INFORMATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO SULL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DEGLI UFFICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INFORMATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO SULL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DEGLI UFFICI"

Transcript

1 Prot. n. 4369/A 26 Concordia Sagittaria, 24 novembre 2015 Ai rappresentanti sindacali Al personale dell Istituto All albo dell Istituto INFORMATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO SULL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DEGLI UFFICI IL DIRIGENTE SCOLASTICO Visto l art. 6 del CCNL L. 2006/2009 del comparto scuola Visto l art. 34 del D. Lgs. 150/09, che modifica l art 5 del D. Lgs. 30 marzo 2001, n. 165 Visto l art 5 del D. Lgs. 141/11 PRESENTA La seguente informativa, relativa alle materie previste all art. 6 del CCNL 2006/9, lettere h-i-m, così come modificato dal D. Lgs. 150/2009 e 141/2011, valida per l anno scolastico Il dirigente scolastico prof. Daniele Dazzan

2 ATTIVITÀ DEL PERSONALE DOCENTE E DEL PERSONALE ATA Personale docente Art. 1 - Orario di lavoro I docenti possono espletare un orario continuativo di lezione pari al massimo a cinque ore, ad eccezione dei docenti della scuola dell infanzia e delle classi a tempo pieno della scuola primaria, dove il limite massimo è di sei ore di lezione. L insegnante supplente della scuola dell infanzia e del tempo pieno della scuola primaria non potrà comunque essere nominato per più di cinque ore giornaliere. Il limite massimo giornaliero di lavoro, comprensivo dell orario di insegnamento e dell impegno per attività programmate, è di nove ore complessive (sono escluse da tale limite le riunioni del Consiglio d Istituto e della Giunta esecutiva, considerato che si tratta di cariche elettive). All inizio dell anno scolastico il DS elaborerà e proporrà al Collegio docenti il piano annuale delle attività, che terrà conto di quanto previsto nei precedenti commi. Le commissioni di lavoro dovranno essere convocate con almeno tre giorni di preavviso. Art. 2 - Distribuzione del servizio I docenti svolgono il proprio orario di servizio su almeno cinque giorni alla settimana. Per i docenti della scuola dell infanzia e del tempo pieno l orario non dovrà comportare più di tre rientri alla settimana e dovrà rispondere a criteri di equità. I docenti in part-time verticale svolgono il proprio orario di servizio in non meno di tre giorni alla settimana, nel corso della quale sono tenuti a distribuire l attività didattica in modo equilibrato ed efficace. A tale scopo gli insegnanti della scuola dell infanzia devono garantire una presenza in classe almeno a giorni alterni; tale presenza in classe deve essere garantita anche dai docenti della scuola primaria, qualora abbiano accettato l incarico per l'insegnamento delle discipline dell area matematica o dell italiano. L orario annuale delle classi/sezioni è organizzato normalmente su base settimanale o quindicinale, ma può anche essere pianificato per periodi diversi e potrà variare da quadrimestre a quadrimestre, in relazione alla progettazione didattica deliberata dal Collegio dei docenti. Art. 3 - Criteri di formulazione dell orario di lezione La formulazione dell orario di lezione tiene conto prioritariamente delle esigenze didattiche definite dal collegio dei docenti. L orario individuale di lezione cercherà comunque di contemperare le esigenze didattiche deliberate dal collegio con le eventuali seguenti situazioni personali, in ordine di priorità: certificazioni sanitarie di eventuali patologie; legge 53/2001 a tutela della maternità/paternità; esigenze di famiglia adeguatamente documentate. Art. 4 - Supplenze brevi L insegnante supplente potrà essere nominato per i periodi di assenza del titolare di sezione o classe stabiliti dalle norme in vigore. Le assenze degli insegnanti della scuola secondaria di primo grado ove possibile saranno coperte con ore a disposizione o con ore eccedenti. Nella scuola dell infanzia e nella scuola primaria in caso di ritardato o mancato arrivo dell insegnante supplente, la copertura dell insegnante assente sarà effettuata con le seguenti modalità, in ordine di priorità: I responsabili di plesso possono autorizzare modifiche dell orario di servizio di singoli 2

3 insegnanti disponibili. Tali modifiche saranno annotate in un apposito registro previo avviso al DS; A garanzia della sicurezza degli allievi, potranno essere utilizzati insegnanti impegnati in ore di compresenza o contemporaneità, anche se già programmate; Potranno essere eccezionalmente utilizzati insegnanti impegnati in attività alternative all insegnamento della religione cattolica; Solo per le frazioni orarie necessarie, potranno essere incaricati della supplenza anche gli insegnanti di sostegno; Allo scopo di garantirne almeno la vigilanza, si potrà inoltre disporre la suddivisione degli alunni nelle altre classi del plesso, nelle quali tuttavia si avrà cura di non superare il totale massimo di 28 alunni. Art. 5 - Ore eccedenti a. Ogni docente della scuola secondaria può mettere a disposizione fino a sei ore settimanali per l effettuazione di ore eccedenti l orario d obbligo per la sostituzione dei colleghi assenti. La disponibilità va comunicata all inizio dell anno scolastico e sarà indicata nel quadro orario settimanale. b. Nel caso in cui sia necessaria l effettuazione di una o più ore eccedenti, il docente dovrà essere avvisato in tempo utile per effettuare il servizio. c. Il personale docente della scuola dell Infanzia e della scuola Primaria può effettuare ore eccedenti se esse non hanno carattere di continuità. d. Il tempo impiegato per uscite didattiche, visite d istruzione e manifestazioni organizzate dalla scuola può essere retribuito forfetariamente con il Fondo d istituto in presenza di disponibilità finanziarie adeguate fino alla concorrenza degli stanziamenti messi a disposizione dalla contrattazione d Istituto. Art. 6 - Attività di insegnamento e attività funzionali a. Nella programmazione dei consigli di classe della scuola secondaria di primo grado si terrà presente il limite massimo di nove ore di servizio totali nella giornata; i consigli di interclasse e di intersezione avranno una durata massima di tre ore. b. La durata prevista per ciascun Collegio dei docenti non potrà eccedere le tre ore: nel caso in cui i tempi della riunione si protraessero oltre la mezzora rispetto a quelli programmati, l eccedenza sarà conteggiata nel limite del monte ore programmato. Art. 7 - Formazione L art 64 del CCNL prevede che i docenti possano usufruire fino a 5 giorni nell anno scolastico per la partecipazione a iniziative di formazione con esonero dal servizio. Nel caso in cui più docenti siano interessati a usufruire contemporaneamente del beneficio, nell impossibilità di accogliere tutte le relative richieste, si adotteranno i seguenti criteri di priorità: docente che appartiene all ambito disciplinare oggetto della formazione; docente con incarico specifico inerente l argomento della formazione; docente con maggiore anzianità di servizio. Art. 8 - Ore aggiuntive Il personale assunto a tempo parziale (part-time) può effettuare ore aggiuntive qualora esse non rivestano carattere di continuità. Art. 9 - Mobilità L assegnazione dei docenti ai plessi e alle classi viene effettuata dal Dirigente scolastico in base ai criteri fondamentali dell anzianità di servizio e della continuità didattica nella classe e all interno dell Istituto. 3

4 Per ragioni di ordine organizzativo e didattico, allo scopo di perseguire le finalità di efficacia ed efficienza nell erogazione del servizio proprio dell Istituzione, il DS può motivatamente disporre in modo difforme da quanto previsto nel comma precedente. Personale ATA Art Assemblea del personale ATA Sulla base del POF formulato da parte degli organi collegiali, precedentemente all incontro con le RSU il DS, in accordo con il DSGA, convoca l assemblea programmatica d inizio anno scolastico per conoscere le proposte, i pareri e le disponibilità del personale ATA in merito all organizzazione e al funzionamento del servizio scolastico e a eventuali progetti da svolgersi oltre l orario di lavoro. Le ore di svolgimento dell assemblea sono considerate a tutti gli effetti orario di servizio. Art Orario di lavoro, turnazione, flessibilità 1. L orario di lavoro deve assicurare la copertura delle varie attività dell istituto. 2. L orario di lavoro settimanale del personale ATA è di 36 ore, ordinariamente suddivise in sei giorni di sei ore continuative, antimeridiane o pomeridiane in relazione all organizzazione della scuola e ai turni stabiliti per assicurare la copertura dell orario di servizio del Istituto. 3. L articolazione dell orario del personale ha durata annuale ed è distribuito su sei giorni nei plessi di Scuola primaria Ottaviano Augusto e Levi Montalcini e in quello della Scuola secondaria di primo grado; nel plesso G. Carducci, e in quelli di Scuola dell Infanzia è distribuito su cinque giorni settimanali. 4. Per garantire l efficienza e la produttività dei servizi, nonché il loro miglioramento, tenuto conto delle esigenze dei dipendenti, è possibile articolare il monte ore settimanale in base ai seguenti criteri (che possono anche coesistere, salvaguardando le necessità dell Amministrazione): orario flessibile distribuito in cinque giorni turnazione 5. Vengono individuati i seguenti turni: Turno antimeridiano, con inizio alle ore 7.30 e termine alle ore 13.30; Turno pomeridiano, con inizio tra le e le (secondo le esigenze dei vari plessi) e termine tra le e le I turni pomeridiani, in relazione alle necessità dell Istituto, sono svolti a rotazione e alternativamente su periodi di 6 giorni, salvo diversa richiesta. 6. L orario flessibile consiste, di norma, nell anticipo o posticipo dell entrata e dell uscita del personale e nella distribuzione dell orario di lavoro anche in cinque giornate lavorative. Qualora le unità di personale disponibili o richiedenti l orario flessibile siano superiori a quelle necessarie per l espletamento delle necessità istituzionali, si farà ricorso alla rotazione fra il personale interessato. Qualora si intenda richiedere l articolazione del monte ore settimanale su 5 giornate lavorative, sarà possibile effettuare un rientro pomeridiano settimanale di tre ore programmato sul calendario scolastico dell Istituto e recuperare tale maggiore prestazione con un giorno libero a settimane alterne: il giorno libero, che potrà essere un giorno qualsiasi della settimana, sarà assegnato tenendo conto delle esigenze di servizio e della disponibilità del personale. 7. Il personale che si trovi in particolari situazioni previste dalla L. 104/92 o dal D.Lgs: 151/2001, e che ne faccia richiesta, sarà favorito nell utilizzo di un orario flessibile o nell articolazione del proprio orario di servizio in cinque giorni, compatibilmente con le 4

5 esigenze di servizio, anche quando tale orario non sia stato adottato dall istituzione scolastica. 8. Visto il piano di lavoro presentato dal DSGA, considerato che questa Istituzione scolastica presenta un organizzazione in parte articolata per turni e un oggettiva complessità di funzionamento per la dislocazione dell attività in sette diversi plessi, considerato che due di tali plessi (Carducci e Bruno Munari) funzionano per più di dieci ore giornaliere per almeno tre giorni alla settimana, si attua per l anno scolastico la riduzione d orario a 35 ore settimanali per i collaboratori scolastici ai sensi dell art. 55 del CCNL 2007 e dell art. 3 della sequenza contrattuale , limitatamente ai periodi di funzionamento dell attività didattica (dal 16 sett. 2015al 30 giugno 2016). 9. Eventuali variazioni all orario di lavoro del personale ATA dovranno essere motivate da esigenze di funzionamento dell Istituto o da necessità connesse all attuazione del POF e saranno portate a conoscenza con congruo anticipo. Art. 12 Attività aggiuntive 1. Costituiscono prestazioni aggiuntive le attività svolte dal personale ATA oltre l orario di lavoro d obbligo e le attività di intensificazione di prestazioni lavorative dovute anche a particolari forme di organizzazione dell orario di lavoro connesse all attuazione dell autonomia. Esse consistono in: Prestazioni aggiuntive volte a garantire il normale funzionamento dei servizi scolastici o a fronteggiare esigenze straordinarie; Attività intese ad assicurare il coordinamento operativo e la necessaria collaborazione (secondo il tipo e il livello di responsabilità connessi a ciascun profilo) allo scopo di garantire il funzionamento della scuola, degli uffici, dei laboratori e dei servizi; Prestazioni che si rendono necessarie per fronteggiare le assenze, stanti le disposizioni vigenti in materia di sostituzione del personale. 2. L intensificazione deve essere verificabile in termini di efficienza ed efficacia, produrre vantaggi misurabili e risultati tangibili e documentabili in relazione ad obiettivi prefissati. 3. Le attività aggiuntive di cui al presente articolo, quantificate per unità orarie o forfetariamente, sono retribuite con il FIS fino alla concorrenza degli stanziamenti. In subordine, su esplicita richiesta del personale interessato, possono essere recuperate con riposi compensativi da fruirsi prioritariamente in occasione delle chiusure prefestive o, in altre giornate, compatibilmente con le esigenze di servizio. 4. La comunicazione di servizio relativa alla prestazione di attività aggiuntive deve di norma essere notificata all interessato con un anticipo di almeno 2 giorni, a meno che non si tratti di assenza di personale o di altra necessità non preventivabile e programmabile. 5. La prestazione dovrà essere documentata attraverso registri, fogli firma o altro sistema di rilevazione, anche automatica. 6. Per attività deliberate dagli Organi Collegiali, è eccezionalmente consentita la prestazione lavorativa in giornata festiva: tale servizio è retribuito come da norma. Art Modalità di utilizzazione del personale ATA in rapporto al POF Il fondo destinato al personale ATA (fino alla concorrenza dei fondi stanziati) è ripartito, in relazione alle attività individuate di concerto con il DSGA, secondo i seguenti criteri: disponibilità ad assumere l incarico, equa ripartizione delle attività, impiego a rotazione di tutto il personale che ha dato la disponibilità (se in possesso di specifiche e adeguate competenze). Le attività di supporto al POF, riguardo al personale amministrativo, possono esplicitarsi in: interventi straordinari nei servizi amministrativi, tecnici e logistici volti al miglioramento dell organizzazione interna; 5

6 attività di supporto ai progetti definiti nel POF; attività aggiuntive per la realizzazione di appositi progetti connessi al miglioramento dei servizi e/o di supporto alla didattica; ogni altra attività che si renda necessaria nel corso dell anno scolastico; intensificazione della prestazione (il compenso sarà rapportato alla presenza in servizio e alla qualità del servizio offerto, secondo le determinazioni del dirigente scolastico, sentito il DSGA) Le attività aggiuntive interesseranno inoltre i collaboratori scolastici che, indipendentemente dalla nomina a TD o a TI, qualora in possesso di specifica e adeguata professionalità, daranno la disponibilità per: assistenza all handicap; assistenza nell uso dei servizi igienici e nella cura dell igiene personale nella scuola dell infanzia; lavori di piccola manutenzione; impiego nei servizi esterni (ufficio postale, banca, asl, rapporti con scuole ed enti in rete, Comune, e tutto quanto assimilabile); disponibilità a permanere oltre l orario di lavoro, in periodo di intensa attività, anche con preavviso inferiore a quello stabilito contrattualmente; altre attività di supporto all Istituzione scolastica. Art Ritardi Con il termine di ritardo si intende la posticipazione eccezionale dell inizio dell orario di servizio fino a 30 minuti. Il ritardo sarà comunicato alla segreteria della Scuola prima dell inizio del turno e recuperato, in accordo con il DSGA, di norma nella medesima giornata. Art Ferie 1. Le ferie relative al periodo 1 luglio 31 agosto devono essere richieste per iscritto entro il 15 maggio. L amministrazione darà risposta alle istanze di ferie entro il 31 maggio dell anno di riferimento. 2. Per il personale a tempo indeterminato il residuo eccezionale (per i motivi indicati all art 13 CCNL: malattia o necessità dell Amministrazione) di ferie non godute deve essere fruito improrogabilmente entro il mese di aprile dell anno successivo: allo scopo saranno utilmente adoperati i giorni di chiusura prefestiva eventualmente disposti dal DS su delibera del Consiglio d Istituto (cfr. art. 16). 3. Ai dipendenti deve essere assicurato il godimento di almeno 15 giorni lavorativi continuativi di ferie durante il periodo 1 luglio 31 agosto. 4. In caso di concorrenza tra più richieste, le domande di ferie saranno accolte secondo i seguenti criteri in ordine di priorità: Personale che nell anno precedente non ha potuto fruire delle ferie nel periodo richiesto per esigenze organizzative inerenti il servizio; Personale con maggiore anzianità di servizio; Personale con maggiore anzianità anagrafica. 5. Il personale ATA può fruire delle ferie, senza oneri per lo Stato, nel periodo che va dall inizio delle lezioni al termine delle stesse: in ciascun plesso non potranno essere concesse ferie a più di un collaboratore scolastico e a più di due unità di personale amministrativo per volta. 6. L eventuale mancata concessione delle ferie dovrà essere adeguatamente motivata, con 6

7 formula non generica ma analitica e pertinente. 7. Nei periodi di sospensione delle attività didattiche e nel periodo estivo devono essere comunque garantite le seguenti presenze: Sede della dirigenza: almeno due collaboratori per il funzionamento dell Istituzione scolastica; Due unità di personale amministrativo per il funzionamento degli uffici. Si dà la possibilità che per brevi periodi l attività possa essere espletata da un solo addetto: in tal caso dovrà però essere garantita la reperibilità e disponibilità di un altra unità di personale per l eventuale sostituzione di emergenza dell unico addetto in servizio; Nei mesi di luglio e agosto il personale presta normalmente servizio nella sede di assegnazione, salvo specifiche necessità e disposizioni al riguardo. Art Chiusura prefestiva Sentito il personale ATA, la chiusura prefestiva è disposta dal DS su delibera del Consiglio d Istituto. Del provvedimento di chiusura dell Istituto deve essere dato pubblico avviso nei modi stabiliti dalla legge. I dipendenti compenseranno il servizio non prestato nei seguenti modi: come recupero di ferie pregresse; con rientri pomeridiani programmati secondo le necessità dell Amministrazione; fruendo, a richiesta, di giorni di ferie o festività soppresse maturate; con ore eccedenti l orario di servizio se necessario all Amministrazione; a compensazione di ore di formazione/aggiornamento effettuate fuori dall orario di servizio. Il recupero del servizio non prestato va effettuato entro il mese successivo. Art Permessi brevi I permessi brevi non possono eccedere nell anno le 36 ore complessive. I permessi brevi, della durata non superiore alla metà dell orario di servizio dovuto in quel giorno, devono essere richiesti a norma dell art. 16 del CCNL 2007 e sono autorizzati dal DS. La mancata concessione deve essere adeguatamente motivata dal DS. I permessi vanno recuperati, su richiesta dell Amministrazione e nei tempi previsti dal comma 2 dell art. 16 citato, con prestazioni aggiuntive rispetto al normale orario di servizio. I permessi brevi non possono comportare alcun onere per l Amministrazione. Art Permessi ATA art. 64 CCNL (diritto alla formazione) La partecipazione alle attività di aggiornamento programmate dall Amministrazione avviene nel limite delle ore stabilite dal piano di aggiornamento e per le tematiche relative alla formazione e al rinforzo degli specifici profili professionali. Il numero delle ore necessarie all aggiornamento può essere aumentato secondo le esigenze e deve tener conto del tempo necessario a raggiungere la sede dove l attività di formazione si svolge. Per le attività di aggiornamento del personale ATA si applicano le norme relative al personale docente, compresi i criteri di priorità. Norme particolari per i collaboratori scolastici Art Mansioni Nell assegnazione delle mansioni ai collaboratori scolastici si deve tener conto dell equa distribuzione dei carichi di lavoro. 7

8 Art Sostituzioni assenze In caso di assenza dei collaboratori scolastici si provvederà alla nomina di un supplente come da vigente normativa, che con la L 190/2014 prevede la sostituzione del titolare a partire dall ottavo giorno di assenza. Considerata la complessità dell istituzione e le particolari attività in essa svolte, qualora risulti impossibile l assunzione di personale supplente, si provvederà alla sostituzione dei collaboratori scolastici assenti utilizzando in primo luogo il personale del plesso, quindi con personale anche di altri plessi ponendo in atto tutte le misure organizzative complessive necessarie all espletamento del servizio. In relazione all assenza del collaboratore scolastico, potrà essere assegnata al personale in servizio, secondo necessità, fino a 1 ora di straordinario e 30 minuti di intensificazione. Art Accompagnatori I collaboratori scolastici, per necessità contingenti e per garantire un adeguata sorveglianza agli alunni, una volta acquisita la loro dichiarazione di disponibilità, possono essere utilizzati a supporto degli insegnanti accompagnatori negli spostamenti per visite guidate e trasferimenti tecnici effettuati con mezzi pubblici e/o a noleggio, sempre che ciò non sia di ostacolo al corretto funzionamento dell istituzione. Norma particolare per gli assistenti amministrativi Art Sostituzione assistenti amministrativi In caso di assenza degli assistenti amministrativi le funzioni e i compiti del personale assente saranno svolti da altro personale dell Ufficio. Norma particolare per il DSGA Art Orario di servizio Il DSGA effettuerà il proprio orario di servizio, 36 ore su sei giorni settimanali, con la massima flessibilità in ragione delle esigenze di servizio. Art Assegnazioni Il DSGA, nel predisporre la proposta di assegnazione dei collaboratori ai plessi, terrà conto dei consueti criteri di anzianità e continuità di servizio nella sede, nonché delle richieste personali inoltrate al DS entro il 30 giugno dell anno scolastico precedente e di eventuali specifiche situazioni familiari fatte presenti dai diretti interessati. Nel corso del presente anno scolastico si provvederà a redigere la graduatoria interna d Istituto in vista della riorganizzazione e riassegnazione del personale ai vari plessi. Il DS, che effettua le assegnazioni entro l inizio delle lezioni, può motivatamente disporre in modo difforme da quanto previsto nel comma precedente per ragioni di ordine organizzativo e allo scopo di perseguire le finalità di efficacia ed efficienza nell erogazione del servizio proprio dell Istituzione. Art Spostamenti in corso d anno scolastico Il DS, per casi eccezionali e motivati, può disporre spostamenti di plesso del personale collaboratore scolastico anche in corso d anno. 8

9 Art. 29 Operazioni di inizio anno scolastico Le operazioni d inizio anno scolastico , assegnazione degli insegnanti e del personale ai plessi e alle classi, ecc, si sono svolte secondo la normativa vigente e la contrattazione sindacale precedente. Art. 30 Silenzio assenso La richiesta presentata personalmente per iscritto dal dipendente all Amministrazione, qualora non diversamente specificato, dovrà ottenere riscontro entro il termine di tre giorni: in caso di mancata risposta la richiesta si intende accettata. Art Ricorsi In caso di controversie il dipendente può espletare il tentativo di conciliazione a norma dell art. 135 del CCNL Il dirigente scolastico prof. Daniele Dazzan 24/11/2015 9

Informativa relativa all organizzazione degli uffici e alla gestione dei rapporti di lavoro

Informativa relativa all organizzazione degli uffici e alla gestione dei rapporti di lavoro MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO G. GAVAZZENI Via Combattenti e Reduci 70 TALAMONA (Sondrio) Tel. e Fax 0342/670755 - e.mail: segreteria@ictalamona.it Anno

Dettagli

Modalità di organizzazione del personale docente e di utilizzazione del personale Ata

Modalità di organizzazione del personale docente e di utilizzazione del personale Ata LICEO CLASSICO STATALE N. FORTEGUERRI LICEO STATALE DELLE SCIENZE UMANE A. VANNUCCI Corso Gramsci, 148 - PISTOIA - Tel. 0573/20302-22328-Fax 0573/24371 Modalità di organizzazione del personale docente

Dettagli

CAPO III ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DEL PERSONALE A.T.A.ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO - 1 -

CAPO III ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DEL PERSONALE A.T.A.ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO - 1 - CAPO III ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DEL PERSONALE A.T.A.ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO - 1 - PREMESSA Al fine di evitare equivoci di sorta, a tutto il personale ATA viene consegnata copia individuale dell

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA

ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA Atti preliminari ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA All inizio di ogni anno scolastico e comunque prima dell inizio delle lezioni, sulla base del POF e delle attività ivi previste:?? Il

Dettagli

PARTE GENERALE PROCEDURE PER LA DEFINIZIONE DEL PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA

PARTE GENERALE PROCEDURE PER LA DEFINIZIONE DEL PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DEL PERSONALE ATA (ai sensi dell art. 3, comma 1, lettera f del CCNL 15/03/2001) L anno 2002 il mese

Dettagli

ALLEGATO 1 DETERMINAZIONI DEL DIRIGENTE IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO VISTO VISTA VISTA VISTA VISTA VISTO VISTO VISTO VISTA VISTA

ALLEGATO 1 DETERMINAZIONI DEL DIRIGENTE IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO VISTO VISTA VISTA VISTA VISTA VISTO VISTO VISTO VISTA VISTA ALLEGATO 1 DETERMINAZIONI DEL DIRIGENTE IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO VISTO il CCNL Comparto Scuola 2006-2009; VISTA la Sequenza Contrattuale Docenti dell 8.04.2008; VISTA la Sequenza Contrattuale

Dettagli

dispone per l anno scolastico 2013/2014 la seguente ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO

dispone per l anno scolastico 2013/2014 la seguente ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO Prot. n. 6173 del 20/11/2013 Il Dirigente Scolastico Visto il D.Lgs 297/1994; Vista la Legge 59/1997 art. 21; Visto il DPR 275/1999 art. 14; Visto il D.Lgs 165/201 art. 25; Visto il CCNL 2006/2009; Visto

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA DI CODROIPO (UD) Via Friuli, 14 33033 CODROIPO

DIREZIONE DIDATTICA DI CODROIPO (UD) Via Friuli, 14 33033 CODROIPO DIREZIONE DIDATTICA DI CODROIPO (UD) Via Friuli, 14 33033 CODROIPO E-mail Intranet: UDEE057002@istruzione.it Tel. 0432-906427 Fax 0432-906436 E-mail Internet: cdcodroipo@cdcodroipo.it CONTRATTO INTEGRATIVO

Dettagli

INFORMATIVA SU MODALITA DELL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DELL ORARIO DI SERVIZIO DEL PERSONALE DOCENTE E ATA ANNO SCOLASTICO 2011/2012

INFORMATIVA SU MODALITA DELL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DELL ORARIO DI SERVIZIO DEL PERSONALE DOCENTE E ATA ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio LICEO SCIENTIFICO STATALE GIUSEPPE PEANO 00142 Roma - Via Francesco Morandini, 38 - XIX Distretto e-mail:

Dettagli

I.T.S. E.MATTEI DI DECIMOMANNU

I.T.S. E.MATTEI DI DECIMOMANNU I.T.S. E.MATTEI DI DECIMOMANNU ACCORDO A LIVELLO DI ISTITUZIONE SCOLASTICA IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DEL PERSONALE ATA L anno 2015, nel mese di MAGGIO, il giorno

Dettagli

CRITERI E MODALITA RELATIVI ALL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DELL ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DEL PERSONALE DOCENTE E ATA

CRITERI E MODALITA RELATIVI ALL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DELL ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DEL PERSONALE DOCENTE E ATA CRITERI E MODALITA RELATIVI ALL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DELL ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DEL PERSONALE DOCENTE E ATA Art. 1 Criteri di assegnazione del personale docente ai corsi e alle classi 1. Il

Dettagli

Prot. N. 1551/C14 Abbiategrasso, 18 settembre 2015. Il Dirigente Scolastico

Prot. N. 1551/C14 Abbiategrasso, 18 settembre 2015. Il Dirigente Scolastico Prot. N. 1551/C14 Abbiategrasso, 18 settembre 2015 Oggetto: Piano di lavoro personale A.T.A. a.s. 2015/16 Agli interessati e p.c. Alla RSU Atti Albo Il Dirigente Scolastico VISTO il CCNL 2006/09, con riferimento

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. 35020 Albignasego (PD)

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. 35020 Albignasego (PD) I criteri per le determinazioni del dirigente riferiti a l organizzazione degli uffici e le misure inerenti alla gestione dei rapporti di lavoro ex art. 5, comma 2, del Dlgs n. 165/2001 come novellato

Dettagli

INFOMAZIONE PREVENTIVA IN RELAZIONE ALL'ART. 6 DEL CCNL 2006-2009 ANNO SCOLASTICO 2011-2012

INFOMAZIONE PREVENTIVA IN RELAZIONE ALL'ART. 6 DEL CCNL 2006-2009 ANNO SCOLASTICO 2011-2012 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SORBOLO Via Garibaldi,29 43058 SORBOLO (PR) Tel 0521/697705 Fax 0521/698179 Sito internet: http://icsorbolomezzan.scuolaer.it e-mail: pric81400t@istruzione.it Prot. n. 4918/C14

Dettagli

CAPO IV MODALITÀ DI UTILIZZO DEL PERSONALE DOCENTE IN RAPPORTO AL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO. - 1 -

CAPO IV MODALITÀ DI UTILIZZO DEL PERSONALE DOCENTE IN RAPPORTO AL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO. - 1 - CAPO IV MODALITÀ DI UTILIZZO DEL PERSONALE DOCENTE IN RAPPORTO AL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO. - 1 - ART. 19 Orario 1. All inizio dell anno scolastico vene definito l orario

Dettagli

LICEO CLASSICO G.D. ROMAGNOSI dal 1860-61

LICEO CLASSICO G.D. ROMAGNOSI dal 1860-61 Il passato del futuro LICEO CLASSICO G.D. ROMAGNOSI dal 1860-61 Viale Maria Luigia, 1-43125 Parma - Tel. 0521.282115 - Fax. 0521.385159 www.liceoromagnosi.org - ssromagn@scuole.pr.it - codice MIUR PRPC010001

Dettagli

PIANO ANNUALE delle ATTIVITÀ

PIANO ANNUALE delle ATTIVITÀ Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo di Sermide Via Zambelli, 2 46028 Sermide (MN) Tel. 0386 61101 Fax. 0386 960476 email: mnic82200r@istruzione.it - info@icsermide.it

Dettagli

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO CIAMPOLI-SPAVENTA

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO CIAMPOLI-SPAVENTA ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO CIAMPOLI-SPAVENTA SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI PRIMO GRADO SECONDARIA DI SECONDO GRADO: ITE - LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO S.A. IST. PROF.LE SOCIO SANITARIO

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore PIETRO SCALCERLE Liceo Linguistico e Istituto Tecnico Chimica, materiali e biotecnologie

Istituto di Istruzione Superiore PIETRO SCALCERLE Liceo Linguistico e Istituto Tecnico Chimica, materiali e biotecnologie Prot. n. 3631/C16 Istituto di Istruzione Superiore PIETRO SCALCERLE Liceo Linguistico e Istituto Tecnico Chimica, materiali e biotecnologie 35136 PADOVA - Via delle Cave, 174 Tel. 049/720744 - Fax 049/8685112

Dettagli

Contratto Integrativo di Istituto a.s. 2014/2015. Organizzazione del lavoro e articolazione dell orario del personale A.T.A.

Contratto Integrativo di Istituto a.s. 2014/2015. Organizzazione del lavoro e articolazione dell orario del personale A.T.A. Contratto Integrativo di Istituto a.s. 2014/2015 Organizzazione del lavoro e articolazione dell orario del personale A.T.A. VISTO il CCNL 2006/2009 e successive modificazioni ed integrazioni Art.1 Riunione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo "Dante"

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Dante Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo "Dante" Via Rusnati,1 21013 Gallarate (VA) C.F. 91055810120 Cod. Meccanografico VAIC878006 Tel. 0331.792428 - Fax 0331.774924

Dettagli

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA D ISTITUTO GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA D ISTITUTO GESTIONE DELLE RISORSE UMANE CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA D ISTITUTO GESTIONE DELLE RISORSE UMANE Il giorno 30/09/2014 alle ore 10.30 presso l Istituto Comprensivo di Varallo tra il Dirigente Scolastico e le R.S.U., si stipula la seguente

Dettagli

Istituto Tecnico Tecnologico E. FERMI Ascoli Piceno ART 6 comma 2 CCNL 2007 Informazione preventiva a.s. 2011-12

Istituto Tecnico Tecnologico E. FERMI Ascoli Piceno ART 6 comma 2 CCNL 2007 Informazione preventiva a.s. 2011-12 Istituto Tecnico Tecnologico E. FERMI Ascoli Piceno ART 6 comma 2 CCNL 2007 Informazione preventiva a.s. 2011-12 Lettera c): criteri di attuazione dei progetti nazionali, europei e territoriali Sono inseriti

Dettagli

VERBALE ESAME CONGIUNTO

VERBALE ESAME CONGIUNTO VERBALE ESAME CONGIUNTO Il giorno 27/03/2013, presso l ITIS E. Mattei di San Donato Milanese tra la delegazione di parte pubblica rappresentata dal Dirigente Scolastico prof. Paiano Giacomo e la delegazione

Dettagli

CONTRATTO D ISTITUTO A.S. 2014/2015

CONTRATTO D ISTITUTO A.S. 2014/2015 Istituto Comprensivo di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Viale Bruno Buozzi 65026 P O P O L I (PE) - Tel. e Fax 085-98317/9879065 C.F.: 81000650689 - Indirizzo Internet: www.istitutocomprensivopopoli.gov.it

Dettagli

INFORMATIVA SUI CRITERI RELATIVI ALL ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI. Anno Scolastico 2014-2015 TITOLO I - PERSONALE DOCENTE

INFORMATIVA SUI CRITERI RELATIVI ALL ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI. Anno Scolastico 2014-2015 TITOLO I - PERSONALE DOCENTE MINISTERO DELL ISTRUZIONE,DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Istituto Comprensivo Pablo Neruda Via Casal del marmo n. 212-00135 Roma 06/30812886-06 30819741 fax 06/30812292

Dettagli

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA DI ISTITUTO PER L ANNO SCOLASTICO 2011 2012

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA DI ISTITUTO PER L ANNO SCOLASTICO 2011 2012 CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA DI ISTITUTO PER L ANNO SCOLASTICO 2011 2012 CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 L anno 2011 il giorno 19 del mese di dicembre alle ore 10,00 nei

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE Adottato con atto deliberativo di Giunta Comunale n 83 del 02.08.2002 Modificato

Dettagli

Comune di Capannori Provincia di Lucca

Comune di Capannori Provincia di Lucca Allegato 1 Comune di Capannori Provincia di Lucca Regolamento Comunale per la disciplina dell orario di servizio e di lavoro 1 Premessa Il presente regolamento è approvato nel rispetto dei contratti vigenti.

Dettagli

COMUNE DI PLOAGHE PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI PLOAGHE PROVINCIA DI SASSARI / COMUNE DI PLOAGHE PROVINCIA DI SASSARI REGOLAMENTO DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO ED EROGAZIONE BUONI PASTO approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 92 in data 06.11.2014 modificato con

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO

CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO G. GALILEI - PASCOLI Scuola dell Infanzia - Primaria - Secondaria di Primo Grado - Sezione Ospedaliera Via D. Bottari, 1 (Piazza

Dettagli

INFORMAZIONE DISPOSIZIONI SULL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEL PERSONALE A.S.2014/15 PERSONALE DOCENTE. Organizzazione del lavoro.

INFORMAZIONE DISPOSIZIONI SULL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEL PERSONALE A.S.2014/15 PERSONALE DOCENTE. Organizzazione del lavoro. INFORMAZIONE DISPOSIZIONI SULL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEL PERSONALE A.S.2014/15 PERSONALE DOCENTE - Struttura organizzativa dei docenti Organizzazione del lavoro. 1- Il Dirigente Scolastico sceglie

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE DUCA D AOSTA Via C. Capelli, 51 10146 Torino Telefax 011/724696 C.F. 80090940018 e-mail:segreteria@ddducadaosta.

DIREZIONE DIDATTICA STATALE DUCA D AOSTA Via C. Capelli, 51 10146 Torino Telefax 011/724696 C.F. 80090940018 e-mail:segreteria@ddducadaosta. prot. 1164/A26 del 29 febbraio 2012 DIREZIONE DIDATTICA STATALE DUCA D AOSTA Via C. Capelli, 51 10146 Torino Telefax 011/724696 C.F. 80090940018 e-mail:segreteria@ddducadaosta.it CONTRATTO INTEGRATIVO

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO SULL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DEL PERSONALE A.T.A. A.S. 2014/2015

CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO SULL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DEL PERSONALE A.T.A. A.S. 2014/2015 CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO SULL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DEL PERSONALE A.T.A. A.S. 2014/2015 Il giorno 02/03/2015 alle ore 10,00 presso la sede dell Istituto Comprensivo

Dettagli

1.Criteri di assegnazione del personale

1.Criteri di assegnazione del personale ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PARMIGIANINO P.le Rondani, 1 43100 Parma - Tel. 0521/233874 Fax 0521/233046 e-mail: pric83600p@istruzione.it PEC: pric83600p@pec.istruzione.it web: www.icparmigianino.it Codice

Dettagli

COMUNE DI CAMPEGINE ART. 1 NORME DI PRINCIPIO

COMUNE DI CAMPEGINE ART. 1 NORME DI PRINCIPIO COMUNE DI CAMPEGINE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Il presente Regolamento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO (GR)

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO (GR) ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO (GR) Contratto Integrativo d istituto Anno Scolastico 2011/2012 (CCNL Scuola 2006/2009) L anno 2011, il giorno 29 del mese di novembre, presso la scuola primaria,

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE

REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE Articolo 1 (Orario ordinario di lavoro e di servizio. Definizioni) Articolo 2 (Articolazione dell orario)

Dettagli

Contrattazione integrativa di Istituto (2 parte)

Contrattazione integrativa di Istituto (2 parte) pag. 1 di 6 Istituto Professionale di Stato per i Servizi Alberghieri e della Ristorazione E. Maggia -Stresa Contrattazione integrativa di Istituto (2 parte) ANNO SCOLASTICO 2012-2013 TRATTAMENTO ECONOMICO

Dettagli

INFORMAZIONE PREVISTA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 CRITERI PER L INDIVIDUAZIONE DEL PERSONALE ATA DA UTILIZZARE NELLE

INFORMAZIONE PREVISTA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 CRITERI PER L INDIVIDUAZIONE DEL PERSONALE ATA DA UTILIZZARE NELLE MINISTERO ISTRUZIONE, UNIVERSITA e RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTEBELLO VICENTINO INFORMAZIONE PREVISTA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 CRITERI E MODALITÀ D UTILIZZAZIONE E D ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO a.s. 2014/2015

CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO a.s. 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO N. 16 - VALPANTENA Piazza Penne Mozze, 2 37142 Poiano - Verona 045/8700503 045/8700303 - fax 045/8700037 C.F. 93185540239 segreteria@ic16verona.gov.it - vric887003@pec.istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE ART. 1 RILEVAZIONE DELLE PRESENZE Ai sensi della vigente disciplina contrattuale, l orario di lavoro dei dipendenti è accertato mediante controlli

Dettagli

MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE ACCADEMIA DI BELLE ARTI Via Duca degli Abruzzi, 4 07100 SASSARI

MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE ACCADEMIA DI BELLE ARTI Via Duca degli Abruzzi, 4 07100 SASSARI MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE ACCADEMIA DI BELLE ARTI Via Duca degli Abruzzi, 4 07100 SASSARI Prot. n. 2066/A1a 16.05.2011 Vista la legge 508 del 1999;

Dettagli

INFORMATIVA ALLA RSU SUI CRITERI ADOTTATI NELLA GESTIONE DEL PERSONALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015

INFORMATIVA ALLA RSU SUI CRITERI ADOTTATI NELLA GESTIONE DEL PERSONALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DE NICOLA - SASSO C.so Vittorio Emanuele,77-80059 TORRE DEL GRECO (NA) Cod. Fisc. 95170080634 - Cod. Mecc. NAIC8CS00C 36 Distretto Scolastico Tel./ Fax 081 882 65 00 e-mail

Dettagli

Prot. N 1073/A26 Genova, 9 febbraio 2012 DETERMINAZIONE UNILATERALE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

Prot. N 1073/A26 Genova, 9 febbraio 2012 DETERMINAZIONE UNILATERALE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO LICEO STATALE P. GOBETTI Liceo Linguistico Liceo Musicale e Coreutico sez. Coreutica Liceo Scienze Umane Liceo Scienze Umane Economico Sociale Via Spinola di S.Pietro, 1-16149 Genova - Tel.0106469787 -Fax

Dettagli

Tel. 0521/282115 - Fax 0521/385159 E-mail : ssromagn@scuole.pr.it

Tel. 0521/282115 - Fax 0521/385159 E-mail : ssromagn@scuole.pr.it LICEO GINNASIO STATALE "G.D.ROMAGNOSI" Viale Maria Luigia, 1-43100 Parma Tel. 0521/282115 - Fax 0521/385159 E-mail : ssromagn@scuole.pr.it PROT. N.2596/1 Parma 02.10.2013 OGGETTO : Adozione piano di lavoro

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO d ISTITUTO

CONTRATTO INTEGRATIVO d ISTITUTO Ministero della Pubblica Istruzione I. C. Galilei Via Quadrelli, 2 21052 Busto Arsizio Tel:0331 340120 Fax: 0331 340120 e-mail uffici: vaic860001@istruzione.it CONTRATTO INTEGRATIVO d ISTITUTO A.S. 2013/2014

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORARIO DI SERVIZIO, SUL LAVORO STRAORDINARIO E SULLA BANCA DELLE ORE

REGOLAMENTO SULL ORARIO DI SERVIZIO, SUL LAVORO STRAORDINARIO E SULLA BANCA DELLE ORE COMUNE DI PORTOGRUARO Provincia di Venezia REGOLAMENTO SULL ORARIO DI SERVIZIO, SUL LAVORO STRAORDINARIO E SULLA BANCA DELLE ORE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 230 DEL 14.11.2002.

Dettagli

Contrattazione integrativa d Istituto a.s.2012/2013 FRONTESPIZIO DELL INTESA

Contrattazione integrativa d Istituto a.s.2012/2013 FRONTESPIZIO DELL INTESA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Scuola dell INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA di I GRADO Via Milazzo,21-03030

Dettagli

IPOTESI DI ACCORDO CONTRATTAZIONE DI ISTITUTO 2010/11

IPOTESI DI ACCORDO CONTRATTAZIONE DI ISTITUTO 2010/11 IPOTESI DI ACCORDO CONTRATTAZIONE DI ISTITUTO 2010/11 L'anno 2010, il giorno 14, del mese di dicembre alle ore 11,00 nei locali dell'istituto Statale d Arte Bruno Munari di Vittorio Veneto tra la delegazione

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICI E SERVIZI. APPENDICE. Regolamento sull orario di lavoro.

REGOLAMENTO UFFICI E SERVIZI. APPENDICE. Regolamento sull orario di lavoro. COMUNE DI STRIANO (Provincia di Napoli) Via Sarno, 80040 Striano Tel. 081.8276202 Fax 081. 8276103 P.I. 01254261215 - C.F. 01226000634 segreteria@comune.striano.na.it www.comune.striano.na.it REGOLAMENTO

Dettagli

IPOTESI DI CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO A.S. 2014/15

IPOTESI DI CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO A.S. 2014/15 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IPOTESI DI CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO A.S. 2014/15 Premessa Il giorno 15 gennaio 2015 alle ore 11.00 a seguito degli incontri tenutisi

Dettagli

INFORMAZIONE DISPOSIZIONI SULL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEL PERSONALE. PERSONALE DOCENTE. Organizzazione del lavoro.

INFORMAZIONE DISPOSIZIONI SULL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEL PERSONALE. PERSONALE DOCENTE. Organizzazione del lavoro. INFORMAZIONE DISPOSIZIONI SULL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEL PERSONALE. PERSONALE DOCENTE - Struttura organizzativa dei docenti Organizzazione del lavoro. 1- Il Dirigente Scolastico sceglie e incarica

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ASSISI 1 Via S.Antonio n. 1 06081 Assisi (PG) Tel. 075812360 - Fax 075812159 @-mail certificata: pgic83500t@pec.

ISTITUTO COMPRENSIVO ASSISI 1 Via S.Antonio n. 1 06081 Assisi (PG) Tel. 075812360 - Fax 075812159 @-mail certificata: pgic83500t@pec. ISTITUTO COMPRENSIVO ASSISI 1 Via S.Antonio n. 1 06081 Assisi (PG) Tel. 075812360 - Fax 075812159 @-mail certificata: pgic83500t@pec.it Contratto Integrativo d Istituto sui criteri generali per la ripartizione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ALLEGATO A ALLA DELIBERA DI G.C. N. 71 DEL 05.11.2009 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore II.S. Giulio Romano di Mantova con sezioni associate di Mantova e Guidizzolo

Istituto d Istruzione Superiore II.S. Giulio Romano di Mantova con sezioni associate di Mantova e Guidizzolo Istituto d Istruzione Superiore II.S. Giulio Romano di Mantova con sezioni associate di Mantova e Guidizzolo IPOTESI DI CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO 2011/2012 parte normativa 1 Istituto d Istruzione

Dettagli

Polo Universitario della Provincia di Agrigento

Polo Universitario della Provincia di Agrigento Polo Universitario della Provincia di Agrigento DIRETTIVA DEL RESPONSABILE DEL SETTORE AA.GG. N. 3 del _15/02/2013_ OGGETTO: GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE

Dettagli

REGOLAMENTO PERMESSI E FERIE DOCENTI

REGOLAMENTO PERMESSI E FERIE DOCENTI I.T.I.S «G. MARCONI» - PADOVA Via Manzoni, 80 Tel.: 049.80.40.211 Fax 049.80.40.277 e-mail: marconi@provincia.padova.it www.itismarconipadova.it Istituto Tecnico per il Settore Tecnologico Rev. 3 Data:18-10-

Dettagli

INFORMAZIONE SULLE MATERIE ATTINENTI AL RAPPORTO DI LAVORO IN ATTESA INTRODUZIONE MODELLO ESAME CONGIUNTO

INFORMAZIONE SULLE MATERIE ATTINENTI AL RAPPORTO DI LAVORO IN ATTESA INTRODUZIONE MODELLO ESAME CONGIUNTO INFORMAZIONE SULLE MATERIE ATTINENTI AL RAPPORTO DI LAVORO IN ATTESA INTRODUZIONE MODELLO ESAME CONGIUNTO (Art. 5, comma 2, del D.lgs n. 165 del 2001, così come novellato dall art. 2, comma 17, del Decreto

Dettagli

REGOLE APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEL COMUNE DI COTIGNOLA

REGOLE APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEL COMUNE DI COTIGNOLA AREA PERSONALE E ORGANIZZAZIONE Servizio Amministrazione del Personale Corso Garibaldi, 62 48022 Lugo Tel. 0545 38311 Fax 0545 38442 marinid@unione.labassaromagna.it REGOLE APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE di BUSACHI Provincia di Oristano

COMUNE di BUSACHI Provincia di Oristano COMUNE di BUSACHI Provincia di Oristano Piazza Italia, 1 Tel. 0783 62010-62274 - Fax 0783 62433 - P. IVA 00541880951 REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO Approvato

Dettagli

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO 1 INDICE Art. 1 L orario di lavoro ordinario Art. 2 L orario differenziato

Dettagli

Gestione del personale

Gestione del personale LICEO ERASMO DA ROTTERDAM Gestione del personale Ambito funzionale Gestione delle risorse 1 Liceo Erasmo da Rotterdam PQ04gestione del personale_11_2010rev2 INDICE 1.1 OBIETTIVO 1.2 CAMPO D APPLICAZIONE

Dettagli

SETTORE 2 U.O. Risorse Umane ed Organizzazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO

SETTORE 2 U.O. Risorse Umane ed Organizzazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO SETTORE 2 U.O. Risorse Umane ed Organizzazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO Approvato con Deliberazione di G.C. n. 258 del 20.12.2012 Modificato con Deliberazione

Dettagli

Prot.n. 4389/A5 Empoli, 30 settembre 2015 OGGETTO: SUDDIVISIONE COMPITI ED ORARIO DEGLI ASSISTENTI AMMINISTATIVI ANNO SCOLASTICO 2015-16.

Prot.n. 4389/A5 Empoli, 30 settembre 2015 OGGETTO: SUDDIVISIONE COMPITI ED ORARIO DEGLI ASSISTENTI AMMINISTATIVI ANNO SCOLASTICO 2015-16. DIREZIONE DIDATTICA STATALE EMPOLI 3 CIRCOLO VIA PONZANO 43 50053 EMPOLI (FI) TEL. 0571922337 FAX N. 0571960135 e-mail: fiee22000t@istruzione.it - Codice fiscale n. 82008030486 sito web: www.empoliterzocircolo.it

Dettagli

COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012

COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012 COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012 ACCORDO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Il presente accordo

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E PER GEOMETRI " G. G A L I L E I " http://www.itcgalilei.it/ e-mail: avigalam@tin.it

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E PER GEOMETRI  G. G A L I L E I  http://www.itcgalilei.it/ e-mail: avigalam@tin.it ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E PER GEOMETRI " G. G A L I L E I " Via G.B. Nicol, 35-10051 AVIGLIANA (TO) - TEL. 011-9328042 - FAX 0119320988 http://www.itcgalilei.it/ e-mail: avigalam@tin.it Relazione

Dettagli

Ipotesi di contratto integrativo per l anno scolastico 2014-2015

Ipotesi di contratto integrativo per l anno scolastico 2014-2015 ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO Per i Servizi Alberghieri e della Ristorazione Giovanni Falcone Via Veneto 4 95014 GIARRE (CT) Tel. 095-932846 Fax 095-933121 Sito Web: www.ipssarfalconegiarre.it Ipotesi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO A. BACCARINI RUSSI (RA) CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO (ai sensi dell art.6 del CCNL del 29.11.2007).

ISTITUTO COMPRENSIVO A. BACCARINI RUSSI (RA) CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO (ai sensi dell art.6 del CCNL del 29.11.2007). ISTITUTO COMPRENSIVO A. BACCARINI RUSSI (RA) Via Don Minzoni, 17 C.F. 80007580394 - Tel 0544/580678 - Fax 0544/582942 e-mail: icrussi@libero.it CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO (ai sensi dell art.6 del

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO 2014/2015 Allegato B PERSONALE ATA

CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO 2014/2015 Allegato B PERSONALE ATA Sallustio Bandini Istituto Tecnico Statale Programmatori Ragionieri Geometri Lingue Straniere Agenzia Formativa Accreditata dalla Regione Toscana CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO 2014/2015 Allegato B

Dettagli

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE GIOSUÈ CARDUCCI LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO V.le Trento e Trieste n 26-56048 - Volterra (PI) - tel. 0588 86055 - fax 0588 90203 ISTITUTO STATALE

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO "LIDIA POET" PINEROLO. Anno scolastico 2012/2013 CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO LIDIA POET PINEROLO. Anno scolastico 2012/2013 CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO "LIDIA POET" PINEROLO SEDE CENTRALE: Via de Rochis, 29-10064 Pinerolo - Tel. 0121-321693 - Fax 0121-321842 Succursale: Pinerolo - Sezioni associate: Buriasco Frossasco

Dettagli

Direzione Generale PREMESSO

Direzione Generale PREMESSO CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE CONCERNENTE I CRITERI PER LA FRUIZIONE DEI PERMESSI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEL PERSONALE COMPARTO SCUOLA Il giorno 9 dicembre 2008 in Bologna presso l Ufficio

Dettagli

Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto)

Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto) Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto) REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO, DI SERVIZIO E DI APERTURA DEGLI UFFICI AL PUBBLICO (Approvato con Deliberazione G.C. n. 89 del 08/07/2013) I N D I C E ART.

Dettagli

SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 3 ALTO FRIULI REGOLAMENTO AZIENDALE

SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 3 ALTO FRIULI REGOLAMENTO AZIENDALE SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 3 ALTO FRIULI REGOLAMENTO AZIENDALE DIRITTO ALLO STUDIO PERSONALE DI COMPARTO Art. 1- PERMESSI RETRIBUITI

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DEL PERSONALE DOCENTE

ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DEL PERSONALE DOCENTE M i n i s t e r o d e l l I s t r u z i o n e, d e l l U n i v e r s i t à e d e l l a R i c e r c a I. I. S. J. T O R R I A N I I S T I T U T O T E C N I C O - S E T T O R E T E C N O L O G I C O L I

Dettagli

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria PER LA CONCESSIONE DEI PERMESSI RETRIBUITI

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria PER LA CONCESSIONE DEI PERMESSI RETRIBUITI Regione Calabria ARPACAL Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria ALLEGATO ALLA DELIBERA N 1233/2010 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI PERMESSI RETRIBUITI PER DIRITTO ALLO STUDIO

Dettagli

Prot. n. 0002111 Genazzano, 09 settembre 2015 IL DIRIGENTE

Prot. n. 0002111 Genazzano, 09 settembre 2015 IL DIRIGENTE MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO G. GARIBALDI Via della Signoretta 00030 Genazzano (Roma) 069579055/ 0695570268

Dettagli

PREMESSO VIENE SOTTOSCRTTO

PREMESSO VIENE SOTTOSCRTTO IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE CONCERNENTE I CRITERI PER LA FRUIZIONE DEI PERMESSI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEL PERSONALE COMPARTO SCUOLA Il giorno 20 del mese di novembre 2012

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTELVETRO Via Palona, 11/B 41014 CASTELVETRO DI MODENA (MO)

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTELVETRO Via Palona, 11/B 41014 CASTELVETRO DI MODENA (MO) ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTELVETRO Via Palona, 11/B 41014 CASTELVETRO DI MODENA (MO) Prot. n. 4051 /A 01 IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTO il CCNL; VISTO il Piano dell offerta formativa deliberato dal Consiglio

Dettagli

Prot. n. 8861/A19c Menfi, 02-12-2013. INFORMAZIONE PREVENTIVA ai sensi D.L.vo 27 ottobre 2009 n.150 anno scolastico 2013/2014

Prot. n. 8861/A19c Menfi, 02-12-2013. INFORMAZIONE PREVENTIVA ai sensi D.L.vo 27 ottobre 2009 n.150 anno scolastico 2013/2014 Unione Europea Repubblica Italiana Regione Sicilia REGIONE SICILIANA-DISTRETTO SCOLASTICO N.65 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA, ELEMENTARE E MEDIA «S. BIVONA» Contrada Soccorso s. n. tel./ fax 092571895-092573400

Dettagli

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA A LIVELLO DI ISTITUZIONE SCOLASTICA. vigenti in materia

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA A LIVELLO DI ISTITUZIONE SCOLASTICA. vigenti in materia M. I. U. R. Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani via Pietro Mascagni - 20871 Vimercate (MB) tel. 039/667522 - fax 039/6611208 c. f. 87004970155 e-mail: miic8ex007@istruzione.it e-mail: miic8ex007@pec.istruzione.it

Dettagli

TITOLO QUARTO - TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO CAPO I - NORME GENERALI. Art. 14 Risorse

TITOLO QUARTO - TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO CAPO I - NORME GENERALI. Art. 14 Risorse TITOLO QUARTO - TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO CAPO I - NORME GENERALI Art. 14 Risorse 1. Le risorse disponibili per l'attribuzione del salario accessorio sono costituite da: a. stanziamenti previsti

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA ALL IPOTESI CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO A.S. 2012/2013

RELAZIONE ILLUSTRATIVA ALL IPOTESI CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO A.S. 2012/2013 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO GRAMSCI con annesso 21 CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE per l istruzione

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA AL CONTRATTO INTEGRATIVO. Premessa

RELAZIONE ILLUSTRATIVA AL CONTRATTO INTEGRATIVO. Premessa ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE N. 17 MONTORIO Via Dei Gelsi, 20 37141 Montorio-Verona Sito web: www.scuolemontorio.org e-mail ministeriale: vric88800v@istruzione.it Tel. 045.557507/045.8840944 Fax. 045.8869196

Dettagli

C O M U N E D I B R I N D I S I Settore Sviluppo Risorse Umane

C O M U N E D I B R I N D I S I Settore Sviluppo Risorse Umane C O M U N E D I B R I N D I S I Settore Sviluppo Risorse Umane Regolamento per la disciplina dell'orario degli uffici e dei servizi comunali e delle attività didattico/educative di pertinenza comunale

Dettagli

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE Il giorno 16 del mese di maggio dell anno 2014 (duemilaquattordici ) alle ore 12,00 nell ufficio del Dirigente Scolastico

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO. (Approvato con delibera Giunta Comunale n. 29 del 3 marzo 2010)

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO. (Approvato con delibera Giunta Comunale n. 29 del 3 marzo 2010) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO (Approvato con delibera Giunta Comunale n. 29 del 3 marzo 2010) 1 INDICE Art. 1 Definizioni Art. 2 Articolazione dell orario di lavoro Art.

Dettagli

COMUNE DI GROTTAMMARE

COMUNE DI GROTTAMMARE COMUNE DI GROTTAMMARE 63013 PROVINCIA DI ASCOLI PICENO P.IVA 00403440449 * Tel. 0735-7391 * Fax 0735-735077 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO (approvato con deliberazione

Dettagli

a cura di FLC CGIL - CISL SCUOLA - UIL SCUOLA OPUSCOLO INFORMATIVO SU:

a cura di FLC CGIL - CISL SCUOLA - UIL SCUOLA OPUSCOLO INFORMATIVO SU: PERSONALE A.T.A..A. OPUSCOLO INFORMATIVO SU: Contrattazione d Istituto Turnazione ed Orari 35 ore settimanali Ferie Festività Malattia Proposte per la sostituzione del personale assente Funzioni miste

Dettagli

Art.1 Oggetto del regolamento

Art.1 Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER L ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO APPROVATO CON DELIBERA COMMISSARIALE N. 72/2013 MODIFICATA CON DELIBERA COMMISSARIALE N. 89/2013 E DELIBERA COMMISSARIALE N. 138/2013. Art.1 Oggetto del

Dettagli

Fondo dell Istituzione Scolastica

Fondo dell Istituzione Scolastica MINISTERO DELL ISTRUZIONE UNIVERSITA E RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO Via Giulia, 38-00186 ROMA tel. 0668806226- fax. 0668300813 www.liceoclassicovirgilio.it

Dettagli

NORME COMUNI. Art. 1 Obiettivi del contratto integrativo

NORME COMUNI. Art. 1 Obiettivi del contratto integrativo MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO III ISTITUTO STATALE D ARTE Piazza dei Decemviri, 12 00175 Roma Telefono e fax 067480609 - E-mail: info@terzoisa.org Distretto

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE 3 CIRCOLO CAVA DE TIRRENI Via A. Salsano - CAVA DE TIRRENI 84013 (SA)

DIREZIONE DIDATTICA STATALE 3 CIRCOLO CAVA DE TIRRENI Via A. Salsano - CAVA DE TIRRENI 84013 (SA) Ministero dell Istruzione, dell Università, della Ricerca DIREZIONE DIDATTICA STATALE 3 CIRCOLO CAVA DE TIRRENI Via A. Salsano - CAVA DE TIRRENI 84013 (SA) Scuola partecipante Progetti Europei Autonomia

Dettagli

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO. Art. 1 - Finalità e definizioni

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO. Art. 1 - Finalità e definizioni REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO Art. 1 - Finalità e definizioni 1. Ai fini del presente regolamento si intende: - per ufficio l insieme funzionale di competenze amministrative e tecniche attribuite ad una

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA DI ISTITUTO AI SENSI DELL ART. 6 DEL CCNL 2007

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA DI ISTITUTO AI SENSI DELL ART. 6 DEL CCNL 2007 ISTITUTO SUPERIORE AECLANUM Via Bosco Ortale, 21 83036 Mirabella Eclano (AV) Liceo Scientifico Liceo Classico Lic. Sc. opzione Scienze Applicate Mirabella Eclano (AV) Istituto Professionale per i Servizi

Dettagli

COMUNE DI TRENTINARA

COMUNE DI TRENTINARA REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI ACCESSO DEL PUBBLICO Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n.142 del 9 dicembre 2013 Art. 1 - Finalità e ambito di intervento Il presente Regolamento,

Dettagli

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Le presente direttive vengono adottate al

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO INDICE: Art.1 Definizioni Art.2 L orario di servizio Art.3 L orario di apertura al pubblico Art.4 L orario di lavoro Art.5 L orario dei

Dettagli

EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE

EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE gnbvmnbvb ACCORDO INTEGRATIVO REGIONALE PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI CON I MMG EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE Art. 1 Compiti professionali Il medico di emergenza sanitaria territoriale, oltre ai compiti

Dettagli