ORARIO 1 e 2 SEMESTRE Mercoledì dalle 14,30 alle 18,30, aula A3

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ORARIO 1 e 2 SEMESTRE Mercoledì dalle 14,30 alle 18,30, aula A3"

Transcript

1 PROGRAMMA DEL CORSO di DISEGNO INDUSTRIALE a.a Laurea Specialistica in architettura classe 4S UE- 8 CFU - CORSO ANNUALE Prof Arch Cecilia Polidori Dipartimento DASTEC Nota Bene: Questo programma del Corso Annuale di DISEGNO INDUSTRIALE a.a Laurea Specialistica in architettura classe 4S UE- 8 CFU è da considerarsi preliminare a tutte le Comunicazioni successive da parte della Docenza, preliminare ai Format d esame specifici e al Programma di Lavoro che solo la reale affluenza degli allievi, svincolati da deroghe, potrà rendere possibile. Tutti i Format e le Comunicazioni saranno regolarmente presentati in aula e depositati presso il Laboratorio Multimediale di Facoltà in singoli files con sigla e o data progressiva. ORARIO 1 e 2 SEMESTRE Mercoledì dalle 14,30 alle 18,30, aula A3 TEMA DELL ANNO:DESIGN E COMPONENTI PER STRATEGIE SOSTENIBILI. Esperienze e prototipi di manufatti realizzati con materiali riciclati, recuperati e riutilizzati. Impiego di materie prime - seconde. Impiego di fibre vegetali. Studi di prototipi di packaging realizzati con l'impiego di materiali diversi ed ibridati. PREMESSA La continua ricerca del miglioramento della qualità dello standard non è solo rivolta al componente prodotto in forma di pre-prototipo, ma anche alla creazione di nuove strategie di rapporto con l esterno. Il progetto di design, infatti, non è più rappresentato solo da un generale e generalizzato potenziamento del consumo di prodotti ottenuti per la creazione, o soddisfazione di esigenze indotte, di bisogni e di brand accelerati. La globalizzazione sta mantenendo le sue promesse e le sue minacce: tutto meglio e a minor costo e ciò conduce inesorabilmente ad accumuli, e conseguenti enormi problemi di dismissione, di manufatti obsoleti: un imponente ricaduta inquinante, poiché questa produzione non si autoelimina, né si decompone, né è smantellata o altrimenti assimilata. Il bene di consumo diviene male di consumo : ossia un bene da distruggere che implica un ulteriore danno distruttivo, come descriveva il sociologo tedesco Eric Fromm negli anni 70, «La soddisfazione illimitata di tutti i desideri non comporta il vivere bene, né è la strada per raggiungere la felicità o anche soltanto il massimo di piacere. Il sogno di essere padroni assoluti delle nostre esistenze ha avuto fine quando abbiamo cominciato ad aprire gli occhi e a renderci conto che siamo tutti divenuti ingranaggi della macchina burocratica, e che i nostri pensieri, i nostri sentimenti e i nostri gusti sono manipolati dai governi, dall'industria e dai mezzi di comunicazione di massa controllati dagli uni e dall'altra. Il progresso economico è rimasto limitato ai paesi ricchi, e il divario tra nazioni ricche e nazioni povere si è più che mai ampliato. Lo stesso progresso tecnico ha avuto come conseguenza il manifestarsi di pericoli per l'ambiente e di rischi di conflitti nucleari, e sia gli uni sia gli altri, agendo isolatamente o insieme, possono mettere fine all'intera civiltà e forse anche ad ogni forma di vita». Progettare e lavorare su artefatti che faranno parte del pianeta e dell ambiente per moltissimi anni, decenni o centinaia (si consideri che un fiammifero utilizzato impiega tre 1

2 mesi ad essere assorbito dal terreno), è un tema tanto difficile quanto importante da affrontare. E difficile è immaginare, prevedere, sostituire modelli applicabili a scenari che vanno orientandosi verso una tipologia di consumatori costretti a consumare sempre più rapidamente, verso un consumismo iper-attivo, in cui l acquisto accelera lo smaltimento del prodotto, velocemente obsoleto. Perché si attivino progettazioni che forniscano all'industria tecnologie sostenibili e suggerimenti atti a diminuire il danno prodotto da un'incontrollabile produzione indiscriminata ed importata dall'est si devono studiare strategie alternative. L'altro aspetto preoccupante di tale quantità è la sua omologazione. Tutto assomiglia a tutto e a totale scapito delle tradizioni, storia e culture locali. Il senso di un CORSO DI DESIGN quindi tende a nuove interfacce verso consapevoli e strategiche fisionomie di possibili realtà locali: realtà sostenibili e progettualmente produttive perché coinvolte nel miglioramento, implemento, monitoraggio, suggerimento ed invenzione di nuovi volti e servizi. Nuove competenze e conoscenze. Nuovi scenari comunicativi, nuove nicchie di dialogo. Nuovi brand per nuovi target dove la faccia, l altra, l esterna non è più l azienda o la fabbrica, ma utenti differenziati e dove le risorse non sono neanche e solo le materie prime o seconde industriali recuperate, ma le fonti della memoria e del patrimonio del luogo e le sue risorse naturali. Siamo, in questo CORSO consapevoli e partecipi di un cambiamento. Cambia inoltre la faccia dell esterno produttivo on-line, sia come realtà produttiva, sia come mercato e fascia d utenza. Prepariamoci ad un cambiamento d immagine. IL CORSO DI DISEGNO INDUSTRIALE LAVORA ALLA PREPARAZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE DEL DESIGNER in grado d indicare, studiare e applicare linee progettuali, strategie di marketing aziendali, comunicazione e valorizzazione dei progetti e dei prodotti, inserendosi ed interfacciandosi con le specificità locali proprie dell artigianato e del turismo legato al mondo della cultura del prodotto per pervenire e consentire agli allievi, o futuri designers, ai nuovi imprenditori-designer, uno studio progettuale di manufatti attraverso una rinnovata relazione con i luoghi, le tecniche, il contesto culturale e turistico, e con l acquisita consapevolezza di strumenti culturali e di metodologie progettuali, individuate attraverso una linea d attenta Tecnologia Sostenibile (consideriamo con attenzione la sperimentazione con materiali naturali che possono anche essere trasformati e ritrattati, recuperati e riciclati parzialmente e o complessivamente in fasi successive: vedi lo studio condotto in un percorso didattico dei corsi di design degli anni passati e che verrà presentato) oltre, naturalmente, a nozioni riguardanti la nostra importante storia del design italiano. SCENARIO DEL CORSO DI DESIGN LA CALABRIA E UN CASO RAPPRESENTATIVO e felice per l applicazione del modello di Design Strategico: scarse preesistenze industriali, meraviglioso patrimonio artistico e ambientale, un area portuale tutta da progettare in vista delle nuove reti infrastrutturali navali e delle conseguenti variabili temporali tra la realizzazione di prodotti ed il reperimento di materie prime. PROGRAMMA FINALITA DIDATTICHE Il progetto quindi dell artefatto industriale è un presupposto che va rivisitato e sostituito con modelli applicabili a scenari che non si orientino verso tipologie di consumatori costretti ad un consumismo iper-attivo in cui la fase dell acquisto del prodotto e quella del 2

3 suo smaltimento, velocemente obsoleto, quasi coincidano, come già avviene per i prodotti pensati e realizzati come scarti: ad esempio gli usa e getta o il packaging. Obiettivo del Corso è sviluppare metodologie e acquisire strumenti e tecniche per la progettazione interdisciplinare del design, che coniughi le caratteristiche specifiche del prodotto industriale con l individuazione dei nuovi scenari delineati. L insegnamento si auspica di fornire agli allievi la capacità di lettura delle questioni progettuali che convergeranno, nel secondo semestre del Corso, in un esercitazione finale di carattere progettuale che riunisce descrizione e definizione dei vari temi e spunti assegnati. L insegnamento, quindi, è articolato in una parte teorica che fornirà le conoscenze di base indispensabili per comprendere i processi progettuali e in una o più sperimentazioni attraverso una parte pratica; saranno assegnate diversi test ed esercitazioni, che seguiranno, per quanto possibile, l'evolversi del programma dell'intero corso di Design, nei due semestri ed in successione, al fine di realizzare la massima integrazione possibile tra le conoscenze acquisite. Al ruolo tradizionalmente svolto dal designer si aggiunge quello di responsabile e coordinatore del processo di sviluppo di nuove linee di prodotti industriali con conoscenze delle tecnologie, dei processi produttivi, delle ragioni e dei successivi svolgimenti dinamici del mercato; questa figura potrà in futuro essere in grado di farsi promotore d innovazione all'interno delle imprese e degli interlocutori individuati. Saranno proposte diverse esperienze d approfondimento progettuale che toccheranno le tematiche relative all individuazione degli scenari socio-culturali emergenti letti attraverso le chiavi di lettura estetiche, comportamentali e relative alla gestione del processo di sviluppo dei nuovi prodotti: dall'ideazione del concept fino alla progettazione esecutiva del prodotto/servizio e/o evento (comunicazione, gadget) toccando anche gli aspetti concernenti la relazione tra l immagine aziendale e la definizione dell'identità comunicativa di essa e del prodotto, attraverso individuazioni di memorie strategiche. Tali costruzioni o enfatizzazioni di memorie strategiche saranno trattate evidenziandone le diverse implicazioni simboliche ed emozionali, progettandone le caratteristiche sensoriali del prodotto o le diverse tipologie d'uso e, coerentemente con i processi produttivi adottati, tecnologiche, morfologiche ed ergonomiche. Il corso si divide in una parte teorica che ha l'obiettivo di descrivere e fornire fonti d approfondimento al progetto ed introdurre informazioni e conoscenze specialistiche e nel settore e, a seguire, una Laboratoriale e o seminariale con esercitazioni. STRUTTURA E SVILUPPO DEL LAVORO DEL CORSO DI D.I. Il Lavoro di Laboratorio in aula, simula una realtà di consumo con tutti i vincoli da riprodurre per allenare lo studente a progettare immergendosi nello studio e nella razionalizzazione di una specifica realtà locale. Negli anni passati sono state presentate imprese, aziende o interlocutori che, in una giornata work-shop hanno presentato al corso la loro attività e strategie e proponendo brief di progetto da far sviluppare agli studenti nel corso del Laboratorio. E auspicabile che tale possibilità si ripresenti. Le Sperimentazioni del Corso su questi diversi temi progettuali descritti si svilupperà secondo indicazioni specifiche riportati in Format progressivi e successivamente consegnati dalla docenza e che prevedono: 1. Esercitazioni e realizzazioni di prototipi, con schema assegnato. 2. Studi e varianti. 3. Sperimentazioni successive con tema specifico assegnato. 3

4 4. Elaborazioni e variazioni anche dimensionali. 5. Foto dei componenti realizzati e delle fasi di assemblaggio. 6. Dettagli scontornati, rendering, ambientazioni e o simulazioni. 7. Book e CD del totale. 8. Simulazioni con: FASE 1 - Analisi del Brand e delle sue strategie, interpretazione del tema, studio delle tendenze Obiettivo: presentazione di Vision con mappatura dell'identità di marca e dei suoi punti di forza. Sul brand i gruppi di studenti devono raccogliere la maggior parte d informazioni possibili intervistando i responsabili aziendali addetti al tutoraggio nella fase di ricerca, indagando in rete, leggendo la stampa di settore, ecc., alla ricerca dei valori di marca e delle caratteristiche che condizionano il rapporto tra brand e consumatore (posizionamento e carattere della marca). Gli studenti studiano il brand, le sue caratteristiche, approfondiscono il suo target di riferimento, completandolo e vivificandone le peculiarità e individualità, i bisogni e i desideri, i linguaggi e la cultura di consumo; inoltre interpretano il tema, scelto tra quelli proposti con l eventuale azienda prescelta, secondo la loro sensibilità, in coerenza con il bisogno e l insieme dei vincoli individuati. Questa proiezione indefinita ma tangibile, virtuale ma valutabile, è chiamata Vision. La Vision costituisce il contenitore d infiniti possibili concept di prodotto, senza citarne alcuno, lasciando visibilità solo alle condizioni che possono far germinare un bene nuovo a partire da proposte ben delineate. Sintesi di tutto questo studio (Vision) sarà composto da un book-custodia di CD comprensivo d immagini, schemi, poche parti scritte, accompagnato da una presentazione verbale e da un eventuale presentazione video non superiore ai 4 minuti. FASE 2 - Sviluppo del concept di progetto Obiettivo: presentazione del Concept Partendo dalla Vision elaborata, si dovrà effettuare una ricerca completa, fondamentale per sviluppare il concept con: 1. Ricerca focalizzata e specifica sul prodotto di riferimento (esempio specifico) e relativo mercato (concorrenza diretta) 2. Ricerca parallela sul prodotto, inteso in senso più vasto (esempi in generale): storia, mercato e significati culturali 3. Ricerca sul mondo relativo al target di riferimento: abitudini, cultura, indagini statistiche, memoria e storia dell azienda studiata. 4. Tale ricerca ha lo scopo preciso di condurre allo sviluppo di un concept di prodotto/servizio, che è un progetto di massima che andrà illustrato graficamente corredandolo di una documentazione che faccia capire in modo verosimile: colori, materiali, forme, consistenza, ecc. Per visualizzarlo lo studente dovrà predisporre una presentazione virtuale, ossia elaborazione successiva del video della Fase 1 e consegnata su CD. Fase 3 - Definizione del progetto e realizzazione di prototipi Obiettivo: dossier di progetto in formato ppt, tavola riassuntiva e prototipi. La fase 3 rappresenta la conclusione dell esperienza progettuale che comunica attraverso immagini evocative, schizzi di progetto, render, scelte materiche e cromatiche. 4

5 Il tutto dovrà andare a comporre il book, contenente il CD, e a stampa rilegata in formato A4 rifilato. Tutti i materiali realizzati saranno presentati nelle formule pack (astucci, custodie, album, etc.) elaborati a tal fine durante il Corso. Il processo d avanzamento richiede il continuo confronto tra studente e docente. Il metodo di formazione di un progettista consiste nell illustrare e motivare le scelte fatte insieme alla critica attiva e propositiva del docente, volta a consolidare le certezze dello studente e a suggerirgli un punto di vista alternativo. Pertanto gli studenti si devono abituare a proporre i loro semi-lavorati e progetti al confronto collettivo e a difendere, motivandola, la propria scelta. Ogni parere deve essere tenuto in considerazione e filtrato dalla sensibilità e logica dello studente. GRUPPI DI LAVORO Al progetto individuale e all esame individuale si accederà attraverso sperimentazioni preliminari con studenti divisi in gruppi di max. 10 persone. L allievo sarà così invitato alla sinergia progettuale, comune ai futuri operatori nel campo economico-gestionale, in modo da poter elaborare fasi di ricerca di mercato e conseguente progettazione mirata a beni in grado di soddisfare specifici bisogni. Il lavoro di team allena le menti progettuali a condividere e motivare scelte, assumere e gestire leadership, fare empowerment del potenziale di relazione che caratterizza ogni ambiente di lavoro. I gruppi saranno invitati dalla docenza a lavorare su un marchio specifico legato ad una specifica tipologia strategica guidando il lavoro attraverso una prima fare d analisi del brand, del suo posizionamento e proprie strategie sostenibili. In seguito, partendo dai risultati della ricerca, il gruppo dovrà progettare un bene servizio/prodotto in coerenza con gli elementi studiati in precedenza e con le effettive strategie della marca presa in esame. AZIENDE ED ESPOSIZIONI Il corso di DISEGNO INDUSTRIALE ha previsto, in passato, alcune collaborazioni con aziende ed interlocutori del settore del design che consideriamo potenzialmente ripetibili. Inoltre a settembre del 2008, in occasione della XXIII Edizione di ABITARE IL TEMPO - Giornate Internazionali dell Arredo - Verona, il Corso di Design da me condotto è stato invitato ad esporre i progetti alla MOSTRA NEW WAVE. PROGETTI DELLE SCUOLE DI DESIGN. L obiettivo è di mettere a fuoco il panorama dei risultati delle scuole di design in Italia, a pochi anni dalla costituzione di facoltà o corsi universitari di design. Quest anno, quindi, orienteremo il lavoro del Corso in tale, lusinghiero ed impegnativo senso. CRITERI DI VALUTAZIONE E MODALITÀ D'ESAME Durante l anno sono previste verifiche degli stati d avanzamento dell'attività progettuale anche attraverso test e schede consegnati durante le Lezioni. L'attività del Corso si conclude con la presentazione e discussione degli elaborati e con la valutazione finale e l'attribuzione agli studenti del voto. Il lavoro è valutato come attività complessiva delle esperienze progettuali. Saranno poi valutate i diversi elaborati a tema assegnati durante il Corso. Si darà molta importanza in occasione dell esame finale alla quantità di lavoro svolto e alla sua qualità, in relazione all evoluzione e all estetica complessiva che l allievo è in grado di esprimere, ossia, alla maturazione di un proprio modo espressivo tramite le tecniche specifiche indicate durante l anno. 5

6 Il regolamento didattico prevede prove per monitorare l'apprendimento teorico e l'avanzamento dei progetti di ognuno. S invitano gli studenti a frequentare le Lezioni la cui presenza è pertanto OBBLIGATORIA e convalidata ad ogni Lezione. Il giudizio finale sarà quindi composto sulla base dei seguenti parametri di valutazione: 1. Valutazione delle sperimentazioni prototipali frutto delle consegne durante l anno. 2. Valutazione della presentazione complessiva dei pack contenenti i lavori. 3. Valutazione del lavoro specifico di vision. 4. Valutazione del lavoro di concept. 5. Valutazione dell allestimento finale, book, CD, pack, materiali, etc. 6. Valutazione delle presenze di ogni studente. Ad integrazione dei parametri descritti sarà inoltre valutato l'interesse dimostrato verso i temi trattati, la maturità di espressione durante l'esposizione delle proprie idee di progetto, le capacità di relazione e confronto con la docenza. NOTE AGGIUNTIVE Ogni presentazione, realizzata per le consegne intermedie (1 e 2 fase), deve avere una durata massima di 10 minuti per ogni gruppo; s invitano gli studenti ad utilizzare gli appositi software per realizzare il filmato (Avi, Power Point, Photoshop) Il dossier rilegato con CD da presentare per la consegna finale (3 fase), con gabbia grafica assegnata in precedenza dalla Docenza in specifici files-format, comprenderà un'intestazione con: Logo ATENEO; Corso e tipologie d esperienza gruppo (nei casi) nominativi degli studenti con segnalazione delle diverse competenze pertinenti data titolo del progetto e specificità della tav. BIBLIOGRAFIA (da integrare successivamente) Lo studio e la lettura attenta di testi e saggi editoriali costituisce l unico metodo noto di trasferimento della conoscenza teorica di base e ideale sistema di studio e perfezionamento interdisciplinare BIBLIOGRAFIA OBBLIGATORIA BRANZI A., Il Design italiano , ediz. Electa, Milano, 1996 MARI E., Progetto e passione, ediz. Bollati Boringhieri, Torino, 2001 MUNARI B., Arte come metiere, 1 ediz. 1966, 4 ediz. Laterza Economica, Bari, 2003 MUNARI B., Da cosa nasce cosa, 1 ediz. 1981, 5 ediz. Laterza Economica, Bari, 2002 POLIDORI C., Il design qualunque/ si, ediz. Union Printing, Roma, 2003 (disponibile in biblioteca di facoltà e di dipartimento) POLIDORI C., Il design metaforico, ediz. Aton, Roma, 2007 (disponibile in biblioteca di facoltà e di dipartimento) RADICE B., Ettore Sottsass, ediz. Electa, Milano, 1993 (disponibile in biblioteca di facoltà) SOTTSASS E., Scritti , ediz. Neri Pozza, Vicenza, 2002 WENDERS W., L atto di vedere, ediz. Ubulibri, Milano, 1992 WENDERS W., Una volta, ediz. Socrates, Roma, 1993 BIBLIOGRAFIA CONSIGLIATA AA.VV., Starck, ediz. TASCHEN, Koln,

7 ACKERMAN J. S., Architettura e disegno. La rappresentazione da Vitruvio a Gehry, ediz. Electa, Milano, 2003 ARGAN G. C., BONITO OLIVA A., L arte Moderna, 1770/1970, L arte oltre il Duemila, ediz. Sansoni, Firenze, 2003 BUCCHETTI V., La messa in scena del prodotto/ Packaging: identità e consumo, ediz. FrancoAngeli, Milano, 1999 CARBONI M. (a cura di), Sottsass Associati/ frammenti, ediz. Rizzoli, Milano, 1999 CELASCHI F., Il design della forma merce/valori, bisogni e merceologia contemporanea, ediz. Poli.design, Milano politecnico, 2000 DOCCI M., Teoria e pratica del disegno, Editori Laterza, Bari, 1987 FIELL C. & P., Design in Scandinavia, ediz. TASCHEN, Koln, 2002 FORINO I., Eames: design totale, ediz. Testo&Immagine, Torino, 2002 MIGLIARI R., Geometria dei modelli. Rappresentazione grafica ed informatica per l architettura e per il design, ediz. Kappa, Roma, LANGELLA C., Nuovi paesaggi materici/ design e tecnologia dei materiali, ediz. Alinea, Firenze, MUNARI B., Artista e designer, 1 ediz. 1971, 2 ediz. Laterza Economica, Bari, 2003 POLIDORI C., Il design delle maree/ design al 38 parallelo, ediz. Poli.design, Milano politecnico, 2003 (disponibile in biblioteca di facoltà) POLIDORI C., DesigniK/il primo fumetto di eco-design e architettura biodegradabile, ediz. Biblioteca del Cenide, Reggio C., 2003 (disponibile in biblioteca di facoltà e di dipartimento) POLIDORI C., TATAMI DESIGN sviluppo di scenari progetti e prototipi ambientalmente sostenibili per il nomade contemporaneo in SEASONS in design, incontro internazionale aprile 2006, catalogo, ediz. Roma 2006, pp RADICE B, Memphis: ricerche, esperienze, risultati, fallimenti e successi del nuovo design, ediz. Electa, Milano, 1984 TESTA G., DE SANTIS A., Rappresentazione e architettura. Linguaggi per il rilievo ed il progetto, Gangemi Editore, Roma, RESTANY P., Arte e produzione. Storia del plusvalore estetico, ediz. Domus Academy, Milano, SGROSSO A., La rappresentazione geometrica dell architettura. Applicazioni di geometria descrittiva, ediz. Utet, Torino, 1996 VALLICELLI A. (a cura di), Turismo Ambiente Design/ L ecoturismo come risorsa territoriale per l impresa: il ruolo del design, ediz. Poli.design, Milano politecnico, 2001 VIALE G. Un mondo usa e getta/ La civiltà dei rifiuti e i rifiuti della civiltà, ediz. Feltrinelli, Milano, 1994 SITI (da articolare successivamente alle Comunicazioni in aula)

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

In Edumeter le domande proposte nei questionari possono avere quattro risposte: 2 con valore negativo e 2 con valore positivo.

In Edumeter le domande proposte nei questionari possono avere quattro risposte: 2 con valore negativo e 2 con valore positivo. In Edumeter le domande proposte nei questionari possono avere quattro risposte: 2 con valore negativo e 2 con valore positivo. Le risposte negative vengono memorizzate con i valori 1 e 2. Le risposte positive

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano IO E PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Il diploma accademico di primo livello è equipollente alla laurea triennale. La scuola, a livello universitario, intende

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE.

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE. Dipartimento di studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria Modulo di Elementi di Psicometria applicata alla didattica IV infanzia A.A. 2013/2014 LA COMUNICAZIONE NON VERBALE

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 -

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Dal 1 maggio al 31 ottobre 2015 Milano ospiterà l Esposizione Universale dal tema Nutrire il Pianeta, Energia per

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1 Tipo di documento: Progetto - Commissione Didattica 27 giugno 2011 Pag. 1 di 9 Premessa Il progetto nasce con l obiettivo di: a) informatizzare il processo di presentazione della domanda di laurea in analogia

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: una sfida avvincente Gestire una propria rete di punti vendita monomarca diretti o in franchising, per molte aziende sta diventando

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Lo spettacolo di una vecchia fatiscente imbarcazione da diporto, sia in decomposizione nel suo ormeggio che mezza affondata con gli alberi che spuntano dall acqua

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 4. Gli indicatori G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 Cosa sono gli indicatori Gli indicatori sono strumenti in grado

Dettagli