CODICE DI COMPORTAMENTO GRUPPO ACSM

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CODICE DI COMPORTAMENTO GRUPPO ACSM"

Transcript

1 CODICE DI COMPORTAMENTO GRUPPO ACSM 1

2 Premessa CODICE DI COMPORTAMENTO Gruppo ACSM Le presenti regole adottate da ACSM S.p.A., ai sensi e per gli effetti di cui all art del Regolamento dei Mercati Organizzati e Gestiti da Borsa Italiana S.p.A., hanno la finalità di disciplinare con efficacia cogente gli obblighi informativi concernenti le operazioni finanziarie compiute da persone che, in ragione della posizione ricoperta hanno o potrebbero aver accesso a notizie Price Sensitive ; disciplinano inoltre le eventuali limitazioni inerenti le operazioni di cui all articolo del Regolamento dei Mercati Organizzati e Gestiti da Borsa Italiana S.p.A.. Le presenti regole di comportamento sono dirette ai soggetti, anche non dipendenti (consulenti), che nell ambito del Gruppo ACSM (ACSM e le controllate), operano in settori sensibili anche solo temporaneamente ("highly sensitive areas"). Le presenti regole di comportamento integrano le altre normative in materia. Art 1 Destinatari - Persone Rilevanti Sono destinatari delle disposizioni del presente codice (obblighi informativi) tutti i soggetti, dipendenti e non della società che, in ragione della posizione ricoperta in ACSM o in una controllata, hanno accesso, anche solo temporaneamente, a notizie Price Sensitive, di seguito definite quali Persone Rilevanti. Sulla base della nozione esposta, il Consiglio di Amministrazione di ACSM S.p.A. individua quali Persone Rilevanti le seguenti cariche e funzioni: 1. i membri del Consiglio di Amministrazione di ACSM S.p.A. e delle società controllate; 2. i membri del Collegio Sindacale di ACSM S.p.A. e delle società controllate; 3. il Direttore Generale di ACSM S.p.A. e delle società controllate; 4. il Segretario del Consiglio di Amministrazione di ACSM S.p.A. e delle società controllate; 2

3 5. l Investor Relator di ACSM S.p.A.; 6. ed ogni altra persona, individuata dal Consiglio di Amministrazione che risponda, anche solo temporaneamente, ai requisiti di cui al comma 1. Il Consiglio di Amministrazione da immediata comunicazione, dell individuazione dei soggetti ai sensi del punto 6) del presente articolo e dell eventuale limite temporale dell individuazione de quo, al Preposto alla gestione delle informazioni, di cui all articolo 4. Art 2 Operazioni rilevanti Sono considerate Operazioni Rilevanti e quindi operazioni soggette all obbligo informativo, tutte le operazioni compiute dalle Persone Rilevanti aventi come oggetto: - azioni di ACSM S.p.A.; - strumenti finanziari, anche non quotati, che danno diritto di sottoscrivere, acquistare o vendere azioni di ACSM S.p.A.; - strumenti finanziari derivati, nonché covered warrant, aventi come attività sottostante le azioni di ACSM S.p.A. anche quando l esercizio avvenga attraverso il pagamento di un differenziale in contanti; Sono soggette all obbligo di comunicazione le operazioni, di cui al comma primo, compiute da ciascuna Persona Rilevante, dal coniuge non legalmente separato di ciascuna persona Rilevante dai figli minori di ciascuna Persona Rilevante ovvero compiuta per il tramite di interposta persona, fiduciari o società controllate direttamente o indirettamente. Non formano oggetto di comunicazione ai sensi del primo comma le operazioni: - di prestito titoli in relazione alle quali alcuno dei soggetti di cui al comma 2 assuma la posizione di prestatore; - di costituzione di diritto di pegno o usufrutto; - effettuate nell ambito di un rapporto di gestione su base individuale di portafogli di investimento, laddove il cliente rinunci espressamente ed irrevocabilmente alla facoltà di impartire istruzioni; 3

4 - compiute, anche per interposta persona o tramite fiduciari, tra i soggetti di cui al comma 2; - compiute in ciascun trimestre solare, il cui ammontare cumulato per dichiarante sia inferiore a ,00 (cinquantamila/00) o al diverso importo indicato nelle Istruzioni al Regolamento di Borsa Italiana S.p.A., in ogni tempo considerato. Per gli strumenti finanziari e covered warrant il controvalore nozionale è calcolato come il prodotto tra il numero delle azioni controllate dallo strumento e il prezzo ufficiale dell attività sottostante, rilevato il giorno di conclusione delle operazioni. Art. 3 Obblighi di comportamento delle persone rilevanti Le Persone Rilevanti, identificate ai sensi dell articolo 1 del presente codice, sono tenute a comunicare al Referente, ex articolo 4, non appena possibile e comunque entro 48 ore dall effettuazione, le operazioni qualificate all articolo 2 effettuate in ciascun trimestre o termine inferiore, il cui ammontare, anche cumulato, sia uguale o superiore a ,00 (cinquantamila/00); qualora l ammontare sia superiore a , la comunicazione deve avvenire senza indugio (operazioni significative). La comunicazione è effettuata attraverso la consegna al Referente o al Preposto in funzione di Referente dell apposito modulo filing model debitamente compilato (Allegato 2). E posto il divieto alle Persone Rilevanti di porre in essere alcuna delle operazioni di cui all articolo 2 nei giorni intercorrenti tra la data di convocazione di un Consiglio di Amministrazione e la data della riunione medesima, qualora all ordine del giorno ci sia l approvazione di un budget, di un business plan, del progetto di bilancio o di qualsiasi altra relazione infrannuale. E data facoltà al C.d.a. di stabilire divieti ad hoc in determinati periodi o in occasione di determinate operazioni (Facoltà di prevedere dei divieti o ulteriori obblighi come ad esempio in occasione dell esercizio di stock options o di diritti d opzione). I nuovi divieti devono essere portati a conoscenza delle Persone Rilevanti e del Preposto. 4

5 Le Persone Rilevanti accettano gli obblighi sanciti nel presente codice attraverso la sottoscrizione del modulo di accettazione allegato al codice. (Allegato 1) Art. 4 Soggetto preposto al ricevimento alla gestione e alla diffusione al mercato delle informazioni sulle operazioni Il Soggetto Preposto al ricevimento delle informazioni di cui all articolo 2 è il Presidente del Consiglio di Amministrazione (di seguito il Referente ) e nel caso di sua assenza o impossibilità è la persona deputata, nell ambito dell ufficio legale della società, ai rapporti con le istituzioni; quest ultima è altresì preposta alla gestione e alla diffusione al mercato delle informazioni di cui all articolo 2 (di seguito il Preposto ). Le comunicazioni al Referente, o al Preposto in funzione di Referente, sono effettuate personalmente da ciascuno dei soggetti individuati ai sensi dell articolo 1, mediante consegna manuale dell apposito filing model, allegato 2 al presente codice, debitamente compilato. Il Preposto provvederà, sulla base delle informazioni ricevute ai sensi del comma precedente, ad effettuare le comunicazioni al mercato previste dalla normativa o dai regolamenti vigenti nei tempi e con le modalità di cui all articolo 5 del presente codice. Il Preposto cura l invio dell informativa relativa all Insider Dealing alle Persone Rilevanti. Art. 5 Modalità di Comunicazione Il Preposto trasmette al mercato, entro il decimo giorno di borsa aperta successivo a ciascun trimestre solare (o termine inferiore), con le modalità di cui all art , comma 1 del Regolamento dei Mercati Organizzati e Gestiti da Borsa Italiana S.p.A., ossia tramite il Network Information System (di seguito NIS), i filing model relativi alle operazioni effettuate nel trimestre (o diverso periodo) di riferimento ai sensi dell art

6 La trasmissione è effettuata immediatamente dopo il ricevimento qualora nel corso di ciascun trimestre solare le operazioni compiute da ciascuna Persona Rilevante e non precedentemente comunicate siano superiori anche cumulativamente a ,00 (duecentocinquantamila/00) per dichiarante o il diverso importo indicato nel Regolamento dei Mercati Organizzati e Gestiti da Borsa Italiana S.p.A in ogni tempo considerato. (operazioni significative). Per gli strumenti finanziari e covered warrant il controvalore nozionale è calcolato come il prodotto tra il numero delle azioni controllate dallo strumento e il prezzo ufficiale dell attività sottostante, rilevato il giorno di conclusione delle operazioni. Art. 6 Inosservanza delle Regole di comportamento L inosservanza degli obblighi di comportamento e dei divieti statuiti, potrà assumere rilievo ai fini dell applicazione di eventuali sanzioni disciplinari, ferme restando le eventuali responsabilità di altra natura. Art. 7 Abuso di informazioni privilegiate - insider trading Ai sensi della normativa sull insider trading (art. 180 D.Lgs 58/98) è fatto divieto ai soggetti in possesso di informazioni privilegiate (ossia riservate e price sensitive), di comunicarle a terzi o di effettuare operazioni o di consigliare a terzi di effettuare operazioni su strumenti finanziari cui le operazioni medesime si riferiscono. Alla violazione della disposizione citata sono collegate sanzioni di tipo penale. Art. 8 Entrata in Vigore In ottemperanza alle disposizioni del Regolamento dei Mercati Organizzati e Gestiti da Borsa Italiana S.p.A. il presente codice entra in vigore dal 1 gennaio Il Codice di 6

7 Comportamento sarà portato a conoscenza di tutti i destinatari con mezzi idonei, sarà disponibile inoltre sul sito internet aziendale 7

8 ALLEGATI 8

9 Allegato 1 Modulo di accettazione Il sottoscritto., nato a.., residente in.., Via /Piazza.., nella sua qualità di.., preso atto di essere incluso nel novero delle Persone Rilevanti ai sensi dell art. 1 del Codice di Comportamento della ACSM S.p.A. Dichiara di aver ricevuto copia del Codice di Comportamento di ACSM S.p.A., di averne preso conoscenza e di accettarne i contenuti. Luogo, data Firma * * * Ai sensi della legge 675/96, il sottoscritto presta specifico consenso al trattamento (anche effettuato per mezzo di soggetti terzi) dei dati personali richiesti in applicazione del Codice di Comportamento, al solo fine di adempiere alla normativa regolamentare emanata dalla Borsa Italiana S.p.A. in ogni tempo considerato. Luogo, data Firma 9

10 Allegato 2 Filing Model Per la comunicazione ai sensi dell articolo del Regolamento TABELLA: Comunicazioni delle operazioni di cui all art Società Periodo di Riferimento Comunicazione: Periodica immediata Dichiarante: Qualifica: Comunicazioni di cui all art , comma 1 lettera a), nonché obbligazioni convertibili Data Operazione i Strumento Finanziario ii Cod Isin Q.tà Prezzo Unitario Controvalore Fonte iii Comunicazioni delle operazioni di cui all art , comma 1, lettera b) e c). Data Operazione v Strumento Finanziario vi Categoria vii Cod Isin Strumento Finanziario Sottostante viii Sub-TOTALE (A) iv Invest./Disinvest effettivo Q.tà Prezzo Contr ov. Q.tà Invest/Disinvest potenziale Prezz o Contr ov. Condizioni ix Sub-TOTALE (B) x TOTALE (A) + (B) i Indicare la tipologia di operazione: A = Acquisto B = Vendita S = Sottoscrizione O = Altro, in tal caso specificare ii Indicare lo strumento finanziario oggetto dell operazione. AZO = azioni ordinarie AZP = azioni privilegiate AZR = azioni di risparmio W = warrant OBCV = obbligazioni convertibili O = altro, in tal caso specificare lo strumento. Nel caso di operazioni aventi ad oggetto strumenti finanziari di società controllate indicare la denominazione della società. iii Indicare l origine dell operazione: - transazione sul mercato - transazione fuori mercato - conversione di obbligazioni convertibili - esercizio warrant - esercizio strumenti derivati - esercizio covered warrant - altro in tal caso specificare lo strumento iv Indica il controvalore complessivo delle operazioni elencate nel modulo. v Indicare la tipologia di operazione: A = Acquisto V = Vendita S = Sottoscrizione O = Altro, in tal caso specificare vi Indicare la tipologia di strumento derivato: W = Warrant OPZ = Opzione PR = Premio CW = Covered Warrant O = Altro, in tal caso specificare vii Indicare la categoria di strumento derivato: C = call P = put O = altro, in tal caso specificare viii Indicare lo strumento finanziario sottostante ix Specificare le principali condizioni dello strumento (tra cui almeno strike, scadenza, multiplo) x Indica il controvalore complessivo delle operazioni riportate nel modulo, calcolate utilizzando il controvalore nozionale. 10

BANCA POPOLARE DI MILANO Società Cooperativa a r. l. CODICE DI COMPORTAMENTO INTERNAL DEALING

BANCA POPOLARE DI MILANO Società Cooperativa a r. l. CODICE DI COMPORTAMENTO INTERNAL DEALING BANCA POPOLARE DI MILANO Società Cooperativa a r. l. CODICE DI COMPORTAMENTO INTERNAL DEALING Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 10 dicembre 2002 (aggiornato al 14 aprile 2003)

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING DELLA COATS CUCIRINI S.p.A.

CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING DELLA COATS CUCIRINI S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING DELLA COATS CUCIRINI S.p.A. 1) OGGETTO Il presente Codice di comportamento (il Codice), redatto in applicazione delle disposizioni di cui agli artt.

Dettagli

InferentiaDNM S.p.A INTERNAL DEALING CODICE DI COMPORTAMENTO

InferentiaDNM S.p.A INTERNAL DEALING CODICE DI COMPORTAMENTO InferentiaDNM S.p.A INTERNAL DEALING CODICE DI COMPORTAMENTO Versione approvata dal Consiglio di Amministrazione del 14 febbraio 2003 INDICE 1. PREMESSE... 3 2. OGGETTO DEL CODICE... 3 3. DEFINIZIONI...

Dettagli

BANCA INTESA SPA CODICE DI COMPORTAMENTO

BANCA INTESA SPA CODICE DI COMPORTAMENTO BANCA INTESA SPA CODICE DI COMPORTAMENTO CONCERNENTE LE OPERAZIONI COMPIUTE DA PERSONE RILEVANTI SU STRUMENTI FINANZIARI EMESSI DA BANCA INTESA SPA E DA SOCIETA DEL GRUPPO INTERNAL DEALING (Approvato dal

Dettagli

NECCHI Società per Azioni CODICE DI COMPORTAMENTO SULL INTERNAL DEALING

NECCHI Società per Azioni CODICE DI COMPORTAMENTO SULL INTERNAL DEALING NECCHI Società per Azioni CODICE DI COMPORTAMENTO SULL INTERNAL DEALING NECCHI Società per Azioni: visto il Regolamento dei Mercati Organizzati e gestiti da BORSA ITALIANA S.p.A. e le relative Istruzioni

Dettagli

Codice di comportamento in materia di internal dealing

Codice di comportamento in materia di internal dealing Codice di comportamento in materia di internal dealing 1. Premessa In ottemperanza agli articoli 2.6.3 e seguenti del Regolamento dei Mercati approvato da Borsa Italiana, viene adottato il presente Codice

Dettagli

REGOLE DI INTERNAL DEALING

REGOLE DI INTERNAL DEALING ALLEGATO A AL CODICE DI CORPORATE GOVERNANCE AZS (31 gennaio 2006) REGOLE DI INTERNAL DEALING Premessa In coerenza con il Regolamento dei Mercati organizzati e gestiti dalla Borsa Italiana SpA e con le

Dettagli

La comunicazione non è dovuta nel caso di operazioni aventi ad oggetto obbligazioni non convertibili.

La comunicazione non è dovuta nel caso di operazioni aventi ad oggetto obbligazioni non convertibili. Codice di comportamento dei componenti gli organi sociali e Direzione Generale della Monrif S.p.A. e delle societa' controllate dalla Monrif S.p.A. che operano in settori di particolare delicatezza "Internal

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO CONCERNENTE LE OPERAZIONI COMPIUTE DA PERSONE RILEVANTI SU STRUMENTI FINANZIARI EMESSI DA HOLDING SPA INTERNAL DEALING PREMESSA Il presente Codice di Comportamento (il "Codice")

Dettagli

IMMOBILIARE LOMBARDA S.p.A.

IMMOBILIARE LOMBARDA S.p.A. IMMOBILIARE LOMBARDA S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO inerente le operazioni compiute da Persone Rilevanti in condizioni di c.d. internal dealing ai sensi dell art. 2.6.4 del Regolamento dei Mercati Organizzati

Dettagli

AIR DOLOMITI L.A.R.E. S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO SULL INTERNAL DEALING

AIR DOLOMITI L.A.R.E. S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO SULL INTERNAL DEALING AIR DOLOMITI L.A.R.E. S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO SULL INTERNAL DEALING INDICE Premessa Art. 1 Persone Rilevanti Art. 2 Operazioni compiute da Persone Rilevanti oggetto dell obbligo di comunicazione

Dettagli

BIESSE S.P.A. CODICE DI COMPORTAMENTO AI SENSI DEGLI ARTICOLI 2.6.3 E 2.6.4 DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

BIESSE S.P.A. CODICE DI COMPORTAMENTO AI SENSI DEGLI ARTICOLI 2.6.3 E 2.6.4 DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. BIESSE S.P.A. CODICE DI COMPORTAMENTO AI SENSI DEGLI ARTICOLI 2.6.3 E 2.6.4 DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PERSONE RILEVANTI * * * * 1.1 Ai sensi dell art.

Dettagli

ACQUEDOTTO NICOLAY S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO per la disciplina degli obblighi informativi in materia di internal dealing

ACQUEDOTTO NICOLAY S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO per la disciplina degli obblighi informativi in materia di internal dealing ACQUEDOTTO NICOLAY S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO per la disciplina degli obblighi informativi in materia di internal dealing Consiglio di Amministrazione del 19 dicembre 2002 ARTICOLO 1 Finalità del Codice

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO in materia di INTERNAL DEALING Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 19 febbraio 2007 Il presente codice di comportamento (il Codice di Comportamento ), che

Dettagli

RISANAMENTO NAPOLI S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO (INTERNAL DEALING)

RISANAMENTO NAPOLI S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO (INTERNAL DEALING) RISANAMENTO NAPOLI S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO (INTERNAL DEALING) istituito ai sensi dell art. 2.6.3. del Regolamento dei mercati organizzati e gestiti da Borsa Italiana S.p.A. Approvato dal Consiglio

Dettagli

Codice di comportamento. FIDIA S.p.A.

Codice di comportamento. FIDIA S.p.A. FIDIA S.p.A. Codice di Comportamento diretto a disciplinare le c.d. "operazioni rilevanti" ai sensi degli Articoli 2.6.3 e 2.6.4 del Regolamento dei Mercati Organizzati e Gestiti da Borsa Italiana S.p.A.

Dettagli

FINMECCANICA Società per azioni

FINMECCANICA Società per azioni FINMECCANICA Società per azioni INTERNAL DEALING CODICE DI COMPORTAMENTO PREMESSA. Il Consiglio di Amministrazione di Finmeccanica S.p.a., in conformità a quanto disposto dal Regolamento dei Mercati organizzati

Dettagli

INTERNAL DEALING CODICE DI COMPORTAMENTO

INTERNAL DEALING CODICE DI COMPORTAMENTO INTERNAL DEALING CODICE DI COMPORTAMENTO Aggiornato con le integrazioni suggerite da Borsa Italiana. Approvato dal CdA del 7 marzo 2003 Art. 2.6.3. (Obblighi in capo agli Emittenti) 1. In ottemperanza

Dettagli

CODICE DI INTERNAL DEALING

CODICE DI INTERNAL DEALING CODICEDIINTERNALDEALING CODICE DI INTERNAL DEALING Premessa Il presente Codice di comportamento Internal Dealing (il Codice ), approvato dal Consiglio di Amministrazione di Mediobanca, è adottato ai sensi

Dettagli

Centrale del Latte d Italia S.p.A. Codice di comportamento Internal dealing

Centrale del Latte d Italia S.p.A. Codice di comportamento Internal dealing Codice di comportamento Internal dealing Centrale del Latte d Italia S.p.A. - Via Filadelfia 220 10137 Torino Cap.soc.Euro 28.840.041,20 i.v. - C.C.I.A.A. Torino n. 520409 - Tribunale Torino n. 631/77

Dettagli

SEZIONE I/B OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI (cd. INTERNAL DEALING) CODICE DI COMPORTAMENTO

SEZIONE I/B OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI (cd. INTERNAL DEALING) CODICE DI COMPORTAMENTO SEZIONE I/B OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI (cd. INTERNAL DEALING) CODICE DI COMPORTAMENTO 1 Il Codice di Comportamento - Premessa Il codice di comportamento

Dettagli

Codice di comportamento inerente le operazioni compiute dai Soggetti Rilevanti in condizioni di c.d. internal dealing

Codice di comportamento inerente le operazioni compiute dai Soggetti Rilevanti in condizioni di c.d. internal dealing Codice di comportamento inerente le operazioni compiute dai Soggetti Rilevanti in condizioni di c.d. internal dealing (ai sensi dell art. 114, comma 7, del D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 e degli artt. 152-sexies

Dettagli

Allegati al regolamento concernente gli emittenti - Allegato 6 ALLEGATO 6

Allegati al regolamento concernente gli emittenti - Allegato 6 ALLEGATO 6 ALLEGATO 6 COMUNICAZIONE ALLA CONSOB E DIFFUSIONE AL PUBBLICO DELLE INFORMAZIONI RELATIVE ALLE OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Allegato 6 ALLEGATO 6

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO AEM TORINO S.p.A. ai sensi del vigente Regolamento dei mercati regolamentati e gestiti da Borsa italiana S.p.A.

CODICE DI COMPORTAMENTO AEM TORINO S.p.A. ai sensi del vigente Regolamento dei mercati regolamentati e gestiti da Borsa italiana S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO AEM TORINO S.p.A. ai sensi del vigente Regolamento dei mercati regolamentati e gestiti da Borsa italiana S.p.A. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di AEM Torino S.p.A.

Dettagli

CODICE IN MATERIA DI NEGOZIAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI EMESSI DA ACQUE POTABILI S.P.A. ( INTERNAL DEALING )

CODICE IN MATERIA DI NEGOZIAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI EMESSI DA ACQUE POTABILI S.P.A. ( INTERNAL DEALING ) CODICE IN MATERIA DI NEGOZIAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI EMESSI DA ACQUE POTABILI S.P.A. ( INTERNAL DEALING ) 1. Premessa L art. 2.6.3, comma 1, del Regolamento dei mercati organizzati e gestiti dalla

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNAL DEALING

REGOLAMENTO INTERNAL DEALING Pag. 1/6 REGOLAMENTO INTERNAL DEALING 1. Premessa Il presente regolamento sull Internal Dealing (di seguito Regolamento), adottato dalla Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. (di seguito la Banca o BMPS)

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing)

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO Digital Bros S.p.A. Internal dealing

CODICE DI COMPORTAMENTO Digital Bros S.p.A. Internal dealing CODICE DI COMPORTAMENTO Digital Bros S.p.A. Internal dealing 1. Premessa In coerenza con quanto stabilito dal Regolamento dei Mercati organizzati gestiti dalla Borsa Italiana S.p.A. il Consiglio di Amministrazione

Dettagli

ALLEGATO 6. c) dall emittente quotato e dai soggetti rilevanti per la diffusione al pubblico;

ALLEGATO 6. c) dall emittente quotato e dai soggetti rilevanti per la diffusione al pubblico; ALLEGATO N. 7 ALLEGATO 6 Istruzioni per la comunicazione alla Consob e la diffusione al pubblico delle informazioni relative alle operazioni effettuate da soggetti rilevanti e da persone strettamente legate

Dettagli

Regolamento emittenti

Regolamento emittenti E Regolamento emittenti Adottato con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 Allegato 6 - Comunicazione alla Consob e la diffusione al pubblico delle informazioni relative alle operazioni effettuate da soggetti

Dettagli

PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI SU STRUMENTI FINANZIARI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI SU STRUMENTI FINANZIARI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI SU STRUMENTI FINANZIARI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI [Internal Dealing] 28 Luglio 2016 INDICE 1 Premessa...

Dettagli

RDB S.p.A. Codice di Internal Dealing

RDB S.p.A. Codice di Internal Dealing Premessa. RDB S.p.A. Codice di Internal Dealing RDB S.p.A. (di seguito la Società ) ha adottato il presente Codice di Internal Dealing ( Codice ) in conformità a quanto disposto dall art. 114, comma 7,

Dettagli

VEGAGEST IMMOBILIARE SGR Spa

VEGAGEST IMMOBILIARE SGR Spa VEGAGEST IMMOBILIARE SGR Spa REGOLAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING 1.Premessa. 1.1 Il presente regolamento (di seguito il Regolamento ) disciplina gli obblighi informativi aventi ad oggetto le operazioni

Dettagli

CORPORATE GOVERNANCE PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE ALL ESTERNO DI DOCUMENTI ED INFORMAZIONI

CORPORATE GOVERNANCE PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE ALL ESTERNO DI DOCUMENTI ED INFORMAZIONI CORPORATE GOVERNANCE PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE ALL ESTERNO DI DOCUMENTI ED INFORMAZIONI INDICE 1. Premessa Pag. 3 2. Procedura per la comunicazione all esterno di documenti ed informazioni Pag. 3

Dettagli

- Piaggio & C. S.p.A. - Procedura per l adempimento degli obblighi in materia di Internal Dealing

- Piaggio & C. S.p.A. - Procedura per l adempimento degli obblighi in materia di Internal Dealing - Piaggio & C. S.p.A. - Procedura per l adempimento degli obblighi in materia di Internal Dealing Adottata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 3 maggio 2006 - Piaggio & C. S.p.A. - PROCEDURA

Dettagli

- Immsi S.p.A. - Procedura per l adempimento degli obblighi in materia di Internal Dealing

- Immsi S.p.A. - Procedura per l adempimento degli obblighi in materia di Internal Dealing - Immsi S.p.A. - Procedura per l adempimento degli obblighi in materia di Internal Dealing - IMMSI S.p.A. - PROCEDURA PER L ADEMPIMENTO DEGLI OBBLIGHI IN MATERIA DI COMPORTAMENTO INTERNAL DEALING Premessa

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO PER LA GESTIONE ED IL TRATTAMENTO DELLE INFORMAZIONI RISERVATE E PER LA COMUNICAZIONE ALL ESTERNO DI DOCUMENTI E DI INFORMAZIONI

REGOLAMENTO INTERNO PER LA GESTIONE ED IL TRATTAMENTO DELLE INFORMAZIONI RISERVATE E PER LA COMUNICAZIONE ALL ESTERNO DI DOCUMENTI E DI INFORMAZIONI REGOLAMENTO INTERNO PER LA GESTIONE ED IL TRATTAMENTO DELLE INFORMAZIONI RISERVATE E PER LA COMUNICAZIONE ALL ESTERNO DI DOCUMENTI E DI INFORMAZIONI Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Procedura di Internal Dealing

Procedura di Internal Dealing Procedura di Internal Dealing TERNIENERGIA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO NELLA SEDUTA DEL CDA DEL 29 LUGLIO 2016 Sommario 1. FINALITÀ... 2 2. OBBLIGHI INFORMATIVI A CARICO DEI SOGGETTI RILEVANTI... 3 3. OBBLIGHI

Dettagli

RREEF Fondimmobiliari SGR S.p.A.

RREEF Fondimmobiliari SGR S.p.A. RREEF Fondimmobiliari SGR S.p.A. Dealing Code Dealing Code Procedura per la comunicazione delle operazioni effettuate da soggetti rilevanti e da persone ad essi strettamente legate su quote di fondi gestiti

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI COMPIUTE DAGLI AMMINISTRATORI E DALLE PERSONE STRETTAMENTE ASSOCIATE RELATIVAMENTE A STRUMENTI FINANZIARI AIM ITALIA

PROCEDURA PER OPERAZIONI COMPIUTE DAGLI AMMINISTRATORI E DALLE PERSONE STRETTAMENTE ASSOCIATE RELATIVAMENTE A STRUMENTI FINANZIARI AIM ITALIA PROCEDURA PER OPERAZIONI COMPIUTE DAGLI AMMINISTRATORI E DALLE PERSONE STRETTAMENTE ASSOCIATE RELATIVAMENTE A STRUMENTI FINANZIARI AIM ITALIA DI ITALIA INDEPENDENT GROUP S.P.A. Documento approvato dal

Dettagli

ALLEGATO 6. SCHEMA DI COMUNICAZIONE AI SENSI DELL ARTICOLO 152-octies, comma 7 1. PERSONA RILEVANTE DICHIARANTE 1.1 DATI ANAGRAFICI SE PERSONA FISICA

ALLEGATO 6. SCHEMA DI COMUNICAZIONE AI SENSI DELL ARTICOLO 152-octies, comma 7 1. PERSONA RILEVANTE DICHIARANTE 1.1 DATI ANAGRAFICI SE PERSONA FISICA ALLEGATO 6 SCHEMA DI COMUNICAZIONE AI SENSI DELL ARTICOLO 152-octies, comma 7 1. PERSONA RILEVANTE DICHIARANTE 1.1 DATI ANAGRAFICI SE PERSONA FISICA COGNOME NOME SESSO * CODICE FISCALE * OMICILIO PER LA

Dettagli

(INTERNAL DEALING) REGOLAMENTO INTERNO

(INTERNAL DEALING) REGOLAMENTO INTERNO REGOLAMENTO INTERNO Comunicazione alla Consob e diffusione al pubblico delle informazioni relative alle operazioni effettuate da soggetti rilevanti e da persone ad essi strettamente legate su azioni ASM

Dettagli

REGOLE E PROCEDURA IN MATERIA DI INTERNAL DEALING

REGOLE E PROCEDURA IN MATERIA DI INTERNAL DEALING REGOLE E PROCEDURA IN MATERIA DI INTERNAL DEALING 1 DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI FULLSIX S.P.A. DEL 30 GIUGNO 2016 FULLSIX S.p.A. Partita IVA, Codice Fiscale ed iscrizione al

Dettagli

Codice di comportamento dei soggetti rilevanti di Monrif S.p.A. e delle societa' controllate "Internal Dealing"

Codice di comportamento dei soggetti rilevanti di Monrif S.p.A. e delle societa' controllate Internal Dealing Codice di comportamento dei soggetti rilevanti di Monrif S.p.A. e delle societa' controllate "Internal Dealing" Premessa e finalità Il presente Codice di Comportamento Internal dealing (il Codice ) è stato

Dettagli

ABITARE IN S.P.A. [Logo] PROCEDURA DI INTERNAL DEALING

ABITARE IN S.P.A. [Logo] PROCEDURA DI INTERNAL DEALING ABITARE IN S.P.A. [Logo] PROCEDURA DI INTERNAL DEALING Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione del 31 marzo 2016 e modificato dal Consiglio di Amministrazione del 1 luglio 2016 Premessa La

Dettagli

H-FARM S.P.A. PROCEDURA DI INTERNAL DEALING

H-FARM S.P.A. PROCEDURA DI INTERNAL DEALING H-FARM S.P.A. PROCEDURA DI INTERNAL DEALING Documento in vigore dal 21 aprile 2017 Premessa La presente procedura (Ia Procedura) regola gli obblighi informativi inerenti le Operazioni (come infra definite)

Dettagli

BANCA POPOLARE DI INTRA CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI COMUNICAZIONE AL PUBBLICO DI EVENTI E CIRCOSTANZE RILEVANTI E DI INTERNAL DEALING

BANCA POPOLARE DI INTRA CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI COMUNICAZIONE AL PUBBLICO DI EVENTI E CIRCOSTANZE RILEVANTI E DI INTERNAL DEALING BANCA POPOLARE DI INTRA Gruppo Bancario Banca Popolare di Intra CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI COMUNICAZIONE AL PUBBLICO DI EVENTI E CIRCOSTANZE RILEVANTI E DI INTERNAL DEALING 1 1. PREMESSA 1.1

Dettagli

Centrale del Latte di Torino & C. S.p.A. Codice di comportamento Internal dealing

Centrale del Latte di Torino & C. S.p.A. Codice di comportamento Internal dealing Codice di comportamento Internal dealing Centrale del Latte di Torino & C. S.p.A. Via Filadelfia 220 10137 Torino Tel. 0113240200 fax 0113240300 E-mail: posta@centralelatte.torino.it www.centralelatte.torino.it

Dettagli

Edizione maggio 2014 PROCEDURA IN TEMA DI INTERNAL DEALING

Edizione maggio 2014 PROCEDURA IN TEMA DI INTERNAL DEALING Edizione maggio 2014 PROCEDURA IN TEMA DI INTERNAL DEALING Premessa L art. 114, comma 7, del D. lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 ( TUF ) introdotto nell ordinamento italiano a seguito del recepimento della

Dettagli

REGOLAMENTO DEL REGISTRO DEGLI INSIDERS

REGOLAMENTO DEL REGISTRO DEGLI INSIDERS REGOLAMENTO DEL REGISTRO DEGLI INSIDERS INDICE PREMESSA SEZIONE 1 SEZIONE 2 SEZIONE 3 SEZIONE 4 DEFINIZIONI CONTENUTO E STRUTTURA DEL REGISTRO PROCEDURA PER L INDIVIDUAZIONE DEGLI INSIDERS TENUTA DEL REGISTRO

Dettagli

Procedura Internal Dealing

Procedura Internal Dealing Procedura Internal Dealing Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione di Giorgio Fedon & Figli S.p.A. www.fedongroup.com Indice 1 Premessa... 3 2 Definizioni... 3 3 Soggetti Rilevanti... 4 4

Dettagli

Comunicato stampa/press release

Comunicato stampa/press release Comunicato stampa/press release IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI MERIDIANA FLY S.P.A. APPROVA LE CONDIZIONI DEFINITIVE DELL AUMENTO DI CAPITALE IN OPZIONE OFFERTA IN OPZIONE DI MASSIME N. 111.526.920

Dettagli

(Artt.2.6.3, 2.6.4 e 2.6.4 bis del Regolamento dei Mercati Organizzati e Gestiti dalla Borsa Italiana )

(Artt.2.6.3, 2.6.4 e 2.6.4 bis del Regolamento dei Mercati Organizzati e Gestiti dalla Borsa Italiana ) &$/7$*,521(6S$ &2',&(',&203257$0(172 (Artt.2.6.3, 2.6.4 e 2.6.4 bis del Regolamento dei Mercati Organizzati e Gestiti dalla Borsa Italiana ) 2 )LQDOLWD Il presente codice di comportamento viene emanato

Dettagli

***** 1. Motivazioni per le quali è richiesta l autorizzazione al compimento di operazioni su azioni proprie

***** 1. Motivazioni per le quali è richiesta l autorizzazione al compimento di operazioni su azioni proprie Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione redatta ai sensi dell art. 73 del Regolamento adottato dalla Consob con delibera n. 11971/99, come successivamente integrato e modificato, in conformità

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO. Comunicazione delle operazioni su azioni e strumenti finanziari compiute dai Soggetti Rilevanti (Internal Dealing)

REGOLAMENTO INTERNO. Comunicazione delle operazioni su azioni e strumenti finanziari compiute dai Soggetti Rilevanti (Internal Dealing) REGOLAMENTO INTERNO Comunicazione delle operazioni su azioni e strumenti finanziari compiute dai Soggetti Rilevanti (Internal Dealing) INDICE DELLE REVISIONI REV. DATA OGGETTO REDATTA da APPROVATA da 0

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PUBBLICITÀ E LA TRASPARENZA DELLA SITUAZIONE PATRIMONIALE DEI TITOLARI DI CARICHE ELETTIVE E DI GOVERNO DEL COMUNE DI BERGAMO

REGOLAMENTO PER LA PUBBLICITÀ E LA TRASPARENZA DELLA SITUAZIONE PATRIMONIALE DEI TITOLARI DI CARICHE ELETTIVE E DI GOVERNO DEL COMUNE DI BERGAMO 06 REGOLAMENTO PER LA PUBBLICITÀ E LA TRASPARENZA DELLA SITUAZIONE PATRIMONIALE DEI TITOLARI DI CARICHE ELETTIVE E DI GOVERNO DEL COMUNE DI BERGAMO APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N.9

Dettagli

KME Group S.p.A. Procedura in materia di internal dealing. Aggiornamento: testo aggiornato al 9 novembre 2007.

KME Group S.p.A. Procedura in materia di internal dealing. Aggiornamento: testo aggiornato al 9 novembre 2007. KME Group S.p.A. Procedura in materia di internal dealing Aggiornamento: testo aggiornato al 9 novembre 2007. 1 Premessa KME Group SpA (di seguito per brevità denominata KME GROUP oppure la società ),

Dettagli

2. Persone fisiche o giuridiche iscritte nell Elenco ( Soggetti )

2. Persone fisiche o giuridiche iscritte nell Elenco ( Soggetti ) PROCEDURA MODALITÀ DI TENUTA E AGGIORNAMENTO DEGLI ELENCHI DELLE PERSONE AVENTI ACCESSO AD INFORMAZIONI PRIVILEGIATE IN INTERPUMP GROUP S.P.A. 1. Premessa La presente procedura è stata redatta in ottemperanza

Dettagli

BIODUE S.P.A. PROCEDURA DI INTERNAL DEALING

BIODUE S.P.A. PROCEDURA DI INTERNAL DEALING BIODUE S.P.A. PROCEDURA DI INTERNAL DEALING PREMESSA La presente Procedura adottata da BioDue S.p.A. ( BioDue o Società ) e le società da essa controllate (le Società Controllate ), contiene le disposizioni

Dettagli

GRUPPO ACSM RELAZIONE ANNUALE CORPORATE GOVERNANCE 2004

GRUPPO ACSM RELAZIONE ANNUALE CORPORATE GOVERNANCE 2004 GRUPPO ACSM RELAZIONE ANNUALE CORPORATE GOVERNANCE 2004 RELAZIONE ANNUALE SULLA CORPORATE GOVERNANCE Nel seguito viene illustrato il modello di Corporate Governance adottato da ACSM S.p.A. che segue nell

Dettagli

Allegato E Segnalazioni Appendice E. 1

Allegato E Segnalazioni Appendice E. 1 APPENDICE E. 1 - INFORMATIVA EX ART. 13 D.LGS. N. 196/2003 PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI CONNESSO ALLE SEGNALAZIONI Gentile Signore/a, Le comunichiamo che il d.lgs. 30 giugno 2003, n. 196 ( Codice

Dettagli

COMUNICAZIONE AI SENSI DELL ART. 152 OCTIES REGOLAMENTO EMITTENTI

COMUNICAZIONE AI SENSI DELL ART. 152 OCTIES REGOLAMENTO EMITTENTI COMUICAZIOE AI SESI DELL ART. 152 OCTIES REGOLAMETO EMITTETI 1. PERSOA RILEVATE DICHIARATE 1.1 DATI AAGRAFICI SE PERSOA FISICA COGOME ACHERMA OME CARLO SESSO * M DI ASCITA * COMUE DI PROVICIA DI STATO

Dettagli

PARTE SPECIALE Settima Sezione Reati di abuso di mercato

PARTE SPECIALE Settima Sezione Reati di abuso di mercato PARTE SPECIALE Settima Sezione Reati di abuso di mercato INDICE PARTE SPECIALE - Settima Sezione 1. I reati di abuso di mercato (art.25 sexies D.Lgs. 231/2001) 1.1 Art. 184 D.Lgs. 58/1998: Abuso di informazioni

Dettagli

Regolamento Comitato Remunerazione e Nomine

Regolamento Comitato Remunerazione e Nomine Regolamento Comitato Remunerazione e Nomine 1. COSTITUZIONE E FUNZIONE DEL COMITATO REMUNERAZIONE E NOMINE 1.1 In ottemperanza alle disposizioni contenute nel Codice di Autodisciplina di Borsa Italiana,

Dettagli

CODICE INTERNAL DEALING

CODICE INTERNAL DEALING Revisione 1 di 6 Rev. Data Descrizione Preparato da Verificato da Approvato da 1/2016 08/11/16 CtE 25/11/2016 APPLICAZIONE Questa procedura riassume gli obblighi assunti dai Soggetti Rilevanti, dai Dipendenti

Dettagli

REPLY S.P.A. PROCEDURA DI D

REPLY S.P.A. PROCEDURA DI D REPLY S.P.A. PROCEDURA DI D adottat Articolo 114, comma 7 del D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 con delibera del Consiglio di Amministrazione del 31 marzo 2006, in vigore dal 1 aprile 2006 come modificato

Dettagli

Sommario 1. MODALITÀ E TEMPI DELLA COMUNICAZIONE ALLA CONSOB E AL PUBBLICO DELLE OPERAZIONI RILEVANTI... 5

Sommario 1. MODALITÀ E TEMPI DELLA COMUNICAZIONE ALLA CONSOB E AL PUBBLICO DELLE OPERAZIONI RILEVANTI... 5 CASTELLO SGR S.p.A. Procedura per la comunicazione delle operazioni effettuate da soggetti rilevanti e da persone ad essi strettamente legate su quote di fondi gestiti dalla SGR negoziate sui mercati regolamentati

Dettagli

SITI-B&T GROUP S.P.A.

SITI-B&T GROUP S.P.A. SITI-B&T GROUP S.P.A. - PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMINATED ADVISER - - 1 - Indice 1 Premessa... 3 2 Destinatari della Procedura... 3 3 Obblighi di comunicazione al Nomad... 3 4 Verifica dello

Dettagli

LE NUOVE REGOLE PER IL MARKET ABUSE

LE NUOVE REGOLE PER IL MARKET ABUSE LE NUOVE REGOLE PER IL MARKET ABUSE La nuova normativa sul Market Abuse (MAR) in vigore dal 3 luglio 2016 armonizza gli obblighi degli Emittenti AIM Italia ed EXTRAMOT ai Mercati Regolamentati (in attesa

Dettagli

NEODECORTECH S.P.A PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD

NEODECORTECH S.P.A PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD NEODECORTECH S.P.A PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD 1 Premessa La presente procedura (la Procedura ) riassume gli obblighi informativi nei confronti del Nomad da parte di NEODECORTECH S.p.A.

Dettagli

... (cognome e nome o denominazione sociale) nato/a a..(...) in data. residenza/sede legale in (città)..(..) DICHIARA

... (cognome e nome o denominazione sociale) nato/a a..(...) in data. residenza/sede legale in (città)..(..) DICHIARA MODULO DI ADESIONE ALL'OFFERTA IN OPZIONE DI MASSIME N. 6.992 OBBLIGAZIONI CONVERTIBILI INVESTIMENTI E SVILUPPO S.P.A. DI NUOVA EMISSIONE DENOMINATE INVESTIMENTI E SVILUPPO SPA CONVERTIBILE 4% 2016-2021

Dettagli

CONTRATTO DI ACQUISTO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA SICUREZZA POSTALE. Con la presente convenzione redatta in duplice originale tra

CONTRATTO DI ACQUISTO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA SICUREZZA POSTALE. Con la presente convenzione redatta in duplice originale tra CONTRATTO DI ACQUISTO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA SICUREZZA POSTALE Con la presente convenzione redatta in duplice originale tra Il Caaf Sicurezza Fiscale S.r.l., controllato dalla Confesercenti

Dettagli

DIGITAL360 S.P.A. PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD

DIGITAL360 S.P.A. PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD DIGITAL360 S.P.A. PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD Premessa La presente procedura (la Procedura ) riassume gli obblighi informativi nei confronti del Nomad legati all ammissione alle negoziazioni

Dettagli

2. SOGGETTI RILEVANTI E PERSONE AD ESSI STRETTAMENTE LEGATE

2. SOGGETTI RILEVANTI E PERSONE AD ESSI STRETTAMENTE LEGATE PROCEDURA SULL INTERNAL DEALING 1. PREMESSA Il Consiglio di Amministrazione di FINCANTIERI S.p.A. ( Società ) in data 5 maggio 2014 ha approvato la presente procedura ( Procedura ) relativa all identificazione

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELL ORGANO AMMINISTRATIVO SULLA PROPOSTA DI CUI AL SETTIMO PUNTO

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELL ORGANO AMMINISTRATIVO SULLA PROPOSTA DI CUI AL SETTIMO PUNTO RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELL ORGANO AMMINISTRATIVO SULLA PROPOSTA DI CUI AL SETTIMO PUNTO DELL ORDINE DEL GIORNO DELLA PARTE ORDINARIA DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DI PRYSMIAN S.P.A. DEL 16 APRILE 2015

Dettagli

SCHEMA DI COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI SUI TITOLI DELL'EMITTENTE (ai sensi del paragrafo 1.4 dell'allegato 3F) 1. EMITTENTE

SCHEMA DI COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI SUI TITOLI DELL'EMITTENTE (ai sensi del paragrafo 1.4 dell'allegato 3F) 1. EMITTENTE SCHEMA DI COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI SUI TITOLI DELL'EMITTENTE (ai sensi del paragrafo 1.4 dell'allegato 3F) SEZIONE 1 DICHIARAZIONE 1. EMITTENTE DENOMINAZIONE ASTALDI SIGLA SOCIALE / CODICE FISCALE

Dettagli

DEALING CODE ADOTTATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI TORRE SGR CON DELIBERA DEL 16 FEBBRAIO 2010

DEALING CODE ADOTTATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI TORRE SGR CON DELIBERA DEL 16 FEBBRAIO 2010 DEALING CODE ADOTTATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI TORRE SGR CON DELIBERA DEL 16 FEBBRAIO 2010 Torre SGR Dealing Code adottato dal CdA di Torre SGR con delibera del 16 febbraio 2010 1 Articolo 1

Dettagli

(n. 3 Azioni ogni n. 20 Obbligazioni Convertibili detenute), al prezzo unitario di Euro 36,00 per un controvalore di Euro ;

(n. 3 Azioni ogni n. 20 Obbligazioni Convertibili detenute), al prezzo unitario di Euro 36,00 per un controvalore di Euro ; OFFERTA IN OPZIONE AGLI AZIONISTI DI VENETO BANCA S.C.P.A. E AI TITOLARI DI OBBLIGAZIONI CONVERTIBILI DEL PRESTITO DENOMINATO VENETO BANCA 5% 2013-2017 CONVERTIBILE CON FACOLTÀ DI RIMBORSO IN AZIONI DI

Dettagli

COMUNICAZIONE AI SENSI DELL ART. 152 OCTIES REGOLAMENTO EMITTENTI

COMUNICAZIONE AI SENSI DELL ART. 152 OCTIES REGOLAMENTO EMITTENTI COMUICAZIOE AI SESI DELL ART. 152 OCTIES REGOLAMETO EMITTETI 1. PERSOA RILEVATE CHIARATE 1.1 DATI AAGRAFICI SE PERSOA FISICA COGOME OME SESSO * COCE FISCALE * COMUE PROVICIA STATO ASCITA * ASCITA * ASCITA

Dettagli

Informazione Regolamentata n

Informazione Regolamentata n Informazione Regolamentata n. 0142-11-2015 Data/Ora Ricezione 03 Giugno 2015 17:13:20 MTA Societa' : GRUPPO CERAMICHE RICCHETTI Identificativo Informazione Regolamentata : 59302 Nome utilizzatore : RICCHETTIN01

Dettagli

LUXOTTICA GROUP S.P.A. PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

LUXOTTICA GROUP S.P.A. PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE LUXOTTICA GROUP S.P.A. PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE 1. PREMESSA La presente procedura, in conformità alle disposizioni contenute negli artt. 114, 115-bis del D.Lgs n. 58/1998

Dettagli

Codice di Internal Dealing

Codice di Internal Dealing Codice di Internal Dealing Codice di Internal Dealing 2 Premessa Value Partners S.p.A. (di seguito la Società ) ha adottato il presente Codice di Internal Dealing ( Codice ) in conformità a quanto disposto

Dettagli

PLT ENERGIA S.P.A. PROCEDURA RELATIVA ALLA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E OPERAZIONI SUL CAPITALE - 1 -

PLT ENERGIA S.P.A. PROCEDURA RELATIVA ALLA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E OPERAZIONI SUL CAPITALE - 1 - PLT ENERGIA S.P.A. PROCEDURA RELATIVA ALLA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E OPERAZIONI SUL CAPITALE - 1 - Premessa In applicazione dell art. 11 combinato con l art. 17 e l art. 31 del Regolamento

Dettagli

28 aprile 2016 unica convocazione

28 aprile 2016 unica convocazione ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI 28 aprile 2016 unica convocazione RELAZIONE IN MERITO ALL ARGOMENTO DI CUI AL PUNTO NR. 4 ALL ORDINE DEL GIORNO Rai Way S.p.A. Sede legale in Roma, Via Teulada n. 66

Dettagli

Sig. ( selezionare nel caso di società, ditta, ente pubblico/privato, fondazione, trust, altro diverso da persone fisiche) Titolare/legale

Sig. ( selezionare nel caso di società, ditta, ente pubblico/privato, fondazione, trust, altro diverso da persone fisiche) Titolare/legale www.house4all.it Viale Monza,27 20845 Sovico Tel. 328.98.38.512 info@house4all.it DICHIARAZIONE AI SENSI E PER GLI EFFETTI DEL D. LGS. N. 231 DEL 21 NOVEMBRE 2007 IN TEMA DI ANTIRICICLAGGIO MODULO DI IDENTIFICAZIONE

Dettagli

Informazione Regolamentata n

Informazione Regolamentata n Informazione Regolamentata n. 1513-24-2015 Data/Ora Ricezione 01 Settembre 2015 17:38:15 MTA - Star Societa' : MOLESKINE Identificativo Informazione Regolamentata : 62757 Nome utilizzatore : MOLESKINEN03

Dettagli

DMAIL GROUP S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO Internal Dealing

DMAIL GROUP S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO Internal Dealing DMAIL GROUP S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO Internal Dealing Dmail Group S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO Internal Dealing INDICE Premessa 1. Definizioni 2. Persone Rilevanti 3. Soggetto Preposto Sostituto

Dettagli

CODICE di COMPORTAMENTO in MATERIA di INTERNAL DEALING

CODICE di COMPORTAMENTO in MATERIA di INTERNAL DEALING CODICE di COMPORTAMENTO in MATERIA di INTERNAL DEALING Pagina 1 di 20 INDICE 1. Scopo 2. Ambito di applicazione 3. Definizioni e Abbreviazioni 3.1 Soggetti Rilevanti e Persone strettamente legate ai Soggetti

Dettagli

1. Destinatari della Procedura

1. Destinatari della Procedura Procedura relativa alle operazioni su azioni di First Capital S.p.A. poste in essere da persone che esercitano funzioni di amministrazione, di controllo o di direzione Aggiornata al 3 luglio 2016 La presente

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULL ESERCIZIO DELLE COMPETENZE DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO 15 MARZO 2017, N

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULL ESERCIZIO DELLE COMPETENZE DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO 15 MARZO 2017, N Allegato A alla delibera n. 203/17/CONS del 18 maggio 2017 SCHEMA DI REGOLAMENTO SULL ESERCIZIO DELLE COMPETENZE DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO 15 MARZO 2017, N. 35 IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO E LA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO E LA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO E LA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE Sezione I Parte Generale Articolo 1 (Premessa) Il presente Regolamento riconosce il valore delle informazioni societarie

Dettagli

Art. 3 Obblighi informativi e di comportamento

Art. 3 Obblighi informativi e di comportamento UNIONE DI BANCHE ITALIANE S.C.p.A. ( Internal Dealing ) Art. 114, 7 comma D.Lgs 58/98 e artt. 152 sexies, septies e octies del Regolamento adottato dalla Consob con Delibera n. 11971/99 e successive modifiche

Dettagli

BENI STABILI S.P.A. SIIQ

BENI STABILI S.P.A. SIIQ BENI STABILI S.P.A. SIIQ Sede legale in Roma, Via Piemonte, 38 Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Roma 00380210302 - Codice Fiscale e Partita IVA n. 04962831006 Capitale Sociale deliberato

Dettagli

INNOVA ITALY 1 S.P.A. PROCEDURA IN MATERIA DI INTERNAL DEALING

INNOVA ITALY 1 S.P.A. PROCEDURA IN MATERIA DI INTERNAL DEALING INNOVA ITALY 1 S.P.A. PROCEDURA IN MATERIA DI INTERNAL DEALING PROCEDURA IN MATERIA DI INTERNAL DEALING Introduzione Ai sensi dell art. 31 del Regolamento Emittenti AIM approvato in data 1 marzo 2012,

Dettagli

F.I.L.A. FABBRICA ITALIANA LAPIS ED AFFINI S.P.A. CODICE PER IL TRATTAMENTO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

F.I.L.A. FABBRICA ITALIANA LAPIS ED AFFINI S.P.A. CODICE PER IL TRATTAMENTO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE F.I.L.A. FABBRICA ITALIANA LAPIS ED AFFINI S.P.A. CODICE PER IL TRATTAMENTO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE Testo approvato dal Consiglio di Amministrazione di Space S.p.A. (oggi F.I.L.A. Fabbrica Italiana

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ADESIONE E DELLA CONTRIBUZIONE AL FONDO DEI SOGGETTI FISCALMENTE A CARICO

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ADESIONE E DELLA CONTRIBUZIONE AL FONDO DEI SOGGETTI FISCALMENTE A CARICO REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ADESIONE E DELLA CONTRIBUZIONE AL FONDO DEI SOGGETTI FISCALMENTE A CARICO FONDO PENSIONE BYBLOS REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ADESIONE E DELLA CONTRIBUZIONE

Dettagli

SITI-B&T GROUP S.P.A. - PROCEDURA DI INTERNAL DEALING -

SITI-B&T GROUP S.P.A. - PROCEDURA DI INTERNAL DEALING - SITI-B&T GROUP S.P.A. - PROCEDURA DI INTERNAL DEALING - Data ultima approvazione Consiglio di Amministrazione di SITI - B&T Group S.p.A.: 29/09/2017 1 Indice 1 Premessa 3 2 Definizioni 3 3 Obblighi di

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI INDICE

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI INDICE REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Definizioni Art. 3 Finalità e limiti del trattamento e misure minime di sicurezza Art. 4 Identificazione delle tipologie di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ADESIONE E CONTRIBUZIONE DEI SOGGETTI FISCALMENTE A CARICO

REGOLAMENTO PER L ADESIONE E CONTRIBUZIONE DEI SOGGETTI FISCALMENTE A CARICO REGOLAMENTO PER L ADESIONE E CONTRIBUZIONE DEI SOGGETTI FISCALMENTE A CARICO Articolo 1 Oggetto 1.1 Con il presente regolamento il Fondaereo dà attuazione, con le modalità di cui ai successivi articoli,

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING (DEALING CODE)

CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING (DEALING CODE) CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING (DEALING CODE) DELIBERATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE IL 7 SETTEMBRE 2017 (IN SOSTITUZIONE DEL TESTO APPROVATO IN DATA 15 MAGGIO 2014) 1 INDICE

Dettagli