AGENDA DELLE INIZIATIVE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AGENDA DELLE INIZIATIVE"

Transcript

1 Provincia di Settore Politiche Sociali e Salute NEWSLETTER DICEMBRE 2012 Foglio di informazione dell Osservatorio Politiche Sociali I per l infanzia e le famiglie nel territorio provinciale Domenico Belloli Assessore alle Politiche Sociali e Salute Questo numero della newsletter presenta alcuni dati dei circa 230 per l infanzia del territorio provinciale censiti nella Banca Dati Sociale, una piattaforma on line nata per consentire a tutti i soggetti interessati di avere una fotografia aggiornata dell esistente. Tale rilevazione si colloca nell ambito della progettualità provinciale sull infanzia e le famiglie - promossa dal Settore e condivisa con gli Ambiti Territoriali e gli enti titolari e gestori dei che intende contribuire a valorizzare i per l infanzia e il patrimonio di saperi e di esperienze costruito sul territorio. Nel lavoro di questi anni una particolare attenzione è stata dedicata alla conoscenza della realtà e alla sua evoluzione nel tempo. Per realizzare analisi e approfondimenti che consentano la comprensione della situazione, è infatti necessario monitorare i e coglierne i processi trasformativi interni e nel rapporto con il territorio. Il lavoro della Banca Dati Sociale si colloca in strettissima connessione con il Piano della formazione per i per l infanzia e le famiglie anno predisposto insieme dalla Provincia, dai quattordici Ambiti Territoriali e dal Consiglio di Rappresentanza dei Sindaci. Dopo la positiva esperienza realizzata lo scorso anno, l impegno comune è stato quello garantire anche per l anno un offerta formativa sufficientemente ampia, diversificata e, soprattutto, di qualità agli operatori che nei del territorio si prendono cura dei delle loro famiglie. Nel Piano della formazione che è stato inviato agli Enti e Organizzazioni e a tutti i, sono inserite le diverse proposte per l anno educativo , realizzate sia a livello territoriale (quattordici percorsi di Ambito o di sovra Ambito definiti a partire dai bisogni formativi dei diversi contesti) sia a livello provinciale (formazione coordinatori, visite di studio, iniziative per i integrativi di compresenza, seminari aperti) [cfr. la scheda sintetica nella pagina che segue]. Per sostenere le funzioni degli Ambiti Territoriali, la Provincia per l anno mette inoltre a loro disposizione una compartecipazione finanziaria per attività di raccordo dei e di progettualità formative a livello territoriale. Crediamo che questo intreccio di conoscenza dell esistente, di formazione e aggiornamento del personale educativo e di messa a disposizione di risorse economiche mirate possa costituire un contributo concreto alla costruzione di di qualità e alla promozione di cultura e di opportunità per i le famiglie del territorio. AGENDA DELLE INIZIATIVE Mercoledì 23 gennaio 2013 ore Convegno Dentro e fuori la notte sul tema del divertimento sicuro dei giovani, iniziativa promossa dall Asl Commissione prevenzione del Dipartimento Dipendenze Venerdì 25 (ore 16-19) e sabato 26 gennaio (ore ) "E ora che siamo connessi? Identità, fragilità e aspettative nelle reti sociali degli adolescenti", iniziativa promossa dall'osservatorio sulla comunicazione degli adolescenti tra reale e virtuale, OSCARV Mercoledì 6 febbraio 2013 ore Seminario formativo Emozioni difficili. I i ragazzi di fronte alle conflittualità dei genitori Venerdì 1 marzo 2013 ore Seminario formativo Autismo a L incidenza della sindrome nelle scuole del nostro territorio Sabato 2 marzo 2013 ore Seminario formativo Le relazioni tra pari come luogo di crescita Giovedì 14 marzo 2013 Seminario del percorso intreccio di sguardi sulle professioni sociali, educative e sanitarie

2 PIANO DELLA FORMAZIONE PER I SERVIZI PER L INFANZIA E LE FAMIGLIE DEL TERRITORIO PROVINCIALE ANNO EDUCATIVO PERCORSO DI FORMAZIONE/ TUTORING PER I REFERENTI INFANZIA DEGLI UFFICI DI PIANO PROPOSTE FORMATIVE PER RESPONSABILI, COORDINATORI ED EDUCATORI DI SERVIZI PER L INFANZIA E LE FAMIGLIE INIZIATIVE A LIVELLO PROVINCIALE promosse dalla Provincia di Settore Politiche Sociali e Salute Percorso di supervisione formativa per coordinatori Iniziative aperte (seminari, incontri) sui temi dell infanzia e delle famiglie: Le autonomie dei bambini, tra sicurezza e rischi - 1/12/2012 Le relazioni tra pari come luogo di crescita 2/03/2013 Emozioni difficili. I i ragazzi di fronte alle conflittualità dei genitori periodo gennaio/febbraio 2013 Incontri formativi per i di compresenza (spazi, spazi gioco, ): Laboratorio formativo: La documentazione fotografica Percorso formativo:la relazione tra gli Incontri gruppo di coordinamento Viaggi e visite di studio a di altre realtà del territorio nazionale e di paesi esteri (Torino, Forlì, Scozia e Cles) ATTIVITA DI PROMOZIONE DELLA CULTURA DELL INFANZIA Produzione di documentazione e Newsletter Infanzia, curata dal Centro Incontra per la genitorialità di Comune e Provincia di La banca dati aggiornata dei per l infanzia e le famiglie consultabile on line: INIZIATIVE A LIVELLO PROVINCIALE promosse da altri soggetti L educatore al nido Promotore: L Allegra Brigata di Ravasio Elena e c. Giornata di presentazione città per le famiglie - 16 febbraio 2013, Casa del Giovane ore Promotore: Visite di studio al nido di Martinengo Promotori: Città di Martinengo e d infanzia comunale INIZIATIVE A LIVELLO TERRITORIALE promosse dagli Ambiti Territoriali Coordinamento territoriale dei per l infanzia in ogni Ambito Proposta formativa territoriale in ogni Ambito 2. approfondimenti dicembre 2012

3 BANCA DATI SOCIALE Il o. L investimento del Settore per la realizzazione di una Banca Dati sui è derivato dalla necessità di dotarsi di uno strumento di conoscenza dell esistente in tempo reale, superando le criticità derivanti dall effettuazione di rilevazioni periodiche. Tale modalità infatti, oltre che essere piuttosto dispendiosa, si era peraltro rivelata estremamente critica in una situazione di profondo e rapido cambiamento del quadro dei, come è quella di questi anni, e in relazione a tipologie di offerta che, per loro natura, sono meno strutturate, facendo parte di quel sistema che viene definito di welfare leggero. Da qui la predisposizione di una piattaforma online - la Banca Dati Sociale quale strumento dinamico, capace di raccogliere le informazioni di una realtà in continuo cambiamento - in grado di offrire la garanzia agli enti titolari e gestori di vedere pubblicati i propri dati su un sito accessibile a tutti, aumentando quindi la propria visibilità, e ai cittadini di fruire di un o informativo completo e tempestivo. Le schede compilate ed accessibili alla consultazione da parte di chiunque sia interessato costituiscono un primo bagaglio di dati e informazioni preziose sia per chi deve scegliere un o (es. genitore, operatore ) sia per quanti definiscono orientamenti e progettualità. Nel corso di ciascun anno educativo verrà effettuato un aggiornamento della fotografia dei, per cui sarà possibile sia inserire nuove schede, sia intervenire a modificare quelle esistenti. La Banca Dati consultabile online contiene le ricognizioni dei Servizi per l infanzia: Nidi, Micronidi, Nidi famiglia, Centri Prima Infanzia Servizi Integrativi per l infanzia: Servizi extrascuola: Interventi di educazione alla salute rivolti agli studenti degli Istituti Scolastici delle valli Seriana e di Scalve dicembre 2012 approfondimenti. 3

4 La banca dati aggiornata dei consultabile on line Per consultare le singole schede dei : Per segnalazioni di nuovi, per informazioni o richieste contattare l Osservatorio Politiche Sociali Tel 035/ approfondimenti dicembre 2012

5 I DATI RELATIVI AI SERVIZI PER L INFANZIA - ANNO EDUCATIVO Questo documento presenta l analisi dei dati, riferiti all anno educativo , relativi ai 229 censiti nella Banca Dati Sociale al luglio Le 229 schede pubblicate non rappresentano quindi la totalità dei per l infanzia e le famiglie presenti sul territorio provinciale, in quanto esistono che non hanno ancora compilato la scheda online e che l hanno compilata dopo il mese di luglio u.s. Si spera comunque di completare la rilevazione nei prossimi mesi con il contributo di tutti gli enti titolari e gli enti gestori. 1 I 229 censiti comprendono i 156 per l infanzia delle diverse tipologie e i 73 integrativi per l infanzia che hanno compilato la scheda on line. 2 La tabella 1 mostra come il 79% dell offerta si attesta sui Nidi, con una capacità ricettiva che può variare da 11 a 60 bambini accolti; i micronidi costituiscono il 12%, i nidi famiglia il 7% e i centri prima infanzia il 2%. Per quanto riguarda invece i integrativi per l infanzia più del 90% di essi è costituito dagli spazi per, solo una percentuale marginale è rappresentata dalle ludoteche (6%) e da altri integrativi (4%). 1 Nota bene: Si prega di consultare il sito della Banca Dati Sociale (www.bancadatisociale.provincia.bergamo.it) per un quadro aggiornato della situazione. Nei prossimi mesi nuovi verranno censiti e tutte le informazioni verranno aggiornate al corrente annoo educativo. 2 Servizi per l infanzia: Nidi, Micronidi, Nidi famiglia, Centri Prima Infanzia o Asili nido: o di capacità ricettiva da 11 a 60 bambini/e tra 3 mesi e 3 anni. o Micronidi: o di capacità ricettiva massima di 10 bambini/e tra 3 mesi e 3 anni. o Nidi Famiglia: nido domiciliare per un massimo di 5 bambini/e da 0 a 3 anni, promosso da famiglie utenti associate/associazioni familiari. o Centri Prima infanzia: strutture che offrono un o temporaneo per un massimo di 4 ore consecutive Servizi integrativi per l infanzia o Servizi (ad es. spazi gioco, spazi per bambini, ludoteche,...) che accolgono contemporaneamente i i loro genitori (o altri di riferimento), prevedendo per gli uni e gli altri proposte dedicate e finalizzate. Servizi socio educativi e di sostegno alla genitorialità, offrono ai piccoli proposte di gioco e di socializzazione, mentre per gli di riferimento costituiscono un ambito di incontro, di relazione, di scambio sull esperienza della crescita del bambino. rispondendo alla domanda di molte famiglie di avere contesti di incontro vicini, accessibili, accoglienti e non specialistici. Sono condotti da personale con competenze educative. dicembre 2012 approfondimenti. 5

6 Tabella 1. Ripartizione dei per tipologia e Ambito Servizi per l infanzia Servizi integrativi per l infanzia Ambito Nidi Micronidi Nidi famiglia Centri prima infanzia Spazi per Ludoteche Altri integrativi Seriate Grumello d.monte Valle Cavallina Basso Sebino Alto Sebino Sup. - Scalve 4 10 Valle Brembana Valle Imagna Romano di L.dia TOTALE PROVINCIA L analisi dei dati presenterà considerazioni che riguardano esclusivamente i per l infanzia, esclusivamente i integrativi oppure entrambe le categorie 6. approfondimenti dicembre 2012

7 Dati anagrafici. La tabella 2 ci mostra come dei 156 per l infanzia indagati, il 50% di essi dichiara di essere accreditato, il 19% di essere in fase di accreditamento, il 31% di non essere accreditato. Tabella 2. Ripartizione dei per l infanzia rispetto all accreditamento del o Accreditamento Accreditati 79 In attesa di accreditamento 29 Non accreditati 48 Totale 156 Grafico 1. Ripartizione percentuale dei per l infanzia rispetto all accreditamento del o 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% accreditati in attesa di accreditamento non accreditati La tabella 3 evidenzia la distribuzione dei per l infanzia secondo l anno di apertura. In specifico, gli anni che vanno dal 2003 al 2007 registrano l apertura della maggior parte (43%) di questi 156, e dal 2008 ad oggi assistiamo ad un incremento dell offerta pari al 22%. Emerge quindi il dato che ben 101 su 156 rilevati hanno una esperienza di almeno nove anni ( ) mentre 34 sono i attivi da meno di quattro anni ( ). Tabella 3. Ripartizione dei per l infanzia rispetto all anno di apertura Anno di apertura dicembre 2012 approfondimenti. 7

8 prima del dato mancante 1 Totale 156 Diversi sono gli attori sociali che promuovono e gestiscono i per l infanzia. Nella ricognizione si sono individuati: Enti titolari: soggetti che hanno la responsabilità legale del o; Enti Gestori: soggetti che hanno compiti di gestione del o e, se diversi dall ente titolare, hanno con esso un rapporto formalizzato. La modalità di gestione e affidamento dei per l infanzia si differenzia nettamente da quella dei integrativi: se per i primi nell 87% dei casi si registra una coincidenza tra ente titolare e ente gestore, per i integrativi questo avviene solo nel 40% Tabella 4. Ripartizione dei rispetto alla coincidenza tra ente titolare e ente gestore Enti titolari e enti gestori per l'infanzia integrativi per l'infanzia ente gestore = ente titolare ente gestore ente titolare Totali Grafico 2. Ripartizione percentuale dei rispetto alla coincidenza tra ente titolare e ente gestore 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% ente gestore = ente titolare per l'infanzia ente gestore <> ente titolare integrativi per l'infanzia La tabella 5 mostra la ripartizione dei per l infanzia in base ai soggetti con cui sono stati stipulati accordi o convenzioni. Il 50% dei prevede accordi o convenzioni con i comuni del proprio territorio, il 19% con le aziende e il 21% con altri enti (aziende ospedaliere, parrocchie ); 16 per l infanzia (10%) dichiarano di non aver stipulato accordi o convenzioni. 8. approfondimenti dicembre 2012

9 Tabella 5. dei per l infanzia rispetto ai soggetti con cui sono stati stipulati accordi o convenzioni Soggetti (su 156) Comuni 78 aziende 29 altri enti 33 Grafico 3. Percentuale dei per l infanzia rispetto ai soggetti con cui sono stati stipulati accordi o convenzioni 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% comuni aziende altri enti La tabella 6 e il grafico 4 evidenziano come il telefono e l indirizzo siano adottati da tutti i, mentre circa la metà di essi dispone di un sito web dedicato. Tabella 6. dei rispetto ai recapiti presenti Tipo recapito per l'infanzia (su 156) integrativi per l'infanzia (su 73) telefono fax sito web dicembre 2012 approfondimenti. 9

10 Grafico 4. Percentuale dei rispetto ai recapiti presenti 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% telefono fax sito web per l'infanzia integrativi per l'infanzia I destinatari dei per l infanzia. Alcuni dati rilevati in relazione ai bambini che frequentano i possono aiutare a comprendere le caratteristiche della fisionomia della domanda che arriva ai. La tabella 7 mostra, di fatto, che l 83% dei per l infanzia censiti accoglie bambini nella fascia d età compresa tra i 3 e i 36 mesi, mentre solamente il 6% di essi accoglie bambini a partire dai dodici mesi. Tabella 7. Ripartizione dei per l infanzia rispetto alla fascia di età dei bambini accolti Fascia di età da 3 a 36 mesi 130 da 12 a 36 mesi 10 altro 16 Totale approfondimenti dicembre 2012

11 Grafico 5. Ripartizione percentuale dei per l infanzia rispetto alla fascia di età dei bambini accolti 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% da 3 a 36 mesi da 12 a 36 mesi altro La Tabella 8 evidenzia la ripartizione dei rispetto alla capacità ricettiva, che è ovviamente connessa alla specificità della tipologia di o. Emerge che circa il 44% ha una capacità compresa tra 21 e 40 posti, mentre sono 10 i che presentano una capacità ricettiva di massimo 5 posti. Tabella 8. Ripartizione dei per l infanzia rispetto alla capacità ricettiva posti fino a 5 10 da 6 a da 11 a da 21 a oltre Totale 156 dicembre 2012 approfondimenti. 11

12 Grafico 6. Ripartizione percentuale dei per l infanzia rispetto alla capacità ricettiva 50% 40% 30% 20% 10% 0% fino a 5 posti da 6 a 10 posti da 11 a 20 posti da 21 a 40 posti oltre 40 posti Un altro dato che può aiutare a descrivere il quadro è il numero di che accolgono bambini con disabilità. Secondo i dati raccolti il 72% dei non ha accolto bambini disabili nel corso dell anno educativo appena trascorso, Solamente il 3 % accoglie più di due bambini disabili, mentre circa il 14% dei afferma di accogliergli, ma non ne indica il numero. Tabella 9. Ripartizione dei per l infanzia rispetto al numero di bambini disabili accolti nell anno 2011/2012 Bambini disabili nessuno 112 uno 17 più di due 5 non indicato 22 Totale approfondimenti dicembre 2012

13 I destinatari dei integrativi per l infanzia. La tabella 10 evidenzia che la quasi totalità dei integrativi per l infanzia censiti (circa il 93%) accoglie bambini fino ai 3 anni, mentre solo il 7% dei integrativi accoglie bambini con un età compresa tra i 6 ed i 10 anni. Tabella 10. dei integrativi per l infanzia rispetto alla fascia di età dei bambini accolti Fascia di età (su 73) meno di 3 anni 68 da 3 a 5 anni 12 da 6 a 10 anni 5 Grafico 7. Percentuale dei integrativi per l infanzia rispetto alla fascia di età dei bambini accolti 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% fino a 3 anni da 3 a 5 anni da 6 a 10 anni dicembre 2012 approfondimenti. 13

14 La Tabella 11 evidenzia che nel 55% dei integrativi censiti è possibile la formazione di gruppi dedicati specificatamente a bambini in una fascia d età compresa tra 0 e 12 mesi. Il 23% consente la frequenza a bambini anche senza l adulto di riferimento (cfr. che accolgono bambini fino ai 10 anni). Tabella 11. dei integrativi per l infanzia rispetto alla presenza di piccoli e E prevista la presenza di: (su 73) gruppi di bambini 0-12 mesi 40 bambini senza di riferimento 17 La figura dell adulto di riferimento è rappresentata per la maggior parte (oltre il 90%) dalla mamma o dalla nonna, ma significativa è la partecipazione di altri : la babysitter, il papà e il nonno. Tabella 12. dei integrativi per l infanzia rispetto alla categoria di di riferimento Categoria (su 73) mamma 69 papà 50 nonna 68 nonno 47 babysitter 53 altri approfondimenti dicembre 2012

15 Grafico 8. Percentuale dei integrativi per l infanzia rispetto alla categoria di di riferimento 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% mamma nonna babysitter papà nonno altri dicembre 2012 approfondimenti. 15

16 Accesso al o ( per l infanzia). Al fine di completare il quadro della realtà dei per l infanzia è importante considerarne alcuni aspetti relativi alla dimensione organizzativa. I requisiti prioritari per l ammissione sono l ordine di iscrizione (61%) e l essere residente nel comune sede del o (56%); nel 36% dei censiti anche le caratteristiche del nucleo familiare costituiscono un elemento discriminatorio. Alla voce altro, quali requisiti considerati per l ammissione sono inseriti: segnalazioni dei sociali, avere fratelli frequentanti, tempo pieno, figli di dipendenti. Tabella 13. dei per l infanzia rispetto ai requisiti di priorità per l ammissione Requisito prioritario (su 156) ordine di iscrizione 95 residenza nel comune 88 residenza in comune convenzionato 22 caratteristiche del nucleo familiare 56 altro 35 Grafico 9. Percentuale dei per l infanzia rispetto ai requisiti di priorità per l ammissione 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% ordine di iscrizione residenza nel comune caratteristiche del nucleo familiare residenza in comune convenzionato altro 16. approfondimenti dicembre 2012

17 La Tabella 14 mostra che il bacino d utenza dei per l infanzia, in circa il 70% dei, non prevede limitazioni, mentre circa il 20% considera il territorio comunale. Solo il 5% ha come bacini di utenza altri comuni della provincia anche se non convenzionati. Tabella 14. Ripartizione dei per l infanzia rispetto al bacino di utenza Bacino di utenza territorio comunale 31 altri comuni convenzionati 4 altri comuni della provincia anche se non convenzionati 8 nessuna limitazione 109 non indicato 4 Totale 156 Grafico 10. Ripartizione percentuale dei per l infanzia rispetto al bacino di utenza 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% territorio comunale altri comuni convenzionati altri comuni della provincia anche se non convenzionati nessuna limitazione non indicato dicembre 2012 approfondimenti. 17

18 La Tabella 15 riporta le modalità di fruizione dei in relazione ai tempi di funzionamento, che si articolano su diverse fasce orarie. È possibile notare che la quasi totalità dei censiti consente la possibilità di frequentare solo al mattino e l 80% di essi consente la frequenza solo pomeridiana. Il 67% prevede il prolungamento dell orario mentre solo il 45% l anticipo sull ingresso del mattino. La flessibilizzazione delle modalità di funzionamento dei, che regolano la loro offerta su tempi differenziati nell arco della giornata, sembra rappresentare una modalità per rispondere al meglio alle esigenze delle famiglie e dei bambini, nella direzione di una offerta che può facilitare alle famiglie il difficile compito di conciliazione tra i tempi di lavoro e i tempi di cura. Tabella 15. dei per l infanzia rispetto alle modalità di fruizione Modalità di fruizione (su 156) part-time al mattino 150 part-time al pomeriggio 124 orario anticipato 71 orario prolungato 105 Grafico 11. Percentuale dei per l infanzia rispetto alle modalità di fruizione 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% part-time al mattino part-time al pomeriggio orario prolungato orario anticipato 18. approfondimenti dicembre 2012

19 Accesso al o ( integrativi per l infanzia). Spostando l attenzione sull architettura organizzativa dei integrativi per l infanzia possiamo descriverne il profilo a partire da alcune caratteristiche relative alla modalità di accesso e all organizzazione. Per quanto riguarda le modalità di accesso al o si rileva che avviene nella quasi totalità dei casi su iscrizione e nell 89% dei casi a pagamento. Il 75% preferisce l organizzazione dei bambini in gruppi fissi e per quanto riguarda invece l articolazione della frequenza settimanale emerge che il 68% consente la partecipazione anche più volte per settimana. Tabella 16. Ripartizione dei integrativi per l infanzia rispetto alle modalità di accesso Modalità di accesso con iscrizione 72 libera 1 Totale 73 Tabella 17. Ripartizione dei integrativi per l infanzia rispetto ai costi d accesso Costi di accesso gratuita 7 a pagamento in alcuni casi 1 a pagamento per tutti 65 Totale 73 Tabella 18. Ripartizione dei integrativi per l infanzia rispetto alle modalità di organizzazione Modalità di organizzazione in gruppi aperti 18 in gruppi fissi 55 Totale 73 Tabella 19. Ripartizione dei integrativi per l infanzia rispetto al tipo di frequenza Tipo di frequenza consentito solo una volta alla settimana 22 anche più volte la settimana 50 non indicato 1 Totale 73 dicembre 2012 approfondimenti. 19

20 Equipe educativa ( per l infanzia). Dalla rilevazione è emerso che la figura del Coordinatore è presente in quasi tutti i, nel 45% dei casi svolge anche funzioni educative e nel 28% coordina più. Solo il 25% dei coordinatori svolge esclusivamente funzioni di coordinamento. Tabella 20. Ripartizione dei per l infanzia rispetto alla presenza di un coordinatore Coordinatore nessun coordinatore 4 coordinatore con funzioni anche educative 70 coordinatore con funzioni di coordinamento su diversi 43 coordinatore con funzioni esclusive di coordinamento 39 Totale 156 Grafico 12. Ripartizione percentuale dei per l infanzia rispetto alla presenza di un coordinatore 50% 40% 30% 20% 10% 0% nessun coordinatore coordinatore con funzioni anche educative coordinatore con funzioni di coordinamento su diversi coordinatore con funzioni esclusive di coordinamento 20. approfondimenti dicembre 2012

21 Il 38% dei censiti si caratterizza per avere un equipe educativa composta da 3-4 educatori, mentre l 8% si caratterizza per avere un equipe numerosa, composta da oltre 8 educatori. Tabella 21. Ripartizione dei per l infanzia rispetto al numero di educatori di educatori da 1 a 2 39 da 3 a 4 59 da 5 a 8 38 oltre 8 13 non indicato 7 Totale 156 Grafico 13. Ripartizione percentuale dei per l infanzia rispetto al numero di educatori 40% 30% 20% 10% 0% da 1 a 2 da 3 a 4 da 5 a 8 oltre 8 non indicato dicembre 2012 approfondimenti. 21

22 Le risorse umane che operano nei per l infanzia e che esercitano le loro funzioni in modo stabile e continuativo sono: i coordinatori, gli educatori e gli ausiliari, cioè figure di supporto che assicurano anche la funzionalità dei locali, e i volontari. Gli ausiliari sono presenti nell 84% dei per l infanzia. Accanto a queste figure è possibile trovare la presenza di cuochi, che provvedono alla preparazione dei pasti, nel 33% dei casi ed anche di leve civiche in circa il 12% della totalità. Tabella 22. dei per l infanzia rispetto alla presenza di altre figure adulte Tipo di figura adulta (su 156) ausiliario 131 cuoco 51 leva civica 18 altra figura 41 Grafico 14. Ripartizione percentuale dei per l infanzia rispetto alla presenza di altre figure adulte 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% ausiliario cuoco leva civica altra figura 22. approfondimenti dicembre 2012

23 Equipe educativa ( integrativi per l infanzia). La Tabella 23 mostra che la figura del Coordinatore è presente in quasi tutti i integrativi per l infanzia, nel 36% dei casi svolge anche funzioni educative e nel 29% coordina più. Solo il 33% svolge quindi esclusivamente funzioni di coordinamento. Tabella 23. Ripartizione dei integrativi per l infanzia rispetto alla presenza di un coordinatore Coordinatore nessun coordinatore 2 coordinatore con funzioni anche educative 26 coordinatore con funzioni di coordinamento su diversi 21 coordinatore con funzioni esclusive di coordinamento 24 Totale 73 Grafico 15. Ripartizione percentuale dei per l infanzia rispetto alla presenza di un coordinatore 40% 30% 20% 10% 0% nessun coordinatore coordinatore con funzioni anche educative coordinatore con funzioni di coordinamento su diversi coordinatore con funzioni esclusive di coordinamento dicembre 2012 approfondimenti. 23

24 Solo nel 12 % dei integrativi gli educatori sono in numero maggiore o uguale a tre. Il 42% dei ha un equipe di due educatori e il 42% vede la presenza di un unica figura educativa. Tabella 24. Ripartizione dei integrativi per l infanzia rispetto al numero di educatori di educatori uno 31 due 31 tre o più 9 non indicato 2 Totale 73 Grafico 16. Ripartizione percentuale dei integrativi per l infanzia rispetto al numero di educatori 50% 40% 30% 20% 10% 0% uno due tre o più non indicato 24. approfondimenti dicembre 2012

25 Collaborazioni ( per l infanzia). Si può affermare che pressoché la totalità dei per l infanzia organizza iniziative rivolte ai genitori dei bambini frequentanti. La maggior parte organizza attività aperte all esterno: l 84% dei presenta iniziative aperte anche ad utenti esterni e al territorio e l 81% organizza attività in connessione con enti, e agenzie del territorio. Tabella 25. dei per l infanzia rispetto al tipo di iniziative e attività esterne Presenza di iniziative / attività (su 156) iniziative rivolte ai genitori frequentanti il o 155 iniziative aperte anche a utenti esterni e al territorio 131 attività in connessione con enti, e agenzie del territorio 127 Grafico 17. Ripartizione percentuale dei per l infanzia rispetto al tipo di iniziative e attività esterne 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% iniziative rivolte ai genitori frequentanti il o iniziative aperte anche a utenti esterni e al territorio attività in connessione con enti, e agenzie del territorio dicembre 2012 approfondimenti. 25

26 Nello specifico diverse sono le categorie di sociosanitari con le quali possono essere instaurate collaborazioni. Infatti, in oltre il 60% dei casi si registra la disponibilità dell equipe educativa alla collaborazione con i sociali, nel 40% con la neuropsichiatria e nel 31% con i pediatri. Tabella 26. dei per l infanzia rispetto alla categoria di sociosanitari con cui si collabora Categoria di (su 156) sociali 98 neuropsichiatria 62 pediatri 49 consultorio 40 altri 29 Grafico 18. Ripartizione percentuale dei per l infanzia rispetto alla categoria di sociosanitari con cui si collabora 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% sociali neuropsichiatria pediatri consultorio altri 26. approfondimenti dicembre 2012

27 Collaborazioni ( integrativi per l infanzia). Come per i per l infanzia, anche per i integrativi sono significativi il coinvolgimento e l apertura al territorio nell ambito delle iniziative proposte: oltre l 80% dei censiti dichiarano di svolgere attività in connessione con enti, e agenzie del territorio. Tabella 27. dei integrativi per l infanzia rispetto al tipo di iniziative e attività esterne Presenza di iniziative / attività (su 73) iniziative rivolte ai genitori frequentanti il o 67 iniziative aperte anche a utenti esterni e al territorio 56 attività in connessione con enti, e agenzie del territorio 63 Grafico 19. Ripartizione percentuale dei integrativi per l infanzia rispetto al tipo di iniziative e attività esterne 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% iniziative rivolte ai genitori frequentanti il o iniziative rivolte al territorio attività in connessione con enti, o agenzie del territorio dicembre 2012 approfondimenti. 27

28 Nei integrativi la collaborazione dell equipe educativa si attua per lo più con i sociali (oltre il 90%) mentre, diventa meno rilevante, rispetto ai per l infanzia, quella con la neuropsichiatria (15%) e con il pediatra (12%). Tabella 28. dei integrativi per l infanzia rispetto alla categoria di sociosanitari con cui si collabora Categoria di (su 73) sociali 68 consultorio 25 neuropsichiatria 11 pediatri 9 altri 17 Grafico 20. Ripartizione percentuale dei integrativi per l infanzia rispetto alla categoria di sociosanitari con cui si collabora 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% sociali consultorio neuropsichiatria pediatri altri 28. approfondimenti dicembre 2012

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Ente: ALBANO SANT'ALESSANDRO Sede: 35975 ALBANO SAN ALESSANDRO Posti richiesti: 1. Cognome Nome Esito

Ente: ALBANO SANT'ALESSANDRO Sede: 35975 ALBANO SAN ALESSANDRO Posti richiesti: 1. Cognome Nome Esito ========================================================== Progetto: BERGAMO E IL SUO TERRITORIO: UN ANNO DI SERVIZIO CIVILE NELL'AREA CULTURALE 2012 Codice progetto: R03NZ0050413100748NR03 ==========================================================

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI. Indirizzo Telefono e Fax E-mail Tipologia Accreditamento. ilgignoro@diaconia valdese.org. Tel.

STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI. Indirizzo Telefono e Fax E-mail Tipologia Accreditamento. ilgignoro@diaconia valdese.org. Tel. Denominazione Anna Lapini - Povere glie dalle Sacre Stimmate Il Gignoro - C.S.D. Diaconia Valdese orentina L. F. Orvieto - Suore Passioniste Paolo VI - glie della carità di San Vincenzo de Paoli Santa

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

CITTÀ di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI

CITTÀ di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI CITTÀ di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI Repertorio generale n. 1638 Settore Servizi sociali, culturali e tempo libero Servizi Culturali, Educativi e Tempo Libero DETERMINAZIONE

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

GARA CICLISTICA per ELITE e UNDER 23

GARA CICLISTICA per ELITE e UNDER 23 GARA CICLISTICA per ELITE e UNDER 23 domenica 7 Ottobre 2012 - ore 9.45 GORLE - BERGAMO ARRIVEDERCI alla 42a Settimana Ciclistica Bergamasca dal 2 al 7 settembre 2013 REGOLAMENTO SPECIALE DI CORSA SU STRADA

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Foglio1. PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI Art. 23, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 14 Marzo 2013, n. 33 (Ufficio Tributi)

Foglio1. PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI Art. 23, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 14 Marzo 2013, n. 33 (Ufficio Tributi) PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI Art. 23, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 14 Marzo 2013, n. 33 (Ufficio Tributi) Autorizzazione/Atto Contenuto Destinatario Documentazione ANNA MARCHI MAZZINI Autorizzazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Il campione Ivan Basso a Stezzano La sua bici per l ospedale dei bimbi

Il campione Ivan Basso a Stezzano La sua bici per l ospedale dei bimbi Venerdì 27 febbraio 2015 (0) Il campione Ivan Basso a Stezzano La sua bici per l ospedale dei bimbi Lunedì 2 marzo a partire dalle 15,30 il ciclista Ivan Basso, oggi corridore per il team Tinko!- Saxo,

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Introduzione ai Libri su misura

Introduzione ai Libri su misura COSTRUIAMO UN LIBRO PER TE Introduzione ai Libri su misura Antonella Costantino, Veruscha Ubbiali, Marisa Adobati, Nora Bergamaschi*, Laura Bernasconi, Daniela Biffi, Debora Bonacina *, Caterina dall Olmo*,

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Project Work La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Autori Barbara Gastaldin, Elisabetta Niccolai, Federica Lodolini Servizi ASP Seneca Distretto Pianura Ovest, Servizio Sociale Minori

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL APPRENDIMENTO IN OGNI ETA

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL APPRENDIMENTO IN OGNI ETA REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL APPRENDIMENTO IN OGNI ETA INDICE GENERALE SEZIONE I CARATTERISTICHE DEL SISTEMA LOCALE PER IL DIRITTO ALL APPRENDIMENTO ART. 1 PRINCIPI DI RIFERIMENTO ART. 2 FINALITA GENERALI

Dettagli

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Campagna per la promozione dell affidamento familiare Il primo diritto che andrebbe assicurato ad ogni bambino è quello

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Premiato nel 2008 dalla FIS e FISI come miglior sci club d Italia Riconosciuto nel 2010 dalla FIS tra i migliori 8 sci club al mondo

Premiato nel 2008 dalla FIS e FISI come miglior sci club d Italia Riconosciuto nel 2010 dalla FIS tra i migliori 8 sci club al mondo I corsi del C.A.S. in collaborazione con le Scuole Sci Monte Pora, Spiazzi, Vareno, 90 Foppolo e Alta Valle Brembana Stagione 2010-2011 Formula Località Giorno e Orario Livelli Età bus (*) White M. Pora

Dettagli

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Pasian di Prato (UD) - Via Leonardo da Vinci, 23 - C.A.P. 33037 tel/fax: 0432 699954 e-mail: ddpasian@tin.it udic856004@istruzione.it udic856004@pec.istruzione.it

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto Provincia di Ravenna Album fotografico UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto CONSIGLI/CONSULTE DEI COMUNI PARTECIPANTI SCUOLA Consulta ragazzi di Alfonsine Michelacci Andrea Scuola Primaria "Matteotti

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

6) I LUOGHI DEL SACRO

6) I LUOGHI DEL SACRO 6) I LUOGHI DEL SACRO Gli edifici di culto spesso hanno orientato l organizzazione territoriale in maniera incisiva e hanno avuto ruolo distintivo nell identità locale: nelle varie epoche hanno creato

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Via San Marco 217 37050 Isola Rizza (Vr) Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE API Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali Allegato A Legenda Elenco degli enti autorizzati per paese straniero: L asterisco (*) sta ad indicare l obbligo di accreditamento nel Paese straniero secondo una specifica procedura. In questo caso e stato

Dettagli

Convegno. riflessioni PRESENTAZIONE. Copernico, 38. Via. Rev. 0 del 19/10/2010. pag. 1 di 6

Convegno. riflessioni PRESENTAZIONE. Copernico, 38. Via. Rev. 0 del 19/10/2010. pag. 1 di 6 Convegno AL TERMINE DI TELEMACO riflessioni a margine dell esperienza svolta www.telemaco.regione.lombardia.it Codice evento: SDSS 10092/AE VENERDI 12 NOVEMBRE 2010, ore 10.000 18.00 Politecnico di Milano

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI ASSEGNI PER IL MIGLIORAMENTO DELLECONDIZIONI DI CURA ED EDUCAZIONE DI MINORI DI ETA DA 0 A 36 MESI.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI ASSEGNI PER IL MIGLIORAMENTO DELLECONDIZIONI DI CURA ED EDUCAZIONE DI MINORI DI ETA DA 0 A 36 MESI. COMUNE DI COLLOREDO DI MONTE ALBANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI ASSEGNI PER IL MIGLIORAMENTO DELLECONDIZIONI DI CURA ED EDUCAZIONE DI MINORI DI ETA DA 0 A 36 MESI. Approvato con deliberazione

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Attività e tempi Individuazione dei parametri di accesso SI Pubblicazione bando Acquisizione /verifica /accettazione domande

Attività e tempi Individuazione dei parametri di accesso SI Pubblicazione bando Acquisizione /verifica /accettazione domande NARDÒ SOCIALE Nel 2012 si sono dettate le linee guida per l attivazione della social card da attuarsi nel 2013 con lo scopo di andare incontro alle famiglie meno abbienti fornendo generi di prima necessità

Dettagli

"UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE

UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE GREST 2015 L estate ormai si avvicina e l Unità Pastorale Madre Teresa di Calcutta, organizza e propone il GrEst (Oratorio estivo), rivolto ai ragazzi delle classi elementari e medie delle nostre parrocchie.

Dettagli

p e r i l c u r r i c u l u m

p e r i l c u r r i c u l u m F o r m a t o e u r o p e o p e r i l c u r r i c u l u m v i t a e Informazioni personali Nome Indirizzo Ferraina Caterina Rosaria Località Feudotto compl. AZUR Vibo Valentia Telefono 0963.94428 328/2888930

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Sintesi Progetto Educativo

Sintesi Progetto Educativo Sintesi Progetto Educativo Servizio socio-educativo per la prima infanzia Autorizzato dalla Regione Veneto L.R. 22/2002 Certificato UNI EN ISO 9001:2008 e UNI 11034 per la progettazione ed erogazione di

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015!

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA L'Archeotour, giunto quest'anno alla sua XI edizione, è un'iniziativa del Rotary Club Cagliari per far conoscere

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

REGOLAMENTO SPAZIO GIOCO PIMPIRULIN

REGOLAMENTO SPAZIO GIOCO PIMPIRULIN Comune di Bonate Sotto Provincia di Bergamo REGOLAMENTO SPAZIO GIOCO PIMPIRULIN Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale nr.11 del 2.3.2009 Pubblicato all Albo dal 19.3.2009 al 3.4.2009 Reg.nr.102

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE DELL EMILIA - ROMAGNA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE DELL EMILIA - ROMAGNA AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE DELL EMILIA - ROMAGNA Premesso che sulla base di quanto previsto dalla Legge Regionale n. 0/003 e successive

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Beneficiario PIva CF Importo Oggetto Responsabile Doc n Del Modalità affidamento Titolo

Beneficiario PIva CF Importo Oggetto Responsabile Doc n Del Modalità affidamento Titolo ECOTIME SRL 01877360162 01877360162 1.306,80 ATOS ITALIA S.P.A. 00795910157 00795910157 10.259,59 NPO SISTEMI SPA 03074310966 03074310966 4.400,77 NPO SISTEMI SPA 03074310966 03074310966 24.850,37 PARROCCHIA

Dettagli

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DELPIANO Laura Indirizzo Via Torino n. 112 int. 2 10036 SETTIMO TORINESE Telefono 011.898.26.34 Mobile: 333.10.60.176 Fax 011.898.26.34 E-mail laura.delpiano@cespi-centrostudi.it

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Arpa Emilia-Romagna. Elenco incarichi conferiti ai Consulenti e Collaboratori esterni nell'anno 2006 - periodo annuale

Arpa Emilia-Romagna. Elenco incarichi conferiti ai Consulenti e Collaboratori esterni nell'anno 2006 - periodo annuale Arpa Emilia-Romagna. Elenco incarichi conferiti ai Consulenti e Collaboratori esterni nell'anno 2006 - periodo annuale Nominativo / SCS AZIONINNOVA SPA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BOLOGNA UNIVERSITA' LA

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE dott. Renato Mason, nominato con D.P.G.R. n. 245 del 31.12.2007

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE dott. Renato Mason, nominato con D.P.G.R. n. 245 del 31.12.2007 Servizio Sanitario Nazionale - Regione del Veneto AZIENDA UNITÀ LOCALE SOCIO - SANITARIA N. 8 Sede Legale: Via Forestuzzo, 41 Asolo (TV) Comuni: Altivole, Asolo, Borso del Grappa, Caerano di San Marco,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS.

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. RISOLUZIONE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 23 gennaio 2015 OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. Con l interpello

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE N.B. Qualora ritenga importante integrare il questionario con commenti particolari o chiarimenti che ritiene importanti può farlo scrivendo quanto ritiene opportuno nello

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)?

1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)? Il Progetto Caratteristiche del progetto 1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)? L idea è di creare un centro giovani in Parrocchia

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE 25 foto di Sophie Anne Herin GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE ALTRE PAROLE PER DIRLO Diamo corpo e parola alla forza delle donne Libere di scegliere Libere di desiderare Libere di

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

COGNOME NOME DATA NASCITA PRV NASCITA PUNT. UTI PUNT. EXTIT SCUOLA DI RICONF. COD. PREC CAMPORESE MARIA 27/02/1956 SA 0,00 0,00 SISD00201T

COGNOME NOME DATA NASCITA PRV NASCITA PUNT. UTI PUNT. EXTIT SCUOLA DI RICONF. COD. PREC CAMPORESE MARIA 27/02/1956 SA 0,00 0,00 SISD00201T INDIVIDUARE IL PERSONALE DOCENTE DA UTILIZZARE PAG. 1 CLASSE DI CONCORSO:A017 DISCIPLINE ECONOMICO AZIENDALI ANZIVINO MARILENA 07/12/1968 FG 30,00 0,00 CAMPORESE MARIA 27/02/1956 SA 0,00 0,00 SISD00201T

Dettagli

grafica editoriale / biennio lunedì 29 giugno 2015 ore 8:20

grafica editoriale / biennio lunedì 29 giugno 2015 ore 8:20 grafica editoriale / biennio lunedì 29 giugno 2015 ore 8:20 Sortino Consuelo Pisano Antonino Impellizzeri Giulia Petriglieri Emilio Silvestro Federica Ciadamidaro Rocco graphic design 3 / triennio lunedì

Dettagli

Con l Europa investiamo nel vostro futuro

Con l Europa investiamo nel vostro futuro Facilitatore ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ELENA DI SAVOIA PIERO CALAMANDREI ISTITUTO TECNICO STATALE TECNOLOGICO ECONOMICO CHIMICA MATERIALI E BIOTECNOLOGIE SANITARIE AMBIENTALI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli