ALLEGATO 5 TIPOLOGIE E CARATTERISTICHE DELLE STRUTTURE DEL SISTEMA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO 5 TIPOLOGIE E CARATTERISTICHE DELLE STRUTTURE DEL SISTEMA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE"

Transcript

1 ALLEGATO 5 TIPOLOGIE E CARATTERISTICHE DELLE STRUTTURE DEL SISTEMA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE a)aree DI AMMASSAMENTO ( AA ) Le Aree di Ammassamento debbono: essere adatte all'ammassamento di materiali e alla predisposizione di campi base per le operazioni di emergenza; essere resi disponibili anche per un uso da parte della Regione, delle prefetture e delle strutture operative regionali e nazionali della protezione civile nel caso delle calamità di cui ai punti b) e c) del comma 1 dell'art. 2 della L. 225/92 e quindi essere considerate anche in questo ruolo dai piani di emergenza nazionali, regionali e provinciali; avere, in linea di massima, le caratteristiche di seguito descritte: - essere individuate nel rispetto dei criteri fissati dalla direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 2 febbraio 2005 Linee guida per l individuazione di aree di ricovero di emergenza per strutture prefabbricate di Protezione Civile e deve essere: ben servito da collegamenti verso la rete viaria nazionale e autostradale; servito dalle reti di acqua, fogne, gas, elettricità, telefonia fissa e cellulare; 2.L'area deve: Avere almeno la dimensione di mq indicata per essere destinata all impianto della Colonna Mobile Integrata; per tutti gli altri casi a minor valenza, Avere almeno la dimensione di mq ; Essere dotata di urbanizzazione e reti impiantistiche adatte alla installazione del campo base dei soccorritori ; consentire la sosta di autobus, camion, automobili ed, eventualmente, di macchine operatrici; consentire eventualmente lo stoccaggio e la movimentazione di container; essere eventualmente attrezzata per l'atterraggio anche notturno di elicotteri;

2 3.Gli eventuali edifici debbono avere le caratteristiche antisismiche che si richiedono agli edifici strategici per le finalità di protezione civile; b)centri OPERATIVI SOVRACOMUNALI DI PROTEZIONE CIVILE ( CS ) I Centri Operativi Sovracomunali debbono: essere sede di una struttura tecnico-organizzativa permanente di protezione civile; integrare possibilmente sedi e/o attrezzature dei Vigili del Fuoco, del Corpo Forestale dello Stato, delle associazioni del volontariato di protezione civile e delle altre strutture operative di protezione civile ; corrispondere eventualmente con la sede del Centro Operativo Misto o del Centro Operativo Comunale di cui ai punti seguenti; essere resi disponibili anche per un uso da parte della Regione, delle prefetture e delle strutture operative regionali e nazionali della protezione civile nel caso delle calamità di cui ai punti b) e c) del comma 1 dell'art. 2 della L. 225/92 e quindi essere considerate anche in questo ruolo dai piani di emergenza nazionali, regionali e provinciali; disporre di sedi e attrezzature che, in linea di massima, abbiano le seguenti caratteristiche: 1. Il luogo deve essere: - individuato nel rispetto dei criteri fissati dalla direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 2 febbraio 2005 Linee guida per l individuazione di aree di ricovero di emergenza per strutture prefabbricate di Protezione Civile ; ben servito da collegamenti verso la rete viaria nazionale e autostradale; non particolarmente soggetto alla formazione di nebbie compatibilmente con le caratteristiche del territorio; servito dalle reti di acqua, fogne, elettricità, telefonia fissa e cellulare; è consigliata la realizzazione di una rete wireless a servizio della struttura; 2.L'area deve: consentire la sosta di autobus, camion, automobili ed, eventualmente, di macchine operatrici;

3 contenere un edificio civile ed eventualmente capannoni di tipo industriale; consentire eventualmente lo stoccaggio e la movimentazione di container; essere eventualmente attrezzata per l'atterraggio anche notturno di elicotteri; 3.L'edificio civile deve: avere le caratteristiche antisismiche che si richiedono agli edifici strategici per le finalità di protezione civile, comprendere spazi adatti a contenere gli uffici e i locali tecnici del distaccamento dei Vigili del Fuoco e/o delle associazioni del Volontariato di Protezione Civile e/o dei servizi di Protezione Civile degli enti locali, comprendere spazi eventualmente adatti a contenere il Centro Operativo Misto o del Centro Operativo Comunale di cui ai punti seguenti, 4.Gli eventuali capannoni di tipo industriale sono destinati a: consentire la sosta e la manutenzione di macchine operatrici, camion, automobili; consentire lo stoccaggio e la manutenzione di attrezzature utili in fase di emergenza quali ad esempio gruppi elettrogeni, torri faro, pompe, ecc.; consentire lo stoccaggio di materiali utili in fase di emergenza quali ad esempio badili, carriole, sacchetti, teli, ecc.; c)centri OPERATIVI MISTI ( COM ) I Centri Operativi Misti debbono: dare una sede unica alle strutture operative di protezione civile di un gruppo di comuni; offrire servizi di protezione civile a tutto il territorio dei comuni di cui sopra; essere resi disponibili anche per un uso da parte della Regione, delle prefetture e delle strutture operative regionali e nazionali della protezione civile nel caso delle calamità di cui ai punti b) e c) del comma 1 dell'art. 2 della L. 225/92 e quindi essere considerate anche in questo ruolo dai piani di emergenza nazionali, regionali e provinciali; avere, di massima, le caratteristiche di seguito descritte: 1. Il luogo deve essere: ben servito da collegamenti stradali sia verso i centri più periferici che verso le linee di comunicazione nazionali;

4 non particolarmente soggetto alla formazione di nebbie; servito dalle reti di acqua, fogne, gas, elettricità, telefonia fissa e cellulare; prossimo o ben collegato con aree utilizzabili come eliporto, ammassamento, sosta; 2.L'edificio civile deve essere: dotato delle caratteristiche antisismiche che si richiedono agli edifici strategici per le finalità di protezione civile, dotato di un sistema di collegamenti telefonici e informatici autonomo da quello dell' ente eventualmente ospitante, facilmente accessibile dalla viabilità ordinaria, dotato di parcheggi, dotato di spazi almeno adatti a contenere: una segreteria attrezzata con centralino telefonico, una sala decisioni attrezzata per la riunione delle persone che coordinano le operazioni di emergenza, una sala operativa con spazi e attrezzature adeguate per l attivazione delle funzioni (ex Metodo Augustus) utili in emergenza e, tra queste, anche la funzione telecomunicazioni, ovvero sala-radio; la sala operativa potrà essere costituita da diversi ambienti opportunamente collegati tra loro e con la segreteria e la sala decisioni 3.Deve essere disponibile attrezzatura informatica, per comunicazioni e telecomunicazioni. Tali attrezzature possono essere quelle di seguito esemplificate: 2 PC desktop 1 PC portatile 1 Stampante A3 1 Stampante portatile 2 Fax con funzionalità di fotocopiatrice 1 Fotocopiatrice 1 Scanner

5 2 Cellulare GSM 1 Cellulare-modem applicabile al PC portatile o un modem USB(chiavetta internet) 1 Gruppo di continuità Per quello che riguarda l impianto della tecnologia radio, tale impianto deve essere dotato di adeguata strumentazione radio R3 TETRA REGIONALE come da specifiche: 1 stazione radio fissa a standard digitale TETRA 2 terminali radio portatili a standard digitale TETRA E, qualora sia necessario, si deve garantire la possibilità di comunicazione radio anche con il sistema analogico, acquisendo la seguente strumentazione: 1 RadioRT VHF fissa 2 RadioRT VHF portatili; 1 RadioRT CB fissa; 4.Deve essere disponibile attrezzatura informatica software e hardware che permetta la connessione Internet e la lettura e l'elaborazione degli strumenti messi a disposizione dalla Provincia e dalla Regione. d)centri OPERATIVI COMUNALI (COC) I Centri Operativi Comunali debbono: dare una sede unica alle strutture operative di protezione civile del comune; offrire servizi di protezione civile a tutto il territorio del comune; avere, di massima, le caratteristiche di seguito descritte: 1.Il luogo deve essere: ben servito da collegamenti stradali sia verso i centri più periferici che verso le linee di comunicazione nazionali; non particolarmente soggetto alla formazione di nebbie; servito dalle reti di acqua, fogne, gas, elettricità, telefonia fissa e cellulare; prossimo o ben collegato con aree utilizzabili come eliporto, ammassamento, sosta;

6 2.L'edificio civile deve essere: dotato delle caratteristiche antisismiche che si richiedono agli edifici strategici per le finalità di protezione civile, facilmente accessibile dalla viabilità ordinaria, dotato di parcheggi, dotato di spazi adatti a contenere: una segreteria attrezzata con centralino telefonico, una sala decisioni attrezzata per la riunione delle persone che coordinano le operazioni di emergenza, una sala operativa con spazi e attrezzature adeguate per l attivazione delle funzioni (ex Metodo Augustus) utili in emergenza e, tra queste, anche la funzione telecomunicazioni, ovvero sala-radio ; la sala operativa potrà essere costituita da diversi ambienti opportunamente collegati tra loro e con la segreteria e la sala decisioni. 3.Deve essere disponibile attrezzatura informatica, per comunicazioni e telecomunicazioni. Tali attrezzature possono essere quelle di seguito esemplificate: 2 PC desktop 1 Stampante A3 1 Fotocopiatrice 1 Scanner 2 Cellulari GSM 1 Gruppo di continuità Per quello che riguarda l impianto della tecnologia radio, tale impianto deve essere dotato di adeguata strumentazione radio R3 TETRA REGIONALE come da specifiche: 1 stazione radio fissa a standard digitale TETRA 2 terminali radio portatili a standard digitale TETRA E, qualora sia necessario, si deve garantire la possibilità di comunicazione radio anche con il sistema analogico, acquisendo la seguente strumentazione: 1 RadioRT VHF fissa 2 RadioRT VHF portatili; 1 RadioRT CB fissa; 4.Deve essere disponibile attrezzatura informatica software e hardware che permetta la connessione Internet e la lettura e l'elaborazione degli strumenti messi a disposizione dalla Provincia e dalla Regione.

7 e)requisito COMUNE A TUTTE LE STRUTTURE DEL SISTEMA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE - Sistema della cartellonistica 1 Le strutture di Protezione civile debbono essere segnalate in maniera tale che la loro presenza entri a far parte della consapevolezza dei cittadini ; a questo scopo un sistema di cartellonistica unificato per tutta la Regione Emilia-Romagna è stato definito dalla DGR 1445/07 ; si raccomanda agli enti attuatori di dotare ogni struttura degli opportuni cartelli di segnalazione. 2 E' opportuno che anche all' interno delle strutture di protezione civile venga adottato un sistema di cartellonistica unificato che segnali i differenti uffici e gli spazi con specifiche destinazioni ; la stessa DGR fornisce suggerimenti anche per la realizzazione di questo sistema di cartelli.

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI PIACENZA -SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE- STRUTTURE DI PROTEZIONE CIVILE

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI PIACENZA -SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE- STRUTTURE DI PROTEZIONE CIVILE AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI PIACENZA -SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE- STRUTTURE DI PROTEZIONE CIVILE CENTRI OPERATIVI MISTI (FIORENZUOLA, MONTICELLI, SARMATO, PIANELLO, COMUNITA MONTANA NURE ARDA, COMUNITA

Dettagli

ALLEGATO 1 TIPOLOGIE E CARATTERISTICHE DELLE STRUTTURE DEL SISTEMA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE

ALLEGATO 1 TIPOLOGIE E CARATTERISTICHE DELLE STRUTTURE DEL SISTEMA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE ALLEGATO 1 TIPOLOGIE E CARATTERISTICHE DELLE STRUTTURE DEL SISTEMA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE a) CENTRI OPERATIVI UNIFICATI PROVINCIALI DI PROTEZIONE CIVILE (CUP) I Centri Operativi debbono: essere

Dettagli

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM Ubicazione dell edificio sede del COM: Comune di : RIMINI Località : Padulli Indirizzo : Via Marecchiese n.193/195 Dati Generali Stralcio C.T.R.: 256113 Coordinate (lat. long.):

Dettagli

Assessorato: ASSESSORATO DIFESA DEL SUOLO E DELLA COSTA. PROTEZIONE CIVILE.

Assessorato: ASSESSORATO DIFESA DEL SUOLO E DELLA COSTA. PROTEZIONE CIVILE. 1 di 35 29/12/2004 13.13 Atto deliberativo di Giunta proposto in data 25.06.2003. Assessorato: ASSESSORATO DIFESA DEL SUOLO E DELLA COSTA. PROTEZIONE CIVILE. Servizio: SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE Oggetto:

Dettagli

Scheda: COC CENTRO OPERATIVO COMUNALE. Comune di: ATESSA. 1 dati generali. Centro Funzionale d'abruzzo. Provincia CH Comune ATESSA cod ISTAT 013069005

Scheda: COC CENTRO OPERATIVO COMUNALE. Comune di: ATESSA. 1 dati generali. Centro Funzionale d'abruzzo. Provincia CH Comune ATESSA cod ISTAT 013069005 Comune di: ATESSA 1 dati generali Provincia CH Comune ATESSA cod ISTAT 013069005 Sede presso: CENTRO INFORMAGIOVANI Indirizzo: VIALE DELLE RIMEMBRANZE 38 via o altro N 0872850486 0872850486 telefono telefono

Dettagli

Delibera di Giunta - N.ro 2283/2002 - del 10/6/2002

Delibera di Giunta - N.ro 2283/2002 - del 10/6/2002 di 33 29/12/2004 13.12 Delibera di Giunta - N.ro 2283/2002 - del 10/6/2002 Oggetto: PROVVEDIMENTI PER POTENZIARE IL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE DEGLI ENTI LOCALI. REALIZZAZIONE DI STRUTTURE PROVINCIALI

Dettagli

Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile

Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile Costituzione: 3 Luglio 2002 Sede: presso OGER Via Guerrazzi 6, Bologna Anno 2009: 70 iscritti www.geoprociv.it OBIETTIVI: 1. Offrire nei

Dettagli

Scatta l allarme: La predisposizione dell intervento delle prime 72 ore. Cav. Luigi Fasani Istruttore tecnico Corpo Volontari Parco del Ticino

Scatta l allarme: La predisposizione dell intervento delle prime 72 ore. Cav. Luigi Fasani Istruttore tecnico Corpo Volontari Parco del Ticino Scatta l allarme: La predisposizione dell intervento delle prime 72 ore Cav. Luigi Fasani Istruttore tecnico Corpo Volontari Parco del Ticino Segreteria Normalità Emergenza Logistica Mezzi Materiali Specialità

Dettagli

IMPIANTO DEL SISTEMA DI TELECOMUNICAZIONI

IMPIANTO DEL SISTEMA DI TELECOMUNICAZIONI Gruppo di Lavoro 4 Telecomunicazioni Po 2007 Esercitazione Regionale Emilia - Romagna Reggio Emilia 28 29 30 Settembre 2007 IMPIANTO DEL SISTEMA DI TELECOMUNICAZIONI Ughi Gilberto PREMESSA Il presente

Dettagli

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO COMUNE DI 1. FUNZIONALITA DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO LOCALE REPERIBILITA H 24. Il Piano deve contenere le informazioni necessarie e le modalità con cui la struttura

Dettagli

PROGETTO FORMAZIONE VOLONTARI 2014

PROGETTO FORMAZIONE VOLONTARI 2014 Nucleo di Volontariato e di Protezione Civile A.N.C. Provinciale di CASERTA Via Roma 194 81030 TEVEROLA (CE) TEL FAX 081-19243275 C.F. 90033010613 e-mail: nucleopc@anc-teverola.it Iscr. Albo Regionale

Dettagli

CIB Comunità dell Isola Bergamasca

CIB Comunità dell Isola Bergamasca CIB Comunità dell Isola Bergamasca 2 Corso base per volontari di Protezione Civile Livello Base Madone 10 aprile 30 maggio 2012 Corso riconosciuto dalla Scuola Superiore di Protezione Civile come conforme

Dettagli

LA LOGISTICA DA CAMPO

LA LOGISTICA DA CAMPO LA LOGISTICA DA CAMPO LA LOGISTICA DA CAMPO Aree di accoglienza/ tendopoli Struttura di una tendopoli Posizionamento e montaggio tende I servizi di una Tendopoli I centri Assistenziali Pronto Intervento

Dettagli

Allegato A SEZIONE I - FORNITURE. Elenco delle categorie merceologiche

Allegato A SEZIONE I - FORNITURE. Elenco delle categorie merceologiche Allegato A SEZIONE I - FORNITURE Elenco delle categorie merceologiche 01.01 - CARTA Carta in risme bianca per copia e stampa (A3 e A4) Carta in risme riciclata per copia e stampa (A3 e A4) 01.02 - CANCELLERIA

Dettagli

Terralba, 31 gennaio 2014 IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE

Terralba, 31 gennaio 2014 IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PRESIDENZA IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE Ing. Maria Antonietta Raimondo Servizio Pianificazione e gestione delle emergenze Legge n. 225 del 1992 > Istituzione del

Dettagli

PROGRAMMA ATTIVITA FORMATIVE COMMUNICATIONS EMERGENCY RESCUE

PROGRAMMA ATTIVITA FORMATIVE COMMUNICATIONS EMERGENCY RESCUE PROGRAMMA ATTIVITA FORMATIVE COMMUNICATIONS EMERGENCY RESCUE 2015 CORSO BASE Introduzione alle comunicazioni radioelettriche Il corso è rivolto principalmente ai volontari di Communications Emergency Rescue

Dettagli

Prot. n. 14 Reg. n. 14 DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE

Prot. n. 14 Reg. n. 14 DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE Prot. n. 14 Reg. n. 14 Strembo, 19 gennaio 2015 DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE. Oggetto: Programma di spesa n. 1/2015 per acquisto, manutenzione e riparazione dell attrezzatura degli uffici: impegni di spesa

Dettagli

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE DI VOLTURARA IRPINA

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE DI VOLTURARA IRPINA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE DI VOLTURARA IRPINA ATTIVAZIONI IMMEDIATE DOPO UN EVENTO SALA OPERATIVA Presso la Casa comunale Se questi locali risultassero inagibili la sala operativa sarà allestita

Dettagli

CRITERI GENERALI PER L ALLESTIMENTO DI UN'AREA DI ACCOGLIENZA AGGIORNAMENTO SCHEDE PROGETTO COLONNA MOBILE

CRITERI GENERALI PER L ALLESTIMENTO DI UN'AREA DI ACCOGLIENZA AGGIORNAMENTO SCHEDE PROGETTO COLONNA MOBILE Regione Emilia-Romagna CRITERI GENERALI PER L ALLESTIMENTO DI UN'AREA DI ACCOGLIENZA AGGIORNAMENTO SCHEDE PROGETTO COLONNA MOBILE File Data Stato Versione Linee guida_colonna mobile standard 17/09/2010

Dettagli

LA LOGISTICA DA CAMPO. Corso Base Cologno M. C.C.V Milano Settore Formazione

LA LOGISTICA DA CAMPO. Corso Base Cologno M. C.C.V Milano Settore Formazione LA LOGISTICA DA CAMPO Corso Base Cologno M. C.C.V Milano Settore Formazione LA LOGISTICA DA CAMPO Obbiettivi del corso Aree di accoglienza/ tendopoli cosa sono Struttura di una tendopoli Posizionamento

Dettagli

SEZIONE 3 RISORSE DISPONIBILI

SEZIONE 3 RISORSE DISPONIBILI SEZIONE 3 RISORSE DISPONIBILI EDIFICI, AREE ed UTENZE PRIVILEGIATE SOTTOSCHEDA EA 1 Punti di raccolta SOTTOSCHEDE da EA1 a EA8 SOTTOSCHEDA EA 2 Centri di prima accoglienza e di smistamento. SOTTOSCHEDA

Dettagli

Protezione Civile - Regione Marche Unità Mobile di comunicazione d emergenza

Protezione Civile - Regione Marche Unità Mobile di comunicazione d emergenza Protezione Civile - Regione Marche Unità Mobile di comunicazione d emergenza SISTEMA DI GESTIONE TLC INTEGRATO La MPM, in relazione alle risorse di comunicazione disponibili quali: -Radio: HF/VHF/UHF;

Dettagli

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE DI QUADRELLE (AV)

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE DI QUADRELLE (AV) PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE DI QUADRELLE (AV) ATTIVAZIONI IMMEDIATE DOPO UN EVENTO SALA OPERATIVA Presso la sede comunale in via Municipio, n. 10 Se questi locali risultassero inagibili la sala

Dettagli

Impianti telefonici interni (Scheda) IMPIANTI TELEFONICI INTERNI. Ultimo aggiornamento: 1 apr. 2008

Impianti telefonici interni (Scheda) IMPIANTI TELEFONICI INTERNI. Ultimo aggiornamento: 1 apr. 2008 IMPIANTI TELEFONICI INTERNI Sistema di alimentazione: Le società telefoniche, con le quali occorre prendere accordi, forniscono un armadietto unificato (420x140x70 mm) con sportello a serratura, per la

Dettagli

La protezione civile questa sconosciuta

La protezione civile questa sconosciuta * La protezione civile questa sconosciuta Legge 24 febbraio 1992 n. 225 Art. 1 (Servizio nazionale della protezione civile) È istituito il Servizio nazionale della protezione civile al fine di tutelare

Dettagli

QUI. eyatel c è. centralino IP satellitare mobile

QUI. eyatel c è. centralino IP satellitare mobile QUI eyatel c è centralino IP satellitare mobile Eyatel: Everywhere You Are Eyatel, il centralino IP satellitare mobile, ti permette di rimanere in contatto con il mondo via telefono e web in ogni luogo

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE. Indicazioni Procedurali: SISMA

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE. Indicazioni Procedurali: SISMA PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO Piano di Protezione Civile PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Indicazioni Procedurali: SISMA Comune di Volpago del Montello Indicazioni procedurali

Dettagli

VII INCONTRO MONDIALE DELLE FAMIGLIE

VII INCONTRO MONDIALE DELLE FAMIGLIE VII INCONTRO MONDIALE DELLE FAMIGLIE Piano Trasmissioni Integrato Documento preparato dal Gruppo di lavoro TLC 22/10/12 1 Scenario dell evento Comando volontariato PCA 22/10/12 2 TELECOMUNICAZIONI PREVISTE

Dettagli

La protezione civile nella provincia di Torino. Settimo Torinese, Ottobre 2011

La protezione civile nella provincia di Torino. Settimo Torinese, Ottobre 2011 La protezione civile nella provincia di Torino Settimo Torinese, Ottobre 2011 1 ORGANIZZAZIONE INTEGRATA DEL SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO Nel quadro delle competenze proprie degli enti locali e di quelle

Dettagli

Associazione Nazionale Carabinieri Ispettorato Regionale per la Campania

Associazione Nazionale Carabinieri Ispettorato Regionale per la Campania CENSIMENTO DEI GRUPPI DI FATTO E NUCLEI DI P.C. 1) La vostra Sezione svolge attività di volontariato come: a) Gruppo di Fatto b) Nucleo di Protezione Civile c) Nessun tipo di volontariato 2) Di quanti

Dettagli

!!" " #!$! " % ""!#&!# " # " '$ $$ ()$ #! (*$

!!  #!$!  % !#&!#  #  '$ $$ ()$ #! (*$ !!" " #!$! " % ""!#&!# " # " '$ $$ ()$ #! (*$ Prot. n. (APC/07/2763) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Richiamati: la Legge 24 febbraio 1992 n 225 Istituzione del Servizio nazionale di protezione

Dettagli

L anno Duemilaundici (2011), il giorno ( ) del mese di ( ), nella Sede di Castello di Serravalle. TRA

L anno Duemilaundici (2011), il giorno ( ) del mese di ( ), nella Sede di Castello di Serravalle. TRA REP. /2010 CONVENZIONE TRA L'UNIONE DI COMUNI VALLE DEL SAMOGGIA ED I COMUNI DI BAZZANO, CASTELLO DI SERRAVALLE, CRESPELLANO, MONTE SAN PIETRO, MONTEVEGLIO E SAVIGNO PER LA GESTIONE ASSOCIATA DI UN SERVIZIO

Dettagli

COMUNE DI PIEVE PORTO MORONE Provincia di Pavia Viale Caduti n. 9 27017 Pieve Porto Morone (PV) Tel. 0382 718034 - Fax 0382 728046

COMUNE DI PIEVE PORTO MORONE Provincia di Pavia Viale Caduti n. 9 27017 Pieve Porto Morone (PV) Tel. 0382 718034 - Fax 0382 728046 COMUNE DI PIEVE PORTO MORONE Provincia di Pavia Viale Caduti n. 9 27017 Pieve Porto Morone (PV) Tel. 0382 718034 - Fax 0382 728046 Piano triennale di dotazioni strumentali, delle autovetture e dei beni

Dettagli

0. IL SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO 1

0. IL SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO 1 0. IL SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO 1 La gestione dell emergenze che hanno carattere nazionale viene attuata attraverso una predefinita catena di comando e controllo al vertice della quale si colloca

Dettagli

Piano triennale di razionalizzazione delle dotazioni strumentali Autovetture, telefonia mobile, fotoriproduttori, fax e strumenti informatici

Piano triennale di razionalizzazione delle dotazioni strumentali Autovetture, telefonia mobile, fotoriproduttori, fax e strumenti informatici COMUNE DI MOMBELLO MONFERRATO Piano triennale di razionalizzazione delle dotazioni strumentali Autovetture, telefonia mobile, fotoriproduttori, fax e strumenti informatici PREMESSA La legge finanziaria

Dettagli

Provincia di Reggio Calabria Settore Ambiente e Territorio Servizio di Protezione Civile

Provincia di Reggio Calabria Settore Ambiente e Territorio Servizio di Protezione Civile Provincia di Reggio Calabria Settore Ambiente e Territorio Servizio di Protezione Civile DRAFT 1 1 WORKSHOP ESPA Emergency Stress Psycological Assistance LE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA

Dettagli

CONFERENZA STAMPA giovedì 27 Marzo 2012 ore 11.30

CONFERENZA STAMPA giovedì 27 Marzo 2012 ore 11.30 CONFERENZA STAMPA giovedì 27 Marzo 2012 ore 11.30 Esercitazioni Provinciali 13 novembre 2010 Provincia ESERCITAZIONI PROVINCIALE PROTEZIONE CIVILE E ANTINCENDIO BOSCHIVO Scenari di rischio incendi boschivi

Dettagli

L esperienza della Polizia Municipale di Bologna nella rete R3

L esperienza della Polizia Municipale di Bologna nella rete R3 L esperienza della Polizia Municipale di Bologna nella rete R3 Bologna, 11 dicembre 2008 Romano Mignani Comandante della Polizia Municipale di Bologna Sommario Sommario: Alcune informazioni sul nostro

Dettagli

AGGIORNAMENTO anno 2010

AGGIORNAMENTO anno 2010 Allegato alla delibera di G.C. n. 117 del 21/12/2010 PIANO TRIENNALE 2009-2011 PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE

Dettagli

FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DI INTERVENTO NEL SOCIALE DA INCLUDERE NELLA BACHECA DELLE DONAZIONI

FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DI INTERVENTO NEL SOCIALE DA INCLUDERE NELLA BACHECA DELLE DONAZIONI FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DI INTERVENTO NEL SOCIALE DA INCLUDERE NELLA BACHECA DELLE DONAZIONI PROFILO DELL ORGANIZZAZIONE 1 *Denominazione e sigla Associazione Volontari Ospedalieri

Dettagli

Creare una Rete Locale Lezione n. 1

Creare una Rete Locale Lezione n. 1 Le Reti Locali Introduzione Le Reti Locali indicate anche come LAN (Local Area Network), sono il punto d appoggio su cui si fonda la collaborazione nel lavoro in qualunque realtà, sia essa un azienda,

Dettagli

TELECONTROLLO DELLA DISTRIBUZIONE ACQUA POTABILE E COLLETTAMENTO ACQUE REFLUE PER AZIENDA GARDESANA SERVIZI

TELECONTROLLO DELLA DISTRIBUZIONE ACQUA POTABILE E COLLETTAMENTO ACQUE REFLUE PER AZIENDA GARDESANA SERVIZI TELECONTROLLO DELLA DISTRIBUZIONE ACQUA POTABILE E COLLETTAMENTO ACQUE REFLUE PER AZIENDA GARDESANA SERVIZI s.d.i. automazione industriale ha realizzato per l Azienda Gardesana Servizi (AGS) di Peschiera

Dettagli

Piano triennale 2010-2012 per l individuazione di misure finalizzate alla razionalizzazione dell utilizzo delle dotazioni strumentali, delle

Piano triennale 2010-2012 per l individuazione di misure finalizzate alla razionalizzazione dell utilizzo delle dotazioni strumentali, delle Piano triennale 2010-2012 per l individuazione di misure finalizzate alla razionalizzazione dell utilizzo delle dotazioni strumentali, delle autovetture di servizio, dei beni immobili previsto dalla legge

Dettagli

LINEE GUIDA RIGUARDO LA SCELTA E L IMPIEGO DELLA FUNZIONALITA DI LOCALIZZAZIONE NELL AMBITO DELLA RETE RADIOMOBILE REGIONALE ERretre

LINEE GUIDA RIGUARDO LA SCELTA E L IMPIEGO DELLA FUNZIONALITA DI LOCALIZZAZIONE NELL AMBITO DELLA RETE RADIOMOBILE REGIONALE ERretre LINEE GUIDA RIGUARDO LA SCELTA E L IMPIEGO DELLA FUNZIONALITA DI LOCALIZZAZIONE NELL AMBITO DELLA RETE RADIOMOBILE REGIONALE ERretre Pagina 1 di 9 1.Introduzione. La rete Tetra ERretre permette di realizzare

Dettagli

COMUNE DI SINNAI Provincia di Cagliari

COMUNE DI SINNAI Provincia di Cagliari COMUNE DI SINNAI Provincia di Cagliari ALL. 2 Piano di protezione civile SCHEDA COMUNE COMMITTENTE: Comune di Sinnai REV SCALA BASE TOPOGRAFICA: DATA 01 Aprile 2014 IL SINDACO Dott. ssa Maria Barbara Pusceddu

Dettagli

VISTO il D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267; VISTO lo Statuto Comunale; VISTO il vigente Regolamento di contabilità;

VISTO il D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267; VISTO lo Statuto Comunale; VISTO il vigente Regolamento di contabilità; LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO che: -la Legge 24.12.2007, n.244 (Legge Finanziaria 2008) prevede alcune rilevanti disposizioni dirette al contenimento e alla razionalizzazione delle spese di funzionamento

Dettagli

UNIONE BASSA EST PARMENSE

UNIONE BASSA EST PARMENSE UNIONE BASSA EST PARMENSE PIANO TRIENNALE DI PREVISIONE ai sensi dell art. 2 commi da 594 a 595 Legge n. 244 del 24.12.2007 PREMESSA La Legge Finanziaria per il 2008 (Legge n. 244 del 24 dicembre 2007)

Dettagli

ATTIVITA ESERCITATIVE IN IPOTESI DI EMERGENZA SIMULATA: RISCHIO IDROGEOLOGICO ALLUVIONE TORRE - ISONZO 2007

ATTIVITA ESERCITATIVE IN IPOTESI DI EMERGENZA SIMULATA: RISCHIO IDROGEOLOGICO ALLUVIONE TORRE - ISONZO 2007 Protezione civile della regione Comune di RUDA Distretto di Protezione Civile Destra Torre (Aiello, Campolongo, Ruda, S.Vito al Torre, Tapogliano,Villa Vicentina, Visco) ATTIVITA ESERCITATIVE IN IPOTESI

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE. Indicazioni Procedurali: INCENDIO

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE. Indicazioni Procedurali: INCENDIO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO Piano di Protezione Civile Comunale PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Indicazioni Procedurali: INCENDIO Comune di Volpago del Montello Indicazioni

Dettagli

COMUNE DI REVINE LAGO Provincia di Treviso PIANO TRIENNALE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI 2012 2014

COMUNE DI REVINE LAGO Provincia di Treviso PIANO TRIENNALE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI 2012 2014 Allegato A alla delibera di Giunta Comunale n. 125 del 30.11.2011 COMUNE DI REVINE LAGO Provincia di Treviso PIANO TRIENNALE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI 2012 2014 (art. 2, comma

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA TRENTO. Trentino in Rete: il progetto nella Comunità della Valle dei Laghi 16 giugno 2011

PROVINCIA AUTONOMA TRENTO. Trentino in Rete: il progetto nella Comunità della Valle dei Laghi 16 giugno 2011 Trentino in Rete: il progetto nella Comunità della Valle dei Laghi 16 giugno 2011-1 - Il contesto 1/2 La digitalizzazione, l innovazione e la disponibilità di infrastrutture a larga banda sono le leve

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI.

PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI. Parte I PREMESSA Nel più ampio ambito della legislazione ispirata al contenimento della spesa pubblica, le disposizioni contenute nei commi 594, 595, 596, 597, 598, 599 dell articolo 2 della legge 24.12.2007

Dettagli

OGGETTO: incarico di consulenza, assistenza tecnica informatica e manutenzione hardware/software CIG Z5A1248ED0

OGGETTO: incarico di consulenza, assistenza tecnica informatica e manutenzione hardware/software CIG Z5A1248ED0 Cod. Fiscale 92045820013 via Ciriè 54 10071 BORGARO (TO) Tel. 011 4702428/011 4703011 Fax 011 4510084 e-mail toic89100p@istruzione.it sito web: http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14

Dettagli

DIVISIONE COMUNICAZIONI DI TECHBOARD

DIVISIONE COMUNICAZIONI DI TECHBOARD 1 DIVISIONE COMUNICAZIONI DI TECHBOARD, COMUNICAZIONI ALTERNATIVE, la neo nata DIVISIONE TELECOMUNICAZIONI di TECHBOARD opera nel campo delle telecomunicazioni professionali da oltre 30 anni. Il core business

Dettagli

U N I F E. http://www.unife.it/dipartimento/ingegneria. Dipartimento di Ingegneria di Ferrara Polo Scientifico Tecnologico

U N I F E. http://www.unife.it/dipartimento/ingegneria. Dipartimento di Ingegneria di Ferrara Polo Scientifico Tecnologico Dipartimento di Ingegneria di Ferrara Polo Scientifico Tecnologico via Saragat 1 44122, Ferrara url:www.unife.it/dipartimento/ingegneria telefono: 0532.974800 Direttore: prof. Giorgio Vannini Offerta Formativa:

Dettagli

Nuove tecnologie per terminali più evoluti Luciano Cavazzana

Nuove tecnologie per terminali più evoluti Luciano Cavazzana Nuove tecnologie per terminali più evoluti Luciano Cavazzana Direttore Generale Nuove tecnologie per i terminali POS L evoluzione tecnologica sta modificando fortemente il modo di lavorare con: l impiego

Dettagli

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE Incontro informativo 23 aprile 2013 DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE Vilminore Piazza Brembana Gromo Progetto di ampliamento delle sedi configurazione a regime

Dettagli

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE ORGANIZZAZIONE E RISORSE IL SISTEMA DI ALLERTAMENTO

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE ORGANIZZAZIONE E RISORSE IL SISTEMA DI ALLERTAMENTO IL SISTEMA DI ALLERTAMENTO Per le attuazioni delle procedure previste dal regolamento, si fa riferimento all utilizzo del software di protezione civile a corredo di questo manuale, e parte fondamentale

Dettagli

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER BLACK OUT

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER BLACK OUT Comune di Padova Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER BLACK OUT Procedura di emergenza DISTRETTO PROVINCIALE PADOVA CITTÀ Aggiorna e sostituisce

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2012/2014 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI DELLE AUTOVETTURE DI SERVIZIO E DEI BENI IMMOBILI

PIANO TRIENNALE 2012/2014 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI DELLE AUTOVETTURE DI SERVIZIO E DEI BENI IMMOBILI COMUNE DI SALBERTRAND Provincia di Torino P.ZZA MARTIRI DELLA LIBERTÀ, N.1 C.A.P.10050 partita IVA-C.F. 00881010011 Tel 0122/854595 Fax 0122/854733 e-mail info@comune.salbertrand.to.it PIANO TRIENNALE

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA TRENTO. Trentino in Rete. Settembre 2014

PROVINCIA AUTONOMA TRENTO. Trentino in Rete. Settembre 2014 Trentino in Rete Settembre 2014-1- Gli obiettivi Sviluppo della società dell informazione Le infrastrutture telematiche come elemento fondamentale per lo sviluppo economico e sociale del territorio provinciale

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI GESTIONE PER IL PERIODO 2014/2016

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI GESTIONE PER IL PERIODO 2014/2016 Allegato A PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI GESTIONE PER IL PERIODO 2014/2016 PREMESSA PARTE PRIMA ( dotazioni strumentali delle postazioni di lavoro art. 2 comma 594 L. n.244/2007)

Dettagli

Pianificazione sanitaria territoriale per l attuazione di procedure ed interventi in occasione di eventi di protezione civile e/o pandemici

Pianificazione sanitaria territoriale per l attuazione di procedure ed interventi in occasione di eventi di protezione civile e/o pandemici Pianificazione sanitaria territoriale per l attuazione di procedure ed interventi in occasione di eventi di protezione civile e/o pandemici G. Barreca Genova 09/06/2010 Provincia di Firenze Servizio Protezione

Dettagli

Scheda: CL1 FUNZIONE : TECNICO SCIENTIFICA E PIANIFICAZIONE TIPOLOGIA : Enti locali e regioni

Scheda: CL1 FUNZIONE : TECNICO SCIENTIFICA E PIANIFICAZIONE TIPOLOGIA : Enti locali e regioni Scheda: CL1 FUNZIONE : TECNICO SCIENTIFICA E PIANIFICAZIONE TIPOLOGIA : Enti locali e regioni Denominazione Ente: COMUNE DI POGGIOMARINO Coordinate : S. R.: Provincia: Comune: Località: Indirizzo: CAP:

Dettagli

Specifiche caratteristiche richieste

Specifiche caratteristiche richieste Specifiche caratteristiche richieste TERMINI DI CONSEGNA L immobile dovrà essere consegnato entro il 1/12/2013. Il canone di locazione verrà, in ogni caso, corrisposto a far data dal primo giorno del mese

Dettagli

Piano Nazionale di Formazione degli Insegnanti sulle Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione. Percorso Formativo C1.

Piano Nazionale di Formazione degli Insegnanti sulle Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione. Percorso Formativo C1. Piano Nazionale di Formazione degli Insegnanti sulle Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione Percorso Formativo C1 Modulo 2 Computer hardware 1 OBIETTIVI Identificare, descrivere, installare

Dettagli

A.S.P. DEL RUBICONE RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DEL PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI

A.S.P. DEL RUBICONE RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DEL PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI A.S.P. DEL RUBICONE Azienda pubblica di Servizi alla Persona Sede legale e amministrativa: Via Manzoni, 19 47030 San Mauro Pascoli (FC) RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DEL PIANO TRIENNALE 2013-2015

Dettagli

Il quadro generale del sistema scolastico italiano

Il quadro generale del sistema scolastico italiano Il quadro generale del sistema scolastico italiano Dall osservatorio EENET un esempio di scheda per descrivere il sistema scolastico nei singoli paesi Stefania Bocconi, Istituto Tecnologie Didattiche -

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2012-2014 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO

PIANO TRIENNALE 2012-2014 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO PIANO TRIENNALE 2012-2014 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO Dotazioni strumentali, anche informatiche, che corredano le stazioni di lavoro nell automazione d ufficio La dotazione informatica

Dettagli

Relazione misure finalizzate al contenimento della spesa per l esercizio 2009 (art. 2 Commi 594-599 della Legge 244/2007 - Legge Finanziaria 2008)

Relazione misure finalizzate al contenimento della spesa per l esercizio 2009 (art. 2 Commi 594-599 della Legge 244/2007 - Legge Finanziaria 2008) Relazione misure finalizzate al contenimento della spesa per l esercizio 2009 (art. 2 Commi 594-599 della Legge 244/2007 - Legge Finanziaria 2008) In esecuzione dell adempimento previsto dall art. 2 commi

Dettagli

+ TELEMATICA = TELEcomunicazioni + informatica Informatica applicata alle telecomunicazioni

+ TELEMATICA = TELEcomunicazioni + informatica Informatica applicata alle telecomunicazioni Cosa è l I.C.T I.T. (Information Technology) significa INFORMATICA = INFORMazione + automatica Scienza per la gestione delle informazioni in modo automatico, cioè attraverso il computer + TELEMATICA =

Dettagli

Laboratorio di idee per conoscere e superare l Emergenza. Con il patrocinio di

Laboratorio di idee per conoscere e superare l Emergenza. Con il patrocinio di Laboratorio di idee per conoscere e superare l Emergenza Con il patrocinio di Il 10 e 11 maggio 2014 l Autodromo Nazionale Monza ospiterà EMERlab,la manifestazione dedicata al mondo della Protezione Civile

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Corso Base per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile Cassano D Adda - 07.05.2010 INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Materiale didattico a cura

Dettagli

COMUNE DI RIGOLATO Provincia di Udine

COMUNE DI RIGOLATO Provincia di Udine N 31 del Reg. Del COMUNE DI RIGOLATO Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale SEDUTA del 07/05/2015 OGGETTO: ADOZIONE PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI.

Dettagli

PIANO SPEDITIVO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI ARGENTA

PIANO SPEDITIVO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI ARGENTA Comune di Argenta Provincia di Ferrara PIANO SPEDITIVO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI ARGENTA Il Sindaco: Dott. Antonio Fiorentini Gruppo di lavoro Polizia Municipale Allertamento, Associazionismo Comandante

Dettagli

Le dotazioni strumentali anche informatiche che corredano le stazioni di lavoro degli uffici sono di seguito riportate:

Le dotazioni strumentali anche informatiche che corredano le stazioni di lavoro degli uffici sono di seguito riportate: PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO ART. 2, COMMI 594 E SEGG. LEGGE 244/2007 (Legge Finanziaria 2008). Al fine del contenimento

Dettagli

MODELLO D INTERVENTO B/1 Rischio sismico. Gestione dell emergenza. Responsabile della Protezione Civile e Coordinatore del COC

MODELLO D INTERVENTO B/1 Rischio sismico. Gestione dell emergenza. Responsabile della Protezione Civile e Coordinatore del COC MODELLO D INTERVENTO B/1 Rischio sismico Gestione dell emergenza Al manifestarsi dell evento, qualora l intensità della scossa fosse tale da superare il quinto grado della scala MCS ed il conseguente effetto

Dettagli

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE P.E.G.

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE P.E.G. PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE P.E.G. ANNO FINANZIARIO 2011 Allegato A PEG 2011 Cos'è il Piano esecutivo di gestione Il Piano esecutivo di gestione è uno strumento di programmazione dell'amministrazione.

Dettagli

Specifiche caratteristiche richieste

Specifiche caratteristiche richieste Specifiche caratteristiche richieste TERMINI DI CONSEGNA L immobile dovrà essere consegnato entro il 1/12/2013. Il canone di locazione verrà in ogni caso corrisposto a far data dal primo giorno del mese

Dettagli

Regione Liguria RELAZIONE TECNICA. (allegata alla domanda di riconoscimento dei prestatori di servizi agroforestali)

Regione Liguria RELAZIONE TECNICA. (allegata alla domanda di riconoscimento dei prestatori di servizi agroforestali) MODELLO 5 Regione Liguria RELAZIONE TECNICA (allegata alla domanda di riconoscimento dei prestatori di servizi agroforestali) IDENTIFICATIVI DELL ORGANISMO RICHIEDENTE: Denominazione Forma giuridica Codice

Dettagli

System Integrator Networking & Communication

System Integrator Networking & Communication Servizi Assistenza - Consulenza Informatica La società Centro Multimediale nasce nel 2005 per offrire servizi ed assistenza in materia informatica. L'esperienza maturata negli anni ha permesso al personale

Dettagli

ALLEGATO n. 9 ELENCO ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO

ALLEGATO n. 9 ELENCO ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO ALLEGATO n. 9 ELENCO ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DENOMINAZIONE INDIRIZZO RECAPITI RESPONSABILE SOCI MEZZI MATERIALE SPECIALIZZAZIONE A.N.A. Nazionale Alpini Gruppo di Macerata Piazza Ciccolini, 9 Tel:

Dettagli

Video Controllo & Spyone - CENTRO ASSISTENZA INFORMATICA COMPUTER PC MAC HP NOTEBOOK D PREMESSA

Video Controllo & Spyone - CENTRO ASSISTENZA INFORMATICA COMPUTER PC MAC HP NOTEBOOK D PREMESSA PREMESSA Nel settore della videosorveglianza vengono attualmente usate molte tipologie di sistemi e dispositivi per il monitoraggio e la protezione di edifici e persone. Per meglio comprendere la portata

Dettagli

Corso specializzazione per soccorritori/operatori CRI in protezione civile (1 Livello)

Corso specializzazione per soccorritori/operatori CRI in protezione civile (1 Livello) CROCE ROSSA ITALIANA PROGETTO FORMATIVO Corso specializzazione per soccorritori/operatori CRI in protezione civile (1 Livello) SECONDO LE LINEE GUIDA DEL DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE E DELLA CROCE

Dettagli

Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015

Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015 Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015 PIANIFICAZIONE INVERNALE PER LA GESTIONE DELLA VIABILITA E REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI PESANTI IN AUTOSTRADA IN CASO DI PRECIPITAZIONI NEVOSE

Dettagli

10. FUNZIONI DI SUPPORTO

10. FUNZIONI DI SUPPORTO 10. FUNZIONI DI SUPPORTO La pianificazione dell emergenza basata sulla direttiva del Dipartimento di Protezione Civile Metoto Augustus prevede che, al verificarsi di un evento calamitoso si organizzino

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE Si chiede di iniziare dal punto 3 dell ordine del giorno. I Consiglieri sono d accordo. Illustra l Assessore Diegoli. IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO CHE: - rientra tra gli obiettivi dell Amministrazione

Dettagli

PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI

PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI COMUNE DI MAGIONE PROVINCIA DI PERUGIA Piazza Fra Giovanni da Pian di Carpine, 16 06063 Magione C.F./P.I.. 00349480541 - Tel. 075/847701 - Fax 075/8477041 AREA SEGRETERIA GENERALE PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE

Dettagli

Il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e il sistema di Comando per la Gestione delle Emergenze

Il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e il sistema di Comando per la Gestione delle Emergenze Corso di formazione di base per Volontari di Protezione Civile Provincia di Bergamo Bergamo Croce Bianca, 9 novembre 2012 Il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e il sistema di Comando per la Gestione

Dettagli

PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI

PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI COMUNE DI MAGIONE PROVINCIA DI PERUGIA Piazza Fra Giovanni da Pian di Carpine, 16 06063 Magione C.F./P.I.. 00349480541 - Tel. 075/847701 - Fax 075/8477041 AREA SEGRETERIA GENERALE PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2014/2016. finalizzato alla RAZIONALIZZAZIONE. DELL utilizzo dei beni e. DELLE strutture comunali

PIANO TRIENNALE 2014/2016. finalizzato alla RAZIONALIZZAZIONE. DELL utilizzo dei beni e. DELLE strutture comunali C O M U N E D I S C A R N A F I G I Provincia di Cuneo Corso Carlo Alberto n. 1 12030 SCARNAFIGI (Cuneo) segreteria@comune.scarnafigi.cn.it www.comune.scarnafigi.cn.it PIANO TRIENNALE 2014/2016 finalizzato

Dettagli

con l articolo 108 del decreto legislativo n. 112/1998 sono state trasferite ulteriori funzioni alle Regioni, alle Province ed ai Comuni;

con l articolo 108 del decreto legislativo n. 112/1998 sono state trasferite ulteriori funzioni alle Regioni, alle Province ed ai Comuni; REGIONE PIEMONTE BU12 24/03/2011 Codice DB1414 D.D. 17 dicembre 2010, n. 3455 Acquisizione di apparecchiature radio ricetrasmittenti ad integrazione della rete radio regionale di protezione civile Emercom.Net-Piemonte.

Dettagli

Comune di Colbordolo Provincia di Pesaro Urbino

Comune di Colbordolo Provincia di Pesaro Urbino Comune di Colbordolo Provincia di Pesaro Urbino PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI ANCHE INFORMATICHE, DELLE AUTOVETTURE

Dettagli

Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi per i centri residenziali di cure palliative

Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi per i centri residenziali di cure palliative Testo aggiornato al 13 gennaio 2006 Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 20 gennaio 2000 Gazzetta Ufficiale 21 marzo 2000, n. 67 Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti strutturali,

Dettagli

RAPPORTO SULLO STATO DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE NELLA PROVINCIA DI COSENZA SCHEDA INFORMATIVA

RAPPORTO SULLO STATO DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE NELLA PROVINCIA DI COSENZA SCHEDA INFORMATIVA RAPPORTO SULLO STATO DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE NELLA PROVINCIA DI COSENZA SCHEDA INFORMATIVA ASSOCIAZIONE NAZIONALE LIBERA CACCIA SEGRETERIA PROVINCIALE RAPPORTO SULLO STATO DEL VOLONTARIATO

Dettagli

CIRCOLARE AIPA/CR/15, 22 maggio 1997 (urn:nir:autorita.informatica.pubblica.amministrazione:circolare:1997-05-22;15)

CIRCOLARE AIPA/CR/15, 22 maggio 1997 (urn:nir:autorita.informatica.pubblica.amministrazione:circolare:1997-05-22;15) CIRCOLARE AIPA/CR/15, 22 maggio 1997 (urn:nir:autorita.informatica.pubblica.amministrazione:circolare:1997-05-22;15) Aggiornamento della classificazione dei prodotti e servizi informatici (circolare 24

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA E RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA, DI CONFORMITA ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA E RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA, DI CONFORMITA ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE DICHIARAZIONE DI CONFORMITA E RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA, DI CONFORMITA ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Il sottoscritto.progettista delle opere suddette, nato

Dettagli

SEZIONE CONEGLIANO VITTORIO VENETO

SEZIONE CONEGLIANO VITTORIO VENETO SEZIONE CONEGLIANO VITTORIO VENETO Elaborata a cura del U.N.U.C.I. Gruppo Provinciale Protezione Civile Ten. F. MESSINA Non dobbiamo mai dare per scontato che a risolvere i nostri problemi siano sempre

Dettagli

0. Introduzione. 1. Quadro normativo

0. Introduzione. 1. Quadro normativo 0. Introduzione 1. Quadro normativo 2. Organizzazione in Emilia-Romagna 3. Colonna Mobile Regionale 4. Formazione 5. Benefici Normativi 6. Prospettive 0. Introduzione Il Volontariato di Protezione Civile,

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE TELECOMUNICAZIONI INTEGRATO (GETI) Mod. S0191

SISTEMA DI GESTIONE TELECOMUNICAZIONI INTEGRATO (GETI) Mod. S0191 SISTEMA DI GESTIONE TELECOMUNICAZIONI INTEGRATO (GETI) Mod. S0191 Da pag. 1 a pag. 5 Modello S0191.0000 (Base 2005) Da pag. 6 a pag. 7 Modello S0191.0001 (Base 2008) Da pag. 8 a pag. 9 Modello S0191.0002

Dettagli