CITTA' DI GROSSETO PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CITTA' DI GROSSETO PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE"

Transcript

1 CITTA' DI GROSSETO PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE ANNO 2014

2 PREVISIONE 2014 PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE Città di Grosseto INTRODUZIONE Il Piano Esecutivo di Gestione (PEG) è un documento di programmazione previsto dall art. 169 del Decreto Legislativo n. 267/2000, approvato annualmente dalla Giunta Comunale sulla base del Bilancio di previsione. Questo strumento determina gli obiettivi di gestione dell'ente, affidando gli stessi, unitamente alle dotazioni necessarie, ai dirigenti ed ai responsabili dei servizi. A seguito delle novità normative apportate con il Decreto Legge 10 ottobre 2012 n. 174 (convertito con modificazioni dalla Legge 7 dicembre 2012 n. 213), il PEG unifica organicamente in sé il Piano Dettagliato degli Obiettivi (di cui all'articolo 197 comma 2 lettera 'a' del Decreto Legislativo n. 267/2000) ed il Piano della Performance (di cui all'articolo 10 del decreto legislativo n. 150/2009). Tale unificazione è attuata al fine di semplificare i processi di pianificazione gestionale dell'amministrazione. Per queste ragioni, il Piano Esecutivo di Gestione 2014 è un documento che non ha solo contenuti finanziari, ma uno strumento esecutivo che indirizza l azione degli uffici e nel quale gli atti di programmazione vengono coordinati ed organizzati, prevedendo anche obiettivi con orizzonte temporale superiore all anno in corso. Come precisa l'anci nelle sue "Linee guida bis in materia di ciclo della performance", il legislatore non ha previsto uno schema precostituito per l'impostazione del PEG. Ciò consente di adottare un'autonoma architettura logica, caratterizzata da flessibilità ed adattamento anche in relazione alla struttura organizzativa dell'ente. Servizio Controlli interni e finanziamenti straordinari 1

3 Città di Grosseto PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE PREVISIONE 2014 SINTESI DELLE INFORMAZIONI PER I CITTADINI E I PORTATORI DI INTERESSI ESTERNI 1. CHI SIAMO Secondo il titolo V della Costituzione, il Comune assurge al ruolo di interprete primario dei bisogni della collettività locale e ad esso le funzioni amministrative sono attribuite, salvo che il legislatore intervenga per conferirle ad altro livello di governo (provincia, città metropolitana, regione o Stato), al fine di assicurare l esercizio unitario, sulla base dei principi di sussidiarietà, differenziazione ed adeguatezza. Il Comune esercita funzioni proprie e quelle conferite con legge dello Stato e della Regione ed in particolare, in base allo Statuto: - rappresenta la comunità, ne cura e tutela gli interessi e ne promuove lo sviluppo, fondando l'azione amministrativa e i rapporti istituzionali sul valore dell'autonomia e sul principio di sussidiarietà, in particolare orientando la propria attività all'attuazione dei principi della Costituzione della Repubblica ed ispirandosi a valori di libertà, giustizia, solidarietà, pari opportunità, responsabilità individuale e sociale; - promuove e sostiene iniziative che sviluppano il processo di integrazione europea, persegue gli intenti della Carta europea dell autonomia locale e si impegna per la sua attuazione; - ricerca, nello spirito di solidarietà ed impegnandosi per offrire opportunità di lavoro ed accesso alla casa, l integrazione sociale degli immigrati e garantisce il rispetto dei loro diritti; - promuove la tutela delle persone e delle famiglie, assicurando sostegno alla corresponsabilità dei genitori nell impegno di cura e di educazione dei figli e concorre a garantire il diritto alla vita, predisponendo provvidenze e servizi, atti ad assicurare ad ogni persona accoglienza e protezione dal concepimento alla morte naturale; - riconosce e promuove la cultura della democrazia, della libertà, della pace, della giustizia, dell uguaglianza, garantisce il rispetto dei diritti umani e favorisce la partecipazione di tutti i cittadini alla vita pubblica; - garantisce la libertà di religione; - garantisce e tutela i diritti dell infanzia; - promuove e favorisce la formazione culturale, civica, sociale e professionale dei giovani e il loro inserimento nel mondo del lavoro; - favorisce, promuove e tutela le politiche sociali atte a valorizzare la partecipazione degli anziani alla vita della comunità; 2 Servizio Controlli interni e finanziamenti straordinari

4 PREVISIONE 2014 PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE Città di Grosseto - garantisce il rispetto dei diritti soggettivi e della dignità umana dei disabili e ne promuove la piena integrazione nella famiglia, nella scuola, nel lavoro e nella società; - concorre a garantire il diritto alla salute con particolare riguardo alla qualità ed alla sicurezza dell'ambiente di vita e di lavoro; - riconosce l'accesso all'acqua come diritto umano, universale, indivisibile, inalienabile e lo status dell'acqua come bene comune pubblico, così come previsto dalla Dichiarazione Universale dei Diritti dell'uomo, riconoscendo altresì che la gestione del servizio idrico integrato è un servizio pubblico locale privo di rilevanza economica senza scopo di lucro; - promuove il progresso economico e sociale della comunità, favorisce l'imprenditorialità, la libertà di iniziativa ed il lavoro nella valorizzazione delle risorse locali e con l'obiettivo della piena occupazione, intravede nell economia sociale di mercato l elemento equilibratore, anche garantendo i diritti dei consumatori e degli utenti; - salvaguarda e tutela il patrimonio storico, artistico, archeologico, culturale e il recupero delle tradizioni popolari della comunità locale. Tutela i valori del paesaggio e del patrimonio naturale e la conservazione dell'ambiente. 2. COSA FACCIAMO Per conseguire gli obiettivi sopra indicati, il Comune, a norma del suo Statuto: a) garantisce un concreto sostegno alla famiglia ed opera per l'attuazione di efficienti e qualificati servizi sociali; b) promuove lo sviluppo del volontariato; c) stimola la funzione sociale della cooperazione e degli enti senza fine di lucro; d) promuove la partecipazione dell'associazionismo giovanile; e) valorizza il patrimonio di esperienza dei pensionati e degli anziani; f) favorisce la cultura in ogni sua libera forma; g) promuove le condizioni che rendono effettivo il diritto allo studio ed all'educazione permanente negli istituti statali e non statali e concorre alla definizione di politiche formative che favoriscano l'accesso al mercato del lavoro; Servizio Controlli interni e finanziamenti straordinari 3

5 Città di Grosseto PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE PREVISIONE 2014 h) favorisce la consultazione dei cittadini stranieri residenti nel Comune, anche attraverso l istituzione di organismi, al fine di garantire una loro adeguata rappresentanza ed integrazione nella vita della collettività locale; i) incentiva lo sviluppo dell università e ne promuove una piena ed armonica integrazione nel tessuto culturale, sociale e produttivo della città, assicurando, in particolare, sostegno alle attività di formazione e ricerca orientate alle esigenze della comunità locale; promuove attività di interventi formativi innovativi rivolti a disoccupati di lunga durata, alla popolazione attiva nell apprendimento lungo l arco della vita con particolare riferimento alle pari opportunità ed all inclusione sociale; l) favorisce le attività sportive e le iniziative del tempo libero, con particolare riguardo a quelle dirette ai giovani, agli anziani ed ai portatori di handicap; potenzia e qualifica le strutture di base; m) sollecita il concorso di soggetti pubblici e privati alla promozione di un progresso economico rispettoso dell interesse generale e compatibile con la salvaguardia dell ambiente; n) disciplina un organico assetto del territorio anche promuovendo il recupero ed il pieno utilizzo del patrimonio urbano esistente; o) garantisce ai cittadini l'informazione sulle proprie attività; p) elabora programmi annuali e pluriennali, corsi di formazione ed aggiornamento professionale, gestisce ed esercita attività formative corsuali o non e di qualificazione professionale sia con mezzi propri sia con finanziamenti pubblici statali, regionali e dell Unione Europea. 3. COME OPERIAMO Secondo il dispositivo dello Statuto, nella propria azione il Comune: a) assume la politica di programmazione, coordinata con quella dello stato, della regione, della provincia e degli altri enti territoriali, riconosce nell economia sociale di mercato il metodo ordinatore e democratico della propria attività; b) adotta ed attua programmi e piani nelle materie di sua competenza; c) elabora e realizza la programmazione mediante la partecipazione democratica dei cittadini, enti, associazioni e organizzazioni imprenditoriali, professionali, sindacali dei lavoratori e dei consumatori; 4 Servizio Controlli interni e finanziamenti straordinari

6 PREVISIONE 2014 PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE Città di Grosseto d) instaura rapporti con comunità locali anche di altre nazioni al fine di realizzare forme di cooperazione, di favorire la conoscenza delle rispettive culture e di rafforzare l amicizia, la solidarietà e la pace tra i popoli. Il Comune si impegna a promuovere uno sviluppo sostenibile del territorio nel quale lo sfruttamento delle risorse, l andamento degli investimenti, l orientamento dello sviluppo tecnologico e i mutamenti istituzionali siano in reciproca armonia e diretti ad incrementare il potenziale attuale e futuro dei bisogni primari e delle aspirazioni umane. Uno sviluppo, quindi, in grado di soddisfare i bisogni primari di tutti e capace di dare realtà alle aspirazioni di ogni cittadino per una vita migliore. Riconosce all uomo il ruolo di guida dello sviluppo sostenibile e di gestore delle risorse ambientali e naturali, affinché si diffonda nel territorio un armonico ed equilibrato rapporto con l ambiente rivolto alla tutela e valorizzazione delle tradizioni e delle risorse naturali e culturali. Si impegna, altresì, a tutelare e valorizzare le produzioni tipiche e di qualità, favorendo le iniziative di educazione e informazione volte ad ottenere il successo e l affermazione dei prodotti del territorio nonché della promozione turistica nelle sue varie articolazioni. Il Comune riconosce il diritto delle persone, singole o associate, delle associazioni titolari di interessi collettivi, portatori di interessi diffusi come espressioni della comunità locale, a concorrere, nei modi stabiliti dallo statuto, all'indirizzo, allo svolgimento e al controllo delle attività poste in essere dall'amministrazione. Assicura il diritto a partecipare alla formazione delle proprie scelte politico-amministrative, secondo i principi e nelle forme stabilite dallo statuto. Rende effettivo il diritto alla partecipazione politica e amministrativa, garantendo l'accesso alle informazioni e agli atti detenuti dall'ente e un'informazione completa, accessibile e aggiornata sulle proprie attività e sui servizi pubblici locali. Il Comune riconosce l'apporto delle organizzazioni di volontariato al conseguimento di finalità di interesse pubblico, ne valorizza l'impegno sociale e culturale e promuove l'affermazione di valori di solidarietà e cooperazione; attiva programmi di iniziative ed instaura forme di collaborazione, anche mediante convenzioni ai sensi di legge, con organismi di volontariato per la gestione di servizi sociali, culturali e sportivi. Favorisce l'apporto di volontari al perseguimento di finalità istituzionali dell'ente attraverso la predisposizione di apposito regolamento, previo accertamento delle capacità operative, prevedendo altresì specifiche iniziative di formazione. Il Comune riconosce e garantisce alle formazioni sociali ed ai singoli cittadini il diritto ad una informazione completa ed imparziale sulle proprie attività e servizi, come premessa per una effettiva partecipazione popolare. Il Comune ordina i propri uffici con il fine della massima efficienza amministrativa e del costante adeguamento alle esigenze del cittadino, adottando tutte le iniziative per la massima pubblicizzazione e conoscenza degli atti, dei procedimenti amministrativi, dei regolamenti comunali e dei servizi pubblici e d interesse pubblico, anche attraverso un sistema informativo che utilizzi pubblicazioni periodiche, mezzi di comunicazione ed appositi sportelli polifunzionali decentrati sul territorio. Le modalità di partecipazione al procedimento relativo alla adozione di atti che incidono su situazioni giuridiche soggettive sono disciplinate dal regolamento inerente l attività amministrativa e l accesso agli atti. Servizio Controlli interni e finanziamenti straordinari 5

7 Città di Grosseto PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE PREVISIONE 2014 In attuazione del principio e dei diritti alla partecipazione ed al fine di promuovere la partecipazione politica e l'autonoma aggregazione dei cittadini e delle cittadine, il Comune potrà regolamentare la costituzione di forme di organizzazione e rappresentanza del territorio e dei cittadini, volontarie e gratuite, tali da garantire una democrazia partecipativa, anche tramite l'adozione di forme di consultazione nel procedimento di formazione degli atti generali. Il Comune assicura condizioni di pari opportunità tra uomo e donna, valorizza la cultura della differenza promuovendo la loro presenza nella Giunta, negli enti, aziende ed istituzioni da essi dipendenti. Istituisce la Commissione pari opportunità dell'ente, che viene disciplinata da apposito regolamento. La Commissione è organo consultivo e propositivo del Consiglio e della Giunta, limitatamente alle materie previste dal regolamento, che ne disciplina altresì le competenze e le funzioni. Il Comune è impegnato per creare le condizioni di pari opportunità nello svolgimento della vita sociale in tutti i suoi aspetti. 6 Servizio Controlli interni e finanziamenti straordinari

8 PREVISIONE 2014 PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE Città di Grosseto STRUTTURA DELL ENTE -RISORSE E FUNZIONIGRAMMA DEI SERVIZI Servizio Controlli interni e finanziamenti straordinari 7

9 Città di Grosseto PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE PREVISIONE Servizio Controlli interni e finanziamenti straordinari

10 PREVISIONE 2014 PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE Città di Grosseto SETTORE STAFF DEL SINDACO, AFFARI GENERALI, ISTITUZIONALI E CONTROLLI INTERNI DIRIGENTE (Dr. MARIO VENANZI) Dipendenti ex art. 90 T.U.E.L. e/o adibiti ad attività di staff Servizi demografici Servizio affari legali Servizio affari istituzionali Servizio controlli interni e finanziamenti straordinari Servizio Controlli interni e finanziamenti straordinari 9

11 Città di Grosseto PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE PREVISIONE 2014 RISORSE FINANZIARIE - SPESE CAPITOLO IMPORTO NOTE 31150/3 SPESE POSTALI SERVIZI GENERALI 7.000, SPESE DI MISSIONE AMMINISTRATORI E CONSIGLIERI COMUNALI 5.000, FORM. PROFESSIONALE E MISSIONI UFFICIO STAFF DEL SINDACO 500, FORMAZIONE PROFESSIONALE FINANZIAMENTI STRAORDINARI 3.000, STRAORDINARI PERSONALE DI STAFF 6.000, BENI SPECIFICI PER STAFF DEL SINDACO 500, FONDO SPESE DI RAPPRESENTANZA 5.000, CONSULENZE E SERVIZI PER IL CONSIGLIO COMUNALE 7.000, INDENNITA' E GETTONI DI PRESENZA AI CONSIGLIERI COMUNALI , SPESE PER LA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE , SPESE PER LA FESTA DELLA TOSCANA 3.500, FONDO INCENTIVANTE ATTIVITA UFFICIO LEGALE 8.000, FORMAZIONE PROFESSIONALE SEGRETERIA GENERALE 1.500, LAVORO STRAORDINARIO SEGRETERIA GENERALE 2.000, BENI SPECIFICI PER CONTROLLO DI GESTIONE 300, ADESIONE ANCI CONS COMUNI EUROPA, LEGA AUT LOCALI , CONSULENZE E SERVIZI EUROPE DIRECT MAREMMA 2.650, SERVIZI PER LA PROMOZIONE DELLA PARTECIPAZIONE 2.200, SPESE PER LITI ED ATTI IN DIFESA DELLE RAGIONI DEL COMUNE , RIMBORSO SPESE LEGALI DIPENDENTI ED AMMINISTRATORI , CONSULENZE E SERVIZI SEGRETERIA GENERALE 8.500, SPESE PER ARBITRATI E DEFINIZIONE CONTENZIOSI , SPESE PER LE CONSULTAZIONI ELETTORALI 4.250, CONTRIBUTI E SOSTEGNI AD INIZIATIVE VARIE 2.000, CONSULENZE E SERVIZI PER CONTROLLO DI GESTIONE 8.320, STRAORDINARI PERSONALE ANAGRAFE E STATO CIVILE , BENI SPECIFICI PER SERVIZI DEMOGRAFICI 3.000, FORMAZIONE PROFESSIONALE DEMOGRAFICI 1.500, RIMBORSI SPESE COMMISSIONE ELETTORALE CIRCONDARIALE 400, CARTA D'IDENTITA' ELETTRONICA (F.C. 5210) , SPESE POSTALI SERVIZI DELLA FUNZIONE , SPESE POSTALI SERVIZI DELLA FUNZIONE , SPESE POSTALI SERVIZI DELLA FUNZIONE ,00 10 Servizio Controlli interni e finanziamenti straordinari

12 PREVISIONE 2014 PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE Città di Grosseto SPESE POSTALI SERVIZI DELLA FUNZIONE , SPESE POSTALI SERVIZI DELLA FUNZIONE , INDENNITÀ DI RESIDENZA AI FARMACISTI RURALI L. 221/68 800, SPESE POSTALI SERVIZI DELLA FUNZIONE , SPESE PER ELEZIONI ,00 RISORSE FINANZIARIE - ENTRATE CAPITOLO IMPORTO NOTE 5100 DIRITTI DI SEGRETERIA SERVIZI DEMOGRAFICI , DIRITTI SU RILASCIO CARTE D'IDENTITA' , CARTA D'IDENTITA' ELETTRONICA (F.C ) , PROVENTI DA ATTIVITA UFFICIO LEGALE 8.000,00 Servizio Controlli interni e finanziamenti straordinari 11

13 Città di Grosseto PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE PREVISIONE 2014 STAFF DEL SINDACO DIPENDENTI EX ART. 90 T.U.E.L. E/O ADIBITI AD ATTIVITÀ DI STAFF RESPONSABILE (Dr. MARIO VENANZI) 12 Servizio Controlli interni e finanziamenti straordinari

14 PREVISIONE 2014 PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE Città di Grosseto RISORSE UMANE IN CARICO AL SERVIZIO SETTORE STAFF DEL SINDACO, AFFARI GENERALI, ISTITUZIONALI E CONTROLLI INTERNI SERVIZIO STAFF SINDACO COGNOME E NOME CAT. % NOTE BERNARDINI ARTURO Ufficio Gabinetto Sindaco CATANZARO LAURA BS 100 Presso assessore ai Servizi educativi CIAFFARAFA ALESSANDRO CINI MANUELA Ufficio stampa CORSINI ALESSANDRO B 100 Staff Sindaco da giugno 2013 GUERRINI CINZIA B 100 Segreteria Sindaco MARTINELLI TOMMASO C 100 Europe Direct Maremma RENAIOLI GIUSEPPE B 100 Staff Sindaco SCAIA FABRIZIO Ufficio stampa TASSI MARTA C 100 Segreteria Sindaco TIBERI ANTONELLA C 100 Staff Sindaco FUNZIONIGRAMMA DEL SERVIZIO FUNZIONIGRAMMA PROCEDIMENTI/PROCESSI RILEVANTI INDICATORI RISULTATO CONSEGUITO 2012 Gestione agenda del Sindaco a) Organizzazione appuntamenti istituzionali; b) Organizzazione eventi istituzionali; c) Organizzazione appuntamenti con la struttura dell Ente; numero eventi istituzionali; numero eventi esterni RISULTATO CONSEGUITO 2013 circa 8/ RISULTATO ATTESO 2014 Accoglienza, filtro ed ascolto di quanti chiedono appuntamento al Sindaco Ordinanze e disposizioni sindacali TSO e ASO Cerimoniale e eventi Ascolto di quanti non trovano soluzione a problematiche proposte a livello sociale e assistenza ed orientamento all indirizzo di Uffici preposti. Raccolta della segnalazione, contatto con l Ufficio competente, emanazione dell atto Raccolta della segnalazione dalle forze dell Ordine o Polizia Municipale, emanazione dell atto Contatti con le istituzioni coinvolte (Questura, Prefettura, Amministrazioni territoriali) numero di contatti (telefonici, personali, social network) circa (303 incontri diretti e 574 risposte facebook) numero atti sindacali (Ordinanze o 266 disposizioni; 307 disposizioni; 300 disposizioni; disposizioni) 129 ordinanze; 142 ordinanze 140 ordinanze numero atti sindacali 1 Aso; 15 Tso 1 Aso; 18 Tso 1 Aso; 20 Tso numero delle cerimonie espletate circa 8/ Servizio Controlli interni e finanziamenti straordinari 13

15 Città di Grosseto PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE PREVISIONE 2014 FUNZIONIGRAMMA PROCEDIMENTI/PROCESSI RILEVANTI INDICATORI RISULTATO CONSEGUITO 2012 Informazione massmedia e ufficio stampa Organizzazione dialogo con cittadino/ partecipazione Illustrazione telematica del lavoro istituzionale Relazioni con realtà sociali ed economiche della città Relazione ed assistenza al cittadino sulle opportunità comunitarie Comunicati stampa, conferenze stampa, comunicazioni su sito istituzionale, aggiornamento quotidiano social forum; contatti con Uffici competenti e con assessori coinvolti nella comunicazione; produzione materiale per discorsi, convegni ed interviste Contatti con coloro che chiedono appuntamenti al Sindaco o comunque all Amministrazione; contatti con società partecipate o Settori preposti per le risposte Aggiornamento quotidiano del sito istituzionale con notizie e comunicati stampa anche relativi a notiziari riferiti alla protezione civile numero delle conferenze stampa; Numero dei comunicati stampa conferenze stampa circa 110; comunicati stampa circa 900. RISULTATO CONSEGUITO 2013 conferenze stampa circa 200; comunicati stampa circa 1000 numero dei contatti circa numero notizie pubblicate sul sito istituzionale almeno 400 circa Contatti con associazioni di categoria e associazioni numero degli incontri del Sindaco circa Contatti con associazioni, privati ed istituzioni, attraverso lo sportello Europe direct numero contatti circa RISULTATO ATTESO 2014 conferenze stampa circa 200; comunicati stampa circa Servizio Controlli interni e finanziamenti straordinari SETTORE STAFF DEL SINDACO, AFFARI GENERALI, ISTITUZIONALI E CONTROLLI INTERNI SERVIZIO STAFF SINDACO

16 PREVISIONE 2014 PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE Città di Grosseto SERVIZI DEMOGRAFICI RESPONSABILE (MASSIMO MENGHETTI) Servizio Controlli interni e finanziamenti straordinari 15

17 Città di Grosseto PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE PREVISIONE 2014 RISORSE UMANE IN CARICO AL SERVIZIO SETTORE STAFF DEL SINDACO, AFFARI GENERALI, ISTITUZIONALI E CONTROLLI INTERNI - SERVIZI DEMOGRAFICI COGNOME E NOME CAT. % NOTE MENGHETTI MASSIMO DS 100 Funzionario responsabile P.O. ARCA MIRELLA PATRIZIA C 100 Full time dal 01/03/2014 BELLANCA ANNA BS 100 BELLOCCI MARIA TERESA B 100 BERNARDINI LUCA B 100 BERNARDINI ORELLA BS 100 BUZZANI MAURIZIO C 100 Collocato a riposo dal 14/04/2014 CANTINI DANIELA BS 100 COMITO PIETRA B 100 CONTI ENZO B 100 CORSINI ANGELA C 100 DEL RIO EMANUELA MARIA BONARIA BS 100 DOLENTI FERNANDO B 100 FIGARSKA ALINA MARIANNA B 100 GIANNINI NADIA B 100 GIMIGLIANO SANTO BS 100 INELLA IOLE D 100 LOCANTORE MARIA CRISTINA BS 100 MAGI RITA D 100 MAGI VALTER B 100 MARANO PAOLA C 100 MARINONI ANTONIO B 100 MASSAI DONELLA B 100 MINOZZI CLAUDIO BS 100 PIERI DANUSIA BS 100 Sarà collocata a riposo dal 01/07/2014 REDEMISTI SANDRA B 100 RHODIO ORNELLA B 100 Sarà collocata a riposo dal 01/09/2014 SANI LUCIA BS 100 SANTINI ANDREA C 100 SBRILLI TAMARA B 100 TIBERI ROSANNA DS 100 TOGNELLI ROBERTA B 100 VESTRI CINZIA D Servizio Controlli interni e finanziamenti straordinari

18 PREVISIONE 2014 PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE Città di Grosseto FUNZIONIGRAMMA DEL SERVIZIO FUNZIONIGRAMMA PROCEDIMENTI/PROCESSI RILEVANTI INDICATORI RISULTATO CONSEGUITO 2012 RISULTATO CONSEGUITO 2013 Anagrafe sportelli Rilascio carta d'identità cartacea numero carte di identità cartacee rilasciate Rilascio carta d'identità elettronica numero carte di identità elettroniche rilasciate Rilascio certificazioni numero certificati rilasciati Autentiche di firme ed atti di notorietà numero di autentiche rilasciate Concessione di nulla osta agli altri comuni per rilascio numero di nulla osta rilasciati C.I. Anagrafe variazioni Iscrizione in APR da altri comuni, da estero e da numero di iscrizioni irreperibilità Variazione e aggiornamento APR numero di variazioni Cancellazione APR numero di cancellazioni Iscrizione AIRE numero di iscrizioni Variazione e aggiornamento AIRE numero di variazioni e aggiornamenti Cancellazione AIRE numero di cancellazioni Nulla osta per C.I. rilasciate dai consolati numero nulla osta Mutazione dati individuali a seguito di comunicazioni numero mutazioni Rilascio attestazioni di Idoneità di Alloggio per numero rilascio attestazioni ricongiungimento familiare e altri motivi Attestazione di Soggiorno Permanente numero di attestazioni di soggiorno istituito nel Allineamento posizioni INA-SAIA con Anagrafe e Stato Numero posizioni riallineate Civile Controllo degli accessi all'anagrafe Informatizzata Nuove autorizzazioni erogate Numero accessi registrati (hit) Accertamento residenze fittizie N. avvii di procedimento di cancellazione per ignota dimora N. accertamenti periodici Aggiornamento dello schedario dell'anagrafe numero aggiornamenti Temporanea e relative comunicazioni Anagrafe Cittadini Stranieri: D.Lgs. n. 286/1998, DPR N. Avvii procedimento di cancellazione per n. 394/1999, D.Lgs. n. 30/2007 ignota dimora N. Conclusioni procedimento di cancellazione per ignota dimora N. inserimenti permessi di soggiorno sulla procedura informatica RISULTATO ATTESO 2014 SETTORE STAFF DEL SINDACO, AFFARI GENERALI, ISTITUZIONALI E CONTROLLI INTERNI SERVIZI DEMOGRAFICI Servizio Controlli interni e finanziamenti straordinari 17

19 Città di Grosseto PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE PREVISIONE 2014 FUNZIONIGRAMMA PROCEDIMENTI/PROCESSI RILEVANTI INDICATORI RISULTATO CONSEGUITO 2012 RISULTATO CONSEGUITO 2013 Leva Formazione e aggiornamento Ruoli Matricolari numero comunicazioni a altri enti Stato Civile Formazione atti di Cittadinanza ordinaria, numero attestazioni Attestazioni del Sindaco e Cittadinanza Jure Sanguinis Formazione atti di nascita, relative comunicazioni e numero atti di nascita annotazioni Pubblicazioni per matrimonio numero di pubblicazioni Formazione atti di matrimonio, relative numero atti redatti comunicazioni e annotazioni Adozioni nazionali e internazionali minori e non numero procedimenti di adozione Trascrizione sentenze di divorzio da estero numero trascrizioni Redazione atti di morte, relative comunicazioni e numero atti annotazioni Autorizzazioni al trasporto e sepoltura numero autorizzazioni Autorizzazioni alla cremazione numero autorizzazioni Autorizzazione alla dispersione delle ceneri numero autorizzazioni Autorizzazione all'affidamento delle ceneri numero autorizzazioni RISULTATO ATTESO Servizio Controlli interni e finanziamenti straordinari SETTORE STAFF DEL SINDACO, AFFARI GENERALI, ISTITUZIONALI E CONTROLLI INTERNI SERVIZIO STAFF SINDACO

20 PREVISIONE 2014 PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE Città di Grosseto SERVIZIO AFFARI LEGALI RESPONSABILE (SUSANNA CRUCIANI) Servizio Controlli interni e finanziamenti straordinari 19

21 Città di Grosseto PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE PREVISIONE 2014 RISORSE UMANE IN CARICO AL SERVIZIO SETTORE STAFF DEL SINDACO, AFFARI GENERALI, ISTITUZIONALI E CONTROLLI INTERNI SERVIZIO AFFARI LEGALI COGNOME E NOME CAT. % NOTE CRUCIANI SUSANNA DS 100 Funzionario responsabile P.O. AQUINO M.GRAZIA B 100 BUGLIERI FABIO B 100 CANALETTI STEFANIA B 100 CASAMATTA FABRIZIA B 100 CASSAI ROBERTO B 100 CATENA ROSA B 100 COSTANZO MICHELA B 100 FORMICOLA VINCENZO B 100 GIANNINI RICCARDO C 100 LOLI NADIA B 100 MAGGIO ANGELO B 100 MERONE ANGELA B 100 NALDI FABIO B 100 PASTORELLI BEATRICE B 100 ROMANO ANITA D 100 ROMANO GRAZIA C 100 SELVA ELENA B 100 FUNZIONIGRAMMA DEL SERVIZIO FUNZIONIGRAMMA PROCEDIMENTI/PROCESSI RILEVANTI INDICATORI RISULTATO CONSEGUITO 2012 RISULTATO CONSEGUITO 2013 Affari Legali Gestione contenzioso n. contenziosi avviati nell anno n. giudizi conclusi che hanno comportato oneri per l ente Redazione pareri n. pareri redatti Trattazione ricorsi ex art. 18 L. n. 689/81 n. istruttoria e decisione Procedimenti di liquidazione numero atti di liquidazione Protocollo gen. e albo Protocollazione atti n. atti protocollati non pec in entrata pretorio n. atti protocollati pec in entrata n. atti protocollati non pec in uscita n. atti protocollati pec in uscita RISULTATO ATTESO Servizio Controlli interni e finanziamenti straordinari SETTORE STAFF DEL SINDACO, AFFARI GENERALI, ISTITUZIONALI E CONTROLLI INTERNI SERVIZIO AFFARI LEGALI

22 PREVISIONE 2014 PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE Città di Grosseto SERVIZIO AFFARI ISTITUZIONALI RESPONSABILE (MARIELLA PASCUCCI) Servizio Controlli interni e finanziamenti straordinari 21

23 Città di Grosseto PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE PREVISIONE 2014 RISORSE UMANE IN CARICO AL SERVIZIO SETTORE STAFF DEL SINDACO, AFFARI GENERALI, ISTITUZIONALI E CONTROLLI INTERNI SERVIZIO AFFARI ISTITUZIONALI COGNOME E NOME CAT. % NOTE PASCUCCI MARIELLA D 100 Funzionario responsabile P.O. BERNARDINI ELISABETTA B 100 BERNARDINI ROBERTA C 100 CARLESSO LORENZO C 100 CASTRI CLAUDIO BS 100 GIUGGIOLI PAOLA C 100 GIULIARINI ANTONELLA B 100 MACHETTI ANZIO BS 100 RIGHINI LORENZA BS 100 VANNUCCI DANIELA BS 100 FUNZIONIGRAMMA DEL SERVIZIO FUNZIONIGRAMMA PROCEDIMENTI/PROCESSI RILEVANTI INDICATORI RISULTATO CONSEGUITO 2012 Compiti di collaborazione e funzioni di supporto e di assistenza giuridicoamministrativa Affari istituzionali ed elettorali RISULTATO CONSEGUITO 2013 Riepilogo Segretario Generale abusi edilizi ed numero comunicazioni abusi edilizi ed ordinanze ordinanze gestiti Conferenza dei Dirigenti numero verbali conferenza dei dirigenti Controllo di regolarità amministrativa nella fase numero atti esaminati successiva Applicazione normativa D.Lgs. n. 39/2013 numero autodichiarazioni amministratori Dichiarazioni situazione patrimoniale e reddituale amministratori ex D.Lgs. n.33/2013 numero dichiarazioni amministratori Consiglio Comunale numero deliberazioni del Consiglio Comunale numero sedute del Consiglio Comunale numero sedute delle Commissioni Consiliari numero sedute della Conferenza dei Capigruppo numero interrogazioni a risposta scritta gestite Gestione sala consiliare numero concessioni sala consiliare rilasciate Giunta Comunale e determine numero deliberazioni della Giunta Comunale numero sedute della Giunta Comunale numero determinazioni dirigenziali gestite RISULTATO ATTESO Servizio Controlli interni e finanziamenti straordinari

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

CITTA' DI GROSSETO RELAZIONE SUL PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE

CITTA' DI GROSSETO RELAZIONE SUL PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE CITTA' DI GROSSETO RELAZIONE SUL PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE ANNO 2014 RELAZIONE SUL PEG ANNO 2014 1. PRESENTAZIONE E INDICE Il Decreto Legislativo n. 150/2009 stabilisce che le amministrazioni pubbliche

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

PARTE SPESA. Comune di Fano Esercizio: 2011 PEG PER VOCE E SERVIZIO ASSEGNATARIO Data: 13-04-2011 Pag. 1

PARTE SPESA. Comune di Fano Esercizio: 2011 PEG PER VOCE E SERVIZIO ASSEGNATARIO Data: 13-04-2011 Pag. 1 Comune di Fano Esercizio: 2011 PEG PER VOCE E SERVIZIO ASSEGNATARIO Data: 13-04-2011 Pag. 1 ASSEGNATARIO 15 50 10 00 U.O. GABINETTO DEL SINDACO Dott. Giuseppe De Leo 1010102 1011.203.01 SPESE PER IL FUNZIONAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 38.83,47.000,00 75.86,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 04 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0,00 980,00 9.007,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 6.40,57.44,00 38.640,43

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

responsabile procedimento respons abile

responsabile procedimento respons abile Elaborazione indennità mensili amministratori Cedolino mensile per Sindaco e Assessori mensile - no entro il 27 di ogni mese Predisposizione F24EP (per versamento oneri previdenziali e ritenute operate

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Sottoscritto definitivamente in data 20 dicembre 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni 9 Lastri, De Robertis, Rossetti, Ruggeri, Remaschi, Boretti, Venturi, Bambagioni, Saccardi Proposta di legge della Giunta regionale 20 ottobre Art. 20 2014, n. 1 Abrogazioni divenuta Proposta di legge

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR005 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. COMUNICAZIONE UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 007 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 9 0 3 5.00 7.00.00 Servizio

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Sottoscritto definitivamente in data 5 settembre 2012 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2012

CONTO DEL BILANCIO 2012 CONTO DEL BILANCIO 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 7.640,44 750,00 8.66,48 5.343,90

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

Tassi di Assenza e di Maggior presenza del personale in servizio presso COMUNE DI SALERNO dal 01 03 2015 al 31 03 2015 GG. LAVORATIVI TOTALE PERSONALE

Tassi di Assenza e di Maggior presenza del personale in servizio presso COMUNE DI SALERNO dal 01 03 2015 al 31 03 2015 GG. LAVORATIVI TOTALE PERSONALE GRECO GIUSEPPE Dirigente DIREZIONE/SEGRETERIA (INGGRECO), EDILIZIA SCOLASTICA, MAN.PATRIMONIO ABITATIVO, MANUTENZIONE IMPIANTI ELETTRICI, PUBBLICA ILLUMINAZIONE UOPI ASSENZA ASSENZA/ PRESENZA PRESENZA/

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA STRAORDINARIA DI 1 CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA N 25 DEL 14/08/2014 COPIA Oggetto: Tributo per i Servizi Indivisibili (TASI) - Aliquote per l'anno

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome TARZIA SALVATORE Telefono 0961 857310 Fax 0961 857279 E mail s.tarzia@regcal.it Nazionalità Luogo di Nascita Data di

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI. Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2015

SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI. Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2015 COMUNE DI VICENZA REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2015 Comune di Vicenza - a cura del Settore Risorse Umane, Segreteria 1 Generale e Organizzazione

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Comune di Isola del Liri

Comune di Isola del Liri SERVIZIO 1 - SEGRETERIA DEL SINDACO U.R.P. AFFARI GENERALI E PERSONALE AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO, AI SENSI DELL ART. 110, COMMA 1, DEL D. LGS. 267/2000, DI N. 1

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N.

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria Via Venezia, 16 15121 ALESSANDRIA Tel. 0131 206111 www.ospedale.al.it asoalessandria@pec.ospedale.al.it C. F. P. I. 0 1 6

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

Comune di Bagnacavallo

Comune di Bagnacavallo CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: SETTORE SEGRETERIA RESPONSABILE: GRATTONI ANGELA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Settore Segreteria 1 SETTORE SEGRETERIA

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 203 Funzion Servizi. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizi 0. 02 Segreteria generale,personale e organizzazione Servizi 0. 03

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 7. CAPO I - NORME GENERALI D ORGANIZZAZIONE... 7 Art. 1 Oggetto... 7 Art. 2 - Principi e criteri informatori...

INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 7. CAPO I - NORME GENERALI D ORGANIZZAZIONE... 7 Art. 1 Oggetto... 7 Art. 2 - Principi e criteri informatori... INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 7 CAPO I - NORME GENERALI D ORGANIZZAZIONE... 7 Art. 1 Oggetto.... 7 Art. 2 - Principi e criteri informatori.... 7 TITOLO II - STRUTTURA ORGANIZZATIVA E FUNZIONI DI

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

PIANI PROGRAMMA 2008

PIANI PROGRAMMA 2008 PIANI PROGRAMMA 2008 ASSEMBLEA LEGISLATIVA E.R. 2 DIREZIONE GENERALE... 9 PIANIFICAZIONE, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DEI RISULTATI...11 Scheda S698 Bilancio annuale di previsione, variazioni di bilancio

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento?

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento? IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI A chi mi rivolgo? L' dell garantisce a tutti i soggetti interessati l'esercizio dei diritti d informazione e di accesso ai documenti amministrativi, e favorisce la conoscenza

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli