Il solaio: tipologie e modellazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il solaio: tipologie e modellazione"

Transcript

1 UNIVERSIT DEGLI STUDI DI ROM TRE FCOLT DI RCHITETTUR LORTORIO DI COSTRUZIONI DELL RCHITETTUR 2 Fabrizio POLCCI, Lorena SGUERRI PROGETTO DI STRUTTURE IN C.. Il solaio: tipologie e modellazione PPUNTI DLLE LEZIONI PRIM EDIZIONE

2 F.Paolacci, L.Sguerri - Progetto di Strutture 2 1. INTRODUZIONE Il solaio è un elemento strutturale fondamentale la cui principale funzione è quella di trasferire i carichi e i sovraccarichi verticali alla struttura portante. In zona sismica il solaio può assumere anche la funzione aggiuntiva di trasferire le forze inerziali di piano alla struttura principale, sotto l ipotesi che esso sia sufficientemente rigido nel proprio piano. Secondo le regole di buona progettazione, insite in genere nelle indicazioni normative, un solaio deve essere realizzato in maniera da possedere i seguenti requisiti: Resistenza meccanica necessaria per i carichi cui è sottoposto; Sufficiente resistenza al fuoco Limitata deformabilità; Facilità di posa in opera; Possibilità di collegamento monolitico con la restante struttura; uone caratteristiche di isolamento termico; uone caratteristiche di isolamento acustico; I materiali utili alla realizzazione di un solaio sono molteplici e molteplici sono le soluzioni costruttive possibili. I primi solai ad essere realizzati furono solai in legno (Fig.1.1). Una soluzione costruttivamente facile, ma che generalmente prevedeva spessori utili elevati, alta deformabilità meccanica, facilità di usura per effetto di agenti esterni, scarse caratteristiche di isolamento termico ed acustico, facilità di incendio. ltra nota dolente dei solai in legno è la scarsa possibilità di collegamento con la restante struttura portante che li rende così poco adatti per costruzioni in zona sismica; se non ben curati infatti, i collegamenti non sono in grado di trasmettere adeguatamente le forze inerziali di piano con conseguente mal funzionamento dell intero organismo strutturale. Fig.1.1 Solaio in legno Fig.1.2 Solaio in ferro con voltina di mattoni

3 F.Paolacci, L.Sguerri - Progetto di Strutture 3 La tipologia dei solai in acciaio (Fig.1.2), che seguì quella in legno, oltre a mantenere la facilità di esecuzione aveva la possibilità di superare luci assai maggiori e con minore deformabilità; miglioravano inoltre le caratteristiche termiche ed acustiche. Come quelli in legno, i solai in acciaio erano vulnerabili al fuoco e spesso nascevano problemi di finitura come ad esempio la difficoltà di intonacare uniformemente l intradosso per la presenza di materiali differenti (acciaio e laterizio). Grazie alle nuove tecnologie le prestazioni di solai in acciaio sono estremamente migliorate ed essi sono oggi spesso utilizzati in edifici interamente in acciaio o in opere di ristrutturazione di vecchi edifici in muratura. Con l avvento del cemento armato si ebbe la possibilità di realizzare solai in grado di rispettare le principali esigenze richieste a questo tipo di struttura. Si trattava di studiare la soluzione tecnologica più adatta alle esigenze. I solai a soletta piena furono i primi ad essere proposti ma avevano l inconveniente principale di essere estremamente pesanti. Venne così l idea di alleggerire la struttura realizzando graticci di travi in cemento armato collegate da una sottile soletta sovrastante anch essa in c.a., la cosiddetta soletta nervata (Fig.1.3). Questo tipo di struttura ricalca fedelmente l orditura classica dei solai in legno con un orditura principale, una secondaria e un elemento piano di collegamento. Il primo e forse unico grande vantaggio della soletta nervata è senza dubbio la monoliticità. Di contro gli svantaggi sono molteplici: gli elevati oneri per la sua realizzazione (carpenteria e mano d opera), la superficie dell intradosso non piana e le scarse proprietà di isolamento acustico hanno fatto si che si ricercassero soluzioni alternative più economiche e di più rapida esecuzione. Gran parte di questi problemi vennero risolti inserendo, tra i travetti, un materiale leggero quale laterizio o polistirolo, i quali isolano e permettono di avere un intradosso piano e facilmente rifinibile. Nacquero così i primi solai latero-cementizi gettati in opera (Fig.1.4). Fig.1.3 Solaio monolitico a soletta nevata Fig.1.4 Solaio misto in latero-cemento In seguito, grazie all evoluzione tecnologica vennero sviluppate soluzioni in grado di ottenere un elevato livello di prefabbricazione, in modo da realizzare solai in poco tempo e con consistente risparmio di mano d opera. Furono e continuano ad essere realizzati solai con travetti prefabbricati in cemento armato precompresso o addirittura costituiti da lastre pronte alla pavimentazione e alla tinteggiatura dell intradosso.

4 F.Paolacci, L.Sguerri - Progetto di Strutture 4 La normativa attuale e più precisamente il Decreto Ministeriale 09 Gennaio 1996 ha dedicato l intero paragrafo 7 ai solai in cemento armato. Le tipologie previste sono sostanzialmente tre: Solai in getto pieno Solai misti in c.a. e c.a.p. con elementi di alleggerimento Solai con elementi prefabbricati in c.a. e c.a.p. lla prima categoria appartengono le già citate solette piene e solette nervate. Mentre le prime, attualmente, vengono impiegate per realizzare piccole porzioni di solaio quali balconcini, pianerottoli ecc, il ricorso alle seconde può essere giustificato, in genere, solo da particolari esigenze architettoniche. Si ricordano, a titolo di esempio, i famosi solai nervati che Pier Luigi Nervi realizzò all interno del Palazzo dello Sport di Roma (Fig.1.5). Fig.1.5 Solai della Sala Stampa nel Palazzo dello Sport di Roma, Pier Luigi Nervi, 1960 Solai latero-cementizi gettai in opera I solai latero-cementizi gettati in opera hanno rappresentato, in passato, l unico tipo di solaio misto in laterizio e cemento armato, mentre, attualmente, data l onerosità della loro messa in opera, vengono utilizzati solo quando la pianta del fabbricato presenta irregolarità tali da impedire l impiego di elementi prefabbricati. I blocchi di laterizio, muniti di alette laterali o accompagnati da fondelli sempre in laterizio (Fig ), vengono posizionati su un impalcato di sostegno provvisorio che viene smontato non appena il conglomerato ha raggiunto una resistenza meccanica sufficiente (comunque non prima di 28 giorni). Dopo aver sistemato tutti i blocchi e prima di procedere con il getto dei travetti e della soletta in calcestruzzo, si posizionano i ferri di armatura ricorrendo all'uso di distanziatori o di sistemi equivalenti in modo da assicurare che, nella fase di getto, i ferri mantengano una corretta disposizione. In pratica, rispetto ad una soletta nervata, il solaio misto, così congegnato, presenta il vantaggio di essere composto da elementi di alleggerimento che hanno anche la funzione di isolatori acustici, di cassaforme per il getto di completamento e di uniformare tutta la superficie d intradosso con una notevole riduzione dei tempi di realizzazione e la necessità di mano d opera non specializzata.

5 F.Paolacci, L.Sguerri - Progetto di Strutture 5 Fig.1.6 Solaio latero-cementizio gettato in opera Fig.1.7 locco con alette e fondello Solai con travetti prefabbricati in c.a. o c.a.p. L onere maggiore, nella realizzazione di un solaio totalmente gettato in opera è la carpenteria, cioè la costruzione di un impalcato ligneo provvisorio. Per ovviare a questo inconveniente sono nati i solai con travetti prefabbricati in cemento armato o cemento armato precompresso (Fig ). Questi travetti, a seconda delle loro caratteristiche, hanno capacità portanti più o meno elevate e sono in grado, quindi, di sostenere da soli il peso dei laterizi e del getto di completamento in calcestruzzo, aiutati solo da elementi rompitratta situati ad intervalli regolari. Inoltre, rispetto al solaio gettato in opera, conservano comunque una discreta flessibilità di adattamento anche a fabbricati di pianta complessa. Fig.1.8 Solaio con travetti prefabbricati a traliccio Fig.1.9 Solaio con travetti prefabbricati precompressi I travetti a traliccio sono quelli più in uso e sono composti da una piccola struttura reticolare spaziale con discrete capacità autoportanti (Fig.1.10). seconda dell utilizzazione vengono realizzati tralicci di diverse altezze e armature. Oltre a un armatura di base, già inserita nell elemento, possono essere annegati nella suola ulteriori ferri la cui sezione complessiva dipenderà dalle condizioni statiche del solaio finale. L armatura destinata ad assorbire i momenti flettenti negativi, invece, deve essere posizionata in opera poco prima

6 F.Paolacci, L.Sguerri - Progetto di Strutture 6 del getto finale. Con i travetti a traliccio gli elementi rompitratta devono essere posti a una distanza compresa tra 1 e 1,5 metri (Fig.1.11). Fig.1.10 Travetto a traliccio prefabbricato Fig.1.11 Intradosso di un solaio con travetti a traliccio ed elementi rompitratta I travetti in c.a.p. (Fig ) sono una valida alternativa ai travetti a traliccio soprattutto in presenza di luci o carichi elevati o quando è difficoltosa la realizzazione di una puntellazione adeguata poiché posseggono capacità autoportanti superiori e necessitano di travetti rompitratta posti a distanze comprese tra 1.5 e 2 metri. Le dimensioni e l armatura di precompressione, realizzata con acciai ad alta resistenza, variano a seconda del campo di utilizzazione, mentre l armatura destinata ad assorbire i momenti flettenti negativi, anche in questo caso, deve essere posizionata in opera poco prima del getto di completamento finale. Infine alla terza categoria appartengono i solai realizzati con elementi prefabbricati generalmente in c.a.p. Fig.1.12 Travetto in cemento armato precompresso Fig.1.13 Posa in opera di un solaio con travetti in c.a.p. Solai realizzati con lastre prefabbricate dette anche predalles Una soluzione ancora annoverabile fra i solai misti è quella a lastre prefabbricate con travetti a traliccio o prefabbricati direttamente incorporati ed elementi di alleggerimento in polistirolo o in laterizio (Fig ). Le lastre,

7 F.Paolacci, L.Sguerri - Progetto di Strutture 7 in genere, hanno uno spessore minimo di 4 cm che può essere aumentato a piacimento rendendo questa soluzione particolarmente adatta quando sussistono problemi di resistenza al fuoco. La loro capacità portante, invece, è analoga a quella dei travetti a traliccio o dei travetti prefabbricati usati singolarmente, e quindi necessitano della stessa opera di puntellamento. Una volta che le lastre sono state poste in opera si posizionano le eventuali armature aggiuntive previste in fase di progetto e si completa la struttura con la fase di getto del calcestruzzo. L intradosso di questi solai, in genere, è pensato per non essere intonacato. Fig.1.15 Solaio con lastra prefabbricata, sezione Fig.1.14 Solaio con lastra prefabbricata Fig.1.16 Posa in opera di un solaio con lastre prefabbricate Solai a pannelli prefabbricati Quando negli anni 60 cominciarono ad imperversare edifici ad alto grado di prefabbricazione l esigenza di avere solai interamente prefabbricati divenne una priorità. Nacquero così i solai a pannelli prefabbricati in latero-cemento, costituiti dall assemblaggio in stabilimento di due o tre file di blocchi in laterizio con interposte le nervature portanti di calcestruzzo armato (Fig.1.17). In queste nervature sono anche posizionati i ganci utilizzati per il posizionamento e la movimentazione del pannello che ha notevoli capacità autoportanti tanto che fino a luci di 6 metri è sufficiente un solo rompitratta. I pannelli vengono posizionati in cantiere uno accanto all altro realizzando delle nervature da gettare in opera. Quasi tutta l armatura è già stata disposta in stabilimento secondo i calcoli eseguiti sul solaio in oggetto. In cantiere è possibile aggiungere dell armatura di completamento, tra cui quella per i momenti negativi, solo nelle nervature da gettare in opera.

8 F.Paolacci, L.Sguerri - Progetto di Strutture 8 Se è prevista una soletta di completamento, allora può essere posizionata un armatura superiore diffusa su tutto l estradosso. Fig.1.17 Solaio a pannelli in latero-cemento Fig.1.18 Posa in opera di un solaio in pannelli prefabbricati Fig.1.19 Posa in opera di un solaio in pannelli prefabbricati Ogni progetto che si rispetti ha come punto di partenza la scelta dei materiali assieme ad una idea alquanto realistica delle dimensioni iniziali del solaio, idea legata in genere all esperienza professionale. Segue poi la delicata fase dell analisi dei carichi e della ricerca delle combinazioni più gravose secondo quanto dettato dalla normativa. Noti i carichi, il passo successivo è la decisiva scelta del modello strutturale che dipenderà dal livello di accuratezza ritenuto necessario. Nota allora la domanda di prestazione che i carichi richiedono alla struttura, si passa alla successiva fase del progetto delle armature e al calcolo della capacità di prestazione. Effettuate le dovute verifiche di sicurezza il progettista curerà i dettagli costruttivi che poi tradotti in disegni costruttivi verranno utilizzati in cantiere per la fase esecutiva del progetto. Ognuna delle precedenti fasi progettuali verrà ampiamente descritta nei prossimi paragrafi.

9 F.Paolacci, L.Sguerri - Progetto di Strutture 9 2. L MODELLZIONE STRUTTURLE DEL SOLIO Per modellazione strutturale s intende la fase progettuale in cui le azioni e la struttura reali, vengono sostituiti con un modello, immediatamente traducibile in termini matematici, da utilizzare per la valutazione delle sollecitazioni. L uso dei calcolatori ha permesso, e permetterà, di adottare modelli matematici sempre più complessi, vista la rapidità con cui può essere calcolata la loro risposta alle azioni esterne. Tuttavia, in alcuni casi può essere utile l adozione di modelli semplificati che permettano rapidamente (ma approssimativamente) di determinare le sollecitazioni massime nel rispetto dello stato limite imposto. E il caso ad esempio di un solaio che per sua natura presenta caratteristiche di complessità che, se messe in conto, condurrebbero ad un modello sofisticato ma del tutto inadatto alle esigenze progettuali. La pratica suggerisce di adottare modelli semplici che permettano nel rispetto della sicurezza, così come dettato dal D.M. 16/01/96, di individuare con buona approssimazione le sollecitazioni massime. Riassumendo, quindi, quanto illustrato nel capitolo precedente, un solaio è comunemente composto da un alternanza di travetti in cemento armato (precompresso o non) con elementi di alleggerimento in laterizio o polistirolo e da una soletta di collegamento in cemento armato che copre tutta la superficie solidarizzando i vari elementi tra loro. La presenza della soletta fa sì che il solaio sia assimilabile ad una piastra, cioè ad un elemento strutturale bidimensionale, soggetto ad uno stato tensionale piano e caricato in direzione perpendicolare al piano stesso (Fig.2.1). In altre parole, una piastra è in grado di trasferire i carichi alle strutture portanti perimetrali diffondendoli lungo la propria superficie. Fig.2.1 Stato tensionale piano di una piastra Fig.2.2 Solaio S ipotizzi di caricare in maniera uniforme una piastra quadrata ugualmente vincolata lungo tutti e quattro i lati. Il materiale di cui è composta è

10 F.Paolacci, L.Sguerri - Progetto di Strutture 10 perfettamente omogeneo ed isotropo, di conseguenza la piastra possiede le stesse caratteristiche meccaniche e geometriche lungo tutte le direzioni. E facilmente intuibile che, in questo caso, il carico viene ripartito in parti uguali tra i vincoli sui quattro lati. Se, al contrario, il materiale non fosse perfettamente isotropo o la piastra fosse caratterizzata da sezioni diverse al variare della direzione (ex. quantitativi diversi di armatura, geometria diversa ecc.), il carico si diffonderebbe privilegiando la direzione di maggiore rigidezza. Il solaio cade in questa seconda categoria avendo una composizione eterogenea (cemento armato e laterizio) ed una geometria tale da rendere la rigidezza in direzione X, parallela alla tessitura dei travetti, di gran lunga superiore a quella riscontrabile in direzione Y a loro perpendicolare (Fig. 2.2). Questa notevole differenza consente di trascurare, nel calcolo, le sollecitazioni che si sviluppano secondo l asse Y e approssimare il comportamento del solaio con quello di una trave, quindi con una struttura monoassiale. Grazie a quest assunzione, un solaio su una o più campate può essere modellato, in linea generale, come una trave continua su appoggi fissi (Fig.2.3). Tuttavia, è necessario fare alcune precisazioni sulla scelta dei vincoli e su ciò che questa scelta comporta: Gli appoggi del solaio, nella realtà, sono costituiti dalle travi in cemento armato che lo portano e che, sotto il suo carico e quello dei carichi accidentali, s inflettono abbassandosi. Più che ad un appoggio fisso, quindi, il vincolo trave assomiglierebbe ad una molla estensionale. Tuttavia, l approssimazione del risultato è tale da rendere accettabile questa semplificazione del modello strutturale. Le cerniere (o carrelli) inserite come vincoli alle estremità del solaio, vale a dire lì dove quest ultimo s interrompe poggiando sulle travi di bordo, presuppongono che il solaio sia completamente libero di ruotare in quel punto. Questo comportamento non corrisponde alla realtà poiché la trave è dotata di una propria rigidezza torsionale che impedisce, in parte, la rotazione del solaio con conseguente sviluppo di un momento torcente nella trave stessa e di un momento flettente negativo nel solaio (Fig.2.4). Il vincolo esistente tra trave e solaio corrisponderebbe, quindi, ad un semincastro gli effetti del quale variano a seconda se il solaio poggia sulla trave in corrispondenza della mezzeria, dove la rigidezza torsionale della trave è minore (semincastro più prossimo ad una cerniera), o in corrispondenza del pilastro dove la rigidezza è maggiore (semincastro più prossimo ad un incastro). y x SEZIONE - ' SEZIONE - ' L1 L 2 L 3 Fig.2.3 Modellazione del solaio trave Continua C C C D D D ' '

11 F.Paolacci, L.Sguerri - Progetto di Strutture m M m m + - C C 6.00 m + D D Trave di colle Travetto lleggerimento in T Trave portante C - D M T C D Fig.2.4 Trave continua: diagrammi delle sollecitazioni, deformata elastica, approssimazione del vincolo di semincastro con le cerniere di estremità La scelta di una cerniera, piuttosto che di un incastro, per modellare il vincolo all estremo di un solaio, è essenzialmente dettata da ragioni di sicurezza strutturale. Potendo scegliere, infatti, è buona norma, in casi come questi, prendere come riferimento lo schema con minor grado di iperstaticità. Per poterne comprendere le ragioni, si supponga di dover progettare un solaio di una sola campata. I vincoli alle due estremità, essendo entrambi semincastri, possono essere modellati sia come incastri sia come cerniere. 2 pl /12 2 pl /12 2 pl /24 2 pl /8 a) b) Fig.2.5 Influenza della scelta dei vincoli per modellare un semincastro Se viene scelto l incastro si ottiene una trave 3 volte iperstatica (Fig.2.5a): il momento in mezzeria sarà sicuramente più basso di quello reale, mentre quello in corrispondenza degli appoggi sarà sicuramente più elevato. Di conseguenza l armatura dei travetti in mezzeria verrà sottodimensionata mentre verrà sovradimensionata quella alle estremità. Se in seguito, durante la vita della struttura, il comportamento reale del semincastro si avvicinerà maggiormente a

12 F.Paolacci, L.Sguerri - Progetto di Strutture 12 quello di una cerniera piuttosto che a quello di un incastro, la sezione di mezzeria, poco armata, non sarà più in grado di portare un momento molto più alto rispetto a quello per cui è stata progettata e si deformerà al punto di trasformarsi in una cosiddetta cerniera plastica. In questo caso, la trave si trasformerà in una struttura labile prossima al collasso. Se, al contrario, per modellare i vincoli di estremità viene scelta la cerniera, la trave diventa isostatica (Fig.2.5b): i momenti agli appoggi saranno nulli mentre il momento in mezzeria sarà sicuramente più elevato di quello reale. La situazione, praticamente, si inverte rispetto al caso precedente, con armature sottodimensionate alle estremità e sovradimensionate in mezzeria. Quindi, se durante la vita della struttura, il comportamento reale del semincastro si avvicinerà maggiormente a quello di un incastro piuttosto che a quello di una cerniera, con conseguente sviluppo di momenti flettenti di entità imprevista alle estremità della trave, le sezioni in appoggio, poco armate, si trasformeranno in cerniere plastiche. In questo caso, però, il solaio non collasserà comportandosi come una trave semplicemente appoggiata. dottando il modello a trave continua, le luci delle singole campate vengono in genere assunte pari alla distanza tra gli interassi delle travi. I carichi distribuiti linearmente sulla trave (espressi ad esempio in kn/m 2 ) provengono dai carichi per unità di superficie determinati al paragrafo 3, moltiplicando quest ultimi per l interasse (i) considerato (vedi fig. 2.6). In genere questo l interasse può corrispondere a quello tra i travetti, in maniera da calcolare le sollecitazioni di Interasse (i) Carico distribuito (kn/m) Direzione tessitura solaio Fig.2.6 Carico lineare ripartito sul singolo travetto taglio e momento che interessano il singolo travetto. Tuttavia, è anche possibile fare riferimento ad un interasse generico di 1m salvo poi riportare le informazioni di progetto al singolo travetto: ad esempio se scegliendo un interasse di I n =1 m è stata calcolata un armatura longitudinale pari a =3 cm 2 e l interasse dei travetti è i=0.5m, l armatura necessaria in ogni travetto è pari a i/i n =1.5 cm 2. Come si può notare, la modellazione del solaio è affetta da una serie di semplificazioni e approssimazioni che consentono di passare da una struttura reale relativamente complessa ad uno schema strutturale estremamente semplice. Tuttavia, è importante comprendere la natura di queste semplificazioni e le conseguenze che possono comportare per poterne tenere adeguatamente conto in fase di progetto. Si vedrà, al momento di calcolare le armature, quali provvedimenti prendere, per tenere conto sia della cedevolezza dei vincoli, sia dei momenti che inevitabilmente si svilupperanno nelle sezioni di estremità, sia di altre peculiarità trascurate quali l effettiva bidimensionalità della struttura.

13 F.Paolacci, L.Sguerri - Progetto di Strutture L SCELT DEI MTERILI E IL PREDIMENSIONMENTO DEL SOLIO Uno dei primi passi che un professionista si accinge ad effettuare nel progetto di un opera in cemento armato è quello del progetto dei materiali ossia la scelta delle caratteristiche meccaniche dei materiali componenti la struttura. Parti differenti di essa possono avere ad esempio resistenze meccaniche diverse perché diversa è la loro funzione. Occorre tenere ben presente che la scelta che verrà effettuata influenzerà contemporaneamente aspetti differenti quali la deformabilità e la resistenza degli elementi strutturali così come la loro duttilità. Dunque non è, come a prima vista potrebbe sembrare, una scelta dettata dalla sola resistenza o dalla sola componente economica (calcestruzzi meno resistenti costano meno di calcestruzzi più resistenti), ma soprattutto dal livello di sicurezza e dalla durabilità che si vogliono raggiungere. d esempio nel caso di un solaio è usuale trovare condizioni di sezioni debolmente armate perché la loro altezza è in genere assai limitata ed essendo l asse neutro sempre piuttosto alto ne risulta un armatura spesso snervata (il livello massimo di deformazione dell acciaio per sezioni debolmente armate è l 1%). Se poi aggiungiamo che in condizioni ambientali aggressive l acciaio soggetto a corrosione degrada molto più rapidamente di un acciaio non snervato, sarebbe opportuno aumentare la sezione dell acciaio oltre quella necessaria per la sola sicurezza in termini di resistenza. In definitiva, sarebbe opportuno scegliere acciai con una soglia di snervamento più elevata in modo da mantenere i diametri delle armature a valori minimi ragionevoli e aumentare la durabilità del manufatto. Un aspetto parallelo a quello già esaminato ma ad esso intimamente legato è il predimensionamento strutturale. Frutto spesso dell esperienza professionale, rappresenta un atto di sintesi che racchiude in sè la maggior parte degli aspetti salienti di un progetto. Proprio per la sua importanza nel processo progettuale le normative spesso si sostituiscono al progettista dettando specifiche indicazioni su come dimensionare gli elementi strutturali. armatura superiore soletta collaborante pignatta s h H armatura inferiore b o b p b o travetto i Fig.3.1 Generica sezione di un solaio latero-cementizio

14 F.Paolacci, L.Sguerri - Progetto di Strutture 14 In figura 3.1 è indicata la generica sezione di un solaio latero-cementizio. Le grandezze geometriche oggetto del predimensionamento sono le seguenti: L altezza del solaio (H) Lo spessore della soletta (s) L altezza della pignatta (h) tale che h + s = H La larghezza del singolo travetto (b 0 ) La larghezza della pignatta (b p ) L interasse fra i travetti (i) La normativa (D.M. 09/01/96 punto 7.1.4) impone le seguenti prescrizioni: s 4 cm (Punto ) b 0 1/8 i e comunque 8 cm (Punto ) i 15 s e comunque 52 cm (Punto ) H 1/25 L e comunque 12 cm (Punto ) H 1/30 L se si utilizzano travetti precompressi Nell applicare le prescrizioni di normativa, però, non bisogna trascurare alcuni aspetti pratici che condizionano ulteriormente le scelte dimensionali del progettista: Il solaio, in genere, ha altezza costante nell ambito di uno stesso impalcato, a meno di motivi particolari quali zone ribassate destinate al passaggio degli impianti o che devono garantire il deflusso esterno delle acque (balconi, terrazze, ecc ). Di conseguenza, il dimensionamento dell altezza H deve essere fatto sulla luce più grande tra quelle che caratterizzano l intero impalcato. La soletta di un solaio ha, coerentemente con quanto imposto dalla normativa, spessori che variano tra i 4 e i 5 cm. In genere, in zona non sismica, lo spessore comunemente adottato è proprio quello minimo di 4 cm, in grado di garantirne la funzionalità e di limitare l incidenza del suo peso sul carico complessivo che agisce sul solaio. In zona sismica, invece, sono più frequenti solette da 5 cm che consentono l alloggiamento di un quantitativo più consistente di armature di ripartizione. L altezza delle pignatte, comunemente in commercio, parte da un minimo di 12 cm per crescere a passi costanti di due centimetri (14 cm 16 cm ecc ). ppare evidente, quindi, che lo spessore minimo di un solaio latero-cementizio con soletta collaborante non potrà mai essere inferiore a 12 cm + 4 cm = 16 cm. Dimensioni usuali per i travetti di un solaio, in cemento armato non precompresso, sono larghezze b 0 non inferiori ai 10 cm, ma in genere neanche superiori ai 14 cm. Si vedrà in seguito come, dalla dimensione di base del travetto, dipenda l ampiezza delle cosiddette fasce piene di calcestruzzo che vengono realizzate a coronamento del solaio alleggerito, a ridosso delle travi portanti.

15 F.Paolacci, L.Sguerri - Progetto di Strutture 15 Utilizzando una soletta con spessore 4 cm, l interasse tra i travetti potrebbe essere portato fino a 15 x 4 cm = 60 cm. In realtà, interassi usuali si aggirano attorno ai 50 cm con dimensioni di base delle pignatte variabili tra i 38 e i 40 cm. In questo modo si evita di sovraccaricare in maniera eccessiva il travetto in cemento armato. Le prescrizioni di normativa e queste poche regole pratiche di progettazione legate all industrializzazione dei materiali e all esperienza accumulata in anni e anni di sperimentazione sul campo, consentono di predimensionare in maniera veloce e sicura un solaio tradizionale in latero-cemento, così come verrà illustrato nell esempio numerico riportato nel capitolo?

16 F.Paolacci, L.Sguerri - Progetto di Strutture L NLISI DEI CRICHI E LORO COMINZIONI La fase immediatamente successiva al predimensionamento del solaio è l analisi dei carichi, necessaria per determinare le sollecitazioni massime alle quali sarà soggetta la struttura. L operazione è semplice, ma allo stesso tempo richiede molta attenzione da parte del progettista. I carichi che agiscono direttamente sul solaio possono essere suddivisi in tre grandi categorie: Peso proprio del solaio P pk Sovraccarico permanente S pk Sovraccarico accidentale S qk Per quanto riguarda le unità di misura con le quali esprimenre l entità dei carichi e delle conseguenti sollecitazioni, verrà utilizzato il sistema misura internazionale SI. 4.1 Determinazione del peso proprio Il D.M. del 16/01/96 fornisce al punto 4 i pesi caratteristici dei più comuni materiali utilizzati nelle costruzioni (tab.1). Per il calcolo del peso proprio di un solaio occorre determinare il peso del cemento armato e il peso degli elementi di alleggerimento. Dalla tabella si evince che il peso del cls armato è pari a 25 kn/m 3. Il peso degli elementi di alleggerimento in laterizio dipende, invece, dalla percentuale di foratura presente nelle pignatte. In figura 4.1 sono riportate le percentuali massime di vuoti consentite a seconda delle dimensioni dei blocchi: considerando, ad esempio, una foratura del 70% ed il peso specifico di una muratura in mattoni pieni (18 kn/mc), si ottiene all incirca un peso di 5.5 kn/mc. Fig.4.1 percentuali massime di foratura in base alle dimensioni dei blocchi Più semplicemente, una misura ragionevole del peso medio dell insieme pignatte-travetti può essere assunta pari a 10 kn/m 3. ln questo caso, il peso

17 F.Paolacci, L.Sguerri - Progetto di Strutture 17 proprio di un solaio di altezza totale H può essere calcolato, in via semplificata, come segue: p pk (kn/m 2 ) = 25 x s + 10 (H-s) (1) dove i due addendi rappresentano rispettivamente il peso della soletta di spessore s e il peso della sottostante parte composta dall insieme travettipignatte. Materiale peso Conglomerato cementizio ordinario 24,0 kn/m3 Conglomerato cementizio ordinario armato (e/o pressocompresso) 25,0 " Conglomerati "leggeri": da determinarsi (14,020,0) " Conglomerati "pesanti": da determinarsi (28,050,0) " cciaio 78,5 " Ghisa 72,5 " lluminio 27,0 " Legname: bete, Castagno 6,0 " Quercia, Noce 8,0 " Pietrame: Tufo vulcanico 17,0 " Calcare compatto 26,0 " Calcare tenero 22,0 " Granito 27,0 " Laterizio (pieno) 18,0 " Malta di calce 18,0 " Malta di cemento 21,0 " Tab.1 Pesi caratteristici dei più comuni materiali da costruzione Tuttavia, in maniera quasi altrettanto semplice e con riferimento alla figura 3.1, può essere calcolato il peso preciso di un metro quadrato di solaio utilizzando la seguente procedura: Peso travetti: p t (KN/m 2 ) = b 0 (H-s) 25 n t n t = 1/i = n travetti a metro. Peso Pignatte: p p (KN/m 2 ) = b p (H-s) γ p n p n p = (1-b 0 n t )/i = n pignatte a metro γ p = peso specifico delle pignatte Peso soletta p s (KN/m 2 ) = s * 25 In definitiva il peso proprio del solaio per unità di superficie è dato dalla somma del peso di travetto, pignatte e soletta p pk (kn/m 2 ) = p t + p p + p s (2)

18 F.Paolacci, L.Sguerri - Progetto di Strutture Determinazione del sovraccarico permanente Per sovraccarico permanente s intende l insieme di tutti quei carichi che gravano permanentemente sul solaio, come le finiture, i tramezzi ecc. La circolare Ministeriale del 04/07/96 n.156 indica il peso per unità di volume o superficie di alcuni materiali come riportato nella seguente tabella: PESI DI ELEMENTI COSTRUTTIVI Materiali Peso dell'unità di volume o di superficie ) Malte Malta bastarda (di calce o cemento) 19,00 kn/m³ Malta di gesso 12,00» Intonaco (spessore 1,5 cm) 0,30 kn/m² ) Manti di copertura Manto impermeabilizzante di asfalto o simile 0,30» Manto impermeabilizzante prefabbricato con strati bituminosi di feltro, di vetro o simili 0,10» Tegole maritate (embrici e coppi) 0,60» Sottotegole di tavelloni (spessore 3-4 cm) 0,35» Lamiere di acciaio ondulate o nervate 0,12» Lamiere di alluminio ondulate o nervate 0,05» Lastre traslucide di resina artificiale, ondulate o nervate 0,10» C) Muratura Muratura di mattoni pieni 18,00 kn/m³ Muratura di mattoni semipieni 16,00» Muratura di mattoni forati 11,00» Tab.2 pesi caratteristici di alcuni elementi di finitura In figura 4.2 è descritta la sezione tipica di un solaio completo delle finiture, con indicati alcuni strati di materiale che comunemente costituiscono buona parte del sovraccarico permanente. Fig.4.2 Sezione di un solaio completo delle finiture I pesi comunemente annoverati fra i sovraccarichi permanenti sono i seguenti dove i pesi indicati sono stati calcolati o tratti direttamente dalla tabella 2: Il pavimento (fra 0.3 e 0.5 kn/m 2 ) Massetto e allettamento (fra 19 e 21 kn/m 3 ) Impermeabilizzazione (circa 0.3 kn/m 2 ) Intonaco (circa 0.3 kn/m 2 )

19 F.Paolacci, L.Sguerri - Progetto di Strutture 19 Isolamento termico (circa 0.05 kn/m 2 ) tramezzature La normativa, al punto 5.1 recita: I tramezzi e gli impianti leggeri di edifici residenziali possono assumersi in genere come carichi equivalenti distribuiti, quando i solai hanno adeguata capacità di ripartizione trasversale. Poiché in genere ogni solaio in c.a. ha una adeguata capacità di ripartizione trasversale i tramezzi vengono considerati come carico ripartito. Il valore medio di questo peso dipende dal tipo di tramezzature utilizzate e in genere è variabile fra gli 0.8 e 1.2 kn/m 2. Un incidenza più precisa dei tramezzi sul solaio può essere valutata allorché si conosca la loro esatta distribuzione in pianta. Con d c queste informazioni si può calcolare prima il peso totale delle tramezzature e poi dividerlo per la d superficie dell impalcato. Poiché il c carico, nella realtà, non è effettivamente distribuito ma grava b su singole porzioni della superficie, a Superficie S occorre applicare un coefficiente di sicurezza più elevato pari a 1.5 (circolare ministeriale del 04/07/96 Fig.4.3 Incidenza dei tramezzi n.156 punto C.5.1). Con riferimento alla figura seguente il peso delle tramezzature viene così calcolato P tra = [(a+b+c+d) h] / S 1.5 (3) Peso degli eventuali impianti tecnologici (circa 0.5 kn/m 2 ) Il sovraccarico permanente totale è dato dalla somma di tutti i contributi presenti. questo deve essere sommato il peso proprio del solaio per ottenere il carico permanente complessivo. 4.3 Determinazione dei sovraccarichi accidentali Il D.M. 16/01/96, al punto 5.2 e nel prospetto 5.1, fornisce i valori dei sovraccarichi variabili facendo distinzione tra le destinazioni d uso dei locali in progetto. La seconda colonna della tabella, pubblicata sul Decreto, riporta i valori dei carichi verticali ripartiti (tabella 3), mentre la terza e la quarta colonna riportano, rispettivamente, i carichi concentrati verticali e orizzontali utili al progettista per svolgere solo alcune verifiche locali. I carichi verticali concentrati vanno applicati su di una superficie 50x50 mm mentre i carichi orizzontali vanno applicati (a pareti, a parapetti etc..) ad un altezza di 1.2 m dal piano di calpestio.

20 F.Paolacci, L.Sguerri - Progetto di Strutture 20 In entrambi i casi, i carichi concentrati non devono essere cumulati con quelli ripartiti. LOCLE mbienti non suscettibili di affollamento (locali abitazione e relativi servizi, alberghi, uffici non aperti al pubblico) e relativi terrazzi a livello praticabili mbienti suscettibili di affollamento (ristoranti, caffè, banche, ospedali, uffici aperti al pubblico, caserme) e relative terrazze a livello praticabili mbienti suscettibili di grande affollamento (sale convegni, cinema, teatri, chiese, negozi, tribune con posti fissi) e relativi terrazzi a livello praticabili Sale da ballo, palestre, tribune libere, aree di vendita con esposizione diffusa (mercati, grandi magazzini, librerie, ecc.) e relativi terrazzi a livello praticabili, balconi e scale alconi, ballatoi e scale comuni (esclusi quelli pertinenti alla Cat. 4) SOVRCCRICO CCIDENTLE (kn/m 2 ) Sottotetti accessibili (per sola manutenzione) 1.00 Coperture non accessibili Coperture accessibili: speciali (impianti, eliporti, altri): Rimesse e parcheggi: per autovetture di peso a pieno carico fino a 30 kn per transito di automezzi di peso superiore a 30 kn 0.5 secondo categoria di appartenenza secondo il caso 2.50 da valutarsi caso per caso Tab. 3 Sovraccarichi variabili ripartiti per edifici 4.4 Determinazione del carico della Neve lla valutazione del carico neve è dedicato l intero paragrafo 6 del D.M. 16/01/96 e della circolare n.156. Il calcolo è impostato in modo estremamente semplice: si valuta dapprima il carico della neve al suolo q sk, il quale, moltiplicato per il fattore di forma della copertura µ i, fornisce il carico neve q s q s = µ i q sk (4) Per quanto riguarda il coefficiente di forma, al punto 6.2 della circolare è riportata una dettagliata casistica sulle possibili tipologie di copertura degli

Le azioni sulle costruzioni. Modelli e normativa

Le azioni sulle costruzioni. Modelli e normativa Le azioni sulle costruzioni Modelli e normativa Classificazione delle azioni Classifica per tipo di azione: Forze (Peso, pressione del vento, spinta della terra o di un liquido, ecc.) Spostamenti impressi

Dettagli

Le azioni sulle costruzioni. Modelli e normativa

Le azioni sulle costruzioni. Modelli e normativa Le azioni sulle costruzioni Modelli e normativa Classificazione delle azioni Classifica per tipo di azione: Forze (Peso, pressione del vento, spinta della terra o di un liquido, ecc.) Spostamenti impressi

Dettagli

Lezione. Tecnica delle Costruzioni

Lezione. Tecnica delle Costruzioni Lezione Tecnica delle Costruzioni 1 Azioni sulle costruzioni Classificazione Un modello completo di una azione descrive diverse proprietà di una azione: intensità posizione direzione durata interazione

Dettagli

Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol

Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol Gianfranco Righetti ASSOUNISOL, VERONA 1 - unisol : caratteristiche e prestazioni 1.1 - Caratteristiche generali Il solaio unisol è formato

Dettagli

Strutture prefabbricate: caratteristiche generali Esempi di travi di produzione corrente

Strutture prefabbricate: caratteristiche generali Esempi di travi di produzione corrente !"# Strutture prefabbricate: caratteristiche generali Vantaggi vs. svantaggi Struttura prefabbricata: assemblaggio di elementi (pilastri, travi, tegoli) prodotti in appositi stabilimenti, trasportati in

Dettagli

Particolarità di esecuzione valide per tutti i solai

Particolarità di esecuzione valide per tutti i solai Particolarità di esecuzione valide per tutti i solai 1. - Premessa In genere nei solai la zona in prossimità degli appoggi risulta particolarmente critica in quanto le sollecitazioni in gioco sono molto

Dettagli

RISCHIO DI FESSURAZIONI E ROTTURE NEI SOLAI IN LATERO-CEMENTO

RISCHIO DI FESSURAZIONI E ROTTURE NEI SOLAI IN LATERO-CEMENTO Pagina 1 di 5 Vincenzo Bacco RISCHIO DI FESSURAZIONI E ROTTURE NEI SOLAI IN LATERO-CEMENTO Fin dal suo apparire nella tecnologia costruttiva dei solai misti, il componente in laterizio, inteso come blocco

Dettagli

SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M.

SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M. SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M. Il patrimonio storico in Italia è largamente costituito da fabbricati e monumenti in muratura. Le tipologie costruttive e i materiali utilizzati sono i più vari (pietrame

Dettagli

4. ANALISI SEMPLIFICATA DELL EDIFICIO IN VIA MARTOGLIO UNIVERSITÀ DELL AQUILA G.C. Beolchini 1

4. ANALISI SEMPLIFICATA DELL EDIFICIO IN VIA MARTOGLIO UNIVERSITÀ DELL AQUILA G.C. Beolchini 1 4. ANALISI SEMPLIFICATA DELL EDIFICIO IN VIA MARTOGLIO UNIVERSITÀ DELL AQUILA G.C. Beolchini 1 4.1 Introduzione In questo capitolo sono riportati alcuni risultati, ottenuti con modelli semplificati, delle

Dettagli

Solai osservazioni generali

Solai osservazioni generali SOLAI Struttura orizzontale posta ad ogni piano di un edificio. Ha lo scopo di sostenere il proprio peso, dei pavimenti, delle pareti divisorie e dei carichi di esercizio. Per orizzontamento si intende

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI" DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERI DI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 8 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI PREVISTI IN FASE

Dettagli

Sistema di consolidamento di solai in legno, acciaio e calcestruzzo. Il nuovo indirizzo della ristrutturazione.

Sistema di consolidamento di solai in legno, acciaio e calcestruzzo. Il nuovo indirizzo della ristrutturazione. Sistema di consolidamento di solai in legno, acciaio e calcestruzzo. Il nuovo indirizzo della ristrutturazione. Nuovo sistema di interconnessione più calcestruzzi strutturali Leca. L unione fa il rinforzo.

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA Edifici in muratura portante 2 1 Cosa è ANDILWall? ANDILWall è un software di analisi strutturale che utilizza il motore di calcolo SAM II, sviluppato presso l Università degli Studi di Pavia e presso

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI"DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERIDI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 13 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE

Dettagli

Criteri per la scelta dell intervento

Criteri per la scelta dell intervento Edifici esistenti in c.a.: Esempi di intervento Giovanni Plizzari Università di Brescia plizzari@ing.unibs.it L Accademia del Costruire Gussago, 23 Marzo 2012 1/86 Criteri per la scelta dell intervento

Dettagli

Regione Campania Ufficio Osservatorio Prezzi

Regione Campania Ufficio Osservatorio Prezzi 398 Analisi E.04.10.10.a Solaio misto di cemento armato e laterizio gettato in opera, per strutture piane, con calcestruzzo non inferiore a Rck 30 N/mm², costituito da pignatte interposte fra nervature

Dettagli

CALCOLI ESECUTIVI DELLE STRUTTURE

CALCOLI ESECUTIVI DELLE STRUTTURE OGGETTO LOCALITA' OPERE DI BONIFICA COPERTURA IN CEMENTO AMIANTO CAPANNONE AUTORIMESSA E OFFICINA Località "Palombare", Via Del Commercio 27 Ancona PROGETTISTA Dott. Ing. LUCA MOSCA ELABORATO PROGETTO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO

RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO Interventi urgenti finalizzati alla messa in sicurezza, alla prevenzione e alla riduzione del rischio connesso

Dettagli

SISTEMA TRALICCIO LPR PER IL RINFORZO DEI SOLAI DI LEGNO.

SISTEMA TRALICCIO LPR PER IL RINFORZO DEI SOLAI DI LEGNO. SISTEMA TRALICCIO LPR PER IL RINFORZO DEI SOLAI DI LEGNO. I dati esposti sono dati indicativi relativi alla produzione attuale e possono essere cambiati ed aggiornati dalla Peter Cox in qualsiasi momento

Dettagli

STUDIO D INGEGNERIA Dott.Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI 24035 Curno (Bg) - Via R.Ruffilli, 2 Tel. 035463983, Fax. 035460404, e-mail:

STUDIO D INGEGNERIA Dott.Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI 24035 Curno (Bg) - Via R.Ruffilli, 2 Tel. 035463983, Fax. 035460404, e-mail: RELAZIONE TECNICO SPECIALISTICA DELL EDIFICIO MUNICIPALE DI AZZANO SANPAOLO BG- Curno, Novembre 2013 Tecnico incaricato Dott. Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI Descrizione dello stato di fatto II fabbricato

Dettagli

Prima combinazione di carico... 39 Seconda combinazione di carico... 39 Terza combinazione di carico... 40. Inviluppo dei diagrammi dei momenti...

Prima combinazione di carico... 39 Seconda combinazione di carico... 39 Terza combinazione di carico... 40. Inviluppo dei diagrammi dei momenti... Edoardo M. Marino e Cristina Stuto Progetto di elementi strutturali in cemento armato SECONDO LE INDICAZIONI DELLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI (D.M. 14/01/008) E DELLA NORMATIVA EUROPEA (EUROCODICE

Dettagli

30/05/2012. PDF Lezioni sul sito: www2.unibas.it/ponzo. Mettere figura. Prof. Ing. Felice Carlo Ponzo. Prof. Ing. Felice Carlo Ponzo

30/05/2012. PDF Lezioni sul sito: www2.unibas.it/ponzo. Mettere figura. Prof. Ing. Felice Carlo Ponzo. Prof. Ing. Felice Carlo Ponzo PDF Lezioni sul sito: www2.unibas.it/ponzo Mettere figura 1 Cinematica delle strutture Produzione di profilati e lamiere in acciaieria Trasformazione in elementi strutturali e preassemblaggi Trasporto

Dettagli

La corretta esecuzione dei solai in laterizio. Attenzioni da porre nella progettazione e nella posa in opera

La corretta esecuzione dei solai in laterizio. Attenzioni da porre nella progettazione e nella posa in opera La corretta esecuzione dei solai in laterizio Attenzioni da porre nella progettazione e nella posa in opera 2Indice La corretta esecuzione dei solai in laterizio Indice Premessa pag. 3 I blocchi in laterizio

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA IN ZONA SISMICA RILEVAMENTO DELLE CARENZE STRUTTURALI MANUALE PER LA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DELLE CARENZE

EDIFICI IN MURATURA IN ZONA SISMICA RILEVAMENTO DELLE CARENZE STRUTTURALI MANUALE PER LA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DELLE CARENZE REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DELLE POLITICHE TERRITORIALI E AMBIENTALI SETTORE SERVIZIO SISMICO REGIONALE EDIFICI IN MURATURA IN ZONA SISMICA RILEVAMENTO DELLE CARENZE STRUTTURALI MANUALE PER LA

Dettagli

La normativa suddivide i solai misti in laterocemento in due categorie:

La normativa suddivide i solai misti in laterocemento in due categorie: L.5 Comportamento statico Lo studio del comportamento statico dei solai richiede innanzitutto una corretta conoscenza della scienza delle costruzioni. Il solaio infatti è una struttura portante che all

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA INTRODUZIONE Il recente D.M. 14.1.2008 (N.T.C.), ha confermato ed ulteriormente migliorato le regole di progettazione per costruire in muratura armata, introdotte a livello

Dettagli

5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE

5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE Il Manuale della Presagomatura 49 5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE La posa in opera delle armature è un operazione di grande importanza dal punto di vista della qualità, durabilità

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO DELLE STRUTTURE E VERIFICA ALLE AZIONI SISMICHE SECONDO D.M. 96 e O.P.C.M. 3274

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO DELLE STRUTTURE E VERIFICA ALLE AZIONI SISMICHE SECONDO D.M. 96 e O.P.C.M. 3274 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA EDILE CORSO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI 3 PROF. MODENA ING. PIPINATO COSTRUZIONE EX NOVO DI UN CONDOMINIO

Dettagli

11. Criteri di analisi e di verifica

11. Criteri di analisi e di verifica 11. Criteri di analisi e di verifica Il progetto dell edificio esistente riflette naturalmente lo stato delle conoscenze al tempo della costruzione e può contenere difetti di impostazione e di realizzazione,

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

STRUTTURA: qualcosa che ha il compito di riportare i carichi al suolo e di sorreggere

STRUTTURA: qualcosa che ha il compito di riportare i carichi al suolo e di sorreggere Introduzione STRUTTURA STRUTTURA: qualcosa che ha il compito di riportare i carichi al suolo e di sorreggere l'intera costruzione. Per gli edifici di civile abitazione (residenziali), nei casi usuali

Dettagli

Comune di BRESCIA PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE DI UN FABBRICATO ESISTENTE

Comune di BRESCIA PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE DI UN FABBRICATO ESISTENTE Comune di BRESCIA PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE DI UN FABBRICATO ESISTENTE RELAZIONE DI CALCOLO OPERE IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO NORMALE, IN MURATURA PORTANTE ED IN FERRO (ai sensi dell'art. 4 della

Dettagli

Caratterizzazione del comportamento di resine epossidiche per il consolidamento di solai in latero-cemento

Caratterizzazione del comportamento di resine epossidiche per il consolidamento di solai in latero-cemento Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Relazione finale del contratto di consulenza Politecnico di Milano Laterlite Caratterizzazione del comportamento di resine epossidiche per il consolidamento

Dettagli

PROGETTO DI ELEMENTI STRUTTURALI IN CEMENTO ARMATO

PROGETTO DI ELEMENTI STRUTTURALI IN CEMENTO ARMATO Aurelio Ghersi, Lucio Blandini PROGETTO DI ELEMENTI STRUTTURALI IN CEMENTO ARMATO SECONDO LE INDICAZIONI DELLA NORMATIVA EUROPEA (EUROCODICE 2) 2 a edizione Marzo 2002 Indice Indice...3 Introduzione...7

Dettagli

Combinazione dei carichi

Combinazione dei carichi Combinazione dei carichi Un passo fondamentale del progetto di un opera civile è sicuramente l analisi delle forze agenti su essa che sono necessarie per l individuazione delle corrette sollecitazioni

Dettagli

SISTEMA MTR - TRAVI TRALICCIATE

SISTEMA MTR - TRAVI TRALICCIATE SISTEMA MTR - TRAVI TRALICCIATE Company profile DA PICCOLA OFFICINA METALMECCANICA AL SETTORE DELLE GRANDI STRUTTURE METALLICHE Dal 1995 progettiamo e realizziamo strutture miste (acciaio-calcestruzzo)

Dettagli

Strutture in acciao, legno, e laterocementizie

Strutture in acciao, legno, e laterocementizie Strutture in acciao, legno, e laterocementizie Marc Antonio Liotta Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica Strutture in acciaio Materiale isotropo Fe360: σ adm =1600kg/cm 2 Solaio tipo in acciaio-cls

Dettagli

TRAVETTI PREFABBRICATI TRALICCIATI CON FONDELLO IN LATERIZIO PER SOLAIO

TRAVETTI PREFABBRICATI TRALICCIATI CON FONDELLO IN LATERIZIO PER SOLAIO TRAVETTI PREFABBRICATI TRALICCIATI CON FONDELLO IN LATERIZIO PER SOLAIO Deposito: c/da Malapezza - 98042 Pace Del Mela (ME) Tel. 090. 9385533 Fax 090. 9383307 e-mail: info@currolaterizi.it sito web: www.currolaterizi.it

Dettagli

Strutture murarie. Lezione 2 L02

Strutture murarie. Lezione 2 L02 Strutture murarie Lezione 2 1 Cenni preliminari Nel passato veniva usata praticamente sempre la cosiddetta muratura continua. Dai tempi dei Romani, ad anche prima, si è sempre utilizzata, quindi è stata

Dettagli

Fabbricati per stabilimenti

Fabbricati per stabilimenti Impostazioni progettuali dello stabilimento Fabbricati per stabilimenti industriali Classificazione dei fabbricati e sistemi costruttivi Elementi principali dei fabbricati industriali Strutture varie Piano

Dettagli

Il nuovo approccio normativo alla resistenza al fuoco: i solai in laterocemento Vincenzo Bacco, progettista, Bari

Il nuovo approccio normativo alla resistenza al fuoco: i solai in laterocemento Vincenzo Bacco, progettista, Bari Il nuovo approccio normativo alla resistenza al fuoco: i solai in laterocemento Vincenzo Bacco, progettista, Bari Si analizzano i nuovi aspetti normativi legati ai problemi della caratterizzazione, ai

Dettagli

DESCRIZIONE INDICATIVA DELLE OPERE

DESCRIZIONE INDICATIVA DELLE OPERE Costruzioni s.r.l. Via Boccaccio n 29 20123 MILANO P.IVA 06454770964 Oggetto: REALIZZAZIONE NUOVI EDIFICI RESIDENZIALI IN COMUNE DI LENNO (CO) VIALE LIBRONICO DESCRIZIONE INDICATIVA DELLE OPERE CAPITOLATO

Dettagli

Sistema costruttivo ANPELWALL

Sistema costruttivo ANPELWALL Sistema costruttivo ANPELWALL Murature rinforzate in Lecablocco per edifici industriali e del terziario Guida alla progettazione ANPEL WALL Murature Certificate e Calcolate MURATURE IN LECABLOCCO nell

Dettagli

[LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI]

[LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI] 2014 PROGETTARE BIOEDILE Giovanni Tona [LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI] Analisi delle cause delle più frequenti lesioni presenti negli edifici con struttura in cemento armato, e metodi di

Dettagli

Le strutture di FONDAZIONE

Le strutture di FONDAZIONE Le strutture di FONDAZIONE Laboratorio di Tecnologia dell Architettura Prof.ssa Paola Gallo A.A. 2012-2013 Strutture di fondazione Le fondazioni sono elementi strutturali che trasferiscono i carichi delle

Dettagli

1.0 NORMATIVE DI RIFERIMENTO 2.0 VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA RELAZIONE INTERVENTI STRUTTURALI. 2.1 Interventi di adeguamento.

1.0 NORMATIVE DI RIFERIMENTO 2.0 VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA RELAZIONE INTERVENTI STRUTTURALI. 2.1 Interventi di adeguamento. RELAZIONE INTERVENTI STRUTTURALI 1.0 NORMATIVE DI RIFERIMENTO L intervento di adeguamento sismico viene realizzato in conformità alle vigenti Norme tecniche, ed in particolare alle seguenti Leggi e Raccomandazioni:

Dettagli

1.2.1 Premessa Le prove di carico si distinguono in prove di VERIFICA e prove di ANALISI.

1.2.1 Premessa Le prove di carico si distinguono in prove di VERIFICA e prove di ANALISI. 1. PROVE DI CARICO DI VERIFICA 1..1 Premessa Le prove di carico si distinguono in prove di VERIFICA e prove di ANALISI. Le prime hanno lo scopo di verificare la corrispondenza dei risultati sperimentali

Dettagli

MISURAZIONE E QUANTIFICAZIONE DELLE OPERE

MISURAZIONE E QUANTIFICAZIONE DELLE OPERE MISURAZIONE E QUANTIFICAZIONE DELLE OPERE Al termine della fase di classificazione (o suddivisione in capitoli), è possibile redigere l elenco delle voci (o articoli) che rappresentano la lavorazione da

Dettagli

PROGETTO DI UN EDIFICIO IN CALCESTRUZZO ARMATO IN ZONA SISMICA

PROGETTO DI UN EDIFICIO IN CALCESTRUZZO ARMATO IN ZONA SISMICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CASSINO FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA CIVILE Corso di Progetto di Strutture PROGETTO DI UN EDIFICIO IN CALCESTRUZZO ARMATO IN ZONA SISMICA

Dettagli

Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti

Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti Gli interventi sulle strutture ad arco o a volta possono essere realizzati

Dettagli

Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale e orizzontale

Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale e orizzontale CORSO DI LAUREA QUINQUENNALE a.a. 2012/13 MATERIALI PER L'ARCHITETTURA Prof. Alberto De Capua Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale

Dettagli

PARTIZIONE INTERNA suddividere lo spazio interno in amb enti post tutt sullo stesso p ano d uso

PARTIZIONE INTERNA suddividere lo spazio interno in amb enti post tutt sullo stesso p ano d uso PARTIZIONI INTERNE PARTIZIONE INTERNA Elemento di fabbrica che ha il compito di suddividere lo spazio interno in ambienti i posti tutti sullo stesso piano d uso, separando visivamente ii ambienti i contigui

Dettagli

Eurosolaio Barbieri. Progetto

Eurosolaio Barbieri. Progetto Eurosolaio Barbieri Progetto Occorre rilevare che oggi, nella realizzazione in stabilimento degli elementi prefabbricati da utilizzare nei solai, è poca o nulla l attenzione prestata alle disposizioni

Dettagli

GIOVANNI MOCHI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA GIORGIA PREDANI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA

GIOVANNI MOCHI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA GIORGIA PREDANI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA In collaborazione con: COMUNE DI BOLOGNA GIOVANNI MOCHI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA GIORGIA PREDANI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA IL TOTAL LOOK DEGLI EDIFICI Bologna 15 aprile 2015 In partnership con: PRESUPPOSTI

Dettagli

Commissione Strutture

Commissione Strutture Commissione Strutture «La Dichiarazione di Idoneità Statica» Analisi di un caso reale Dott. Ing. Fabio Ferrario Dott. ing. Leonardo Vulcan Ordine degli Ingegneri della Provincia di Trento Sala 3 del Centro

Dettagli

13 LE FONDAZIONI. 13.1 L elemento costruttivo fondazione

13 LE FONDAZIONI. 13.1 L elemento costruttivo fondazione 13 LE FONDAZIONI 13.1 L elemento costruttivo fondazione Le strutture portanti di fondazione costituiscono l elemento di trasmissione al terreno dei carichi verticali ed orizzontali agenti sull edificio;

Dettagli

AEROPORTO INTERNAZIONALE NAPOLI CAPODICHINO AMPLIAMENTO TERMINAL PASSEGGERI PROGETTO STRUTTURE METALLICHE SISMORESISTENTI

AEROPORTO INTERNAZIONALE NAPOLI CAPODICHINO AMPLIAMENTO TERMINAL PASSEGGERI PROGETTO STRUTTURE METALLICHE SISMORESISTENTI AEROPORTO INTERNAZIONALE NAPOLI CAPODICHINO AMPLIAMENTO TERMINAL PASSEGGERI PROGETTO STRUTTURE METALLICHE SISMORESISTENTI INTERNAZIONAL AIRPORT NAPOLI CAPODICHINO NEW TERMINAL PASSENGER DESIGN OF STEEL

Dettagli

PROGETTO EUROSOLAIO BARBIERI

PROGETTO EUROSOLAIO BARBIERI STUDIO PROGETTI STRUTTURALI ING. V. CAFARO ING. A. DONADIO ING. G. GIAGGIA ING. A. SALA S P S Via M. Gioia, 64 20125 MILANO PROGETTO EUROSOLAIO BARBIERI Nelle costruzioni italiane gli elementi in laterizio

Dettagli

DESCRIZIONE GENERALE DELLE OPERAZIONI DA ESEGUIRE IN CASO DI CONSOLIDAMENTO STATICO DEL SOLAIO.

DESCRIZIONE GENERALE DELLE OPERAZIONI DA ESEGUIRE IN CASO DI CONSOLIDAMENTO STATICO DEL SOLAIO. DESCRIZIONE GENERALE DELLE OPERAZIONI DA ESEGUIRE IN CASO DI CONSOLIDAMENTO STATICO DEL SOLAIO. Verifica statica della struttura esistente, al fine di determinare la portata del solaio esistente; redazione

Dettagli

3. AZIONI SULLE COSTRUZIONI. 3.1 Introduzione

3. AZIONI SULLE COSTRUZIONI. 3.1 Introduzione 3. AZIONI SULLE COSTRUZIONI 3.1 Introduzione Il problema strutturale consiste nella necessità di trasferire al suolo tutte le azioni alle quali una costruzione può essere sottoposta nella sua vita. Lo

Dettagli

Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 quinquies

Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 quinquies REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici Prezzario Regionale dei lavori pubblici Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 quinquies Anno: 2008 Indice Voci finite i Indice D.0012 - RESTAURO..............................................

Dettagli

Il sistema costruttivo PLASTBAU si basa su elementi continui e modulari in polistirene espanso sinterizzato e consente di ottenere un ampia gamma di

Il sistema costruttivo PLASTBAU si basa su elementi continui e modulari in polistirene espanso sinterizzato e consente di ottenere un ampia gamma di Il sistema costruttivo PLASTBAU si basa su elementi continui e modulari in polistirene espanso sinterizzato e consente di ottenere un ampia gamma di prodotti innovativi caratterizzati da elevati standard

Dettagli

Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali...

Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali... LabCos! 4LabCos! Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali... LabCos! LabCos! il problema della spinta, oltre a quello dei carichi verticali! Strutture inflesse! Strutture spingenti! Un arco

Dettagli

LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Progetto dei pilastri

LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Progetto dei pilastri prof. Renato Giannini LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Progetto dei pilastri (arch. Lorena Sguerri) Prescrizioni di normativa per le armature dei pilastri La normativa (D.M. 09/01/96, par.5.3.4) fornisce

Dettagli

L'architrave in laterizio tralicciato COMMERCIALIZZATO DALLA

L'architrave in laterizio tralicciato COMMERCIALIZZATO DALLA L'architrave in laterizio tralicciato COMMERCIALIZZATO DALLA Descrizione prodotto L architrave prefabbricato tralicciato in laterocemento della serie AR, prodotto dalla LPM S.p.A., è un elemento strutturale

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL ARCHITETTURA GENERALITÀ SULLE CHIUSURE ORIZZONTALI. Classificazione e caratteristiche delle chiusure orizzontali

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL ARCHITETTURA GENERALITÀ SULLE CHIUSURE ORIZZONTALI. Classificazione e caratteristiche delle chiusure orizzontali GENERALITÀ SULLE CHIUSURE ORIZZONTALI Classificazione e caratteristiche delle chiusure orizzontali Chiusure orizzontali di base Chiusure orizzontali intermedie Chiusure di copertura - Solai di tipo monolitico

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA STRUTTURALE DELLA SCUOLA MATERNA G. FIASTRI IN VIA ROMA 101

VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA STRUTTURALE DELLA SCUOLA MATERNA G. FIASTRI IN VIA ROMA 101 COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA Provincia di REGGIO EMILIA VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA STRUTTURALE DELLA SCUOLA MATERNA G. FIASTRI IN VIA ROMA 101 INDAGINI INTEGRATIVE Committente: Amministrazione Comunale

Dettagli

10a - Chiusure e partizioni interne

10a - Chiusure e partizioni interne 10a - Chiusure e partizioni interne, infissi esterni verticali. Requisiti ed elementi. Modelli funzionali ed alternative tecniche. La chiusura di un edificio è quella parte dell organismo edilizio che

Dettagli

Costruzioni in cemento armato e precompresso

Costruzioni in cemento armato e precompresso Costruzioni in cemento armato e precompresso PROMAT S.p.A. nell'ambito del proprio impegno per la protezione passiva all'incendio, ha messo a punto una vasta gamma di soluzioni certificate atte ad evitare,

Dettagli

EDIFICI ESISTENTI IN MURATURA parte 5

EDIFICI ESISTENTI IN MURATURA parte 5 CORSO DI AGGIORNAMENTO SULLA NORMATIVA SISMICA DI CUI ALL ORDINANZA 3274 DEL 20 03 2003 EDIFICI ESISTENTI IN MURATURA parte 5 1 Interventi di riabilitazione di edifici esistenti in muratura in zona sismica.

Dettagli

Strutture per coperture inclinate

Strutture per coperture inclinate Le strutture per coperture inclinate sono costituite da elementi o parti strutturali disposti secondo piani differenti da quello orizzontale (definiti falde), destinati a svolgere la funzione di copertura

Dettagli

Relazione tecnica generale

Relazione tecnica generale Relazione tecnica generale Premessa La sede municipale di Pratola Peligna è un edificio a struttura intelaiata in c.a. costituito complessivamente da due corpi di fabbrica (blocco A e blocco B) realizzati

Dettagli

Indice. L impostazione del calcolo strutturale, 1. Il cemento armato: metodo alle tensioni ammissibili, 21. modulo A. modulo B1

Indice. L impostazione del calcolo strutturale, 1. Il cemento armato: metodo alle tensioni ammissibili, 21. modulo A. modulo B1 III Indice modulo A L impostazione del calcolo strutturale, 1 Unità 1. Le basi del progetto e i metodi di calcolo, 2 1. La modellazione, 3 2. Le azioni sulle costruzioni, 4 Periodo di ritorno, 4 Vita nominale

Dettagli

*COMUNE DI NOCETO * *REALIZZAZIONE IMPIANTI FOTOVOLTAICI PRESSO EDIFICI PUBBLICI* STUDIO DI FATTIBILITA IDONEITA STATICA

*COMUNE DI NOCETO * *REALIZZAZIONE IMPIANTI FOTOVOLTAICI PRESSO EDIFICI PUBBLICI* STUDIO DI FATTIBILITA IDONEITA STATICA COMUNE DI NOCETO *REALIZZAZIONE IMPIANTI FOTOVOLTAICI PRESSO STUDIO DI FATTIBILITA IDONEITA STATICA PROGETTISTA: Ing. Diego Pantano FIRMA TIMBRO PREMESSA INDICE 1. PREMESSA... 3 2. NORMATIVA TECNICA DI

Dettagli

Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali

Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali Corso di Riabilitazione Strutturale POTENZA, a.a. 2011 2012 Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali Dott. Marco VONA DiSGG, Università di Basilicata marco.vona@unibas.it http://www.unibas.it/utenti/vona/

Dettagli

Inserimento di un nuovo solaio

Inserimento di un nuovo solaio Inserimento di un nuovo solaio DIRETTIVE TECNICHE Regioni Basilicata, Calabria e Campania, sisma del 9/9/1998 [ ] Cordoli in c.a.: verificare preliminarmente la fattibilità e l'efficienza di interventi

Dettagli

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN PER SOLAI MONODIREZIONALI skyrail sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE w w w. g e o p l a s t. i t SOLAI 02 VISION Con la Sapienza di costruisce

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Progetto strutturale di una trave rovescia Alle travi di fondazioni

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA. Tav. 0/Str. RELAZIONE TECNICA STRUTTURALE

COMUNE DI BARLETTA. Tav. 0/Str. RELAZIONE TECNICA STRUTTURALE COMUNE DI BARLETTA Settore Manutenzioni Provincia di Barletta-Andria-Trani Tav. 0/Str. RELAZIONE TECNICA STRUTTURALE OGGETTO: RECUPERO E RISTRUTTURAZIONE DELLA PALAZZINA COMUNALE DI VIA GALVANI DA DESTINARE

Dettagli

CERTIFICATO DI COLLAUDO delle strutture in conglomerato cementizio armato (Legge 5.11.1971, n. 1086 - Legge 2.2.1974, n. 64 - Legge Regionale...

CERTIFICATO DI COLLAUDO delle strutture in conglomerato cementizio armato (Legge 5.11.1971, n. 1086 - Legge 2.2.1974, n. 64 - Legge Regionale... CERTIFICATO DI COLLAUDO delle strutture in conglomerato cementizio armato (Legge 5.11.1971, n. 1086 - Legge 2.2.1974, n. 64 - Legge Regionale...) Il progetto architettonico delle opere in collaudo per

Dettagli

CRITERI PER IL PROGETTO DEL CONSOLIDAMENTO DI STRUTTURE IN C.A. Relatore: Prof. Ing. Paolo Spinelli Firenze, 30 novembre 2007

CRITERI PER IL PROGETTO DEL CONSOLIDAMENTO DI STRUTTURE IN C.A. Relatore: Prof. Ing. Paolo Spinelli Firenze, 30 novembre 2007 CRITERI PER IL PROGETTO DEL CONSOLIDAMENTO DI STRUTTURE IN C.A. Relatore: Prof. Ing. Paolo Spinelli Firenze, 30 novembre 2007 INTRODUZIONE La verità scomoda di Al Gore che mette in luce i pericoli per

Dettagli

1.0 PECULIARIA DELL EDIFICIO

1.0 PECULIARIA DELL EDIFICIO 1.0 PECULIARIA DELL EDIFICIO L intervento in oggetto riguarda la progettazione esecutiva di un Centro servizi socio assistenziali art.1 - comma 2 - lettera c - Legge Regionale 41/2003, con tipologia Casa

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO

REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO 1. QUADRO NORMATIVO La scelta dei componenti di frontiera tra ambiente esterno ed interno o tra ambienti interni contigui è determinata dalla necessità

Dettagli

1 STATO DI FATTO... 2. 1.1 Caratteri tipologici e costruttivi delle coperture... 2. 1.2 Consistenza e stato di manutenzione... 3

1 STATO DI FATTO... 2. 1.1 Caratteri tipologici e costruttivi delle coperture... 2. 1.2 Consistenza e stato di manutenzione... 3 Pag. 1/10 Sommario 1 STATO DI FATTO... 2 1.1 Caratteri tipologici e costruttivi delle coperture... 2 1.2 Consistenza e stato di manutenzione... 3 2 INTERVENTI ARCHITETTONICI... 4 2.1 Allestimento Sala

Dettagli

CHIUSURE VER VER ICALI PORTATE

CHIUSURE VER VER ICALI PORTATE CHIUSURE VERTICALI PORTATE CHIUSURE VERTICALI PORTATE Hanno funzione portante t secondaria cioè non garantiscono la sicurezza statica complessiva dell edificio ma devono assicurare la protezione e l incolumità

Dettagli

TECNOLOGIA DEI SISTEMI COSTRUTTIVI E CANTIERISTICA

TECNOLOGIA DEI SISTEMI COSTRUTTIVI E CANTIERISTICA TECNOLOGIA DEI SISTEMI COSTRUTTIVI E CANTIERISTICA Arch. Elena Crespi PARETI VERTICALI ELEMENTI DI PICCOLE DIMENSIONI ELEMENTI DI GRANDI DIMENSIONI SOLAI ELEMENTI SPECIALI ARMATURA LONGITUDINALE ARMATURA

Dettagli

ACUSTICA EDILIZIA. Obiettivo dell acustica edilizia è la difesa dai rumori sia esterni che interni mediante:

ACUSTICA EDILIZIA. Obiettivo dell acustica edilizia è la difesa dai rumori sia esterni che interni mediante: ACUSTICA EDILIZIA Obiettivo dell acustica edilizia è la difesa dai rumori sia esterni che interni mediante: a) definizione dei limiti di benessere; b) individuazione e caratterizzazione delle fonti di

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

COMUNE DI CANNOBIO PROGETTO ESECUTIVO PROGETTO DI RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA SULLE STRUTTURE

COMUNE DI CANNOBIO PROGETTO ESECUTIVO PROGETTO DI RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA SULLE STRUTTURE RELAZIONE TECNICA COMUNE DI CANNOBIO PROGETTO ESECUTIVO PROGETTO DI RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA SULLE STRUTTURE Premessa Oggetto della presente relazione sono le strutture relative alla realizzazione

Dettagli

Leonardo Principato Trosso

Leonardo Principato Trosso Leonardo Principato Trosso Software per il calcolo con i metodi delle tensioni ammissibili e agli stati limite ai sensi del D.M. 14 gennaio 2008 * Solai in cemento armato, ferro, legno e a piastra * Sbalzi

Dettagli

Consolidamento e rinforzo dei solai

Consolidamento e rinforzo dei solai Consolidamento e rinforzo dei solai Guida tecnica per il recupero statico e la riqualificazione dei divisori orizzontali nel patrimonio edilizio esistente. Il recupero del patrimonio edilizio esistente,

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

SCHELETRO PORTANTE. - non fornisce alcun contributo al raggiungimento del comfort

SCHELETRO PORTANTE. - non fornisce alcun contributo al raggiungimento del comfort SCHELETRO PORTANTE SCHELETRO PORTANTE E.F. indispensabile per oggetti edilizi realizzati con il procedimento costruttivo a gabbia, in cui il sistema statico verticale è costituito da elementi puntuali

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE 7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove opere soggette anche all azione sismica. Le sue indicazioni sono da considerare aggiuntive

Dettagli

esercizio e le verifiche di durabilità.

esercizio e le verifiche di durabilità. Normativa: aspetti generali e di dettaglio FONDAZIONI PER EDIFICI Le scelte progettuali per le opere di fondazione devono essere effettuate t contestualmente e congruentemente con quelle delle strutture

Dettagli

VERIFICA DI EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA E ARMATA CON METODI DI ANALISI STATICA LINEARE E NON LINEARE.

VERIFICA DI EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA E ARMATA CON METODI DI ANALISI STATICA LINEARE E NON LINEARE. VERIFICA DI EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA E ARMATA CON METODI DI ANALISI STATICA LINEARE E NON LINEARE. PREFAZIONE A partire dal 1973, anno di fondazione di ANPEL (Associazione Nazionale Produttori Elementi

Dettagli

approfondimento LE COPERTURE lezione di

approfondimento LE COPERTURE lezione di lezione di approfondimento LE COPERTURE Le coperture possono essere realizzate come i solai eventualmente inclinati o come strutture più complesse. Tali strutture rappresentano gli elementi strutturali

Dettagli