CONTENTS LE FILIALI / THE BRANCHES IL GRUPPO / THE GROUP N. Azionisti 1.987 9,87% N. Soci 399 90,13% Cap. Sociale 114.616.800

Dettagli

Utile netto della capogruppo Anima Holding: 72,4 milioni di euro (+38% sul 2013)

Utile netto della capogruppo Anima Holding: 72,4 milioni di euro (+38% sul 2013) COMUNICATO STAMPA ANIMA Holding: risultati esercizio 2014 Ricavi totali consolidati: 226,9 milioni (+3% sul 2013) Utile netto consolidato: 84,9 milioni (-29% sul 2013 che includeva proventi straordinari)

Dettagli

Fondato nel 1910. Il Gruppo Credem TOP MANAGEMENT. Filiali, centri imprese e negozi finanziari. Dipendenti 5.852. Promotori finanziari

Fondato nel 1910. Il Gruppo Credem TOP MANAGEMENT. Filiali, centri imprese e negozi finanziari. Dipendenti 5.852. Promotori finanziari Il Gruppo Credem dati aggiornati al 30/06/2015 636 5.852 804 Filiali, centri imprese e negozi finanziari Dipendenti Promotori finanziari Fondato nel 1910 TOP MANAGEMENT Presidente Giorgio Ferrari Direttore

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RIFORMA DELLE BANCHE POPOLARI: IL CDA APPROVA LE MODIFICHE STATUTARIE OBBLIGATORIE

RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RIFORMA DELLE BANCHE POPOLARI: IL CDA APPROVA LE MODIFICHE STATUTARIE OBBLIGATORIE RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RIFORMA DELLE BANCHE POPOLARI: IL CDA APPROVA LE MODIFICHE STATUTARIE OBBLIGATORIE RISULTATI COMMERCIALI IN ULTERIORE ACCELERAZIONE: I MUTUI A PRIVATI EROGATI

Dettagli

BANCA POPOLARE DI MILANO

BANCA POPOLARE DI MILANO Evaluation.it reports on demand Indicazione d'acquisto HOLD Target Price Azioni ordinarie ERM: 3,18 Azioni ordinarie DDM: 3,05 Informazioni sul titolo Ultimo Prezzo: 2,87 Euro Titoli in circolazione: 415,07

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2008. NASCE UGF ASSICURAZIONI S.p.A.

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2008. NASCE UGF ASSICURAZIONI S.p.A. COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2008 NASCE UGF ASSICURAZIONI S.p.A. RACCOLTA DANNI AGGREGATA IN CRESCITA A 2.182 MILIONI DI EURO (+3,4%) COMBINED RATIO DANNI STABILE A

Dettagli

GRUPPO BANCO DESIO. al 30 settembre 2006 RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA

GRUPPO BANCO DESIO. al 30 settembre 2006 RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 SETTEMBRE 2006 1 INDICE Prospetti contabili pag. 03 Note di commento ed osservazioni degli Amministratori pag. 04 Nota informativa pag. 04 La

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre mesi del 2013

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre mesi del 2013 Sant Elpidio a Mare, 14 maggio TOD S S.p.A. Forte crescita dei ricavi all estero (Cina: +55,4%, Americhe: +31%). Italia: -26,7%. Solida crescita nei DOS (+16,8%). Confermata l ottima redditività del Gruppo,

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1 Valore della produzione pari ad Euro 3,1 milioni in linea rispetto al corrispondente

Dettagli

BANCA POPOLARE VOLKSBANK IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA POPOLARE VOLKSBANK APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013

BANCA POPOLARE VOLKSBANK IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA POPOLARE VOLKSBANK APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 BANCA POPOLARE VOLKSBANK IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA POPOLARE VOLKSBANK APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 Utile lordo di Euro 35,6 mln e utile netto di 18,8 mln

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

PIANO INDUSTRIALE 2015-2017.

PIANO INDUSTRIALE 2015-2017. PIANO INDUSTRIALE 2015-2017. LINEE GUIDA DEL PIANO 1. Incremento dei ricavi attraverso una maggiore spinta sui mercati e una migliore gestione del portafoglio clienti con focus sui proventi commissionali

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2012

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2012 RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2012 Presentazione alla comunità finanziaria Carlo Cimbri Amministratore Delegato Bologna, 10 Maggio 2012 Risultato consolidato Area assicurativa AGENDA Area assicurativa

Dettagli

COMUNICATO STAMPA UNIPOL GRUPPO FINANZIARIO APPROVATI I RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2008

COMUNICATO STAMPA UNIPOL GRUPPO FINANZIARIO APPROVATI I RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2008 COMUNICATO STAMPA UNIPOL GRUPPO FINANZIARIO APPROVATI I RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2008 Confermata la solida posizione di solvibilità del Gruppo, pari a 1,5 volte il capitale regolamentare;

Dettagli

COMUNICATO STAMPA BANCA FINNAT PRESENTA ALLA COMUNITA FINANZIARIA I RISULTATI ECONOMICI AL 31 DICEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA BANCA FINNAT PRESENTA ALLA COMUNITA FINANZIARIA I RISULTATI ECONOMICI AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA BANCA FINNAT PRESENTA ALLA COMUNITA FINANZIARIA I RISULTATI ECONOMICI AL 31 DICEMBRE 2014 Milano, 25 marzo 2015 Banca Finnat Euramerica S.p.A., in data odierna alle ore 12:05, nell ambito

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2007 DATI DI BILANCIO

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 1 30 2015 13% 12,94% 30.06.2015 15,31% (15,62% 30.06.2015) 1 12,56%1 (12,33% 30.06.2015) 6,22% 6,04% NSFR

COMUNICATO STAMPA 1 30 2015 13% 12,94% 30.06.2015 15,31% (15,62% 30.06.2015) 1 12,56%1 (12,33% 30.06.2015) 6,22% 6,04% NSFR COMUNICATO STAMPA Confermato il solido assetto patrimoniale del Gruppo Common Equity Tier 1 ratio phased in al 30 settembre 2015 pari al 13% rispetto al 12,94% del 30.06.2015 Total capital ratio phased

Dettagli

Gruppo Unipol Presentazione dei risultati consolidati al 30 giugno 2013. Carlo Cimbri - Amministratore Delegato Bologna, 8 agosto 2013

Gruppo Unipol Presentazione dei risultati consolidati al 30 giugno 2013. Carlo Cimbri - Amministratore Delegato Bologna, 8 agosto 2013 Gruppo Unipol Presentazione dei risultati consolidati al 30 giugno 2013 Carlo Cimbri - Amministratore Delegato Bologna, 8 agosto 2013 PREMESSA E stato completato, entro il termine di un anno previsto dall

Dettagli

REDDITIVITA Utile netto 151,8 mln, +31% a/a. Rapporto sofferenze/prestiti. Raccolta da clientela (1) Prestiti a clientela (1) Nuovi clienti (3)

REDDITIVITA Utile netto 151,8 mln, +31% a/a. Rapporto sofferenze/prestiti. Raccolta da clientela (1) Prestiti a clientela (1) Nuovi clienti (3) CREDEM, RISULTATI PRELIMINARI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MLN EURO; PRESTITI (1) +7,9% A/A VALUTAZIONE BCE Stress test scenario avverso Prima banca italiana per CET1 Ratio REDDITIVITA Utile netto 151,8

Dettagli

Consiglio di Gestione di Mediobanca

Consiglio di Gestione di Mediobanca Consiglio di Gestione di Mediobanca Milano, 7 marzo 2008 Approvata la relazione semestrale al 31 dicembre 2007 * * * Redditività in aumento malgrado il deterioramento dei mercati Aperte le filiali di Francoforte

Dettagli

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2010

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2010 CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2010 Margine di intermediazione consolidato pari a Euro 4,14 milioni (Euro 5,96 milioni al IH2009) Perdita netta di competenza del gruppo

Dettagli

Banca IFIS, il CDA ha approvato il progetto di bilancio 2015. Proposto all Assemblea un dividendo di 0,76 euro per azione.

Banca IFIS, il CDA ha approvato il progetto di bilancio 2015. Proposto all Assemblea un dividendo di 0,76 euro per azione. COMUNICATO STAMPA RISULTATI ESERCIZIO 2015 Banca IFIS, il CDA ha approvato il progetto di bilancio 2015. Proposto all Assemblea un dividendo di 0,76 euro per azione. Mestre (Venezia), 02 febbraio 2016

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007:

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007: COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007: RICAVI AGGREGATI PRO-QUOTA * : 1.071,9 MLN DI EURO (+17%) RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO DEI PROVENTI DA PARTECIPAZIONI: 164 MLN DI EURO;

Dettagli

COMUNICATO STAMPA (redatto ai sensi della Delibera Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni)

COMUNICATO STAMPA (redatto ai sensi della Delibera Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni) COMUNICATO STAMPA (redatto ai sensi della Delibera Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni) Il Consiglio di Amministrazione approva il Resoconto intermedio di gestione

Dettagli

* * * Questo comunicato stampa è disponibile anche sul sito internet della Società www.sesa.it

* * * Questo comunicato stampa è disponibile anche sul sito internet della Società www.sesa.it COMUNICATO STAMPA APPROVAZIONE DEL RESOCONTO INTERMEDIO CONSOLIDATO DI GESTIONE PER IL PERIODO DI 9 MESI AL 31 GENNAIO 2014 Il Consiglio di Amministrazione di Sesa S.p.A. riunitosi in data odierna ha approvato

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2015

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2015 RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2015 1. COMMON EQUITY TIER1 RATIO A 13,5% FULLY LOADED, TRA I LIVELLI PIÙ ELEVATI DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO, TOTAL CAPITAL RATIO PARI A 15,2% AMPIO MARGINE PATRIMONIALE

Dettagli

Risultati di Gruppo. Primo Trimestre 2016

Risultati di Gruppo. Primo Trimestre 2016 Risultati di Gruppo Primo Trimestre 216 Principali evidenze del primo trimestre 216 Forte crescita della Raccolta complessiva, con la produzione netta del 1Q216 ai massimi degli ultimi anni e in crescita

Dettagli