dispone per l anno scolastico 2013/2014 la seguente ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "dispone per l anno scolastico 2013/2014 la seguente ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO"

Transcript

1 Prot. n del 20/11/2013 Il Dirigente Scolastico Visto il D.Lgs 297/1994; Vista la Legge 59/1997 art. 21; Visto il DPR 275/1999 art. 14; Visto il D.Lgs 165/201 art. 25; Visto il CCNL 2006/2009; Visto il D.Lgs 150/2009; Viste le Delibere C.d.D Verbale n. 8 del 18/07/2013, verbale n. 2 del 26/09/2013 Vista la proposta del Direttore s.g.a. del ; Verificata la rispondenza con le esigenze organizzative di questa Istituzione scolastica, dispone per l anno scolastico 2013/2014 la seguente ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO AREA DEL PERSONALE DOCENTE 1. Il piano annuale delle attività è stato predisposto dal Dirigente scolastico in base ai seguenti criteri generali: a) Assicurare la funzionalità, l efficienza e la qualità del servizio scolastico; b) Assicurare la valorizzazione delle competenze professionali; c) Garantire i diritti contrattuali del personale; d) Assegnare le ore eccedenti l orario cattedra, nel rispetto della graduatoria interna, fra i docenti che abbiano dato la disponibilità in merito, non superando comunque le 24 ore settimanali. 2. L orario di servizio e gli orari di lavoro individuale hanno durata annuale e sono articolati in base all orario settimanale delle lezioni nonché ad altra attività prevista nel POF 3. L organizzazione del lavoro e l articolazione dell orario del personale docente sono così regolamentati: a) Gli impegni antimeridiani sono basati sull attività didattica e si svolgono il lunedì/mercoledì/giovedì/sabato dalle ore 8.15 alle 13.15; il martedì e venerdì dalle ore 8.10 alle 13.50; b) Gli impegni pomeridiani comprendono: Le attività collegiali così come calendarizzate nel piano annuale; Le attività extracurricolari e i progetti. 4. Ogni docente è tenuto ad indicare un ora del proprio orario da destinare ogni 15 giorni ai colloqui individuali con le famiglie. Durante detta ora il docente deve garantire la presenza. 5. Durante i periodi di sospensione e termine delle lezioni, i docenti svolgeranno le attività funzionali previste nel piano annuale e, su base volontaria, le attività aggiuntive deliberate nel POF. 1

2 6. Il personale docente è tenuto a registrare ogni prestazione di servizio relativa alle attività di sostegno, di recupero, di sportello, di studio assistito e di progetto firmando i registri predisposti Permessi e ferie 1. Per facilitare la fruibilità dei 6 giorni di ferie nei periodi di svolgimento delle attività didattiche, i docenti debbono presentare la relativa domanda almeno due giorni prima con l indicazione e le firme dei colleghi che li sostituiranno. 2. I permessi di cui all art. 15 del CCNL ( tranne quelli per lutto e per la Legge 104) debbono essere richiesti con almeno tre giorni di anticipo, fatti salvi i casi eccezionali opportunamente documentati. Nella domanda debbono essere specificate le motivazioni, da documentare entro un giorno dal rientro. La documentazione può essere prodotta anche mediante autocertificazione, che deve contenere ogni elemento utile all eventuale controllo da parte dell amministrazione. 3. Relativamente ai permessi di cui alla Legge 104/92, l interessato, salvo comprovate situazioni di urgenza, deve comunicare al Dirigente i giorni di assenza con congruo anticipo, preventivandone le date nell arco temporale di un mese allo scopo di consentire la migliore organizzazione delle sostituzioni. Al fine di non compromettere la didattica nelle stesse classi, è opportuno che il personale docente ne fruisca in giorni non ricorrenti. 4. I permessi per visite mediche, prestazioni specialistiche ed accertamenti diagnostici vanno richiesti almeno tre giorni prima (salvo i casi urgenti da motivare), allegando copia della prenotazione oltre ad una dichiarazione dalla quale risulti esplicitamente che non è oggettivamente possibile sottoporsi agli esami al di fuori dell orario di servizio. L atto giustificativo, da presentare al rientro, dovrà essere documentato da una certificazione rilasciata dalla struttura sanitaria o dal medico che ha erogato la prestazione, in cui risulti anche la durata oraria dell impegno. Le assenze superiori alla metà dell orario di servizio giornaliero, compresi gli eventuali impegni pomeridiani, rientrano nella malattia e comprendono l intera giornata. Nel caso in cui le assenze risultino inferiori o pari alla metà dell orario di servizio giornaliero, compresi gli eventuali impegni pomeridiani, si potrà usufruire, a richiesta, anche di un permesso (a parziale o totale copertura dell orario di servizio) da recuperare. 5. I permessi brevi di durata non superiore alla metà dell orario giornaliero di servizio, e comunque fino ad un massimo di due unità di lezione, debbono essere richiesti, di norma, con un anticipo di almeno due giorni, salvo documentati casi eccezionali e non prevedibili. Sono autorizzati dal Dirigente scolastico dopo aver acquisito il nulla-osta da parte di uno dei suoi collaboratori. L eventuale diniego deve essere comunicato per iscritto non oltre il giorno seguente la richiesta, trascorso tale termine l autorizzazione si considera concessa ( per silenzio-assenso). Per ciascun docente, il cumulo annuo di tali permessi non può eccedere il rispettivo orario settimanale di insegnamento. I permessi debbono essere recuperati entro i due mesi lavorativi successivi, 2

3 prioritariamente attraverso la sostituzione dei colleghi assenti e secondo le necessità della dirigenza e comunque informando preventivamente l interessato. 6. In riferimento ai soli permessi brevi il diniego è possibile in concomitanza con adempimenti connessi ad operazioni di scrutinio ed esame, in presenza di più richieste contemporanee, in presenza di situazioni (docenti già assenti per altri motivi) che non permettano il regolare svolgimento delle attività didattiche. 7. Il permesso deve essere considerato concesso quando la richiesta è stata vidimata dal Dirigente scolastico. 8. Prima di assentarsi, è obbligo del personale interessato accertarsi dell avvenuta concessione. 9. Le assenze dalle attività funzionali all insegnamento dovranno essere tempestivamente comunicate, giustificate nei modi previsti dalla normativa e, nel caso in cui non sia conseguente ad un assenza giornaliera, recuperata con le stesse modalità di un permesso orario di durata doppia. 10. Entro il 15 giugno 2014 i docenti sono tenuti a presentare la domanda per la fruizione del periodo di ferie. I docenti impegnati negli Esami di Stato presenteranno la domanda non appena il presidente della loro commissione avrà comunicato il calendario definitivo. Modalità di utilizzo del personale docente per le sostituzioni 1. Le ore per la sostituzione dei colleghi assenti saranno assegnate nel seguente ordine al docente: a) A disposizione per completamento cattedra; b) Che durante le sue ore non ha la classe presente a scuola; c) Che deve recuperare permessi brevi, non nelle ore a disposizione; d) Della stessa classe a disposizione in quell ora per recupero frazioni orarie; e) Della medesima disciplina a disposizione in quell ora per recupero frazioni orarie; f) A disposizione in quell ora per recupero frazioni orarie; g) A disposizione con retribuzione aggiuntiva. 2. Il docente a disposizione deve essere avvertito non appena la dirigenza ha notizia dell assenza del titolare da sostituire. 3. I docenti che hanno dichiarato la disponibilità per la sostituzione a pagamento dei colleghi assenti sono tenuti alla supplenza qualora se ne verificasse la necessità. 4. Nel caso in cui due o più docenti avessero dato la disponibilità per la sostituzione a pagamento nella stessa ora dello stesso giorno, la supplenza sarà assegnata al più anziano di servizio. 5. Il docente a disposizione o con la classe non presente, non deve allontanarsi dalla sede di servizio senza preventiva autorizzazione. 6. Qualora si abbiano classi scoperte senza preavviso e non si possa procedere a sostituzione per mancanza di disponibilità dichiarata e/o assenza di finanziamenti per il pagamento delle supplenze si procederà all inserimento di alunni in classi parallele non superando il numero consentito dalla norma e/o la capienza dell aula. Allo stesso modo sono inseriti in classi parallele gli alunni che non si avvalgono dell IRC, tranne quelli per i quali l ora è 3

4 inserita nella prima o nell ultima ora di lezione che saranno autorizzati all entrata posticipata e/o all uscita anticipata. AREA DEL PERSONALE ATA 1. Il piano delle attività del personale ATA previsto dall art.53 comma 1 del CCNL, di seguito allegato, è formulato coerentemente alle esigenze dell Istituzione scolastica ed adattato ai criteri generali per il funzionamento della scuola deliberati dal consiglio di istituto e contiene la ripartizione dei compiti e delle mansioni fra il personale ATA in organico, l organizzazione dei turni e degli orari, gli incarichi specifici da assegnare, le prestazioni aggiuntive necessarie oltre l orario d obbligo. 1.Il Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi (DSGA) individuerà il personale al quale assegnare le mansioni, i turni e gli orari, sulla base degli indirizzi e degli obiettivi impartiti dal DS, delle esigenze individuate e nel rispetto del presente contratto e disporrà l organizzazione del lavoro con lettere di incarico individuali contenenti i compiti da svolgere per tutto l anno scolastico. 2.All albo della scuola sarà esposto un prospetto analitico con l indicazione di mansioni, turni e orari, assegnati a ciascuna unità di personale. 3.Il DS attribuirà gli incarichi con decreto affisso all albo della scuola e con comunicazione scritta individuale, tenendo conto delle dichiarazioni scritte di disponibilità da parte del personale interessato, al quale è indirizzata specifica circolare, e nel rispetto dei seguenti criteri considerati in relazione alla quantità e qualità del possesso e in rapporto alle attività caratterizzanti lo specifico incarico: Possesso di titoli di studio o di specializzazione specifici o attinenti alle attività da svolgere; Partecipazione ad attività di formazione e di aggiornamento specifici o attinenti alle attività da svolgere; Esperienze di lavoro all interno ed all esterno della scuola attinenti alle attività da svolgere; Disponibilità ed interesse allo sviluppo delle competenze professionali; Disponibilità alla collaborazione e capacità di affrontare situazioni innovative nel contesto della scuola ed in relazione con soggetti esterni; Capacità di organizzazione del proprio lavoro in coerenza con gli obiettivi delle attività; Conoscenza e capacità di utilizzo delle tecnologie informatiche e della comunicazione (se richiesto dall incarico da svolgere).. Articolazione dell orario di lavoro 1. Il piano delle attività del personale ATA è stabilito dal Dirigente su proposta del Dsga. 2. Il Dsga attua il piano stabilito dal Dirigente anche mediante emanazione di specifici provvedimenti. 3. L orario di servizio e gli orari di lavoro individuali hanno durata annuale e comunque fino alla validità del presente contratto integrativo. 4. L orario di lavoro individuale non può essere modificato nel caso di assenza del dipendente. Pertanto, il personale assunto a sostituirlo con supplenze brevi, è tenuto ad osservarlo. 4

5 5. Il Dirigente scolastico procede alla eventuale nomina del supplente in relazione alle necessità organizzative. Le sostituzioni del personale sono effettuate dai colleghi individuati sulla base della dichiarata disponibilità o individuati d ufficio in caso di improrogabili esigenze di servizio. 6. Per garantire il servizio connesso alle attività pomeridiane, l orario di servizio è articolato con slittamento, che consiste nel posticipare l entrata e l uscita. 7. Il personale è tenuto a registrare ogni prestazione di servizio attraverso l utilizzo dell orologio marcatempo. 8. Nel periodo di sospensione delle attività didattiche, salvo comprovate esigenze, si osserva per tutto il personale il solo orario antimeridiano dalle ore 8.00 alle ore Durante il periodo degli Esami di Stato l orario di servizio è articolato sulla flessibilità giornaliera, che consiste nel posticipare l entrata e l uscita. 9. Le prestazioni eccedenti l orario d obbligo debbono essere autorizzate dal Dirigente scolastico su esplicita richiesta motivata da parte del Dsga. 10. Il personale di segreteria riceve il pubblico dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle 9.30 e dalle alle Il sabato dalle ore 8.00 alle Organizzazione dell orario di lavoro Direttore dei servizi generali e amministrativi Il Dsga organizza il proprio lavoro, di intesa con il Dirigente scolastico, secondo i criteri di flessibilità, in rapporto alle esigenze connesse alle funzioni di competenza. Assistenti amministrativi Una unità svolge il servizio dalle 7.45 alle il lunedì/mercoledì/giovedì/sabato; dalle 9.00 alle il martedì e venerdì. Quattro unità svolgono il servizio dalle 8.00 alle per sei giorni. una unità svolge il servizio dalle 8.00 alle il lunedì/mercoledì/giovedì/sabato; dalle 9.00 alle il martedì e il venerdì. Disciplina del servizio per gli assistenti amministrativi In occasione di impegni pomeridiani l orario sarà articolato con slittamento, posticipo di entrata e di uscita. In tutti i casi eccezionali ed imprevedibili verranno richieste prestazioni di lavoro straordinarie al personale dichiaratosi disponibile L eventuale orario aggiuntivo ( straordinario) sarà autorizzato con ordine di servizio disposto secondo il criterio della rotazione. Le prestazioni straordinarie pagate rientreranno nel limite delle ore definite nella contrattazione decentrata d Istituto e comunque entro un margine di ore pro-capite compatibile con gli stanziamenti assegnati. Nei periodi di sospensione dell attività didattica nonché dal 1 luglio al 31 agosto, il numero delle unità e le modalità di servizio saranno stabiliti di volta in volta dal Dsga su disposizione del Dirigente scolastico, valutate le necessità. 5

6 Per ogni ulteriore esigenza che richieda la presenza di personale si applicano i criteri della disponibilità e della rotazione. Le ore eccedenti che non potranno essere retribuite per incapienza dei fondi saranno recuperate con riposi compensativi o ore di recupero da usufruire nei periodi di sospensione delle attività didattiche. Assistente tecnico Svolge il servizio dalle ore 8.00 alle per sei giorni. Disciplina del servizio per gli assistenti tecnici In occasione di impegni pomeridiani l orario sarà articolato con slittamento, posticipo di entrata e di uscita. In tutti i casi eccezionali ed imprevedibili verranno richieste prestazioni di lavoro straordinarie al personale dichiaratosi disponibile L eventuale orario aggiuntivo ( straordinario) sarà autorizzato con ordine di servizio disposto secondo il criterio della rotazione. Le prestazioni straordinarie pagate rientreranno nel limite delle ore definite nella contrattazione decentrata d Istituto e comunque entro un margine di ore pro-capite compatibile con gli stanziamenti assegnati. Nei periodi di sospensione dell attività didattica nonché dal 1 luglio al 31 agosto, il numero delle unità e le modalità di servizio saranno stabiliti di volta in volta dal Dsga su disposizione del Dirigente scolastico valutate le necessità. Per ogni ulteriore esigenza che richieda la presenza di personale si applicano i criteri della disponibilità e della rotazione. Le ore eccedenti che non potranno essere retribuite per incapienza dei fondi saranno recuperate con riposi compensativi o ore di recupero da usufruire nei periodi di sospensione delle attività didattiche. Collaboratori scolastici Una unità svolge il servizio dalle ore 7.45 alle Dodici unità svolgono il servizio dalle 8.00 alle il lunedì/mercoledì/giovedì/sabato; a rotazione il martedì e il venerdì svolgono il servizio dalle 9.00 alle Disciplina del servizio per i collaboratori scolastici la ripartizione del personale è la seguente: due unità al piano terra di cui una unità dalle ore 9.00 alle è dislocata al piano dove si verifica la necessità; due unità al primo piano; due unità al secondo piano; una unità al piano primo sottostrada; una unità al piano secondo sottostrada; una unità al piano terzo sottostrada; una unità alla palestra; due unità al piano terzo; una unità al piano quarto. In ciascun piano deve essere sempre garantita la presenza di almeno una unità di personale. In caso di assenza della unità in servizio anticipato i turni rimangono invariati. Nei pomeriggi di apertura della scuola (martedì e venerdì) e/o in occasione di impegni pomeridiani l orario sarà articolato sulla flessibilità, posticipo di entrata e di uscita. 6

7 In tutti i casi eccezionali ed imprevedibili verranno richieste prestazioni di lavoro straordinarie al personale dichiaratosi disponibile L eventuale orario aggiuntivo ( straordinario) sarà autorizzato con ordine di servizio disposto secondo il criterio della rotazione. Le prestazioni straordinarie pagate rientreranno nel limite delle ore definite nella contrattazione decentrata d Istituto e comunque entro un margine di ore pro-capite compatibile con gli stanziamenti assegnati. Nei periodi di sospensione dell attività didattica nonché dal 1 luglio al 31 agosto, il numero delle unità e le modalità di servizio saranno stabiliti di volta in volta dal Dsga su disposizione del Dirigente scolastico valutate le necessità. Per ogni ulteriore esigenza che richieda la presenza di personale si applicano i criteri della disponibilità e della rotazione. Le ore eccedenti che non potranno essere retribuite per incapienza dei fondi saranno recuperate con riposi compensativi o ore di recupero da usufruire nei periodi di sospensione delle attività didattiche. Ripartizione delle mansioni 1. La ripartizione delle mansioni e dei compiti verrà effettuata in modo equo fra il personale risultante in organico. L assegnazione dei locali al personale collaboratore scolastico per le pulizie sarà effettuata considerando la rilevazione e quantificazione dei carichi di lavoro. 2. Al personale dichiarato parzialmente inidoneo a svolgere le proprie mansioni non verranno assegnati i lavori risultanti nel verbale del collegio medico. 3. Nell assegnazione annuale delle mansioni dovrà essere tenuto presente anche il criterio di favorire la rotazione sulla base delle esigenze di funzionalità e delle disponibilità ed attitudini del personale. Detto criterio sarà seguito garantendo la continuità dell espletamento dei compiti nei settori interessati, favorendo lo scambio di informazioni e di conoscenza professionale del personale coinvolto nella rotazione e realizzando percorsi di formazione strutturati. 4. Ogni eventuale modifica, anche temporanea, delle mansioni assegnate, dovrà risultare da un ordine di servizio che ne fissi la durata e sarà oggetto di informazione sindacale. Ritardi, permessi 1. Il ritardo sull orario di ingresso al lavoro, se giustificato, comporta l obbligo del recupero entro l ultimo giorno del mese successivo a quello in cui si è verificato. In caso di mancato recupero si opera la proporzionale decurtazione della retribuzione. 2. L istituzione scolastica, su richiesta del dipendente, fornirà i dettagli sul proprio profilo orario, con il riepilogo degli eventuali ritardi da recuperare o degli eventuali crediti orari. 3. I permessi di cui all art. 15 del CCNL ( tranne quelli per lutto e per la Legge 104) debbono essere richiesti con almeno tre giorni di anticipo, fatti salvi i casi eccezionali opportunamente documentati. Nella domanda debbono essere specificate le motivazioni, da documentare entro un giorno dal rientro. La documentazione può essere prodotta anche mediante autocertificazione, che deve contenere ogni elemento utile all eventuale controllo da parte dell amministrazione. 7

8 4. Relativamente ai permessi di cui alla Legge 104/92, l interessato, salvo comprovate situazioni di urgenza, deve comunicare al Dirigente i giorni di assenza con congruo anticipo, preventivandone le date nell arco temporale di un mese allo scopo di consentire la migliore organizzazione delle sostituzioni. Al fine di non compromettere la didattica nelle stesse classi, è opportuno che il personale docente ne fruisca in giorni non ricorrenti. 5. I permessi per visite mediche, prestazioni specialistiche ed accertamenti diagnostici vanno richiesti almeno tre giorni prima (salvo i casi urgenti da motivare), allegando copia della prenotazione oltre ad una dichiarazione dalla quale risulti esplicitamente che non è oggettivamente possibile sottoporsi agli esami al di fuori dell orario di servizio. L atto giustificativo, da presentare al rientro, dovrà essere documentato da una certificazione rilasciata dalla struttura sanitaria o dal medico che ha erogato la prestazione, in cui risulti anche la durata oraria dell impegno. Le assenze superiori alla metà dell orario di servizio giornaliero, compresi gli eventuali impegni pomeridiani, rientrano nella malattia e comprendono l intera giornata. Nel caso in cui le assenze risultino inferiori o pari alla metà dell orario di servizio giornaliero, compresi gli eventuali impegni pomeridiani, si potrà usufruire, a richiesta, anche di un permesso (a parziale o totale copertura dell orario di servizio) da recuperare. 6. I permessi brevi di durata non superiore alla metà dell orario giornaliero di servizio, e comunque fino ad un massimo di due unità di lezione, debbono essere richiesti, di norma, con un anticipo di almeno due giorni, salvo documentati casi eccezionali e non prevedibili. Sono autorizzati dal Dirigente scolastico dopo aver acquisito il nulla-osta da parte di uno dei suoi collaboratori. L eventuale diniego deve essere comunicato per iscritto non oltre il giorno seguente la richiesta, trascorso tale termine l autorizzazione si considera concessa ( per silenzio-assenso). I permessi non possono eccedere le 36 ore annue e vanno recuperati entro i due mesi successivi alla loro fruizione. 7. In riferimento ai soli permessi brevi il diniego è possibile in presenza di più richieste contemporanee, in presenza di situazioni (personale già assente per altri motivi) che non permettano il regolare servizio. 8. Il permesso deve essere considerato concesso soltanto quando la richiesta è stata vidimata dal Dirigente scolastico. 9. Prima di assentarsi, è obbligo del personale interessato accertarsi dell avvenuta concessione. Ferie 1. Il piano delle ferie, predisposto dal D.S.G.A nei termini di seguito indicati, viene accolto dal Dirigente scolastico se garantisce il regolare svolgimento del servizio. 2. Le ferie debbono essere concordate con il Dsga per consentire il regolare svolgimento del servizio e debbono essere fruite entro il Ciascun lavoratore ha diritto a fruire : di almeno 15 giorni lavorativi continuativi nel periodo estivo (luglio/agosto); durante l attività didattica di norma non più di 3 giorni consecutivi, a condizione che non ci siano oneri per la sostituzione e non ostino particolare esigenze di servizio; per il personale ausiliario nella sostituzione viene coinvolto l intero reparto; i giorni rimanenti possono essere fruiti nei periodi di sospensione delle lezioni. 8

9 Termini per la presentazione domande: nov. per periodo natalizio giorni prima della ricorrenza pasquale 3. entro 30 Aprile per il periodo estivo Il termine per approvazione piano : 30 maggio Esigenze minime presenze in servizio durante il periodo estivo: n. 2 assistenti amm.vi; n. 2 assistenti tecnici; n.2 collaboratori scolastici. Criterio da applicare in caso di indisponibilità di personale: rotazione annuale, alfabetica e distinta per il periodo estivo e per i periodi natalizio e pasquale (il periodo natalizio è, a sua volta, suddiviso in due tempi, il primo fino al 30 dicembre ed il secondo fino al giorno di ripresa delle lezioni, in base al calendario regionale); l assistente amministrativo con funzioni vicarie del D.S.G.A. concorderà con quest ultimo le proprie ferie estive; L eventuale variazione del piano, anche per evitare danni economici ai dipendenti, può avvenire solo per gravissime e motivate esigenze di servizio. Chiusura prefestivi: Il C.I. su richiesta del personale ATA ha deliberato Del. N. 6 del 31 ottobre 2013 la chiusura della scuola nei seguenti giorni che ricadono in periodo di sospensione dell attività didattica: 02 Novembre e 31 Dicembre Gennaio Aprile Aprile 2014 Dall 11 Agosto 2014 al 16 Agosto 2014 (gg. 05) Disposizioni finali Il Dirigente scolastico dispone che il presente atto sia pubblicato sul sito web; sia affisso all Albo dell Istituto; sia oggetto di informazione preventiva ai sensi dell art. 34 del D.Lgs 150/2009. Dirigente Scolastico Eleonora Lofrese 9

Modalità di organizzazione del personale docente e di utilizzazione del personale Ata

Modalità di organizzazione del personale docente e di utilizzazione del personale Ata LICEO CLASSICO STATALE N. FORTEGUERRI LICEO STATALE DELLE SCIENZE UMANE A. VANNUCCI Corso Gramsci, 148 - PISTOIA - Tel. 0573/20302-22328-Fax 0573/24371 Modalità di organizzazione del personale docente

Dettagli

CRITERI E MODALITA RELATIVI ALL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DELL ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DEL PERSONALE DOCENTE E ATA

CRITERI E MODALITA RELATIVI ALL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DELL ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DEL PERSONALE DOCENTE E ATA CRITERI E MODALITA RELATIVI ALL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DELL ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DEL PERSONALE DOCENTE E ATA Art. 1 Criteri di assegnazione del personale docente ai corsi e alle classi 1. Il

Dettagli

Informativa relativa all organizzazione degli uffici e alla gestione dei rapporti di lavoro

Informativa relativa all organizzazione degli uffici e alla gestione dei rapporti di lavoro MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO G. GAVAZZENI Via Combattenti e Reduci 70 TALAMONA (Sondrio) Tel. e Fax 0342/670755 - e.mail: segreteria@ictalamona.it Anno

Dettagli

CAPO III ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DEL PERSONALE A.T.A.ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO - 1 -

CAPO III ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DEL PERSONALE A.T.A.ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO - 1 - CAPO III ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DEL PERSONALE A.T.A.ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO - 1 - PREMESSA Al fine di evitare equivoci di sorta, a tutto il personale ATA viene consegnata copia individuale dell

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA

ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA Atti preliminari ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA All inizio di ogni anno scolastico e comunque prima dell inizio delle lezioni, sulla base del POF e delle attività ivi previste:?? Il

Dettagli

INFORMATIVA SU MODALITA DELL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DELL ORARIO DI SERVIZIO DEL PERSONALE DOCENTE E ATA ANNO SCOLASTICO 2011/2012

INFORMATIVA SU MODALITA DELL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DELL ORARIO DI SERVIZIO DEL PERSONALE DOCENTE E ATA ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio LICEO SCIENTIFICO STATALE GIUSEPPE PEANO 00142 Roma - Via Francesco Morandini, 38 - XIX Distretto e-mail:

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore PIETRO SCALCERLE Liceo Linguistico e Istituto Tecnico Chimica, materiali e biotecnologie

Istituto di Istruzione Superiore PIETRO SCALCERLE Liceo Linguistico e Istituto Tecnico Chimica, materiali e biotecnologie Prot. n. 3631/C16 Istituto di Istruzione Superiore PIETRO SCALCERLE Liceo Linguistico e Istituto Tecnico Chimica, materiali e biotecnologie 35136 PADOVA - Via delle Cave, 174 Tel. 049/720744 - Fax 049/8685112

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. 35020 Albignasego (PD)

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. 35020 Albignasego (PD) I criteri per le determinazioni del dirigente riferiti a l organizzazione degli uffici e le misure inerenti alla gestione dei rapporti di lavoro ex art. 5, comma 2, del Dlgs n. 165/2001 come novellato

Dettagli

LICEO CLASSICO G.D. ROMAGNOSI dal 1860-61

LICEO CLASSICO G.D. ROMAGNOSI dal 1860-61 Il passato del futuro LICEO CLASSICO G.D. ROMAGNOSI dal 1860-61 Viale Maria Luigia, 1-43125 Parma - Tel. 0521.282115 - Fax. 0521.385159 www.liceoromagnosi.org - ssromagn@scuole.pr.it - codice MIUR PRPC010001

Dettagli

INFORMAZIONE SULLE MATERIE ATTINENTI AL RAPPORTO DI LAVORO IN ATTESA INTRODUZIONE MODELLO ESAME CONGIUNTO

INFORMAZIONE SULLE MATERIE ATTINENTI AL RAPPORTO DI LAVORO IN ATTESA INTRODUZIONE MODELLO ESAME CONGIUNTO INFORMAZIONE SULLE MATERIE ATTINENTI AL RAPPORTO DI LAVORO IN ATTESA INTRODUZIONE MODELLO ESAME CONGIUNTO (Art. 5, comma 2, del D.lgs n. 165 del 2001, così come novellato dall art. 2, comma 17, del Decreto

Dettagli

VERBALE ESAME CONGIUNTO

VERBALE ESAME CONGIUNTO VERBALE ESAME CONGIUNTO Il giorno 27/03/2013, presso l ITIS E. Mattei di San Donato Milanese tra la delegazione di parte pubblica rappresentata dal Dirigente Scolastico prof. Paiano Giacomo e la delegazione

Dettagli

I.T.S. E.MATTEI DI DECIMOMANNU

I.T.S. E.MATTEI DI DECIMOMANNU I.T.S. E.MATTEI DI DECIMOMANNU ACCORDO A LIVELLO DI ISTITUZIONE SCOLASTICA IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DEL PERSONALE ATA L anno 2015, nel mese di MAGGIO, il giorno

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA DI CODROIPO (UD) Via Friuli, 14 33033 CODROIPO

DIREZIONE DIDATTICA DI CODROIPO (UD) Via Friuli, 14 33033 CODROIPO DIREZIONE DIDATTICA DI CODROIPO (UD) Via Friuli, 14 33033 CODROIPO E-mail Intranet: UDEE057002@istruzione.it Tel. 0432-906427 Fax 0432-906436 E-mail Internet: cdcodroipo@cdcodroipo.it CONTRATTO INTEGRATIVO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO INDICE: Art.1 Definizioni Art.2 L orario di servizio Art.3 L orario di apertura al pubblico Art.4 L orario di lavoro Art.5 L orario dei

Dettagli

PIANO ANNUALE delle ATTIVITÀ

PIANO ANNUALE delle ATTIVITÀ Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo di Sermide Via Zambelli, 2 46028 Sermide (MN) Tel. 0386 61101 Fax. 0386 960476 email: mnic82200r@istruzione.it - info@icsermide.it

Dettagli

INFORMATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO SULL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DEGLI UFFICI

INFORMATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO SULL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DEGLI UFFICI Prot. n. 4369/A 26 Concordia Sagittaria, 24 novembre 2015 Ai rappresentanti sindacali Al personale dell Istituto All albo dell Istituto INFORMATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO SULL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO

Dettagli

PARTE GENERALE PROCEDURE PER LA DEFINIZIONE DEL PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA

PARTE GENERALE PROCEDURE PER LA DEFINIZIONE DEL PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DEL PERSONALE ATA (ai sensi dell art. 3, comma 1, lettera f del CCNL 15/03/2001) L anno 2002 il mese

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE

REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE Articolo 1 (Orario ordinario di lavoro e di servizio. Definizioni) Articolo 2 (Articolazione dell orario)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DELLA PRESENZA IN SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI AVIGLIANO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DELLA PRESENZA IN SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI AVIGLIANO ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 63 DEL 14/6/2013 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DELLA PRESENZA IN SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI AVIGLIANO ART.

Dettagli

Prot. N. 1551/C14 Abbiategrasso, 18 settembre 2015. Il Dirigente Scolastico

Prot. N. 1551/C14 Abbiategrasso, 18 settembre 2015. Il Dirigente Scolastico Prot. N. 1551/C14 Abbiategrasso, 18 settembre 2015 Oggetto: Piano di lavoro personale A.T.A. a.s. 2015/16 Agli interessati e p.c. Alla RSU Atti Albo Il Dirigente Scolastico VISTO il CCNL 2006/09, con riferimento

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo "Dante"

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Dante Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo "Dante" Via Rusnati,1 21013 Gallarate (VA) C.F. 91055810120 Cod. Meccanografico VAIC878006 Tel. 0331.792428 - Fax 0331.774924

Dettagli

ALLEGATO 1 DETERMINAZIONI DEL DIRIGENTE IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO VISTO VISTA VISTA VISTA VISTA VISTO VISTO VISTO VISTA VISTA

ALLEGATO 1 DETERMINAZIONI DEL DIRIGENTE IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO VISTO VISTA VISTA VISTA VISTA VISTO VISTO VISTO VISTA VISTA ALLEGATO 1 DETERMINAZIONI DEL DIRIGENTE IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO VISTO il CCNL Comparto Scuola 2006-2009; VISTA la Sequenza Contrattuale Docenti dell 8.04.2008; VISTA la Sequenza Contrattuale

Dettagli

Tel. 0521/282115 - Fax 0521/385159 E-mail : ssromagn@scuole.pr.it

Tel. 0521/282115 - Fax 0521/385159 E-mail : ssromagn@scuole.pr.it LICEO GINNASIO STATALE "G.D.ROMAGNOSI" Viale Maria Luigia, 1-43100 Parma Tel. 0521/282115 - Fax 0521/385159 E-mail : ssromagn@scuole.pr.it PROT. N.2596/1 Parma 02.10.2013 OGGETTO : Adozione piano di lavoro

Dettagli

1.Criteri di assegnazione del personale

1.Criteri di assegnazione del personale ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PARMIGIANINO P.le Rondani, 1 43100 Parma - Tel. 0521/233874 Fax 0521/233046 e-mail: pric83600p@istruzione.it PEC: pric83600p@pec.istruzione.it web: www.icparmigianino.it Codice

Dettagli

Contratto Integrativo di Istituto a.s. 2014/2015. Organizzazione del lavoro e articolazione dell orario del personale A.T.A.

Contratto Integrativo di Istituto a.s. 2014/2015. Organizzazione del lavoro e articolazione dell orario del personale A.T.A. Contratto Integrativo di Istituto a.s. 2014/2015 Organizzazione del lavoro e articolazione dell orario del personale A.T.A. VISTO il CCNL 2006/2009 e successive modificazioni ed integrazioni Art.1 Riunione

Dettagli

INFORMAZIONE DISPOSIZIONI SULL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEL PERSONALE A.S.2014/15 PERSONALE DOCENTE. Organizzazione del lavoro.

INFORMAZIONE DISPOSIZIONI SULL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEL PERSONALE A.S.2014/15 PERSONALE DOCENTE. Organizzazione del lavoro. INFORMAZIONE DISPOSIZIONI SULL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEL PERSONALE A.S.2014/15 PERSONALE DOCENTE - Struttura organizzativa dei docenti Organizzazione del lavoro. 1- Il Dirigente Scolastico sceglie

Dettagli

REGOLAMENTO PERMESSI E FERIE DOCENTI

REGOLAMENTO PERMESSI E FERIE DOCENTI I.T.I.S «G. MARCONI» - PADOVA Via Manzoni, 80 Tel.: 049.80.40.211 Fax 049.80.40.277 e-mail: marconi@provincia.padova.it www.itismarconipadova.it Istituto Tecnico per il Settore Tecnologico Rev. 3 Data:18-10-

Dettagli

Comune di Capannori Provincia di Lucca

Comune di Capannori Provincia di Lucca Allegato 1 Comune di Capannori Provincia di Lucca Regolamento Comunale per la disciplina dell orario di servizio e di lavoro 1 Premessa Il presente regolamento è approvato nel rispetto dei contratti vigenti.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ALLEGATO A ALLA DELIBERA DI G.C. N. 71 DEL 05.11.2009 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI

Dettagli

CITTA DI PISTICCI. (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio 2004) (Provincia di Matera)

CITTA DI PISTICCI. (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio 2004) (Provincia di Matera) CITTA DI PISTICCI (Provincia di Matera) R E G O L A M E N T O O R A R I O D I S E R V I Z I O E D I A C C E S S O D E L P U B B L I C O (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio

Dettagli

Art.1 Oggetto del regolamento

Art.1 Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER L ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO APPROVATO CON DELIBERA COMMISSARIALE N. 72/2013 MODIFICATA CON DELIBERA COMMISSARIALE N. 89/2013 E DELIBERA COMMISSARIALE N. 138/2013. Art.1 Oggetto del

Dettagli

Istituto Tecnico Tecnologico E. FERMI Ascoli Piceno ART 6 comma 2 CCNL 2007 Informazione preventiva a.s. 2011-12

Istituto Tecnico Tecnologico E. FERMI Ascoli Piceno ART 6 comma 2 CCNL 2007 Informazione preventiva a.s. 2011-12 Istituto Tecnico Tecnologico E. FERMI Ascoli Piceno ART 6 comma 2 CCNL 2007 Informazione preventiva a.s. 2011-12 Lettera c): criteri di attuazione dei progetti nazionali, europei e territoriali Sono inseriti

Dettagli

MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE ACCADEMIA DI BELLE ARTI Via Duca degli Abruzzi, 4 07100 SASSARI

MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE ACCADEMIA DI BELLE ARTI Via Duca degli Abruzzi, 4 07100 SASSARI MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE ACCADEMIA DI BELLE ARTI Via Duca degli Abruzzi, 4 07100 SASSARI Prot. n. 2066/A1a 16.05.2011 Vista la legge 508 del 1999;

Dettagli

COMUNE DI CAMPEGINE ART. 1 NORME DI PRINCIPIO

COMUNE DI CAMPEGINE ART. 1 NORME DI PRINCIPIO COMUNE DI CAMPEGINE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Il presente Regolamento

Dettagli

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO 1 INDICE Art. 1 L orario di lavoro ordinario Art. 2 L orario differenziato

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE Adottato con atto deliberativo di Giunta Comunale n 83 del 02.08.2002 Modificato

Dettagli

SETTORE 2 U.O. Risorse Umane ed Organizzazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO

SETTORE 2 U.O. Risorse Umane ed Organizzazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO SETTORE 2 U.O. Risorse Umane ed Organizzazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO Approvato con Deliberazione di G.C. n. 258 del 20.12.2012 Modificato con Deliberazione

Dettagli

Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto)

Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto) Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto) REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO, DI SERVIZIO E DI APERTURA DEGLI UFFICI AL PUBBLICO (Approvato con Deliberazione G.C. n. 89 del 08/07/2013) I N D I C E ART.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale - Ufficio V Ambito Territoriale Provinciale di Cosenza Corso Telesio, n. 17, 87100 - COSENZA - Tel. 0984 894111 Prot. n 8950 Cosenza, lì 20 ottobre 2015 Ai Dirigenti Scolastici di ogni

Dettagli

Prot.n. 4389/A5 Empoli, 30 settembre 2015 OGGETTO: SUDDIVISIONE COMPITI ED ORARIO DEGLI ASSISTENTI AMMINISTATIVI ANNO SCOLASTICO 2015-16.

Prot.n. 4389/A5 Empoli, 30 settembre 2015 OGGETTO: SUDDIVISIONE COMPITI ED ORARIO DEGLI ASSISTENTI AMMINISTATIVI ANNO SCOLASTICO 2015-16. DIREZIONE DIDATTICA STATALE EMPOLI 3 CIRCOLO VIA PONZANO 43 50053 EMPOLI (FI) TEL. 0571922337 FAX N. 0571960135 e-mail: fiee22000t@istruzione.it - Codice fiscale n. 82008030486 sito web: www.empoliterzocircolo.it

Dettagli

IV ISTITUTO COMPRENSIVO S. Quasimodo V.le Vittorio Veneto, 92 96014 FLORIDIA COD. FISC. 80002230896

IV ISTITUTO COMPRENSIVO S. Quasimodo V.le Vittorio Veneto, 92 96014 FLORIDIA COD. FISC. 80002230896 IV ISTITUTO COMPRENSIVO S. Quasimodo V.le Vittorio Veneto, 92 96014 FLORIDIA COD. FISC. 80002230896 Tel 0931-941385 Fax 0931-940906 www.quasimodofloridia.it sric824002@istruzione.it sric824002@pec.istruzione.it

Dettagli

COMUNE DI LIBRIZZI (Provincia di Messina) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

COMUNE DI LIBRIZZI (Provincia di Messina) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO COMUNE DI LIBRIZZI (Provincia di Messina) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO Approvato con Deliberazione di GIUNTA MUNICIPALE n. 53 del 28/05/2010 1 REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO SULL'ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEL COMUNE DI PADRIA

REGOLAMENTO SULL'ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEL COMUNE DI PADRIA REGOLAMENTO SULL'ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEL COMUNE DI PADRIA Il presente regolamento, ai sensi dell art. 5, comma 2, del D.Lgs. n. 165/2001, disciplina i tempi e le modalità

Dettagli

CAPO IV MODALITÀ DI UTILIZZO DEL PERSONALE DOCENTE IN RAPPORTO AL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO. - 1 -

CAPO IV MODALITÀ DI UTILIZZO DEL PERSONALE DOCENTE IN RAPPORTO AL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO. - 1 - CAPO IV MODALITÀ DI UTILIZZO DEL PERSONALE DOCENTE IN RAPPORTO AL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO. - 1 - ART. 19 Orario 1. All inizio dell anno scolastico vene definito l orario

Dettagli

INFOMAZIONE PREVENTIVA IN RELAZIONE ALL'ART. 6 DEL CCNL 2006-2009 ANNO SCOLASTICO 2011-2012

INFOMAZIONE PREVENTIVA IN RELAZIONE ALL'ART. 6 DEL CCNL 2006-2009 ANNO SCOLASTICO 2011-2012 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SORBOLO Via Garibaldi,29 43058 SORBOLO (PR) Tel 0521/697705 Fax 0521/698179 Sito internet: http://icsorbolomezzan.scuolaer.it e-mail: pric81400t@istruzione.it Prot. n. 4918/C14

Dettagli

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO. Art. 1 - Finalità e definizioni

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO. Art. 1 - Finalità e definizioni REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO Art. 1 - Finalità e definizioni 1. Ai fini del presente regolamento si intende: - per ufficio l insieme funzionale di competenze amministrative e tecniche attribuite ad una

Dettagli

COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012

COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012 COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012 ACCORDO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Il presente accordo

Dettagli

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA D ISTITUTO GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA D ISTITUTO GESTIONE DELLE RISORSE UMANE CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA D ISTITUTO GESTIONE DELLE RISORSE UMANE Il giorno 30/09/2014 alle ore 10.30 presso l Istituto Comprensivo di Varallo tra il Dirigente Scolastico e le R.S.U., si stipula la seguente

Dettagli

COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA

COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA Provincia di Caserta REGOLAMENTO COMUNALE DELL ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E APERTURA AL PUBBLICO DEGLI UFFICI E SERVIZI DELL ENTE Approvato con delibera di Giunta Municipale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI. Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 40 del 20/03/2014. REGOLAMENTO PER LA

Dettagli

Prot. n. 0002111 Genazzano, 09 settembre 2015 IL DIRIGENTE

Prot. n. 0002111 Genazzano, 09 settembre 2015 IL DIRIGENTE MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO G. GARIBALDI Via della Signoretta 00030 Genazzano (Roma) 069579055/ 0695570268

Dettagli

Roma, 6 ottobre 2014 Prot.N. 5734/A32. Al personale Docente e non Docente All Albo. Oggetto: assenze e permessi

Roma, 6 ottobre 2014 Prot.N. 5734/A32. Al personale Docente e non Docente All Albo. Oggetto: assenze e permessi Istituto Statale Biagio Pascal Liceo Scientifico Istituto Tecnico Via Brembio,97-00188 - Via dei Robilant,2-00194 Roma Centralino: 06-12112-4205 via Brembio - 06-12112-4225 Via dei Robilant Fax: 06-33615164

Dettagli

Polo Universitario della Provincia di Agrigento

Polo Universitario della Provincia di Agrigento Polo Universitario della Provincia di Agrigento DIRETTIVA DEL RESPONSABILE DEL SETTORE AA.GG. N. 3 del _15/02/2013_ OGGETTO: GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO CIAMPOLI-SPAVENTA

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO CIAMPOLI-SPAVENTA ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO CIAMPOLI-SPAVENTA SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI PRIMO GRADO SECONDARIA DI SECONDO GRADO: ITE - LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO S.A. IST. PROF.LE SOCIO SANITARIO

Dettagli

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria PER LA CONCESSIONE DEI PERMESSI RETRIBUITI

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria PER LA CONCESSIONE DEI PERMESSI RETRIBUITI Regione Calabria ARPACAL Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria ALLEGATO ALLA DELIBERA N 1233/2010 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI PERMESSI RETRIBUITI PER DIRITTO ALLO STUDIO

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA COMUNE DI BORDIGHERA Provincia di Imperia REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO, PER LA FRUIZIONE DELLE FERIE E PER GLI ISTITUTI DEL TURNO E DELLA REPERIBILITA

Dettagli

C O M U N E D I B R I N D I S I Settore Sviluppo Risorse Umane

C O M U N E D I B R I N D I S I Settore Sviluppo Risorse Umane C O M U N E D I B R I N D I S I Settore Sviluppo Risorse Umane Regolamento per la disciplina dell'orario degli uffici e dei servizi comunali e delle attività didattico/educative di pertinenza comunale

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DEL PERSONALE DOCENTE

ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DEL PERSONALE DOCENTE M i n i s t e r o d e l l I s t r u z i o n e, d e l l U n i v e r s i t à e d e l l a R i c e r c a I. I. S. J. T O R R I A N I I S T I T U T O T E C N I C O - S E T T O R E T E C N O L O G I C O L I

Dettagli

INFORMATIVA ALLA RSU SUI CRITERI ADOTTATI NELLA GESTIONE DEL PERSONALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015

INFORMATIVA ALLA RSU SUI CRITERI ADOTTATI NELLA GESTIONE DEL PERSONALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DE NICOLA - SASSO C.so Vittorio Emanuele,77-80059 TORRE DEL GRECO (NA) Cod. Fisc. 95170080634 - Cod. Mecc. NAIC8CS00C 36 Distretto Scolastico Tel./ Fax 081 882 65 00 e-mail

Dettagli

INFORMAZIONE DISPOSIZIONI SULL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEL PERSONALE. PERSONALE DOCENTE. Organizzazione del lavoro.

INFORMAZIONE DISPOSIZIONI SULL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEL PERSONALE. PERSONALE DOCENTE. Organizzazione del lavoro. INFORMAZIONE DISPOSIZIONI SULL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEL PERSONALE. PERSONALE DOCENTE - Struttura organizzativa dei docenti Organizzazione del lavoro. 1- Il Dirigente Scolastico sceglie e incarica

Dettagli

COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI

COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI ********************** Approvato con Deliberazione di

Dettagli

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Le presente direttive vengono adottate al

Dettagli

ORARIO DI LAVORO. Articolo 1. Norme generali

ORARIO DI LAVORO. Articolo 1. Norme generali ORARIO DI LAVORO Articolo 1 Norme generali 1. L orario di apertura delle strutture dell Università di Parma è il seguente: dal lunedì al venerdì dalle ore 7.00 alle ore 20.00, sabato secondo un orario

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO. (Approvato con delibera Giunta Comunale n. 29 del 3 marzo 2010)

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO. (Approvato con delibera Giunta Comunale n. 29 del 3 marzo 2010) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO (Approvato con delibera Giunta Comunale n. 29 del 3 marzo 2010) 1 INDICE Art. 1 Definizioni Art. 2 Articolazione dell orario di lavoro Art.

Dettagli

COMUNE di BUSACHI Provincia di Oristano

COMUNE di BUSACHI Provincia di Oristano COMUNE di BUSACHI Provincia di Oristano Piazza Italia, 1 Tel. 0783 62010-62274 - Fax 0783 62433 - P. IVA 00541880951 REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO Approvato

Dettagli

INFORMATIVA SUI CRITERI RELATIVI ALL ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI. Anno Scolastico 2014-2015 TITOLO I - PERSONALE DOCENTE

INFORMATIVA SUI CRITERI RELATIVI ALL ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI. Anno Scolastico 2014-2015 TITOLO I - PERSONALE DOCENTE MINISTERO DELL ISTRUZIONE,DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Istituto Comprensivo Pablo Neruda Via Casal del marmo n. 212-00135 Roma 06/30812886-06 30819741 fax 06/30812292

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE ART. 1 RILEVAZIONE DELLE PRESENZE Ai sensi della vigente disciplina contrattuale, l orario di lavoro dei dipendenti è accertato mediante controlli

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO SULL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DEL PERSONALE A.T.A. A.S. 2014/2015

CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO SULL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DEL PERSONALE A.T.A. A.S. 2014/2015 CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO SULL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DEL PERSONALE A.T.A. A.S. 2014/2015 Il giorno 02/03/2015 alle ore 10,00 presso la sede dell Istituto Comprensivo

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI POLITICHE DELL ORARIO DI LAVORO

REGOLAMENTO IN MATERIA DI POLITICHE DELL ORARIO DI LAVORO REGOLAMENTO IN MATERIA DI POLITICHE DELL ORARIO DI LAVORO ART. 1 - OGGETTO 1. Il presente regolamento, adottato con la capacità e i poteri del privato datore di lavoro, ai sensi dell art. 89, comma 6,

Dettagli

(Concertato con la Delegazione sindacale dell Unione il 9/12/2008) Approvato con Delibera di Giunta dell Unione N.

(Concertato con la Delegazione sindacale dell Unione il 9/12/2008) Approvato con Delibera di Giunta dell Unione N. DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO, DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO DEL PERSONALE DELL UNIONE DEI COMUNI DELLA BASSA ROMAGNA (Concertato con la Delegazione sindacale dell

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO

CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO G. GALILEI - PASCOLI Scuola dell Infanzia - Primaria - Secondaria di Primo Grado - Sezione Ospedaliera Via D. Bottari, 1 (Piazza

Dettagli

COMUNE DI SICIGNANO DEGLI ALBURNI (Provincia di Salerno)

COMUNE DI SICIGNANO DEGLI ALBURNI (Provincia di Salerno) COMUNE DI SICIGNANO DEGLI ALBURNI (Provincia di Salerno) REGOLAMENTO COMUNALE CONTROLLO PRESENZE PERSONALE DIPENDENTE I N D I C E Art. 1 - Oggetto del regolamento Art. 2 - Orario Art. 3 Luogo di timbratura

Dettagli

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA DI ISTITUTO PER L ANNO SCOLASTICO 2011 2012

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA DI ISTITUTO PER L ANNO SCOLASTICO 2011 2012 CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA DI ISTITUTO PER L ANNO SCOLASTICO 2011 2012 CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 L anno 2011 il giorno 19 del mese di dicembre alle ore 10,00 nei

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ALESSANDRO STRADELLA Via Roma 71 01036 Nepi (VT) e fax 0761/556092 vtic81400x@istruzione.it

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ALESSANDRO STRADELLA Via Roma 71 01036 Nepi (VT) e fax 0761/556092 vtic81400x@istruzione.it MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ALESSANDRO STRADELLA Via Roma 71 01036 Nepi (VT) e fax 0761/556092 vtic81400x@istruzione.it

Dettagli

COMUNE DI PLOAGHE PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI PLOAGHE PROVINCIA DI SASSARI / COMUNE DI PLOAGHE PROVINCIA DI SASSARI REGOLAMENTO DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO ED EROGAZIONE BUONI PASTO approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 92 in data 06.11.2014 modificato con

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO d ISTITUTO

CONTRATTO INTEGRATIVO d ISTITUTO Ministero della Pubblica Istruzione I. C. Galilei Via Quadrelli, 2 21052 Busto Arsizio Tel:0331 340120 Fax: 0331 340120 e-mail uffici: vaic860001@istruzione.it CONTRATTO INTEGRATIVO d ISTITUTO A.S. 2013/2014

Dettagli

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO, DI SERVIZIO E DI APERTURA AL PUBBLICO. Art. 1 Fonti e campo di applicazione

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO, DI SERVIZIO E DI APERTURA AL PUBBLICO. Art. 1 Fonti e campo di applicazione REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO, DI SERVIZIO E DI APERTURA AL PUBBLICO Art. 1 Fonti e campo di applicazione 1. Il presente regolamento disciplina l orario di lavoro del personale tecnico e amministrativo

Dettagli

IPOTESI DI ACCORDO CONTRATTAZIONE DI ISTITUTO 2010/11

IPOTESI DI ACCORDO CONTRATTAZIONE DI ISTITUTO 2010/11 IPOTESI DI ACCORDO CONTRATTAZIONE DI ISTITUTO 2010/11 L'anno 2010, il giorno 14, del mese di dicembre alle ore 11,00 nei locali dell'istituto Statale d Arte Bruno Munari di Vittorio Veneto tra la delegazione

Dettagli

C O M U N E D I L U V I N A T E

C O M U N E D I L U V I N A T E C O M U N E D I L U V I N A T E P R O V I N C I A D I V A R E S E REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE Definizioni:

Dettagli

IL DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI

IL DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI Prot. n. 4354 /B8 Magliano Sabina,22/09/2015 AL DIRIGENTE SCOLASTICO Oggetto: piano di lavoro a.s. 2015/2016 inerente alle prestazioni dell orario di lavoro, l attribuzione degli incarichi di natura organizzativa

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Direzione Generale Ufficio IV Settore II

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Direzione Generale Ufficio IV Settore II Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Direzione Generale Ufficio IV Settore II CONTRATTO INTEGRATIVO REGIONALE SUI CRITERI PER LA FRUIZIONE

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER. Oggetto : Informazioni e disposizioni sulla vita della scuola.

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER. Oggetto : Informazioni e disposizioni sulla vita della scuola. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER ISTITUTO TECNICO : Elettrotecnica, Informatica, Meccanica e Meccatronica LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE Via Berchet 2-20900 Monza 039324607 - Fax 039322122

Dettagli

DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO

DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO CITTÀ DI OZIERI PROVINCIA DI SASSARI DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO APPROVATO CON DELIBERAZIONE G.C. N.101 DEL 05.06.2013 1 Indice A Orario di Lavoro B Flessibilità dell'orario C Pausa

Dettagli

Contrattazione integrativa d Istituto a.s.2012/2013 FRONTESPIZIO DELL INTESA

Contrattazione integrativa d Istituto a.s.2012/2013 FRONTESPIZIO DELL INTESA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Scuola dell INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA di I GRADO Via Milazzo,21-03030

Dettagli

Città di Salve. Provincia di Lecce REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO DEL PUBBLICO

Città di Salve. Provincia di Lecce REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO DEL PUBBLICO Città di Salve Provincia di Lecce REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO DEL PUBBLICO Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 5 del 21 /01/2014 Indice: ART. 1: Orario di servizio Titolo

Dettagli

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N. 63 del 14 giugno 2013

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N. 63 del 14 giugno 2013 CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 63 del 14 giugno 2013 OGGETTO: Regolamento comunale per la disciplina dell orario di lavoro e della presenza in servizio

Dettagli

Direzione Generale PREMESSO

Direzione Generale PREMESSO CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE CONCERNENTE I CRITERI PER LA FRUIZIONE DEI PERMESSI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEL PERSONALE COMPARTO SCUOLA Il giorno 9 dicembre 2008 in Bologna presso l Ufficio

Dettagli

Accordo Sindacale. Visto il CCNL 2002-2005, I biennio economico - d.d. 27.01.2005 ed in particolare l art. 12 e l art. 34;

Accordo Sindacale. Visto il CCNL 2002-2005, I biennio economico - d.d. 27.01.2005 ed in particolare l art. 12 e l art. 34; Accordo Sindacale Regolamento Lavoro Straordinario: durata minima lavoro straordinario e limite individuale ore/anno liquidabili nonché norme di utilizzo flessibilità modificative dell attuale regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PERSONALE CONSORTILE

REGOLAMENTO DEL PERSONALE CONSORTILE REGOLAMENTO DEL PERSONALE CONSORTILE Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione n. 15 del 28 marzo 2011 1 Art. 1 - Oggetto del Regolamento 1. Il presente regolamento, in attuazione dello Statuto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO INDICE Art. 1 -Definizioni Art. 2 -L orario di servizio Art. 3 -L orario di apertura al Pubblico Art. 4 -L orario di lavoro straordinario

Dettagli

Ordinanza Ministeriale n. 92 Prot. n. 11075 del 5.11.2007

Ordinanza Ministeriale n. 92 Prot. n. 11075 del 5.11.2007 IL MINISTRO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Ordinanza Ministeriale n. 92 Prot. n. 11075 del 5.11.2007 Visto il Regio Decreto 4 maggio 1925, n. 653, contenente disposizioni sugli studenti, esami e tasse negli

Dettagli

COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA **********

COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA ********** COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA ********** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 162 del 19.11.2014

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO 2014/2015 Allegato B PERSONALE ATA

CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO 2014/2015 Allegato B PERSONALE ATA Sallustio Bandini Istituto Tecnico Statale Programmatori Ragionieri Geometri Lingue Straniere Agenzia Formativa Accreditata dalla Regione Toscana CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO 2014/2015 Allegato B

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G. TORNO Indirizzi Tecnici Settore Economico e Tecnologico Indirizzi Liceali Scientifico e Scienze Umane

ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G. TORNO Indirizzi Tecnici Settore Economico e Tecnologico Indirizzi Liceali Scientifico e Scienze Umane ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G. TORNO Indirizzi Tecnici Settore Economico e Tecnologico Indirizzi Liceali Scientifico e Scienze Umane IPOTESI DI CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO Sommario

Dettagli

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE Il giorno 16 del mese di maggio dell anno 2014 (duemilaquattordici ) alle ore 12,00 nell ufficio del Dirigente Scolastico

Dettagli

Titolo 1 Utilizzo del personale

Titolo 1 Utilizzo del personale CONTRATTAZIONE D ISTITUTO sull utilizzo del personale in applicazione del POF e sull impiego delle risorse finanziarie a.s. 2014-15 Il giorno 1 ottobre, 8 ottobre 2014 e 14 gennaio 2015 presso l Istituto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO Articolo 1 (Orario di lavoro Dovuto Ordinario Straordinario Orario di Servizio. Definizioni) 1. Nell ambito dell orario di lavoro si distinguono:

Dettagli

Prot. n. 124092/50/IV/7.4.6 Palermo, 28.08.2008

Prot. n. 124092/50/IV/7.4.6 Palermo, 28.08.2008 REPUBBLICA ITALIANA CODICE FISCALE 80012000826 PARTITA I.V.A. 02711070827 DIPARTIMENTO REGIONALE DEL PERSONALE, DEI SERVIZI GENERALI, DI QUIESCENZA, PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEL PERSONALE AREA INTERDIPARTIMENTALE

Dettagli

C.P.I.A. 1 PISA. Centro provinciale istruzione adulti. Provincia di Pisa via Brigate Partigiane, 4-56025 Pontedera email: pimm61000c@istruzione.

C.P.I.A. 1 PISA. Centro provinciale istruzione adulti. Provincia di Pisa via Brigate Partigiane, 4-56025 Pontedera email: pimm61000c@istruzione. C.P.I.A. 1 PISA Centro provinciale istruzione adulti Provincia di Pisa via Brigate Partigiane, 4-56025 Pontedera email: pimm61000c@istruzione.it Alla direttrice s.g.a. sede sul sito al personale ata Prot.

Dettagli