DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI. Titolo II AIUTI AGLI INVESTIMENTI PER IL SOSTEGNO Contributi in conto interessi/canoni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI. Titolo II AIUTI AGLI INVESTIMENTI PER IL SOSTEGNO Contributi in conto interessi/canoni"

Transcript

1 UNIONE EUROPEA DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI Nuovo Regime di Aiuto per le Imprese Artigiane della Regione Campania II Bando Titolo II AIUTI AGLI INVESTIMENTI PER IL SOSTEGNO Contributi in conto interessi/canoni Spett.le Banca/Società di leasing 1 RISERVATO AD ARTIGIANCASSA S.p.A Data spedizione Posizione N. Ai fini della ammissione alle agevolazioni previste dal II Bando del Nuovo Regime di Aiuto per le Imprese Artigiane Titolo II Aiuti agli investimenti per il sostegno, il sottoscritto legale rappresentante dell impresa richiedente, consapevole di incorrere nelle sanzioni penali comminate ai sensi dell art. 76 del DPR n. 445/2000 T.U. delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa in caso di dichiarazioni mendaci e di esibizione di atti falsi o contenenti dati non rispondenti a verità AUTOCERTIFICA Ai sensi dell art.46 del D.P.R. n.445/2000 quanto segue: A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione A2) Forma giuridica - Impresa individuale - Società in nome collettivo o s.a.s. - Società a responsabilità limitata - Società Cooperativa (con numero soci) - Consorzio o Società consortile di cui all'art. 6 della legge 443/85 (con numero imprese artigiane consorziate) A3) Sede legale Comune. Prov... CAP. Via e n. civico A4) Iscrizione all Albo delle Imprese Artigiane n. della provincia di.. FIRMA (legale rappresentante 1 La domanda deve essere trasmessa alla sede regionale Artigiancassa per la Campania dalla Banca/Società di leasing, una volta stipulato il contratto di finanziamento e realizzate le spese di investimento.( punto 7.3 del Bando). 1

2 A5) Codice fiscale.. A6) Telefono.. Fax A7) Dimensione dell impresa richiedente sulla base dei requisiti posseduti: piccola media A8) - Unità locale interessata dall investimento Comune. Prov... CAP.. Via...n. A9) Attività svolta o da svolgere nell unità locale oggetto della domanda di agevolazione: a) descrizione sintetica dell attività dell unità locale in conseguenza degli investimenti di cui alla presente domanda: b) descrizione sintetica di tutte le attività dell unità locale svolte prima degli investimenti di cui alla presente domanda qualora diverse da quelle di cui al punto a): A10) Codice dell attività conseguente alla realizzazione degli investimenti oggetto della presente domanda: attività rientrante nelle sezioni C, D, E, F, G della classificazione ATECO 2002 nonché dei servizi di cui ai codici degli allegati 4 e 5 del Bando: (codice ATECO 2002) 2

3 B) NOTIZIE RELATIVE AGLI INVESTIMENTI B1) Descrizione sintetica del programma d investimento: B2) Tipologia di iniziativa (barrare una sola casella): 1. nuovo impianto 2. ampliamento 3. ammodernamento 4. ristrutturazione 5. delocalizzazione 3

4 B3) Costi agevolabili degli investimenti Voci di spesa Costi a) Acquisto suolo 2 b) Acquisto immobile e/o opere murarie 3 c) Macchinari e attrezzature 4 d) Opere murarie necessarie per l installazione dei macchinari oggetto dell investimento 5 e) Impianti volti a prevenire e/o eliminare gli inquinamenti f) Installazioni idonee all'utilizzazione integrata delle fonti energetiche; g) Unità e sistemi elettronici per l elaborazione dei dati h) Programmi per elaboratore e servizi di consulenza per l informatica e le telecomunicazioni 6 i1) Servizi finalizzati all adesione ad un sistema di gestione ambientale normato (EMAS, ISO 14001) ovvero acquisizione di marchio di qualità ecologica del prodotto (ECOLABEL, MARCHIO NAZIONALE) 7 i2) Servizi finalizzati all acquisizione del sistema di qualificazione del processo produttivo dell impresa, secondo le normative UNI EN ISO 9000, VISION l) Registrazione del marchio aziendale 8 m) Acquisizione di brevetti (brevetti inerenti nuove tecnologie di prodotti e di processi) 9 TOTALE COSTI 2 L acquisto dell'area su cui insiste il laboratorio stesso è ammissibile nella misura massima del 10% della spesa ammissibile complessiva. 3 Tale voce di spesa è ammessa nella misura massima del 30% dell importo agevolabile dell investimento complessivo. 4 Sono esclusi dalle agevolazioni i veicoli abilitati alla circolazione stradale, nonché i mezzi di trasporto iscritti al pubblico registro, ad eccezione di quelli che, ai sensi degli artt. 58 e 114 del Codice della strada e art 298 del D.P.R , n. 495, sono definiti come macchine operatrici. 5 Le opere murarie necessarie all istallazione di nuovi macchinari oggetto dell investimento complessivo sono ammissibili nella misura massima del 10% del costo ammissibile dei macchinari stessi; 6 Tale voce di spesa è ammessa nella misura massima del 15% dell importo agevolabile dell investimento complessivo. 7 I costi di cui ai sub i1) e i2) sono ammissibili anche indipendentemente dall effettuazione di altri investimenti produttivi. Il costo ammissibile non potrà comunque essere superiore a due volte il corrispettivo per il rilascio dell attestazione da erogare all ente certificatore del sistema, nell importo risultante da specifico preventivo da produrre in allegato alla presente domanda. 8 Gli investimenti relativi alla registrazione del marchio aziendale possono riguardare tutte le spese relative alle consulenze per la registrazione del Marchio a livello nazionale, internazionale e comunitario così come previsto dalla legge Marchi così come modificata dal D. Lgs. N. 480/92. Tali investimenti sono considerati ammissibili nella misura massima del 25% dell investimento complessivo. 9 Gli investimenti relativi ai brevetti sono ammissibili quando sono: - sfruttati esclusivamente nella struttura destinataria dell aiuto; - considerati elementi patrimoniali ammortizzabili; - acquistati presso terzi alle condizioni di mercato. Tali investimenti sono considerati ammissibili nella misura massima del 25% dell investimento complessivo. 4

5 Il sottoscritto dichiara : di impegnarsi a non alienare, cedere, distrarre od utilizzare al di fuori del territorio della Regione Campania, per 5 anni dalla nota dell eventuale ammissione alle agevolazioni, i beni acquisiti con il contributo delle agevolazioni stesse; (ove l investimento riguardi la voce sub B3 b) ), che l immobile non ha beneficiato di altre agevolazioni nei 10 anni precedenti le presente domanda; dichiara di non aver richiesto per gli stessi investimenti oggetto della presente domanda ulteriori agevolazioni a valere su altre normative agevolative statali, regionali o comunitarie; CHIEDE La concessione di contributo in conto interessi/canoni nella misura del 100% del tasso di riferimento 10 vigente alla data di ammissione all'agevolazione che sarà erogato, entro 60 giorni con Decreto del Dirigente del Settore Artigianato, in unica soluzione all'impresa ed in forma attualizzata al predetto tasso, per il tramite della Banca/Società di leasing finanziatrice, che provvederà ad accreditarlo alla medesima impresa entro 30 giorni e con valuta pari a quella applicata da Artigiancassa. Coordinate bancarie dell impresa: (CIN) (Banca ABI). (Sportello CAB) (N. Conto corrente) (Indirizzo Agenzia).. Denominazione Banca: 10 La misura del tasso di riferimento è indicata e aggiornata con Decreto del Ministro delle Attività Produttive, in conformità con le disposizioni dell Unione Europea. Detta misura di tasso di riferimento è resa pubblica sul seguente sito internet:http://www.europa.eu.int/comm/competition/state_aid/others/reference_rates.html 5

6 DICHIARA 11 : C1) 1) che gli investimenti non riguardano aspetti legati alla gestione corrente ovvero alla mera sostituzione di beni già detenuti dall impresa per le sue finalità produttive; 2) che gli investimenti relativi alle acquisizione di servizi di consulenza del punto B3 non riguardano spese a carattere continuativo e periodico; 3) che, in riferimento agli investimenti oggetto della domanda: - i macchinari e gli attrezzi sono di nuova fabbricazione, possiedono completa funzionalità in relazione all'uso cui sono destinati e sono conformi alle norme vigenti in tema di prevenzione degli infortuni ed igiene del lavoro; 4) che il progetto di ampliamento/nuova costruzione del laboratorio, per il quale si richiedono le agevolazioni, è conforme alla concessione edilizia rilasciata dal Comune di in data ; 5) che il suolo su cui insisterà il nuovo laboratorio è nella piena disponibilità del richiedente in quanto: - di proprietà 12 /suolo di proprietà pubblica in area industriale o area PIP per il quale esiste l atto di concessione amministrativa a favore del richiedente - è oggetto di atto di compromesso con obbligo all acquisto da parte del titolare richiedente le agevolazioni - è condotto con contratto di locazione o comodato il cui termine di scadenza e superiore ai cinque anni dalla data della presente 6) le spese esposte per l adesione al sistema di qualità e/o di gestione ambientale EMAS ISO o acquisizione del marchio di qualità ecologica del prodotto (ECOLABEL, MARCHIO NAZIONALE) ovvero UNI EN ISO 9000 VISION 2000 sono contenute nel massimo di due volte il corrispettivo per il rilascio dell attestazione da parte dell ente certificatore del sistema, il cui importo risulta dallo specifico preventivo rilasciato in data dall ente certificatore nell importo di. per il solo corrispettivo di certificazione. 7) che l' impresa ha la forma giuridica di cooperativa 13 /di consorzio/società consortile tra imprese artigiane ai sensi dell art. 6 della legge 443/85 ed è stata operativa nell anno sociale che precede la data della presente domanda; 8) di non aver richiesto per gli stessi investimenti oggetto della presente domanda ulteriori agevolazioni a valere su altre normative agevolative statali, regionali e comunitarie; 9) che gli eventuali investimenti relativi alla voce m) di cui al precedente punto B3 sono: sfruttati esclusivamente nella struttura destinataria dell aiuto; considerati elementi patrimoniali ammortizzabili; acquistati presso terzi alle condizioni di mercato. 11 La mancata compilazione dei campi che prevedono il completamento, sarà considerato come caratteristica che l azienda non possiede. 12 Depennare il riferimento non pertinente 13 Depennare il riferimento non pertinente 6

7 C2) Dichiara inoltre: 1) che i beni ed i servizi sono conformi alle tipologie indicate nelle linee guida attuative del regime di aiuto; gli investimenti oggetto della presente domanda saranno utilizzati esclusivamente nell ambito della Regione Campania; i beni ed i servizi non sono stati consegnati, ovvero completati o parzialmente realizzati, a qualsiasi titolo, anteriormente alla data di presentazione della domanda; 2) che i costi dei beni oggetto della domanda sono stati esposti al netto delle imposte, delle spese notarili, degli interessi passivi, degli oneri accessori, e di essere inoltre a conoscenza che non è ammesso a riconoscimento, per i fini dell'agevolazione, il valore di eventuali beni dati in permuta e di costi autofatturati; 3) che l'impresa è in attività, non è in stato di liquidazione volontaria, né sottoposta ad alcuna procedura di tipo concorsuale né in stato di difficoltà ai sensi della comunicazione della Commissione Europea 1999/c288/01 e che l impresa è in regola con gli adempimenti relativi alle norme in materia di sicurezza degli ambienti di lavoro e di applicare il rispettivo contratto collettivo ivi comprese le contrattazioni collettive a livello territoriale; 4) che l azienda rientra a pieno titolo nei criteri della definizione di piccola e media impresa così come previsto al decreto MAP del , di recepimento della "raccomandazione 1422/CE della Commissione Europea" del 6 maggio 2003, (GUCE L 124 DEL ). 5) di essere a conoscenza delle condizioni, limitazioni e divieti comunitari e che il suddetto programma di investimenti e le attività esercitate nell unità locale interessata presentano i requisiti di ammissibilità alle agevolazioni essendo compatibili con le condizioni, con le limitazioni e con i divieti medesimi; 6) di non aver richiesto per gli stessi investimenti oggetto della presente domanda ulteriori agevolazioni a valere su altre normative agevolative statali, regionali e comunitarie; 7) che gli eventuali investimenti relativi alla voce m) di cui al precedente punto B3 sono: sfruttati esclusivamente nella struttura destinataria dell aiuto; considerati elementi patrimoniali ammortizzabili; acquistati presso terzi alle condizioni di mercato. ESPRIME IL CONSENSO Ai sensi e per gli effetti di quanto disposto dal D. Lgs. 196/2003 sulla tutela dei dati personali, Artigiancassa si impegna ad utilizzare i dati di cui alla presente dichiarazione-domanda esclusivamente per la gestione degli incentivi ai sensi del regolamento di cui alla Delibera di Giunta n.6125 del A tal fine, con la sottoscrizione della presente, l'impresa esprime il proprio consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del decreto sopracitato nei soli limiti sopra specificati. Il responsabile del trattamento dei dati personali è individuato in Artigiancassa, nei confronti della quale il soggetto interessato può esercitare tutti i diritti previsti dal D. Lgs. 196/2003. Data, Firma del legale rappresentante dell impresa 7

8 NEL CASO DI INVESTIMENTO DA REALIZZARE CON UNA OPERAZIONE DI CREDITO Parte riservata alla Banca La sottoscritta Banca attesta che i dati del contratto di finanziamento sono i seguenti: Data di stipula del contratto Importo erogato (Euro).. Tipo tasso (Fisso; Variabile)... Scadenza prima rata.. Valuta di erogazione.. Importo rata (Euro). Tasso applicato.. % N. rate. Tipo ammortamento. Periodicità delle rate.. Durata utilizzo / preammortamento (in giorni). Dichiara altresì: che l investimento oggetto della domanda di agevolazione e stato realizzato e posto al servizio dell attivita dell impresa richiedente e garantisce la veridicita dei dati soprariportati. (Solo se presente il periodo di utilizzo, completare la dichiarazione sottostante In caso contrario, barrare) La sottoscritta Banca attesta, altresi, che il periodo di utilizzo si e concluso in data avendo l impresa, a tale data, sostenuto la spesa e destinato l investimento alle finalita aziendali. Data, Timbro e firma della Banca 8

9 NEL CASO DI INVESTIMENTO DA REALIZZARE CON UNA OPERAZIONE DI LOCAZIONE FINANZIARIA Allegato 19 Parte riservata alla Banca/Società di leasing La sottoscritta Banca/Società di leasing attesta che i dati del contratto di locazione finanziaria sono i seguenti: Data di stipula. Numero dei canoni anticipati.. Numero dei canoni periodici.. Durata del contratto (in mesi) Valore del bene (Euro).. Macrocanone (%Euro) Periodicita dei canoni.. Data scadenza primo canone periodico.. Importo canone periodico (Euro) Valore residuo del bene (%Euro).. Tasso applicato % Data, Timbro e firma della Banca/Società di leasing 9

10 ALLEGATO B ELENCO DEI DATI IDENTIFICATIVI DEGLI INVESTIMENTI E DEGLI ELEMENTI AMMINISTRATIVI E CONTABILI (schema da compilare obbligatoriamente per qualsiasi forma di acquisizione dei beni) N. Progr. Fornitore Fattura di vendita del Fornitore (n. e data) Importo fattura (Euro, netto IVA) Matricola o altro mezzo di identificazione Verbale di consegna/bolla (n. e data) Modalità di acquisizione Ordine/contratto (n. e data) Liberatoria del Fornitore (data) Riferimento ad elenco pagamenti (a) (b) (c) (d) (d) (e) (f) Annotazioni Firma legale rappresentante 10

Nuovo Regime di Aiuto per le Imprese Artigiane della Regione Campania II Bando. Titolo I INVESTIMENTI PER LO SVILUPPO E L'INNOVAZIONE

Nuovo Regime di Aiuto per le Imprese Artigiane della Regione Campania II Bando. Titolo I INVESTIMENTI PER LO SVILUPPO E L'INNOVAZIONE UNIONE EUROPEA DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI Nuovo Regime di Aiuto per le Imprese Artigiane della Regione Campania II Bando Titolo I INVESTIMENTI PER LO SVILUPPO E L'INNOVAZIONE RISERVATO AL

Dettagli

COMUNE DI AVELLINO. Bando per gli aiuti alle imprese commerciali, artigiane e di servizi DOMANDA DI EROGAZIONE A TITOLO II SAL O DI SALDO

COMUNE DI AVELLINO. Bando per gli aiuti alle imprese commerciali, artigiane e di servizi DOMANDA DI EROGAZIONE A TITOLO II SAL O DI SALDO COMUNE DI AVELLINO Bando per gli aiuti alle imprese commerciali, artigiane e di servizi RISERVATO AL COMUNE DI AVELLINO: DOMANDA DI EROGAZIONE A TITOLO II SAL O DI SALDO Spett.le Soggetto Gestore Via.n...

Dettagli

COMUNE DI AVELLINO. Bando per gli aiuti alle imprese commerciali, artigiane e di servizi

COMUNE DI AVELLINO. Bando per gli aiuti alle imprese commerciali, artigiane e di servizi COMUNE DI AVELLINO Bando per gli aiuti alle imprese commerciali, artigiane e di servizi DOMANDA DI EROGAZIONE A TITOLO DI ANTICIPO O RELATIVA AL I SAL RISERVATO AL COMUNE DI AVELLINO: DATA SPEDIZIONE (presentazione

Dettagli

DOMANDA DI EROGAZIONE A TITOLO DI ANTICIPO O I SAL

DOMANDA DI EROGAZIONE A TITOLO DI ANTICIPO O I SAL DOMANDA DI EROGAZIONE A TITOLO DI ANTICIPO O I SAL PI VALLE DELL IRNO BANDO ATTUATIVO DELLA SCHEDA PROGETTO P002 Nuovo regime d agevolazione a favore delle PMI SPAZIO RISERVATO AL GESTORE CONCESSIONARIO

Dettagli

CHIEDE. acquisto di impianti/attrezzature per sistema informatico/comunicazionale e aumento competitività

CHIEDE. acquisto di impianti/attrezzature per sistema informatico/comunicazionale e aumento competitività 1 Appendice n. 3 DOMANDA DI AMMISSIONE PER L ASPIRANTE IMPRENDITORE ALLE AGEVOLAZIONI DI CUI ALLA LEGGE 949/52 ART. 37 E ALLA LEGGE REGIONALE 23/09 ART. 43 COME DISCIPLINATA DALLA DELIBERA DELLA GIUNTA

Dettagli

COGARANZIA Appendice n. 1

COGARANZIA Appendice n. 1 Domanda di ammissione al Fondo Regionale di garanzia ex lege 1068/64 e D.G.R. n. del. COGARANZIA Appendice n. 1!" # $ % &&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&& '&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&(&&&&&#

Dettagli

CHIEDE. locazione per investimenti in innovazione riguardanti le tipologie di cui all elenco in allegato n. 2

CHIEDE. locazione per investimenti in innovazione riguardanti le tipologie di cui all elenco in allegato n. 2 1 Appendice n. 3 DOMANDA DI AMMISSIONE PER L ASPIRANTE IMPRENDITORE ALLE AGEVOLAZIONI DI CUI ALLA LEGGE 240/81 ART. 23 E ALLA LEGGE REGIONALE 23/09 ART. 43 COME DISCIPLINATA DALLA DELIBERA DELLA GIUNTA

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI (CONTRIBUTO IN CONTO CANONI ex lege 240/81, art. 23)

DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI (CONTRIBUTO IN CONTO CANONI ex lege 240/81, art. 23) Allegato n. 5 DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI (CONTRIBUTO IN CONTO CANONI ex lege 240/81, art. 23) DOMANDA PRESENTATA TRAMITE.. (Società di locazione finanziaria, Banca; Associazione di categoria;

Dettagli

DENOMINAZIONE (Ragione sociale)... SEDE LEGALE Via e numero civico... C.A.P...Comune...Prov. sigla.

DENOMINAZIONE (Ragione sociale)... SEDE LEGALE Via e numero civico... C.A.P...Comune...Prov. sigla. REGIONE LIGURIA Allegato n. 4 Domanda di ammissione alle agevolazioni della garanzia del Fondo regionale di cui alla Deliberazione della Giunta regionale n. 297/05 COGARANZIA Spett.le ARTIGIANCASSA S.p.A.

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico VISTO l articolo 8, comma 2, della legge 7 agosto 1997, n. 266, che ha disposto la concessione di incentivi in forma automatica al fine di sviluppare le attività produttive

Dettagli

DOMANDA DI EROGAZIONE A TITOLO DI II SAL O SALDO

DOMANDA DI EROGAZIONE A TITOLO DI II SAL O SALDO DOMANDA DI EROGAZIONE A TITOLO DI II SAL O SALDO PI POLO ORAFO CAMPANO BANDO ATTUATIVO DELLA SCHEDA PROGETTO P002 Nuovo regime d agevolazione a favore delle PMI SPAZIO RISERVATO AL GESTORE CONCESSIONARIO

Dettagli

Programma regionale di sviluppo della cooperazione di produzione lavoro e sociale Delibera di Giunta Regionale n. 3708/2003 PRIMO BANDO

Programma regionale di sviluppo della cooperazione di produzione lavoro e sociale Delibera di Giunta Regionale n. 3708/2003 PRIMO BANDO Allegato n. 4 Programma regionale di sviluppo della cooperazione di produzione lavoro e sociale Delibera di Giunta Regionale n. 3708/2003 PRIMO BANDO A) DATI RELATIVI ALL IMPRESA SCHEDA TECNICA A.1) Denominazione

Dettagli

Allegato n. 3 alla lettera circolare del 20 dicembre 2007 Pagina 1 di 20

Allegato n. 3 alla lettera circolare del 20 dicembre 2007 Pagina 1 di 20 Pagina 1 di 20 !" # $% % & ''' (!&)*& &)& +,-""'#+ ) #. & #//+* ' +01 &!""'#23&& ) 4-5 )!%! 1 "&))%! 1 "%'! &!! & &6 -!&& )'! 7 *!* )* -5 & - 7 " & &&!&'!7- &!' %&! "'+3 (1 #/1(*'/4/&!!! * &!! ) & & "&

Dettagli

SCHEDA TECNICA. Concessione alle imprese artigiane di contributi in conto interessi ai sensi dell articolo 40, comma 1, lettera d) della L. r.

SCHEDA TECNICA. Concessione alle imprese artigiane di contributi in conto interessi ai sensi dell articolo 40, comma 1, lettera d) della L. r. Studio Biagi STUDIO ATTIVO IN TUTTA ITALIA Consulenza e assistenza tecnica sulle agevolazioni i finanziamenti e i programmi comunitari, nazionali, regionali e l internazionalizzazione delle imprese SCHEDA

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI (CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI ex lege 949/52, art. 37)

DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI (CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI ex lege 949/52, art. 37) DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI (CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI ex lege 949/52, art. 37) DOMANDA PRESENTATA TRAMITE.. (Banca; Associazione di categoria; CAT; Confidi) Spett.le ARTIGIANCASSA S.p.A

Dettagli

Numero di protocollo (a cura della Regione) Bollo 14,62

Numero di protocollo (a cura della Regione) Bollo 14,62 MODELLO 1 - MODULO DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA Numero di protocollo (a cura della Regione) Bollo 14,62 Domanda di ammissione al contributo previsto per la Misura 2.1 Azione B Progetti per reti di imprese,

Dettagli

CRITERI PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LE OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA AGEVOLATA

CRITERI PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LE OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA AGEVOLATA CRITERI PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LE OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA AGEVOLATA Edizione 2008 2 PREMESSA 1 Operazioni di locazione finanziaria Artigiancassa - Cassa per il Credito alle Imprese

Dettagli

La dotazione finanziaria prevista dal Fondo PMI Misura Intervento straordinario per la competitività è pari a 120.000.000 di Euro.

La dotazione finanziaria prevista dal Fondo PMI Misura Intervento straordinario per la competitività è pari a 120.000.000 di Euro. AVVISO per la selezione di progetti da ammettere al finanziamento del Fondo Regionale per lo sviluppo delle PMI campane misura Intervento straordinario per la competitività Sul BURC del 2 novembre 2015

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che prevede che il Ministro dello Sviluppo economico con proprio decreto istituisca appositi regimi

Dettagli

DOMANDA DI ACCESSO ALLE AGEVOLAZIONI DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPRESA

DOMANDA DI ACCESSO ALLE AGEVOLAZIONI DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPRESA P.O. FESR Campania 2007-2013 OBIETTIVO OPERATIVO 2.4 CREDITO E FINANZA INNOVATIVA - MIGLIORARE LA CAPACITÀ DI ACCESSO E ALLA FINANZA PER L IMPRESA PER GLI OPERATORI ECONOMICI PRESENTI SUL TERRITORIO REGIONALE

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI PREVISTE DALLA LEGGE 25/2/1992, N. 215 (Attenersi scrupolosamente alle istruzioni allegate Allegato n.

DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI PREVISTE DALLA LEGGE 25/2/1992, N. 215 (Attenersi scrupolosamente alle istruzioni allegate Allegato n. Raccomandata A.R. Spett.le MARCA DA BOLLO Euro 10,33 (E necessario apporne una ogni 4 pagine del modulo) Allegato n. 4 DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI PREVISTE DALLA LEGGE 25/2/1992, N. 215 (Attenersi

Dettagli

Via Taramelli, 12 20124 Milano

Via Taramelli, 12 20124 Milano Al COMITATO TECNICO REGIONALE della Regione Lombardia c/o Finlombarda S.p.A. Via Taramelli, 12 20124 MILANO DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI (CONTRIBUTO IN CONTO CANONI ex l.r. 1/2007) Spett.le

Dettagli

ARTIGIANCASSA (ex lege n. 949/52) Regolamento per le operazioni di credito agevolato

ARTIGIANCASSA (ex lege n. 949/52) Regolamento per le operazioni di credito agevolato ARTIGIANCASSA (ex lege n. 949/52) Regolamento per le operazioni di credito agevolato Chi Cosa Possono beneficiare degli interventi agevolativi: le imprese artigiane, costituite anche in forma cooperativa

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA AGEVOLATA A FAVORE DELLE IMPRESE ARTIGIANE DELLA LIGURIA

REGOLAMENTO DELLE OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA AGEVOLATA A FAVORE DELLE IMPRESE ARTIGIANE DELLA LIGURIA Allegato n. 2 REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO DELLE OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA AGEVOLATA A FAVORE DELLE IMPRESE ARTIGIANE DELLA LIGURIA PREMESSA 1. Operazioni di locazione

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA AGEVOLATA A FAVORE DELLE IMPRESE ARTIGIANE DELLA LIGURIA

REGOLAMENTO DELLE OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA AGEVOLATA A FAVORE DELLE IMPRESE ARTIGIANE DELLA LIGURIA Allegato n. 2 alla Lettera Circolare Artigiancassa del 18 settembre 2014 REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO DELLE OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA AGEVOLATA A FAVORE DELLE IMPRESE

Dettagli

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 Disciplina di riferimento DGR 3929 del 4 dicembre 2007 (BUR n. 1 del 1 gennaio 2008) DGR 2096 del 7 luglio 2009 (BUR

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI ARTIGIANE Legge Regionale n. 2/2002

FONDO DI ROTAZIONE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI ARTIGIANE Legge Regionale n. 2/2002 FONDO DI ROTAZIONE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI ARTIGIANE Legge Regionale n. 2/2002 Disciplina di riferimento DGR n. 3985 del 16 dicembre 2008 (BUR n. 106 del 26 dicembre 2008)

Dettagli

FACSIMILE. Alla FINPIEMONTE S.p.A. Gruppo Tecnico di Valutazione Galleria San Federico, 54 10121 TORINO. Il/La Sottoscritto/a. Codice fiscale.

FACSIMILE. Alla FINPIEMONTE S.p.A. Gruppo Tecnico di Valutazione Galleria San Federico, 54 10121 TORINO. Il/La Sottoscritto/a. Codice fiscale. LR 1/2009, art. 7- DGR n. 63-13339 del 15/02/2010 Fondo per la qualificazione e lo sviluppo delle piccole imprese sezione artigianato Modulo di domanda per i finanziamenti (da inoltrare on-line previa

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE OPERAZIONI DI CREDITO ARTIGIANO AGEVOLATO

REGOLAMENTO PER LE OPERAZIONI DI CREDITO ARTIGIANO AGEVOLATO REGOLAMENTO PER LE OPERAZIONI DI CREDITO ARTIGIANO AGEVOLATO Edizione luglio 2001 AVVERTENZA Le presenti condizioni e modalità operative, redatte in attuazione dell art. 37 della legge 25 luglio 1952,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE OPERAZIONI DI CREDITO AGEVOLATO A FAVORE DELLE IMPRESE ARTIGIANE DELLA LIGURIA

REGOLAMENTO DELLE OPERAZIONI DI CREDITO AGEVOLATO A FAVORE DELLE IMPRESE ARTIGIANE DELLA LIGURIA REGOLAMENTO DELLE OPERAZIONI DI CREDITO AGEVOLATO A FAVORE DELLE IMPRESE ARTIGIANE DELLA LIGURIA PREMESSA L Artigiancassa Cassa per il Credito alle Imprese Artigiane S.p.A., (successivamente Artigiancassa)

Dettagli

MODULISTICHE DELLE AUTOCERTIFICAZIONI Modelli che possono essere utilizzati per l autocertificazione di cui al punto 5 1B bando di gara.

MODULISTICHE DELLE AUTOCERTIFICAZIONI Modelli che possono essere utilizzati per l autocertificazione di cui al punto 5 1B bando di gara. MODULISTICHE DELLE AUTOCERTIFICAZIONI Modelli che possono essere utilizzati per l autocertificazione di cui al punto 5 1B bando di gara. A: Modello per soggetto asseveratore Al Comune di GIAVENO (TO) Il

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEL TURISMO, ARTIGIANATO E COMMERCIO

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEL TURISMO, ARTIGIANATO E COMMERCIO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEL TURISMO, ARTIGIANATO E COMMERCIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA RICHIESTA DI AGEVOLAZIONI L.R. 51/93 PROCEDURA A SPORTELLO ANNUALITA 2008 Normativa

Dettagli

NAZIONALE Data pubblicazione: 20-11-2013 Data scadenza: 31-12-2013

NAZIONALE Data pubblicazione: 20-11-2013 Data scadenza: 31-12-2013 PAG. 1 Contributi a favore delle associazioni di volontariato ed onlus per l'acquisto di ambulanze, beni strumentali e beni da donare a strutture sanitarie pubbliche NAZIONALE Data pubblicazione: 20-11-2013

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA RICHIESTA DI AGEVOLAZIONI L.R. 51/93 PROCEDURA A SPORTELLO ANNUALITA 2009

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA RICHIESTA DI AGEVOLAZIONI L.R. 51/93 PROCEDURA A SPORTELLO ANNUALITA 2009 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA RICHIESTA DI AGEVOLAZIONI L.R. 51/93 PROCEDURA A SPORTELLO ANNUALITA 2009 Normativa di riferimento. - Legge 8 agosto 1985, n. 443; - Legge regionale 19.10.1993, n.

Dettagli

Allegato 1 al d.d.u.o. del

Allegato 1 al d.d.u.o. del Allegato 1 al d.d.u.o. del n BANDO PER LE OPERAZIONI DI CREDITO DI FUNZIONAMENTO ai sensi della d.g.r. del 26/05/2010 n 62 Finlombarda S.p.A. Pagina 1 di 11 PREMESSA Finlombarda S.p.A. 1 in qualità di

Dettagli

8. Aiuti concessi a imprese in difficoltà.

8. Aiuti concessi a imprese in difficoltà. Fondo di Rotazione BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI A SOSTEGNO DELLE P.M.I. DELLA PROVINCIA DI FERRARA Docup Obiettivo 2 1997/1999 misura 2.1 1. premessa SIPRO Agenzia Provinciale per

Dettagli

Data di ri-pubblicazione bando: 25/01/2008

Data di ri-pubblicazione bando: 25/01/2008 Data di ri-pubblicazione bando: 25/01/2008 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO DI AUTOVEICOLI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE E PER LA CONVERSIONE DEI SISTEMI DI ALIMENTAZIONE. 1 Oggetto e

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 16 gennaio 2012, n. 09/Pres.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 16 gennaio 2012, n. 09/Pres. L.R. 11/2011, art. 2, c. 96 B.U.R. 25/01/2012, n. 4 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 16 gennaio 2012, n. 09/Pres. Regolamento recante criteri e modalità per la concessione di finanziamenti a condizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA AGEVOLATA

REGOLAMENTO PER LE OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA AGEVOLATA Allegato 2 MISURA B REGOLAMENTO PER LE OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA AGEVOLATA Finlombarda S.p.A. 1 PREMESSA Finlombarda S.p.A. 1, in qualità di soggetto gestore del Fondo per le agevolazioni finanziarie

Dettagli

RICHIESTA DI CONTRIBUTO. Compilare obbligatoriamente tutti i campi relativi alla domanda di contributo ed ai relativi modelli allegati

RICHIESTA DI CONTRIBUTO. Compilare obbligatoriamente tutti i campi relativi alla domanda di contributo ed ai relativi modelli allegati Linee guida per la compilazione della domanda di contributo e relativi allegati, ai sensi dell articolo 96 della legge 21 novembre 2000, n. 342 e del decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali

Dettagli

Allegato 5 al bando (approvato con deliberazione di Giunta regionale n. 355 del 17 marzo 2008)

Allegato 5 al bando (approvato con deliberazione di Giunta regionale n. 355 del 17 marzo 2008) Allegato 5 al bando (approvato con deliberazione di Giunta regionale n. 355 del 17 marzo 2008) Assessorato alle Attività Produttive, Sviluppo economico e Piano Telematico Direzione Generale Attività Produttive,

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE MODULO PER LA RICHIESTA DEL FINANZIAMENTO SU PROVVISTA CDP S.p.A. E DEL CONTRIBUTO DEL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Dettagli

DOMANDA DI ACCESSO ALLE AGEVOLAZIONI

DOMANDA DI ACCESSO ALLE AGEVOLAZIONI P.O. FESR Campania 2007-2013 OBIETTIVO OPERATIVO 2.4 CREDITO E FINANZA INNOVATIVA - MIGLIORARE LA CAPACITÀ DI ACCESSO E ALLA FINANZA PER L IMPRESA PER GLI OPERATORI ECONOMICI PRESENTI SUL TERRITORIO REGIONALE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PRIMA Progetti d Impresa per i Mestieri e l Ambiente

AVVISO PUBBLICO PRIMA Progetti d Impresa per i Mestieri e l Ambiente Unione Europea Fondo Sociale Europeo Repubblica Italiana Modello D DICHIARAZIONE REQUISITI DI AMMISSIBILITA DELL IMPRESA AVVISO PUBBLICO PRIMA Progetti d Impresa per i Mestieri e l Ambiente Erogazione

Dettagli

ACCORDO Regione Puglia e Cofidi Puglia del 06 Dicembre 2012 misura 6.1.6.-Tranche seconda Pagina 1

ACCORDO Regione Puglia e Cofidi Puglia del 06 Dicembre 2012 misura 6.1.6.-Tranche seconda Pagina 1 ACCORDO Regione Puglia e Cofidi Puglia del 06 Dicembre 2012 misura 6.1.6.-Tranche seconda Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione Servizio

Dettagli

Programma Attività produttive. Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) (Contratto Regione Piemonte Loan for SME S ).

Programma Attività produttive. Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) (Contratto Regione Piemonte Loan for SME S ). Programma Attività produttive Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) (Contratto Regione Piemonte Loan for SME S ). Misura Supporto a progetti di investimento e sviluppo delle PMI piemontesi

Dettagli

b) finanziamento condizionato ad aumento di capitale sociale di importo almeno equivalente

b) finanziamento condizionato ad aumento di capitale sociale di importo almeno equivalente DOMANDA DI AMMISSIONE ALL INTERVENTO DI GARANZIA PER IL RISCHIO DI INSOLVENZA SU FINANZIAMENTI Regione Umbria POR FESR 2007-2013 Attività C2 Servizi finanziari alle PMI Domanda presentata a Istituto Finanziatore

Dettagli

Da completare e trasmettere firmata digitalmente o elettronicamente alla casella PEC attivitaproduttive@pec.regione.lombardia.it

Da completare e trasmettere firmata digitalmente o elettronicamente alla casella PEC attivitaproduttive@pec.regione.lombardia.it Allegato 1A al Decreto n. del.. DOMANDA DI PARTECIPAZIONE INVITO ALLE IMPRESE A PRESENTARE IDEE PROGETTUALI PRELIMINARI ALL'ATTIVAZIONE DEL PERCORSO VOLTO ALLA DEFINIZIONE DEGLI ACCORDI PER LA COMPETITIVITA

Dettagli

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Scadenze Fino ad esaurimento fondi. In breve La SEZIONE A del Fondo di rotazione

Dettagli

POR SICILIA 2000/2006. MISURA 4.01 SOTTOMISURA 4.01.e SERVIZI INNOVATIVI DI RETE. Il/la sottoscritto/a...,nato/a

POR SICILIA 2000/2006. MISURA 4.01 SOTTOMISURA 4.01.e SERVIZI INNOVATIVI DI RETE. Il/la sottoscritto/a...,nato/a Allegato n. 1 Modulo di domanda per l ammissione alle agevolazioni Raccomandata A.R. All I.R.C.A.C. Istituto Regionale per il Credito alla Cooperazione Via Ausonia, 83 90144 PALERMO Regione Siciliana Assessorato

Dettagli

Il/La sottoscritto/a nato a provincia il residente in via/piazza nel comune di provincia codice fiscale nella sua qualità di (barrare una casella):

Il/La sottoscritto/a nato a provincia il residente in via/piazza nel comune di provincia codice fiscale nella sua qualità di (barrare una casella): SCHEMA/MODELLO DI DOMANDA Raccomandata A.R. Spett.le Comune MARCA DA BOLLO Avviso PUC3 DGR. n. 281 del 3.04.2013. DOMANDA di ammissione alle agevolazioni di cui agli articoli 8, 9 e 10 dell avviso pubblico

Dettagli

DOMANDA DI CONCESSIONE DEL CONTRIBUTO IN CONTO CAPITALE PER IL SOSTEGNO DELLO START UP D IMPRESA NEL TERRITORIO DELLA COMUNITA MONTANA ANNO 2011

DOMANDA DI CONCESSIONE DEL CONTRIBUTO IN CONTO CAPITALE PER IL SOSTEGNO DELLO START UP D IMPRESA NEL TERRITORIO DELLA COMUNITA MONTANA ANNO 2011 DOMANDA DI CONCESSIONE DEL CONTRIBUTO IN CONTO CAPITALE PER IL SOSTEGNO DELLO START UP D IMPRESA NEL TERRITORIO DELLA COMUNITA MONTANA ANNO 2011 MARCA DA BOLLO 14,62 Alla Comunità Montana dell Appennino

Dettagli

Legge 215 (25 febbraio 1992)

Legge 215 (25 febbraio 1992) Legge 215 (25 febbraio 1992) Soggetti beneficiari: Imprese individuali, cooperative, società di persone e società di capitali aventi: a) dimensione di piccola impresa; b) gestione prevalentemente femminile:

Dettagli

ACCORDO Regione Puglia e Cofidi Puglia del 06 Dicembre 2012 misura 6.1.6.-Tranche seconda 1

ACCORDO Regione Puglia e Cofidi Puglia del 06 Dicembre 2012 misura 6.1.6.-Tranche seconda 1 ACCORDO Regione Puglia e Cofidi Puglia del 06 Dicembre 2012 misura 6.1.6.-Tranche seconda 1 Pagina COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione Servizio

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999)

FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999) FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999) Disciplina di riferimento DGR 3985 del 16 dicembre 2008 (BUR n. 106 del

Dettagli

Spett.le COMUNE DI CAGLIARI SERVIZIO ATTIVITA PRODUTTIVE Ufficio Incentivi alle Imprese Palazzo Comunale Via Sonnino 09125 Cagliari

Spett.le COMUNE DI CAGLIARI SERVIZIO ATTIVITA PRODUTTIVE Ufficio Incentivi alle Imprese Palazzo Comunale Via Sonnino 09125 Cagliari ALLEGATO A Spett.le COMUNE DI CAGLIARI SERVIZIO ATTIVITA PRODUTTIVE Ufficio Incentivi alle Imprese Palazzo Comunale Via Sonnino 0925 Cagliari DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI

Dettagli

Il sottoscritto nato a prov. il, Codice fiscale residente in Via n. C.A.P, in qualità di titolare/legale rappresentante dell impresa -

Il sottoscritto nato a prov. il, Codice fiscale residente in Via n. C.A.P, in qualità di titolare/legale rappresentante dell impresa - Alla Comunità Montana Valtellina di Tirano Via M. Quadrio, 11 23037 - T I R A N O OGGETTO:CONTRIBUTI ALLE IMPRESE COMMERCIALI -(L.r. 13/2000, art. 4, comma 3-ter) - Richiesta di contributi per interventi

Dettagli

ANTICIPAZIONE RISTRUTTURAZIONE

ANTICIPAZIONE RISTRUTTURAZIONE ANTICIPAZIONE RISTRUTTURAZIONE NON PUO ESSERE INVIATO VIA FAX 1. DATI DELL ADERENTE Cognome: Nome: Codice Fiscale: Sesso: M F Data di nascita: / / Comune di nascita: Prov: ( ) Tel.: Indirizzo di residenza:

Dettagli

DISPOSIZIONI OPERATIVE UNICHE PER LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO VENETO. RICHIEDENTE (denominazione / ragione sociale della PMI richiedente):

DISPOSIZIONI OPERATIVE UNICHE PER LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO VENETO. RICHIEDENTE (denominazione / ragione sociale della PMI richiedente): DISPOSIZIONI OPERATIVE UNICHE PER LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO VENETO RICHIEDENTE (denominazione / ragione sociale della PMI richiedente): ---------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007) e successive modificazioni e integrazioni, che prevede che il Ministro

Dettagli

SCHEMA DI DOMANDA (Allegato1)

SCHEMA DI DOMANDA (Allegato1) CONTRIBUTI PER L ACQUISTO DI MACCHINARI, MEZZI E ATTREZZATURE TESTO DEL REGOLAMENTO(in vigore dal 1 ottobre 2001) SCHEMA DI DOMANDA (Allegato1) SCHEMA DELLA RELAZIONE SUGLI INVESTIMENTI EFFETTUATI (Allegato2)

Dettagli

MODULO PER LA DOMANDA DELLE AGEVOLAZIONI A VALERE SULLE RISORSE PREVISTE DAL DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 24 APRILE 2015

MODULO PER LA DOMANDA DELLE AGEVOLAZIONI A VALERE SULLE RISORSE PREVISTE DAL DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 24 APRILE 2015 Allegato 1 MODULO PER LA DOMANDA DELLE AGEVOLAZIONI A VALERE SULLE RISORSE PREVISTE DAL DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 24 APRILE 2015 1. DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPRESA RICHIEDENTE C.F

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 FINANZA AGEVOLATA Dott. Giorgio Cavallari FINANZIAMENTI AGEVOLATI AUTOIMPIEGO

Dettagli

Presenta domanda di FINANZIAMENTO AGEVOLATO ai sensi della L.R. n. 32 del 23/12/2000 art. 60 comma 1 punto 1

Presenta domanda di FINANZIAMENTO AGEVOLATO ai sensi della L.R. n. 32 del 23/12/2000 art. 60 comma 1 punto 1 tratto di finanziamento non può essere FONDO REGIONALE COMMERCIO Mod. n. 60.01 DOMANDA DI FINANZIAMENTO ai sensi della L.R. 23/12/2000 n. 32 art. 60 comma 1 punto 1 e succ. m. e i. AIUTI ALL INVESTIMENTO

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU9 03/03/2011

REGIONE PIEMONTE BU9 03/03/2011 REGIONE PIEMONTE BU9 03/03/2011 Codice DB1505 D.D. 27 gennaio 2011, n. 18 Legge regionale del 18 maggio 2004, n. 12, articolo 8, come sostituito dall'articolo 33 della legge regionale del 04 dicembre 2009,

Dettagli

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI ALLEGATO 2 - DOMANDA (i dati anagrafici riportati nella domanda devono corrispondere a quelli inseriti nel form on line per l assegnazione del numero di protocollo) PROT. N.. DEL.. (Inserire numero e data

Dettagli

9.9 Modulo richiesta anticipazione per ristrutturazione prima casa

9.9 Modulo richiesta anticipazione per ristrutturazione prima casa 9.9 Modulo richiesta anticipazione per ristrutturazione prima casa Azienda di appartenenza Autorizzo l invio del prospetto di liquidazione all indirizzo e-mail sopra indicato. Chiedo UN ANTICIPAZIONE,

Dettagli

RICHIESTA DI AMMISSIONE ALL INTERVENTO CONTRIBUTIVO

RICHIESTA DI AMMISSIONE ALL INTERVENTO CONTRIBUTIVO LEGGE 598/94 PROTOCOLLO MCC Modulo sottoscritto dalla banca/intermediario Spettabile MCC SpA Via Piemonte, 51 00187 R O M A Pos. MCC RICHIESTA DI AMMISSIONE ALL INTERVENTO CONTRIBUTIVO SOGGETTO RICHIEDENTE

Dettagli

REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche Attive del Lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali

REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche Attive del Lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche Attive del Lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali ORGANISMO INTERMEDIO R.T.I. Società consortile Ass.For.SEO a.r.l. - KPMG Advisory S.p.A. e Metron S.r.l

Dettagli

LEGGE REGIONALE 13 OTTOBRE 2004, N. 23 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI

LEGGE REGIONALE 13 OTTOBRE 2004, N. 23 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI MODULO B LEGGE REGIONALE 13 OTTOBRE 2004, N. 23 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI DOMANDA PER INVESTIMENTI IMMOBILIARI/IMPIANTI TECNICI Punto 4 lettera a) del Programma r e gionale degli interventi

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE

FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE F.A.Q. art. 8 della L.R. 12/2004, come sostituito dall art. 33 della l.r. 30/2009 FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE 1. Modalità di presentazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE OPERAZIONI DI CREDITO ARTIGIANO AGEVOLATO

REGOLAMENTO PER LE OPERAZIONI DI CREDITO ARTIGIANO AGEVOLATO Allegato 2 MISURA B REGOLAMENTO PER LE OPERAZIONI DI CREDITO ARTIGIANO AGEVOLATO Finlombarda S.p.A. 1 PREMESSA Finlombarda S.p.A. 1 in qualità di soggetto gestore, del Fondo per le agevolazioni finanziarie

Dettagli

Spett. le Unicredit Banca Spa Polo Finanza Agevolata di Bologna (cod. 45130) Via Monte Grappa 8/e 40121 BOLOGNA BO Alla c.a. Sig.

Spett. le Unicredit Banca Spa Polo Finanza Agevolata di Bologna (cod. 45130) Via Monte Grappa 8/e 40121 BOLOGNA BO Alla c.a. Sig. 1 Parte riservata all Ente Gestore Richiesta di finanziamento a valere sul Foncooper Regione Emilia Romagna PROT. N. DATA PROT. Spett. le Unicredit Banca Spa Polo Finanza Agevolata di Bologna (cod. 45130)

Dettagli

Logo Camera Commercio

Logo Camera Commercio Logo Camera Commercio BANDO SALVAMBIENTE ARTIGIANATO 2011 contributi alle imprese artigiane della lombardia per l introduzione di innovazione nei processi e prodotti a basso impatto ambientale e per il

Dettagli

AGEVOLAZIONE IN CONTO CANONI

AGEVOLAZIONE IN CONTO CANONI AVVERTENZA Il presente Regolamento, redatto in attuazione dell art. 23, primo comma, della legge 21 maggio 1981, n. 240, illustra le condizioni e le modalità per la concessione del contributo in conto

Dettagli

Circolare N. 91 del 18 Giugno 2015

Circolare N. 91 del 18 Giugno 2015 Circolare N. 91 del 18 Giugno 2015 Smart & Start: finanziamenti veloci per le spese incentivate Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che grazie alla convenzione tra Ministero dello Sviluppo

Dettagli

.LEGGE REGIONALE 18 MAGGIO 2004, N. 12 Articolo 8 sostituito dall articolo 33 della legge regionale 4 dicembre 2009, n. 30

.LEGGE REGIONALE 18 MAGGIO 2004, N. 12 Articolo 8 sostituito dall articolo 33 della legge regionale 4 dicembre 2009, n. 30 .LEGGE REGIONALE 18 MAGGIO 2004, N. 12 Articolo 8 sostituito dall articolo 33 della legge regionale 4 dicembre 2009, n. 30 FONDO DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO A FAVORE DI IMPRESE DI NUOVA COSTITUZIONE

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 Disciplina di riferimento POR Veneto 2007-2013, parte FESR. Asse 1 Linea d intervento 1.2 Ingegneria Finanziaria Azione 1.2.3. DGR

Dettagli

VENETO SVILUPPO NUOVO FONDO UNICO

VENETO SVILUPPO NUOVO FONDO UNICO CIRCOLARE NR. 5/FEBBRAIO 2014 VENETO SVILUPPO NUOVO FONDO UNICO Egregi Signori, Vi informiamo che con D.G.R. n. 2216 del 03.12.2013 (pubblicata nel BUR n.113 del 24/12/2013) la Regione Veneto ha approvato

Dettagli

PROVINCIA DI AGRIGENTO - Soc. Coop. per Azioni

PROVINCIA DI AGRIGENTO - Soc. Coop. per Azioni Consorzio di Garanzia DEllA Fidi fra Piccole e Medie Industrie PROVINCIA DI AGRIGENTO - Soc. Coop. per Azioni Prot. n. 301 Agrigento, 25 Maggio 2015 A tutti i Soci LL.SS. Oggetto: Decreto 9 Aprile 2015

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO DEL TITOLARE O DEL LEGALE RAPPRESENTANTE

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO DEL TITOLARE O DEL LEGALE RAPPRESENTANTE ALLEGATO n 1 ALLEGATO ALLA DOMANDA DI CONTRIBUTO OBIETTIVO 3 MISURA DEL PROGRAMMA OPERATIVO DELLA 0REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Periodo 2000-2006 DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO DEL TITOLARE

Dettagli

SCHEMI DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE DELL'ATTO DI NOTORIETA' (documentazione di spesa) APPENDICE N. 3

SCHEMI DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE DELL'ATTO DI NOTORIETA' (documentazione di spesa) APPENDICE N. 3 SCHEMI DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE DELL'ATTO DI NOTORIETA' (documentazione di spesa) APPENDICE N. 3 Spett.le Artigiancassa S.p.A Sede Regionale del Veneto INVESTIMENTI CON DESTINAZIONE MACCHINE E ATTREZZATURE:

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI CUNEO BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CUNEO ANNO 2015

CAMERA DI COMMERCIO DI CUNEO BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CUNEO ANNO 2015 CAMERA DI COMMERCIO DI CUNEO BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CUNEO ANNO 2015 IMPORTO DEL PLAFOND ASSEGNATO AD ITALIA-COMFIDI IMPORTO

Dettagli

L.R. 28/99 art. 18 comma 1 lett. b) - L.R. 1/09 e s.m.i. artt. 7 e 10. Fondo regionale per lo sviluppo e la qualificazione delle piccole imprese

L.R. 28/99 art. 18 comma 1 lett. b) - L.R. 1/09 e s.m.i. artt. 7 e 10. Fondo regionale per lo sviluppo e la qualificazione delle piccole imprese Allegato 1 L.R. 28/99 art. 18 comma 1 lett. b) - L.R. 1/09 e s.m.i. artt. 7 e 10 Fondo regionale per lo sviluppo e la qualificazione delle piccole imprese SEZIONE EMERGENZE MODULO DI DOMANDA (da inoltrare

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DALLE ORE 9,00 DEL 4 MAGGIO 2015 ALLE ORE 12,00 DEL 15 GENNAIO 2016. residente a prov. via/piazza n.

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DALLE ORE 9,00 DEL 4 MAGGIO 2015 ALLE ORE 12,00 DEL 15 GENNAIO 2016. residente a prov. via/piazza n. BANDO PER IL SOSTEGNO ALLE NUOVE IMPRESE - ANNO 2015 Approvato con delibera di Giunta n. 47 del 13/04/2015 MODELLO DI DOMANDA da inviare esclusivamente tramite PEC a: promozione.incentivi@ra.legalmail.camcom.it

Dettagli

Fondo di rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane (L.R. n. 2 del 17.01.2002 art. 21 )

Fondo di rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane (L.R. n. 2 del 17.01.2002 art. 21 ) Fondo di rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane (L.R. n. 2 del 17.01.2002 art. 21 ) (Aiuto di Stato conforme al Regolamento (CE) N. 69/2001 della Comunità del 12

Dettagli

Programma annuale degli interventi Fondo Rotativo Termalismo Agevolazioni a favore delle Imprese operanti nel settore del turismo termale

Programma annuale degli interventi Fondo Rotativo Termalismo Agevolazioni a favore delle Imprese operanti nel settore del turismo termale LEGGE REGIONALE 08/07/1999 n. 18 e s.m.i Interventi a sostegno dell offerta turistica e LEGGE REGIONALE 03/10/1994 n 42 e s.m.i. Interventi per la tutela e lo sviluppo dell industria termale in Piemonte

Dettagli

OGGETTO: Richiesta per l abbattimento del conto interessi, di cui all art. 11 della L.R. 21/09/2005 n. 11 e s.m.i.

OGGETTO: Richiesta per l abbattimento del conto interessi, di cui all art. 11 della L.R. 21/09/2005 n. 11 e s.m.i. Bando: Progressivo: All Assessorato Regionale dell Economia Dipartimento Finanze e Credito Servizio 7 F Agevolazioni nelle operazioni creditizie di garanzia Via Notarbartolo, 17 90141 PALERMO OGGETTO:

Dettagli

REA. Sede legale/secondaria: comune ( ) c.a.p. via/piazza n. codice fiscale tel. fax e-mail PEC Sito internet attività esercitata

REA. Sede legale/secondaria: comune ( ) c.a.p. via/piazza n. codice fiscale tel. fax e-mail PEC Sito internet attività esercitata Richiesta di contributo a fondo perduto per l ottenimento dei riconoscimenti: ISO 9001, OHSAS 18001, SAI SA 8000, ISO 22000:2005, ISO 22005:2008, CoC, Attestazioni SOA ed FPC. Marca da Bollo 16,00 Camera

Dettagli

ALLEGATO TECNICO Concessione di contributi per i sistemi di gestione ambientale nelle PMI

ALLEGATO TECNICO Concessione di contributi per i sistemi di gestione ambientale nelle PMI ALLEGATO TECNICO Concessione di contributi per i sistemi di gestione ambientale nelle PMI A - DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A.1 Denominazione: 1 A.2 Natura giuridica: 2 A.3 Anno di costituzione: 3.. A.4

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato Bilancio, Programmazione economico-finanziaria e Partecipazione

REGIONE LAZIO Assessorato Bilancio, Programmazione economico-finanziaria e Partecipazione REGIONE LAZIO Assessorato Bilancio, Programmazione economico-finanziaria e Partecipazione Avviso pubblico per la concessione di prestiti a valere sul Fondo per il Microcredito ai sensi dell articolo 1,

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE 43 ALLEGATO 6 DOMANDA DI PARTECIPAZIONE Da compilare sul sistema informativo Sigfrido ed inviare in formato digitale mediante Posta Elettronica certificata alla casella PEC regione.marche.innovazionericerca@emarche.it

Dettagli

Indirizzo della sede / unità locale operativa Via c.a.p. Città Prov.

Indirizzo della sede / unità locale operativa Via c.a.p. Città Prov. Marca da bollo Euro 14,62 Spett.le CAMERA DI COMMERCIO DI ORISTANO SERVIZIO PROMOZIONE ECONOMICA E REGOLAZIONE DEL MERCATO BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI ORISTANO

Dettagli

Norme per la concessione di contributi in conto interesse su finanziamenti concessi alle imprese della provincia di Campobasso

Norme per la concessione di contributi in conto interesse su finanziamenti concessi alle imprese della provincia di Campobasso Norme per la concessione di contributi in conto interesse su finanziamenti concessi alle imprese della provincia di Campobasso Art. 1 Finalità e risorse La Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura

Dettagli

Spett.le COMUNE di Cagliari Servizio Attività Produttive Ufficio Incentivi alle Imprese Via Sonnino 09100 Cagliari

Spett.le COMUNE di Cagliari Servizio Attività Produttive Ufficio Incentivi alle Imprese Via Sonnino 09100 Cagliari ALLEGATO A Spett.le COMUNE di Cagliari Servizio Attività Produttive Ufficio Incentivi alle Imprese Via Sonnino 09100 Cagliari DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI PER LO SVILUPPO DI PICCOLE E MEDIE

Dettagli

SPAZIO RISERVATO A FRIE

SPAZIO RISERVATO A FRIE DOMANDA DI FINANZIAMENTO A TASSO AGEVOLATO PER L ATTIVAZIONE DI PRESTITI PARTECIPATIVI A VALERE SULLA SEZIONE PER I DISTRETTI INDUSTRIALI DELLA SEDIA E DEL MOBILE DEL FONDO DI ROTAZIONE PER LE INIZIATIVE

Dettagli

Il sottoscritto in qualità di legale rappresentante della Società (forma giuridica) con sede legale in prov. CAP Via, n. Tel.

Il sottoscritto in qualità di legale rappresentante della Società (forma giuridica) con sede legale in prov. CAP Via, n. Tel. Mod. AFF. - C.M.T.- FTV MODULO PER LA RICHIESTA DELLE AGEVOLAZIONI FINANZIARIE AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE N. 12/63 CREDITO A MEDIO TERMINE AGEVOLATO PER INVESTIMENTI PRODUTTIVI NEL CAMPO DELLE ENERGIE

Dettagli