Allegato alla Determinazione n. 123 del 24/03/2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Allegato alla Determinazione n. 123 del 24/03/2015"

Transcript

1 llegato alla Determinazione n. 123 del 24/03/2015 Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni che permetta la compilazione on line con procedure guidate accessibili tramite autenticazione con il Sistema pubblico per la gestione dell'identità digitale di cittadini e imprese. (art. 24 comma 3 bis del DL n. 90/2014). 1

2 Piano di nformatizzazione della Comunità Montana Valli rco e Soana (Legge 114/2014 Decreto P ) SMM Sommario nquadramento e obiettivi del piano... 3 l Sistema nformativo... 4 rchitettura di riferimento Meta architettura funzionale Piano attuativo ndividuazione responsabilità ttività previste Condizioni per la realizzazione Sistemi esterni all nte egolamenti da definire isorse dell nte Formazione iferimenti

3 nquadramento e obiettivi del piano l piano nasce in risposta a quanto disposto dal DL 90/2014 convertito in Legge 114/2014 (Decreto P), che oltre all obbligo ormai passato di comunicazione delle banche dati all gd, ha sancito altri obblighi per le Pubbliche amministrazioni, in tema di piani di informatizzazione e di catalogo dei dati in loro possesso. ciò si affianca l atteso DPCM 13 novembre 2014 contenente le egole tecniche in materia di formazione, trasmissione, copia, duplicazione, riproduzione e validazione temporale dei documenti informatici nonché di formazione e conservazione dei documenti informatici delle pubbliche amministrazioni ai sensi degli articoli 20, 22, 23-bis, 23-ter, 40, comma 1, 41, e 71, comma 1, del Codice dell'amministrazione digitale, di cui al decreto legislativo n. 82 del ale DPCM completa le regole che permettono una effettiva attuabilità del Codice dell mministrazione Digitale. Ma non è solo il corrispondere al dettato normativo che porta alla redazione del presente piano, in realtà esso risponde a obiettivi propri dell nte in materia di: idisegno dell architettura C dei servizi al cittadino e alle imprese che in mancanza degli strumenti centralizzati che l gd prossimamente metterà a disposizione (SPD e NP) si era evoluta con soluzioni diversificate e con diverse funzionalità specifiche. ianalisi dei procedimenti amministrativi, per superare il paradigma che aveva visto nell intervento C la mera trasposizione di quanto avveniva in modo cartaceo, con l obiettivo di utilizzate le tecnologie per semplificare e rendere maggiormente fruibili i servizi. Pianificazione degli interventi in un tempo forzatamente breve con l auspicio che gd svolga un effettivo ruolo di armonizzazione che eviti il fiorire di soluzione locali a macchia di leopardo per tutta la penisola. ncremento della diffusione delle competenze digitali fra il personale dell nte facendo si che i sistemi informativi diventino un repository del patrimonio di conoscenze della P e un serbatoio di soluzioni facilmente replicabili in altri contesti Non è comunque evitabile la considerazione che il Piano di nformatizzazione è vincolato dalla realizzazione dei sistemi centralizzati proposti da gd e da vincoli organizzativi e di risorse che potrebbero rallentarne l esecuzione. tal fine si prevede di predisporre un sistema di monitoraggio del Piano che permetta una puntuale verifica di attuazione e di efficacia degli interventi al fine di porre in atto le azioni correttive necessarie. 3

4 l Sistema nformativo l sistema informativo della Comunità Montana Valli rco e Soana si è evoluto negli anni in risposta alle esigenze dell nte nel perimetro del progetto della digitalizzazione della Pubblica mministrazione. 1. FM DGL PS LNC CFC Sono state dotate di firma digitale non solo le figure dirigenziali ma anche la maggior parte di coloro che sono in qualche modo abilitati a firmare atti o documenti dell nte. utte le aree organizzative dell nte, più alcuni uffici con particolari procedimenti, sono stati dotati di propria PC (Posta lettronica Certificata). La casella PC ufficiale del Comunità Montana Valli rco e Soana è debitamente pubblicizzata sulla Homepage del sito internet istituzionale e presso il portale denominato ndice P come espressamente previsto dalla normativa. L nte inoltre è dotato del servizio di rete a banda larga e dei servizi ruparpiemonte. Con l introduzione della rete a banda larga è stato possibile dotare l amministrazione di un server cloud per la gestione di alcuni applicativi in modo associato. 2. SV CLUD n informatica con il termine inglese cloud computing si indica un schema di erogazione di risorse informatiche, come l'archiviazione, l'elaborazione o la trasmissione di dati, caratterizzato dalla disponibilità on demand attraverso nternet a partire da un insieme di risorse preesistenti e configurabili. l server cloud della Comunità Montana Valli rco e Soana è un server completamente dedicato, ciò significa consente di utilizzare ad uso esclusivo un server, senza alcuna condivisione con altri utenti, usufruendo di conseguenza della possibilità di installare tutte le applicazioni che si vogliono; inoltre i server dedicati garantiscono una migliore velocità di connessione rispetto ai server condivisi. 3. S VSN PBM P PUBBLCH S VSN PBM è il software per la gestione dei processi di lavori pubblici. L applicativo è stato installato su server cloud per consentire ai Comuni di interagire con il programma ed alla Comunità Montana di svolgere il ruolo di Centrale Unica di Committenza (CUC) per conto dei Comuni membri. l programma comprende i seguenti moduli applicativi: 3.1) Programmazione lavori gestisce la raccolta e la catalogazione degli interventi, sopra e sotto soglia per l utorità di Vigilanza dei Lavori Pubblici. 4

5 Dalla gestione della programmazione generale degli interventi è possibile generare, in automatico, l Piano riennale ed nnuale dei Lavori. 3.2) Gestione opera Consente di gestire: - la progettazione preliminare, definitiva, esecutiva e di variante; - i dati riassuntivi di esproprio; - i dati degli incarichi professionali; - i provvedimenti, le delibere, le comunicazioni, i verbali; - finanziamenti, mutui, pareri e nulla osta; - dati di gara, pubblicazioni, elenco ditte esecutrici, aggiudicazioni; - affidamenti ed esecuzione lavori; - anticipazioni, SL, certificati di pagamento, fatture e liquidazioni, cauzioni e fidejussioni; - adempimenti assicurativi, stato finale lavori, riserve, avvisi ad opponendum, cessione dei crediti; - relazione di conto finale e collaudo. 3.3) Controllo di gestione questa funzionalità consente di generare le scadenze delle attività previste nel procedimento e di avere sotto mano il quadro di avanzamento delle varie opere gestite, oltre che l eventuale riferimento agli uffici e/o soggetti preposti alle specifiche attività tecnico-amministrative. 3.4) Gestione della gara il modulo comprende le funzioni per gestire: - il procedimento per l affidamento lavori con criterio del prezzo più basso; - il procedimento per l affidamento lavori con criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa; - la procedura ristretta semplificata; - il procedimento per l affidamento di incarichi di servizi di architettura ed ingegneria; - La gestione dell elenco dei professionisti e delle ditte di fiducia. 3.5) spropriazioni il modulo gestisce tutte le informazioni di base che sono necessarie al procedimento di espropriazione nella sua interezza: le classificazioni e le zone catastali, le tabelle provinciali per i calcoli delle 5

6 indennità,, ecc. queste si aggiunge la gestione del piano particellare di esproprio e delle relative ditte interessate dall attività espropriativa. 3.6) ntegrazione S... il modulo consente l integrazione delle opere con il Sistema nformativo erritoriale, dotato di foto aeree, mappe catastali, carta tecnica regionale, etc.. 4. Gestione delle timbrature l programma consente la gestione delle timbrature dei dipendenti. Grazie ad esso è possibile gestire le timbrature di più soggetti dislocati in sedi diverse; i dati vengono inviati successivamente sul server cloud della Comunità Montana ed il programma procede con la loro elaborazione. 5. L PFM VL-X La piattaforma VL-X, sviluppata in ambiente JV, raggruppa in unico Sistema ntegrato i seguenti applicativi: Protocollo nformatico Contabilità Finanziaria Delibere e Determine lbo Pretorio online mministrazione rasparente La scelta dell ambiente JV è stata dettata dall esigenza di consentire all nte l utilizzo di sistemi operativi (Windows, Linux) e di prodotti ffice utomation (Microsoft ffice, pen ffice, Start ffice) in funzione delle preferenze tecnologiche e della propensione alla spesa. 5.1) Protocollo nformatico Si definisce il protocollo informatico l insieme delle risorse di calcolo, degli apparati, delle reti di comunicazione e delle procedure informatiche utilizzati dalle amministrazioni per la gestione dei documenti, ovvero tutte le risorse tecnologiche necessarie alla realizzazione di un sistema automatico per la gestione elettronica dei flussi documentali. L applicativo consente di gestire: - La registrazione della corrispondenza cartacea che quella telematica, con memorizzazione documentale, compresa quella firmata digitalmente e quella inoltrata tramite PC. 6

7 - l assegnazione, la classificazione, la fascicolazione, il reperimento e la archiviazione dei documenti informatici oggetto di registrazione. - la ricezione, protocollazione ed archiviazione automatica delle fatture elettroniche dal Sistema di nterscambio per la Fatturazione lettronica P Seppure tutte le funzionalità dell applicativo per la gestione del protocollo non siano pienamente utilizzate all interno dell ente non dovrebbe essere troppo difficoltosa la loro attivazione anche solamente con semplici interventi formativi. 5.2) Contabilità Finanziaria L applicativo è stato progettato in modo integrato, tenendo conto sia delle specifiche esigenze della gestione dell area contabile, sia nell ottica di costruire una banca dati di riferimento per un sistema informativo globale. Le singole procedure gestiscono le informazioni di carattere individuale, mettendole a disposizione dell intero sistema informatico sia per la loro consultazione, sia per renderle disponibili per ulteriori elaborazioni. L applicativo consente: - la gestione contabile del bilancio di previsione e del bilancio pluriennale; - la predisposizione del Piano secutivo di Gestione (P..G.) e del Piano isorse ed biettivi (P..); - la movimentazione contabile; - la gestione del Conto del Bilancio; - la verifica degli equilibri di bilancio; - l esportazione dei bilanci; - la trasmissione dei dati alla tesoreria; - il mandato informatico, procedura utilizzata per sviluppare i rapporti telematici tra i soggetti che erogano servizi di tesoreria e/o cassa, le cosiddette banche tesoriere, e le amministrazioni pubbliche loro clienti allo scopo di gestire e trasmettere mandati di pagamento e reversali d incasso. utti gli ordinativi informatici sono sottoposti al processo di conservazione dei documenti e disponibili all nte mediante l accesso ad un apposito sito web; l accesso avviene tramite certificato di autenticazione (smart card); - la gestione dei buoni d ordine; - la creazione del certificato al bilancio di previsione, firmato digitalmente e inviato tramite PC alla Finanza degli nti Locali; - la creazione del certificato al conto di bilancio; - l invio telematico rendiconti alla Corte dei Conti; - la gestione degli allegati al conto di bilancio; - la gestione delle fatture (cartacee e/o elettroniche) e la loro archiviazione; 7

8 - la gestione della elazione Previsionale e Programmatica; - l esportazione verso il portale web mministrazione rasparente dei dati relativi ai mandati di pagamento effettuati. 5.3) Delibere e Determine L applicativo consente: - la gestione completa di tutte le operazioni relative agli atti deliberativi e delle determinazioni; - la gestione dei componenti e delle cariche; - la stesura delle proposte di delibera; - la creazione dell ordine del giorno; - la gestione dell iter della delibera; - l esportazione dei dati sull lbo Pretorio nline e sul portale dell mministrazione rasparente. 5.4) lbo Pretorio nline L lbo Pretorio on line dal 1 gennaio 2011 sostituisce, in maniera definitiva, il vecchio lbo Pretorio cartaceo esposto all interno degli enti pubblici. Le regole di pubblicazione rimangano invariate, cambia soltanto la modalità di pubblicazione, dalla vecchia bacheca si passa al sito internet. L applicativo web consente la pubblicazione di tutta la documentazione che per legge o regolamento, deve essere resa pubblica, come delibere, determinazioni dirigenziali, pubblicazioni matrimoniali, avvisi elettorali, varianti al piano regolatore, elenco degli abusi edilizi, ordinanze e avvisi provenienti dagli uffici comunali, pubblicazioni di atti insoluti o non notificati, istanze di cambio nome, bandi di concorso, gare d appalto, atti vari su richiesta di altri enti. La pubblicazione delle deliberazioni e delle determinazioni avviene direttamente dall applicativo Delibere e Determine mentre i restanti atti vengono pubblicati manualmente sul portale web. 5.5) mministrazione trasparente Pubblicazione dei dati ai sensi dell ex art.1 comma 32 Legge n.190/2012. Le stazioni appaltanti sono tenute a pubblicare nei propri siti web istituzionali i seguenti procedimenti di: - autorizzazione o concessione - scelta del contraente per l affidamento di lavori, forniture e servizi, anche con riferimento alla modalità di selezione prescelta ai sensi del codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture 8

9 - concessione ed erogazione di sovvenzioni, contributi, sussidi, ausili finanziari, nonché attribuzione di vantaggi economici di qualunque genere a persone ed enti pubblici e privati; - concorsi e prove selettive per l assunzione del personale e progressioni di carriera La pubblicazione della suddetta documentazione avviene direttamente dagli applicativi Contabilità Finanziaria e Delibere e Determine ; il programma inoltre crea l elenco appalti in formato aperto (xml - csv) da trasmettere all utorità Nazionale nticorruzione (NC). 6. SSM NFMV L l sistema informativo territoriale è un applicativo GS-WB che consente la visualizzazione e l interrogazione delle cartografie (tematismi GS) disponibili sui Geoportali della Provincia di orino, egione Piemonte, P e Ministero dell mbiente in sovrapposizione automatica con la Cartografia Catastale Numerica ed eventuali altri livelli di merito Comunale/ntercomunale. lcuni dei tematismi disponibili sono: - Base cartografica catastale - C Numerica Vettoriale a colori - Sfondo egione Piemonte - rtofoto a colori Sentieristica - ree Protette - pere Pubbliche - Streetview (Google) L applicativo consente la visualizzazione della cartografia tramite ablet, PC, e dispositivi di ultima generazione quali -Pad, -Phone e sistemi ndroid ed è accessibile dalla Homepage del sito istituzionale della Comunità Montana Valli rco e Soana. 7. CS NLN l catasto online è una piattaforma web che consente ai cittadini/utenti, tramite una semplice registrazione, di richiedere i prodotti catastali online ed effettuarne il pagamento sempre tramite web. prodotti che possono essere richiesti sono i seguenti: - Visura per soggetto (persona fisica o giuridica) 9

10 - Visura per immobile (attuale o storica) - Visura per indirizzo - stratto di mappa catastale (3 o 4) - lenco immobili / subalterni - laborato planimetrico 8. PS (PN F SL) l PS(point of sale) è un sistema di pagamento elettronico diffuso in tutto il mondo. l terminale PS è installato presso la Comunità Montana Valli rco e Soana, collegato alla rete telefonica. l PS consente di accettare pagamenti tramite carta di credito o di debito o carte prepagate abilitate al circuito italiano come Pagobancomat o internazionale, Visa, Mastercard, merican xpress, Diners, JCB, DC Maestro. 9. WBCM - MNGG MBNL stata realizzata, mediante web-cam, una rete di monitoraggio in modalità live di alcuni dei punti ritenuti più pericolosi dal vigente piano intercomunale di protezione civile. utti gli apparati utilizzano la rete a banda larga e sono collegati con la sala intercomunale di protezione civile dove viene effettuato il monitoraggio tramite una piattaforma web che consente la visualizzazione in diretta delle cinque web-cam. 10. LM LVGN NV MULMDL stata realizzata, nell ambito del Progetto.C..V..S. (nsegnare, Comunicare e nnovare nelle Valli rco e Soana) una rete di Lavagne nterattive Multimediali (LM) tra le Scuole di Ceresole eale, Fr. Casetti di Locana, Locana (Scuola Media), onco Canavese, Frassinetto e Pont Canavese. La rete LM consente agli alunni di poter seguire le lezioni ed eseguire esercizi in diretta con altri plessi scolastici; inoltre grazie ad altri applicativi open source, integrati adeguatamente con la piattaforma delle LM, è stato possibile consentire agli alunni di poter seguire le lezioni da casa tramite l ausilio di un qualsiasi browser. 11. PZZ N H SP WF 10

11 La Comunità Montana Valli rco e Soana ha realizzato nell ambito del progetto Piazze in rete l installazione di 11 hot-spot WF in ogni piazza principale dei Comuni membri. cittadini, tramite una semplice registrazione, possono usufruire della rete a banda larga e collegarsi gratuitamente ad internet per 3 ore al giorno. rchitettura di riferimento La realizzazione di progetti nazionali centralizzati come il Sistema Pubblico di dentificazione (SPD) per l identità di cittadini, professioni e imprese, e nagrafe Nazionale della Popolazione esidente (NP); pongono problematiche di ridisegno di parte dei processi informatizzati e costituiscono fondamentali specifiche per quelli ancora da informatizzare. Nel grafismo successivo è rappresentato l architettura meta funzionale di riferimento per il Piano di nformatizzazione. L architettura meta funzionale costituisce la cornice nella quale si inquadrano tutte le attività di sviluppo e completamento previste nel presente piano. ralasciando la descrizione di SPD e NP, gli elementi che la compongono sono: Presentazione moduli, pratiche, istanze costituisce l interfaccia online che permette al cittadino e alle imprese di presentare istanze e di ricevere risposte sotto forma di comunicazioni formali della P. Protocollo è la finestra tramite la quale le istanze vengono acquisite dall nte ed è strutturato in modo da poter acquisire automaticamente le informazioni necessarie al protocollo direttamente dal modulo online ricevuto. BPM motore di workflow per la gestione dei procedimenti e per il ritorno dell informazione sullo stato al proponente (cittadino o impresa). Motore Pagamenti costituisce l interfacciamento con il sistema bancario e con sistemi di pagamento online. pplicativi verticali tematici che interagendo con il BPM contengono la logica specifica della materia e realizzano le fasi previste nel workflow amministrativo. rchiviazione sostitutiva è il motore di archiviazione dei dati digitali ltri soggetti che intervengono nel workflow del procedimento amministrativo (es. parere Vigili del Fuoco, parere SL, etc.). 11

12 12 Meta architettura funzionale L architettura rappresenta le interazioni funzionali del sistema informativo con i collegamenti previsti con le strutture centralizzate. Cittadini ttività Produttive N P L SGG Motore Pagamenti Business Process Management Presentazione moduli, pratiche, istanze rchiviazione sostitutiva SPD Protocollo M B N G C L U C S S S C L V P U B B L C M P N F U N. P D U V U S M S P N G N N V. P Z. C V L S P. F S L

13 Piano attuativo n riferimento ai procedimenti attivi dell nte, va innanzitutto sottolineato che l elenco dei medesimi è stato recentemente censito dall nte e pubblicato nella sotto-sezione ttività e Procedimenti della sezione mministrazione rasparente (ai sensi dell art. 35 c. 1 d.lgs. 33/2013) del sito dell nte. Va sottolineato che il piano attuativo prevede di agire su diversi fronti e presuppone quindi un notevole coinvolgimento dell intera struttura dell nte sugli ambiti: organizzativo l informatizzazione dei procedimenti comporta inevitabilmente la loro rianalisi, occorre considerare che i futuri procedimenti saranno monitorabili dai soggetti che li avviano, per cui l ente deve innanzitutto fare chiarezza sui propri processi di gestione per rispondere adeguatamente a tale innovazione; documentale l informatizzazione comporta che l amministrazione sappia gestire adeguatamente il processo telematico di presentazione e gestione delle istanze, per cui dovrà intervenire sui manuali di conservazione e di gestione per tenere conto delle regole tecniche sul protocollo informatico, la conservazione dei documenti e la formazione dei documenti informatici; tecnologico l informatizzazione dei procedimenti comporta necessariamente un ripensamento delle soluzioni gestionali in uso presso l ente; umano gli operatori, i funzionari e i dirigenti dovranno affrontare un cambiamento epocale nel loro modo di gestire i procedimenti amministrativi. ccorrerà un cambiamento importante, che andrà accompagnato attraverso un affiancamento formativo sensibile. ndividuazione responsabilità La definizione del piano e l attuazione del medesimo comporta l individuazione delle relative responsabilità all interno dell nte. ttività previste Nel seguito sono dettagliate, in forma tabellare, le macroattività che fanno parte del piano con la pianificazione temporale e l esplicitazione dei vincoli interni ed esterni all nte. FS PN nalisi procedimenti e definizione priorità - screening dei procedimenti da informatizzare; partendo dal censimento effettuato per mministrazione rasparente e individuando i punti critici della rete degli atti amministrativi e quindi le D NZ D FN VNCL 13

14 priorità d intervento Verifica e analisi strutture responsabili la realizzazione del piano deve superare il paradigma del flusso cartaceo e ciò comporta un riesame dell organizzazione delle strutture responsabili dei vari procedimenti ed anche un assegnazione di responsabilità rispetto ai singoli obiettivi del Piano di nformatizzazione nalisi modulistica procedimenti si tratta di una funzione cruciale che deve riesaminare la modulistica semplificandola e rendendola maggiormente integrata con le informazioni che l amministrazione già possiede (es. è inutile richiedere al cittadino informazioni anagrafiche che l nte ha nelle proprie banche dati o alle quali può accedere tramite NP) nalisi sistema di front-office (per cittadini e imprese) lo strato di modulistica online costituisce un elemento chiave perché diventa il modo privilegiato con il quale ci si rapporta all nte sia in fase di presentazione d istanze, sia durante il loro iter per avere informazioni sullo stato. La modulistica online funge anche da strato di interfaccia rispetto alle interazioni con altri soggetti che intervengono nell iter del procedimento ealizzazione integrazione con SPD seppur non ci si aspettano grandi problemi di natura tecnologica, diventa particolarmente importante la gestione del transitorio fino al raggiungimento dalla massa critica del riempimento di SPD; in tale periodo sarà necessario mantenere attivi sial il vecchio sistema d identità sia il nuovo nalisi e individuazione soluzioni tecnologiche è fondamentale capire fabbisogni e individuare gli strumenti tecnologici ealizzazione integrazione con soluzione di protocollo è fondamentale per protocollare l istanza presentata e veicolarne il corretto flusso all interno del sistema informativo dell nte rchiviazione e conservazione sostitutiva necessarie per la gestione e la memorizzazione dei contenuti digitali dell istanza pervenuta nalisi e implementazione integrazione con verticali applicativi integrazione con le basi dati e le logiche degli applicativi in uso nalisi e sviluppo integrazione con sistema workflowimplementazione integrazione e sviluppo di funzionalità informative sullo stato di avanzamento delle pratiche. ntegrazione con i sistemi di pagamento realizzazione di un interazione strutturale con il non nazionale dei pagamenti ttivazione SPD e raggiungime nto della massa critica di riempimento Disponibilità del Nodo Nazionale dei pagamenti 14

15 Governance del Piano L efficacia degli interventi proposti deve essere misurata attraverso i benefici ottenuti dalla Pubblica mministrazione, dai cittadini e dalle imprese. Per aumentare il ritorno degli investimenti in iniziative digitali occorre: un monitoraggio costante dei risultati una governance complessiva dei sistemi informativi interoperanti l piano dovrà essere aggiornato con periodicità semestrale, aspetto fondamentale sarà la valutazione dei risultati del piano. Condizioni per la realizzazione Per poter garantire la realizzazione del Piano di nformatizzazione sono determinanti alcune condizioni che possono influenzare sia il contenuto delle singole fasi sia la loro realizzazione temporale; nel seguito vengono illustrate a grandi linee. Sistemi esterni all nte Come accennato nelle premesse la realizzazione degli interventi per l informatizzazione dei processi deve tener conto dell integrazione con alcune componenti infrastrutturali e applicative oggi ancora in fase di sviluppo, quali ad esempio SPD, a cui le pubbliche amministrazioni dovranno aderire entro i ventiquattro mesi successivi all accreditamento del primo gestore dell identità digitale stimato entro aprile-maggio 2015, e NP che costituirà l ossatura delle informazioni anagrafiche del cittadino. 15

16 egolamenti da definire Nonostante il quadro normativo nazionale sia già abbastanza completo è possibile che le operazioni di razionalizzazione e semplificazione dei procedimenti necessitino di provvedimenti normativi e regolamentari a livello regionale per rendere operativi i nuovi procedimenti. isorse dell nte l Piano proposto richiede importanti investimenti economici, al momento non facilmente quantificabili, necessari per la riprogettazione delle infrastrutture e delle componenti applicative che dovranno essere integrate con quanto previsto a livello nazionale, garantendo al contempo la gestione informatizzata delle istanze e dei procedimenti. n mancanza di tali risorse economiche il raggiungimento di tali obiettivi potrà subire delle rimodulazioni. Formazione Per il successo del Piano di nformatizzazione è fondamentale lo sviluppo di un piano formativo che informi e aggiorni i dipendenti dell nte ponendo l accento sugli obiettivi condivisi e rinforzando la base di conoscenze digitali per un utilizzo più cosciente ed evoluto della tecnologia. iferimenti Normative DL 90/2014 convertito in Legge 114/2014 (Decreto P) DPCM 13/11/2014 egole tecniche in materia di formazione, trasmissione, copia, duplicazione, riproduzione e validazione temporale dei documenti informatici nonché di formazione e conservazione dei documenti informatici delle pubbliche amministrazioni DL 82/2005 Codice dell'amministrazione digitale e successive modifiche e integrazioni L.r. 9/2009 e della successiva DG n.8 del 30 novembre 2009 Circolare n.63 del 6 dicembre 2013 dell'genzia per l'talia Digitale. L SPNSBL DL SVZ NFMN CHNLGY Geom. V Stefano 16

Documento Piano di Informatizzazione Provincia di Vercelli

Documento Piano di Informatizzazione Provincia di Vercelli Documento iano di nformatizzazione rovincia di Vercelli (egge 114/2014 Decreto ) MM nquadramento e obiettivi del piano...2 rchitettura di riferimento...3 Meta architettura funzionale...4 iano attuativo...5

Dettagli

Documento Piano di Informatizzazione dell Ente di gestione delle Aree Protette della Valle Sesia

Documento Piano di Informatizzazione dell Ente di gestione delle Aree Protette della Valle Sesia Documento Piano di nformatizzazione dell nte di gestione delle ree Protette della Valle Sesia (Legge 114/2014 Decreto P ) pprovato con Decreto Presidenziale n.6 del 13.02.2015 Varallo 13 febbraio 2014

Dettagli

Documento Piano di Informatizzazione Comune di Biella

Documento Piano di Informatizzazione Comune di Biella Documento iano di nformatizzazione omune di Biella (egge 114/2014 Decreto ) MM nquadramento e obiettivi del piano... 2 rchitettura di riferimento... 3 Meta architettura funzionale... 4 iano attuativo...

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di VERGIATE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di VERGIATE PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di VERGIATE (ex art.24 DL 90/2014) SOMMARIO 1. Cronologia revisioni 2. Inquadramento e obiettivi del piano 3. Architettura di riferimento 4. Piano attuativo 4.1. Individuazione

Dettagli

III SETTORE UFFICIO SISTEMI INFORMATICI

III SETTORE UFFICIO SISTEMI INFORMATICI III SETTORE UFFICIO SISTEMI INFORMATICI PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Approvato con deliberazione della Giunta comunale n del 16 febbraio 2015 PIANO DI INFORMATIZZAZIONE 1. Presupposti. Il Piano di Informatizzazione

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2013 2015

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2013 2015 PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2013 2015 1 - Finalità del Piano L articolo 11, comma 1, del decreto legislativo n.150 del 2009 definisce la trasparenza come accessibilità totale, anche

Dettagli

COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano. PIANO DI INFORMATIZZAZIONE (ai sensi dell art. 24, comma 3 bis, del D.L. n.

COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano. PIANO DI INFORMATIZZAZIONE (ai sensi dell art. 24, comma 3 bis, del D.L. n. COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano PIANO DI INFORMATIZZAZIONE (ai sensi dell art. 24, comma 3 bis, del D.L. n. 90/2014) Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale n. 08 del 17.02.2015

Dettagli

La dematerializzazione dei processi per la semplificazione amministrativa e l Albo Pretorio on-line. L esperienza della Provincia di Modena

La dematerializzazione dei processi per la semplificazione amministrativa e l Albo Pretorio on-line. L esperienza della Provincia di Modena La dematerializzazione dei processi per la semplificazione amministrativa e l Albo Pretorio on-line L esperienza della Provincia di Modena Il Nuovo Codice dell amministrazione digitale traccia il quadro

Dettagli

La Digitalizzazione in Regione Lombardia

La Digitalizzazione in Regione Lombardia La Digitalizzazione in Regione Lombardia Il progetto EDMA: il percorso di innovazione di Regione Lombardia nell'ambito della dematerializzazione Milano, Risorse Comuni, 19 Novembre 2009 A cura di Ilario

Dettagli

11 Azioni previste nel Programma di semplificazione 2011 1 Approvazione Agenda Normativa 2011 che prevede: Report di attuazione

11 Azioni previste nel Programma di semplificazione 2011 1 Approvazione Agenda Normativa 2011 che prevede: Report di attuazione 11 Azioni previste nel Programma di semplificazione 2011 1 Approvazione Agenda Normativa 2011 che prevede: Report di attuazione Approvata con delibera di Giunta regionale n. 744 del 28 Giugno 2011 Semplificazione

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni, segnalazioni

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni, segnalazioni COMUNE DI SANTA GIUSTINA IN COLLE (PD) * * * Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni, segnalazioni 1 CONTESTO La realizzazione del Piano di informatizzazione

Dettagli

Smart. Amministrazione Trasparente Alberatura Area Affari Generali. Funzionalità principali. Descrizione sintetica SCHEDA PRODOTTO

Smart. Amministrazione Trasparente Alberatura Area Affari Generali. Funzionalità principali. Descrizione sintetica SCHEDA PRODOTTO Alberatura La soluzione consente di assolvere agli obblighi di legge in materia di trasparenza per quanto riguarda la strutturazione della sezione amministrazione trasparente quale link proposto nella

Dettagli

COMUNE DI CASTELCUCCO

COMUNE DI CASTELCUCCO COMUNE DI CASTELCUCCO Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni ai sensi art. 24, comma 3 bis D.L. n. 90/2014 e s.m.i. SOMMARIO 1 CONTESTO

Dettagli

COMMUNE DE QUART COMUNE DI QUART VALLE D AOSTA VALLÉE D AOSTE

COMMUNE DE QUART COMUNE DI QUART VALLE D AOSTA VALLÉE D AOSTE COMUNE DI QUART VALLE D AOSTA COMMUNE DE QUART VALLÉE D AOSTE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ONLINE Approvato con deliberazione della Giunta comunale n.16 del 2 marzo 2012 avente

Dettagli

COMUNE DI MONTJOVET REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ONLINE

COMUNE DI MONTJOVET REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ONLINE COMUNE DI MONTJOVET REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ONLINE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 16 del 24 marzo 2014 1 INDICE Art. 1 Oggetto del Regolamento... 3 Art. 2

Dettagli

COMUNE DI FERRANDINA PROVINCIA DI MATERA

COMUNE DI FERRANDINA PROVINCIA DI MATERA ALLEGATO A) ALLA DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE N. 5 DEL 29.01.2014 COMUNE DI FERRANDINA PROVINCIA DI MATERA PIANO DELL INTEGRITA E DELLA TRASPARENZA PROGRAMMA TRIENNALE ANNO 2014 2016 INTRODUZIONE Il presente

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA AMENDOLA, 18 TEL E FAX 0985/81036 CSIC836001@istruzione.it Sito web : www.icdiamantebuonvicino.gov.it 87023 DIAMANTE

Dettagli

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery COMUNE DI PALOMONTE Provincia di Salerno Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery ai sensi della Circolare n.58 di DigitPA del

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA

COMUNE DI TERNO D ISOLA COMUNE DI TERNO D ISOLA Provincia di BERGAMO Piano triennale di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni (Art 24 comma 3bis D.L. 90/2014) INDICE 1)

Dettagli

La soluzione offerta dal Consorzio Civica

La soluzione offerta dal Consorzio Civica SwG-SUAP La soluzione offerta dal Consorzio Civica Sommario - L ARCHITETTURA DEL SISTEMA - LE FUNZIONALITA - EVOLUZIONI PREVISTE - IL SITO INTERNET - REQUISITI DI UTILIZZO - CONDIZIONI COMMERCIALI - IL

Dettagli

DETERMINAZIONE N 255 DEL 28.12.2012

DETERMINAZIONE N 255 DEL 28.12.2012 CIG : Z2D07F28E8 DETERMINAZIONE N 255 DEL 28.12.2012 OGGETTO: ACQUISTO SOFTWARE STR VISION PBM MODULI ALBO FORNITORI - GESTIONE GARA E LL.PP. ONLINE. IL RESPONSABILE DELL AREA Premesso quanto segue: che

Dettagli

Il nuovo codice della PA digitale

Il nuovo codice della PA digitale Il nuovo codice della PA digitale 1. Cosa è e a cosa serve Le pubbliche amministrazioni sono molto cambiate in questi ultimi anni: secondo i sondaggi i cittadini stessi le vedono mediamente più veloci

Dettagli

PROVINCIA DI PISTOIA 2^ AREA Servizi Economico Finanziari Servizio Personale- Servizi Scolastici

PROVINCIA DI PISTOIA 2^ AREA Servizi Economico Finanziari Servizio Personale- Servizi Scolastici COMUNE DI SAN MARCELLO PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA 2^ AREA Servizi Economico Finanziari Servizio Personale- Servizi Scolastici DETERMINAZIONE N 23 DEL 5.2.2015 OGGETTO: SISTEMA INFORMATICO COMUNALE

Dettagli

Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015

Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015 Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015 Adozione del Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni on line. IL SEGRETARIO COMUNALE Visto

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita istituto d'istruzione superiore liceo classico e scientifico v. julia ACRI (CS) PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita Anni 2014-2016 Deliberato dal Consiglio d Istituto in data 04/06/2014

Dettagli

SITAS. Sistema Informatico per la Trasparenza delle Autorizzazioni Sismiche

SITAS. Sistema Informatico per la Trasparenza delle Autorizzazioni Sismiche SITAS Sistema Informatico per la Trasparenza delle Autorizzazioni Sismiche Le procedure per l edificazione nei comuni della Regione Lazio classificati a rischio sismico soffrivano di: Complessa gestione

Dettagli

Comune di Dueville (Provincia di Vicenza)

Comune di Dueville (Provincia di Vicenza) Comune di Dueville (Provincia di Vicenza) DIREZIONE GENERALE Servizio programmazione e sviluppo organizzativo Servizio informatica Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014 2016 1 Introduzione:

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure ai sensi dell art. 24 comma 3bis DL 90/2014 (L. 114/2014)

Piano di informatizzazione delle procedure ai sensi dell art. 24 comma 3bis DL 90/2014 (L. 114/2014) Piano di informatizzazione delle procedure ai sensi dell art. 24 comma 3bis DL 90/2014 (L. 114/2014) Comune di Argelato Comune di Bentivoglio Comune di Castel Maggiore Comune di Castello d Argile Comune

Dettagli

Pina Civitella pina.civitella@comune.bologna.it

Pina Civitella pina.civitella@comune.bologna.it Pina Civitella pina.civitella@comune.bologna.it La timeline del quadro normativo (1) 1998 2000 2004 2005 Protocollo informatico Regole tecniche per il protocollo informatico di cui al decreto del Presidente

Dettagli

All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011

All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011 All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011 Programma triennale per la legalità e la trasparenza (2011-2013) (redatto ai sensi dell art. 11, comma 2, D. lgs. n. 150/2009 sulla

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni Ai sensi del comma 3 bis dell art. 24 del D.L. 90/2014 convertito nella legge 11/08/2014 n. 114

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA COMUNE DI VERTOVA Provincia di Bergamo Via Roma, 12 - Tel. Uffici Amm.vi 035 711562 Ufficio Tecnico 035 712528 Fax 035 720496 P. IVA 00238520167 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012

Dettagli

Comuni di: Aicurzio, Basiano, Bellusco, Busnago, Cavenago B.za, Cambiago, Gessate, Masate, Mezzago, Ornago, Sulbiate, Verderio Inf.

Comuni di: Aicurzio, Basiano, Bellusco, Busnago, Cavenago B.za, Cambiago, Gessate, Masate, Mezzago, Ornago, Sulbiate, Verderio Inf. DETERMINAZIONE N. 08 DEL 04/02/2013 - COPIA OGGETTO: MODERNIZZAZIONE SISTEMA INFORMATICO CONSORTILE AFFIDAMENTO, MANUTENZIONE, AGGIORNAMENTO, ASSISTENZA AI SOFTWARE URBI DA UTILIZZARSI IN COLLEGAMENTO

Dettagli

IL RUOLO DEL TESORIERE NEL SUPPORTO ALLA P.A.

IL RUOLO DEL TESORIERE NEL SUPPORTO ALLA P.A. IL RUOLO DEL TESORIERE NEL SUPPORTO ALLA P.A. Claudio Mauro Direttore Centrale Business Genova, 11 Novembre 2010 1 Agenda Scenario Pubblica Amministrazione Locale Ordinativo Informatico Locale Gestione

Dettagli

COMUNE DI MORNICO AL SERIO. (Provincia di Bergamo) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015. (art. 10 del D.Lgs. n.

COMUNE DI MORNICO AL SERIO. (Provincia di Bergamo) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015. (art. 10 del D.Lgs. n. COMUNE DI MORNICO AL SERIO (Provincia di Bergamo) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (art. 10 del D.Lgs. n. 33/2013) Introduzione Il principio di trasparenza deve essere inteso

Dettagli

I PROGETTI PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE I PROGETTI PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE V6.2 LC

I PROGETTI PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE I PROGETTI PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE V6.2 LC V6.2 LC Provincia di Roma SIDG Sistema Informativo Deliberazioni Giunta (RIUSO ) SID Sistema Informativo Determinazioni (RIUSO) SIL Sistema Informativo Liquidazioni ((RIUSO) DOCUMENTI CONTABILE (RIUSO

Dettagli

RICOGNIZIONE DELLA SITUAZIONE ESISTENTE...7

RICOGNIZIONE DELLA SITUAZIONE ESISTENTE...7 COMUNE DI SPECCHIA Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione e la compilazione on-line da parte di cittadini e imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al Comune INDICE

Dettagli

COMUNE DI ROMANO CANAVESE PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI ROMANO CANAVESE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI ROMANO CANAVESE PROVINCIA DI TORINO PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE NEL COMUNE DI ROMANO CANAVESE INDICE A) PREMESSA... 3 B) LA SITUAZIONE ATTUALE (AS-IS)... 4 C) L

Dettagli

Vediamo nel dettaglio i punti caratterizzanti la soluzione realizzata: Il Portale consente agli utenti di identificarsi secondo differenti modalità:

Vediamo nel dettaglio i punti caratterizzanti la soluzione realizzata: Il Portale consente agli utenti di identificarsi secondo differenti modalità: Il Portale Integrato Il Portale per i servizi alle imprese (www.impresa-gov.it), realizzato dall INPS, è nato con l obiettivo di mettere a disposizione delle imprese un unico front end per utilizzare i

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON-LINE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON-LINE COMUNE DI FENIS REGIONE AUTONOMA DELLA VALLE D'AOSTA Località Chez Croiset, 22 11020 FENIS (AO) C.f. 00096180070 0165/764635 COMMUNE DE FENIS REGION AUTONOME DE LA VALLEE D'AOSTE http://www.comune.fenis.ao.it

Dettagli

COMUNE DI CASTELFIDARDO Provincia di Ancona

COMUNE DI CASTELFIDARDO Provincia di Ancona COMUNE DI CASTELFIDARDO Provincia di Ancona Tempestività dei pagamenti delle pubbliche amministrazioni. Relazione tecnica sulle misure organizzative da adottare in attuazione dell articolo 9 del decreto

Dettagli

Allegato 1 al report del Tavolo SUAP del 9 dicembre 2013. Proposta per il POR Marche 2014/2020 Agenda Digitale Marche

Allegato 1 al report del Tavolo SUAP del 9 dicembre 2013. Proposta per il POR Marche 2014/2020 Agenda Digitale Marche Allegato 1 al report del Tavolo SUAP del 9 dicembre 2013 Proposta per il POR Marche 2014/2020 Agenda Digitale Marche PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE della Conferenza di servizi telematica per l approvazione

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO E. SCALFARO Piazza Matteotti, 1 88100 CATANZARO Codice Fiscale 97028930796 0961-745155 FAX 0961-744438 E-Mail: cztf010008@istruzione.it - PEC:cztf010008@pec.istruzione.it

Dettagli

AZIENDA PER IL DIRITTO AGLI STUDI UNIVERSITARI Viale Unità d'italia 32/A CHIETI SCALO

AZIENDA PER IL DIRITTO AGLI STUDI UNIVERSITARI Viale Unità d'italia 32/A CHIETI SCALO AZIENDA PER IL DIRITTO AGLI STUDI UNIVERTARI Viale Unità d'italia 32/A CHIETI SCALO Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni Premesse Riferimenti

Dettagli

Sportello unico attività produttive (SUAP)

Sportello unico attività produttive (SUAP) www.globogis.it Sportello unico attività produttive (SUAP) Modulo base Sessione1 Introduzione alla gestione telematica del SUAP Argomenti Logistica e contenuti del corso Normativa nazionale e regionale

Dettagli

COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013 2014-2015. Premessa pag. 2

COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013 2014-2015. Premessa pag. 2 COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013 2014-2015 Indice: Premessa pag. 2 1. I dati da pubblicare sul sito istituzionale del comune pag. 3 2.

Dettagli

La dematerializzazione nell attività di supporto al processo legislativo.

La dematerializzazione nell attività di supporto al processo legislativo. La dematerializzazione nell attività di supporto al processo legislativo. Silvia Bertini Direzione Processo Legislativo Elena Fenoglio Settore progettazione, sviluppo e gestione sistemi informativi e Banca

Dettagli

Il Codice dell Amministrazione Digitale IL SISTEMA DI GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI

Il Codice dell Amministrazione Digitale IL SISTEMA DI GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI Il Codice dell Amministrazione Digitale IL SISTEMA DI GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.it 1 Definizione 1 E un servizio, obbligatorio

Dettagli

COMUNE DI TURRI PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO

COMUNE DI TURRI PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO COMUNE DI TURRI PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO ALLEGATO 7 AL MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI IL SISTEMA DOCUMENTALE E DI PROTOCOLLAZIONE ADOTTATO DALL'ENTE

Dettagli

Comune di Cattolica Direzione del Sistema Informativo

Comune di Cattolica Direzione del Sistema Informativo Comune di Cattolica Direzione del Sistema Informativo Relazione tecnica sulla scelta del fornitore per il software applicativo relativo alla gestione dei contratti e alla pubblicazione sull'albo pretorio

Dettagli

Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica. Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP

Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica. Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP Gennaio 2011 M I P C U P G17H03000130011 Sistema Monitoraggio

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014 COMUNE DI VILLANOVA DEL GHEBBO P R O V I N C I A D I R O V I G O C.F. 82000570299 P.I. 00194640298 - Via Roma, 75 - CAP 45020 - Tel. 0425 669030 / 669337 / 648085 Fax 0425650315 info-comunevillanova@legalmail.it

Dettagli

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia Programma triennale per la trasparenza e l integrità (Decreto Legislativo n. 33 del 14 marzo 2013) Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del PREMESSA

Dettagli

www.suap.info Sommario

www.suap.info Sommario SwG-SUAP SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE INFORMATIZZATA DELLO SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE www.suap.info Sommario L ARCHITETTURA DEL SISTEMA LE FUNZIONALITA EVOLUZIONI PREVISTE AREA UTENTI

Dettagli

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Sintesi delle funzioni attribuite DIREZIONE UNITA` ORGANIZZATIVA con fondi della Legge Speciale per Venezia, sovrintende all erogazione dei contributi per il recupero

Dettagli

Comune di Pisa Direzione Sistema Informativo UO Automazione Flusso Documentale

Comune di Pisa Direzione Sistema Informativo UO Automazione Flusso Documentale Comune di Pisa Direzione Sistema Informativo UO Automazione Flusso Documentale Il punto di partenza Nel Piano Esecutivo di Gestione 2000 particolare del Servizio Sistema Informativo erano allegate le Linee

Dettagli

CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI

CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI Centro di costo: 1. Servizi Informatici Telematici e SIT SETTORE: SISTEMI INFORMATIVI RESPONSABILE: Dott. Tonelli Emanuele Centro di Costo: Servizi Informatici

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA CITTA DI ORBASSANO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012 2014 Indice Premessa pag. 3 1. Riferimenti normativi pag. 3 2. Finalità del Programma pag. 3 3 Il sito istituzionale del

Dettagli

TARGET DOCUVISION DOCUVISION WORKFLOW DIGITALE

TARGET DOCUVISION DOCUVISION WORKFLOW DIGITALE 0 SOMMARIO TARGET DOCUVISION 2 REQUISITI HARDWARE E SOFTWARE 4 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI MODULI 5 LOGICA OPERATIVA MODULO DOCUVISION 6 LOGICA OPERATIVA DELLE FUNZIONALITA WORKFLOW 7 GESTIONE DOCUMENTI

Dettagli

COMUNE DI TREZZANO ROSA Provincia di Milano

COMUNE DI TREZZANO ROSA Provincia di Milano COMUNE DI TREZZANO ROSA Provincia di Milano 20060 Trezzano Rosa Piazza XXV Aprile, 1 C.F. 83502090158 P.IVA 04670940156 info@comune.trezza norosa.mi.it www.comune.trezzanorosa.mi.it Tel. 02 920199 Tecnico

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI ANCONA. Anni 2011-2013

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI ANCONA. Anni 2011-2013 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI ANCONA Anni 2011-2013 (approvato con deliberazione di giunta provinciale n. 440 del 22/11/2011) 1 SOMMARIO ART. 1- PRINCIPI 3 ART.

Dettagli

Cassa depositi e prestiti spa DOMANDA ONLINE. La nuova procedura di concessione dei mutui CDP. www.cassaddpp.it

Cassa depositi e prestiti spa DOMANDA ONLINE. La nuova procedura di concessione dei mutui CDP. www.cassaddpp.it DOMANDA ONLINE La nuova procedura di concessione dei mutui CDP www.cassaddpp.it Domanda Online Che cosa è Domanda Online Procedura La trasmissione online della documentazione Il responsabile della domanda

Dettagli

COMUNE DI LUCERA PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ONLINE

COMUNE DI LUCERA PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ONLINE COMUNE DI LUCERA PROVINCIA DI FOGGIA PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ONLINE (Art. 24, comma 3-bis del D.L. 24 giugno 2014 n. 90,

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 Le modifiche normative intervenute, nell ambito dell ampio programma di riforma della Pubblica Amministrazione, impongono agli Enti Locali

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Provincia di Arezzo. PIANO DI INFORMATIZZAZIONE per il Triennio 2015-2017

COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Provincia di Arezzo. PIANO DI INFORMATIZZAZIONE per il Triennio 2015-2017 COMUNE D CASTGLON FORENTNO Provincia di Arezzo PANO D NFORMATZZAZONE per il Triennio - (Art. 24 DL 90/2014 convertito con Legge 11 agosto 2014 n. 114) Premessa n ottemperanza alle disposizioni di cui all

Dettagli

OPENSUE. Sportello Edilizia. Stringi la mano al cittadino

OPENSUE. Sportello Edilizia. Stringi la mano al cittadino OPENSUE Sportello Edilizia Stringi la mano al cittadino 2 OPENSUE Sportello Edilizia Il DPR n. 380/2001 impone a tutte le amministrazioni comunali di provvedere a costituire lo Sportello unico per l edilizia

Dettagli

LA GIUNTA MUNICIPALE

LA GIUNTA MUNICIPALE DG 84.2012 OGGETTO: PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2012-2014 LA GIUNTA MUNICIPALE PREMESSO che l art. 11 c. 1 del D.Lgs n. 150/2009 definisce la trasparenza come: accessibilità

Dettagli

Semplificare e centralizzare la gestione delle informazioni e dei documenti

Semplificare e centralizzare la gestione delle informazioni e dei documenti Semplificare e centralizzare la gestione delle informazioni e dei documenti ActiveInfo è un evoluto sistema di Enterprise Content Management specializzato nella gestione delle informazioni disperse negli

Dettagli

Comune di San Donà di Piave

Comune di San Donà di Piave COPIA Comune di San Donà di Piave PROVINCIA DI VENEZIA Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Deliberazione n 204 del 09/10/2014 OGGETTO REALIZZAZIONE DI UN PIANO DI SVILUPPO DIGITALE PER LA CITTA'

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni (D.L. 90/2014 convertito in legge 114/2014, art. 24 comma 3 bis) Indice 1. Finalità 2. Riferimenti

Dettagli

COMUNE DI GANDOSSO PROGRAMMA TRIENNALE TRASPARENZA E INTEGRITA'

COMUNE DI GANDOSSO PROGRAMMA TRIENNALE TRASPARENZA E INTEGRITA' COMUNE DI GANDOSSO PROGRAMMA TRIENNALE TRASPARENZA E INTEGRITA' 2014 2016 PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA Con il presente documento ci si propone di fornire una visione organica dei compiti istituzionali e

Dettagli

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA Roma, 24 luglio 2014 LA FATTURAZIONE ELETTRONICA Pubblichiamo di seguito un documento dell Agenzia per l Italia Digitale (AGID) che illustra le principali caratteristiche del passaggio alla fatturazione

Dettagli

COMUNE DI CARPEGNA. Montefeltro Provincia di Pesaro e Urbino. Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c.

COMUNE DI CARPEGNA. Montefeltro Provincia di Pesaro e Urbino. Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. COMUNE DI CARPEGNA Montefeltro Provincia di Pesaro e Urbino Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. 3bis Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 13 del 16/02/2015 Pag. 2 2.

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Destinatari I destinatari del servizio sono sia gli utenti interni che i cittadini e le imprese

Destinatari I destinatari del servizio sono sia gli utenti interni che i cittadini e le imprese Sintesi del progetto L evoluzione normativa ha portato il Comune di Giugliano ad una revisione del proprio sistema informatico documentale da alcuni anni. La sensibilità del Direttore Generale al miglioramento

Dettagli

Comune di Siena SERVIZI INFORMATICI

Comune di Siena SERVIZI INFORMATICI Comune di Siena SERVIZI INFORMATICI ATTO DIRIGENZIALE N 1487 DEL29/09/2015 OGGETTO: DELEGA E AFFIDAMENTO SERVIZI PER LA GESTIONE DEL PROCESSO DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI FINO AL 31.12.2017

Dettagli

Scheda rilevazione sistemi ICT e strumenti ICT. Modelli di funzionamento istituzionale, organizzativo e gestionale POLO VALLI DEL VERBANO.

Scheda rilevazione sistemi ICT e strumenti ICT. Modelli di funzionamento istituzionale, organizzativo e gestionale POLO VALLI DEL VERBANO. Scheda rilevazione sistemi e strumenti sistemi ICT e strumenti ICT Modelli di funzionamento istituzionale, organizzativo e gestionale POLO VALLI DEL VERBANO Allegato Sommario 1 Dotazioni informatiche

Dettagli

PROGETTO: SVILUPPO PIATTAFORME ICT INTERATTIVE SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE GESTIONE AMBIENTALE E DEL TERRITORIO

PROGETTO: SVILUPPO PIATTAFORME ICT INTERATTIVE SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE GESTIONE AMBIENTALE E DEL TERRITORIO Associazione dei Comuni del Comprensorio TRIGNO-SINELLO PROGETTO: SVILUPPO PIATTAFORME ICT INTERATTIVE SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE GESTIONE AMBIENTALE E DEL TERRITORIO RELAZIONE TECNICA E CRONOPROGRAMMA

Dettagli

LegalPay Family: ordinativo informatico e soluzioni per l e-commerce

LegalPay Family: ordinativo informatico e soluzioni per l e-commerce LegalPay Family: ordinativo informatico e soluzioni per l e-commerce LegalPay FAMILY E-BUSINESS Autonomia delle Pubbliche Amministrazioni rispetto alle banche. Automazione commerciale per aziende, enti

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015 COMUNE DI SIAMAGGIORE PROVINCIA DI ORISTANO Via San Costantino, n. 2 09070 Siamaggiore 0783 34411 0783 3441220 protocollo@comune.siamaggiore.or.it PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO

Dettagli

Comune di Parella PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE NEL COMUNE DI PARELLA

Comune di Parella PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE NEL COMUNE DI PARELLA Comune di Parella PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE NEL COMUNE DI PARELLA INDICE A) PREMESSA... 3 B) LA SITUAZIONE ATTUALE (AS-IS)... 4 C) L EVOLUZIONE (TO-BE)... 8 D) ALLEGATI...

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017 (deliberato dal C. di A. nella seduta del 19 giugno 2015) 1 1 - Introduzione e normativa di riferimento Il Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Dettagli

IfinConsulting News - FOCUS FATTURA ELETTRONICA

IfinConsulting News - FOCUS FATTURA ELETTRONICA GIUGNO 2014 IfinConsulting News - FOCUS FATTURA ELETTRONICA Stop alle fatture su carta! A decorrere dal 6 giugno scatta l obbligo per i fornitori della PA Centrale di fatturare con modalità elettroniche.

Dettagli

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT Capitolato Tecnico per le prestazioni professionali relative alla redazione di documentazione inerente la gestione delle terre e rocce da scavo DATA rev. 00 ottobre 2012 Elaborato N. 7-3-329 REDATTO VERIFICATO

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Bertinoro Provincia di Forlì-Cesena PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni

Dettagli

L addetto all Ufficio Protocollo riceve quotidianamente la posta pervenuta tramite servizio postale

L addetto all Ufficio Protocollo riceve quotidianamente la posta pervenuta tramite servizio postale Tempestività dei pagamenti delle pubbliche amministrazioni. Relazione tecnica sulle misure organizzative da adottare in attuazione dell articolo 9 del decreto legge 1 luglio 2009, n. 78, convertito con

Dettagli

La Fatturazione Elettronica verso la PA

La Fatturazione Elettronica verso la PA N.B.: i collegamenti agli indirizzi web riportati nel testo e alla Presentazione Fatturazione Elettronica Armando Giudici Dylog - Buffetti sono richiamabili cliccandoli col pulsante sinistro del mouse.

Dettagli

p.geri@comune.pisa.it Telefono 050-910385 Direzione Sistemi Informativi UO automazione flusso documentale Personale e Sistemi informativi

p.geri@comune.pisa.it Telefono 050-910385 Direzione Sistemi Informativi UO automazione flusso documentale Personale e Sistemi informativi Titolo Dematerializzazione documentale Amministrazione Comune di Pisa Provincia Pisa Regione Toscana Sito Internet http://www.comune.pisa.it PEC comune.pisa@postacert.toscana.it Referente Geri Patrizio

Dettagli

Servizi di staff Personale Uffici Personale Competenze esemplificative di procedimento

Servizi di staff Personale Uffici Personale Competenze esemplificative di procedimento Amministrazione trasparente art. 13, comma 1, lett. b) D.Lgs. n. 33/2013 Articolazione degli uffici, competenze e risorse a disposizione di ciascun ufficio La struttura organizzativa degli Uffici dell

Dettagli

Affiancare una gestione documentale alla registrazione di documenti in un gestionale: dalla fattura cartacea alla conservazione sostitutiva

Affiancare una gestione documentale alla registrazione di documenti in un gestionale: dalla fattura cartacea alla conservazione sostitutiva Affiancare una gestione documentale alla registrazione di documenti in un gestionale: dalla fattura cartacea alla conservazione sostitutiva INTRODUZIONE In ogni organizzazione pubblica o privata, grande

Dettagli

Regione Piemonte COMUNE DI PIVERONE

Regione Piemonte COMUNE DI PIVERONE Regione Piemonte COMUNE DI PIVERONE Piazza Marconi, 1 C.A.P. 10010 - PROVINCIA DI TORINO Tel. 0125/72154 - Fax 72190 http://www.comune.piverone.to.it Cod. fisc. 84001150014 E-mail : comune.piverone@comune.piverone.to.it

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017. (art. 10 del D.Lgs 14 marzo 2013 n. 33 )

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017. (art. 10 del D.Lgs 14 marzo 2013 n. 33 ) Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 (art. 10 del D.Lgs 14 marzo 2013 n. 33 ) 1. Finalità del Piano Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di

Dettagli

BANDO VOUCHER DIGITALE Per enti locali in forma associata per la digitalizzazione e la semplificazione della PA lombarda

BANDO VOUCHER DIGITALE Per enti locali in forma associata per la digitalizzazione e la semplificazione della PA lombarda BANDO VOUCHER DIGITALE Per enti locali in forma associata per la digitalizzazione e la semplificazione della PA lombarda 1 Finalità dell intervento... 2 2 Modello di riferimento... 2 3 Soggetti abilitati

Dettagli

> Presentazione. Business to Government Fatture Elettroniche PMI. www.flagconsulting.it. Flag Consulting S.r.L. 2008 tutti i diritti riservati

> Presentazione. Business to Government Fatture Elettroniche PMI. www.flagconsulting.it. Flag Consulting S.r.L. 2008 tutti i diritti riservati > Presentazione Business to Government Fatture Elettroniche PMI SOMMARIO 01. Fatture Elettroniche B2G: l esigenza 02. Il Client come strumento user friendly per le PMI 01. Fatture Elettroniche B2G: l esigenza

Dettagli

DETERMINA N. 3/198 DEL 02/10/2015 INDICE CRONOLOGICO GENERALE N. 502/2015 SETTORE TECNICO LL.PP. SERVIZIO CED

DETERMINA N. 3/198 DEL 02/10/2015 INDICE CRONOLOGICO GENERALE N. 502/2015 SETTORE TECNICO LL.PP. SERVIZIO CED DETERMINA N. 3/198 DEL 02/10/2015 INDICE CRONOLOGICO GENERALE N. 502/2015 SETTORE TECNICO LL.PP. SERVIZIO CED CIG: Z4617CA034 OGGETTO: IMPEGNO DI SPESA PER l IMPLEMENTAZIONE DEL SISTEMA INFORMATICO SOFTWARE

Dettagli

TRA CONSIDERATO CHE VISTO CHE

TRA CONSIDERATO CHE VISTO CHE Protocollo d intesa per l utilizzo della soluzione informatica realizzata dalle Camere di Commercio, Industria e Artigianato per l esercizio delle funzioni assegnate allo Sportello Unico per le Attività

Dettagli

COMUNE DI CASTELLAR (Provincia di Cuneo) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2014/2016.

COMUNE DI CASTELLAR (Provincia di Cuneo) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2014/2016. COMUNE DI CASTELLAR (Provincia di Cuneo) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2014/2016. Indice: Premessa 1. FONTI NORMATIVE 2. STRUMENTI 3. DATI DA PUBBLICARE 4. INIZIATIVE DI

Dettagli

S.AC. Sistema di Accreditamento

S.AC. Sistema di Accreditamento S.AC. Sistema di Accreditamento Assessorato Infrastrutture e Lavori Pubblici Regione Lazio Manuale d'uso release 2.0 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3. UTENTI DEL SISTEMA

Dettagli