La conversione dei capitoli secondo il nuovo piano dei conti Documento #2 Il passaggio al nuovo modello di bilancio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La conversione dei capitoli secondo il nuovo piano dei conti Documento #2 Il passaggio al nuovo modello di bilancio"

Transcript

1 FORMAZIONE CONTINUA IL PASSAGGIO ALLA NUOVA CONTABILITÀ ARMONIZZATA gli adempimenti da porre in essere per applicare il D. Lgs. 118/2011 La conversione dei capitoli secondo il nuovo piano dei conti Documento #2 Il passaggio al nuovo modello di bilancio

2 Sommario 1 Premessa La riclassificazione dei capitoli di entrata e di spesa Come operare Il percorso suggerito Il ruolo dei codici SIOPE L associazione dei capitoli al PCF: LA SOLUZIONE TINN La riclassificazione delle entrate La riclassificazione delle spese La riclassificazione per Titoli e Macroaggregati La riclassificazione per Missioni e Programmi CONCLUSIONI LA CONVERSIONE AUTOMATICA: LA SOLUZIONE TINN ALLEGATI...16 Per eventuali ulteriori approfondimenti sul tema, si rinvia al volume MANUALE DI CONTABILITÀ ARMONIZZATA Guida all applicazione del nuovo sistema contabile di Ebron D Aristotile e Filippo Rosa, CEL Editrice S.r.l. novembre 2014 TINN S.r.l. Documento riservato 1

3 1 PREMESSA Con l approvazione del D. Lgs. 126/2014 ad oggetto disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42 può considerarsi concluso quel lungo per iodo di sperimentazione che ha investito un numero cospicuo (circa 400), ma comunque minorit ario di enti locali, nella cos iddetta sperimentazione prevista dall art. 36 del D. Lgs. 118/2011. Dal 1 gennaio 2015, tutti gli enti locali dovranno modificare i propri comportamenti gestionali ed avviare un percorso di revisi one delle modalità di registrazione e rappresentazione dei fatti aziendali basato sul nuovo sistema contabile. Non si tratta di un pass aggio indolore: come ogni strappo con il passato la nuova contabilità comporterà le ridefiniz ione di vari aspetti, principi e modus operandi per tanti anni cons iderati immodificabili, rimettend o in gioco anche concetti quale quello degli impegni e degli accertamenti, a cui si ricollegano poi, quale immediata conseguenza quelli dei rispettivi residui, presenti così come oggi ancora li applichiamo, da oltre cento anni. Volendo analizzare i principali adempimenti da porre in esser nel 2015 potremmo elencare le seguenti attività: 1. affiancare i nuovi schemi di bilancio di previsione e di rendiconto per missioni e programmi (con funzioni conoscitive) agli sc hemi di bilancio annuale e pluriennale e di rendiconto adottati nel 2014, che conser vano la funzione autorizzatoria e valore giuridico ai fini della r endicontazione. Entrambe le ve rsioni del bilanc io e del rendiconto riportano le medesim e risultanz e contabili (trattasi della classific azione dei medes imi dati con due diffe renti criteri). Il bilanc io pluriennale predisposto secondo lo schema adottato nel 2014 ha valo re aut orizzatorio. Contestualmente all approvazione del rendiconto della gesti one, a decorrere dal 2015, gli enti locali articolati in Istituzioni approvano il rendi conto consolidato (ent ro il termine del 30 aprile dell anno successivo), e l e regioni approvano il rendiconto consolidat o con il rendiconto del proprio Consiglio regi onale e con eventuali propri organism i strumentali (entro il 31 luglio dell anno successivo); 2. applicazione del principio cont abile gene rale della competenza finanziar ia (cd. potenziata) per l accertamento delle entrate e l impegno delle spese; 3. adozione del principio applicato della contabilità finanziaria, 4. riaccertamento straordinario dei residui per adeguare lo stock dei residui attivi e passivi alla nuova configurazione del principio della competenza finanziaria 5. applicazione del principio cont abile applicato della programmazione e predisposizione del primo DEFR e DUP con riferimento al triennio TINN 2014 Documento riservato 2

4 2 LA RICLASSIFICAZIONE DEI CAPITOLI DI ENTRATA E DI SPESA Tra i primi adempimenti nec essari la conversione dei capitoli di bilancio così come previsti nei bilanci dell ente nel rispetto dei modelli previsti dal D.P.R. 194/96 all interno della nuova struttura costruita secondo quant o previsto dal nuovo Piano dei Conti Finanziario riportato nell allegato 6 del D. Lgs. 118/2011 e successive modificazioni. E opportuno ricordare che la n uova classificazione risponde prioritariamente all es igenza avvertita a livello statale ed anc he comuni tario di avere una maggiore trasparenza delle informazioni riguardanti il processo di alloc azione delle risorse pubbliche e la destinazione delle spese alle varie politic he pubbliche settoriali ottenendo una confrontabilità dei dati di bilancio in coerenza con le classificaz ioni economiche e funz ionali individuati dai regolamenti comunitari in materia nazionale e relativi conti satellite. Si tratta del primo tentativ o di giungere ad una sintassi c ontabile unica e condivis a che determinerà delle necessarie operazioni di adeguamento da parte di tutti i livelli di governo. Certamente l aver definito quale linea guida la maggior capacità di lettura dei dati in funzione europea avvicina notevolmente la scelta del nuovo sistema a quello già applicato da parte dello Stato costringendo Regioni ed ancor più enti loc ali a modificare la propria struttura contabile al fine di rispondere alle nuov e richieste informative e legislative fissate dal D. Lgs. 118/2011 così come modificato dal D. Lgs. 126/2014. In altri termini la prima e focale attività da porre in essere sarà quella di rialline are la struttura del bilanc io dai mode lli d el D.P. R. 194/96 approvati in attuazione del n uovo ordinamento contabile approvato con il D. Lgs. 77/95 e riferito solo agli enti loc ali (comuni, province e comunità montane) con quella prevista nei modelli allegati al D. Lgs. 118/2011. Per un approfondimento sulla nuova struttura del bilancio previsto dal D. Lgs. 118/2011 e le correlazioni tra le vecchie voci di bilancio e le nuove, si rinvia all allegato D Come operare Al fine dell elaborazione del bilancio di prev isione per missioni e programmi a carattere conoscitivo, da affiancare al bilancio di pr evisione autorizzatorio predisposto secondo lo schema vigente nel 2014, l ente procede alla riclassificazione dei capitoli e degli articoli del PEG (enti locali) : - per missioni e programmi, avval endosi dell apposito glossario (allegato n. 14/2 al DLgs 118/2011). - secondo il nuovo piano dei co nti finanziario avvalendosi dell ap posito alle gato ( allegato 6/1 al D. Lgs. 118/2011) La nuova classificaz ione deve affiancare la ve cchia, in modo da consentire, a partire dal medesimo bilancio gestionale/peg, l elaborazione del bilancio di prevision e secondo i due schemi. E opportuno precisare che mentre la ri classificazione per mi ssioni e programmi è indispensabile per la predispos izione a fini in formativi del nuovo bilancio redatto secondo gli schemi dell allegato 9 al D. Lgs. 118/2011 non altrettanto si può dir e per quanto concerne il loro collegamento al piano dei conti finanziario. TINN 2014 Documento riservato 3

5 Ciò precis ato però si ritiene indispens abile e consigliabile a tutti operare così come proposto effettuando la riclassific azione dei capitoli anche in considerazione del piano dei conti finanziario (quarto livello). Infatti, considerato che sia il ris petto della classificaz ione per missioni e programmi, sia l adozione del piano dei conti finanziario comporta la necessità di spacchettare i capitoli, si ritiene opportuno effettuare tale operazione una volta sola. Inoltre, dal piano dei conti deriv a anche la classificaz ione per c ategorie di entrata e per macroaggregati di spesa, necessari ai fini della predisposizione del rendiconto 2015, che dovrà essere predisposto in entrambe le versioni. La riclassificazione dei capitoli e degli articoli è effettuata nel rispetto dell articolo 7 del DLgs 118/ 2011, che vieta l adozione del criterio della prevale nza, salvi i casi in cui è espressamente consentito. Riconosciuta l opportunità di procedere ad una contes tuale conv ersione ed associazione dei capitoli del precedente sist ema contabile con le missioni ed i programmi del D. Lgs. 118/2011 e con il piano dei conti fi nanziario allegato allo stesso decreto, si riti ene opportuno fornire alcune indicazioni operative. Il percorso di conversione può essere articolato come segue: 1) associazione dei capitoli di entrata del bilancio ( ex DPR 194/96) alle voci del Piano dei Conti Finanziario 2) associazione dei c apitoli di s pesa del b ilancio ( e x DPR 19 4/96) alle voc i del Piano dei Conti Finanziario 3) associazione dei capitoli di spesa del bilancio ( e x DPR 1 94/96) alle voci missioni e programmi, avvalendosi dell ap posito glos sario (allegato n. 14/2 a l DLgs 118/2011). Si noti come il per corso proposto si svilu ppi dal basso proceden do dapprima alla ricostruzione del PEG e, quindi dei nuovi schemi di bilancio. Infatti, una volta definita la corretta associazi one di c iascun cap itolo/articolo dei bilancio con il quarto e/o quinto livello del piano dei conti finanziario, in automatico riusciremo a ricostruire l intera catena gerarchica superiore prevista dal D. Lgs. 118/ Il percorso suggerito L articolo 4 del D. Lgs. 118/20111 così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 126/2014 trattando del piano dei conti precisa al comma 5 che Il livello del piano dei conti integrato comune rappresenta la struttura di riferimento per la predisposizione dei documenti contabili e di finanza pubblica delle amministrazioni pubbliche. Ai fini del raccordo con i capitoli e gli articoli, ove previsti, il livello minimo di articolazione del piano dei conti è costituito almeno dal quarto livello. Ai fini della gestione il livello minimo di articolazione del piano dei conti è costituito dal quinto livello. Dalla lettura del comma in precedenza richiamato è possibile definire le seguenti relazioni: TINN 2014 Documento riservato 4

6 Capitoli PEG = IV livello del Piano dei Conti Finanziario Capitoli del Rendiconto = V livello del Piano dei Conti Finanziario In altri termini quantunque ai f ini della rappres entazione dei dati contabili nel bilanc io di previsione è sufficiente limitarsi alla struttura di secondo livello ( tipologia) per l entrata ed a quella corrispondente ( Programma ) per la spesa,il Piano Es ecutivo di Gestione che costituisce il bilanc io gestionale dell ente locale, dovrà essere necessariamente articolato per categorie ( III livello) e quindi per capitoli che dovranno essere raccordati al IV livello del Piano dei Conti. Ciò vuol dire che la denominaz ione del capito lo sarà libera ma comunque dovrà essere coordinata con la voce del Piano dei conti a cui si riferisce. Nel corso della ges tione, poi, i capitoli di IV livello dovranno essere articolati con riferimento a ciascun fatto aziendale contab ilmente rappresentato con l articolazione di V livello del Piano dei conti Il ruolo dei codici SIOPE Alla luce delle precisazioni normative e dell analisi della struttura dei documenti di bilancio in precedenza presentati si comprende come parti colarmente utile per la riclassificaz ione dei capitoli ed articoli secondo la nuova struttura prevista nel Piano dei conti è il confron to tra: - Articolazione del piano dei conti finanziario di cui al D. Lgs. 118/ Livello del Piano dei Conti Finanziario - Codifica del Piano dei Conti Finanziario - Corrispondenza con l articolazione del bilancio prevista dal D.P.R. 194/1996 Analizzando la parte entrata del Piano dei Conti Finanz seguente struttura: Articolazione Piano dei conti Livello del Piano dei Codice del Piano dei finanziario Conti Finanziario Conti Finanziario D. Lgs. 118/2011 TITOLO TIPOLOGIA(*) CATEGORIA(*) CAPITOLO I LIVELLO E. X iario potremmo distinguer e la Corrispondenza con D.P.R. 194/1996 TITOLO II LIVELLO E. X.0X Categoria III LIVELLO E. X.0X. 0X Risorsa IV LIVELLO E. X.0X. 0X.0X.000 Capitolo V LIVELLO E. X.0X. 0X.0X.00X Capitolo ARTICOLO Nota (*): tale corrispondenza non è verificata nel caso dei primi due titoli di entrata (entrate tributarie e trasferimenti correnti), in cui le tipologie corrispondono al III livello del piano dei conti, mentre le categorie corrispondono al IV livello. TINN 2014 Documento riservato 5

7 E importante correlare i vari livelli ai diff erenti documenti del sistem a di bilancio. In particolare con riferimento all entrata Titolo Tipologia BILANCIO Categoria Capitolo PEG Articolo Transazione elementare Allo stesso modo analizzando la parte spesa potremmo distinguere la seguente struttura : Articolazione di bilancio D. Lgs. 118/2011 TITOLO MACROAGGREGATO ( *) CAPITOLO Livello del Piano dei Conti Finanziario I LIVELLO Codice del Piano dei Conti Finanziario U. X Corrispondenza con voci D.P.R. 194/1996 TITOLO II LIVELLO U. X.0X INTERVENTO III LIVELLO U. X.0X. 0X IV LIVELLO U. X.0X. 0X.0X.000 Capitolo V LIVELLO U. X.0X. 0X.0X.00X Capitolo ARTICOLO (*) il livello è stato introdotto per facilitare la correlazione con i bilanci civilistici attraverso la cosiddetta tassonomia. Così come proposto per l entrata è possibile analizzare dove i diversi livelli della spesa de l Piano dei conti trovano evidenza nei vari documenti di bilancio. Missione Programma / titolo BILANCIO Macroaggregato Capitolo PEG Articolo Transazione elementare TINN 2014 Documento riservato 6

8 Definito il percorso diventa ess enziale determinare una chiave di lettura comune che possa facilitare la correlazione tra i capitoli di entrata e di spesa e le voci elementari del piano del conti. Detta relazione può essere ottenuta consider ando i codici SIOPE così come presenti già nel sistema contabile ex DPR 194/96. Si ricorda che il SIOPE (Sistema informat ivo sulle operazioni degli enti pubblici), è un sistema di rilevazione telematica degli inc assi e dei pagamenti effett uati dai tesorieri di tutte le amministrazioni pubb liche, che nasce dalla colla borazione tra la Ragioneria Generale dello Stato, la Banca d'italia e l' IS TAT, in attuazione dall'artico lo 28 della leg ge n. 289/2002, disciplinato dall articolo 14, commi dal 6 all 11, della legge n. 196 del Il SIOPE risponde all'esigenza di: 1. migliorare, rispetto al precedente sistema di rilevazione dei flussi di cassa di cui all articolo 30 della legge n. 468 del 1978, la conosce nza dell'andamento dei conti pubblici, sia sotto il profilo della quantità de lle informazion i disp onibili, sia sotto il profilo della tempestività; 2. superare attraverso una codifica uniforme per tipologia di enti, le differenze tra i sistemi contabili attualmente adottati dai vari comparti delle amministrazion i pubbliche, senza incidere sulla struttura dei bilanci degli enti in questione. In particolare, a seguito dell'emanazione del decreto del Ministero dell'ec onomia e delle finanze del 23 dicembre 2009, concernente il super amento della rilevazione trimestrale dei flussi di cassa, la rilevazione SIOPE costitui sce la principale fonte informativa per la predisposizione delle relazioni trimestral i sul conto c onsolidato di cassa delle amministrazioni pubbliche da presentare alle Ca mere ai sensi dell'art.14, comma 4, delle legge n. 196/2009. Il Siope rappresenta, pertanto, uno strumento fondamentale per il monitoraggio dei conti pubblici, attraverso la rilevazione in tem po reale del fabbisogno delle amministrazioni pubbliche e l'acquisiz ione delle informazioni necessarie ad una più puntuale predisposizione delle statistiche trimestrali di contabilità nazionale, ai fini della verifica delle regole previste dall'ordinamento comunitario (procedura su disavanzi ecces sivi e Patto di stabilità e crescita). Il patrimonio di informazioni raccolto attraver so il SIOPE risulta particolarmente utile nel lavoro di conversione che stiamo conducendo. Se infatti analizz iamo i codici SIOPE e li me ttiamo a confronto con le voce del Pian o dei conti finanziario ci rendiamo immediatamente conto di una notevole vicinanza tra i due sistemi di classificazione delle entrate e delle spese. A tal fine nel presente formulario, in allegato, trovate: - il prospetto di conversione dai codi ci SIO PE al nuovo Piano dei Conti Entrata (Allegato A) - il prospetto di conversione dai codici SIOPE al Piano dei Conti Spesa ( Allegato B) L associazione dei capitoli al PCF: LA SOLUZIONE TINN TINN 2014 Documento riservato 7

9 Seguendo la logica in precedenza esposta, la procedura TINN provvede all associazione automatica tra Piano dei Conti F inanziario / Capitoli di entrata e spesa che trova evidenza nella seguente tabella: TINN 2014 Documento riservato 8

10 3 LA RICLASSIFICAZIONE DELLE ENTRATE Partendo dalle brevi riflessioni contenute nel paragrafo precedente la riclassificazione delle entrate dovrà necessariamente essere org anizzata procedendo ad una associazione del codice o dei codici SIOPE utilizzati per quel capitolo con il piano dei conti finanziario. Il prospetto che segue evidenzia l operazione proposta e le relazioni esistenti. DPR 194/96 D. Lgs. 118/2011 Titolo Categoria Risorsa Titolo Tipologia Categoria Capitoli Articoli SIOPE Voce Economica IV Livello del Piano de Finanziario V Livello del Piano de Finanziario i conti i conti Il codice SIOPE, se correttamente imputat o nel corso delle gestioni passate, potrà costituire il principale stru mento d ausilio per la conver sione e corretta imputazione dei nuovi capitoli al piano dei conti. E evidente che differenti situazioni si verificheranno a seconda della modalità seguita dall ente nella gestione e costruzione dei capitoli di bilancio di entrata. Un ente che in pas sato ha provveduto a suddividere i capitoli cosiddetti calderone seguendo l articolazione proposta dal SIOPE, realizzando una relazione uno ad uno tra il capitolo / articolo e la voce del SIOPE, dovrà limitarsi ad individuare la corretta voce corrispondete del Piano dei conti Finanziario. Capitolo Articolo Una voce Una voce = = = SIOPE PCF New cap. Al contrario, per quegli enti che avessero conti nuato a mantenere capitoli riepilogativi ed a gestire il codice SIOPE solo in sede di emissione del mandato di pagamento, dovranno: - dapprima analizzare con riferimento all u ltimo esercizio o agli ultimi esercizi le voci SIOPE imputate a quel capitolo; TINN 2014 Documento riservato 9

11 - provvedere a definire una perc entuale di imputazione per ciascuna voce e, quindi procedere alla costruzione di tanti capito li (da associare al nuovo Piano dei Conti) quante sono le voci SIOPE interessate. Ad esempio se ipotizziamo che un ente abbi a un unico capitolo in cui accerti ed incassi le entrate rel ative ai servizi pubblici (cap 300), dovrà attraverso il SIOPE determinare le varie voci interessate e procedere quindi ad una loro ripartizione secondo la tabella sotto riportata. voce SIOPE voce PCF New cap. Capitolo Articolo voce SIOPE voce SIOPE voce PCF voce PCF New cap. New cap. voce SIOPE voce PCF New cap. La tabella, oltre a costituire un valido esempi o, evidenzia anche la stretta rispondenza esistente in molti casi tra il SIOPE ed il nuovo Piano dei conti. Una volta definita la relazione con il piano dei conti e, nel caso di capitoli calderon e operato una ripartizione percent uale, sarà immediato giunge re alla determinazione della categoria, della tipologia e della risorsa. TINN 2014 Documento riservato 10

12 Capitolo ente Cap. 300 Proventi dei servizi pubblici Cod siope Descrizione SIOPE Codice Piano dei conti finanziario Descrizione Piano dei conti finanziario 3111 Proventi da alberghi E Proventi da alberghi 3112 Proventi da asili nido E Proventi da asili nido 3113 Proventi da convitti, colonie, E Proventi d a convitti, ostelli, stabilimenti termali colonie, ostelli, stabilimenti termali E Proventi da corsi extrascolastici 3114 Proventi da corsi extrascolastici 3115 Proventi da giardini zoologici E Proventi d a giardini zoologici 3116 Proventi da impianti sportivi E Proventi da impianti sportivi 3117 Proventi da mattatoi E Proventi da mattatoi 3118 Proventi da mense E Proventi da mense 3119 Proventi da mercati e fiere E Proventi da mercati e fiere 3120 Proventi da pesa pubblica E Proventi da pesa pubblica 3121 Proventi da servizi turistici E Proventi da se rvizi turistici 3122 Proventi da spurgo pozzi neri E Proventi da spurgo po zzi neri 3123 Proventi da teatri, musei, spettacoli, mostre, parchi 3124 Proventi da trasp orti fu nebri, pompe fun ebri, illumina zione votiva E Proventi da t eatri, mu sei, spettacoli, mostre E Proventi da traspo rti funebri, po mpe funeb ri, illuminazione votiva 3125 Proventi da traspo rto carni E Proventi d a tra sporto macellate carni macellate 3126 Proventi da traspo rto E Proventi d a tra sporto scolastico scolastico 3127 Proventi da strutture E Proventi d a struttu re residenziali per anziani residenziali per anziani 3128 Proventi da ll'uso di l ocali E Proventi dall' uso di locali adibiti st abilmente ed adibiti stabi lmente ed esclusivamente a riuni oni non istituzionali; esclusivamente a riunioni non istituzionali 3129 Proventi da bagni pubblici E Proventi da bagni pubblici 3130 Proventi da parcheggi custoditi E Proventi da parch eggi e parchimetri custoditi e parchimetri 3131 Proventi di servizi produttivi Un ulteriore verifica e controllo potrà esse re effettuata a questo punt o procedendo dall alto in basso e, dunque, verificare la corretta associazione : a) dei titoli del precedente ordinamento con quelli prev isti dal D. Lgs. 118/2011 secondo la tabella di conversione riportata in allegato ALLEGATO D b) delle categorie del precedente ordinament o con le tipologie previste dal D. Lgs. 118/2011 secondo la tabella di conversione riportata in allegato ALLEGATO D c) delle risorse del precedente ordinamento con le categorie previste dal D. Lgs. 118/2011 secondo la tabella di conversione riportata in allegato ALLEGATO D TINN 2014 Documento riservato 11

13 4 LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE Una procedura analoga potrà essere costruita per la conversione dei capitoli di spesa. Anche in questo caso il grafico c he segue evidenz ia le relazioni esistenti tra i vari attributi presenti nel capitolo analizzandolo nell ottica del D.P.R. 194/96 e del D. Lgs. 118/2011. DPR 194/96 D. Lgs. 118/2011 Titolo Funzione Servizio Intervento Missione Programma Titolo Macroaggregato Capitoli Articoli SIOPE Voce Economica IV Livello del Piano de Finanziario V Livello del Piano de Finanziario i conti i conti A differenza di quanto accade per le entrate, per ò, la nuova struttura della spesa presenta due differenti classificazioni: - una prima programmatica (che si esplicita attraverso le missioni ed i Programmi); - una seconda economica (che ci permette di classificare la spesa in titoli e macroaggregati. e due classificazioni sono per ò finalizzate ad obiettivi diver si e trovano una loro evidenziazione in differenti documenti: - Missioni e Programmi nel Bilancio; - Macroaggregati, capitoli ed articoli nel PEG e poi nel rendiconto della gestione. Ne consegue che non sarà possibile effettuar e una unica riclass ificazione ma occorrerà operare attraverso due differenti passaggi. 4.1 LA RICLASSIFICAZIONE PER TITOLI E MACROAGGREGATI Anche in questo caso, sarà necessario procedere partendo dal codice SIOPE e ricostruire la nuova struttura attraverso l es ame dalla sua correlazione con la voce del piano dei conti finanziario. E sufficiente anche in questo caso analizzare, ad esempio, le analogie presenti tra le voci SIOPE delle Retribuzioni e quelle del Piano dei conti Finanziario relativo alla spessa voce di spesa. TINN 2014 Documento riservato 12

14 Capitolo ente Cap. 10 Retribuzione del personale del servizio Cod siope Descrizione SIOPE Codice Piano dei conti finanziario Descrizione Piano dei conti finanziario Retribuzioni lorde U Retribuzioni in denaro 1101 Competenze fisse per il p ersonale U Voci stipendiali corrisposte a tempo indeterminato al personale a tempo indeterminato U Str 1102 Straordinario per il persona le tempo indeterminato 1103 Altre comp etenze e d in dennità accessorie pe r il persona le a tempo indeterminato 1104 Competenze fi sse ed acc essorie per il pers onale a tempo determinato 1105 Altre spese di persona le (la voro flessibile: pers onale con con tratto di formazi one e lavor o, lavor atori socialmente utili) 1106 Rimborsi sp ese per personale comandato 1107 Straordinario al pers onale per consultazioni elettorali U Inden U aordinario per il personale a tempo indeterminato nità ed altri compensi, esclusi i rimborsi spesa per missione, corrisposti al personale a tempo indeterminato U Voci stipendiali corrisposte al personale a tempo determinato U Straordinario per il personale a tempo determinato U Str 1109 Arretrati di anni precedenti U U Indennità ed altri compensi, esclusi i rimborsi spesa documentati per missione, corrisposti al personale a tempo determinato aordinario per il personale a tempo indeterminato Arretrati per anni precedenti corrisposti al personale a tempo indeterminato Arretrati per anni precedenti corrisposti al personale a tempo determinato Come già detto con riferimento alle ent rate, anche per le spese, prima di avviare l operazione di conversione, occorrerà analizza re le modalità di contabilizzazione seguite dagli enti. Relazioni uno ad uno tra ve cchi capitoli e codice SIOPE aiuterà notevolmente l operazione. Al contrario nel caso di capitoli calderone occorrerà procedere ad una estrapolazione dei codici Siope utilizzati e sulla base di questi procedere al ribaltamento degli importi. Conclusa la conversione un ult eriore verifi ca potrà essere effettuata procedendo alla verifica dellla corretta associazione : a) dei titoli del precedente ordinamento con quelli prev isti dal D. Lgs. 118/2011 secondo la tabella di conversione riportata in allegato ALLEGATO D b) degli interventi di spesa del precedente or dinamento con i Macroaggregati previsti dal D. Lgs. 118/2011 secondo la tabella di conver sione ripor tata in allegato ALLEGATO D TINN 2014 Documento riservato 13

15 4.2 LA RICLASSIFICAZIONE PER MISSIONI E PROGRAMMI Attraverso la correlazione S IOPE è possibile procedere all associaz ione di ciascun capitolo di spesa presente nel precedente ordinamento contabile con la voce del paino dei Conti di IV o V livello. La relazione SIOPE Piano dei Conti Finanz iario, però, non permette di completare l opera di conversione dei capitoli di spes a ma di giungere solo alla determinazione de l macroaggregato corrispondente e del titolo. Se infatti nell entrata il bil ancio ha mantenuto la struttura piramidale T itolo- Tipologia Categoria, nella spesa invece ciascun Tit olo è ricompreso all interno di una differente struttura funzionale che ricollegandosi alla cl assificazione COFOG permette di classific are le spese in MISSIONI e programmi. Per concludere il lavoro di conversio ne dei capitoli e permettere una corretta rappresentazione degli stessi sia nel bilancio s ia nel PEG occorre procedere alla riclassificazione dell aspetto funz ionale della spesa e, cioè, procedere alla conversione delle Funzioni e dei Servizi del precedente modello di bilancio previsto nel D.P.R. 194/96 in Missioni e Programmi così come ripor tati nel D, Lgs, 118/2011 ( vedi Glossario ARCONET). Di seguito si riporta la tabella di conversione prevista in allegato ( Allegato C) relativo alla sola Funzione 01- FUNZIONI GENERALI DI AMMINISTRAZIONE, DI GESTIONE E DI CONTROLLO del precedente sistema di bilancio Bilancio (D.P.R. 194/1996) in Bilancio (D.Lgs. 118/2011) FUNZIONE 01 - FUNZIONI GENERALI DI MISSIONE 01 - Servizi istituzionali, generali e di AMMINISTRAZIONE, DI GESTIONE E DI gestione CONTROLLO SERVIZIO ORGANI ISTITUZIONALI, PARTECIPAZIONE E Programma 01- Organi istituzionali DECENTRAMENTO FUNZIONE 01 - FU NZIONI GENE RALI D I AMMINISTRAZIONE, DI GESTIONE E DI CONTROLLO SERVIZIO SEGRETERIA GENERALE, PERSONALE E ORGANIZZAZIONE FUNZIONE 01 - FU NZIONI GENE RALI D I AMMINISTRAZIONE, DI GESTIONE E DI CONTROLLO SERVIZIO GESTIONE ECONOMICA, FINANZIARI A, PROGRAMMAZIONE, PROVVEDITORATO E CONTROLLO DI GESTIONE FUNZIONE 01 - FU NZIONI GENE RALI D I AMMINISTRAZIONE, DI GESTIONE E DI CONTROLLO Analogamente si procederà per gli ulteriori servizi del bilancio. MISSIONE 01 - Servizi istituzion ali, generali e di gestione Programma 02 - Segreteria generale MISSIONE 01 - Servizi istituzion ali, generali e di gestione Programma 03 - Gestio ne eco nomica, finanziaria, prog rammazione, provveditorato e controllo di gestione MISSIONE 01 - Servizi istituzion ali, generali e di gestione TINN 2014 Documento riservato 14

16 5 CONCLUSIONI Al termine del percorso così come rappresent ato sarà possibile ottenere per ciascun capitolo - di ENTRATA la correlazione a o TITOLO o TIPOLOGIA o CATEGORIA o IV e/o V livello del Piano dei Conti Finanziario - di SPESA la correlazione a o TITOLO o MACROAGGRETGATO o IV e V livello del Piano dei Conti Finanziario o Missioni e Programmi 6 LA CONVERSIONE AUTOMATICA: LA SOLUZIONE TINN La conclus ione del pr ocesso di conversione autom atica delle voci di b ilancio (Capitoli di entrata e spesa) è evidenz iata nella procedur a TINN attraverso la seguente tabella d i verifica delle associazioni: TINN 2014 Documento riservato 15

17 7 ALLEGATI - Allegato A - prospetto di conversione dai codici SIOPE al nuov o Piano dei Cont i Entrata - Allegato B - prospetto di conversione dai codici SIOPE al Piano dei Conti Spesa - Allegato C - prospetto di conversione da Funzi oni/servizi del D.P.R. 194/96 a Missioni e Programmi del D. Lgs. 118/ Allegato D - Glossario Missioni/programmi (tratto da Arconet) - Allegato E - Piano dei conti finanziario degli ent i territoriali e dei loro organismi e enti strumentali, a decorrere dal 2015 TINN 2014 Documento riservato 16

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Principio contabile della contabilità finanziaria 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Il riaccertamento straordinario dei residui è l attività prevista dall articolo 3 comma 7, del presente

Dettagli

Città di Biella Rendiconto 2013

Città di Biella Rendiconto 2013 erogati a domanda individuale I servizi a domanda individuale raggruppano quelle attività gestite dal comune che non sono intraprese per obbligo istituzionale, che vengono utilizzate a richiesta dell'utente

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 38.83,47.000,00 75.86,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 04 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0,00 980,00 9.007,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 6.40,57.44,00 38.640,43

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2012

CONTO DEL BILANCIO 2012 CONTO DEL BILANCIO 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 7.640,44 750,00 8.66,48 5.343,90

Dettagli

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI ARMONIZZAZION DI SISTMI CONTABILI D. Lgs. 118/2011 Maggio 2014 Le origini: il federalismo fiscale Legge 5/5/2009 n. 42 Delega al Governo in materia di FDRALISMO FISCAL in attuazione dell art. 119 della

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Provincia di Venezia

Provincia di Venezia Provincia di Venezia POLITICHE ATTIVE PER IL LAVORO Determinazione N. 1145 / 2014 Responsabile del procedimento: GRANDESSO NICOLETTA Oggetto: DEFINIZIONE DEL CRONO PROGRAMMA PER IL 2014/2016 RELATIVO AI

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 203 Funzion Servizi. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizi 0. 02 Segreteria generale,personale e organizzazione Servizi 0. 03

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA. e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov.

Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA. e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov. Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov.it Proposta n. 3560 del 03/08/2015 RIFERIMENTI CONTABILI Anno bilancio

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Regolamento per la concessione del marchio. Parco nazionale del Vesuvio

Regolamento per la concessione del marchio. Parco nazionale del Vesuvio Regolamento per la concessione del marchio del Parco nazionale del Vesuvio Delibera del Consiglio direttivo 26 maggio 1998, n. 54 Ai sensi del D.P.R. 5 giugno 1995, istitutivo del Parco nazionale del Vesuvio,

Dettagli

Codice Unico di Progetto degli Investimenti pubblici CUP

Codice Unico di Progetto degli Investimenti pubblici CUP Codice Unico di Progetto degli Investimenti pubblici CUP CHE COS E IL CUP Il CUP (CODICE UNICO DI PROGETTO) è un'etichetta stabile che identifica e accompagna un progetto d'investimento pubblico, sin dalla

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO Ufficio VI -Area amministrazione e gestione delle risorse finanziarie Corso Ferrucci n. 3 10138 Torino SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 007 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 9 0 3 5.00 7.00.00 Servizio

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE Esito monitoraggioal 30/09/2013 (ai sensi dell'art. 14, comma 4, lettera a ), del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.150) 1 30.09.2013 PREMESSA

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Definizioni e denominazioni 3 Art. 2 - Ambito

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Audizione su Armonizzazione dei bilanci degli enti territoriali e sistema contabile delle Regioni

Audizione su Armonizzazione dei bilanci degli enti territoriali e sistema contabile delle Regioni su Armonizzazione dei bilanci degli enti territoriali e sistema contabile delle Regioni 2014 Commissione Parlamentare per l attuazione del Federalismo fiscale 27/11/2014 SEZIONE DELLE AUTONOMIE AUDIZIONE

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Personale dei comparti:

GUIDA OPERATIVA. Personale dei comparti: GUIDA OPERATIVA Personale dei comparti: Modalità di calcolo del monte ore dei permessi sindacali di spettanza delle organizzazioni sindacali rappresentative e della RSU nei luogo di lavoro Novembre 2013

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 569 DEL 28-08-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Canone per utilizzo Pos gsm della Cassa di Risparmio del

Dettagli

CABINA DI REGIA SPORTELLI UNICI DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DELLA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO & TAVOLO DI COORDINAMENTO UTENTI SUAP

CABINA DI REGIA SPORTELLI UNICI DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DELLA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO & TAVOLO DI COORDINAMENTO UTENTI SUAP CABINA DI REGIA SPORTELLI UNICI DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DELLA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO & TAVOLO DI COORDINAMENTO UTENTI SUAP STANDARDIZZAZIONE PROCEDURE - NOTA 2/2014 Sommario CESSAZIONE ATTIVITÀ DI

Dettagli

responsabile procedimento respons abile

responsabile procedimento respons abile Elaborazione indennità mensili amministratori Cedolino mensile per Sindaco e Assessori mensile - no entro il 27 di ogni mese Predisposizione F24EP (per versamento oneri previdenziali e ritenute operate

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

CITTA DI CERVIGNANO DEL FRIULI Provincia di Udine SETTORE TECNICO E GESTIONE DEL TERRITORIO Servizio Lavori Pubblici e Manutenzioni

CITTA DI CERVIGNANO DEL FRIULI Provincia di Udine SETTORE TECNICO E GESTIONE DEL TERRITORIO Servizio Lavori Pubblici e Manutenzioni LAVORO N. 01 CODICE C.U.P. F46D14000080002 OGGETTO INTERVENTO LAVORI DI COMPLETAMENTO EX SCUOLA ELEMENTARE DI VIA ROMA AD USO EDIFICIO PER SERVIZI SOCIO-SANITARI TIPOLOGIA INTERVENTO 07 Manutenzione Straordinaria

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI MIUR - Ministero dell'istruzione dell'università e della Rice,::]ca AOODGOSV - D.G. per gli Ordinamenti scolastici e la Valutazione del S.N.I. REGISTRO UFFICIALE _. Prot. n. 0006257-21Il 0/20 14 - USCITA

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE OSSERVATORIO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI LOCALI I PRINCIPI CONTABILI PER

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Interno Osservatorio per la finanza e la contabilità degli enti locali FINALITA E POSTULATI DEI PRINCIPI CONTABILI DEGLI ENTI LOCALI Testo approvato dall Osservatorio il 12 marzo 2008 1

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE N. 1097 del 10 maggio 2014 Indice

Dettagli

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni 9 Lastri, De Robertis, Rossetti, Ruggeri, Remaschi, Boretti, Venturi, Bambagioni, Saccardi Proposta di legge della Giunta regionale 20 ottobre Art. 20 2014, n. 1 Abrogazioni divenuta Proposta di legge

Dettagli