Sommario NOINSIEME. A VAL MELAINA: pasti caldi all anno. Parrocchia del Redentore BANCO ALIMENTARE FATE FESTACON NOI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sommario NOINSIEME. A VAL MELAINA: 25.000 pasti caldi all anno. Parrocchia del Redentore BANCO ALIMENTARE FATE FESTACON NOI"

Transcript

1 PERIODICO GRATUITO ANNO 1 NUMERO 1 incontroalla REALTÀ IN UN MONDO DI FUGGIASCHI (TUTTI INFATTI FUGGONO DI FRONTE ALL INEVITABILITÀ DI STABILIRE UN SENSO PER LA VITA), LA PERSONA CHE PRENDE LA DIREZIONE OPPOSTA SEMBRA CHE FUGGA. IL CRISTIANO È COLUI CHE AVANZA NELLA DIREZIONE OPPOSTA. PERCIÒ VA INCONTRO ALLA REALTÀ EDITORIALE Un altro giornale nel nostro territorio di Montesacro. Nasce dalla volontà di un gruppo di amici di questo Quartiere che desiderano trasmettere quanto di bellezza, di esperienze positive, di crescita personale hanno ricevuto incontrando la realtà quotidiana, vissuta in adesione all insegnamento cristiano. La realtà richiede, anche per la persona, la conoscenza del suo significato più profondo che la cultura a volte dissimula. Oggi questo rapporto tra l'uomo e la realtà: infatti si basa sull' idea che non ci sia una realtà da interpretare, ma tante interpretazioni della realtà, per cui un' opinione vale l' altra. Per noi non è così, perché la realtà coincide con la Verità che abbiamo incontrato, cioè Gesù Cristo. Dio si è fatto uomo, compagno agli uomini, così che la vita possa non essere vana. Nell' incontro con questo Fatto, la ragione, la volontà e l'affettività umane sono provocate a realizzarsi, a compiersi secondo tutta l'ampiezza del loro desiderio di giustizia, di bontà, di felicità. Gli amici della redazione NOINSIEME Villaggio della speranza pag. 5 FATE FESTACON NOI La comunità dei SS. Angeli Custodi in festa maggio (pag. 2) Processione Madonna dellla Misericordia Colletta alimentare 2003 BANCO ALIMENTARE Condividere i bisogni per condividere il senso della vita. pag. 3 Sommario Maratonina di quartiere VII edizione pag. 5 Reperti archeologici a Montesacro 6 Schola Cantorum Lorenzo Grasso 6 Comunità di Quartiere-Quartiere comunità 7 Campioni di amicizia Commercio equo solidale a Talenti 9 Un romanzo di Marco Befani 10 a 1 classificata al concorso dottrina sociale all UPS 10 Il Municipio - Montesacro nel tempo 11 Dottrina sociale cristiana e ambiente all UPS 12 A VAL MELAINA: pasti caldi all anno Alessandro e Francesco in visita a NOINSIEME Parrocchia del Redentore pag 4

2 PAG. 2 Nei giorni maggio prossimo, si svolgeranno a cura della Parrocchia dei SS. Angeli Custodi a Montesacro i festeggiamenti in onore della Madonna della Misericordia. La statua policroma della Madonna col figlio in braccio, in dolcissimo atteggiamento benedicente, donata dal cardinale Pompilj nel 1925 alla popolazione del nascente quartiere città-giardino Aniene chiamato, in seguito, più comunemente Montesacro e dichiarata patrona del neonato quartiere, percorrerà le strade cittadine in solenne e caratteristica processione notturna il sabato 29 c.m., alle ore 21, dopo la Santa Messa celebrata in piazza dal Cardinale Titolare della nostra chiesa Sua.Em.za Agostino Cacciavillan. La dodicesima edizione di questa festa, detta appunto FATE FESTA CON NOI, è diventata in questi anni la manifestazione per eccellenza dell'intero Municipio, non solo per la bravura e l'impegno del parroco Padre Mario Aceto e dei suoi collaboratori del Comitato ma soprattutto per le ragioni intrinseche che l'hanno motivata da sempre: quella umana, quella PERIODICO GRATUITO ANNO 1 NUMERO 1 incontroalla REALTÀ IN UN MONDO DI FUGGIASCHI (TUTTI INFATTI FUGGONO DI FRONTE ALL INEVITABILITÀ DI STABILIRE UN SENSO PER LA VITA), LA PERSONA CHE PRENDE LA DIREZIONE OPPOSTA SEMBRA CHE FUGGA.IL CRISTIANO È COLUI CHE AVANZA NELLA DIREZIONE OPPOSTA. PERCIÒ VA INCONTRO ALLA REALTÀ Periodico gratuito Direttore Responsabile: Rossana Ansuini Direttore: Giovanni Sozi Segreteria di Redazione: Alessandro Candi, Carlo Fiorini, Francesco Pandolfi. Antonio Pasquale Redazione: Vittorio Altomare, Ferruccio Croia Rosario Cuglietta, Mauro Fumanti, Franco Pietrosanti, Vito Puce, Giovanni Sozi, Antonio Zarola Hanno partecipato a questo numero: Cecilia Fabbri, Alessandro Candi. Sergio Buratti, Francesco Pandolfi, Anselmo Malizia, Giancarlo Miserocchi, Bernardino Scarano, Luca Di Paolo, Editore: ADEPED Associata ANSPI Via Alpi Apuane, 1 Roma Pubblicità cell In attesa di registrazione Stampa: Capitolina 52 sas - Roma culturale e quella religiosa. Attorno a questi tre elementi basilari, attraverso la riscoperta dell'aggregazione e della gioia di stare insieme, del ritorno alla coltura dell'amore e del perdono cristiano, della voglia di una ricaduta al sano protagonismo umano per una crescita sociale, sono state programmate attività culturali e ludiche, gastronomiche e canore adatte ad ogni persona, ad ogni esigenza. In questa festa, comunque e sempre, si è tenuto conto delle iniziative di solidarietà verso i più poveri e i più bisognosi nel mondo, la cui miseria e disperazione aspettano da tutti noi un atto di sensibilità economica e di cristiano sostegno. L'ultima ma non minore motivazione di tanta eccellenza di FATE FESTA CON NOI tra le altre feste parrocchiali credo sia quella costituita dalla naturale posizione di spicco della chiesa degli Angeli Custodi, così ben inserita nel contesto scenografico del primo quartiere; la piazza, per fortuna rimasta ancora tale, si presta con la sua ampiezza a ricevere migliaia di convenuti, la sua bellezza architettonica Villa Maria Rosa Molas Viale Gottardo, Roma Tel Mauro Botarelli incontro alla realtà FATE FESTA CON NOI LA COMUNITA' DEI SS. ANGELI CUSTODI IN FESTA Festa Rievocazione storica dell apologo di Menenio Agrippa incanta colui che la vede per la prima volta e gli addobbi curati ad hoc per la ricorrenza la rendono splendida come una sposa acconciata per il giorno del matrimonio; le superbe luminarie, le bande musicali dalle variopinte divise, la multicolore folla di gente, i policromi palloncini e i nastri che riprendono i colori dello stemma del quartiere, i giochi dei bambini al sicuro dall'intenso traffico automobilistico quotidiano riportano quest'angolo bellissimo della Roma extramuraria allo splendore aggregativo che ha sempre posseduto e lo reintegrano nel compito e alla dignità per cui era stato costruito. Bravo il parroco, lodevole il Comitato; che lo spirito che supporta gli animi nella spontanea vivacità della parrocchia non veda termine, che la voglia di FATE FESTA CON NOI si ripeta ancora per tanti anni a venire! A tutti i cittadini dell'intero quartiere l'invito a partecipare numerosi alla manifestazione che, sicuramente, vi garantirà tre giorni di gioia, di divertimento, di umanità. Giovanni Sozi PROGETTO COSTRUZIONE APPARATI ELETTRONICI ELETTROMECCANICI IMPIANTI DI SICUREZZA - OMOLOGAZIONI PPTT - CE Roma - Via Col della Porretta, 19 - Via Monte Faraone, 30 Cell Tel Fax

3 incontro alla realtà PAG. 3 Realtà del Volontariato Banco Alimentare Condividere i bisogni per condividere il senso della vita La nostra zona ospita anche il magazzino del Banco Alimentare Onlus. Chiediamo a Marcello Fabbri, Presidente del Banco Alimentare del Lazio, di spiegarci bene in cosa consiste questa Fondazione e qual è lo scopo per cui è nata. Così scopriamo che il Banco Alimentare Onlus già presente dal 1967 in America è nato in Italia nel 1989 per iniziativa del cav. Danilo Fossati Presidente della Star e mons. Luigi Giussani - fondatore del movimento di Comunione e Liberazione - i quali, dopo aver conosciuto questa esperienza a Barcellona, la proposero anche nel nostro Paese. Esso ha come obiettivo la valorizzazione sociale delle eccedenze alimentari a scopo benefico: in pratica si propone di recuperare gratuitamente tutti quei prodotti che le aziende non possono mettere in commercio (prodotti impacchettati male, con la scatola rovinata, vicini alla scadenza), li sistema nel suo magazzino e poi li ridistribuisce, sempre gratuitamente, agli enti e alle associazioni che si occupano dell'assistenza ai poveri. Veniamo inoltre a scoprire che anche nel nostro quartiere sono numerosissime le persone che usufruiscono dell'operato del Banco Alimentare e, infatti, il signor Fabbri ci spiega come in questi ultimi anni ci sia stata una grande crescita dei poveri; non sono più solo i barboni che vediamo rovistare nei cassonetti, ma anche persone normali, che magari hanno un reddito solo, oppure famiglie numerose, o pensionati che non riescono ad arrivare alla fine del mese. Si pensi che nel 2003 gli assistiti del Banco Alimentare sono stati circa 52000, il 22% i più dell'anno precedente!! Rimaniamo colpiti dall'operato di questa associazione e dalla passione con cui il nostro intervistato ne parla. Chiediamo così se anche noi, semplici cittadini, possiamo aiutare in qualche modo il Banco Alimentare. Veniamo così a sapere dell'esistenza della Giornata della Colletta Alimentare: nell'ultimo sabato di Novembre la fondazione chiede a tutti di ricordarsi della sua attività e nel fare la spesa per sé di comprare dei prodotti che possano aiutarlo, così da recuperare non solo una gran quantità di merce, ma anche quei generi, alimentari come ad esempio i prodotti per l'infanzia, che sono più difficili da ottenere dalle aziende. Condividere i bisogni per condividere il senso della vita. Con questo slogan si presenta la Colletta Alimentare, ma riteniamo che sia molto di più di un messaggio pubblicitario; in questa frase è infatti racchiusa tutta l'esperienza del Banco Alimentare: aiutare le persone ad affrontare la povertà non solo cercando di rispondere ai loro bisogni, ma anche comunicando una bellezza della vita che tutti desideriamo. P.S. Chiunque volesse offrire anche solo due ore del suo tempo, nei giorni feriali, nella distribuzione dei beni alimentari, contatti telefonicamente Piero Romano Cell oppure Cecilia Fabbri Colletta alimentare 2003 MACERATA LORETO XXVI pellegrinaggio a piedi Sabato 5 giugno 2004 ore 20,30 Stadio Helvia Recina Macerata VENDITA-CENTRO ASSISTENZA PREPARAZIONI PER COMPETIZIONI Per informazioni: Patrizia Cell MODELLISMO MANNUCCI Viale Carnaro 15/d Roma Tel.e Fax

4 PAG. 4 Realtà del Volontariato incontro alla realtà A Val Melaina: pasti caldi all anno Nella Parracchia del Redentore la solidarietà è il pane quotidiano Sin dal 1990 a via Gran Paradiso,51 presso il Centro Giovanile della Parrocchia del SS. Redentore a Valmelaina, affidata ai Padri Scalabriniani, opera una struttura caritativa voluta dalla stessa Comunità Parrocchiale, dalla Prefettura Ecclesiastica e dalla Società S. Vincenzo de' Paoli, per venire incontro ai tanti bisogni di chi vive, italiani e stranieri, una condizione di marginalità sociale. Le persone che si rivolgono a questa struttura sono principalmente extracomunitari. La loro nazionalità e la loro età cambia secondo i flussi migratori, in prevalenza sono uomini abbastanza giovani che sperano di trovare nel nostro Paese una nuova opportunità di vita. La Mensa funziona il martedì, mercoledì, giovedì, sabato e domenica, solo a pranzo, servito alle 12,30. Ogni giorno vengono accolte fino a 130 /140 persone e, anche se la sala può ospitarne solo 96, a tutti è assicurato un pasto caldo, un sorriso e una parola di conforto. I pasti, consistenti di un primo piatto, un secondo con contorno, frutta o dolce, vengono cucinati da cuochi volontari, che sin dalla prima mattinata e fino alle 14,30, si prodigano affinchè la varie pietanze oltre che ben cucinate, siano disposte sui vassoi con molta cura. La gestione organizzativa della mensa è affidata al Sig. Umberto che provvede al menu giornaliero, all'acquisto delle derrate alimentari ed è il coordinatore del personale, tutto volontario che opera in cucina e in sala. E' prezioso il servizio dei capisala che giornalmente organizzano e seguono il lavoro di tanti altri volontari al fine di assicurare sempre, oltre alla presenza, anche un servizio efficiente che crei un'atmosfera di accoglienza e di familiarità. Inoltre, importantissima è l'accoglienza fatta da Silvano e da Carlo, due volontari, che con qualsiasi tempo, all'esterno danno il benvenuto agli ospiti istaurando con ciascuno un rapporto amichevole e cordiale. La Mensa funziona interamente grazie ai volontari che a turno danno la loro disponibilità. Se buona parte dei volontari proviene dalla stessa comunità parrocchiale, vi sono però anche volontari che vengono da altre zone del Municipio e della città, nonchè interi gruppi (parrocchiali, scouts, di catechismo) che decidono di fare insieme un'esperienza di servizio. Altri gruppi di volontari, inoltre, da più di 10 anni, ogni Venerdì sera, si impegnano a distribuire a persone senza fissa dimora, presso la stazione Tiburtina, circa 100 pasti caldi, precedentemente cucinati nella cucina di via Gran Paradiso. Le necessità economiche di gestione vengono coperte dalla Società S. Vincenzo de' Paoli e dalla Parrocchia, molti alimenti provengono dal Banco Alimentare e dalla generosità di tante persone. Il responsabile della struttura è P. Francesco Buttazzo, giovane sacerdote Scalabriniano che ha sostituito P. Gaetano Saracino nella direzione del Centro Giovanile. Sergio Burratti Studio dentistico Interno della mensa Redentore Dott. Antonio Pasquale Medico Chirurgo Sala da pranzo Roma - Via Peralba 16 Tel Cell

5 incontro alla realtà PAG. 5 Realtà del Volontariato Con NOINSIEME nasce la solidarietà Il Fondatore Vittorio Toscani ci parla del Villaggio della speranza alla Bufalotta Abbiamo incontrato Vittorio Toscani. 80 anni, pieno di vivacità e di gioia di vivere, ci ha descritto insieme al figlio Massimo il suo progetto. I lavori di costruzione del villaggio della speranza sono appena iniziati, è possibile vederli in via Paolo Monelli. alla Bufalotta. Il fondatore di "NOINSIEME. ci parla del Villaggio della Speranza. D. Com'è nata la vostra Associazione? R. L'Associazione "Noinsieme" è stata fondata nel 1992 da genitori con figli disabili per promuovere la loro integrazione là dove vivono. D. Quando è sorto il progetto del "Villaggio della Speranza"'? R. Quando ci siamo posti la domanda che tutti i genitori con figli disabili si pongono: A chi affidare la loro vita? Chi potrà aiutarli? Chi li proteggerà da tanti pericoli senza l'appoggio dei genitori?" Il nostro progetto prevede quattro Case Famiglia e un Centro Polifunzionale nel Municipio IV di Roma. D. Come concretamente saranno organizzate le Case Famiglia? R. Ogni casa famiglia potrà ospitare 5 ragazzi disabili: ambienti spaziosi e accoglienti vivificati dall'affetto e dall'amicizia di operatori e volontari. Il Centro Polifunzionale sarà una struttura diurna aperta al territorio e in convenzione con le istituzioni. All'interno laboratori terapeutici riabilitativi e di fondazione. Nella struttura sarà presente anche un "centro permanente" per la promozione e tutela delle famiglie e dei minori" attraverso cui diffondere la cultura della solidarietà nel territorio con corsi, convegni e manifestazioni. Possiamo aiutare realmente questa magnifica opera col nostro impegno di VOLONTARI oppure con un versamento intestato a: Ass.ne volontari NOINSIEME -ONLUS Via G. Papini Roma Causale "pro case famiglia" Sul C/C postale n o sul c/c bancario n UNIPOL g.162 via Fucini Roma ABI CAB Per saperne di più noinsieme.supereva.it oppure Cooperativa sociale Noinsieme a.r.l. ONLUS via G. Papini Roma, tel/fax F.P. Saggi scolastici di fine anno VII MARATONINA gara non agonistica del 6/6/2004 La Scuola Elementare G. PARINI - 94 Circolo Roma e i piccoli Maratoneti dei Plessi: Don Bosco Monte Senario - Piazza Capri Valle Scrivia. Il 6 giugno 2004 la scuola elementare G.Parini 94 Circolo di Roma - concluderà l'anno scolastico con una maratonina per le vie del quartiere:piazza Conca d'oro, Via Martana, Viale Tirreno, Via Valsesia, Via Val Santerno, Viale Val Padana, Via Val di Lanzo con arrivo nell'ampio cortile della scuola di Via Valle Scrivia. Parteciperanno alla manifestazione gli alunni dei quattro plessi: Via Valle Scrivia, Via Monte Senario, Don Bosco e Piazza Capri. Tutti i bambini al momento della premiazione riceveranno medaglie e altri gadget. Come ogni anno verrà allestito un ricco rinfresco per rifocillare i piccoli sportivi che avranno assistito anche ad uno spettacolo musicale ed all'esibizione di un prestigiatore. Molto valida sarà la collaborazione tra i genitori e gli insegnanti del Comitato Organizzatore per una ottimale riuscita della manifestazione: Boccuzzi Clara, Costantini Daniela, Lillo M.Grazia, Merlonghi Anna, Romani M.Pia, Tiberio Patrizia, Bonfrate Ida, Clementi Rita, Cristiani Massimo, Evangelisti Maura, Manarolla Maristella, Pandolfini Angelo, Bagnato Angela. Plastico del villaggio della speranza Maratonina 2003 ANTONIO POMPILI Managing Director Roma - Via del Cottanello, 30 Tel Fax

6 PAG. 6 I più antichi reperti archeologici cristiani a Montesacro La più antica testimonianza cristiana nel territorio dalla Parrocchia dei SS. Angeli Custodi. Nel 1925 durante i lavori di sistemazione del giardino pubblico di via Maiella - corso Sempione, fu rinvenuta da G. Gatti ispettore della Soprintendenza Archeologica di Roma, una camera sepolcrale a pianta quadrata di m 2,10 per lato. Al suo interno vennero alla luce quattro sarcofagi, uno dei quali in marmo, di m 1,77 x 0,50, presentava su due degli angoli l'immagine scolpita del Buon Pastore con la pecora sulle spalle. Su metà del sarcofago era ancora conservato il coperchio anch'esso in marmo, bloccato da grappe in piombo. La fronte del coperchio (alta m 0,21) era scolpita con una tabella inquadrata da figure femminili alate ed amorini. Parte del E' fuor di dubbio che la Schola Cantorum Lorenzo Grasso è il complesso corale che svolge la maggiore attività culturale nel nostro Quartiere. Costituita nel 1982, la Schola è attualmente istruita e diretta dal Maestro Enzio Boschi che, valendosi della sua grande esperienza vocale (diplomato in canto al Conservatorio G. Rossini di Pesaro) e di polifonista (è stato, tra l'altro, uno dei fondatori ed esecutori dell'ottetto Vocale Italiano) ha profuso, sin dal 1993, tutto il suo impegno nell'educazione delle singole voci, curando in modo particolare l'intonazione, l'amalgama ed il gusto del bel canto. I risultati sono stati sorprendenti; infatti, ora la Schola ha un suo particolare colore vocale ed un'ottima fusione ed è riuscita ad avere, inoltre, un repertorio sacro e profano di circa cento brani che vanno dalle Laudi XII sec. alle composizioni contemporanee, il che ha consentito un'intensa attività concertistica. Vanno segnalati i concerti eseguiti all'università Gregoriana in occasione della Festa Nazionale delle Donne Cattoliche, quelli tenuti in Vaticano, nella Parrocchia di S. Anna, nella Basilica di Assisi e presso l'accademia Nazionale di San Luca. La manifestazione più importante alla Una camera sepolcrale del III sec. d.c. incontro alla realtà lato posteriore del sarcofago fu trovata già rotta, e all'interno, insieme a resti di ossa mescolate a terra, erano frammenti del coperchio ma non c' era più nulla del corredo. I motivi decorativi del sarcofago ci permettono di datare la sepoltura all'ultimo quarto del III sec. d.c. ( d.c.). Questo significa che ancor prima del famoso editto di tolleranza dell'imperatore Costantino del 313 che rese il Cristianesimo " religio licita"(religione permessa), esisteva a Monte Sacro una piccola comunità cristiana, alla quale dovevano sicuramente aderire, per l'importanza e la ricchezza della tomba rinvenuta, anche membri importanti della comunità locale di cui purtroppo attualmente non conosciamo il nome. Il sarcofago fu trasportato pochi giorni dopo la scoperta al piano terreno della Scuola Comunale di Monte Sacro (piazza Sempione), adibita in quel tempo a sede della Delegazione, dopo di che se ne perdono completamente le tracce. Sarebbe oltremodo auspicabile che si conducesse una nuova ricerca tra gli archivi e i magazzini delle Soprintendenze (Comunale e Statale) per verificarne la scomparsa o l'esistenza. In caso positivo la Parrocchia potrebbe richiederne il deposito temporaneo, posizionandolo ad esempio, come è avvenuto per tanti reperti archeologici rinvenuti presso la basilica di Santa Agnese sulla via Nomentana, accanto la facciata della chiesa. Anselmo Malizia La Schola Cantorum Lorenzo Grasso La tradizione del canto polifonico nella Parrocchia degli SS. Angeli Custodi quale la Schola ha partecipato è stata, senza dubbio, l'apertura del Presepe in Piazza S. Pietro la vigilia di Natale del 1999 in concomitanza con la solenne apertura dell'anno Santo, ripresa e diffusa in tutto il mondo, via satellite, da Telepace. Il concerto di Musiche Natalizie è ogni anno l'impegno maggiore della Schola, per brani tradizionali italiani e di varie altre nazioni, ed è anche il più richiesto; in questi ultimi anni è stato eseguito tra l'altro, nella Basilica di Cristo Re offerto dalla Rai ai suoi dipendenti, nella Chiesa del Buon Pastore ad Acilia e nella Parrocchia San Biagio della Valle a Perugia. Quest'anno il concerto Natalizio si terrà oltre che nella nostra Parrocchia dei SS. Angeli Custodi, nelle chiese di S. Maria Assunta al Tufello, di S. Gemma Giuliani e di S. Luigi ai Parioli. E' previsto poi un secondo Concerto ai SS. Angeli Custodi con la partecipazione anche del coro della Parrocchia del Bambino Gesu'. La Schola Cantorum è composta da elementi provenienti dai più vari strati sociali: studenti, insegnanti, professionisti, tutti animati dal desiderio di fare musica insieme. E' un Complesso molto unito umanamente, con una grande fiducia nell'insegnamento e nella disciplina imposta dal Maestro, e si fa vanto di essere completamente autonomo sia per quel che concerne la scelta del repertorio che per l'autogestione economica; infatti, la Schola non riceve alcun contributo e non deve compensare il Maestro che offre con generosità il suo lavoro gratuitamente, parimenti all'organista Padre Luigi Affoni che cura anche la programmazione dei brani da eseguire durante le Funzioni religiose. La parrocchia dei SS. Angeli Custodi mette a disposizione della Schola la sala per le prove e sostiene le spese d'illuminazione, riscaldamento e fotocopiatura delle parti musicali; la Schola, per suo conto, s'impegna ad accompagnare le più importanti celebrazioni religiose della Parrocchia. G. M.

7 incontro alla realtà PAG. 7 Comunità di quartiere - Quartiere comunità Lo sport in un progetto di riabilitazione diffusa TRASLOCHI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI Piazza Sempione, 19/A Roma Tel r.a. Fax Andrea, Alessandro, Walter, Francesco, Fabio non sono solo bei nomi, sono alcuni dei ragazzi, degli sportivi, che abbiamo incontrato in una sala di una polisportiva del IV Municipio di Roma. Siamo qui per capire cosa rappresenti per loro giocare in una squadra di calcio e le risposte vanno molto al di là di un semplice allenamento, coinvolgono le emozioni della vita. Ci fanno capire che giocare insieme li fa uscire dall'isolamento, li fa stare col prossimo, li fa pensare meno a sé stessi, insegna a sentire gli altri. Nel gruppo si consolidano i rapporti di amicizia mentre si gioca nel campo, mentre si sta negli spogliatoi. Il gruppo rappresenta uno spazio per parlare dei propri problemi, perché il calcio è uno sport ma è soprattutto una occasione di riabilitazione e potrebbe diventare un'occasione di lavoro. Quindi fare sport con continuità è una cosa seria, una scuola di vita dove si impara ad aiutarsi, a prendere responsabilità, a simulare una società che si vorrebbe più leale e solidale. Passa un'ora e vorrebbero continuare a parlare, ma inizia la partita. Fuori li aspetta l'allenatore e... Lino psichiatra, il Dott. Mauro Raffaeli, che attraverso lo sport fa terapia nel territorio e non in una struttura "chiusa" di un servizio di salute mentale. L'attività terapeutica riabilitativa sportiva del gruppo calcio è nata nel Numerose sono state le ragioni che hanno spinto il Dott. Mauro Raffaeli e altri operatori a organizzare una squadra di calcio: l'attività sportiva e in particolare il gioco del calcio permette la liberazione dell'istintualità repressa e lo sviluppo della motricità; il campo di calcio diventa un contesto terapeutico concreto dove è possibile stimolare le capacità psico fisiche di ciascuno e dirigerle in modo finalizzato ed armonico nello spazio e nel tempo; la pratica del calcio richiede spirito di gruppo, collaborazione, gioco di squadra e occasioni rituali che favoriscono scambi relazionali, interazioni, complicità. Nel corso di questi anni le attività sportive sono aumentare (ludico-ricreative, espressivo-corporee) e l'approccio teorico che le sostiene è maturato. La dimostrazione è il progetto presentato nel 2003 all'asl RmA con il patrocinio del IV Municipio del Comune di Roma e la collaborazione di una Associazione di familiari che opera solo in questo territorio ("Oltre le barriere"). II progetto è finanziato dal Comune di Roma-V Dipartimento Politiche Sociali e della Salute, mentre la Asl RmA mette a disposizione personale del CSM. Organizzare il territorio, le sue risorse per aiutare pazienti e familiari nella lotta contro la devastazione che la malattia mentale comporta nella loro vita è un passo necessario per fare in modo che il lavoro terapeutico non rimanga chiuso dentro alle strutture dei servizi psichiatrici. Bisogna potenziare gli interventi sul territorio: "Comunità nel quartiere - quartiere comunità" è diventato così lo slogan del progetto. Il territorio che sostiene, partecipa, accoglie con i suoi elementi più sensibili può diventare parte attiva di quei miglioramenti clinici della persona-utente con disagio mentale, anche con dei costi molto bassi. Certo un approccio del genere può andare contro un certo tipo di cultura psichiatrica perché l'intervento esula da un contesto conosciuto e si spinge invece in una continua ricerca alla cui base è l'osservazione e la capacità di saper correggere, modificare, rivedere un progetto se questo si rivela inadeguato nei confronti dell'utenza. La riabilitazione è un insieme di strategie, interventi e procedimenti messi in atto per evitare che lo stato di disagio perduri in una situazione di desocializzazione, portando utente ad una ulteriore emarginazione ed esclusione dal mondo reale. Quindi la riabilitazione psico-sociale è l'insieme di procedimenti, di tecniche, di strategie per evitare la cronicizzazione. Se questa strada dà risultati, e i risultati ci sono e sono dimostrabili, se oltretutto al risultato positivo si affianca un basso costo dell'intervento, perché non diffondere questa attività in tutti i distretti sanitari? Questo è il nostro obiettivo come modulo territoriale Aresam dell'asl RmA: la richiesta che nel DSM venga istituita una Unità Operativa di Riabilitazione Territoriale, per avere la certezza della continuità dell'esperienza e della sua diffusione come pratica. Liliana Cultrera

8 PAG. 8 incontro alla realtà CAMPIONI DI AMICIZIA 2004 Campionato interparrocchiale organizzato dal CRIS della Parrocchia S. Maria Maddalena de Pazzi Abbiamo intervistato alcuni amici responsabili delle attività del centro CRIS che da anni ormai organizzano tornei per i ragazzi della loro Parrocchia, e che con discreto successo hanno organizzato un campionato interparrocchiale che quest'anno vede la sua terza edizione. D. Perché si è giunti al torneo dell'amicizia? quante sono le parrocchie partecipanti? R. Il torneo "Campioni di amicizia" giunto alla sua terza edizione, nasce con l'idea di generare occasioni di incontro e amicizia, capaci di aprire il cuore all'incontro con il fatto cristiano dentro la normalità della vita quotidiana. Un secondo aspetto del torneo è quello di ricreare una trama di rapporti con le varie realtà presenti sul nostro territorio, perché la speranza che la fede suscita aiuta e fa crescere il desiderio di condividere la vita con tutti. Quest'anno le parrocchie e le realtà giovanili che si sono ritrovate nel torneo sono tredici, suddivise nelle varie fasce di età che vanno dai piccolissimi '96-97 ai più grandi ' Considerando le squadre per ogni fascia, hanno partecipato e continuano a farlo nella fase finale più di quattrocento tra ragazzi e ragazze. Crediamo sia un dono grande da guardare con tenerezza. D. Quali sono gli obiettivi che vi siete prefissati? quanti ne avete già raggiunti? R. Gli obiettivi? Uno solo. Farci compagnia. E' dentro una compagnia vera che cresce la passione per la propria vita. E' un obiettivo raggiunto? Sarà il tempo a dirlo, sicuramente già adesso...ci stiamo divertendo. D. Avete visto o sperimentato personalmente risultati degni di nota? R. Si. Sono nati rapporti di amicizia che possono crescere e diventare comunione, come è cresciuto in molti il desiderio di condividere speranze e difficoltà per uno scambio di esperienze, per un aiuto. D. Quali sono le maggiori difficoltà che incontrate? R. Non ci sono difficoltà particolari se non quelle normali nella organizzazione di un evento come questo. Qualche difficoltà logistica, un mare di telefonate, pagine di e...tante, tante preghiere. Il desiderio di crescere, di stare insieme, di vivere, ha prevalso sulle incertezze e le incomprensioni. A testimonianza di questo: il regolamento del torneo, che volutamente, è affidato in gran parte alla intelligenza e alla responsabilità dei partecipanti, e le regole scritte sono veramente poche. Eppure non abbiamo avuto problemi particolari! D. Per voi questa è una strada idonea a veicolare un messaggio cristiano o sociale - educativo? R. Quando l'incontro cristiano è vero, non ci sono strade particolari o idonee, c'è solo da andare dietro la fantasia dello Spirito Santo che suscita strade, viottoli, autostrade...allora tutto è occasione, tutto è possibilità per incontrare Cristo. Un torneo di pallone come un film, come una pizza, come l'amore, come...la vita tutta intera perché: "Il Verbo si è fatto carne e abita in mezzo a noi. D. Come è il rapporto con il parroco e le altre realtà parrocchiali? Amati, sopportati o tollerati? R. Nella realtà della nostra parrocchia S. Maria Maddalena de' Pazzi c'è sempre stata attenzione e sensibilità nei confronti dell'iniziativa e sicuramente questo ha favorito la nascita di una "entusiasmante" scuola calcio che ha visto e vede coinvolti più di cento tra ragazzi e ragazze di tutte le età. Con le altre realtà il rapporto è cordiale e di aiuto reciproco, senza nessuna difficoltà. D. Un sogno nel cassetto? R. Al sogno, preferiamo l'ideale Il sogno svanisce e muta nel tempo, l'ideale invece apre alla realtà passo dopo passo. L'ideale è il desiderio di felicità che abita dentro il cuore di ciascuno. Ecco, allora la nostra speranza è che tutto il nostro fare ci aiuti ad incontrare Cristo, la sua presenza in mezzo a noi... per essere felici veramente e per condividere questa felicità. Menenio Agrippa di Franco Pagnozzi Roma Via Nomentana Tel

9 incontro alla realtà PAG. 9 Commercio equo e solidale a Talenti Popoli insieme una piccola bottega che contiene tutto il mondo Da qualche mese in via Luciano Zuccoli 79 l'associazione AVAZ ha aperto la bottega Popolinsieme : appena 20 metri quadrati, ma dove si possono trovare tanti prodotti del commercio equo e solidale provenienti da tutto il mondo. Il termina bottega è un po' antico: una volta nel nostro quartiere c'era la bottega di fiducia vicino casa dove si andava a comprare pane, caffè, cioccolata e spesso si incontrava il vicino o si scambiavano due parole con il negoziante. Poi sono arrivati i supermercati, dove non bisognava più chiedere quello che volevi, ma era la merce che, accuratamente sistemata sugli scaffali, chiedeva di cadere nei carrelli. Adesso stanno costruendo nel IV municipio nuovi ipermercati talmente grandi che sui tetti ci saranno campi sportivi e ristoranti. In questi posti si troverà davvero di tutto: dai giocattoli di plastica made in China, alle bomboniere made in non-importa-dove-e-come-basta-checosto-poco, alla cioccolata a base di olio vegetale con una spolveratina di burro di cacao. Che senso ha allora una piccola bottega in un quartiere dove stanno per sorgere gli ipermercati più grandi di Europa? Il senso è quello di restituire al commercio e al consumo una dimensione umana. Nella bottega infatti, puoi trovare prodotti alimentari e di artigianato prodotti da cooperative del Sud del Mondo a cui è stato pagato in maniera giusta e dignitosa il lavoro, è stato assicurato un prefinanziamento per l'acquisto delle materie prime ed assicurato un rapporto commerciale di lunga durata. In questo modo molti lavoratori si sono potuti svincolare dallo sfruttamento di intermediari che, facendo leva sulle condizioni di miseria e impotenza, continuano a sottopagare il lavoro di un numero sempre maggiore di contadini e artigiani a vantaggio dei profitti di un numero sempre minore di grandi multinazionali. Le botteghe del mondo offrono uno sbocco commerciale ai prodotti del commercio equo e solidale e permettono ai consumatori del Nord di dirottare i propri consumi quotidiani in modo socialmente responsabile. Ma la bottega non è solo questo. E' un luogo dove, attraverso i prodotti, si possono conoscere le storie degli uomini che li hanno lavorati e stanno combattendo ogni giorno la loro lotta di liberazione dalla schiavitù economica. E' un laboratorio di idee dove è possibile comunicare un'idea attraverso una bomboniera diversa, pensare ad un viaggio di conoscenza nel sud del mondo. E' un luogo di incontro dove poter unire le forze per realizzare quel mondo diverso di cui si sente sempre più fortemente la necessità iniziando dalle cose di tutti i giorni. Vi aspettiamo alla: Bottega del Mondo Popolinsieme Via Luciano Zuccoli 79 (parallela di via Franco Sacchetti) Tel Siamo aperti: dal martedì al sabato; dal lunedì al sabato UniEdil srl Società di Costruzioni e Ristrutturazioni Edili Via Stamira, Roma - Tel

10 PAG. 10 Borsa di studio su Dottrina sociale cristiana e ambiente Un nuovo sguardo sull'ambiente, di Emanuela Somalvico Di Paolo Abstract. I Cristiani sono chiamati a vivere in armonia con la natura e con gli altri esseri viventi: questo, chiaro nelle pagine della Bibbia, era oggetto di riflessione dei Padri della Chiesa, che spesso nei loro scritti descrivono il rapporto natura-uomo-dio e tanti sono i Santi che nel corso della storia hanno dimostrato il loro rispetto e amore per la natura. Purtroppo negli ultimi due secoli questo rapporto è, per così dire, entrato in crisi. I Papi che hanno attraversato il XX secolo hanno spesso richiamato l attenzione dei fedeli riguardo agli enormi problemi legati alla mancanza di salvaguardia e rispetto per l'ambiente. Le problematiche ecologiche sono state infatti spesso affrontate nei documenti ufficiali, soprattutto da Giovanni Paolo II: l enciclica Centesimus Annus è tra i tanti il richiamo più esplicito rivolto ai fedeli di rivolgere la loro attenzione ed il loro impegno a quella che lui stesso definisce la questione ecologica. Così asserisce il Santo Padre: «Del pari preoccupante, accanto al problema del consumismo e con esso strettamente connessa, è la questione ecologica. L'uomo, preso dal desiderio di avere e di godere, più che di essere e di crescere, consuma in maniera eccessiva e disordinata le risorse della terra e la sua stessa vita. Alla radice dell insensata distruzione dell ambiente naturale, c è un errore antropologico, purtroppo diffuso nel nostro tempo. L uomo che scopre la sua capacità di trasformare, in un certo senso, di creare il mondo col proprio lavoro, dimentica che questo si svolge sempre sulla base della prima originaria donazione delle cose da parte di Dio». Prosegue ancora il Papa, sottolineando il compito che Dio ha affidato all'uomo: «Egli pensa di poter disporre arbitrariamente della terra, assoggettandola senza riserve alla sua volontà, come se essa non avesse una propria forma ed una destinazione anteriore datale da Dio, che l uomo può, sì, sviluppare, ma non deve tradire. Invece di svolgere il suo ruolo di collaboratore di Dio nell opera della Creazione, l'uomo si sostituisce a Dio e così finisce col provocare la ribellione della natura, piuttosto tiranneggiata che governata da lui». Nella Dichiarazione di Rio poi, che ratificava il principio fondamentale secondo cui «gli esseri umani sono al centro delle preoccupazioni relative allo sviluppo», il cardinale Angelo Sodano affermava che «la crisi ecologica contemporanea è un aspetto preoccupante di una più profonda crisi morale ed è un effetto di un erronea concezione di uno sviluppo smisurato». Di fatto è oggi importante comprendere che i problemi legati all ambiente non possono più essere lasciati in mano esclusivamente ai gruppi ecologisti, spesso non consapevoli della centralità dell uomo nella Creazione, ma necessitano un azione viva e consapevole da parte di noi cristiani che siamo stati chiamati ad essere i guardiani del Giardino creato da Dio. Nel libro della Genesi infatti Dio, una volta creato il mondo con i suoi animali, lo consegna nelle mani dell'uomo, ma il significato intrinseco delle parole che si incontrano in Genesi 1, ci ricordano che il dominio concessogli altro non è che un servizio a Dio stesso, che deve essere esercitato al meglio. Oggi non è dunque più possibile tirarsi indietro e lasciare che altri si preoccupino della salvaguardia del prezioso Creato che Dio ci ha affidato. TINTORIA ANNA MARIA ( ACQUA SACRA ) VIA CIMONE 147 TEL LAVORAZIONE ACCURATA PREZZI MODICI incontro alla realtà Scrittori emergenti Un romanzo di Marco Befani Recensione del libro "ELIOS un cavallo per amico" di Marco Befani. "ELIOS un cavallo per amico" è un racconto da leggere tutto d'un fiato in esso sono condensati alcuni dei più importanti valori della vita: l'amicizia, l'amore per la natura e in particolar modo per i cavalli, la lotta contro le avversità e il desiderio di vita. La storia parla di un ragazzo, Francesco, che, per superare un momento difficile della propria vita, decide di accettare, anche se con qualche perplessità, la proposta della mamma di trascorrere un periodo di vacanza in un agriturismo, dove si frequentano corsi di equitazione. A1 campo incontra Mauro, un ragazzo un po' malinconico, con cui instaura subito una buona amicizia. Francesco conosce anche Valentina, la figlia della proprietaria dell'agriturismo, una ragazza scorbutica e quasi sempre di cattivo umore. Dopo poche pagine il racconto diventa improvvisamente drammatico: infatti, durante una escursione in montagna, Mauro cade da cavallo e rimane paralizzato alle gambe. Per i medici le speranze di guarigione sono molto basse e il ragazzo cade in una profonda depressione. A questo punto interviene Francesco che propone a Mauro di iniziare una terapia con il cavallo Elios, per vincere la depressione e recuperare di nuovo la voglia di vivere. Mauro, all'inizio un po' incerto al pensiero di rimontare di nuovo a cavallo, decide di accettare. Sarà proprio il cavallo Elios che aiuterà il ragazzo a vincere lo sconforto e a far tornare di nuovo in lui la speranza. Il racconto come dice lo stesso autore "non si rivolge solo agli appassionati di equitazione, bensì a tutti coloro che credono nei benefici della relazione tra l'uomo e il cavallo" e poi prosegue:"è da poco conosciuta la terapia per mezzo del cavallo, che riesce là dove la psicologia non arriva". In effetti l'autore vuole sottolineare che molti dei problemi di natura psicologica che assillano oggi le persone possono essere facilmente superati attraversa un ritorno alla natura e in questo caso particolare per mezzo della relazione con il cavallo, un animale nobile che è sempre stato considerato positivamente in tutte le culture. Sicuramente alla fine della storia tutti i personaggi sono cambiati in meglio se all'inizio del racconto Francesco,

11 incontro alla realtà PAG. 11 Mauro e Valentina appaiono tutti sotto una luce un po' negativa, al termine dei libro, dopo un periodo di prova e sofferenza, si ritrovano completamente trasformati, con più voglia di vivere e fiducia in loro stessi. Tutto questo grazie a una sinergia dì forze positive: l'amicizia, il contatto con la natura e l'amore per i cavalli. Alla fine del racconto il lettore non penserà più all'equitazione come a un semplice sport, ma soprattutto come a un modo nuovo e meraviglioso di entrare a contatto con il mondo dei cavalli, animali leali e fedeli, con cui l'uomo può entrare in stretto rapporto di amicizia e unione. Luca Di Paolo Per richiedere qualsiasi informazione sul libro, scrivere all'indirizzo di pasta profumi MUZIO ROMA Via Flaminia Vecchia 648 Tel Via Conca D Oro 648 Tel Corso Sempione, 29 - Tel Via Val D'Ossola, 60/62 Tel Viale Jonio, 365/367 - Tel Viale Somalia, 86/88 - Tel ROMA IL MUNICIPIO MONTESACRO NEL TEMPO Giovanni Sozi ci presenta il suo ultimo libro sulla storia del nostro quartiere Nel periodo natalizio appena trascorso è stato dato alle stampe, dall'editore Riccardo De Cataldo, il mio nuovo libro storico-archeologico sulla realtà millenaria del territorio del Municipio Montesacro, la cui presentazione è avvenuta nei locali della Biblioteca Comunale E. Flaiano alla presenza di numerosi cultori e di importanti personalità. L'usanza che caratterizza la presentazione di nuovi libri, almeno nella maggioranza dei casi, è quella di affibbiare all'autore altisonanti meriti e allo stesso intervistato viene spontaneo attribuire antiche e nobili origini alla propria creatura, spesso intessendo la sua primitiva ideazione a reminiscenze dell'infanzia ed anche al di là di questa. Ciò non è stato per quanto mi riguarda. Come tanti sanno, infatti, anche se la mia attenzione storica a questo lembo settentrionale di terra romana vanta una data trentennale, i presupposti per la nascita del libro sono molto recenti e umilmente derivati da una serie di conferenze da me tenute per conto del Comune. E fu proprio in questa sede, dove non trovai la possibilità di venire incontro alle esigenze degli ascoltatori che richiedevano qualcosa di scritto che mi balenò l'idea di raccogliere le mie innumerevoli conoscenze in un testo che potesse allargare la rosa dei fruitori, oltre che a far conoscere a fondo ai meno competenti la propria storia, le proprie radici. Nulla, allora di preventivato, niente di araldico e di cattedratico ma solo istinto innato di diffondere la cultura, iniziale frutto del piacere e della gioia di un interesse tutto personale. Non so ancora se è un peccato o una virtù il mio atteggiamento di innata modestia ma certamente è stata la mancanza di superbia che mi ha accompagnato sempre a fare cultura in maniera delicata, parlando sottovoce, senza quelle amplificazioni che potessero mettermi sul piedistallo del sapiente, con la sola voglia di far comprendere una materia, di per sé difficoltosa, ai più umili, agli incolti, agli illetterati, ricercando solo la maniera ed il linguaggio per farmi intendere da tutti. E credo che io sia riuscito in quest'intento con un'opera che sicuramente può soddisfare perfino gli addetti ai lavori ma che, col linguaggio scarno, sobrio e adeguato al momento, trova modo di farsi intendere dalla più larga cerchia di utenze. Secoli e secoli di vicende umane singole o relative ad una società di individui, l'incanto dei luoghi e il fascino dei personaggi stimolano piacevolmente la curiosità del lettore che ineluttabilmente assimila, assorbe, ricorda, facendosi trascinare nel vortice di quell'avventura senza tempo rappresentata dall'intero libro che, insieme ai numerosi altri da me scritti, ha allargato, direi anzi definito, il panorama storico-archeologico del nostro Municipio precedentemente inesistente. Accostatevi affabilmente al libro e leggete quest'opera unica nel suo genere; rimarrete sicuramente soddisfatti per la valorizzazione della vostra formazione culturale e a me grati per avervi fatto trascorrere qualche ora di buona lettura. TRASLOCHI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI Piazza Sempione, 19/A Roma Tel r.a. Fax

12 PAG. 12 incontro alla realtà Dottrina sociale cristiana e ambiente Un seminario all U.P.S. Ringraziamo e volentieri pubblichiamo l'articolo inviatoci dal Dr. Bernardino Scarano, coordinatore delle rappresentanze parrocchiali della IX e X Prefettura, che ha promosso una seminario, in collaborazione con la Pontificia Università Salesiana, la Regione Lazio Assessorato all'ambiente e alcune parrocchie della IX e X Prefettura della diocesi di Roma, sulla Dottrina sociale cristiana e ambiente, con la possibilità per i partecipanti di concorrere, producendo una relazione finale, ad una borsa di studio di 1000#, per un totale di Il seminario si è tenuto presso l'università Pontificia Salesiana ha avuto come relatori il prof. Mario Toso, l'on.le Raniero Benedetto, l'on.le Vincenzo Saraceni. La partecipazione delle persone è stata abbastanza rappresentativa del territorio ed ha premiato gli sforzi organizzativi, va sottolineato che questo seminario rappresenta il risultato di oltre cinque anni di lavoro da parte di un gruppo ristretto di coordinamento: per l'università erano presenti una ventina tra professori e studenti; le nove Parrocchie presenti (sulle 24 delle due prefetture) e che aderiscono al coordinamento, alcune direttamente rappresentate dai parroci, mons. Rino di S. Maria Assunta, mons. Remo Parroco di S. U go e Prefetto della IX. Don Domenico di S. Maria delle Grazie, Don Guido di S. Alessandro, altre con incaricati direttamente dai parroci: S. Achille, SS. Angeli Custodi, s. Clemente, S. Ponziano, SS. Redentore; tre consiglieri del IV municipio di tre diverse formazioni politiche, uno della maggioranza e due dell'opposizione; le restanti persone erano, con prevalenza di adulti rispetto ai giovani, provenienti dalle parrocchie e dalle associazioni. Le iscrizioni al seminario e alle borse di studio sono state una ventina. Il prof. Mario Toso, Rettore dell'università, nella sintesi della presentazione dell'incontro "Etica e ambiente" ha evidenziato come l'approccio al tema debba essere visto nella dimensione planetaria, non dimenticando l'approccio pedagogico. La Centesimus Annus, infatti, parla di "ecologia umana" quale forma di educazione dell'uomo all'ambiente. La Dottrina sociale cristiana invita a riflettere sul rapporto uomo/natura alla luce della ragione sapienziale globale, ponendo alla base la prospettiva biblica secondo cui la terra è custodita e coltivata dall'uomo (attore) in quanto soggiorno della vita. Il rettore ha, poi, presentato due ordini di considerazioni dal punto di vista etico, rispettivamente relative alla solidarietà e alla giustizia. In assenza di un'autorità mondiale occorre, per intanto, fare accordi tra paesi, con particolare attenzione a quelli più poveri, per uno sviluppo economico e sociale sostenibile dei popoli. Connesso è il problema della Giustizia sostenibile: questa richiede il rispetto e un uso che consenta di avvantaggiarsi senza pregiudicare né gli altri né le generazioni future. A fronte di una riduzione del carico ecologico del pianeta da parte dei paesi ricchi esiste un dovere di giustizia anche da parte dei paesi sottosviluppati nell'adozione di misure ambientali più adeguate. Occorre globalizzare l'etica della creatività e della generosità sorretta dalla virtù dell'amore che anima la solidarietà e la giustizia. (cfr. Mario TOSO, U- sociale, LAS, Roma2002, pp ). L'intervento del prof. On. Vincenzo Saraceni, Assessore all' Ambiente della Regione, che ha illustrato a grandi linee quanto approfondirà nel suo intervento:" L 'ambiente, con particolare riferimento alla nostra Regione e agli spazi di possibile intervento delle associazioni e del volontariato". Sviluppo sostenibile rispettoso dell'ambiente da consegnare alle generazioni future come possibilità di vita. come diritto. Verifica dell'applicabilità di alcune convenzioni internazionali (es. Protocollo di Kyoto sulla riduzione delle emissioni inquinanti). Principio di cautela: adottare un livello di cautela più basso di quello prescritto dalla scienza. I temi più specificamente trattati saranno quattro: I)ARIA, con riferimento all'inquinamento atmosferico, elettrosmog ; 2)ACQUA 3)PARCHI REGIONALI LAZIO: 4)PROTEZIONE CIVILE: organismo regionale che si avvale delle associazioni e dei circa 6000 volontari. Intervento del prof. On. Raniero Benedetto, Presidente del Collegio degli Esperti della regione, Partendo dall' introduzione del Rettore, ha richiamato la corrispondenza personale risalente agli anni'60 con mons. Pavan dove si poneva il rapporto Uomo - Creato, inteso il primo come custode e responsabile rispetto alla propria specie e rispetto al Creatore sul Creato. Dobbiamo recuperare la concezione di Creato nelle Scritture, nei Padri della Chiesa e nella Speculazione greca rispetto a1la concezione Galileana, il primo che usa il concetto di ambiente (ambiens). Il rapporto uomo ambiente economia - ecologia deve trovare una spiegazione nella centralità dell'uomo, non nel senso di arbitrio: recuperare la dimensione della Creazione vista nella sua unitarietà (Antico e Nuovo Testamento ). San Palo dice che Cristo redime il Creato. In questi incontri, che sono un'esperienza nuova per la città di Roma, di studio dei documenti, dobbiamo porre i problemi senza pregiudizi, senza determinare a priori le conclusioni, valutando le ragioni pro e contro, cercando di dare ragione della nostra Fede. Bernardino Scarano Pensionato studentesse universitarie SUORE FRANCESCANE DELLA SACRA FAMIGLIA Via Cimone 19 - Tel Arrivederci a settembre con il prossimo numero.

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti DOMENICA 27 SETTEMBRE Parrocchia SS. Nazario e Celso MM. - Urgnano Oratorio S. Giovanni Bosco FESTA DI INIZIO ANNO PASTORALE Ore 10.30 S. MESSA di apertura del nuovo ANNO PASTORALE In questa occasione

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

Pro r p o ost s e past s or o a r li l per l'anno 2010/2011

Pro r p o ost s e past s or o a r li l per l'anno 2010/2011 Proposte pastorali per l'anno 2010/2011 LITURGIA A - Settimana Eucaristica: 10-17 ottobre 2010 per tutta la Comunità Pastorale: tema Eucarestia e vita. B - Celebrazioni Comunitarie alle ore 21.00: 1 settembre,

Dettagli

ATTRAVERSO LA NATURA DIO CI MOSTRA IL SUO GRANDE AMORE

ATTRAVERSO LA NATURA DIO CI MOSTRA IL SUO GRANDE AMORE Istituto Comprensivo B: Lorenzi Scuola dell'infanzia "Torre Incantata" Fumane PROGETTO IRC ATTRAVERSO LA NATURA DIO CI MOSTRA IL SUO GRANDE AMORE Insegnanti: Agnese Gabrielli - Angela Marogna anno scol.

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Progetto Educativo Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Parrocchia San Pietro Apostolo Via Don Bosco 12 Azzano X La scuola dell infanzia Beata Vergine del Rosario,

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

Dettagli

Allegato n.5 RELIGIONE CATTOLICA TANTI DONI, UN SOLO DONATORE La scuola dell'infanzia, attraverso le attività proposte, realizza un contesto

Allegato n.5 RELIGIONE CATTOLICA TANTI DONI, UN SOLO DONATORE La scuola dell'infanzia, attraverso le attività proposte, realizza un contesto Allegato n.5 RELIGIONE CATTOLICA TANTI DONI, UN SOLO DONATORE La scuola dell'infanzia, attraverso le attività proposte, realizza un contesto educativo nel quale l'apprendimento si accorda all'essere e

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Nido Integrato Pesciolino Rosso

Nido Integrato Pesciolino Rosso Trivignano - Venezia Via Chiesa 18/C 30174 Tel. Fax 041-909271 - Scuola Paritaria - sito internet: WWW.REGINAPACE.IT Scuola dell Infanzia REGINA DELLA PACE Nido Integrato PESCIOLINO ROSSO PROGETTO EDUCATIVO

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

Istituto Comprensivo "NOTARESCO"

Istituto Comprensivo NOTARESCO Istituto Comprensivo "NOTARESCO" Anno Scolastico 2015/2016 PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA Insegnante Testa Maria Letizia MAPPA CONCETTUALE DIO HA POSTO IL MONDO NELLE NOSTRE

Dettagli

1. una scelta responsabile

1. una scelta responsabile 1.a tappa : preparazione al Battesimo Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 1. una scelta responsabile Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Coloro che li sentivano raccontare

Dettagli

Scuola dell Infanzia

Scuola dell Infanzia ISTITUTO PARITARIO MARIA CONSOLATRICE Via Melchiorre Gioia, 51 20 124 MILANO Tel. 02/66.98.16.48 - Fax 02/66.98.43.64 - Cod.Fiscale: 01798650154 e-mail:primaria@consolatricemilano.it sito internet: www.consolatricemilano.it

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

sei stanco di continui bla bla bla? vieni al punto!

sei stanco di continui bla bla bla? vieni al punto! IIS Alessandrini sei stanco di continui bla bla bla? vieni al punto! IPS Lombardini (sezione associata) Le proposte di a ttivita e stage delle associazioni che aderiscono al Punto Scuola Volontariato di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 Insegnante: BARINDELLI PAOLA PREMESSA: L insegnamento della Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO PLESSI : Molinelli, Pantano e Orsomarso INSEGNANTI :Biondi Beatrice - D Aprile Carmelina - Di Santo Tiziana

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

Mons. Claudio Maria CELLI

Mons. Claudio Maria CELLI Mons. Claudio Maria CELLI Nella nostra storia c è quel detto famoso: tu uccidi un uomo morto, credo che dopo queste mattinate e pomeriggi così intensi è mio dovere essere il più breve possibile. Per me

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA. C era una volta un Grande libro...che annunciava.. INSEGNANTE: ZICOMERI LAURA

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA. C era una volta un Grande libro...che annunciava.. INSEGNANTE: ZICOMERI LAURA PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA C era una volta un Grande libro...che annunciava.. INSEGNANTE: ZICOMERI LAURA a.s.2015/2016 PREMESSA Insegnare Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia significa

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME Premessa In riferimento al Progetto Educativo e alle Indicazioni Nazionali, l'insegnamento della Religione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA 1 QUADRIMESTRE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ 1. L alunno riflette su Dio creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO La gioia del dono ono emozioni di grande intensità e gioia quelle rimaste nel cuore dei Trentini all indomani della sciata memorabile di Papa Giovanni Paolo

Dettagli

Settimanale Parrocchia OGNISSANTI Milano Anno pastorale 2011-2012. Domenica 19 febbraio 2012. ULTIMA DOMENICA DOPO L'EPIFANIA "del perdono"

Settimanale Parrocchia OGNISSANTI Milano Anno pastorale 2011-2012. Domenica 19 febbraio 2012. ULTIMA DOMENICA DOPO L'EPIFANIA del perdono IL RICHIAMO Settimanale Parrocchia OGNISSANTI Milano Anno pastorale 2011-2012 Domenica 19 febbraio 2012 ULTIMA DOMENICA DOPO L'EPIFANIA "del perdono" Vangelo del giorno: Luca 18,9-14 In quel tempo. Il

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Dicembre 2009 ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Sabato 28 novembre si è svolta la tredicesima edizione della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare. Anche nella nostra provincia la mobilitazione è stata

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda. Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica

Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda. Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica Anno scolastico 2013-2014 Premessa Insegnare religione cattolica nella

Dettagli

Scuola dell infanzia S. Gregorio Magno

Scuola dell infanzia S. Gregorio Magno Parrocchia di S. Gregorio Magno Scuola dell infanzia S. Gregorio Magno via Boccaccio, 91-35128 Padova, P. IVA 03386430288, C.F. 80041130289 Tel.e Fax 049-8071565, E mail: scuolamaterna@sangregoriomagnopadova.it,

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DELL'ATTIVITA' DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2012-2013

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DELL'ATTIVITA' DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DELL'ATTIVITA' DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 INSEGNANTE: Bonaiti Laura (Supplente di Francesca Binetti); SCUOLA DELL INFANZIA DI MACLODIO 1 1 UDL SETTEMBRE:

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Programmazione di religione cattolica

Programmazione di religione cattolica Programmazione di religione cattolica Istituto Comprensivo P. Gobetti Trezzano sul Naviglio Anno Scolastico 2012/2013 INSEGNANTE: Franca M. CAIATI Obiettivi specifici di Apprendimento Questi obiettivi

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Sezione 1 Descrittiva 1.1 Denominazione progetto Indicare denominazione del progetto SCUOLA GIOCO E FANTASIA

Sezione 1 Descrittiva 1.1 Denominazione progetto Indicare denominazione del progetto SCUOLA GIOCO E FANTASIA Sezione 1 Descrittiva 1.1 Denominazione progetto Indicare denominazione del progetto SCUOLA GIOCO E FANTASIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VALDAGNO 1^ Via Pasubio, 171 36078 VALDAGNO Tel. 0445/410428 Fax

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN FRUTTUOSO ad indirizzo musicale Via Berghini, 1-16132 Genova TEL. 010352712 fax 0105220210 e-mail geic808008@istruzione.it - www.icsanfruttuoso.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

LA NOSTRA TESTIMONIANZA DI LAVORO E DI FESTA IN AMBIENTE MUSULMANO P. José Vega

LA NOSTRA TESTIMONIANZA DI LAVORO E DI FESTA IN AMBIENTE MUSULMANO P. José Vega LA NOSTRA TESTIMONIANZA DI LAVORO E DI FESTA IN AMBIENTE MUSULMANO P. José Vega I.- LA CHIESA IN MAROCCO: 1- Breve rassegna storica: Per poter presentare il testimonio di una Scuola cattolica in Marocco

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro

Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro 1. INTRODUZIONE La parrocchia si pone l'obiettivo di costruire una comunità nella quale ogni cristiano si impegni a: 1. conoscere meglio Cristo

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 L insegnamento della Religione Cattolica, IRC, nella scuola dell

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SOLIMENA DE LORENZO NOCERA INFERIORE ANNO SCOLASTICO 2013 2014 PROGETTAZIONE CURRICOLARE DI RELIGIONE

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SOLIMENA DE LORENZO NOCERA INFERIORE ANNO SCOLASTICO 2013 2014 PROGETTAZIONE CURRICOLARE DI RELIGIONE SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SOLIMENA DE LORENZO NOCERA INFERIORE ANNO SCOLASTICO 2013 2014 PROGETTAZIONE CURRICOLARE DI RELIGIONE SEZIONE A COMPETENZA EUROPEA : Competenza sociale e civica ; Imparare

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

Una finestra sul mondo

Una finestra sul mondo Domus Coop Una finestra sul mondo LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è uno strumento che noi della Cooperativa Sociale Domus Coop mettiamo a disposizione di chi vuole conoscerci per orientarsi al

Dettagli

Dagli Appennini alle Ande Newsletter n 11 Aprile 2008

Dagli Appennini alle Ande Newsletter n 11 Aprile 2008 Formazione montuosa Sierra peruviana Dagli Appennini alle Ande Newsletter n 11 Aprile 2008 In questo numero: Seconda domenica di maggio: Festa della Mamma Volontari in azione! Alcune poesie dedicate alla

Dettagli

Strumenti della MP I Centri d ascolto del Vangelo

Strumenti della MP I Centri d ascolto del Vangelo Strumenti della MP I Centri d ascolto del Vangelo Roma, 15 giugno 2013 p. Pasquale Castrilli OMI Schema 1. La Missione in Italia oggi 2. Il Centro d ascolto (CDA) strumento di annuncio 3. Icone bibliche

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE Grazie a voi ragazzi, ai vostri Professori, ai vostri Presidi che vi hanno dato il permesso di partecipare al nostro incontro. Il nostro incontro formativo di oggi ha un titolo particolare: Facebook: Dalla

Dettagli

Solidarietà e Servizi Cooperativa Sociale. Comune di Saronno

Solidarietà e Servizi Cooperativa Sociale. Comune di Saronno Solidarietà e Servizi Cooperativa Sociale Comune di Saronno CENTRI ESTIVI 2015 Il Centro Estivo, organizzato per i minori dai 6 ai 14 anni, costituisce uno spazio e un tempo speciale: il tempo dell estate,

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013 DIREZIONE DIDATTICA STATALE LEONARDO DA VINCI Via Virgilio, 1 Mestre (VE) Tel. 041/614863 Fax 041/5346917 Cod. Fisc. 82011580279 * * * * * PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI CIRCOLO L. DA VINCI

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: - Riflette sul significato dell

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Insegnante Damiani Elena L INSEGNAMENTO

Dettagli

1 Incontro Missionarietà nel Battesimo IL REGALO PIÙ GRANDE

1 Incontro Missionarietà nel Battesimo IL REGALO PIÙ GRANDE 1 Incontro Missionarietà nel Battesimo (rivisitazione incontro pag. 69) I ragazzi si scoprono amati e custoditi da Dio e si interrogano su come essere autentici dell amore salvifico del Padre; riconoscono

Dettagli

PREMESSA. L educazione religiosa nell età compresa tra i tre e i cinque anni risponde al

PREMESSA. L educazione religiosa nell età compresa tra i tre e i cinque anni risponde al PREMESSA L educazione religiosa nell età compresa tra i tre e i cinque anni risponde al bisogno del bambino di dare un significato alla propria esistenza, favorendo la formazione della individuale personalità

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

Livello CILS A1 Modulo adolescenti

Livello CILS A1 Modulo adolescenti Livello CILS A1 Modulo adolescenti MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016. ..il musical

Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016. ..il musical Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016 Ci vuole tutta una città per.....il musical Cari tutti, piccoli e grandi. Questa lettura e questo invito sono per ciascuno

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

TESTIMONIANZA AL FAMILY 2012: Scuola Cattolica e Famiglia. Mercoledì 30 maggio 2012 Angela e Giulio Borgia Diocesi di Grosseto

TESTIMONIANZA AL FAMILY 2012: Scuola Cattolica e Famiglia. Mercoledì 30 maggio 2012 Angela e Giulio Borgia Diocesi di Grosseto TESTIMONIANZA AL FAMILY 2012: Scuola Cattolica e Famiglia Mercoledì 30 maggio 2012 Angela e Giulio Borgia Diocesi di Grosseto Sarebbe dunque una ben povera educazione quella che si limitasse a dare delle

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO Premessa: Dalla ricerca La preparazione dei fidanzati al matrimonio ed alla famiglia oggi in Italia, commissionata dalla

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I. Domenica, 17 dicembre 1989

La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I. Domenica, 17 dicembre 1989 La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I Domenica, 17 dicembre 1989 Alla popolazione del quartiere Una visita ad un quartiere difficile quella che compie

Dettagli

Schema del cammino GG e giovani

Schema del cammino GG e giovani Schema del cammino GG e giovani Professione di fede GIOVANISSIMI La dignità della persona umana La vocazione cristiana Una chiesa di discepoli GIOVANI Una chiesa di inviati Prima, seconda e terza superiore

Dettagli

Il giro del mondo in 40 giorni

Il giro del mondo in 40 giorni Centro Ricreativo Estivo Qiqajon 2015 Dall 8 giugno al 17 luglio Il giro del mondo in 40 giorni Introduzione Il Progetto Qiqajon è una realtà dinamica, in continua crescita, che si occupa nello specifico

Dettagli

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA 1 DIRITTO DI ESSERE UN BAMBINO Chiedo un luogo sicuro dove posso giocare chiedo un sorriso di chi sa amare chiedo un papà che mi abbracci forte chiedo un bacio

Dettagli