Sent. 2577/11 RG /07 Rep. 3655/11

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sent. 2577/11 RG 112801/07 Rep. 3655/11"

Transcript

1 Sent. 2577/11 RG /07 Rep. 3655/11 UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI ROMA SEZIONE I REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice di Pace Dott. Alberto Rossi ha pronunciato la seguente sentenza nella causa civile di primo grado n /2007 R.G.Aff.Cont., posta in decisione nell'udienza del 19 marzo 2009, vertente TRA P. G. e D. A., elett. dorn/ti in Roma, Via del Fontanile Arenato n. 288, presso lo Studio legale dell'avv. Cristina Adducci, che li rappresenta e difende giusta procura in atti, attore E S. s.p.a in persona del legale rappresentante pro tempore, elett, dom/ta in Roma, Via Muzio Clementi n. 48, presso Io Studio legale dell'avv. Michele Roma, che la rappresenta e difende giusta procura in atti, convenuta E. s.p.a., in persona del legale rappresentante pro tempore, elett. dom/ta in Roma, Viale Liegi n. 28, presso lo Studio legale dell'avv. Gianluigi Ascenzi, che la rappresenta e difende, unitamente agli Avv.ti Laura Pierallini e Laura Cerisara, in virtù di procura in atti, chiamata in causa OGGETTO: risarcimento danni. CONCLUSIONI DELLE PARTI: come da verbale d'udienza. SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con atto di citazione ritualmente notificato i signori in epigrafe convenivano in giudizio la s.p.a. S., esponendo quanto segue: che il sig. P., in data 12 aprile 2007, stipulava presso l'agenzia di viaggi C. s.r.l., consulente sig.ra C., in Roma, zona Eur, un contratto avente ad oggetto pacchetto viaggi destinazione Maldive, atollo di South Nilandoho, S., della durata di 9 giorni e 7 notti, partenza da Roma Fiumicino, con sistemazione "all inclusive" presso il D. dal 23 aprile al 1 maggio 2007, organizzato dal tour operator S.; già il giorno della partenza (23 aprile h.

2 20:00) si appalesavano problemi all'aeroporto di Fiumicino, ove l'assistente della convenuta comunicava dapprima un ritardo aereo di 5 ore e, quindi, il posticipo alle ore 14:00 del 24 aprile; nessuna spiegazione veniva fornita; il giorno successivo veniva comunicato ennesimo ritardo di due ore e l'aereo decollava solo alle h. 18:00; in tale situazione gli odierni attori decidevano di rinunciare al viaggio; nel maggio 2007 l'agenzia di viaggi rimborsava l'intero costo del pacchetto; per il tramite della Codacons, in data 22 giugno 2007 venivano richieste spiegazioni al tour operator, che forniva vaghe risposte: "imprevedibili anomali tecniche verificatesi durante i consueti controlli di sicurezza", giustificando il tutto come caso fortuito o forza maggiore ed offrendo un buono viaggio gratuito per una destinazione medio raggio coperta dalla E. da utilizzarsi entro il , che gli attori rifiutavano; argomentava in punto di diritto, richiamando la normativa speciale del Codice del Consumo (articoli 82 ss., con particolare riferimento all'articolo 92, comma 2), deducendo che, a causa del disguido, gli attori avevano dovuto rinunciare alle vacanze annuali e, quindi, non avevano potuto usufruire delle ferie lavorative, circostanze fonte di stress e delusione; la liquidazione del danno va eseguita in via equitativa; lamentava, altresì, il mancato apprestamento di ogni rimedio utile per il consumatore ex articolo 96, collima 2, Cod. Cons.; chiedevano la condanna della convenuta al pagamento della somma di 2.500,00, con vittoria di spese, da distrarsi in favore del procuratore costituito, dichiaratasi antistataria. Si costituiva la s.p.a. S., chiedendo preliminarmente di chiamare in causa la E. s.p.a., cui era imputabile il ritardo del volo aereo; in punto di fatto, senza disconoscere la verità delle circostanze di fatto dedotte dagli attori, precisava che si era trovata nell'impossibilità di prestare assistenza e di intervenire per ovviare al disguido, in quanto i ritardi aerei sono gestiti esclusivamente dalla Compagnia aerea, deducendo che si era comunque adoperata al fine di verificare le cause dei disguidi, chiedendo, successivamente ai fatti, informazioni al riguardo alla compagnia aerea con lettere del e ; in punto di diritto rifiutava ogni responsabilità, richiamando l'articolo 96 d.lgs. 206/2005 e deducendo l'esatto adempimento dei propri obblighi, richiamando altresì una legge del 1977 (n. 1084), attuativa di una Convenzione internazionale; quanto al danno non patrimoniale da vacanza rovinata, richiamando la decisione del Corte di Giustizia CEE del , deduceva che la risarcibilità era ancorata a due presupposti, insussistenti nel caso di specie: imputazione dell'evento (nesso di causalità) e prova, a carico degli attori, del,a gravità del pregiudizio; chiedeva il rigetto della domanda nei suoi confronti, ed, in subordine, la condanna in garanzia (manleva) della E. s.p.a.; con vittoria di spese. II giudice autorizzava la chiamata in causa. Si costituiva la E. s.p.a. eccependo l'inosservanza dell'articolo 98, comma 2, Cod. Cons., che impone di sporgere reclamo, mediante raccomandata a.r., entro e non oltre dieci giorni lavorativi dalla data di rientro nel luogo di partenza, laddove la prima missiva alla S. risulta spedita il 22 giugno 2007, con relativa decadenza dall'azione; nel merito deduceva che il rapporto fra tour operator e cliente è distinto da quello fra il tour operator e la compagnia aerea, deducendo che tale secondo

3 rapporto non era mai stato instaurato e che il ritardo era stato, comunque, determinato, da un guasto tecnico dell'aereo verificatosi poco prima del decollo, per malfunzionamento della spia luminosa relativa al carrello, che richiedeva un intervento sia all'impianto idraulico del carrello, sia al quadro di comando della cabina di pilotaggio, ove, veniva individuato il problema, con sostituzione della spia elettronica che determinava i lamentati ritardi, anche in concomitanza con la necessità dì far coincidere l'arrivo dell'aereo presso l'aeroporto di Malè (Maldive) nella prima mattinata, per consentire agli idrovolanti di collegamento con le isole di prendere il volo, al fine di evitare ulteriori attese a Malè; il guasto tecnico ha impossibilitato la compagnia aerea di fornire ai passeggeri sin da subito una stima precisa dei ritardi; è stata, comunque prestata ogni dovuta assistenza e sia gli operatori che i passeggeri sono stati informati "in merito all'accaduto"; ai passeggeri sono stati, altresì offerti, a cura e spese della E., cena e pernottamento presso l'hotel H., nonché la colazione la mattina successiva ed il trasferimento in aeroporto; nella stessa data del "24 aprile 2007 ebbe a consegnare ai passeggeri del volo GJ2120 una lettera di scuse nella quale, ancora una volta, veniva descritto e spiegato quanto era accaduto"; declinava ogni responsabilità per il ritardo, dovuto a circostanza eccezionale ed imprevedibile, richiamando ad esimente "circostanze eccezionali che non si sarebbero comunque potute evitare anche se fossero state adottate tutte le misure del caso" previste dall'articolo 14 del Reg.CEE n. 261/04; quanto al danno non patrimoniale, deduceva che il danno medesimo deve essere provato, deducendo che la mancata partenza è stata una libera scelta degli attori, chiedeva il rigetto della domanda principale e di garanzia, con vittoria di spese. Nel corso dell'istruzione della causa venivano escussi i testimoni A. H. e S. P.. Nell'udienza del 19 marzo 2009 le parti precisavano le conclusioni e discutevano la causa; il giudice tratteneva la causa a decisione. MOTIVI DELLA DECISIONE. Pregiudizialmente, l'eccezione di inosservanza dell'articolo 98, comma 2, Cod. Cons. è manifestamente inammissibile essendo stato articolata da soggetto estraneo al rapporto contrattuale intercorrente tra organizzatore (e/o venditore vedasi definizioni di cui all'articolo 83 Cod. Cons.) e acquirente del pacchetto turistico (surrogazione non consentita da nessuna norma di legge). Peraltro tale reclamo è previsto in via alternativa al reclamo direttamente sporto all'accompagnatore" nell'immediatezza del fatto (comma 1), circostanza la cui verificazione non è controversa ed emerge dalla deposizione di entrambi i testimoni escussi (era preciso dovere dell'accompagnatrice S. P., a conoscenza diretta di ogni circostanza di fatto, di informare tempestivamente il tour operator dell'accaduto, con correlato obbligo della convenuta di attivarsi immediatamente, senza dover attendere un formale esposto per iscritto del consumatore danneggiato). Da ultimo la tempestività del reclamo non rileva certo ai fini della risarcibilità del danno (effetto giuridico non previsto da nessuna nonna di legge), ma solo, eventualmente, sugli accessori di legge e le spese di giudizio (principio di correttezza t..diligenza del buon padre di famiglia). Preliminarmente la chiamata in causa è ammissibile.

4 Da un lato, è del tutto pacifico che erano stati prenotati un determinato numero di posti per il volo aereo in contestazione e che tali posti non erano stati prenotati direttamente dai clienti, bensì dalla convenuta, in qualità di mandataria dei clienti medesimi (con relativa presunzione articolo 2729, comma 1, cod. civ. - di sussistenza di un più ampio rapporto giuridico fra tour operator e compagnia aerea, rapporto peraltro espressamente riconosciuto dalla E. s.p.a.). D'altra parte, essendo la condotta imputata al tour operator dagli attori principalmente fondata su inadempienze della compagnia aerea, la convenuta ha senz'altro, in astratto, diritto di rivalsa nei confronti della E. s.p.a., e non solo sulla base del rapporto giuridico diretto intercorrente con essa (inadempimento), ma anche: a) per violazione del precetto generale del neminem ledere (la condotta della E. ha determinato un danno diretto nella sfera giuridica dell'organizzatore); b) ai sensi degli articoli 1292 ss. c.c. (se il contratto di trasporto aereo intercorreva direttamente tra cliente e compagnia aerea, gli attori potevano, indifferentemente, chiedere l'integrale risarcimento del danno da inadempimento contrattuale sia nei confronti del tour operator che della E. spa); e) ai sensi dell'articolo 1203, n. 3, cod. civ. (surrogazione legale). Nel merito la domanda è fondata. I fatti descritti in citazione non sono controversi (inadempimento della prestazione), deducendo la convenuta e la chiamata in causa fatti distinti a discarico, sia con riguardo al nesso di causalità che alla colpa. Ne deriva l'inversione dell'onere della prova (articolo 2697, comma 2, cod, civ.), essendo pacifico l'inadempimento sia del tour operator che della compagnia aerea (la colpa ex articolo 1218 cod. civ. si presume sino a prova contraria). Il tour operator si limita a scaricare ogni responsabilità sulla compagnia aerea senza nulla dedurre in maniera specifica e senza fornire la relativa rigorosa prova in ordine alla: a) oculatezza della scelta operata (culpa in eligendo); b) osservanza degli obblighi di vigilanza sull'operato della compagnia aerea (che la condotta della compagnia medesima fosse al di fuori del suo controllo è una circostanza manifestamente insostenibile sotto il profilo giuridico, intercorrendo, per stessa deduzione della parti in causa, un rapporto giuridico diretto fra tour operator e compagnia aerea, con relativa sussistenza di reciproci diritti ed obblighi, con particolare riferimento ai principi di correttezza e di diligenza); c) prestazione di ogni dovuta assistenza ai propri clienti, con particolare riferimento agli obblighi di informazione su quanto stava accadendo (principio di correttezza; peraltro, nell'ambito del Codice del Consumo l'"adeguata informazione" costituisce un diritto fondamentale del consumatore articolo 2, comma 2, lett. c -). La deposizione della testimone P., che assisteva per conto della S. i viaggiatori in attesa dell'imbarco, è in tal senso imprecisa sulle informazioni rese, nell'episodio concreto, ai clienti (ma ricorda che della vicenda si interessò una troupe televisiva di Canale 5, programma "Striscia la Notizia", che si recò direttamente in aeroporto); d'altra parte, la stessa società convenuta, nella comparsa, esclude che siano state fornite ai clienti altre informazioni oltre alla comunicazione dei vari slittamenti di orario della partenza dell'aereo.

5 Da ultimo, la circostanza che gli attori non siano stati gli unici clienti a rinunciare al viaggio (deposizione di entrambi i testimoni) conferma lo stato di smarrimento ed isolamento in cui essi erano stati lasciati e la legittimità della loro rinuncia al viaggio nell'incertezza della partenza. Ne deriva che la convenuta non ha fornito prova idonea ad escludere l'imputabilità a sua colpa (sotto i profili sopra evidenziati) dell'inadempimento acclarato (articolo 1218 c.c.). Il danno non patrimoniale per vacanza rovinata è in re ipsa (mancata fruizione del viaggio, programmato dagli attori per il ponte del 25 aprile-1 maggio) e non è certo surrogabile con la messa a disposizione di un viaggio aereo gratuito in altro periodo (in ogni caso, infatti, resta il mancato godimento della vacanza programmata esattamente in quel periodo e non più riparabile, tenuto conto che il ristretto termine a disposizione rinuncia al viaggio nel pomeriggio del 24 aprile non consentiva di programmare altra vacanza per lo stesso periodo presunzione de facto ex articolo 2729, comma 1, cod. civ.). Il combinato disposto degli articoli 2059 cod. civ. e 92, comma 2, 94 e 95 del Cod. Cons. prevede espressamente la risarcibilità del danno non patrimoniale, identificabile, nel caso di specie, nella categoria giuridica, oramai consolidata in dottrina e giurisprudenza, del danno non patrimoniale da vacanza rovinata per lesione del diritto inviolabile dei danneggiati al riposo ed al pieno godimento del periodo di ferie. Tale danno viene equitativamente liquidato nella somma di 1.250,00 per ciascuno dei due attori, secondo valori monetari attualizzati alla domanda giudiziaria, oltre interessi legali successivi. Quanto alla compagnia aerea, ribadito che risulta pacificamente intercorrere un rapporto giuridico diretto con il tour operator (circostanza espressamente dedotta nella comparsa della E. s.p.a., pagine 6 e 7) e che, in ogni caso, è configurabile una responsabilità extracontrattuale per fatto ingiusto nei confronti dell'organizzatore il quale, in conseguenza dell'inadempimento della compagnia aerea (ritardo di oltre 24 ore sulla partenza prestabilita nei biglietti aerei venduti), ha subito un pregiudizio immediato e diretto nella propria sfera giuridica (responsabilità nei confronti dei propri clienti), resta a carico del debitore inadempiente E. s.p.a. l'onere di fornire la prova liberatoria (sotto il profilo della sussistenza di circostanze di fatto impeditive che consentano di escludere il nesso causale, ovvero colpe a suo carico, onere alternativamente o cumulativamente desumibile dagli articoli 1218 e 2697, comma 2, cod. civ.). Ebbene, la E. s.p.a. non solo non ha fornito prova rigorosa dei fatti dedotti, ma, da un lato, i fatti medesimi appaiono irto acuii non giustificare un simile ritardo (mero problema di un segnale della centralina di comando), dall'altro, la verifica della funzionalità della centralina di comando andava eseguita in sede di manutenzione ordinaria dell'aereo e non certo all'ultimo momento (in tal senso l'e. s.p.a. non ha dato prova di avere eseguito costantemente la manutenzione ordinaria dell'aereo, a nulla rilevando le unilaterali dichiarazioni provenienti dal tour operator o dalla compagnia aerea medesima); da ultimo, la E. non ha ottemperato agli obblighi di informazione nascenti dal principio generale di correttezza (articoli 1175 e 1375

6 cod. civ,), tenendo all'oscuro i viaggiatori ed il tour operator sulle cause del ritardo (onere della prova a carico della chiamata in causa, inadempiente ex articolo 1218 c.c.), non emergendo dalle deposizioni testimoniati nulla di preciso al riguardo, lasciando in tal modo i viaggiatori in una situazione di incertezza tale che giustificava la loro rinuncia al viaggio. Sotto tale ultimo profilo di illiceità della condotta della chiamata in causa, non solo non vi è prova che il foglio informativo del 24 aprile 2007, allegato nel fascicolo di parte, sia stato effettivamente divulgato fra i viaggiatori nell'immediatezza dei fatti, ma addirittura il foglio medesimo reca l'intestazione "Aeroporto Milano Malpensa", laddove í fatti risultano pacificamente verificatisi presso l'aeroporto Fiutnicino di Roma, lasciando presumere la fraudolenta precostituzione da parte della chiamata in causa di un principio di prova scritta in palese violazione delle più elementari regole di correttezza. Ne consegue che la E. s.p.a. è tenuta a manlevare integralmente la S. s.p.a. di ogni danno (condanna principale, accessori, spese di giudizio) cagionatole. Le spese seguono la soccombenza. P.Q.M. Il Giudice di Pace, definitivamente pronunciando, ogni altra domanda, eccezione, istanza, deduzione disattesa, cosi provvede: 1. Condanna la convenuta al pagamento, in favore degli attori, della somma complessiva di 2.500,00 oltre interessi legali dalla domanda al salo; 2. Condanna la convenuta al rimborso, in favore degli attori, delle spese di giudizio liquidate nella somma complessiva di 2.350,00 ( 100,00 spese esenti, 800,00 diritti, 1.200,00 onorario, 250,00 spese generali), oltre Cpa ed Iva, con distrazione in favore del procuratore costituito; 3. Condanna la chiamata in causa a manlevare e rimborsare la convenuta da ogni somma che quest'ultima sia obbligata a versare e concretamente versi in favore degli attori a titolo di sorte capitale, interessi e spese di giudizio di cui alla presente sentenza; 4. Condanna la chiamata in causa al rimborso, in favore della convenuta, delle spese di giudizio liquidate nella somma complessiva di 1.820,00 ( 20,00 spese esenti, 600,00 diritti, 1.000,00 onorario, 200,00 spese generati), oltre Cpa ed Iva; Roma giugno IL GIUDICE DI PACE ( Dott. Alberto Rossi) DEPOSITATO IN CANCELLERIA Roma, lì 20 APR, 2011 IL CANCELLIERE Arianna Tiapago

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Abstract. Il Tribunale adito, relativamente all eccezione sollevata, ritiene la propria competenza a giudicare della controversia ex art. 33, lett. u, c. cons. secondo il quale si presume la vessatorietà

Dettagli

* * * * * TRIBUNALE DI TERNI REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

* * * * * TRIBUNALE DI TERNI REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Abstract. Una coppia di coniugi ha citato in giudizio, innanzi al Tribunale di Terni, l agenzia di viaggi dalla quale avevano acquistato una crociera per il loro viaggio di nozze. Gli attori non avevano

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE TERZA CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE TERZA CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE TERZA CIVILE in persona del giudice unico dott. Stefano cardinali, ha pronunciato la seguente S E N T E N Z A nella causa civile

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA TRA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA TRA LA SENTENZA INTEGRALE: SENTENZA CIVILE RG. 111653/2007 Rif,./ civ ord. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice di Pace, della VI Sezione del Mandamento di Napoli, nella persona del Giudice

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso 2366-2008 proposto da: M. F. elettivamente domiciliato

Dettagli

Sinistro stradale con tram esula dalla competenza speciale del giudice di pace ( Giudice di Pace Pozzuoli, sentenza 08.03.2004 )

Sinistro stradale con tram esula dalla competenza speciale del giudice di pace ( Giudice di Pace Pozzuoli, sentenza 08.03.2004 ) Sinistro stradale con tram esula dalla competenza speciale del giudice di pace ( Giudice di Pace Pozzuoli, sentenza 08.03.2004 ) Risarcimento danni. Scontro tra treno ed auto. Legge 990/69 - Inapplicabilità.

Dettagli

Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace. Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera)

Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace. Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera) Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera) GIUDICE DI PACE PRONUNCIA SECONDO EQUITÀ CAUSE DI VALORE NON SUPERIORE AD EURO

Dettagli

DELIBERA N. 104/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA ADGMH ITALIA XXX / TELECOM ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA Riunione del Comitato Regionale

DELIBERA N. 104/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA ADGMH ITALIA XXX / TELECOM ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA Riunione del Comitato Regionale DELIBERA N. 104/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA ADGMH ITALIA XXX / TELECOM ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA Riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità,

Dettagli

Il danno da vacanza rovinata: vademecum per il consumatore. turista

Il danno da vacanza rovinata: vademecum per il consumatore. turista Il danno da vacanza rovinata: vademecum per il consumatore turista di Paola Vitaletti I GIORNI DI VACANZA VALGONO PIU DEGLI ALTRI recita uno spot pubblicitario. Ciò ormai è un dato acquisito anche sul

Dettagli

Tribunale di Verona Sentenza 11.1.2011 (Composizione monocratica - Giudice RIZZUTO)

Tribunale di Verona Sentenza 11.1.2011 (Composizione monocratica - Giudice RIZZUTO) Tribunale di Verona Sentenza 11.1.2011 (Composizione monocratica - Giudice RIZZUTO) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO E MOTIVI DELLA DECISIONE Preliminarmente si da atto che lo svolgimento del processo viene riferito

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... Presidente Avv. Bruno De Carolis.. Avv. Alessandro Leproux Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia

Dettagli

Tribunale di Torino Sezione Terza Civile Sentenza 8 11 dicembre 2007, n. 7797 Giudice Di Capua Ricorrente Dagati

Tribunale di Torino Sezione Terza Civile Sentenza 8 11 dicembre 2007, n. 7797 Giudice Di Capua Ricorrente Dagati Tribunale di Torino Sezione Terza Civile Sentenza 8 11 dicembre 2007, n. 7797 Giudice Di Capua Ricorrente Dagati Svolgimento del processo ed esposizione dei fatti Con atto di citazione in opposizione datato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE. In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE. In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott. Giuliano Berardi, ha pronunciato la presente SENTENZA nella

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MODENA SEZ. DISTACCATA DI PAVULLO NEL FRIGNAGNO. SENTENZA ex art. 281 sexies c.p.c.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MODENA SEZ. DISTACCATA DI PAVULLO NEL FRIGNAGNO. SENTENZA ex art. 281 sexies c.p.c. Sentenza n. 22/06 Pronunziata il 09.02.2006 Depositato il 09.02.2006 Responsabilità civile Danni da cosa in custodia Presunzione di responsabilità Prova contraria prevalente Ammissibilità Nesso eziologico

Dettagli

TRIBUNALE DI CROTONE Repubblica Italiana In Nome del Popolo Italiano. Il Giudice del Lavoro, D.ssa Wanda Romanò, ha pronunciato la seguente SENTENZA

TRIBUNALE DI CROTONE Repubblica Italiana In Nome del Popolo Italiano. Il Giudice del Lavoro, D.ssa Wanda Romanò, ha pronunciato la seguente SENTENZA TRIBUNALE DI CROTONE Repubblica Italiana In Nome del Popolo Italiano Il Giudice del Lavoro, D.ssa Wanda Romanò, ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa iscritta al n.363 R.G.A.C. per l anno 2003

Dettagli

******* REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO ILTRIBUNALE DI PERUGIA SECONDA SEZIONE CIVILE IN COMPOSIZIONE COLLEGIALE

******* REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO ILTRIBUNALE DI PERUGIA SECONDA SEZIONE CIVILE IN COMPOSIZIONE COLLEGIALE Abstract. Il Tribunale ha rilevato la nullità dell ordine di acquisto di strumenti finanziari ad alto rischio (bonds argentini) in quanto sottoscritto prima del perfezionamento del contratto di intermediazione

Dettagli

Commento di Emanuela Dona

Commento di Emanuela Dona Preparazione universitaria ed inadempimento del fornitore Sentenza Tribunale Civile di Roma, Sez. VIII, 12 dicembre 2005, pubblicata il 14 dicembre 2005 Commento di Emanuela Dona Sono a tutti noti i messaggi

Dettagli

Codice del consumo - Vizio strutturale di autovettura nuova - Eccezione di decadenza - Responsabilità del produttore e del venditore

Codice del consumo - Vizio strutturale di autovettura nuova - Eccezione di decadenza - Responsabilità del produttore e del venditore Codice del consumo - Vizio strutturale di autovettura nuova - Eccezione di decadenza - Responsabilità de Codice del consumo - Vizio strutturale di autovettura nuova - Eccezione di decadenza - Responsabilità

Dettagli

TRIBUNALE DI TREVISO ORDINANZA EX ART 702 BIS C.P.C. a scioglimento della riserva che precede, nella causa RG: 6977/09 promossa da TIZIO, residente a

TRIBUNALE DI TREVISO ORDINANZA EX ART 702 BIS C.P.C. a scioglimento della riserva che precede, nella causa RG: 6977/09 promossa da TIZIO, residente a TRIBUNALE DI TREVISO ORDINANZA EX ART 702 BIS C.P.C. a scioglimento della riserva che precede, nella causa RG: 6977/09 promossa da TIZIO, residente a Treviso, xxxxx, rappresentato e difeso dall Avv. xxxxxx,

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezione 1 civile. Sentenza 10 maggio 2012, n. 7162

Corte di Cassazione, Sezione 1 civile. Sentenza 10 maggio 2012, n. 7162 www.lex24.ilsole24ore.com Corte di Cassazione, Sezione 1 civile Sentenza 10 maggio 2012, n. 7162 Integrale - Condominio negli edifici - Amministratore - Attribuzioni - Riscossione contributi ed erogazione

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte Prima I SERVIZI TURISTICI. Capitolo I CONTRATTI DI VIAGGIO: IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO

INDICE SOMMARIO. Parte Prima I SERVIZI TURISTICI. Capitolo I CONTRATTI DI VIAGGIO: IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO Parte Prima I SERVIZI TURISTICI Capitolo I CONTRATTI DI VIAGGIO: IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO 1. Il viaggio e le sue trasformazioni: da semplice trasporto di persone ad attività turistica. Il viaggio

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Abstract. Allineandosi all attuale orientamento giurisprudenziale in materia di responsabilità del Ministero della Salute per omessa vigilanza sulla produzione e sulla distribuzione dei vaccini e del sangue

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di RIMINI sezione CIVILE

TRIBUNALE ORDINARIO di RIMINI sezione CIVILE N. R.G. 4925/2012 TRIBUNALE ORDINARIO di RIMINI sezione CIVILE Oggi 20 novembre 2014, alle ore 10.30, innanzi al Giudice dott. DARIO BERNARDI, sono comparsi: L avv. PRESTIA CRISTIAN per parte attrice il

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI 01. Premessa. Nozione di pacchetto turistico Premesso che: a) l'organizzatore ed il venditore del pacchetto turistico, cui il consumatore

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di REGGIO EMILIA SEZIONE SECONDA CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. R.G. 7347/2014. tra

TRIBUNALE ORDINARIO di REGGIO EMILIA SEZIONE SECONDA CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. R.G. 7347/2014. tra N. R.G. 7347/2014 TRIBUNALE ORDINARIO di REGGIO EMILIA SEZIONE SECONDA CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. R.G. 7347/2014 F.S. C.B. M.M. M. tra e ATTORE CONVENUTI Oggi 24 giugno 2015 innanzi al dott. Gianluigi

Dettagli

Prof. Massimo Caratelli Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario. [Estensore]

Prof. Massimo Caratelli Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Dott.ssa Claudia Rossi Membro designato dalla Banca d'italia Prof. Avv. Andrea Gemma Membro designato dalla Banca d'italia Prof.

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana. (Sezione Prima) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana. (Sezione Prima) SENTENZA N. 01807/2011 REG.PROV.COLL. N. 01970/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (Sezione Prima) ha pronunciato la

Dettagli

Al regolamento del saldo, i documenti di viaggio ed i biglietti aerei verranno spediti mediante assicurata convenzionale.

Al regolamento del saldo, i documenti di viaggio ed i biglietti aerei verranno spediti mediante assicurata convenzionale. PREMESSA. NOZIONE DI PACCHETTO TURISTICO Ai sensi dell art. 2 n. 1 decreto legislativo n. 111 del 17.3.95 di attuazione della Direttiva 90/314/CEE: i pacchetti turistici hanno ad oggetto i viaggi, le vacanze

Dettagli

Comitato Regionale per le Comunicazioni

Comitato Regionale per le Comunicazioni ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Comitato Regionale per le Comunicazioni DELIBERA n. 28/2013 TITOLO 1.10.21/400 1.10.4 LEGISLATURA IX Il giorno 19 aprile 2013 si è riunito nella sede

Dettagli

DETERMINAZIONE OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXX E COOP

DETERMINAZIONE OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXX E COOP DETERMINAZIONE Determinazione n. 05 OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXX E COOP LA RESPONSABILE DEL SERVIZIO CORECOM VISTA la l. 249/1997, "Istituzione dell Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Dettagli

********* TRIBUNALE DI PERUGIA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME del POPOLO ITALIANO

********* TRIBUNALE DI PERUGIA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME del POPOLO ITALIANO Abstract. Il medico è responsabile, in solido con la struttura sanitaria presso la quale presta la propria attività professionale, dei danni biologici e morali subiti dal paziente a causa di un intervento

Dettagli

Tribunale di Milano. Sezione V Civile. Sentenza 19 febbraio 2009, n. 2334

Tribunale di Milano. Sezione V Civile. Sentenza 19 febbraio 2009, n. 2334 Tribunale di Milano Sezione V Civile Sentenza 19 febbraio 2009, n. 2334 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE V CIVILE In persona del Giudice Istruttore, in funzione

Dettagli

Tribunale di Pavia - 09.02.2009 n. 492 - Dott. Tarantola - P.A. srl (Avv.ti Di Giorgi, Maggi, Tozzoli) - INPS (Avv. De Maestri)

Tribunale di Pavia - 09.02.2009 n. 492 - Dott. Tarantola - P.A. srl (Avv.ti Di Giorgi, Maggi, Tozzoli) - INPS (Avv. De Maestri) Danno (Risarcimento del) - Assenza per malattia del lavoratore - Richieste reiterate del datore di lavoro all'inps di visita medico-legale di controllo - Omesso riscontro di talune richieste - Danno per

Dettagli

Tribunale di Mantova, Sez. II Giudice Designato Dott. Mauro Bernardi Provvedimento del giorno 10 dicembre 2004

Tribunale di Mantova, Sez. II Giudice Designato Dott. Mauro Bernardi Provvedimento del giorno 10 dicembre 2004 22. Negoziazione fuori sede di obbligazioni argentine - Mancata menzione della facoltà di recesso - Nullità del contratto - Sussistenza. Art. 30 d. lgs. 24-2-1998 n. 58 Tribunale di Mantova, Sez. II Giudice

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA Il Giudice, dott. Gianluigi MORLINI, in funzione di Giudice monocratico, ha pronunciato la seguente ATTORE: TIZIA S E N T E N

Dettagli

Tribunale di Firenze, in composizione monocratica in funzione di giudice del lavoro

Tribunale di Firenze, in composizione monocratica in funzione di giudice del lavoro Tribunale di Firenze, in composizione monocratica in funzione di giudice del lavoro Nella persona del giudice dott. Vincenzo Nuvoli ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa iscritta al n. 2959 R.G.

Dettagli

(Giudice di Pace di Palermo, Dr.ssa Mantegna, sentenza n. 3209/12 parti : S.M. c/ Italiana Assicurazioni S.p.A.).

(Giudice di Pace di Palermo, Dr.ssa Mantegna, sentenza n. 3209/12 parti : S.M. c/ Italiana Assicurazioni S.p.A.). Principi di buona fede e correttezza Frazionamento richiesta risarcitoria (per danni fisici e danni materiali) Improponibilità domanda Irrilevanza mancata iscrizione a ruolo causa connessa Giudice di Pace

Dettagli

MEDIAZIONE ATIPICA E ALBO DEI MEDIATORI (L. 39/1989)" Trib. Reggio Emilia, 17.4.2012 commento e testo

MEDIAZIONE ATIPICA E ALBO DEI MEDIATORI (L. 39/1989) Trib. Reggio Emilia, 17.4.2012 commento e testo MEDIAZIONE ATIPICA E ALBO DEI MEDIATORI (L. 39/1989)" Trib. Reggio Emilia, 17.4.2012 commento e testo P&D.IT La previsione di cui all oggi abrogato art. 6 L. n. 39/1989 in ordine alla necessità di iscrizione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI ROMA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI ROMA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI ROMA NONA SEZIONE CIVILE in persona del Giudice unico dr. Nicoletta Orlandi ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa di primo grado

Dettagli

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A TRIBUNALE DI PALERMO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha pronunciato

Dettagli

Il Tribunale, nella persona del Giudice dott. Damiano Spera ha pronunciato la seguente

Il Tribunale, nella persona del Giudice dott. Damiano Spera ha pronunciato la seguente 11793 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MILANO DECIMA SEZIONE CIVILE Il Tribunale, nella persona del Giudice dott. Damiano Spera ha pronunciato la seguente SENTENZA - nella causa

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI 1) PREMESSA. NOZIONE DI PACCHETTO TURISTICO Ai sensi dell art. 2 n. 1 decreto legislativo n. 111 del 17.3.95 di attuazione della Direttiva

Dettagli

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Dott. FIORETTI Francesco Maria - Presidente - Dott. SALVAGO Salvatore - Consigliere - Dott. RORDORF Renato

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (CO) RONDINONE Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (CO) RONDINONE Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (CO) LUCCHINI GUASTALLA (MI) SANTONI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (CO) RONDINONE Membro designato

Dettagli

DETERMINAZIONE. Determinazione n. 3/2013 Prot. n. 7162. Tit. 1.10.21/490 del 18/02/2013

DETERMINAZIONE. Determinazione n. 3/2013 Prot. n. 7162. Tit. 1.10.21/490 del 18/02/2013 DETERMINAZIONE Determinazione n. 3/2013 Prot. n. 7162 Tit. 1.10.21/490 del 18/02/2013 OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXXXX E TELECOM ITALIA LA RESPONSABILE DEL SERVIZIO CORECOM VISTA la l.

Dettagli

IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE

IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE in composizione monocratica, nella persona del giudice Giuseppe Rini, sciogliendo la riserva assunta all udienza del 28 novembre 2013, ha pronunciato la seguente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI POTENZA SEZIONE CIVILE Il Tribunale di Potenza, in composizione monocratica, in persona

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI POTENZA SEZIONE CIVILE Il Tribunale di Potenza, in composizione monocratica, in persona REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI POTENZA SEZIONE CIVILE Il Tribunale di Potenza, in composizione monocratica, in persona del G.O.T. Dott.ssa Caterina Genzano, ha pronunciato

Dettagli

In nome del Popolo Italiano. il Tribunale di Lecce. sezione I civile SENTENZA

In nome del Popolo Italiano. il Tribunale di Lecce. sezione I civile SENTENZA In nome del Popolo Italiano il Tribunale di Lecce sezione I civile in composizione collegiale, in persona di dott. M. Petrelli dott. A. Esposito dott. C. Invitto presidente giudice giudice relatore ha

Dettagli

Tribunale civ Roma Sezione 9 Civile Sentenza del 1 giugno 2010, n. 12523

Tribunale civ Roma Sezione 9 Civile Sentenza del 1 giugno 2010, n. 12523 Integrale Tribunale civ Roma Sezione 9 Civile Sentenza del 1 giugno 2010, n. 12523 TRASPORTO AEREO - CONTRATTO DI TRASPORTO AEREO - VACANZA ROVINATA - RISARCIMENTO DANNI CHIESTO AL VETTORE - AMMISSIBILITÀ

Dettagli

Cass. civ. Sez. II, Sent., 25/02/2014, n. 4489 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE

Cass. civ. Sez. II, Sent., 25/02/2014, n. 4489 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE Cass. civ. Sez. II, Sent., 25/02/2014, n. 4489 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. TRIOLA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in persona del Giudice Unico, dott.ssa Consiglia Invitto ha pronunciato la seguente

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Danno da vacanza rovinata e termine per il reclamo di cui all'art. 98 Codice del Consumo Sentenza Tribunale di Genova, Sez.

Danno da vacanza rovinata e termine per il reclamo di cui all'art. 98 Codice del Consumo Sentenza Tribunale di Genova, Sez. Danno da vacanza rovinata e termine per il reclamo di cui all'art. 98 Codice del Consumo Sentenza Tribunale di Genova, Sez. VI, 5 aprile 2007 Commento di Angelo Buonfrate La sentenza che si annota riguarda

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. TRIBUNALE ORDINARIO di FIRENZE. Sezione Lavoro

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. TRIBUNALE ORDINARIO di FIRENZE. Sezione Lavoro REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO di FIRENZE Sezione Lavoro Il Tribunale, nella persona del Giudice dott. Marilena Rizzo ha pronunciato ex art. 429 c.p.c. la seguente

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE SASSETTI-PERUZZI Sede coordinata di Scandicci A.S. 2013-14 Classe IIIA1 Attività di codocenza nell ambito dei percorsi di IeFP

ISTITUTO PROFESSIONALE SASSETTI-PERUZZI Sede coordinata di Scandicci A.S. 2013-14 Classe IIIA1 Attività di codocenza nell ambito dei percorsi di IeFP ISTITUTO PROFESSIONALE SASSETTI-PERUZZI Sede coordinata di Scandicci A.S. 2013-14 Classe IIIA1 Attività di codocenza nell ambito dei percorsi di IeFP Economia aziendale e Diritto ed economia Prof.ssa Amalia

Dettagli

1 - FONTI LEGISLATIVE

1 - FONTI LEGISLATIVE NORME E CONDIZIONI Condizioni generali di contratto di vendita di pacchetto turistico Approvate da Assotravel, Assoviaggi, Astoi, Autotutela, Federviaggio, Fiavet 1 - FONTI LEGISLATIVE La vendita di pacchetti

Dettagli

CONTRATTO PER LA VENDITA ON LINE DI BENI DI CONSUMO

CONTRATTO PER LA VENDITA ON LINE DI BENI DI CONSUMO CONTRATTO PER LA VENDITA ON LINE DI BENI DI CONSUMO L acquirente dichiara espressamente di compiere l acquisto per fini estranei all attività commerciale o professionale esercitata. Identificazione dei

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI BARI TERZA SEZIONE CIVILE Il Tribunale di Bari, Terza Sezione Civile, in composizione

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI BARI TERZA SEZIONE CIVILE Il Tribunale di Bari, Terza Sezione Civile, in composizione REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI BARI TERZA SEZIONE CIVILE Il Tribunale di Bari, Terza Sezione Civile, in composizione monocratica nella persona del giudice istruttore dott.ssa

Dettagli

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ.

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. CASS. CIV., SEZ. III, 11 GIUGNO 2012, N. 9432. Ai fini della ammissibilità dell'appello per le sentenze pronunciate dal giudice di pace secondo

Dettagli

DIRITTO Oggetto della lite è essenzialmente il contenuto del contratto voluto

DIRITTO Oggetto della lite è essenzialmente il contenuto del contratto voluto FATTO Con la citazione introduttiva del giudizio la parte attrice esponeva di avere stipulato con T I s.p.a. il contratto avente ad oggetto la linea ADSL A sulla propria utenza telefonica, onde potere

Dettagli

Condizioni Generali 1. FONTI LEGISLATIVE

Condizioni Generali 1. FONTI LEGISLATIVE Condizioni Generali 1. FONTI LEGISLATIVE La vendita di pacchetti turistici, che abbiano ad oggetto servizi da fornire in territorio sia nazionale sia internazionale, è disciplinata fino alla sua abrogazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA nella persona del giudice unico Dott. Manuela MASSENZ ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile

Dettagli

Giudice di Pace di Napoli, sezione seconda sentenza del 23.3.2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice di Pace di Napoli Avv.

Giudice di Pace di Napoli, sezione seconda sentenza del 23.3.2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice di Pace di Napoli Avv. Giudice di Pace di Napoli, sezione seconda sentenza del 23.3.2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice di Pace di Napoli Avv. Felice Alberto D'Onofrio, II Sezione, ha pronunziato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE UNDICESIMA CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE UNDICESIMA CIVILE N 5 4 6GOC$V 8Ì L 1 D&P - 2q3> ii REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE UNDICESIMA CIVILE in persona del G.O.T. Sonia Suppressa, in funzione di giudice unico, ha

Dettagli

Il risarcimento del danno conseguente alla responsabilità precontrattuale (nota a Tribunale di Pordenone, sentenza 16 giugno 2005, n.

Il risarcimento del danno conseguente alla responsabilità precontrattuale (nota a Tribunale di Pordenone, sentenza 16 giugno 2005, n. Il risarcimento del danno conseguente alla responsabilità precontrattuale (nota a Tribunale di Pordenone, sentenza 16 giugno 2005, n. 610) di MONICA PILOT Avvocato del Foro di Pordenone 1. Premessa 2.

Dettagli

Comitato Regionale per le Comunicazioni

Comitato Regionale per le Comunicazioni ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Comitato Regionale per le Comunicazioni DELIBERA n. 40/2013 TITOLO 1.10.21/528 1.10.4 LEGISLATURA IX Il giorno 28 giugno 2013 si è riunito nella sede

Dettagli

DELIBERA N. 56/11/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX TERELLE/TELECOM ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO Nella Riunione del Comitato Regionale per le

DELIBERA N. 56/11/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX TERELLE/TELECOM ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO Nella Riunione del Comitato Regionale per le DELIBERA N. 56/11/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX TERELLE/TELECOM ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO Nella Riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità. Corecom

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO di ROMA VI Sezione in composizione monocratica

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO di ROMA VI Sezione in composizione monocratica 2W3 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO di ROMA VI Sezione in composizione monocratica in persona del giudice dr. C.Schettini ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE DISTACCATA DI OSTIA N. RG. 648-10 REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE DISTACCATA DI OSTIA N. RG. 648-10 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE DISTACCATA DI OSTIA N. RG. 648-10 REPUBBLICA ITALIANA Il Giudice dott. cons. Massimo Moriconi nella causa tra Società in persona del suo legale rappresentante

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale..... Presidente Avv. Bruno De Carolis Membro designato dalla Banca d'italia Dott. Comm. Girolamo Fabio Porta.. Membro designato dalla Banca

Dettagli

IL LEGALE CONTRATTI DI ASSICURAZIONE: ILLEGITTIME LE CLAUSOLE TROPPO GENERICHE LO AFFERMA LA CORTE DI CASSAZIONE IN UNA RECENTE PRONUNCIA Segnaliamo che la Suprema Corte ha dichiarato invalide le clausole

Dettagli

Comitato Regionale per le Comunicazioni

Comitato Regionale per le Comunicazioni ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Comitato Regionale per le Comunicazioni DELIBERA n. 6/2013 TITOLO 1.10.21/496 1.10.4 LEGISLATURA IX Il giorno 7 febbraio 2013 si è riunito nella sede

Dettagli

Condizioni generali di contratto di vendita di pacchetti turistici

Condizioni generali di contratto di vendita di pacchetti turistici Condizioni generali di contratto di vendita di pacchetti turistici 1. Premessa. Nozione di pacchetto turistico. Premesso che: a) il decreto legislativo n. 111 del 17.3.95 di attuazione della Direttiva

Dettagli

Cons. Stato, sez. VI, ord. 11.01.2013, n. 114, Pres. G. Severini, Est. M. Meschino.

Cons. Stato, sez. VI, ord. 11.01.2013, n. 114, Pres. G. Severini, Est. M. Meschino. Cons. Stato, sez. VI, ord. 11.01.2013, n. 114, Pres. G. Severini, Est. M. Meschino. Ai sensi dell art. 99 c.p.a. sono rimessi all esame dell Adunanza Plenaria, in previsione della possibilità che in materia

Dettagli

Tribunale di Milano. Sezione I Civile. Sentenza 5 giugno 2007. ha pronunciato la seguente SENTENZA

Tribunale di Milano. Sezione I Civile. Sentenza 5 giugno 2007. ha pronunciato la seguente SENTENZA Tribunale di Milano Sezione I Civile Sentenza 5 giugno 2007 SENTENZA N. 66631/02 R.G. IL TRIBUNALE DI MILANO - SEZIONE l^ CIVILE Giudice dott. C.D.S. ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice di Pace della VIII sezione civile di Palermo, Dott. Vincenzo Vitale, ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa iscritta al n. 952/06 R.G.

Dettagli

TRIBUNALE DI TORINO SEZIONE PRIMA CIVILE. Il Tribunale di Torino - sezione 1 civile SENTENZA. Contro

TRIBUNALE DI TORINO SEZIONE PRIMA CIVILE. Il Tribunale di Torino - sezione 1 civile SENTENZA. Contro TRIBUNALE DI TORINO SEZIONE PRIMA CIVILE Il Tribunale di Torino - sezione 1 civile in composizione monocratica ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile iscritta in primo grado al n.18076

Dettagli

Tribunale di Firenze. Sezione III Civile. Sentenza 20 maggio 2014

Tribunale di Firenze. Sezione III Civile. Sentenza 20 maggio 2014 Tribunale di Firenze Sezione III Civile Sentenza 20 maggio 2014 N. R.G. 110237/2011 TRIBUNALE ORDINARIO di FIRENZE Terza sezione CIVILE VERBALE DELLA CAUSA tra A. Z. PARTE ATTRICE e POSTE ITALIANE SPA

Dettagli

DELIBERA N. 20/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX CARDARELLI / FASTWEB XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 20/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX CARDARELLI / FASTWEB XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 20/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX CARDARELLI / FASTWEB XXX IL CORECOM LAZIO NELLA Riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom

Dettagli

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO 32. Tribunale di Modena, 11 febbraio 2005, n. 582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MODENA SEZIONE CIVILE Composto dai magistrati: Dott. Emilia Salvatore Presidente Est. Dott.

Dettagli

CONDIZIONI DI VENDITA

CONDIZIONI DI VENDITA CONDIZIONI DI VENDITA Contratto di Vendita Pacchetto Turistico Premesso che: a) il Consumatore ha diritto di ricevere una copia del contratto di vendita del pacchetto turistico (ai sensi dell art.35 del

Dettagli

P R O C U R A G E N E R A L E PRESSO LA C O R TE S UP R E M A D I C AS S AZ IO N E. Il P.M.

P R O C U R A G E N E R A L E PRESSO LA C O R TE S UP R E M A D I C AS S AZ IO N E. Il P.M. P R O C U R A G E N E R A L E PRESSO LA C O R TE S UP R E M A D I C AS S AZ IO N E R.G. n. 5680/2014 Il P.M. letti gli atti; rilevato che Promozione e Sviluppo s.r.l. depositava ricorso davanti al Tribunale

Dettagli

Comitato Regionale per le Comunicazioni

Comitato Regionale per le Comunicazioni ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Comitato Regionale per le Comunicazioni DELIBERA n. 45/2013 TITOLO 1.10.4 1.10.21/552 LEGISLATURA IX Il giorno 28 giugno 2013 si è riunito nella sede

Dettagli

DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA. STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA. STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità,

Dettagli

Contratto di sub trasporto, perdita delle cose trasportate e

Contratto di sub trasporto, perdita delle cose trasportate e Contratto di sub trasporto, perdita delle cose trasportate e possibilità per il submittente di far valere in via diretta verso il sub trasportatore la responsabilità risarcitoria del vettore Tribunale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Sentenza n. 72/03 Pronunziata il 24.06.2003 Depositata il 24.06.2003 Responsabilità civile Nesso causale Appartamento sovrastante e contiguo a forno Scoppio del forno Asseriti danni Propagazione orizzontale

Dettagli

CODICE DEL CONSUMO LA TUTELA DEL TURISTA-CONSUMATORE

CODICE DEL CONSUMO LA TUTELA DEL TURISTA-CONSUMATORE CODICE DEL CONSUMO LA TUTELA DEL TURISTA-CONSUMATORE Le responsabilità dell agenzia viaggio (intermediatrice o organizzatrice) sono state aggravate dalla emanazione del codice del consumo (Dlgs. N. 206/05)

Dettagli

OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXX E TELE TU (GIÀ TELE 2)

OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXX E TELE TU (GIÀ TELE 2) Titolo 1.10.21/72 DELIBERAZIONE n. 13/2011 (estratto dal verbale del 19 aprile 2011) OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXX E TELE TU (GIÀ TELE 2) Presenti: Gardini Gianluca Giuseppe Bettini Alberici

Dettagli

IL TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE FALLIMENTARE. in composizione monocratica, in persona del dott. Giuseppe Di Salvo ha pronunciato la seguente SENTENZA

IL TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE FALLIMENTARE. in composizione monocratica, in persona del dott. Giuseppe Di Salvo ha pronunciato la seguente SENTENZA Tribunale di Roma, Sez. Fall., 7 marzo 2012 IL TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE FALLIMENTARE in composizione monocratica, in persona del dott. Giuseppe Di Salvo ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa

Dettagli

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO www.collegioperitiagrarisa.it - e-mail:collegio.salerno@pec.peritiagrari.it - collegio.salerno@peritiagrari.it Prot. n

Dettagli

NEWSLETTER DI DIRITTO DEI CONSUMATORI E CONTENZIOSO n. 3 del 26 settembre2014

NEWSLETTER DI DIRITTO DEI CONSUMATORI E CONTENZIOSO n. 3 del 26 settembre2014 NEWSLETTER DI DIRITTO DEI CONSUMATORI E CONTENZIOSO n. 3 del 26 settembre2014 : I DIRITTI DEI PASSEGGERI NELL ESPERIENZA ITALIANA SOMMARIO (I) Premessa... 1 (II) Il giudice competente per territorio...

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il giudice dott.ssa Susanna Menegazzi ha pronunciato la seguente nella causa promossa SENTENZA da MARTIGNAGO ADRIANO (C.F. MRTDRN64C02F443X)

Dettagli

Sentenza. del 23 ottobre 2013 - e. coniugi e consumati

Sentenza. del 23 ottobre 2013 - e. coniugi e consumati Conto corrente cointestato tra coniugi e disciplina della comunione de residuo TRIBUNALE DI BARI - Sentenza del 23 ottobre 2013 - e massima a cura dell Avv. Daniela Angelini Sono esclusi dalla comunione

Dettagli

Tribunale di Udine. - sezione civile -

Tribunale di Udine. - sezione civile - Tribunale di Udine - sezione civile - Verbale d udienza Successivamente oggi, 13.1.2014, alle ore 12.00, davanti al giudice istruttore dott. Andrea Zuliani, nella causa iscritta al n 2998/12 R.A.C.C.,

Dettagli

UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI CARPI REPUBBLICA ITALIANA In Nome del Popolo Italiano

UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI CARPI REPUBBLICA ITALIANA In Nome del Popolo Italiano Assicurazione contratto Premio mancato pagamento - Mancato pagamento di polizza assicurativa contro infortuni estesa ai componenti della famiglia Riduzione del premio per diminuzione del rischio Difetto

Dettagli

Configura un'ipotesi di vendita di "aliud pro alio" quando l immobile, destinato ad abitazione, è privo del certificato di abitabilità

Configura un'ipotesi di vendita di aliud pro alio quando l immobile, destinato ad abitazione, è privo del certificato di abitabilità Pagina 1 di 5 Configura un'ipotesi di vendita di "aliud pro alio" quando l immobile, destinato ad abitazione, è privo del certificato di abitabilità La massima La vendita di immobile destinato ad abitazione,

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI 1. PREMESSA. NOZIONE DI PACCHETTO TURISTICO Premesso che: a)il decreto legislativo n 111 del 17/03/95 di attuazione della Direttiva 90/314/CE

Dettagli

DELIBERA N. 7/11/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA STUDIO ASSOCIATO XXXX / VODAFONE OMNITEL XXXX

DELIBERA N. 7/11/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA STUDIO ASSOCIATO XXXX / VODAFONE OMNITEL XXXX DELIBERA N. 7/11/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA STUDIO ASSOCIATO XXXX / VODAFONE OMNITEL XXXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Tribunale di Verona Sentenza 6.6.2014 (Composizione monocratica Giudice LANNI) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE I nella persona del dott. Pier

Dettagli

GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI

GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI L acquisto di una iniziativa di viaggio proposta o organizzata da Tour Operator Associati implica l accettazione implicita delle seguenti CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI

Dettagli