AGENDA DELLE INIZIATIVE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AGENDA DELLE INIZIATIVE"

Transcript

1 Provincia di Settore Politiche Sociali e Salute NEWSLETTER DICEMBRE 2012 Foglio di informazione dell Osservatorio Politiche Sociali I per l infanzia e le famiglie nel territorio provinciale Domenico Belloli Assessore alle Politiche Sociali e Salute Questo numero della newsletter presenta alcuni dati dei circa 230 per l infanzia del territorio provinciale censiti nella Banca Dati Sociale, una piattaforma on line nata per consentire a tutti i soggetti interessati di avere una fotografia aggiornata dell esistente. Tale rilevazione si colloca nell ambito della progettualità provinciale sull infanzia e le famiglie - promossa dal Settore e condivisa con gli Ambiti Territoriali e gli enti titolari e gestori dei che intende contribuire a valorizzare i per l infanzia e il patrimonio di saperi e di esperienze costruito sul territorio. Nel lavoro di questi anni una particolare attenzione è stata dedicata alla conoscenza della realtà e alla sua evoluzione nel tempo. Per realizzare analisi e approfondimenti che consentano la comprensione della situazione, è infatti necessario monitorare i e coglierne i processi trasformativi interni e nel rapporto con il territorio. Il lavoro della Banca Dati Sociale si colloca in strettissima connessione con il Piano della formazione per i per l infanzia e le famiglie anno predisposto insieme dalla Provincia, dai quattordici Ambiti Territoriali e dal Consiglio di Rappresentanza dei Sindaci. Dopo la positiva esperienza realizzata lo scorso anno, l impegno comune è stato quello garantire anche per l anno un offerta formativa sufficientemente ampia, diversificata e, soprattutto, di qualità agli operatori che nei del territorio si prendono cura dei delle loro famiglie. Nel Piano della formazione che è stato inviato agli Enti e Organizzazioni e a tutti i, sono inserite le diverse proposte per l anno educativo , realizzate sia a livello territoriale (quattordici percorsi di Ambito o di sovra Ambito definiti a partire dai bisogni formativi dei diversi contesti) sia a livello provinciale (formazione coordinatori, visite di studio, iniziative per i integrativi di compresenza, seminari aperti) [cfr. la scheda sintetica nella pagina che segue]. Per sostenere le funzioni degli Ambiti Territoriali, la Provincia per l anno mette inoltre a loro disposizione una compartecipazione finanziaria per attività di raccordo dei e di progettualità formative a livello territoriale. Crediamo che questo intreccio di conoscenza dell esistente, di formazione e aggiornamento del personale educativo e di messa a disposizione di risorse economiche mirate possa costituire un contributo concreto alla costruzione di di qualità e alla promozione di cultura e di opportunità per i le famiglie del territorio. AGENDA DELLE INIZIATIVE Mercoledì 23 gennaio 2013 ore Convegno Dentro e fuori la notte sul tema del divertimento sicuro dei giovani, iniziativa promossa dall Asl Commissione prevenzione del Dipartimento Dipendenze Venerdì 25 (ore 16-19) e sabato 26 gennaio (ore ) "E ora che siamo connessi? Identità, fragilità e aspettative nelle reti sociali degli adolescenti", iniziativa promossa dall'osservatorio sulla comunicazione degli adolescenti tra reale e virtuale, OSCARV Mercoledì 6 febbraio 2013 ore Seminario formativo Emozioni difficili. I i ragazzi di fronte alle conflittualità dei genitori Venerdì 1 marzo 2013 ore Seminario formativo Autismo a L incidenza della sindrome nelle scuole del nostro territorio Sabato 2 marzo 2013 ore Seminario formativo Le relazioni tra pari come luogo di crescita Giovedì 14 marzo 2013 Seminario del percorso intreccio di sguardi sulle professioni sociali, educative e sanitarie

2 PIANO DELLA FORMAZIONE PER I SERVIZI PER L INFANZIA E LE FAMIGLIE DEL TERRITORIO PROVINCIALE ANNO EDUCATIVO PERCORSO DI FORMAZIONE/ TUTORING PER I REFERENTI INFANZIA DEGLI UFFICI DI PIANO PROPOSTE FORMATIVE PER RESPONSABILI, COORDINATORI ED EDUCATORI DI SERVIZI PER L INFANZIA E LE FAMIGLIE INIZIATIVE A LIVELLO PROVINCIALE promosse dalla Provincia di Settore Politiche Sociali e Salute Percorso di supervisione formativa per coordinatori Iniziative aperte (seminari, incontri) sui temi dell infanzia e delle famiglie: Le autonomie dei bambini, tra sicurezza e rischi - 1/12/2012 Le relazioni tra pari come luogo di crescita 2/03/2013 Emozioni difficili. I i ragazzi di fronte alle conflittualità dei genitori periodo gennaio/febbraio 2013 Incontri formativi per i di compresenza (spazi, spazi gioco, ): Laboratorio formativo: La documentazione fotografica Percorso formativo:la relazione tra gli Incontri gruppo di coordinamento Viaggi e visite di studio a di altre realtà del territorio nazionale e di paesi esteri (Torino, Forlì, Scozia e Cles) ATTIVITA DI PROMOZIONE DELLA CULTURA DELL INFANZIA Produzione di documentazione e Newsletter Infanzia, curata dal Centro Incontra per la genitorialità di Comune e Provincia di La banca dati aggiornata dei per l infanzia e le famiglie consultabile on line: INIZIATIVE A LIVELLO PROVINCIALE promosse da altri soggetti L educatore al nido Promotore: L Allegra Brigata di Ravasio Elena e c. Giornata di presentazione città per le famiglie - 16 febbraio 2013, Casa del Giovane ore Promotore: Visite di studio al nido di Martinengo Promotori: Città di Martinengo e d infanzia comunale INIZIATIVE A LIVELLO TERRITORIALE promosse dagli Ambiti Territoriali Coordinamento territoriale dei per l infanzia in ogni Ambito Proposta formativa territoriale in ogni Ambito 2. approfondimenti dicembre 2012

3 BANCA DATI SOCIALE Il o. L investimento del Settore per la realizzazione di una Banca Dati sui è derivato dalla necessità di dotarsi di uno strumento di conoscenza dell esistente in tempo reale, superando le criticità derivanti dall effettuazione di rilevazioni periodiche. Tale modalità infatti, oltre che essere piuttosto dispendiosa, si era peraltro rivelata estremamente critica in una situazione di profondo e rapido cambiamento del quadro dei, come è quella di questi anni, e in relazione a tipologie di offerta che, per loro natura, sono meno strutturate, facendo parte di quel sistema che viene definito di welfare leggero. Da qui la predisposizione di una piattaforma online - la Banca Dati Sociale quale strumento dinamico, capace di raccogliere le informazioni di una realtà in continuo cambiamento - in grado di offrire la garanzia agli enti titolari e gestori di vedere pubblicati i propri dati su un sito accessibile a tutti, aumentando quindi la propria visibilità, e ai cittadini di fruire di un o informativo completo e tempestivo. Le schede compilate ed accessibili alla consultazione da parte di chiunque sia interessato costituiscono un primo bagaglio di dati e informazioni preziose sia per chi deve scegliere un o (es. genitore, operatore ) sia per quanti definiscono orientamenti e progettualità. Nel corso di ciascun anno educativo verrà effettuato un aggiornamento della fotografia dei, per cui sarà possibile sia inserire nuove schede, sia intervenire a modificare quelle esistenti. La Banca Dati consultabile online contiene le ricognizioni dei Servizi per l infanzia: Nidi, Micronidi, Nidi famiglia, Centri Prima Infanzia Servizi Integrativi per l infanzia: Servizi extrascuola: Interventi di educazione alla salute rivolti agli studenti degli Istituti Scolastici delle valli Seriana e di Scalve dicembre 2012 approfondimenti. 3

4 La banca dati aggiornata dei consultabile on line Per consultare le singole schede dei : Per segnalazioni di nuovi, per informazioni o richieste contattare l Osservatorio Politiche Sociali Tel 035/ approfondimenti dicembre 2012

5 I DATI RELATIVI AI SERVIZI PER L INFANZIA - ANNO EDUCATIVO Questo documento presenta l analisi dei dati, riferiti all anno educativo , relativi ai 229 censiti nella Banca Dati Sociale al luglio Le 229 schede pubblicate non rappresentano quindi la totalità dei per l infanzia e le famiglie presenti sul territorio provinciale, in quanto esistono che non hanno ancora compilato la scheda online e che l hanno compilata dopo il mese di luglio u.s. Si spera comunque di completare la rilevazione nei prossimi mesi con il contributo di tutti gli enti titolari e gli enti gestori. 1 I 229 censiti comprendono i 156 per l infanzia delle diverse tipologie e i 73 integrativi per l infanzia che hanno compilato la scheda on line. 2 La tabella 1 mostra come il 79% dell offerta si attesta sui Nidi, con una capacità ricettiva che può variare da 11 a 60 bambini accolti; i micronidi costituiscono il 12%, i nidi famiglia il 7% e i centri prima infanzia il 2%. Per quanto riguarda invece i integrativi per l infanzia più del 90% di essi è costituito dagli spazi per, solo una percentuale marginale è rappresentata dalle ludoteche (6%) e da altri integrativi (4%). 1 Nota bene: Si prega di consultare il sito della Banca Dati Sociale (www.bancadatisociale.provincia.bergamo.it) per un quadro aggiornato della situazione. Nei prossimi mesi nuovi verranno censiti e tutte le informazioni verranno aggiornate al corrente annoo educativo. 2 Servizi per l infanzia: Nidi, Micronidi, Nidi famiglia, Centri Prima Infanzia o Asili nido: o di capacità ricettiva da 11 a 60 bambini/e tra 3 mesi e 3 anni. o Micronidi: o di capacità ricettiva massima di 10 bambini/e tra 3 mesi e 3 anni. o Nidi Famiglia: nido domiciliare per un massimo di 5 bambini/e da 0 a 3 anni, promosso da famiglie utenti associate/associazioni familiari. o Centri Prima infanzia: strutture che offrono un o temporaneo per un massimo di 4 ore consecutive Servizi integrativi per l infanzia o Servizi (ad es. spazi gioco, spazi per bambini, ludoteche,...) che accolgono contemporaneamente i i loro genitori (o altri di riferimento), prevedendo per gli uni e gli altri proposte dedicate e finalizzate. Servizi socio educativi e di sostegno alla genitorialità, offrono ai piccoli proposte di gioco e di socializzazione, mentre per gli di riferimento costituiscono un ambito di incontro, di relazione, di scambio sull esperienza della crescita del bambino. rispondendo alla domanda di molte famiglie di avere contesti di incontro vicini, accessibili, accoglienti e non specialistici. Sono condotti da personale con competenze educative. dicembre 2012 approfondimenti. 5

6 Tabella 1. Ripartizione dei per tipologia e Ambito Servizi per l infanzia Servizi integrativi per l infanzia Ambito Nidi Micronidi Nidi famiglia Centri prima infanzia Spazi per Ludoteche Altri integrativi Seriate Grumello d.monte Valle Cavallina Basso Sebino Alto Sebino Sup. - Scalve 4 10 Valle Brembana Valle Imagna Romano di L.dia TOTALE PROVINCIA L analisi dei dati presenterà considerazioni che riguardano esclusivamente i per l infanzia, esclusivamente i integrativi oppure entrambe le categorie 6. approfondimenti dicembre 2012

7 Dati anagrafici. La tabella 2 ci mostra come dei 156 per l infanzia indagati, il 50% di essi dichiara di essere accreditato, il 19% di essere in fase di accreditamento, il 31% di non essere accreditato. Tabella 2. Ripartizione dei per l infanzia rispetto all accreditamento del o Accreditamento Accreditati 79 In attesa di accreditamento 29 Non accreditati 48 Totale 156 Grafico 1. Ripartizione percentuale dei per l infanzia rispetto all accreditamento del o 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% accreditati in attesa di accreditamento non accreditati La tabella 3 evidenzia la distribuzione dei per l infanzia secondo l anno di apertura. In specifico, gli anni che vanno dal 2003 al 2007 registrano l apertura della maggior parte (43%) di questi 156, e dal 2008 ad oggi assistiamo ad un incremento dell offerta pari al 22%. Emerge quindi il dato che ben 101 su 156 rilevati hanno una esperienza di almeno nove anni ( ) mentre 34 sono i attivi da meno di quattro anni ( ). Tabella 3. Ripartizione dei per l infanzia rispetto all anno di apertura Anno di apertura dicembre 2012 approfondimenti. 7

8 prima del dato mancante 1 Totale 156 Diversi sono gli attori sociali che promuovono e gestiscono i per l infanzia. Nella ricognizione si sono individuati: Enti titolari: soggetti che hanno la responsabilità legale del o; Enti Gestori: soggetti che hanno compiti di gestione del o e, se diversi dall ente titolare, hanno con esso un rapporto formalizzato. La modalità di gestione e affidamento dei per l infanzia si differenzia nettamente da quella dei integrativi: se per i primi nell 87% dei casi si registra una coincidenza tra ente titolare e ente gestore, per i integrativi questo avviene solo nel 40% Tabella 4. Ripartizione dei rispetto alla coincidenza tra ente titolare e ente gestore Enti titolari e enti gestori per l'infanzia integrativi per l'infanzia ente gestore = ente titolare ente gestore ente titolare Totali Grafico 2. Ripartizione percentuale dei rispetto alla coincidenza tra ente titolare e ente gestore 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% ente gestore = ente titolare per l'infanzia ente gestore <> ente titolare integrativi per l'infanzia La tabella 5 mostra la ripartizione dei per l infanzia in base ai soggetti con cui sono stati stipulati accordi o convenzioni. Il 50% dei prevede accordi o convenzioni con i comuni del proprio territorio, il 19% con le aziende e il 21% con altri enti (aziende ospedaliere, parrocchie ); 16 per l infanzia (10%) dichiarano di non aver stipulato accordi o convenzioni. 8. approfondimenti dicembre 2012

9 Tabella 5. dei per l infanzia rispetto ai soggetti con cui sono stati stipulati accordi o convenzioni Soggetti (su 156) Comuni 78 aziende 29 altri enti 33 Grafico 3. Percentuale dei per l infanzia rispetto ai soggetti con cui sono stati stipulati accordi o convenzioni 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% comuni aziende altri enti La tabella 6 e il grafico 4 evidenziano come il telefono e l indirizzo siano adottati da tutti i, mentre circa la metà di essi dispone di un sito web dedicato. Tabella 6. dei rispetto ai recapiti presenti Tipo recapito per l'infanzia (su 156) integrativi per l'infanzia (su 73) telefono fax sito web dicembre 2012 approfondimenti. 9

10 Grafico 4. Percentuale dei rispetto ai recapiti presenti 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% telefono fax sito web per l'infanzia integrativi per l'infanzia I destinatari dei per l infanzia. Alcuni dati rilevati in relazione ai bambini che frequentano i possono aiutare a comprendere le caratteristiche della fisionomia della domanda che arriva ai. La tabella 7 mostra, di fatto, che l 83% dei per l infanzia censiti accoglie bambini nella fascia d età compresa tra i 3 e i 36 mesi, mentre solamente il 6% di essi accoglie bambini a partire dai dodici mesi. Tabella 7. Ripartizione dei per l infanzia rispetto alla fascia di età dei bambini accolti Fascia di età da 3 a 36 mesi 130 da 12 a 36 mesi 10 altro 16 Totale approfondimenti dicembre 2012

11 Grafico 5. Ripartizione percentuale dei per l infanzia rispetto alla fascia di età dei bambini accolti 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% da 3 a 36 mesi da 12 a 36 mesi altro La Tabella 8 evidenzia la ripartizione dei rispetto alla capacità ricettiva, che è ovviamente connessa alla specificità della tipologia di o. Emerge che circa il 44% ha una capacità compresa tra 21 e 40 posti, mentre sono 10 i che presentano una capacità ricettiva di massimo 5 posti. Tabella 8. Ripartizione dei per l infanzia rispetto alla capacità ricettiva posti fino a 5 10 da 6 a da 11 a da 21 a oltre Totale 156 dicembre 2012 approfondimenti. 11

12 Grafico 6. Ripartizione percentuale dei per l infanzia rispetto alla capacità ricettiva 50% 40% 30% 20% 10% 0% fino a 5 posti da 6 a 10 posti da 11 a 20 posti da 21 a 40 posti oltre 40 posti Un altro dato che può aiutare a descrivere il quadro è il numero di che accolgono bambini con disabilità. Secondo i dati raccolti il 72% dei non ha accolto bambini disabili nel corso dell anno educativo appena trascorso, Solamente il 3 % accoglie più di due bambini disabili, mentre circa il 14% dei afferma di accogliergli, ma non ne indica il numero. Tabella 9. Ripartizione dei per l infanzia rispetto al numero di bambini disabili accolti nell anno 2011/2012 Bambini disabili nessuno 112 uno 17 più di due 5 non indicato 22 Totale approfondimenti dicembre 2012

13 I destinatari dei integrativi per l infanzia. La tabella 10 evidenzia che la quasi totalità dei integrativi per l infanzia censiti (circa il 93%) accoglie bambini fino ai 3 anni, mentre solo il 7% dei integrativi accoglie bambini con un età compresa tra i 6 ed i 10 anni. Tabella 10. dei integrativi per l infanzia rispetto alla fascia di età dei bambini accolti Fascia di età (su 73) meno di 3 anni 68 da 3 a 5 anni 12 da 6 a 10 anni 5 Grafico 7. Percentuale dei integrativi per l infanzia rispetto alla fascia di età dei bambini accolti 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% fino a 3 anni da 3 a 5 anni da 6 a 10 anni dicembre 2012 approfondimenti. 13

14 La Tabella 11 evidenzia che nel 55% dei integrativi censiti è possibile la formazione di gruppi dedicati specificatamente a bambini in una fascia d età compresa tra 0 e 12 mesi. Il 23% consente la frequenza a bambini anche senza l adulto di riferimento (cfr. che accolgono bambini fino ai 10 anni). Tabella 11. dei integrativi per l infanzia rispetto alla presenza di piccoli e E prevista la presenza di: (su 73) gruppi di bambini 0-12 mesi 40 bambini senza di riferimento 17 La figura dell adulto di riferimento è rappresentata per la maggior parte (oltre il 90%) dalla mamma o dalla nonna, ma significativa è la partecipazione di altri : la babysitter, il papà e il nonno. Tabella 12. dei integrativi per l infanzia rispetto alla categoria di di riferimento Categoria (su 73) mamma 69 papà 50 nonna 68 nonno 47 babysitter 53 altri approfondimenti dicembre 2012

15 Grafico 8. Percentuale dei integrativi per l infanzia rispetto alla categoria di di riferimento 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% mamma nonna babysitter papà nonno altri dicembre 2012 approfondimenti. 15

16 Accesso al o ( per l infanzia). Al fine di completare il quadro della realtà dei per l infanzia è importante considerarne alcuni aspetti relativi alla dimensione organizzativa. I requisiti prioritari per l ammissione sono l ordine di iscrizione (61%) e l essere residente nel comune sede del o (56%); nel 36% dei censiti anche le caratteristiche del nucleo familiare costituiscono un elemento discriminatorio. Alla voce altro, quali requisiti considerati per l ammissione sono inseriti: segnalazioni dei sociali, avere fratelli frequentanti, tempo pieno, figli di dipendenti. Tabella 13. dei per l infanzia rispetto ai requisiti di priorità per l ammissione Requisito prioritario (su 156) ordine di iscrizione 95 residenza nel comune 88 residenza in comune convenzionato 22 caratteristiche del nucleo familiare 56 altro 35 Grafico 9. Percentuale dei per l infanzia rispetto ai requisiti di priorità per l ammissione 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% ordine di iscrizione residenza nel comune caratteristiche del nucleo familiare residenza in comune convenzionato altro 16. approfondimenti dicembre 2012

17 La Tabella 14 mostra che il bacino d utenza dei per l infanzia, in circa il 70% dei, non prevede limitazioni, mentre circa il 20% considera il territorio comunale. Solo il 5% ha come bacini di utenza altri comuni della provincia anche se non convenzionati. Tabella 14. Ripartizione dei per l infanzia rispetto al bacino di utenza Bacino di utenza territorio comunale 31 altri comuni convenzionati 4 altri comuni della provincia anche se non convenzionati 8 nessuna limitazione 109 non indicato 4 Totale 156 Grafico 10. Ripartizione percentuale dei per l infanzia rispetto al bacino di utenza 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% territorio comunale altri comuni convenzionati altri comuni della provincia anche se non convenzionati nessuna limitazione non indicato dicembre 2012 approfondimenti. 17

18 La Tabella 15 riporta le modalità di fruizione dei in relazione ai tempi di funzionamento, che si articolano su diverse fasce orarie. È possibile notare che la quasi totalità dei censiti consente la possibilità di frequentare solo al mattino e l 80% di essi consente la frequenza solo pomeridiana. Il 67% prevede il prolungamento dell orario mentre solo il 45% l anticipo sull ingresso del mattino. La flessibilizzazione delle modalità di funzionamento dei, che regolano la loro offerta su tempi differenziati nell arco della giornata, sembra rappresentare una modalità per rispondere al meglio alle esigenze delle famiglie e dei bambini, nella direzione di una offerta che può facilitare alle famiglie il difficile compito di conciliazione tra i tempi di lavoro e i tempi di cura. Tabella 15. dei per l infanzia rispetto alle modalità di fruizione Modalità di fruizione (su 156) part-time al mattino 150 part-time al pomeriggio 124 orario anticipato 71 orario prolungato 105 Grafico 11. Percentuale dei per l infanzia rispetto alle modalità di fruizione 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% part-time al mattino part-time al pomeriggio orario prolungato orario anticipato 18. approfondimenti dicembre 2012

19 Accesso al o ( integrativi per l infanzia). Spostando l attenzione sull architettura organizzativa dei integrativi per l infanzia possiamo descriverne il profilo a partire da alcune caratteristiche relative alla modalità di accesso e all organizzazione. Per quanto riguarda le modalità di accesso al o si rileva che avviene nella quasi totalità dei casi su iscrizione e nell 89% dei casi a pagamento. Il 75% preferisce l organizzazione dei bambini in gruppi fissi e per quanto riguarda invece l articolazione della frequenza settimanale emerge che il 68% consente la partecipazione anche più volte per settimana. Tabella 16. Ripartizione dei integrativi per l infanzia rispetto alle modalità di accesso Modalità di accesso con iscrizione 72 libera 1 Totale 73 Tabella 17. Ripartizione dei integrativi per l infanzia rispetto ai costi d accesso Costi di accesso gratuita 7 a pagamento in alcuni casi 1 a pagamento per tutti 65 Totale 73 Tabella 18. Ripartizione dei integrativi per l infanzia rispetto alle modalità di organizzazione Modalità di organizzazione in gruppi aperti 18 in gruppi fissi 55 Totale 73 Tabella 19. Ripartizione dei integrativi per l infanzia rispetto al tipo di frequenza Tipo di frequenza consentito solo una volta alla settimana 22 anche più volte la settimana 50 non indicato 1 Totale 73 dicembre 2012 approfondimenti. 19

20 Equipe educativa ( per l infanzia). Dalla rilevazione è emerso che la figura del Coordinatore è presente in quasi tutti i, nel 45% dei casi svolge anche funzioni educative e nel 28% coordina più. Solo il 25% dei coordinatori svolge esclusivamente funzioni di coordinamento. Tabella 20. Ripartizione dei per l infanzia rispetto alla presenza di un coordinatore Coordinatore nessun coordinatore 4 coordinatore con funzioni anche educative 70 coordinatore con funzioni di coordinamento su diversi 43 coordinatore con funzioni esclusive di coordinamento 39 Totale 156 Grafico 12. Ripartizione percentuale dei per l infanzia rispetto alla presenza di un coordinatore 50% 40% 30% 20% 10% 0% nessun coordinatore coordinatore con funzioni anche educative coordinatore con funzioni di coordinamento su diversi coordinatore con funzioni esclusive di coordinamento 20. approfondimenti dicembre 2012

21 Il 38% dei censiti si caratterizza per avere un equipe educativa composta da 3-4 educatori, mentre l 8% si caratterizza per avere un equipe numerosa, composta da oltre 8 educatori. Tabella 21. Ripartizione dei per l infanzia rispetto al numero di educatori di educatori da 1 a 2 39 da 3 a 4 59 da 5 a 8 38 oltre 8 13 non indicato 7 Totale 156 Grafico 13. Ripartizione percentuale dei per l infanzia rispetto al numero di educatori 40% 30% 20% 10% 0% da 1 a 2 da 3 a 4 da 5 a 8 oltre 8 non indicato dicembre 2012 approfondimenti. 21

22 Le risorse umane che operano nei per l infanzia e che esercitano le loro funzioni in modo stabile e continuativo sono: i coordinatori, gli educatori e gli ausiliari, cioè figure di supporto che assicurano anche la funzionalità dei locali, e i volontari. Gli ausiliari sono presenti nell 84% dei per l infanzia. Accanto a queste figure è possibile trovare la presenza di cuochi, che provvedono alla preparazione dei pasti, nel 33% dei casi ed anche di leve civiche in circa il 12% della totalità. Tabella 22. dei per l infanzia rispetto alla presenza di altre figure adulte Tipo di figura adulta (su 156) ausiliario 131 cuoco 51 leva civica 18 altra figura 41 Grafico 14. Ripartizione percentuale dei per l infanzia rispetto alla presenza di altre figure adulte 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% ausiliario cuoco leva civica altra figura 22. approfondimenti dicembre 2012

23 Equipe educativa ( integrativi per l infanzia). La Tabella 23 mostra che la figura del Coordinatore è presente in quasi tutti i integrativi per l infanzia, nel 36% dei casi svolge anche funzioni educative e nel 29% coordina più. Solo il 33% svolge quindi esclusivamente funzioni di coordinamento. Tabella 23. Ripartizione dei integrativi per l infanzia rispetto alla presenza di un coordinatore Coordinatore nessun coordinatore 2 coordinatore con funzioni anche educative 26 coordinatore con funzioni di coordinamento su diversi 21 coordinatore con funzioni esclusive di coordinamento 24 Totale 73 Grafico 15. Ripartizione percentuale dei per l infanzia rispetto alla presenza di un coordinatore 40% 30% 20% 10% 0% nessun coordinatore coordinatore con funzioni anche educative coordinatore con funzioni di coordinamento su diversi coordinatore con funzioni esclusive di coordinamento dicembre 2012 approfondimenti. 23

24 Solo nel 12 % dei integrativi gli educatori sono in numero maggiore o uguale a tre. Il 42% dei ha un equipe di due educatori e il 42% vede la presenza di un unica figura educativa. Tabella 24. Ripartizione dei integrativi per l infanzia rispetto al numero di educatori di educatori uno 31 due 31 tre o più 9 non indicato 2 Totale 73 Grafico 16. Ripartizione percentuale dei integrativi per l infanzia rispetto al numero di educatori 50% 40% 30% 20% 10% 0% uno due tre o più non indicato 24. approfondimenti dicembre 2012

25 Collaborazioni ( per l infanzia). Si può affermare che pressoché la totalità dei per l infanzia organizza iniziative rivolte ai genitori dei bambini frequentanti. La maggior parte organizza attività aperte all esterno: l 84% dei presenta iniziative aperte anche ad utenti esterni e al territorio e l 81% organizza attività in connessione con enti, e agenzie del territorio. Tabella 25. dei per l infanzia rispetto al tipo di iniziative e attività esterne Presenza di iniziative / attività (su 156) iniziative rivolte ai genitori frequentanti il o 155 iniziative aperte anche a utenti esterni e al territorio 131 attività in connessione con enti, e agenzie del territorio 127 Grafico 17. Ripartizione percentuale dei per l infanzia rispetto al tipo di iniziative e attività esterne 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% iniziative rivolte ai genitori frequentanti il o iniziative aperte anche a utenti esterni e al territorio attività in connessione con enti, e agenzie del territorio dicembre 2012 approfondimenti. 25

26 Nello specifico diverse sono le categorie di sociosanitari con le quali possono essere instaurate collaborazioni. Infatti, in oltre il 60% dei casi si registra la disponibilità dell equipe educativa alla collaborazione con i sociali, nel 40% con la neuropsichiatria e nel 31% con i pediatri. Tabella 26. dei per l infanzia rispetto alla categoria di sociosanitari con cui si collabora Categoria di (su 156) sociali 98 neuropsichiatria 62 pediatri 49 consultorio 40 altri 29 Grafico 18. Ripartizione percentuale dei per l infanzia rispetto alla categoria di sociosanitari con cui si collabora 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% sociali neuropsichiatria pediatri consultorio altri 26. approfondimenti dicembre 2012

27 Collaborazioni ( integrativi per l infanzia). Come per i per l infanzia, anche per i integrativi sono significativi il coinvolgimento e l apertura al territorio nell ambito delle iniziative proposte: oltre l 80% dei censiti dichiarano di svolgere attività in connessione con enti, e agenzie del territorio. Tabella 27. dei integrativi per l infanzia rispetto al tipo di iniziative e attività esterne Presenza di iniziative / attività (su 73) iniziative rivolte ai genitori frequentanti il o 67 iniziative aperte anche a utenti esterni e al territorio 56 attività in connessione con enti, e agenzie del territorio 63 Grafico 19. Ripartizione percentuale dei integrativi per l infanzia rispetto al tipo di iniziative e attività esterne 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% iniziative rivolte ai genitori frequentanti il o iniziative rivolte al territorio attività in connessione con enti, o agenzie del territorio dicembre 2012 approfondimenti. 27

28 Nei integrativi la collaborazione dell equipe educativa si attua per lo più con i sociali (oltre il 90%) mentre, diventa meno rilevante, rispetto ai per l infanzia, quella con la neuropsichiatria (15%) e con il pediatra (12%). Tabella 28. dei integrativi per l infanzia rispetto alla categoria di sociosanitari con cui si collabora Categoria di (su 73) sociali 68 consultorio 25 neuropsichiatria 11 pediatri 9 altri 17 Grafico 20. Ripartizione percentuale dei integrativi per l infanzia rispetto alla categoria di sociosanitari con cui si collabora 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% sociali consultorio neuropsichiatria pediatri altri 28. approfondimenti dicembre 2012

Costi Materiali ferrosi

Costi Materiali ferrosi Adrara San Martino 1927 37.710 n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. 19,57 P Adrara San Rocco 804 22.420 n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. 27,89 P Albano Sant'Alessandro 6955 81.130 - - - - - - - 11,66 P

Dettagli

TABELLE DI DETTAGLIO SULLE ALTRE RACCOLTE DIFFERENZIATE

TABELLE DI DETTAGLIO SULLE ALTRE RACCOLTE DIFFERENZIATE TABELLE DI DETTAGLIO SULLE ALTRE RACCOLTE DIFFERENZIATE Altri metalli Olio vegetale Pneumatici Raccolta multimateriale RAEE Stracci e indumenti dismessi Altre raccolte differenziate ALTRI METALLI Comune

Dettagli

RILEVAMENTO DEL TRAFFICO AGGIORNATO AL 31.12.2011. Ufficio Catasto Strade Bergamo, febbraio 2012

RILEVAMENTO DEL TRAFFICO AGGIORNATO AL 31.12.2011. Ufficio Catasto Strade Bergamo, febbraio 2012 PROVINCIA DI BERGAMO Settore Viabilità e Trasporti RILEVAMENTO DEL TRAFFICO AGGIORNATO AL 31.12.2011 Ufficio Catasto Strade Bergamo, febbraio 2012 TABELLA A SEZIONE DI RILEVAMENTO FISSE TABELLA B TABELLA

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2007

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2007 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 REGIONE AGRARIA 1 REGIONE AGRARIA 2 Comuni di: AVERARA, BRANZI, CARONA, CASSIGLIO, CUSIO, FOPPOLO, ISOLA DI FONDRA, LENNA, MEZZOLDO, MOIO DE` CALVI, OLMO AL

Dettagli

GIOVANISSIMI PROVINCIALI

GIOVANISSIMI PROVINCIALI GIOVANISSIMI PROVINCIALI GIRONE A AURORA SERIATE CALCIO SRL CAROBBIO DEGLI ANGELI CASAZZA CALCIO G.S.O. AURORA TRESCORsq.B ORATORIO BRUSAPORTO PEDRENGO CALCIO VILLONGO CALCIO GIRONE B ALBANO CALCIO BERGAMO

Dettagli

INDIRIZZI DELLE SEDI DISTRETTUALI DELL ASL DI BERGAMO E ELENCO COMUNI DEL TERRITORIO CON RELATIVI AMBITI DI ZONA E DISTRETTUALI

INDIRIZZI DELLE SEDI DISTRETTUALI DELL ASL DI BERGAMO E ELENCO COMUNI DEL TERRITORIO CON RELATIVI AMBITI DI ZONA E DISTRETTUALI Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Bergamo Via Gallicciolli, 4-24121 Bergamo - C.F. e P.I. 02584740167 INDIRIZZI DELLE SEDI DISTRETTUALI DELL ASL DI BERGAMO E ELENCO COMUNI DEL TERRITORIO CON

Dettagli

Al Responsabile dell'ufficio Tecnico di:

Al Responsabile dell'ufficio Tecnico di: Giunta Regionale DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA SVILUPPO DI SISTEMI FORESTALI, AGRICOLTURA DI MONTAGNA, USO E TUTELA DEL SUOLO AGRICOLO Piazza Città di Lombardia n.1 20124 Milano www.regione.lombardia.it

Dettagli

ISTITUTI COMPRENSIVI BGIC81500E 1 IST. COMPR. BERGAMO "CAMOZZI"

ISTITUTI COMPRENSIVI BGIC81500E 1 IST. COMPR. BERGAMO CAMOZZI UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI ISTITUTI COMPRENSIVI BGIC81500E 1 IST. COMPR. VIA PINETTI, 5 13 BGIC8100P IST. COMPR. "A. DA VIA CODUSSI, 7 1 ROSCIATE" BGIC80700G 3 IST. COMPR. "DE VIA DELLE TOFANE,

Dettagli

I progetti extrascuola in provincia di Bergamo

I progetti extrascuola in provincia di Bergamo I progetti extrascuola in provincia di Schede anagrafiche dei progetti per Comune Comune Denominazione progetto Ente titolare A.T. Albano Servizio spazio incontro nel tempo libero Sant Alessandro Comune

Dettagli

COMUNE DI ARCENE Email: protocollo@pec.comune.arcene.bg.it

COMUNE DI ARCENE Email: protocollo@pec.comune.arcene.bg.it Regione Lombardia - Giunta ASSESSORE A SICUREZZA, PROTEZIONE CIVILE E IMMIGRAZIONE SIMONA BORDONALI Piazza Città di Lombardia n.1 20124 Milano www.regione.lombardia.it sicurezza@pec.regione.lombardia.it

Dettagli

VOLONTARIATO COMUNE DI MADONE 80 CORSO SALVAMENTO SOCIETÀ NAZIONALE DI SALVAMENTO 40 ANIMATRICE CRE 2013 ORATORIO SAN GIORGIO - BONATE SOTTO 150

VOLONTARIATO COMUNE DI MADONE 80 CORSO SALVAMENTO SOCIETÀ NAZIONALE DI SALVAMENTO 40 ANIMATRICE CRE 2013 ORATORIO SAN GIORGIO - BONATE SOTTO 150 ATTIVITÀ STRUTTURA OSPITANTE ore PROGETTO "VIENI A SCUOLA CON ME" ISIS MAMOLI BERGAMO SEDE 42 PROGETTO "VIENI A SCUOLA CON ME" ISIS MAMOLI BERGAMO SEDE 60 PROGETTO "VIENI A SCUOLA CON ME" ISIS MAMOLI BERGAMO

Dettagli

Assegni al nucleo familiare: a chi spetta cosa I nuovi livelli di reddito per il calcolo dell importo in vigore fra il luglio 2011 e il giugno 2012

Assegni al nucleo familiare: a chi spetta cosa I nuovi livelli di reddito per il calcolo dell importo in vigore fra il luglio 2011 e il giugno 2012 a cura dell Ufficio Comunicazione della CGIL di Bergamo 3 Luglio 2011 Assegni al nucleo familiare: a chi spetta cosa I nuovi livelli di reddito per il calcolo dell importo in vigore fra il luglio 2011

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE N. 12 ISOLA BERGAMASCA L OFFERTA DI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER MINORI

AMBITO TERRITORIALE N. 12 ISOLA BERGAMASCA L OFFERTA DI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER MINORI 1 AMBITO TERRITORIALE N. 12 ISOLA BERGAMASCA Servizi e progetti per l infanzia L OFFERTA DI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER MINORI TIPOLOGIE DI SERVIZI N. 2 Asili nido / Micro Nidi N. 0 Baby Parking N. 1 Nidi

Dettagli

INTERVENTI PER L'ORIENTAMENTO E L'OCCUPAZIONE DEI DISABILI

INTERVENTI PER L'ORIENTAMENTO E L'OCCUPAZIONE DEI DISABILI AZIONE PROGETTI CON INTERVENTI DI CARATTERE TRASVERSALE SU TUTTO IL TERRITORIO INCONTRO DOMANDA-OFFERTA PROVINCIALE Denominazione Ente Erogatore o Capofila ATS PROVINCIA di BERGAMO - CpI - Collocamento

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE N. 8 VALLE SERIANA L OFFERTA DI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER MINORI

AMBITO TERRITORIALE N. 8 VALLE SERIANA L OFFERTA DI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER MINORI 1 AMBITO TERRITORIALE N. 8 VALLE SERIANA L OFFERTA DI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER MINORI Servizi e progetti per l infanzia TIPOLOGIE DI SERVIZI N. 6 Asili nido / Micro Nidi N. 0 Baby Parking N. 0 Nidi

Dettagli

NEWSLETTER. DICEMBRE 2010 Foglio di informazione dell Osservatorio Politiche Sociali

NEWSLETTER. DICEMBRE 2010 Foglio di informazione dell Osservatorio Politiche Sociali Provincia di Bergamo Settore Politiche Sociali e Salute NEWSLETTER DICEMBRE 2010 Foglio di informazione dell Osservatorio Politiche Sociali Progetti di Educazione alla Salute nelle scuole di Val Seriana

Dettagli

PIANO PROVINCIALE PER L OCCUPAZIONE DEI DISABILI

PIANO PROVINCIALE PER L OCCUPAZIONE DEI DISABILI PIANO PROVINCIALE PER L OCCUPAZIONE DEI DISABILI OPERATORI INCONTRO DOMANDA - OFFERTA DISPOSITIVO 3.3 PROVINCIA DI BERGAMO Collocamento Mirato Disabili. Centro per Impiego di Albino e Centro per Impiego

Dettagli

Newsletter n.15 - Iniziative dall'1 al 15 febbraio 2012

Newsletter n.15 - Iniziative dall'1 al 15 febbraio 2012 NEWSLETTER INFANZIA Appuntamenti realizzati sul territorio provinciale rivolti a mamme, papà, bimbi e bimbe, famiglie, operatori della prima infanzia e della famiglia. Newsletter n.15 - Iniziative dall'1

Dettagli

1782278841 035/0796305 NO Via IV Novembre, 7 24128 Bergamo 035/2811637 035/2811642 SI Via Roma, 43/1 24027 Nembro (BG)

1782278841 035/0796305 NO Via IV Novembre, 7 24128 Bergamo 035/2811637 035/2811642 SI Via Roma, 43/1 24027 Nembro (BG) 01_Bergamo Airone s.a.s. SI Via dei Carpinoni, 8 24126 Bergamo Assistenza domiciliare San Francesco 035/312910 333/4056309 1782278841 035/0796305 NO Via IV Novembre, 7 24128 Bergamo 035/2811637 035/2811642

Dettagli

ELENCO IMPIANTI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO RADIANTE VELTA

ELENCO IMPIANTI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO RADIANTE VELTA ELENCO IMPIANTI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO RADIANTE VELTA - Palazzo della Ragione Piazza Vecchia Città Alta - Foyer Teatro Donizetti - Auditorium Circoscrizione 5 Comune di Caldo, freddo, aria primaria

Dettagli

RACCOLTE DIFFERENZIATE

RACCOLTE DIFFERENZIATE Provincia di Bergamo SERVIZIO AMBIENTE - OSSERVATORIO PROVINCIALE RIFIUTI Rapporto sulla produzione di RIFIUTI SOLIDI URBANI e sull andamento delle RACCOLTE DIFFERENZIATE anno 1999 Produzione Rifiuti e

Dettagli

Allegato A alla dgr n. PIANO DI ORGANIZZAZIONE DELLA RETE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER L'A.S. 2012/2013 (D.P.R. 233/98)

Allegato A alla dgr n. PIANO DI ORGANIZZAZIONE DELLA RETE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER L'A.S. 2012/2013 (D.P.R. 233/98) Allegato A alla dgr n. del PIANO DI ORGANIZZAZIONE DELLA RETE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER L'A.S. 2012/2013 (D.P.R. 233/98) Bergamo BG059894DRM BGEE06503R Scuola Primaria di Cologno Al Serio EE Cologno

Dettagli

Newsletter n. 13 - Iniziative dall'1 al 15 gennaio 2012

Newsletter n. 13 - Iniziative dall'1 al 15 gennaio 2012 NEWSLETTER INFANZIA Appuntamenti realizzati sul territorio provinciale rivolti a mamme, papà, bimbi e bimbe, famiglie, operatori della prima infanzia e della famiglia. Newsletter n. 13 - Iniziative dall'1

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 1108/2015 ADOTTATA IN DATA 08/07/2015

DELIBERAZIONE N. 1108/2015 ADOTTATA IN DATA 08/07/2015 DELIBERAZIONE N. 1108/2015 ADOTTATA IN DATA 08/07/2015 OGGETTO: Proroga sino al 31.12.2015 delle convenzioni per il servizio di soccorso sanitario extraospedaliero estemporaneo della provincia di Bergamo.

Dettagli

16 ASILI NIDO. Destinatari del servizio Bambini di età compresa tra 6 mesi e 3 anni e le loro famiglie 16.

16 ASILI NIDO. Destinatari del servizio Bambini di età compresa tra 6 mesi e 3 anni e le loro famiglie 16. 16 ASILI NIDO Descrizione del servizio Mission L Asilo Nido è un servizio educativo e sociale, che accoglie durante il giorno le bambine ed i bambini tra 6 mesi e 3 anni, e concorre al pieno sviluppo psico-fisico,

Dettagli

Profili e prospettive gestionali nei servizi integrativi tra costi, risorse e sostenibilità

Profili e prospettive gestionali nei servizi integrativi tra costi, risorse e sostenibilità PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE POLITICHE SOCIALI E SALUTE Progetto formativo 2009-2010 SCENARI, SAPERI E PRATICHE EDUCATIVE NEI SERVIZI INTEGRATIVI PER L INFANZIA E LE FAMIGLIE Profili e prospettive gestionali

Dettagli

TABELLE DI DETTAGLIO SULLE PRINCIPALI RACCOLTE DIFFERENZIATE

TABELLE DI DETTAGLIO SULLE PRINCIPALI RACCOLTE DIFFERENZIATE TABELLE DI DETTAGLIO SULLE PRINCIPALI RACCOLTE DIFFERENZIATE Carta e cartone Vetro Scarti vegetali Rifiuto organico ex F.O.R.S.U. Metalli ferrosi Plastica Legno CARTA E CARTONE Comune (241 Comuni) Adrara

Dettagli

Newsletter n. 11 - Iniziative dal 16 al 30 novembre 2011

Newsletter n. 11 - Iniziative dal 16 al 30 novembre 2011 NEWSLETTER INFANZIA Appuntamenti realizzati sul territorio provinciale rivolti a mamme, papà, bimbi e bimbe, famiglie, operatori della prima infanzia e della famiglia. Newsletter n. 11 - Iniziative dal

Dettagli

Linee guida assistenza domiciliare educativa per disabili

Linee guida assistenza domiciliare educativa per disabili AMBITO TERRITORIALE DI DALMINE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI ZONA DEL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI Comuni di Azzano S.Paolo, Boltiere, Ciserano, Comun Nuovo, Curno, Dalmine, Lallio,

Dettagli

Nuovo X Attivato in continuità con interventi avviati a partire dall anno: 2000-2001. Il progetto si raccorda a Scuola X Famiglie Territorio

Nuovo X Attivato in continuità con interventi avviati a partire dall anno: 2000-2001. Il progetto si raccorda a Scuola X Famiglie Territorio Comune sede progetto: Bianzano AT n. 5 - Val Cavallina Progetto: Spazio compiti - Spazio giochi - Spazio Medie Sede presso Scuola Primaria Via degli orti Tel. 035 814015 fax 035 816556 e-mail Tipologia

Dettagli

Direzione Regionale della Lombardia

Direzione Regionale della Lombardia Prot. 2010/57157 Direzione Regionale della Lombardia Attivazione della Direzione Provinciale di Competenza territoriale per la registrazione degli atti notarili e degli atti emessi dagli Ufficiali roganti

Dettagli

CURRICULUM VITAE PROFESSIONALE

CURRICULUM VITAE PROFESSIONALE CURRICULUM VITAE PROFESSIONALE Informazioni personali Cognome e nome : SCIARRONE GIUSEPPE Luogo di nascita: Licata (AG) Data di nascita: 19 dicembre 1954 Residenza: Viale Italia, 45/B 24011 - Almè (BG)

Dettagli

SPAZI PER BAMBINI E ADULTI

SPAZI PER BAMBINI E ADULTI PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE ISTRUZIONE, FORMAZIONE, LAVORO E POLITICHE SOCIALI allegato e Gruppo di Coordinamento Provinciale dei servizi integrativi SPAZI PER BAMBINI E ADULTI QUESTIONI, RIFLESSIONI

Dettagli

ELEZIONI PRIMARIE 2012

ELEZIONI PRIMARIE 2012 1 Adrara San Martino Villongo - Centro anziani - via Roma 51 Villongo - Centro anziani - via Roma 51 2 Adrara San Rocco Villongo - Centro anziani - via Roma 51 Villongo - Centro anziani - via Roma 51 3

Dettagli

CORSO FORMAZIONE EDUCATORI DEI SERVIZI PRIMA INFANZIA (NIDO MICRONIDO - NIDO IN FAMIGLIA) Anno 2014-2015

CORSO FORMAZIONE EDUCATORI DEI SERVIZI PRIMA INFANZIA (NIDO MICRONIDO - NIDO IN FAMIGLIA) Anno 2014-2015 AMBITO TERRITORIALE DI DALMINE COMUNI DI: AZZANO SAN PAOLO BOLTIERE CISERANO COMUN NUOVO CURNO DALMINE LALLIO LEVATE MOZZO OSIO SOPRA OSIO SOTTO STEZZANO TREVIOLO VERDELLINO VERDELLO URGNANO ZANICA CORSO

Dettagli

"Famiglia e Lavoro.Dimensioni umane in contrapposizione o sinergia?"

Famiglia e Lavoro.Dimensioni umane in contrapposizione o sinergia? "Famiglia e Lavoro.Dimensioni umane in contrapposizione o sinergia?" PRESENTAZIONE DELLA RICERCA "Il lavoro è il fondamento su cui si forma la vita familiare, la quale è un diritto naturale ed una vocazione

Dettagli

SCHEDA B.3.5 EDUCAZIONE AMBIENTALE AMBITO N. 1 TIPOLOGIA SCUOLA DENOMINAZIONE COMUNE IC IS ISTITUTO ISTITUTO

SCHEDA B.3.5 EDUCAZIONE AMBIENTALE AMBITO N. 1 TIPOLOGIA SCUOLA DENOMINAZIONE COMUNE IC IS ISTITUTO ISTITUTO SCHEDA B.3.5 EDUCAZIONE AMBIENTALE AMBITO N. 1 ALMENNO S.B. " LUIGI ANGELINI " ALMENNO S.SALV."GIOVANNI XXIII" BREMBILLA " GIOVANNI XXIII " "A.TIRABOSCHI" S.GIOVANNI BIANCO "C.CERESA" S.PELLEGRINO, CAP.

Dettagli

PENDOLARISMO E SISTEMI LOCALI DEL LAVORO in provincia di Bergamo (2011)

PENDOLARISMO E SISTEMI LOCALI DEL LAVORO in provincia di Bergamo (2011) PENDOLARISMO E SISTEMI LOCALI DEL LAVORO in provincia di Bergamo (2011) Spostamenti giornalieri per motivi di studio e di lavoro (Censimento della Popolazione 2011) e nuova configurazione dei Sistemi Locali

Dettagli

Newsletter n. 4 - Iniziative dall'1 al 15 giugno 2011

Newsletter n. 4 - Iniziative dall'1 al 15 giugno 2011 NEWSLETTER INFANZIA Appuntamenti realizzati sul territorio provinciale rivolti a mamme, papà, bimbi e bimbe, famiglie, operatori della prima infanzia e della famiglia. Newsletter n. 4 - Iniziative dall'1

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 1985/2014 ADOTTATA IN DATA 18/12/2014 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 1985/2014 ADOTTATA IN DATA 18/12/2014 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 1985/2014 ADOTTATA IN DATA 18/12/2014 OGGETTO: Proroga sino al 30.06.2015 delle convenzioni per il servizio di soccorso sanitario extraospedaliero estemporaneo della provincia di Bergamo.

Dettagli

Agrate. Donata Leone Ornago 338 2868451 donata.leone.ornago@gmail.com. Elena Cantù 335 8370910 elena.cantu@unibocconi.it

Agrate. Donata Leone Ornago 338 2868451 donata.leone.ornago@gmail.com. Elena Cantù 335 8370910 elena.cantu@unibocconi.it Agrate Donata Leone Ornago 338 2868451 donata.leone.ornago@gmail.com Elena Cantù 335 8370910 elena.cantu@unibocconi.it Albino Antonio Camisa - CIRCOLO ACLI 339 3843398 Almè Associazione CulturALmènte -

Dettagli

A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Carta dei Servizi L Istituto Suore Cappuccine di M. Rubatto, perseguendo nel tempo il proprio carisma, ha voluto iniziare questa nuova attività sociosanitaria

Dettagli

Newsletter n. 6 - Iniziative dall'1 al 15 settembre 2011

Newsletter n. 6 - Iniziative dall'1 al 15 settembre 2011 NEWSLETTER INFANZIA Appuntamenti realizzati sul territorio provinciale rivolti a mamme, papà, bimbi e bimbe, famiglie, operatori della prima infanzia e della famiglia. Newsletter n. 6 - Iniziative dall'1

Dettagli

ELENCO IMPIANTI SEGUTI DALLO STUDIO TECNICO E RICONOSCIUTI DAL GSE. 250,08kW su tetto Verdellino (BG)

ELENCO IMPIANTI SEGUTI DALLO STUDIO TECNICO E RICONOSCIUTI DAL GSE. 250,08kW su tetto Verdellino (BG) ELENCO IMPIANTI SEGUTI DALLO STUDIO TECNICO E RICONOSCIUTI DAL GSE 350kW su tetto Romano di Lombardia (BG) 250,08kW su tetto Verdellino (BG) 196 kw pensiline Acquaviva delle Fonti (BA) 190,722kW su tetto

Dettagli

MIUR - UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA - AMBITO TERRITORIALE DI BERGAMO ISTITUTO COMPRENSIVI - ANNO SCOLASTICO 2013/2014

MIUR - UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA - AMBITO TERRITORIALE DI BERGAMO ISTITUTO COMPRENSIVI - ANNO SCOLASTICO 2013/2014 MIUR - UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA - AMBITO TERRITORIALE DI BGIC81500E 1 I.C. "CAMOZZI" BGMM81501G VIA PINETTI, 25 BGAA81501B 24123 BGAA81502C SECOND. I GRADO CAMOZZI SCUOLA INFANZIA

Dettagli

PIANO DI ORGANIZZAZIONE DELLA RETE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE 2013/2014

PIANO DI ORGANIZZAZIONE DELLA RETE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE 2013/2014 BG Sede BG482060DRM I.C. di Dalmine, Viale Betelli 4 Primo ciclo Comprensivo 1150 DALMINE Viale Betelli, 17 BG BG482060DRM BGEE084047 Primaria - Manzoni (Sabbio) Scuola Primaria Ordinaria DALMINE Via Don

Dettagli

Newsletter n. 10 - Iniziative dall'1 al 15 novembre 2011

Newsletter n. 10 - Iniziative dall'1 al 15 novembre 2011 NEWSLETTER INFANZIA Appuntamenti realizzati sul territorio provinciale rivolti a mamme, papà, bimbi e bimbe, famiglie, operatori della prima infanzia e della famiglia. Newsletter n. 10 - Iniziative dall'1

Dettagli

o v o 4 1 0 -2 3 1 0 2 le a rn e v in rio ra o

o v o 4 1 0 -2 3 1 0 2 le a rn e v in rio ra o nuovo INVERNALE T1 orario invernale 2013-2014 In bici sul TRAM. TUTTI I GIORNI IL NUMERO MASSIMO DI BICICLETTE TRASPORTABILI SULLA TRAMVIA È DI 4 SENZA NECESSITÀ DELLA PRENOTAZIONE. Se alla fermata ci

Dettagli

Organigramma dell Auser

Organigramma dell Auser Organigramma dell Auser nazionale, regionale, provinciale 79 Organigramma nazionale dell associazione CONSIGLIO DIRETTIVO 87 membri (11 della Reg. Lombardia, 1 di Bergamo: Giuseppe Imberti) PRESIDENTE

Dettagli

Liste di mobilità di MAGGIO 2014: confermato il calo dei licenziamenti. Anche a maggio Bergamo meglio della Lombardia.

Liste di mobilità di MAGGIO 2014: confermato il calo dei licenziamenti. Anche a maggio Bergamo meglio della Lombardia. Liste di mobilità di MAGGIO 2014: confermato il calo dei licenziamenti. Anche a maggio Bergamo meglio della Lombardia. La sottocommissione regionale per le politiche del lavoro, nella riunione del 6 giugno,

Dettagli

Valle Imagna Villa d Almè. Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona Azienda Speciale Consortile

Valle Imagna Villa d Almè. Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona Azienda Speciale Consortile Valle Imagna Villa d Almè Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona Azienda Speciale Consortile Comunità Familiare di Berbenno CARTA DEL SERVIZIO E PIANO EDUCATIVO GENERALE INTRODUZIONE La Carta

Dettagli

X Nuovo Attivato in continuità con interventi avviati a partire dall anno:

X Nuovo Attivato in continuità con interventi avviati a partire dall anno: Comune sede progetto: Almè AT n. 11 - Valle Imagna e Villa d'almè Progetto: Giochiamo e compitiamo: compiti, giochi e non solo Sede presso Oratorio di Almè Tel. fax e-mail Tipologia di progetto extrascuola

Dettagli

Giovani Card 2012. giovanicard.it. La carta per i giovani di Bergamo e provincia che offre sconti in oltre 200 esercizi convenzionati.

Giovani Card 2012. giovanicard.it. La carta per i giovani di Bergamo e provincia che offre sconti in oltre 200 esercizi convenzionati. Giovani Card 2012 La carta per i giovani di e provincia che offre sconti in oltre 200 esercizi convenzionati. Per l elenco di tutte le promozioni visita: giovanicard.it giovanicard.it Diventa fan su: facebook.com

Dettagli

Non lasciamoci rubare l amore per la scuola (Papa Francesco all incontro con il mondo della scuola del 10 maggio 2014) CALENDARIO PASTORALE

Non lasciamoci rubare l amore per la scuola (Papa Francesco all incontro con il mondo della scuola del 10 maggio 2014) CALENDARIO PASTORALE Non lasciamoci rubare l amore per la scuola (Papa Francesco all incontro con il mondo della scuola del 10 maggio 2014) CALENDARIO PASTORALE DEL MONDO DELLA SCUOLA 2014-2015 CALENDARIO PASTORALE DEL MONDO

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE POLITICHE SOCIALI

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE POLITICHE SOCIALI PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE POLITICHE SOCIALI COORDINAMENTO DEGLI SPORTELLI PER L IMMIGRAZIONE PERCORSO DI FORMAZIONE E APPROFONDIMENTO La presenza sul territorio della provincia di Bergamo di un numero

Dettagli

nuovo INVERNALE orario invernale 2014-2015

nuovo INVERNALE orario invernale 2014-2015 nuovo INVERNALE T1 orario invernale 2014-2015 In bici sul TRAM. TUTTI I GIORNI il numero massimo di biciclette trasportabili sulla tramvia è di 4 senza necessità della prenotazione. Se alla fermata ci

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : BERGAMO

SISTEMA INFORMATIVO MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : BERGAMO SISTEMA INFORMATIVO MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : BERGAMO ELENCO DEI TRASFERIMENTI E PASSAGGI DEL PERSONALE DOCENTE

Dettagli

SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER L INFANZIA E L ADOLESCENZA

SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER L INFANZIA E L ADOLESCENZA 2 SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER L INFANZIA E L ADOLESCENZA 28 Servizi per la prima infanzia 2 Sono servizi educativi che offrono ai bambini al di sotto dei tre anni uno spazio di gioco ed incontro con altri

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : BERGAMO

SISTEMA INFORMATIVO MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : BERGAMO SMOW5A 15-05-14PAG. 1 SISTEMA INFORMATIVO MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : BERGAMO ELENCO DEI TRASFERIMENTI E PASSAGGI

Dettagli

Albino Congregazione di Carità Classe II

Albino Congregazione di Carità Classe II Elenco delle Istituzioni di assistenza e beneficenza tratto dal Decreto Prefettizio di di classificazione delle Opere COMUNE ATTUALE COMUNE NEL 1927 ENTE CLASSE Adrara S. Martino Asilo Adrara S. Martino

Dettagli

Nuovo X Attivato in continuità con interventi avviati a partire dall anno: 2002-2003

Nuovo X Attivato in continuità con interventi avviati a partire dall anno: 2002-2003 Comune sede progetto: Bolgare AT n. 4 - Grumello Progetto: Spazio Gioco Cerchio dei Piccoli Sede presso Sala polivalente Tel. fax e-mail Tipologia di progetto extrascuola Solo compiti X Compiti e proposte

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA DEI VINI TERRE DEL COLLEONI O COLLEONI

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA DEI VINI TERRE DEL COLLEONI O COLLEONI DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA DEI VINI TERRE DEL COLLEONI O COLLEONI Articolo 1 (Denominazione) La denominazione di origine controllata è riservata ai vini che rispondono

Dettagli

LE ARTICOLAZIONI ORGANIZZATIVE TERRITORIALI

LE ARTICOLAZIONI ORGANIZZATIVE TERRITORIALI Piano di Organizzazione Aziendale ASL della provincia di Bergamo. Anno LE ARTICOLAZIONI ORGANIZZATIVE TERRITORIALI pag. 8/58 Piano di Organizzazione Aziendale ASL della provincia di Bergamo. Anno I COMUNI

Dettagli

Studio sulla presenza di Aedes albopictus (Zanzara Tigre) nella provincia di Bergamo Anno 2012

Studio sulla presenza di Aedes albopictus (Zanzara Tigre) nella provincia di Bergamo Anno 2012 Studio sulla presenza di Aedes albopictus (Zanzara Tigre) nella provincia di Bergamo Anno 2012 Raffaello Maffi* - Marco Valle** - Giancarlo Malchiodi* - Melania Massaro** Omar Lodovici** * Dipartimento

Dettagli

27/12/2010 - Assegnato ad Agostino Da Polenza il Premio alla carriera 2010. Ad Agostino Da Polenza, 55 anni compiuti ad agosto, gli «Atleti

27/12/2010 - Assegnato ad Agostino Da Polenza il Premio alla carriera 2010. Ad Agostino Da Polenza, 55 anni compiuti ad agosto, gli «Atleti 1 di 8 04/01/2011 9.48 Inserisci notizia Segnala feed Contatti Mappa del sito Feed notizie Ultime notizie del comune di Bergamo provincia di Bergamo e notizie in Italia online! Ultime Notizie Cronaca Cronaca,

Dettagli

ASSEGNI AL NUCLEO FAMILIARE A chi spetta cosa?

ASSEGNI AL NUCLEO FAMILIARE A chi spetta cosa? a cura dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 3 Luglio 2013 ASSEGNI AL NUCLEO FAMILIARE A chi spetta cosa? I nuovi livelli di reddito per il calcolo dell importo in vigore fra il luglio 2013 e il

Dettagli

nuovo ESTIVO orario estivo 2014

nuovo ESTIVO orario estivo 2014 nuovo ESTIVO T1 orario estivo 2014 In bici sul TRAM. TUTTI I GIORNI il numero massimo di biciclette trasportabili sulla tramvia è di 4 senza necessità della prenotazione. Se alla fermata ci sono più di

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE Anno XXXI - N. 100 Poste Italiane - Spedizione in A.P. - art. 2, comma 20/c - Legge 662/96 - Filiale di Varese REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LOMBARDIA MILANO - MARTEDÌ, 24 APRILE

Dettagli

in bici sul tram infoteb +39 035 236 026 Per saperne di più Informazioni utili / ATB Point /

in bici sul tram infoteb +39 035 236 026 Per saperne di più Informazioni utili / ATB Point / Tutti i giorni il numero massimo di biciclette trasportabili sulla tramvia è di 4 senza necessità della prenotazione. Se alla fermata ci sono più di 4 biciclette, salgono le prime 4 giunte in fermata.

Dettagli

BILANCIO DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/2014

BILANCIO DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA PARITARIA PARROCCHIALE DELL INFANZIA DI ALMENNO SAN SALVATORE BILANCIO DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ORGANICO SCUOLA 2013/2014 SEZIONE PULCINI LEPROTTI ORSI TOTALE PRIMAVERA RONCELLI CARMEN

Dettagli

Associazione Mosaico. Posizioni servizio civile bando 2010

Associazione Mosaico. Posizioni servizio civile bando 2010 Foglio Associazione Mosaico. Posizioni servizio civile bando 00 UBICAZIONE SETTORI TITOLO PROGETTO DENOMINAZIONE ASSOCIATO POSIZIONI SETTORE: ASSISTENZA Anziani ANZIANI ENTI LOCALI Il tempo nei tuoi occhi!

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

sara.monticelli80@alice.it

sara.monticelli80@alice.it F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Monticelli Sara Giovanna Indirizzo Via Dante 164 Telefono Fax E-mail sara.monticelli80@alice.it Nazionalità Italiana Data di nascita

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI BERGAMO COMUNE DI SORISOLE COMUNE DI GORLE COMUNE DI PONTERANICA COMUNE DI ORIO AL SERIO COMUNE DI TORRE BOLDONE

AMBITO TERRITORIALE DI BERGAMO COMUNE DI SORISOLE COMUNE DI GORLE COMUNE DI PONTERANICA COMUNE DI ORIO AL SERIO COMUNE DI TORRE BOLDONE AMBITO TERRITORIALE DI BERGAMO DI GORLE DI ORIO AL SERIO DI PONTERANICA DI SORISOLE DI TORRE BOLDONE 02 PRESENTAZIONE 03 L art.1 della legge 149 del 2001 Diritto del minore ad una famiglia sancisce che

Dettagli

Sportelli - Scuola per l educazione interculturale, per l'integrazione e l inclusione degli alunni cittadini non italiani

Sportelli - Scuola per l educazione interculturale, per l'integrazione e l inclusione degli alunni cittadini non italiani Sportelli - Scuola per l educazione interculturale, per l'integrazione e l inclusione degli alunni cittadini non italiani PRESENZE DEGLI ALUNNI CON CITTADINANZA NON ITALIANA Nell anno scolastico 2013/2014,

Dettagli

Centro Socio Educativo (C.S.E.) di Brembate Sopra Via xxv Aprile Via Donizzetti 60. Redatta in conformità alla D.G.R. n. 7/20763 del 16/02/2005

Centro Socio Educativo (C.S.E.) di Brembate Sopra Via xxv Aprile Via Donizzetti 60. Redatta in conformità alla D.G.R. n. 7/20763 del 16/02/2005 Centro Socio Educativo (C.S.E.) di Brembate Sopra Via xxv Aprile Via Donizzetti 60 Redatta in conformità alla D.G.R. n. 7/20763 del 16/02/2005 Brembate sopra, settembre 2010 La Carta dei Servizi è il requisito

Dettagli

Federazione Italiana Pallavolo Comitato Provinciale di BERGAMO CALENDARI UFFICIALI. Under 13 F/M/Misto Girone A

Federazione Italiana Pallavolo Comitato Provinciale di BERGAMO CALENDARI UFFICIALI. Under 13 F/M/Misto Girone A Under 13 F/M/Misto Girone A Pagina: 1 1 Giornata 3015 Sa 13/11/10 15.30 PALAGORLE GORLE PALLAVOLO GORLE A.S.D. CAROBBIO VOLLEY 3016 Sa 13/11/10 16.00 PALESTRA COMUNALE GRONE VOLLEY VALCAVALLINA FALISELLI

Dettagli

PREMIAZIONI Anno Sportivo 2015-2016

PREMIAZIONI Anno Sportivo 2015-2016 PREMIAZIONI Anno Sportivo 2015-2016 SOCIETA' PREMIATE 0003 VOLLEY BERGAMO S.R.L. SERIE A 1 FEMMINILE Nazionale VINCITRICE COPPA ITALIA SERIE A 1 FEMMINILE Nazionale SEMIFINALISTA PLAY OFF U 18 F = Campionato

Dettagli

Unità d'offerta Sociale Diurne per Minori

Unità d'offerta Sociale Diurne per Minori ALBINO ALBINO 60 CENTRO RICREATIVO ESTIVO DIURNO C/O SC.ELEM.VIA 1 MAGGIO 035/751758 info@parrocchiadibondopetello.it ALBINO ALBINO 100 MINICRED VIA VERINI 1 035/751436 persona@albino.it ALBINO ALBINO

Dettagli

TEST DI LINGUA ITALIANA ai fini della richiesta del

TEST DI LINGUA ITALIANA ai fini della richiesta del TEST DI LINGUA ITALIANA ai fini della richiesta del PERMESSO DI SOGGIORNO CE PER SOGGIORNANTI DI LUNGO PERIODO (EX CARTA DI SOGGIORNO)* * Art.9 del D. Lgs. 25 luglio 1998 n. 286, integrato dall'articolo

Dettagli

Periodico d informazione del Club ANNO 2014/2015 N.47

Periodico d informazione del Club ANNO 2014/2015 N.47 Periodico d informazione del Club ANNO 2014/2015 N.47 100 Percent Paul Harris Fellow Club IL NOSTRO TERRITORIO Arcene Azzano San Paolo Bergamo Boltiere Bonate Sopra Bonate Sotto Brembate Brusaporto Cavernago

Dettagli

Progetto Verso il Centro Famiglie: incontri e laboratori a sostegno delle competenze genitoriali

Progetto Verso il Centro Famiglie: incontri e laboratori a sostegno delle competenze genitoriali Progetto Verso il Centro Famiglie: incontri e laboratori a sostegno delle competenze genitoriali Pagina 1 di 16 Gentili Famiglie La Compagnia di San Paolo ha individuato l azione Altrotempo Zerosei, che

Dettagli

ATTIVITÀ GENERALE CURRICULUM

ATTIVITÀ GENERALE CURRICULUM ATTIVITÀ GENERALE CURRICULUM PATATRAC Società Cooperativa Sociale a R.L. ONLUS è una cooperativa sociale di tipo A, che realizza il proprio scopo attraverso la gestione di servizi sociali, educativi e

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CHI SIAMO DOVE SIAMO ORARI DI APERTURA E CONTATTI

CARTA DEI SERVIZI CHI SIAMO DOVE SIAMO ORARI DI APERTURA E CONTATTI CARTA DEI SERVIZI CHI SIAMO Il Consultorio Familiare Mani di Scorta è un servizio socio-sanitario accreditato dalla Regione Lombardia che nasce dalla collaborazione tra due cooperative sociali: Servire

Dettagli

UBICAZIONE SETTORI TITOLO PROGETTO DENOMINAZIONE ASSOCIATO POSIZIONI

UBICAZIONE SETTORI TITOLO PROGETTO DENOMINAZIONE ASSOCIATO POSIZIONI Associazione Mosaico Posizioni Servizio civile Bando 00 UBICAZIONE SETTORI TITOLO PROGETTO DENOMINAZIONE ASSOCIATO POSIZIONI SETTORE: ASSISTENZA Anziani ANZIANI ENTI LOCALI Il tempo nei tuoi occhi! Comune

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ANNO 2015 ASL PROVINCIA DI MILANO N. 1

CARTA DEI SERVIZI ANNO 2015 ASL PROVINCIA DI MILANO N. 1 CARTA DEI SERVIZI ANNO 2015 ASL PROVINCIA DI MILANO N. 1 Indice 1. Definizione 2. Status giuridico 3. Possesso dei requisiti 4. Principi 5. Diritti dei cittadini e doveri degli operatori 6. Stili di lavoro

Dettagli

Campionato Italiano Seconda Divisione Maschile

Campionato Italiano Seconda Divisione Maschile COMUNICATO UFFICIALE N. 17 DEL 12 NOVEMBRE 2008 UFFICIO GARE N. 10 Campionato Italiano Seconda Divisione Maschile Girone: GIRONE A 001944 A.S.D. G.S. CASIGASA PARRE - PARRE (BG) Sede : VIA DUCA D' AOSTA

Dettagli

Progetti TdE 2014-15 N. STUDENTI PERIODO DI AVVIO DOCENTE ENTE CONTATTI/REFERENTE PROGETTO 1 COESI LUCIO MOIOLI FEBBRAIO 1 SANDRONE

Progetti TdE 2014-15 N. STUDENTI PERIODO DI AVVIO DOCENTE ENTE CONTATTI/REFERENTE PROGETTO 1 COESI LUCIO MOIOLI FEBBRAIO 1 SANDRONE Progetti TdE 2014-15 ENTE CONTATTI/REFERENTE PROGETTO 1 COESI LUCIO MOIOLI Nell ambito del terzo settore operano molte figure dal ruolo strategico, tuttavia la ricchezza di questi profili, come ad esempio

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO e FONDAZIONE INTERCULTURA insieme a sostegno del volontariato di protezione civile

PROVINCIA DI BERGAMO e FONDAZIONE INTERCULTURA insieme a sostegno del volontariato di protezione civile PROVINCIA DI BERGAMO e FONDAZIONE INTERCULTURA insieme a sostegno del volontariato di protezione civile BORSE DI STUDIO PER STUDIARE UN ANNO IN SVIZZERA PER GLI STUDENTI FIGLI DI VOLONTARI DI PROTEZIONE

Dettagli

Settore Cultura e Istruzione Servizio Infanzia Istruzione e Sport

Settore Cultura e Istruzione Servizio Infanzia Istruzione e Sport Comune di Faenza Settore Cultura e Istruzione Servizio Infanzia Istruzione e Sport Il sistema dei servizi per la prima infanzia attivo nel Comune di Faenza è oggi costituito da 18 diverse strutture, pubbliche

Dettagli

Bilancio dei Bambini

Bilancio dei Bambini Asili nido comunali: n iscritti 2009 2010 2011 Var. % anno 2011-2010 Numero di strutture Asili nido Capienza dei posti disponibili Numero posti attivati Numero iscritti 27 28 28-1.214 1.254 1.258 0,32%

Dettagli

Distribuzione guida Atlante delle scelte 2011/2012

Distribuzione guida Atlante delle scelte 2011/2012 SCUOLA MEDIA ADRARA S.MARTINO ADRARA SAN MARTINO Ritiro presso Centro per l'impiego di Grumello del Monte P.tta Don G.Rota 18 035 830360 30 SCUOLA MEDIA ALBANO S.ALESSANDRO ALBANO SANT'ALESSANDRO Ritiro

Dettagli

mondo scarabocchio città futura

mondo scarabocchio città futura mondo scarabocchio città futura mondo scarabocchio Dall autunno 2014 la Cooperativa città futura ha attivato nuovi servizi complementari presso il nido Scarabocchio di Trento, con l obiettivo di implementare

Dettagli

MAPPA DELLE RISORSE TERRITORIALI DELLA ZONA 5 DI MILANO

MAPPA DELLE RISORSE TERRITORIALI DELLA ZONA 5 DI MILANO TAVOLO SOCIALE ZONA 5 SOTTOGRUPPO MINORI E DISABILI MAPPA DELLE RISORSE TERRITORIALI DELLA ZONA 5 DI MILANO 1 La Mappa delle risorse territoriali è stata realizzata dal Tavolo Permanente dedicato a minori

Dettagli

X Nuovo Attivato in continuità con interventi avviati a partire dall anno:

X Nuovo Attivato in continuità con interventi avviati a partire dall anno: Comune sede progetto: Bariano AT n. 14 - Romano di Lombardia Progetto: Progetto "Media Dispersione" di Bariano Sede presso Oratorio di Bariano Via don Luigi Paganessi 6/P Tel. fax e-mail Tipologia di progetto

Dettagli

Sistema Bibliotecario di Ivrea e Canavese Dieci anni di Nati per Leggere

Sistema Bibliotecario di Ivrea e Canavese Dieci anni di Nati per Leggere Un bambino è una persona piccola, con piccole mani, piccoli piedi e piccole orecchie, ma Un bambino è una persona piccola, con piccole mani, piccoli piedi e piccole orecchie, ma non per questo con idee

Dettagli

Città di CERNUSCO SUL NAVIGLIO REQUISITI DI ACCREDITAMENTO PER LE UNITA D OFFERTA PER LA PRIMA INFANZIA

Città di CERNUSCO SUL NAVIGLIO REQUISITI DI ACCREDITAMENTO PER LE UNITA D OFFERTA PER LA PRIMA INFANZIA REQUISITI DI ACCREDITAMENTO PER LE UNITA D OFFERTA PER LA PRIMA INFANZIA Approvati dall Assemblea Distrettuale dei Sindaci deliberazione n. 3 del 9.2.2011 Premessa L accreditamento può essere richiesto

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Naturalmente bimbi Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari N. giovani in servizio civile richiesti Coop

Dettagli

Uno strumento per la gestione associata. di un servizio per disabili

Uno strumento per la gestione associata. di un servizio per disabili AMBITO TERRITORIALE DI DALMINE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI ZONA DEL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI Comuni di Azzano S.Paolo, Boltiere, Ciserano, Comun Nuovo, Curno, Dalmine, Lallio,

Dettagli

CENTRO BAMBINI E GENITORI IL BRUCO MAGICO

CENTRO BAMBINI E GENITORI IL BRUCO MAGICO CENTRO BAMBINI E GENITORI IL BRUCO MAGICO Via Allende 357, Bertinoro Tel. 0543-445105 ilbruco@acquarellocoop.it www.nidocbgbertinoro.it Centro Bambini e Genitori IL BRUCO MAGICO Indirizzo: Via Allende

Dettagli