COMUNE DI USSARAMANNA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI USSARAMANNA"

Transcript

1 COMUNE DI USSARAMANNA PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO *********** DI ATTUAZIONE SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI TITOLO I CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Finalità In esecuzione della L.R , n. 4, che detta le Norme per il riordino delle funzioni socio-assistenziali e dei Regolamenti d attuazione approvati rispettivamente con D.P.G.R. n. 12 del e con D.P.G.R. n. 145 del , nonché in armonia con la Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali n. 328/2000, il Comune di Ussaramanna emana il presente Regolamento, per l attuazione dei Servizi Socio-Assistenziali. Scopo del Regolamento è disciplinare l organizzazione e la gestione dei Servizi Socio-Assistenziali, che il Comune stesso e altri soggetti privati e pubblici, agenti sul territorio comunale, promuovono al fine di garantire a tutti i cittadini il pieno e libero sviluppo della personalità e l affettiva partecipazione alla vita sociale, politica, economica e culturale concorrendo altresì a prevenire e rimuovere le cause ostative al raggiungimento di un livello di vita dignitoso.

2 Art. 2 Principi e indirizzi per l attuazione degli interventi La programmazione, l organizzazione e la gestione delle attività svolte dal Comune nell ambito delle funzioni di cui al presente Regolamento si uniformano ai principi cardine del Servizio Sociale: 1) valorizzazione di interventi preventivi al fine di evitare l insorgere di fattori di disagio sociale; 2) superamento della logica assistenzialistica per categoria di utenti; 3) potenziamento delle risorse dei singoli individui e della comunità in generale, al fine di renderli autonomi nella soluzione dei problemi; 4) integrazione dei servizi socio-assistenziali con quelli sanitari, culturali, educativi, scolastici e tutti gli altri esistenti nel territorio al fine di dare delle risposte organiche e globali ai bisogni; 5) uguaglianza di prestazioni a parità di bisogno, prevenendo differenziazioni unicamente in relazione alla specificità delle esigenze e nel rispetto della libertà, dignità e personalità dell individuo; 6) mantenimento e reinserimento dei soggetti nel proprio contesto culturaleterritoriale, limitando il ricorso al ricovero in istituti ai soli casi in cui ciò si renda indispensabile; 7) recupero e riabilitazione dei soggetti socialmente disadattati, disabili, sofferenti mentali o affetti da minorazioni psichiche, fisiche e/o sensoriale; 8) promozione ed utilizzazione di tutte le iniziative espresse dalla comunità nelle sue varie forme: volontariato, cooperazione, istituzioni pubbliche e private; 9) partecipazione attiva e controllo sociale dei cittadini alla programmazione, gestione e verifica dei servizi socio-assistenziali. Art. 3 Destinatari dei servizi I servizi e gli interventi socio-assistenziali sono rivolti a tutta la popolazione residente nella Regione, senza distinzioni di carattere sociale, economico, religioso e giuridico; hanno altresì diritto di usufruire degli interventi gli stranieri e gli apolidi residenti nel territorio regionale. Il diritto alle prestazioni può inoltre estendersi alle persone occasionalmente presenti o temporaneamente dimoranti nel territorio regionale che versino in stato di bisogno tale da esigere interventi tempestivi ed urgenti.

3 Art. 4 Tipi di intervento I principi e le finalità di cui agli artt. 1 e 2 del presente Regolamento, si realizzano secondo interventi e servizi così come previsto dalle Leggi citate all art. 1; 1) interventi a sostegno della famiglia e dei singoli individui, in particolare sotto forma di: a) segretariato sociale; b) assistenza economica; c) assistenza abitativa; d) assistenza domiciliare; e) attività di supporto per l inserimento scolastico, sociale, lavorativo di soggetti portatori di situazioni problematiche ed esposti a rischio di emarginazione; 2) interventi sostitutivi dell ambito familiare sotto forma di: a) assistenza ai minori e agli incapaci nei rapporti con l autorizzazione giudiziaria; b) affidamento etero-familiare; c) affidamento a comunità residenziali tutelari; d) ricovero presso istituti educativo-assistenziali; 3) interventi integrativi dell ambito familiare sotto forma di: a) centri di aggregazione sociale e soggiorni di vacanza; b) progetti e soggiorni a favore di portatori di handicap; c) attività ricreative, culturali ed informative. Art. 5 Segretariato sociale Tale servizio si sostanzia nella diffusione di notizie e informazioni sulla natura, sulle procedure e modalità di accesso a risorse presenti nel territorio, nella individuazione di problematiche che richiedono l invio dell utente ad altri servizi e l intervento di altre figure professionali, allorquando venga accertata che la richiesta della persona esuli dalle competenze del Servizio Sociale Comunale. Il segretariato sociale, in quanto servizio di orientamento ed indirizzo, viene ad assumere una particolare valenza alla luce delle innovazioni normative che promuovono la partecipazione del cittadino alla gestione e valutazione dei servizi.

4 CAPO II INTERVENTI ECONOMICI Art. 6 Assistenza economica Ai sensi dell art. 34 della Legge Regionale n. 4/88, gli interventi socio-assistenziali di natura economica sono diretti ai singoli cittadini o ai nuclei familiari in condizioni economiche tali da non consentire il soddisfacimento dei bisogni fondamentali di vita al fine di promuovere l autonomia. Gli interventi possono essere eccezionali e straordinari o di carattere continuativo, sempre limitatamente al permanere della situazione di bisogno. Art. 7 Criteri generali 1. L assistenza economica deve tendere al superamento delle condizioni di bisogno individuale o collettivo, nonché contribuire ad evitare il deteriorarsi di situazioni personali e familiari. 2. Il ricorso alle prestazioni di carattere economico deve essere limitato alle ipotesi in cui non sia possibile o risulti inopportuna l utilizzazione delle altre tipologie di intervento socio-assistenziale previste dalla legge. 3. L assistenza economica può essere integrata con misure socio-assistenziali di diversa tipologia al fine di evitare l instaurarsi o il permanere di situazioni di dipendenza dell assistito dall intervento pubblico. 4. Le prestazioni economiche sono disposte anche con funzioni di integrazione del reddito e devono essere erogate con tempestività e celerità. 5. L oggetto dell assistenza economica è di norma costituito da una somma di denaro salvo i casi eccezionali in cui esistano controindicazioni sotto il profilo tecnico-assistenziale. 6. Gli interventi socio-assistenziali di natura economica sono uno strumento nel processo di aiuto, come tali possono prescindere dallo stato di bisogno reddituale e possono essere erogati, compatibilmente con la disponibilità finanziaria del Comune, al fine di promuovere l autonomia della persona allorquando questa sia compromessa da gravi problemi fisici o psichici.

5 Art. 8 Entità delle prestazioni e fasce di reddito 1. In attuazione degli artt. 4 e 34 della L.R. n. 4/88 l intervento assistenziale di natura economica e di carattere continuativo è erogato in misura non superiore al minimo vitale inteso come insieme delle risorse economiche necessarie per il soddisfacimento dei bisogni fondamentali, quali quelli relativi alla casa, all alimentazione, al vestiario, all igiene ed alla vita di relazione. Per minimo vitale s intende il livello di reddito ritenuto indispensabile per i bisogni primari relativi alla alimentazione, al vestiario, all igiene e alla vita di relazione; 2. L importo della prestazione economica di carattere continuativo è commisurato all entità delle risorse economiche e al disagio derivante all assistito da infermità di carattere fisico o psichico. 3. Concorrono a formare le risorse economiche del richiedente: a) il reddito del nucleo familiare di appartenenza; b) le prestazioni previdenziali nonché quelle assistenziali di carattere continuativo, escluse le indennità di accompagnamento a favore degli invalidi civili ed i sussidi concessi dal Comune a particolari categorie di infermi; c) i redditi patrimoniali, escluso quello della casa in cui abita lo stesso richiedente; d) gli aiuti economici forniti da parenti ed affini obbligati agli alimenti; e) le pensioni sociali a favore degli invalidi civili, dei ciechi civili e dei sordomuti; 4. Le risorse economiche mensili corrispondenti al minimo vitale sono fissate annualmente, sulla base degli indici ISTAT, con Decreto dell Assessore Regionale dell Igiene, Sanità e Assistenza Sociale; 5. L importo massimo della prestazione economica di carattere continuativo è pari alla differenza tra il minimo vitale e le risorse economiche di cui dispone il nucleo familiare; 6. Il Comune eroga le prestazioni economiche continuative secondo i criteri sopra esposti, nei limiti delle proprie disponibilità finanziarie a ciò destinate e tenuto conto dei livelli medi di consumo locale, nonché dell opportunità di ricorrere ad altre tipologie di interventi socio-assistenziali in base alle condizioni psico-fisiche del destinatario.

6 Art. 9 Condizioni per accedere alle prestazioni economiche 1. L assistenza economica a carattere continuativo è prestata a condizione che il richiedente si trovi in stato di bisogno e non abbia parenti o affini tenuti agli alimenti ai sensi degli artt. 433 e ss. del codice civile. 2. In caso di urgente necessità e fermo restando lo stato di bisogno, il Comune può prestare l assistenza economica continuativa anche in mancanza degli altri requisiti previsti al punto precedente; 3. L assistenza economica a carattere straordinario è prestata nei confronti di colui che si trova in stato di bisogno per il verificarsi di un evento eccezionale e/o imprevedibile. 4. Le prestazioni di cui al primo e al quarto punto sono cumulabili. 5. L assistenza economica non può essere prestata nei confronti di chi, senza giustificato motivo, abbia opposto rifiuto a soluzioni alternative offerte dal Comune. Art. 10 Tipologia degli interventi di Assistenza Economica 1. L intervento a carattere continuativo di cui all art. 34, c.2, della L.R. n. 4/88, consiste nella concessione di un contributo mensile pari alla differenza tra la quota base del minimo vitale e le risorse di cui dispone il richiedente. 2. In relazione alla diversa tipologia e gravità delle circostanze che hanno determinato l insorgere dello stato di bisogno, il contributo può essere erogato per un periodo massimo di sei mesi. Il provvedimento di concessione può essere rinnovato previo accertamento della permanenza dello stato di bisogno. Il beneficiario è obbligato a dare comunicazione all ufficio del Servizio Sociale di qualunque variazione del reddito che sopraggiunga durante il periodo di erogazione del contributo. 3. L intervento a carattere straordinario consiste nella concessione di un contributo erogato in un unica soluzione finalizzato a superare situazioni di bisogno eccezionali ed imprevedibili. 4. Accertata la sussistenza dello stato di bisogno, il Comune deve procedere all erogazione degli interventi nel più breve tempo possibile e comunque non oltre 30 giorni dalla data dell accertamento.

7 Art. 11 Assistenza abitativa Questa prestazione è volta a far fronte a specifici stati di bisogno connessi a carenza abitativa dei soggetti e delle categorie più deboli; si attua tramite: a) interventi per l assegnazione, tenuto conto delle condizioni economiche del beneficiario, di alloggi di edilizia popolare; b) l erogazione di contributi per l istallazione ed uso di impianti idrici, elettrici, tecnici; c) concessione di contributi per il pagamento dei canoni di locazione; d) sistemazione alberghiera in situazioni eccezionali e transitorie non altrimenti risolvibili. Art. 12 Assistenza Domiciliare 1. Gli interventi di assistenza domiciliare sono diretti ai cittadini ed ai nuclei familiari che, per particolari contingenze o per non completa autosufficienza, non siano in grado, anche temporaneamente, di garantire il pieno soddisfacimento delle esigenze personali e domestiche, al fine di salvaguardare l autonomia dei cittadini e la loro permanenza all interno del proprio nucleo familiare o nella propria residenza abituale. 2. L assistenza domiciliare consiste in prestazioni di aiuto, da parte di personale in possesso dei requisiti di legge, per il governo della casa e per il soddisfacimento dei bisogni essenziali della persona e, se necessario, per consentire l accesso ai servizi territoriali. 3. le prestazioni sanitarie, curative e riabilitative erogate in forma integrata e coordinata, sono assicurate dai servizi dell Azienda USL competente per territorio e i relativi oneri fanno carico al Fondo Sanitario Regionale. 4. L assistenza domiciliare può essere attivata per il supporto o la sostituzione temporanea del nucleo familiare di minori, interdetti ed inabilitati, con il consenso di chi esercita la tutela o la curatela, purché vi sia il parere favorevole della competente autorità giudiziaria. Le prestazioni socio-assistenziali consistono in attività di aiuto domestico, preparazione pasti ed altri interventi connessi alla vita quotidiana, attività minime di segreteria e più in generale in attività dirette al sostegno della personalità. Il servizio può inoltre essere integrato con prestazioni di tipo educativo, in particolare a favore di minori e disabili.

8 Per rispondere più adeguatamente ad esigenze sia di ordine domestico che di tipo igienico-sanitario e di socializzazione, il Comune prevede la possibilità di organizzare il Servizio di Assistenza Domiciliare in due diverse modalità: Attraverso un servizio che individua una sola figura professionale: L Assistente Domiciliare e dei Servizi Tutelari, con funzioni che vanno dalla cura e igiene della persona, alla preparazione e somministrazione dei pasti, all accompagnamento presso i diversi servizi, alla cura delle relazioni sociali, al governo della casa, alla pulizia dei principali ambienti di vita dell utente. Un servizio che individua due differenti figure: l Assistente Domiciliare e dei servizi Tutelari e l Assistente Generico, prevedendo una suddivisione di compiti come sopra elencati, con esclusive funzioni di governo e pulizia della casa relativamente all Assistente Generico e con l attribuzione di tutte le competenze residue in capo all Assistente Domiciliare e dei servizi Tutelari. Questa suddivisione ha ragione di esistere allorquando vi siano rilevanti differenze in ordine al grado di autonomia, di invalidità e di autosufficienza degli utenti e laddove esista un giusto bilanciamento tra le due figure professionali che devono coesistere rispettando il seguente rapporto: 1/2 ora di Assistente Generico per ogni ora di Assistente Domiciliare e SS.TT. di servizio prestata. E fatta salva la possibilità di optare per una sola delle due figure, venendo meno al principio della compresenza, qualora la particolarità del caso lo richieda, a seguito di valutazione espressa dall Assistente Sociale. Art. 13 Inserimento sociale, scolastico e lavorativo Il Comune, utilizzando tutte le risorse sociali ed economiche presenti nel territorio e coordinandosi con le istituzioni statali e regionali, promuove gli interventi in materia di: - servizi alla persona, in particolare il diritto allo studio, formazione e orientamento professionale; - di collocamento al lavoro; - di cultura sport e tempo libero al fine di favorire la permanenza o l inserimento nel proprio contesto territoriale, scolastico e lavorativo di soggetti portatori di handicap o comunque esposti a rischio di emarginazione. In particolare il Comune: a) promuove e incentiva, sentito il parere dei componenti organi collegiali e in raccordo con i servizi socio-assistenziali e sanitari, attività di sostegno psicopedagogico e sociale individualizzate, volte ad agevolare l inserimento scolastico degli alunni portatori di handicap psico-fisico o con problemi comportamentali, di apprendimento, di disadattamento e devianza;

9 b) assume iniziative per il rispetto delle norme relative al collocamento obbligatorio al lavoro per i soggetti appartenenti alle categorie protette; c) favorisce l inserimento lavorativo, promovendo forme di cooperazione alle quali partecipano, insieme ad altri cittadini, i soggetti di cui al punto a). CAPO III INTERVENTI SOSTITUTIVI DEL NUCLEO FAMILIARE Art. 14 Assistenza ai minori ed agli incapaci nei rapporti con l autorità giudiziaria 1. L assistenza ai minori nei rapporti con l autorità giudiziaria (Tribunale per i Minorenni, Giudice Tutelare, Sezione Minorenni della Corte d Appello, Tribunale Ordinario), si attua mediante: a) segnalazione all autorità giudiziaria competente dei casi di abbandono e di maltrattamenti sotto il profilo materiale e morale; di disadattamento di minori, nonché di ogni altra situazione pregiudizievole per i diritti e gli interessi del minore; b) svolgimento, su richiesta dell autorità giudiziaria delle indagini e degli accertamenti d ordine psico-sociale necessari ai fini dell autorizzazione al matrimonio dei minori, dell affidamento dei figli nei casi di separazione dei coniugi o di scioglimento o dichiarazione di nullità del matrimonio, della valutazione in ordine all esercizio della potestà dei genitori; alle pronunce di decadenza della potestà genitoriale o di reintegrazione in essa; ai provvedimenti da adottare nei casi di condotta dei genitori pregiudizievole ai figli; ogni altro provvedimento giudiziario in materia di filiazione; c) collaborazione con l autorità giudiziaria, relativamente alle indagini e agli accertamenti da essa richiesti e la promozione ed attuazione delle misure e delle attività inerenti ai procedimenti volti alla dichiarazione dello stato di adattabilità, dell affidamento preadottivo e dell adozione ai sensi del Titolo II della Legge 4 maggio 1983, n. 184, come modificata dalla Legge n. 149/2000; d) L assistenza necessaria nei confronti dei minori interessati dai provvedimenti dell autorità giudiziaria, ivi comprese le prestazioni specifiche di ordine psico-terapeutico e le attività di sostegno alla famiglia di origine e agli affidatari. 2. Il Sindaco adotta i provvedimenti d urgenza di cui all art. 403 del Codice Civile a favore di minori materialmente e/o moralmente abbandonati, avvalendosi dei servizi socio-assistenziali del Comune.

10 3. L assistenza alle persone adulte incapaci o nei cui confronti sia stato promosso un procedimento di interdizione è attuata mediante interventi di sostegno e di collaborazione con l autorità giudiziaria quando richiesta. Art. 15 Affidamento etero-familiare L affidamento etero-familiare di minori, persone anziane, handicappati o persone comunque parzialmente o totalmente non autosufficienti, che non possono essere opportunamente assistite restando nel proprio nucleo familiare, può essere disposto presso singoli, famiglie, nuclei parafamiliari che siano riconosciuti idonei alla loro accoglienza. L affidamento può essere accompagnato dall erogazione di un contributo economico da determinarsi sulla base dei bisogni specifici dei soggetti affidati e tenendo conto della disponibilità dell Ente. Art. 16 Affidamento familiare di minori L affidamento familiare è un servizio rivolto ai minori per i quali si rende necessario un ambiente sostitutivo della famiglia di origine. Questo istituto, concepito come misura di allontanamento provvisoria, perché finalizzata al reinserimento del minore nel nucleo d origine, viene disposto con preferenza all istituzionalizzazione, su proposta del Servizio Sociale del Comune, con il consenso della famiglia del minore, ovvero in attuazione di apposito provvedimento dell autorità giudiziaria competente. L affidamento familiare, disciplinato dalla Legge n. 184/83, come modificata dalla Legge n. 149/2000, è attuato in collaborazione con coppie, singoli, nuclei familiari o parafamiliari aventi i requisiti necessari per assicurare al minore un valido ambiente di vita che consenta il suo pieno sviluppo sul piano psico-affettivo e pedagogico, nonché dignitose condizioni di assistenza morale e materiale. L affidamento, che può avere anche una funzione educativa nei casi in cui il minore abbia manifestato forme di disadattamento, è temporaneo e può essere disposto anche solo per alcune ore del giorno. Il Servizio Sociale del Comune attua: a) la promozione dell affidamento; b) la selezione e preparazione degli affidatari, nonché la raccolta dei dati inerenti alla famiglia o persone disponibili all affidamento in relazione all età, al numero soggetti da affidare e al tipo di problema, alla possibilità di accoglienza e alla presumibile durata dell affidamento;

11 c) la cura dei rapporti tra famiglia di origine e famiglia affidataria, la prevenzione e la soluzione di conflitti, l assistenza ai genitori naturali, anche in previsione di un ritorno in essa del minore; d) le prescrizioni agli affidatari e l attività di assistenza tecnica e di appoggio agli stessi; e) la stipula di polizza assicurative che garantiscano gli affidatari e gli affidati dai rischi di infortuni o di responsabilità civile in relazione a fatti commessi dall affidato nel corso dell affido; f) la determinazione dell entità del contributo economico da erogare a favore degli affidatari per il mantenimento degli affidati; g) la vigilanza sul buon andamento dell affidamento, tenendo informata l autorità giudiziaria; h) la verifica e valutazione periodica del caso onde ricercare soluzioni alternative più adatte alle esigenze del minore. Art. 17 Affidamento a comunità residenziali tutelari L affidamento a comunità residenziali tutelari può essere disposto nei confronti di minori o adulti con particolari problemi personali o sociali nei cui confronti non possono essere effettuati interventi a domicilio né affidamenti eterofamiliari. Per comunità residenziali tutelari si intendono: a) comunità alloggio; b) istituti educativo-assistenziali per minori; c) centri residenziali per handicappati gravi; d) strutture protette per anziani non autosufficienti. Art. 18 Ricovero in istituto Il ricovero in istituto e il mantenimento di minori e adulti presso istituti assistenziali è disposto a seguito della constatata impossibilità di interventi alternativi e limitatamente al tempo in cui permane tale impossibilità. Alla scelta dell istituto partecipa il soggetto interessato o la famiglia. In caso di comprovata necessità è consentito il ricorso in istituto fuori Regione.

12 CAPO IV INTERVENTI INTEGRATIVI DELL AMBIENTE FAMILIARE Art. 19 Soggiorni vacanza per anziani Il Comune di Ussaramanna organizza, in forma autonoma o in convenzione, soggiorni vacanza, gite di fine settimana, escursioni giornaliere, aventi finalità socioculturali e ricreative, allo scopo di attenuare quei processi di solitudine, emarginazione ed isolamento frequenti nella condizione dell anziano. Tali iniziative, rivolte ad anziani di età compresa tra i 55 (donne) e 60 anni (uomini), possono essere gestite autonomamente o in forma associata a seguito di accordo con altri Comuni o servizi ASL, Associazioni, ecc.. Modalità di svolgimento e quote di partecipazione sono determinate dal Programma Comunale Socio-Assistenziale triennale. Art. 20 Soggiorno vacanza per minori Annualmente il Comune promuove e organizza soggiorni climatici estivi ed invernali (colonia, campeggio, escursioni, servizio di accompagnamento presso stabilimenti balneari), in favore di minori di età compresa tra fra i 6 e 18 anni al fine di garantire occasioni e possibilità di recupero psico-fisico, nonché momenti di nuovi contatti e rapporti sociali. Sono ammessi a partecipare anche i soggetti con minorazioni fisiche, psichiche e/o sensoriali. I servizi di vacanza devono essere dotati di personale idoneo ad assicurare l assistenza sociale e sanitaria, nonché l organizzazione di attività ricreative e del tempo libero, garantendo inoltre l utilizzo di strutture dotate di attrezzature e personale qualificato per i soggetti affetti da minorazioni psico-fisiche e/o sensoriali. Modalità di svolgimento e quote di partecipazione sono determinate dal Programma Comunale Socio-Assistenziale triennale.

13 Art. 21 Centri di aggregazione sociale Il Centro si pone come luogo di socializzazione ed integrazione culturale con il territorio, nonché come centro di erogazione di servizi: mensa, lavanderia, stireria, laboratori, ecc. 1. Il Centro di Aggregazione Sociale di cui all art. 27 della L.R. 4/88 ha la funzione di promuovere iniziative ed attività di aggregazione culturale, ricreativa, sportiva e di informazione. 2. Tale centro si configura come struttura di sostegno e socializzazione, costituisce la sede di riferimento e d incontro per la vita comunitaria e può fungere da punto d appoggio per altri servizi socio-assistenziali territoriali. 3. Il centro deve offrire ampie opportunità di impegno e utilizzo del tempo libero, a valenza formativa e socializzante nonché promuovere momenti d incontro con finalità di prevenzione in relazione a stati di solitudine ed a fenomeni di devianza e emarginazione. 4. Il centro si rivolge ad un utenza indifferenziata, pur promovendo la partecipazione ed il coinvolgimento attivo di soggetti a rischio e con difficoltà relazionali. 5. Nel centro di aggregazione un operatore sociale svolge le funzioni di coordinatore delle attività organizzate. Art. 22 Comunità alloggio 1. Le comunità alloggio, di cui all art. 40, comma 2 della L.R. n. 4/88, sono strutture residenziali tutelari di piccole dimensioni destinate ad ospitare soggetti totalmente o parzialmente autosufficienti. 2. La capacità ricettiva deve essere adeguata alle disposizioni contenute nella L.R. 4/88 e al D.P.G.R. 12/89.

14 Art. 23 Servizi culturali e ricreativi Il Comune intende promuovere nel proprio ambito, collegandosi ove possibile con i servizi del tempo libero esistenti nel territorio, iniziative culturali, ricreative e sportive, di qualificazione del tempo libero al fine di garantire a tutti i cittadini, in particolare ai giovani, agli anziani, ai soggetti a rischio di emarginazione, la possibilità di instaurare nuovi contatti e rapporti sociali, favorendone l inserimento o l integrazione nella Comunità. I servizi culturali e ricreativi comprendono in particolare: a) biblioteca, cineteca, ludoteca; b) attività e manifestazioni artistiche e culturali; c) impianti e attrezzature sportive di base, attività e manifestazioni sportive; d) parco giochi per bambini. Art. 24 Interventi a favore delle persone con handicap Il Comune di Ussaramanna è impegnato da diversi anni nella promozione dei diritti delle persone portatrici di handicap e delle loro famiglie, attraverso iniziative che favoriscono la socializzazione, il reinserimento, la riabilitazione, l integrazione in ogni ambito di vita del soggetto. Nella promozione di tali iniziative si auspica il raccordo e la coordinazione con altri servizi sanitari, scolastici, culturali, sociali. Art. 25 Domanda e istruttoria delle pratiche per interventi socio assistenziali Le domande dirette ad usufruire di servizi socio-assistenziali devono essere presentate mediante moduli predisposti dal Comune, compilati in ogni parte e con tutti gli allegati utili alla valutazione della richiesta, indirizzate al Sindaco. La Giunta Municipale sentita la Commissione consiliare per i Servizi Sociali sulla scorta del parere di cui sopra compatibilmente con le risorse del bilancio, decide definitivamente sugli interventi presentati. Il responsabile del servizio ne dà comunicazione ai destinatari.

15 Art. 26 Onerosità e gratuità dei servizi Gli interventi e i servizi socio-assistenziali attuati dal Comune si articolano: - in servizi per i quali l utente partecipa al costo in proporzione alle risorse economiche di cui dispone e/o al costo complessivo del servizio. Art. 27 Criteri per la determinazione della partecipazione al costo dei servizi 1. Gli utenti partecipano al costo dei servizi secondo una quota di contribuzione calcolata sulla base delle risorse del proprio nucleo familiare. 2. Il Comune individua nell ambito del programma annuale socio-assistenziale per quali interventi, in quale misura e con quali modalità gli utenti, tenute presenti le loro condizioni economiche, debbano partecipare al costo dei servizi. 3. Per i soggetti nei quali è prevista una compartecipazione ai servizi il Comune determina l entità della contribuzione nell ambito dei valori stabiliti annualmente dalla Giunta Regionale. TITOLO II CAPO I ORGANIZZAZIONE E GESTIONE Art. 28 Programmazione Sociale Nell intento di realizzare una politica sociale sempre più rispondente ai bisogni in continua evoluzione, favorendo l integrazione e la sinergia tra diversi servizi ed istituzioni, il Comune promuove la programmazione locale degli interventi sociali e assistenziali, attraverso la predisposizione di un piano triennale di sviluppo dei servizi, coinvolgendo le forze politiche e sociali presenti nel territorio.

16 Art. 29 Informazione sociale Il Comune, al fine di superare l attuale emarginazione ed estraneità di gran parte dei cittadini rispetto al sistema dei servizi sociali ed assistenziali, realizza una puntuale e corretta informazione. Tale obiettivo verrà realizzato sia attraverso la concreta attuazione del servizio di segretariato sociale, sia attraverso opportune iniziative di diffusione dell informazione. A tal fine il Comune sostiene e finanzia, compatibilmente con la disponibilità finanziaria annuale, il Servizio Informagiovani che divulga notizie e informazioni riguardanti diversi ambiti, quali: istruzione, professioni, lavoro, concorsi, vita sociale, tempo libero, vacanze, turismo. Art. 30 Partecipazione popolare Il Comune promuove la partecipazione dei cittadini e delle organizzazioni sociali presenti nel territorio, per la definizione degli obiettivi e dei programmi di intervento. Assicura significativi canali di raccolta dell informazione ed una strumentazione di rilevazione dei bisogni semplice ed accessibile; promuove la circolazione, la verifica, il dibattito sull informazione ed assicura l accessibilità e la comprensibilità anche a persone prive di preparazione specifica usando i mezzi e gli strumenti più idonei. CAPO II Art. 31 Il Volontariato Il Comune riconosce il rilevante valore sociale dell opera prestata dalle associazioni di volontariato o da singoli volontari. Nel rispetto dei principi del presente regolamento, le associazioni di volontariato ed i singoli volontari possono essere impiegati per la realizzazione degli interventi socio-assistenziali. Il contributo del personale volontario al funzionamento del servizio è attuato nell ambito dei progetti di intervento predisposti dall Ente ed è fondato su prestazioni spontanee e gratuite dalle quali non derivi reddito alcuno. Il personale volontario operante nei servizi è a tutti gli effetti responsabile dell attività prestata

17 ed è tenuto al rispetto dei regolamenti relativi all organizzazione e gestione dei servizi. Art. 32 Istituzioni private Il presente regolamento fa salva la libertà di costituzione e di attività delle associazioni, fondazioni ed altre istituzioni dotate o meno di personalità giuridica con finalità di assistenza e di servizio a disposizione delle persone, promosse da privati e da enti assistenziali di ogni confessione religiosa. Le istituzioni private, a richiesta e nel rispetto della loro configurazione ed autonomia giuridica ed amministrativa, possono essere utilizzate nell ambito della programmazione dei servizi sociali e di assistenza a livello delle prestazioni, per la qualificazione del personale e per l efficienza organizzativa ed operativa. L accertamento dei requisiti per l ammissione alla partecipazione è demandata al Responsabile del Servizio Sociale. TITOLO III ORGANI COMUNALI PREPOSTI PER I SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI Art. 33 Commissione per i Servizi Socio Assistenziali La Commissione per i Servizi Socio-Assistenziali, nominata dal Consiglio Comunale, è composta da: - Sindaco o assessore delegato; - n. 2 Consiglieri o loro delegati di cui n. 1 della maggioranza e n. 1 della minoranza; - l assistente sociale - n. 1 membro esterno. Le funzioni di Presidente sono svolte dal Sindaco o dall Assessore delegato.

18 Art. 34 Compiti della Commissione Compito precipuo della Commissione è quello di predisporre una relazione propositiva degli interventi da attuare sulla base di bisogni eventuali all interno della comunità. La Commissione dovrà trasmettere annualmente entro il 30 ottobre la succitata relazione all Amministrazione Comunale che realizzerà, compatibilmente con la disponibilità del bilancio, la migliore erogazione dei servizi socio-assistenziali. Le riunioni vengono convocate dal Sindaco o dall Assessore delegato, mediante avviso scritto da recapitarsi almeno tre giorni prima della data fissata per la seduta. Le sedute si intendono valide se è presente la metà più uno dei componenti, le decisioni sono valide se ottengono la maggioranza dei voti, in caso di parità prevale il voto del Presidente. Art. 35 Natura giuridica Non essendo tale organo disciplinato da alcuna normativa nazionale o regionale e prevedendo nella sua composizione una componente politica, in armonia con quanto previsto dagli artt. 89 del D.Lgs. n. 267/2000, 31 del D.P.G.R. n. 145/90 e in ossequio alla legge n. 675/96, deve intendersi esteso anche a questo ambito il principio sancito dall art. 107 del D.Lgs. n. 267/2000 relativo alla separazione tra i poteri di indirizzo e controllo politico-amministrativo, tipici degli organi di governo e i poteri di gestione amministrativa, finanziaria e tecnica, propri della classe dirigenziale La Commissione pertanto si configura come organo consultivo e propositivo del Comune, è chiamato ad esprimere preventivamente pareri obbligatori, ma non vincolanti, sulle questioni di maggior rilievo riguardanti l assistenza, la beneficenza pubblica e la sicurezza sociale. In caso di comprovata urgenza ed assoluta immediatezza dell intervento, la Giunta Comunale potrà predisporre i provvedimenti del caso senza il parere preventivo e obbligatorio della Commissione, alla quale comunque dovrà essere data comunicazione alla prima seduta utile della stessa.

19 Art. 36 Funzionamento Di tutte le riunioni deve essere redatto idoneo processo verbale sottoscritto da tutti i componenti e dal segretario della Commissione. Copia di tale verbale deve essere rimesso ai competenti organi comunali (Consiglio e Giunta) e deve essere menzionato negli atti deliberativi degli organi collegiali. I componenti la Commissione che si assentino ingiustificatamente per tre sedute consecutive, decadono dall incarico senza ulteriore formalità. Art. 37 Elezione Il Consiglio Comunale nomina i componenti la Commissione per i servizi Socio Assistenziali che avrà una durata pari a quella dello stesso Consiglio; gli stessi durano comunque in carica fino all insediamento della nuova Commissione. Art. 38 Gratuità dell incarico dei componenti la commissione I componenti la Commissione per i servizi Socio-Assistenziali esercitano il loro incarico in modo gratuito, senza diritto ad alcun compenso e indennità. Art. 39 Funzioni proprie e competenze del Consiglio Comunale Il Consiglio Comunale approva il Piano Socio-Assistenziale sulla base delle indicazioni suggerite dalla Commissione. Art. 40 Competenze della Giunta Comunale

20 La Giunta Comunale, quale organo collegiale esecutivo, gestisce tutta l attività e gli interventi in materia di assistenza sociale, beneficenza pubblica e sicurezza sociale, in osservanza delle vigenti leggi statali e regionali e sulla base dei principi, criteri e metodi di cui al presente regolamento. La Giunta Municipale, fatta eseguire la necessaria attività istruttoria, esperiti gli opportuni accertamenti ed acquisito il parere della Commissione per i Servizi Socio- Assistenziali, dispone l intervento ritenuto più idoneo ed opportuno a fronte del bisogno evidenziato; interviene, prescindendo dal relativo parere, quando le circostanze ne evidenzino la necessità e quindi l adozione di un tempestivo intervento affinché ne scaturisca un risultato positivo.

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI CONSORZIO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI (Approvato con Deliberazione dell Assemblea Consortile n. 04 del 28/04/2014)

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 174 del 22/10/1997,

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Campagna per la promozione dell affidamento familiare Il primo diritto che andrebbe assicurato ad ogni bambino è quello

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA EROGATI DAL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI DELL AMBITO DISTRETTUALE URBANO

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI CASARANO PROVINCIA di LECCE Assessorato alle Politiche Sociali ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

Direzione Centrale Credito e Welfare Progetto High School Program. Bando di Concorso HIGH SCHOOL PROGRAM

Direzione Centrale Credito e Welfare Progetto High School Program. Bando di Concorso HIGH SCHOOL PROGRAM Pagina1 Direzione Centrale Credito e Welfare Progetto High School Program Bando di Concorso HIGH SCHOOL PROGRAM Per i figli e gli orfani dei dipendenti e dei pensionati della pubblica amministrazione utenti

Dettagli

Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia

Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA QUADERNI LEGISLATIVI Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia A cura Incarico speciale Controllo parlamentare e Testi unici Sebastiano Di Bella

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

Approvato con. D.C.C. n.17/2008

Approvato con. D.C.C. n.17/2008 Approvato con. D.C.C. n.17/2008 REGOLAMENTO UNICO PER L ACCESSO AL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIO -ASSISTENZIALI E PER LA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI E DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Pasian di Prato (UD) - Via Leonardo da Vinci, 23 - C.A.P. 33037 tel/fax: 0432 699954 e-mail: ddpasian@tin.it udic856004@istruzione.it udic856004@pec.istruzione.it

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

OPERA PIA ASILO SAVOIA Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza

OPERA PIA ASILO SAVOIA Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza OPERA PIA ASILO SAVOIA Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza ESTRATTO DAL VERBALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Il giorno 24 del mese di febbraio dell anno 2015 in seduta ordinaria come da

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE 1. GENERALITÁ Il Glossario delle Funzioni l settore sociale descrive i servizi associati alle Funzioni l settore sociale, definiti ed identificati sulla base

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli