PATENTINO PER PERFORATORE DI POZZI PER ACQUA PERCORSO DI ABILITAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PATENTINO PER PERFORATORE DI POZZI PER ACQUA PERCORSO DI ABILITAZIONE"

Transcript

1 PATENTINO PER PERFORATORE DI POZZI PER ACQUA PERCORSO DI ABILITAZIONE

2 PATENTINO PER PERFORATORE DI POZZI PER ACQUA Dott. Geol. Maurizio Gorla Responsabile Ufficio Geologia CAP Holding S.p.A. PROGETTAZIONE DEI POZZI PER ACQUA

3 PATENTINO PER PERFORATORE DI POZZI PER ACQUA Progettazione dei pozzi per acqua TECNICHE NUOVE E TECNICHE ANTICHE 2

4

5 Indice degli argomenti trattati Studio idrogeologico dell acquifero e progetto del pozzo Scelta della tecnica di perforazione Definizione dei caratteri geometrici del foro (profondità e diametro) Definizione delle caratteristiche di completamento del pozzo (casing( casing,, filtri, drenaggio, cementazioni) Sviluppo del pozzo Collaudo del pozzo Gestione dei residui della perforazione Ipotesi di completamento del pozzo

6 PATENTINO PER PERFORATORE DI POZZI PER ACQUA Progettazione dei pozzi per acqua STUDIO IDROGEOLOGICO TECNICHE DI PERFORAZIONE 2

7 Studio idrogeologico dell acquifero acquifero Lo studio idrogeologico deriva da raccolta, elaborazione e analisi dei dati relativi a: precedenti studi geologici alla scala del sito e/o regionale informazioni riguardanti le perforazioni effettuate nell ambito della zona d interessed integrazioni tra le varie tipologie di dati, per l individuazione l di peculiarità dell area esaminata (i.e. livelli preferenziali di flusso idrico, paleoalvei,, ecc.) o problematiche che limitano la produttività idrica dei pozzi (e.g. geometrie lenticolari, spessori di materiali a basso grado di permeabilità,, condizioni di anisotropia/eterogeneità del sistema) Obiettivi fondamentali della ricostruzione geologica-idrogeologica idrogeologica sono: definizione dell assetto geologico del sistema acquifero investigato relazione fra proprietà litologiche dei terreni e modalità di circolazione idrica sotterranea, nonché interazioni fra acqua e matrice solida comparazione dei nuovi dati rispetto alla precedente previsione della configurazione geologica implementazione della scelta dei siti dove trivellare nuovi pozzi i (valutazione iterativa del dato idrogeologico) corretta e logica organizzazione dei dati (banca dati, modelli numerici, n ecc.) Scopo finale dello studio idrogeologico è fornire un affidabile quadro d insieme d del sistema acquifero!!!

8 .. Progetto del pozzo Il progetto di un pozzo èladefinizione delle varie componenti del pozzo, partendo dalla determinazione della sua profondità e del suo diametro (tecnica di perforazione), per passare poi alla scelta dei materiali che vanno a colmare lo spazio perforato, e procedere infine con la pianificazione delle modalità ottimali di sviluppo e spurgo del pozzo, da effettuarsi sempre prima dei test di campo conclusivi Scopo finale del progetto è definire l ipotesi l di completamento del pozzo (base del computo metrico)

9 Scelta della tecnica di trivellazione La scelta del tipo di trivellazione è sostanzialmente in funzione dei seguenti fattori: diametro del foro profondità a cui s intende s spingere la perforazione litologie da attraversare (terreni o rocce) Queste variabili influenzano anche notevolmente tempi e risultati i della trivellazione. Quindi, optare per una procedura piuttosto che per un altra può determinare il successo oppure l insuccesso l del progetto Litologia Percussione Rotazione Roto-percussione Trovanti e massi Sabbia e ghiaia sciolta Rapido Rapido Non possibile Limo Difficile Argilla Rapido Non possibile Marna Abbastanza rapido Rapido Difficile Conglomerato e arenaria teneri e fratturati Lento Difficile Conglomerato e arenaria compatti Non possibile Lento Rapido Calcare cavernoso Calcare compatto Rocce ignee e metamorfiche Lento Non possibile Non possibile Rapido Lento Difficile Rapido

10 Variabili tecniche Percussione Rotazione Roto-percussione Scelta della tecnica di trivellazione Diametro di perforazione Tra i 400 e i mm Morsa giracolonna (max( 1500) mm Colonna filettata (max 800) mm Infissione mm A circolazione diretta Fino a 450 mm (al di sopra di tale valore il metodo è antieconomico) A circolazione inversa Troppo costosa per diametri superiori a 14 3/4 Profondità di perforazione (max( 200) m Praticamente illimitata per pozzi per acqua Range ottimale tra m e m Anche molte centinaia di metri, purché non si formi in pozzo un battente d acqua d che prevalga sulla pressione disponibile al compressore Tipologia di terreno perforabile Terreni incoerenti anche con granulometria dei massi, notevoli difficoltà o impossibilità per la perforazione di rocce Tutti i tipi di terreno e di roccia. Limitazioni con litotipi molto fessurati (assorbimento di fango) Predilige terreni incoerenti; possibile anche per arenarie e conglomerati, in disuso per rocce Soprattutto rocce molto dure e formazioni carbonatiche fratturate Identificazione degli acquiferi Buona caratterizzazione granulometrica e litologica, nonché facilità di valutazione del chimismo della falda La caratterizzazione idrochimica difficile e rischiosa ; problematica l identificazione dei livelli produttivi porosi. Non idonea per formazioni rocciose, Possibile definire il profilo chimico della falda con prova in avanzamento (il costo cresce con la profondità di esecuzione). Ottimo dettaglio per identificazione degli orizzonti produttivi e determinazione delle variazioni verticali della granulometria. Non adatta per formazioni rocciose Caratterizzazione idrochimica possibile e a costi molto modesti. L uso del martello fondo foro permette il riconoscimento immediato dei livelli produttivi, per perforazioni in roccia. Non idonea per i terreni alluvionali Applicazione ottimale Pozzi in terreni incoerenti e con profondità contenuta (indicativamente, 50 m per la colonna filettata e 100 m per la morsa giracolonna). Pozzi di piccolo diametro, spinti anche a grande profondità Pozzi in depositi alluvionali con profondità tra 100 e 400 m, con diametri da 500 a 1200 mm Pozzi di piccolo diametro e di elevata profondità,, in terreni coerenti e molto duri

11 Gestione dei residui della perforazione Stabilire già in fase di progetto cosa fare di tali prodotti di scarto Durante la realizzazione di un pozzo si generano residui solidi (terre e rocce di scavo) e fluidi (fango( e acqua di circolazione), oltre che acque di scarico (nelle( fasi di sviluppo e collaudo). Alla luce della nuova normativa (D.Lgs( D.Lgs.. 4/2008, che riscrive completamente l art. l 186 del D.Lgs.. 152/06), tali residui di perforazione possono essere considerati: materiali da re-impiegare nello stesso cantiere di trivellazione (riuso in sito) sottoprodotti o materiali idonei per rinterri, riempimenti, rimodellazioni e rilevati, andando incontro ad un piano di riutilizzo e svincolandosi così dal regime dei rifiuti (riuso ex sito). Necessari progetto ad hoc e relazione tecnica!! rifiuti sottoposti ad un piano di recupero (destinazione R sul formulario rifiuti) o smaltimento (destinazione D sul medesimo formulario), con codici CER ( fanghi e rifiuti di perforazione per acque dolci ) ) e CER ( terre( e rocce di scavo )

12 PATENTINO PER PERFORATORE DI POZZI PER ACQUA Progettazione dei pozzi per acqua CARATTERI GEOMETRICI DEL POZZO 2

13 Definizione dei caratteri geometrici del perforo Profondità La profondità di progetto è funzione diretta del: profilo stratigrafico del sottosuolo chimismo delle varie falde esistenti Vale a dire che il foro deve avere una profondità tale da soddisfare la richiesta di acqua sia dal punto di vista quantitativo (captare le falde più produttive o gli strati maggiormente permeabili) sia da quello qualitativo (prelevare acqua priva di contaminanti oppure esente da sostanze indesiderate) Un pozzo dovrebbe essere completato fino alla base della falda, perché: > spessore saturo captato, > portata specifica abbassamenti più elevati, quindi produttività maggiori si può tenere una certa portata anche nei tempi di secca della falda o di sovrapompaggio Eccezioni a questa regola sono rappresentate da acquiferi: confinati e uniformi (filtro centrato fra limiti di tetto e letto, per > efficienza idraulica) con spessori molto elevati, per cui diventa antieconomico raggiungerne la base, soprattutto se caratterizzati da acque di scarsa qualità

14 Definizione dei caratteri geometrici del perforo Diametro È in stretta relazione con il metodo di perforazione impiegato e con il successivo dimensionamento della colonna di rivestimento (numero e diametro) Inoltre, il diametro va selezionato in base a: portata d acqua d che si ha intenzione di estrarre volumi idrici che la falda può darci (prelievo sostenibile anche e su medio-lungo periodo) È quindi necessaria un attenta analisi del bilancio (entrate-uscite) dell acquifero, valutando il rapporto tra entrate ed uscite idrogeologiche, ossia a stimando già in questa fase la portata captabile e di conseguenza il diametro più idoneo per posizionare poi in foro, durante la fase di completamento del pozzo, una o più colonne di rivestimento definitive

15 PATENTINO PER PERFORATORE DI POZZI PER ACQUA Progettazione dei pozzi per acqua COMPLETAMENTO DEL POZZO 2

16 Definizione delle caratteristiche di completamento del pozzo Casing (tubazione di rivestimento cieca) Il diametro del casing deve essere selezionato in modo da soddisfare due requisiti: abbastanza largo da consentire l alloggiamento l definitivo della pompa, e un sufficiente spazio di manovra per la sua posa in foro, tenendo conto dell ingombro delle eventuali flange della tubazione di mandata, che rappresentano un disturbo una velocità di flusso ascendente (uphole( velocity) ) pari o inferiore a 1-1,51 1,5 m/s (5 ft/s) dai filtri alla pompa e di 2-2,52 2,5 m/s all interno della tubazione di mandata, così da non incorrere in perdite di carico eccessive Il materiale (acciaio o materie plastiche) che va a formare la colonna di produzione cieca è funzione di: qualità dell acqua da captare (corrosiva o incrostante) profondità del pozzo, che influisce sulla resistenza allo schiacciamento diametro del perforo, il quale incide anch esso sulla resistenza del materiale adottato costi di posa in opera, connessi specialmente con profondità/diametro dei tubi procedure di trivellazione norme statali o locali

17 Definizione delle caratteristiche di completamento del pozzo Casing (tubazione di rivestimento cieca) Lo spessore è dimensionabile con: Acciaio D/s = 50 PVC D/s = 20 D = diametro esterno del casing (cm) s = spessore del casing (cm) Per i tubi in acciaio si assume una pressione di schiacciamento teorica di 25 bar, mentre per quelli in PVC tale valore scende a 7 bar

18 Definizione delle caratteristiche di completamento del pozzo Filtri (tubazione di rivestimento fenestrata) Devono possedere alcune caratteristiche basilari, ovverosia devono avere: idoneo diametro, per dar luogo a minime perdite di carico al loro o interno aperture (slots( slots) ) di dimensioni tali da opporsi al trascinamento e all accumulo accumulo di sabbia in pozzo, durante la sua fase di esercizio fenestrature sagomate in modo opportuno, allo scopo di impedire che i granuli i di terreno non possano intasarle od ostruirle rapporto superficie aperta/superficie totale (area filtrante) il più possibile elevato aperture uniformemente distribuite su tutta la lunghezza del filtro slots con forma idonea ad offrire una modesta resistenza al flusso idrico e quindi ridotte perdite di carico appropriata resistenza meccanica allo schiacciamento composizione tale da essere il più possibile insensibili alla corrosione lunghezza adatta a captare la totalità o quasi dello spessore dell acquifero (vale soprattutto per falde confinate, mentre per quelle libere è consigliabile posizionare i filtri nella porzione inferiore, così da non scoprirli durante il pompaggio)

19 Definizione delle caratteristiche di completamento del pozzo Filtri (tubazione di rivestimento fenestrata) Altri importanti parametri dei filtri sono: diametro: : scelto in modo tale da soddisfare il principio per cui la velocit cità di ingresso dell acqua non superi il valore di progetto di 3 cm/s lunghezza: : in relazione diretta con lo spessore dell acquifero, l abbassamento l sostenibile e la geometria della stratificazione dei materiali costituenti c la falda Q L f = π D f vcrit. L f = lunghezza ottimale del filtro (m) Q = portata che si prevede di emungere dal pozzo (m 3 /s) D f = diametro esterno del filtro (m) v crit = velocità d ingresso dell acqua nei filtri (m/s)

20 Definizione delle caratteristiche di completamento del pozzo Filtri (tubazione di rivestimento fenestrata) luce: : per pozzi in terreni alluvionali, usualmente completati con un manto drenante, si deve avere un apertura tale da trattenere almeno il 90% del dreno (luce L = D 90 ), a seguito dello sviluppo. Inoltre, se l acquifero l è: - eterogeneo, la luce dei filtri deve risultare pari al d 30 o al d 40 del terreno (L( = d 30, d 40 ) - omogeneo, la luce dei filtri deve avere le dimensioni del d 10 del terreno (L( = d 10 ) superficie filtrante (= superficie aperta/superficie totale) - mai meno del 10% - non inferiore al valore di porosità n dell acquifero (altrimenti forte incremento della velocità dell acqua, quindi perdite di carico idraulico non sopportabili da parte del pozzo) Livello ottimale di area filtrante = 20-25%, 25%, poiché circa il 50% delle fenestrature va incontro ad un fenomeno d intasamentod I filtri in commercio esibiscono valori inferiori a quelli ottimali: - a ponte raramente superano il 15% (mediamente fra l 8% l e il 10%) - a spirale continua variano da un 6% a un 40% (f(dimensione slot))

21 Definizione delle caratteristiche di completamento del pozzo Dreno - funzioni Il dreno serve a: colmare l intercapedine l perforo-colonna di produzione, in modo tale da mantenere il foro aperto e prevenire eventuali scavernamenti (stabilizzatore della formazione) ridurre o eliminare l ingresso l di sabbia in pozzo durante le fasi di pompaggio permettere la posa di filtri con aperture più grandi aumentare la permeabilità del terreno acquifero nelle immediate vicinanze del foro far calare le perdite di carico idraulico stabilire una velocità di transizione graduale fra la formazione acquifera e i filtri

22 Definizione delle caratteristiche di completamento del pozzo Dreno - dimensionamento Il dimensionamento del dreno richiede innanzitutto un analisi granulometrica del terreno acquifero, effettuata (in laboratorio o in cantiere) allo scopo di valutare le dimensioni dei grani che lo compongono e le rispettive percentuali La curva granulometrica viene usata principalmente per determinare: il grado di uniformità del terreno U U < 5 t. omogeneo U > 5 t. eterogeneo il diametro efficace, grazie a cui stimare poi K empiricamente

23 Definizione delle caratteristiche di completamento del pozzo Dreno - dimensionamento Calcolo della granulometria del dreno sulla base di quella dell acquifero Molteplici metodi empirici (Cedergren( Cedergren, Fuchs, Anderson,, ecc.), che differiscono unicamente per i valori dei coefficienti moltiplicativi da applicare ai vari diametri del terreno, per ricavare i corrispondenti diametri ottimali del dreno

24 Definizione delle caratteristiche di completamento del pozzo Dreno - dimensionamento Si consiglia di mettere sempre in esercizio un dreno artificiale quando la curva granulometrica dell acquifero evidenzia: U < 2,5, d 60 < 0,5 mm e d 10 > 0,03 mm Dreno - spessore e lunghezza Se il dreno assolve alla sola funzione di filtro, lo spessore minimo di riferimento è compreso tra gli 8 e i 10 cm, mentre se si desidera che esso provochi anche un aumento della conducibilità idraulica, è indispensabile creare un manto drenante più spesso, dell ordine di cm Per quanto attiene alla lunghezza del tratto drenato, occorre sottolineare come esso vada prolungato per qualche metro al di sopra del tetto del filtro più superficiale e vada spinto fino al bottom del filtro più profondo

25 Definizione delle caratteristiche di completamento del pozzo Cementazione - materiali boiacca di cemento,, ossia acqua + cemento (classe A o B norme API). In presenza di acque aggressive (solfati o cloruri) occorre impiegare cementi speciali s (con alluminato tricalcico o magnesio) Il volume della boiacca si determina con la formula: V = π/4 (D f2 D t2 ) L argilla (pura di cava o montmorillonitica ad alta % di rigonfiamento). In ogni caso deve essere un materiale che assicuri una buona impermeabilità (K < 10-8 m/s) calcestruzzo.. Utilizzabile solo per sigillare la parte più superficiale del pozzo (avam( avam- pozzo) ) e sostituibile con cementi aerei in climi freddi

26 Definizione delle caratteristiche di completamento del pozzo Cementazione - tecniche operative Cementazioni selettive Problema!!! Annulus stretto

27 Definizione delle caratteristiche di completamento del pozzo Parametri di dimensionamento del pozzo

28 PATENTINO PER PERFORATORE DI POZZI PER ACQUA Progettazione dei pozzi per acqua SVILUPPO DEL POZZO 2

29 Sviluppo del pozzo Si tratta di un flusso alternato di acqua che si pone alcuni obiettivi principali: riparare i danni provocati alla formazione acquifera a seguito delle operazioni di terebrazione estrarre la frazione più fine dei terreni permeabili, in maniera tale da migliorarne la conducibilità idraulica e la porosità a scala locale per pozzi trivellati con circolazione di fango bentonitico,, rimuovere il pannello che riveste le pareti del foro alterare le caratteristiche fisiche di base della falda nelle vicinanze del foro, creando una zona attorno ai filtri entro cui l acqua l fluisca verso il pozzo più facilmente e priva di sabbia, rompendo gli eventuali ponti di ghiaia pompaggio sviluppo

30 Sviluppo del pozzo Già in fase di progetto occorre pianificare tempi (1 o più giorni) e modi (air( air-lift, pistonaggio,, pompaggio, ecc.) dello sviluppo del pozzo, poiché ciò incide sul costo complessivo della realizzazione dell opera Lo sviluppo è influenzato da alcuni fattori costruttivi: caratteristiche del drenaggio (granulometria( granulometria,, spessore) area filtrante e geometria degli slots (importante avere la massima superficie aperta) dimensioni degli slots,, per trattenere il 90% del dreno tipo di fluido di perforazione tipo di formazione acquifera

31 Sviluppo del pozzo Un buon sviluppo significa anche un pozzo con maggior produttività (Q/s)) ed efficienza!!

32 PATENTINO PER PERFORATORE DI POZZI PER ACQUA Progettazione dei pozzi per acqua IL PROGETTO DEL POZZO 2

33 Ipotesi di completamento del pozzo Vanno riportati in essa tutti gli elementi utili per la successiva gestione ottimale del cantiere di perforazione!!!! Ossia. L ipotesi di completamento è il compendio di tutte le informazioni derivate sia dallo studio idrogeologico che dall analisi analisi dei materiali da impiegare nella realizzazione del pozzo

34 Bibliografia Progettazione dei pozzi per acqua

PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI UN POZZO E PROVE DI PORTATA

PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI UN POZZO E PROVE DI PORTATA E dott. geol. Gianluigi Giannella IL RUOLO DEL GEOLOGO PROGETTISTA Qual è il ruolo del geologo nell esecuzione dei pozzi? Spesso è solo il tramite tra il committente e la ditta di perforazione. Altre volte

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE NEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

ATTUAZIONE DEL PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE NEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Direzione Ambiente 23 OTTOBRE 2009 ATTUAZIONE DEL PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE NEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO IL RICONDIZIONAMENTO DEI POZZI PER ACQUA Mauro Falco Settore DB 10.07 EQUILIBRIO DEL BILANCIO

Dettagli

Tubi di Drenaggio. con flangiatura elicoidale continua sull intera lunghezza.

Tubi di Drenaggio. con flangiatura elicoidale continua sull intera lunghezza. Tubi di Drenaggio DRENAGGIO dei TERRENI L adozione dei tubi Spirodrain è la miglior soluzione per risolvere qualsiasi problema di drenaggio dei terreni e di raccolta delle acque sotterranee. I tubi Spirodrain

Dettagli

quale non occorrono, in genere, particolari autorizzazioni. Che cos è un pozzo per uso domestico

quale non occorrono, in genere, particolari autorizzazioni. Che cos è un pozzo per uso domestico 14 I pozzi ad uso domestico per evitare l uso di acqua dell acquedotto in orti e giardini Per non usare impropriamente l acqua dell acquedotto, si può ricorrere alla realizzazione di pozzi ad uso domestico

Dettagli

Metodo di indagine che consente l ispezione diretta del terreno. Perforazione effettuata nel terreno mediante un attrezzatura denominata sonda

Metodo di indagine che consente l ispezione diretta del terreno. Perforazione effettuata nel terreno mediante un attrezzatura denominata sonda SONDAGGIO: Metodo di indagine che consente l ispezione diretta del terreno Perforazione effettuata nel terreno mediante un attrezzatura denominata sonda Utilizzato per: - Ricostruzione del profilo stratigrafico

Dettagli

UNIVERSITÀ DI FIRENZE TECNICHE DI MIGLIORAMENTO DEI TERRENI

UNIVERSITÀ DI FIRENZE TECNICHE DI MIGLIORAMENTO DEI TERRENI UNIVERSITÀ DI FIRENZE TECNICHE DI MIGLIORAMENTO DEI TERRENI Corso di Geotecnica II Anno Accademico 2003-2004 ALTERNATIVE PROGETTUALI Nella progettazione o nella verifica di un opera (fondazione, rilevato,

Dettagli

CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti

CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti CORSO DI GEOLOGIA APPLICATA-Cremona SISTEMA IDROLOGICO Un sistema idrologico è un sistema dinamico che rappresenta una frazione del ciclo globale dell acqua

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNE DI ROVERETO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNE DI ROVERETO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNE DI ROVERETO REPORT SULL INDAGINE GEOGNOSTICA DEI TERRENI A SUPPORTO DELLA PROGETTAZIONE DI APPRONTAMENTO A FINI LUDICO-SPORTIVI DELL AREA IDENTIFICATA CATASTALMENTE

Dettagli

IMPLEMETAZIONE DELLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA DISCARICA DI SPIRITO SANTO IN OLBIA

IMPLEMETAZIONE DELLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA DISCARICA DI SPIRITO SANTO IN OLBIA COMUNE DI OLBIA PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO IMPLEMETAZIONE DELLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA DISCARICA DI SPIRITO SANTO IN OLBIA 2 COMUNE DI OLBIA IMPLEMETAZIONE DELLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA DISCARICA

Dettagli

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI PREMESSA La caratterizzazione ambientale di un sito è identificabile con l insieme delle attività che permettono di ricostruire

Dettagli

Gestione ed ottimizzazione dei sistemi di recupero e dei piezometri

Gestione ed ottimizzazione dei sistemi di recupero e dei piezometri Gestione ed ottimizzazione dei sistemi di recupero e dei piezometri ISPRA 1 Applicazioni del modello idrogeologico e argomenti trattati Le attività di monitoraggio della rete piezometrica e dei sistemi

Dettagli

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO 165 Introduzione Rispetto alle prove eseguite in laboratorio, quelle in sito presentano sia dei vantaggi che degli svantaggi. 1. Tra i vantaggi delle prove in sito di può dire che queste sono più rapide

Dettagli

Indice 1 INTRODUZIONE... 2 2 INDAGINI GEOGNOSTICHE E RICOSTRUZIONE IDROGEOLOGICA... 3 3 RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ E DEWATERING...

Indice 1 INTRODUZIONE... 2 2 INDAGINI GEOGNOSTICHE E RICOSTRUZIONE IDROGEOLOGICA... 3 3 RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ E DEWATERING... DIMENSIONAMENTO DI UN INTERVENTO DI DEWATERING CON RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ A cura di Giovanni Formentin, Loris Colombo, Vincenzo Francani Giovanni.Formenti@tethys-geco.it, Loris.colombo@polimi.it,

Dettagli

MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA

MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA 1 Via Arni, 30 55032 Castelnuovo di Garfagnana (LU) MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA SMW ( Soil Mixing Wall ) - trielica RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA Emissione : Castelnuovo di Garfagnana,

Dettagli

Elementi di calcolo per lo smaltimento dei reflui nella pratica professionale

Elementi di calcolo per lo smaltimento dei reflui nella pratica professionale TECNICHE E NORMATIVE PER LO SMALTIMENTO DELLE ACQUE ASI BRINDISI - 23 Maggio 2013 Elementi di calcolo per lo smaltimento dei reflui nella pratica professionale dott. geol. Antonio Di Fazio 1 Oggetto della

Dettagli

Lezione n. 8 del 27 marzo 2012

Lezione n. 8 del 27 marzo 2012 Alessandro Mandolini Dipartimento di Ingegneria Civile Corso di OPERE DI SOSTEGNO A.A. 2011-2012 Muro a mensola Muro a gravità Terre rinforzate Paratia Gabbionate Crib wall Lezione n. 8 del 27 marzo 2012

Dettagli

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati.

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati. 7. Pali UNITÀ I pali sono elementi strutturali utilizzati nelle opere di fondazione, nelle opere di contenimento della terra e dell acqua, negli interventi di miglioramento della stabilità dei pendii e

Dettagli

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE (rev. 20140217) 1. Prima dell installazione deve essere verificata l idoneità tecnica del suolo dal punto di vista strutturale, eventuali

Dettagli

L impiego di miscele bentonitiche nelle opere di perforazione e di scavo dei terreni

L impiego di miscele bentonitiche nelle opere di perforazione e di scavo dei terreni Università degli Studi di Genova DISEG Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica Materiali e Tecnologie Innovative dell Ingegneria Civile Ciclo di Seminari Tecnico-Didattici / Marzo-Maggio 2000

Dettagli

Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III

Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III Luglio 2013 rev. 0 pag. 1 di 8 Indice CAPITOLO PAGINA 1 - PREMESSA 3 2 -

Dettagli

Impianto geotermico con pompe di calore nuovo albergo in Comune di San Donato Milanese (MI) Oggetto: Considerazioni preliminari Compilato da: GDO

Impianto geotermico con pompe di calore nuovo albergo in Comune di San Donato Milanese (MI) Oggetto: Considerazioni preliminari Compilato da: GDO NOTA TECNICA PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Cliente: SIG. A. MIGLIAVACCA Data: 30/04/2014 Progetto: Impianto geotermico con pompe di calore nuovo albergo in Comune di San Donato Milanese (MI) Rif. Prj.099.14

Dettagli

MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA

MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA 1 Via Arni, 30 55032 Castelnuovo di Garfagnana (LU) MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA DMW ( Deep Mixing Wall ) - monoelica RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA Emissione : Castelnuovo di Garfagnana,

Dettagli

Barre autoperforanti ed accessori, modalita di esecuzione, campi di impiego, problemi esecutivi e controlli in cantiere

Barre autoperforanti ed accessori, modalita di esecuzione, campi di impiego, problemi esecutivi e controlli in cantiere Incontro sul tema Autoperforanti: una tecnologia in evoluzione 7 Ottobre, 2010 Barre ed accessori, modalita di, campi di, problemi esecutivi e Con la collaborazione di: Con il patrocinio Dell Istittuto

Dettagli

Gas di discarica: tutti i gas generati dai rifiuti in discarica;

Gas di discarica: tutti i gas generati dai rifiuti in discarica; La discarica Art. 2, D.Lgs36/03 Discarica: Area adibita a smaltimento dei rifiuti mediante operazioni di deposito sul suolo o nel suolo, compresa la zona interna al luogo di produzione dei rifiuti adibita

Dettagli

I POZZETTI IN CALCESTRUZZO A TENUTA IDRAULICA E AD ALTISSIMA RESISTENZA AI SOLFATI. Relatore : GianMarco Simioni

I POZZETTI IN CALCESTRUZZO A TENUTA IDRAULICA E AD ALTISSIMA RESISTENZA AI SOLFATI. Relatore : GianMarco Simioni I POZZETTI IN CALCESTRUZZO A TENUTA IDRAULICA E AD ALTISSIMA RESISTENZA AI SOLFATI Relatore : GianMarco Simioni L ispezione nella rete fognaria I POZZETTI D ISPEZIONE NELLE FOGNATURE Come elemento di ispezione

Dettagli

Servizi per l edilizia

Servizi per l edilizia Geo24h Servizi per l edilizia Palancolati metallici e compositi Fondazioni speciali Dragaggio canali, fumi, laghi e cave Dewatering con pozzi Dewatering con sistemi wellpoint Tipologie di Intervento I

Dettagli

Giacimenti e produzione

Giacimenti e produzione Programma della lezione - Pagina 1 Argomento Giacimenti e produzione Fonte Petrolio e gas naturale, pagine 24-25, 26-27 Materiali Preparazione Torta marmorizzata Cannucce di plastica trasparenti Obiettivo

Dettagli

permesso di ricerca Badile Pozzo esplorativo Moirago 1 dir Piano di Monitoraggio Ambientale

permesso di ricerca Badile Pozzo esplorativo Moirago 1 dir Piano di Monitoraggio Ambientale permesso di ricerca Badile Pozzo esplorativo Moirago 1 dir Dr. Stefano C. A. Rossi Geologo Professionista OGL 667 Milano Milano, ottobre 2014 Sommario Sommario 1. Obiettivi... 3 2. Definizioni... 3 3.

Dettagli

Nuovo impianto fognario. Modifica impianto esistente

Nuovo impianto fognario. Modifica impianto esistente RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE DI ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 03-04-2006, e successive modifiche ed integrazioni. Immobile sito nella frazione

Dettagli

Le opere di sostegno dei fronti di scavo

Le opere di sostegno dei fronti di scavo a cura dello Studio Associato Pilati Le opere di sostegno dei fronti di scavo Inauguriamo una collaborazione editoriale con lo Studio Associato Pilati di Costabissara (Vi). Al centro degli interventi,

Dettagli

SISTEMA MODULARE PER LA REALIZZAZIONE DI BACINI DI ACCUMULO E DI DRENAGGIO. drainpanel. soluzione innovativa per la gestione delle acque

SISTEMA MODULARE PER LA REALIZZAZIONE DI BACINI DI ACCUMULO E DI DRENAGGIO. drainpanel. soluzione innovativa per la gestione delle acque SISTEMA MODULARE PER LA REALIZZAZIONE DI BACINI DI ACCUMULO E DI DRENAGGIO drainpanel soluzione innovativa per la gestione delle acque ALTA CAPACITÀ DRENANTE RESISTENTE SOVRAPPONIBILE w w w. g e o p l

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI DI TIPO RESIDENZIALE CON NUMERO DI ABITANTI FINO A 50 1

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI DI TIPO RESIDENZIALE CON NUMERO DI ABITANTI FINO A 50 1 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI DI TIPO RESIDENZIALE CON NUMERO DI ABITANTI FINO A 50 1 Contrassegno telematico Imposta di bollo pari ad 16,00

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006.

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. Immobile sito nella frazione di, via, n, Censito in Catasto

Dettagli

SUMMER SCHOOL 2013 INNOVATIVE TECHNOLOGIES FOR THE SUSTAINABLE MANAGEMENT AND POLLUTION REDUCTION OF WATER RESOURCES

SUMMER SCHOOL 2013 INNOVATIVE TECHNOLOGIES FOR THE SUSTAINABLE MANAGEMENT AND POLLUTION REDUCTION OF WATER RESOURCES SUMMER SCHOOL 2013 INNOVATIVE TECHNOLOGIES FOR THE SUSTAINABLE MANAGEMENT AND POLLUTION REDUCTION OF WATER RESOURCES Ferrara, 2 6 settembre 2013 Via saragat, 1 (Ferrara) Metodologie di perforazione e misure

Dettagli

Principali tipologie di terreno

Principali tipologie di terreno Principali tipologie di terreno Terreni derivati da rocce sedimentarie (NON COESIVI): Sabbie Ghiaie Terreni derivati da rocce scistose (COESIVI): Argille Limi Terreni di derivazione organica: Torbe Terreno

Dettagli

il futuro è nelle tue mani GUIDA AL GEOTERMICO

il futuro è nelle tue mani GUIDA AL GEOTERMICO il futuro è nelle tue mani GUIDA AL GEOTERMICO soluzioni per l utilizzo evoluto dell energia NELLE ABITAZIONI E NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Enel Green Power, attraverso la Rete in franchising Punto Enel Green

Dettagli

Accenniamo brevemente ai vari tipi di frese meccanizzate, utilizzate in accordo con le caratteristiche geomeccaniche del mezzo da scavare.

Accenniamo brevemente ai vari tipi di frese meccanizzate, utilizzate in accordo con le caratteristiche geomeccaniche del mezzo da scavare. Articolo su tecnologia TBM per rivista GALLERIE EARTH PRESSURE BALANCE MACHINE Breve cenno sull utilizzo dello scudo meccanizzato a pressione bilanciata nello scavo delle gallerie e sulla funzione della

Dettagli

ACO Separatori di grassi. Separatori di grassi ECO MAX in polietilene ad alta densità

ACO Separatori di grassi. Separatori di grassi ECO MAX in polietilene ad alta densità Separatori di grassi ECO MAX in polietilene ad alta densità ECO MAX separatore di grassi in polietilene ad alta densità. Per installazione interrata. Il principio Un separatore di grassi funziona in base

Dettagli

Strutture murarie. Lezione 2 L02

Strutture murarie. Lezione 2 L02 Strutture murarie Lezione 2 1 Cenni preliminari Nel passato veniva usata praticamente sempre la cosiddetta muratura continua. Dai tempi dei Romani, ad anche prima, si è sempre utilizzata, quindi è stata

Dettagli

Indice. Presentazione

Indice. Presentazione ROMANE 28-02-2007 16:20 Pagina VII Prefazione Presentazione XIII XVIII Capitolo 1 I leganti e il loro impiego nel settore delle costruzioni 1.1 Introduzione 1 1.2 Leganti aerei e idraulici 2 1.3 Il gesso

Dettagli

Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 quinquies

Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 quinquies REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici Prezzario Regionale dei lavori pubblici Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 quinquies Anno: 2008 Indice Voci finite i Indice D.0012 - RESTAURO..............................................

Dettagli

FANGHI DI PERFORAZIONE: CARATTERISTICHE, CONTROLLI E SMALTIMENTO

FANGHI DI PERFORAZIONE: CARATTERISTICHE, CONTROLLI E SMALTIMENTO FANGHI DI PERFORAZIONE: CARATTERISTICHE, CONTROLLI E SMALTIMENTO Geol. Filippo Landini Publiacqua spa (Firenze) Responsabile Pianificazione e Programmazione Concetti generali e smaltimento P.Min. Umberto

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

DI GABBIA ADOLFO E FIGLIO S.R.L. Via dello Struggino 24 loc. Picchianti 57121 Livorno (LI)

DI GABBIA ADOLFO E FIGLIO S.R.L. Via dello Struggino 24 loc. Picchianti 57121 Livorno (LI) DI GABBIA ADOLFO E FIGLIO S.R.L. Via dello Struggino 24 loc. Picchianti 57121 Livorno (LI) VERIFICHE GEOLOGICHE E IDROGEOLOGICHE A SUPPORTO DELLARICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE EX ART. 208 D.LGS. 152/06 SEDE:

Dettagli

MODELLO DI RELAZIONE SUGLI IMMOBILI E SUI MANUFATTI PER LO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E ASSIMILABILI ALLE DOMESTICHE

MODELLO DI RELAZIONE SUGLI IMMOBILI E SUI MANUFATTI PER LO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E ASSIMILABILI ALLE DOMESTICHE MODELLO DI RELAZIONE SUGLI IMMOBILI E SUI MANUFATTI PER LO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E ASSIMILABILI ALLE DOMESTICHE Note per la compilazione: Si propongono i seguenti stampati, PRECISANDO CHE

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici. Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Analisi dei prezzi Volume 9

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici. Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Analisi dei prezzi Volume 9 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici Prezzario Regionale dei lavori pubblici Voci finite: Analisi dei prezzi Volume 9 Anno: 2008 Indice Voci finite i Indice D.0012 - RESTAURO..............................................

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

RELEO S.r.l. Sede Operativa: Via Ravenna, 562 Fossanova San Marco 44124 Ferrara Tel. +39 0532 740625 www.releo.it commerciale@releo.

RELEO S.r.l. Sede Operativa: Via Ravenna, 562 Fossanova San Marco 44124 Ferrara Tel. +39 0532 740625 www.releo.it commerciale@releo. RELEO S.r.l. Vai al sistema GEOPIER Vai al sistema IMPACT RELEO S.r.l. Il Sistema Geopier, attraverso l utilizzo di colonne di ghiaia compattata, è un valido ed efficace metodo di consolidamento di terreni

Dettagli

L idrogeologia di Milano in una slide (!!!)

L idrogeologia di Milano in una slide (!!!) La Rete Civica di Controllo delle Acque di Falda Dott.ssa Annalisa Gussoni Dott. Alessandro Ummarino http://projectfoks.eu L idrogeologia di Milano in una slide (!!!) L idrogeologia di Milano in una slide

Dettagli

Mitigazione del rischio frana

Mitigazione del rischio frana Mitigazione del rischio frana Interventi sul versante. Il percorso del progetto Relazione geologica Analisi e descrizione del fenomeno di instabilità Studio delle cause e del meccanismo franoso Relazione

Dettagli

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Geotecnica

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Geotecnica SOMMARIO 1 INTRODUZIONE...2 2 IL NUOVO EDIFICIO DEL POLO TECNOLOGICO INTEGRATO...2 3 L ORGANISMO STRUTTURALE ED I CRITERI DI PROGETTO...2 4 LE PROBLEMATICHE GEOTECNICHE...3 4.1 Inquadramento geologico...3

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

COME SI REALIZZA UNA STRADA IN TERRA STABILIZZATA UTILIZZANDO UNA VIBROFINITRICE STABILIZZANTE ECOLOGICO PER PAVIMENTAZIONI IN TERRA STABILIZZATA

COME SI REALIZZA UNA STRADA IN TERRA STABILIZZATA UTILIZZANDO UNA VIBROFINITRICE STABILIZZANTE ECOLOGICO PER PAVIMENTAZIONI IN TERRA STABILIZZATA STABILIZZANTE ECOLOGICO PER PAVIMENTAZIONI IN TERRA STABILIZZATA COME SI REALIZZA UNA STRADA IN TERRA STABILIZZATA UTILIZZANDO UNA VIBROFINITRICE COME SI REALIZZA UNA STRADA IN TERRA STABILIZZATA UTILIZZANDO

Dettagli

LA PULIZIA DEI POZZI PER ACQUA Tecniche Gestione Normativa

LA PULIZIA DEI POZZI PER ACQUA Tecniche Gestione Normativa Seminario LA PULIZIA DEI POZZI PER ACQUA Tecniche Gestione Normativa 2 Dicembre 2005 Monitoraggio e tecniche di pulizia dei pozzi in fase di manutenzione Marco Chieregato Ingegnere Ufficio Tecnico Botti

Dettagli

Bonifica in situ. matrice suolo.

Bonifica in situ. matrice suolo. Bonifica in situ Decontaminazione da VOC clorurati: la case history del porto di Rotterdam n di GiuseppeProsperieJaapdeRijk, MWH S.p.A. Per la bonifica dell area del porto di Rotterdam, contaminata principalmente

Dettagli

Emissione : Castelnuovo di Garfagnana, lì 25/01/2012. Intersonda srl

Emissione : Castelnuovo di Garfagnana, lì 25/01/2012. Intersonda srl Via Arni, 30 55032 Castelnuovo di Garfagnana (LU) OGGETTO: RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA Emissione : Castelnuovo di Garfagnana, lì 25/01/2012 Redatto Firme Intersonda srl INDICE 1. PALO TRIVELLATO AD ELICA

Dettagli

1. DESCRIZIONE DELLE OPERE E DEGLI INTERVENTI

1. DESCRIZIONE DELLE OPERE E DEGLI INTERVENTI 1. DESCRIZIONE DELLE OPERE E DEGLI INTERVENTI Le opere oggetto della presente relazione si riferiscono alla realizzazione di un edificio per n. 4 alloggi, da realizzarsi a Copertino (LE), in Via Pirro

Dettagli

PALI TRIVELLATI A GRANDE DIAMETRO, CON ELICA CONTINUA E MICROPALI

PALI TRIVELLATI A GRANDE DIAMETRO, CON ELICA CONTINUA E MICROPALI PALI TRIVELLATI A GRANDE DIAMETRO, CON ELICA CONTINUA E MICROPALI Paolo Simonini Università degli Studi di Padova Dipartimento IMAGE PALI A TRIVELLATI A GRANDE DIAMETRO IN TERRENI GRANULARI PROGETTO DI

Dettagli

Scheda tecnica scavo piscina 8x4 prefabbricata con scala romana e realizzazione soletta

Scheda tecnica scavo piscina 8x4 prefabbricata con scala romana e realizzazione soletta Scheda tecnica scavo piscina 8x4 prefabbricata con scala romana e realizzazione soletta Caratteristiche principali piscina: Dimensioni vasca: come da disegno Perimetro totale: 25,14 m (22 m dritto - 3,14m

Dettagli

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE Premesse La rete per l evacuazione delle acque meteoriche dal corpo stradale, viene progettata in maniera da captare la totalità delle acque piovane

Dettagli

Grazie ai mezzi maneggevoli, si possono produrre pali inclinati in quasi ogni inclinazione e direzione.

Grazie ai mezzi maneggevoli, si possono produrre pali inclinati in quasi ogni inclinazione e direzione. Battitura di pali duttili Generalità: Grazie agli escavatori idraulici leggeri e maneggevoli, i lavori per fondazioni di pali possono essere eseguiti anche in condizioni difficili oppure quando lo spazio

Dettagli

Il Consolidamento è la tecnica ingegneristica finalizzata alla stabilizzazione e rinforzo dei terreni e delle fondazioni delle strutture.

Il Consolidamento è la tecnica ingegneristica finalizzata alla stabilizzazione e rinforzo dei terreni e delle fondazioni delle strutture. CONSOLIDAMENTI Il Consolidamento è la tecnica ingegneristica finalizzata alla stabilizzazione e rinforzo dei terreni e delle fondazioni delle strutture. Essa non può prescindere dai risultati di un accurata

Dettagli

CAPITOLO 1 POMPE DI CALORE GEOTERMICHE (GROUND SOURCE HEAT PUMPS)

CAPITOLO 1 POMPE DI CALORE GEOTERMICHE (GROUND SOURCE HEAT PUMPS) CAPITOLO 1 POMPE DI CALORE GEOTERMICHE (GROUND SOURCE HEAT PUMPS) Le pompe di calore geotermiche, dette più propriamente in Inglese Ground Source Heat Pumps (GSHPs), comprendono diversi sistemi a pompa

Dettagli

TUBI PEAD CORRUGATI Per Fognatura Per Fognatura con rete di rinforzo Per drenaggio

TUBI PEAD CORRUGATI Per Fognatura Per Fognatura con rete di rinforzo Per drenaggio Listino Prezzi DEPOSITO DI BARI 70027 PALO DEL COLLE BARI - S.S. 96 Km. 113+200 TEL. 080 627580 - FAX 080 629648 e-mail: appa.commerciale@tiscali.it www.appartubi.it TUBI PEAD CORRUGATI Per Fognatura Per

Dettagli

Introduzione A. DISPOSIZIONI CENERALI

Introduzione A. DISPOSIZIONI CENERALI D.M.LL.PP. 11 marzo 1988 Norme tecniche riguardanti le indagini sui terreni e sulle rocce, la stabilita' dei pendii naturali e delle scarpate, i criteri generali e le prescrizioni per la progettazione,

Dettagli

M-01 INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIDUZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO DELL ABITATO DI AULLA (MS)

M-01 INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIDUZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO DELL ABITATO DI AULLA (MS) Commissario Delegato O.P.C.M. 3974/2011 M-01 INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIDUZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO DELL ABITATO DI AULLA (MS) INTERVENTO DI ADEGUAMENTO DEL MURO D ARGINE IN SINISTRA IDRAULICA DEL

Dettagli

SOLUZIONI TECNOLOGICHE ADOTTATE

SOLUZIONI TECNOLOGICHE ADOTTATE BONIFICA E MESSA IN SICUREZZA PERMANENTE DI AREE INDUSTRIALI DISMESSE: L ESPERIENZA DEL SITO EX SAIBI DI MARGHERITA DI SAVOIA SOLUZIONI TECNOLOGICHE ADOTTATE Prof. Ing. Antonio DI MOLFETTA Dott. Geol.

Dettagli

vapore ad alta vapore a bassa pressione e bassa pressione e alta temperatura temperatura vapore a bassa pressione e bassa temperatura liquido ad alta

vapore ad alta vapore a bassa pressione e bassa pressione e alta temperatura temperatura vapore a bassa pressione e bassa temperatura liquido ad alta 3RPSHGLFDORUHJHRWHUPLFKH 'HVFUL]LRQHGHOODWHFQRORJLD Le pompe di calore geotermiche sono sistemi adibiti a funzioni di riscaldamento in inverno e raffrescamento in estate che sfruttano, in maniera indiretta,

Dettagli

Siti contaminati: rischi ambientali, tecniche e costi di risanamento

Siti contaminati: rischi ambientali, tecniche e costi di risanamento Consulta provinciale dei Geologi di Parma 22 Giugno 2011 Siti contaminati: rischi ambientali, tecniche e costi di risanamento Dott. Geol. Giovanni Dondi (ECOVIVA S.a.s.).) ECOVIVA S.a.s. Via Passo della

Dettagli

Tl Tale tecnologia può essere applicata nel caso di terreni aventi caratteristiche quali: suolo denso ma non coesivo (sabbia, ghiaia),

Tl Tale tecnologia può essere applicata nel caso di terreni aventi caratteristiche quali: suolo denso ma non coesivo (sabbia, ghiaia), FDP Full Displacement Piles Il Full Displacement Pile (FDP) è una metodologia di consolidamento del terreno in alternativa ai classici pali trivellati o CFA. In sostanza si sfrutta un apposito utensile,

Dettagli

Docente: Ing. Giuseppe Scasserra

Docente: Ing. Giuseppe Scasserra Prima Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni LABORATORIO DI COSTRUZIONI DELL ARCHITETTURA II MODULO DI GEOTECNICA E FONDAZIONI Docente: Ing. Giuseppe Scasserra Dipartimento di Ingegneria Strutturale

Dettagli

Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura FONDAZIONI SU PALI. ing. Nunziante Squeglia. ing. Nunziante Squeglia

Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura FONDAZIONI SU PALI. ing. Nunziante Squeglia. ing. Nunziante Squeglia FONDAZIONI SU PALI Cos è un Palo? DEFINIZIONE (Norme Tecniche, 2008) Elemento strutturale che trasferisce l azione proveniente dalla struttura in elevato agli strati profondi del terreno Perché si ricorre

Dettagli

La superficie complessiva di deflusso delle acque piovane da smaltire nel sottosuolo risulta di 460 mq ed è così suddivisa:

La superficie complessiva di deflusso delle acque piovane da smaltire nel sottosuolo risulta di 460 mq ed è così suddivisa: 1. Premesse La seguente relazione idraulica è redatta allo scopo di indicare le modalità di raccolta, deflusso e smaltimento delle acque meteoriche di dilavamento del nuovo tratto di pista ciclopedonale

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

29 ottobre 2009 BOLOGNA. Grazie alla sponsorizzazione di:

29 ottobre 2009 BOLOGNA. Grazie alla sponsorizzazione di: ATTI convegno La gestione dei rifiuti e dei sottoprodotti nella filiera del comparto edilizio, dalle cave alla produzione di cemento e calcestruzzo per finire alla gestione di un cantiere edile per lo

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

Lezione 9 GEOTECNICA

Lezione 9 GEOTECNICA Lezione 9 GEOTECNICA Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e mail: g.mitaritonna@poliba.it 1 Lezione 9 A. Fondazioni su pali: requisiti di progetto B. Tecnologie esecutive nella realizzazione dei pali C. Pali

Dettagli

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a:

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a: (IMP) FOGNATURA Il tubo PE a.d. è particolarmente indicato per la realizzazione di impianti di scarico in edifici civili ed industriali, oppure in terreni particolarmente instabili dove altri materiali

Dettagli

ALTO TREVIGIANO SERVIZI S.r.l. Pag. 1

ALTO TREVIGIANO SERVIZI S.r.l. Pag. 1 ALTO TREVIGIANO SERVIZI S.r.l. Pag. 1 CONDOTTA CORNUDA SALVATRONDA COLLETTORE PRIMARIO DEL BACINO SCOLANTE DELLA LAGUNA DI VENEZIA STRALCIO I PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GEOLOGICO - GEOTECNICA DATA FEBBRAIO

Dettagli

IMPERMEABILIZZAZIONE DI STRUTTURE INTERRATE

IMPERMEABILIZZAZIONE DI STRUTTURE INTERRATE Quaderno Tecnico IMPERMEABILIZZAZIONE DI STRUTTURE INTERRATE C.P. MK 838710 - (I) 10/09 Quaderno Tecnico IMPERMEABILIZZAZIONI IN SOTTOQUOTA Quaderno Tecnico IMPERMEABILIZZAZIONE DI STRUTTURE INTERRATE

Dettagli

QUESTIONARIO Per l Assicurazione DECENNALE POSTUMA di immobili di nuova realizzazione

QUESTIONARIO Per l Assicurazione DECENNALE POSTUMA di immobili di nuova realizzazione QUESTIONARIO Per l Assicurazione DECENNALE POSTUMA di immobili di nuova realizzazione La società si impegna a fare uso riservato di queste notizie ed informazioni. E importante rispondere a tutte le domande

Dettagli

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo Sportello Unico Attività Produttive (SUAP) per ampliamento attività industriale / artigianale ditta CORTI MARMI & GRANITI S.r.l., via Villaggio Sereno n

Dettagli

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA TIPOLOGIA DI POLO LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA L area è ubicata a nord degli abitati di Porotto e Cassana, nel Comune di Ferrara, confina a nord

Dettagli

TRINCEA DRENANTE PREFABBRICATA

TRINCEA DRENANTE PREFABBRICATA SISTEMA GABBIODREN TRINCEA DRENANTE PREFABBRICATA AD ELEVATE PRESTAZIONI IDRAULICO-MECCANICHE MANUALE TECNICO 1 Caratteristiche e principio di funzionamento CARATTERISTICHE Il sistema GABBIODREN consente

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE 11 marzo 1988 (1) a «Norme tecniche riguardanti le indagini sui terreni e

DECRETO MINISTERIALE 11 marzo 1988 (1) a «Norme tecniche riguardanti le indagini sui terreni e DECRETO MINISTERIALE 11 marzo 1988 (1) «Norme tecniche riguardanti le indagini sui terreni e sulle rocce, la stabilità dei pendii naturali e delle scarpate, i criteri generali e le prescrizioni per la

Dettagli

TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA

TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA Con le modifiche apportate dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 al

Dettagli

Art. 2 Le anzidette norme entrano in vigore sei mesi dopo la pubblicazione del presente decreto nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Art. 2 Le anzidette norme entrano in vigore sei mesi dopo la pubblicazione del presente decreto nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. D E C R E T O MI NIST E R O D EI LA V O RI P U B B LI CI 11 M A R Z O 1988 NOR ME TECNICHE RIGUARDANTI LE INDAGINI SUI TERRENI E SULLE ROCCE, LA STABILITA DEI PENDII NATURALI E DELLE SCARPATE, I CRITERI

Dettagli

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti (da BINI, 1990) Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti La descrizione dettagliata di sezioni

Dettagli

L energia geotermica

L energia geotermica Sistemi geotermici: l'energia naturale 20156 MILANO - Via B. De Rolandi, 7 Tel. 02.39273134-39200007 Fax 02.39200007 - E-mail: soildata@soildata.it - C.F. e P.IVA 11425920151 L energia geotermica Per il

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

CALCESTRUZZO INTRINSECAMENTE IMPERMEABILE PER STRUTTURE INTERRATE

CALCESTRUZZO INTRINSECAMENTE IMPERMEABILE PER STRUTTURE INTERRATE CALCESTRUZZO INTRINSECAMENTE IMPERMEABILE PER STRUTTURE INTERRATE Prescrizioni e schemi da evidenziare sin dalle prime fasi progettuali e per inserimento nei disegni esecutivi 1) Approntamento del cantiere

Dettagli

ELABORATI CARTOGRAFICI di Riferimento geologico

ELABORATI CARTOGRAFICI di Riferimento geologico / COMMITTENTE: Comune di VARENNA Provincia di Lecco PROGETTO: Costruzione di una nuova rotatoria all intersezione di viale Polvani con la strada provinciale 72 in comune di Varenna Progetto definitivo

Dettagli

Prodotti innovativi per un ambiente sicuro e pulito

Prodotti innovativi per un ambiente sicuro e pulito Prodotti innovativi per un ambiente sicuro e pulito 04.2009 w w w. t u b i. n e t Pozzetto di cacciata per lo scarico automatico di acqua Pulizia Automatica / Subirrigazione Cos è? E un pozzetto in PE

Dettagli

Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area

Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area INQUADRAMENTO GENERALE Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area SW dei Colli Euganei. La sua popolazione, pari a circa 3100 abitanti, comprende oltre all abitato

Dettagli

Relazione di sintesi:

Relazione di sintesi: San Stino di Livenza 04/09/2009 Relazione di sintesi: Strumentazione utilizzata: Termocamera Flir B400_western mat.402003050, obiettivo FOV 25 *19 /0.4 m, obiettivo grandangolare 10 mm/ 45, In riferimento

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA REALIZZAZZIONE DEL PALO E DELLE FONDAMENTA

ISTRUZIONI PER LA REALIZZAZZIONE DEL PALO E DELLE FONDAMENTA ISTRUZIONI PER LA REALIZZAZZIONE DEL PALO E DELLE FONDAMENTA La lunghezza standard per il palo della turbina da 3kw per installazione a terra varia da un minimo di 2mt ad un massimo di 6mt; per installazione

Dettagli

LINEA MURI DI CONTENIMENTO

LINEA MURI DI CONTENIMENTO LINEA MURI DI CONTENIMENTO Costruisce il futuro Sistemi di contenimento dei pendii - Tipologie: I muri ottenuti tramite la posa in opera dei blocchi di contenimento della MA.CE.VI. in condizioni di : -

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO (Classe delle Lauree Specialistiche in Ingegneria per l Ambiente

Dettagli

RENO 100 IRD PE100 AD ELEVATA RESISTENZA AI DISINFETTANTI. Trasporto di acqua potabile ed usi generali

RENO 100 IRD PE100 AD ELEVATA RESISTENZA AI DISINFETTANTI. Trasporto di acqua potabile ed usi generali RENO 100 IRD PE100 AD ELEVATA RESISTENZA AI DISINFETTANTI Tubi in polietilene PE100 (MRS 10) ad elevata resistenza ai disinfettanti a base di cloro (ipoclorito di sodio, diossido di cloro, cloraine...),

Dettagli