LASER. Processi di pompaggio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LASER. Processi di pompaggio"

Transcript

1 LASER Processi di pompaggio

2 Meccanismi più utilizzati per pompare il materiale attivo - Pompaggio mediante scarica elettrica (pompaggio elettrico) - Pompaggio mediante lampade flash (pompaggio ottico) - Pompaggio a diodi (pompaggio ottico)

3 1) Pompaggio mediante scarica elettrica - usato nei laser a gas Il gas è racchiuso in tubo di quarzo sigillato agli estremi dagli spechi che costituiscono la cavità risonante. Tra i due elettrodi (A e C) viene creata una scarica elettrica che attraversa il gas.

4 2) Pompaggio mediante lampade flash - usato nei laser a stato solido

5 2) Pompaggio a diodi - un diodo a semiconduttore (o un array di diodi) può essere usato per il pompaggio ottico nei laser a stato solido (Nd:YAG) oppure nei laser in fibra. R = 80 %

6 Efficienza laser Efficienza laser: η L = energia ottica dell emissione laser energia elettrica

7 Efficienza laser

8 Efficienza di diversi laser

9 Meccanismi di eccitazione Meccanismi di eccitazione (modalità per produrre atomi o molecole in stato eccitato) : - eccitazione tramite pompaggio ottico - eccitazione tramite trasferimento risonante di energie - eccitazione tramite urti elettronici - eccitazione tramite effetto Penning

10 1) Eccitazione tramite pompaggio ottico Pompaggio ottico tecnica per creare inversione di popolazione in sistemi atomici o molecolari tramite la combinazione di processi di eccitzione ottica risonante è processi di diseccitazione. Il pompaggio ottico è utilizzato quasi esclusivamente per i laser del lontano IR (laser rotazionali), ma anche per altri laser molecolari (CO 2, CF 4, NOCl, SF 6, NH 3, etc) La sorgente di radiazione per il pompaggio: - lampada di banda larga (come quelle utilizzate per i laser a stato solido) - laser monocromatico Esempi: - lampada flash con Xe pompa il laser a Iodio, a rubino - lampada con He pompa il laser con Cesio il pompaggio con sorgenti di banda larga si è dimostrato inefficiente nei gas non essistono bande di assorbimento larghe (esse sono di ordino GHz o anche più strette). il pompaggio ottico con i laser (relativamente recente (1970) ha i seguenti vantaggi: - energia è depositata su livelli energetici preferenziali del mezzo attivo; - permette di raggiungere livelli di pompaggio molto alti; - il fascio laser può essere focalizzato in volumi piccoli

11 Eccitazione tramite pompaggio ottico Schemi per realizzare inversione di popolazione tramite pompaggio ottico: a) Laser a 3 livelli: pompaggio jk e inversione ki E k > E i >> E j + kt (i livelli k e i non sono popolati prima del pompaggio) Condizione per funzionamento in onda continua: (N j0 N i0 ) τ ij -1 > (N i0 N k0 )τ ki -1 N i0, N j0, N k0 popolazioni di equilibrio prima del pompaggio τ ij, τ ki tempi di diseccitazione caratteristici. b) Schema con 3 livelli invertita E k >> E j + kt > E Condizione per funzionamento in onda continua: (N s0 N k0 ) τ ks -1 > (N j0 N s0 )τ sj -1 Questo schema e più difficile, meno efficiente, e quindi meno utilizzato. Laser Pompa Pompa Laser

12 Eccitazione tramite pompaggio ottico c) Schema con 4 livelli - eccitazione in più passi tramite processi multifotonici d) Pompaggio ottico con trasferimento di energia - le molecole che si trovano in coincidenza energetica con la radiazione di pompaggio trasferiscono colisional l energia verso il livello l e) Pompaggio in 2 step (push-push) - in questo caso il livello intermedio l non è necessariamente in risonanza con la radiazione di pompaggio f) Combinazione schema 3 livelli + schema 3 livelli invertita (push-pull) L eccitazione tramite pompaggio ottico richiede una stretta coincidenza tra lunghezza d onda di pompaggio e lunghezza d onda di assorbimento. Esiste un num. grande di righe nell IR e un num. grande de righe di assorbimento delle molecole una coincidenze spettrale può essere facilmente ritrovata.

13 Eccitazione tramite pompaggio ottico Pompaggio ottico può essere combinato con altri sistemi di eccitazione: - scarica elettrica - trasferimento risonante di energia Velocità di pompaggio - consideriamo un fascio di pompaggio monocromatico con frequenza ν p potenza assorbita in unità di volume di gas: W [s -1 ] velocità di pompaggio supponendo che il livello superiore è nepopolato hν p energia dei fotoni di pompaggio La velocità di assorbimento può essere espressa anche in funzione del flusso di radiazione di eccitazione φ [m -2 s -1 ] o in funzione dell irradianza I ν [Wm -2 ] alla frequenza ν p. σ [m 2 ] sezione trasersale dell assorbimento

14 Eccitazione tramite pompaggio ottico La potenza di pompaggio assorbita in unita di volume può essere espressa anche in funzione della densità di energia di pompaggio E νp [Jm -3 ] dove: c velocità della luce - efficienza di conversione energetica Efficienza di conversione energetica: λ p η = δ = 2 λ E E p δ E/Ep - Efficienza di estrazione p, - lunghezza d onda della radiazione di pompaggio, rispettiv. radiazione emessa da laser E p, E energia della radiazione di pompaggio, rispettiv. della radiazione di emissione laser - frazione di energia di pompaggio assorbita da gas, - coefficiente di assorbimento per lunghezza d onda di pompaggio L lunghezza del camino di assorbimento N numero efettivo di pasaggi della radiazione di pompaggio nel laser Esempio: pompaggio del laser a CF 4 con il laser a CO 2 (riga 9R(12) della banda 9,4 µm), - per = 1,1x10-4 cm -1 torr -1, p = 3,5 torr è necessario che L = 3,5 m; - per = 16,26 µm

15 2) Eccitazione tramite trasferimento risonante di energia Il gas e formato da 2 specie: A e B (A in stato eccitato, B in stato fondamentale) Esiste la probabilità che dopo l urto l energia di A viene trasferita a B, se la differenza di energie tra le due transizioni E < kt, (T temperatura del gas, k ct. di Boltzmann (k = 1.38 x J/K). A* + B A+B* + E Un metodo efficiente per pompare la molecola di CO 2 : N 2 *+CO 2 N 2 +CO 2 * + E Generalmente la specie A è eccitata tramite gli urti elettronici è speso rimane allungo nello stato superiore A*. il numero di transazioni nell unità di volume e nell unità di tempo per il trasferimento risonante di energie A-B è: - sezione trasversale d urto N A popolazione dello stato superiore della specie A N B popolazione dello stato inferiore della specie B v velocità relativa dei 2 atomi

16 Eccitazione tramite trasferimento risonante di energia il trasferimento risonante di energia occorre anche nel caso in quale A* (atomo eccitato) interagisce con BC (una molecola), risultando un trasferimento di energia su stati vibrazionali della molecola: Esempi: A* + BC A + BC* + E - Hg* - può trasferire l energia alle molecole di CO, NO o HF; - Na* - può trasferire l energia alle molecole di CO. l eccitazione tramite il trasferimento risonante di energia può condurre anche alla dissociazione della molecola BC (non è obbligatorio che B è C sono entrambe eccitate): Esempio: A* + BC A + B* + C* + E - Hg* + CH 2 CF 2 Hg + CHCF + HF* + E

17 3) Eccitazione tramite urti elettronici è il metodo di pompaggio più utilizzato si realizza tramite una scarica elettrica in gas con sorgente di corrente continua, impulsata, di radio frequenza o una combinazione di esse. tramite la scarica si producono ioni ed elettroni liberi e - ricevendo energie cinetica supplementare tramite l accelerazione in campo elettrico, possono eccitare tramite urti una molecola, un atomo neutro o un ione. A+e - A* + e - E c A, A* - atomo, molecola o ione in stato fondamentale, rispettivamente eccitato E c - energie cinetica rilasciata dall elettrone in scarica Gli urti possono essere: - elastici (E c del e - non si modifica, e - cambia solo la sua direzione) non contribuiscono all eccitazione) - inelastici (E c del e - incidente si modifica, la direzione del e - può cambiare o può rimanere inalterata) contribuiscono all eccitazione delle specie atomiche sui livelli superiori o alla loro ionizzazione.

18 Eccitazione tramite urti elettronici Eccitazione del mezzo laser con un fascio di e - monoenergetici collimato: densità delle specie atomiche sullo stato fondamentale flusso di e - (elettroni/scm 2 ) densità di e - velocità dei e - sezione trasversale d urto la variazione nel tempo della popolazione su livello N 2 è collegata con la variazione del flusso di e - che ha eccitato il livello: - sezione trasversale per l eccitazione dal livello fondamentale sul livello superiore - rata di pompaggio elettrone specie atomica (dipende da j e E/N) (E campo eletrico longitudinale, N - densità dei atomi dalla scarica, j densità di corente dalla scarica, v D velocità di drift, e - carica elettrica)

19 Eccitazione tramite effetto Penning Nei laser con vapori metallici (HeCd) l inversione di popolazione si realizza tramite urti di tipo Penning fra gli atomi metastabili di He e atomi di Cd. La ionizzazione tramite urti di tipo Penning si realizza secondo il processo: A* + B A + B + e - L ione B può essere eccitato o meno (dipende se l energia di eccitazione del atomo A* è più grande o uguale con l energia necessaria per la ionizzazione del atomo B). E A E B è l unica condizione imposta L eccesso di energia si trasforma in energia cinetica dell elettrone. il processo è particolarmente efficiente quando A* si trova in uno stato metastabile. A differenza del trasferimento risonante di energia, l ionizzazione Penning è un processo nonrisonante; Esempio: nel laser con HeCd, l eccitazione tramite urti di tipo Penning: He* + Cd He + (Cd )* + e -

20 LASER Regimi di funzionamento di un laser. Laser cw, laser impulsati, Q-switch

21 Regimi di funzionamento di un laser I laser possono funzionare in onda continua o in impulsi. Funzionamento in regime continuo la potenza del laser è mantenuta costante per periodi lunghi di tempo. Funzionamento in regime impulsato il laser emmete impulsi con una certa frequenza. Ogni impulso a la durata τ p. Il modo più semplice di generare impulsi è interompere periodicamente un fascio laser continuo con un otturatore comandato o un disco rotativo con buchi. Potenza [w] Potenza [w] Regime continuo Tempo [s] Tempo [s] Regime impulsato ottenuto interompendo periodicamente un fascio continuo

22 Regimi di funzionamento di un laser Nel caso del regime impulsato ottenuto interompendo periodicamente un fascio continuo, la potenza di picco di un singolo impulso e uguale alla potenza del laser in continuo. T p periodo τ p durata del impulso f r frequenza di ripetizione P p potenza di picco P AV potenza media Potenza [w] P AV T p 1 f p = P = P AV p r τ T p Tempo [s]

23 Regimi di funzionamento di un laser Regime normale impulsato (free running) si ottiene accumulando energia nella soegente di alimentazione del circuito che viene poi scaricata rapidamente conducendo alla emissione di impulsi laser con potenza di picco più grande rispetto al funziona-mento in onda continua. Quindi, il pompaggio è intermitente. τ p ~ 10-4 s Essempio: il laser a CO 2 con superpolso ha potenza di picco di centinaia di W, rispetto W in onda continua. La durata del impulso è di centinaia di µs. L area sotto la curva dei impulsi laser rappresenta l energia di ogni impulso E [J]. Potenza media: Duty cycle: P = AV E T p δ = δ [ 0,1] τ p f r spento continuo

24 Regimi di funzionamento di un laser

25 Regimi di funzionamento di un laser Regime Q-switch fa aumentare il rapporto di inversione della popolazione durante la fase in cui non vi è emissione del fascio in modo che la successiva emissione sia ad una potenza maggiore (si raggiungono i GW di picco). Potenza [W] P p τ p ~ 10-9 s Q fattore di qualità della cavità (comuta da un valore minimo a un valore massimo) Tempo [s]

26

27 LASER Tipi di sorgenti laser: laser a gas, laser a stato solido, diodi laser

28 Classificazione dei laser Secondo il materiale attivo: Altre comuni classificazioni del laser secondo: (UV, IR, VIS)

29 Schema di principio di un LASER a gas L eccitazione si fa tramite scarica elettrica. Elettroni accelerati dall campo elettrico collidono con gli atomi. Energia dell elettrone si trasferisce all atomo (collisione innelastica), portandolo su un livello energetico più alto. Pompaggio ottico è poco efficiente perché le righe di assorbimento sono molto più strette che nei materiali solidi, mentre le lampade hanno una forte componente continua e le emissioni discrete.

30 LASER a gas il grande numero,solo

31 LASER a gas He-Ne Il gas è racchiuso dentro un tubo di quarzo, sigillato agli estremi da 2 specchi (cavità ottica). Un impulso elettrico di 10 kv, applicato fra gli elettrodi, dà luogo a una scarica elettrica attraverso il gas (pompaggio del mezzo attivo). Una corrente di 3-10 ma (dc) è sufficiente per mantenere la carica.

32 LASER a gas He-Ne Pompaggio del LASER a Elio-Neon (He-Ne)

33 LASER a gas eccimeri

34 LASER a gas eccimeri

35 Tipi di laser a gas Mezzo e tipo di amplificazione laser Laser a elio-neon Laser ad argo Laser al kripton Laser a ioni di xeno Lunghezza d'onda operativa Sorgente di pompaggio Usi e note nm (543.5 nm, nm, nm, µm, 1.52 µm, µm) nm, nm, nm (351 nm,457.9 nm, nm, nm, nm, nm) 416 nm, nm, nm, nm, nm, nm, nm Molte righe spettrali dall'ultravioletto fino all'infrarosso. Scarica elettrica Scarica elettrica Scarica elettrica Scarica elettrica Laser ad azoto nm Scarica elettrica Laser ad anidride carbonica Laser a monossido di carbonio Laser a eccimeri 10.6 µm, (9.4 µm) Scarica elettrica trasversale (alta potenza) o longitudinale (bassa potenza) 2.6 to 4 µm, 4.8 to 8.3 µm Scarica elettrica 193 nm (ArF), 248 nm (KrF), 308 nm (XeCl), 353 nm (XeF) Ricombinazione di eccimeri con una scarica elettrica Interferometria, olografia, spettroscopia, scansione di codici a barre, allineamento, dimostrazioni ottiche. Fototerapia retinica (per diabete), litografia, microscopia confocale, pompaggio di altri laser. Ricerca scientifica, mescolati con argo per ottenere laser a luce bianca per giochi di luci. Ricerca scientifica. Pompaggio di laser a coloranti organici, misura dell'inquinamento ambientale, ricerca scientifica. I laser ad azoto possono funzionare in superradianza (cioè senza una cavità risonante). Costruzione di laser amatoriali. Lavorazione di materiali (taglio, saldatura, etc.). Chirurgia. Lavorazione di materiali (incisione, saldatura etc.), spettroscopia fotoacustica. Litografia ultravioletta per fabbricazione di circuiti integrati, chirurgia laser, LASIK.

36 Schema di principio di un LASER a stato solido

37 LASER a stato solido - Titanio:Zaffiro

38 LASER a stato solido - Neodimio

39 Tipi di laser a stato solido Mezzo e tipo di amplificazione laser Lunghezza d'onda operativa Sorgente di pompaggio Laser a rubino nm Lampada stroboscopica Laser Nd:YAG Laser Er:YAG 2.94 µm µm, (1.32 µm) Laser Nd:YLF e µm Laser Nd:YVO µm diodo laser Laser Nd:YCOB (Nd:YCa 4 O(BO 3 ) 3 ) Laser Neodimio-vetro (Nd:Glass) ~1.060 µm (~530 nm alla seconda armonica) ~1.062 µm (vetri ai silicati), ~1.054 µm (vetri ai fosfati) Laser titanio-zaffiro (Ti:zaffiro) nm Lampada stroboscopica, diodo laser Lampada stroboscopica, diodo laser Lampada stroboscopica, diodo laser diodo laser Lampada stroboscopica, diodo laser Altri laser Laser Tm:YAG (Tm:YAG) 2.0 µm diodo laser Lidar. Laser itterbio:yag (Yb:YAG) 1.03 µm Diodo laser, lampada stroboscopica Usi e note Olografia, rimozione di tatuaggi. Il primo tipo di laser a luce visibile inventato (Maia 1960). Lavorazione di materiali, misurazione distanze, puntatori laser, chirurgia, ricerca, pompaggio di altri laser (combinato con duplicatori di frequenza per produrre un fascio verde da 532 nm). Uno dei più comuni laser ad alta potenza. Di solito funziona ad impulsi (brevi fino a frazioni di nanosecondo) Scalatura periodontale, odontoiatria Generalmente usato per il pompaggio impulsivo di certi tipi di laser Ti:zaffiro, combinato con duplicatori di frequenza. Generalmente usato per il pompaggio continuo di laser Ti:zaffiro o a coloranti in modelocking, in combinazione con duplicatori di frequenza. Usato anche a impulsi per marcatura e microlavorazioni meccaniche. Nd:YCOB è un cosiddetto "materiale laser ad autoraddoppio di frequenza" o materiale SFD, che oltre ad essere capace di amplificazione laser ha anche caratteristiche ottiche nonlineari che lo rendono capace di funzionare in seconda armonica. Tali materiali permettono di semplificare il progetto di laser verdi ad elevata brillantezza. Usati per potenze ed energie estremamente elevate (dell'ordine del terawatt e dei megajoule), in sistemi a fasci multipli per fusione a confinamento inerziale. Viste le potenze in gioco, i laser Nd:Glass sono otticamente nonlineari e vengono usati per triplicare la loro stessa frequenza di lavoro: funzionano generalmente in terza armonica a 351 nm. spettroscopia, Lidar, ricerca. Questo laser si usa spesso in laser infrarossi altamente accordabili in modelocking per produrre impulsi ultrabrevi e in amplificatori laser per produrre impulsi ultrabrevi e ultrapotenti. Raffreddamento ottico, lavorazione materiali, ricerca sugli impulsi ultrabrevi, microscopia multifotonica, Lidar. Laser Olmio:YAG (Ho:YAG) 2.1 µm diodo laser Ablazione tissutale, rimozione di calcoli renali, odontoiatria.

40 Laser a semiconduttore - diodo

41 Laser a semiconduttore - diodo

42 Laser a semiconduttore - diodo

43 Laser a semiconduttore - diodo

44 Tipi di laser a semiconduttore Mezzo e tipo di amplificazione laser Diodo laser a semiconduttore (informazioni generiche) Lunghezza d'onda operativa µm, a seconda del materiale della regione attiva. Sorgente di pompaggio Usi e note Telecomunicazioni, olografia, stampa laser, armamenti, macchinari, saldatura, sorgenti di pompaggio per altri laser. GaN 0.4 µm Dischi ottici AlGaAs µm Dischi ottici, puntatori laser, comunicazioni dati. I laser da 780 nm per i lettori CD sono il tipo di laser più comune del mondo. Pompaggio di altri laser a stato solido, lavorazioni industriali, applicazioni mediche. InGaAsP µm Corrente elettrica Telecomunicazioni, pompaggio di altri laser a stato solido, lavorazioni industriali, applicazioni mediche. sali di piombo 3-20 µm Vertical cavity surface emitting laser (VCSEL) Laser a cascata quantica Laser ibridi al silicio nm, a seconda del materiale Dal medio al lontano infrarosso. Medio infrarosso Telecomunicazioni Ricerca, applicazioni future includono radar anticollisione, controllo di processi industriali e strumenti di diagnosi medica come analizzatori del fiato. Ricerca

45 Schema di principio di un LASER con colorante

46 Lunghezze d onda di emissione dei laser La più piccola lunghezza d onda utilizzata è emessa dal laser con eccimeri ArF (193 nm) Le più grandi lunghezze d onda vengono emesse dai laser rotazionali (decine e centinaia di m). L intervallo spettrale di emissione dei laser

47 ULTRAVIOLETTO Nd:YAG quinta armonica Nd:YAG quarta armonica Nd:YAG terza armonica Laser con emissione nell UV i laser più importanti nell UV sono il laser con eccimeri ArF (193 nm), KrCl (223 nm), XeBr (282), XeCl (308 nm), XeF (348 nm) ed il laser con N 2 (337 nm) implusati. λ min in emissione continua: He-Cd (325 nm).

48 continuo impulsato Laser con emissione nel visibile

49 elettroni Laser con emissione nell IR

IL LASER. Principio di funzionamento.

IL LASER. Principio di funzionamento. IL LASER Acronimo di Light Amplification by Stimulated Emission of Radiation (amplificazione di luce per mezzo di emissione stimolata di radiazione), è un amplificatore coerente di fotoni, cioè un dispositivo

Dettagli

= 103.8 10 2 5 = = 1

= 103.8 10 2 5 = = 1 = = π 10 2 = 103.8 10 2 5 = = 1 π =3.2 10 3.810 = 1 5 π = µ = = π = = Industriali: taglio, saldatura, trattamenti di materiali, Misure di distanze e velocità, giroscopi laser Sensori, attuatori a distanza

Dettagli

Capitolo 7. Tipi di Laser. 7.1 Laser a cristalli ionici. 7.1.1 Laser a rubino

Capitolo 7. Tipi di Laser. 7.1 Laser a cristalli ionici. 7.1.1 Laser a rubino Capitolo 7 Tipi di Laser In questo capitolo vengono presentate le caratteristiche dei diversi tipi di laser. In realtà il numero di laser esistenti è di gran lunga superiore a quelli descritti, ma si è

Dettagli

Elettroerosione Macchina per elettroerosione

Elettroerosione Macchina per elettroerosione Elettroerosione 1 Macchina per elettroerosione 2 Politecnico di Torino 1 Il processo di elettroerosione Viene generato un campo elettrico tra elettrodo e pezzo Si forma un canale ionizzato tra elettrodo

Dettagli

7.1 Laser a cristalli ionici o a stato solido

7.1 Laser a cristalli ionici o a stato solido Capitolo 7 Tipi di Laser In questo capitolo vengono presentate le caratteristiche dei diversi tipi di laser. In realtà il numero di laser esistenti è di gran lunga superiore a quelli descritti, ma si è

Dettagli

La legge di Lambert-Beer

La legge di Lambert-Beer La legge di Lambert-Beer In questa esperienza determinerete la concentrazione di una soluzione incognita di permanganato di potassio per via spettrofotometrica. Generalita La spettroscopia si occupa dell

Dettagli

PROTEZIONE DEI LAVORATORI DAI RISCHI DI ESPOSIZIONE ALLE RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI

PROTEZIONE DEI LAVORATORI DAI RISCHI DI ESPOSIZIONE ALLE RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI PROTEZIONE DEI LAVORATORI DAI RISCHI DI ESPOSIZIONE ALLE RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI LASER Dr.ssa L. Ferrero DEPOSITO AVOGADRO S.r.l. Centro di Radioprotezione LASER Acronimo di Light Amplification

Dettagli

Luce laser, fibre ottiche e telecomunicazioni

Luce laser, fibre ottiche e telecomunicazioni Luce laser, fibre ottiche e telecomunicazioni Guido Giuliani - Architettura Università di Pavia guido.giuliani@unipv.it Fotonica - Cos è? Scienza che utilizza radiazione elettromagnetica a frequenze ottiche

Dettagli

Spettroscopia e spettrometria ottica. Francesco Nobili

Spettroscopia e spettrometria ottica. Francesco Nobili Spettroscopia e spettrometria ottica Francesco Nobili SPETTROSCOPIA OTTICA Nelle tecniche spettroscopiche si analizza l intensità dell interazione radiazione-materia a varie lunghezze d onda Tale interazione

Dettagli

Tesi: Sistemi laser hi-tech per chirurgia urologica

Tesi: Sistemi laser hi-tech per chirurgia urologica Università degli Studi di Padova, Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Biomedica ANNO ACCADEMICO 2010/2011 Tesi: Sistemi laser hi-tech per chirurgia urologica Relatore: Prof.ssa

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 81/08 Agenti fisici Radiazioni Ottiche Artificiali LASER

DECRETO LEGISLATIVO 81/08 Agenti fisici Radiazioni Ottiche Artificiali LASER Dipartimento di Sanità Pubblica U.O. Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro DECRETO LEGISLATIVO 81/08 Agenti fisici Radiazioni Ottiche Artificiali LASER Alessandra Pompini COSA SONO I LASER? Cioè:

Dettagli

LA TRACCIABILITÀ DIVENTA TOTALE

LA TRACCIABILITÀ DIVENTA TOTALE MARCATURA LA TRACCIABILITÀ DIVENTA TOTALE GRANDANGOLO Nelle moderne produzioni industriali diventa sempre più necessaria l esigenza di marcare i prodotti in modo permanente, associandovi una serie di informazioni

Dettagli

LAVORAZIONI MEDIANTE LASER

LAVORAZIONI MEDIANTE LASER LAVORAZIONI MEDIANTE LASER Light Ampliication by the Stimulated Emission o Radiation arte II 1 Caratteristiche del ascio roilo temporale L emissione nel tempo può essere: Continua (Continuous Wave - CW):

Dettagli

Università degli Studi di Bologna

Università degli Studi di Bologna Università degli Studi di Bologna DIEM Dipartimento di Ingegneria delle Costruzioni Meccaniche Nucleari Aeronautiche e di Metallurgia Scuola di Dottorato in Ingegneria Industriale Corso di Dottorato in

Dettagli

Charles H. Townes. Arthur L. Shawlow. laser. Introduzione (lez 17, 1h 4 20 ) Note storiche :

Charles H. Townes. Arthur L. Shawlow. laser. Introduzione (lez 17, 1h 4 20 ) Note storiche : laser Introduzione (lez 17, 1h 4 20 ) Note storiche : la prima idea dell inversione di popolazione e dell emissione stimolata fu di Townes, e di Basov, nel 54 La prima realizzazione di un maser fu stesso

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Tecnologie di saldatura per fusione

Tecnologie di saldatura per fusione La saldatura laser Tecnologie di saldatura per fusione saldatura ad arco (MIG, TIG, SAW, Plasma ecc.) saldatura a gas (ossiacetilenica, ossidrica ecc.) saldatura ad elettroscoria saldatura alluminotermica

Dettagli

Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo -Pavia

Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo -Pavia Effetti biologici derivanti da dall interazione tra fasci laser utilizzati nelle applicazioni industriali ed il corpo umano Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS

Dettagli

LASER è l acronimo di

LASER è l acronimo di LASER è l acronimo di ovvero: amplificazione luminosa per mezzo di emissione stimolata di radiazioni. LASER Il fenomeno fisico sul quale si base il suo funzionamento è quello dell'emissione stimolata,

Dettagli

Il Laser in Odontoiatria e in fisioterapia

Il Laser in Odontoiatria e in fisioterapia Il Laser in Odontoiatria e in fisioterapia I laser utilizzati nello studio Laser a Diodi 810 nm Creation Laser Er-Yag Fotona Fidelis Er III Cos è il Laser odontoiatrico? Laser è un acronimo per: L = Light

Dettagli

LASER e tecnologie fotoniche

LASER e tecnologie fotoniche LASER e tecnologie fotoniche Nicolò Spagnolo, Fabio Sciarrino Università di Roma La Sapienza http://quantumoptics.phys.uniroma1.it http://www.3dquest.eu Che significa LASER? Acronimo: Light Amplification

Dettagli

Il rischio da laser: cosa è e come affrontarlo; analisi di un problema non così lontano da noi

Il rischio da laser: cosa è e come affrontarlo; analisi di un problema non così lontano da noi PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE OBBLIGATORIO ANNO 2004 Il rischio da laser: cosa è e come affrontarlo; analisi di un problema non così lontano da noi Dimitri Batani Dipartimento di Fisica «G. Occhialini»,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FONDO SOCIALE EUROPEO - F.S.E.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FONDO SOCIALE EUROPEO - F.S.E. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FONDO SOCIALE EUROPEO F.S.E. Programma Operativo Nazionale 2000/2006 Ricerca Scientifica, Sviluppo Tecnologico, Alta Formazione Misura III.4 Formazione Superiore

Dettagli

DISPENSE DEL CORSO SICUREZZA LASER. Ing. Piergiorgio Aprili

DISPENSE DEL CORSO SICUREZZA LASER. Ing. Piergiorgio Aprili DISPENSE DEL CORSO SICUREZZA LASER Ing. Piergiorgio Aprili INDICE 1. INTRODUZIONE AI LASER... 3 2. DESCRIZIONE DEI PRINCIPALI TIPI DI LASER... 7 3. CLASSIFICAZIONE DELLE SORGENTI LASER SECONDO LA NORMA

Dettagli

vi dipende dalla composizione del mezzo che attraversa

vi dipende dalla composizione del mezzo che attraversa LA SPETTROSCOPIA Le tecniche spettroscopiche si basano sull assorbimento o sulla emissione di una radiazione elettromagnetica da parte di un atomo o di una molecola La radiazione elettromagnetica è una

Dettagli

Classificazione dei laser

Classificazione dei laser Classificazione dei laser ATTENZIONE: i criteri di classificazione sono cambiati Classi introdotte nel 1993 Classi introdotte nel 2007 1 1 1M 2 2 3A 3B 2M 3R 3B 4 4 Che cos è la coerenza (spaziale):

Dettagli

Teoria dell immagine

Teoria dell immagine Archivi fotografici: gestione e conservazione Teoria dell immagine Elementi di base: la luce, l interazione tra luce e materia, il colore Mauro Missori Cos è la fotografia? La fotografia classica è un

Dettagli

NOTE TECNICHE DI LABORATORIO

NOTE TECNICHE DI LABORATORIO NOTE TECNICHE DI LABORATORIO 1. NORME DI RIFERIMENTO La determinazione dell indice di rilascio è definita dalla seguente norma: D.M. 14 maggio 1996 Normative e metodologie tecniche per gli interventi di

Dettagli

APPLICAZIONI INDUSTRIALI DEL PLASMA

APPLICAZIONI INDUSTRIALI DEL PLASMA APPLICAZIONI INDUSTRIALI DEL PLASMA Caratteristiche che rendono il plasma utile per applicazioni industriali: ² È caratterizzato da un ampio range di densità di potenza/energia (plasmi termici in archi

Dettagli

Applicazioni dei laser

Applicazioni dei laser Capitolo 8 Applicazioni dei laser I laser trovano applicazione in svariati campi della scienza e della tecnica, dalla Fisica, alla Chimica, alla Biologia, all Elettronica ed alle tecnologie. Un quadro

Dettagli

DESCRIZIONE DI ALCUNI OSCILLATORI LASER

DESCRIZIONE DI ALCUNI OSCILLATORI LASER DESCRIZIONE DI ALCUNI OSCILLATORI LASER Considerazioni sull'efficienza dei laser Si prenda in considerazione il sistema amplificatore più efficiente, ossia quello a quattro livelli. Osservando la posizione

Dettagli

Servizio di Terapia Strumentale Cinesiologia - Riabilitazione

Servizio di Terapia Strumentale Cinesiologia - Riabilitazione Servizio di Terapia Strumentale Cinesiologia - Riabilitazione Istituto di Medicina dello Sport CONI - F.M.S.I Centro Interuniversitario di Studi e Ricerche in Medicina dello Sport Sede di Bologna PULSED

Dettagli

Unità Didattica 1. La radiazione di Corpo Nero

Unità Didattica 1. La radiazione di Corpo Nero Diapositiva 1 Unità Didattica 1 La radiazione di Corpo Nero Questa unità contiene informazioni sulle proprietà del corpo nero, fondamentali per la comprensione dei meccanismi di emissione delle sorgenti

Dettagli

La giunzione pn può essere utilizzata per cerare altri tipi di diodi con usi speciali

La giunzione pn può essere utilizzata per cerare altri tipi di diodi con usi speciali Altri tipi di diodi La giunzione pn può essere utilizzata per cerare altri tipi di diodi con usi speciali Diodo Led Una prima applicazione speciale del diodo è il led o light emitting diode (diodo ad emissione

Dettagli

RISCHIO DA APPARECCHIATURE LASER

RISCHIO DA APPARECCHIATURE LASER Dott.ssa Amarilli CANNATA Dirigente Fisico U.O.C. Fisica Sanitaria RISCHIO DA APPARECCHIATURE LASER Introduzione Il laser serve per leggere i CD e per gli antifurti, per creare effetti speciali cinematografici

Dettagli

Radiazioni Ottiche Artificiali: cosa sono, dove sono presenti nei luoghi di lavoro

Radiazioni Ottiche Artificiali: cosa sono, dove sono presenti nei luoghi di lavoro Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo -Pavia Radiazioni Ottiche Artificiali: cosa sono, dove sono presenti nei luoghi di lavoro Dr. Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria AGENTI

Dettagli

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE Facoltà di Ingegneria Master in Sicurezza e Protezione Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDI Docente Fabio Garzia Ingegneria della Sicurezza w3.uniroma1.it/sicurezza

Dettagli

ANNIVERSARIO, BUON 1960-2010: di DAVIDE SCULLINO. 38 Novembre 2010 ~ Elettronica In. ASER è l acronimo di Light Amplification

ANNIVERSARIO, BUON 1960-2010: di DAVIDE SCULLINO. 38 Novembre 2010 ~ Elettronica In. ASER è l acronimo di Light Amplification 1960-2010: BUON ANNIVERSARIO, di DAVIDE SCULLINO L ASER è l acronimo di Light Amplification by Stimulated Emission of Radiation, parole che dicono inequivocabilmente, almeno ai tecnici, di cosa si parla.

Dettagli

Applicazioni dei Laser alle Scienze Mediche

Applicazioni dei Laser alle Scienze Mediche Applicazioni dei Laser alle Scienze Mediche Proprieta della luce laser coerenza monocroma8cita direzionalita concentrabilita brillanza intensita 1 Laser in Medicina CO 2 (10600 nm) Er:YAG (2940 nm) Ho:YAG

Dettagli

SALDATURA LASER DI MATERIALI DISSIMILI. Prof. Alessandro Fortunato DIN-Università di Bologna

SALDATURA LASER DI MATERIALI DISSIMILI. Prof. Alessandro Fortunato DIN-Università di Bologna SALDATURA LASER DI MATERIALI DISSIMILI Prof. Alessandro Fortunato DIN-Università di Bologna DIN Il Dipartimento di Ingegneria Industriale svolge le funzioni relative alla ricerca scientifica e alle attività

Dettagli

I fotoni sono le particelle di luce che possiedono un energia E che dipende dalla frequenza ν in base alla relazione di Plank: E = hν

I fotoni sono le particelle di luce che possiedono un energia E che dipende dalla frequenza ν in base alla relazione di Plank: E = hν 3. Natura quantistica di fotoni e particelle materiali Le particelle utilizzate per studiare i mezzi materiali obbediscono alle regole della meccanica quantistica. La loro natura perciò è duale, nel senso

Dettagli

Principali tipologie di laser. Filippo Pigozzo Corso di Lasers e fibre ottiche Progetto di Formazione Waterfall 2008

Principali tipologie di laser. Filippo Pigozzo Corso di Lasers e fibre ottiche Progetto di Formazione Waterfall 2008 Principali tipologie di laser Filippo Pigozzo Corso di Lasers e fibre ottiche Progetto di Formazione Waterfall 2008 Tipi di laser 2 Esistono molteplici tipi di laser a seconda del tipo di mezzo attivo

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI Cos è un vetro? COS È UN VETRO? SOLIDO? LIQUIDO? ALTRO? GLI STATI DELLA MATERIA Volume specifico Liquido Vetro Tg CAMBIAMENTO DI VOLUME Tf Tf =TEMPERATURA

Dettagli

LA GIUNZIONE PN. Sulla base delle proprietà elettriche i materiali si classificano in: conduttori semiconduttori isolanti

LA GIUNZIONE PN. Sulla base delle proprietà elettriche i materiali si classificano in: conduttori semiconduttori isolanti LA GIUNZIONE PN Sulla base delle proprietà chimiche e della teoria di Bohr sulla struttura dell atomo (nucleo costituito da protoni e orbitali via via più esterni in cui si distribuiscono gli elettroni),

Dettagli

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO. ---- Fotoemettitori e Fotorivelatori ---- Materia: Telecomunicazioni. prof. Ing. Zumpano Luigi. Filippelli Maria Fortunata

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO. ---- Fotoemettitori e Fotorivelatori ---- Materia: Telecomunicazioni. prof. Ing. Zumpano Luigi. Filippelli Maria Fortunata I..S.I.A. Di BOCCHIGLIERO a.s. 2010/2011 -classe III- Materia: Telecomunicazioni ---- Fotoemettitori e Fotorivelatori ---- alunna Filippelli Maria Fortunata prof. Ing. Zumpano Luigi Fotoemettitori e fotorivelatori

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

TRASMISSIONE DEL CALORE PER IRRAGGIAMENTO

TRASMISSIONE DEL CALORE PER IRRAGGIAMENTO TRASMISSIONE DEL CALORE PER IRRAGGIAMENTO Scambio termico per irraggiamento L irraggiamento, dopo la conduzione e la convezione, è il terzo modo in cui i corpi possono scambiare calore. Tale fenomeno non

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI DEFINIZIONE DI VETRO LO STATO VETROSO È QUELLO DI UN SOLIDO BLOCCATO NELLA STRUTTURA DISORDINATA DI UN LIQUIDO (FASE AMORFA) SOLIDO:ORDINE A LUNGO RAGGIO

Dettagli

RIVELAZIONE DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI. Nelle tecniche di rivelazione delle radiazioni ionizzanti le grandezze da rivelare possono essere diverse:

RIVELAZIONE DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI. Nelle tecniche di rivelazione delle radiazioni ionizzanti le grandezze da rivelare possono essere diverse: RIVELAZIONE DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI Nelle tecniche di rivelazione delle radiazioni ionizzanti le grandezze da rivelare possono essere diverse: -Fluenza di particelle -Fluenza di energia -Informazioni

Dettagli

Cap. 1 - Stati di aggregazione della materia.

Cap. 1 - Stati di aggregazione della materia. Cap. 1 - Stati di aggregazione della materia. Lo stato di aggregazione di un sistema è determinato dalla energia cinetica delle particelle e dall energia potenziale dovuta alle forze di coesione fra le

Dettagli

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2 46 Tonzig La fisica del calore o 6 R/2 rispettivamente per i gas a molecola monoatomica, biatomica e pluriatomica. Per un gas perfetto, il calore molare a pressione costante si ottiene dal precedente aggiungendo

Dettagli

Risonatore ottico. Guadagno ottico ideale ed assenza di emissione spontanea. Guadagno ottico reale e presenza di emissione spontanea

Risonatore ottico. Guadagno ottico ideale ed assenza di emissione spontanea. Guadagno ottico reale e presenza di emissione spontanea Risonatore ottico Il meccanismo di retroazione può essere affidato ad una cavità risonante. La cavità oscilla spontaneamente (si autosostiene) se risultano soddisfatte entrambe le condizioni: il guadagno

Dettagli

Sorgenti Laser: Principi di Funzionamento

Sorgenti Laser: Principi di Funzionamento Misure Ottiche Corsi di Laurea Magistrale in Ingegneria Elettronica e delle Telecom. e Fisica Sorgenti Laser: Principi di Funzionamento Cesare Svelto Politecnico di Milano 1/52 Prima era il buio Sorgenti

Dettagli

Appunti & trasparenze - Parte 7

Appunti & trasparenze - Parte 7 CdL Scienza dei Materiali - Fisica delle Nanotecnologie - a.a. 2003/4 Appunti & trasparenze - Parte 7 Versione 2, Novembre 2003 Francesco Fuso, tel 0502214305, 0502214293 - fuso@df.unipi.it http://www.df.unipi.it/~fuso/dida

Dettagli

IL LASER. LASER: Light Amplification by Stimulated Emission of Radiation. Cenni Storici

IL LASER. LASER: Light Amplification by Stimulated Emission of Radiation. Cenni Storici IL LASER LASER: Light Amplification by Stimulated Emission of Radiation Relatore: Enrico Boni Cenni Storici 1917 formulazione del principio teorico del laser di Albert Einstein. 1951 i fisici americani

Dettagli

Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro

Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro Apparato sperimentale: Spettrofotometro digitale SPID HR (U21830) con software di acquisizione,

Dettagli

Tecniche analitiche più usate per le sostanze organiche

Tecniche analitiche più usate per le sostanze organiche Tecniche analitiche più usate per le sostanze organiche Le tecniche analitiche strumentali sono un utilissimo strumento per identificare sostanze incognite (analisi qualitativa), ad esempio per riconoscere

Dettagli

Valutazione e protezione dei rischi delle Radiazioni Ottiche Artificiali

Valutazione e protezione dei rischi delle Radiazioni Ottiche Artificiali Valutazione e protezione dei rischi delle Radiazioni Ottiche Artificiali DLgs 81/2008 titolo VIII, capo V Indicazioni operative ISPESL www.ispesl.it Michele Saba Dipartimento di Fisica Università di Cagliari

Dettagli

Spettroscopia di righe in assorbimento interstellari!

Spettroscopia di righe in assorbimento interstellari! Spettroscopia di righe in assorbimento interstellari! Lezione ISM 4! G. Vladilo! Astronomia Osservativa C, Lezione ISM 4, Vladilo (2011)! 1! Spettroscopia di righe in assorbimento interstellari! Alta risoluzione!

Dettagli

Spettrofotometria. Le onde luminose consistono in campi magnetici e campi elettrici oscillanti, fra loro perpendicolari.

Spettrofotometria. Le onde luminose consistono in campi magnetici e campi elettrici oscillanti, fra loro perpendicolari. Spettrofotometria. Con questo termine si intende l utilizzo della luce nella misura delle concentrazioni chimiche. Per affrontare questo argomento dovremo conoscere: Natura e proprietà della luce. Cosa

Dettagli

LEZIONE 2 ( Interazione delle particelle con la materia)

LEZIONE 2 ( Interazione delle particelle con la materia) LEZIONE 2 ( Interazione delle particelle con la materia) INTERAZIONE DELLE RADIAZIONI FOTONICHE La materia viene ionizzata prevalentemente ad opera degli elettroni secondari prodotti a seguito di una interazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA LANZONI s.r.l. Via Michelino, 93/B--40127 BOLOGNA, tel. 051-504810/501334-fax 051-6331892 http://www.lanzoni.it e-mail: lanzoni@lanzoni.it LASER LIMAX RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA Campi di applicazione

Dettagli

La luce che cura. di Matthias Schulze*

La luce che cura. di Matthias Schulze* STORIe 100 La luce che cura L Il laser è diventato un utensile importante in tutte le specializzaioni della medicina, dalle procedure terapeutiche ai moderni metodi clinici diagnostici, fino al suo impiego

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA Corso di Fisica per la Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2007

CORRENTE ELETTRICA Corso di Fisica per la Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2007 CORRENTE ELETTRICA INTRODUZIONE Dopo lo studio dell elettrostatica, nella quale abbiamo descritto distribuzioni e sistemi di cariche elettriche in quiete, passiamo allo studio di fenomeni nei quali le

Dettagli

Capitolo 8 - Trasmissione su fibre ottiche

Capitolo 8 - Trasmissione su fibre ottiche Appunti di Comunicazioni elettriche Capitolo 8 - Trasmissione su fibre ottiche Introduzione... 1 Dispersione modale: fibre multimodali e monomodali... 4 Dispersione cromatica... 6 Dispersione spaziale...

Dettagli

POLISTUDIO. Ing. Federica Riva

POLISTUDIO. Ing. Federica Riva Ing. Federica Riva Cosa sono le radiazioni Differenze da sorgenti coerenti ed incoerenti Effetti per la sicurezza e salute Normativa nazionale e norme tecniche Il termine luce (dal latino, lux, lucis)

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Spettri molecolari. L assorbimento molecolare è più complesso dell assorbimento atomico perché in una molecola bisogna considerare:

Spettri molecolari. L assorbimento molecolare è più complesso dell assorbimento atomico perché in una molecola bisogna considerare: Spettroscopie Spettri molecolari L assorbimento molecolare è più complesso dell assorbimento atomico perché in una molecola bisogna considerare: Transizioni elettroniche Transizioni vibrazionali Transizioni

Dettagli

Il diodo emettitore di luce e la costante di Planck

Il diodo emettitore di luce e la costante di Planck Progetto A1e Un esperimento in prestito di Lauree Scientifiche G. Rinaudo Dicembre 2005 Il diodo emettitore di luce e la costante di Planck Scopo dell esperimento Indagare il doppio comportamento corpuscolare

Dettagli

I Diodi. www.papete.altervista.org http://elettronica-audio.net76.net

I Diodi. www.papete.altervista.org http://elettronica-audio.net76.net I Diodi Questi componenti sono provvisti di due terminali: il catodo e l'anodo. Il catodo si riconosce perchè sul corpo è stampata una fascia in corrispondenza di tale piedino. Ad esempio, i diodi nella

Dettagli

Sorgenti di radiazione

Sorgenti di radiazione Sorgenti di radiazione Le sorgenti di radiazione impiegate impiegate nelle diverse applicazioni dell optoelettronica vengono generalmente classificate in base alla potenza emessa, alla larghezza di riga

Dettagli

INTRODUZIONE AL LASER A DIODI: CHEESE 7W INFORMAZIONI GENERALI ED UTILIZZO

INTRODUZIONE AL LASER A DIODI: CHEESE 7W INFORMAZIONI GENERALI ED UTILIZZO INTRODUZIONE AL LASER A DIODI: CHEESE 7W INFORMAZIONI GENERALI ED UTILIZZO Il Laser è una radiazione elettromagnetica con specifiche caratteristiche: frequenza e lunghezza d onda ben precisa (monocromaticità)

Dettagli

Le Galassie: il mezzo interstellare. Lezione 7

Le Galassie: il mezzo interstellare. Lezione 7 Le Galassie: il mezzo interstellare Lezione 7 Il cooling time L cooling Molecole (mm) X 0, X + (FIR, Opt, UV) Righe proibite (Opt, IR) Righe risonanti (UV, soft X(< 2keV)) Free-free Righe risonanti Fe

Dettagli

Belluno, 21 giugno 2012. RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI: aspetti prevenzionistici

Belluno, 21 giugno 2012. RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI: aspetti prevenzionistici Belluno, 21 giugno 2012 RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI: aspetti prevenzionistici Aspetti fisici: caratteristiche generali delle radiazioni ottiche artificiali e tipiche sorgenti occupazionali Definizione

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria dei Sistemi Corso di Laurea in Ingegneria Fisica Power scaling di un laser per marcatura industriale basato su Nd:YVO 4 Relatore: Prof. Paolo LAPORTA Tesi di

Dettagli

Unità di misura e formule utili

Unità di misura e formule utili Unità di misura e formule utili Lezione 7 Unità di misura Il Sistema Internazionale di unità di misura (SI) nasce dall'esigenza di utilizzare comuni unità di misura per la quantificazione e la misura delle

Dettagli

Guida non vincolante alla buona prassi nell attuazione della direttiva 2006/25/CE «Radiazioni ottiche artificiali»

Guida non vincolante alla buona prassi nell attuazione della direttiva 2006/25/CE «Radiazioni ottiche artificiali» Guida non vincolante alla buona prassi nell attuazione della direttiva 2006/25/CE «Radiazioni ottiche artificiali» Questa pubblicazione è sostenuta dal programma dell Unione europea per l occupazione e

Dettagli

RIVELATORI A SCINTILLAZIONE Step del processo di rivelazione di radiazione ionizzante mediante uno scintillarore:

RIVELATORI A SCINTILLAZIONE Step del processo di rivelazione di radiazione ionizzante mediante uno scintillarore: Step del processo di rivelazione di radiazione ionizzante mediante uno scintillarore: Interazione della radiazione (ionizzazione e eccitazione) Processi di diseccitazione (emissione di luce) Raccolta della

Dettagli

Inquadramento generale della Laser-terapia. www.fisiokinesiterapia.biz

Inquadramento generale della Laser-terapia. www.fisiokinesiterapia.biz Inquadramento generale della Laser-terapia www.fisiokinesiterapia.biz Luce Laser: generalità LASER: acronimo per Light Amplification by Stimulated Emission of Radiation. Dispositivo in grado di emettere

Dettagli

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Termologia Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Trasmissione del calore Legge di Wien Legge di Stefan-Boltzmann Gas

Dettagli

Sistemi di Telecomunicazione

Sistemi di Telecomunicazione Sistemi di Telecomunicazione Parte 6: Sistemi Ottici Parte 6.1: Propagazione in Fibra Ottica Universita Politecnica delle Marche A.A. 2013-2014 A.A. 2013-2014 Sistemi di Telecomunicazione 1/42 Trasmissione

Dettagli

elettrosmog radiazioni elettromagnetiche non ionizzanti frequenze.

elettrosmog radiazioni elettromagnetiche non ionizzanti frequenze. Con il termine elettrosmog si intende l'inquinamento elettromagnetico derivante da radiazioni elettromagnetiche non ionizzanti quali quelle prodotte dalle infrastrutture di telecomunicazioni come la radiodiffusione

Dettagli

APPLICAZIONI DI TECNICHE SPETTROSCOPICHE AI BENI CULTURALI: SPETTROSCOPIA RAMAN E L ASSORBIMENTO IR

APPLICAZIONI DI TECNICHE SPETTROSCOPICHE AI BENI CULTURALI: SPETTROSCOPIA RAMAN E L ASSORBIMENTO IR APPLICAZIONI DI TECNICHE SPETTROSCOPICHE AI BENI CULTURALI: SPETTROSCOPIA RAMAN E L ASSORBIMENTO IR Dr. Armida Sodo sodo@fis.uniroma3.it Dipartimento di Fisica E. Amaldi Università degli Studi Roma Tre

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2008 Corso Sperimentale Progetto Brocca Tema di Fisica

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2008 Corso Sperimentale Progetto Brocca Tema di Fisica ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2008 Corso Sperimentale Progetto Brocca Tema di Fisica La prova Il candidato svolga una relazione su uno solo dei seguenti due temi, a sua scelta, prestando particolare

Dettagli

SUPERLUMINESCENT DIODES (SLDs)

SUPERLUMINESCENT DIODES (SLDs) SUPERLUMINESCENT DIODES (SLDs) Emission spectra and L-I characteristics Capitolo 3 Applicazioni degli SLED. I LED superluminescenti vengono utilizzati in varie applicazioni in cui è richiesta una

Dettagli

L osservatorio del Monte Baldo, dispone tra le altre strumentazioni di uno spettroscopio DSS7 Sbig, utilizzato sia a scopi di ricerca che didattci.

L osservatorio del Monte Baldo, dispone tra le altre strumentazioni di uno spettroscopio DSS7 Sbig, utilizzato sia a scopi di ricerca che didattci. Il DSS7 Lo spettroscopio dell Osservatorio Monte Baldo A.Gelodi L osservatorio del Monte Baldo, dispone tra le altre strumentazioni di uno spettroscopio DSS7 Sbig, utilizzato sia a scopi di ricerca che

Dettagli

D NE N E E E DI D SPA

D NE N E E E DI D SPA S.C. Recupero e Rieducazione Funzionale Ospedaliera Aziendale S.S. Polo Riabilitativo Levante Dr.ssa Monica Santangelo Genova 27 Novembre 2014 LE PATOLOGIE MUSCOLO- TENDINEE DI SPALLA NELLO SPORT La terapia

Dettagli

TRASMISSIONE IN FIBRA OTTICA

TRASMISSIONE IN FIBRA OTTICA TRASMISSIONE IN FIBRA OTTICA Storia delle comunicazioni ottiche 84 a.c.: caduta di Troia comunicata a Micene (550km di distanza) attraverso una serie di fuochi allineati 794 d.c.: rete di Chappe collega

Dettagli

DISPOSITIVI E CIRCUITI PER L OPTOELETTRONICA

DISPOSITIVI E CIRCUITI PER L OPTOELETTRONICA POLITECNICO DI BARI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2011/2012 DISPOSITIVI E CIRCUITI PER L OPTOELETTRONICA CAPITOLO 4 SORGENTI LASER APPUNTI DALLE LEZIONI DEL PROF. MARIO N.

Dettagli

Newsletter 11/2012. Introduzione. Definizione ROA e Laser. Codroipo, lì 11 ottobre 2012 Prot. 5712LM

Newsletter 11/2012. Introduzione. Definizione ROA e Laser. Codroipo, lì 11 ottobre 2012 Prot. 5712LM Codroipo, lì 11 ottobre 2012 Prot. 5712LM Newsletter 11/2012 Introduzione Per quanto riguarda il rischio fisico, le radiazioni ottiche artificiali (ROA) ed i laser rappresentano uno dei fattori di rischio

Dettagli

T13 FIBRE OTTICHE. T13.1 Elencare i principali vantaggi delle fibre ottiche come mezzo trasmissivo, in confronto con le linee di trasmissione in rame.

T13 FIBRE OTTICHE. T13.1 Elencare i principali vantaggi delle fibre ottiche come mezzo trasmissivo, in confronto con le linee di trasmissione in rame. T13 FIBRE OTTICHE T13.1 Elencare i principali vantaggi delle fibre ottiche come mezzo trasmissivo, in confronto con le linee di trasmissione in rame. T13. Perché le fibre ottiche possono essere considerate

Dettagli

PIANO DIDATTICO SCIENZA DEI MATERIALI PER LA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA

PIANO DIDATTICO SCIENZA DEI MATERIALI PER LA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA PIANO DIDATTICO SCIENZA DEI MATERIALI PER LA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA Celle solari: dai mirtilli agli spaghetti CONVERSIONE FOTOVOLTAICA: L ENERGIA DEL FUTURO v Energia inesauribile e rinnovabile v Non

Dettagli

Corso di insegnamento Biochimica e Biotecnologie degli Alimenti. Spettrofotometria. Lezione n. XXII-30.05.14

Corso di insegnamento Biochimica e Biotecnologie degli Alimenti. Spettrofotometria. Lezione n. XXII-30.05.14 Corso di insegnamento Biochimica e Biotecnologie degli Alimenti Spettrofotometria Lezione n. XXII-30.05.14 RADIAZIONI ELETTROMAGNETICHE Le radiazioni elettromagnetiche possono essere rappresentate sia

Dettagli

Alessandro Farini: Dispense di Illuminotecnica per le scienze della visione

Alessandro Farini: Dispense di Illuminotecnica per le scienze della visione Capitolo 1 Radiazione elettromagnetica e occhio In questo capitolo prendiamo in considerazione alcune grandezze fondamentali riguardanti l illuminazione e alcuni concetti legati alla visione umana che

Dettagli

Uso dei laser nelle malattie cutanee feline

Uso dei laser nelle malattie cutanee feline GIORNATA DI STUDIO DERMATOLOGIA FELINA Bologna, 22 febbraio 2015 Uso dei laser nelle malattie cutanee feline di cosa parleremo Definizione e caratteristiche dei L.A.S.E.R. Tipologie di laser di interesse

Dettagli

Sistemi di Telecomunicazione

Sistemi di Telecomunicazione Sistemi di Telecomunicazione Parte 6: Sistemi Ottici Parte 6.3: Componenti e sistemi ottici Universita Politecnica delle Marche A.A. 2013-2014 A.A. 2013-2014 Sistemi di Telecomunicazione 1/25 Sistema di

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

RADIAZIONI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI IONIZZANTI

RADIAZIONI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI Le radiazioni ionizzanti sono quelle onde elettromagnetiche in grado di produrre coppie di ioni al loro passaggio nella materia (raggi X, raggi gamma, raggi corpuscolari). Le radiazioni non

Dettagli

Definizioni fondamentali

Definizioni fondamentali Capitolo 12 Definizioni fondamentali 12.1 Considerazioni introduttive Iplasmisonofluidi le cui particelle costituenti sono cariche elettricamente. Il termine plasma fu coniato da Tonks e Langmuir nel 1929,

Dettagli