Capitolo 6. Formattare il testo con HTML e CSS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 6. Formattare il testo con HTML e CSS"

Transcript

1 Capitolo 6 Formattare il testo con HTML e CSS 6.1 Elementi a livello di carattere 6.2 Formattazione dei caratteri con i CSS 6.3 Testo preformattato 6.4 Righelli orizzontali 6.5 Interruzioni di riga 6.6 Indirizzi 6.7 Citazioni 6.8 Caratteri speciali 6.9 Allineamento del testo 6.10 Font e dimensioni di font 6.11 <nobr> e <wbr> 6.12 Riepilogo 6.13 Laboratorio Nei capitoli 4 e 5 si sono appresi i fondamenti di HTML, compresi i tag utilizzati per descrivere la struttura della pagina e creare i collegamenti. Con questa conoscenza di base, ora si è pronti per imparare cosa possono fare HTML e CSS dal punto di vista della formattazione e del layout. In questo capitolo In questo capitolo verrà descritta in dettaglio gran parte dei tag rimanenti di HTML che è necessario conoscere per creare le pagine, compresi i tag di HTML 2.0 e fino a HTML 4.01, così come gli attributi HTML dei singoli browser. In particolare si apprenderà come: Specificare l aspetto dei singoli caratteri (grassetto, corsivo, sottolineato). Includere i caratteri speciali (caratteri con accenti, simboli di copyright e così via). Creare testo preformattato (testo che mantiene spazi e tabulazioni). Allineare il testo a sinistra, a destra e al centro. Modificare il font e le sue dimensioni. Creare altri elementi di testo HTML, comprese le interruzioni di riga, le linee dei righelli, gli indirizzi e le citazioni. HTML.indb /04/

2 126 C APITO L O 6 Inoltre, verranno esaminate le differenze tra HTML standard e le estensioni HTML, e quando scegliere quali tag utilizzare nelle pagine. Si apprenderà anche quali di questi tag sono sconsigliati in XHTML, e come sfruttare CSS per ottenere gli stessi effetti. Infine, si creerà una pagina Web completa che utilizza molti dei tag illustrati nel capitolo, così come le informazioni dei quattro capitoli precedenti. In questo capitolo verranno descritti diversi tag e numerose opzioni, quindi la lettura potrebbe risultare leggermente pesante. Per ora non ci si deve preoccupare di ricordare tutto, basta farsi un idea del tipo di formattazione che si può eseguire in HTML; i tag specifici si potranno esaminare più avanti. 6.1 Elementi a livello di carattere Quando si utilizzano i tag HTML per i paragrafi, i titoli o gli elenchi, tali tag influiscono sul quell intero blocco di testo: modificando il font e la spaziatura sopra e sotto la riga, o aggiungendo i caratteri (nel caso di elenchi puntati). Questi vengono chiamati elementi a livello di blocco. Gli elementi a livello di carattere sono i tag che influiscono sulle parole o sui caratteri all interno di altre entità HTML e modificano l aspetto di quel testo così che sia diverso da quello circostante: per esempio, trasformandolo in grassetto o sottolineandolo. Per modificare l aspetto di un set di caratteri all interno del testo, è possibile utilizzare uno di questi due tipi di tag: stili logici o stili fisici. Stili logici I tag di stile logico descrivono il significato del testo presente al loro interno, non come deve essere presentato. Sono simili ai comuni tag di elemento per i paragrafi o i titoli. Per esempio, i tag di stile logico possono indicare una definizione, una porzione di codice o una parola evidenziata. Tutto questo può essere leggermente fuorviante poiché esistono standard di fatto che collegano ciascuno di questi tag a un determinato stile visuale. In altre parole, anche se un tag come <strong> ha significati diversi per persone differenti, nei borwser Web significa grassetto. Utilizzando i tag di stile logico, il browser stabilisce la reale presentazione del testo, che sia grassetto, corsivo o qualsiasi altra modifica nell aspetto. Non è possibile garantire che il testo evidenziato attraverso questi tag sarà sempre grassetto o corsivo, quindi non si deve dipendere da esso. Oggi, i creatori di browser si sono abbastanza adattati al modo in cui ciascuno di questi tag logici viene visualizzato, ma è comunque importante comprendere che questi tag hanno un significato più profondo dei semplici stili fisici che applicano. HTML.indb /04/

3 F O RMATTARE IL TES T O CON HTML E CSS 127 Ciascuno stile di carattere dispone di tag di apertura e di chiusura e influisce sul testo all interno di questi due tag. Di seguito sono riportati gli otto tag di stile logico: <em> Questo tag indica che i caratteri devono essere evidenziati in qualche modo; in altre parole, vengono formattati in modo diverso rispetto al resto del testo. Solitamente, nei browser grafici <em> evidenzia il testo in corsivo. Per esempio: <p>the anteater is the <em>strangest</em> looking animal, isn t it?</p> <strong> Con questo tag, i caratteri devono essere evidenziati maggiormente rispetto a <em>: solitamente in grassetto. Si consideri quanto segue: <p>take a <strong>left turn</strong> at <strong>dee s Hop Stop</strong></p> <code> Questo tag indica che il testo al suo interno è un esempio di codice e deve essere visualizzato con un font a larghezza fissa come Courier. Per esempio: <p><code>#include trans.h </code></p> <samp> Questo tag indica un testo di esempio e solitamente viene presentato con un font a larghezza fissa, come <code>. Ecco un esempio di utilizzo di questo tag: <p>the URL for that page is <samp>http://www.cern.ch/</samp></p> <kbd> Questo tag indica che il testo deve essere inserito dall utente. Viene anche presentato con un font a larghezza fissa. Si consideri quanto segue: <p>type the following command: <kbd>find. -name prune -print</kbd></p> <var> Questo tag indica il nome di una variabile, o di una qualche entità, da sostituire con un valore reale. Spesso viene visualizzato in corsivo o sottolineato, e utilizzato nel modo seguente: <p><code>chown</code> <var>your_name for the_file</var></p> <dfn> Questo tag indica una definizione. <dfn> viene utilizzato per evidenziare una parola (solitamente in corsivo) che verrà definita o che è appena stata definita, come nell esempio seguente: <p>styles that are named after how they are actually used are called <dfn>logical styles</dfn></p> <cite> Questo tag indica una breve citazione, come illustrato di seguito: <p>eggplant has been known to cause nausea in some people<cite> (Lemay, 1994)</cite></p> HTML.indb /04/

4 128 C APITO L O 6 NOTA Dei tag di questo elenco, tutti eccetto <dfn> fanno parte della raccomandazione ufficiale HTML 2.0. <dfn> è stato aggiunto nella raccomandazione HTML 3.2. Nella raccomandazione XHTML 1.0 sono ancora tutti validi. HTML 4.01 ha introdotto due ulteriori tag di stile logico molto utili per i browser audio. Un browser grafico, come Netscape o Internet Explorer, non li visualizzerà in modo diverso. Tuttavia, quando un browser audio legge il contenuto incluso in uno di questi tag, ciascuna lettera viene pronunciata singolarmente. Per esempio, fox viene pronunciata F-O-X. Anche questi tag dispongono di un apertura e di una chiusura e influiscono sul testo al loro interno. Quelli che seguono sono i nuovi tag: <abbr> Questo tag indica l abbreviazione di una parola, come nel seguente esempio: <p>use the standard two-letter state abbreviation (such as <abbr>ca</abbr> for California)</p> <acronym> Simile al tag <abbr>, <acronym> indica una parola formata dall unione delle lettere iniziali di diverse parole, come nel seguente esempio: <p>jonathan learned his great problem-handling skills from <acronym>steps</ acronym> (Simply Tackle Each Problem Seriously)</p> Sono stati memorizzati tutti i tag? Ottimo. Alla fine del capitolo è riportato un questionario. La seguente porzione di codice illustra ciascuno dei tag di stile logico, e la Figura 6.1 mostra come vengono visualizzati. <p>the anteater is the <em>strangest</em> looking animal, isn t it?</p> <p>take a <strong>left turn</strong> at <strong>dee s Hop Stop </strong></p> <p><code>#include trans.h </code></p> <p>the URL for that page is <samp>http://www.cern.ch/</samp></p> <p>type the following command: <kbd>find. -name prune -print</kbd></p> <p><code>chown </code><var>your_name the_file</var></p> <p>styles that are named after how they are used are called <dfn>logical styles</dfn></p> <p>eggplant has been known to cause nausea in some people<cite> (Lemay, 1994)</cite></p> <p>use the standard two-letter state abbreviation (such as <abbr>ca</abbr> for California)</p> <p>jonathan learned his great problem-handling skills from <acronym>steps</acronym> (Simply Tackle Each Problem Seriously) HTML.indb /04/

5 F O RMATTARE IL TES T O CON HTML E CSS 129 Output Figura 6.1 I vari stili logici visualizzati in un browser. Stili fisici Oltre a questi tag di stile, per modificare il reale stile di presentazione del testo (grassetto, corsivo o monospaziato) è possibile utilizzare un set di tag di stile fisico. Come i tag per lo stile di carattere, ciascun tag di formattazione dispone di un apertura e di una chiusura. HTML 2.0 standard ha definito tre tag di stile fisico: <b> Grassetto. <i> Corsivo. <tt> Font monospaziato. HTML 3.2 ha definito diversi ulteriori tag di stile fisico, tra cui: <u> Sottolineato (sconsigliato in HTML 4.0). <s> Barrato (sconsigliato in HTML 4.0). <big> Stampa più grande rispetto al testo circostante. <small> Stampa più piccola. <sub> Pedice. <sup> Apice. NOTA I browser basati sul testo, come Lynx e quelli associati ai dispositivi wireless, non possono visualizzare il testo in grassetto, corsivo o a cui sia stato applicato uno stile. Solitamente evidenziano il testo in qualche modo, ma questo varia a seconda del browser e della piattaforma. È possibile annidare i tag di carattere, per esempio utilizzando sia grassetto che corsivo per un set di caratteri, nel seguente modo: <b><i>text that is both bold and italic</i></b> HTML.indb /04/

6 130 C APITO L O 6 Tuttavia, il risultato a video dipende dal browser, come per tutti i tag HTML. Non apparirà necessariamente il testo sia in grassetto sia in corsivo; potrebbe venire visualizzato uno stile o l altro: <p>in Dante s <i>inferno</i>, malaboge was the eighth circle of hell, and held the malicious and fraudulent.</p> <p>all entries must be received by <b>september 26, 1999</b>.</p> <p>type <tt>lpr -Pbirch myfile.txt</tt> to print that file.</p> <p>sign your name in the spot marked <u>sign Here</u>:</p> <p>people who wear orange shirts and plaid pants <s>have no taste</s> are fashion-challenged.</p> <p>rcp floor mats give you <big>big</big> savings over the competition!</p> <p>then, from the corner of the room, he heard a <small>tiny voice </small>.</p> <p>in heavy trading today. Consolidated Orange Trucking rose <sup>1</sup>/<sub>4</sub> points on volume of 1,457,900 shares.</p> La Figura 6.2 mostra alcuni tag fisici e il loro aspetto. Output Figura 6.2 Gli stili fisici visualizzati in un browser. 6.2 Formattazione dei caratteri con i CSS È già stato descritto il modo in cui è possibile utilizzare gli stili per modificare l aspetto dei vari elementi. Uno qualsiasi di questi effetti associati ai tag introdotti in questo capitolo può essere creato anche utilizzando i CSS. Tuttavia, prima di descrivere queste proprietà, è meglio spiegare come utilizzarle. Come è già stato accennato, l attributo style può essere sfruttato con la maggior parte dei tag. Tuttavia, molti tag influiscono in qualche modo sull aspetto del testo che racchiudono. Esiste un tag che non ha alcun effetto sul testo che include: il tag <span>, che esiste solamente per essere associato ai fogli di stile; esso HTML.indb /04/

7 F O RMATTARE IL TES T O CON HTML E CSS 131 viene utilizzato esattamente come qualsiasi altro tag esaminato in questo capitolo. Basta inserirlo intorno a un testo, in questo modo: <p>this is an example of the <span>usage of the span tag</span>.</p> Utilizzato da solo, il tag <span> non ha alcun effetto. Se accoppiato con l attributo style, può sostituire qualsiasi tag di questo capitolo e può anche eseguire un ottimo lavoro. La proprietà di decorazione del testo La proprietà text-decoration viene utilizzata per specificare quale decorazione, se presente, verrà applicata al testo incluso nel tag su cui influisce. Valori validi per questa proprietà sono underline, overline, line-through e blink. L applicazione di ciascuno di essi è rispettivamente sottolineato, sovralineato, barrato e lampeggiante. Di seguito è riportato un esempio che illustra come utilizzare ognuno di questi valori: <p>here is some <span style= text-decoration: underline >underlined text</span>.</p> <p>here is some <span style= text-decoration: overline >overlined text</ span>.</p> <p>here is some <span style= text-decoration: line-through >line-through text</span>.</p> <p>here is some <span style= text-decoration: blink >blinking text</span>.</p> L utilizzo di <span> e della proprietà text-decoration per sottolineare il testo non è diverso dall impiego del tag <u>, a eccezione del fatto che alcuni browser più datati che non supportano i CSS potrebbero non supportare questa soluzione. La buona notizia è che è possibile utilizzare questa proprietà, e tutte le proprietà descritte in questo capitolo, con qualsiasi tag che racchiude il testo. Si osservi il seguente esempio: <h1 style= text-decoration: underline >An Underlined Heading</h1> Utilizzando l attributo style, è possibile specificare l aspetto del testo del titolo. La scelta tra questo approccio e il tag <u> è indifferente: se si desidera eliminare la sottolineatura dal titolo, è necessario tornare indietro e modificare il tag stesso, indipendentemente che sia stato utilizzato il tag <u> o l attributo style. Più avanti, si imparerà come i fogli di stile possono essere sfruttati per controllare contemporaneamente l aspetto di molti elementi. HTML.indb /04/

8 132 C APITO L O 6 Proprietà dei font Quando si desidera modificare l aspetto del testo, l altra grande famiglia di proprietà che si può utilizzare sono le proprietà dei font, che possono essere sfruttate per cambiare praticamente qualsiasi aspetto del carattere utilizzato per visualizzare il testo in un browser. Una delle peculiarità delle proprietà dei font è che sono molto più specifiche rispetto ai tag descritti finora. Innanzitutto, si osserveranno alcune delle sostituzioni dirette dei tag già esaminati. La proprietà font-style può essere utilizzata per applicare il corsivo al testo. Ha tre valori possibili, normal, che è quello predefinito, italic, che visualizza il testo allo stesso modo del tag <i>, e oblique, che rappresenta una via di mezzo tra lo stile corsivo e quello normale, e non è supportata dai browser quanto il corsivo. Ecco alcuni esempi: <p>here s some <span style= font-style: italic >italicized text</span>.</p> <p>here s some <span style= font-style: oblique >oblique text</span> (which may look like regular italics in your browser).</p> Ora si esaminerà come utilizzare i CSS per creare un testo in grassetto. Nel mondo di HTML, esistono due opzioni: grassetto e non grassetto. Con i CSS, in teoria si hanno più possibilità. In teoria perché il supporto del browser per la vasta gamma di pesi dei font disponibili attraverso i CSS non è omogeneo. Per specificare che il testo deve essere visualizzato in grassetto, si utilizza la proprietà font-weight, i cui valori validi sono normal (quello predefinito), bold, bolder, lighter, e da 100 a 900, in unità di 100. Ecco acuni esempi: <p>here s some <span style= font-weight: bold >bold text</span>.</p> <p>here s some <span style= font-weight: bolder >bolder text</span>.</p> <p>here s some <span style= font-weight: lighter >lighter text</span>.</p> <p>here s some <span style= font-weight: 700 >bolder text</span>.</p> È anche possibile impostare il carattere per il testo utilizzando la proprietà font-family. Si può anche impostare il font specifico per il testo, argomento che però verrà esaminato più avanti nel capitolo. Nel frattempo, si osservi come definire il font per un membro di una particolare famiglia di font. Il font specifico verrà preso dalle preferenze dell utente. La proprietà per la modifica è font-family, i cui valori possibili sono serif, sans-serif, cursive, fantasy e monospace. Quindi, se si desidera specificare che un font monospaziato deve essere utilizzato con i CSS al posto del tag <tt>, si scriverà il seguente codice: <p><span style= font-family: monospace >This is monospaced text.</span></p> Verrà ora esaminata un opzione non disponibile attraverso i normali tag HTML. Utilizzando la proprietà font-variant, è possibile visualizzare il testo HTML.indb /04/

9 F O RMATTARE IL TES T O CON HTML E CSS 133 in modo che le lettere minuscole vengano sostituite da lettere maiuscole più grandi. I due valori possibili sono normal e small-caps. Ecco un esempio: <p><span style= font-variant: small-caps >This Text Uses Small Caps.</span></ p> La finestra del browser mostrata nella Figura 6.3 contiene un testo che utilizza la proprietà font-variant e tutte le altre proprietà descritte in questo paragrafo. Output Figura 6.3 Il testo con gli stili applicati attraverso i CSS. 6.3 Testo preformattato La maggior parte delle volte, il testo di un file HTML viene formattato in base ai tag HTML utilizzati per marcarlo. Come accennato nel Capitolo 3, qualsiasi spazio vuoto supplementare (spazi, tabulazioni, ritorni a capo) inserito nel testo viene eliminato dal browser. L unica eccezione a questa regola è il tag per il testo preformattato, <pre>. Qualsiasi spazio vuoto inserito nel testo racchiuso tra i tag <pre> e </pre> viene mantenuto nell output finale. Con questi tag, la spaziatura del testo nel codice sorgente HTML viene conservata quando questo è visualizzato sulla pagina. Lo svantaggio è che solitamente il testo preformattato viene visualizzato (almeno nei browser grafici) con un font monospaziato come Courier. Il testo preformattato è adatto per la visualizzazione di esempi di codice in cui si desidera che il testo venga formattato esattamente con i rientri utilizzati dall autore. Poiché per allineare il testo inserendo gli spazi è possibile utilizzare HTML.indb /04/

10 134 C APITO L O 6 il tag <pre>, esso può essere sfruttato per semplici tabelle. Tuttavia, il fatto che le tabelle vengano presentate con un font monospaziato non lo rende la scelta migliore (nel Capitolo 8 si apprenderà come creare vere tabelle). Di seguito è riportato un esempio di una tabella creata con <pre>: <pre> Diameter Distance Time to Time to (miles) from Sun Orbit Rotate (millions of miles) Mercury days 59 days Venus days 244 days Earth days 24 hrs Mars days 24 hrs 24 mins Jupiter years 9 hrs 50 mins Saturn years 10 hrs 39 mins Uranus years 23 hrs Neptune days 15 hrs 48 mins Pluto years 6 days 7 hrs </pre> La Figura 6.4 mostra come appare in un browser. Output Figura 6.4 Una tabella creata con <pre>, mostrata in un browser. Quando si crea il testo per il tag <pre>, è possibile utilizzare i tag di collegamento e gli stili di carattere, ma non i tag di elemento come i titoli o i paragrafi. È necessario interrompere le righe con i ritorni a capo e cercare di mantenere 60 caratteri o meno per riga. Alcuni browser possono avere uno spazio orizzontale limitato in cui visualizzare il testo. Poiché solitamente i browser non riformattano il testo preformattato per adattarlo a tale spazio, HTML.indb /04/

11 F O RMATTARE IL TES T O CON HTML E CSS 135 occorre assicurarsi che il testo rimanga entro i limiti per evitare che i lettori debbano scorrere da un lato all altro. Occorre prestare attenzione alle tabulazioni nel testo preformattato: il numero reale di caratteri per ciascuna tabulazione varia da browser a browser. Un browser può avere una tabulazione ogni quattro caratteri, mentre un altro ogni otto. È necessario convertire in spazi qualsiasi tabulazione presente nel testo preformattato così che la formattazione non venga compromessa se il testo viene visualizzato con impostazioni di tabulazione diverse rispetto a quelle del programma utilizzato per inserirlo. Il tag <pre> è adatto anche per convertire velocemente e facilmente in HTML i file che in origine avevano una qualche forma di solo testo, come i messaggi di posta o gli invii di notizie Usenet. Basta circondare l intero contenuto dell articolo con i tag <pre> e si ottiene immediatamente HTML, come nel seguente esempio: <pre> To: From: Subject: Tales of the Move From Hell, pt. 1 I spent the day on the phone today with the entire household services division of northern California, turning off services, turning on services, transferring services and other such fun things you have to do when you move. It used to be you just called these people and got put on hold for and interminable amount of time, maybe with some nice music, and then you got a customer representative who was surly and hard of hearing, but with some work you could actually get your phone turned off. </pre> Un utilizzo creativo del tag <pre> consiste nel creare immagini ASCII per le pagine Web. I seguenti esempi di input e output HTML mostrano una semplice immagine di mucca ASCII: <pre> ( ) Moo (oo) \/------\ \ ---W * </pre> HTML.indb /04/

12 136 C APITO L O 6 Il risultato è visualizzato nella Figura 6.5. Output Figura 6.5 Un immagine ASCII che illustra il funzionamento del testo preformattato. 6.4 Righelli orizzontali Il tag <hr>, che in HTML non dispone di un tag di chiusura e non ha alcun testo associato, crea una riga orizzontale sulla pagina. Le linee dei righelli vengono utilizzate per separare visualmente le sezioni di una pagina Web, per esempio prima dei titoli, o per staccare il corpo del testo da un elenco di voci. L input seguente mostra una linea del righello e un elenco scritti in XHT- ML 1.0: <hr /> <h2>to Do on Friday</h2> <ul> <li>do laundry</li> <li>send FedEx with pictures</li> <li>have lunch with Mollie</li> <li>read </li> <li>set up Ethernet</li> Chiudere gli elementi vuoti In HTML, il tag <hr> non dispone di un tag di chiusura. Per convertire questo tag in XHTML e assicurare la compatibilità con i browsers HTML, aggiungere alla fi ne del tag uno spazio e una barra laterale: <hr /> Se la riga orizzontale dispone di attributi, la barra laterale appare comunque alla fi ne del tag, come mostrato nei seguenti esempi: <hr size= 2 /> <hr width= 75% /> <hr align= center size= 4 width= 200 /> HTML.indb /04/

13 F O RMATTARE IL TES T O CON HTML E CSS 137 Figura 6.6 Un esempio di utilizzo dei righelli orizzontali intorno a un elenco. </ul> <hr /> La Figura 6.6 mostra l aspetto in un browser. Output Attributi del tag <hr> In HTML 2.0, il tag <hr> ha l aspetto illustrato, senza tag di chiusura o attributi. Tuttavia, HTML 3.2 ha introdotto diversi attributi per il tag <hr> così da disporre di un maggiore controllo sull aspetto della riga disegnata. Nella specifica HTML 4.01, tutti questi attributi sono stati sconsigliati in favore dei fogli di stile. NOTA Sebbene gli attributi di presentazione come size, width e align siano ancora supportati in HTML 4.01, i fogli di stile rappresentano ora il metodo raccomandato per controllare l aspetto di una pagina. L attributo size indica lo spessore, in pixel, della linea del righello. Il valore predefinito è 2, che rappresenta anche la dimensione più piccola. La Figura 6.7 mostra gli spessori campione delle linee dei righelli creati con il seguente codice: <h2>2 Pixels</h2> <hr size= 2 /> <h2>4 Pixels</h2> <hr size= 4 /> <h2>8 Pixels</h2> <hr size= 8 /> <h2>16 Pixels</h2> <hr size= 16 /> HTML.indb /04/

14 138 C APITO L O 6 Output Figura 6.7 Esempi di spessori delle linee dei righelli. L attributo width specifica la larghezza orizzontale della linea del righello. È possibile indicare la larghezza esatta del righello in pixel. Si può anche specificare il valore come percentuale della larghezza del browser (per esempio, 30% o 50%). Se la larghezza di un righello orizzontale viene impostata su una percentuale, essa cambierà per adattarsi alle dimensioni della finestra se l utente ridimensiona la finestra del browser. La Figura 6.8 mostra il risultato del seguente codice, che visualizza alcune larghezze campione per le linee del righello: <h2>100%</h2> <hr /> <h2>75%</h2> <hr width= 75% /> <h2>50%</h2> <hr width= 50% /> <h2>25%</h2> <hr width= 25% /> <h2>10%</h2> <hr width= 10% /> HTML.indb /04/

15 F O RMATTARE IL TES T O CON HTML E CSS 139 Output Figura 6.8 Esempi di larghezze delle linee dei righelli. Se si specifica una larghezza inferiore a quella reale della finestra del browser, è anche possibile indicare l allineamento di quel righello con l attributo align, facendo in modo che venga allineato a sinistra (align= left ), a destra (align= right ), o che sia centrato (align= center ). Per impostazione predefinita, le linee dei righelli sono centrate. Infine, nella maggior parte dei browser odierni, l attributo noshade mostrato nell esempio seguente costringe il browser a disegnare la linea del righello come una semplice riga senza l ombreggiatura tridimensionale, come mostrato nella Figura 6.9. Output Figura 6.9 Le linee dei righelli senza ombreggiatura. HTML.indb /04/

16 140 C APITO L O 6 Gestire gli attributi senza valori In HTML 4.0 e nelle versioni precedenti, l attributo noshade non richiede alcun valore. Il metodo utilizzato per applicare questo attributo è il seguente: <hr align= center size= 4 width= 200 noshade> Tuttavia, per conformarsi a XHTML 1.0, tutti gli attributi necessitano di un valore. La specifi ca HTML 4.01 richiede che gli attributi booleani (come noshade) abbiano come valore solo il nome dell attributo stesso. L esempio seguente illustra come applicare l attributo noshade al tag <hr> in conformità alla specifi ca XHTML 1.0. <hr align= center size= 4 width= 200 noshade= noshade /> <hr align= center size= 4 width= 300 noshade= noshade /> <hr align= center size= 4 width= 400 noshade= noshade /> <h1 align= center >NorthWestern Video</h1> <hr align= center size= 4 width= 400 noshade= noshade /> <hr align= center size= 4 width= 300 noshade= noshade /> <hr align= center size= 4 width= 200 noshade= noshade /> <h2 align= center >Presents</h2> 6.5 Interruzioni di riga Il tag <br> interrompe una riga di testo nel punto in cui appare. Quando un browser Web incontra un tag <br>, fa ripartire il testo dopo il tag dal margine sinistro (qualunque sia il margine sinistro corrente per l elemento). È possibile utilizzare <br> all interno di altri elementi, come i paragrafi o le voci di elenco; <br> non aggiungerà spazio supplementare sopra o sotto la nuova riga o modificherà il font o lo stile dell entità corrente. Il suo compito consiste nel far ripartire il testo sulla riga successiva. Chiudere correttamente i tag singoli Come il tag <hr>, in HTML <br> non dispone del tag di chiusura. Per convertire questo tag in XHTML e assicurare la compatibilità con i browser HTML, aggiungere uno spazio e una barra laterale alla fi ne del tag e dei suoi attributi, come mostrato nell esempio seguente: And then is heard no more: it is a tale <br /> Told by an idiot, full of sound and fury, <br /> Signifying nothing.</p> L esempio seguente mostra un semplice paragrafo in cui ciascuna riga (a eccezione dell ultima, che termina con un tag <p> di chiusura) finisce con <br>: <p>tomorrow, and tomorrow, and tomorrow,<br /> Creeps in this petty pace from day to day,<br /> To the last syllable of recorded time;<br /> HTML.indb /04/

17 F O RMATTARE IL TES T O CON HTML E CSS 141 And all our yesterdays have lighted fools<br /> The way to dusty death. Out, out, brief candle!<br /> Life s but a walking shadow; a poor player,<br /> That struts and frets his hour upon the stage,<br /> And then is heard no more: it is a tale <br /> Told by an idiot, full of sound and fury, <br /> Signifying nothing.</p> La Figura 6.10 mostra come appare in un browser. NOTA clear è un attributo del tag <br> e viene utilizzato con le immagini circondate dal testo. Questo attributo verrà esaminato nel Capitolo 7. Output Figura 6.10 Interruzioni di riga. 6.6 Indirizzi Il tag di indirizzo <address> viene utilizzato sulle pagine Web per entità di tipo firma. I tag di indirizzo solitamente vengono inseriti nella parte inferiore di ciascuna pagina Web e vengono impiegati per indicare la persona che ha scritto la pagina Web, chi contattare per ulteriori informazioni, la data, qualsiasi informazione sul copyright o altri avvertimenti, e tutto ciò che sembri appropriato. Spesso gli indirizzi sono preceduti da una linea di righello (<hr>), e il tag <br> può essere utilizzato per separare le righe. Senza un indirizzo o un qualche altro metodo di firma delle pagine Web, è praticamente impossibile scoprire chi ha scritto la pagina o chi contattare per ulteriori informazioni. La firma di ciascuna pagina Web attraverso il tag <address> rappresenta un ottimo modo per assicurarsi che le persone possano contattare l autore. <address> è un tag a livello di blocco che mostra il testo al suo interno in corsivo. L input seguente illustra un indirizzo: <hr /> <address> HTML.indb /04/

18 142 C APITO L O 6 Laura Lemay <a href= /> A service of Laura Lemay, Incorporated <br /> last revised January 10, 2003 <br /> Copyright Laura Lemay 2003 all rights reserved <br /> Void where prohibited. Keep hands and feet inside the vehicle at all times. </address> La Figura 6.11 mostra il suo aspetto in un browser. Output Figura 6.11 Un blocco di indirizzo. 6.7 Citazioni Il tag <blockquote> viene utilizzato per creare un blocco di testo con rientro all interno di una pagina (a differenza del tag <cite>, che evidenzia brevi citazioni, <blockquote> viene impiegato per citazioni più lunghe che non devono essere annidate in altri paragrafi). Per esempio, il monologo del Macbeth utilizzato nell esempio delle interruzioni di riga avrebbe funzionato meglio come <blockquote> che come semplice paragrafo. Ecco un esempio di input: <blockquote> During the whole of a dull, dark, and soundless day in the autumn of the year, when the clouds hung oppressively low in the heavens, I had been passing alone, on horseback, through a singularly dreary tract of country, and at length found myself, as the shades of evening grew on, within view of the melancholy House of Usher. ---Edgar Allen Poe </blockquote> Come per i paragrafi, è possibile dividere le righe presenti in <blockquote> utilizzando il tag per l interruzione di riga, <br>. Il seguente esempio di input mostra questo impiego: <blockquote> Guns aren t lawful, <br /> nooses give.<br /> gas smells awful.<br /> HTML.indb /04/

19 F O RMATTARE IL TES T O CON HTML E CSS 143 You might as well live.<br /> ---Dorothy Parker </blockquote> La Figura 6.12 illustra come appare in un browser l esempio di input precedente. Output Figura 6.12 Una citazione. NOTA Il tag <blockquote> viene spesso utilizzato non per indicare le citazioni all interno del testo, ma per creare i margini su entrambi i lati di una pagina allo scopo di renderla più leggibile. Questa tecnica funziona, anche se rappresenta un utilizzo improprio del tag. Oggi, i margini vengono controllati con i Cascading Style Sheet, come descritto nel Capitolo Caratteri speciali Come si è appreso nei capitoli precedenti, i file HTML sono composti da testo ASCII e non devono contenere alcuna formattazione o strani caratteri. Infatti, gli unici caratteri che è possibile inserire nei file HTML sono quelli realmente presenti sulla tastiera. Se per produrre un singolo carattere occorre tenere premuto un tasto diverso da Maiusc, o digitare una strana combinazione di tasti, non è possibile utilizzare tale carattere nel file HTML. Questo comprende i caratteri utilizzati quotidianamente, come i trattini lunghi e le virgolette inglesi (se il word processor è impostato per eseguire automaticamente le virgolette inglesi, occorre disattivare questa funzione quando si scrivono i file HTML). Ma se è possibile digitare sulla tastiera un carattere come un pallino o una a accentata attraverso una speciale sequenza di tasti, lo si può includere in un file HTML, e il browser lo visualizza correttamente, qual è il problema? Il problema è che la codifica interna eseguita dal proprio computer per produrre quel carattere (che ne consente la corretta visualizzazione nel file HTML.indb /04/

20 144 C APITO L O 6 HTML e nel browser) probabilmente non verrà interpretata da altri computer. Chiunque su Internet legga il file HTML contenente quello strano carattere potrebbe vederne un altro o semplicemente trovarsi davanti a una sequenza di caratteri incomprensibile. Oppure, a seconda del modo in cui la pagina viene inviata su Internet, il carattere potrebbe andare perso prima che raggiunga il computer su cui verrà visualizzato il file. Quindi, cosa fare? HTML fornisce una soluzione ragionevole: definisce uno speciale set di codici, chiamati entità di carattere, che possono essere inclusi nei file HTML allo scopo di rappresentare i caratteri che si desidera utilizzare. Quando interpretati da un browser, queste entità di carattere vengono visualizzate come i caratteri speciali corretti per la piattaforma e il font. Alcuni caratteri speciali non provengono dal set di caratteri ASCII esteso. Per esempio, le virgolette e le & commerciali possono essere presentate su una pagina utilizzando le entità di carattere anche se sono presenti nel set di caratteri ASCII standard. Nei documenti HTML questi caratteri hanno un significato particolare in un determinato contesto, quindi possono essere rappresentati con le entità di carattere allo scopo di evitare di confondere i browser Web. Generalmente i browser moderni non hanno problemi con questi caratteri, ma è meglio utilizzare comunque le entità. Entità di carattere per i caratteri speciali Le entità di carattere hanno le due seguenti forme: entità con nome ed entità numerate. Le entità con nome iniziano con una & commerciale e terminano con un punto e virgola (;). Tra questi due simboli si trova il nome del carattere (o, più probabilmente, una versione abbreviata di quel nome, come agrave per una a con l accento grave, o reg per un simbolo di marchio registrato).a differenza di altri tag HTML, i nomi sono sensibili all utilizzo delle maiuscole, quindi occorre assicurarsi che siano scritti correttamente. Le entità con nome hanno il seguente aspetto: à " «Anche le entità numerate iniziano con una & commerciale e terminano con un punto e virgola, ma al posto di un nome, contengono il simbolo # e un numero. I numeri corrispondono alle posizioni dei caratteri nel carattere ISO-Latin-1 (ISO ). Ogni carattere che è possibile digitare o per cui si può utilizzare un entità con nome dispone anche di un entità numerata. Le entità numerate hanno il seguente aspetto: &#130; õ HTML.indb /04/

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD WORD SOMMARIO 1. Muoversi nel testo... 1 2. Taglia, copia e incolla... 2 3. Aprire, salvare e chiudere... 3 4. Trovare e sostituire... 4 5. Visualizzare in modi diversi... 6 6. Formattare e incolonnare...

Dettagli

LA MISURAZIONE DEL CARATTERE

LA MISURAZIONE DEL CARATTERE TPO PROGETTAZIONE UD 03 GESTIONE DEL CARATTERE IL TIPOMETRO LA MISURAZIONE DEL CARATTERE A.F. 2011/2012 MASSIMO FRANCESCHINI - SILVIA CAVARZERE 1 IL TIPOMETRO: PARTI FONDAMENTALI Il tipometro è uno strumento

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

GUIDA ALL USO CORRETTO DI MICROSOFT OFFICE WORD 2007 PER LA REALIZZAZIONE E LA FORMATTAZIONE DI DOCUMENTI PROFESSIONALI

GUIDA ALL USO CORRETTO DI MICROSOFT OFFICE WORD 2007 PER LA REALIZZAZIONE E LA FORMATTAZIONE DI DOCUMENTI PROFESSIONALI GUIDA ALL USO CORRETTO DI MICROSOFT OFFICE WORD 2007 PER LA REALIZZAZIONE E LA FORMATTAZIONE DI DOCUMENTI PROFESSIONALI Francesca Plebani Settembre 2009 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. WORD E L ASPETTO

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

1.3c: Font BITMAP e Font SCALABILI

1.3c: Font BITMAP e Font SCALABILI Prof. Alberto Postiglione Dipartimento di Scienze della Comunicazione Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi di Salerno : Font BITMAP e Font SCALABILI Informatica Generale (Corso di Studio

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Famiglie di font. roman ( normale ) corsivo o italic grassetto o bold grassetto corsivo o bold italic

Famiglie di font. roman ( normale ) corsivo o italic grassetto o bold grassetto corsivo o bold italic Famiglie di font Nella maggior parte dei casi, un font appartiene a una famiglia I font della stessa famiglia hanno lo stesso stile grafico, ma presentano varianti Le varianti più comuni sono: roman (

Dettagli

Windows Compatibilità

Windows Compatibilità Che novità? Windows Compatibilità CODESOFT 2014 é compatibile con Windows 8.1 e Windows Server 2012 R2 CODESOFT 2014 Compatibilità sistemi operativi: Windows 8 / Windows 8.1 Windows Server 2012 / Windows

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

Manipolazione di testi: espressioni regolari

Manipolazione di testi: espressioni regolari Manipolazione di testi: espressioni regolari Un meccanismo per specificare un pattern, che, di fatto, è la rappresentazione sintetica di un insieme (eventualmente infinito) di stringhe: il pattern viene

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Questo é il link all altra pagina

<a href= page2.html > Questo é il link all altra pagina </a> <a href= page2.html > <img src= lamiaimmagine.jpg/> </a> Tutorial 4 Links, Span e Div È ora di fare sul serio! Che ci crediate o no, se sei arrivato fino a questo punto, ora hai solo bisogno di una cosa in più per fare un sito reale! Al momento hai una pagina

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

Editor vi. Editor vi

Editor vi. Editor vi Editor vi vi 1 Editor vi Il vi è l editor di testo standard per UNIX, è presente in tutte le versioni base e funziona con qualsiasi terminale a caratteri Permette di visualizzare una schermata alla volta

Dettagli

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not?

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not? Il passato Grammar File 12 Past simple Il past simple inglese corrisponde al passato prossimo, al passato remoto e, in alcuni casi, all imperfetto italiano. Con l eccezione del verbo be, la forma del past

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

Font e tipi di carattere

Font e tipi di carattere Font e tipi di carattere Un font è un insieme di caratteri e simboli creato con un determinato stile. Lo stile viene definito tipo di carattere. Tramite l'uso dei diversi tipi di carattere, è possibile

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

DEFT Zero Guida Rapida

DEFT Zero Guida Rapida DEFT Zero Guida Rapida Indice Indice... 1 Premessa... 1 Modalità di avvio... 1 1) GUI mode, RAM preload... 2 2) GUI mode... 2 3) Text mode... 2 Modalità di mount dei dispositivi... 3 Mount di dispositivi

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

sull argomento scelto ( evidenziare il testo passandoci sopra con il tasto sinistro del mouse e copiare premendo i tasti Ctrl + C )

sull argomento scelto ( evidenziare il testo passandoci sopra con il tasto sinistro del mouse e copiare premendo i tasti Ctrl + C ) This work is licensed under the Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License. To view a copy of this license, visit http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/3.0/.

Dettagli

Traduzione di TeamLab in altre lingue

Traduzione di TeamLab in altre lingue Lingue disponibili TeamLab è disponibile nelle seguenti lingue nel mese di gennaio 2012: Traduzioni complete Lingue tradotte parzialmente Inglese Tedesco Francese Spagnolo Russo Lettone Italiano Cinese

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

Alb@conference GO e Web Tools

Alb@conference GO e Web Tools Alb@conference GO e Web Tools Crea riunioni virtuali sempre più efficaci Strumenti Web di Alb@conference GO Guida Utente Avanzata Alb@conference GO Per partecipare ad un audioconferenza online con Alb@conference

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

Guida a QuarkXPress 8.5

Guida a QuarkXPress 8.5 Guida a QuarkXPress 8.5 INDICE Indice Informazioni sulla guida...15 Presupposti...15 Vi serve aiuto?...15 Convenzioni...16 Nota sulle tecnologie usate...16 Interfaccia utente...18 Strumenti...18 Strumenti

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa di Ilaria Lorenzo e Alessandra Palma Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa Code::Blocks

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12

Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12 Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Come si prepara una presentazione

Come si prepara una presentazione Analisi Critica della Letteratura Scientifica 1 Come si prepara una presentazione Perché? 2 Esperienza: Si vedono spesso presentazioni di scarsa qualità Evidenza: Un lavoro ottimo, presentato in modo pessimo,

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

La procedura di registrazione prevede cinque fasi: Fase 4 Conferma

La procedura di registrazione prevede cinque fasi: Fase 4 Conferma Guida Categoria alla registrazione StockPlan Connect Il sito web StockPlan Connect di Morgan Stanley consente di accedere e di gestire online i piani di investimento azionario. Questa guida offre istruzioni

Dettagli

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti 1 Web conferencing software Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti Arpa Piemonte 2 Che cosa è Big Blue Button? Free, open source, web conferencing software Semplice ed immediato ( Just push

Dettagli

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t.

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t. Il programma MATLAB In queste pagine si introduce in maniera molto breve il programma di simulazione MAT- LAB (una abbreviazione di MATrix LABoratory). Introduzione MATLAB è un programma interattivo di

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Tutti i tipi di dato utilizzati dal Matlab sono in forma di array. I vettori sono array monodimensionali, e così possono essere viste le serie temporali,

Dettagli

Si prega di comunicare eventuali errori o inesattezze riscontrate, scrivendo una mail a: otebac@beniculturali.it

Si prega di comunicare eventuali errori o inesattezze riscontrate, scrivendo una mail a: otebac@beniculturali.it TEMPLATE IN MWCMS D A N I E L E U G O L E T T I - G R U P P O M E T A Si prega di comunicare eventuali errori o inesattezze riscontrate, scrivendo una mail a: otebac@beniculturali.it C ONTENTS I template

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

Le novità di QuarkXPress 10

Le novità di QuarkXPress 10 Le novità di QuarkXPress 10 INDICE Indice Le novità di QuarkXPress 10...3 Motore grafico Xenon...4 Interfaccia utente moderna e ottimizzata...6 Potenziamento della produttività...7 Altre nuove funzionalità...10

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

ThemixInfo Gestione Informazione al Pubblico per Laboratori di analisi e Poliambulatori. Manuale d uso. themix Italia srl

ThemixInfo Gestione Informazione al Pubblico per Laboratori di analisi e Poliambulatori. Manuale d uso. themix Italia srl Gestione Informazione al Pubblico per Laboratori di analisi e Poliambulatori Manuale d uso Versione 08/07/2014 themix Italia srl tel. 06 35420034 fax 06 35420150 email info@themix.it LOGIN All avvio il

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

Guida introduttiva. Installazione di Rosetta Stone

Guida introduttiva. Installazione di Rosetta Stone A Installazione di Rosetta Stone Windows: Inserire il CD-ROM dell'applicazione Rosetta Stone. Selezionare la lingua dell'interfaccia utente. 4 5 Seguire i suggerimenti per continuare l'installazione. Selezionare

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

PRESENT PERFECT CONTINUOS

PRESENT PERFECT CONTINUOS PRESENT PERFECT CONTINUOS 1. Si usa il Present Perfect Continuous per esprimere un'azione che è appena terminata, che si è prolungata per un certo tempo e la cui conseguenza è evidente in questo momento.

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA HOTSPOT Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA Hotspot è l innovativo servizio che offre ai suoi clienti accesso ad Internet gratuito, in modo semplice e veloce, grazie al collegamento

Dettagli

Client PEC Quadra Guida Utente

Client PEC Quadra Guida Utente Client PEC Quadra Guida Utente Versione 3.2 Guida Utente all uso di Client PEC Quadra Sommario Premessa... 3 Cos è la Posta Elettronica Certificata... 4 1.1 Come funziona la PEC... 4 1.2 Ricevuta di Accettazione...

Dettagli

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT 1 1 Introduzione al programma 3 2 La prima volta con Powerpoint 3 3 Visualizzazione

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML La terza lezione, come le precedenti, ha avuto una durata di due ore, di cui una in aula e l altra in laboratorio, si è tenuta alla presenza della

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT Web Meeting Quick Start Guide V4_IT Indice 1 INFORMAZIONI SUL PRODOTTO... 3 1.1 CONSIDERAZIONI GENERALI... 3 1.2 SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI E LINGUE... 3 1.3 CARATTERISTICHE... 3 2 PRENOTARE UNA CONFERENZA...

Dettagli

Classi ed Oggetti in JAVA

Classi ed Oggetti in JAVA Classi ed Oggetti in JAVA Dott. Ing. Leonardo Rigutini Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Via Roma 56 53100 SIENA Uff. 0577233606 rigutini@dii.unisi.it www.dii.unisi.it/~rigutini/

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Guida rapida Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Riunisce geometria, algebra, tabelle,

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Appendice I. Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice

Appendice I. Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice . Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice Ordinamento di osservazioni: PROC SORT PROC SORT DATA=fa il sort è numerico

Dettagli

La Valutazione Euristica

La Valutazione Euristica 1/38 E un metodo ispettivo di tipo discount effettuato da esperti di usabilità. Consiste nel valutare se una serie di principi di buona progettazione sono stati applicati correttamente. Si basa sull uso

Dettagli

MANUALE DOS INTRODUZIONE

MANUALE DOS INTRODUZIONE MANUALE DOS INTRODUZIONE Il DOS è il vecchio sistema operativo, che fino a qualche anno fa era il più diffuso sui PC, prima dell avvento di Windows 95 e successori. Le caratteristiche principali di questo

Dettagli

Ora possiamo specificare la dimensione della casella di immissione dati.

Ora possiamo specificare la dimensione della casella di immissione dati. 1 di 6 17/04/2012 6.37 D'ora in poi, per maggiore chiarezza, scriverò solo quello che sta fra i due tag . Tralascerò i tag head, body, title e form. Ovviamente nei tuoi documenti è necessario che

Dettagli

Scheda UT30 Punti-UM / Come fare l evidenziatore personale. PREMESSA Quanti di voi vorrebbero rendere più divertente ed artistico il proprio nickname?

Scheda UT30 Punti-UM / Come fare l evidenziatore personale. PREMESSA Quanti di voi vorrebbero rendere più divertente ed artistico il proprio nickname? Le schede di Scheda UT30 Punti-UM / Come fare l evidenziatore personale PREMESSA Quanti di voi vorrebbero rendere più divertente ed artistico il proprio nickname? Tutti immagino. Quindi armatevi di pazienza

Dettagli

I Metacaratteri della Shell Unix

I Metacaratteri della Shell Unix I Metacaratteri della Shell Unix La shell Unix riconosce alcuni caratteri speciali, chiamati metacaratteri, che possono comparire nei comandi. Quando l utente invia un comando, la shell lo scandisce alla

Dettagli

I FILTRI SED, GREP (e AWK) Tratto da http://www.pluto.it/files/ildp/guide/abs/textproc.html SED

I FILTRI SED, GREP (e AWK) Tratto da http://www.pluto.it/files/ildp/guide/abs/textproc.html SED I FILTRI SED, GREP (e AWK) Tratto da http://www.pluto.it/files/ildp/guide/abs/textproc.html SED SED è un programma in grado di eseguire delle trasformazioni elementari in un flusso di dati di ingresso,

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 2ª) ver. Classe 3BN (elettronica) marzo 22 Giorgio Carpignano I.I.S. Primo LEVI - TORINO Il menù per oggi Lettura dei pulsanti Comunicazione

Dettagli

Font residenti. Informazioni sui font. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. Amministrazione.

Font residenti. Informazioni sui font. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. Amministrazione. Font residenti La stampante è dotata di font residenti memorizzati in modo permanente. In emulazione PCL 6 e PostScript 3 sono disponibili diversi font. Alcuni tipi di carattere tra i più diffusi, quali

Dettagli