COMUNE DI USSARAMANNA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI USSARAMANNA"

Transcript

1 COMUNE DI USSARAMANNA PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO *********** DI ATTUAZIONE SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI TITOLO I CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Finalità In esecuzione della L.R , n. 4, che detta le Norme per il riordino delle funzioni socio-assistenziali e dei Regolamenti d attuazione approvati rispettivamente con D.P.G.R. n. 12 del e con D.P.G.R. n. 145 del , nonché in armonia con la Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali n. 328/2000, il Comune di Ussaramanna emana il presente Regolamento, per l attuazione dei Servizi Socio-Assistenziali. Scopo del Regolamento è disciplinare l organizzazione e la gestione dei Servizi Socio-Assistenziali, che il Comune stesso e altri soggetti privati e pubblici, agenti sul territorio comunale, promuovono al fine di garantire a tutti i cittadini il pieno e libero sviluppo della personalità e l affettiva partecipazione alla vita sociale, politica, economica e culturale concorrendo altresì a prevenire e rimuovere le cause ostative al raggiungimento di un livello di vita dignitoso.

2 Art. 2 Principi e indirizzi per l attuazione degli interventi La programmazione, l organizzazione e la gestione delle attività svolte dal Comune nell ambito delle funzioni di cui al presente Regolamento si uniformano ai principi cardine del Servizio Sociale: 1) valorizzazione di interventi preventivi al fine di evitare l insorgere di fattori di disagio sociale; 2) superamento della logica assistenzialistica per categoria di utenti; 3) potenziamento delle risorse dei singoli individui e della comunità in generale, al fine di renderli autonomi nella soluzione dei problemi; 4) integrazione dei servizi socio-assistenziali con quelli sanitari, culturali, educativi, scolastici e tutti gli altri esistenti nel territorio al fine di dare delle risposte organiche e globali ai bisogni; 5) uguaglianza di prestazioni a parità di bisogno, prevenendo differenziazioni unicamente in relazione alla specificità delle esigenze e nel rispetto della libertà, dignità e personalità dell individuo; 6) mantenimento e reinserimento dei soggetti nel proprio contesto culturaleterritoriale, limitando il ricorso al ricovero in istituti ai soli casi in cui ciò si renda indispensabile; 7) recupero e riabilitazione dei soggetti socialmente disadattati, disabili, sofferenti mentali o affetti da minorazioni psichiche, fisiche e/o sensoriale; 8) promozione ed utilizzazione di tutte le iniziative espresse dalla comunità nelle sue varie forme: volontariato, cooperazione, istituzioni pubbliche e private; 9) partecipazione attiva e controllo sociale dei cittadini alla programmazione, gestione e verifica dei servizi socio-assistenziali. Art. 3 Destinatari dei servizi I servizi e gli interventi socio-assistenziali sono rivolti a tutta la popolazione residente nella Regione, senza distinzioni di carattere sociale, economico, religioso e giuridico; hanno altresì diritto di usufruire degli interventi gli stranieri e gli apolidi residenti nel territorio regionale. Il diritto alle prestazioni può inoltre estendersi alle persone occasionalmente presenti o temporaneamente dimoranti nel territorio regionale che versino in stato di bisogno tale da esigere interventi tempestivi ed urgenti.

3 Art. 4 Tipi di intervento I principi e le finalità di cui agli artt. 1 e 2 del presente Regolamento, si realizzano secondo interventi e servizi così come previsto dalle Leggi citate all art. 1; 1) interventi a sostegno della famiglia e dei singoli individui, in particolare sotto forma di: a) segretariato sociale; b) assistenza economica; c) assistenza abitativa; d) assistenza domiciliare; e) attività di supporto per l inserimento scolastico, sociale, lavorativo di soggetti portatori di situazioni problematiche ed esposti a rischio di emarginazione; 2) interventi sostitutivi dell ambito familiare sotto forma di: a) assistenza ai minori e agli incapaci nei rapporti con l autorizzazione giudiziaria; b) affidamento etero-familiare; c) affidamento a comunità residenziali tutelari; d) ricovero presso istituti educativo-assistenziali; 3) interventi integrativi dell ambito familiare sotto forma di: a) centri di aggregazione sociale e soggiorni di vacanza; b) progetti e soggiorni a favore di portatori di handicap; c) attività ricreative, culturali ed informative. Art. 5 Segretariato sociale Tale servizio si sostanzia nella diffusione di notizie e informazioni sulla natura, sulle procedure e modalità di accesso a risorse presenti nel territorio, nella individuazione di problematiche che richiedono l invio dell utente ad altri servizi e l intervento di altre figure professionali, allorquando venga accertata che la richiesta della persona esuli dalle competenze del Servizio Sociale Comunale. Il segretariato sociale, in quanto servizio di orientamento ed indirizzo, viene ad assumere una particolare valenza alla luce delle innovazioni normative che promuovono la partecipazione del cittadino alla gestione e valutazione dei servizi.

4 CAPO II INTERVENTI ECONOMICI Art. 6 Assistenza economica Ai sensi dell art. 34 della Legge Regionale n. 4/88, gli interventi socio-assistenziali di natura economica sono diretti ai singoli cittadini o ai nuclei familiari in condizioni economiche tali da non consentire il soddisfacimento dei bisogni fondamentali di vita al fine di promuovere l autonomia. Gli interventi possono essere eccezionali e straordinari o di carattere continuativo, sempre limitatamente al permanere della situazione di bisogno. Art. 7 Criteri generali 1. L assistenza economica deve tendere al superamento delle condizioni di bisogno individuale o collettivo, nonché contribuire ad evitare il deteriorarsi di situazioni personali e familiari. 2. Il ricorso alle prestazioni di carattere economico deve essere limitato alle ipotesi in cui non sia possibile o risulti inopportuna l utilizzazione delle altre tipologie di intervento socio-assistenziale previste dalla legge. 3. L assistenza economica può essere integrata con misure socio-assistenziali di diversa tipologia al fine di evitare l instaurarsi o il permanere di situazioni di dipendenza dell assistito dall intervento pubblico. 4. Le prestazioni economiche sono disposte anche con funzioni di integrazione del reddito e devono essere erogate con tempestività e celerità. 5. L oggetto dell assistenza economica è di norma costituito da una somma di denaro salvo i casi eccezionali in cui esistano controindicazioni sotto il profilo tecnico-assistenziale. 6. Gli interventi socio-assistenziali di natura economica sono uno strumento nel processo di aiuto, come tali possono prescindere dallo stato di bisogno reddituale e possono essere erogati, compatibilmente con la disponibilità finanziaria del Comune, al fine di promuovere l autonomia della persona allorquando questa sia compromessa da gravi problemi fisici o psichici.

5 Art. 8 Entità delle prestazioni e fasce di reddito 1. In attuazione degli artt. 4 e 34 della L.R. n. 4/88 l intervento assistenziale di natura economica e di carattere continuativo è erogato in misura non superiore al minimo vitale inteso come insieme delle risorse economiche necessarie per il soddisfacimento dei bisogni fondamentali, quali quelli relativi alla casa, all alimentazione, al vestiario, all igiene ed alla vita di relazione. Per minimo vitale s intende il livello di reddito ritenuto indispensabile per i bisogni primari relativi alla alimentazione, al vestiario, all igiene e alla vita di relazione; 2. L importo della prestazione economica di carattere continuativo è commisurato all entità delle risorse economiche e al disagio derivante all assistito da infermità di carattere fisico o psichico. 3. Concorrono a formare le risorse economiche del richiedente: a) il reddito del nucleo familiare di appartenenza; b) le prestazioni previdenziali nonché quelle assistenziali di carattere continuativo, escluse le indennità di accompagnamento a favore degli invalidi civili ed i sussidi concessi dal Comune a particolari categorie di infermi; c) i redditi patrimoniali, escluso quello della casa in cui abita lo stesso richiedente; d) gli aiuti economici forniti da parenti ed affini obbligati agli alimenti; e) le pensioni sociali a favore degli invalidi civili, dei ciechi civili e dei sordomuti; 4. Le risorse economiche mensili corrispondenti al minimo vitale sono fissate annualmente, sulla base degli indici ISTAT, con Decreto dell Assessore Regionale dell Igiene, Sanità e Assistenza Sociale; 5. L importo massimo della prestazione economica di carattere continuativo è pari alla differenza tra il minimo vitale e le risorse economiche di cui dispone il nucleo familiare; 6. Il Comune eroga le prestazioni economiche continuative secondo i criteri sopra esposti, nei limiti delle proprie disponibilità finanziarie a ciò destinate e tenuto conto dei livelli medi di consumo locale, nonché dell opportunità di ricorrere ad altre tipologie di interventi socio-assistenziali in base alle condizioni psico-fisiche del destinatario.

6 Art. 9 Condizioni per accedere alle prestazioni economiche 1. L assistenza economica a carattere continuativo è prestata a condizione che il richiedente si trovi in stato di bisogno e non abbia parenti o affini tenuti agli alimenti ai sensi degli artt. 433 e ss. del codice civile. 2. In caso di urgente necessità e fermo restando lo stato di bisogno, il Comune può prestare l assistenza economica continuativa anche in mancanza degli altri requisiti previsti al punto precedente; 3. L assistenza economica a carattere straordinario è prestata nei confronti di colui che si trova in stato di bisogno per il verificarsi di un evento eccezionale e/o imprevedibile. 4. Le prestazioni di cui al primo e al quarto punto sono cumulabili. 5. L assistenza economica non può essere prestata nei confronti di chi, senza giustificato motivo, abbia opposto rifiuto a soluzioni alternative offerte dal Comune. Art. 10 Tipologia degli interventi di Assistenza Economica 1. L intervento a carattere continuativo di cui all art. 34, c.2, della L.R. n. 4/88, consiste nella concessione di un contributo mensile pari alla differenza tra la quota base del minimo vitale e le risorse di cui dispone il richiedente. 2. In relazione alla diversa tipologia e gravità delle circostanze che hanno determinato l insorgere dello stato di bisogno, il contributo può essere erogato per un periodo massimo di sei mesi. Il provvedimento di concessione può essere rinnovato previo accertamento della permanenza dello stato di bisogno. Il beneficiario è obbligato a dare comunicazione all ufficio del Servizio Sociale di qualunque variazione del reddito che sopraggiunga durante il periodo di erogazione del contributo. 3. L intervento a carattere straordinario consiste nella concessione di un contributo erogato in un unica soluzione finalizzato a superare situazioni di bisogno eccezionali ed imprevedibili. 4. Accertata la sussistenza dello stato di bisogno, il Comune deve procedere all erogazione degli interventi nel più breve tempo possibile e comunque non oltre 30 giorni dalla data dell accertamento.

7 Art. 11 Assistenza abitativa Questa prestazione è volta a far fronte a specifici stati di bisogno connessi a carenza abitativa dei soggetti e delle categorie più deboli; si attua tramite: a) interventi per l assegnazione, tenuto conto delle condizioni economiche del beneficiario, di alloggi di edilizia popolare; b) l erogazione di contributi per l istallazione ed uso di impianti idrici, elettrici, tecnici; c) concessione di contributi per il pagamento dei canoni di locazione; d) sistemazione alberghiera in situazioni eccezionali e transitorie non altrimenti risolvibili. Art. 12 Assistenza Domiciliare 1. Gli interventi di assistenza domiciliare sono diretti ai cittadini ed ai nuclei familiari che, per particolari contingenze o per non completa autosufficienza, non siano in grado, anche temporaneamente, di garantire il pieno soddisfacimento delle esigenze personali e domestiche, al fine di salvaguardare l autonomia dei cittadini e la loro permanenza all interno del proprio nucleo familiare o nella propria residenza abituale. 2. L assistenza domiciliare consiste in prestazioni di aiuto, da parte di personale in possesso dei requisiti di legge, per il governo della casa e per il soddisfacimento dei bisogni essenziali della persona e, se necessario, per consentire l accesso ai servizi territoriali. 3. le prestazioni sanitarie, curative e riabilitative erogate in forma integrata e coordinata, sono assicurate dai servizi dell Azienda USL competente per territorio e i relativi oneri fanno carico al Fondo Sanitario Regionale. 4. L assistenza domiciliare può essere attivata per il supporto o la sostituzione temporanea del nucleo familiare di minori, interdetti ed inabilitati, con il consenso di chi esercita la tutela o la curatela, purché vi sia il parere favorevole della competente autorità giudiziaria. Le prestazioni socio-assistenziali consistono in attività di aiuto domestico, preparazione pasti ed altri interventi connessi alla vita quotidiana, attività minime di segreteria e più in generale in attività dirette al sostegno della personalità. Il servizio può inoltre essere integrato con prestazioni di tipo educativo, in particolare a favore di minori e disabili.

8 Per rispondere più adeguatamente ad esigenze sia di ordine domestico che di tipo igienico-sanitario e di socializzazione, il Comune prevede la possibilità di organizzare il Servizio di Assistenza Domiciliare in due diverse modalità: Attraverso un servizio che individua una sola figura professionale: L Assistente Domiciliare e dei Servizi Tutelari, con funzioni che vanno dalla cura e igiene della persona, alla preparazione e somministrazione dei pasti, all accompagnamento presso i diversi servizi, alla cura delle relazioni sociali, al governo della casa, alla pulizia dei principali ambienti di vita dell utente. Un servizio che individua due differenti figure: l Assistente Domiciliare e dei servizi Tutelari e l Assistente Generico, prevedendo una suddivisione di compiti come sopra elencati, con esclusive funzioni di governo e pulizia della casa relativamente all Assistente Generico e con l attribuzione di tutte le competenze residue in capo all Assistente Domiciliare e dei servizi Tutelari. Questa suddivisione ha ragione di esistere allorquando vi siano rilevanti differenze in ordine al grado di autonomia, di invalidità e di autosufficienza degli utenti e laddove esista un giusto bilanciamento tra le due figure professionali che devono coesistere rispettando il seguente rapporto: 1/2 ora di Assistente Generico per ogni ora di Assistente Domiciliare e SS.TT. di servizio prestata. E fatta salva la possibilità di optare per una sola delle due figure, venendo meno al principio della compresenza, qualora la particolarità del caso lo richieda, a seguito di valutazione espressa dall Assistente Sociale. Art. 13 Inserimento sociale, scolastico e lavorativo Il Comune, utilizzando tutte le risorse sociali ed economiche presenti nel territorio e coordinandosi con le istituzioni statali e regionali, promuove gli interventi in materia di: - servizi alla persona, in particolare il diritto allo studio, formazione e orientamento professionale; - di collocamento al lavoro; - di cultura sport e tempo libero al fine di favorire la permanenza o l inserimento nel proprio contesto territoriale, scolastico e lavorativo di soggetti portatori di handicap o comunque esposti a rischio di emarginazione. In particolare il Comune: a) promuove e incentiva, sentito il parere dei componenti organi collegiali e in raccordo con i servizi socio-assistenziali e sanitari, attività di sostegno psicopedagogico e sociale individualizzate, volte ad agevolare l inserimento scolastico degli alunni portatori di handicap psico-fisico o con problemi comportamentali, di apprendimento, di disadattamento e devianza;

9 b) assume iniziative per il rispetto delle norme relative al collocamento obbligatorio al lavoro per i soggetti appartenenti alle categorie protette; c) favorisce l inserimento lavorativo, promovendo forme di cooperazione alle quali partecipano, insieme ad altri cittadini, i soggetti di cui al punto a). CAPO III INTERVENTI SOSTITUTIVI DEL NUCLEO FAMILIARE Art. 14 Assistenza ai minori ed agli incapaci nei rapporti con l autorità giudiziaria 1. L assistenza ai minori nei rapporti con l autorità giudiziaria (Tribunale per i Minorenni, Giudice Tutelare, Sezione Minorenni della Corte d Appello, Tribunale Ordinario), si attua mediante: a) segnalazione all autorità giudiziaria competente dei casi di abbandono e di maltrattamenti sotto il profilo materiale e morale; di disadattamento di minori, nonché di ogni altra situazione pregiudizievole per i diritti e gli interessi del minore; b) svolgimento, su richiesta dell autorità giudiziaria delle indagini e degli accertamenti d ordine psico-sociale necessari ai fini dell autorizzazione al matrimonio dei minori, dell affidamento dei figli nei casi di separazione dei coniugi o di scioglimento o dichiarazione di nullità del matrimonio, della valutazione in ordine all esercizio della potestà dei genitori; alle pronunce di decadenza della potestà genitoriale o di reintegrazione in essa; ai provvedimenti da adottare nei casi di condotta dei genitori pregiudizievole ai figli; ogni altro provvedimento giudiziario in materia di filiazione; c) collaborazione con l autorità giudiziaria, relativamente alle indagini e agli accertamenti da essa richiesti e la promozione ed attuazione delle misure e delle attività inerenti ai procedimenti volti alla dichiarazione dello stato di adattabilità, dell affidamento preadottivo e dell adozione ai sensi del Titolo II della Legge 4 maggio 1983, n. 184, come modificata dalla Legge n. 149/2000; d) L assistenza necessaria nei confronti dei minori interessati dai provvedimenti dell autorità giudiziaria, ivi comprese le prestazioni specifiche di ordine psico-terapeutico e le attività di sostegno alla famiglia di origine e agli affidatari. 2. Il Sindaco adotta i provvedimenti d urgenza di cui all art. 403 del Codice Civile a favore di minori materialmente e/o moralmente abbandonati, avvalendosi dei servizi socio-assistenziali del Comune.

10 3. L assistenza alle persone adulte incapaci o nei cui confronti sia stato promosso un procedimento di interdizione è attuata mediante interventi di sostegno e di collaborazione con l autorità giudiziaria quando richiesta. Art. 15 Affidamento etero-familiare L affidamento etero-familiare di minori, persone anziane, handicappati o persone comunque parzialmente o totalmente non autosufficienti, che non possono essere opportunamente assistite restando nel proprio nucleo familiare, può essere disposto presso singoli, famiglie, nuclei parafamiliari che siano riconosciuti idonei alla loro accoglienza. L affidamento può essere accompagnato dall erogazione di un contributo economico da determinarsi sulla base dei bisogni specifici dei soggetti affidati e tenendo conto della disponibilità dell Ente. Art. 16 Affidamento familiare di minori L affidamento familiare è un servizio rivolto ai minori per i quali si rende necessario un ambiente sostitutivo della famiglia di origine. Questo istituto, concepito come misura di allontanamento provvisoria, perché finalizzata al reinserimento del minore nel nucleo d origine, viene disposto con preferenza all istituzionalizzazione, su proposta del Servizio Sociale del Comune, con il consenso della famiglia del minore, ovvero in attuazione di apposito provvedimento dell autorità giudiziaria competente. L affidamento familiare, disciplinato dalla Legge n. 184/83, come modificata dalla Legge n. 149/2000, è attuato in collaborazione con coppie, singoli, nuclei familiari o parafamiliari aventi i requisiti necessari per assicurare al minore un valido ambiente di vita che consenta il suo pieno sviluppo sul piano psico-affettivo e pedagogico, nonché dignitose condizioni di assistenza morale e materiale. L affidamento, che può avere anche una funzione educativa nei casi in cui il minore abbia manifestato forme di disadattamento, è temporaneo e può essere disposto anche solo per alcune ore del giorno. Il Servizio Sociale del Comune attua: a) la promozione dell affidamento; b) la selezione e preparazione degli affidatari, nonché la raccolta dei dati inerenti alla famiglia o persone disponibili all affidamento in relazione all età, al numero soggetti da affidare e al tipo di problema, alla possibilità di accoglienza e alla presumibile durata dell affidamento;

11 c) la cura dei rapporti tra famiglia di origine e famiglia affidataria, la prevenzione e la soluzione di conflitti, l assistenza ai genitori naturali, anche in previsione di un ritorno in essa del minore; d) le prescrizioni agli affidatari e l attività di assistenza tecnica e di appoggio agli stessi; e) la stipula di polizza assicurative che garantiscano gli affidatari e gli affidati dai rischi di infortuni o di responsabilità civile in relazione a fatti commessi dall affidato nel corso dell affido; f) la determinazione dell entità del contributo economico da erogare a favore degli affidatari per il mantenimento degli affidati; g) la vigilanza sul buon andamento dell affidamento, tenendo informata l autorità giudiziaria; h) la verifica e valutazione periodica del caso onde ricercare soluzioni alternative più adatte alle esigenze del minore. Art. 17 Affidamento a comunità residenziali tutelari L affidamento a comunità residenziali tutelari può essere disposto nei confronti di minori o adulti con particolari problemi personali o sociali nei cui confronti non possono essere effettuati interventi a domicilio né affidamenti eterofamiliari. Per comunità residenziali tutelari si intendono: a) comunità alloggio; b) istituti educativo-assistenziali per minori; c) centri residenziali per handicappati gravi; d) strutture protette per anziani non autosufficienti. Art. 18 Ricovero in istituto Il ricovero in istituto e il mantenimento di minori e adulti presso istituti assistenziali è disposto a seguito della constatata impossibilità di interventi alternativi e limitatamente al tempo in cui permane tale impossibilità. Alla scelta dell istituto partecipa il soggetto interessato o la famiglia. In caso di comprovata necessità è consentito il ricorso in istituto fuori Regione.

12 CAPO IV INTERVENTI INTEGRATIVI DELL AMBIENTE FAMILIARE Art. 19 Soggiorni vacanza per anziani Il Comune di Ussaramanna organizza, in forma autonoma o in convenzione, soggiorni vacanza, gite di fine settimana, escursioni giornaliere, aventi finalità socioculturali e ricreative, allo scopo di attenuare quei processi di solitudine, emarginazione ed isolamento frequenti nella condizione dell anziano. Tali iniziative, rivolte ad anziani di età compresa tra i 55 (donne) e 60 anni (uomini), possono essere gestite autonomamente o in forma associata a seguito di accordo con altri Comuni o servizi ASL, Associazioni, ecc.. Modalità di svolgimento e quote di partecipazione sono determinate dal Programma Comunale Socio-Assistenziale triennale. Art. 20 Soggiorno vacanza per minori Annualmente il Comune promuove e organizza soggiorni climatici estivi ed invernali (colonia, campeggio, escursioni, servizio di accompagnamento presso stabilimenti balneari), in favore di minori di età compresa tra fra i 6 e 18 anni al fine di garantire occasioni e possibilità di recupero psico-fisico, nonché momenti di nuovi contatti e rapporti sociali. Sono ammessi a partecipare anche i soggetti con minorazioni fisiche, psichiche e/o sensoriali. I servizi di vacanza devono essere dotati di personale idoneo ad assicurare l assistenza sociale e sanitaria, nonché l organizzazione di attività ricreative e del tempo libero, garantendo inoltre l utilizzo di strutture dotate di attrezzature e personale qualificato per i soggetti affetti da minorazioni psico-fisiche e/o sensoriali. Modalità di svolgimento e quote di partecipazione sono determinate dal Programma Comunale Socio-Assistenziale triennale.

13 Art. 21 Centri di aggregazione sociale Il Centro si pone come luogo di socializzazione ed integrazione culturale con il territorio, nonché come centro di erogazione di servizi: mensa, lavanderia, stireria, laboratori, ecc. 1. Il Centro di Aggregazione Sociale di cui all art. 27 della L.R. 4/88 ha la funzione di promuovere iniziative ed attività di aggregazione culturale, ricreativa, sportiva e di informazione. 2. Tale centro si configura come struttura di sostegno e socializzazione, costituisce la sede di riferimento e d incontro per la vita comunitaria e può fungere da punto d appoggio per altri servizi socio-assistenziali territoriali. 3. Il centro deve offrire ampie opportunità di impegno e utilizzo del tempo libero, a valenza formativa e socializzante nonché promuovere momenti d incontro con finalità di prevenzione in relazione a stati di solitudine ed a fenomeni di devianza e emarginazione. 4. Il centro si rivolge ad un utenza indifferenziata, pur promovendo la partecipazione ed il coinvolgimento attivo di soggetti a rischio e con difficoltà relazionali. 5. Nel centro di aggregazione un operatore sociale svolge le funzioni di coordinatore delle attività organizzate. Art. 22 Comunità alloggio 1. Le comunità alloggio, di cui all art. 40, comma 2 della L.R. n. 4/88, sono strutture residenziali tutelari di piccole dimensioni destinate ad ospitare soggetti totalmente o parzialmente autosufficienti. 2. La capacità ricettiva deve essere adeguata alle disposizioni contenute nella L.R. 4/88 e al D.P.G.R. 12/89.

14 Art. 23 Servizi culturali e ricreativi Il Comune intende promuovere nel proprio ambito, collegandosi ove possibile con i servizi del tempo libero esistenti nel territorio, iniziative culturali, ricreative e sportive, di qualificazione del tempo libero al fine di garantire a tutti i cittadini, in particolare ai giovani, agli anziani, ai soggetti a rischio di emarginazione, la possibilità di instaurare nuovi contatti e rapporti sociali, favorendone l inserimento o l integrazione nella Comunità. I servizi culturali e ricreativi comprendono in particolare: a) biblioteca, cineteca, ludoteca; b) attività e manifestazioni artistiche e culturali; c) impianti e attrezzature sportive di base, attività e manifestazioni sportive; d) parco giochi per bambini. Art. 24 Interventi a favore delle persone con handicap Il Comune di Ussaramanna è impegnato da diversi anni nella promozione dei diritti delle persone portatrici di handicap e delle loro famiglie, attraverso iniziative che favoriscono la socializzazione, il reinserimento, la riabilitazione, l integrazione in ogni ambito di vita del soggetto. Nella promozione di tali iniziative si auspica il raccordo e la coordinazione con altri servizi sanitari, scolastici, culturali, sociali. Art. 25 Domanda e istruttoria delle pratiche per interventi socio assistenziali Le domande dirette ad usufruire di servizi socio-assistenziali devono essere presentate mediante moduli predisposti dal Comune, compilati in ogni parte e con tutti gli allegati utili alla valutazione della richiesta, indirizzate al Sindaco. La Giunta Municipale sentita la Commissione consiliare per i Servizi Sociali sulla scorta del parere di cui sopra compatibilmente con le risorse del bilancio, decide definitivamente sugli interventi presentati. Il responsabile del servizio ne dà comunicazione ai destinatari.

15 Art. 26 Onerosità e gratuità dei servizi Gli interventi e i servizi socio-assistenziali attuati dal Comune si articolano: - in servizi per i quali l utente partecipa al costo in proporzione alle risorse economiche di cui dispone e/o al costo complessivo del servizio. Art. 27 Criteri per la determinazione della partecipazione al costo dei servizi 1. Gli utenti partecipano al costo dei servizi secondo una quota di contribuzione calcolata sulla base delle risorse del proprio nucleo familiare. 2. Il Comune individua nell ambito del programma annuale socio-assistenziale per quali interventi, in quale misura e con quali modalità gli utenti, tenute presenti le loro condizioni economiche, debbano partecipare al costo dei servizi. 3. Per i soggetti nei quali è prevista una compartecipazione ai servizi il Comune determina l entità della contribuzione nell ambito dei valori stabiliti annualmente dalla Giunta Regionale. TITOLO II CAPO I ORGANIZZAZIONE E GESTIONE Art. 28 Programmazione Sociale Nell intento di realizzare una politica sociale sempre più rispondente ai bisogni in continua evoluzione, favorendo l integrazione e la sinergia tra diversi servizi ed istituzioni, il Comune promuove la programmazione locale degli interventi sociali e assistenziali, attraverso la predisposizione di un piano triennale di sviluppo dei servizi, coinvolgendo le forze politiche e sociali presenti nel territorio.

16 Art. 29 Informazione sociale Il Comune, al fine di superare l attuale emarginazione ed estraneità di gran parte dei cittadini rispetto al sistema dei servizi sociali ed assistenziali, realizza una puntuale e corretta informazione. Tale obiettivo verrà realizzato sia attraverso la concreta attuazione del servizio di segretariato sociale, sia attraverso opportune iniziative di diffusione dell informazione. A tal fine il Comune sostiene e finanzia, compatibilmente con la disponibilità finanziaria annuale, il Servizio Informagiovani che divulga notizie e informazioni riguardanti diversi ambiti, quali: istruzione, professioni, lavoro, concorsi, vita sociale, tempo libero, vacanze, turismo. Art. 30 Partecipazione popolare Il Comune promuove la partecipazione dei cittadini e delle organizzazioni sociali presenti nel territorio, per la definizione degli obiettivi e dei programmi di intervento. Assicura significativi canali di raccolta dell informazione ed una strumentazione di rilevazione dei bisogni semplice ed accessibile; promuove la circolazione, la verifica, il dibattito sull informazione ed assicura l accessibilità e la comprensibilità anche a persone prive di preparazione specifica usando i mezzi e gli strumenti più idonei. CAPO II Art. 31 Il Volontariato Il Comune riconosce il rilevante valore sociale dell opera prestata dalle associazioni di volontariato o da singoli volontari. Nel rispetto dei principi del presente regolamento, le associazioni di volontariato ed i singoli volontari possono essere impiegati per la realizzazione degli interventi socio-assistenziali. Il contributo del personale volontario al funzionamento del servizio è attuato nell ambito dei progetti di intervento predisposti dall Ente ed è fondato su prestazioni spontanee e gratuite dalle quali non derivi reddito alcuno. Il personale volontario operante nei servizi è a tutti gli effetti responsabile dell attività prestata

17 ed è tenuto al rispetto dei regolamenti relativi all organizzazione e gestione dei servizi. Art. 32 Istituzioni private Il presente regolamento fa salva la libertà di costituzione e di attività delle associazioni, fondazioni ed altre istituzioni dotate o meno di personalità giuridica con finalità di assistenza e di servizio a disposizione delle persone, promosse da privati e da enti assistenziali di ogni confessione religiosa. Le istituzioni private, a richiesta e nel rispetto della loro configurazione ed autonomia giuridica ed amministrativa, possono essere utilizzate nell ambito della programmazione dei servizi sociali e di assistenza a livello delle prestazioni, per la qualificazione del personale e per l efficienza organizzativa ed operativa. L accertamento dei requisiti per l ammissione alla partecipazione è demandata al Responsabile del Servizio Sociale. TITOLO III ORGANI COMUNALI PREPOSTI PER I SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI Art. 33 Commissione per i Servizi Socio Assistenziali La Commissione per i Servizi Socio-Assistenziali, nominata dal Consiglio Comunale, è composta da: - Sindaco o assessore delegato; - n. 2 Consiglieri o loro delegati di cui n. 1 della maggioranza e n. 1 della minoranza; - l assistente sociale - n. 1 membro esterno. Le funzioni di Presidente sono svolte dal Sindaco o dall Assessore delegato.

18 Art. 34 Compiti della Commissione Compito precipuo della Commissione è quello di predisporre una relazione propositiva degli interventi da attuare sulla base di bisogni eventuali all interno della comunità. La Commissione dovrà trasmettere annualmente entro il 30 ottobre la succitata relazione all Amministrazione Comunale che realizzerà, compatibilmente con la disponibilità del bilancio, la migliore erogazione dei servizi socio-assistenziali. Le riunioni vengono convocate dal Sindaco o dall Assessore delegato, mediante avviso scritto da recapitarsi almeno tre giorni prima della data fissata per la seduta. Le sedute si intendono valide se è presente la metà più uno dei componenti, le decisioni sono valide se ottengono la maggioranza dei voti, in caso di parità prevale il voto del Presidente. Art. 35 Natura giuridica Non essendo tale organo disciplinato da alcuna normativa nazionale o regionale e prevedendo nella sua composizione una componente politica, in armonia con quanto previsto dagli artt. 89 del D.Lgs. n. 267/2000, 31 del D.P.G.R. n. 145/90 e in ossequio alla legge n. 675/96, deve intendersi esteso anche a questo ambito il principio sancito dall art. 107 del D.Lgs. n. 267/2000 relativo alla separazione tra i poteri di indirizzo e controllo politico-amministrativo, tipici degli organi di governo e i poteri di gestione amministrativa, finanziaria e tecnica, propri della classe dirigenziale La Commissione pertanto si configura come organo consultivo e propositivo del Comune, è chiamato ad esprimere preventivamente pareri obbligatori, ma non vincolanti, sulle questioni di maggior rilievo riguardanti l assistenza, la beneficenza pubblica e la sicurezza sociale. In caso di comprovata urgenza ed assoluta immediatezza dell intervento, la Giunta Comunale potrà predisporre i provvedimenti del caso senza il parere preventivo e obbligatorio della Commissione, alla quale comunque dovrà essere data comunicazione alla prima seduta utile della stessa.

19 Art. 36 Funzionamento Di tutte le riunioni deve essere redatto idoneo processo verbale sottoscritto da tutti i componenti e dal segretario della Commissione. Copia di tale verbale deve essere rimesso ai competenti organi comunali (Consiglio e Giunta) e deve essere menzionato negli atti deliberativi degli organi collegiali. I componenti la Commissione che si assentino ingiustificatamente per tre sedute consecutive, decadono dall incarico senza ulteriore formalità. Art. 37 Elezione Il Consiglio Comunale nomina i componenti la Commissione per i servizi Socio Assistenziali che avrà una durata pari a quella dello stesso Consiglio; gli stessi durano comunque in carica fino all insediamento della nuova Commissione. Art. 38 Gratuità dell incarico dei componenti la commissione I componenti la Commissione per i servizi Socio-Assistenziali esercitano il loro incarico in modo gratuito, senza diritto ad alcun compenso e indennità. Art. 39 Funzioni proprie e competenze del Consiglio Comunale Il Consiglio Comunale approva il Piano Socio-Assistenziale sulla base delle indicazioni suggerite dalla Commissione. Art. 40 Competenze della Giunta Comunale

20 La Giunta Comunale, quale organo collegiale esecutivo, gestisce tutta l attività e gli interventi in materia di assistenza sociale, beneficenza pubblica e sicurezza sociale, in osservanza delle vigenti leggi statali e regionali e sulla base dei principi, criteri e metodi di cui al presente regolamento. La Giunta Municipale, fatta eseguire la necessaria attività istruttoria, esperiti gli opportuni accertamenti ed acquisito il parere della Commissione per i Servizi Socio- Assistenziali, dispone l intervento ritenuto più idoneo ed opportuno a fronte del bisogno evidenziato; interviene, prescindendo dal relativo parere, quando le circostanze ne evidenzino la necessità e quindi l adozione di un tempestivo intervento affinché ne scaturisca un risultato positivo.

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano Regolamento per il servizio di assistenza domiciliare Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 83 del 30.09.1997 1/6 SOMMARIO : ARTICOLO 1 - FINALITA DEL

Dettagli

C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari

C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari Regolamento per il Servizio di Assistenza Domiciliare e dei Servizi Tutelari SOMMARIO: Art. 1 Finalità del Servizio; Art. 2 Gestione del Servizio; Art.

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Regolamento comunale n. 79 COMUNE di MADONE Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Approvato con deliberazione dal Consiglio Comunale n. 14 del 26 febbraio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 ART. 2 ART. 3

REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 ART. 2 ART. 3 REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 L amministrazione comunale attua l affidamento familiare allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori

Dettagli

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D.

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. (Approvato con Delibera Consiglio Comunale n. 11 del 22/01/08 ) Indice Art. 1 Definizione del servizio pag. 2 Art. 2 Finalità ed obiettivi pag. 2 Art. 3 Destinatari

Dettagli

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI DEFINIZIONE ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO Il servizio affidamento anziani e disabili adulti, costituisce un opportunità di alternativa

Dettagli

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera n. 16 adottata dal Commissario Straordinario nella seduta del 13.09.2007 Articolo 1 -

Dettagli

********** IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. - VISTA la L. n. 184 del 04/05/83 Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori ;

********** IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. - VISTA la L. n. 184 del 04/05/83 Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori ; Consiglio di Amministrazione Deliberazione n. del OGGETTO: RECEPIMENTO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 79 11035 DEL 17/11/03 Approvazione linee d indirizzo per lo sviluppo di una rete di servizi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCOGLIMENTO DI ANZIANI E INABILI IN STRUTTURE RESIDENZIALI.

REGOLAMENTO PER L ACCOGLIMENTO DI ANZIANI E INABILI IN STRUTTURE RESIDENZIALI. REGOLAMENTO PER L ACCOGLIMENTO DI ANZIANI E INABILI IN STRUTTURE RESIDENZIALI. 1. OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina l inserimento di anziani non autosufficienti in strutture protette

Dettagli

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D. COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 21 del 29.09.2005

Dettagli

COMUNE DI BUTTRIO REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI PERSONE ADULTE E ANZIANE CHE NECESSITANO DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI

COMUNE DI BUTTRIO REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI PERSONE ADULTE E ANZIANE CHE NECESSITANO DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI COMUNE DI BUTTRIO REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI PERSONE ADULTE E ANZIANE CHE NECESSITANO DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI (Approvato con deliberazione consiliare n 36 nella seduta del 27 settembre

Dettagli

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Regolamento Art. 1 Oggetto di regolamentazione e fonti normative 1. Il presente Regolamento disciplina i procedimenti, le modalità di organizzazione e la natura degli

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI Art. 1 - FINALITA In accordo con gli indirizzi nazionali fissati dal Piano nazionale degli interventi e dei servizi sociali 2001-2003

Dettagli

Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali

Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali DISCIPLINARE DI FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO ANZIANI ART. 1 NATURA DEL SERVIZIO Il Comune di Mesagne intende realizzare il servizio di affidamento anziani,

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO Il questionario deve essere compilato dal responsabile del presidio residenziale,

Dettagli

Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare

Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare COMUNE DI ATZARA PROVINCIA DI NUORO Via Vittorio Emanuele, 27 08030 ATZARA telefono 0784/65205 fax 0784/65380 e-mail: servizi.sociali@comune.atzara.nu.it UFFICIO SERVIZI SOCIALI Regolamento Servizio Assistenza

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO E PRINCIPI GENERALI L affidamento familiare, rappresenta uno strumento prioritario di aiuto al minore e alla sua famiglia,

Dettagli

Regolamento PER L ASSISTENZA DOMICILIARE

Regolamento PER L ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como Regolamento PER L ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 Istituzione 1. E istituito nel Comune di Brienno il Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.). Detto servizio è costituito

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO Allegato 1 Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO L Amministrazione Comunale regolamenta il servizio di assistenza domiciliare

Dettagli

PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE

PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE Comuni di COLBORDOLO - GABICCE MARE GRADARA - MOMBAROCCIO MONTECICCARDO MONTELABBATE PESARO SANT ANGELO IN LIZZOLA - TAVULLIA PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE PREMESSA - la

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ART 1 Oggetto del regolamento. Il presente regolamento disciplina, nell ambito dei principi dell ordinamento e nel rispetto della normativa, l attività

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 Il Centro Diurno Assistenziale è una Struttura semiresidenziale socio assistenziale e sanitaria che assiste,

Dettagli

Comune di Capoterra Provincia di Cagliari Servizio Sociale

Comune di Capoterra Provincia di Cagliari Servizio Sociale Comune di Capoterra Provincia di Cagliari Servizio Sociale REGOLAMENTO PER IL PAGAMENTO DELL INTEGRAZIONE RETTE DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI A CARATTERE SOCIO-SANITARIO (RSA E CASA PROTETTA) INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMILIARE approvato dal Coordinamento Istituzionale con delibera n. 10 del 14/07/2009 PRINCIPI GENERALI Il minore ha diritto di crescere ed essere educato nell ambito della propria

Dettagli

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità Legge Regionale 22 marzo 1990, n. 22 Interventi a sostegno dei diritti degli immigrati extracomunitari in Toscana. Bollettino Ufficiale n. 20, parte prima, del 31.03.1990 Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI TITOLO I Finalità e soggetti Art.1 Normativa L affidamento familiare per minori è regolato

Dettagli

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA Città Turistica e d Arte REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO NEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA Città Turistica e d Arte REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO NEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA Città Turistica e d Arte REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO NEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera C.S. n. 80 del 21/4/2004 ART. 1 - Premessa Ai sensi della

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 2 FINALITA DEL CENTRO

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 2 FINALITA DEL CENTRO REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 1 IDENTITA DEL CENTRO DISABILI E istituito presso i locali di proprietà dell Ipab Manlio Canepa in V.le Vittoria loc. San Terenzo, un Centro diurno per disabili

Dettagli

Comune di Capo d Orlando (Provincia di Messina) Area Servizi Socio-Assistenziali T.T. 6/8

Comune di Capo d Orlando (Provincia di Messina) Area Servizi Socio-Assistenziali T.T. 6/8 Comune di Capo d Orlando (Provincia di Messina) Area Servizi Socio-Assistenziali T.T. 6/8 Regolamento Comunale sull Affidamento Familiare dei Minori 1 R E G O L A M E N T O SULL'AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI

Dettagli

CITTA DI CHIVASSO Provincia di Torino

CITTA DI CHIVASSO Provincia di Torino CITTA DI CHIVASSO Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE PER EMERGENZA ALIMENTARE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 03 del 02/03/2015 entrato in vigore il giorno 19/04/2015 Servizi Refezione

Dettagli

COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI

COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI (Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 43 in data 09/03/1995)

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE Premessa normativa Art.1 - Principi generali Art.2 - Tipologia e modalità di affidamento Art.3 - Durata dell affidamento Art.4 - Come

Dettagli

INTERVENTI VARI. Come si richiede? Presentendosi personalmente o inoltrando richiesta scritta indirizzata al Sindaco.

INTERVENTI VARI. Come si richiede? Presentendosi personalmente o inoltrando richiesta scritta indirizzata al Sindaco. INTERVENTI VARI SEGRETARIATO SOCIALE Che cos è? Il segretariato è un servizio che mette la professionalità degli assistenti sociali a disposizione dei cittadini, fornendo informazioni sulle risorse sociali

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI ENTE D AMBITO SOCIALE N. 34 VESTINA REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI 1 Articolo 1 DEFINIZIONI 1. Ai fini del presente regolamento per Piano Sociale di zona si intende quel provvedimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO;

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; Approvato con deliberazione di G.M. n. 57 del 24/03/2003 REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL

Dettagli

COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania. Regolamento per l affidamento familiare dei minori

COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania. Regolamento per l affidamento familiare dei minori COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania Regolamento per l affidamento familiare dei minori Adottato con deliberazione consiliare n 41 del 16/03/2000 COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania Regolamento per

Dettagli

Approvato con deliberazione del C.d.A. n. 1 del 27.02.07

Approvato con deliberazione del C.d.A. n. 1 del 27.02.07 REGOLAMENTO CONSORTILE PER L INSERIMENTO DI MINORI NELLE STRUTTURE RESIDENZIALI Approvato con deliberazione del C.d.A. n. 1 del 27.02.07 1 S O M M A R I O ART. 1 - OGGETTO...3 ART. 2 - FINALITÀ...3 ART.

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Allegato A alla Delib.G.R. n. 45/18 del 21.12.2010 CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Per la predisposizione e valutazione dei Piani Personalizzati di sostegno relativi

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI ENTE D AMBITO SOCIALE N. 34 VESTINA REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI 1 Articolo 1 DEFINIZIONI 1. Ai fini del presente regolamento per Piano Sociale di zona si intende quel provvedimento

Dettagli

Regolamento per l Affidamento familiare dei minori. Premessa

Regolamento per l Affidamento familiare dei minori. Premessa Regolamento per l Affidamento familiare dei minori Premessa L Affido familiare è regolamentato dalla Legge 4 maggio 1983n.184 Disciplina dell Adozione e dell Affidamento dei Minori, modificata dalla Legge

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 43 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 75/14031 P.G. NELLA SEDUTA DEL 26/05/1994 - MODIFICATO CON DELIBERAZIONE N. 75/I23765 P.G. NELLA

Dettagli

LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA NEL COMUNE DI CASINA IN FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE ADULTE E ANZIANE ART.

LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA NEL COMUNE DI CASINA IN FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE ADULTE E ANZIANE ART. LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA NEL COMUNE DI CASINA IN FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE ADULTE E ANZIANE ART. 1 (OGGETTO) L Amministrazione Comunale di Casina condividendo le finalità

Dettagli

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna)

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO E LE MODALITA DI ACCESSO AGLI INTERVENTI DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO per l ASSISTENZA ECONOMICA. del Comune di Capaci. (approvato con Delibera consiliare n. 52 del 30.09.2004)

REGOLAMENTO per l ASSISTENZA ECONOMICA. del Comune di Capaci. (approvato con Delibera consiliare n. 52 del 30.09.2004) REGOLAMENTO per l ASSISTENZA ECONOMICA del Comune di Capaci (approvato con Delibera consiliare n. 52 del 30.09.2004) Art. 1 OGGETTO E FINALITA DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento, in esecuzione della

Dettagli

CAPO I NORME GENERALI. 1. Il presente regolamento disciplina, ai sensi dell art. 12 della legge 7 agosto 1990, n 241 i criteri e le modalità per:

CAPO I NORME GENERALI. 1. Il presente regolamento disciplina, ai sensi dell art. 12 della legge 7 agosto 1990, n 241 i criteri e le modalità per: REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI E L ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO CAPO I NORME GENERALI

Dettagli

PROVINCIA di CATANZARO

PROVINCIA di CATANZARO PROVINCIA di CATANZARO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI, SOVVENZIONI, SUSSIDI E SERVIZIO CIVICO. Il presente regolamento disciplina i criteri per l erogazione di sussidi economici

Dettagli

Comune di Monchio delle Corti

Comune di Monchio delle Corti Comune di Monchio delle Corti PROVINCIA DI PARMA C.A.P. 43010 Tel. 0521.896521 Fax 0521.896714 Cod. Fisc. e Part. IVA 00341170348 REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ARTICOLO 1 Il Servizio di Assistenza

Dettagli

COMUNE DI PALMI AREA POLITICHE DEL WELFARE

COMUNE DI PALMI AREA POLITICHE DEL WELFARE COMUNE DI PALMI AREA POLITICHE DEL WELFARE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI DI TIPO SOCIO-ASSISTENZIALE AI CITTADINI E ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO ART. 1- OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICIALIRE

REGOLAMENTO COMUNALE PER SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICIALIRE COMUNE DI CORBOLA Provincia di Rovigo Ufficio Servizi Sociali REGOLAMENTO COMUNALE PER SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICIALIRE (S.A.D.) APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 9 DEL 12.04.2010

Dettagli

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO La legge regionale n. 20 del 6 novembre 2002, ed il relativo regolamento attuativo (n. 1 dell 8 marzo 2004) come più volte integrato e modificato,

Dettagli

REGOLAMENTO PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, TRASPORTO SOCIALE E TELESOCCORSO

REGOLAMENTO PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, TRASPORTO SOCIALE E TELESOCCORSO REGOLAMENTO PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, TRASPORTO SOCIALE E TELESOCCORSO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 443 del 11/12/1989. Art. 1 Oggetto del servizio Il presente Regolamento

Dettagli

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI All. B10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE R.Gio/CPA AMBITO ZONALE ALTO AGRI CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI Art.1 Definizione Il centro di aggregazione giovanile

Dettagli

Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE.

Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE. Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE. INDICE TITOLO I ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI art. 1 Finalità

Dettagli

Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009

Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009 Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009 Regolamento Affidamento Familiare Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina i principi e le modalità cui devono uniformarsi la gestione,

Dettagli

Regolamento dei Servizi Sociali

Regolamento dei Servizi Sociali Allegato alla D.C.C. n.23 del 29.09.2003 COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE 70020 - PROVINCIA DI BARI - P.I. 00878940725 UFFICIO SEGRETERIA - Piazza A. Moro n.10 - Tel. 080/764333 - Fax 080/775600 - E-mail

Dettagli

ISTITUTIVO DEI PRESTITI D ONORE

ISTITUTIVO DEI PRESTITI D ONORE REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEI PRESTITI D ONORE Approvato con D.C.C. n. 169 del 09.11.1995 e D.C.C. n. 6 del 13.02.1996 esecutive FINALITÀ Art. 1 1. La legge 142/90 e lo Statuto Comunale pongono a carico delle

Dettagli

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 Approvazione criteri per l assegnazione contributi ai Soggetti gestori delle funzioni socioassistenziali per le attività delle Equipe Adozioni e per la promozione dell affidamento

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE Premessa L affidamento etero-familiare consiste nell inserire un minore in un nucleo familiare diverso da quello originario per un tempo determinato. È un esperienza di accoglienza

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER DISABILI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER DISABILI COMUNE DI TORTORETO Provincia di Teramo REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER DISABILI Approvato con deliberazione Consiliare n. 24 del 29/02/2000 ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO II presente

Dettagli

COMUNE DI INARZO. Provincia di Varese REGOLAMENTO PER I SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI INARZO. Provincia di Varese REGOLAMENTO PER I SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI INARZO Provincia di Varese REGOLAMENTO PER I SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 Il Comune di Inarzo istituisce per i residenti il Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) agli anziani

Dettagli

COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI

COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di Lecce (Settore Amministrativo) REGOLAMENTO COMUNALE DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI Vista la legge nazionale 184/83 che, agli artt. 1,2,3,4 e 5, disciplinando l affidamento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI SUSSIDI FINANZIARI NEL PAGAMENTO DI RETTE DI RICOVERO IN SERVIZI RESIDENZIALI PER ANZIANI E DISABILI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI SUSSIDI FINANZIARI NEL PAGAMENTO DI RETTE DI RICOVERO IN SERVIZI RESIDENZIALI PER ANZIANI E DISABILI COMUNE DI LONGONE AL SEGRINO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI SUSSIDI FINANZIARI NEL PAGAMENTO DI RETTE DI RICOVERO IN SERVIZI RESIDENZIALI PER ANZIANI E DISABILI PREMESSE L

Dettagli

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Allegato A alla Delib.G.G.R. n. 9/15 del 12.2.2013 CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Per la predisposizione e valutazione dei Piani Personalizzati di sostegno relativi

Dettagli

COMUNE DI REVERE PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI REVERE PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI REVERE PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera della Giunta Comunale n. 51 del 25/05/2002 INDICE Art. 1 - oggetto pag. 2 Art. 2 - finalità

Dettagli

REGOLAMENTO CONTRIBUTI ED INTERVENTI PER EMERGENZA ABITATIVA

REGOLAMENTO CONTRIBUTI ED INTERVENTI PER EMERGENZA ABITATIVA REGOLAMENTO CONTRIBUTI ED INTERVENTI PER EMERGENZA ABITATIVA Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 34 del 22/04/2013 REGOLAMENTO CONTRIBUTI ED INTERVENTI PER EMERGENZA ABITATIVA Art. 1 AMBITO

Dettagli

Comune di Azzanello Provincia di Cremona

Comune di Azzanello Provincia di Cremona Comune di Azzanello Provincia di Cremona Regolamento del servizio di assistenza domiciliare prestato dal Comune di Azzanello Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 47 del 28.10.1996. INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina, all interno di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di competenza dei comuni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI CAPO I NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI. Art. 1 Istituzione.. Art. 2 Attribuzioni.. CAPO II ORGANI DELLA

Dettagli

Servizi sociali di Ambito

Servizi sociali di Ambito Regolamento sull affido familiare dell Ambito territoriale di Seriate Comuni di: Seriate, Albano S. Alessandro, Bagnatica, Brusaporto, Cavernago, Costa di Mezzate, Grassobbio, Montello, Pedrengo, Scanzorosciate,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. _45 DEL _19/4/2004 Pag. N. 1 INDICE Art.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE GAMBARO. ARTICOLO 1 Oggetto e Finalità

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE GAMBARO. ARTICOLO 1 Oggetto e Finalità REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE GAMBARO ARTICOLO 1 Oggetto e Finalità Il presente regolamento disciplina l uso e la gestione del Centro Socio Culturale Gambaro, denominato

Dettagli

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ;

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ; ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO ART. 1 - DEFINIZIONE E FINALITA 1. Il Servizio di Assistenza Domiciliare è un insieme di prestazioni di carattere socio assistenziale

Dettagli

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come:

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come: AREA MINORI PREMESSA Nel Piano Regionale Socio Assistenziale l area dei minori viene definita anche Area dell età evolutiva e del disadattamento, dove l obiettivo primario è quello di fornire elementi

Dettagli

COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE

COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE L affidamento familiare è un intervento temporaneo d aiuto e di sostegno ad un minore che proviene da una famiglia in difficoltà. Attraverso l affidamento, il bambino incontra

Dettagli

INDICE. Art. 1 Obiettivi pag. 2. Art. 2 L Utenza: caratteristiche e bisogni pag. 3. Art. 3 Caratteristiche strutturali degli ambienti pag.

INDICE. Art. 1 Obiettivi pag. 2. Art. 2 L Utenza: caratteristiche e bisogni pag. 3. Art. 3 Caratteristiche strutturali degli ambienti pag. INDICE Art. 1 Obiettivi pag. 2 Art. 2 L Utenza: caratteristiche e bisogni pag. 3 Art. 3 Caratteristiche strutturali degli ambienti pag. 3 Art. 4 Le attività della Comunità pag. 4 Art. 5 Tempi di apertura

Dettagli

COMUNE DI MORBEGNO REGOLAMENTO INERENTE IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) (Provincia di Sondrio)

COMUNE DI MORBEGNO REGOLAMENTO INERENTE IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) (Provincia di Sondrio) APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. N. DEL 21 )J2O1a REGOLAMENTO INERENTE DOMICILIARE (S.A.D.) IL SERVIZIO DI ASSISTENZA (Provincia di Sondrio) COMUNE DI MORBEGNO Art. 3 Finalità Art, 2

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI.SOLESINO (PD) E LE PARROCCHIE DI SANTA MARIA ASSUNTA E CUORE IMMACOLATO DI MARIA PER IL SERVIZIO DI SCUOLA DELL INFANZIA

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI.SOLESINO (PD) E LE PARROCCHIE DI SANTA MARIA ASSUNTA E CUORE IMMACOLATO DI MARIA PER IL SERVIZIO DI SCUOLA DELL INFANZIA CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI.SOLESINO (PD) E LE PARROCCHIE DI SANTA MARIA ASSUNTA E CUORE IMMACOLATO DI MARIA PER IL SERVIZIO DI SCUOLA DELL INFANZIA IL COMUNE DI SOLESINO (PD), codice fiscale..., in persona

Dettagli

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N 78 del 26 settembre 1997 e N 13 del 12 marzo 1998 TITOLO 1 Finalità

Dettagli

Regolamento per il servizio di refezione scolastica

Regolamento per il servizio di refezione scolastica Regolamento per il servizio di refezione scolastica Approvato con deliberazione di C.C. n. 24 del 26.06.2003 Modificato con deliberazione di C.C. n. 10 del 16.03.2004-1 - Indice pag. ART. 1 - FINALITA...3

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA Allegato alla delibera di C.C. n.32 dell 11/05/07 1 ART.1 (Definizione) Il Centro diurno per disabili

Dettagli

COMUNE DI VAIANO Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI BUONI SPESA DI CARATTERE SOCIO-ASSISTENZIALE

COMUNE DI VAIANO Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI BUONI SPESA DI CARATTERE SOCIO-ASSISTENZIALE COMUNE DI VAIANO Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI BUONI SPESA DI CARATTERE SOCIO-ASSISTENZIALE Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale n. 23 del 04/03/2009 LINEE GUIDA PER

Dettagli

NUOVA NORMATIVA DEL DIRITTO ALLO STUDIO

NUOVA NORMATIVA DEL DIRITTO ALLO STUDIO Legge regionale 26 aprile 1985, n. 30 NUOVA NORMATIVA DEL DIRITTO ALLO STUDIO TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità La Regione, al fine di concorrere alla realizzazione del diritto allo studio,

Dettagli

Descrizione Normativa Tempi Responsabile procedimento Ufficio Informazionii

Descrizione Normativa Tempi Responsabile procedimento Ufficio Informazionii Procedimenti Settore Servizi alla persona Descrizione Normativa Tempi Responsabile procedimento Ufficio Informazionii Responsabile ufficio Responsabile sostitutivo Assistenza domiciliare Per assistenza

Dettagli

COMUNE DI. VELLEZZO BELLINI (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO PER IL PRESTITO SULL ONORE

COMUNE DI. VELLEZZO BELLINI (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO PER IL PRESTITO SULL ONORE COMUNE DI VELLEZZO BELLINI (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO PER IL PRESTITO SULL ONORE Approvato con Deliberazione del C.C. n. 25 del 12.06.2008 ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il servizio verte su un prestito

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA "PROMOZIONE DELL'ACCESSO AL LAVORO DELLE PERSONE DISABILI". Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 49 del 24 luglio 2001 IL CONSIGLIO

Dettagli

PIANO ANZIANI MOLA REGOLAMENTO

PIANO ANZIANI MOLA REGOLAMENTO PIANO ANZIANI MOLA REGOLAMENTO (Approvato con deliberazione C.C. n.64 del 26.11.1999) Art. 1 Rete integrata di Servizi per Anziani Il presente regolamento disciplina l'organizzazione e l'attività di una

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO GIOCO EDUCATIVO COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO GIOCO EDUCATIVO COMUNALE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO GIOCO EDUCATIVO COMUNALE Settore Socio-Culturale Approvato con Del. Del Consiglio Comunale n. 10 del 05/03/2010 Art. 1 FINALITÀ 1. Il Centro Gioco Educativo

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art 1 - Oggetto TITOLO I Disposizioni Generali Lo scopo del presente regolamento è l'individuazione di criteri equi e trasparenti per: a) l'erogazione

Dettagli

. Comune di San Rocco al Porto Provincia di Lodi C.A.P. 26865 Piazza della Vittoria C.F. 03946010158

. Comune di San Rocco al Porto Provincia di Lodi C.A.P. 26865 Piazza della Vittoria C.F. 03946010158 . Comune di San Rocco al Porto Provincia di Lodi C.A.P. 26865 Piazza della Vittoria C.F. 03946010158 F:\testi\REGOLAMENTI IN VIGORE\REGOLAMENTI IN VIGORE\FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI.DOC REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI E ADULTI HANDICAPPATI

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI E ADULTI HANDICAPPATI COMUNE DI CASINA PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA P.zza IV Novembre, 3-42034 CASINA (Reggio Emilia) Tel. 0522/604711 - Telefax 0522/609464 - P.IVA 00447820358 REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI ASSISTENZA

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

CRITERI DI RIFERIMENTO PER L ACCESSO AL BUONO SOCIALE 2015 PER PERSONE CON DISABILITÀ GRAVE O NON AUTOSUFFICIENTI

CRITERI DI RIFERIMENTO PER L ACCESSO AL BUONO SOCIALE 2015 PER PERSONE CON DISABILITÀ GRAVE O NON AUTOSUFFICIENTI CRITERI DI RIFERIMENTO PER L ACCESSO AL BUONO SOCIALE 2015 PER PERSONE CON DISABILITÀ GRAVE O NON AUTOSUFFICIENTI 1. PRINCIPI GENERALI I seguenti criteri disciplinano, all interno di un sistema integrato

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA)

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) REGOLAMENTO PER LE ASSEGNAZIONI IN DEROGA ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA E PER L ISTITUZIONE DELLA COMMISSIONE CONSULTIVA (artt. 6bis,

Dettagli

COMUNE DI ANCONA REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE

COMUNE DI ANCONA REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE COMUNE DI ANCONA REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE Delibera Consiglio Comunale n. 51 del 10.06.2015 1 REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE ART. 1 DEFINIZIONE Il Tempo per le famiglie rientra nella tipologia

Dettagli

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PREMESSA Il presente bando disciplina l erogazione di buoni sociali finanziati attraverso Fondo Non Autosufficienze (FNA). Il Buono Sociale si

Dettagli

COMUNE DI BRESSANA BOTTARONE Provincia di Pavia REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI BRESSANA BOTTARONE Provincia di Pavia REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BRESSANA BOTTARONE Provincia di Pavia REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 del 27.06.2003 Articolo 1 DEFINIZIONE Il Servizio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO DEI RICOVERI IN REGIME TEMPORANEO PRESSO LA RSA N. IOTTI DI MONTERONI D ARBIA FINALITA DELLA STRUTTURA

REGOLAMENTO COMUNALE DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO DEI RICOVERI IN REGIME TEMPORANEO PRESSO LA RSA N. IOTTI DI MONTERONI D ARBIA FINALITA DELLA STRUTTURA ALLEGATO A) Modificato con le determinazioni del C.C. n. 53 del 30.09.2013 REGOLAMENTO COMUNALE DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO DEI RICOVERI IN REGIME TEMPORANEO PRESSO LA RSA N. IOTTI DI MONTERONI D ARBIA

Dettagli