RESOCONTO INTEGRALE SEDUTA DEL 7 APRILE 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RESOCONTO INTEGRALE SEDUTA DEL 7 APRILE 2014"

Transcript

1 Atti Consiliari -1- Comune di Montelabbate RESOCONTO INTEGRALE PRESIDENZA DEL SINDACO CLAUDIO FORMICA Comunicazioni del Sindaco p. 3 Approvazione Verbali sedute precedenti p. 3 Interrogazioni, interpellanze e mozioni p. 3 Presa d atto del rapporto relativo ai controlli di regolarità amministrativa - Trimestre p. 10 Indice Regolamento per la gestione dello sportello unico per l edilizia - Approvazione.. p.12 Approvazione modifiche statuto Marche Multiservizi S.p.a... p. 13 Ricognizione delle società partecipate... p. 14

2 Atti Consiliari -2- Comune di Montelabbate La seduta inizia alle 21,12 Il Sindaco invita il Segretario Comunale, dott. Ugo Castelli, a procedere all'appello nominale, che dà il seguente risultato: Formica Claudio Sindaco Tagliabracci Fabrizia Barone Giuseppe Sabbatini Matteo Gallini Stefano Golini Maurizio Pagnoni Rita Renzi Francesco Piermaria Marzio Badioli Stefano Stolzini Monica Mucchiutti Rino Bressanello Renzo Giuliani Gerardo De Filippis Antonio Mainardi Serena Montini Ettore assente assente assente assente assente assente Considerato che sono presenti n. 11 componenti il Consiglio comunale, il Sindaco dichiara valida la seduta. Il Sindaco nomina gli scrutatori: Sabbatini Matteo, Pagnoni Rita, De Filippis Antonio.

3 Atti Consiliari -3- Comune di Montelabbate COMUNICAZIONI DEL SINDACO. SINDACO. Non ci sono comunicazioni. APPROVAZIONE VERBALI SEDUTA PRECEDENTE. SINDACO. I verbali vanno da: comunicazione del Sindaco; approvazione verbali seduta precedente; regolamento per la concessione e l uso degli orti pubblici urbani, la sua approvazione; comunicazioni delibera della Giunta Comunale n. 106 del 12 dicembre 2013; prelievo del fondo di riserva; elezione rappresentanti presso l Unione dei Comuni di Pian del Bruscolo; interrogazioni, interpellanze, mozioni e ordine del giorno. Esito della votazione: unanime, favorevoli: 11. INTERPELLANZE, INTERROGAZIONI E MOZIONI. SINDACO. Io avrei un ordine del giorno, che vorrei portare in discussione ed approvazione, che è la proposta avanzata dal Direttivo regionale dell ANCI Marche nella seduta del 5 febbraio 2014 riguardante gli interventi contro la crescita esponenziale del gioco d azzardo patologico, la tutela delle categorie più deboli delle ludopatie e della tassazione settore di giochi e delle scommesse. Io vi leggo questo ordine del giorno, che è stato approvato all unanimità dall ANCI, e poi, se se siamo d accordo, lo deliberiamo. Premesso che il gioco d azzardo legale con 100 miliardi di fatturato è ormai diventato, purtroppo, la terza industria italiana rappresentante il 4% del PIL nazionale; lo stesso gioco d azzardo è arrivato ad incidere per ben il 12% sulla spesa complessiva delle famiglie italiane; in Italia risultano autorizzati oltre game hall locali e agenzie all esclusivo e semiesclusivo esercizio dei giochi tramite slot-machine e di scommesse e videopoker; sono oltre gli esercizi commerciali (bar, tabaccherie, circoli, eccetera) che nel Paese allocano al loro interno delle slot-machine, le altre forme di gioco con vincite in denaro; le slot-machine illegali, cioè scollegate dalla rete, non registrate o manomesse, sono calcolate in almeno , e questa è una fonte della Direzione Nazionale Antimafia; nel 2012 risultano essere state sequestrate slot-machine perché irregolari, truccate, non autorizzate o fiscalmente sconosciute; il gioco d azzardo illegale, malgrado il ritmo di crescita a due cifre, risulta

4 Atti Consiliari -4- Comune di Montelabbate esponenzialmente in aumento, in mano ad organizzazioni mafiose o malavitose, e propedeutico alla disseminazione del fenomeno dell usura e dei crimini contro il patrimonio e le persone; Considerato che i valori del sistema del gioco in Italia sono aumentati di quasi 10 volte dal 2004 all anno appena conclusosi; sono 23 milioni e mezzo circa gli italiani che hanno praticato nell ultimo anno almeno un gioco con vincite in denaro; la parcellizzazione dei valori delle vincite attuate nell ultimo decennio spinge i giocatori alla ripetitività compulsiva del gioco attraverso il meccanismo psicologico del rimpiego delle somme vinte; sono almeno 15 milioni i giocatori abituali nel Paese, e oltre di questi, quindi l 1,65% della popolazione italiana, risultano essere dipendenti dal gioco d azzardo e a rischio di diventare patologici; Tenuto in considerazione che il gioco patologico colpite gli strati delle popolazioni più deboli, il 40% dei giocatori abituali è costituito da pensionati, casalinghe, disoccupati e minorenni, con una spesa media mensile procapite di oltre euro; i riflessi sociali delittuosi del gioco patologico gravano in gran parte sui Comuni e sul Servizio Sanitario Nazionale; le ludopatie costituiscono un altissimo costo sociale in termini sia di salute che di ordine pubblico, la cui spesa è stimata in 5-6 miliardi di euro l'anno; il complessivo gettito fiscale del gioco d azzardo, del valore di circa 8 miliardi di euro l'anno, rischia di essere vanificato dai crescenti costi sociali affrontati per arginare il fenomeno delle ludopatie e della sicurezza della città; Preso atto che l ex Decreto Balduzzi, che in prima stesura prevedeva, tra le altre, distanze rigorose tra i locali del gioco d azzardo, i cosiddetti luoghi sensibili (asili, scuole, parchi, ospedali, comunità, eccetera), risulta essere ancora in discussione in Parlamento, e che i Comuni, ove approvino i regolamenti specifici stringenti in materia, rischiano anche da parte degli operatori di giochi illegali riuniti in Confindustria sistema il gioco Italia, probabili onerosi contenziosi dall esito incerto; sempre più iniziative locali vengono intraprese per cercare di affrontare ed arginare il fenomeno, alcune di tipo

5 Atti Consiliari -5- Comune di Montelabbate locale spontaneo, ed altre nazionali, quale quella di Lega Autonomie in mille piazze contro il gioco d azzardo, alla quale hanno aderito anche diversi Comuni marchigiani, tendenti all eliminazione di specifica legislazione in materia che conceda a strumenti normativi per limitare il fenomeno diffusivo; la prevenzione, a cominciare dallo stop della pubblicità, data la difficoltà di creare un mercato nero degli slot in luoghi fisici nascosti per il gioco, può essere considerata valido strumento disincentivante degli esponenziali aumenti di giocatori e di giocate; una pianificazione stringente degli orari di gioco, limitandoli alle sole ore serali, unitamente ad un contenimento del numero delle macchine per l esercizio commerciale e dei locali autorizzati sul territorio, costituirebbero certo strumento di prevenzione e mitigazione dei fenomeni sociopatici; un analisi del fenomeno che vede il coinvolgimento dei soggetti quali i Dipartimenti Dipendenza delle ASL, la Caritas, l ARCI, rappresentanze e dopolavorismi di... relative ad associazione di categoria, ANCI, UPI, Regione Marche, risulta necessario e indulgente per ricercare soluzioni condivise a valenza generale. Delibera quanto segue: 1) di richiedere al Governo e al Parlamento la veloce approvazione di una normativa sulla lotta al gioco d azzardo che consenta di attribuire ad ampliare i poteri dei Comuni, ivi incluse forme disincentivanti, il proliferare delle apparecchiature e premianti per quegli esercizi che intendono dismetterli; 2) di richiedere alla Regione Marche l'istituzione di un osservatorio regionale apposito con compito di studio, analisi del fenomeno, campagne informative di sensibilizzazione anche a supporto ed elaborazione di ulteriore legislazione regionale in materia; 3) di chiedere al Governo e al Parlamento, a fronte dell avvenuta diminuzione della tassazione del gioco d azzardo al 10%, malgrado la rilevantissima crescita di fatturato di settore, di riportare il prelievo fiscale alla precedente maggiorazione di aliquota al 30%, destinando i proventi di detta leva fiscale ai Comuni per il mantenimento dei servizi alla persona ed alla perequazione della tassazione immobiliare a favore delle fasce più deboli svantaggiate.

6 Atti Consiliari -6- Comune di Montelabbate Mi sembrava un ordine del giorno abbastanza interessante, sia per far sì che venga tenuto sotto controllo, anzi, facendo azioni disincentivanti, sia perché quei Comuni virtuosi che hanno interesse ed intenzione di adottare delle determinazioni delle delibere per restringere questo fenomeno che sta diventando abbastanza serio, vengano premiati. Mi sembrava opportuno e giusto aderire come Comune di Montelabbate. Ci sono interventi? La parola al Consigliere Bressanello. CONS. BRESSANELLO. Questo tipo di iniziativa è un iniziativa che da un punto di vista estetico è valida, perché si va a contrastare quella che è una patologia ingravesciente, chiamata ludopatia, però facciamo un attimo un discorso su cosa si intende per gioco d azzardo Io non sapevo che c'era questo argomento, comunque vediamo di improntare qualcosa. Il gioco d azzardo è qualsiasi cosa che preveda, di fronte ad una piccola somma di denaro, diciamo piccola, variabile somma di denaro, la possibilità di vincere una cifra estremamente appetibile, e vista come la possibile risoluzione dei problemi di chi gioca. Gioco d azzardo non si deve intendere solo il gioco che si fa nei bar con la slot; gioco d azzardo è anche una partita a soldi fra amici. Qualsiasi cosa che preveda la possibilità di un guadagno deve essere considerato gioco d azzardo. E antichissimo il gioco d azzardo. Per dire una cosa abbastanza semplice: i centurioni che si giocavano ai dati la tunica di Cristo. Chi vinceva si prendeva una cosa di valore, perché la tunica di Cristo, se è quella che troviamo descritta tinta di rosso, eccetera, eccetera, erano indumenti appetibili e costosi. Ma anche la partita a carte fra amici, purchè ci sia la possibilità di guadagno, è un gioco d azzardo. Quindi, data questa definizione, mi sembra che questa proposta pensi di risolvere la questione portando la tassa dal 7% o al 20% o al 30% sui ricavati del gioco d azzardo. Questo romperà le scatole a chi gestisce il gioco d azzardo illegale, che dovrà pagare una cifra maggiore; ma chi lo gestisce dal punto di vista illegale, come si faceva durante il tempo dei proibizionismo in America, si vede tante volte nei film che arriva la Polizia, si girano le cose, e poi sono tutti lì che giocano a biliardo, eccetera. Le abbiamo viste queste scene qui. Il problema è un altro: chi è il maggiore proponitore di gioco d azzardo? E lo Stato. E sempre stato lo Stato, con le lotterie, con il gioco del lotto, con i gratta e vinci. Sono tutti gioco d azzardo che gestisce lo Stato, quindi lo Stato in teoria come fa a fare - lo può fare tranquillamente - una legge che poi alla fine,

7 Atti Consiliari -7- Comune di Montelabbate dal punto di vista di incasso, lo andrà a danneggiare? Noi facciamo le campagne contro il fumo, e lo Stato è il maggior monopolista del tabacco in Italia, è quello che ti vende il veleno, poi si incazza perché deve spendere una cifra per curare te che ti sei avvelenato! Lasciamo allora che lo Stato, va bene, nel campo del tabacco lasciate vendere le multinazionali; tu, Stato, tirati fuori da questo giro mortale (io sono un fumatore poi fra l'altro, quindi parlo anche in un certo modo) tirati fuori - e voglio usare una parola anche pesante - da questa merda di situazione, lascia gestire alle compagnie e fracassale di tasse. Poi ci sarà il contrabbando di sigarette, perché dovremo magari dover fumare solo in casa, perché se giri con la sigaretta in giro ti additato, ti arrestano, perché fumi fuori. Adesso siamo arrivati all estremo che in America, ad esempio, se sentono che tu arrivi in ufficio che hai l alito che puzza di sigaretta ti possono anche licenziare. Siamo arrivati a queste astrusità, a queste cose tremende sotto certi punti di vista. Io sono s accordo che lo Stato debba approvare un qualche cosa per cercare di frenare la situazione. Basterebbe, ad esempio, introdurre un tesserino con cui giocare, con un codice che viene riconosciuto dalla macchina, con un sistema informatico, si può fare, come quando si fanno i referendum telematici: se tu provi per due volte a votare, la prima volta voti, la seconda viene riconosciuto l ID del tutto computer, e non sei ammesso per la seconda volta. Io ho provato, ho detto voglio provare a vedere. No, no, una volta e basta. Io qualche volta capito nei bar, e c'è gente che butta continuamente soldi, non c'è un limite. Occorre un blocco nel file che gestisce questo gioco, che oltre un certo numero di giocate non puoi fare, per lo meno contieni in quella giornata quelle che sono le tue perdite, come concetto. Io sono favorevole che l ANCI dica così, però non è così che si risolve il problema della ludopatia. Bisognerebbe eliminare i giochi, proprio eliminarli completamente, basta, non c'è più il gratta e vinci, non c'è più niente di questa roba qui, non c'è più il jackpot, tutti quelli lì, non c'è più il lotto, niente, basta, così si elimina il gioco. Poi c'è il gioco di contrabbando, ma quello metti delle pene severe veramente applicate poi, di dissuasione. Questo secondo me è il concetto. Io sono favorevole, io darò il voto favorevole, penso anche loro come concetto, però non si risolvono così i problemi. Quanto sarà? Un anno e mezzo o due anni che c'è al Parlamento un disegno di legge per l approvazione della limitazione del gioco d azzardo. Ci hanno messo 30 anni per riuscire a fare una legge elettorale, che poi ancora non è stata approvata, se andiamo avanti con questi tempi!

8 Atti Consiliari -8- Comune di Montelabbate SINDACO. La parola al Consigliere De Filippis. CONS. DE FILIPPIS. Signor Sindaco, il mio collega è stato già abbastanza prolisso, quindi è inutile che io ripeta le stesse cose che ha detto lui. Grazie. SINDACO. Prego. Io credo che ognuno deve fare la propria parte. Questa è la competenza dei Comuni in cui l ANCI in prima persona chiede di approvare questo ordine del giorno e dare anche la possibilità ai Comuni di porre dei limiti, poi tutte le considerazioni sono tutte valide, tutte buone, per carità, però credo che sia importante che noi diamo un segnale come Comuni italiani, e quindi il segnale è quello di approvare, poi vediamo come poi andrà avanti, perché sta diventando un fenomeno molto, molto, molto delicato. CONS. BRESSANELLO. Bisogna vedere anche perché si gioca d azzardo: perché non abbiamo i soldi, la gente povera è quella che gioca di più. (INTERVENTO FUORI MICROFONO) CONS. BRESSANELLO. Appunto, la gente povera è quella che gioca di più: cerca nella botta di fortuna che risolve i suoi problemi. Vediamo di risolvere i problemi della gente, vedrai che il gioco d azzardo cala! SINDACO. I problemi della gente, per quello che riguarda noi, cerchiamo di risolverli tutti i giorni, poi quelli che sono più grossi di noi, pazienza. Se non ci sono altri interventi, passiamo alla votazione. Esito della votazione: unanime, favorevoli: 11. SINDACO. Io non ho interpellanze, non ho interrogazioni, ho solo questo ordine del giorno. Diamo la parola al Consigliere Bressanello per l interpellanza, prego. CONS. BRESSANELLO. Più che un interpellanza, è finalmente di capire... io sono noioso molte volte nelle cose, e anche ripetitivo, ma sono ripetitivo perché non ho risposte da parte delle persone a cui mi rivolgo. Allora mi rivolgo a lui, perché, come responsabile dell Ufficio Urbanistica, poi va a finire che non è neanche lui l addetto, ma è quell altro... (INTERVENTO FUORI MICROFONO)

9 Atti Consiliari -9- Comune di Montelabbate CONS. BRESSANELLO. No, no,non parlo di asfaltature, quelle le prevedo prima delle elezioni, come al solito. Io parlo della famosa - lo dico in dialetto - cerqua, secca. In Via Farneto, subito dopo la curva di Valeri, e lo dico tutte le volte, sono già tre Consigli Comunali che lo dico, c'è una quercia secca che insiste per più di metà della chioma sopra la sede stradale. Avete fatto degli accertamenti, mi ha detto, e dice che non è del Comune. Allora sarà del signor Valeri, o di chi sia. Allora ho chiesto più volte: mettiamolo in sicurezza quell albero, e l unica sicurezza è quello di segarlo a zero, visto che è un albero secco. Già ultimamente, quando tira vento, qualche rametto piccolo è caduto, rametti da due o tre centimetri. Io metto in guardia anche questo Consiglio, questa Giunta, o chi di dovere: in caso di danni non siete esenti voi ed è responsabile lui perché non ha fatto la manutenzione, ma anche il Comune è responsabile, perché avvertito di un pericolo non si è preoccupato di porvi rimedio. Ci sarebbe una possibilità, perché una Legge del 1942, sulla questione degli alberi che insistono ai confini, e lì non so se sia proprio al confine fra la strada, cioè il possedimento comunale ed il podere di questa persona. Io non ho nulla contro questa persona, perché siamo anche amici, però c'è questo pericolo effettivo. La legge consente di intervenire chiedendo al proprietario della pianta di sfrondarla, per lo meno di sfrondarla, di togliere via quello che insiste, che poi sia verde o sia secco la legge non fa differenza. Un altro modo strano, che farà anche ridere, è quello che tu puoi pretendere di tagliare le radici che vengono nel tuo podere, cioè in questo caso le radici della pianta che vanno nella strada. Non è possibile in nessun modo, da parte della Pubblica Autorità, di intervenire sulle fronde, cioè non è che domani potete andare con un cestello e magari a tagliare, eccetera, eccetera, per mettere in sicurezza. Potete tagliare solo le radici, ma in questo caso è una stupidata, perché la pianta è già secca. La domanda è questa: abbiamo intenzione di risolverla in qualche modo? Ci sono i mezzi da parte anche del Sindaco o dell Ufficio Tecnico di fare un ordinanza a questo qui. Io ho chiamato i pompieri, perché avevo quel pioppo secolare che aveva dei tronchi da 40 centimetri che andavano sulla strada; sono venuti, hanno visto l effettiva cosa, e me l hanno tagliato, quasi distrutto, però era stato colpito dal fulmine, eccetera, eccetera. In questo caso non è che cascherà domani, ma non si può sapere, però già comincia quando c'è il vento qualche ramo a cadere. Io mi metto disponibile a chi sarà colpito da un ramo mentre passa con la macchina, di dargli tutti i consigli legali per farvi causa, perché

10 Atti Consiliari -10- Comune di Montelabbate oggi è la quarta volta che lo dico. Quindi vuol dire che sono passati almeno tre mesi. SINDACO. Per quello che riguarda le opere pubbliche di carattere generale, asfaltature comprese, non è che le asfaltature si fanno quando si decide: si fanno quando si può, e quando si può significa quando il bilancio ci permette di fare certe opere, e di pagare, perché uno dei principali problemi sono non tanto i soldini che ci sono in cassa, ma quanto la capacità di pagare. La capacità di pagare non dipende dal Comune, ma dipende dai patti di stabilità. (INTERVENTO FUORI MICROFONO) SINDACO. Ho parlato di opere pubbliche, asfaltature, abbi pazienza. Per quello che riguarda la quercia, il Consigliere Bressanello è molto edotto, io non so un agronomo, quindi non sono in grado di disquisire su certe questioni. Noi stiamo procedendo, abbiamo fatto una verifica per vedere di chi è la quercia e robe del genere, abbiamo verificato che non è una quercia nostra. Stiamo procedendo coinvolgendo il proprietario, che dovrà provvedere all abbattimento o alla sistemazione della quercia, prima di emettere ordinanze, perché il mio metodo di lavoro è sempre quello: prima di emettere un ordinanza, con tutte le problematiche che poi possono insorgere, cerco di convincere la gente, quindi in tempi più rapidi possibili, la quercia la conosco perché abito in campagna da tanto come te, e quindi verrà sistemata. Mi prendo l impegno adesso di fare un opera ulteriore di convincimento, in modo che spero che il prossimo Consiglio ti possa dare la risposta che la pianta è stata abbattuta. Ti ringrazio. PRESA D ATTO DEL RAPPORTO RELATIVO AI CONTROLLI DI REGOLARITÀ AMMINISTRATIVA - TRIMESTRE 2013 SINDACO. Come voi sapete, il primo comma dell articolo 147 del Decreto Legislativo 267/2000 stabilisce che gli Enti Locali, nell ambito della loro autonomia normativa ed organizzativa, individuano strumenti e metodologie per garantire, attraverso il controllo di regolarità amministrativa e contabile, la legittimità, la regolarità e la correttezza dell azione amministrativa. Il controllo di regolarità amministrativo è assicurato secondo i principi generali di revisione aziendale sotto la direzione del Segretario. Sono soggetti al controllo le determinazioni di impegno di spesa, i contratti e gli altri atti amministrativi, scelti secondo una selezione di causale effettuata con motivate tecniche di campionamento. Le risultanze di controllo vengono trasmesse periodicamente a cura del Segretario ai

11 Atti Consiliari -11- Comune di Montelabbate responsabili dei Servizi, al Revisore dei Conti, agli organi di valutazione dei risultati, ai dipendente dal Consiglio Comunale, quindi massima trasparenza. Il Segretario Comunale fa richiesta della trasmissione degli atti aventi valore superiore a euro, e di quelli che i responsabili di settore ritengono opportuno segnalare spontaneamente riferiti al quarto trimestre, come dicevo prima, dell anno Per il Settore Affari Generali non ci sono atti aventi valore superiore a tale importo. Per il Settore Finanza gli atti superiore a tale importo sono indicati nelle delibere del Consiglio Comunale e di Giunta che sono riportate dettagliatamente nella relazione. Per il Settore Urbanistica non ci sono atti superiori all importo suddetto. Per il Settore Lavori Pubblici ci sono due determine, mentre per il Settore Servizi alla Popolazione viene indicata una sola determina con importo superiore alla cifra indicata in premessa, e questi sono tutti riportati dettagliatamente su quello che è nella premessa, nell oggetto che abbiamo detto. Poi nel paragrafo successivo è riportato quanto è stabilito dalla Legge 241 del 90, cioè per la sua trasparenza, cioè i criteri che determinano la nullità dell atto e/o le procedure da seguire per sanare l'atto formalmente imperfetto. Al punto successivo sono riportati tutti gli importi sottoposti al controllo per un importo superiore a euro. Inoltre vengono riportati gli esiti del controllo da cui si evince che gli atti del Consiglio Comunale, così come le determine, sono risultati regolari, legittimi e conformi alla normativa vigente. Inoltre sono stati estratti a sorte, come prevede la norma, il 10% degli atti rientranti nelle tipologie, quali le deliberazioni, le determinazioni, i contratti, le ordinanze, i permessi di costruire, autorizzazioni occupazione di suolo pubblico e quelli di liquidazione. Segue quindi un elenco delle verifiche effettuate sugli atti sopra indicati, e vengono di conseguenza riportate a risultanze l esito delle stesse, il cui esito risulta regolare. Il responsabile del Settore Finanza ha effettuato la verifica trimestrale sugli equilibri finanziari, cosa importantissima; detto verbale viene attestato e l equilibrio finanziario del bilancio in previsione dell esercizio corrente è regolare. Sono stati effettuati anche i controlli previsti dal piano anticorruzione: non sono stati individuati attività o comportamenti in violazione del suddetto piano e della Legge 190 del Infine si attesta che nell anno 2013 non ci sono stati provvedimenti per i quali non è stato rispettato il termine di conclusione previsto dalla legge e dai regolamenti. Di

12 Atti Consiliari -12- Comune di Montelabbate conseguenza si delibera di prendere atto del rapporto relativo al controllo successivo di regolarità amministrativa degli atti adottati nel quarto trimestre 2013 presentato dal Segretario Comunale ai sensi dell articolo 5 del regolamento citato in premessa. Questa è una comunicazione che ogni trimestre viene fatta al Consiglio Comunale, affinchè si renda conto dell andamento gestionale della trasparenza, che deve essere la norma principale per una buona amministrazione. REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA - APPROVAZIONE SINDACO. Il regolamento, che sottoponiamo alla discussione, cura e disciplina i rapporti tra il privato e l'amministrazione in ordine ad interventi di edilizia aventi per oggetto la richiesta di permesso o di denuncia di inizio attività. La Legge 106 del 12 luglio 2011 e la 134 del 7 agosto 2012 hanno apportato importanti innovazioni al Testo Unico, introducendo il principio che lo sportello unico per l edilizia costituisce l unico punto di acceso per il privato interessato in relazione a tutte le vicende amministrative riguardanti il titolo abilitativo e l intervento edilizio oggetto dello stesso, che fornisce una risposta tempestiva in luogo di tutte le Pubbliche Amministrazione coinvolte; acquisisce altresì presso le Amministrazioni competenti il tacito assenso dell Amministrazione preposta a tutela ambientale, paesaggistica, territoriale, del patrimonio storico artistico e della tutela della salute della pubblica comunità. Le comunicazioni al richiedente sono trasmesse successivamente dallo sportello unico per l edilizia. Lo sportello unico per l edilizia accetta le domande, le dichiarazioni, le segnalazioni, le comunicazioni e i relativi elaborati tecnici o allegati presenti dal richiedente con modalità telematica, e provvede all inoltro telematico della documentazione alle altre Amministrazioni. Il regolamento è formato da 18 articoli, dove vengono definiti e disciplinati i compiti dello sportello unico, gli strumenti e le modalità, le procedure informatiche da utilizzare. Al fine di agevolare l acceso agli atti in forma telematica è prevista la riduzione del diritto di ricerca nella misura del 50% delle tariffe stabilite dai regolamenti, quindi chi utilizza questo strumento, e poi daremo anche un termine molto preciso entro il quale tutti, almeno per quello che riguarda i tecnici, devono uniformarsi, ci sarà anche una agevolazione che sicuramente invoglierà a utilizzare questa forma di presentazione della documentazione.

13 Atti Consiliari -13- Comune di Montelabbate Quindi la gestione in forma telematica delle pratiche comporta, oltre ad un notevole risparmio di tempo nel trattare la pratica, agevola anche nell archiviazione delle stesse, in quanto scompare il cartaceo. In allegato, inoltre, troverete le regole di comportamento e le linee guida per la presentazione delle pratiche edilizie in forma digitale. Viene introdotta la posta elettronica certificata, utilizzata principalmente da professionisti. Per quanto riguarda quelle pochissime pratiche che non necessariamente richiedono interventi di un professionista, quindi non hanno bisogno di un progetto elaborativo complesso, ma vengono presentate direttamente dai cittadini, e quindi non in possesso di PEC o firma digitale, sarà compito dell ufficio stesso di assistere nella compilazione della pratica senza oneri aggiuntivi, e questo è un aiuto che si cerca di dare al cittadino nello spirito di collaborazione e di servizio, che deve essere un principio fondamentale della Pubblica Amministrazione nei confronti del cittadino. Quindi la proposta è quella di approvare, per i motivi indicati in premessa, il regolamento per la gestione dello sportello unico per l edilizia allegato alla deliberazione sotto la lettera a), il quale si compone di sottoarticoli, come ho detto, e di dichiarare la deliberazione immediatamente eseguibile. Io credo che questo regolamento lo abbiate letto tutti. Se poi ci sono interventi, ci sono chiarimenti da dare, siamo qui a disposizione. E aperta la discussione. Chi vuole intervenire? Se non ci sono interventi, passiamo alla votazione. Io credo che sia uno strumento veramente importante per far sì che la Pubblica Amministrazione sia più celere e più veloce e dia una risposta adeguata alle esigenze dei cittadini. Passiamo alla votazione. Esito della votazione: unanime, favorevoli: 11. Passiamo anche alla votazione di immediata eseguibilità. Esito della votazione:unanime, favorevoli: 11. SINDACO. Io ringrazio il responsabile del Servizio Urbanistica, geometra Ballotta, che ha avuto la cortesia di essere qui. Lo salutiamo. APPROVAZIONE MODIFICHE STATUTO MARCHE MULTISERVIZI S.P.A. SINDACO. Qui abbiamo lo statuto di Marche Multiservizi. Il 18 aprile alle ore 11 abbiamo l assemblea del Consiglio di Amministrazione, di tutti i soci, e si chiede

14 Atti Consiliari -14- Comune di Montelabbate una modifica. La modifica principale è quella che riguarda più che altro tre articoli: l'articolo 3, il 15, e il 24 dello statuto della società. Io vi leggo più o meno quelle che sono le modifiche che sono riportate nello statuto. Per quello che riguarda l'articolo 3, che è l oggetto sociale, viene aggiunta la lettera h), che è la bonifica dei siti, e la gestione e manutenzione dei cimiteri; questa riguarda solamente Falconara, che è entrata ultimamente a far parte di Marche Multiservizi S.p.A., e quindi, siccome la società che gestiva allora tutte le questioni inerenti ai rifiuti, gestiva anche per questo Comune dei cimiteri, quindi per loro è rimasto dei cimiteri, esclusivamente per loro, in attesa che poi, quando scadrà il contatto, passerà dall altra società quindi, quelle che abbiamo che gestiscono queste cose. Poi abbiamo l'articolo 13, la deliberazione del assemblea, che la composizione del Consiglio di Amministrazione dovrà rispettare l equilibrio tra i generi ai sensi della normativa vigente: come sapete ci vogliono uomini e donne. Questo riguarda sia la deliberazione delle assemblee, sia gli amministratori delegati, o comunque il Consiglio di Amministrazione, dove anche per il Collegio Sindacale viene inserito che la composizione del Collegio Sindacale dovrà rispettare l equilibrio tra i generi ai sensi della vigente normativa. Queste sono delle modifiche che le prevede la legge, quindi dovevamo comunque farle. Quindi la proposta è quella di approvare per quanto di competenza le integrazioni agli articoli 3, 15 e 24 dello statuto della società Marche Multiseuvizi S.p.A., che si allega al provvedimento quale parte integrante e sostanziale. Inoltre di autorizzare il legale rappresentante dell Ente, o un suo delegato, ad intervenire all assemblea straordinaria di Marche Multiservizi S.p.A. ad adempiere a quanto necessario e richiesto per dare esecuzione a quanto sopra. Questo è quanto. Se non ci sono interventi, è un atto dovuto, prendiamo atto. Passiamo alla votazione. Esito della votazione: unanime: favorevoli: 11. Passiamo anche alla votazione di immediata eseguibilità. Esito della votazione:unanime, favorevoli: 11. RICOGNIZIONE DELLE SOCIETÀ PARTECIPATE. SINDACO. Come sapete, noi ogni anno dobbiamo fare la ricognizione delle società partecipate, e quindi, da quello che noi abbiamo in atto, noi oggi come oggi siamo partecipi di quote societarie a Marche Multiservizi S.p.A., MEGAS NET S.p.A., ASPES S.p.A..

15 Atti Consiliari -15- Comune di Montelabbate Per quanto riguarda FuturaServizi siamo in fase di scioglimento, è già sciolta il 31 dicembre, e per quello che riguarda l AMI S.p.A. noi abbiamo messo in vendita a suo tempo, quando abbiamo deliberato,le quote societarie. E anche questa un altra delibera da prendere atto, quindi si propone di autorizzare per le causali esposte in narrativa il mantenimento delle partecipazioni del Comune di Montelabbate nelle seguenti società: ASPES S.p.A., Marche Multiservizi S.p.A., MEGAS NET S.p.A.. CONS. DE FILIPPIS. Circa due anni fa, proprio a proposito del MEGAS NET, ci fu una discussione che io portai avanti, perché da una spesa di si era passati a un milione e mezzo di euro, e mi fu detto praticamente che questi soldi erano già stati accettati, perché la MEGAS NET doveva contribuire all acquisto di quello che serviva, e tante altre belle cosine, che però ancora non si sapeva se funzionava bene o male. A questo punto mi chiedo: questa MEGAS NET funziona bene o funziona male? Perché nessuno ha mai detto niente. Grazie. SINDACO. MEGAS NET più che altro dà dei servizi a quelli che sono i Comuni soci, i servizi che uno richiede, perché ci sono alcuni servizi di implementazione di linee, ultimamente si facevano anche progetti di fotovoltaico, poi adesso sappiamo che il fotovoltaico è in netto calo, perché gli incentivi stanno calando, quindi, per quello che riguarda le mie conoscenze, problemi non ce ne sono, è un azienda che svolge la sua attività in maniera scrupolosa e cosciente. Se poi abbiamo necessità di avere eventualmente ulteriori informazioni, non è detto che possiamo convocare l amministratore di MEGAS NET per avere chiarimenti in merito. Questo si può sempre fare, si mette un punto come chiarimenti, e se c'è questa necessità io non ho niente in contrario ad avere la riunione su questo. (INTERVENTO FUORI MICROFONO) SINDACO. Sì, però sono soldi che poi vanno ripartiti tra i Comuni, non quelli che sono soci, quelli dove si fanno gli interventi. (INTERVENTO FUORI MICROFONO) SINDACO. Non è a carico dei cittadini MEGAS NET. MEGAS NET è un azienda che dà dei servizi, è una società che dà dei servizi: se tu richiedi il servizio, paghi la tua quota. Altrimenti hai una quota, ma è una quota che è acquistata, è un azione che hai e che ti tieni. E una quota di partecipazione che è minima. (INTERVENTO FUORI MICROFONO)

16 Atti Consiliari -16- Comune di Montelabbate SINDACO. Alcuni Comuni, quelli che magari hanno necessità diverse dalle nostre. Questo è il problema. (INTERVENTO FUORI MICROFONO) SINDACO. La parola all Assessore Golini. SINDACO. La seduta del Consiglio Comunale è finita. Ringrazio il Vigile, ringrazio i Consiglieri e ringrazio il pubblico. Buona serata a tutti. La seduta è tolta alle ore 21:57. ASS. GOLINI. Questa mattina sono stato all assemblea dei soci MEGAS NET, per cui anche Montelabbate, e ho visto il bilancio che è stato poi approvato: il MEGAS NET ha chiuso con un attivo di circa euro. Questo anche perché Urbania ha appaltato a MEGAS NET il servizio dell illuminazione pubblica. Quindi quel bilancio che citavi prima, questa alzata di bilancio, sicuramente è dettato da quello che è stato l impegno di Urbania per quanto riguarda l'illuminazione pubblica, quindi non abbiamo spese noi nei confronti di MEGAS NET, perché non abbiamo servizi con loro in questo momento. C'è un progetto di MEGAS NET, che poi verrà illustrato, di ampliare la gamma dei servizi che potrà offrire ai Comuni soci, per abbattere i costi ed una migliore efficentazione di tutti i servizi in essere, ma è un progetto che verrà poi illustrato. SINDACO. Quindi passiamo alla votazione. Esito della votazione:unanime, favorevoli: 11.

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART.

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. 1 E costituita, nello spirito della Costituzione della Repubblica

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri

Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri In caso di rapina in un pubblico esercizio Mantieni la massima calma ed esegui prontamente ciò che viene chiesto dai rapinatori. Non prendere

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Si è cercato il punto di equilibrio tra la tutela dei soci e la salvaguardia del buon funzionamento della società e della certezza dei rapporti societari

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

Deliberazione del Consiglio Comunale

Deliberazione del Consiglio Comunale Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Ordinaria Seduta di Prima convocazione Comune di Finale Ligure Provincia di Savona Numero progressivo 56 OGGETTO Determinazione delle aliquote e detrazioni

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

GLI OGRIN. Eh, sì, lo sappiamo: gli Ogrin sono semplici, ma ci vuole un po di tempo per spiegare il loro funzionamento!

GLI OGRIN. Eh, sì, lo sappiamo: gli Ogrin sono semplici, ma ci vuole un po di tempo per spiegare il loro funzionamento! GLI OGRIN Il sistema di Punti scambiabili nei servizi ANKAMA Eh, sì, lo sappiamo: gli Ogrin sono semplici, ma ci vuole un po di tempo per spiegare il loro funzionamento! Si tratta, in primo luogo, di un

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA STRAORDINARIA DI 1 CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA N 25 DEL 14/08/2014 COPIA Oggetto: Tributo per i Servizi Indivisibili (TASI) - Aliquote per l'anno

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

di Claudio Facchini, dirigente del settore sviluppo economico del Comune di Faenza ARTICOLO PUBBLICATO NELLA RIVISTA AZIENDITALIA N.

di Claudio Facchini, dirigente del settore sviluppo economico del Comune di Faenza ARTICOLO PUBBLICATO NELLA RIVISTA AZIENDITALIA N. SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA E SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE A CONFRONTO Nell articolo vengono messe in luce le differenze radicali tra il procedimento disciplinato dal DPR 447/1998, per

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MARUGGIO (Provincia di Taranto) N. 231 del Reg. delib. REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE Oggetto: Riqualificazione dell area comunale in Campomarino denominata Parco Comunale Via

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t Regolamento interno del Consiglio regionale TITOLO I ORGANI DEL CONSIGLIO E LORO FUNZIONI Capo I Presidenza provvisoria Art. 1 (Ufficio provvisorio di Presidenza) Nella prima adunanza successiva alle elezioni

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI 1 ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA del 12 ottobre 2014 PROVINCIA DI POTENZA VERBALE DELLE OPERAZIONI DELL UFFICIO ELETTORALE 2 VERBALE DELLE OPERAZIONI DELL UFFICIO ELETTORALE 1. INSEDIAMENTO DELL

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA

TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA ARTICOLO 1 - DENOMINAZIONE Ai sensi dell Art. 113 del Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, come modificato dal comma 1 dell art. 35 delle legge 28/12/2001

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Prot. R.U. 20990 IL DIRETTORE DELL AGENZIA Visto il Regolamento generale delle lotterie nazionali approvato con Decreto del Presidente della Repubblica 20 novembre 1948, n.1677 e successive modificazioni;

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli