Etica Sgr e Terna S.p.A. co-building azionisti attivi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Etica Sgr e Terna S.p.A. co-building azionisti attivi"

Transcript

1 Etica Sgr e Terna S.p.A. co-building azionisti attivi FORUM CSR ABI Roma, 20 Gennaio 2011

2 Etica Sgr Etica Sgr è la società di gestione del Gruppo Banca Popolare Etica, unica società italiana a istituire e promuovere esclusivamente fondi di investimento socialmente responsabili di diritto italiano Etica Sgr è impegnata in una sfida innovativa: rappresentare i valori della finanza etica nei mercati finanziari, sensibilizzando il pubblico e gli operatori finanziari nei confronti degli investimenti socialmente responsabili e della responsabilità sociale d impresa (art. 5 Statuto di Etica Sgr) 2

3 Articolo 5 dello Statuto Etica Sgr promuove investimenti finanziari in titoli di emittenti che si distinguono per l attenzione alle conseguenze sociali e ambientali dei loro comportamenti. (Sistema Valori Responsabili) Etica Sgr si propone di partecipare attivamente alle assemblee dei soci delle imprese nelle quali investe e di esercitare i diritti di voto collegati ai titoli in portafoglio. (Azionariato Attivo) Etica Sgr si propone di rappresentare i valori della finanza etica nei mercati finanziari e di sensibilizzare il pubblico nei confronti degli investimenti socialmente responsabili e della responsabilità sociale d impresa. (Consulenza sugli investimenti socialmente responsabili) 3

4 Cos è la finanza etica? Investire in modo socialmente responsabile o sostenibile significa far rientrare nei processi di selezione dei titoli e di gestione dei portafogli considerazioni di carattere sociale, etico ed ambientale in presenza di una precisa e responsabile politica di esercizio dei diritti connessi alla proprietà dei titoli SELEZIONE DEI TITOLI ESERCIZIO DEI DIRITTI La selezione degli investimenti prevede l esclusione (criteri di esclusione) o l inclusione (criteri di valutazione) di titoli nei portafogli finanziari, in base a criteri ambientali, sociali o etici L azionariato attivo è l esercizio attivo dei diritti di voto collegati al possesso delle azioni con l obiettivo di sollecitare la riflessione delle imprese sugli aspetti sociali e ambientali e di governance 4

5 CSR, un tema in crescita: perché? Nel corso degli ultimi anni stiamo assistendo ad una maggiore attenzione delle società verso i temi di responsabilità sociale. Le principali motivazioni: Regolamentazioni più stringenti a favore dell ambiente e diritti sociali; Crescita della domanda da parte dei consumatori finali di beni e servizi attenti alla qualità e al rispetto dell ambiente; Gli scandali finanziari impongono ora un maggiore focus sulla qualità e sulla trasparenza della governance; Controversie sociali e ambientali hanno impatti negativi sulla sostenibilità economica dell impresa (ad esempio boicotaggi e scioperi); La crisi ha posto la necessità di considerare modelli alternativi di concorrenza; La maggior diffusione di informazioni tra i consumatori impone un costante monitoraggio del rischio reputazionale; Diverse ricerche hanno confermato una correlazione tra responsabilità sociale e performance finanziaria. L etica contribuisce a monitorare il verificarsi di comportamenti inappropriati e quindi eventi inaccettabili che apportano rischi di tipo sociale, ambientale e finanziario. 5

6 La responsabilità d impresa: dagli shareholders agli stakeholders Un impresa socialmente responsabile ha come principali punti di riferimento l individuazione dei suoi stakeholders e l ascolto delle loro istanze: le risorse umane in genere e i propri lavoratori i soci gli azionisti la comunità finanziaria i clienti/utenti i fornitori i partner lo Stato, gli enti locali e la PA in genere la comunità nel suo complesso l ambiente Il territorio 6

7 La specificità di Etica Sgr: importanza dell ascolto degli stakeholders Il processo di selezione delle imprese sulla base di indicatori di performance socio-ambientale Comitato etico indipendente rilevanza del suo ruolo (inclusione/esclusione di aziende, Stati, settori merceologici) Interlocuzione con una serie di soggetti espressione della società civile italiana e internazionale: Comunità locali ONG Soci di Banca Popolare Etica Componenti dei Comitati Etici ( Etica Sgr e B. Pop. Etica) Associazioni nazionali ed internazionali (Forum Finanza Sostenibile, Eurosif) Iniziative internazionali ( Forest Footprint Disclosure Project, Gender Diversity Dialogue) Network multistakeholders (ICCR, GRI) Esercizio attivo degli strumenti di dialogo secondo linee guida ben precise Policy sugli interventi in assemblea Tempi del dialogo ed aspettative sui risultati Un processo di medio-lungo periodo 7

8 L analisi della CSR condotta da Etica Sgr Etica Sgr analizza le imprese prendendo in considerazione le seguenti 4 aree: Governance Diritti umani Ambiente Rapporti con gli Stakeholders Ciascuna area è suddivisa in 3 temi a loro volta articolati in una serie di criteri: Politiche e impegno Sistemi di gestione e monitoraggio Reporting 8

9 Valutazione Imprese: le aree ed alcuni temi (65 criteri) AMBIENTE SOCIALE DIRITTI UMANI GOVERNANCE Riduzione emissioni inquinanti Certificazioni ambientali Uso efficiente dell energia Rispetto norme ambientali Sicurezza luogo di lavoro Partecipazione dei lavoratori/sindacati Formazione del personale Qualità contratti di lavoro Monitoraggio della customer satisfaction e della catena dei fornitori Politiche e impegno per il rispetto dei diritti umani, soprattutto nei Paesi controversi (es. Cina, India, Russia, ecc.) Rendicontazione delle suddette politiche Certificazioni sociali Gestione rischi ambientali e sociali Separazione ruolo Presidente da AD Presenza consiglieri indipendenti Presenza donne CdA Presenza codice etico e sua applicazione 9

10 Punti qualificanti la CSR di Terna S.p.A. Governance Amministratori indipendenti sono 4 su un totale di 9 Codice Etico dettagliato ed esteso a tutte le società del Gruppo Presenza della funzione Responsabilità Sociale d Impresa Diritti umani Tema presente nel Codice Etico Terna opera solo in Italia (fino al 2009 anche in Brasile): paesi nei quali non si sono verificati episodi di discriminazione sui diritti umani. Ambiente Presenza di policy con obiettivi quantitativi (standard GRI) Rapporto di Sostenibilità che dettaglia i consumi di benzina, gasolio, metano, le emissioni in atmosfera e la produzione di rifiuti Nel 2009 livello di emissioni nell aria e produzione di rifiuti diminuite rispetto al 2008 Relazioni con gli stakeholders Politiche di sicurezza e presenza di certificazioni (OHSAS 18001) Supporto alla comunità locale 10

11 Punti qualificanti la CSR di Terna S.p.A. Terna dichiara di voler operare ogni giorno con responsabilità e instaurare e mantenere rapporti di fiducia con tutti gli stakeholder (dal sito internet della Società) Terna redige il bilancio di sostenibilità secondo le indicazioni del GRI (Global Reporting Initiative) con un livello di A+ Terna è presente in diversi indici di sostenibilità: FTSE4GOOD ECPI Ethical Indexes Dow Jones Sustainability Index Advanced Sustainable Performance Indices Ethibel Sustainability Index Excellence Europe 11

12 Terna Mission, attività, progetti di sviluppo della rete

13 Mission Terna Rete Elettrica Nazionale è un grande operatore delle reti per il trasporto dell energia. Fornisce servizi in regime di concessione e ne garantisce la sicurezza, la qualità e l economicità nel tempo. Assicura parità di condizioni di accesso a tutti gli utenti delle reti. Sviluppa attività di mercato e nuove opportunità di business con l esperienza e le competenze tecniche acquisite nella gestione di sistemi complessi. Crea valore per gli azionisti con un forte impegno all eccellenza professionale e con un comportamento responsabile verso la comunità, nel rispetto dell ambiente in cui opera. Direzione Relazioni Esterne e Comunicazione 13

14 La storia/1 31 maggio 1999 All interno del Gruppo Enel viene costituita la società Terna, in attuazione del Decreto Legislativo n. 79/99 ( Decreto Bersani ). Le attività di Terna, operativa dal 1 ottobre dello stesso anno, riguardano l esercizio e la manutenzione degli impianti del Gruppo Enel facenti parte della rete di trasmissione nazionale, e lo sviluppo della rete stessa secondo le direttive impartite dal GRTN (Gestore della rete di trasmissione nazionale). 27 ottobre 2003 Viene emanata la legge n. 290 che dispone l unificazione della proprietà e della gestione della rete di trasmissione nazionale. 11 maggio 2004 Viene emanato il DPCM che definisce criteri, modalità e condizioni relative all unificazione tra proprietà e gestione della rete di trasmissione nazionale e il sistema di corporate governance. 23 giugno 2004 Quotazione del 50% del capitale azionario di Terna sul mercato telematico di Borsa Italiana. 31 marzo e 15 settembre marzo: Enel cede a investitori istituzionali una quota pari al 13,86% del capitale sociale di Terna in suo possesso; 15 settembre: Enel cede a Cassa Depositi e Prestiti il 29,99% del capitale sociale di Terna. Da questo momento l azionariato della società assume l assetto attuale. Direzione Relazioni Esterne e Comunicazione 14

15 La storia/2 1 novembre 2005 Diviene operativa l unificazione tra proprietà e gestione della rete di trasmissione: nasce Terna Rete Elettrica Nazionale SpA. 2 novembre 2005 L Assemblea degli azionisti nomina il nuovo CdA di Terna per il triennio : Luigi Roth e Flavio Cattaneo rispettivamente Presidente e Amministratore Delegato. 28 aprile 2008 L Assemblea degli azionisti nomina il nuovo CdA di Terna per il triennio : Luigi Roth e Flavio Cattaneo riconfermati rispettivamente Presidente e Amministratore Delegato. 1 aprile 2009 Perfezionata l acquisto a sconto degli oltre km delle linee alta tensione di ENEL per un controvalore di milioni di euro. 3 novembre 2009 Perfezionata la vendita a premio di Terna Part (Brasile) per 797 milioni di euro, con una plusvalenza di oltre 400 milioni di euro. 18 ottobre 2010 Annuncio della vendita di Rete Rinnovabile, la società di Terna operativa nell ambito del fotovoltaico, per un valore compreso tra milioni di euro al fondo di private equity Terra Firma, con una plusvalenza di circa 200 milioni di euro 15 Direzione Relazioni Esterne e Comunicazione

16 Asset Terna è proprietario della rete di trasmissione nazionale È il primo Transmission System Operator indipendente in Europa e settimo al mondo Possiede oltre km di linee e 383 stazioni di trasformazione Terna è concessionaria unica per le attività di trasmissione e dispacciamento dell energia elettrica in Italia 22 le linee ad altissima tensione da e verso l Europa che permettono lo scambio e la regolazione dell equilibrio dell energia con gli altri Paesi Direzione Relazioni Esterne e Comunicazione 16

17 La sicurezza della Rete Il compito di Terna è assicurare, 24 ore su 24, 365 giorni l anno, la trasmissione dell energia elettrica in tutta Italia. Nel Centro nazionale di Controllo (foto in alto) di Roma sono gestiti in sicurezza ogni anno circa 320 miliardi di kilowattora di energia elettrica distribuiti in Italia. Terna si avvale di un piano per la sicurezza integrata unico in Italia, in collaborazione con il Ministero dell Interno e delle forze di polizia. È dotata di un Security Operations Center (nella STATO foto PATRIMONIALE in basso) a Roma che gestisce e analizza milioni di dati informatici e di sicurezza fisica. Con il Protocollo d intesa firmato con la Guardia di Finanza, infine, Terna assicura controlli scrupolosi attività per consentire l accesso alle procedure di gara a un maggior numero di imprese e una più ampia attività di prevenzione dai tentativi di infiltrazioni illecite. attività patrimonio netto Direzione Relazioni Esterne e Comunicazione 17

18 I 9 principali progetti in autorizzazione sul territorio nazionale S. Barbara M. San Savino In autorizzazione da febbraio 2010, in istruttoria alla Commissione VIA Minambiente Trino Lacchiarella* In autorizzazione da fine 2008 Italia Francia In autorizzazione da metà 2009, manca l Intesa della Regione Piemonte Colunga Calenzano In autorizzazione da metà 2009, attualmente in istruttoria alla Commissione VIA Ministero dell Ambiente Feroleto Maida In autorizzazione da inizio 2009, in istruttoria al Ministero Sviluppo Economico Autorizzata a novembre 2010, decreto in attesa della controfirma del Ministro Ambiente Lavoro per imprese fornitrici ed esecutrici una volta aperti i cantieri Redipuglia Udine Ovest In autorizzazione da fine 2008, attualmente alla Commissione VIA Ministero dell Ambiente Dolo Camin In autorizzazione da fine 2007, attualmente in istruttoria presso il Ministero dello Sviluppo Economico Italia Montenegro In autorizzazione da fine 2009, attualmente in istruttoria al Ministero Sviluppo Economico Foggia Benevento In autorizzazione da fine 2006, manca l Intesa delle regioni Puglia e Campania 18 Direzione Relazioni Esterne e Comunicazione

19 Lo sviluppo sostenibile: l ambiente Sviluppare e potenziare la rete non significa automaticamente costruire da zero nuove linee. Ove possibile, infatti, la parola d ordine è razionalizzare, ovvero abbattere parti obsolete (tralicci, linee, piloni) per fare posto a nuove soluzioni ad alta tecnologia e minore impatto ambientale, con evidenti effetti positivi per il paesaggio circostante. Nel 2007 Terna ha lanciato 10 progetti per uno sviluppo sostenibile della rete elettrica, per la maggior parte in fase realizzativa nel PROGETTI AD ALTO LIVELLO AMBIENTALE Oltre Km di elettrodotti smantellati 450 Km di nuove linee ad alta tecnologia Direzione Relazioni Esterne e Comunicazione 19

20 10 Progetti: dettaglio interventi IN REALIZZAZIONE VAL D OSSOLA VALCAMONICA/VALTELLINA AREA DI VERONA Km Km SUD LOMBARDIA 4 S.BARBARA CASELLINA SORGENTE-RIZZICONI COMUNE DI ROMA 7 Parte in realizzazione parte in autorizzazione 7 7 IN AUTORIZZAZIONE 10 APPENNINO UMBRO-ABRUZZESE POLLINO 9 AREA DI BENEVENTO Direzione Relazioni Esterne e Comunicazione

21 La situazione in Friuli Venezia Giulia 2 Linee a 380 kv dal 1985 ad oggi 1985 Consumi 4,8 miliardi di kwh SOMPLAGO 2008 Consumi 10,2 miliardi di kwh 1985 UDINE UDINE OVEST UDINE NORD EST PORDENONE PORDENONE CORDIGNANO 1976 SAFAU GORIZIA REDIPUGLIA DIVACCIA (SLOVENIA) SALGAREDA PLANAIS REDIPUGLIA CAFAFRO ENERGIA TORVISCOSA MONFALCONE DIVACCIA (SLOVENIA) TRIESTE PADRICIANO 21

22 Benefici complessivi dalla realizzazione dell elettrodotto Redipuglia Udine Ovest Investimenti previsti: 100 Mln di euro (35 Mln per nuova linea + 25 Mln per stazione + 40 Mln per abbattere vecchie linee) Demolizioni elettrodotti 110 km Nuove linee aeree 40 km La nuova linea produrrà un risparmio di 60 milioni di euro/anno per: a. Capacità produttiva liberata circa 600 MW b. Riduzione perdite circa 28 milioni kwh/anno c. Minor approvvigionamento sul mercato con un risparmio per il sistema elettrico d. Maggiore capacità di import dall estero e. Diminuzione elettricità non fornita pari a circa kwh/anno 22

23 Percentuale di linee in cavo rispetto a linee aeree per differenti livelli di tensione a livello internazionale La percentuale mondiale di utilizzo del cavo interrato per linee a 380 kv è dello 0,5% 0,5% Italia 1% 380 kv Il documento CIGRE (Conseil International des Grands Réseaux Électriques) Statistics of AC underground cables in power networks, fornisce una serie di dati sull utilizzo a livello internazionale dei cavi terrestri ad alta ed altissima tensione in corrente alternata (sono esclusi collegamenti marini in corrente continua). Fonte dati: CIGRE (International Council on Large Electric Systems) 23

24 Criticità dell utilizzo del cavo interrato in aree sismiche In caso di guasto per un evento sismico diventa ovvia la criticità dei cavi interrati sia per i tempi di ripristino (che possono raggiungere alcuni mesi) sia perché essi sono posati sulla viabilità ordinaria che non potrà essere oggetto di interruzione in caso di emergenza. La linea aerea è una struttura flessibile, in grado di sopportare l'evento sismico anche di forte intensità, e risulta facilmente ispezionabile anche con mezzi aerei (elicotteri) richiedendo, nella eventualità di guasti o disservizi, tempi contenuti di ripristino del servizio di trasporto (massimo alcune ore). Fonte: Department of Civil Engineering National Taiwan University 24

25 Due casi concreti di dialogo 1. Sollecitazione indirizzata al CE di Etica Sgr ed avvio del confronto con l impresa: Terna SpA 2. Iniziativa internazionale promossa da P.R.I. delle Nazioni Unite : Gender Initiative Dialogue 25

26 Un dialogo concreto tra Terna S.p.A. e Etica Sgr OGGETTO costruzione di un nuovo elettrodotto da 380 kw lungo 40 km che colleghi Udine Ovest e Redipuglia COMUNITA DEL FRIULI RURALE: sollecitazioni all indirizzo del Comitato Etico della Sgr Impatto ambientale dell opera Conseguenze sulla salute pubblica TAPPE dell avvio del dialogo Maggio 2010 il presidente del CE di Etica Sgr segnala la questione ed inizio del confronto con Terna Giugno 2010 ll CE di Etica Sgr valuta la documentazione inviata da Terna Invito alla Società per un confronto diretto con i rappresentanti della comunità Settembre 2010 Svolgimento dell incontro 26

27 Punti di forza - criticità Per Etica Sgr: - Il dialogo consente ad una società di ricerca ed analisi ESG come Etica Sgr di conoscere, nello specifico e in un contesto più generale di CSR, ambiti di attività o comportamenti che vengono solitamente valutati sulla base di un processo standard; - ogni occasione è un modo per migliorare i criteri di ricerca che si evolvono e si affinano col progresso dell attività economica e con la sensibilità dell opinione pubblica ; - Il dialogo è anche un momento dove l impresa ha modo di conoscere le modalità di analisi ESG sulla base delle quali viene valutata. Per Terna: - l attenzione degli investitori sensibili anche alle performance ESG può andare oltre la lettura degli indicatori di sostenibilità, per entrare nel merito dei comportamenti aziendali in casi specifici; -la consistenza dell approccio di responsabilità e attenzione agli stakeholder è fondamentale perché un azienda possa rispondere con trasparenza all engagement; -la percezione esterna del comportamento dell impresa può essere molto diversa dall autopercezione interna: la chiamata in causa diretta è un opportunità per costruire capitale reputazionale 27

28 Iniziativa internazionale: Gender Diversity Dialogue Nell aprile del 2009 Etica Sgr ha aderito ai Principles for Responsible Investment (PRI) delle Nazioni Unite, un network di investitori istituzionali che si impegnano per promuovere l integrazione di parametri sociali, ambientali e di governance nelle attività finanziarie. L adesione ai PRI comporta il rispetto e l applicazione di sei principi, tra cui: Essere azionisti attivi, incorporare parametri ESG nelle politiche e pratiche di azionariato e promuovere il dialogo con le imprese 28

29 Presenza di donne in Consiglio e Financial Ratios DONNE IN CDA: SOCIETÀ ULTIMO QUARTILE (BLU) VS PRIMO QUARTILE (VERDE) Fortune 500 SOCIETÀ CON TRE O PIÙ DONNE IN CDA VS MEDIA Fortune 500 Fonte: Catalyst s Research,

30 % di Donne nei Consigli di Amministrazione in Europa Fonte: European Professional Women Network Monitor,

31 Gender Diversity Dialogue: modalità operative Il Gender Diversity dialogue è un iniziativa nata in seno ai PRI per promuovere la diversità di genere tra i membri dei Consigli di Amministrazione e nel top management delle aziende quotate. L iniziativa si è sviluppata attraverso l invio di una lettera a 57 società in tutto il mondo, firmate dagli investitori e dagli asset manager che operano secondo criteri di responsabilità socio-ambientale e che hanno aderito all iniziativa (rappresentanti attività gestite per complessivi USD 73 miliardi). Per esempio: The Co-operative Asset management, Calvert, PaxWorld, Walden Asset Management, Vancity Investments, Folksam, Batirente, FIR Capital. Si tratta di una risposta ai Women s Empowerment Principles, principi sviluppati dal Fondo delle Nazioni Unite per le Donne e dallo United Nations Global Compact per aiutare le aziende ad adottare misure concrete per la promozione delle donne sul posto di lavoro, nel mercato e nella comunità. 31

32 Etica Sgr e il Gender Diversity Dialogue Etica Sgr ha aderito all iniziativa nell aprile del 2010, divenendo leader del progetto sul territorio italiano attraverso un dialogo intrapreso con le società presenti nell Universo Investibile dei fondi Valori Responsabili : Indesit Company Sabaf Landi Renzo Brembo ACEA Terna Prysmian 32

33 Gender Diversity Dialogue: lettera di dialogo. 2. Traduzione letterale del temine usato internazionalmente per indicare i temi delle pari opportunità 33

34 Gender Diversity Dialogue: alcuni riscontri delle imprese sarà nostra cura portare il tema da voi sollecitato all attenzione del nostro principale azionista dopo la prima nomina di una donna a dirigente, avvenuta nel 1996, molte altre colleghe hanno svolto e attualmente svolgono ruoli di elevata responsabilità, tanto è vero che oggi il 13% delle posizioni dirigenziali del Gruppo è occupato da donne la nostra società ha sempre promosso la parità e l uguaglianza tra i sessi sia nell iter di selezione, sia nelle politiche di inserimento, sia nelle politiche retributive, sia nella distribuzione di ruoli manageriali la nostra società ha da sempre promosso politiche di pari opportunità e la percentuale di personale femminile è superiore rispetto alla media dell industria metalmeccanica ritengo che le previsioni del Woman Enpowerment Principles, da noi consultati dietro Vostra cortese indicazione, siano de facto già pienamente applicate e rispettate all interno del nostro Gruppo. 34

35 Dialogo internazionale sulla diversità di genere Situazione al Investitori (total AuM US$ 70 mld) Paesi N Società Risposta % Risposta/ Paesi Pax World USA % Calvert USA % Walden AM USA % Batirente Canada % Vancity Investments Canada % The Co-operative AM UK % Etica Italia % Folksam Sweden % FIR Capital Brazil % % 35

36 Gender Diversity Dialogue: rendicontazione al P.R.I. (1) Dati Generali Riscontro della società Numero complessivo dei consiglieri in CdA 11 - di cui donne 2 Proporzione di donne in CdA (%) 18% Numero di alti dirigenti (Top Managemen team o con qualifica a partire da Senior Vice President negli Stati Uniti e comunque tra i primi 40) - di cui donne Proporzione di donne Numero di dirigenti (con qualifica di Vice President negli Stati Uniti e comunque tra i primi 400) - di cui donne Proporzione di donne dirigenti Proporzione di donne alte dirigenti Proporzioni di donne dirigenti 11% Proporzione di donne nella forza lavoro 34% Come viene ripartita la presenza di donne in base alle attività operative e funzionali? E' bilanciata o sbilanciata? 36

37 Gender Diversity Dialogue: rendicontazione al P.R.I. (2) Politica e motivazione L'azienda riconosce i benefici economici della diversità di genere a livello di CdA? L'azienda riconosce i benefici economici di programmi di sviluppo e valorizzazione dei talenti basati sul genere? Riscontro della società Sì L'azienda riconosce i benefici economici dell'equilibrio di genere nello sviluppo delle attività commerciali e di prodotto? L'azienda ha una politica sulle pari opportunità o sulle diversità? Sì Nei processi di nomina dei Consiglieri viene perseguito l'equilibrio di genere come un obiettivo da raggiungere e ci si impegna ad inserire il requisito della diversità di genere anche nella ricerca di candidati per il CdA? Nei processi di nomina dei Consiglieri viene dichiarato l'impegno generale alla diversità (genere, nazionalità, ecc.) nei criteri di selezione dei consiglieri? L'azienda esprime l'impegno ad inserire la diversità di genere nella attività di ricerca e selezione dei dirigenti? L'azienda ha stabilito delle politiche che assicurino che la diversità di genere sia migliorata a tutti i livelli dell'organizzazione promuovendo donne dirigenti anche dall'interno? 37

38 Gender Diversity Dialogue: rendicontazione al P.R.I. (3) Implementazione L'AD o un alto dirigente operativo sono tra i principali sostenitori dell'implementazione delle politiche di equilibrio di genere nell'organizzazione? L'azienda si dà degli obiettivi misurabili per implementare la sua strategia di genere? L'azienda intraprende attività di selezione e retention mirate per uomini e donne? Riscontro della società Sì L'azienda intraprende programmi di formazione per aumentare la sensibilità dei colleghi uomini ai diversi comportamenti di uomini e donne? L'azienda fornisce opportunità di sviluppo professionale quali attività di networking formali ed informali, attività commerciali e di formazione con uguali opportunità per uomini e donne a tutti i livelli, incluse quelle per le donne che non lavorano nei campi a loro 'tradizionali'? L'azienda intraprende passi concreti per assicurare che le donne possano progredire nei ruoli operativi così come nelle funzioni di supporto? L'azienda promuove in maniera concreta e verificabile forme di work-life balance quali il lavoro flessibile, i permessi per questioni familiari, possibilità di uscita e rientro dei dipendenti? L'azienda per consuetudine segmenta i mercati prima di tutto sulla base delle differenze di genere? Sì Sì 38

39 Gender Diversity Dialogue: rendicontazione al P.R.I. (4) Informativa Riscontro della società La società pubblica informativa sulle politiche di genere? La società pubblica dati sulla ripartizione dell'organico per genere? Sì Sì La società pubblica dati sulla ripartizione dell'organico per genere e per categoria di lavoro? La società pubblica dati sulla ripartizione dell'organico per genere nelle nuove assunzioni? La società pubblica dati sulla ripartizione dell'organico per genere nei quadri? La società pubblica dati sulla ripartizione per genere in CdA? Sì Sì La società pubblica dati sulla ripartizione per genere nell'alta dirigenza? La società pubblica dati sulla ripartizione per genere nei dirigenti? Sì La società pubblica statistiche sul turnover dell'organico per genere? La società pubblica statistiche sulla remunerazione per genere? 39

40 Gender Diversity: un tematica attuale anche in Italia Nel Dicembre 2010, la Commissione Finanze della Camera dei Deputati ha approvato il testo unificato C Golfo e C Mosca del disegno di legge che introduce le quote di genere nei Consigli di Amministrazione e negli altri organismi di gestione e controllo delle società quotate Il cardine del provvedimento è la modifica dell articolo 147-ter Elezione e composizione del consiglio di amministrazione (Sezione IV-bis - Organi di amministrazione) del Testo Unico della Finanza (Decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58): lo statuto delle società quotate dovrà prevedere che la ripartizione degli amministratori sia effettuato «in base a un criterio che assicuri l'equilibrio tra i generi, garantendo un terzo dei posti al genere meno rappresentato». La norma si applica per tre mandati consecutivi e scatta al primo rinnovo degli organi societari. 40

41 Conclusioni Il dialogo inizia e.. 41

42 Grazie per l attenzione! Contatti Alessandra Viscovi, Direttore Generale Etica SGR mail: Michele Guerrieri, Responsabile Area Sviluppo Etica SGR mail: Fulvio Rossi, Responsabile CSR Terna SpA mail: 42

Doveri fiduciari degli investitori istituzionali: esempi di dialogo con le imprese e azionariato attivo

Doveri fiduciari degli investitori istituzionali: esempi di dialogo con le imprese e azionariato attivo Doveri fiduciari degli investitori istituzionali: esempi di dialogo con le imprese e azionariato attivo Milano, 22 Marzo, 2011 Daniela Carosio, Socio AIAF Responsabile GdL ISR Indice Perché gli investitori

Dettagli

Investimenti etici e ambiente

Investimenti etici e ambiente Investimenti etici e ambiente Alessandra Viscovi 5 giugno 2014 Etica Sgr Etica Sgr opera con lo scopo di "rappresentare i valori della finanza etica nei mercati finanziari, sensibilizzando il pubblico

Dettagli

BNP Paribas Investment Partners Una società d investimento responsabile. Ottobre 2015

BNP Paribas Investment Partners Una società d investimento responsabile. Ottobre 2015 BNP Paribas Investment Partners Una società d investimento responsabile Ottobre 2015 2 L impegno di BNP Paribas Investment Partners In un mondo in transizione, essere una Società di gestione leader comporta

Dettagli

Comunicare e Rendicontare la Corporate Social Responsibility

Comunicare e Rendicontare la Corporate Social Responsibility Comunicare e Rendicontare la Corporate Social Responsibility Il Caso Enel Università degli studi di Verona - Facoltà di Economia Verona, 15 dicembre 2006 Pierluigi Orati CSR Assistant, Enel Spa Le Basi

Dettagli

Etica Sgr. investimenti socialmente responsabili microcredito azionariato attivo

Etica Sgr. investimenti socialmente responsabili microcredito azionariato attivo Etica Sgr investimenti socialmente responsabili microcredito azionariato attivo Una società finanziaria specializzata Etica Sgr, operativa dal 2002, è iscritta all Albo delle Società di Gestione del Risparmio

Dettagli

Fondi comuni socialmente responsabili Azionariato attivo Il microcredito. Università degli studi di Bari Facoltà di Economia

Fondi comuni socialmente responsabili Azionariato attivo Il microcredito. Università degli studi di Bari Facoltà di Economia Fondi comuni socialmente responsabili Azionariato attivo Il microcredito Alessandra Viscovi Direttore Generale Università degli studi di Bari Facoltà di Economia 1 Giugno 2012 L investimento socialmente

Dettagli

Il vantaggio degli investimenti sostenibili e responsabili

Il vantaggio degli investimenti sostenibili e responsabili Il vantaggio degli investimenti sostenibili e responsabili Alessandra Viscovi 5 ottobre 2015 Etica Sgr in numeri 2.000 1.800 1.600 1.400 1.200 1.000 800 600 400 200 0 Patrimonio Gestito (mln ) 2008 2009

Dettagli

a r e r s e po p n o sab a il i it i à t à s oc o ia i l a e e d e d l e le e im i pr p e r s e e 08 ottobre 2015

a r e r s e po p n o sab a il i it i à t à s oc o ia i l a e e d e d l e le e im i pr p e r s e e 08 ottobre 2015 La responsabilità sociale delle imprese 08 ottobre 2015 Agenda 1. EticaSgr 2. Impresa:cos èequalèilsuoobiettivo 3. Responsabilità d impresa e CSR 4. Reportistica ambientale, sociale, di sostenibilità 5.

Dettagli

Gender Diversity. Dialogo Globale PRI con le Aziende Quotate

Gender Diversity. Dialogo Globale PRI con le Aziende Quotate Gender Diversity Dialogo Globale PRI con le Aziende Quotate Daniela Carosio Azionariato Attivo & Dialogo con le Imprese dcarosio@eticasgr.it / ricerca@eticasgr.it Roma, 4 novembre 2010 1 Indice q Perché

Dettagli

Giornata conclusiva della Settimana SRI 2013 Conferenza su L engagement: una nuova sfida per gli investitori istituzionali

Giornata conclusiva della Settimana SRI 2013 Conferenza su L engagement: una nuova sfida per gli investitori istituzionali Giornata conclusiva della Settimana SRI 2013 Conferenza su L engagement: una nuova sfida per gli investitori istituzionali Le Linee Guida sull engagement per le forme di previdenza complementare Roma,

Dettagli

TERNA: UTILI PER IL PAESE

TERNA: UTILI PER IL PAESE TERNA: UTILI PER IL PAESE Audizione presso la Commissione Industria Senato Atto n. 282 Affare assegnato risultati società partecipate dallo Stato ROMA, 19 marzo 2014 1 Il Gruppo Terna Il Gruppo si compone

Dettagli

Audizione Commissione Industria Senato

Audizione Commissione Industria Senato Audizione Commissione Industria Senato Affare assegnato Atto n. 376 ROMA, 7 ottobre 2014 Chi è Terna Il Gruppo Terna S.p.A., la Capogruppo, elabora gli orientamenti strategici per lo sviluppo della Rete

Dettagli

VAS: il nuovo approccio di Terna Terna a misura d ambiente: connessione di 7.600 MW di nuova potenza eolica

VAS: il nuovo approccio di Terna Terna a misura d ambiente: connessione di 7.600 MW di nuova potenza eolica Terna scala le classifiche di sostenibilità per l impegno ambientale Energia e ambiente: la svolta di Terna Sviluppo della rete vuol dire anche trasmettere energia pulita : prevista connessione di 7.600

Dettagli

Audizione SAIPEM Commissioni congiunte Attività Produttive della Camera dei Deputati Industria del Senato della Repubblica lunedì 16 novembre 2015

Audizione SAIPEM Commissioni congiunte Attività Produttive della Camera dei Deputati Industria del Senato della Repubblica lunedì 16 novembre 2015 Audizione SAIPEM Commissioni congiunte Attività Produttive della Camera dei Deputati e Industria del Senato della Repubblica Saipem: un'eccellenza italiana nel Mondo (1 di 2) Filmato 2 Saipem: un'eccellenza

Dettagli

I nostri numeri. In attività dal 2010 3.500. Circa 20.000. + di 14.000. + di 13.000. + di 150 dipendenti 150 installatori. + di 600 Collaboratori

I nostri numeri. In attività dal 2010 3.500. Circa 20.000. + di 14.000. + di 13.000. + di 150 dipendenti 150 installatori. + di 600 Collaboratori MEDIAK I T I nostri numeri + di 150 dipendenti 150 installatori In attività dal 2010 1000 Impianti termodinamici installati nel 2013 +150% rispetto al 2012 3.500 Impianti fotovoltaici installati nel 2013

Dettagli

Responsabilità e competitività

Responsabilità e competitività Investire nella finanza sostenibile e responsabile Responsabilità e competitività R e l a t o r e : Irene Bengo P o s t D o c P o l i t e c n i c o d i M i l a n o Sommario: Responsabilità Sociale d'impresa

Dettagli

Fondi Demetra. Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare

Fondi Demetra. Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare Fondi Demetra Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare Agenda 1.1 Lo scenario di riferimento 1.2 La Società di Gestione 1.3 La Governance della SGR 1.4 Il Fondo Demetra Demetra: dea greca del

Dettagli

1. Il Network in sintesi 2. La governance 3. Le attività 4. Il programma per le piccole imprese

1. Il Network in sintesi 2. La governance 3. Le attività 4. Il programma per le piccole imprese 1 INDICE 1. Il Network in sintesi 2. La governance 3. Le attività 4. Il programma per le piccole imprese 2 Il Network dei professionisti della CSR Il CSR Manager Network Italia è l associazione nazionale

Dettagli

INDICE COME DOVREBBE EVOLVERSI LA NOSTRA STRUTTURA PER RAGGIUNGERE LA NOSTRA VISIONE... 4 IV- LE NOSTRE PRIORITÀ STRATEGICHE...4

INDICE COME DOVREBBE EVOLVERSI LA NOSTRA STRUTTURA PER RAGGIUNGERE LA NOSTRA VISIONE... 4 IV- LE NOSTRE PRIORITÀ STRATEGICHE...4 Consiglio di amministrazione CENTRO DI TRADUZIONE DEGLI ORGANISMI DELL UNIONE EUROPEA STRATEGIA 2008-2012 CT/CA-017/2008IT INDICE I- LA RAISON D ÊTRE DEL CENTRO...3 I-1. LA NOSTRA MISSIONE... 3 I-2. IL

Dettagli

L IMPEGNO SOCIO-AMBIENTALE DEL GRUPPO GENERALI

L IMPEGNO SOCIO-AMBIENTALE DEL GRUPPO GENERALI L IMPEGNO SOCIO-AMBIENTALE DEL GRUPPO GENERALI I NOSTRI STAKEHOLDER 85.000 dipendenti, di cui 16.000 in Italia 70 milioni di clienti, di cui più di 10 milioni in Italia una forza di vendita proprietaria

Dettagli

Consultazione degli stakeholder investitori istituzionali sulla rilevanza della Corporate Social Responsibility nelle scelte d investimento

Consultazione degli stakeholder investitori istituzionali sulla rilevanza della Corporate Social Responsibility nelle scelte d investimento Consultazione degli stakeholder investitori istituzionali sulla rilevanza della Corporate Social Responsibility nelle scelte d investimento Federico Versace versace@avanzi-sri.org Avanzi SRI Research Milano,

Dettagli

Elementi di Corporate Governance

Elementi di Corporate Governance Elementi di Corporate Governance Direzione d impresa Ing. Marco Greco 9 ottobre 2009 Definizione Il sistema di strutture, processi e meccanismi che regolano il governo dell impresa, ossia la direzione

Dettagli

Banche, CSR e gender gap: stato dell'arte e prospettive

Banche, CSR e gender gap: stato dell'arte e prospettive Banche, CSR e gender gap: stato dell'arte e prospettive Equilibrio tra vita e lavoro L integrazione della donna nell economia Gianna Zappi CSR Manager ABI Roma, 17 giugno 2011 idee, Associazione delle

Dettagli

PROSPETTO DI ADESIONE AL CODICE EUROPEO SULLA TRASPARENZA DEGLI INVESTIMENTI SOCIALMENTE RESPONSABILI

PROSPETTO DI ADESIONE AL CODICE EUROPEO SULLA TRASPARENZA DEGLI INVESTIMENTI SOCIALMENTE RESPONSABILI PROSPETTO DI ADESIONE AL CODICE EUROPEO SULLA TRASPARENZA DEGLI INVESTIMENTI SOCIALMENTE RESPONSABILI Dati al 30.06.2014 DICHIARAZIONE DI IMPEGNO. L investimento Sostenibile e Responsabile è una parte

Dettagli

Scheda di partecipazione Quarta edizione

Scheda di partecipazione Quarta edizione Scheda di partecipazione Quarta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

Modalità tecniche d'ingresso del fondo Ingenium Provincia di Catania: linee guida 1

Modalità tecniche d'ingresso del fondo Ingenium Provincia di Catania: linee guida 1 Modalità tecniche d'ingresso del fondo Ingenium Provincia di Catania: linee guida 1 Il fondo Ingenium investe in nuove imprese innovative che basano il loro modello di business sulla valorizzazione della

Dettagli

CSR, Globalizzazione e Modelli di Capitalismo Sostenibile

CSR, Globalizzazione e Modelli di Capitalismo Sostenibile Tavola Rotonda CSR, Globalizzazione e Modelli di Capitalismo Sostenibile Mauro Cicchinè,, Presidente Dexia Crediop S.p.A. Milano 14 Luglio 2005 Capitalismo Sostenibile e CSR fra globale e locale : dai

Dettagli

CdA in Italia: presenza femminile nelle società pubbliche. Le potenzialità di una valutazione in chiave di genere della Legge 120/2011

CdA in Italia: presenza femminile nelle società pubbliche. Le potenzialità di una valutazione in chiave di genere della Legge 120/2011 LA PRESENZA DELLE DONNE NEI CDA Misurazioni Qualiquantitative 26 marzo 2015 Torino Consiglio Regionale del Piemonte CdA in Italia: presenza femminile nelle società pubbliche. Le potenzialità di una valutazione

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA D IMPRESA PER IL GRUPPO INTESA SANPAOLO

EFFICIENZA ENERGETICA D IMPRESA PER IL GRUPPO INTESA SANPAOLO EFFICIENZA ENERGETICA D IMPRESA PER IL GRUPPO INTESA SANPAOLO Gianmarco Manzone Divisione Banca dei Territori Ufficio Finanziamenti e Confidi 1 Roma, 22 ottobre 2008 La storia di Intesa Sanpaolo 1998 2000

Dettagli

Una nuova asset class per investitori qualificati. Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori

Una nuova asset class per investitori qualificati. Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori Mercato delle fonti energetiche rinnovabili INVESTIMENTI CAPITALE / CREDITO? INVESTITORI QUALIFICATI PLAYER INDUSTRIALI CARATTERIZZATI

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

2013 DATI DI SINTESI

2013 DATI DI SINTESI 2013 DATI DI SINTESI BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ DEL GRUPPO ACEA ACEA E LA SOSTENIBILITÀ LE ATTIVITÀ CORE DEL GRUPPO ACEA Il BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2013 è il 16 report pubblicato dal Gruppo Acea per rendicontare

Dettagli

TERNA PRESENTA IL PIANO STRATEGICO 2007-2011

TERNA PRESENTA IL PIANO STRATEGICO 2007-2011 COMUNICATO STAMPA Relazioni Esterne e Comunicazione Tel. +39 06 83138120 Fax +39 06 83138372 e-mail: ufficio.stampa@terna.it Investor Relations Tel. +39 06 83138145 Fax +39 06 83138389 e-mail: investor.relations@terna.it

Dettagli

Iniziativa di sensibilizzazione sulla Responsabilitàsociale d impresa: una esperienza (in)formativa

Iniziativa di sensibilizzazione sulla Responsabilitàsociale d impresa: una esperienza (in)formativa Al servizio di gente unica Iniziativa di sensibilizzazione sulla Responsabilitàsociale d impresa: una esperienza (in)formativa Dati aggiornati al 30/07/2012 Premessa La Regione Autonoma Friuli Venezia

Dettagli

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo La Privatizzazione della Borsa e il nuovo Quadro normativo Il processo di riorganizzazione e sviluppo dei mercati finanziari avviato con la legge 1/1991 - relativa alla disciplina dell attività di intermediazione

Dettagli

La Responsabilità Etico-Sociale Intervento di Isidoro Lucciola Milano, 17 giugno 2004

La Responsabilità Etico-Sociale Intervento di Isidoro Lucciola Milano, 17 giugno 2004 ! VPRI-040617-IsLucc-P1 La Responsabilità Etico-Sociale Intervento di Isidoro Lucciola Milano, 17 giugno 2004 VPRI-040617-IsLucc-P2 Premessa Caratteristiche del Bilancio di Sostenibilità La predisposizione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2158 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MOSCA Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di temporary manager da parte

Dettagli

Investimenti sostenibili e responsabili: oltre il rendimento

Investimenti sostenibili e responsabili: oltre il rendimento Giugno 2012 Investimenti sostenibili e responsabili: oltre il rendimento Annuncio pubblicitario destinato al cliente ed al potenziale cliente al dettaglio. Prima dell adesione leggere il prospetto disponibile

Dettagli

Politiche Gruppo Biesse. Qualità, Ambiente, Sicurezza e Etica

Politiche Gruppo Biesse. Qualità, Ambiente, Sicurezza e Etica Politiche Gruppo Biesse Qualità, Ambiente, Sicurezza e Etica 1 INDICE 1. INTRODUZIONE, PREMESSE E OBIETTIVI... 3 2. FINALITÀ DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO... 5 2.1 POLITICHE DELLA QUALITÀ... 6 2.3

Dettagli

Covip. Premesse. Consultazione sullo schema di Disposizioni sul processo di attuazione della politica di investimento

Covip. Premesse. Consultazione sullo schema di Disposizioni sul processo di attuazione della politica di investimento Covip Consultazione sullo schema di Disposizioni sul processo di attuazione della politica di investimento Milano, 30 settembre 2011 Premesse In tutto il mondo, ed in particolare in Europa, i fondi pensione

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

L investimento SRI : valori e valore

L investimento SRI : valori e valore L investimento SRI : valori e valore Relatore M a n u e l a M a z z o l e n i D i r e t t o r e M e r c a t i e O p e r a t i o n s SRI e PERFROMANCE FINANZIARIA Scegliere l investimento sostenibile vuol

Dettagli

SIRAM al servizio del progresso energetico

SIRAM al servizio del progresso energetico SIRAM al servizio del progresso energetico Il Gruppo Siram in Italia SIRAM SPA Leader in Italia nei servizi energetici e multitecnologici per il mercato Pubblico e Privato sede legale Milano 4 Unità di

Dettagli

Trasmettere Energia Trasmettere Valore

Trasmettere Energia Trasmettere Valore 2015 Trasmettere Energia Trasmettere Valore Profilo Il Gruppo Terna è un grande operatore di reti per la trasmissione dell energia elettrica guidato da Matteo Del Fante, Amministratore Delegato, e presieduto

Dettagli

Investitori responsabili Azionisti attivi. Etica Sgr Via Copernico 1, 20125 Milano www.eticasgr.it Tel. 02/67071422

Investitori responsabili Azionisti attivi. Etica Sgr Via Copernico 1, 20125 Milano www.eticasgr.it Tel. 02/67071422 Investitori responsabili Azionisti attivi Via Copernico 1, 20125 Milano www.eticasgr.it Tel. 02/67071422 I fondi etici e il loro mercato In Italia vengono commercializzati circa 40 fondi con caratteristiche

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA Approvato dal Collegio di Indirizzo In data 21 dicembre 2015 AMBITO DI APPLICAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

Il Piano di Sviluppo della RTN per l utilizzo e

Il Piano di Sviluppo della RTN per l utilizzo e Il Piano di Sviluppo della RTN per l utilizzo e lo sviluppo dell energiaenergia rinnovabile Terna - Rete Elettrica Nazionale Domodossola, 28 Ottobre 2011 1 Il sistema elettrico nazionale La Rete elettrica

Dettagli

Che cosa facciamo. Il Forum per la Finanza Sostenibile si occupa di:

Che cosa facciamo. Il Forum per la Finanza Sostenibile si occupa di: Chi siamo Il Forum per la Finanza Sostenibile è un Associazione senza scopo di lucro nata nel 2001. È un organizzazione multistakeholder; ne fanno parte sia operatori del mondo finanziario che soggetti

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

INDUCTION SESSION FOLLOW UP OBBLIGHI INFORMATIVI E RELAZIONI FINANZIARIE NELLE SOCIETÀ QUOTATE

INDUCTION SESSION FOLLOW UP OBBLIGHI INFORMATIVI E RELAZIONI FINANZIARIE NELLE SOCIETÀ QUOTATE INDUCTION SESSION FOLLOW UP OBBLIGHI INFORMATIVI E RELAZIONI FINANZIARIE NELLE SOCIETÀ QUOTATE 15 gennaio 2016 Assonime Piazza Venezia, 11 Roma CHI È ASSOGESTIONI www.assogestioni.it Assogestioni è l associazione

Dettagli

FONDI PENSIONE ITALIANI: il percorso verso la responsabilità sociale degli investimenti. Simonetta Bono Novembre 2013

FONDI PENSIONE ITALIANI: il percorso verso la responsabilità sociale degli investimenti. Simonetta Bono Novembre 2013 FONDI PENSIONE ITALIANI: il percorso verso la responsabilità sociale degli investimenti Simonetta Bono Novembre 2013 Investimento socialmente responsabile 2. L Investimento socialmente responsabile (SRI,

Dettagli

Responsabilità Sociale d Impresa

Responsabilità Sociale d Impresa Responsabilità Sociale d Impresa Sessione Formativa Modulo 1 1 CSR La competitività dell impresa è molto condizionata dalla capacità di dare al mercato un immagine di eccellenza. Un buon esempio di comunicazione

Dettagli

I PRINCIPALI ATTORI DEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE

I PRINCIPALI ATTORI DEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE I PRINCIPALI ATTORI DEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE gli Attori istituzionali AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Istituita con la legge n. 481 del 1995, l'autorità per l'energia elettrica e il gas

Dettagli

Perché una certificazione sociale di prodotto

Perché una certificazione sociale di prodotto Perché una certificazione sociale di prodotto L esigenza di comunicare in maniera efficace al consumatore il proprio effort in termini di sostenibilità, è un esigenza particolarmente sentita dalle aziende

Dettagli

XXIII Edizione 2011 Premio Marketing

XXIII Edizione 2011 Premio Marketing XXIII Edizione 2011 Premio Marketing Enel - La storia Nasce Enel Ente Nazionale per l Energia Elettrica Sono inaugurati i primi 2 impianti italiani alimentati da energie rinnovabili Vengono inaugurati

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

La Sostenibilità in Acea

La Sostenibilità in Acea La Sostenibilità in Acea Seminario organizzato da Rotary Club Castelli Romani e Università di Roma Tor Vergata Etica ed Economia Quale tutela per i cittadini e i risparmiatori? Monte Porzio Catone, 29

Dettagli

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27)

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27) CONVENZIONE TRA LA REGIONE DELL UMBRIA, LE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI DI PERUGIA E TERNI, I COMUNI DELL UMBRIA LE COMUNITÀ MONTANE DELL UMBRIA PREMESSO CHE: - La legge regionale 31 luglio 1998, n. 27

Dettagli

GLI INVESTIMENTI SOCIALMENTE RESPONSABILI E IL MONDO DELLA PREVIDENZA IN ITALIA. Relatore: Laura Frascaroli

GLI INVESTIMENTI SOCIALMENTE RESPONSABILI E IL MONDO DELLA PREVIDENZA IN ITALIA. Relatore: Laura Frascaroli GLI INVESTIMENTI SOCIALMENTE RESPONSABILI E IL MONDO DELLA PREVIDENZA IN ITALIA Relatore: Laura Frascaroli Napoli, 4 giugno 2012 Gli Investimenti Socialmente Responsabili (SRI) in Italia e nel Mondo L

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

Codice europeo per la trasparenza degli investimenti sostenibili e responsabili - Eurosif

Codice europeo per la trasparenza degli investimenti sostenibili e responsabili - Eurosif Codice europeo per la trasparenza degli investimenti sostenibili e responsabili - Eurosif Prospetto di adesione dei fondi immobiliari Aristotele ed Erasmo gestiti da Fabrica Immobiliare SGR SpA Dati al

Dettagli

Davide Dal Maso, Forum per la Finanza Sostenibile Milano, 26 marzo 2014

Davide Dal Maso, Forum per la Finanza Sostenibile Milano, 26 marzo 2014 Fondazione Giordano Dell Amore - Impact investing: come coniugare ritorno economico ed impatto positivo Dagli investimenti socialmente responsabili all impact investing: l evoluzione del settore Davide

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELL ATTIVITA del CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

LA VALUTAZIONE DELL ATTIVITA del CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE LA VALUTAZIONE DELL ATTIVITA del CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Università Bocconi 30 gennaio 2006 Ordine Dottori Commercialisti 1 IL CUORE, LA MENTE, LA TUTELA Se i manager fanno muovere la macchina organizzativa,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

INDUCTION SESSION FOLLOW UP LE SOCIETÀ QUOTATE E LA GESTIONE DEI RISCHI

INDUCTION SESSION FOLLOW UP LE SOCIETÀ QUOTATE E LA GESTIONE DEI RISCHI INDUCTION SESSION FOLLOW UP LE SOCIETÀ QUOTATE E LA GESTIONE DEI RISCHI 15 maggio 2015 3 luglio 2015 Circolo della Stampa Corso Venezia, 48 Milano CHI È ASSOGESTIONI www.assogestioni.it Assogestioni è

Dettagli

TERNIENERGIA: approvato il piano industriale del Gruppo 2015-2017 Fast on the smart energy road

TERNIENERGIA: approvato il piano industriale del Gruppo 2015-2017 Fast on the smart energy road TERNIENERGIA: approvato il piano industriale del Gruppo 2015-2017 Fast on the smart energy road Proposta l introduzione del voto maggiorato per favorire la crescita per linee esterne Rafforzamento dell

Dettagli

Bilancio di Sostenibilità 2009 - SINTESI

Bilancio di Sostenibilità 2009 - SINTESI Bilancio di Sostenibilità 2009 - SINTESI 1 PERCHÉ ABBIAMO FATTO IL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ? (1/2) Perché operiamo in un settore che ha impatti significativi su Ambiente naturale Comunità di cui Passeggeri

Dettagli

La Responsabilità Sociale secondo Sodexo

La Responsabilità Sociale secondo Sodexo La Responsabilità Sociale secondo Sodexo Sodexo Italia Spa via Fratelli Gracchi, 36 20092 Cinisello Balsamo (Mi) tel 0269684.1 fax 026887169 e-mail: dl.ce.fms.it.sede@sodexo.com www.sodexo.com Carnet Sodexo

Dettagli

RELAZIONE SEMESTRALE SUL GOVERNO SOCIETARIO * * * La Società adotta il sistema di amministrazione e controllo tradizionale. Il sistema di Corporate

RELAZIONE SEMESTRALE SUL GOVERNO SOCIETARIO * * * La Società adotta il sistema di amministrazione e controllo tradizionale. Il sistema di Corporate RELAZIONE SEMESTRALE SUL GOVERNO SOCIETARIO La Società adotta il sistema di amministrazione e controllo tradizionale. Il sistema di Corporate Governance di Pirelli si fonda su: (i) centralità del Consiglio

Dettagli

PROGRAMMA PROVVISORIO

PROGRAMMA PROVVISORIO PRIMA GIORNATA GIOVEDÌ 20 GENNAIO Mattina - I parte: (9.00 11.00) 8.00 Registrazione dei partecipanti SESSIONE PLENARIA INTRODUTTIVA Sostenibilità ambientale, sociale ed economica per l Europa: la prospettiva

Dettagli

L investimento socialmente responsabile

L investimento socialmente responsabile L investimento socialmente responsabile Alessandra VISCOVI Direttore Generale di Etica SGR «Investimenti responsabili, azionariato attivo illusioni per sognatori o realtà percorribili anche da noi? E possibile

Dettagli

STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) Articolo 2 (Scopo) Articolo 3 (Competenze)

STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) Articolo 2 (Scopo) Articolo 3 (Competenze) STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) É costituita una Federazione tra l Associazione bancaria italiana (ABI), l Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici (ANIA) e le Associazioni rappresentative

Dettagli

Cavi interrati: false verità e paradossi di un soluzione non per tutte le stagioni

Cavi interrati: false verità e paradossi di un soluzione non per tutte le stagioni Cavi interrati: false verità e paradossi di un soluzione non per tutte le stagioni 1. ALL ESTERO LA TECNOLOGIA DEI CAVI INTERRATI È PIÙ UTILIZZATA CHE IN ITALIA L uso dei cavi interrati in Italia è in

Dettagli

NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO

NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università degli

Dettagli

ELITE. Thinking long term

ELITE. Thinking long term ELITE Thinking long term ELITE Thinking long term ELITE valorizza il presente e prepara al futuro. Per aiutare le imprese a realizzare i loro progetti abbiamo creato ELITE, una piattaforma unica di servizi

Dettagli

L investimento Etico e Socialmente Responsabile: mercato attuale e prospettive

L investimento Etico e Socialmente Responsabile: mercato attuale e prospettive L investimento Etico e Socialmente Responsabile: mercato attuale e prospettive Sanpaolo Asset Management CEO Eugenio Namor ABI Forum CSR Roma, 3 ottobre 2005 MATERIALE AD USO INTERNO MATERIALE AD USO INTERNO

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

Sostenibilità nel private equity. Come liberare valore integrando i criteri ambientali, sociali e di governance

Sostenibilità nel private equity. Come liberare valore integrando i criteri ambientali, sociali e di governance In collaborazione con Sostenibilità nel private equity. Come liberare valore integrando i criteri ambientali, sociali e di governance Milano, 10 novembre 2015 2 Premessa (1) SRI a livello globale Mercato

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO Verona 25 Novembre 2010 Le principali tappe del progetto Il Progetto del Fondo Italiano di Investimento (FII) è nato nel mese di dicembre 2009, su iniziativa del Ministero

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO INDICE Art. 1 Ambito di applicazione TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 Finalità del processo di gestione del patrimonio Art. 3 Fondo stabilizzazione erogazioni

Dettagli

COSTRUISCI CON BLACKROCK IL GESTORE DI FIDUCIA DI MILIONI DI INVESTITORI AL MONDO

COSTRUISCI CON BLACKROCK IL GESTORE DI FIDUCIA DI MILIONI DI INVESTITORI AL MONDO COSTRUISCI CON BLACKROCK IL GESTORE DI FIDUCIA DI MILIONI DI INVESTITORI AL MONDO COSTRUISCI CON BLACKROCK In un universo degli investimenti sempre più complesso, il nostro obiettivo rimane invariato:

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

I Fondi immobiliari per gli Enti Territoriali come strada per la valorizzazione: il ruolo di InvImIt

I Fondi immobiliari per gli Enti Territoriali come strada per la valorizzazione: il ruolo di InvImIt I Fondi immobiliari per gli Enti Territoriali come strada per la valorizzazione: il ruolo di InvImIt Roma, 26-27-28 maggio 2015 CONTATTI: Tel +39 06 87725701 - Fax +39 06 87725799 - Email: segreteria@invimit.it

Dettagli

Principali attività TERNA in Trentino Alto Adige

Principali attività TERNA in Trentino Alto Adige ENERGIA IN PRIMO PIANO S.Massenza 21,28 maggio 4 giugno 2008 Principali attività TERNA in Trentino Alto Adige Ing. Francesco Bonci TERNA Area Operativa Trasmissione di Padova S. Massenza,, 21 maggio 2008

Dettagli

Top players in Europa. PARVEST Equity Best Selection Euro

Top players in Europa. PARVEST Equity Best Selection Euro Top players in Europa PARVEST Equity Best Selection Euro 5 motivi per investire in PARVEST Equity Best Selection Euro 1 I nostri esperti ritengono che potrebbe essere il momento opportuno per investire

Dettagli

INDUCTION SESSION FOLLOW UP OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE E REMUNERAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI

INDUCTION SESSION FOLLOW UP OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE E REMUNERAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI INDUCTION SESSION FOLLOW UP OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE E REMUNERAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI 19 giugno 2015 Assonime Piazza Venezia, 11 - Roma CHI È ASSOGESTIONI www.assogestioni.it Assogestioni è l

Dettagli

FIRST CAPITAL 2.0 RISULTATI 2013 E PIANO STRATEGICO 2014-2017. Milano, 3 aprile 2014

FIRST CAPITAL 2.0 RISULTATI 2013 E PIANO STRATEGICO 2014-2017. Milano, 3 aprile 2014 FIRST CAPITAL 2.0 RISULTATI 2013 E PIANO STRATEGICO 2014-2017 Milano, 3 aprile 2014 FIRST CAPITAL OGGI (1/2) First Capital è un operatore italiano specializzato in Private Investment in Public Equity (

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

La Parte II del Prospetto, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta.

La Parte II del Prospetto, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta. UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE PARTE II DEL PROSPETTO ILLUSTRAZIONE DEI DATI PERIODICI DI RISCHIO-RENDIMENTO E COSTI DEI FONDI APPARTENENTI AL SISTEMA

Dettagli

Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese

Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese Michele Boccia Responsabile Istituzionali Italia Eurizon Capital Sgr Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset

Dettagli

RELAZIONE SULL ADOZIONE DEL PROTOCOLLO DI AUTONOMIA PER LA GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSI

RELAZIONE SULL ADOZIONE DEL PROTOCOLLO DI AUTONOMIA PER LA GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSI RELAZIONE SULL ADOZIONE DEL PROTOCOLLO DI AUTONOMIA PER LA GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSI ai sensi dell articolo 6, comma 2, dello Statuto Assogestioni ARCA SGR S.p.A. Anno 2012 1 ATTESTAZIONE DI CONFORMITÀ

Dettagli

La figura del socio lavoratore nella cooperazione di servizi. Bellacoopia Impresa University Reggio Emilia, 10 febbraio 2014

La figura del socio lavoratore nella cooperazione di servizi. Bellacoopia Impresa University Reggio Emilia, 10 febbraio 2014 La figura del socio lavoratore nella cooperazione di servizi Bellacoopia Impresa University Reggio Emilia, 10 febbraio 2014 1 CHI SIAMO Coopservice nasce nel 1991 dalla fusione di due cooperative reggiane

Dettagli

LA NOVITÀ NELL ENERGIA, DA 70 ANNI.

LA NOVITÀ NELL ENERGIA, DA 70 ANNI. LA NOVITÀ NELL ENERGIA, DA 70 ANNI. IL GRUPPO ERG UNA REALTÀ MULTIENERGY DA OLTRE 70 ANNI IL GRUPPO ERG È UN PUNTO DI RIFERIMENTO NEL MERCATO ENERGETICO ITALIANO Il Gruppo, dal 2002, si è articolato in

Dettagli

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Comunicato stampa RISULTATI DEL 1 SEMESTRE DEL GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Utile Netto

Dettagli

LO STATO DELL ARTE DELLA COMUNICAZIONE AMBIENTALE IN ITALIA CONVEGNO BICA 2009

LO STATO DELL ARTE DELLA COMUNICAZIONE AMBIENTALE IN ITALIA CONVEGNO BICA 2009 Cosa vediamo? SONDAGGIO IPSOS P.A. LO STATO DELL ARTE DELLA COMUNICAZIONE AMBIENTALE IN ITALIA - presentazione dei risultati - Nobody s Unpredictable Marzo 2009 Job 08-019355 Ipsos Public Affair METODOLOGIA

Dettagli