Equopertutti: zucchero e caffè made in dignity sotto i riflettori per scoprire il commercio. Diego Parassole: un caffè per dormire sonni tranquilli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Equopertutti: zucchero e caffè made in dignity sotto i riflettori per scoprire il commercio. Diego Parassole: un caffè per dormire sonni tranquilli"

Transcript

1 Settembre 2010 IN MOVIMENTO VIVI SOLIDALE COSÌ LONTANO, COSÌ VICINO Scambiamo il mondo : le Botteghe raccontano le iniziative per la Giornata mondiale del commercio equo Salgono a dieci le Regioni amiche del commercio equo Equopertutti: zucchero e caffè made in dignity sotto i riflettori per scoprire il commercio equo Diego Parassole: un caffè per dormire sonni tranquilli Guatemala: la rinascita dopo la dittatura. Progetti che valorizzano la cultura maya e un viaggio indimenticabile India: tutelare la biodiversità è proteggere la vita Poste Italiane s.p.a. spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L.27/02/2004 n. 46) Art. 1, comma 2, DCB Verona. Chi ci guadagna? Alla scoperta delle filiere di caffè e zucchero

2

3 editoriale Organizzare un evento che con tante diverse sfaccettature coinvolge tutta l Italia è entusiasmante e lascia la sensazione di far parte di qualcosa di grande e vitale, di un movimento di persone che si mettono in gioco per un ideale importante. Negli ultimi mesi siamo stati impegnati con passione nell organizzazione della seconda edizione di Equopertutti, in cui ci siamo posti un grande obiettivo: far avvicinare il maggior numero possibile di persone al mondo del commercio equo e solidale, stimolare la riflessione sul nostro stile di vita e sugli impatti che ha sulle popolazioni e sull ambiente. Questo numero di altromagazine vuole essere quindi uno strumento di riflessione e approfondimento per comprendere alcune delle dinamiche economiche più comuni ma al tempo stesso più squilibrate della nostra realtà. È dedicato infatti ai percorsi che si sviluppano attorno a due prodotti fondamentali, che abbiamo scelto come testimonial di questa edizione: lo zucchero e il caffè. Versare lo zucchero in una tazzina di caffè fumante infatti è uno dei gesti più comuni e trasversali che potremmo mai compiere, e dal Trentino alla Sicilia si ripete milioni di volte al giorno. Ma cosa c è davvero dietro quei pochi sorsi di piacere? E soprattutto: a chi vanno i soldi del nostro caffè al bar o del pacchetto che acquistiamo al supermercato? È questa la provocazione che vogliamo lanciare chiedendo chi ci guadagna?, considerando anche l ambiente e le persone stesse che acquistano i prodotti. Nelle pagine di questo altromagazine vogliamo raccontare una realtà spesso taciuta dai mass media e di come il commercio equo e solidale sia un valido percorso alternativo per lo sviluppo economico e per l ambiente. Lo vogliamo fare anche con racconti di viaggio, testimonianze e perché no qualche sorriso. Ti aspettiamo a Equopertutti! Gianluca Diegoli, Responsabile Comunicazione Ctm altromercato

4 i indice Le Botteghe raccontano Caffè corretto Equopertutti Il servizio buono in movimento vivi solidale Editoriale Sulla bocca e... nella tazza di tutti Torna la fiera Quattro Passi Zucchero dolce amaro

5 indice i Dulcis in fundo... Per la stessa ragione del viaggio, viaggiare Che Bio ce la mandi buona! vivi solidale così lontano così vicino Trame che scaldano l inverno Bibliotequa La biodiversità è vita Una sola voce contro la guerra e lo sfruttamento

6 in movimento 6 LE BOTTEGHE RACCONTANO mo che ognuno di noi possa mettersi in gioco per cambiare le regole del commercio internazionale tradizionale e scoprire un nuovo metodo di consumo, più consapevole, rispettoso dell uomo e dell ambiente. Le Botteghe di tutta Italia hanno partecipato a questa iniziativa organizzando decine di eventi dei gene- Scambiamo il mondo è un iniziativa nata nell ambito della campagna D(i) ritto al Cibo in occasione della Giornata mondiale del commercio equo e solidale dell 8 maggio scorso e nel quadro del progetto Saperi e Sapori 3 cofinanziato dalla Regione Veneto. Perché Scambiamo il mondo? Perché crediari più diversi: cene, degustazioni, incontri con i produttori, concorsi di cucina, tutto per avvicinare sempre più persone al mondo del commercio equo e invitarle a essere protagoniste del cambiamento. Di seguito, i racconti inviati da alcune Botteghe che hanno partecipato. Buona lettura! 1 Se la mente dell allievo è aperta, il maestro giusto arriva! Agung Alit e sua moglie Hani, coordinatori di Mitra Bali, lo scorso maggio sono stati in visita ad Adria, ospiti della bottega Una Sola Terra. Il loro programma prevedeva un incontro serale e tre incontri per i ragazzi delle scuole. Tra racconti, spiegazioni, aneddoti, battute di spirito e canzoni, Agung e Hani hanno conquistato il pubblico, che si è dimostrato attento e interessato. La loro testimonianza di impegno familiare è stata particolarmente sentita e sicuramente stimo- lerà la riflessione dei ragazzi e degli insegnanti. Agung ed Hani hanno dato inizio ad una nuova missione, quella di sensibilizzare i giovanissimi anche nel loro Paese per la costruzione di un mondo più giusto, anche se il regime indonesiano non approva che idee rivoluzionarie come i principi del commercio equo vengano diffuse, soprattutto nelle scuole. Il Mappamondo (Chioggia, Venezia) Diritto al cibo? Prendiamoci un impegno! In occasione della Giornata mondiale del commercio equo e solidale, sabato 8 maggio 2010 abbiamo offerto ai clienti della nostra Bottega una torta al cioccolato e caffè che è stata molto apprezzata, così come è stata trovata molto carina l idea del prendersi un piccolo impegno nel quotidiano che è stata spunto di discussione e confronto sul Diritto al Cibo. Oltre alla spillina di Scambiamo il mondo abbiamo anche regalato delle ricette da preparare con prodotti equi che si sono volatilizzate! Buona recettività, quindi, per questo evento, nonostante la gente sia capitata per caso in Bottega e non perché lo abbia letto in giro su manifesti delle Botteghe. Emi, Spicchio di Mondo (Borgo San Dalmazzo, Cuneo)

7 in movimento LE BOTTEGHE RACCONTANO 7 Cantare la libertà e la giustizia Il 18 maggio 2010 è una data da ricordare. È stata una grande festa, e ci ricorderemo a lungo il tour dei produttori che ha portato a Reggio Calabria, in occasione della Giornata mondiale del commercio equo e solidale, Agung Alit e sua moglie, coordinatori di Mitra Bali, un organizzazione indonesiana inserita nel circuito equo mondiale. Il loro arrivo in città ha riunito tutti i soci e gli amici della Bottega per dare una mano, per essere presenti o semplicemente per curiosità. L incontro con circa 120 giovani studenti dell Istituto Tecnico R. Piria è stato coinvolgente e ha lasciato il segno: la passione di Agung per il lavoro che svolge è palpabile e si avverte non appena cerca il contatto diretto con il pubblico. Agung ha cantato con i ragazzi la sua fiducia nel commercio equo come libertà dalle ingiustizie del mondo, una canzone che egli stesso ha scritto e che è possibile ascoltare accedendo al sito web Molti ragazzi si sono avvicinati alla Bottega con la voglia di partecipare e collaborare, esprimendo l esigenza, condivisa anche dal preside e da tutti i professori, di approfondire il tema e conoscere meglio le dinamiche che stanno alla base del commercio tradizionale. Non poteva mancare per i nostri ospiti una visita ai Bronzi di Riace e ai reperti archeologici di quella che fu un importante colonia greca: Rhegium. Il pomeriggio è trascorso presso la Bottega del Sud dove è stata realizzata l intervista con Telereggiocalabria, tra un pubblico curioso e attento. Un esperienza sicuramente da ripetere per continuare il cammino culturale sul commercio equo e solidale. Bottega del Sud (Reggio Calabria) 2 Una favola dal lieto fine Il nostro Scambiamo il mondo è stato davvero meraviglioso. Abbiamo organizzato in via Farini, nel pieno centro di Parma, un teatrino per bambini di tutte le età in cui abbiamo raccontato e sceneggiato una favola equosolidale, scritta per l occasione. Non vi dico l entusiasmo dei bambini... e l afflusso massiccio, nonostante il tempo alquanto incerto! Elisa, Il Mappamondo (Parma) Addolciamo il mondo: un grande successo L evento di sabato 8 maggio 2010, in occasione della Giornata mondiale del commercio equo e solidale, e dell inizio della campagna Scambiamo il mondo, è stato un grande successo per tutti quelli che vi hanno preso parte. Il fulcro della giornata è stata una gara dolcissima: in concorso 28 dolci tra torte, biscotti, cioccolatini e addirittura un liquore! Tutti i dolci avevano una caratteristica comune: almeno due ingredienti provenivano dal commercio equo ed erano stati acquistati in Bottega a metà prezzo. Oltre ad essere bellissimi, i dolci erano anche molto buoni e sono stati votati dalla giuria, composta da assaggiatori volontari. La Bottega ha offerto, insieme alle delizie casalinghe, i migliori tè e caffè provenienti da tutto il mondo, e a fine giornata, le votazioni hanno decretato il vincitore: un classico salame al cioccolato davvero ben realizzato, anche grazie alla qualità dei prodotti equosolidali. Il vincitore è stato omaggiato di un cesto di prodotti della Bottega Effetto Terra e il secondo classificato ha ricevuto un buono da 20 euro spendibile sempre nel negozio di via Gramsci. Ringraziamo di cuore tutti i partecipanti, pasticceri e giuria, per la collaborazione: la riuscita di questa bella giornata, all insegna delle calorie e del divertimento, è stata merito loro! Speriamo di rivedervi ai prossimi eventi in programma. Ass. Effetto Terra (Paderno Dugnano, Milano) 3 foto 1: Agung e Hani Alit con gli amici della Bottega Una Sola Terra foto 2: Agung Alit intervistato alla Bottega del Sud di Reggio Calabria foto 3: gli ottimi dolci in concorso alla Bottega Effetto Terra

8

9 in movimento IN AZIONE! CAMPAGNE ED EVENTI 9 La fiera delle buone pratiche in rete Alla scoperta dell economia delle relazioni. di Alessandro Franceschini Le Botteghe del Mondo, i volontari, i soci: tutti sono invitati a visitare la Fiera Quattro Passi a Treviso! Perché? Innanzi tutto perché è uno degli eventi più importanti a livello nazionale per quanto riguarda la cooperazione, lo sviluppo sostenibile e la tutela dell ambiente. ed è organizzato da un socio del Consorzio, ossia la Cooperativa Pace e Sviluppo, in collaborazione con Ctm altromercato. Ma è anche l occasione per incontrarsi: domenica mattina per il terzo anno consecutivo è previsto il raduno dei volontari delle Botteghe Altromercato del nordest ma sa- Il 4 giugno scorso si è svolto a Roma il convegno nazionale Le Regioni con la rete equosolidale per un percorso condiviso, in occasione dell apertura della terza edizione di Equa, la fiera del commercio equo ligure. È stata una giornata di approfondimento sulla normativa regionale a favore del commercio equo e solidale dedicata allo scambio di esperienze e alla condivisione di indirizzi da parte delle istituzioni e delle organizzazioni equosolidali. Da anni l Assemblea Generale del Commercio Equo e Solidale (Agices) lavora affinché i suoi soci vengano riconosciuti dalle istituzioni come realtà che attraverso il commercio, la crescita della consapevolezza dei consumatori, l educazione, l informaranno benvenuti i volontari da ogni parte d Italia per una mattina di formazione e incontro, nel quadro di iniziative promosse dal Consorzio per la formazione dei volontari. L anno scorso eravamo oltre 150! Tema della sesta edizione di Quattro Passi, che si terrà a Treviso (in un bel parco, tutto nuovo) il 25 e 26 settembre 2010, sarà: Reti Liberatutti, scopriamo l economia delle relazioni. Le buone pratiche che mettono in rete i soggetti economici, dai produttori ai consumatori. Dalla cooperazione a nuove forme di lavoro, dalla filiera corta all economia di prossimità, dal commercio equo e solidale all agricoltura bio. Ampio programma di incontri, laboratori, visite guidate, attività per bimbi, seminari Tutte le info su Vi aspettiamo! Dieci regioni per il Commercio Equo Un riconoscimento importante all impegno di decine di organizzazioni. zione e l azione politica, si impegnano per la giustizia sociale ed economica, lo sviluppo sostenibile, il rispetto per le persone e per l ambiente. Le leggi regionali approvate a oggi in 10 regioni italiane (Liguria, Marche, Umbria, Lazio, Toscana, Abruzzo, Piemonte, Emilia Romagna e Veneto, a cui si è recentemente aggiunto anche il Trentino Alto Adige) sono una conseguenza tangibile di questo riconoscimento. Grazie a queste leggi, le organizzazioni equosolidali hanno avuto a disposizione un importo complessivo annuale di più di un milione e mezzo di euro che è andato in buona parte a sostenere iniziative di formazione e informazione. Un sostegno importante, quindi, a un settore che resiste alla crisi. I dati del Rapporto Annuale 2009 presentato da Agices, infatti, dimostrano come il commercio equo continui a crescere, non solo a vantaggio dei produttori del Sud del mondo (106 in Asia, 92 in America Latina e 61 in Africa), ma anche dell economia italiana. Le organizzazioni di commercio equo hanno avuto un aumento dei ricavi di quasi 6 milioni di euro (per un totale di 86 milioni e mezzo) garantendo uno spazio di lavoro a oltre 1000 persone in tutta Italia. Gli investimenti in questo capitolo hanno sfiorato a livello aggregato nazionale i 13 milioni di euro, con una media di quasi 12mila euro di costi sostenuti per ciascuna persona impiegata, tra tempo pieno, tempo parziale e collaborazioni.

10 10 in movimento IN AZIONE! CAMPAGNE ED EVENTI Dopo il successo della prima edizione, lo scorso anno, Equopertutti ritorna con due settimane dense di eventi rivolti a tutti! Sarà ancora una volta un importante occasione per uscire dalle Botteghe per incontrare e sensibilizzare un numero sempre più vasto di persone e di imprese verso un modo diverso di consumare, più attento alla persona e alla sua dignità, all ambiente e alle sue risorse. Il tema principale sarà legato al concetto di filiera corta ed equosolidale, che in tutti i suoi passaggi, dal produttore al consumatore, è costruita sull equità tra i soggetti. Una filiera davvero equa per tutti, perché in grado di tutelare i diritti dei produttori del Sud del Mondo e di garantire la massima qualità e sicurezza alimentare ai consumatori finali. Le iniziative e gli eventi avranno come filo conduttore due tipologie di prodotti che rappresentano i cavalli di battaglia della storia del commercio equo: il caffè e lo zucchero. È attraverso questi due prodotti testimonial che vogliamo raccontare storie di solito sconosciute e accendere i riflettori sul valore di un gesto semplice come quello dell acquisto di un prodotto equosolidale. Dal 2 al 17 ottobre si susseguiranno tanti eventi organizzati dalla rete dei nostri soci distribuiti in modo capillare in tutta Italia, dalle Alpi alle isole. Le Botteghe del Mondo inviteranno i cittadini a provare i prodotti equosolidali proponendo degli omaggi a seguito di un acquisto, e si impegneranno a diffondere come è loro abitudine il

11 in movimento IN AZIONE! CAMPAGNE ED EVENTI 11 messaggio di uno stile di vita sostenibile su tutto il territorio dello stivale. Verranno organizzati incontri con degustazione di caffè in Bottega, pause caffè nelle più importanti piazze d Italia e all interno delle stazioni del circuito di Cento Stazioni, importante partner di questa edizione. Da non perdere, poi, gli emozionanti appuntamenti con i produttori, voce e volto del commercio equo, che racconteranno le loro esperienze di vita e testimonieranno quanto è importante fare una scelta di acquisto consapevole: un piccolo gesto per noi che si traduce in una occasione di vita migliore per loro. Ma non è finta qui. Ai più curiosi sono dedicati i Caffè scientifici realizzati in collaborazione con altri due importanti partner della campagna, Bioversity International e Aiab (Associazione Italiana per l Agricoltura Biologica), mentre per i gourmet ci sono le cene del Circolo del Cibo, oltre all inaugurazione della mostra multisensoriale dedicata al commercio equo. Anche quest anno, poi, Altromercato ha coinvolto nella manifestazione i 1500 punti vendita della grande distribuzione organizzata in cui è già presente. È un occasione importante per raggiungere milioni di persone con il nostro messaggio e incontrare nuovi amici. I punti vendita, infatti, ospiteranno corner dedicati alle nostre offerte, con la possibilità di accedere a vantaggiose promozioni e così scoprire e sostenere un modo più giusto di fare la spesa. Per conoscere tutti gli appuntamenti visita

12 12 vivi solidale PRODOTTI DAL MONDO Sulla bocca e nella tazza di tutti! Equopertutti ha come prodotti testimonial zucchero e caffè: ecco tanti approfondimenti per scoprire quello che c è dietro l etichetta, e fare la scelta giusta.

13 vivi solidale PRODOTTI DAL MONDO 13 Zucchero e caffè, due dei prodotti più comuni nelle nostre case, sono i protagonisti della seconda edizione di Equopertutti. Partendo dal semplice gesto di sciogliere un cucchiaino di zucchero in una tazzina fumante, infatti, vogliamo viaggiare a ritroso e raccontare tante storie, storie che non capita di leggere spesso sui giornali o di vedere in televisione. Sono storie di persone che vivono in continenti diversi dal nostro, ma anche storie di poteri finanziari che fanno il bello e il cattivo tempo sulle politiche europee. Soprattutto, sono storie che è importante conoscere, per renderci conto di quanto le nostre più comuni abitudini abbiano delle conseguenze significative per milioni di persone. È proprio per questo che nasce Equopertutti, per far conoscere il commercio equo a un pubblico sempre più vasto e stimolare la riflessione sulle proprie abitudini di consumo. Ma perché proprio questi due prodotti? Innanzitutto perché sono prodotti coloniali per eccellenza, coltivati in varie zone di Asia, Africa e America Latina, ma anche perché sono i pionieri in particolare il caffè del commercio equosolidale. A spingerci, poi, è stato anche il fatto che sono di uso quotidiano: accompagnano la nostra colazione, chiudono il nostro pranzo e sono l occasione per le pause con gli amici. Purtroppo, però, sono anche il simbolo dello sfruttamento dei piccoli gruppi di produttori e dell ambiente nella folle corsa alla riduzione dei costi di produzione, il tutto per massimizzare i ricavi delle grandi multinazionali e offrirci un prodotto dal gusto ar tefatto a un prezzo stracciato. Come reagire a queste ingiustizia? Prima di tutto informandosi: nelle pagine che seguono trovano posto tanti approfondimenti sul mercato dello zucchero e su quello del caffè, sui metodi di produzione, sulle condizioni di vita dei coltivatori nel circuito tradizionale e in quello equo. Ma non mancano le curiosità, i cenni storici, le ricette da preparare con i prodotti Altromercato, le storie raccontate dalla viva voce dei produttori. La conoscenza, infatti, è il primo passo verso la riflessione e verso il cambiamento delle nostre abitudini. La nostra speranza? Che il commercio equo arrivi sulla bocca e nella tazza di tutti!

14 14 vivi solidale PRODOTTI DAL MONDO Caffè corretto È il nostro primo pensiero quando ci alziamo al mattino, ma è soprattutto il prodotto su cui migliaia di lavoratori basano la loro vita. Le coltivazioni di caffè sono nel mirino delle multinazionali, che le vogliono standard e a basso costo. Il commercio equosolidale ha raccolto la sfida. Settanta milioni. È questo il numero delle tazze di caffè che ogni giorno vengono bevute in Italia. Che sia normale, ristretto, macchiato o decaffeinato, tutti noi lo desideriamo di qualità, per regalarci un piccolo momento di piacere. E per unire al piacere del palato la soddisfazione di un caffè giusto? Allora la scelta d obbligo è un caffè equosolidale. Ctm altromercato ne propone una scelta vastissima, pensata per i palati più esigenti: quelli degli italiani. Qualità garantita Lo conferma Sergio Vatta, della società Pacorini Silocaf, che si occupa del controllo qualità del caffè Altromercato al suo arrivo al porto di Trieste. Qui il caffè viene controllato, eventualmente miscelato e poi inviato alla torrefazione. Abbiamo lavorato insieme per arricchire l offerta e venire incontro a tutte le esigenze spiega Sergio in particolare, i caffè monorigine provenienti da Etiopia, Messico e Nicaragua sono alcune delle eccellenze Altromercato, e sono tra le migliori qualità di caffè in assoluto che si possono trovare sul mercato. Sono dedicate a chi è curioso e vuole ampliare i propri orizzonti e scoprire le caratteristiche intrinseche della bevanda legate al luogo d origine. Il gusto della tradizione E per chi è legato al gusto tradizionale e non ci pensa neppure a cam-

15 vivi solidale PRODOTTI DAL MONDO 15 biare? Accanto alle miscele top, la Pregiata e la Bio, entrambe 100% Arabica continua Sergio abbiamo miscele dedicate a chi ama il gusto di una volta, cioè quello in cui la componente Robusta si fa sentire. Sono la miscela Classica e l Intensa, quest ultima particolarmente corposa e carica, che ricorda le miscele napoletane ma con una ricerca particolare in termini qualitativi. Buono e giusto Una qualità garantita, quindi, con in più la certezza di gustare un caffè non solo buono per noi, ma anche per chi lo ha coltivato e raccolto in Asia, Africa e America Latina: quando beviamo un caffè, infatti, compiamo uno dei gesti più anticamente globalizzati che ci siano! I chicchi profumati (insieme alle foglioline di tè e al cacao) sono il prodotto coloniale per eccellenza. Un prodotto prezioso, quindi, ma che paradossalmente, spesso non garantisce a chi lo crea nemmeno una vita dignitosa. Arabica e Robusta: le differenze Arabica e Robusta sono le due specie botaniche maggiormente utilizzate per la produzione di caffè, entrambe originarie dell Africa. La prima è in generale più pregiata, più ricca di componenti nobili: aromaticità, dolcezza, fragranza e acidità positiva. È originaria dei boschi delle regioni montagnose dell Africa centrorientale. È sensibile al caldo e all umidità, cresce ad altitudini superiori ai 900 metri e le qualità organolettiche del prodotto migliorano con l aumentare dell altitudine. La Robusta, originaria di un area dell Africa più vasta, è più resistente e richiede minori costi di produzione dato che si può coltivare in piantagioni pianeggianti. È diffusa, infatti, nei bassopiani tropicali, fino a trecento metri di altitudine. Il caffè di qualità Robusta è più ricco di caffeina rispetto all Arabica, è meno aromatico, ma più corposo. In una buona miscela di arabica e robusta potremo apprezzare le caratteristiche dell una e dell altra specie botanica. Ci sono invece dei caffè arabica di origini particolarmente pregiate che vale la pena di gustare da soli, per sentire fino in fondo l aroma e la dolcezza che li caratterizza in modo inconfondibile. Questioni di borsa Il caffè è una materia prima quotata alla borsa di New York (la qualità Arabica) e a quella di Londra (la Robusta): insomma, quanto costa il chicco di caffè coltivato in Etiopia, Messico, Brasile e Vietnam lo decide la comunità degli investitori senza avere assolutamente riguardo per i costi di produzione. Il prezzo è deciso in base alla domanda e all offerta quando va bene o sull onda degli entusiasmi e delle depressioni del mercato, come quelle a cui abbiamo tristemente assistito negli 1 ultimi due anni. Scelte obbligate Se i prezzi fossero troppo bassi viene da pensare che i produttori potrebbero decidere di cambiare coltivazione. In teoria sarebbe la scelta giusta, ma in realtà ciò non è possibile: neppure un produttore di riso del Piemonte può decidere di abbandonare la coltivazione in favore di altro, per evidenti limiti climatici e di terreno, figuriamoci un produttore messicano che vive a duemila metri di altitudine, per il quale la coltivazione del caffè con i metodi tradizionali non è solo un lavoro, ma è una componente determinante del- di Maria Moretti foto 1: produttore di Sidama Union, Etiopia (di Luca Palagi)

16 vivi solidale 16 PRODOTTI DAL MONDO 2 3 la società in cui vive. Facciamo di conto Facendo due calcoli sul costo di un pacchetto di caffè non fair trade ci rendiamo conto che al produttore arriva al massimo il 3% del valore: dove va il restante 97%? Nelle tasche degli intermediari. Il caffè verde prodotto dall agricoltore nel circuito convenzionale viene venduto generalmente all intermediario locale (familiarmente soprannominato coyote dai produttori) al prezzo fissato da quest ultimo. Poi viene rivenduto al broker locale o nazionale, a seconda del paese, per poi essere esportato nei paesi consumatori dove altri broker, distributori e aziende torrefattrici se lo passano di mano in mano. Trasformato in grano tostato o in polvere per espresso, moka, filtro, viene finalmente consumato. Ma ogni mano che lo accarezza esige la sua fetta di torta. E la più piccola rimane a chi si è spaccato la schiena per far crescere una pianta che produca buoni frutti. Un altra via d uscita Il commercio equo e solidale è nato dall impegno di tante persone che desideravano ripristinare la corretta attribuzione del valore aggiunto in questa catena. Il commercio equo e solidale ha tagliato tutti i passaggi fino al torrefattore acquistando direttamente da molti piccoli produttori che prima non avevano altra scelta che vendere al coyote al prezzo da lui fissato. In questo modo ai produttori rimane una quota che può arrivare fino al 45% del prezzo di un pacchetto di caffè Altromercato. In più, il commercio equo e solidale fornisce ai gruppi produttori un premio in denaro da destinare alla realizzazione di progetti sociali di miglioramento delle loro condizioni di vita. Se poi Un caffè preparato ad arte Da un esperto nel controllo qualità del caffè, Sergio Vatta di Pacorini Silocaf, Trieste, sette regole per preparare con la moka e apprezzare al meglio un vero caffè all italiana. Usa un caffè di buona qualità, conservato correttamente. Per non disperdere l aroma, una volta aperto conserva il pacchetto in una lattina in frigorifero. Usa acqua fresca e leggera che non deve superare il livello della valvola. L acqua dovrà riscaldarsi gradualmente sulla fiamma vivace. Se l acqua è molto calcarea è meglio filtrarla. Non pressare la polvere dentro la caffettiera. Forma un piccolo vulcano con il caffè. Usane circa un cucchiaio da tavola colmo per ogni persona Segui la fase di infusione, non abbandonare la caffettiera sul fuoco, potrebbero compromettersi caffè e caffettiera. Il coperchio va tenuto alzato in modo da evitare che la condensa del vapore precipiti nel raccoglitore, bruciando o alterando il gusto del caffè. Il caffè non deve arrivare a bollire, diventerebbe sgradevole: sposta la caffettiera dal fuoco qualche istante prima che termini l erogazione. Bevi il caffè caldo, appena fatto: è il momento più indicato per goderne aroma e gusto pieni. Il caffè rimasto va conservato in recipienti di vetro o ceramica, non metallici; inoltre va riscaldato a bagnomaria o a fuoco minimo su piastra elettrica, mai direttamente sul fuoco. Pulisci accuratamente la caffettiera dopo ogni utilizzo, senza usare sapone o detersivi ma solo acqua bollente. La pulizia del filtro va fatta con molto scrupolo perché è il punto in cui potrebbero annidarsi residui e depositi, con conseguenti effetti antigienici sulla bevanda. Puoi aiutarti con uno spazzolino. Prima dell impiego è consigliabile far bollire con poco caffè le caffettiere nuove o quelle a riposo da lungo tempo. foto 2: produttrice di caffè di Cecocafen, Nicaragua (di Luca Palagi) foto 3: lavorazione del caffè di Cecocafen, Nicaragua (di Archivio Cecocafen)

17 vivi solidale PRODOTTI DAL MONDO 17 la produzione è certificata biologica, viene corrisposto anche un premio in denaro destinato a coprire gli alti costi di certificazione e a compensare la riduzione di resa del terreno che la produzione con metodi meno invasivi e intensivi comporta. L organizzazione di commercio equo, poi, che ha tra i suoi obiettivi la cooperazione economica con i propri produttori, si occupa di ricercare fondi per loro conto per predisporre attività di miglioramento della produzione e di formazione sul campo, in modo da dare ai propri partner una concreta possibilità di miglioramento. Le nuove sfide Dopo oltre trent anni di vita, il movimento del commercio equosolidale si trova oggi ad affrontare nuove sfide, in particolare quelle portate dall interesse delle grosse aziende per la nicchia di mercato dei prodotti fair. Queste aziende comprano il caffè dai grossi broker, e i grossi broker comprano anche il caffè certificato proveniente dal commercio equosolidale con i vecchi metodi che utilizzano per il caffè convenzionale. Tutto ciò può dar vita a politiche di approvvigionamento non cristalline. Un esempio: quando i prezzi del caffè iniziarono a salire, durante la crisi dei mercati del 2008, i coyote offrirono prezzi spot molto alti ai produttori di caffè destinato al circuito del commercio equo, ben sapendo che avrebbero potuto specularci sopra. Questa concorrenza sleale portò quell anno un calo di caffè venduto ad alcune cooperative di commercio equo del 20/30%, con ricadute sul fatturato, sull equilibrio finanziario delle organizzazioni e anche sulla sostenibilità dei progetti sociali. Resistere alle pressioni I grossi acquirenti possono esercitare pressioni in vari modi, puntando a far abbassare i prezzi ai produttori, ma anche come accade in Messico (ne parliamo nel box a pagina 16) indurre gli agricoltori ad abbandonare metodi di coltivazione tradizionali in funzione della più efficiente coltivazione Ogm, o di varietà di prodotto più scadenti, ma formalmente più redditizie per i rivenditori. Alla lunga, se pressioni di questo tipo hanno successo, si stravolge non solo un intero ecosistema, ma un modello di organizzazione sociale. Le sfide del commercio equo in questo caso sono rappresentate dal mantenere in vita le varietà di caffè anche meno economicamente redditizie, ma qualitativamente e socialmente più buone, in modo da garantire, per quanto è possibile, la biodiversità, così come la socio diversità, cioè il diritto a vedersi garantite le condizioni di esistenza per ogni etnia, cultura, modello di società e aggregazione che abbia dimostrato di funzionare e rendere felici chi vi partecipa. Ora è chiaro come il semplice gesto di alzare una tazzina e berne lo scuro, caldo, forte contenuto incida sul destino di tutte le persone coinvolte nella sua preparazione. E come sia semplice, in fondo, garantire che quel singolo gesto sia equo verso tutti loro. 4 5 foto 4: produttrice foto 1: di lavorazione Cecocafen, della Nicaragua tagua, Camari, (dall archivio Ecuador Cecocafen) (dall archivio C foto 5: lavorazione del caffè di Cecocafen, Nicaragua (di Ilaria Favè)

18 18 vivi solidale PRODOTTI DAL MONDO 6 Messico: tutela della biodiversità nel nome della Pacha Mama Le multinazionali spingono per sostituire le coltivazioni tradizionali di Arabica con altre di qualità inferiore o addirittura Ogm. I piccoli coltivatori si battono contro il loro strapotere. La mata Atlantica in Brasile, le Ande Colombiane, i boschi di montagna in Indonesia, i boschi del Messico, le montagne del Nilgiri in India, il sistema del fiume Congo: sono alcune delle regioni del mondo più ricche di biodiversità ed endemismi. Queste regioni, comprese tra i due Tropici, sono le principali aree di produzione di caffè e quelle che hanno subito i cambiamenti più radicali ad opera dell uomo: foreste vergini trasformate in aree coltivate o pascoli e il legno in combustibile. I piccoli coltivatori di caffè di queste zone sono in prima linea nella tutela della biodiversità e sono costantemente minacciati dalle iniziative delle multinazionali che cercano di massimizzare i guadagni spingendo al ribasso prezzi e qualità. Un esempio lampante di ciò sta avvenendo in Messico. Il Paese centro americano produce un caffè forte, un Arabica corposo che cresce spesso in montagna, dove le comunità indigene hanno il diritto di governarsi secondo usos y costumbres. La coltivazione del caffè è fittamente intrecciata con la cultura locale, e cioè con il concetto di rispetto della Pacha Mama, la Madre Terra. Questo modello è oggi messo in pericolo dalle spinte del mercato verso un cambiamento nei metodi di coltivazione. L idea che sembra accomunare Nestlé ed enti governativi è quella di sostituire gradualmente l Arabica messicano con varietà ibride di Robusta. Il Robusta, infatti, è più resistente, richiede minori costi di produzione e può essere massicciamente impiegato nella realizzazione di caffè a larga distribuzione e sostituito all Arabica i cui prezzi sono esplosi con la crisi finanziaria del Il quotidiano messicano La Jornada del Campo ha dato conto di pressioni al ribasso sul prezzo pagato ai produttori e pare che anche tramite le nomine di alcuni trader di Nestlé in alte cariche di enti nazionali per la gestione della produzione caffeicola, la società sia implicata nella creazione di cooperative fantasma per ottenere fondi dal Programa Tropicos Humedos (programma governativo per la certificazione e la conversione al biologico). La notizia del tentativo della società svizzera di ottenere un permesso per l introduzione di varietà Ogm è stata la goccia e ha scatenato la reazione delle organizzazioni dei piccoli produttori, che hanno chiesto ufficialmente al Governo di non accettare. Una simile evenienza provocherebbe la decertificazione immediata delle produzioni da coltivazione biologica di circa famiglie: se un domani il caffè fosse tutto di bassa qualità o non certificabile come biologico, la depressione che calerebbe sul mercato locale distruggerebbe molte comunità. Ciò è profondamente ingiusto, perché i produttori di caffè equosolidale messicano coltivano con dedizione e vendono il loro caffè a un prezzo giusto, per loro prima di tutto, e spesso decisamente al di sopra del livello di mercato, internazionale e locale, e nonostante questo sostenibile per l alta qualità del prodotto fornito. Ed è tutto un altro aroma. foto 6: raccolta del caffè. Uciri, Messico (dall archivio Ctm altromercato)

19 vivi solidale PRODOTTI DAL MONDO 19 Un po di storia Gli arabi furono i primi a coltivare commercialmente la pianta del caffè, importando piante di arabica, probabilmente già nel millennio prima di Cristo, dalla regione di Kaffa, in Etiopia, alla penisola dello Yemen. Qui mantennero per secoli il monopolio della coltivazione, consentendo l esportazione dei semi solo dopo averli fatti bollire. Nel 1600 sembra che sette semi di arabica furono contrabbandati dalla Mecca dal leggendario pellegrino indiano Baba Budan e trapiantati nel Chikmagalur, una regione dell India in parte simile per terreno, altitudine e clima, a quella africana di cui erano originari. Di lì a poco le prime piante di caffè arrivarono dallo Yemen anche in Europa, nel giardino botanico di Amsterdam. Alla fine del secolo il caffè proveniente dall India venne introdotto dagli Olandesi nell isola di Giava, mentre i giardini botanici europei giocarono un ruolo chiave nella diffusione della pianta nel resto del mondo. Per molto tempo l arabica fu l unica specie che veniva coltivata. Nel 1900 gli olandesi diedero inizio alla coltivazione su larga scala del caffè robusta introducendo a Giava piante provenienti dal Congo che sostituirono quelle di arabica distrutte dalla ruggine. Nelle regioni africane di provenienza della pianta si utilizzava la polpa del frutto per preparare una bevanda alcolica che si consuma ancora oggi in Africa Centrale oppure si masticavano le foglie, come si fa nelle Ande con quelle della coca, o si preparava un tè. La bevanda che conosciamo noi, ottenuta dai semi del frutto, fu inventata dagli arabi. Dal 1300 il consumo del caffè si diffuse in tutto il mondo arabo, verso la metà del 1500 raggiunse Istanbul, dove si aprì la prima bottega del caffè. Nel 1615 alcuni mercanti veneziani comprarono da commercianti ottomani il primo carico di caffè proveniente dallo Yemen. La Serenissima mantenne per quasi un secolo il monopolio dell importazione in Europa occidentale, poi seguita da altri porti d Europa. Un caffè per tutti i gusti Da Etiopia, Messico e Nicaragua arrivano tre caffè 100% arabica speciali: sono caffè monorigine da agricoltura biologica e con filiera certificata. Le fasi del processo produttivo, dall importazione alla torrefazione, alla commercializzazione, sono registrate per consentirne la rintracciabilità. Quattro miscele per venire incontro ai gusti più diversi, che hanno in comune la ricerca della miglior qualità: Classica e Intensa per chi ama il gusto tradizionale, alla napoletana; Pregiata 100% arabica per chi vuole un caffè superiore ed Espresso casa per gustare in ogni momento il caffè come al bar. Bio Caffè è una miscela 100% arabica proveniente da paesi di America Latina e Africa tra cui Brasile, Etiopia, Guatemala, Messico e Nicaragua. Di fine acidità, corpo equilibrato e gusto aromatico che riempie piacevolmente il palato con lieve sentore di agrumi, è ideale per una pausa pomeridiana accompagnata da un morso di cioccolato fondente. È disponibile anche in grani e in versione deka. Il decaffeinato si ottiene con un processo naturale per mezzo di anidride carbonica e senza solventi chimici. I chicchi sono trattati con vapore acqueo che aiuta a rendere selettiva l estrazione, realizzata tramite un flusso di anidride carbonica, così da mantenere inalterati aroma e gusto. Dopo tale operazione l anidride carbonica evapora senza lasciare traccia. di Ste foto apertura: Bali, Indonesia (di Sa

20 20 vivi solidale PRODOTTI DAL MONDO Zucchero dolce amaro È uno dei prodotti che consumiamo di più, ma quali sono i retroscena della sua produzione? Scoprili nel nostro viaggio tra i continenti alla ricerca del gusto giusto. Bianco o bruno? Quale zucchero mettete la mattina nel vostro caffè? Due bustine apparentemente simili hanno in realtà contenuti diversissimi, per origine e lavorazione. Lo zucchero bianco comune nelle nostre cucine è un prodotto dell industria alimentare. Si ricava dal succo di barbabietola o di canna e la produzione è operata attraverso l uso di sostanze chimiche come il latte di calce e l acido solforoso che eliminano ogni componente vitaminica e minerale. Lo zucchero integrale di canna, invece, è più ricco dal punto di vista nutrizionale perché contiene altri zuccheri come il fruttosio e fornisce sali minerali come calcio, fosforo, potassio, zinco, fluoro, magnesio e anche vitamine del gruppo A, B e C. Il suo potere calorico è leggermente inferiore. Anche il processo produttivo è differente e non prevede l uso di sostanze chimiche. Dietro l etichetta Zucchero è sinonimo di dolcezza, ma non solo, purtroppo. Se guardiamo alla sua produzione, infatti, questa solleva una serie di problemi che nei paesi del Nord del mondo si chiamano quote di produzione, dumping, sussidi, riconversione, mentre nel Sud del mondo hanno i tristi nomi di sfruttamento, ingiustizia e speculazione. Puntando i riflettori sul Nord, scopriamo che nel 2005 la Commissione europea ha approvato il nuovo regolamento sulla produzione ed esportazione dello zucchero e di fronte a un settore in crisi da più di vent anni e sostenuto fino a quel momento da ingenti sussidi non ha saputo trovare al- di Laura M. Bosisio foto apertura: flores de caña, i fiori della canna da zucchero. Costa Rica (di Maria Moretti) foto 1: raccolta della canna da zucchero. Manduvirà, Paraguay (di Luca Palagi) foto 2: scarti della canna da zucchero. Pftc, Filippine (dall archivio Pftc)

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA

CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA COME DEFINISCE LA QUALITÀ DI UNA BEVANDA CALDA? Esigenze per la macchina da caffè del futuro. Il piacere di una deliziosa bevanda aggiunge qualità in

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

In Olanda serricoltori come broker di borsa

In Olanda serricoltori come broker di borsa ORTICOLTURA In Olanda serricoltori come broker di borsa Le importazioni a basso prezzo di energia dalla Germania hanno reso poco redditizia la vendita alla rete, i coltivatori monitorano le quotazioni

Dettagli

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi.

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi. STORIA E TRADIZIONE La Pasticceria Orlandi nasce per volontà di Romano Orlandi che dopo una lunga gavetta nelle più famose pasticcerie milanesi, nel 1952 decide di mettersi in proprio aprendo il suo negozio

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

La Fame: una sfida da affrontare

La Fame: una sfida da affrontare La Fame: una sfida da affrontare La fame nascosta La fame è tra le minacce più grandi dell'umanità. Colpisce oltre 850 milioni di persone in tutto il mondo. Ciononostante, quante volte i giornali pubblicano

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Manuale del Barista Italcaffè

Manuale del Barista Italcaffè Page Manuale del Barista Italcaffè Ogni professionista serio dovrebbe essere prima di tutto preparato a servire un vero caffè Espresso all Italiana dal sapore veramente squisito. Lo stile Italiano nel

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Pane 100% farina di grano saraceno

Pane 100% farina di grano saraceno Questa ricetta l'ho elaborata grazie ai preziosi consigli di un grande chef e amico, ovvero il titolare del Ristorante dal Sem ad Albissola Superiore Sv (http://www.ristorantedasem.it/). Uno sguardo al

Dettagli

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC Gestione forestale sostenibile Tutto quello che bisogna sapere Sommario 1. Che cosa si intende per gestione

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME Associazione Provinciale di Ravenna ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME COME PENSARE ALLA PROPRIA IDEA D IMPRESA IN 5 STEP 1 STEP UNO RIFLESSIONI PER INDIVIDUARE LE BUSINESS IDEA ALCUNI MODI PER INDIVIDUARE

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Livello intermedio DAL GRANO AL PANE

Livello intermedio DAL GRANO AL PANE Livello intermedio DAL GRANO AL PANE Indice Storia del pane 4 Selezione dei cereali 5 Cerealicoltura 6 Dal mugnaio 7 Dal panettiere 8 I tipi di pane 9 Il pane nell alimentazione 10/11 Il pane nelle usanze

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Caffè. Tutte le emozioni in un chicco.

Caffè. Tutte le emozioni in un chicco. Schwanengasse 5+7 Postfach 7675, 3001 Bern Telefon 031 328 72 72 Telefax 031 328 72 73 info@procafe.ch www.procafe.ch Caffè. Tutte le emozioni in un chicco. Introduzione: Storia del caffè Riferimenti Secondo

Dettagli

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove I love Ci C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove poter crescere con gioia e buon senso, contribuendo

Dettagli

Guida alla perfetta copertura di cioccolato al latte

Guida alla perfetta copertura di cioccolato al latte Guida alla perfetta copertura di cioccolato al latte Egregio Collega, Qual è la migliore copertura di cioccolato al latte? Quali sono le sue potenzialità? oppure Che sapore assume quando utilizzato in

Dettagli

ÒMangio a scuolaó sezione bambini

ÒMangio a scuolaó sezione bambini DISCRIMINANTI DEL CAMPIONE Istituto scolastico Classe Comune 1) Sesso maschio femmina 2) Etˆ 7-10 anni 11-13 anni 3) Preparazione dei pasti preparati nella cucina preparati altrove e della scuola portati

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo?

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo? www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcol: ma quanto

Dettagli

Intervista a Giorgio Dal Fiume rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Presidente di World Fair Trade Organization Europe

Intervista a Giorgio Dal Fiume rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Presidente di World Fair Trade Organization Europe Intervista a Giorgio Dal Fiume rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Presidente di World Fair Trade Organization Europe Maggio 2015 L Europa è la culla del Fair Trade: come e quanto è diffuso?

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli