La conversione dei capitoli secondo il nuovo piano dei conti Documento #2 Il passaggio al nuovo modello di bilancio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La conversione dei capitoli secondo il nuovo piano dei conti Documento #2 Il passaggio al nuovo modello di bilancio"

Transcript

1 FORMAZIONE CONTINUA IL PASSAGGIO ALLA NUOVA CONTABILITÀ ARMONIZZATA gli adempimenti da porre in essere per applicare il D. Lgs. 118/2011 La conversione dei capitoli secondo il nuovo piano dei conti Documento #2 Il passaggio al nuovo modello di bilancio

2 Sommario 1 Premessa La riclassificazione dei capitoli di entrata e di spesa Come operare Il percorso suggerito Il ruolo dei codici SIOPE L associazione dei capitoli al PCF: LA SOLUZIONE TINN La riclassificazione delle entrate La riclassificazione delle spese La riclassificazione per Titoli e Macroaggregati La riclassificazione per Missioni e Programmi CONCLUSIONI LA CONVERSIONE AUTOMATICA: LA SOLUZIONE TINN ALLEGATI...16 Per eventuali ulteriori approfondimenti sul tema, si rinvia al volume MANUALE DI CONTABILITÀ ARMONIZZATA Guida all applicazione del nuovo sistema contabile di Ebron D Aristotile e Filippo Rosa, CEL Editrice S.r.l. novembre 2014 TINN S.r.l. Documento riservato 1

3 1 PREMESSA Con l approvazione del D. Lgs. 126/2014 ad oggetto disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42 può considerarsi concluso quel lungo per iodo di sperimentazione che ha investito un numero cospicuo (circa 400), ma comunque minorit ario di enti locali, nella cos iddetta sperimentazione prevista dall art. 36 del D. Lgs. 118/2011. Dal 1 gennaio 2015, tutti gli enti locali dovranno modificare i propri comportamenti gestionali ed avviare un percorso di revisi one delle modalità di registrazione e rappresentazione dei fatti aziendali basato sul nuovo sistema contabile. Non si tratta di un pass aggio indolore: come ogni strappo con il passato la nuova contabilità comporterà le ridefiniz ione di vari aspetti, principi e modus operandi per tanti anni cons iderati immodificabili, rimettend o in gioco anche concetti quale quello degli impegni e degli accertamenti, a cui si ricollegano poi, quale immediata conseguenza quelli dei rispettivi residui, presenti così come oggi ancora li applichiamo, da oltre cento anni. Volendo analizzare i principali adempimenti da porre in esser nel 2015 potremmo elencare le seguenti attività: 1. affiancare i nuovi schemi di bilancio di previsione e di rendiconto per missioni e programmi (con funzioni conoscitive) agli sc hemi di bilancio annuale e pluriennale e di rendiconto adottati nel 2014, che conser vano la funzione autorizzatoria e valore giuridico ai fini della r endicontazione. Entrambe le ve rsioni del bilanc io e del rendiconto riportano le medesim e risultanz e contabili (trattasi della classific azione dei medes imi dati con due diffe renti criteri). Il bilanc io pluriennale predisposto secondo lo schema adottato nel 2014 ha valo re aut orizzatorio. Contestualmente all approvazione del rendiconto della gesti one, a decorrere dal 2015, gli enti locali articolati in Istituzioni approvano il rendi conto consolidato (ent ro il termine del 30 aprile dell anno successivo), e l e regioni approvano il rendiconto consolidat o con il rendiconto del proprio Consiglio regi onale e con eventuali propri organism i strumentali (entro il 31 luglio dell anno successivo); 2. applicazione del principio cont abile gene rale della competenza finanziar ia (cd. potenziata) per l accertamento delle entrate e l impegno delle spese; 3. adozione del principio applicato della contabilità finanziaria, 4. riaccertamento straordinario dei residui per adeguare lo stock dei residui attivi e passivi alla nuova configurazione del principio della competenza finanziaria 5. applicazione del principio cont abile applicato della programmazione e predisposizione del primo DEFR e DUP con riferimento al triennio TINN 2014 Documento riservato 2

4 2 LA RICLASSIFICAZIONE DEI CAPITOLI DI ENTRATA E DI SPESA Tra i primi adempimenti nec essari la conversione dei capitoli di bilancio così come previsti nei bilanci dell ente nel rispetto dei modelli previsti dal D.P.R. 194/96 all interno della nuova struttura costruita secondo quant o previsto dal nuovo Piano dei Conti Finanziario riportato nell allegato 6 del D. Lgs. 118/2011 e successive modificazioni. E opportuno ricordare che la n uova classificazione risponde prioritariamente all es igenza avvertita a livello statale ed anc he comuni tario di avere una maggiore trasparenza delle informazioni riguardanti il processo di alloc azione delle risorse pubbliche e la destinazione delle spese alle varie politic he pubbliche settoriali ottenendo una confrontabilità dei dati di bilancio in coerenza con le classificaz ioni economiche e funz ionali individuati dai regolamenti comunitari in materia nazionale e relativi conti satellite. Si tratta del primo tentativ o di giungere ad una sintassi c ontabile unica e condivis a che determinerà delle necessarie operazioni di adeguamento da parte di tutti i livelli di governo. Certamente l aver definito quale linea guida la maggior capacità di lettura dei dati in funzione europea avvicina notevolmente la scelta del nuovo sistema a quello già applicato da parte dello Stato costringendo Regioni ed ancor più enti loc ali a modificare la propria struttura contabile al fine di rispondere alle nuov e richieste informative e legislative fissate dal D. Lgs. 118/2011 così come modificato dal D. Lgs. 126/2014. In altri termini la prima e focale attività da porre in essere sarà quella di rialline are la struttura del bilanc io dai mode lli d el D.P. R. 194/96 approvati in attuazione del n uovo ordinamento contabile approvato con il D. Lgs. 77/95 e riferito solo agli enti loc ali (comuni, province e comunità montane) con quella prevista nei modelli allegati al D. Lgs. 118/2011. Per un approfondimento sulla nuova struttura del bilancio previsto dal D. Lgs. 118/2011 e le correlazioni tra le vecchie voci di bilancio e le nuove, si rinvia all allegato D Come operare Al fine dell elaborazione del bilancio di prev isione per missioni e programmi a carattere conoscitivo, da affiancare al bilancio di pr evisione autorizzatorio predisposto secondo lo schema vigente nel 2014, l ente procede alla riclassificazione dei capitoli e degli articoli del PEG (enti locali) : - per missioni e programmi, avval endosi dell apposito glossario (allegato n. 14/2 al DLgs 118/2011). - secondo il nuovo piano dei co nti finanziario avvalendosi dell ap posito alle gato ( allegato 6/1 al D. Lgs. 118/2011) La nuova classificaz ione deve affiancare la ve cchia, in modo da consentire, a partire dal medesimo bilancio gestionale/peg, l elaborazione del bilancio di prevision e secondo i due schemi. E opportuno precisare che mentre la ri classificazione per mi ssioni e programmi è indispensabile per la predispos izione a fini in formativi del nuovo bilancio redatto secondo gli schemi dell allegato 9 al D. Lgs. 118/2011 non altrettanto si può dir e per quanto concerne il loro collegamento al piano dei conti finanziario. TINN 2014 Documento riservato 3

5 Ciò precis ato però si ritiene indispens abile e consigliabile a tutti operare così come proposto effettuando la riclassific azione dei capitoli anche in considerazione del piano dei conti finanziario (quarto livello). Infatti, considerato che sia il ris petto della classificaz ione per missioni e programmi, sia l adozione del piano dei conti finanziario comporta la necessità di spacchettare i capitoli, si ritiene opportuno effettuare tale operazione una volta sola. Inoltre, dal piano dei conti deriv a anche la classificaz ione per c ategorie di entrata e per macroaggregati di spesa, necessari ai fini della predisposizione del rendiconto 2015, che dovrà essere predisposto in entrambe le versioni. La riclassificazione dei capitoli e degli articoli è effettuata nel rispetto dell articolo 7 del DLgs 118/ 2011, che vieta l adozione del criterio della prevale nza, salvi i casi in cui è espressamente consentito. Riconosciuta l opportunità di procedere ad una contes tuale conv ersione ed associazione dei capitoli del precedente sist ema contabile con le missioni ed i programmi del D. Lgs. 118/2011 e con il piano dei conti fi nanziario allegato allo stesso decreto, si riti ene opportuno fornire alcune indicazioni operative. Il percorso di conversione può essere articolato come segue: 1) associazione dei capitoli di entrata del bilancio ( ex DPR 194/96) alle voci del Piano dei Conti Finanziario 2) associazione dei c apitoli di s pesa del b ilancio ( e x DPR 19 4/96) alle voc i del Piano dei Conti Finanziario 3) associazione dei capitoli di spesa del bilancio ( e x DPR 1 94/96) alle voci missioni e programmi, avvalendosi dell ap posito glos sario (allegato n. 14/2 a l DLgs 118/2011). Si noti come il per corso proposto si svilu ppi dal basso proceden do dapprima alla ricostruzione del PEG e, quindi dei nuovi schemi di bilancio. Infatti, una volta definita la corretta associazi one di c iascun cap itolo/articolo dei bilancio con il quarto e/o quinto livello del piano dei conti finanziario, in automatico riusciremo a ricostruire l intera catena gerarchica superiore prevista dal D. Lgs. 118/ Il percorso suggerito L articolo 4 del D. Lgs. 118/20111 così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 126/2014 trattando del piano dei conti precisa al comma 5 che Il livello del piano dei conti integrato comune rappresenta la struttura di riferimento per la predisposizione dei documenti contabili e di finanza pubblica delle amministrazioni pubbliche. Ai fini del raccordo con i capitoli e gli articoli, ove previsti, il livello minimo di articolazione del piano dei conti è costituito almeno dal quarto livello. Ai fini della gestione il livello minimo di articolazione del piano dei conti è costituito dal quinto livello. Dalla lettura del comma in precedenza richiamato è possibile definire le seguenti relazioni: TINN 2014 Documento riservato 4

6 Capitoli PEG = IV livello del Piano dei Conti Finanziario Capitoli del Rendiconto = V livello del Piano dei Conti Finanziario In altri termini quantunque ai f ini della rappres entazione dei dati contabili nel bilanc io di previsione è sufficiente limitarsi alla struttura di secondo livello ( tipologia) per l entrata ed a quella corrispondente ( Programma ) per la spesa,il Piano Es ecutivo di Gestione che costituisce il bilanc io gestionale dell ente locale, dovrà essere necessariamente articolato per categorie ( III livello) e quindi per capitoli che dovranno essere raccordati al IV livello del Piano dei Conti. Ciò vuol dire che la denominaz ione del capito lo sarà libera ma comunque dovrà essere coordinata con la voce del Piano dei conti a cui si riferisce. Nel corso della ges tione, poi, i capitoli di IV livello dovranno essere articolati con riferimento a ciascun fatto aziendale contab ilmente rappresentato con l articolazione di V livello del Piano dei conti Il ruolo dei codici SIOPE Alla luce delle precisazioni normative e dell analisi della struttura dei documenti di bilancio in precedenza presentati si comprende come parti colarmente utile per la riclassificaz ione dei capitoli ed articoli secondo la nuova struttura prevista nel Piano dei conti è il confron to tra: - Articolazione del piano dei conti finanziario di cui al D. Lgs. 118/ Livello del Piano dei Conti Finanziario - Codifica del Piano dei Conti Finanziario - Corrispondenza con l articolazione del bilancio prevista dal D.P.R. 194/1996 Analizzando la parte entrata del Piano dei Conti Finanz seguente struttura: Articolazione Piano dei conti Livello del Piano dei Codice del Piano dei finanziario Conti Finanziario Conti Finanziario D. Lgs. 118/2011 TITOLO TIPOLOGIA(*) CATEGORIA(*) CAPITOLO I LIVELLO E. X iario potremmo distinguer e la Corrispondenza con D.P.R. 194/1996 TITOLO II LIVELLO E. X.0X Categoria III LIVELLO E. X.0X. 0X Risorsa IV LIVELLO E. X.0X. 0X.0X.000 Capitolo V LIVELLO E. X.0X. 0X.0X.00X Capitolo ARTICOLO Nota (*): tale corrispondenza non è verificata nel caso dei primi due titoli di entrata (entrate tributarie e trasferimenti correnti), in cui le tipologie corrispondono al III livello del piano dei conti, mentre le categorie corrispondono al IV livello. TINN 2014 Documento riservato 5

7 E importante correlare i vari livelli ai diff erenti documenti del sistem a di bilancio. In particolare con riferimento all entrata Titolo Tipologia BILANCIO Categoria Capitolo PEG Articolo Transazione elementare Allo stesso modo analizzando la parte spesa potremmo distinguere la seguente struttura : Articolazione di bilancio D. Lgs. 118/2011 TITOLO MACROAGGREGATO ( *) CAPITOLO Livello del Piano dei Conti Finanziario I LIVELLO Codice del Piano dei Conti Finanziario U. X Corrispondenza con voci D.P.R. 194/1996 TITOLO II LIVELLO U. X.0X INTERVENTO III LIVELLO U. X.0X. 0X IV LIVELLO U. X.0X. 0X.0X.000 Capitolo V LIVELLO U. X.0X. 0X.0X.00X Capitolo ARTICOLO (*) il livello è stato introdotto per facilitare la correlazione con i bilanci civilistici attraverso la cosiddetta tassonomia. Così come proposto per l entrata è possibile analizzare dove i diversi livelli della spesa de l Piano dei conti trovano evidenza nei vari documenti di bilancio. Missione Programma / titolo BILANCIO Macroaggregato Capitolo PEG Articolo Transazione elementare TINN 2014 Documento riservato 6

8 Definito il percorso diventa ess enziale determinare una chiave di lettura comune che possa facilitare la correlazione tra i capitoli di entrata e di spesa e le voci elementari del piano del conti. Detta relazione può essere ottenuta consider ando i codici SIOPE così come presenti già nel sistema contabile ex DPR 194/96. Si ricorda che il SIOPE (Sistema informat ivo sulle operazioni degli enti pubblici), è un sistema di rilevazione telematica degli inc assi e dei pagamenti effett uati dai tesorieri di tutte le amministrazioni pubb liche, che nasce dalla colla borazione tra la Ragioneria Generale dello Stato, la Banca d'italia e l' IS TAT, in attuazione dall'artico lo 28 della leg ge n. 289/2002, disciplinato dall articolo 14, commi dal 6 all 11, della legge n. 196 del Il SIOPE risponde all'esigenza di: 1. migliorare, rispetto al precedente sistema di rilevazione dei flussi di cassa di cui all articolo 30 della legge n. 468 del 1978, la conosce nza dell'andamento dei conti pubblici, sia sotto il profilo della quantità de lle informazion i disp onibili, sia sotto il profilo della tempestività; 2. superare attraverso una codifica uniforme per tipologia di enti, le differenze tra i sistemi contabili attualmente adottati dai vari comparti delle amministrazion i pubbliche, senza incidere sulla struttura dei bilanci degli enti in questione. In particolare, a seguito dell'emanazione del decreto del Ministero dell'ec onomia e delle finanze del 23 dicembre 2009, concernente il super amento della rilevazione trimestrale dei flussi di cassa, la rilevazione SIOPE costitui sce la principale fonte informativa per la predisposizione delle relazioni trimestral i sul conto c onsolidato di cassa delle amministrazioni pubbliche da presentare alle Ca mere ai sensi dell'art.14, comma 4, delle legge n. 196/2009. Il Siope rappresenta, pertanto, uno strumento fondamentale per il monitoraggio dei conti pubblici, attraverso la rilevazione in tem po reale del fabbisogno delle amministrazioni pubbliche e l'acquisiz ione delle informazioni necessarie ad una più puntuale predisposizione delle statistiche trimestrali di contabilità nazionale, ai fini della verifica delle regole previste dall'ordinamento comunitario (procedura su disavanzi ecces sivi e Patto di stabilità e crescita). Il patrimonio di informazioni raccolto attraver so il SIOPE risulta particolarmente utile nel lavoro di conversione che stiamo conducendo. Se infatti analizz iamo i codici SIOPE e li me ttiamo a confronto con le voce del Pian o dei conti finanziario ci rendiamo immediatamente conto di una notevole vicinanza tra i due sistemi di classificazione delle entrate e delle spese. A tal fine nel presente formulario, in allegato, trovate: - il prospetto di conversione dai codi ci SIO PE al nuovo Piano dei Conti Entrata (Allegato A) - il prospetto di conversione dai codici SIOPE al Piano dei Conti Spesa ( Allegato B) L associazione dei capitoli al PCF: LA SOLUZIONE TINN TINN 2014 Documento riservato 7

9 Seguendo la logica in precedenza esposta, la procedura TINN provvede all associazione automatica tra Piano dei Conti F inanziario / Capitoli di entrata e spesa che trova evidenza nella seguente tabella: TINN 2014 Documento riservato 8

10 3 LA RICLASSIFICAZIONE DELLE ENTRATE Partendo dalle brevi riflessioni contenute nel paragrafo precedente la riclassificazione delle entrate dovrà necessariamente essere org anizzata procedendo ad una associazione del codice o dei codici SIOPE utilizzati per quel capitolo con il piano dei conti finanziario. Il prospetto che segue evidenzia l operazione proposta e le relazioni esistenti. DPR 194/96 D. Lgs. 118/2011 Titolo Categoria Risorsa Titolo Tipologia Categoria Capitoli Articoli SIOPE Voce Economica IV Livello del Piano de Finanziario V Livello del Piano de Finanziario i conti i conti Il codice SIOPE, se correttamente imputat o nel corso delle gestioni passate, potrà costituire il principale stru mento d ausilio per la conver sione e corretta imputazione dei nuovi capitoli al piano dei conti. E evidente che differenti situazioni si verificheranno a seconda della modalità seguita dall ente nella gestione e costruzione dei capitoli di bilancio di entrata. Un ente che in pas sato ha provveduto a suddividere i capitoli cosiddetti calderone seguendo l articolazione proposta dal SIOPE, realizzando una relazione uno ad uno tra il capitolo / articolo e la voce del SIOPE, dovrà limitarsi ad individuare la corretta voce corrispondete del Piano dei conti Finanziario. Capitolo Articolo Una voce Una voce = = = SIOPE PCF New cap. Al contrario, per quegli enti che avessero conti nuato a mantenere capitoli riepilogativi ed a gestire il codice SIOPE solo in sede di emissione del mandato di pagamento, dovranno: - dapprima analizzare con riferimento all u ltimo esercizio o agli ultimi esercizi le voci SIOPE imputate a quel capitolo; TINN 2014 Documento riservato 9

11 - provvedere a definire una perc entuale di imputazione per ciascuna voce e, quindi procedere alla costruzione di tanti capito li (da associare al nuovo Piano dei Conti) quante sono le voci SIOPE interessate. Ad esempio se ipotizziamo che un ente abbi a un unico capitolo in cui accerti ed incassi le entrate rel ative ai servizi pubblici (cap 300), dovrà attraverso il SIOPE determinare le varie voci interessate e procedere quindi ad una loro ripartizione secondo la tabella sotto riportata. voce SIOPE voce PCF New cap. Capitolo Articolo voce SIOPE voce SIOPE voce PCF voce PCF New cap. New cap. voce SIOPE voce PCF New cap. La tabella, oltre a costituire un valido esempi o, evidenzia anche la stretta rispondenza esistente in molti casi tra il SIOPE ed il nuovo Piano dei conti. Una volta definita la relazione con il piano dei conti e, nel caso di capitoli calderon e operato una ripartizione percent uale, sarà immediato giunge re alla determinazione della categoria, della tipologia e della risorsa. TINN 2014 Documento riservato 10

12 Capitolo ente Cap. 300 Proventi dei servizi pubblici Cod siope Descrizione SIOPE Codice Piano dei conti finanziario Descrizione Piano dei conti finanziario 3111 Proventi da alberghi E Proventi da alberghi 3112 Proventi da asili nido E Proventi da asili nido 3113 Proventi da convitti, colonie, E Proventi d a convitti, ostelli, stabilimenti termali colonie, ostelli, stabilimenti termali E Proventi da corsi extrascolastici 3114 Proventi da corsi extrascolastici 3115 Proventi da giardini zoologici E Proventi d a giardini zoologici 3116 Proventi da impianti sportivi E Proventi da impianti sportivi 3117 Proventi da mattatoi E Proventi da mattatoi 3118 Proventi da mense E Proventi da mense 3119 Proventi da mercati e fiere E Proventi da mercati e fiere 3120 Proventi da pesa pubblica E Proventi da pesa pubblica 3121 Proventi da servizi turistici E Proventi da se rvizi turistici 3122 Proventi da spurgo pozzi neri E Proventi da spurgo po zzi neri 3123 Proventi da teatri, musei, spettacoli, mostre, parchi 3124 Proventi da trasp orti fu nebri, pompe fun ebri, illumina zione votiva E Proventi da t eatri, mu sei, spettacoli, mostre E Proventi da traspo rti funebri, po mpe funeb ri, illuminazione votiva 3125 Proventi da traspo rto carni E Proventi d a tra sporto macellate carni macellate 3126 Proventi da traspo rto E Proventi d a tra sporto scolastico scolastico 3127 Proventi da strutture E Proventi d a struttu re residenziali per anziani residenziali per anziani 3128 Proventi da ll'uso di l ocali E Proventi dall' uso di locali adibiti st abilmente ed adibiti stabi lmente ed esclusivamente a riuni oni non istituzionali; esclusivamente a riunioni non istituzionali 3129 Proventi da bagni pubblici E Proventi da bagni pubblici 3130 Proventi da parcheggi custoditi E Proventi da parch eggi e parchimetri custoditi e parchimetri 3131 Proventi di servizi produttivi Un ulteriore verifica e controllo potrà esse re effettuata a questo punt o procedendo dall alto in basso e, dunque, verificare la corretta associazione : a) dei titoli del precedente ordinamento con quelli prev isti dal D. Lgs. 118/2011 secondo la tabella di conversione riportata in allegato ALLEGATO D b) delle categorie del precedente ordinament o con le tipologie previste dal D. Lgs. 118/2011 secondo la tabella di conversione riportata in allegato ALLEGATO D c) delle risorse del precedente ordinamento con le categorie previste dal D. Lgs. 118/2011 secondo la tabella di conversione riportata in allegato ALLEGATO D TINN 2014 Documento riservato 11

13 4 LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE Una procedura analoga potrà essere costruita per la conversione dei capitoli di spesa. Anche in questo caso il grafico c he segue evidenz ia le relazioni esistenti tra i vari attributi presenti nel capitolo analizzandolo nell ottica del D.P.R. 194/96 e del D. Lgs. 118/2011. DPR 194/96 D. Lgs. 118/2011 Titolo Funzione Servizio Intervento Missione Programma Titolo Macroaggregato Capitoli Articoli SIOPE Voce Economica IV Livello del Piano de Finanziario V Livello del Piano de Finanziario i conti i conti A differenza di quanto accade per le entrate, per ò, la nuova struttura della spesa presenta due differenti classificazioni: - una prima programmatica (che si esplicita attraverso le missioni ed i Programmi); - una seconda economica (che ci permette di classificare la spesa in titoli e macroaggregati. e due classificazioni sono per ò finalizzate ad obiettivi diver si e trovano una loro evidenziazione in differenti documenti: - Missioni e Programmi nel Bilancio; - Macroaggregati, capitoli ed articoli nel PEG e poi nel rendiconto della gestione. Ne consegue che non sarà possibile effettuar e una unica riclass ificazione ma occorrerà operare attraverso due differenti passaggi. 4.1 LA RICLASSIFICAZIONE PER TITOLI E MACROAGGREGATI Anche in questo caso, sarà necessario procedere partendo dal codice SIOPE e ricostruire la nuova struttura attraverso l es ame dalla sua correlazione con la voce del piano dei conti finanziario. E sufficiente anche in questo caso analizzare, ad esempio, le analogie presenti tra le voci SIOPE delle Retribuzioni e quelle del Piano dei conti Finanziario relativo alla spessa voce di spesa. TINN 2014 Documento riservato 12

14 Capitolo ente Cap. 10 Retribuzione del personale del servizio Cod siope Descrizione SIOPE Codice Piano dei conti finanziario Descrizione Piano dei conti finanziario Retribuzioni lorde U Retribuzioni in denaro 1101 Competenze fisse per il p ersonale U Voci stipendiali corrisposte a tempo indeterminato al personale a tempo indeterminato U Str 1102 Straordinario per il persona le tempo indeterminato 1103 Altre comp etenze e d in dennità accessorie pe r il persona le a tempo indeterminato 1104 Competenze fi sse ed acc essorie per il pers onale a tempo determinato 1105 Altre spese di persona le (la voro flessibile: pers onale con con tratto di formazi one e lavor o, lavor atori socialmente utili) 1106 Rimborsi sp ese per personale comandato 1107 Straordinario al pers onale per consultazioni elettorali U Inden U aordinario per il personale a tempo indeterminato nità ed altri compensi, esclusi i rimborsi spesa per missione, corrisposti al personale a tempo indeterminato U Voci stipendiali corrisposte al personale a tempo determinato U Straordinario per il personale a tempo determinato U Str 1109 Arretrati di anni precedenti U U Indennità ed altri compensi, esclusi i rimborsi spesa documentati per missione, corrisposti al personale a tempo determinato aordinario per il personale a tempo indeterminato Arretrati per anni precedenti corrisposti al personale a tempo indeterminato Arretrati per anni precedenti corrisposti al personale a tempo determinato Come già detto con riferimento alle ent rate, anche per le spese, prima di avviare l operazione di conversione, occorrerà analizza re le modalità di contabilizzazione seguite dagli enti. Relazioni uno ad uno tra ve cchi capitoli e codice SIOPE aiuterà notevolmente l operazione. Al contrario nel caso di capitoli calderone occorrerà procedere ad una estrapolazione dei codici Siope utilizzati e sulla base di questi procedere al ribaltamento degli importi. Conclusa la conversione un ult eriore verifi ca potrà essere effettuata procedendo alla verifica dellla corretta associazione : a) dei titoli del precedente ordinamento con quelli prev isti dal D. Lgs. 118/2011 secondo la tabella di conversione riportata in allegato ALLEGATO D b) degli interventi di spesa del precedente or dinamento con i Macroaggregati previsti dal D. Lgs. 118/2011 secondo la tabella di conver sione ripor tata in allegato ALLEGATO D TINN 2014 Documento riservato 13

15 4.2 LA RICLASSIFICAZIONE PER MISSIONI E PROGRAMMI Attraverso la correlazione S IOPE è possibile procedere all associaz ione di ciascun capitolo di spesa presente nel precedente ordinamento contabile con la voce del paino dei Conti di IV o V livello. La relazione SIOPE Piano dei Conti Finanz iario, però, non permette di completare l opera di conversione dei capitoli di spes a ma di giungere solo alla determinazione de l macroaggregato corrispondente e del titolo. Se infatti nell entrata il bil ancio ha mantenuto la struttura piramidale T itolo- Tipologia Categoria, nella spesa invece ciascun Tit olo è ricompreso all interno di una differente struttura funzionale che ricollegandosi alla cl assificazione COFOG permette di classific are le spese in MISSIONI e programmi. Per concludere il lavoro di conversio ne dei capitoli e permettere una corretta rappresentazione degli stessi sia nel bilancio s ia nel PEG occorre procedere alla riclassificazione dell aspetto funz ionale della spesa e, cioè, procedere alla conversione delle Funzioni e dei Servizi del precedente modello di bilancio previsto nel D.P.R. 194/96 in Missioni e Programmi così come ripor tati nel D, Lgs, 118/2011 ( vedi Glossario ARCONET). Di seguito si riporta la tabella di conversione prevista in allegato ( Allegato C) relativo alla sola Funzione 01- FUNZIONI GENERALI DI AMMINISTRAZIONE, DI GESTIONE E DI CONTROLLO del precedente sistema di bilancio Bilancio (D.P.R. 194/1996) in Bilancio (D.Lgs. 118/2011) FUNZIONE 01 - FUNZIONI GENERALI DI MISSIONE 01 - Servizi istituzionali, generali e di AMMINISTRAZIONE, DI GESTIONE E DI gestione CONTROLLO SERVIZIO ORGANI ISTITUZIONALI, PARTECIPAZIONE E Programma 01- Organi istituzionali DECENTRAMENTO FUNZIONE 01 - FU NZIONI GENE RALI D I AMMINISTRAZIONE, DI GESTIONE E DI CONTROLLO SERVIZIO SEGRETERIA GENERALE, PERSONALE E ORGANIZZAZIONE FUNZIONE 01 - FU NZIONI GENE RALI D I AMMINISTRAZIONE, DI GESTIONE E DI CONTROLLO SERVIZIO GESTIONE ECONOMICA, FINANZIARI A, PROGRAMMAZIONE, PROVVEDITORATO E CONTROLLO DI GESTIONE FUNZIONE 01 - FU NZIONI GENE RALI D I AMMINISTRAZIONE, DI GESTIONE E DI CONTROLLO Analogamente si procederà per gli ulteriori servizi del bilancio. MISSIONE 01 - Servizi istituzion ali, generali e di gestione Programma 02 - Segreteria generale MISSIONE 01 - Servizi istituzion ali, generali e di gestione Programma 03 - Gestio ne eco nomica, finanziaria, prog rammazione, provveditorato e controllo di gestione MISSIONE 01 - Servizi istituzion ali, generali e di gestione TINN 2014 Documento riservato 14

16 5 CONCLUSIONI Al termine del percorso così come rappresent ato sarà possibile ottenere per ciascun capitolo - di ENTRATA la correlazione a o TITOLO o TIPOLOGIA o CATEGORIA o IV e/o V livello del Piano dei Conti Finanziario - di SPESA la correlazione a o TITOLO o MACROAGGRETGATO o IV e V livello del Piano dei Conti Finanziario o Missioni e Programmi 6 LA CONVERSIONE AUTOMATICA: LA SOLUZIONE TINN La conclus ione del pr ocesso di conversione autom atica delle voci di b ilancio (Capitoli di entrata e spesa) è evidenz iata nella procedur a TINN attraverso la seguente tabella d i verifica delle associazioni: TINN 2014 Documento riservato 15

17 7 ALLEGATI - Allegato A - prospetto di conversione dai codici SIOPE al nuov o Piano dei Cont i Entrata - Allegato B - prospetto di conversione dai codici SIOPE al Piano dei Conti Spesa - Allegato C - prospetto di conversione da Funzi oni/servizi del D.P.R. 194/96 a Missioni e Programmi del D. Lgs. 118/ Allegato D - Glossario Missioni/programmi (tratto da Arconet) - Allegato E - Piano dei conti finanziario degli ent i territoriali e dei loro organismi e enti strumentali, a decorrere dal 2015 TINN 2014 Documento riservato 16

ADEMPIMENTI PER L ENTRATA A REGIME DELLA RIFORMA CONTABILE PREVISTA DAL DECRETO LEGISLATIVO 23 GIUGNO 2011, N. 118, NELL ESERCIZIO 2016

ADEMPIMENTI PER L ENTRATA A REGIME DELLA RIFORMA CONTABILE PREVISTA DAL DECRETO LEGISLATIVO 23 GIUGNO 2011, N. 118, NELL ESERCIZIO 2016 ADEMPIMENTI PER L ENTRATA A REGIME DELLA RIFORMA CONTABILE PREVISTA DAL DECRETO LEGISLATIVO 23 GIUGNO 2011, N. 118, NELL ESERCIZIO 2016 1) Introduzione Com è noto, nel corso del 2015, gli enti territoriali,

Dettagli

IL NUOVO ORDINAMENTO CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI

IL NUOVO ORDINAMENTO CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI IL NUOVO ORDINAMENTO CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI PAOLA MARIANI Udine 26 marzo 2014 PRESENTAZIONE: 1) L ARMONIZZAZIONE 2) IL QUADRO NORMATIVO 3) I SISTEMI CONTABILI ARMONIZZATI 4) GLI STRUMENTI DELL ARMONIZZAZIONE

Dettagli

27-05-2014 Parametri Pagina 1

27-05-2014 Parametri Pagina 1 (Valori utilizzati per i calcoli) 1.Alberghi, esc. Dormitori pubblici case di riposo ericovero 2. Alberghi diurni e bagni pubblici 3. Asili nido 4. Convitti, campeggi, case per vacanze, ostelli 5. Colonie

Dettagli

Rendiconto Incassi per Codice Siope Anno 2012. Comune di Romagnano Sesia. % Scostamento. Totali Banca d'italia. Totali Ente.

Rendiconto Incassi per Codice Siope Anno 2012. Comune di Romagnano Sesia. % Scostamento. Totali Banca d'italia. Totali Ente. Rendiconto Incassi per Codice Siope Anno 2012 Comune di Romagnano Sesia Totali Ente Totali Banca d'italia Differenza % Scostamento TITOLO 1 : Entrate Tributarie 3.044.320,98 3.044.328,16-7,18 1101 ICI

Dettagli

INDICATORI DI BILANCIO

INDICATORI DI BILANCIO INDICATORI DI BILANCIO L art. 227 del d. lgs. 267/2000 al comma 5 prevede che al rendiconto sono allegati il piano degli indicatori e dei risultati di bilancio. L art. 18-bis del d. lgs. 118/2011 prevede

Dettagli

Armonizzazione Contabile e Fattura Elettronica. Relatore: dott. Vincenzo Cuzzola ATRIPALDA 20 aprile 2015

Armonizzazione Contabile e Fattura Elettronica. Relatore: dott. Vincenzo Cuzzola ATRIPALDA 20 aprile 2015 Armonizzazione Contabile e Fattura Elettronica Relatore: dott. Vincenzo Cuzzola ATRIPALDA 20 aprile 2015 CORRELAZIONE TRA FATTURA ELETTRONICA REGISTRO UNICO DELLE FATTURE ARMONIZZAZIONE DEL BILANCIO Sul

Dettagli

Servizi erogati I servizi a domanda individuale

Servizi erogati I servizi a domanda individuale Servizi erogati I servizi a domanda individuale I servizi a domanda individuale raggruppano quelle attività gestite dal comune che non sono intraprese per obbligo istituzionale, vengono utilizzate a richiesta

Dettagli

CORSO FORMAZIONE REVISORI

CORSO FORMAZIONE REVISORI CORSO FORMAZIONE REVISORI Strumenti, metodologie, tempistiche: regole contabili uniformi, piano dei conti integrato, schemi di bilancio, bilancio consolidato con enti, aziende e società, sperimentazione.

Dettagli

Armonizzazione dei sistemi contabili

Armonizzazione dei sistemi contabili Armonizzazione dei sistemi contabili Guida alla lettura del decreto legislativo 23 giugno 2011, n.118 recante Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE FINANZIARIO 2014/2016 EMENDATO

COMUNE DI BRESCIA BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE FINANZIARIO 2014/2016 EMENDATO COMUNE DI BRESCIA BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE FINANZIARIO /2016 EMENDATO BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE INDICE Nota tecnica introduttiva pag. 3 Bilancio di Previsione Entrata pag. 5 Bilancio

Dettagli

ARCONET- FAQ - SPERIMENTAZIONE

ARCONET- FAQ - SPERIMENTAZIONE ARCONET- FAQ - SPERIMENTAZIONE Domanda n. 1: Cosa si intende all'art. 2, comma 2 del DPCM, quando si dice che le disposizioni riguardanti la sperimentazione sono applicate in via esclusiva in sostituzione

Dettagli

COMUNE DI UDINE SIOPE 2014

COMUNE DI UDINE SIOPE 2014 COMUNE DI UDINE SIOPE 2014 DISPONIBILITA' LIQUIDE SIOPE Pagina 1 Ente Codice 000027249 Ente Descrizione COMUNE DI UDINE Categoria Province - Comuni - Citta' metropolitane - Unioni di Comuni Sotto Categoria

Dettagli

PROVINCIA DI TORINO COMUNITA MONTANA VALLE SUSA E VAL SANGONE COMUNE DI CHIOMONTE VERBALE DI DELIBERAZIONE. della GIUNTA COMUNALE n.

PROVINCIA DI TORINO COMUNITA MONTANA VALLE SUSA E VAL SANGONE COMUNE DI CHIOMONTE VERBALE DI DELIBERAZIONE. della GIUNTA COMUNALE n. COPIA PROVINCIA DI TORINO COMUNITA MONTANA VALLE SUSA E VAL SANGONE COMUNE DI CHIOMONTE VERBALE DI DELIBERAZIONE della GIUNTA COMUNALE n. 38/13 OGGETTO: DETERMINAZIONE DEL TASSO DI COPERTURA DEI SERVIZI

Dettagli

COMUNE DI TORREMAGGIORE

COMUNE DI TORREMAGGIORE Pag. CONTO DEL BILANCIO ANNO Alberghi, Esclusi Dormitori Pubblici Case di Riposo e di Ricovero Alberghi Diurni e Bagni Pubblici 3 Scuole Materne 4 4 5 5 5 5 N Bambini Frequentanti N Bambini Frequentanti

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

1^ Giornata di Corso. Dr. Piersante Fabio

1^ Giornata di Corso. Dr. Piersante Fabio 1^ Giornata di Corso Decreto Legislativo 118/2011 Dr. Piersante Fabio EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO La disciplina dell armonizzazione dei sistemi contabili e deibilancidelleregioniedeglientilocalinelquadrodel

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO. Esercizio 2013. Modello n. 14 (D.P.R. 31/01/1996 N. 194) per comuni ed unioni di comuni

CONTO DEL BILANCIO. Esercizio 2013. Modello n. 14 (D.P.R. 31/01/1996 N. 194) per comuni ed unioni di comuni CONTO DEL BILANCIO Esercizio Modello n. 14 (D.P.R. 31/01/1996 N. 194) per comuni ed unioni di comuni CONTO DI BILANCIO TABELLA DEI PARAMETRI DI RILEVAZIONE DELLE CONDIZIONI DI DEFICITARIETA' (DECRETO 18

Dettagli

D.Lgs 118/2011 Principi contabili generali Principi contabili applicati

D.Lgs 118/2011 Principi contabili generali Principi contabili applicati Materiale sull armonizzazione contabile aggiornato con l intesa del 3 aprile 2014 in Conferenza Unificata [Fonte sito Arconet] D.Lgs 118/2011 Principi contabili generali Principi contabili applicati Materiale

Dettagli

Adempimenti 2015 Dispensa #4 Guida operativa al riaccertamento straordinario dei residui

Adempimenti 2015 Dispensa #4 Guida operativa al riaccertamento straordinario dei residui FORMAZIONE CONTINUA IL PASSAGGIO ALLA NUOVA CONTABILITÀ ARMONIZZATA gli adempimenti da porre in essere per applicare il D. Lgs. 118/2011 Adempimenti 2015 Dispensa #4 Guida operativa al riaccertamento straordinario

Dettagli

L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale Modulo n. 3 IL PIANO DEI CONTI INTEGRATO.

L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale Modulo n. 3 IL PIANO DEI CONTI INTEGRATO. L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale Modulo n. 3 IL PIANO DEI CONTI INTEGRATO (ottobre 2014) STRUTTURA DELLA PRESENTAZIONE: 1) La legge n. 196/2009 e la

Dettagli

Fatturazione elettronica

Fatturazione elettronica Programma Webinar Fatturazione elettronica MODULO 3: IMPLICAZIONI CONTABILI E D.LGS. 118/11 ROBERTO JANNELLI: KPMG UNIVERSITÀ DEL SANNIO ARMANDO ORREI: KPMG VINCENZO DI SAURO: KPMG Sommario Premessa La

Dettagli

INDICATORI DI EFFICACIA E DI EFFICIENZA DEI SERVIZI INDISPENSABILI DELL'ENTE - ANNO 2012

INDICATORI DI EFFICACIA E DI EFFICIENZA DEI SERVIZI INDISPENSABILI DELL'ENTE - ANNO 2012 INDICATORI DI EFFICACIA E DI EFFICIENZA DEI SERVIZI INDISPENSABILI DELL'ENTE - ANNO 2012 EFFICACIA EFFICIENZA 1 Servizi connessi agli organi istituzionali numero addetti 0,00047 costo totale 40,78 2 Amministrazione

Dettagli

87083 -Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche

87083 -Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche 87083 -Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche Sistema di bilancio delle Regioni Bilancio delle Regioni D.lgs. 28 marzo 2000, n.76: Stabilisce il concorso della finanza regionale al perseguimento

Dettagli

INDICATORI FINANZIARI ED ECONOMICI GENERALI

INDICATORI FINANZIARI ED ECONOMICI GENERALI INDICATORI FINANZIARI ED ECONOMICI GENERALI Autonomia finanziaria Titolo I + Titolo III Titolo I + II + III 45.930.97 63.436.568,90 44.723.678,07 53.260.092,21 53.487.778,55 58.663.074,25 Autonomia impositiva

Dettagli

Allegato F) Delib. G.C. n. 38/2015 CITTÀ DI SAN MAURO TORINESE PROVINCIA DI TORINO NOTA TECNICA

Allegato F) Delib. G.C. n. 38/2015 CITTÀ DI SAN MAURO TORINESE PROVINCIA DI TORINO NOTA TECNICA Allegato F) Delib. G.C. n. 38/2015 CITTÀ DI SAN MAURO TORINESE PROVINCIA DI TORINO NOTA TECNICA ANNO 2015 BILANCIO DI PREVISIONE 2015 NOTA TECNICA Premessa Il D.Lgs. 118/2011 come modificato ed integrato

Dettagli

COMUNE DI ORTIGNANO RAGGIOLO INDICATORI FINANZIARI ED ECONOMICI GENERALI (COMUNI E/O UNIONI DI COMUNI)

COMUNE DI ORTIGNANO RAGGIOLO INDICATORI FINANZIARI ED ECONOMICI GENERALI (COMUNI E/O UNIONI DI COMUNI) INDICATORI FINANZIARI ED ECONOMICI GENERALI (COMUNI E/O UNIONI DI COMUNI) Autonomia finanziaria Titolo I + Titolo III Titolo I + II + III Autonomia impositiva Titolo I _ Titolo I + II + III Pressione finanziaria

Dettagli

Materiale didattico a cura del dott.

Materiale didattico a cura del dott. L armonizzazione dei sistemi contabili pubblici Cosa cambia per comuni e province Materiale didattico a cura del dott. E. D Aristotile Vice Direttore Generale e Dirigente Settore programmazione e controllo

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE Direzione Generale per il Mercato, la Concorrenza, il Consumatore,la Vigilanza e la Normativa Tecnica Divisione

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2011. PARAMETRI GESTIONALI CON ANDAMENTO TRIENNALE (D.Lgs. 267/00, art. 228/5) - ADDENDI

CONTO DEL BILANCIO 2011. PARAMETRI GESTIONALI CON ANDAMENTO TRIENNALE (D.Lgs. 267/00, art. 228/5) - ADDENDI CONTO DEL BILANCIO 211 PARAMETRI GESTIONALI CON ANDAMENTO TRIENNALE (D.Lgs. 267/, art. 228/5) - ADDENDI INDICATORI FINANZIARI ED ECONOMICI GENERALI - ADDENDI 29 21 211 Autonomia finanziaria Titolo I +

Dettagli

CERTIFICATO DEL RENDICONTO AL BILANCIO 2013

CERTIFICATO DEL RENDICONTO AL BILANCIO 2013 CODICE ENTE 1 0 1 0 8 1 1 7 0 0 COMUNE OSASCO UNIONE DI COMUNI SIGLA PROV. TO CERTIFICATO DEL RENDICONTO AL BILANCIO 2013 Pag. 3 CODICE ENTE 1 0 1 0 8 1 1 7 0 0 COMUNE o UNIONE DI COMUNI DI OSASCO SIGLA

Dettagli

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Principio contabile della contabilità finanziaria 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Il riaccertamento straordinario dei residui è l attività prevista dall articolo 3 comma 7, del presente

Dettagli

Comune di Empoli Rendiconto 2014 I N D I C A T O R I

Comune di Empoli Rendiconto 2014 I N D I C A T O R I Comune di Empoli Rendiconto I N D I C A T O R I Indicatori INDICATORI FINANZIARI ED ECONOMICI GENERALI Autonomia finanziaria titolo I + titolo III (e) x 100 96,21% 29.666.349 84,95% 38.641.005,62 93,82%

Dettagli

SERIE GENERALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Martedì, 26 luglio 2011 AVVISO AL PUBBLICO

SERIE GENERALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Martedì, 26 luglio 2011 AVVISO AL PUBBLICO SERIE GENERALE Spediz. abb. post. - art. 45% 1, - comma art. 2, 1 comma 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46662 - Filiale - Filiale di Roma di Roma GAZZETTA Anno 152 - Numero 172 UFFICIALE DELLA

Dettagli

COMUNE DI SUCCIVO INDICATORI FINANZIARI ED ECONOMICI GENERALI

COMUNE DI SUCCIVO INDICATORI FINANZIARI ED ECONOMICI GENERALI INDICATORI FINANZIARI ED ECONOMICI GENERALI 2011 2012 2013 AUTONOMIA FINANZIARIA Titolo I + Titolo III 2817923,68 3748983,69 3250871,15 x 100 = 44,70 = 85,62 = 69,47 Titolo I + II + III 6303839,53 4378654,21

Dettagli

INDICATORI FINANZIARI ED ECONOMICI GENERALI

INDICATORI FINANZIARI ED ECONOMICI GENERALI INDICATORI FINANZIARI ED ECONOMICI GENERALI 2011 2012 2013 AUTONOMIA FINANZIARIA Titolo I + Titolo III 3987202,13 4060718,89 4085486,48 x 100 = 93,70 = 94,56 = 91,25 Titolo I + II + III 4255352,67 4294182,55

Dettagli

Comune di ALVIGNANO INDICATORI FINANZIARI ED ECONOMICI GENERALI

Comune di ALVIGNANO INDICATORI FINANZIARI ED ECONOMICI GENERALI INDICATORI FINANZIARI ED ECONOMICI GENERALI 2013 2014 2015 AUTONOMIA FINANZIARIA Titolo I + Titolo III 2687681,51 2605280,78 2853030,11 x 100 = 96,48 = 92,93 = 86,09 Titolo I + II + III 2785856,05 2803574,89

Dettagli

COMUNE DI MUGNANO DEL CARDINALE INDICATORI FINANZIARI ED ECONOMICI GENERALI

COMUNE DI MUGNANO DEL CARDINALE INDICATORI FINANZIARI ED ECONOMICI GENERALI INDICATORI FINANZIARI ED ECONOMICI GENERALI 2012 2013 2014 AUTONOMIA FINANZIARIA Titolo I + Titolo III 2172333,97 2455705,75 2214334,44 x 100 = 73,71 = 64,17 = 53,45 Titolo I + II + III 2947201,39 3826939,45

Dettagli

Servizi erogati Considerazioni generali sui servizi erogati

Servizi erogati Considerazioni generali sui servizi erogati Servizi erogati Considerazioni generali sui servizi erogati Nella società moderna, riuscire a garantire un accettabile equilibrio sociale ed economico tra il soddisfacimento della domanda di servizi avanzata

Dettagli

titolo: 1 Entrate tributarie

titolo: 1 Entrate tributarie Stampato il 27/03/2015 Pag.1 di 8 titolo: 1 Entrate tributarie Cod. Gestionale: 1101 ICI riscossa attraverso ruoli Cod. Gestionale: 1101 ICI riscossa attraverso ruoli 167.978,57 Cod. Gestionale: 1102 ICI

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013. PARAMETRI GESTIONALI CON ANDAMENTO TRIENNALE (D.Lgs. 267/00, art. 228/5) - ADDENDI

CONTO DEL BILANCIO 2013. PARAMETRI GESTIONALI CON ANDAMENTO TRIENNALE (D.Lgs. 267/00, art. 228/5) - ADDENDI CONTO DEL BILANCIO 213 PARAMETRI GESTIONALI CON ANDAMENTO TRIENNALE (D.Lgs. 267/, art. 228/5) - ADDENDI INDICATORI FINANZIARI ED ECONOMICI GENERALI - ADDENDI 211 212 213 Autonomia finanziaria Titolo I

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2014. PARAMETRI GESTIONALI CON ANDAMENTO TRIENNALE (D.Lgs. 267/00, art. 228/5) - ADDENDI

CONTO DEL BILANCIO 2014. PARAMETRI GESTIONALI CON ANDAMENTO TRIENNALE (D.Lgs. 267/00, art. 228/5) - ADDENDI CONTO DEL BILANCIO 214 PARAMETRI GESTIONALI CON ANDAMENTO TRIENNALE (D.Lgs. 267/, art. 228/5) - ADDENDI INDICATORI FINANZIARI ED ECONOMICI GENERALI - ADDENDI 212 213 214 Autonomia finanziaria Titolo I

Dettagli

SPESA Fonte: Civetta Slides ( all. 4) IL FONDO PLURIENNALE VINCOLATO Il fondo pluriennale vincolato è un accantonamento di risorse già accertate destinate al finanziamento di obbligazioni passive

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA RECANTE REGOLAMENTO CONCERNENTE LE MODALITÀ DI ADOZIONE DEL PIANO DEI CONTI INTEGRATO DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE AI SENSI DELL ARTICOLO 4, COMMA 3,

Dettagli

Giovanni Ravelli. L armonizzazione della contabilità pubblica Come strumento di governance tra i diversi livelli istituzionali

Giovanni Ravelli. L armonizzazione della contabilità pubblica Come strumento di governance tra i diversi livelli istituzionali Giovanni Ravelli L armonizzazione della contabilità pubblica Come strumento di governance tra i diversi livelli istituzionali Una premessa - il bilancio nella contabilità pubblica Innanzitutto la contabilità

Dettagli

LA CONTABILITA PUBBLICA Analisi delle novità introdotte dal legislatore Come applicare le nuove disposizioni in materia di finanza e fiscalità

LA CONTABILITA PUBBLICA Analisi delle novità introdotte dal legislatore Come applicare le nuove disposizioni in materia di finanza e fiscalità Soggetti proponenti LA CONTABILITA PUBBLICA Analisi delle novità introdotte dal legislatore Come applicare le nuove disposizioni in materia di finanza e fiscalità 1 MODULO, DURATA 8 ORE L ordinamento della

Dettagli

Oggetto: Armonizzazione contabile della Regione Autonoma della Sardegna. Disposizioni di indirizzo politico amministrativo.

Oggetto: Armonizzazione contabile della Regione Autonoma della Sardegna. Disposizioni di indirizzo politico amministrativo. Oggetto: Armonizzazione contabile della Regione Autonoma della Sardegna. Disposizioni di indirizzo politico amministrativo. Il Presidente, d intesa con l Assessore della Programmazione, Bilancio, Credito

Dettagli

Come introdurre la nuova contabilità armonizzata nei comuni e nelle province

Come introdurre la nuova contabilità armonizzata nei comuni e nelle province Come introdurre la nuova contabilità armonizzata nei comuni e nelle province Il riaccertamento straordinario dei residui Il riaccertamento straordinario dei residui, previsto dall articolo 3 comma 7 e

Dettagli

Sezione Seconda Il nuovo ordinamento contabile

Sezione Seconda Il nuovo ordinamento contabile Capitolo 3: La programmazione 111 soggiace ai limiti degli stanziamenti indicati nell ultimo bilancio approvato, ove esistano. L ultimo comma dell art. 163 disciplina l ipotesi in cui la scadenza del termine

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2012

BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNITA MONTANA ESINO-FRASASSI Provincia di Ancona PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2012 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE Rag.Floriano Flori Parere dell

Dettagli

Il bilancio degli enti locali

Il bilancio degli enti locali Il bilancio degli enti locali - Introduzione - I principi - La struttura del bilancio - Armonizzazione dei bilanci degli enti locali attenzione :fase di traduzione nel bilancio delle scelte politiche Tipologie

Dettagli

Agenzia Speciale APOF- IL

Agenzia Speciale APOF- IL Agenzia Speciale APOF- IL Provincia di Potenza Relazione dell organo di revisione sulle proposte di bilancio di previsione 2012 e di bilancio pluriennale 2012_2014 con i relativi documenti allegati L organo

Dettagli

LA SEZIONE OPERATIVA (SeO)

LA SEZIONE OPERATIVA (SeO) LA SEZIONE OPERATIVA (SeO) La SeO ha carattere generale, contenuto programmatico e costituisce lo strumento a supporto del processo di previsione definito sulla base degli indirizzi generali e degli obiettivi

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 NOTA INTEGRATIVA BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 NOTA INTEGRATIVA Premessa Il principio contabile applicato concernente la programmazione di bilancio (allegato 4/1 del d.lgs. 118/2011) prevede, per gli enti che adottano

Dettagli

Rendiconto di Gestione 2014

Rendiconto di Gestione 2014 ALLEGATO 12 Comune di Riccione Rendiconto di Gestione 2014 Altri quadri contabili Assessore al Bilancio Dott. Roberto Monaco Dirigente al Bilancio Dott.ssa Cinzia Farinelli INCASSI PER CODICI GESTIONALI

Dettagli

L ARMONIZZAZIONE DELLA CONTABILITA PUBBLICA COME STRUMENTO DI GOVERNANCE TRA I DIVERSI LIVELLI ISTITUZIONALI

L ARMONIZZAZIONE DELLA CONTABILITA PUBBLICA COME STRUMENTO DI GOVERNANCE TRA I DIVERSI LIVELLI ISTITUZIONALI L ARMONIZZAZIONE DELLA CONTABILITA PUBBLICA COME STRUMENTO DI GOVERNANCE TRA I DIVERSI LIVELLI ISTITUZIONALI Gli schemi del bilancio «armonizzato». La Classificazione delle entrate e delle spese. Le variazioni.

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2014. PARAMETRI GESTIONALI CON ANDAMENTO TRIENNALE (D.Lgs. 267/00, art. 228/5) - ADDENDI

CONTO DEL BILANCIO 2014. PARAMETRI GESTIONALI CON ANDAMENTO TRIENNALE (D.Lgs. 267/00, art. 228/5) - ADDENDI CONTO DEL BILANCIO 214 PARAMETRI GESTIONALI CON ANDAMENTO TRIENNALE (D.Lgs. 267/, art. 228/5) - ADDENDI INDICATORI FINANZIARI ED ECONOMICI GENERALI - ADDENDI 212 213 214 Autonomia finanziaria Trib. + Extratrib.

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA Allegato PR PROVINCIA DI SAVONA BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA Dott.ssa Patrizia Gozzi A cura del Servizio Bilancio e Programmazione Finanziaria Il Dirigente

Dettagli

Armonizzazione: dalla sperimentazione alla realta'!

Armonizzazione: dalla sperimentazione alla realta'! Armonizzazione: dalla sperimentazione alla realta'! Panoramica sulla normativa Panoramica sulla normativa Riferimenti normativi > DLgs 118 del 23 giugno 2011 (G.U. 172 del 26 luglio 2011) > DPCM sperimentazione

Dettagli

Bilancio e contabilità regionale: prospettive evolutive e temi di attualità gestionale

Bilancio e contabilità regionale: prospettive evolutive e temi di attualità gestionale REGIONE C AL ABRI A CONTABILITA', BILANCI, PROGRAMMAZIONE, CONTROLLI APRILE 2011 Bilancio e contabilità regionale: prospettive evolutive e temi di attualità gestionale MAURIZIO SANTONE DIRIGENTE SERVIZIO

Dettagli

LA NUOVA CONTABILITÀ SERVIZIO DI FORMAZIONE ED AFFIANCAMENTO PER L'INTRODUZIONE DEL SISTEMA CONTABILE ARMONIZZATO

LA NUOVA CONTABILITÀ SERVIZIO DI FORMAZIONE ED AFFIANCAMENTO PER L'INTRODUZIONE DEL SISTEMA CONTABILE ARMONIZZATO LA NUOVA CONTABILITÀ SERVIZIO DI FORMAZIONE ED AFFIANCAMENTO PER L'INTRODUZIONE DEL SISTEMA CONTABILE ARMONIZZATO CON IL D. LGS 10 AGOSTO 2014 N. 126 INTRODOTTE LE ULTIME MODIFICHE: MA NON SI TORNA INDIETRO.

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017

BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 UNIONE RENO GALLIERA PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE 1 VERIFICHE PRELIMINARI Il giorno 09 del mese di dicembre

Dettagli

DLgs 118/ 2011 DLGS 126/ 2014

DLgs 118/ 2011 DLGS 126/ 2014 L AVVIO DELLA RIFORMA CONTABILE DLgs 118/ 2011 DLGS 126/ 2014 Fonti: www.rgs.mef.gov.it/versione-i/e-governme1/arconet/- IFEL - Fondazione Anci: L armonizzazione alla luce della proroga Civetta E. L armonizzazione

Dettagli

I primi passi nell'armonizzazione dei Bilanci Comunali

I primi passi nell'armonizzazione dei Bilanci Comunali I primi passi nell'armonizzazione dei Bilanci Comunali Introduzione NORMATIVA DI RIFERIMENTO E stata conferita delega al Governo finalizzata all armonizzazione dei citati sistemi contabili e schemi di

Dettagli

Il sistema di contabilità pubblica in Italia La riforma della contabilità in Italia: la situazione attuale

Il sistema di contabilità pubblica in Italia La riforma della contabilità in Italia: la situazione attuale Progetto di Gemellaggio TR 08 IB FI 02 Improving Data Quality in Public Accounts Workshop internazionale Public accounting data quality and IPSAS implementation strategies in UE countries Istanbul, 3-5

Dettagli

Contabilizzazione dei mutui a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista

Contabilizzazione dei mutui a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista Contabilizzazione dei mutui a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista Rilevazioni contabili: vecchia e nuova contabilità a confronto Premessa La Rubrica Rilevazioni contabili:

Dettagli

La classificazione delle voci: le entrate (1)

La classificazione delle voci: le entrate (1) 87083 -Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche Concetti fondamentali di contabilità finanziaria La classificazione delle voci: le entrate (1) Entrate correnti vs Entrate in conto capitale:

Dettagli

Riaccertamento residui. di Elisabetta Civetta. 11 novembre Sala Convegni ODCEC Milano

Riaccertamento residui. di Elisabetta Civetta. 11 novembre Sala Convegni ODCEC Milano Riaccertamento residui di Elisabetta Civetta 11 novembre Sala Convegni ODCEC Milano Residui attivi e passivi Ai fini della formazione del rendiconto dell esercizio n-1, possono essere conservati: - tra

Dettagli

29/04/2015 di competenza finanziaria potenziata

29/04/2015 di competenza finanziaria potenziata SLIDE 1 Il fondo pluriennale vincolato nasce dall esigenza di mantenere gli equilibri di bilancio stante l adozione del nuovo concetto di competenza finanziaria potenziata: l imputazione della spesa secondo

Dettagli

. Introduzione Pag. 2. . 1 Il Contesto normativo Pag. 2. . 2 Il FPV previsto dal D. Lgs 118/2011- Caratteristiche Pag. 3

. Introduzione Pag. 2. . 1 Il Contesto normativo Pag. 2. . 2 Il FPV previsto dal D. Lgs 118/2011- Caratteristiche Pag. 3 . Introduzione Pag. 2. 1 Il Contesto normativo Pag. 2. 2 Il FPV previsto dal D. Lgs 118/2011- Caratteristiche Pag. 3. 2.1 FPV: Principi contabili uniformi Pag. 3. 2.2 FPV: Definizione Pag. 4. 2.3 FPV:

Dettagli

Armonizzazione dei sistemi contabili Marco Marafini direttore Bilancio, Ragioneria, Finanza e Tributi

Armonizzazione dei sistemi contabili Marco Marafini direttore Bilancio, Ragioneria, Finanza e Tributi Armonizzazione dei sistemi contabili Marco Marafini direttore Bilancio, Ragioneria, Finanza e Tributi INDICE - Sezioni 1. LA GESTIONE REGIONALE DEL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE 2. I PRINCIPALI CAMBIAMENTI

Dettagli

L armonizzazione dei sistemi contabili

L armonizzazione dei sistemi contabili L armonizzazione dei sistemi contabili Verso l attuazione della riforma Dossier e Manuali Il Manuale è stato realizzato da IFEL - Dipartimento Finanza locale, sotto la supervisione di Andrea Ferri A cura

Dettagli

Programma Webinar: Bilancio armonizzato (d.lgs.118)

Programma Webinar: Bilancio armonizzato (d.lgs.118) Programma Webinar: Bilancio armonizzato (d.lgs.118) MODULO 1: NUOVI PRINCIPI E STRUTTURA DI BILANCIO RELATORI ROBERTO JANNELLI: KPMG UNIVERSITÀ DEL SANNIO GIUSEPPE SARCIÀ: KPMG Materiale preparato da Cristina

Dettagli

Salario accessorio del personale dipendente a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista

Salario accessorio del personale dipendente a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista Salario accessorio del personale dipendente a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista : vecchia e nuova contabilità a confronto Premessa La rubrica : vecchia e nuova contabilità

Dettagli

Modifiche e Integrazioni al D. Lgs. 118/2011 inerenti l introduzione della Contabilità Economico-Patrimoniale nelle Regioni

Modifiche e Integrazioni al D. Lgs. 118/2011 inerenti l introduzione della Contabilità Economico-Patrimoniale nelle Regioni Modifiche e Integrazioni al D. Lgs. 118/2011 inerenti l introduzione della Contabilità Economico-Patrimoniale nelle Regioni ROBERTA SCOLA Staff e Affari Giuridici della Direzione Centrale Risorse Strumentali,

Dettagli

L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale Modulo n. 2 IL BILANCIO FINANZIARIO PER MISSIONI E PROGRAMMI

L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale Modulo n. 2 IL BILANCIO FINANZIARIO PER MISSIONI E PROGRAMMI L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale Modulo n. 2 IL BILANCIO FINANZIARIO PER MISSIONI E PROGRAMMI (ottobre 2014) Indice della presentazione 1) Schemi di

Dettagli

Il nuovo bilancio dell Ente locale

Il nuovo bilancio dell Ente locale I BILANCI ARMONIZZATI E LA FORMA DI GOVERNO LOCALE: IL RUOLO DELLA GIUNTA, DEL CONSIGLIO COMUNALE, DEI DIRIGENTI Seminario di studio Parma, 24 aprile 2015 Il nuovo bilancio dell Ente locale Dott. Roberto

Dettagli

CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE

CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE ORIGINALE DETERMINAZIONE SETTORE: SETTORE POLITICHE ECONOMICHE FINANZIARIE E TRIBUTARIE REG. GEN.LE N. 81300DEL 10/10/2014 REG. SERVIZIO N. 970DEL 09/10/2014

Dettagli

L armonizzazione della contabilità pubblica Gli schemi di bilancio

L armonizzazione della contabilità pubblica Gli schemi di bilancio L armonizzazione della contabilità pubblica Gli schemi di bilancio Giovanni Ravelli 1 Considerazioni preliminari Innanzitutto si attuano pienamente, nell ambito della rilevazione finanziaria, i principi

Dettagli

4.2 L armonizzazione dei bilanci regionali alla luce della modifica dell art. 117 Cost

4.2 L armonizzazione dei bilanci regionali alla luce della modifica dell art. 117 Cost 4.2 L armonizzazione dei bilanci regionali alla luce della modifica dell art. 117 Cost Le regole che governano i bilanci regionali sono interessati da importanti riforme connesse all operare congiunto

Dettagli

LA COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA

LA COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA LA RIFORMA CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI LA COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA D.LGS. 23 GIUGNO 2011 N. 118 CINZIA SIMEONE STRUTTURA DELLA PRESENTAZIONE: 1. LA COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA 2. IL

Dettagli

LA SPERIMENTAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI E DEGLI SCHEMI DI BILANCIO PREVISTI DALL ARTICOLO 36 DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 118 DEL

LA SPERIMENTAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI E DEGLI SCHEMI DI BILANCIO PREVISTI DALL ARTICOLO 36 DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 118 DEL LA SPERIMENTAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI E DEGLI SCHEMI DI BILANCIO PREVISTI DALL ARTICOLO 36 DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 118 DEL 2011 Il bilancio sperimentale per Missioni e Programmi Daniela Collesi -

Dettagli

FC10U QUESTIONARIO UNICO

FC10U QUESTIONARIO UNICO FC10U QUESTIONARIO UNICO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO PER I COMUNI, LE UNIONI DI COMUNI E LE COMUNITÀ MONTANE MODULO 1 DATI STRUTTURALI Quadro A - Elementi specifici dell'ente locale

Dettagli

DESCRIZIONE CODICE RISULTATI DI CASSA SIOPE

DESCRIZIONE CODICE RISULTATI DI CASSA SIOPE Esercizio 2013 Periodo 1/1-31/12 Denominazione CITTA' DI NARDO' Pag. 1 ENTRATE Titolo 1: ENTRATE TRIBUTARIE IMPOSTE - ICI RISCOSSA ATTRAVERSO RUOLI 1101 12.452,76 - ICI RISCOSSA ATTRAVERSO ALTRE FORME

Dettagli

IL FONDO PLURIENNALE VINCOLATO E IL RIACCERTAMENTO DEI RESIDUI

IL FONDO PLURIENNALE VINCOLATO E IL RIACCERTAMENTO DEI RESIDUI IL FONDO PLURIENNALE VINCOLATO E IL RIACCERTAMENTO DEI RESIDUI CINZIA SIMEONE 1 STRUTTURA DELLA PRESENTAZIONE: 1) DEFINIZIONE 2) IL FONDO PLURIENNALE NEL BILANCIO 3) IL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE 4)

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015

BILANCIO DI PREVISIONE 2015 COMUNE DI BASALUZZO Provincia di Alessandria PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE Giuseppe Estienne COMMERCIALISTA REVISORE

Dettagli

Il sistema contabile degli enti pubblici con particolare riferimento alle amministrazioni locali

Il sistema contabile degli enti pubblici con particolare riferimento alle amministrazioni locali Il sistema contabile degli enti pubblici con particolare riferimento alle amministrazioni locali Una congrua gestione condotta secondo principi aziendali si fonda sull assunzione di decisioni razionali

Dettagli

Città di Albisola Superiore BILANCIO DI PREVISIONE 2015

Città di Albisola Superiore BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Città di Albisola Superiore BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Consiglio Comunale, 13 agosto 2015 VERSO UNO SCHEMA DI BILANCIO ARMONIZZATO.. L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI IL QUADRO NORMATIVO

Dettagli

L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale

L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale Modulo n. 5 Il riaccertamento straordinario e il fondo pluriennale vincolato (ottobre 2014) STRUTTURA DELLA PRESENTAZIONE:

Dettagli

A Il D.Lgs. 77/1995 e il D.Lgs. 267/2000

A Il D.Lgs. 77/1995 e il D.Lgs. 267/2000 Finanza, contabilità e revisione economico-finanziaria Sommario 1 L ordinamento contabile: fonti normative. 2 Il regolamento di contabilità. 3 Gli strumenti della programmazione finanziaria. 4 Il rendiconto

Dettagli

Pasian di Prato, 23 Gennaio 2015

Pasian di Prato, 23 Gennaio 2015 Pasian di Prato, 23 Gennaio 2015 1 Una volta accadeva: Fondo Pluriennale Vincolato nell'esercizio X l'ente registrava in bilancio un entrata destinata ad investimenti (contributo regionale, contributo

Dettagli

3^ Giornata di Corso. Relatore: Dr. PiersanteFabio

3^ Giornata di Corso. Relatore: Dr. PiersanteFabio 3^ Giornata di Corso Decreto Legislativo 118/2011 Relatore: Dr. PiersanteFabio Guida operativa D.Lgs. 118/2011 per l anno 2015 Enti NON Sperimentatori Riaccertamento dei residui e Gestione esigibilità

Dettagli

2 Confronto con le Regioni sperimentatrici sull armonizzazione contabile

2 Confronto con le Regioni sperimentatrici sull armonizzazione contabile 2 Confronto con le Regioni sperimentatrici sull armonizzazione contabile La gestione del bilancio di cassa Giornata di studio Bologna, 01/07/2014 1 REGIONE LIGURIA Direzione Centrale Risorse Strumentali,

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2010 BILANCIO PLURIENNALE 2010-2012

BILANCIO DI PREVISIONE 2010 BILANCIO PLURIENNALE 2010-2012 Agenzia Mobilita Metropolitana Torino Consorzio tra Enti Locali ALLEGATO A BILANCIO DI PREVISIONE 200 e BILANCIO PLURIENNALE 200-202 025 TORINO, Via Belfiore 23/C TEL.. 0 302.52./23 FAX: 0 302.52.00 Cod.

Dettagli

XVII COMUNITA' MONTANA "MONTI AURUNCI" BILANCIO DI PREVISIONE 2014 - ENTRATA

XVII COMUNITA' MONTANA MONTI AURUNCI BILANCIO DI PREVISIONE 2014 - ENTRATA BILANCIO DI PREVISIONE 0 - ENTRATA PAG. Risorsa Accertamenti Previsioni PREVISIONI DI COMPETENZA ultimo definitive eserc. cui fa riferimento il presente bilancio NOTE Codice e Denominazione VARIAZIONI

Dettagli

PARERE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2013 E SUOI ALLEGATI

PARERE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2013 E SUOI ALLEGATI PARERE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2013 E SUOI ALLEGATI 1 PARERE SUL BILANCIO DI PREVISIONE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA PER L'ESERCIZIO 2013 E RELATIVI ALLEGATI IL COLLEGIO DEI

Dettagli

L IVA APPLICATA AGLI ENTI LOCALI

L IVA APPLICATA AGLI ENTI LOCALI L IVA APPLICATA AGLI ENTI LOCALI a cura del Dott. Nicola Tonveronachi e del Dott. Francesco Vegni Centro Studi Enti Locali (tutti i diritti riservati) VERSIONE DEMO RIDOTTA PER VISIONE GRATUITA 1 L IVA

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO QUARTO PRINCIPI GENERALI SULL AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ 1. L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ In quanto ente pubblico istituzionale l INPS è regolato dai principi della L. 70/1975 che ha

Dettagli

3.4.1 Descrizione del Programma

3.4.1 Descrizione del Programma PROGRAMMA N -006 GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE FINANZIARIE RESPONSABILE DOTT. GIULIO PINCHETTI (Il riferimento al Responsabile è puramente indicativo, individuazione formale avverrà in sede di P.E.G.,

Dettagli