AGENDA DELLE INIZIATIVE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AGENDA DELLE INIZIATIVE"

Transcript

1 Provincia di Settore Politiche Sociali e Salute NEWSLETTER DICEMBRE 2012 Foglio di informazione dell Osservatorio Politiche Sociali I per l infanzia e le famiglie nel territorio provinciale Domenico Belloli Assessore alle Politiche Sociali e Salute Questo numero della newsletter presenta alcuni dati dei circa 230 per l infanzia del territorio provinciale censiti nella Banca Dati Sociale, una piattaforma on line nata per consentire a tutti i soggetti interessati di avere una fotografia aggiornata dell esistente. Tale rilevazione si colloca nell ambito della progettualità provinciale sull infanzia e le famiglie - promossa dal Settore e condivisa con gli Ambiti Territoriali e gli enti titolari e gestori dei che intende contribuire a valorizzare i per l infanzia e il patrimonio di saperi e di esperienze costruito sul territorio. Nel lavoro di questi anni una particolare attenzione è stata dedicata alla conoscenza della realtà e alla sua evoluzione nel tempo. Per realizzare analisi e approfondimenti che consentano la comprensione della situazione, è infatti necessario monitorare i e coglierne i processi trasformativi interni e nel rapporto con il territorio. Il lavoro della Banca Dati Sociale si colloca in strettissima connessione con il Piano della formazione per i per l infanzia e le famiglie anno predisposto insieme dalla Provincia, dai quattordici Ambiti Territoriali e dal Consiglio di Rappresentanza dei Sindaci. Dopo la positiva esperienza realizzata lo scorso anno, l impegno comune è stato quello garantire anche per l anno un offerta formativa sufficientemente ampia, diversificata e, soprattutto, di qualità agli operatori che nei del territorio si prendono cura dei delle loro famiglie. Nel Piano della formazione che è stato inviato agli Enti e Organizzazioni e a tutti i, sono inserite le diverse proposte per l anno educativo , realizzate sia a livello territoriale (quattordici percorsi di Ambito o di sovra Ambito definiti a partire dai bisogni formativi dei diversi contesti) sia a livello provinciale (formazione coordinatori, visite di studio, iniziative per i integrativi di compresenza, seminari aperti) [cfr. la scheda sintetica nella pagina che segue]. Per sostenere le funzioni degli Ambiti Territoriali, la Provincia per l anno mette inoltre a loro disposizione una compartecipazione finanziaria per attività di raccordo dei e di progettualità formative a livello territoriale. Crediamo che questo intreccio di conoscenza dell esistente, di formazione e aggiornamento del personale educativo e di messa a disposizione di risorse economiche mirate possa costituire un contributo concreto alla costruzione di di qualità e alla promozione di cultura e di opportunità per i le famiglie del territorio. AGENDA DELLE INIZIATIVE Mercoledì 23 gennaio 2013 ore Convegno Dentro e fuori la notte sul tema del divertimento sicuro dei giovani, iniziativa promossa dall Asl Commissione prevenzione del Dipartimento Dipendenze Venerdì 25 (ore 16-19) e sabato 26 gennaio (ore ) "E ora che siamo connessi? Identità, fragilità e aspettative nelle reti sociali degli adolescenti", iniziativa promossa dall'osservatorio sulla comunicazione degli adolescenti tra reale e virtuale, OSCARV Mercoledì 6 febbraio 2013 ore Seminario formativo Emozioni difficili. I i ragazzi di fronte alle conflittualità dei genitori Venerdì 1 marzo 2013 ore Seminario formativo Autismo a L incidenza della sindrome nelle scuole del nostro territorio Sabato 2 marzo 2013 ore Seminario formativo Le relazioni tra pari come luogo di crescita Giovedì 14 marzo 2013 Seminario del percorso intreccio di sguardi sulle professioni sociali, educative e sanitarie

2 PIANO DELLA FORMAZIONE PER I SERVIZI PER L INFANZIA E LE FAMIGLIE DEL TERRITORIO PROVINCIALE ANNO EDUCATIVO PERCORSO DI FORMAZIONE/ TUTORING PER I REFERENTI INFANZIA DEGLI UFFICI DI PIANO PROPOSTE FORMATIVE PER RESPONSABILI, COORDINATORI ED EDUCATORI DI SERVIZI PER L INFANZIA E LE FAMIGLIE INIZIATIVE A LIVELLO PROVINCIALE promosse dalla Provincia di Settore Politiche Sociali e Salute Percorso di supervisione formativa per coordinatori Iniziative aperte (seminari, incontri) sui temi dell infanzia e delle famiglie: Le autonomie dei bambini, tra sicurezza e rischi - 1/12/2012 Le relazioni tra pari come luogo di crescita 2/03/2013 Emozioni difficili. I i ragazzi di fronte alle conflittualità dei genitori periodo gennaio/febbraio 2013 Incontri formativi per i di compresenza (spazi, spazi gioco, ): Laboratorio formativo: La documentazione fotografica Percorso formativo:la relazione tra gli Incontri gruppo di coordinamento Viaggi e visite di studio a di altre realtà del territorio nazionale e di paesi esteri (Torino, Forlì, Scozia e Cles) ATTIVITA DI PROMOZIONE DELLA CULTURA DELL INFANZIA Produzione di documentazione e Newsletter Infanzia, curata dal Centro Incontra per la genitorialità di Comune e Provincia di La banca dati aggiornata dei per l infanzia e le famiglie consultabile on line: INIZIATIVE A LIVELLO PROVINCIALE promosse da altri soggetti L educatore al nido Promotore: L Allegra Brigata di Ravasio Elena e c. Giornata di presentazione città per le famiglie - 16 febbraio 2013, Casa del Giovane ore Promotore: Visite di studio al nido di Martinengo Promotori: Città di Martinengo e d infanzia comunale INIZIATIVE A LIVELLO TERRITORIALE promosse dagli Ambiti Territoriali Coordinamento territoriale dei per l infanzia in ogni Ambito Proposta formativa territoriale in ogni Ambito 2. approfondimenti dicembre 2012

3 BANCA DATI SOCIALE Il o. L investimento del Settore per la realizzazione di una Banca Dati sui è derivato dalla necessità di dotarsi di uno strumento di conoscenza dell esistente in tempo reale, superando le criticità derivanti dall effettuazione di rilevazioni periodiche. Tale modalità infatti, oltre che essere piuttosto dispendiosa, si era peraltro rivelata estremamente critica in una situazione di profondo e rapido cambiamento del quadro dei, come è quella di questi anni, e in relazione a tipologie di offerta che, per loro natura, sono meno strutturate, facendo parte di quel sistema che viene definito di welfare leggero. Da qui la predisposizione di una piattaforma online - la Banca Dati Sociale quale strumento dinamico, capace di raccogliere le informazioni di una realtà in continuo cambiamento - in grado di offrire la garanzia agli enti titolari e gestori di vedere pubblicati i propri dati su un sito accessibile a tutti, aumentando quindi la propria visibilità, e ai cittadini di fruire di un o informativo completo e tempestivo. Le schede compilate ed accessibili alla consultazione da parte di chiunque sia interessato costituiscono un primo bagaglio di dati e informazioni preziose sia per chi deve scegliere un o (es. genitore, operatore ) sia per quanti definiscono orientamenti e progettualità. Nel corso di ciascun anno educativo verrà effettuato un aggiornamento della fotografia dei, per cui sarà possibile sia inserire nuove schede, sia intervenire a modificare quelle esistenti. La Banca Dati consultabile online contiene le ricognizioni dei Servizi per l infanzia: Nidi, Micronidi, Nidi famiglia, Centri Prima Infanzia Servizi Integrativi per l infanzia: Servizi extrascuola: Interventi di educazione alla salute rivolti agli studenti degli Istituti Scolastici delle valli Seriana e di Scalve dicembre 2012 approfondimenti. 3

4 La banca dati aggiornata dei consultabile on line Per consultare le singole schede dei : Per segnalazioni di nuovi, per informazioni o richieste contattare l Osservatorio Politiche Sociali Tel 035/ approfondimenti dicembre 2012

5 I DATI RELATIVI AI SERVIZI PER L INFANZIA - ANNO EDUCATIVO Questo documento presenta l analisi dei dati, riferiti all anno educativo , relativi ai 229 censiti nella Banca Dati Sociale al luglio Le 229 schede pubblicate non rappresentano quindi la totalità dei per l infanzia e le famiglie presenti sul territorio provinciale, in quanto esistono che non hanno ancora compilato la scheda online e che l hanno compilata dopo il mese di luglio u.s. Si spera comunque di completare la rilevazione nei prossimi mesi con il contributo di tutti gli enti titolari e gli enti gestori. 1 I 229 censiti comprendono i 156 per l infanzia delle diverse tipologie e i 73 integrativi per l infanzia che hanno compilato la scheda on line. 2 La tabella 1 mostra come il 79% dell offerta si attesta sui Nidi, con una capacità ricettiva che può variare da 11 a 60 bambini accolti; i micronidi costituiscono il 12%, i nidi famiglia il 7% e i centri prima infanzia il 2%. Per quanto riguarda invece i integrativi per l infanzia più del 90% di essi è costituito dagli spazi per, solo una percentuale marginale è rappresentata dalle ludoteche (6%) e da altri integrativi (4%). 1 Nota bene: Si prega di consultare il sito della Banca Dati Sociale (www.bancadatisociale.provincia.bergamo.it) per un quadro aggiornato della situazione. Nei prossimi mesi nuovi verranno censiti e tutte le informazioni verranno aggiornate al corrente annoo educativo. 2 Servizi per l infanzia: Nidi, Micronidi, Nidi famiglia, Centri Prima Infanzia o Asili nido: o di capacità ricettiva da 11 a 60 bambini/e tra 3 mesi e 3 anni. o Micronidi: o di capacità ricettiva massima di 10 bambini/e tra 3 mesi e 3 anni. o Nidi Famiglia: nido domiciliare per un massimo di 5 bambini/e da 0 a 3 anni, promosso da famiglie utenti associate/associazioni familiari. o Centri Prima infanzia: strutture che offrono un o temporaneo per un massimo di 4 ore consecutive Servizi integrativi per l infanzia o Servizi (ad es. spazi gioco, spazi per bambini, ludoteche,...) che accolgono contemporaneamente i i loro genitori (o altri di riferimento), prevedendo per gli uni e gli altri proposte dedicate e finalizzate. Servizi socio educativi e di sostegno alla genitorialità, offrono ai piccoli proposte di gioco e di socializzazione, mentre per gli di riferimento costituiscono un ambito di incontro, di relazione, di scambio sull esperienza della crescita del bambino. rispondendo alla domanda di molte famiglie di avere contesti di incontro vicini, accessibili, accoglienti e non specialistici. Sono condotti da personale con competenze educative. dicembre 2012 approfondimenti. 5

6 Tabella 1. Ripartizione dei per tipologia e Ambito Servizi per l infanzia Servizi integrativi per l infanzia Ambito Nidi Micronidi Nidi famiglia Centri prima infanzia Spazi per Ludoteche Altri integrativi Seriate Grumello d.monte Valle Cavallina Basso Sebino Alto Sebino Sup. - Scalve 4 10 Valle Brembana Valle Imagna Romano di L.dia TOTALE PROVINCIA L analisi dei dati presenterà considerazioni che riguardano esclusivamente i per l infanzia, esclusivamente i integrativi oppure entrambe le categorie 6. approfondimenti dicembre 2012

7 Dati anagrafici. La tabella 2 ci mostra come dei 156 per l infanzia indagati, il 50% di essi dichiara di essere accreditato, il 19% di essere in fase di accreditamento, il 31% di non essere accreditato. Tabella 2. Ripartizione dei per l infanzia rispetto all accreditamento del o Accreditamento Accreditati 79 In attesa di accreditamento 29 Non accreditati 48 Totale 156 Grafico 1. Ripartizione percentuale dei per l infanzia rispetto all accreditamento del o 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% accreditati in attesa di accreditamento non accreditati La tabella 3 evidenzia la distribuzione dei per l infanzia secondo l anno di apertura. In specifico, gli anni che vanno dal 2003 al 2007 registrano l apertura della maggior parte (43%) di questi 156, e dal 2008 ad oggi assistiamo ad un incremento dell offerta pari al 22%. Emerge quindi il dato che ben 101 su 156 rilevati hanno una esperienza di almeno nove anni ( ) mentre 34 sono i attivi da meno di quattro anni ( ). Tabella 3. Ripartizione dei per l infanzia rispetto all anno di apertura Anno di apertura dicembre 2012 approfondimenti. 7

8 prima del dato mancante 1 Totale 156 Diversi sono gli attori sociali che promuovono e gestiscono i per l infanzia. Nella ricognizione si sono individuati: Enti titolari: soggetti che hanno la responsabilità legale del o; Enti Gestori: soggetti che hanno compiti di gestione del o e, se diversi dall ente titolare, hanno con esso un rapporto formalizzato. La modalità di gestione e affidamento dei per l infanzia si differenzia nettamente da quella dei integrativi: se per i primi nell 87% dei casi si registra una coincidenza tra ente titolare e ente gestore, per i integrativi questo avviene solo nel 40% Tabella 4. Ripartizione dei rispetto alla coincidenza tra ente titolare e ente gestore Enti titolari e enti gestori per l'infanzia integrativi per l'infanzia ente gestore = ente titolare ente gestore ente titolare Totali Grafico 2. Ripartizione percentuale dei rispetto alla coincidenza tra ente titolare e ente gestore 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% ente gestore = ente titolare per l'infanzia ente gestore <> ente titolare integrativi per l'infanzia La tabella 5 mostra la ripartizione dei per l infanzia in base ai soggetti con cui sono stati stipulati accordi o convenzioni. Il 50% dei prevede accordi o convenzioni con i comuni del proprio territorio, il 19% con le aziende e il 21% con altri enti (aziende ospedaliere, parrocchie ); 16 per l infanzia (10%) dichiarano di non aver stipulato accordi o convenzioni. 8. approfondimenti dicembre 2012

9 Tabella 5. dei per l infanzia rispetto ai soggetti con cui sono stati stipulati accordi o convenzioni Soggetti (su 156) Comuni 78 aziende 29 altri enti 33 Grafico 3. Percentuale dei per l infanzia rispetto ai soggetti con cui sono stati stipulati accordi o convenzioni 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% comuni aziende altri enti La tabella 6 e il grafico 4 evidenziano come il telefono e l indirizzo siano adottati da tutti i, mentre circa la metà di essi dispone di un sito web dedicato. Tabella 6. dei rispetto ai recapiti presenti Tipo recapito per l'infanzia (su 156) integrativi per l'infanzia (su 73) telefono fax sito web dicembre 2012 approfondimenti. 9

10 Grafico 4. Percentuale dei rispetto ai recapiti presenti 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% telefono fax sito web per l'infanzia integrativi per l'infanzia I destinatari dei per l infanzia. Alcuni dati rilevati in relazione ai bambini che frequentano i possono aiutare a comprendere le caratteristiche della fisionomia della domanda che arriva ai. La tabella 7 mostra, di fatto, che l 83% dei per l infanzia censiti accoglie bambini nella fascia d età compresa tra i 3 e i 36 mesi, mentre solamente il 6% di essi accoglie bambini a partire dai dodici mesi. Tabella 7. Ripartizione dei per l infanzia rispetto alla fascia di età dei bambini accolti Fascia di età da 3 a 36 mesi 130 da 12 a 36 mesi 10 altro 16 Totale approfondimenti dicembre 2012

11 Grafico 5. Ripartizione percentuale dei per l infanzia rispetto alla fascia di età dei bambini accolti 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% da 3 a 36 mesi da 12 a 36 mesi altro La Tabella 8 evidenzia la ripartizione dei rispetto alla capacità ricettiva, che è ovviamente connessa alla specificità della tipologia di o. Emerge che circa il 44% ha una capacità compresa tra 21 e 40 posti, mentre sono 10 i che presentano una capacità ricettiva di massimo 5 posti. Tabella 8. Ripartizione dei per l infanzia rispetto alla capacità ricettiva posti fino a 5 10 da 6 a da 11 a da 21 a oltre Totale 156 dicembre 2012 approfondimenti. 11

12 Grafico 6. Ripartizione percentuale dei per l infanzia rispetto alla capacità ricettiva 50% 40% 30% 20% 10% 0% fino a 5 posti da 6 a 10 posti da 11 a 20 posti da 21 a 40 posti oltre 40 posti Un altro dato che può aiutare a descrivere il quadro è il numero di che accolgono bambini con disabilità. Secondo i dati raccolti il 72% dei non ha accolto bambini disabili nel corso dell anno educativo appena trascorso, Solamente il 3 % accoglie più di due bambini disabili, mentre circa il 14% dei afferma di accogliergli, ma non ne indica il numero. Tabella 9. Ripartizione dei per l infanzia rispetto al numero di bambini disabili accolti nell anno 2011/2012 Bambini disabili nessuno 112 uno 17 più di due 5 non indicato 22 Totale approfondimenti dicembre 2012

13 I destinatari dei integrativi per l infanzia. La tabella 10 evidenzia che la quasi totalità dei integrativi per l infanzia censiti (circa il 93%) accoglie bambini fino ai 3 anni, mentre solo il 7% dei integrativi accoglie bambini con un età compresa tra i 6 ed i 10 anni. Tabella 10. dei integrativi per l infanzia rispetto alla fascia di età dei bambini accolti Fascia di età (su 73) meno di 3 anni 68 da 3 a 5 anni 12 da 6 a 10 anni 5 Grafico 7. Percentuale dei integrativi per l infanzia rispetto alla fascia di età dei bambini accolti 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% fino a 3 anni da 3 a 5 anni da 6 a 10 anni dicembre 2012 approfondimenti. 13

14 La Tabella 11 evidenzia che nel 55% dei integrativi censiti è possibile la formazione di gruppi dedicati specificatamente a bambini in una fascia d età compresa tra 0 e 12 mesi. Il 23% consente la frequenza a bambini anche senza l adulto di riferimento (cfr. che accolgono bambini fino ai 10 anni). Tabella 11. dei integrativi per l infanzia rispetto alla presenza di piccoli e E prevista la presenza di: (su 73) gruppi di bambini 0-12 mesi 40 bambini senza di riferimento 17 La figura dell adulto di riferimento è rappresentata per la maggior parte (oltre il 90%) dalla mamma o dalla nonna, ma significativa è la partecipazione di altri : la babysitter, il papà e il nonno. Tabella 12. dei integrativi per l infanzia rispetto alla categoria di di riferimento Categoria (su 73) mamma 69 papà 50 nonna 68 nonno 47 babysitter 53 altri approfondimenti dicembre 2012

15 Grafico 8. Percentuale dei integrativi per l infanzia rispetto alla categoria di di riferimento 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% mamma nonna babysitter papà nonno altri dicembre 2012 approfondimenti. 15

16 Accesso al o ( per l infanzia). Al fine di completare il quadro della realtà dei per l infanzia è importante considerarne alcuni aspetti relativi alla dimensione organizzativa. I requisiti prioritari per l ammissione sono l ordine di iscrizione (61%) e l essere residente nel comune sede del o (56%); nel 36% dei censiti anche le caratteristiche del nucleo familiare costituiscono un elemento discriminatorio. Alla voce altro, quali requisiti considerati per l ammissione sono inseriti: segnalazioni dei sociali, avere fratelli frequentanti, tempo pieno, figli di dipendenti. Tabella 13. dei per l infanzia rispetto ai requisiti di priorità per l ammissione Requisito prioritario (su 156) ordine di iscrizione 95 residenza nel comune 88 residenza in comune convenzionato 22 caratteristiche del nucleo familiare 56 altro 35 Grafico 9. Percentuale dei per l infanzia rispetto ai requisiti di priorità per l ammissione 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% ordine di iscrizione residenza nel comune caratteristiche del nucleo familiare residenza in comune convenzionato altro 16. approfondimenti dicembre 2012

17 La Tabella 14 mostra che il bacino d utenza dei per l infanzia, in circa il 70% dei, non prevede limitazioni, mentre circa il 20% considera il territorio comunale. Solo il 5% ha come bacini di utenza altri comuni della provincia anche se non convenzionati. Tabella 14. Ripartizione dei per l infanzia rispetto al bacino di utenza Bacino di utenza territorio comunale 31 altri comuni convenzionati 4 altri comuni della provincia anche se non convenzionati 8 nessuna limitazione 109 non indicato 4 Totale 156 Grafico 10. Ripartizione percentuale dei per l infanzia rispetto al bacino di utenza 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% territorio comunale altri comuni convenzionati altri comuni della provincia anche se non convenzionati nessuna limitazione non indicato dicembre 2012 approfondimenti. 17

18 La Tabella 15 riporta le modalità di fruizione dei in relazione ai tempi di funzionamento, che si articolano su diverse fasce orarie. È possibile notare che la quasi totalità dei censiti consente la possibilità di frequentare solo al mattino e l 80% di essi consente la frequenza solo pomeridiana. Il 67% prevede il prolungamento dell orario mentre solo il 45% l anticipo sull ingresso del mattino. La flessibilizzazione delle modalità di funzionamento dei, che regolano la loro offerta su tempi differenziati nell arco della giornata, sembra rappresentare una modalità per rispondere al meglio alle esigenze delle famiglie e dei bambini, nella direzione di una offerta che può facilitare alle famiglie il difficile compito di conciliazione tra i tempi di lavoro e i tempi di cura. Tabella 15. dei per l infanzia rispetto alle modalità di fruizione Modalità di fruizione (su 156) part-time al mattino 150 part-time al pomeriggio 124 orario anticipato 71 orario prolungato 105 Grafico 11. Percentuale dei per l infanzia rispetto alle modalità di fruizione 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% part-time al mattino part-time al pomeriggio orario prolungato orario anticipato 18. approfondimenti dicembre 2012

19 Accesso al o ( integrativi per l infanzia). Spostando l attenzione sull architettura organizzativa dei integrativi per l infanzia possiamo descriverne il profilo a partire da alcune caratteristiche relative alla modalità di accesso e all organizzazione. Per quanto riguarda le modalità di accesso al o si rileva che avviene nella quasi totalità dei casi su iscrizione e nell 89% dei casi a pagamento. Il 75% preferisce l organizzazione dei bambini in gruppi fissi e per quanto riguarda invece l articolazione della frequenza settimanale emerge che il 68% consente la partecipazione anche più volte per settimana. Tabella 16. Ripartizione dei integrativi per l infanzia rispetto alle modalità di accesso Modalità di accesso con iscrizione 72 libera 1 Totale 73 Tabella 17. Ripartizione dei integrativi per l infanzia rispetto ai costi d accesso Costi di accesso gratuita 7 a pagamento in alcuni casi 1 a pagamento per tutti 65 Totale 73 Tabella 18. Ripartizione dei integrativi per l infanzia rispetto alle modalità di organizzazione Modalità di organizzazione in gruppi aperti 18 in gruppi fissi 55 Totale 73 Tabella 19. Ripartizione dei integrativi per l infanzia rispetto al tipo di frequenza Tipo di frequenza consentito solo una volta alla settimana 22 anche più volte la settimana 50 non indicato 1 Totale 73 dicembre 2012 approfondimenti. 19

20 Equipe educativa ( per l infanzia). Dalla rilevazione è emerso che la figura del Coordinatore è presente in quasi tutti i, nel 45% dei casi svolge anche funzioni educative e nel 28% coordina più. Solo il 25% dei coordinatori svolge esclusivamente funzioni di coordinamento. Tabella 20. Ripartizione dei per l infanzia rispetto alla presenza di un coordinatore Coordinatore nessun coordinatore 4 coordinatore con funzioni anche educative 70 coordinatore con funzioni di coordinamento su diversi 43 coordinatore con funzioni esclusive di coordinamento 39 Totale 156 Grafico 12. Ripartizione percentuale dei per l infanzia rispetto alla presenza di un coordinatore 50% 40% 30% 20% 10% 0% nessun coordinatore coordinatore con funzioni anche educative coordinatore con funzioni di coordinamento su diversi coordinatore con funzioni esclusive di coordinamento 20. approfondimenti dicembre 2012

21 Il 38% dei censiti si caratterizza per avere un equipe educativa composta da 3-4 educatori, mentre l 8% si caratterizza per avere un equipe numerosa, composta da oltre 8 educatori. Tabella 21. Ripartizione dei per l infanzia rispetto al numero di educatori di educatori da 1 a 2 39 da 3 a 4 59 da 5 a 8 38 oltre 8 13 non indicato 7 Totale 156 Grafico 13. Ripartizione percentuale dei per l infanzia rispetto al numero di educatori 40% 30% 20% 10% 0% da 1 a 2 da 3 a 4 da 5 a 8 oltre 8 non indicato dicembre 2012 approfondimenti. 21

22 Le risorse umane che operano nei per l infanzia e che esercitano le loro funzioni in modo stabile e continuativo sono: i coordinatori, gli educatori e gli ausiliari, cioè figure di supporto che assicurano anche la funzionalità dei locali, e i volontari. Gli ausiliari sono presenti nell 84% dei per l infanzia. Accanto a queste figure è possibile trovare la presenza di cuochi, che provvedono alla preparazione dei pasti, nel 33% dei casi ed anche di leve civiche in circa il 12% della totalità. Tabella 22. dei per l infanzia rispetto alla presenza di altre figure adulte Tipo di figura adulta (su 156) ausiliario 131 cuoco 51 leva civica 18 altra figura 41 Grafico 14. Ripartizione percentuale dei per l infanzia rispetto alla presenza di altre figure adulte 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% ausiliario cuoco leva civica altra figura 22. approfondimenti dicembre 2012

23 Equipe educativa ( integrativi per l infanzia). La Tabella 23 mostra che la figura del Coordinatore è presente in quasi tutti i integrativi per l infanzia, nel 36% dei casi svolge anche funzioni educative e nel 29% coordina più. Solo il 33% svolge quindi esclusivamente funzioni di coordinamento. Tabella 23. Ripartizione dei integrativi per l infanzia rispetto alla presenza di un coordinatore Coordinatore nessun coordinatore 2 coordinatore con funzioni anche educative 26 coordinatore con funzioni di coordinamento su diversi 21 coordinatore con funzioni esclusive di coordinamento 24 Totale 73 Grafico 15. Ripartizione percentuale dei per l infanzia rispetto alla presenza di un coordinatore 40% 30% 20% 10% 0% nessun coordinatore coordinatore con funzioni anche educative coordinatore con funzioni di coordinamento su diversi coordinatore con funzioni esclusive di coordinamento dicembre 2012 approfondimenti. 23

24 Solo nel 12 % dei integrativi gli educatori sono in numero maggiore o uguale a tre. Il 42% dei ha un equipe di due educatori e il 42% vede la presenza di un unica figura educativa. Tabella 24. Ripartizione dei integrativi per l infanzia rispetto al numero di educatori di educatori uno 31 due 31 tre o più 9 non indicato 2 Totale 73 Grafico 16. Ripartizione percentuale dei integrativi per l infanzia rispetto al numero di educatori 50% 40% 30% 20% 10% 0% uno due tre o più non indicato 24. approfondimenti dicembre 2012

25 Collaborazioni ( per l infanzia). Si può affermare che pressoché la totalità dei per l infanzia organizza iniziative rivolte ai genitori dei bambini frequentanti. La maggior parte organizza attività aperte all esterno: l 84% dei presenta iniziative aperte anche ad utenti esterni e al territorio e l 81% organizza attività in connessione con enti, e agenzie del territorio. Tabella 25. dei per l infanzia rispetto al tipo di iniziative e attività esterne Presenza di iniziative / attività (su 156) iniziative rivolte ai genitori frequentanti il o 155 iniziative aperte anche a utenti esterni e al territorio 131 attività in connessione con enti, e agenzie del territorio 127 Grafico 17. Ripartizione percentuale dei per l infanzia rispetto al tipo di iniziative e attività esterne 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% iniziative rivolte ai genitori frequentanti il o iniziative aperte anche a utenti esterni e al territorio attività in connessione con enti, e agenzie del territorio dicembre 2012 approfondimenti. 25

26 Nello specifico diverse sono le categorie di sociosanitari con le quali possono essere instaurate collaborazioni. Infatti, in oltre il 60% dei casi si registra la disponibilità dell equipe educativa alla collaborazione con i sociali, nel 40% con la neuropsichiatria e nel 31% con i pediatri. Tabella 26. dei per l infanzia rispetto alla categoria di sociosanitari con cui si collabora Categoria di (su 156) sociali 98 neuropsichiatria 62 pediatri 49 consultorio 40 altri 29 Grafico 18. Ripartizione percentuale dei per l infanzia rispetto alla categoria di sociosanitari con cui si collabora 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% sociali neuropsichiatria pediatri consultorio altri 26. approfondimenti dicembre 2012

27 Collaborazioni ( integrativi per l infanzia). Come per i per l infanzia, anche per i integrativi sono significativi il coinvolgimento e l apertura al territorio nell ambito delle iniziative proposte: oltre l 80% dei censiti dichiarano di svolgere attività in connessione con enti, e agenzie del territorio. Tabella 27. dei integrativi per l infanzia rispetto al tipo di iniziative e attività esterne Presenza di iniziative / attività (su 73) iniziative rivolte ai genitori frequentanti il o 67 iniziative aperte anche a utenti esterni e al territorio 56 attività in connessione con enti, e agenzie del territorio 63 Grafico 19. Ripartizione percentuale dei integrativi per l infanzia rispetto al tipo di iniziative e attività esterne 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% iniziative rivolte ai genitori frequentanti il o iniziative rivolte al territorio attività in connessione con enti, o agenzie del territorio dicembre 2012 approfondimenti. 27

28 Nei integrativi la collaborazione dell equipe educativa si attua per lo più con i sociali (oltre il 90%) mentre, diventa meno rilevante, rispetto ai per l infanzia, quella con la neuropsichiatria (15%) e con il pediatra (12%). Tabella 28. dei integrativi per l infanzia rispetto alla categoria di sociosanitari con cui si collabora Categoria di (su 73) sociali 68 consultorio 25 neuropsichiatria 11 pediatri 9 altri 17 Grafico 20. Ripartizione percentuale dei integrativi per l infanzia rispetto alla categoria di sociosanitari con cui si collabora 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% sociali consultorio neuropsichiatria pediatri altri 28. approfondimenti dicembre 2012

ISTITUTI COMPRENSIVI BGIC81500E 1 IST. COMPR. BERGAMO "CAMOZZI"

ISTITUTI COMPRENSIVI BGIC81500E 1 IST. COMPR. BERGAMO CAMOZZI UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI ISTITUTI COMPRENSIVI BGIC81500E 1 IST. COMPR. VIA PINETTI, 5 13 BGIC8100P IST. COMPR. "A. DA VIA CODUSSI, 7 1 ROSCIATE" BGIC80700G 3 IST. COMPR. "DE VIA DELLE TOFANE,

Dettagli

INTERVENTI PER L'ORIENTAMENTO E L'OCCUPAZIONE DEI DISABILI

INTERVENTI PER L'ORIENTAMENTO E L'OCCUPAZIONE DEI DISABILI AZIONE PROGETTI CON INTERVENTI DI CARATTERE TRASVERSALE SU TUTTO IL TERRITORIO INCONTRO DOMANDA-OFFERTA PROVINCIALE Denominazione Ente Erogatore o Capofila ATS PROVINCIA di BERGAMO - CpI - Collocamento

Dettagli

Newsletter n.15 - Iniziative dall'1 al 15 febbraio 2012

Newsletter n.15 - Iniziative dall'1 al 15 febbraio 2012 NEWSLETTER INFANZIA Appuntamenti realizzati sul territorio provinciale rivolti a mamme, papà, bimbi e bimbe, famiglie, operatori della prima infanzia e della famiglia. Newsletter n.15 - Iniziative dall'1

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE N. 8 VALLE SERIANA L OFFERTA DI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER MINORI

AMBITO TERRITORIALE N. 8 VALLE SERIANA L OFFERTA DI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER MINORI 1 AMBITO TERRITORIALE N. 8 VALLE SERIANA L OFFERTA DI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER MINORI Servizi e progetti per l infanzia TIPOLOGIE DI SERVIZI N. 6 Asili nido / Micro Nidi N. 0 Baby Parking N. 0 Nidi

Dettagli

Profili e prospettive gestionali nei servizi integrativi tra costi, risorse e sostenibilità

Profili e prospettive gestionali nei servizi integrativi tra costi, risorse e sostenibilità PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE POLITICHE SOCIALI E SALUTE Progetto formativo 2009-2010 SCENARI, SAPERI E PRATICHE EDUCATIVE NEI SERVIZI INTEGRATIVI PER L INFANZIA E LE FAMIGLIE Profili e prospettive gestionali

Dettagli

"Famiglia e Lavoro.Dimensioni umane in contrapposizione o sinergia?"

Famiglia e Lavoro.Dimensioni umane in contrapposizione o sinergia? "Famiglia e Lavoro.Dimensioni umane in contrapposizione o sinergia?" PRESENTAZIONE DELLA RICERCA "Il lavoro è il fondamento su cui si forma la vita familiare, la quale è un diritto naturale ed una vocazione

Dettagli

TABELLE DI DETTAGLIO SULLE PRINCIPALI RACCOLTE DIFFERENZIATE

TABELLE DI DETTAGLIO SULLE PRINCIPALI RACCOLTE DIFFERENZIATE TABELLE DI DETTAGLIO SULLE PRINCIPALI RACCOLTE DIFFERENZIATE Carta e cartone Vetro Scarti vegetali Rifiuto organico ex F.O.R.S.U. Metalli ferrosi Plastica Legno CARTA E CARTONE Comune (241 Comuni) Adrara

Dettagli

Newsletter n. 11 - Iniziative dal 16 al 30 novembre 2011

Newsletter n. 11 - Iniziative dal 16 al 30 novembre 2011 NEWSLETTER INFANZIA Appuntamenti realizzati sul territorio provinciale rivolti a mamme, papà, bimbi e bimbe, famiglie, operatori della prima infanzia e della famiglia. Newsletter n. 11 - Iniziative dal

Dettagli

Newsletter n. 6 - Iniziative dall'1 al 15 settembre 2011

Newsletter n. 6 - Iniziative dall'1 al 15 settembre 2011 NEWSLETTER INFANZIA Appuntamenti realizzati sul territorio provinciale rivolti a mamme, papà, bimbi e bimbe, famiglie, operatori della prima infanzia e della famiglia. Newsletter n. 6 - Iniziative dall'1

Dettagli

Direzione Regionale della Lombardia

Direzione Regionale della Lombardia Prot. 2010/57157 Direzione Regionale della Lombardia Attivazione della Direzione Provinciale di Competenza territoriale per la registrazione degli atti notarili e degli atti emessi dagli Ufficiali roganti

Dettagli

MIUR - UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA - AMBITO TERRITORIALE DI BERGAMO ISTITUTO COMPRENSIVI - ANNO SCOLASTICO 2013/2014

MIUR - UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA - AMBITO TERRITORIALE DI BERGAMO ISTITUTO COMPRENSIVI - ANNO SCOLASTICO 2013/2014 MIUR - UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA - AMBITO TERRITORIALE DI BGIC81500E 1 I.C. "CAMOZZI" BGMM81501G VIA PINETTI, 25 BGAA81501B 24123 BGAA81502C SECOND. I GRADO CAMOZZI SCUOLA INFANZIA

Dettagli

NEWSLETTER. DICEMBRE 2010 Foglio di informazione dell Osservatorio Politiche Sociali

NEWSLETTER. DICEMBRE 2010 Foglio di informazione dell Osservatorio Politiche Sociali Provincia di Bergamo Settore Politiche Sociali e Salute NEWSLETTER DICEMBRE 2010 Foglio di informazione dell Osservatorio Politiche Sociali Progetti di Educazione alla Salute nelle scuole di Val Seriana

Dettagli

27/12/2010 - Assegnato ad Agostino Da Polenza il Premio alla carriera 2010. Ad Agostino Da Polenza, 55 anni compiuti ad agosto, gli «Atleti

27/12/2010 - Assegnato ad Agostino Da Polenza il Premio alla carriera 2010. Ad Agostino Da Polenza, 55 anni compiuti ad agosto, gli «Atleti 1 di 8 04/01/2011 9.48 Inserisci notizia Segnala feed Contatti Mappa del sito Feed notizie Ultime notizie del comune di Bergamo provincia di Bergamo e notizie in Italia online! Ultime Notizie Cronaca Cronaca,

Dettagli

PIANO DI ORGANIZZAZIONE DELLA RETE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE 2013/2014

PIANO DI ORGANIZZAZIONE DELLA RETE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE 2013/2014 BG Sede BG482060DRM I.C. di Dalmine, Viale Betelli 4 Primo ciclo Comprensivo 1150 DALMINE Viale Betelli, 17 BG BG482060DRM BGEE084047 Primaria - Manzoni (Sabbio) Scuola Primaria Ordinaria DALMINE Via Don

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA DEI VINI TERRE DEL COLLEONI O COLLEONI

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA DEI VINI TERRE DEL COLLEONI O COLLEONI DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA DEI VINI TERRE DEL COLLEONI O COLLEONI Articolo 1 (Denominazione) La denominazione di origine controllata è riservata ai vini che rispondono

Dettagli

CURRICULUM VITAE PROFESSIONALE

CURRICULUM VITAE PROFESSIONALE CURRICULUM VITAE PROFESSIONALE Informazioni personali Cognome e nome : SCIARRONE GIUSEPPE Luogo di nascita: Licata (AG) Data di nascita: 19 dicembre 1954 Residenza: Viale Italia, 45/B 24011 - Almè (BG)

Dettagli

MAPPE DI VINCOLO. Aeroporto di Bergamo Orio al Serio RELAZIONE TECNICA

MAPPE DI VINCOLO. Aeroporto di Bergamo Orio al Serio RELAZIONE TECNICA Revisione 1.1 MAPPE DI VINCOLO Aeroporto di Bergamo Orio al Serio Con riferimento alle seguenti note ENAC: prot. n. 0034982/AOC/DIRGEN del 31/05/2007 prot. n. 0022164/DIRGEN/CAP del 30/03/2010 RELAZIONE

Dettagli

Valle Imagna Villa d Almè. Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona Azienda Speciale Consortile

Valle Imagna Villa d Almè. Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona Azienda Speciale Consortile Valle Imagna Villa d Almè Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona Azienda Speciale Consortile Comunità Familiare di Berbenno CARTA DEL SERVIZIO E PIANO EDUCATIVO GENERALE INTRODUZIONE La Carta

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : BERGAMO

SISTEMA INFORMATIVO MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : BERGAMO SMOW5A 15-05-14PAG. 1 SISTEMA INFORMATIVO MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : BERGAMO ELENCO DEI TRASFERIMENTI E PASSAGGI

Dettagli

Nuovo X Attivato in continuità con interventi avviati a partire dall anno: 2000-2001. Il progetto si raccorda a Scuola X Famiglie Territorio

Nuovo X Attivato in continuità con interventi avviati a partire dall anno: 2000-2001. Il progetto si raccorda a Scuola X Famiglie Territorio Comune sede progetto: Bianzano AT n. 5 - Val Cavallina Progetto: Spazio compiti - Spazio giochi - Spazio Medie Sede presso Scuola Primaria Via degli orti Tel. 035 814015 fax 035 816556 e-mail Tipologia

Dettagli

ASSEGNI AL NUCLEO FAMILIARE A chi spetta cosa?

ASSEGNI AL NUCLEO FAMILIARE A chi spetta cosa? a cura dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 3 Luglio 2013 ASSEGNI AL NUCLEO FAMILIARE A chi spetta cosa? I nuovi livelli di reddito per il calcolo dell importo in vigore fra il luglio 2013 e il

Dettagli

o v o 4 1 0 -2 3 1 0 2 le a rn e v in rio ra o

o v o 4 1 0 -2 3 1 0 2 le a rn e v in rio ra o nuovo INVERNALE T1 orario invernale 2013-2014 In bici sul TRAM. TUTTI I GIORNI IL NUMERO MASSIMO DI BICICLETTE TRASPORTABILI SULLA TRAMVIA È DI 4 SENZA NECESSITÀ DELLA PRENOTAZIONE. Se alla fermata ci

Dettagli

UBICAZIONE SETTORI TITOLO PROGETTO DENOMINAZIONE ASSOCIATO POSIZIONI

UBICAZIONE SETTORI TITOLO PROGETTO DENOMINAZIONE ASSOCIATO POSIZIONI Associazione Mosaico Posizioni Servizio civile Bando 00 UBICAZIONE SETTORI TITOLO PROGETTO DENOMINAZIONE ASSOCIATO POSIZIONI SETTORE: ASSISTENZA Anziani ANZIANI ENTI LOCALI Il tempo nei tuoi occhi! Comune

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO e FONDAZIONE INTERCULTURA insieme a sostegno del volontariato di protezione civile

PROVINCIA DI BERGAMO e FONDAZIONE INTERCULTURA insieme a sostegno del volontariato di protezione civile PROVINCIA DI BERGAMO e FONDAZIONE INTERCULTURA insieme a sostegno del volontariato di protezione civile BORSE DI STUDIO PER STUDIARE UN ANNO IN SVIZZERA PER GLI STUDENTI FIGLI DI VOLONTARI DI PROTEZIONE

Dettagli

Campionato Italiano Seconda Divisione Maschile

Campionato Italiano Seconda Divisione Maschile COMUNICATO UFFICIALE N. 17 DEL 12 NOVEMBRE 2008 UFFICIO GARE N. 10 Campionato Italiano Seconda Divisione Maschile Girone: GIRONE A 001944 A.S.D. G.S. CASIGASA PARRE - PARRE (BG) Sede : VIA DUCA D' AOSTA

Dettagli

TEST DI LINGUA ITALIANA ai fini della richiesta del

TEST DI LINGUA ITALIANA ai fini della richiesta del TEST DI LINGUA ITALIANA ai fini della richiesta del PERMESSO DI SOGGIORNO CE PER SOGGIORNANTI DI LUNGO PERIODO (EX CARTA DI SOGGIORNO)* * Art.9 del D. Lgs. 25 luglio 1998 n. 286, integrato dall'articolo

Dettagli

16 ASILI NIDO. Destinatari del servizio Bambini di età compresa tra 6 mesi e 3 anni e le loro famiglie 16.

16 ASILI NIDO. Destinatari del servizio Bambini di età compresa tra 6 mesi e 3 anni e le loro famiglie 16. 16 ASILI NIDO Descrizione del servizio Mission L Asilo Nido è un servizio educativo e sociale, che accoglie durante il giorno le bambine ed i bambini tra 6 mesi e 3 anni, e concorre al pieno sviluppo psico-fisico,

Dettagli

Unità d'offerta Sociale Diurne per Minori

Unità d'offerta Sociale Diurne per Minori ALBINO ALBINO 60 CENTRO RICREATIVO ESTIVO DIURNO C/O SC.ELEM.VIA 1 MAGGIO 035/751758 info@parrocchiadibondopetello.it ALBINO ALBINO 100 MINICRED VIA VERINI 1 035/751436 persona@albino.it ALBINO ALBINO

Dettagli

Non lasciamoci rubare l amore per la scuola (Papa Francesco all incontro con il mondo della scuola del 10 maggio 2014) CALENDARIO PASTORALE

Non lasciamoci rubare l amore per la scuola (Papa Francesco all incontro con il mondo della scuola del 10 maggio 2014) CALENDARIO PASTORALE Non lasciamoci rubare l amore per la scuola (Papa Francesco all incontro con il mondo della scuola del 10 maggio 2014) CALENDARIO PASTORALE DEL MONDO DELLA SCUOLA 2014-2015 CALENDARIO PASTORALE DEL MONDO

Dettagli

POSTER AFFISSIONI. per INCLUSA TASSA PUBBLICITARIA ESCLUSO POSTER CARTACEO

POSTER AFFISSIONI. per INCLUSA TASSA PUBBLICITARIA ESCLUSO POSTER CARTACEO POSTER per AFFISSIONI 035 24 70 19 INCLUSA TASSA PUBBLICITARIA ESCLUSO POSTER CARTACEO PONTERANICA PONTERANICA COMUNE DI (VIA STABELLO) IMPIANTO N. 1 GORLE GORLE COMUNE DI (VIA BERSAGLIERI) IMPIANTO N.

Dettagli

CURRICULUM Sintesi delle attività realizzate direttamente dalla Cooperativa e/o per conto dei Consorzio a cui aderisce

CURRICULUM Sintesi delle attività realizzate direttamente dalla Cooperativa e/o per conto dei Consorzio a cui aderisce C.F. P.IVA 01688600160 Reg. Impr. di Bergamo n. 29228 R.E.A. n. 228637 Iscritta all Albo Reg. delle Coop. Sociali alla Sezione B al foglio 159 n. prog. 318 Via Mazzini n. 158 24021 Albino (Bg) Tel. e fax

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ELIDE FUMAGALLI Indirizzo VIA AL LAGO BLU 16 24040 BONATE SOPRA BERGAMO Telefono 333 2646419 E-mail info@elidefumagalli.com Sito www.elidefumagalli.com

Dettagli

PIANO REGIONALE DI RIORGANIZZAZIONE DELLA RETE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE IN LOMBARDIA

PIANO REGIONALE DI RIORGANIZZAZIONE DELLA RETE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE IN LOMBARDIA Comune C.M. Denominazione CAP Indirizzo N.All. Note 1 BGAA80601L Piario SI Scuola infanzia di Piario 24020 Via Cadoriano 2 40 2 Comprensivo BG 0001 BGIC80600Q BGEE80601T Clusone SI Scuola primaria di Clusone

Dettagli

Unità d'offerta Sociale per la Prima Infanzia

Unità d'offerta Sociale per la Prima Infanzia BG ALBINO ALBINO Asili Nido 51 ASILO NIDO COMUNALE VIA GASPARINI, 10/12 035/759090 nido@albino.it BG ALBINO ALBINO Asili Nido 31 ASILO NIDO LA CASA DEI BAMBINI "E. TIRONI" VIA A. MORO, 2/3 3495184117 035/0349822

Dettagli

Elenco degli Istituti raggruppati per indirizzo/qualifica

Elenco degli Istituti raggruppati per indirizzo/qualifica Indirizzo liceo artistico architettura e ambiente BERGAMO Liceo Artistico Manzù Liceo 1 BERGAMO Scuola d'arte A. Fantoni di Bergamo Liceo 1 CALCINATE Centro Scolastico LA TRACCIA Liceo 1 LOVERE Istituto

Dettagli

Linee guida assistenza domiciliare educativa per disabili

Linee guida assistenza domiciliare educativa per disabili AMBITO TERRITORIALE DI DALMINE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI ZONA DEL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI Comuni di Azzano S.Paolo, Boltiere, Ciserano, Comun Nuovo, Curno, Dalmine, Lallio,

Dettagli

A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Carta dei Servizi L Istituto Suore Cappuccine di M. Rubatto, perseguendo nel tempo il proprio carisma, ha voluto iniziare questa nuova attività sociosanitaria

Dettagli

SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER L INFANZIA E L ADOLESCENZA

SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER L INFANZIA E L ADOLESCENZA 2 SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER L INFANZIA E L ADOLESCENZA 28 Servizi per la prima infanzia 2 Sono servizi educativi che offrono ai bambini al di sotto dei tre anni uno spazio di gioco ed incontro con altri

Dettagli

Progetto Banda Larga nel territorio della Provincia di Bergamo. Rete di telecomunicazioni per la Pubblica Amministrazione Locale

Progetto Banda Larga nel territorio della Provincia di Bergamo. Rete di telecomunicazioni per la Pubblica Amministrazione Locale Progetto Banda Larga nel territorio della Provincia di Bergamo Rete di telecomunicazioni per la Pubblica Amministrazione Locale 1 Indice 1. Fondamenti dell iniziativa 2. Sviluppo del progetto 3. Fattori

Dettagli

Newsletter n. 20, periodo 16-30 aprile 2012

Newsletter n. 20, periodo 16-30 aprile 2012 NEWSLETTER INFANZIA Appuntamenti realizzati sul territorio provinciale rivolti a mamme, papà, bimbi e bimbe, famiglie, operatori della prima infanzia e della famiglia. Newsletter n. 20, periodo 16-30 aprile

Dettagli

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani Servizio Studi e Valutazione Politiche regionali Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali Dicembre 2011 Informativa Breve In Breve 8/2011 I servizi per gli anziani I servizi per la disabilità I servizi

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : BERGAMO

SISTEMA INFORMATIVO MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : BERGAMO SISTEMA INFORMATIVO MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : BERGAMO ELENCO DEI TRASFERIMENTI E PASSAGGI DEL PERSONALE DOCENTE

Dettagli

Elenco degli Istituti raggruppati per comune

Elenco degli Istituti raggruppati per comune COMUNE ALBINO ABF CFP di Albino 4 IFP operatore amministrativo segretariale ABF CFP di Albino 4 IFP operatore del benessere acconciatura ABF CFP di Albino 4 IFP operatore elettrico Istituto di Istruzione

Dettagli

CENTRO BAMBINI E GENITORI IL BRUCO MAGICO

CENTRO BAMBINI E GENITORI IL BRUCO MAGICO CENTRO BAMBINI E GENITORI IL BRUCO MAGICO Via Allende 357, Bertinoro Tel. 0543-445105 ilbruco@acquarellocoop.it www.nidocbgbertinoro.it Centro Bambini e Genitori IL BRUCO MAGICO Indirizzo: Via Allende

Dettagli

Periodico d informazione del Club ANNO 2014/2015 N.47

Periodico d informazione del Club ANNO 2014/2015 N.47 Periodico d informazione del Club ANNO 2014/2015 N.47 100 Percent Paul Harris Fellow Club IL NOSTRO TERRITORIO Arcene Azzano San Paolo Bergamo Boltiere Bonate Sopra Bonate Sotto Brembate Brusaporto Cavernago

Dettagli

Rotary Club Dalmine Centenario

Rotary Club Dalmine Centenario Distretto 2042 Rotary Club Dalmine Centenario 100 Percent Paul Harris Fellow Club Periodico d informazione del Club ANNO 2013/2014 N.16 IL NOSTRO TERRITORIO Arcene Azzano San Paolo Bergamo Boltiere Bonate

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CHI SIAMO DOVE SIAMO ORARI DI APERTURA E CONTATTI

CARTA DEI SERVIZI CHI SIAMO DOVE SIAMO ORARI DI APERTURA E CONTATTI CARTA DEI SERVIZI CHI SIAMO Il Consultorio Familiare Mani di Scorta è un servizio socio-sanitario accreditato dalla Regione Lombardia che nasce dalla collaborazione tra due cooperative sociali: Servire

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO PROVINCIALE BERGAMO

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO PROVINCIALE BERGAMO FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO PROVINCIALE BERGAMO COMUNICATO UFFICIALE N. 3 DEL 24 SETTEMBRE 2010 UFFICIO GARE N. 2 Campionato Regionale Under 19 Maschile Girone: Girone A 000518 003146 A.S.D.

Dettagli

FESTIVAL DELLE FAMIGLIE 2013

FESTIVAL DELLE FAMIGLIE 2013 FESTIVAL DELLE FAMIGLIE 2013 Aggiornato al 15 maggio 2013 CALENDARIO EVENTI MARZO 23 marzo 2013: Open day nidi accreditati I nidi accreditati comunali e privati dell Ambito di Monza vengono aperti alle

Dettagli

ELENCO AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

ELENCO AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO ELENCO AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Progr. Città Denominazione agenzia viaggi Filiale Indirizzo Cap. Tel. Fax Sito web E-mail 1 BERGAMO I VIAGGI DI BEDIN IRIS piazza Pontida

Dettagli

ARCHIVIO DI STATO DI BERGAMO (*)

ARCHIVIO DI STATO DI BERGAMO (*) ARCHIVIO DI STATO DI BERGAMO (*) L Archivio di Stato di Bergamo è stato istituito con Decreto Ministeriale del 15 aprile 1959, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 107 del 6 maggio 1959. A causa della

Dettagli

PIANO DI ZONA DEL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI

PIANO DI ZONA DEL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI AMBITO TERRITORIALE DEL DISTRETTO DI DALMINE Comuni di Azzano S.Paolo, Boltiere, Ciserano, Comun Nuovo, Curno, Dalmine, Lallio, Levate, Mozzo, Osio Sopra, Osio Sotto, Stezzano, Treviolo, Urgnano, Verdellino,

Dettagli

L anno duemiladodici, addì del mese di presso il Palazzo Comunale di Dalmine, TRA

L anno duemiladodici, addì del mese di presso il Palazzo Comunale di Dalmine, TRA CONVENZIONE TRA I COMUNI APPARTENENTI ALL AMBITO BERGAMO 3 PER LA DELEGA DELL ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI STAZIONE APPALTANTE SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO *** L anno duemiladodici, addì del mese di

Dettagli

Report Gare aggiudicate periodo 7 aprile - 4 giugno 2012 - importi superiori ai 40,000 ed affidamento incarichi

Report Gare aggiudicate periodo 7 aprile - 4 giugno 2012 - importi superiori ai 40,000 ed affidamento incarichi Report Gare aggiudicate periodo 7 aprile - 4 giugno 2012 - importi superiori ai 40,000 ed affidamento incarichi SOC. ALLEVI snc Casirate D'adda art. 118 comma 1 lett. A del DPR 207/2010 16/04/2012 Manutenzione

Dettagli

COMUNE PRESENTI ASSENTI NOTE (partecipante)

COMUNE PRESENTI ASSENTI NOTE (partecipante) ASSEMBLEA DEI SINDACI AMBITO ISOLA BERGAMASCA BASSA VAL SAN MARTINO PONTE SAN PIETRO 25 FEBBRAIO 2015 Il giorno 25 FEBBRAIO 2015 alle ore 18:15 presso la Sala del Distretto Socio Sanitario di Ponte San

Dettagli

Se investi sul futuro ci guadagni di sicuro

Se investi sul futuro ci guadagni di sicuro con il contributo di PROVINCIA DI BERGAMO ASSESSORATO AMBIENTE E TUTELA RISORSE NATURALI Se investi sul futuro ci guadagni di sicuro BUONE PRATICHE ENERGETICHE: COME CONSUMARE MENO E MEGLIO Vademecum pratico

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE 2012

RAPPORTO ANNUALE 2012 RAPPORTO ANNUALE 2012 Analisi e monitoraggio dei flussi e dell evoluzione turistica sul territorio bergamasco 1 Introduzione Il turismo si conferma come risorsa irrinunciabile per lo sviluppo economico,

Dettagli

ENTI AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI BRESCIA

ENTI AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI BRESCIA ENTI A.B.A.R.C. - USARCI A.F.I.N A.GE ASSOCIAZIONE GENITORI PALOSCO A.O OSPEDALI RIUNITI DI BRESCIA A.O. OSPEDALE MAGGIORE DI CREMA A.V.I.S BERGAMO ACCADEMIA CARRARA AGENZIA PER L'INTEGRAZIONE AGENZIA

Dettagli

Cap OTTICA CIMARDI VIA GARIBALDI, 36 ALBINO ALBINO ALBINO ALBINO ALBINO ALBINO ALBINO ALBINO ALBINO ALBINO ALBINO ALBINO ALBINO ALBINO

Cap OTTICA CIMARDI VIA GARIBALDI, 36 ALBINO ALBINO ALBINO ALBINO ALBINO ALBINO ALBINO ALBINO ALBINO ALBINO ALBINO ALBINO ALBINO ALBINO L'ANGOLO NUOVO DI BENIGNI LARA PIAZZA UMBERTO I, 33 ADRARA SAN MARTINO BUTTERFLY DI BARCELLA MARCO VIA ALDO MORO, 2 24061 ALBANO SANT'ALESSANDRO DI ALBANO SANT'ALESSANDRO P.ZA CADUTI PER LA PATRIA,2 24061

Dettagli

SCUOLE SECONDARIE PRIMO GRADO PIANO DI ORGANIZZAZIONE DELLA RETE SCOLASTICA - A.S. 2014-2015 REGIONE LOMBARDIA

SCUOLE SECONDARIE PRIMO GRADO PIANO DI ORGANIZZAZIONE DELLA RETE SCOLASTICA - A.S. 2014-2015 REGIONE LOMBARDIA BG Sede BGIC804004 IC di Vilminore di Scalve 345 VILMINORE DI SCALVE Via Locatelli, 8/A 0346-651066 0346-50056 bgic804004@istruzione.it 12 BGIC804004 BGMM804026 Secondaria Primo Grado - Vilminore di Scalve

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Ufficio X Prot. n. MIUR AOO USPBG R.U.14679/C38.a del 27 settembre 2012 Alla c.a. Dirigenti, docenti

Dettagli

I MINORI E LE FAMIGLIE. Educativa. Educativa

I MINORI E LE FAMIGLIE. Educativa. Educativa BISOGNI BISOGNI I MINORI E LE FAMIGLIE I MINORI E LE FAMIGLIE Educativa Educativa Avere un supporto educativo quando si hanno difficoltà nella famiglia, nella vita di relazione, nell'apprendimento e nei

Dettagli

Progetti TdE 2014-15 N. STUDENTI PERIODO DI AVVIO DOCENTE ENTE CONTATTI/REFERENTE PROGETTO 1 COESI LUCIO MOIOLI FEBBRAIO 1 SANDRONE

Progetti TdE 2014-15 N. STUDENTI PERIODO DI AVVIO DOCENTE ENTE CONTATTI/REFERENTE PROGETTO 1 COESI LUCIO MOIOLI FEBBRAIO 1 SANDRONE Progetti TdE 2014-15 ENTE CONTATTI/REFERENTE PROGETTO 1 COESI LUCIO MOIOLI Nell ambito del terzo settore operano molte figure dal ruolo strategico, tuttavia la ricchezza di questi profili, come ad esempio

Dettagli

Flussi di rifiuti di imballaggio in Provincia di Bergamo

Flussi di rifiuti di imballaggio in Provincia di Bergamo PROVINCIA DI BERGAMO Flussi di rifiuti di imballaggio in Provincia di Bergamo Settembre 2007 AnnaMaria Bentivoglio, Monica Giusto INTRODUZIONE La Provincia di Bergamo, sulla base dei criteri e degli obiettivi

Dettagli

Per bambini e ragazzi

Per bambini e ragazzi Newsletter n. 27 dello sportello Informa genitori&bambini del Centro Famiglia Informazioni su cosa succede in città per bambini, genitori, famiglie dal 11 al 29 febbraio 2012 Per bambini e ragazzi Ludoteca

Dettagli

PREMIAZIONI ANNO SPORTIVO 2014-2015 SOCIETA' PREMIATE. 3^ DIVISIONE FEMMINILE * 2^ Class. Girone A e Promozione 2^ Divisione

PREMIAZIONI ANNO SPORTIVO 2014-2015 SOCIETA' PREMIATE. 3^ DIVISIONE FEMMINILE * 2^ Class. Girone A e Promozione 2^ Divisione PREMIAZIONI ANNO SPORTIVO 2014-2015 SOCIETA' PREMIATE 0003 VOLLEY BERGAMO S.R.L. SERIE A 1 FEMMINILE Nazionale * 8^ Classificata Regular Season UNDER 18 FEMMINILE * Campione Provinciale UNDER 14 FEMMINILE

Dettagli

PROGRAMMA: SETTEMBRE-DICEMBRE 2011 CENTRO PER LE FAMIGLIE DI FAENZA Insieme ai genitori dalla gravidanza all adolescenza Il Centro per le Famiglie di Faenza è un offerta dei Servizi Sociali Associati dove

Dettagli

CONSORZIO B.I.M. Consorzio del Bacino Imbrifero Montano del: "Lago di Como, col Brembo e col Serio, entrambi affluenti dell'adda sublacuale"

CONSORZIO B.I.M. Consorzio del Bacino Imbrifero Montano del: Lago di Como, col Brembo e col Serio, entrambi affluenti dell'adda sublacuale CONSORZIO B.I.M. Consorzio del Bacino Imbrifero Montano del: "Lago di Como, col Brembo e col Serio, entrambi affluenti dell'adda sublacuale" N. 19730 - Div. IV Bergamo, 31 dicembre 1955 IL PREFETTO DELLA

Dettagli

Servizi educativi 0-3 anni presenti sul territorio provinciale suddivisi per tipologia. Anno educativo 2012-2013

Servizi educativi 0-3 anni presenti sul territorio provinciale suddivisi per tipologia. Anno educativo 2012-2013 Servizi educativi 0-3 anni presenti sul territorio provinciale suddivisi per tipologia. Anno educativo 2012-2013 COMUNE SEDE DEL SERVIZIO Agazzano DENOMINAZIONE Lucia Bongiorni I pulcini ballerini SOGGETTO

Dettagli

IMPRESA INDIRIZZO TELEFONO SETTORE DI ATTIVITA QUALIFICHE RICHIESTE NOTE

IMPRESA INDIRIZZO TELEFONO SETTORE DI ATTIVITA QUALIFICHE RICHIESTE NOTE DOMANDE DI LAVORO PERVENUTE AL CENTRO PER L IMPIEGO PROVINCIALI - 1 MAGGIO 2001 (5 pagine) CLUSONE AL 30.04.2001 Viale Gusmini Tel.0346 21373 Fax 0346 27909 e-mail bg04@wind.it.net ARREDAMENTI INTERNI

Dettagli

Comune di Lecco. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 917 Data: 27-11-2014 SETTORE : POLITICHE SOCIALI E DI SOSTEGNO ALLA FAMIGLIA

Comune di Lecco. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 917 Data: 27-11-2014 SETTORE : POLITICHE SOCIALI E DI SOSTEGNO ALLA FAMIGLIA Comune di Lecco Piazza Diaz, 1-23900 Lecco (LC) - Tel. 0341/ 481111 - Fax 286874 - C.F. 00623530136 N. 917-2014 Reg. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 917 Data: 27-11-2014 SETTORE : POLITICHE SOCIALI

Dettagli

REPORT SCUOLE ITALIANO

REPORT SCUOLE ITALIANO REPORT SCUOLE ITALIANO Riuscire a fare una ricapitolazione di quanto emerso dai questionari effettuati non è stato facile, per via del fatto che le realtà prese in considerazione risultano essere abbastanza

Dettagli

SERVIZI SOCIALI A cura di Ivan Alborghetti Assessore alle Politiche sociali

SERVIZI SOCIALI A cura di Ivan Alborghetti Assessore alle Politiche sociali SERVIZI SOCIALI A cura di Ivan Alborghetti Assessore alle Politiche sociali Il settore dei servizi sociali comprende varie aree: anziani, handicap, minori, disagio. AREA ANZIANI L'assistenza alle persone

Dettagli

Nuovo X Attivato in continuità con interventi avviati a partire dall anno: 2002-2003

Nuovo X Attivato in continuità con interventi avviati a partire dall anno: 2002-2003 Comune sede progetto: Bolgare AT n. 4 - Grumello Progetto: Spazio Gioco Cerchio dei Piccoli Sede presso Sala polivalente Tel. fax e-mail Tipologia di progetto extrascuola Solo compiti X Compiti e proposte

Dettagli

I SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA (0-3 anni) NEL COMUNE DI PRATO

I SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA (0-3 anni) NEL COMUNE DI PRATO SERVIZI EDUCATIVI Via Santa Caterina, 17 59100 Prato Tel 0574 183.5180 Segr. 0574.183.5180 Fax 0574.183.7346 infanzia@comune.prato I SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA (0-3 anni) NEL COMUNE DI PRATO

Dettagli

Assemblea dei soci 19 Febbraio 2009. Associazione Sotto il Monte Solare

Assemblea dei soci 19 Febbraio 2009. Associazione Sotto il Monte Solare Assemblea dei soci 9 Febbraio 2009 Associazione Solare Assemblea dei soci 9 Febbraio 2009 Entrate Uscite 2007/2008 Bilancio Consuntivo 2007/2008 Bilancio Preventivo 2009 Attività Tesseramento 2008/2009

Dettagli

Carta dei Servizi del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS

Carta dei Servizi del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS Carta dei Servizi del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS Via Milano, 5/c 26100 Cremona Tel. 0372 20751/34402 Fax 0372-1960388 Codice fiscale 80011480193 Partita Iva 01273220192 mail: segreteria@ucipemcremona.it

Dettagli

SEGRETARIATO SOCIALE e SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE

SEGRETARIATO SOCIALE e SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE SEGRETARIATO SOCIALE e SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE Il servizio è presente in tutti i Comuni del Distretto Sociale B Sub-ambito A: Comune di Veroli Ufficio Servizi Sociali Comune di Boville Ernica -

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE TRASPORTI, ESPROPRI E CONCESSIONI SERVIZIO TRASPORTI

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE TRASPORTI, ESPROPRI E CONCESSIONI SERVIZIO TRASPORTI III RAPPORTO ANNUALE SUI SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE INTERURBANO PROVINCIA DI BERGAMO - CONSUNTIVO ANNO 2007 PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE TRASPORTI, ESPROPRI E CONCESSIONI SERVIZIO TRASPORTI IV

Dettagli

ATTIVITÀ GENERALE CURRICULUM

ATTIVITÀ GENERALE CURRICULUM ATTIVITÀ GENERALE CURRICULUM PATATRAC Società Cooperativa Sociale a R.L. ONLUS è una cooperativa sociale di tipo A, che realizza il proprio scopo attraverso la gestione di servizi sociali, educativi e

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Naturalmente bimbi Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari N. giovani in servizio civile richiesti Coop

Dettagli

SERVIZIO AFFIDI Ambito di Sesto San Giovanni/Cologno Monzese Denominazione

SERVIZIO AFFIDI Ambito di Sesto San Giovanni/Cologno Monzese Denominazione SERVIZIO AFFIDI Ambito di Sesto San Giovanni/Cologno Monzese Denominazione MONDI SOLIDALI Gestione (Comune, Asl, azienda, associazione comuni, etc ) Logo Il nome MONDI SOLIDALI vuole sottolineare l aspetto

Dettagli

REGOLAMENTO ASILI NIDO COMUNALI - AMBITO TERRITORIALE - VALLE SERIANA -

REGOLAMENTO ASILI NIDO COMUNALI - AMBITO TERRITORIALE - VALLE SERIANA - REGOLAMENTO ASILI NIDO COMUNALI - AMBITO TERRITORIALE - VALLE SERIANA - Art. 1 Finalità del Regolamento Questo Regolamento è finalizzato alla realizzazione del processo di coordinamento e d integrazione

Dettagli

La vera felicità del dono è tutta nell immaginazione della felicità del destinatario. Theodor Adorno. Servizi Sociale e Famiglia

La vera felicità del dono è tutta nell immaginazione della felicità del destinatario. Theodor Adorno. Servizi Sociale e Famiglia La vera felicità del dono è tutta nell immaginazione della felicità del destinatario. Theodor Adorno Legge quadro 328/00: Il servizio sociale si sostanzia in una serie di interventi per e con i soggetti

Dettagli

REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA

REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO Comuni di: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere. REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA INDICE ART.

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTI BANDO 3/2011. Bergamo, li 30 aprile 2012. A cura del referente per il monitoraggio e.p. Pierluigi Riva PREMESSA

RELAZIONE FINALE PROGETTI BANDO 3/2011. Bergamo, li 30 aprile 2012. A cura del referente per il monitoraggio e.p. Pierluigi Riva PREMESSA RELAZIONE FINALE PROGETTI BANDO 3/2011 Bergamo, li 30 aprile 2012 A cura del referente per il monitoraggio e.p. Pierluigi Riva PREMESSA Il 3 dicembre 2010 viene sottoscritto un accordo fra la Fondazione

Dettagli

LO SPOPOLAMENTO DELLA VALLE (1991-2008) Si spopolano soprattutto i comuni dell Alta Valle e quelli più distanti dalla strada di fondovalle -13% +8%

LO SPOPOLAMENTO DELLA VALLE (1991-2008) Si spopolano soprattutto i comuni dell Alta Valle e quelli più distanti dalla strada di fondovalle -13% +8% -13% -26% -7% -29% -18% -31% -20% -9% -17% -9% +8% -3% LO SPOPOLAMENTO DELLA VALLE (1991-2008) +3% -2% +12% +17% -26% -10% -21% +4% -5% +13% +3% -11% -5% -14% -15% +4% +8% +2% -6% +17% +5% 0% +12% +3%

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PER L ASSEGNAZIONE DI BORSE PER TIROCINIO CURRICULARE ED EXTRACURRICULARE

AVVISO DI SELEZIONE PER L ASSEGNAZIONE DI BORSE PER TIROCINIO CURRICULARE ED EXTRACURRICULARE AVVISO DI SELEZIONE PER L ASSEGNAZIONE DI BORSE PER TIROCINIO CURRICULARE ED EXTRACURRICULARE PROGETTO BORSE DI TIROCINIO FINANZIATE DAL CONSORZIO BIM OGLIO Premessa L iniziativa nasce nell ambito dell

Dettagli

COOPERAZIONEFAMIGLIE

COOPERAZIONEFAMIGLIE COOPERAZIONEFAMIGLIE Chi siamo La Cooperativa Sociale CAF nasce nel 2011 a Romano di Lombardia ( BG ) dalla filiazione dell Associazione di Volontariato Sociale CAF Centro Aiuto Famiglia, sorta nel 1986,

Dettagli

Documento n. 5 Studio di fattibilità servizi per l infanzia

Documento n. 5 Studio di fattibilità servizi per l infanzia Progetto T&O (Tempi&Orari) I tempi nelle nostre mani Codice identificativo VA/Varese n 31/2005 - Approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 405 del 22/06/05 e Delibera di Giunta Comunale n. 45 del 31/10/07

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Ambito di Seriate L.328/00 Seriate, Albano S.Alessandro, Bagnatica, Brusaporto, Cavernago, Costa di Mezzate, Grassobbio, Montello, Pedrengo, Scanzorosciate, Torre de Roveri REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI

Dettagli

Il ruolo delle E.S.Co. (Energy Service Company) nei servizi energetici. Il progetto ESCO Comuni in Val Cavallina. Ing. Giuseppe Bartolini

Il ruolo delle E.S.Co. (Energy Service Company) nei servizi energetici. Il progetto ESCO Comuni in Val Cavallina. Ing. Giuseppe Bartolini Il ruolo delle E.S.Co. (Energy Service Company) nei servizi energetici Il progetto ESCO Comuni in Val Cavallina Ing. Giuseppe Bartolini Edolo 29.11.2013 AGENDA Premessa - Cosa sono le E.S.Co. - Come opera

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : BERGAMO

SISTEMA INFORMATIVO MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : BERGAMO SMOW5A 18-04-15PAG. 1 SISTEMA INFORMATIVO MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : BERGAMO ELENCO DEI TRASFERIMENTI E PASSAGGI

Dettagli

SCUOLE DELL INFANZIA COMUNE ALUNNI DOCENTI

SCUOLE DELL INFANZIA COMUNE ALUNNI DOCENTI Scuole paritarie SCUOLE DELL INFANZIA COMUNE ALUNNI DOCENTI 1 Maria Immacolata Cremona 60 4 2 Scuola dell'infanzia paritaria "Sacra Famiglia" Cremona 95 8 3 Scuola Infanzia "Sacro cuore" Cremona 157 10

Dettagli

SERVIZI SOCIALI CARTA DEI SERVIZI COMUNALI. (Socio-assistenziali, culturali e scolastici)

SERVIZI SOCIALI CARTA DEI SERVIZI COMUNALI. (Socio-assistenziali, culturali e scolastici) SERVIZI SOCIALI CARTA DEI SERVIZI COMUNALI (Socio-assistenziali, culturali e scolastici) 1 INDICE FAMIGLIA E SOCIETA Introduzione pag. 3 Ufficio unico Servizi Sociali pag. 4 Servizio Territoriale Handicap

Dettagli

INDICE DENUNCIA DI NASCITA

INDICE DENUNCIA DI NASCITA ORA CI SONO ANCH IO DENUNCIA DI NASCITA qualche consiglio utile per mamma e papà La dichiarazione di nascita può essere resa senza presenza di testimoni: - nel caso di genitori uniti in matrimonio: da

Dettagli

LEGGE REGIONALE 28 APRILE 2000, N.76 DIRETTIVE GENERALI DI ATTUAZIONE

LEGGE REGIONALE 28 APRILE 2000, N.76 DIRETTIVE GENERALI DI ATTUAZIONE Direzione Qualità della Vita, Beni ed Attività Culturali, Sicurezza e Promozione Sociale Servizio Servizi Sociali LEGGE REGIONALE 28 APRILE 2000, N.76 Norme in materia di servizi educativi per la prima

Dettagli

COOPERATIVASOCIALE SOCIETA DOLCE LA DOMICILIARITA IN VAL CAVALLINA

COOPERATIVASOCIALE SOCIETA DOLCE LA DOMICILIARITA IN VAL CAVALLINA COOPERATIVASOCIALE SOCIETA DOLCE LA DOMICILIARITA IN VAL CAVALLINA 1 SERVIZI SOCIETA DOLCE PROVINCIA DI BERGAMO SAD ADI DALMINE E BERGAMO D.G.R. 2942 MISURA 2 e MISURA 4 SAD COMUNITA MONTANA LAGHI BERGAMASCHI

Dettagli

OPPORTUNITA PER FAMIGLIE -BONUS ENERGIA/ GAS:

OPPORTUNITA PER FAMIGLIE -BONUS ENERGIA/ GAS: OPPORTUNITA PER FAMIGLIE -BONUS ENERGIA/ GAS: Requisiti: per i nuclei familiari residenti a Trezzo, con dichiarazione isee che non superi i 7500 euro oppure per utilizzo di apparecchiature elettromedicali.

Dettagli