Prot. n Genazzano, 09 settembre 2015 IL DIRIGENTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prot. n. 0002111 Genazzano, 09 settembre 2015 IL DIRIGENTE"

Transcript

1 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO G. GARIBALDI Via della Signoretta Genazzano (Roma) / Distretto Scolastico - c.f istruzione.it Genazzano, 09 settembre 2015 Prot. n Genazzano, 09 settembre 2015 IL DIRIGENTE VISTO l articolo 5 del D.lgs. 30 marzo 2001, n. 165, come modificato dall articolo 34 del D.lgs. 27 ottobre 2009, n. 150; VISTI gli articoli 40 e 40-bis del D.lgs. n. 165 del 2001, come rispettivamente modificati dagli articoli 54 e 55 del D.lgs. 27 ottobre 2009, n. 150; VISTO il D.lgs. n. 141 del 01 agosto 2011; VISTO l art. 6 del CCNL 2007 comparto scuola, comma 2, dalla lettera a) alla lettera g); CONSIDERATO che, alla luce del sopra richiamato D.lgs. n. 150/2009 e del D.lgs. n. 141/2011, diventano materie di informazione preventiva quelle di cui alle lettere h), i) ed m) dell art. 6 del CCNL 2007 concernenti l organizzazione del lavoro e la gestione delle risorse umane e rientranti nell ambito dei poteri e delle prerogative dirigenziali; RESA ai soggetti sindacali di cui all articolo 7, comma 1, punto III lettera b) del vigente CCNL Comparto Scuola 29 novembre 2007 l informazione, nel corso dell apposito incontro del 09 settembre 2015 tra le parti di cui all articolo 6 comma 3 del citato CCNL Comparto Scuola 29 novembre 2007; DETERMINA Nell a.s. 2015/2016, il Dirigente, nell ambito delle capacità e dei poteri esclusivi di cui all articolo 5 del D.lgs. 30 marzo 2001, n. 165, come modificato dall articolo 34 del D.lgs. 27 ottobre 2009, n. 150, agirà con i seguenti criteri generali, per quanto concerne le sottostanti materie: a. criteri per la fruizione dei permessi per l aggiornamento; b. modalità di utilizzazione del personale docente in rapporto al piano dell offerta formativa e al piano delle attività e modalità di utilizzazione del personale ATA in relazione al relativo piano delle attività formulato dal DSGA, sentito il personale medesimo (ex lettera h dell art. 6 del CCNL); c. criteri riguardanti le assegnazioni del personale docente, educativo ed ATA alle sezioni staccate e ai plessi, ricadute sull'organizzazione del lavoro e del servizio derivanti dall'intensificazione delle prestazioni legate alla definizione dell unità didattica. Ritorni pomeridiani (ex lettera i dell art. 6 del CCNL); d. criteri e modalità relativi alla organizzazione del lavoro e all articolazione dell orario del personale docente, educativo ed ATA, nonché i criteri per l individuazione del personale docente, educativo ed ATA da utilizzare nelle attività retribuite con il fondo di istituto (ex lettera m dell art. 6 del CCNL); 1

2 e. criteri per l individuazione del personale docente, educativo ed ATA da utilizzare nelle attività retribuite con il fondo di istituto; f. criteri di attuazione dei progetti nazionali, europei e territoriali (CCNL art. 6 lettera c); criteri di individuazione e modalità di utilizzazione del personale in progetti derivanti da specifiche disposizioni legislative, nonché da convenzioni, intese o accordi di programma stipulati dalla singola istituzione scolastica o dall Amministrazione scolastica periferica con altri enti e istituzioni (CCNL art. 6 lettera f). A) CRITERI PER LA FRUIZIONE DEI PERMESSI PER L AGGIORNAMENTO 1- La fruizione da parte dei docenti di 5 giorni nel corso dell'anno scolastico, per la partecipazione a iniziative di formazione e di aggiornamento con l'esonero dal servizio, in giornate di norma in cui non sono previste attività significative per l istituzione scolastica e per le classi (ad es. scrutini, valutazioni ecc.), è concessa prioritariamente per attività di formazione e aggiornamento riguardanti iniziative deliberate dal Collegio dei Docenti, coerenti con il contenuto delle attività previste nel Piano dell'offerta Formativa e connesse: a tematiche disciplinari o di particolare rilevanza sul piano pedagogico-didattico a esigenze formative indicate nel POF, con particolare rilievo alla ridefinizione/costruzione dei curricoli e all acquisizione di nuove metodologie ai temi della valutazione e della certificazione delle competenze ai processi di innovazione in atto ad attività concernenti la prevenzione dell insuccesso scolastico e i fenomeni di dispersione scolastica a incarichi svolti nell Istituzione Scolastica. 2- L'iniziativa di formazione in servizio e/o aggiornamento deve essere promossa e gestita dall'amministrazione centrale e periferica e/o da soggetti qualificati e accreditati (Università degli Studi, Consorzi universitari e interuniversitari, istituti pubblici di ricerca, Agenzia Nazionale per lo Sviluppo dell Autonomia Scolastica di cui all'art. 1, comma 610, della legge n. 296/2006 ecc.). 3- La domanda deve essere presentata almeno 5 giorni prima dell'inizio dell'attività al Dirigente scolastico, che rilascia l'autorizzazione o l'eventuale motivato diniego. 4- Al rientro in sede il docente è tenuto a presentare al Dirigente scolastico l'attestato di partecipazione e a comunicare al collegio e/o ai dipartimenti disciplinari l'attività svolta e gli esiti. 5- Al fine di garantire la partecipazione contemporanea di più docenti a corsi di formazione (di norma non più di tre unità) e assicurare il regolare funzionamento in tutti i plessi, è consentito modificare l articolazione dell orario delle lezioni. Le variazioni orarie dovranno essere comunicate all ufficio e non arrecare disfunzioni al servizio. 6- In caso di esubero/concorrenza di richieste, che non permettono di garantire il normale svolgimento delle attività di insegnamento, secondo l'orario delle lezioni in vigore, nella selezione dei partecipanti sarà data priorità nell ordine ai docenti: a. che devono completare attività di formazione iniziate nel precedente a.s.; b. dell ambito disciplinare su cui verte il corso, tenendo conto degli specifici incarichi ricoperti nell'istituzione scolastica (e del miglioramento dei risultati dei medesimi incarichi prodotto dalla partecipazione al corso di formazione) nel caso di più richieste di docenti della medesima disciplina; c. neo-immessi in ruolo; d. che non hanno svolto attività di aggiornamento/formazione nel precedente a.s. 7- La scelta del docente che fruisce delle iniziative organizzate dall'amministrazione scolastica centrale e/o periferica è operata dal Dirigente scolastico, avuto riguardo all'incarico ricoperto dal docente nell'istituzione scolastica e sentito il parere dei componenti dello staff di direzione, se costituito. 2

3 8- Nel limite di cinque giorni per anno scolastico, e ricorrendo i presupposti di cui al precedente art. 1, possono essere esonerati dal servizio i docenti che in qualità di formatore, esperto o animatore partecipano ad attività di formazione organizzate dai soggetti indicati dall'art. 2. La partecipazione a iniziative di formazione in servizio e di aggiornamento come discente o come docente non sono cumulabili (pertanto, i giorni di permesso si intendono 5 complessivi tra corsi in cui il docente è discente e quelli in cui è formatore). 9- Il personale ATA, previa autorizzazione del Dirigente scolastico, può partecipare a iniziative di formazione e di aggiornamento, in relazione al funzionamento del servizio, promosse e gestite dai soggetti indicati dall art. 2. La partecipazione alle iniziative avviene nel limite delle ore necessario alla realizzazione del processo formativo e all'attuazione dei profili professionali, salvaguardando la piena funzionalità dei servizi dell'istituto. Qualora il personale partecipi a iniziative di aggiornamento e formazione svolte al di fuori dell'orario di servizio, le ore prestate in eccedenza possono essere recuperate a domanda, in periodi di sospensione dell'attività didattica. Il personale A.T.A. esonerato dal servizio dovrà presentare l'attestato di partecipazione al corso con l'indicazione delle ore effettivamente svolte. 10- Qualora per lo stesso periodo o corso di formazione vi siano da parte del personale ATA più richieste di partecipazione in tutto o in parte coincidenti, si darà priorità: a) adottando il criterio dell'alternanza, per la partecipazione a corsi di formazione sulla sicurezza e primo soccorso; b) adottando il criterio dell'alternanza, per la partecipazione ad iniziative di formazione, in ragione delle mansioni svolte, per il miglior funzionamento del servizio e l'attuazione del proprio profilo professionale; c) al personale neo immesso in ruolo. B) MODALITÀ DI UTILIZZAZIONE DEL PERSONALE DOCENTE IN RAPPORTO AL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA E AL PIANO DELLE ATTIVITÀ E MODALITÀ DI UTILIZZAZIONE DEL PERSONALE ATA IN RELAZIONE AL RELATIVO PIANO DELLE ATTIVITÀ FORMULATO DAL DSGA, SENTITO IL PERSONALE MEDESIMO I. PERSONALE DOCENTE 1- I docenti sono utilizzati nel rispetto del Piano Annuale delle attività e della delibera di adozione del P.O.F. da parte del Consiglio di Istituto. 2- Il Dirigente assegna le cattedre, i posti e le attività tenendo conto delle proprie prerogative dirigenziali e di quanto è di competenza degli OO.CC., nonché delle diverse professionalità presenti nella scuola e delle disponibilità espresse dai singoli docenti. 3- Il Dirigente assegna le attività aggiuntive di docenza relativa alle attività di recupero, vista l individuazione delle discipline oggetto di attività di recupero da parte del Collegio dei Docenti (o del Consiglio di Classe, qualora agisca su mandato del Collegio dei Docenti stesso) e considerate le competenze professionali di ciascun dipendente. 4- In assenza di specifiche professionalità o in caso di dichiarata indisponibilità, il Dirigente può far ricorso a risorse esterne. Sono definiti i seguenti criteri di priorità per l utilizzazione del personale docente: a) Docenti del Consiglio di Classe per tutte le attività connesse alla realizzazione del progetto formativo adottato dal Consiglio di Classe b) Docenti interni che abbiano dichiarato la propria disponibilità e rispondano alle indicazioni contenute nel P.O.F. c) Docenti appartenenti ad altra istituzione scolastica o universitaria in possesso delle competenze richieste 3

4 d) Esperti esterni non appartenenti al mondo della scuola o dell Università, in possesso delle competenze richieste 5- L individuazione ed assegnazione del personale docente da utilizzare nelle attività aggiuntive ed extracurricolari è effettuata dal Dirigente, tenuto conto delle indicazioni contenute nel Piano dell Offerta Formativa relativamente al personale coinvolto, delle indicazioni contenute nei progetti o convenzioni, delle disponibilità e delle competenze professionali di ciascun dipendente, con riferimento all ambito di interesse dell incarico. 6- I Docenti impegnati in attività legate al P.O.F. e le Funzioni Strumentali dovranno espletare i compiti loro assegnati al di fuori dell orario di insegnamento e di tutte quelle attività connesse alla funzione docente. 7- Per particolari insegnamenti e/o attività, il Dirigente può incaricare docenti di altra scuola, avvalendosi dell istituto delle collaborazioni plurime, a norma dell art. 35 del CCNL. Le eventuali prestazioni dei docenti di altra scuola vengono remunerate con il fondo dell istituzione scolastica che conferisce l incarico. I docenti la cui collaborazione è richiesta in altre scuole debbono essere autorizzati dal Dirigente che accerta che gli impegni non producano conseguenze sulle prestazioni obbligatorie e aggiuntive svolte nella scuola di titolarità. L autorizzazione può essere revocata con provvedimento motivato per iscritto. II. PERSONALE ATA 1- All inizio di ogni anno scolastico, contestualmente alla definizione del P.O.F. da parte degli OO.CC. e sulla base delle attività ivi previste: - il D.S.G.A. formula una proposta di piano annuale delle attività - il Dirigente e il D.S.G.A. consultano il personale in un apposita riunione in orario di lavoro - il Dirigente, verificata la congruenza rispetto al P.O.F. ed espletata l informazione preventiva, adotta il piano delle attività. Il D.S.G.A. attua il piano adottato dal Dirigente mediante l emanazione di specifici provvedimenti. 2- Il Dirigente assegna al personale ATA le attività di collaborazione e supporto alla realizzazione del Piano dell'offerta Formativa, viste le necessità connesse all effettuazione dei progetti e delle attività di cui al Piano dell'offerta Formativa stesso, sulla base dei rispettivi profili professionali e considerate le competenze professionali di ciascun dipendente. 3- Il Dirigente, vista la proposta del D.S.G.A., stabilisce il numero e la natura degli incarichi specifici di cui all art. 47, comma 1, lettera b) da attivare nella scuola, sulla base dei seguenti criteri: a) disponibilità degli interessati; b) professionalità specifica richiesta, documentata sulla base dei titoli di studio e/o professionali e delle esperienze acquisite; c) anzianità di servizio complessiva e di continuità nella sede attuale. 4- Per particolari attività, il Dirigente - su proposta o con il parere del D.S.G.A. - può incaricare personale A.T.A. di altra scuola, avvalendosi dell istituto delle collaborazioni plurime, a norma dell articolo 57 del CCNL. Le prestazioni del personale amministrativo, tecnico ed ausiliario di altra scuola vengono remunerate con il fondo dell istituzione scolastica che conferisce l incarico. 5- Possono essere richieste al personale prestazioni aggiuntive, anche oltre l orario d obbligo, in caso di assenza di una o più unità di personale o di esigenze impreviste e non programmabili. 6- Nella richiesta di prestazioni aggiuntive si assicura un equa ripartizione fra i dipendenti e si tiene conto: della specifica professionalità, nel caso sia richiesta della sede ove va effettuata la prestazione aggiuntiva della disponibilità espressa dal personale della graduatoria interna 7- Possono, inoltre, essere richieste prestazioni aggiuntive costituenti intensificazione della normale attività lavorativa, in caso di assenza di una o più unità di personale e/o per lo svolgimento di attività particolarmente impegnative e complesse. 4

5 C) CRITERI RIGUARDANTI LE ASSEGNAZIONI DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO ED ATA ALLE SEZIONI STACCATE E AI PLESSI, RICADUTE SULL'ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DEL SERVIZIO DERIVANTI DALL'INTENSIFICAZIONE DELLE PRESTAZIONI LEGATE ALLA DEFINIZIONE DELL UNITÀ DIDATTICA. RITORNI POMERIDIANI I. PERSONALE DOCENTE 1- I criteri per l assegnazione dei docenti alle diverse sedi, sezioni staccate e ai plessi sono i seguenti: a) conferma nella sede di servizio; b) rispetto della continuità educativo-didattica; c) specifiche competenze professionali dei docenti; d) la richiesta di spostamento del singolo dipendente, su posto vacante in altra sede/plesso, precede l insegnante in entrata; e) opzioni personali, compatibilmente con il numero dei posti non occupati in base ai precedenti punti a) e b); f) in caso di concorrenza di più domande sul medesimo posto o in caso di perdita di posti nel plesso o scuola, rispetto della graduatoria interna. 2- In tutte le fasi, valgono le precedenze ex L. n. 104/92 e successive modifiche ed integrazioni. 3- I docenti, sulla base della delibera degli OO.CC., recuperano le frazioni orarie non prestate in seguito alla riduzione del curricolo per flessibilità didattica prioritariamente con lezioni di sostegno/recupero/approfondimento da inserire in orario settimanale antimeridiano e con la disponibilità ad effettuare la sostituzione dei colleghi assenti, di norma fino ad un massimo di due unità-lezioni o supplenze settimanali; b) secondariamente, e in concomitanza con un apposito monitoraggio effettuato in itinere, con altre attività che prevedano la partecipazione degli studenti (attività di sostegno/recupero/approfondimento curricolare in orario pomeridiano solo se richieste dal docente; attività di approfondimento legate alla partecipazione a concorsi, olimpiadi varie e certamina, conferenze, orientamento in uscita, attività di laboratorio/biblioteca, visite guidate, viaggi d istruzione, scambi culturali, attività espositive, completamento di progetti ecc.). II. PERSONALE ATA 1- I criteri per l assegnazione del personale ATA alle sezioni staccate e ai plessi sono nell'ordine i seguenti: a) distribuzione equilibrata del personale necessaria per un buon funzionamento del servizio (tra i quali l'intervento nel primo soccorso e l'accudienza degli alunni diversamente abili); b) valorizzazione delle competenze professionali opportunamente documentate e disponibilità del personale a svolgere incarichi legati ad aspetti particolari del servizio; c) mantenimento della continuità nella sede occupata qualora essa sia garanzia di qualità del servizio; d) opzioni del personale; e) graduatoria interna. 2- L assegnazione alle diverse sedi avviene all inizio di ogni anno scolastico, prima dell inizio delle lezioni, e dura di norma per tutto l anno. 3- In tutte le fasi, valgono le precedenze ex L. n. 104/92 e successive modifiche ed integrazioni. 4- Preliminarmente alle operazioni di cui ai commi precedenti e per motivate esigenze organizzative e di servizio, il Dirigente, sentito il D.S.G.A., può disporre una diversa assegnazione rispetto all anno precedente di una o più unità di personale. 5

6 5- I settori sono individuati tenendo conto delle esigenze organizzative e didattiche dell Istituzione Scolastica secondo il numero di addetti assegnato proporzionalmente ai plessi. I carichi di lavoro saranno distribuiti equamente tra le unità in organico e la ripartizione dei carichi di lavoro per ciascun settore è prevista dal Piano delle attività del DSGA come adottato dal Dirigente. D) CRITERI E MODALITÀ RELATIVI ALLA ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E ALL ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO ED ATA, NONCHÉ CRITERI PER L INDIVIDUAZIONE DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO ED ATA DA UTILIZZARE NELLE ATTIVITÀ RETRIBUITE CON IL FONDO DI ISTITUTO I. PERSONALE DOCENTE Orario di insegnamento e delle attività collegiali 4- I docenti sono assegnati alle classi secondo i seguenti criteri, in ordine di priorità: a) far riferimento ai superiori interessi dell istituzione scolastica, tenendo conto di situazioni di incompatibilità ambientale e di particolari elementi ostativi; b) evitare che vengano assegnate classi frequentate da propri familiari; c) rispondere alle esigenze didattiche generali di ciascun corso e/o classe; d) assicurare, per quanto possibile, la continuità educativo-didattica; e) collocare, per quanto possibile, le ore tenendo conto anche della finalità di assicurare agli studenti una preparazione e una valutazione che risponda a criteri di equità, omogeneità e imparzialità; f) far ricorso all anzianità di servizio in caso di più aspiranti alla stessa cattedra. 5- Le attività collegiale vengono effettuate secondo il Piano delle attività; la convocazione deve essere fatta di norma 5 giorni prima con l'indicazione della presumibile durata; solo in via eccezionale e per casi inderogabili e non prevedibili la convocazione può essere fatta almeno un giorno prima. Attività funzionali all insegnamento e ricevimento individuale genitori 1- Le attività funzionali all insegnamento, di cui all art. 29 del CCNL, sono riportate nel Piano annuale delle attività. 2- Il Dirigente, per improrogabili esigenze e necessità sopravvenute, può disporre l effettuazione di attività non previste nel piano annuale e conseguentemente modificarlo. 3- Il ricevimento dei genitori viene effettuato secondo le modalità e i criteri proposti dal Collegio dei docenti e deliberati dal Consiglio d Istituto. Orario giornaliero delle lezioni 1- La formulazione dell'orario giornaliero delle lezioni è competenza del Dirigente e si attiene precipuamente a criteri didattici. Nella scuola secondaria di I grado orientativamente i criteri sono i seguenti: a) di norma da 2 a 5 ore di lezione al giorno, fatte salve le particolari circostanze; b) non assegnare alla stessa disciplina sempre le ultime ore o sempre le prime, salvo particolari esigenze documentate; c) abbinare le ore solo per esigenze didattiche; d) non concentrare gli insegnamenti in giorni consecutivi della settimana o in un unico giorno. 4- In caso di sospensione delle lezioni nelle proprie classi (viaggi d istruzione, visite didattiche, ecc.) i docenti sono considerati a disposizione e vengono utilizzati nelle sostituzioni dei colleghi assenti. Lavoro aggiuntivo 1- Sono retribuiti di norma i lavori svolti dalle commissioni che rientrano nel funzionigramma di Istituto e i progetti inseriti nel P.O.F.. 2- Il Dirigente affida gli incarichi con nomina scritta, anche cumulativa, pubblicata all'albo. 6

7 3- I docenti affidatari certificano il lavoro svolto con una relazione, in cui devono esser esplicitati il piano di lavoro annuale, i tempi di attuazione e gli obiettivi raggiunti. Non sono erogati compensi in caso di dimissioni non validamente motivate. Permessi o assenze retribuite 1- Le domande di ferie e permessi, a qualsiasi titolo, se non legate ad esigenze improvvise ed urgenti debitamente documentate che il Dirigente vaglierà singolarmente, vanno presentate almeno 5 (cinque) giorni prima, formalizzate per iscritto su apposita modulistica. 2- I docenti durante l anno scolastico hanno la possibilità di fruire di 3 (tre) giorni di permesso per motivi personali o familiari documentati con idonea certificazione o autocertificazione, di norma in giorni non coincidenti con le attività del piano annuale. 3- Il Dirigente comunica per iscritto l eventuale rifiuto o riduzione della concessione per inderogabili esigenze di servizio, specificandone i motivi. 4- Salve le ipotesi di comprovato impedimento, le assenze per motivi di salute dovranno essere comunicate all Istituto tempestivamente e, comunque, non oltre l'inizio delle lezioni, anche nel caso di prosecuzione di tale assenza. Ferie 1- Le ferie devono essere fruite dal personale docente a domanda, compatibilmente con le esigenze di servizio, durante il periodo di sospensione delle attività didattiche. 2- Per un periodo non superiore a 6 (sei) giornate lavorative è consentita la fruizione del congedo ordinario durante la rimanente parte dell anno, di norma in giorni non coincidenti con le attività deliberate nel piano annuale, secondo le modalità previste dal CCNL 2007 e dalla normativa vigente. In caso di richieste coincidenti per lo stesso periodo o per le stesse classi il Dirigente tiene conto nell autorizzarle delle precedenti richieste e comunque salvaguardando le esigenze di servizio debitamente motivate. 3- Dovrà essere assicurata una equa distribuzione tra i docenti richiedenti; qualora vi siano più richieste, si procede all assegnazione delle ferie (di norma a non più di tre unità nello stesso giorno) sulla base dei seguenti criteri: a) minor utilizzo, da parte del docente, di tale congedo; b) precedenza in base al protocollo della domanda di richiesta; c) anzianità di servizio. Permessi orari, ritardi, recuperi 1- Salvo casi straordinari di necessità ed urgenza debitamente documentata, i permessi brevi potranno essere concessi se richiesti con almeno tre giorni di anticipo. 2- L istituto contrattuale del permesso breve può essere richiesto dai docenti, nel limite massimo di due ore giornaliere, anche per le attività funzionali all insegnamento (collegio docenti, consigli di classe, riunioni dipartimentali ecc.), con recupero in altre attività funzionali all insegnamento. 3- È ammesso il recupero anticipato dei permessi richiesti. Supplenze brevi 1- I docenti sono utilizzati dal Dirigente per le supplenze brevi con ore messe a disposizione in orario settimanale (con un preavviso di un giorno, se possibile), secondo un piano di utilizzo annuale che tiene conto: a) dell efficienza ed efficacia del servizio scolastico; b) delle preferenze espresse dagli interessati; c) delle esigenze della scuola di avere docenti a disposizione nelle prime e/o nelle ultime ore. 2- Nella Scuola Primaria, in sede di programmazione di inizio anno, ogni plesso elabora il piano delle disponibilità di sostituzione dei colleghi assenti. Per sostituire i docenti assenti si ricorrerà prioritariamente alle ore di compresenza. Esaurite dette ore si potrà ricorrere ad ore aggiuntive (fino a 6 ore settimanali) che saranno pagate o recuperate in orario di compresenza a richiesta dell insegnante o secondo quanto previsto dal CCNL 2006/09. 7

8 3- Il Dirigente o un suo incaricato assegna la supplenza breve, seguendo, nel caso di più docenti a disposizione nella stessa ora, le seguenti priorità: a) docente a disposizione della stessa classe; b) docente a disposizione della stessa disciplina, ma di altra classe; c) docente a disposizione senza vincoli; d) docente con classe assente; e) docente che deve recuperare un permesso orario o ritardo; f) docenti di sostegno in orario di compresenza (che possono sostituire il titolare assente e sono utilizzati anche nei casi di impossibilità a reperire docenti per la sostituzione in altre classi, qualora sia assente l alunno diversamente abile loro assegnato); g) docente disponibile a prestare ore eccedenti di insegnamento (a pagamento) secondo le modalità di cui all articolo successivo. 4- Nell impossibilità di garantire il servizio scolastico e la sicurezza degli alunni, in assenza di disponibilità, il Dirigente dispone apposito ordine di servizio, purché non si superi il limite massimo di 24 ore settimanali per ogni docente. 5- L assegnazione delle ore tiene conto di un equilibrio complessivo delle ore assegnate a ciascun docente disponibile, dando comunque priorità, ove possibile, ai docenti della stessa classe o della stessa disciplina. Rilevazione delle presenze e dell orario di lavoro 1-La rilevazione delle presenze e dell orario di lavoro riguarderà tutto il personale dipendente (docente ed ATA) ed avverrà tramite sistema automatizzato a badge. Fino ad installazione ed adeguamento tecnico del sistema di rilevazione automatica, la verifica dell orario dei docenti avverrà previa firma di inizio servizio da apporre in apposito modulo o registro. II. PERSONALE ATA Orario normale 1- L orario di lavoro viene di norma stabilito per l intero anno scolastico in sede di adozione del Piano annuale delle attività di servizio. 2- Nella definizione dell orario si tiene conto sia delle esigenze dei lavoratori, sia delle necessità di servizio. 3- L orario normale deve assicurare, per quanto possibile, la copertura di tutte le attività didattiche previste dal curricolo obbligatorio, comprensivo della quota nazionale e di quella definita dalla scuola, e di tutte le riunioni degli OO.CC. 4- I collaboratori scolastici assegnati ai posti di lavoro effettuano di norma il servizio su detti posti per tutto l anno scolastico e fino alla nuova ripartizione dell anno successivo, fatte salve particolari esigenze di servizio. I settori sono definiti in modo tale da assicurare un equa ripartizione del lavoro tra le diverse unità di personale della stessa qualifica e tenendo conto delle diverse professionalità. 5- I rientri pomeridiani per esigenze di servizio e per assistenza al P.O.F. sono svolti a rotazione da tutti i collaboratori, salvo accordi con i colleghi, da autorizzare a cura del D.S.G.A.. 7- L orario di lavoro del personale amministrativo, ai sensi dell art. 54 del CCNL, è stabilito in 36 ore settimanali. L orario di lavoro potrà prevedere rientri pomeridiani settimanali. In tal caso, l orario prestato in eccedenza alle 36 ore settimanali verrà cumulato e recuperato in occasione delle chiusure prefestive della scuola. Per lo svolgimento delle attività connesse all effettuazione degli scrutini quadrimestrali e finali, potranno essere previste forme di turnazione tra gli assistenti amministrativi del settore alunni o prolungamenti dell orario di un assistente amministrativo, con conseguente recupero. Definizione dei turni ed orari 1- L orario ordinario di lavoro è definito dal Piano Annuale delle Attività. 8

9 2- Per motivi oggettivi di trasporto, è possibile, dietro richiesta del dipendente, un orario flessibile di entrata posticipata o di uscita anticipata, con recupero in base alle esigenze di servizio. 4- I collaboratori scolastici durante gli Esami di Stato posticipano e/o anticipano l entrata e l uscita in maniera flessibile in base agli impegni delle commissioni d esame. Attività prestate oltre l orario d obbligo, rientri pomeridiani, recuperi compensativi 1- Le ore eccedenti saranno prestate da tutto il personale in servizio con il criterio della rotazione in ordine alfabetico, con eventuale esclusione di coloro che si trovino in particolari situazioni previste dalle L. 1204/71, 903/77, 104/92. Questi ultimi potranno, comunque, comunicare di volta in volta la loro disponibilità alle suddette prestazioni. Gli interessati segnaleranno la propria preferenza per la retribuzione con compenso a carico del fondo di istituto, compatibilmente con le disponibilità finanziarie, o per il recupero con riposi compensativi. Il recupero delle ore eccedenti con riposi compensativi, preventivamente concordato con il DSGA, dovrà avvenire nei periodi di sospensione dell attività didattica o in occasione delle chiusure prefestive, in ogni caso entro l a.s. di riferimento. Permessi, ritardi, ferie 1- Le domande di ferie e permessi, a qualsiasi titolo, se non legate ad esigenze improvvise ed urgenti debitamente documentate che il Dirigente vaglierà singolarmente, vanno presentate almeno 5 (cinque) giorni prima, formalizzate per iscritto su apposita modulistica. 2- I permessi di durata non superiore alla metà dell orario giornaliero individuale di servizio sono autorizzati dal Dirigente, dopo il parere del DSGA. L eventuale rifiuto o riduzione della concessione deve essere debitamente motivato. I permessi complessivamente concessi non possono eccedere le 36 ore nel corso dell intero anno scolastico. Eventuali imprevisti prolungamenti della durata del permesso concesso devono essere calcolati nel monte ore complessivo. Salvo casi straordinari di necessità ed urgenza debitamente documentata, i suddetti permessi potranno essere concessi se richiesti con almeno tre giorni di anticipo. Il recupero deve avvenire entro i due mesi successivi, in giorni o periodi di maggiore necessità, secondo modalità da concordare con il DSGA. Eventuali ritardi devono essere segnalati tempestivamente e giustificati. I ritardi saranno recuperati entro 2 mesi successivi se superano i 15 minuti, nella stessa giornata se inferiori. 3- In caso di mancato recupero del permesso o del ritardo, attribuibile ad inadempienza del dipendente, si opera la proporzionale decurtazione della retribuzione, così come previsto dall art. 54 del CCNL. 4- Entro il 30 aprile il personale deve presentare, per iscritto, la domanda di ferie estive. In caso di più richieste coincidenti, nell autorizzare le ferie si cercherà un accordo tra le parti. In caso contrario si tiene conto delle esigenze di servizio, della priorità occupata nelle graduatorie di Istituto e dei periodi usufruiti l anno precedente, concedendo a rotazione annuale alternativamente i mesi di luglio ed agosto e garantendo un periodo minimo di 15 giorni lavorativi consecutivi. Le ferie spettanti per ogni anno scolastico devono essere fruite entro il 31 agosto dell a.s. di riferimento, con possibilità di usufruire, fatte salve le esigenze di servizio, di un eventuale residuo massimo di n. 8 giorni entro il 31 dicembre o, per motivate esigenze di servizio, entro 30 aprile dell a.s. successivo, prevalentemente nei periodi di sospensione dell attività didattica. Il Direttore dei servizi generali ed amministrativi predispone, quindi, il piano delle ferie, che viene adottato non oltre il mese di maggio, curandone l affissione all albo della scuola, garantendo un unità di personale A.A. e n. 2 Coll Scol. per ogni periodo. 5- Il Dirigente comunica per iscritto l eventuale rifiuto o riduzione della concessione per inderogabili esigenze di servizio, specificandone i motivi. 6- Salve le ipotesi di comprovato impedimento, le assenze per motivi di salute dovranno essere comunicate all Istituto tempestivamente e, comunque, non oltre l'inizio delle lezioni, anche nel caso di prosecuzione di tale assenza. Chiusura della Scuola nelle giornate prefestive 9

10 1- Sulla base di apposita delibera adottata dal Consiglio di Istituto, la scuola resterà chiusa nelle giornate prefestive, ricadenti in periodi di sospensione dell attività didattica, elencate nella predetta delibera. Il servizio non prestato nei predetti giorni di chiusura potrà essere reso dal personale ATA con le seguenti modalità: a) compensazione con le ore di lavoro straordinario prestate; b) recuperi programmati nel corso dell anno scolastico, anche in anticipo rispetto alle giornate di chiusura; sono ammessi anche recuperi di un ora settimanale in aggiunta alle 36 ore ordinarie; c) utilizzo di giornate di ferie. 2- La programmazione dei recuperi dovrà tenere conto delle esigenze di funzionamento dell Istituto. Rilevazione delle presenze e dell orario di lavoro 1-La rilevazione delle presenze e dell orario di lavoro riguarderà tutto il personale dipendente (docente ed ATA), ed avverrà tramite sistema automatizzato a badge. Fino ad installazione ed adeguamento tecnico del sistema di rilevazione automatica, la verifica dell orario del personale ATA avverrà previa firma di inizio e termine servizio da apporre in apposito modulo o registro. E) CRITERI PER L INDIVIDUAZIONE DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO ED ATA DA UTILIZZARE NELLE ATTIVITÀ RETRIBUITE CON IL FONDO DI ISTITUTO 1- I criteri per l individuazione del personale docente, educativo ed ATA da utilizzare nelle attività retribuite con il fondo di istituto sono i seguenti: disponibilità del personale; competenza specifica per la funzione; continuità con attività precedentemente svolte; equa distribuzione degli incarichi; graduatoria interna. F) Criteri di attuazione dei progetti nazionali, europei e territoriali (CCNL art. 6 lettera c); criteri di individuazione e modalità di utilizzazione del personale in progetti derivanti da specifiche disposizioni legislative, nonché da convenzioni, intese o accordi di programma stipulati dalla singola istituzione scolastica o dall Amministrazione scolastica periferica con altri enti e istituzioni (CCNL art. 6 lettera f) 1- I criteri per l individuazione del personale docente, educativo ed ATA da utilizzare nei progetti di cui al CCNL art. 6 lettera c ed f sono i seguenti: prioritariamente i docenti dell area afferente al tema del progetto che si siano impegnati nella fase di progettazione e che si siano dichiarati disponibili nelle successive fasi di realizzazione; competenze professionali specifiche per la funzione; continuità con attività precedentemente svolte; prescrizioni dell accordo o dei partners; equa distribuzione degli incarichi; graduatoria interna. IL DIRIGENTE Prof. Adriano GIOÈ 10

Prot. n. 8861/A19c Menfi, 02-12-2013. INFORMAZIONE PREVENTIVA ai sensi D.L.vo 27 ottobre 2009 n.150 anno scolastico 2013/2014

Prot. n. 8861/A19c Menfi, 02-12-2013. INFORMAZIONE PREVENTIVA ai sensi D.L.vo 27 ottobre 2009 n.150 anno scolastico 2013/2014 Unione Europea Repubblica Italiana Regione Sicilia REGIONE SICILIANA-DISTRETTO SCOLASTICO N.65 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA, ELEMENTARE E MEDIA «S. BIVONA» Contrada Soccorso s. n. tel./ fax 092571895-092573400

Dettagli

Informativa relativa all organizzazione degli uffici e alla gestione dei rapporti di lavoro

Informativa relativa all organizzazione degli uffici e alla gestione dei rapporti di lavoro MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO G. GAVAZZENI Via Combattenti e Reduci 70 TALAMONA (Sondrio) Tel. e Fax 0342/670755 - e.mail: segreteria@ictalamona.it Anno

Dettagli

INFOMAZIONE PREVENTIVA IN RELAZIONE ALL'ART. 6 DEL CCNL 2006-2009 ANNO SCOLASTICO 2011-2012

INFOMAZIONE PREVENTIVA IN RELAZIONE ALL'ART. 6 DEL CCNL 2006-2009 ANNO SCOLASTICO 2011-2012 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SORBOLO Via Garibaldi,29 43058 SORBOLO (PR) Tel 0521/697705 Fax 0521/698179 Sito internet: http://icsorbolomezzan.scuolaer.it e-mail: pric81400t@istruzione.it Prot. n. 4918/C14

Dettagli

Modalità di organizzazione del personale docente e di utilizzazione del personale Ata

Modalità di organizzazione del personale docente e di utilizzazione del personale Ata LICEO CLASSICO STATALE N. FORTEGUERRI LICEO STATALE DELLE SCIENZE UMANE A. VANNUCCI Corso Gramsci, 148 - PISTOIA - Tel. 0573/20302-22328-Fax 0573/24371 Modalità di organizzazione del personale docente

Dettagli

dispone per l anno scolastico 2013/2014 la seguente ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO

dispone per l anno scolastico 2013/2014 la seguente ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO Prot. n. 6173 del 20/11/2013 Il Dirigente Scolastico Visto il D.Lgs 297/1994; Vista la Legge 59/1997 art. 21; Visto il DPR 275/1999 art. 14; Visto il D.Lgs 165/201 art. 25; Visto il CCNL 2006/2009; Visto

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore PIETRO SCALCERLE Liceo Linguistico e Istituto Tecnico Chimica, materiali e biotecnologie

Istituto di Istruzione Superiore PIETRO SCALCERLE Liceo Linguistico e Istituto Tecnico Chimica, materiali e biotecnologie Prot. n. 3631/C16 Istituto di Istruzione Superiore PIETRO SCALCERLE Liceo Linguistico e Istituto Tecnico Chimica, materiali e biotecnologie 35136 PADOVA - Via delle Cave, 174 Tel. 049/720744 - Fax 049/8685112

Dettagli

CAPO IV MODALITÀ DI UTILIZZO DEL PERSONALE DOCENTE IN RAPPORTO AL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO. - 1 -

CAPO IV MODALITÀ DI UTILIZZO DEL PERSONALE DOCENTE IN RAPPORTO AL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO. - 1 - CAPO IV MODALITÀ DI UTILIZZO DEL PERSONALE DOCENTE IN RAPPORTO AL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO. - 1 - ART. 19 Orario 1. All inizio dell anno scolastico vene definito l orario

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. 35020 Albignasego (PD)

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. 35020 Albignasego (PD) I criteri per le determinazioni del dirigente riferiti a l organizzazione degli uffici e le misure inerenti alla gestione dei rapporti di lavoro ex art. 5, comma 2, del Dlgs n. 165/2001 come novellato

Dettagli

LICEO CLASSICO G.D. ROMAGNOSI dal 1860-61

LICEO CLASSICO G.D. ROMAGNOSI dal 1860-61 Il passato del futuro LICEO CLASSICO G.D. ROMAGNOSI dal 1860-61 Viale Maria Luigia, 1-43125 Parma - Tel. 0521.282115 - Fax. 0521.385159 www.liceoromagnosi.org - ssromagn@scuole.pr.it - codice MIUR PRPC010001

Dettagli

INFORMATIVA SU MODALITA DELL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DELL ORARIO DI SERVIZIO DEL PERSONALE DOCENTE E ATA ANNO SCOLASTICO 2011/2012

INFORMATIVA SU MODALITA DELL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DELL ORARIO DI SERVIZIO DEL PERSONALE DOCENTE E ATA ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio LICEO SCIENTIFICO STATALE GIUSEPPE PEANO 00142 Roma - Via Francesco Morandini, 38 - XIX Distretto e-mail:

Dettagli

CAPO III ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DEL PERSONALE A.T.A.ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO - 1 -

CAPO III ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DEL PERSONALE A.T.A.ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO - 1 - CAPO III ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DEL PERSONALE A.T.A.ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO - 1 - PREMESSA Al fine di evitare equivoci di sorta, a tutto il personale ATA viene consegnata copia individuale dell

Dettagli

CRITERI E MODALITA RELATIVI ALL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DELL ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DEL PERSONALE DOCENTE E ATA

CRITERI E MODALITA RELATIVI ALL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DELL ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DEL PERSONALE DOCENTE E ATA CRITERI E MODALITA RELATIVI ALL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DELL ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DEL PERSONALE DOCENTE E ATA Art. 1 Criteri di assegnazione del personale docente ai corsi e alle classi 1. Il

Dettagli

ALLEGATO 1 DETERMINAZIONI DEL DIRIGENTE IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO VISTO VISTA VISTA VISTA VISTA VISTO VISTO VISTO VISTA VISTA

ALLEGATO 1 DETERMINAZIONI DEL DIRIGENTE IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO VISTO VISTA VISTA VISTA VISTA VISTO VISTO VISTO VISTA VISTA ALLEGATO 1 DETERMINAZIONI DEL DIRIGENTE IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO VISTO il CCNL Comparto Scuola 2006-2009; VISTA la Sequenza Contrattuale Docenti dell 8.04.2008; VISTA la Sequenza Contrattuale

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA

ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA Atti preliminari ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA All inizio di ogni anno scolastico e comunque prima dell inizio delle lezioni, sulla base del POF e delle attività ivi previste:?? Il

Dettagli

1.Criteri di assegnazione del personale

1.Criteri di assegnazione del personale ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PARMIGIANINO P.le Rondani, 1 43100 Parma - Tel. 0521/233874 Fax 0521/233046 e-mail: pric83600p@istruzione.it PEC: pric83600p@pec.istruzione.it web: www.icparmigianino.it Codice

Dettagli

INFORMATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO SULL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DEGLI UFFICI

INFORMATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO SULL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DEGLI UFFICI Prot. n. 4369/A 26 Concordia Sagittaria, 24 novembre 2015 Ai rappresentanti sindacali Al personale dell Istituto All albo dell Istituto INFORMATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO SULL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo "Dante"

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Dante Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo "Dante" Via Rusnati,1 21013 Gallarate (VA) C.F. 91055810120 Cod. Meccanografico VAIC878006 Tel. 0331.792428 - Fax 0331.774924

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA DI CODROIPO (UD) Via Friuli, 14 33033 CODROIPO

DIREZIONE DIDATTICA DI CODROIPO (UD) Via Friuli, 14 33033 CODROIPO DIREZIONE DIDATTICA DI CODROIPO (UD) Via Friuli, 14 33033 CODROIPO E-mail Intranet: UDEE057002@istruzione.it Tel. 0432-906427 Fax 0432-906436 E-mail Internet: cdcodroipo@cdcodroipo.it CONTRATTO INTEGRATIVO

Dettagli

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO CIAMPOLI-SPAVENTA

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO CIAMPOLI-SPAVENTA ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO CIAMPOLI-SPAVENTA SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI PRIMO GRADO SECONDARIA DI SECONDO GRADO: ITE - LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO S.A. IST. PROF.LE SOCIO SANITARIO

Dettagli

I.T.S. E.MATTEI DI DECIMOMANNU

I.T.S. E.MATTEI DI DECIMOMANNU I.T.S. E.MATTEI DI DECIMOMANNU ACCORDO A LIVELLO DI ISTITUZIONE SCOLASTICA IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DEL PERSONALE ATA L anno 2015, nel mese di MAGGIO, il giorno

Dettagli

PARTE GENERALE PROCEDURE PER LA DEFINIZIONE DEL PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA

PARTE GENERALE PROCEDURE PER LA DEFINIZIONE DEL PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DEL PERSONALE ATA (ai sensi dell art. 3, comma 1, lettera f del CCNL 15/03/2001) L anno 2002 il mese

Dettagli

Contratto Integrativo di Istituto a.s. 2014/2015. Organizzazione del lavoro e articolazione dell orario del personale A.T.A.

Contratto Integrativo di Istituto a.s. 2014/2015. Organizzazione del lavoro e articolazione dell orario del personale A.T.A. Contratto Integrativo di Istituto a.s. 2014/2015 Organizzazione del lavoro e articolazione dell orario del personale A.T.A. VISTO il CCNL 2006/2009 e successive modificazioni ed integrazioni Art.1 Riunione

Dettagli

INFORMAZIONE SULLE MATERIE ATTINENTI AL RAPPORTO DI LAVORO IN ATTESA INTRODUZIONE MODELLO ESAME CONGIUNTO

INFORMAZIONE SULLE MATERIE ATTINENTI AL RAPPORTO DI LAVORO IN ATTESA INTRODUZIONE MODELLO ESAME CONGIUNTO INFORMAZIONE SULLE MATERIE ATTINENTI AL RAPPORTO DI LAVORO IN ATTESA INTRODUZIONE MODELLO ESAME CONGIUNTO (Art. 5, comma 2, del D.lgs n. 165 del 2001, così come novellato dall art. 2, comma 17, del Decreto

Dettagli

INFORMAZIONE DISPOSIZIONI SULL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEL PERSONALE A.S.2014/15 PERSONALE DOCENTE. Organizzazione del lavoro.

INFORMAZIONE DISPOSIZIONI SULL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEL PERSONALE A.S.2014/15 PERSONALE DOCENTE. Organizzazione del lavoro. INFORMAZIONE DISPOSIZIONI SULL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEL PERSONALE A.S.2014/15 PERSONALE DOCENTE - Struttura organizzativa dei docenti Organizzazione del lavoro. 1- Il Dirigente Scolastico sceglie

Dettagli

U.O.C. Risorse Umane Regolamento PERMESSI RETRIBUITI (150 ORE) REV.: /// PER DIRITTO ALLO STUDIO PAG.: 1 di 9 REGOLAMENTO

U.O.C. Risorse Umane Regolamento PERMESSI RETRIBUITI (150 ORE) REV.: /// PER DIRITTO ALLO STUDIO PAG.: 1 di 9 REGOLAMENTO PER DIRITTO ALLO STUDIO PAG.: 1 di 9 Allegato alla deliberazione n. 1217 del 22 ottobre 2015 REGOLAMENTO PER LA FRUIZIONE DEI PERMESSI RETRIBUITI PER DIRITTO ALLO STUDIO (150 ORE) COMPARTO SANITÀ Rev.

Dettagli

MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE ACCADEMIA DI BELLE ARTI Via Duca degli Abruzzi, 4 07100 SASSARI

MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE ACCADEMIA DI BELLE ARTI Via Duca degli Abruzzi, 4 07100 SASSARI MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE ACCADEMIA DI BELLE ARTI Via Duca degli Abruzzi, 4 07100 SASSARI Prot. n. 2066/A1a 16.05.2011 Vista la legge 508 del 1999;

Dettagli

VERBALE ESAME CONGIUNTO

VERBALE ESAME CONGIUNTO VERBALE ESAME CONGIUNTO Il giorno 27/03/2013, presso l ITIS E. Mattei di San Donato Milanese tra la delegazione di parte pubblica rappresentata dal Dirigente Scolastico prof. Paiano Giacomo e la delegazione

Dettagli

Polo Universitario della Provincia di Agrigento

Polo Universitario della Provincia di Agrigento Polo Universitario della Provincia di Agrigento DIRETTIVA DEL RESPONSABILE DEL SETTORE AA.GG. N. 3 del _15/02/2013_ OGGETTO: GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ALLEGATO A ALLA DELIBERA DI G.C. N. 71 DEL 05.11.2009 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI

Dettagli

Istituto Tecnico Tecnologico E. FERMI Ascoli Piceno ART 6 comma 2 CCNL 2007 Informazione preventiva a.s. 2011-12

Istituto Tecnico Tecnologico E. FERMI Ascoli Piceno ART 6 comma 2 CCNL 2007 Informazione preventiva a.s. 2011-12 Istituto Tecnico Tecnologico E. FERMI Ascoli Piceno ART 6 comma 2 CCNL 2007 Informazione preventiva a.s. 2011-12 Lettera c): criteri di attuazione dei progetti nazionali, europei e territoriali Sono inseriti

Dettagli

COMUNE DI CAMPEGINE ART. 1 NORME DI PRINCIPIO

COMUNE DI CAMPEGINE ART. 1 NORME DI PRINCIPIO COMUNE DI CAMPEGINE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Il presente Regolamento

Dettagli

INFORMATIVA SUI CRITERI RELATIVI ALL ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI. Anno Scolastico 2014-2015 TITOLO I - PERSONALE DOCENTE

INFORMATIVA SUI CRITERI RELATIVI ALL ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI. Anno Scolastico 2014-2015 TITOLO I - PERSONALE DOCENTE MINISTERO DELL ISTRUZIONE,DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Istituto Comprensivo Pablo Neruda Via Casal del marmo n. 212-00135 Roma 06/30812886-06 30819741 fax 06/30812292

Dettagli

INFORMATIVA ALLA RSU SUI CRITERI ADOTTATI NELLA GESTIONE DEL PERSONALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015

INFORMATIVA ALLA RSU SUI CRITERI ADOTTATI NELLA GESTIONE DEL PERSONALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DE NICOLA - SASSO C.so Vittorio Emanuele,77-80059 TORRE DEL GRECO (NA) Cod. Fisc. 95170080634 - Cod. Mecc. NAIC8CS00C 36 Distretto Scolastico Tel./ Fax 081 882 65 00 e-mail

Dettagli

COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA **********

COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA ********** COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA ********** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 162 del 19.11.2014

Dettagli

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria PER LA CONCESSIONE DEI PERMESSI RETRIBUITI

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria PER LA CONCESSIONE DEI PERMESSI RETRIBUITI Regione Calabria ARPACAL Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria ALLEGATO ALLA DELIBERA N 1233/2010 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI PERMESSI RETRIBUITI PER DIRITTO ALLO STUDIO

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE Adottato con atto deliberativo di Giunta Comunale n 83 del 02.08.2002 Modificato

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DEL PERSONALE DOCENTE

ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DEL PERSONALE DOCENTE M i n i s t e r o d e l l I s t r u z i o n e, d e l l U n i v e r s i t à e d e l l a R i c e r c a I. I. S. J. T O R R I A N I I S T I T U T O T E C N I C O - S E T T O R E T E C N O L O G I C O L I

Dettagli

Prot. N. 1551/C14 Abbiategrasso, 18 settembre 2015. Il Dirigente Scolastico

Prot. N. 1551/C14 Abbiategrasso, 18 settembre 2015. Il Dirigente Scolastico Prot. N. 1551/C14 Abbiategrasso, 18 settembre 2015 Oggetto: Piano di lavoro personale A.T.A. a.s. 2015/16 Agli interessati e p.c. Alla RSU Atti Albo Il Dirigente Scolastico VISTO il CCNL 2006/09, con riferimento

Dettagli

Prot. N 1073/A26 Genova, 9 febbraio 2012 DETERMINAZIONE UNILATERALE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

Prot. N 1073/A26 Genova, 9 febbraio 2012 DETERMINAZIONE UNILATERALE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO LICEO STATALE P. GOBETTI Liceo Linguistico Liceo Musicale e Coreutico sez. Coreutica Liceo Scienze Umane Liceo Scienze Umane Economico Sociale Via Spinola di S.Pietro, 1-16149 Genova - Tel.0106469787 -Fax

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DELLA PRESENZA IN SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI AVIGLIANO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DELLA PRESENZA IN SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI AVIGLIANO ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 63 DEL 14/6/2013 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DELLA PRESENZA IN SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI AVIGLIANO ART.

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE

REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE Articolo 1 (Orario ordinario di lavoro e di servizio. Definizioni) Articolo 2 (Articolazione dell orario)

Dettagli

COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI

COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI ********************** Approvato con Deliberazione di

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Direzione Generale Ufficio IV Settore II

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Direzione Generale Ufficio IV Settore II Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Direzione Generale Ufficio IV Settore II CONTRATTO INTEGRATIVO REGIONALE SUI CRITERI PER LA FRUIZIONE

Dettagli

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Le presente direttive vengono adottate al

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Schema di regolamento recante Revisione dell assetto ordinamentale, organizzativo e didattico della scuola dell infanzia e del primo ciclo di istruzione ai sensi dell'articolo 64, comma 4, del decreto

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Schema di regolamento recante Revisione dell assetto ordinamentale, organizzativo e didattico della scuola dell infanzia e del primo ciclo di istruzione ai sensi dell'articolo 64 del decreto legge 25 giugno

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO 2014-15

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO 2014-15 CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO 2014-15 TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Campo di applicazione, decorrenza e durata Il presente contratto si applica a tutto il personale docente ed

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI ORE DI DIDATTICA AGGIUNTIVA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI ORE DI DIDATTICA AGGIUNTIVA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI ORE DI DIDATTICA AGGIUNTIVA Il Consiglio di Amministrazione Vista la legge n. 508 del 21.12.1999; Visto il CCNL comparto AFAM del 16.02.2005, in particolare l art. 23 concernente

Dettagli

COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012

COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012 COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012 ACCORDO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Il presente accordo

Dettagli

COMUNE DI GROTTAMMARE

COMUNE DI GROTTAMMARE COMUNE DI GROTTAMMARE 63013 PROVINCIA DI ASCOLI PICENO P.IVA 00403440449 * Tel. 0735-7391 * Fax 0735-735077 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO (approvato con deliberazione

Dettagli

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA D ISTITUTO GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA D ISTITUTO GESTIONE DELLE RISORSE UMANE CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA D ISTITUTO GESTIONE DELLE RISORSE UMANE Il giorno 30/09/2014 alle ore 10.30 presso l Istituto Comprensivo di Varallo tra il Dirigente Scolastico e le R.S.U., si stipula la seguente

Dettagli

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO 1 INDICE Art. 1 L orario di lavoro ordinario Art. 2 L orario differenziato

Dettagli

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO. Art. 1 - Finalità e definizioni

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO. Art. 1 - Finalità e definizioni REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO Art. 1 - Finalità e definizioni 1. Ai fini del presente regolamento si intende: - per ufficio l insieme funzionale di competenze amministrative e tecniche attribuite ad una

Dettagli

Ordinanza Ministeriale n. 92 Prot. n. 11075 del 5.11.2007

Ordinanza Ministeriale n. 92 Prot. n. 11075 del 5.11.2007 IL MINISTRO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Ordinanza Ministeriale n. 92 Prot. n. 11075 del 5.11.2007 Visto il Regio Decreto 4 maggio 1925, n. 653, contenente disposizioni sugli studenti, esami e tasse negli

Dettagli

Regolamento sull orario del personale del comparto ARPAV

Regolamento sull orario del personale del comparto ARPAV Raccolta Regolamenti ARPAV n. 28 Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto Regolamento sull orario del personale del comparto ARPAV Approvato con deliberazione del Decreto

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORARIO DI SERVIZIO, SUL LAVORO STRAORDINARIO E SULLA BANCA DELLE ORE

REGOLAMENTO SULL ORARIO DI SERVIZIO, SUL LAVORO STRAORDINARIO E SULLA BANCA DELLE ORE COMUNE DI PORTOGRUARO Provincia di Venezia REGOLAMENTO SULL ORARIO DI SERVIZIO, SUL LAVORO STRAORDINARIO E SULLA BANCA DELLE ORE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 230 DEL 14.11.2002.

Dettagli

Contrattazione integrativa d Istituto a.s.2012/2013 FRONTESPIZIO DELL INTESA

Contrattazione integrativa d Istituto a.s.2012/2013 FRONTESPIZIO DELL INTESA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Scuola dell INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA di I GRADO Via Milazzo,21-03030

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE ART. 1 RILEVAZIONE DELLE PRESENZE Ai sensi della vigente disciplina contrattuale, l orario di lavoro dei dipendenti è accertato mediante controlli

Dettagli

CONTRATTO DECENTRATO INTEGRATIVO DI ISTITUTO - A.S. 2014/15 - STIPULATO AI SENSI DELL ART. 6 CCNL-COMPARTO SCUOLA 2007

CONTRATTO DECENTRATO INTEGRATIVO DI ISTITUTO - A.S. 2014/15 - STIPULATO AI SENSI DELL ART. 6 CCNL-COMPARTO SCUOLA 2007 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale A. Scarpa Via Clericetti, 22-20133 Milano Scuola Primaria A. Scarpa Via Clericetti, 22 - Tel: 02 88444411 - Fax:

Dettagli

Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto)

Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto) Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto) REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO, DI SERVIZIO E DI APERTURA DEGLI UFFICI AL PUBBLICO (Approvato con Deliberazione G.C. n. 89 del 08/07/2013) I N D I C E ART.

Dettagli

COMUNE DI PLOAGHE PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI PLOAGHE PROVINCIA DI SASSARI / COMUNE DI PLOAGHE PROVINCIA DI SASSARI REGOLAMENTO DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO ED EROGAZIONE BUONI PASTO approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 92 in data 06.11.2014 modificato con

Dettagli

Ministero dell istruzione dell università e della ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico

Ministero dell istruzione dell università e della ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico ACCORDO NAZIONALE tra il Ministero dell istruzione, della e dell università e le Organizzazioni sindacali concernente l attuazione dell articolo 2 della sequenza contrattuale (ex art. 62 ccnl/2007) sottoscritta

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Direzione Generale

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Direzione Generale MIUR.AOODRUM.REGISTRO UFFICIALE(U).0011265.04-09-2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Direzione Generale Criteri generali per la stipula

Dettagli

REGOLAMENTO DIRITTO ALLO STUDIO AREA DEL COMPARTO SANITA

REGOLAMENTO DIRITTO ALLO STUDIO AREA DEL COMPARTO SANITA REGOLAMENTO DIRITTO ALLO STUDIO AREA DEL COMPARTO SANITA Redazione a cura di G. De Foresta Verifica a cura di G. D Angeli, F. Luvarà Riferimenti legislativi: - Legge 20.05.1970, n. 300, art. 10 lavoratori

Dettagli

NORMATIVA CONFERIMENTO INSEGNAMENTI A.A. 2011/12 1. CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI DIDATTICA UFFICIALE

NORMATIVA CONFERIMENTO INSEGNAMENTI A.A. 2011/12 1. CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI DIDATTICA UFFICIALE ALL. 2 NORMATIVA CONFERIMENTO INSEGNAMENTI A.A. 2011/12 Secondo le previsioni dello Statuto e del regolamento didattico di Ateneo la presente normativa disciplina il conferimento delle attività di didattica

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO Articolo 1 (Orario di lavoro Dovuto Ordinario Straordinario Orario di Servizio. Definizioni) 1. Nell ambito dell orario di lavoro si distinguono:

Dettagli

REGOLE APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEL COMUNE DI COTIGNOLA

REGOLE APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEL COMUNE DI COTIGNOLA AREA PERSONALE E ORGANIZZAZIONE Servizio Amministrazione del Personale Corso Garibaldi, 62 48022 Lugo Tel. 0545 38311 Fax 0545 38442 marinid@unione.labassaromagna.it REGOLE APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO

Dettagli

CONTRATTO D ISTITUTO A.S. 2014/2015

CONTRATTO D ISTITUTO A.S. 2014/2015 Istituto Comprensivo di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Viale Bruno Buozzi 65026 P O P O L I (PE) - Tel. e Fax 085-98317/9879065 C.F.: 81000650689 - Indirizzo Internet: www.istitutocomprensivopopoli.gov.it

Dettagli

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA DI ISTITUTO PER L ANNO SCOLASTICO 2011 2012

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA DI ISTITUTO PER L ANNO SCOLASTICO 2011 2012 CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA DI ISTITUTO PER L ANNO SCOLASTICO 2011 2012 CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 L anno 2011 il giorno 19 del mese di dicembre alle ore 10,00 nei

Dettagli

Prot. N 4349/A32 Cagliari, 31.07.2014

Prot. N 4349/A32 Cagliari, 31.07.2014 ISTITUTO TECNICO STATALE PER GEOMETRI Ottone Bacaredda Via Grandi - 09131 - Cagliari - ( - 070/494354 - Fax 070/403289 Cod. Fisc. 80016290928 - Email: geometribacaredda@tiscali.it Prot. N 4349/A32 Cagliari,

Dettagli

Direzione Generale PREMESSO

Direzione Generale PREMESSO CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE CONCERNENTE I CRITERI PER LA FRUIZIONE DEI PERMESSI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEL PERSONALE COMPARTO SCUOLA Il giorno 9 dicembre 2008 in Bologna presso l Ufficio

Dettagli

DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO

DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO CITTÀ DI OZIERI PROVINCIA DI SASSARI DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO APPROVATO CON DELIBERAZIONE G.C. N.101 DEL 05.06.2013 1 Indice A Orario di Lavoro B Flessibilità dell'orario C Pausa

Dettagli

REGOLAMENTO SULL'ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEL COMUNE DI PADRIA

REGOLAMENTO SULL'ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEL COMUNE DI PADRIA REGOLAMENTO SULL'ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEL COMUNE DI PADRIA Il presente regolamento, ai sensi dell art. 5, comma 2, del D.Lgs. n. 165/2001, disciplina i tempi e le modalità

Dettagli

SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 3 ALTO FRIULI REGOLAMENTO AZIENDALE

SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 3 ALTO FRIULI REGOLAMENTO AZIENDALE SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 3 ALTO FRIULI REGOLAMENTO AZIENDALE DIRITTO ALLO STUDIO PERSONALE DI COMPARTO Art. 1- PERMESSI RETRIBUITI

Dettagli

C O M U N E D I B R I N D I S I Settore Sviluppo Risorse Umane

C O M U N E D I B R I N D I S I Settore Sviluppo Risorse Umane C O M U N E D I B R I N D I S I Settore Sviluppo Risorse Umane Regolamento per la disciplina dell'orario degli uffici e dei servizi comunali e delle attività didattico/educative di pertinenza comunale

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale - Ufficio V Ambito Territoriale Provinciale di Cosenza Corso Telesio, n. 17, 87100 - COSENZA - Tel. 0984 894111 Prot. n 8950 Cosenza, lì 20 ottobre 2015 Ai Dirigenti Scolastici di ogni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ALTA VALLAGARINA

ISTITUTO COMPRENSIVO ALTA VALLAGARINA REPUBBLICA ITALIANA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO ISTITUTO COMPRENSIVO ALTA VALLAGARINA 38068 VOLANO (TN) VIA STAZIONE, 30 c.f. 94033430227 - Tel. 0464/410475 - e-mail: segr.ic.altavallagarina@scuole.provincia.tn.it

Dettagli

SETTORE 2 U.O. Risorse Umane ed Organizzazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO

SETTORE 2 U.O. Risorse Umane ed Organizzazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO SETTORE 2 U.O. Risorse Umane ed Organizzazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO Approvato con Deliberazione di G.C. n. 258 del 20.12.2012 Modificato con Deliberazione

Dettagli

Contrattazione integrativa di Istituto (2 parte)

Contrattazione integrativa di Istituto (2 parte) pag. 1 di 6 Istituto Professionale di Stato per i Servizi Alberghieri e della Ristorazione E. Maggia -Stresa Contrattazione integrativa di Istituto (2 parte) ANNO SCOLASTICO 2012-2013 TRATTAMENTO ECONOMICO

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA COMUNE DI BORDIGHERA Provincia di Imperia REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO, PER LA FRUIZIONE DELLE FERIE E PER GLI ISTITUTI DEL TURNO E DELLA REPERIBILITA

Dettagli

Autorità Idrica Toscana

Autorità Idrica Toscana REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO, DELLE ASSENZE E DEI PERMESSI DEL PERSONALE DIPENDENTE Approvato con decreto del Direttore Generale n. 21 del 18 febbraio 2013 e successivamente modificato

Dettagli

PIANO ANNUALE delle ATTIVITÀ

PIANO ANNUALE delle ATTIVITÀ Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo di Sermide Via Zambelli, 2 46028 Sermide (MN) Tel. 0386 61101 Fax. 0386 960476 email: mnic82200r@istruzione.it - info@icsermide.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ROTTOFRENO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ROTTOFRENO Approvato con delibera di Giunta Comunale n.69 del 29.04.16 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ROTTOFRENO ART. 1 DEFINIZIONI Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO INDICE: Art.1 Definizioni Art.2 L orario di servizio Art.3 L orario di apertura al pubblico Art.4 L orario di lavoro Art.5 L orario dei

Dettagli

UFFICO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO L AQUILA

UFFICO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO L AQUILA UFFICO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO L AQUILA CONTRATTO COLLETTIVO REGIONALE INTEGRATIVO RELATIVO AI CRITERI PER FRUIZIONE DEI PERMESSI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO [Art. 4 -comma 2 lett. a)- CCNL]

Dettagli

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE Il giorno 18 dicembre 2014 alle ore 10.50 nel locale Presidenza viene sottoscritta la presente Ipotesi di accordo, finalizzata alla

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICI E SERVIZI. APPENDICE. Regolamento sull orario di lavoro.

REGOLAMENTO UFFICI E SERVIZI. APPENDICE. Regolamento sull orario di lavoro. COMUNE DI STRIANO (Provincia di Napoli) Via Sarno, 80040 Striano Tel. 081.8276202 Fax 081. 8276103 P.I. 01254261215 - C.F. 01226000634 segreteria@comune.striano.na.it www.comune.striano.na.it REGOLAMENTO

Dettagli

Comune di Capannori Provincia di Lucca

Comune di Capannori Provincia di Lucca Allegato 1 Comune di Capannori Provincia di Lucca Regolamento Comunale per la disciplina dell orario di servizio e di lavoro 1 Premessa Il presente regolamento è approvato nel rispetto dei contratti vigenti.

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2013, nel testo approvato dalla Commissione Bilancio della Camera Le modifiche alle norme che riguardano la scuola

LEGGE DI STABILITA 2013, nel testo approvato dalla Commissione Bilancio della Camera Le modifiche alle norme che riguardano la scuola LEGGE DI STABILITA 2013, nel testo approvato dalla Commissione Bilancio della Camera Le modifiche alle norme che riguardano la scuola DALL ARTICOLO 3 29. Concorrono al raggiungimento degli obiettivi di

Dettagli

DI R I T T O A L L O S T U DI O

DI R I T T O A L L O S T U DI O AVVISO AL PERSONALE A TEMPO INDETERMINATO DEL COMPARTO SANITA DI R I T T O A L L O S T U DI O ANNO SOLARE 2014 In conformità a quanto previsto dall art. 22 del C.C.N.L. Comparto Sanità integrativo del

Dettagli

Accordo Sindacale. Visto il CCNL 2002-2005, I biennio economico - d.d. 27.01.2005 ed in particolare l art. 12 e l art. 34;

Accordo Sindacale. Visto il CCNL 2002-2005, I biennio economico - d.d. 27.01.2005 ed in particolare l art. 12 e l art. 34; Accordo Sindacale Regolamento Lavoro Straordinario: durata minima lavoro straordinario e limite individuale ore/anno liquidabili nonché norme di utilizzo flessibilità modificative dell attuale regolamento

Dettagli

CITTA DI PISTICCI. (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio 2004) (Provincia di Matera)

CITTA DI PISTICCI. (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio 2004) (Provincia di Matera) CITTA DI PISTICCI (Provincia di Matera) R E G O L A M E N T O O R A R I O D I S E R V I Z I O E D I A C C E S S O D E L P U B B L I C O (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI POLITICHE DELL ORARIO DI LAVORO

REGOLAMENTO IN MATERIA DI POLITICHE DELL ORARIO DI LAVORO REGOLAMENTO IN MATERIA DI POLITICHE DELL ORARIO DI LAVORO ART. 1 - OGGETTO 1. Il presente regolamento, adottato con la capacità e i poteri del privato datore di lavoro, ai sensi dell art. 89, comma 6,

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ARSOLI

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ARSOLI REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ARSOLI ART. 1. DEFINIZIONI ART. 2. ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI SERVIZIO ART. 3. ORARIO ORDINARIO

Dettagli

Bozza a.s. 2012/2013 CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Bozza a.s. 2012/2013 CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI PROVAGLIO D ISEO Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via Roma - 25050 PROVAGLIO D ISEO (BS) TEL.030/9881247 FAX 030-9839181 C.F.: 98117000178 E-mail bsic85000a@istruzione.it

Dettagli

(Concertato con la Delegazione sindacale dell Unione il 9/12/2008) Approvato con Delibera di Giunta dell Unione N.

(Concertato con la Delegazione sindacale dell Unione il 9/12/2008) Approvato con Delibera di Giunta dell Unione N. DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO, DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO DEL PERSONALE DELL UNIONE DEI COMUNI DELLA BASSA ROMAGNA (Concertato con la Delegazione sindacale dell

Dettagli

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE Il giorno 16 del mese di maggio dell anno 2014 (duemilaquattordici ) alle ore 12,00 nell ufficio del Dirigente Scolastico

Dettagli

C I T T À DI SURBO Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ Settore Servizi Amministrativi

C I T T À DI SURBO Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ Settore Servizi Amministrativi C I T T À DI SURBO Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ Settore Servizi Amministrativi REGOLAMENTO SUL DIRITTO ALLO STUDIO - approvato con Deliberazione G.C. n. 239 del 27.11.2009 - modificato con Deliberazione

Dettagli

Prot. n. 124092/50/IV/7.4.6 Palermo, 28.08.2008

Prot. n. 124092/50/IV/7.4.6 Palermo, 28.08.2008 REPUBBLICA ITALIANA CODICE FISCALE 80012000826 PARTITA I.V.A. 02711070827 DIPARTIMENTO REGIONALE DEL PERSONALE, DEI SERVIZI GENERALI, DI QUIESCENZA, PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEL PERSONALE AREA INTERDIPARTIMENTALE

Dettagli