Dal punto di vista tecnico, però, la nuova disciplina è subito apparsa mal formulata.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dal punto di vista tecnico, però, la nuova disciplina è subito apparsa mal formulata."

Transcript

1 Il decreto del Tribunale per i minorenni che provvede sul mantenimento dei figli naturali è titolo per iscrivere ipoteca. Commento al Decreto del Tribunale di Bologna del 29 giugno La legge n. 54/20006 ha inteso parificare il trattamento dei figli naturali a quello stabilito per i figli legittimi nell'ambito delle controversie tra genitori separati. Dal punto di vista tecnico, però, la nuova disciplina è subito apparsa mal formulata. La prima delle questioni è stata quella della competenza. Nell'aprile 2007, risolvendo il conflitto tra gli uffici giudiziari milanesi, la Cassazione ha affermato che se le domande di affidamento e mantenimento dei figli naturali sono proposte contestualmente, allora, per effetto del novellato art. 155 c.c. letto in relazione al testo (immutato) dell'art. 317 bis c.c., è il Tribunale per i minorenni il giudice competente a regolare ogni aspetto della controversia tra genitori naturali non più conviventi. Mentre in base all'art. 4, 2 co., l. n. 54/2006 la disciplina sostanziale è identica a quella prevista per l'affidamento dei figli di coppie separate (o divorziate), il giudizio riguardante affidamento e mantenimento dei figli naturali si svolge nelle forme del rito camerale e si conclude non con sentenza ma con decreto. La Cassazione ha così dovuto precisare che la scelta del legislatore di assimilare, quanto all'affidamento, i figli naturali a quelli nati nel matrimonio comporta dei riflessi anche di carattere processuale: il procedimento di cui all'art. 317 bis c.c. ha assunto una definitiva autonomia, allontanandosi dall'alveo della procedura ex art. 330, 333, 336 c.c. per avvicinarsi, e per certi versi assimilarsi, alla «separazione dei genitori»; benché soggetto a rito camerale, si tratta di un procedimento contenzioso; il decreto ex art. 317 bis c.c. ha natura sostanziale di sentenza, presentando i requisiti della decisorietà e della definitività, e la sua efficacia è assimilabile, rebus sic stantibus, a quella del giudicato; i provvedimenti della Corte d'appello sono ricorribili in cassazione, quelli di primo grado impugnabili con ricorso soggetto ai termini di cui agli artt. 325 e 327 c.p.c. (v. Cass., sez. I, , n. 6319; Cass., sez. I, , n ). 1

2 Ecco allora nuovi interrogativi: se il Tribunale per i minorenni pone a carico di uno dei genitori un assegno periodico per il mantenimento del figlio minorenne, l'altro genitore può iscrivere ipoteca a garanzia del credito sulla base del decreto emesso a definizione del procedimento camerale? In altri termini, il decreto ex art. 317 bis c.c. è titolo per l'iscrizione di ipoteca giudiziale? L'interprete deve confrontarsi col testo dell'art c.c.: «Ogni sentenza che porta condanna al pagamento di una somma o all'adempimento di altra obbligazione ovvero al risarcimento dei danni da liquidarsi successivamente è titolo per iscrivere ipoteca sui beni del debitore. Lo stesso ha luogo per gli altri provvedimenti giudiziali ai quali la legge attribuisce tale effetto». La controversia tra due genitori, coaffidatari del figlio naturale, in ordine al contributo al mantenimento del minore si risolve grazie ad un accordo che viene recepito dal tribunale per i minorenni: il decreto che definisce il procedimento dà atto dell'obbligo del padre di versare alla madre la somma mensile di euro 250 e rimborsare metà delle spese straordinarie. L'obbligato, però, non adempie. La madre ottiene il rilascio della formula esecutiva e notifica il precetto. L'intimazione a pagare non produce alcun risultato. La madre, allora, chiede l'iscrizione di ipoteca, che viene iscritta con riserva: ad avviso del conservatore, il decreto del tribunale per i minorenni non è titolo idoneo ai sensi dell'art c.c. Decidendo sul reclamo ex art bis c.c., il Tribunale osserva che: a) se è vero che nessuna disposizione di legge attribuisce al decreto ex art. 317 bis c.c. l'efficacia richiesta dall'artt c.c., negare al provvedimento del tribunale per i 2

3 minorenni la natura di titolo idoneo all'iscrizione di ipoteca determinerebbe un trattamento deteriore dei figli naturali in violazione degli artt. 3 e 30 cost.; b) se il procedimento di reclamo ex art bis e 113 ter disp. att., c.c. non consente (come ritenuto da Corte cost., , n. 6) di sollevare questione di legittimità costituzionale, spetta allora al giudice di merito il compito di individuare l'interpretazione più aderente ai principi costituzionali; c) valorizzando lo spirito della riforma sull'affidamento condiviso e la più recente giurisprudenza di cassazione, è possibile affermare che il decreto del tribunale per i minorenni, emesso nell'ambito di un procedimento contenzioso, ha natura sostanziale di sentenza e quindi è titolo per iscrivere ipoteca; d) spunti in tal senso possono ricavarsi anche da Cass., sez. I, , n. 9393, secondo cui le clausole della separazione consensuale omologata in tema di mantenimento, nel loro contenuto originario od in quello ridefinito con giudizio di revisione ex artt. 710 e 711 c.p.c., hanno, ai sensi dell'art. 158 c.c. (nel testo risultante dalla pronuncia della Corte cost., , n. 186), natura di titolo giudiziale, anche ai fini dell'iscrizione d'ipoteca a norma dell'art c.c., al pari delle correlative statuizioni incluse nella sentenza di separazione. Ne discende che l'avente diritto a detto mantenimento non è abilitato, per difetto di interesse, a reclamare, con il rito ordinario o con quello monitorio, una decisione di condanna all'adempimento, la quale si tradurrebbe nella reiterazione di un titolo di cui già gode. Al riguardo, va preliminarmente osservato che, a seguito della riforma apportata dalla l. 54/06, la posizione dei figli naturali è stata assimilata a quella dei figli nati nel matrimonio sul presupposto che la condizione dei figli deve essere considerata come unica, a prescindere dalla qualificazione del loro status, e non può incontrare differenziazioni legate alle circostanze della nascita (come già affermato da C. Cost. nella pronuncia 166/1998). La l. 54/06 in materia di separazione dei genitori e affido condiviso della prole, applicabile anche ai procedimenti relativi ai figli di genitori non coniugati (art. 4, 2 co.), ha riplasmato l'art. 317 bis c.c., il quale è stato arricchito nel suo contenuto precettivo, essendo applicabili anche in questo settore le regole introdotte dalla predetta legge per la separazione e il divorzio (potestà esercitata da entrambi i genitori, anche dopo la cessazione della convivenza, decisioni di maggior interesse di 3

4 comune accordo con intervento dei giudice in caso di contrasto, imposizione di un assegno per il figlio, in subordine, essendo preminente il principio del mantenimento diretto da parte di ciascun genitore, privilegio dell'affidamento condiviso, possibilità di revisione delle condizioni di affidamento ) e ha attribuito una sostanziale autonomia al relativo procedimento, assimilandolo a quello di separazione e divorzio, come già riconosciuto dalla Corte di Cassazione, Sezione I Civile, nella sentenza 6319/2011. In altri termini, il principio della bigenitorialità, pur nelle significative differenze riscontrabili fra l'intervento giudiziale nella crisi riguardante i genitori coniugati rispetto alle crisi riguardanti i genitori naturali, in cui l'intervento del giudice non presenta gli stessi connotati di imprescindibilità, ha informato di sé il contenuto precettivo dell'art. 317 bis c.c., eliminando ogni difformità di disciplina fra figli legittimi e naturali, altrimenti non giustificabile (Cass. Civ., Sez. I, n /2011). Ferma la differenza di rito applicabile (davanti al giudice ordinario in presenza di matrimonio; davanti al giudice minorile in assenza di matrimonio), non vi può essere alcuna discriminazione derivante dallo status di figlio naturale rispetto a quello di figlio legittimo: i decreti emessi dal Tribunale per i Minorenni ai sensi dell'art. 317 bis c.c., vertenti sulle medesime materie e regolati dai medesimi principi, devono pertanto avere pari efficacia dei provvedimenti resi dal Tribunale ordinario ai sensi degli artt. 155 ss. c.c. con riguardo all'affidamento dei figli legittimi e alle relative questioni patrimoniali. Né ciò potrebbe essere escluso dal rito in camera di consiglio con cui provvede il giudice minorile (art. 38 disp. att. c.c.), sussistendo tutti gli indici (contraddittorio, diritto di difesa, definitività del provvedimento) per privilegiare la sostanza contenziosa di tali procedimenti, rispetto alla forma di volontaria giurisdizione e trattandosi di scelta dettata esclusivamente da ragioni di snellezza e celerità, a cui l'ordinamento ricorre anche in relazione a controversie oggettivamente contenziose (giudizio di appello nei procedimenti di separazione e divorzio). L'esigenza di una disciplina sostanzialmente omogenea tra figli legittimi e figli naturali induce, dunque, ad attribuire un ampio significato, in virtù di un'interpretazione costituzionalmente orientata, all'art. 4, 2 co., l. 54/06, che ha inteso disciplinare tutti i rapporti fra genitori e figli naturali (Cass. Civ., Sez. I, n /2011). 4

5 Cosicché, afferma la Cassazione, il decreto emesso ai sensi dell'art. 317 bis ha, dunque, natura sostanziale di sentenza, presentando il requisito della decisorietà, risolvendo una controversia in atto tra contrapposte posizioni di diritto soggettivo, e della definitività, con efficacia assimilabile, rebus sic stantibus, a quella del giudicato (Cass. Civ. Sez. I, n. 6319/2011). La ricostruzione della portata dell'art. 317 bis c.c. così operata dalla corte di legittimità fa sì che ai decreti contenenti disposizioni di condanna al mantenimento in favore di figli nati fuori dal matrimonio debba essere assicurata la stessa ampiezza di tutela che alle disposizioni di analogo contenuto presenti nelle sentenze di separazione o di divorzio per i figli legittimi, anche ai fini della iscrizione di ipoteca ai sensi dell'art c.c.. Già sono stati ritenuti titoli idonei alla iscrizione di ipoteca il decreto di omologazione delle separazioni consensuali, a seguito dell'intervento della C. Cost. n. 186 del 1998, ed il decreto di revisione delle condizioni di separazione e divorzio purché esecutivo (vedi Cassazione sent. n. 9393/94) Il diritto vivente, alla luce degli arresti giurisprudenziali Cass. I, n /2009 e n. 6319/2011, ha oggi chiarito la natura sostanziale di sentenza dei provvedimenti relativi al mantenimento dei figli emessi dal Tribunale per i Minori ex art. 317 bis, sia in relazione alle sue caratteristiche di decisorietà e definitività, sia per il regime della sua impugnazione. Conseguentemente essi in quanto aventi natura sostanziale di sentenza rientrano nell'alveo dei provvedimenti che, ai sensi dell'art. 2818, primo comma, c.c., costituiscono titolo per l'iscrizione dell'ipoteca giudiziale. Note I contenuti di questa scheda hanno come mero scopo quello di fornire informazioni generali circa le tematiche trattate dallo Studio M.PA. senza voler essere esaustiva né in alcun modo poter sostituire il contributo di un professionista qualificato. Ogni richiesta di approfondimento può essere proposta scrivendo all indirizzo 5

6 Per maggiori informazioni potete contattarci al seguente indirizzo o al numero di telefono

Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza 3 febbraio 26 marzo 2015, n. 6132 Presidente Forte Relatore Lamorgese Svolgimento del processo Alla fine

Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza 3 febbraio 26 marzo 2015, n. 6132 Presidente Forte Relatore Lamorgese Svolgimento del processo Alla fine Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza 3 febbraio 26 marzo 2015, n. 6132 Presidente Forte Relatore Lamorgese Svolgimento del processo Alla fine dell'unione tra P.M. e Pa.Mi., il Tribunale di Milano

Dettagli

8. Rapporti tra tribunale ordinario e minorile

8. Rapporti tra tribunale ordinario e minorile 220 Alberto Figone 8. Rapporti tra tribunale ordinario e minorile Molto si è discusso sui rapporti tra Tribunale ordinario e minorile nell assunzione dei provvedimenti a vario modo incidenti sulla potestà,

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO ESTENSIONE E LIMITI DEL MANTENIMENTO

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO ESTENSIONE E LIMITI DEL MANTENIMENTO Elenco delle principali abbreviazioni... XXIII CAPITOLO PRIMO ESTENSIONE E LIMITI DEL MANTENIMENTO Guida bibliografica... 3 Profili generali................ 7 1.1. Le questioni da affrontare..........

Dettagli

Bruna Albertini, Paola Maria Braggion, Filippo D'Aquino,Francesca Fiecconi, Claudio Galoppi,

Bruna Albertini, Paola Maria Braggion, Filippo D'Aquino,Francesca Fiecconi, Claudio Galoppi, Oggetto: [Darc] Sentenza OMINA sul 156!! CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA SCUOLA SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO Bruna Albertini,

Dettagli

L aspra conflittualità tra i coniugi non impedisce l affidamento condiviso del figlio minore. Cassazione civile, sez. I, sentenza 31.03.2014, n.

L aspra conflittualità tra i coniugi non impedisce l affidamento condiviso del figlio minore. Cassazione civile, sez. I, sentenza 31.03.2014, n. L aspra conflittualità tra i coniugi non impedisce l affidamento condiviso del figlio minore Cassazione civile, sez. I, sentenza 31.03.2014, n. 7477 Il caso è quello di due genitori - in rapporti fortemente

Dettagli

I Procedimenti di separazione e divorzio

I Procedimenti di separazione e divorzio giugno 2013 I Procedimenti di separazione e divorzio http://www.edizioniadmaiora.it/pubblicazioni/item/i-procedimenti-di-separazione-e-divorzio.html LA L. N 219/12 PROBLEMATICHE IN TEMA DI COMPETENZA FUNZIONALE

Dettagli

N.1670/07 Reg. Ricorsi Civili N. Cron. Il Tribunale per i Minorenni di Bari, riunito in camera di consiglio nelle persone dei signori:

N.1670/07 Reg. Ricorsi Civili N. Cron. Il Tribunale per i Minorenni di Bari, riunito in camera di consiglio nelle persone dei signori: Mod. 6 TRIBUNALE PER I MINORENNI DI BARI N.1670/07 Reg. Ricorsi Civili N. Cron. Il Tribunale per i Minorenni di Bari, riunito in camera di consiglio nelle persone dei signori: 1) Dr. Valeria Montaruli

Dettagli

CORTE D APPELLO DI MILANO. Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia. Dott.ssa Anna Maria Paganoni

CORTE D APPELLO DI MILANO. Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia. Dott.ssa Anna Maria Paganoni N. 826/07R. R. Vol. G. CORTE D APPELLO DI MILANO Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia La Corte, riunita in camera di consiglio nelle persone dei signori Dott.ssa Anna Maria Paganoni Dott.

Dettagli

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Edizioni Simone - Vol. 45/1 Compendio di Diritto Internazionale privato e processuale Parte seconda Cenni di parte speciale Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Sommario Z 1. La filiazione. - 2. L adozione.

Dettagli

Edizione MAGGIO 2014. Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Edizione MAGGIO 2014. Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it Diritto Famiglia Vi sono importanti novità sotto il profilo processuale introdotte dalla legge 219 del 2012. L art. 38 disp. att. c.c. viene, infatti, modificato così da trasferire la competenza dal Tribunale

Dettagli

MILANO LEGGE 10 DICEMBRE 2012, N. 219 PRIME APPLICAZIONI DELLE NUOVE NORME PROCESSUALI E SOSTANZIALI RACCOLTA DELLA PRIMA GIURISPRUDENZA

MILANO LEGGE 10 DICEMBRE 2012, N. 219 PRIME APPLICAZIONI DELLE NUOVE NORME PROCESSUALI E SOSTANZIALI RACCOLTA DELLA PRIMA GIURISPRUDENZA TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE NONA CIVILE LEGGE 10 DICEMBRE 2012, N. 219 PRIME APPLICAZIONI DELLE NUOVE NORME PROCESSUALI E SOSTANZIALI RACCOLTA DELLA PRIMA GIURISPRUDENZA DELLA SEZIONE IX DEL TRIBUNALE

Dettagli

Affido condiviso di Maria Elena Bagnato. Altalex.it

Affido condiviso di Maria Elena Bagnato. Altalex.it Affido condiviso di Maria Elena Bagnato Altalex.it In virtù dell istituto dell affidamento condiviso la potestà genitoriale è esercitata da entrambi i genitori che assumono, di comune accordo, le decisioni

Dettagli

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Cassazione Sentenza n. 3922/2012 commento e testo Studio legale law In materia

Dettagli

LA SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI ED IL DIVORZIO

LA SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI ED IL DIVORZIO BRUNO DE FILIPPIS LA SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI ED IL DIVORZIO della coniugale su coppia, famiglia, figli e beni Seconda CASA EDITRICE ANTONIO MILANI 2012 INDICE-SOMMARIO Indice sommario pag. V

Dettagli

CONTRIBUTO UNIFICATO 2014. Processo civile ordinario

CONTRIBUTO UNIFICATO 2014. Processo civile ordinario CONTRIBUTO UNIFICATO 2014 Processo civile ordinario Valore 1 grado Impugnazione Cassazione Per i processi di valore fino a 1.100,00 37,00 55,50 74,00 Per i processi di valore superiore a 1.100,00 e fino

Dettagli

TRIBUNALE PER I MINORENNI DI ROMA (1) ORDINANZA. Nel ricorso ex art 745 1 comma c.p.c, relativo al procedimento civile camerale iscritto al

TRIBUNALE PER I MINORENNI DI ROMA (1) ORDINANZA. Nel ricorso ex art 745 1 comma c.p.c, relativo al procedimento civile camerale iscritto al TRIBUNALE PER I MINORENNI DI ROMA (1) IL PRESIDENTE ha pronunciato la seguente ORDINANZA Nel ricorso ex art 745 1 comma c.p.c, relativo al procedimento civile camerale iscritto al n. 284/07E. Letto il

Dettagli

Procedimenti Speciali previsti nel Libro IV titolo I c.p.c. anche se proposti nella causa di merito:

Procedimenti Speciali previsti nel Libro IV titolo I c.p.c. anche se proposti nella causa di merito: CONTRIBUTO UNIFICATO Tabella aggiornata al 12 giugno 2012 Processo civile ordinario Valore Processi di valore fino a. 1.100,00. 37,00 Processi di valore superiore a. 1.100,00 e fino a. 5.200,00. 85,00

Dettagli

CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA Nona Commissione - Tirocinio e Formazione Professionale. Incontro di studi sul tema

CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA Nona Commissione - Tirocinio e Formazione Professionale. Incontro di studi sul tema 1 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA Nona Commissione - Tirocinio e Formazione Professionale Incontro di studi sul tema La giurisdizionalizzazione del processo minorile laboratorio di autoformazione

Dettagli

CONTRIBUTO UNIFICATO Tabella aggiornata al 9 gennaio 2013. Processo civile ordinario (1)

CONTRIBUTO UNIFICATO Tabella aggiornata al 9 gennaio 2013. Processo civile ordinario (1) CONTRIBUTO UNIFICATO Tabella aggiornata al 9 gennaio 2013 Processo civile ordinario (1) Valore Processi di valore fino a. 1.100,00. 37,00 Processi di valore superiore a. 1.100,00 e fino a. 5.200,00 Processi

Dettagli

Scuola di specializzazione per le professioni legali Primo anno: DIRITTO PROCESSUALE DI FAMIGLIA FISCIANO 14-16/5/2014. Laura Landi. avv.

Scuola di specializzazione per le professioni legali Primo anno: DIRITTO PROCESSUALE DI FAMIGLIA FISCIANO 14-16/5/2014. Laura Landi. avv. Scuola di specializzazione per le professioni legali Primo anno: DIRITTO PROCESSUALE DI FAMIGLIA FISCIANO 14-16/5/2014 Laura Landi Il testo approvato definitivamente dalla Camera il 27 NOVEMBRE 2012 È

Dettagli

BREVE GUIDA E TABELLA CONTRIBUTO UNIFICATO AGGIORNATA AL 25/06/2014

BREVE GUIDA E TABELLA CONTRIBUTO UNIFICATO AGGIORNATA AL 25/06/2014 BREVE GUIDA E TABELLA CONTRIBUTO UNIFICATO AGGIORNATA AL 25/06/2014 Gli importi per il calcolo del contributo unificato (di cui al Testo Unico sulle spese di giustizia - D.P.R 30 maggio 2002, n. 115) sono

Dettagli

L. 8 febbraio 2006, n. 54. Disposizioni in materia di separazione dei genitori. e affidamento condiviso dei figli.

L. 8 febbraio 2006, n. 54. Disposizioni in materia di separazione dei genitori. e affidamento condiviso dei figli. L. 8 febbraio 2006, n. 54 Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli. (Pubblicata nella Gazz. Uff. 1 marzo 2006, n. 50) Art.1 Modifiche al codice civile. 1. L'articolo

Dettagli

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO La Riforma Fornero (L. n. 92/2012) introduce importanti novità in tema di licenziamenti e del processo del lavoro, delineando all art. 1 commi

Dettagli

Focus on COINTESTAZIONE DEL CONTRATTO DI MUTUO E SEPARAZIONE DEI CONIUGI: EFFETTI NEI CONFRONTI DEL CREDITORE Ottobre 2014

Focus on COINTESTAZIONE DEL CONTRATTO DI MUTUO E SEPARAZIONE DEI CONIUGI: EFFETTI NEI CONFRONTI DEL CREDITORE Ottobre 2014 Focus on COINTESTAZIONE DEL CONTRATTO DI MUTUO E SEPARAZIONE DEI CONIUGI: EFFETTI NEI CONFRONTI DEL CREDITORE Ottobre 2014 www.lascalaw.com www.iusletter.com Milano Roma Torino Bologna Firenze Ancona Vicenza

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte I IL MATRIMONIO E I SUOI EFFETTI. LA CONVIVENZA. Sezione I La promessa di matrimonio. ... Pag. 3

INDICE SOMMARIO. Parte I IL MATRIMONIO E I SUOI EFFETTI. LA CONVIVENZA. Sezione I La promessa di matrimonio. ... Pag. 3 Parte I IL MATRIMONIO E I SUOI EFFETTI. LA CONVIVENZA La promessa di matrimonio... Pag. 3 Il matrimonio: celebrazione e invalidità Il matrimonio civile 1) La celebrazione del matrimonio civile... Pag.

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE. Capitolo 1 LA FILIAZIONE NOTE INTRODUTTIVE. di GILDA FERRANDO

INDICE INTRODUZIONE. Capitolo 1 LA FILIAZIONE NOTE INTRODUTTIVE. di GILDA FERRANDO INDICE XV Aggiornamento. Disegno di legge delega sullo status giuridico dei figli INTRODUZIONE Capitolo 1 LA FILIAZIONE NOTE INTRODUTTIVE di GILDA FERRANDO 3 1. Le linee evolutive 7 2. I diritti del bambino

Dettagli

Legge 8 febbraio 2006, n. 54

Legge 8 febbraio 2006, n. 54 Legge 8 febbraio 2006, n. 54 "Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 50 del 1 marzo 2006 Art. 1. (Modifiche al codice

Dettagli

SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI

SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI Interruzione effettiva e stabile della convivenza coniugale a seguito di fatti che rendano intollerabile la prosecuzione della vita coniugale o rechino pregiudizio alla

Dettagli

Concordato preventivo: il credito contestato non è una causa di risoluzione. Tribunale, Reggio Emilia, sez. fallimentare, decreto 24/06/2015

Concordato preventivo: il credito contestato non è una causa di risoluzione. Tribunale, Reggio Emilia, sez. fallimentare, decreto 24/06/2015 Concordato preventivo: il credito contestato non è una causa di risoluzione Tribunale, Reggio Emilia, sez. fallimentare, decreto 24/06/2015 di Giuseppina Mattiello Pubblicato il 14/09/2015 Il creditore

Dettagli

ASSEGNO AL CONIUGE SEPARATO.

ASSEGNO AL CONIUGE SEPARATO. ASSEGNO AL CONIUGE SEPARATO. CASS. CIVILE, SEZ. I, 25 NOVEMBRE 2010, N. 23968. Non può disporsi la revoca dell'assegno di mantenimento senza la prova del miglioramento del tenore di vita dell'ex moglie

Dettagli

TRIBUNALE DI CATANIA PRIMA SEZIONE CIVILE ^^^^^^^^^^^^^^^^^^

TRIBUNALE DI CATANIA PRIMA SEZIONE CIVILE ^^^^^^^^^^^^^^^^^^ TRIBUNALE DI CATANIA PRIMA SEZIONE CIVILE ^^^^^^^^^^^^^^^^^^ Il Tribunale di Catania, riunito in Camera di Consiglio, composto dai seguenti Magistrati: Dr. Antonio Maiorana Dr. Giovanni Dipietro Dr. Concetta

Dettagli

SEPARAZIONE E DIVORZIO

SEPARAZIONE E DIVORZIO SEPARAZIONE E DIVORZIO Prefazione... XIII I SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI 1 SEPARAZIONE CONSENSUALE E CONIUGI ECONOMICAMENTE AUTONOMI La questione... 3 Analisi dello scenario... 3 Inquadramento strategico...

Dettagli

Tribunale di Torino 1 febbraio 2008 Pres. Vigone, Est. Di Capua.

Tribunale di Torino 1 febbraio 2008 Pres. Vigone, Est. Di Capua. Tribunale di Torino 1 febbraio 2008 Pres. Vigone, Est. Di Capua. Società di persone Efficacia verso i soci del titolo esecutivo ottenuto nei confronti della società Iscrizione di ipoteca nei confronti

Dettagli

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Giugno 2014, n 13217 (Pres.

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Giugno 2014, n 13217 (Pres. MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Giugno 2014, n 13217 (Pres. Luccioli; Rel. Mercolino) Famiglia Fecondazione artificiale eterologa Morte del coniuge prima della nascita Disconoscimento

Dettagli

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI, DELLE PERSONE E DEI MINORI

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI, DELLE PERSONE E DEI MINORI SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI, DELLE PERSONE E DEI MINORI PROGRAMMA DIDATTICO 2015/2016 ORE ARGOMENTO NOTE DOCENTI 1 6 ore PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DEL PROGRAMMA

Dettagli

CONTRO. ha pronunciato la seguente ORDINANZA

CONTRO. ha pronunciato la seguente ORDINANZA IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI MILANO SEZIONE IX CIVILE composto dai sigg.ri Magistrati: Dott. Ezio SINISCALCHI Presidente Dott. Anna Maria GERLI Giudice Dott. Anna BONFILIO Giudice rel. nel procedimento

Dettagli

Alla ricerca della (tanto auspicata) parità processuale e sostanziale.

Alla ricerca della (tanto auspicata) parità processuale e sostanziale. Alla ricerca della (tanto auspicata) parità processuale e sostanziale. Breve excursus sugli interventi sollecitati e la prima pronuncia della Corte costituzionale, la n.82 del 5 marzo 2010, in tema di

Dettagli

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO Il tribunale per i minorenni, considerato che il minore Tizietto, di sette anni, già riconosciuto dalla madre Caia, era stato successivamente riconosciuto

Dettagli

Relazione tenuta al convegno dell associazione SINTONIE il 10 GIUGNO 2014. Il ruolo dei nonni nel conflitto genitoriale

Relazione tenuta al convegno dell associazione SINTONIE il 10 GIUGNO 2014. Il ruolo dei nonni nel conflitto genitoriale Relazione tenuta al convegno dell associazione SINTONIE il 10 GIUGNO 2014 Il ruolo dei nonni nel conflitto genitoriale Quando si parla di nonni, il primo pensiero che balza alla mente è quello della possibilità

Dettagli

IL TRIBUNALE DI BOLOGNA PRIMA SEZIONE CIVILE composto dai magistrati

IL TRIBUNALE DI BOLOGNA PRIMA SEZIONE CIVILE composto dai magistrati IL TRIBUNALE DI BOLOGNA PRIMA SEZIONE CIVILE composto dai magistrati Dr. Rosario Ziniti presidente Dr. Antonio Costanzo giudice rel. Dr. Cinzia Gamberini giudice ha pronunciato il seguente DECRETO nel

Dettagli

ius canonicum.it-- il sito web del diritto canonico

ius canonicum.it-- il sito web del diritto canonico Corte di Cassazione, I Sezione civile Sentenza 18 settembre 2013, n. 21331 Matrimonio concordatario: delibazione della pronuncia ecclesiastica dichiarativa della nullità e richiesta di revisione dell assegno

Dettagli

TRATTATO DELLA SEPARAZIONE E DIVORZIO

TRATTATO DELLA SEPARAZIONE E DIVORZIO TRATTATO DELLA SEPARAZIONE E DIVORZIO Tomo III Formulario A cura di Michele Angelo Lupoi Con la collaborazione di Carmen Spadea e Silvia Ballestrazzi Indice F01. Modello procura con informativa sulla privacy...

Dettagli

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita 1 La Cassazione chiarisce le conseguenze penali della sottrazione agli obblighi di mantenimento (cd. assegno) e l'ambito di applicazione dell'art. 3 della legge n. 54/2006. Corte di Cassazione, Sezione

Dettagli

LEGGE 8 febbraio 2006, n. 54 Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli. La Camera dei deputati ed il

LEGGE 8 febbraio 2006, n. 54 Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli. La Camera dei deputati ed il LEGGE 8 febbraio 2006, n. 54 Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

QUESTIONI PROCESSUALI IN DIRITTO DI FAMIGLIA

QUESTIONI PROCESSUALI IN DIRITTO DI FAMIGLIA C S F CENTRO STUDI FORENSE Percorso di approfondimento in 3 mezze giornate (12 ore formative) QUESTIONI PROCESSUALI IN DIRITTO DI FAMIGLIA Analisi delle dinamiche connesse alla crisi coniugale e novità

Dettagli

Modifica delle condizioni di separazione modifica delle condizioni economiche della coppia - art. 156 c.c. - art. 710 c.p.c.

Modifica delle condizioni di separazione modifica delle condizioni economiche della coppia - art. 156 c.c. - art. 710 c.p.c. Modifica delle condizioni di separazione modifica delle condizioni economiche della coppia - art. 156 c.c. - art. 710 c.p.c. TIPOLOGIA: PARERI AREA DI INTERESSE: PERSONE E FAMIGLIA ARGOMENTO: SEPARAZIONE

Dettagli

Resta pertanto da vedere quale competenza rimanga al giudice tutelare in seguito alla riferita norma. Non sembra possa dubitarsi che siano rimasti

Resta pertanto da vedere quale competenza rimanga al giudice tutelare in seguito alla riferita norma. Non sembra possa dubitarsi che siano rimasti L ESECUZIONE DEI PROVVEDIMENTI IN MATERIA DI MINORI Relatore: dott. Antonino Luigi SCARPULLA pretore della Pretura circondariale di Palermo Premessa. I. Nel nostro ordinamento giuridico non esiste una

Dettagli

OGGETTO: RICORSO AVVERSO AVVISO DI LIQUIDAZIONE IMPOSTA EMESSO. DALL'AGENZIA ENTRATE NAPOLI. IL del NOTIFICATO

OGGETTO: RICORSO AVVERSO AVVISO DI LIQUIDAZIONE IMPOSTA EMESSO. DALL'AGENZIA ENTRATE NAPOLI. IL del NOTIFICATO ALLA COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI NAPOLI ALL'AGENZIA DELLE ENTRATE UFFICIO DI NAPOLI. OGGETTO: RICORSO AVVERSO AVVISO DI LIQUIDAZIONE IMPOSTA EMESSO DALL'AGENZIA ENTRATE NAPOLI. IL del NOTIFICATO

Dettagli

Affidamento e mantenimento dei figli naturali: la Cassazione sceglie il giudice minorile

Affidamento e mantenimento dei figli naturali: la Cassazione sceglie il giudice minorile LE S E NT E NZE ANNOTAT E» F i l i a z i o n e n a t u r a l e Affidamento e mantenimento dei figli naturali: la Cassazione sceglie il giudice minorile Filippo Danovi Professore straordinario di Diritto

Dettagli

Il mantenimento dei figli. Gianfranco Dosi

Il mantenimento dei figli. Gianfranco Dosi Il mantenimento dei figli Gianfranco Dosi 11 1 Il mantenimento Regime primario della famiglia Art. 29, 30 Cost. Art. 143 e 147 c.c. 2 a il mantenimento durante la convivenza familiare Impossibilità di

Dettagli

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Gennaio 2013, n 601

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Gennaio 2013, n 601 MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Gennaio 2013, n 601 Famiglia - Figli Genitori gay Affido Possibile Sì all affido di un figlio minore ad una coppia omosessuale composta da

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Premessa di Gilda Ferrando e Leonardo Lenti. Parte Prima LE FORME DI SEPARAZIONE

INDICE SOMMARIO. Premessa di Gilda Ferrando e Leonardo Lenti. Parte Prima LE FORME DI SEPARAZIONE INDICE SOMMARIO Premessa di Gilda Ferrando e Leonardo Lenti... Pag. XVII Parte Prima LE FORME DI SEPARAZIONE Capitolo I LA SEPARAZIONE CONSENSUALE di Gilda Ferrando 1. Note introduttive... Pag. 3 2. Natura

Dettagli

CAPITOLO III CAPITOLO IV

CAPITOLO III CAPITOLO IV CAPITOLO I GLI EFFETTI PATRIMONIALI DELLA SEPARAZIONE E DEL DIVORZIO 1. Gli effetti patrimoniali della separazione e del divorzio.... 2 2. La relazione con il c.d. regime primario della famiglia.... 5

Dettagli

FILIAZIONE LE FONTI: Parma, 23 maggio 2011 LA FILIAZIONE E L ADOZIONE OGGI GLI EFFETTI DELLA CRISI DELLA COPPIA SUI FIGLI CASISTICA

FILIAZIONE LE FONTI: Parma, 23 maggio 2011 LA FILIAZIONE E L ADOZIONE OGGI GLI EFFETTI DELLA CRISI DELLA COPPIA SUI FIGLI CASISTICA Parma, 23 maggio 2011 LA FILIAZIONE E L ADOZIONE OGGI GLI EFFETTI DELLA CRISI DELLA COPPIA SUI FIGLI CASISTICA Avv. Emanuella Uberti FILIAZIONE LE FONTI: Costituzione 1948 RD 262/42 (C.C.) libro I L. 151

Dettagli

Indice. 2 Il venir meno della esclusività della giurisdizione ecclesiastica. --------------------------------- 5

Indice. 2 Il venir meno della esclusività della giurisdizione ecclesiastica. --------------------------------- 5 INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELLE RELIGIONI LEZIONE VIII LA GIURISDIZIONE ECCLESIASTICA MATRIMONIALE PROF. MARCO SANTO ALAIA Indice 1 Efficacia civile delle decisioni ecclesiastiche sui matrimoni canonici:

Dettagli

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale di Francesco Mingiardi e Luigi Patricelli Sommario: 1. La Giurisdizione - 2. La

Dettagli

Art. 150. Separazione personale.

Art. 150. Separazione personale. CODICE CIVILE Libro Primo Delle persone e della famiglia Titolo VI Del matrimonio Capo V Dello scioglimento del matrimonio e della separazione dei coniugi Art. 149. Scioglimento del matrimonio. Il matrimonio

Dettagli

Il genitore convivente con il figlio maggiorenne non autosufficiente economicamente può pretendere l'assegno di mantenimento.

Il genitore convivente con il figlio maggiorenne non autosufficiente economicamente può pretendere l'assegno di mantenimento. Il genitore convivente con il figlio maggiorenne non autosufficiente economicamente può pretendere l'assegno di mantenimento. Cassazione civile, sez. I, sentenza 10.01.2014, n. 359 Il caso è quello di

Dettagli

CAPITOLO I SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI. Sezione 1 Separazione giudiziale

CAPITOLO I SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI. Sezione 1 Separazione giudiziale INDICE SOMMARIO Premessa... 5 CAPITOLO I SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI Separazione giudiziale 1. Ricorso per separazione giudiziale senza richiesta di dichiarazione di addebito e senza provvedimenti

Dettagli

TRIBUNALE DI CATANIA PRIMA SEZIONE CIVILE ^^^^^^^^^^^^^^^^^^

TRIBUNALE DI CATANIA PRIMA SEZIONE CIVILE ^^^^^^^^^^^^^^^^^^ Con la pronuncia in esame, il Tribunale di Catania propone una lettura interpretativa del disposto di cui all art. 155-quinquies, comma 1, cod. civ., del tutto condivisibile, poiché, da un lato, afferma

Dettagli

TRIBUNALE PER I MINORENNI 20123 MILANO Via G. Leopardi n 18

TRIBUNALE PER I MINORENNI 20123 MILANO Via G. Leopardi n 18 TRIBUNALE PER I MINORENNI 20123 MILANO Via G. Leopardi n 18 N 988/11 RG/E Il Tribunale per i Minorenni di Milano, riunito in camera di consiglio nella persona dei signori: dr.ssa Emanuela Gorra dr. Luca

Dettagli

REVISIONE DELL ASSEGNO DI DIVORZIO

REVISIONE DELL ASSEGNO DI DIVORZIO 22 REVISIONE DELL ASSEGNO DI DIVORZIO Mevio e Mevia, coniugi senza figli, decidono di divorziare in seguito ad una separazione consensuale omologata. In sede di giudizio, viene disposto in favore della

Dettagli

Presentazione... 9 Abbreviazioni usate nel presente testo... 10. Capitolo 1 ± Obblighi nascenti dal matrimonio

Presentazione... 9 Abbreviazioni usate nel presente testo... 10. Capitolo 1 ± Obblighi nascenti dal matrimonio Presentazione... 9 Abbreviazioni usate nel presente testo... 10 Capitolo 1 ± Obblighi nascenti dal matrimonio 1.1 Diritti e obblighi costituzionali... 11 1.2 Obblighi previsti dal codice civile... 12 1.2.1

Dettagli

In caso di sopravvenuta disoccupazione possibile reviviscenza dell obbligo di mantenimento

In caso di sopravvenuta disoccupazione possibile reviviscenza dell obbligo di mantenimento Pagina 1 di 7 In caso di sopravvenuta disoccupazione possibile reviviscenza dell obbligo di mantenimento Il testo integrale SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE Sentenza n. 19589 del 26 settembre 2011 Fatto e diritto

Dettagli

RICONOSCIMENTO E DISCONOSCIMENTO

RICONOSCIMENTO E DISCONOSCIMENTO RICONOSCIMENTO E DISCONOSCIMENTO Relatore: avv. Maria Teresa Saporito CAMERA PER I MINORI DI SALERNO ANNA AMENDOLA Salerno, 27 maggio 2010 LA FILIAZIONE NATURALE L acquisto dello status di figlio naturale

Dettagli

AFFIDO-FIGLI-NATURALI. Competenza del tribunale per i minorenni sull affido dei figli naturali Corte di Cassazione - ordinanza - Numero 8362

AFFIDO-FIGLI-NATURALI. Competenza del tribunale per i minorenni sull affido dei figli naturali Corte di Cassazione - ordinanza - Numero 8362 Competenza del tribunale per i minorenni sull affido dei figli naturali Corte di Cassazione - ordinanza - Numero 8362 LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sig.ri Magistrati:

Dettagli

Tutti gli atti mediante i quali la proprietà o un altro diritto reale viene trasferito (o costituito) da un

Tutti gli atti mediante i quali la proprietà o un altro diritto reale viene trasferito (o costituito) da un Tutti gli atti mediante i quali la proprietà o un altro diritto reale viene trasferito (o costituito) da un coniuge a favore dell altro o a favore dei figli, allo scopo di regolamentare i rapporti patrimoniali

Dettagli

Primo GRADO Impugnazione Cassazione. Processi di valore fino a. 1.100,00. 43,00. 64,50. 86,00

Primo GRADO Impugnazione Cassazione. Processi di valore fino a. 1.100,00. 43,00. 64,50. 86,00 CONTRIBUTO UNIFICATO Tabella aggiornata al 3 marzo 2015 Processo civile ordinario (1) Primo GRADO Impugnazione Cassazione Processi di valore fino a. 1.100,00. 43,00. 64,50. 86,00 Processi di valore superiore

Dettagli

Profili giuridici rilevanti del diritto di famiglia

Profili giuridici rilevanti del diritto di famiglia Obiettivi Il corso si pone l obiettivo di analizzare i più importanti ed attuali profili giuridici del diritto di famiglia. In particolare l iniziativa tratterà istituti come l affidamento condiviso e

Dettagli

Cass. Civ., Sez. Un., sentenza 28 novembre 2012 n. 21108 (Pres. Preden, est. Piccininni)

Cass. Civ., Sez. Un., sentenza 28 novembre 2012 n. 21108 (Pres. Preden, est. Piccininni) Cass. Civ., Sez. Un., sentenza 28 novembre 2012 n. 21108 (Pres. Preden, est. Piccininni) La litispendenza internazionale assurge a criterio negativo, sia pur temporaneo, della giurisdizione del giudice

Dettagli

Parte I Normativa sui compensi dell avvocato

Parte I Normativa sui compensi dell avvocato Parte I Normativa sui compensi dell avvocato D.M. 10 marzo 2014, n. 55. Regolamento recante la determinazione dei parametri per la liquidazione dei compensi per la professione forense ai sensi dell art.13,

Dettagli

GLI ACCORDI DEI CONIUGI IN SEDE DI SEPARAZIONE E

GLI ACCORDI DEI CONIUGI IN SEDE DI SEPARAZIONE E GLI ACCORDI DEI CONIUGI IN SEDE DI SEPARAZIONE E DIVORZIO E LE CONSEGUENZE SUL PIANO FISCALE. A CURA DELL AVV. RAFFAELLA DE VICO Premessa Diverse sono le questioni di rilevanza fiscale che possono sorgere

Dettagli

CONTRIBUTO UNIFICATO PER L ISCRIZIONE A RUOLO

CONTRIBUTO UNIFICATO PER L ISCRIZIONE A RUOLO CONTRIBUTO UNIFICATO PER L ISCRIZIONE A RUOLO Si riportano qui di seguito le tabelle ed i criteri di calcolo del contributo unificato per i procedimenti giurisdizionali riguardo ai quali ne è previsto

Dettagli

AFFIDAMENTO CONDIVISO

AFFIDAMENTO CONDIVISO a cura della redazione di Lex24&Repertorio24 AFFIDAMENTO CONDIVISO Aggiornamento: novembre 2007 Selezione della documentazione tratta dalla banca dati SOMMARIO Legge Codice civile artt. 155, 155 bis 3

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

GUIDA AL RITO PARTECIPATIVO

GUIDA AL RITO PARTECIPATIVO Pagina 1 FORMAZIONE MAGISTRATI ONORARI SEZIONE IX CIVILE TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE NONA CIVILE GUIDA AL RITO PARTECIPATIVO AD USO DEL GIUDICE DELEGATO PER L UDIENZA CD. FILTRO A cura di: G. Buffone 1)

Dettagli

INDICE SOMMARIO DEL VOLUME

INDICE SOMMARIO DEL VOLUME INDICE SOMMARIO DEL VOLUME Indice per articoli... pag. VII Indice bibliografico...» XIII LILIANA ROSSI CARLEO INTRODUZIONE...» 1 TITOLO VI. DEL MATRIMONIO CAPO V. DELLO SCIOGLIMENTO DEL MATRIMONIO E DELLA

Dettagli

TRIBUNALE DI MODENA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

TRIBUNALE DI MODENA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Filiazione naturale Riconoscimento del figlio naturale: impugnazione Convivenza more uxorio Impotentia generandi al tempo del concepimento Qualificazione dell azione: a) disconoscimento di paternità esclusione

Dettagli

Validità del patto stipulato tra i coniugi per il trasferimento di un immobile in favore del figlio minorenne (Cass. n.

Validità del patto stipulato tra i coniugi per il trasferimento di un immobile in favore del figlio minorenne (Cass. n. Validità del patto stipulato tra i coniugi per il trasferimento di un immobile in favore del figlio minorenne (Cass. n. 18066/2014) Corte di Cassazione Civile n. 18066/2014 sez. I del 20/8/2014 Presidente:

Dettagli

D.- Sono puniti per maltrattamenti in famiglia e violazione degli obblighi familiari i conviventi?

D.- Sono puniti per maltrattamenti in famiglia e violazione degli obblighi familiari i conviventi? D.- In caso di separazione, in assenza dei figli, può essere disposta dal giudice l assegnazione della casa coniugale? R.- Ove non vi sia prole convivente, questo tipo di tutela non ha più ragione di sussistere

Dettagli

Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli"

Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli LEGGE 8 febbraio 2006, n.54 Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 50 del 1 marzo 2006 La Camera dei deputati ed il

Dettagli

Tale disposizione aveva natura interpretativa ed era applicabile anche ai giudizi pendenti; peraltro, 1

Tale disposizione aveva natura interpretativa ed era applicabile anche ai giudizi pendenti; peraltro, 1 Contributi - Facoltà per i comandanti e i direttori di macchina della navigazione marittima di optare per l'iscrizione all'inpdai - Esercizio - Condizioni - Preventivo conseguimento di una posizione assicurativa

Dettagli

La struttura della legge 219 del dicembre del 2012. (avv. Guerci)

La struttura della legge 219 del dicembre del 2012. (avv. Guerci) 14 FEBBRAIO 2014 FORMAZIONE PERMANTENTE ORDINE AVVOCATI BIELLA LA RIFORMA DELLA FILIAZIONE A SEGUITO DELLA l. 219 DEL 2012 E DEL D.L. 154 DEL 2013. -Novità e (soprattutto) ulteriori problemi nel diritto

Dettagli

I compensi dell avvocato

I compensi dell avvocato I compensi dell avvocato Introduzione La disciplina dei compensi dell avvocato per l attività professionale resa in favore del cliente è dettata dall art. 13 L. 31/12/2012 n. 247, «Nuova disciplina dell

Dettagli

«SCRIVERE DIRITTO» ATTI EFFICACI PER UN PROCESSO EFFICIENTE DAL DIALOGO PROCESSUALE ALLA CONDIVISIONE DEI MODELLI

«SCRIVERE DIRITTO» ATTI EFFICACI PER UN PROCESSO EFFICIENTE DAL DIALOGO PROCESSUALE ALLA CONDIVISIONE DEI MODELLI FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO Renato Amoroso, Giuseppe Buffone, Giuseppe Cernuto, Fippo D Aquino, Fabrizio D Arcangelo, Francesca Fiecconi, Maria Grazia Fiori, Federico Vincenzo Amedeo

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

SCRITTURA PRIVATA AVENTE AD OGGETTO IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI PER IL RECUPERO DEI CREDITI INSOLUTI

SCRITTURA PRIVATA AVENTE AD OGGETTO IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI PER IL RECUPERO DEI CREDITI INSOLUTI SCHEMA CONVENZIONE ALLEGATO 1 SCRITTURA PRIVATA AVENTE AD OGGETTO IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI PER IL RECUPERO DEI CREDITI INSOLUTI L anno 2014, il giorno. del mese di, in Paternò (CT), nei

Dettagli

SEPARAZIONE DEI CONIUGI. PROVVEDIMENTI RELATIVI AI FIGLI

SEPARAZIONE DEI CONIUGI. PROVVEDIMENTI RELATIVI AI FIGLI SEPARAZIONE DEI CONIUGI. PROVVEDIMENTI RELATIVI AI FIGLI MAGGIORE ETÀ. CASS. CIV., SEZ. I, 22 NOVEMBRE 2010 N. 23590. Il diritto del coniuge separato di ottenere dall'altro coniuge un assegno per il mantenimento

Dettagli

I crediti dell'avvocato

I crediti dell'avvocato Alumni Litubium Claviere (TO) - 12 e 13 Dicembre 2104 I crediti dell'avvocato Nuovi e vecchi scenari dopo le recenti riforme I rapporti con i clienti 2 Prima Durante Dopo Premessa: riforma del Tariffario

Dettagli

PARTE I Normativa sui compensi dell avvocato

PARTE I Normativa sui compensi dell avvocato PARTE I Normativa sui compensi dell avvocato D.M. 20 LUGLIO 2012, N. 140 Regolamento recante la determinazione dei parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi per le

Dettagli

I doveri di solidarietà familiare. Premessa 31 1. Il principio di solidarietà nella Costituzione e nel diritto di famiglia

I doveri di solidarietà familiare. Premessa 31 1. Il principio di solidarietà nella Costituzione e nel diritto di famiglia Sommario XI Premessa alla nuova edizione Capitolo 1 Solidarietà familiare e sicurezza sociale nell assistenza alla famiglia 1 1. L assistenza (nella e) alla famiglia nel diritto delle persone fisiche 6

Dettagli

INDICE. Prefazione...p. La filiazione: profili generali... 1

INDICE. Prefazione...p. La filiazione: profili generali... 1 INDICE Prefazione...p. XV La filiazione: profili generali... 1 I AZIONE DI DISCONOSCIMENTO DELLA PATERNITÀ Introduzione... 9 1 Disconoscimento della paternità in caso di mancata prova dell adulterio della

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 20 20.03.2014 Benefici prima casa e separazione dei coniugi I recenti approdi della giurisprudenza di legittimità Categoria: Agevolazioni Sottocategoria:

Dettagli

CORTE DI APPELLO DI. Affari Civili di volontaria giurisdizione o da trattarsi in Camera di Consiglio

CORTE DI APPELLO DI. Affari Civili di volontaria giurisdizione o da trattarsi in Camera di Consiglio CORTE DI APPELLO DI Affari Civili di volontaria giurisdizione o da trattarsi in Camera di Consiglio Nota di iscrizione a ruolo o Nota di accompagnamento ρ Per il reclamante ρ Per il ricorrente SI CHIEDE

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... XIX Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING 1.1. Introduzione... 1 1.2. I pregiudizi... 2 1.3. La tutela.... 4 1.4. La mancanza di una

Dettagli

Legge 10 dicembre 2012, n. 219 (1). Disposizioni in materia di riconoscimento dei figli naturali.

Legge 10 dicembre 2012, n. 219 (1). Disposizioni in materia di riconoscimento dei figli naturali. Legge 10 dicembre 2012, n. 219 (1). Disposizioni in materia di riconoscimento dei figli naturali. (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 17 dicembre 2012, n. 293. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 22 gennaio 2015, n. 1169

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 22 gennaio 2015, n. 1169 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 22 gennaio 2015, n. 1169 Svolgimento del processo Il giudice del lavoro del Tribunale di Brescia accolse la domanda con la quale G.M. aveva chiesto la dichiarazione di illegittimità

Dettagli

1.1. Il contenuto del titolo esecutivo. La qualificazione del titolo.

1.1. Il contenuto del titolo esecutivo. La qualificazione del titolo. 1. Il titolo esecutivo e il precetto. 1.1. Il contenuto del titolo esecutivo. La qualificazione del titolo. La norma di cui all art. 474 c.p.c. stabilisce che l esecuzione forzata non può aver luogo che

Dettagli

CONTRIBUTO UNIFICATO PER L ISCRIZIONE A RUOLO

CONTRIBUTO UNIFICATO PER L ISCRIZIONE A RUOLO CONTRIBUTO UNIFICATO PER L ISCRIZIONE A RUOLO Si riportano qui di seguito le tabelle ed i criteri di calcolo del contributo unificato per i procedimenti giurisdizionali riguardo ai quali ne è previsto

Dettagli

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ.

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. CASS. CIV., SEZ. III, 11 GIUGNO 2012, N. 9432. Ai fini della ammissibilità dell'appello per le sentenze pronunciate dal giudice di pace secondo

Dettagli