ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PER GEOMETRI E PER IL TURISMO G.B. CARDUCCI G. GALILEI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PER GEOMETRI E PER IL TURISMO G.B. CARDUCCI G. GALILEI"

Transcript

1 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PER GEOMETRI E PER IL TURISMO G.B. CARDUCCI G. GALILEI Corso di formazione per i lavoratori in materia di salute e sicurezza dei lavoratori Art. 37 D.Lgs. 81/2008 e smi - Accordo Stato Regioni Formazione specifica per docenti RSPP, ing. Danilo Gatti 2 1

2 I principali rischi nella scuola Rischi più ricorrenti Fatiscenza della strutture Mancanza di manutenzione Inadeguatezza degli arredi, attrezzature e macchine 3 I principali rischi nella scuola Spazi comuni Devono poter essere utilizzati da tutti Divieto di deposito di materiale sulle aree di transito Nel caso di depositi, segnalare le barriere e gli ingombri circoscrivendo l area interessata. 4 2

3 I principali rischi nella scuola Rischio nell uso di scale Assenza di corrimano Vetrate non protette Mancanza di bande antisdrucciolo Presenza di barriere architettoniche La sicurezza delle scale spetta all ente locale. Se il rischio è evidente e immediato il Dirigente scolastico deve prendere provvedimenti immediati (chiusura scala, uso limitato e sorvegliato) 5 Illuminazione - UNI La UNI elenca i criteri generali per l'illuminazione artificiale e naturale delle aule e di altri locali scolastici, in modo da garantire condizioni che soddisfino il benessere e la sicurezza degli studenti e degli altri utenti della scuola. Per i livelli di illuminamento e le prescrizione generali sull'illuminazione artificiale la norma fa riferimento anche ad un altro documento normativo: la UNI EN :2004 "Luce e illuminazione- Illuminazione dei posti di lavoro - Posti di lavoro in interni". Tale norma prevede che i requisiti illuminotecnici debbano soddisfare tre esigenze fondamentali: il comfort visivo, cioè la sensazione di benessere percepita la prestazione visiva, cioè la possibilità da parte degli studenti/lavoratori di svolgere le proprie attività anche in condizioni difficili e a lungo nel tempo la sicurezza, cioè la garanzia che l'illuminazione non incida negativamente sulle condizioni di sicurezza degli studenti. 3

4 I principali rischi nella scuola Biblioteca Rischio d incendio Resistenza strutturale 7 I principali rischi nella scuola Microclima Controllare il buon funzionamento dell impianto di riscaldamento Effettuare frequenti ricambi d aria (6/h), se non è possibile predisporre un sistema di ventilazione forzata. 8 4

5 I principali rischi nella scuola Malattie Elevato affollamento in spazi ristretti possono provocare il facile diffondersi di germi e batteri Effettuare frequenti ricambi d aria (6/h), se non è possibile predisporre un sistema di ventilazione forzata. 9 I principali rischi nella scuola Lavoro d ufficio: deposito, archivio, magazzino Scarsa fruibilità degli spazi Mancata distanza minima dei mobili e degli arredi Scaffalature, sedie, armadi non a norma 10 Controllare giornalmente l igiene e la pulizia dei locali Ordinare le carte per evitare il deposito di polvere e lo sviluppo di muffe Garantire i passaggi interni e lasciare liberi i corridoi Archiviare le carte non di uso corrente 5

6 I principali rischi nella scuola La palestra 30% DEGLI INFORTUNI dovuti a: Pratica sportiva e esercizi non corretti Presenza accidentale di attrezzi, ingombri, corpi illuminanti non protetti PALESTRA INSICURA Le grandi attrezzature per attività sportive (spalliera, cavallo ) sono spesso rotte e comunque non protette; Gli estintori della palestra sono bassi e soggetti a urto da parte dei ragazzi; Le pareti sono non protette; Non c è ghiaccio per le contusioni; Pavimentazione non omogenea. 11 I principali rischi nella scuola Utilizzo videoterminali: Computer Disturbi muscolo scheletrici Disturbi alla vista 12 Piano di lavoro non riflettente e sufficientemente ampio Sedia di tipo girevole, con base a 5 punti d appoggio con piano di schienale regolabile Altezza piano di lavoro 70 cm Distanza dal monitor 50/70 cm Il PC deve essere posizionato parallelamente alle fonti di luce 6

7 I principali rischi nella scuola Corretto utilizzo del computer 13 COME EVITARE L INSORGENZA DI DISTURBI MUSCOLO-SCHELETRICI: Assumere posizione corretta di fronte al video, con i piedi ben appoggiati al pavimento e schiena appoggiata allo schienale della sedia, regolando l altezza della sedia e l inclinazione dello schienale Posizionare lo schermo di fronte in maniera che lo spigolo superiore dello schermo sia posto un po più in basso degli occhi dell operatore Disporre la tastiera davanti allo schermo, il mouse, od eventuali altri dispositivi di uso frequente, sulla stesso piano della tastiera ed in modo che siano facilmente raggiungibili Eseguire la digitazione ed utilizzare il mouse evitando irrigidimenti delle dita e del polso, tenendo gli avambracci appoggiati sul piano di lavoro in modo da alleggerire la tensione dei muscoli del collo e delle spalle Tenere la tastiera ad una distanza di 10 cm dal bordo del piano di lavoro I principali rischi nella scuola Corretto utilizzo del computer COME EVITARE L INSORGENZA DI PROBLEMI VISIVI: Illuminare correttamente il posto di lavoro, possibilmente con luce naturale anche mediante la regolazione di tendine o veneziane Orientare ed inclinare lo schermo per eliminare, per quanto possibile, riflessi sulla sua superficie Assumere la postura corretta di fronte al video in modo tale che la distanza occhi-schermo sia pari a circa cm Distogliere periodicamente lo sguardo dal video per guardare oggetti lontani, al fine di ridurre l affaticamento visivo Non dedicarsi ad attività che richiedono un intenso impegno visivo durante le pause Pulire periodicamente tastiera, mouse e schermo Utilizzare eventuali mezzi di correzione della vista se prescritti dal medico 14 7

8 I principali rischi nella scuola Laboratori didattici 15 Ubicazione se possibile fuori terra oppure eventuale permesso da parte della ASUR Altezza maggiore o uguale a 3 m. Sufficienti condizioni di illuminazione e di ricambio dell aria Vie d esodo a norma In presenza di rischio d incendio larghezza minima porte = 1,20 m Rispetto della segnaletica di sicurezza Prescrizione dell uso di eventuali dispositivi di protezione individuale Misura del livello di rumorosità di macchine e dell ambiente I principali rischi nella scuola Laboratorio di meccanica Macchine marcate CE Elementi delle macchine devono essere protetti da dispositivi di sicurezza se costituiscono un pericolo Apposita segnaletica Divieto di pulire o ingrassare manualmente gli elementi in movimento delle macchine e di compiere operazioni di riparazione Informazione/formazione degli studenti riguardo l uso di DPI I docenti e i tecnici di laboratorio vigileranno sulla manutenzione e sull uso corretto dei DPI 16 8

9 I principali rischi nella scuola Laboratorio di fisica 17 I locali devono avere spazi sufficienti per le postazioni di lavoro, per i passaggi e le vie di circolazione Ricambi d aria sufficienti, microclima e illuminazione adeguata Impianti progettati, realizzati e mantenuti secondo le norme vigenti Apparecchiature e strumenti di misura devono essere usati secondo quanto stabilito dal libretto d uso e manutenzione e secondo quanto prescritto dal docente e dai tecnici Gli studenti devono essere informati sul rischio connesso all uso di apparecchiature che possono produrre tagli, abrasioni Stress lavoro-correlato Bullismo Burn-out Mobbing 9

10 LE CARATTERISTICHE DEGLI ARREDI: UNI EN 1729 Banchi e sedie Gli spigoli devono essere arrotondati con un raggio minimo di 2mm. Le superfici devono essere lisce, le estremità rivestite per evitare di generare schegge taglienti; Ogni sedia o banco "a norma" deve superare una serie di prove di laboratorio tra le quali quelle di stabilità, di resistenza, di durata e d'urto. In relazione all'altezza dello studente (da 80 cm per i bambini fino ai due metri per i ragazzi), le norme assegnano agli arredi scolastici delle vere e proprie "taglie". In questo modo le norme intendono favorire l'adozione di una corretta postura contribuendo allo sviluppo psicofisico di bambini e ragazzi che ormai trascorrono gran parte della loro giornata a scuola. Per una corretta postura, la norma prescrive che lo schienale debba avere un'inclinazione compresa tra i 95 e i 110, questo indipendentemente dalla statura dello studente. 19 LE CARATTERISTICHE DEGLI ARREDI: UNI EN Lavagne UNI EN che riguarda tutte le "superfici verticali di scrittura". La norma ha l'obiettivo di prevenire lesioni gravi durante il normale utilizzo delle lavagne: per questo motivo specifica, ad esempio, che: nessuna parte della superficie verticale deve costituire un potenziale pericolo per l'utente; la superficie deve essere tale da evitare danni agli indumenti e macchie durante l'utilizzo; tutti i bordi e gli angoli accessibili devono essere arrotondati; tra le varie parti della lavagna che si muovono in relazione l'una all'altra deve esserci sempre una distanza di sicurezza che deve essere meno di 8 mm o più di 25 in ogni posizione durante il movimento. Le lavagne "a norma" vengono sottoposte a prove per verificarne l'attitudine alla scrittura e alla cancellazione, la resistenza all'abrasione, alla graffiatura, all'urto e alla macchiatura

11 COME PERCEPIAMO IL RISCHIO? 21 La percezione del rischio influenza i nostri comportamenti. La percezione personale del rischio influenza la rappresentazione che noi diamo della realtà che ci circonda. In conseguenza, ci formeremo opinioni, e adotteremo comportamenti. Nei casi in cui la percezione del livello di rischio risulta difforme dal rischio reale, i comportamenti conseguenti possono esporre a rischi indebiti. Quasi tutte le azioni che compiamo ogni giorno derivano dall applicazione di regole o sono dettate dall esperienza. 11

12 Quale tra questi fattori causa più morti in Italia? E quale meno? AIDS Alcol Alimentazione scorretta Incidenti stradali Influenza stagionale Infortuni domestici Infortuni sul lavoro Tabacco Cause di decesso non dovute a malattia (Omicidi/aggressioni, Cadute, Annegamenti, Avvelenamenti, Incidenti aerei, Incendi, Scontri ferroviari, Tempeste, Disastri naturali, Altri incidenti) Causa n. di morti in Italia all anno Alimentazione scorretta (1981) Tabacco (2000) Cause non mediche (2000) Alcol Infortuni domestici Influenza stagionale Incidenti stradali (media annuale) (media annuale) (media annuale) (2000) (2010) Suicidi (2009) Infortuni sul lavoro 920 (2011) AIDS 4600 (1995) 120 (2011) 12

13 Regole autogene. Noi impariamo dall esperienza e sulla base di questa costruiamo delle regole (autogene) che perfezioniamo con l esperienza stessa. Le regole autogene sono molto forti, nonostante nessuno ce le imponga. Questo non significa che siano buone: posso aver generato anche una cattiva regola dall esperienza, ma ancora essa non ha fallito. Regole esogene: quando gli altri ci dicono cosa fare Non tutte le regole che osserviamo sono dettate dall esperienza. Molte arrivano dall esterno e sono riservate ai casi in cui l esperienza che si vivrebbe non applicando la regola potrebbe essere estremamente negativa (per se stessi o per gli altri). Ho il terrore di farmi il bagno subito dopo aver mangiato perché i miei genitori mi dicevano che era pericoloso. Seguire la regola mi ha insegnato che, aspettando un paio d ore, non corro rischi ed, infatti, posso affermare con ragionevole certezza di non essere mai morto. In questi casi la regola in realtà non è generata da un esperienza, ma da una non esperienza. L esperienza non è sempre necessaria per decidere se compiere o meno un azione; non ho bisogno di andare a tamponare la macchina che mi precede per sapere quanto sia importante tenere una distanza di sicurezza. Bisogna ammettere che quando non c è l esperienza, la scelta se seguire o meno una regola è meno tassativa (v. la distanza di sicurezza). 13

14 Le regole vigenti nei luoghi di lavoro sono esogene perché servono a tutelare le persone da gravi rischi per la loro incolumità e non ci può essere spazio per l esperienza di un infortunio. Ma restano comunque esogene. Partendo da queste, spesso ci costruiamo le nostre regole, endogene : sulla base della mia esperienza ritengo che lavorando così non mi farò male. È il caso del lavoratore che non indossa i DPI perché sono scomodi e comunque non fondamentali o del datore di lavoro che non fa i controlli sull impianto elettrico perché è a norma. Il fatto stesso che non succeda l infortunio applicando la regola endogena ne conferma la bontà e più passa il tempo senza che l infortunio accada, più le conferme aumentano. Tuttavia, non tutti gli infortuni si verificano al primo colpo, per cui potrei essermi creato una regola che considero giusta fino a quando un evento, finora mai manifestatosi, non dimostra l erroneità della regola. Sulla base di quale esperienza abbiamo creato la regola endogena? Nessuna, perché non avevamo mai subito quell infortunio nel momento in cui abbiamo creato la regola. In realtà abbiamo generato una regola sulla base di una non esperienza. I rischi più gravi sono anche quelli meno percepibili. Sono quelli di cui le persone non hanno alcuna esperienza: atmosfere esplosive, elettricità, spazi confinati, agenti chimici, ecc. per i quali le nostre regole, costruite sulla base della non esperienza, valgono ben poco perché si tratta di fenomeni governati da leggi chimiche, fisiche o biologiche estremamente complesse, in cui solo la conoscenza può garantire la sicurezza. Noi siamo molto attenti nei confronti di ciò che pensiamo di conoscere, mentre non poniamo la stessa attenzione nei confronti di ciò che non conosciamo, anzi nel caso delle regole endogene, più passa il tempo, più ci convinciamo che esse sono corrette. 14

15 Un infortunio, prima che accada, è una non esperienza. Genesi dell infortunio Ogni evento che potenzialmente o effettivamente ha determinato una lesione, ha una sua Causa Origine. Le cause origini possono essere di due tipologie: Azioni pericolose e Condizioni pericolose Le Azioni Pericolose sono i gesti/azioni o comportamenti adottati da chiunque in grado di esporre essi stessi o altre persone al rischio di subire un evento in grado di determinare una lesione. Le Condizioni Pericolose sono situazioni che si riscontrano in un ambiente tali da esporre le persone al rischio di subire un evento potenzialmente lesivo. 15

16 Azione Pericolosa (esempi) Uno studente non indossa i dispositivi di protezione degli occhi, mentre utilizza un tornio (potenziale lesione per se stesso). Uno studente/lavoratore lancia un oggetto dal secondo piano al suolo e l area a terra non è confinata con recinzione (potenziale lesione per gli altri). Un manutentore lavora su attrezzature non messe in sicurezza (violazione di regole/procedure). Uno studente cammina di fronte ad un mezzo di trasporto in movimento (violazione delle regole comuni). Strumenti o attrezzature utilizzati che sono in un pessimo stato di manutenzione (violazione di controlli di sicurezza) Condizione Pericolosa (esempi) Un luogo di lavoro non adeguatamente illuminato. Un macchinario con organi in movimento pericolosi senza una adeguata protezione. Un attrezzatura portatile elettrica con i cavi di alimentazione deteriorati. Una uscita di emergenza chiusa col lucchetto. Il punto chiave che distingue le condizioni pericolose dalle azioni pericolose è che la condizione pericolosa è normalmente al di là del controllo diretto dei lavoratori nell area 16

17 Possibili effetti di una Azione o Condizione Pericolosa Un Azione o Condizione Pericolosa possono determinare un evento che in relazione alla gravità del danno prodotto viene definito secondo queste casistiche: Incidente Evento che ha comportato danni materiali ma che potenzialmente era in grado di produrre una lesione a persone. Medicazione Evento che ha determinato una lesione di entità tale da non comportare interruzione dell attività lavorativa. Infortunio lieve evento cha ha determinato una lesione reversibile che richiede una interruzione dell attività lavorativa. Infortunio grave evento che ha determinato una 1^ prognosi >40 giorni. Infortunio mortale. Heinrich Pyramid E necessario focalizzare l attenzione verso la base della piramide per ottenere una riduzione nella parte alta Infort. letale Infortunio grave Infortunio Medicazione Incidente Condizioni pericolose Azioni pericolose 17

18 Sicurezza intrinseca degli ambienti di lavoro Le distrazioni non generano sempre incidenti. Generano incidenti quando avvengono in ambienti pericolosi. Essendo impossibile addestrare le persone a non commettere mai errori occorre addestrarle ad essere sensibili e coscienti relativamente all importanza di lavorare in condizioni di sicurezza ALCUNE SENTENZE DELLA CASSAZIONE Page 36 18

19 Corte di Cassazione Sentenza n del Danno cagionato dall alunno a se stesso: obbligo di sorveglianza e conseguente responsabilità. Nel caso del danno cagionato dall alunno a se stesso incombe sull obbligato alla vigilanza sulla sicurezza ed incolumità dell allievo l onere di dimostrare che l evento dannoso è stato determinato da causa non imputabile all obbligato stesso, mentre alla controparte compete di provare che il danno si è verificato nel corso dello svolgimento del rapporto. Page 37 Corte di Cassazione Sentenza n del Danno cagionato dall alunno a se stesso responsabilità dell istituto scolastico e dell insegnante Ne deriva che, nelle controversie instaurate per il risarcimento del danno da autolesione nei confronti dell istituto scolastico e dell insegnante, è applicabile il regime probatorio imposto dall art cod. civ., sicché, mentre l attore deve provare che il danno si è verificato nel corso dello svolgimento del rapporto, sull altra parte incombe l onere di dimostrare che l evento dannoso è stato determinato da causa non imputabile né alla scuola né all insegnante. Page 38 19

20 Corte di Cassazione - Sentenza n /2011 sulla prova negli infortuni all interno della scuola Una alunna aveva riportato danni cadendo a scuola, mentre con i suoi compagni si recava ai servizi. L insegnante ha l obbligo vigilare sulla sicurezza e incolumità dell allievo, limitatamente, peraltro, al tempo in cui questi fruisce della prestazione scolastica. Con riferimento al caso specifico, a proposito dell onere della prova, 1. ai genitori spettava di provare che il danno subito dalla figlia si era verificato nel corso dello svolgimento della prestazione scolastica; 2. alla Scuola spettava l onere di dimostrare che l evento dannoso era dovuto a causa non imputabile né alla Scuola né all insegnante; la Corte ha escluso la responsabilità dell Istituto in quanto lo stesso ha provato che, nell occasione del danno all allieva, il personale addetto aveva svolto una sorveglianza assidua e oculata e che il danno era stato subìto per caso fortuito sottratto al controllo di insegnanti e dei bidelli

21 Luoghi di lavoro Definizioni Art. 62 D.Lgs. 81/2008 a) I luoghi destinati a ospitare posti di lavoro, ubicati all interno dell azienda o dell unità produttiva, nonché ogni altro luogo di pertinenza dell'azienda o dell'unità produttiva accessibile al lavoratore nell ambito del proprio lavoro; b) I campi, i boschi e altri terreni facenti parte di un azienda agricola o forestale. 41 Luoghi di lavoro Requisiti di salute e sicurezza Art. 63 D.Lgs. 81/ Conformi ai requisiti indicati nell allegato IV 2. Strutturati tenendo conto di lavoratori disabili 3. Tale obbligo vige in particolare per porte, vie di circolazione, scale, gabinetti 42 21

22 Luoghi di lavoro Obblighi del datore di lavoro Art 64 Il DdL provvede affinchè: Le vie di circolazione che conducono ad uscite d emergenza siano sgombre; I luoghi di lavoro, gli impianti e i dispositivi vengano sottoposti a regolare manutenzione tecnica e vengano eliminati il più presto possibile difetti e inconvenienti I luoghi di lavoro, gli impianti e i dispositivi vengano sottoposti a regolare pulitura 43 Luoghi di lavoro Locali sotterranei e semisotterranei Art 65 D. Lgs. 81/2008 E vietato destinare al lavoro locali chiusi sotterranei o semisotterranei salvo particolari esigenze tecniche, purché il datore di lavoro provveda ad assicurare idonee condizioni di aereazione, illuminazione e microclima

23 Luoghi di lavoro Microclima AEREAZIONE Nei luoghi di lavoro chiusi i lavoratori devono disporre di aria salubre in quantità sufficiente anche ottenuta con impianti di aereazione L impianto di aereazione va sempre mantenuto funzionante I lavoratori non devono essere sottoposti a correnti d aria fastidiosa Gli impianti di aereazione devono essere sottoposti a controlli, manutenzione, pulizia e sanificazione

24 Luoghi di lavoro Microclima TEMPERATURA Adeguata al metodo di lavoro e agli sforzi fisici imposti ai lavoratori Tenere conto dell influenza che può esercitare il grado d umidità e il movimento dell aria Le finestre, i lucernari e le pareti vetrate devono essere tali da evitare un soleggiamento eccessivo Quando non è conveniente modificare la temperatura dell ambiente si deve provvedere alla difesa dei lavoratori mediante misure tecniche localizzate o mezzi personali di protezione 47 Luoghi di lavoro Microclima ILLUMINAZIONE I luoghi di lavoro devono disporre di sufficiente luce naturale, inoltre devono essere dotati di dispositivi che consentano un illuminazione artificiale adeguata per salvaguardare la sicurezza, la salute e il benessere dei lavoratori Le superfici vetrate illuminanti ed i mezzi di illuminazione artificiale devono essere tenuti costantemente in buone condizioni di pulizia ed efficienza

25 Ambiente di lavoro Macchinari Disposizione Ostacoli strutturali URTI ED INCIAMPI Assenza di spigoli vivi Parti sporgenti 49 Ambiente di lavoro Scaffali e ripiani DISPOSIZIONE SUI RIPIANI Materiali Raccoglitori e cartelle Ordinati correttamente SCAFFALI NON ANCORATI Riempire i piani inferiori Distribuire il carico Evitare ribaltamenti Non caricare all infinito La carta pesa 50 25

26 51 Rischio elettrico Obblighi del Datore di lavoro Art.80 co.1 D.Lgs. 8 Aprile 2008, n 81 Prende le misure necessarie affinché i materiali, le apparecchiature e gli impianti elettrici. Siano progettati, costruiti, installati, utilizzati e mantenuti in modo da salvaguardare i lavoratori da tutti i rischi di natura elettrica

27 Rischio elettrico La corrente elettrica DEFINIZIONE Flusso di cariche elettriche che ha luogo all interno di alcuni materiali; Tali materiali vengono definiti conduttori, mentre atri attraverso i quali la corrente riesce a passare, vengono definiti isolanti. 53 Rischio elettrico I materiali conduttori e isolanti CONDUTTORI ISOLANTI Metalli (Rame, Argento, Alluminio ) Tessuti organici (corpo umano) Vetro Marmo Plastica Gomma Sughero Legno 54 Carta 27

28 Rischio elettrico Effetti corrente elettrica sull uomo TETANIZZAZIONE Si ha quando i muscoli rimangono contratti fino a quando il passaggio di corrente elettrica non cessa del tutto. Può portare a: svenimenti, asfissia, collasso, stato di incoscienza. Corrente di rilascio: valore max di corrente per cui il soggetto è ancora capace di lasciare la presa della parte in tensione 55 CORRENTE di RILASCIO Donne Uomini 10 ma (a 50 Hz) 15 ma (a 50 Hz) Rischio elettrico Effetti corrente elettrica sull uomo ARRESTO DELLA RESPIRAZIONE Correnti superiori ai limiti della corrente di rilascio producono: difficoltà di respirazione e segni di asfissia Contrazione dei muscoli addetti alla respirazione e paralisi dei centri nervosi che sovraintendono alla funzione respiratoria

29 Rischio elettrico Effetti corrente elettrica sull uomo FIBRILLAZIONE Disfunzione del cuore, che provoca contrazioni disordinate e irregolari. Può interessare gli atri, i ventricoli o tutto l'organo. USTIONI Il passaggio di corrente elettrica nel corpo è accompagnato a sviluppo di calore per effetto Joule. Le ustioni peggiori si hanno sulla pelle 57 Rischio elettrico Misure di prevenzione e protezione CONTATTI DIRETTI Contatto con una parte dell impianto normalmente in tensione, quale un conduttore, un morsetto, l attacco di una lampada divenuti casualmente accessibili. PER EVITERE IL CONTATTO DIRETTO Bassissima tensione Isolamento parti attive Protezione con grado IP 58 29

30 Rischio elettrico Misure di prevenzione e protezione CONTATTI INDIRETTI Contatto di persone con una massa che non è in tensione in condizioni ordinarie, ma solo in condizioni di guasto. PER EVITERE IL CONTATTO INDIRETTO Bassissima tensione Interruzione automatica dell alimentazione Protezione componenti elettrici 59 Il contatto diretto è in genere più pericoloso in quanto l operatore è sottoposto alla piena tensione verso terra del sistema. Nel contatto indiretto la tensione verso terra può essere inferiore ma il pericolo più insidioso, in quanto mentre per il contatto diretto il pericolo può essere evitato con l attenzione, per il contatto indiretto non può assolutamente essere evitato, sia perché le macchine durante il lavoro sono soggette a contatto sia perché l operatore non può prevedere quando la carcassa della macchina, normalmente non in tensione, va sotto tensione per guasti. Per evitare i danni derivati da contatti diretti è necessario che gli impianti elettrici di funzionamento vengano utilizzati a regola d arte, mentre per evitare i contatti indiretti è necessario realizzare efficienti impianti per la messa a terra delle macchine

31 International Protection (o classe di protezione IP) Codice che riassume il livello di protezione di un'apparecchiatura elettrica contro il contatto accidentale o intenzionale con il corpo umano o con oggetti, e la protezione contro il contatto con l'acqua. Il codice è applicabile a sistemi con tensione nominale non superiore a 72,5 kv. La codifica, istituita dalla norma EN recepita in Italia dalla CEI 70-1, è la seguente: IPXX La 1 a cifra indica la protezione contro l'accesso di corpi solidi e contatto con parti pericolose Livell o IP0X IP1X IP2X IP3X IP4X IP5X IP6X Dimensioni oggetto Nessuna protezione Protetto contro corpi solidi di dimensioni superiori a 50 mm Protetto contro corpi solidi di dimensioni superiori a 12 mm Protetto contro corpi solidi di dimensioni superiori a 2.5 mm Protetto contro corpi solidi di dimensioni superiori a 1 mm Protetto contro la polvere Totalmente protetto contro la polvere Effetti Protetto contro l'accesso con il dorso della mano Protetto contro l'accesso con un dito Protetto contro l'accesso con un attrezzo Protetto contro l'accesso con un filo Protetto contro l'accesso con un filo Protetto contro l'accesso con un filo 31

32 La 2 a cifra indica la protezione contro l'accesso di liquidi Livello IPX0 IPX1 IPX2 IPX3 IPX4 IPX5 IPX6 Non protetto Resistenza Caduta verticale di gocce d'acqua caduta di gocce d'acqua con inclinazione massima 15 Pioggia Spruzzi Getti d'acqua Ondate 64 32

33 Rischio meccanico Macchine e attrezzature D.Lgs. 81/08 Titolo III Norme generali di uso delle attrezzature di lavoro Allegato V Requisiti di sicurezza Parte I Requisiti di sicurezza applicabili a tutte le attrezzature di lavoro Parte II Prescrizioni applicabili ad attrezzature di lavoro specifiche 65 Macchine e attrezzature Principio generale IL DATORE DI LAVORO Il datore di lavoro ha l obbligo di mettere a disposizione dei lavoratori attrezzature conformi a tutti i requisiti menzionati dalla normativa, idonei ai fini della salute e sicurezza e adeguate al lavoro da svolgere o adattate a tali scopi, che devono essere utilizzate conformemente alle disposizioni legislative

34 Tutte le attrezzature di lavoro commercializzate con questo marchio devono essere accompagnate da un libretto di uso e manutenzione e dalla dichiarazione di conformità, con la quale il costruttore garantisce la rispondenza della macchina ai requisiti di sicurezza fissati dalla direttiva e alle norme di prevenzione e sicurezza del paese nella quale è stata costruita, nonché la conformità della stessa al modello certificato CE. 67 Macchine e attrezzature Misure di sicurezza PER MACCHINE ed IMPIANTI Vietato rimuovere anche temporaneamente dispositivi di sicurezza e pulire, oliare, ingrassare e svolgere operazioni di registrazione e/o riparazione su organi in moto; Mantenere in efficienza le macchine, impianti ed attrezzature, con relativa manutenzione Proteggere e segregare gli elementi pericolosi delle macchine 68 34

35 Macchine e attrezzature Rischi Macchine Rischi connessi all'uso delle macchine gli organi in movimento (urti, trascinamenti e schiacciamenti) proiezione di materiali (trucioli, liquidi lubrificanti, utensili o schegge) pezzi in lavorazione. Un rigoroso rispetto della legge, un corretto uso delle macchine e una buona manutenzione consentono di ridurre notevolmente i rischi. Macchine e attrezzature Utilizzo MACCHINE L'uso delle macchine operatrici è esclusivamente riservato al personale autorizzato, ovvero lavoratori addetti alla specifica macchina Usare soltanto le attrezzature a disposizione e gli utensili appropriati al lavoro da svolgere e previsti dal ciclo operativo 35

36 Sicurezza sul lavoro MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Definizione Le operazioni di trasporto o di sostegno di un carico ad opera di uno o più lavoratori, comprese le azioni del sollevare, deporre, spingere, tirare, Portare, spostare un carico, che, per le loro caratteristiche o in conseguenza delle condizioni ergonomiche sfavorevoli, comportano rischi di patologie da sovraccarico biomeccanico, in particolare dorso-lombari. Art. 168 comma 2 del D.Lgs. 81/

37 Disturbi diretti e indotti distorsioni; lombalgie (mal di schiena) lombalgie acute ( colpo della strega ); ernie al disco strappi muscolari; lesioni dorso lombari gravi. contusioni o fratture causate da caduta del carico; ustioni causate da caduta di carichi caldi; lesioni causate da carichi taglienti; cadute causate da riduzione dello spazio visivo. La struttura potante del nostro corpo si chiama RACHIDE, ed è costituita da ossa (VERTEBRE), dischi intervertebrali, muscoli e legamenti. La colonna vertebrale presenta la caratteristica curvatura a doppia S, per permettere migliore e più efficace assorbimento e distribuzione dei carichi dovuti alla forza di gravità. Il rachide ospita al suo interno un importante struttura nervosa (MIDOLLO SPINALE), da cui partono i nervi che raggiungono i diversi organi del nostro corpo, fra cui le braccia e le gambe. 37

38 I dischi intervertebrali Fra le strutture del rachide il DISCO INTERVERTEBRALE è quello maggiormente soggetto ad alterarsi, a causa dei carichi notevoli che deve sopportare. Esso infatti, evita che le sollecitazioni compressive provochino l abnorme avvicinamento dei corpi vertebrali. Con l età questa capacità di ammortizzatore viene gradualmente a ridursi e la schiena diventa più soggetta a disturbi. Valori limite Il D.lgs 81/2008 non definisce un valore limite del peso sollevabile dal singolo lavoratore, ma indica unicamente il valore che, se superato, crea le condizioni di rischio. Tale valore (25kg) deve essere valutato alla luce di altri fattori: dimensioni, forma e caratteristiche del carico; altezza di sollevamento distanza da percorrere, possibilità o meno di ripartire il carico; caratteristiche dell ambiente di lavoro (spazio disponibile,..); tipo di mansione (temporanea o ripetitiva). 38

39 Il carico da movimentare Anni età Peso Kg Maschi < tra > Femmine <15 5 tra > L , n. 653, art. 11: I carichi, di cui possono essere gravate [ ] le donne di qualunque età adibiti ai lavori di trasporto e sollevamento di pesi, anche se inerenti ai lavori agricoli, non possono superare i seguenti limiti: [ ] femmine sopra i 17 anni, chilogrammi 20[ ] 77 Valutare i rischi Divide et impera 78 Filmato della serie Napo. Coproduzione INAIL,HVBG, INRS, AUVA, SUVA, Agenzia Europea di Bilbao 39

40 Caratteristiche del carico La movimentazione manuale può rappresentare un fattore di rischio se: 1.il carico è troppo pesante (25 kg); 2.il carico è ingombrante o difficile da afferrare; 3.il carico è instabile o il contenuto rischi di spostarsi; 4.il carico deve essere tenuto o maneggiato ad una certa distanza dal tronco o con una torsione o inclinazione del tronco; 5.il carico può comportare lesioni per il lavoratore in caso di urto. Caratteristiche dell ambiente di lavoro Le caratteristiche dell ambiente di lavoro possono aumentare le possibilità di rischio nei seguenti casi: 1. spazio libero, in particolare verticale, insufficiente per lo svolgimento dell attività richiesta; 2. pavimento non uniforme con rischi di inciampo e scivolamento; 3. Il posto o l ambiente di lavoro non consentono al lavoratore la movimentazione manuale dei carichi a un altezza di sicurezza o in buona posizione. 4. pavimento con dislivelli che costringono la manipolazione del carico a livelli diversi; 5. pavimento o piano di appoggio instabili; 6. temperatura, umidità, circolazione d aria inadeguate. 40

41 Metodo NIOSH Il modello proposto da NIOSH (1993) è in grado di determinare, per ogni azione di sollevamento, il valore RWL (Recomanded Weight Limit) o limite di peso raccomandato che ad un peso massimo raccomandato applica dei fattori demoltiplicativi, compresi fra 1, per le situazioni migliori, e 0 per le peggiori. Il NIOSH nella sua proposta parte da peso ideale di 23 kg, ma in Italia, sulla base esistente dei dati presenti in letteratura, è stato assunto un peso ideale di 25 kg per i maschi adulti e di 20 kg per le femmine adulte. In tal modo viene protetto circa il 90% della popolazione delle categorie. Misure di prevenzione primaria Misure ergonomiche: meccanizzazione delle operazioni per ridurre i rischi connessi alla movimentazione; utilizzo di mezzi adeguati per la movimentazione corretta dei carichi; pianificare ed ottimizzare i tempi e le modalità operative; attenzione alla progettazione dei posti di lavoro per evitare movimenti inutili e posture incongrue; 41

42 Misure di prevenzione primaria Misure di informazione e formazione: fornire ai lavoratori informazioni sul carico (peso, lato più pesante, ecc.) indicare movimentazione corretta e rischi conseguenti a quella errata; formazione periodica sulle corrette tecniche di movimentazione; controllo posture e movimenti errati; insegnamento esercizi di rilassamento (con il coinvolgimento del Medico Competente) Misure di prevenzione secondaria sottoporre gli addetti a tale movimentazione a sorveglianza sanitaria, basata su accertamenti preventivi (verifica se il lavoratore potrà svolgere determinata mansione) e periodici (verifica se lavoratore può continuare a svolgere la mansione); identificare lavoratori con aumentato rischio di sviluppare patologie a carico del rachide; allontanare dal rischio (o ridurre l esposizione) i lavoratori suddetti. 42

43 Misure di prevenzione terziaria Trattamenti medici riabilitativi nei confronti di lavoratori che soffrano di patologie causate dalla movimentazione manuale dei carichi. Prevenzione, azioni strutturali: Modificare: peso, dimensione, tipo di presa del carico Razionalizzare distanze e tragitti percorsi dal carico Fornire, se possibile, mezzi meccanici. Meccanizzare o automatizzare i processi più gravosi. 43

44 Posizioni corrette Sollevamento Rimanere in posizione eretta Durante gli spostamenti non sollevarsi sulla punta dei piedi Non estendere al massimo le braccia al di sopra della testa Non inarcare la schiena 87 Posizione NON corretta Sollevamento IL CARICO DEVE Essere tenuto il più vicino possibile al corpo durante il trasporto Essere sollevato e deposto a terra con la schiena in posizione diritta Tronco eretto, il corpo accoccolato e in posizione ben equilibrata 88 44

CORSO DI FORMAZIONE Art. 37, comma 2, D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011. Ing. Antonio Giorgi RSPP

CORSO DI FORMAZIONE Art. 37, comma 2, D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011. Ing. Antonio Giorgi RSPP I.C. A. VOLTA Via Botticelli, 31 04100 Latina CORSO DI FORMAZIONE Art. 37, comma 2, D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011 Ing. Antonio Giorgi RSPP Videoterminali 2 VDT : CONCETTI

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA VIDEOTERMINALI protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico Territoriale

Dettagli

L USO DEI VIDEOTERMINALI E CAUSA DI PATOLOGIE?

L USO DEI VIDEOTERMINALI E CAUSA DI PATOLOGIE? L USO DEI VIDEOTERMINALI E CAUSA DI PATOLOGIE? RISCHI CONNESSI ALL USO DEL VDT L USO DEL VDT NON E MAI CAUSA DELL INSORGENZA DI PATOLOGIE SPECIFICHE L USO DEL VDT PUO SLATENTIZZARE O PEGGIORARE I SINTOMI

Dettagli

RISCHIO DA ESPOSIZIONE A VIDEOTERMINALI

RISCHIO DA ESPOSIZIONE A VIDEOTERMINALI RISCHIO DA ESPOSIZIONE A VIDEOTERMINALI I principali fattori di rischio vanno ricercati in : una scarsa conoscenza ed applicazione dei principi ergonomici; una mancanza di informazione e di consapevolezza

Dettagli

Il lavoro al videoterminale

Il lavoro al videoterminale Il lavoro al videoterminale Presentazione informativa per chi lavora utilizzando attrezzature munite di videoterminali (VDT) inclusi gli studenti che frequentano il laboratorio didattico informatico. Ai

Dettagli

L ERGONOMIA APPLICATA AL LAVORO IN UFFICIO. Redatto da Dott.Guido Perina- Medico Competente

L ERGONOMIA APPLICATA AL LAVORO IN UFFICIO. Redatto da Dott.Guido Perina- Medico Competente L ERGONOMIA APPLICATA AL LAVORO IN UFFICIO PATOLOGIA DA INDOOR: NON SOLO IL VIDEOTERMINALE 1) Problemi legati all'affaticamento fisico e mentale: lo stress 2) Disturbi al Sistema Muscolo-Scheletrico 3)

Dettagli

Dispense tratte dal manuale Inail

Dispense tratte dal manuale Inail Dispense tratte dal manuale Inail Relazionare tenendo conto dei seguenti punti: Quali sono i possibili disturbi dovuti al lavoro al videoterminale? Cosa si può fare per evitarli? (posizione del monitor

Dettagli

VIDEOTERMINALI E PREVENZIONE

VIDEOTERMINALI E PREVENZIONE VIDEOTERMINALI E PREVENZIONE 1 USO DEI VDT: NORMATIVA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO L uso di attrezzature munite di videoterminali (VDT) è disciplinato in Italia dal D.Lgs 81/08 TITOLO VII (art.i. 172-179).

Dettagli

Come. Uso di attrezzature munite di videoterminali

Come. Uso di attrezzature munite di videoterminali ing. Domenico Mannelli Come Uso di attrezzature munite di videoterminali DEFINIZIONI videoterminale: schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato

Dettagli

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA Pagina 1 di 5 Nella scuola sono state individuate ed integrate su indicazione del personale, le seguenti misure di prevenzione e protezione: MISURE ANTINCENDIO E DI EMERGENZA Tutto il personale docente

Dettagli

Il lavoro al Videoterminale (VDT)

Il lavoro al Videoterminale (VDT) Servizio Prevenzione e Protezione Viale Innovazione, 2-Edificio U11-20126 Milano tel.02-64486190-fax 02-64486191 Il lavoro al Videoterminale (VDT) Effetti sulla salute e prevenzione I videoterminali Negli

Dettagli

VIDEOTERMINALI & SALUTE

VIDEOTERMINALI & SALUTE VIDEOTERMINALI & SALUTE note informative per il personale dell Istituto note informative per il personale dell Istituto Pagina 1 Il presente documento informativo è stato promosso dal Servizio di Prevenzione

Dettagli

LA POSTAZIONE AL VIDEOTERMINALE

LA POSTAZIONE AL VIDEOTERMINALE Ergonomia / Videoterminali / Utilizzo sicuro dei VDT LA POSTAZIONE AL VIDEOTERMINALE Introduzione Gli aspetti posturali connessi al lavoro al VDT sulla salute dei lavoratori sono stati studiati da molti

Dettagli

Sicurezza al videoterminale

Sicurezza al videoterminale http://magazine.paginemediche.it/it/366/dossier/medicina-del-lavoro/detail_1917_sicurezza-al-videoter... Pagina 1 di 12 Magazine paginemediche.it: attualità e approfondimento sulla salute Medicina del

Dettagli

USO DI VIDEOTERMINALI

USO DI VIDEOTERMINALI USO DI VIDEOTERMINALI In senso stretto un videoterminale (o VDT) è un apparecchio di visualizzazione simile allo schermo televisivo, che permette di vedere le informazioni immagazzinate nel nostro computer.

Dettagli

Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08

Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08 1 Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08 DEFINIZIONE Luoghi destinati a ospitare posti di lavoro, ubicati all interno dell azienda o dell unità produttiva, nonché ogni altro luogo di pertinenza dell'azienda

Dettagli

LAVORARE AL VIDEOTERMINALE

LAVORARE AL VIDEOTERMINALE CORSO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE DEI LAVORATORI ESPOSTI A VDT LAVORARE AL VIDEOTERMINALE Titolo VII del D.Lgs 81/08 I^ PARTE I rischi per la sicurezza e per gli occhi Con il Decreto Legislativo 81/08

Dettagli

Sicurezza nei luoghi di lavoro

Sicurezza nei luoghi di lavoro Sicurezza nei luoghi di lavoro Il termine ergonomia indica l insieme delle tecniche, degli strumenti e degli accorgimenti che consentono di creare un ambiente di lavoro sicuro e confortevole. Le norme

Dettagli

Formazione sicurezza studente lavoratore

Formazione sicurezza studente lavoratore Formazione sicurezza studente lavoratore ILVIDEOTERMINALE 1. Definizione del termine Videoterminale 2. Definizione del termine Vidoterminalista 3. Definizione del termine Posto di lavoro 4. Obblighi del

Dettagli

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E VIDEOTERMINALI. A cura di: Danilo Monarca e Massimo Cecchini

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E VIDEOTERMINALI. A cura di: Danilo Monarca e Massimo Cecchini CORSO RESPONSABILI DEI SERVIZI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e dell Accordo tra Stato e Regioni 26 gennaio 2006 MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E VIDEOTERMINALI A cura di:

Dettagli

Corso di Medicina del Lavoro

Corso di Medicina del Lavoro Corso di Medicina del Lavoro Malattie muscoloscheletriche e da agenti fisici Il rischio da Videoterminale Il rischio da Videoterminale 1 of 55 Legislazione Titolo VI del D.lgs. 626/94, che ha recepito

Dettagli

Rischi trasversali. Relatore: dott.ssa Cristina Iani

Rischi trasversali. Relatore: dott.ssa Cristina Iani Rischi trasversali Movimentazione manuale carichi, utilizzo di videoterminali, principi ergonomici Relatore: dott.ssa Cristina Iani Dipartimento Scienze Sociali, Cognitive e Quantitative Riferimenti bibliografici

Dettagli

PROCEDURA 05/B UTILIZZO ERGONOMIA POSTAZIONI VIDEOTERMINALI

PROCEDURA 05/B UTILIZZO ERGONOMIA POSTAZIONI VIDEOTERMINALI PROCEDURA 05/B UTILIZZO ERGONOMIA POSTAZIONI VIDEOTERMINALI ATTREZZATURE Osservazione generale. L'utilizzazione in sé dell'attrezzatura non deve essere fonte di rischio per i lavoratori. Spazio Come indicato

Dettagli

Rischi connessi all organizzazione del lavoro e di natura ergonomica: rischio. Tutela delle lavoratrici madri

Rischi connessi all organizzazione del lavoro e di natura ergonomica: rischio. Tutela delle lavoratrici madri MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Rischi connessi all organizzazione del lavoro e di natura ergonomica: rischio connesso all uso dei videoterminali e movimentazione

Dettagli

Davanti al PC - Le ultime novità

Davanti al PC - Le ultime novità Davanti al PC - Le ultime novità Le nuove regole alla luce dei cambiamenti legislativi Le linee guida d'uso dei videoterminali (Decreto 2 ottobre 2000 del Ministero del lavoro e della previdenza sociale)

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA 1. MOVIEMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI: RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE

PROCEDURA DI SICUREZZA 1. MOVIEMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI: RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI Pagina 1 di 6 PROCEDURA DI SICUREZZA 1. MOVIEMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI: RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE 2. Revisione numero Data emissione e/o ultima

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI (Titolo VI del D. Lgs. 81/2008 s.m.i.) INDICE 1. SOLLEVARE E TRASPORTARE 3 1.1. LA RMATIVA 3 2. EFFETTI SULLA SALUTE 4 3. PRINCIPI DI PREVENZIONE 4 3.1. MOVIMENTI 4 3.2.

Dettagli

Art. 167 - D.Lg L s g. 81 8 /08 0 Ca C mpo p di d app p l p ica c zion o e distorsioni, lombalgie

Art. 167 - D.Lg L s g. 81 8 /08 0 Ca C mpo p di d app p l p ica c zion o e distorsioni, lombalgie RISCHIO MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Art. 167-D.Lgs. 81/08 08 Campo diapplicazione Una non corretta Movimentazione Manuale può provocare distorsioni, lombalgie (il comune mal di schiena), lombalgie

Dettagli

Lavoro al Videoterminale. Ai sensi del D.Lgs. 81/08 Titolo VII Attrezzature munite di VDT

Lavoro al Videoterminale. Ai sensi del D.Lgs. 81/08 Titolo VII Attrezzature munite di VDT Lavoro al Videoterminale Ai sensi del D.Lgs. 81/08 Titolo VII Attrezzature munite di VDT Campo di applicazione (art. 172) Le norme del presente titolo si applicano alle attività lavorative che comportano

Dettagli

Addetto al Videoterminale Sett. Amministrativo/Ufficio

Addetto al Videoterminale Sett. Amministrativo/Ufficio 1 Indice LA FIGURA DEL LAVORATORE AI VIDEOTERMINALI... 7 Chi è? 7 Quale formazione? 7 IN BREVE... 8 Le istruzioni per l uso corretto del computer 8 LA LEGISLAZIONE DI RIFERIMENTO... 9 Significato della

Dettagli

D.Lgs. 81/08 TITOLO VII ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI

D.Lgs. 81/08 TITOLO VII ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI Dipartimento Sanità Pubblica SERVIZI PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC della Sicurezza e Igiene sul Lavoro STOP DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC

Dettagli

La patologia muscolo-scheletrica (colonna vertebrale, arti) da sovraccarico lavorativo (movimentazione manuale carichi, movimenti ripetitivi)

La patologia muscolo-scheletrica (colonna vertebrale, arti) da sovraccarico lavorativo (movimentazione manuale carichi, movimenti ripetitivi) La patologia muscolo-scheletrica (colonna vertebrale, arti) da sovraccarico lavorativo (movimentazione manuale carichi, movimenti ripetitivi). L argomento della patologia da sovraccarico biomeccanico lavorativo

Dettagli

RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI. Ing. M. Giammarino

RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI. Ing. M. Giammarino RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Ing. M. Giammarino DECRETO LEGISLATIVO N.81 DEL 9 APRILE 2008 Titolo VI Movimentazione manuale carichi Movimentazione manuale carichi Operazioni di

Dettagli

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Quadro Legislativo DLgs 81/08 Titolo VI - MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Art. 167. Campo di applicazione 1. Le norme del presente titolo si applicano alle attività

Dettagli

Il D.Lgs. 81/08 Titolo VII

Il D.Lgs. 81/08 Titolo VII Opuscolo Informativo per il lavoratore Il D.Lgs. 81/08 Titolo VII USO DEL VIDEOTERMINALE 1 INDICE GENERALE: Capitolo 1: Definizioni e normativa - Titolo VII D.Lgs. 81/08:.....pag. 4 Obblighi del datore

Dettagli

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Limite di peso da sollevare da soli Maschi adulti 25 Kg femmine adulte 20 Kg maschi adolescenti 20 Kg femmine adolescenti

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

VIDEOTERMINALI CARATTERISTICHE DELLE POSTAZIONI DI LAVORO NORME COMPORTAMENTALI. 1 di 21

VIDEOTERMINALI CARATTERISTICHE DELLE POSTAZIONI DI LAVORO NORME COMPORTAMENTALI. 1 di 21 VIDEOTERMINALI CARATTERISTICHE DELLE POSTAZIONI DI LAVORO NORME COMPORTAMENTALI 1 di 21 ATTIVITA AL VIDEOTERMINALE LEGGE 29/12/2000 - N 422 MODIFICHE del D.Lgs 626/94 LAVORATORE: Il lavoratore che utilizza

Dettagli

FTA-I-ClimIllumn-V.ppt - ESCLUSIVO uso didattico interno - videoterminali

FTA-I-ClimIllumn-V.ppt - ESCLUSIVO uso didattico interno - videoterminali ottobre 2008 1 elio giroletti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA dip. fisica nucleare e teorica via bassi 6, 27100 pavia, italy tel. 038298.7905 - girolett@unipv.it - www.unipv.it/webgiro microclima, illuminazione

Dettagli

Sicurimpariamo al. Inail Sede di Torino Centro 21 marzo 2012 Funzione Prevenzione Roberto Sciarra

Sicurimpariamo al. Inail Sede di Torino Centro 21 marzo 2012 Funzione Prevenzione Roberto Sciarra Sicurimpariamo al Ferrante Aporti Inail Sede di Torino Centro 21 marzo 2012 Funzione Prevenzione Roberto Sciarra 1 Comportamenti di sicurezza e gestione delle attività 2 Principali figure della sicurezza:

Dettagli

D. LGS. 81/08 L USO IN SICUREZZA DEI VIDEOTERMINALI LO STRESS DA LAVORO

D. LGS. 81/08 L USO IN SICUREZZA DEI VIDEOTERMINALI LO STRESS DA LAVORO D. LGS. 81/08 L USO IN SICUREZZA DEI VIDEOTERMINALI LO STRESS DA LAVORO I Videoterminali Riferimenti normativi: D. Lgs. 81 del 2008 Titolo VII (art.i. 172 179) RISCHIO VDT Cos è lavoro al videoterminale?

Dettagli

PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI DERIVANTI DALL USO DI ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI PREMESSA ORGANIZZAZIONE DELL AREA DI LAVORO

PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI DERIVANTI DALL USO DI ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI PREMESSA ORGANIZZAZIONE DELL AREA DI LAVORO PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI DERIVANTI DALL USO DI ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI PREMESSA... Lungi dal volere riportare aridamente le prescrizioni in merito all uso di attrezzature munite

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

CORSO BASE SULLA SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO

CORSO BASE SULLA SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO LICEO SCIENTIFICO BERTRAND RUSSELL CLES (Tn) CORSO BASE SULLA SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO Modulo 4: Lavoro al Video Terminale secondo il D.Lgs. 81/2008 s.m. e l Accordo della Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla sicurezza) si applica a tutte le imprese con lavoratori dipendenti ed alle Pubbliche Amministrazioni.

Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla sicurezza) si applica a tutte le imprese con lavoratori dipendenti ed alle Pubbliche Amministrazioni. CAMPO DI APPLICAZIONE Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla sicurezza) si applica a tutte le imprese con lavoratori dipendenti ed alle Pubbliche Amministrazioni. FIGURE INTERESSATE Datore di Lavoro Lavoratore

Dettagli

Procedure di sicurezza per lo svolgimento delle mansioni professionali

Procedure di sicurezza per lo svolgimento delle mansioni professionali Procedure di sicurezza per lo svolgimento delle mansioni professionali Profilo Assistente Amministrativo e D.S.G.A. In questo documento informativo vengono indicati per ciascuna mansione professionale

Dettagli

UTILIZZAZIONE DEI VIDEOTERMINALI

UTILIZZAZIONE DEI VIDEOTERMINALI UTILIZZAZIONE DEI VIDEOTERMINALI Gianluca Sotis (UPP-CNR, Roma) Definizioni (art. 173) Videoterminale: schermo alfa numerico o grafico Per lavoratore che utilizza videoterminali si intende un soggetto

Dettagli

SCHEMA ANALISI ERGONOMICA

SCHEMA ANALISI ERGONOMICA SCHEMA ANALISI ERGONOMICA CODICE DELLA POSTAZIONE DI LAVORO N DI MAPPA AZIENDALE COGNOME E NOME SESSO..M F... DATA DI NASCITA.DATA DI ASSUNZIONE MANSIONE. ATTIVITA' SVOLTA REPARTO. ORE DI LAVORO AL GIORNO.ORE

Dettagli

Procedure per lo svolgimento delle mansioni professionali in condizioni di sicurezza. Assistente Amministrativo e D.S.G.A.

Procedure per lo svolgimento delle mansioni professionali in condizioni di sicurezza. Assistente Amministrativo e D.S.G.A. A cura del Responsabile S.P.P.- 2010-2011 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE F. M. GENCO Procedure per lo svolgimento delle mansioni professionali in condizioni di sicurezza Assistente Amministrativo e D.S.G.A.

Dettagli

4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione

4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione 4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione D.Lgs 81/08 - TITOLO II LUOGHI DI LAVORO Articolo 63- Requisiti di salute e sicurezza Allegato IV Luoghi di di

Dettagli

Bagolino,30 ottobre 2014. valutazione dei rischi connessi all attività lavorativa e didattica 10.1 PERSONALE AMMINISTRATIVO

Bagolino,30 ottobre 2014. valutazione dei rischi connessi all attività lavorativa e didattica 10.1 PERSONALE AMMINISTRATIVO M i n i s t e r o d e l l I s t r u zi o n e, d e l l U n i v e r s i t à e d e l l a R i c e r c a Istituto Comprensivo di Bagolino Via A. Lombardi 18-25072 Bagolino (BS) C.M. BSIC806008 - C.F. 87002590179

Dettagli

REQUISITI AMBIENTE DI LAVORO

REQUISITI AMBIENTE DI LAVORO LINEE GUIDA PER IL CORRETTO UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI REQUISITI AMBIENTE DI LAVORO Di seguito vengono specificate le precauzioni che debbono essere adottate in funzione dell utilizzo sistematico ed abituale

Dettagli

Nella introduzione si è fatto un breve cenno alla specificità

Nella introduzione si è fatto un breve cenno alla specificità 3. Misure comportamentali di prevenzione Nella introduzione si è fatto un breve cenno alla specificità della forma e delle funzioni statiche e dinamiche del rachide. Tali proprietà sono uniche nel regno

Dettagli

DEFINIZIONI USO ED IMPIEGO DEI VIDEOTERMINALI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO ANALISI DEL POSTO DI LAVORO

DEFINIZIONI USO ED IMPIEGO DEI VIDEOTERMINALI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO ANALISI DEL POSTO DI LAVORO USO ED IMPIEGO DEI VIDEOTERMINALI Formazione dei lavoratori ai sensi del D.Lgs. 81/2008 DEFINIZIONI videoterminale: schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione

Dettagli

LA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI

LA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI LA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI DEFINIZIONE: Per movimentazione manuale dei carichi (MMC) si intendono tutte le operazioni di trasporto o di sostegno di un carico effettuate da uno o più di lavoratori,

Dettagli

Movimentazione Manuale dei Carichi. Normativa e documenti di riferimento. Definizioni

Movimentazione Manuale dei Carichi. Normativa e documenti di riferimento. Definizioni Rev. 0 del 22/10/2010 Ravenna/Lugo/Faenza Aprile/Maggio 2015 Normativa e documenti di riferimento D.Lgs. 81/08: Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della

Dettagli

LA CORRETTA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CARICHI

LA CORRETTA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CARICHI LA CORRETTA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CARICHI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI operazioni di trasporto o di sostegno di un carico ad opera di uno o piu lavoratori, comprese le azioni del sollevare,

Dettagli

Videoterminali LINEE GUIDA SULL USO DEI. Azienda ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione Garibaldi C a t a n i a

Videoterminali LINEE GUIDA SULL USO DEI. Azienda ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione Garibaldi C a t a n i a Azienda ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione Garibaldi C a t a n i a Direttore Generale: Dr. A. Pellicanò LINEE GUIDA SULL USO DEI Videoterminali Servizio di Prevenzione e Protezione

Dettagli

DVR. Esempio di Stampa

DVR. Esempio di Stampa DVR MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI VALUTAZIONE AZIONI DI SPINTA, TRAINO E TRASPORTO MANUALE IN PIANO (Titolo VI D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 come modificato da D. Lgs. 106/09) Azienda: Azienda SPA

Dettagli

Il rischio infortuni nelle attività d ufficio

Il rischio infortuni nelle attività d ufficio Il rischio infortuni nelle attività d ufficio Movimentazione dei materiali Prendere posizione vicino al carico, di fronte alla direzione di spostamento, con i piedi su una base stabile e leggermente divaricati

Dettagli

Ai collaboratori scolastici

Ai collaboratori scolastici Ai collaboratori scolastici Comportamenti da seguire in caso di incendio Il piano di emergenza è uno strumento operativo attraverso il quale si adottano le operazioni da compiere in caso di evacuazione,

Dettagli

RISCHI NELLA PRODUZIONE DI PASTICCERIA

RISCHI NELLA PRODUZIONE DI PASTICCERIA RISCHI NELLA PRODUZIONE DI PASTICCERIA Speciale Inserti: Rischi in Pasticceria Pagina 1 Attività svolta L attività del pasticcere prevede la produzione dei prodotti dolciari, dalla preparazione della materia

Dettagli

Dove. La sicurezza degli ambienti

Dove. La sicurezza degli ambienti ing. Domenico Mannelli Dove La sicurezza degli ambienti PERICOLO= La potenzialità che una macchina o un impianto o, ancora, un processo possano causare danni. (Es. Scala priva di strisce antiscivolo )

Dettagli

Valutazione. Rischio. Movimentazione Manuale. Carichi

Valutazione. Rischio. Movimentazione Manuale. Carichi Scuola Media Liceo ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE DES AMBROIS S P - Oulx - Servizio di Prevenzione e Protezione Istituto Professionale Valutazione M del Rischio da Movimentazione Manuale M Dei

Dettagli

La sicurezza negli uffici. Conoscere i rischi -- Programma LEONARDO

La sicurezza negli uffici. Conoscere i rischi -- Programma LEONARDO I lavori di ufficio non sono esenti da rischi (cadute, scivolate, tagli, elettrocuzioni, scottature, ecc.) Per la propria ed altrui sicurezza attenersi alle più elementari norme di prudenza Il fenomeno

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Q. Sella

Istituto Istruzione Superiore Q. Sella COMUNICATO N. 028 DOCENTI Oggetto: Informazione sui rischi e sulla sicurezza. Le informazioni previste dalle vigenti normative sui rischi e sulla sicurezza sono trasmesse, ai fini di una idonea formazione

Dettagli

LA POSTAZIONE DI LAVORO AL VIDEOTERMINALE

LA POSTAZIONE DI LAVORO AL VIDEOTERMINALE SCHEDA TECNICA N 17 LA POSTAZIONE DI LAVORO AL VIDEOTERMINALE SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AZIENDALE V I A A L B E R T O N I, 1 5-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1. 1 3 7 - FA X 0 5 1. 6 3.

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI PER ATTIVITA LAVORATIVA

VALUTAZIONE DEI RISCHI PER ATTIVITA LAVORATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI PER ATTIVITA LAVORATIVA Per i dipendenti della scuola, identificati in base al profilo omogeneo di attività, sono riassunti ed identificati i rischi specifici tipici e quanto previsto

Dettagli

Consigli pratici per l installazione del vostro posto di lavoro

Consigli pratici per l installazione del vostro posto di lavoro Schweizerische Eidgenossenschaft Confédération suisse Confederazione Svizzera Confederaziun svizra Commissione federale di coordinamento per la sicurezza sul lavoro CFSL Consigli pratici per l installazione

Dettagli

APPENDICE A MISURE DI PREVENZIONE PER DOCENTI. Attività didattica in aula

APPENDICE A MISURE DI PREVENZIONE PER DOCENTI. Attività didattica in aula APPENDICE A MISURE DI PREVENZIONE PER DOCENTI Descrizione attività Attività didattica in aula L attività è costituita fondamentalmente dalle lezioni che l insegnate impartisce agli alunni, avvalendosi

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Documento di Valutazione dei Rischi nei luoghi di lavoro D.Lgs.8/08 Suite 8 - Studio di Consulenza Data 0/0/ Azienda Azienda di Esempio DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Realizzato secondo le procedure

Dettagli

DISPOSIZIONI COMUNI A TUTTO IL PERSONALE

DISPOSIZIONI COMUNI A TUTTO IL PERSONALE Allegato 1 Circolare Interna n. 02 DISPOSIZIONI COMUNI A TUTTO IL PERSONALE E vietato introdurre o usare, nell edificio scolastico: - solventi, vernici, smalti, sostanze in genere, classificate tossiche,

Dettagli

Movimentazione Manuale dei Carichi

Movimentazione Manuale dei Carichi 2SXVFRORLQIRUPDWLYR SHULODYRUDWRULGHOODVFXROD Movimentazione Manuale dei Carichi $FXUDGHO6HUYL]LRGL3UHYHQ]LRQHH3URWH]LRQH Pagina 1 di 11 2386&2/2,1)250$7,92 029,0(17$=,21(0$18$/('(,&$5,&+, La Movimentazione

Dettagli

CIFAPS (Centro Interdipartimentale Formazione Aggiornamento e Promozione Professioni Sanitarie) Corso di Alta Formazione

CIFAPS (Centro Interdipartimentale Formazione Aggiornamento e Promozione Professioni Sanitarie) Corso di Alta Formazione CIFAPS (Centro Interdipartimentale Formazione Aggiornamento e Promozione Professioni Sanitarie) Università degli Studi di Roma Tor Vergata Corso di Alta Formazione in Organizzazione, Leadership e Strategie

Dettagli

STUDIO DEL LAVORO ED ERGONOMIA

STUDIO DEL LAVORO ED ERGONOMIA STUDIO DEL LAVORO ED ERGONOMIA Contenuti della lezione Definizione di studio del lavoro definizione di ergonomia movimentazione manuale dei carichi esempi di posti di lavoro industriale il rischio da videoterminale

Dettagli

D.P.R. 459/1996 ( Direttiva Macchine)

D.P.R. 459/1996 ( Direttiva Macchine) Allegato E alla direttiva del 7 gennaio 2015 RISCHI MECCANICI 1 - PREMESSA Il D.P.R. 459/1996 ( Direttiva Macchine) ha introdotto nel panorama normativo sulla tutela della salute nei luoghi di lavoro importanti

Dettagli

LA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI

LA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI GRUPPO VOLONTARI DEL GARDA SERVIZIO SANITARIO LA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Il D.Lgs. 81/2008 - ha riformato, riunito ed armonizzato tutta la normative in materia di sicurezza e salute nei luoghi

Dettagli

Procedura di sicurezza Postazioni Videoterminale

Procedura di sicurezza Postazioni Videoterminale LICEO STATALE G. TURRISI COLONNA Procedura di sicurezza Postazioni Videoterminale Revisione: 00 Data: 29/03/2011 1 A emissione OGGETTO Indicazioni riguardanti la corretta gestione delle postazioni di lavoro

Dettagli

digitazione della tastiera; uso del mouse; frequenti spostamenti della testa; torsioni del busto rispetto al piano di lavoro.

digitazione della tastiera; uso del mouse; frequenti spostamenti della testa; torsioni del busto rispetto al piano di lavoro. PROBLEMI MUSCOLO - SCHELETRICI Sebbene siano più frequenti i problemi di tipo visivo e oculare, da sempre l`attenzione si è principalmente concentrata su problemi di tipo muscolo-scheletrico, come ad esempio

Dettagli

CORRETTA POSTAZIONE DI LAVORO

CORRETTA POSTAZIONE DI LAVORO CORRETTA POSTAZIONE DI LAVORO Nelle pause di lavoro (ufficiali e non) evitare di rimanere seduti e di impegnare la vista (es. leggendo il giornale o navigando su Internet) Art.175 D.Lgs.81 - Pause stabilite

Dettagli

SOMMARIO: Emissione: 08/11/1996 Aggiornamento: 24/09/2001 Motivo revisione Prima emissione Sistema Gestione Qualità Distribuzione Controllata

SOMMARIO: Emissione: 08/11/1996 Aggiornamento: 24/09/2001 Motivo revisione Prima emissione Sistema Gestione Qualità Distribuzione Controllata Pag. 1 di 9 SOMMARIO: 1. Oggetto e scopo 2. Campo di applicazione 3. Responsabilità 4. Definizioni e abbreviazioni 5. Documenti di Riferimento 6. Moduli e documenti di registrazione 7. Modalità operative

Dettagli

Antropometria e posture. Nicola Magnavita

Antropometria e posture. Nicola Magnavita Antropometria e posture Nicola Magnavita Antropometria E la scienza che misura le dimensioni del corpo dall arte all industria Le misurazioni antropometriche consentono di progettare macchine e arredi

Dettagli

rischi in negozio CULTURA DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NEL TERZIARIO E NEI SERVIZI

rischi in negozio CULTURA DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NEL TERZIARIO E NEI SERVIZI CULTURA DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NEL TERZIARIO E NEI SERVIZI rischi in negozio Cultura della sicurezza patrimonio comune del mondo del lavoro: impresa, lavoratori e parti sociali. Il testo unico sulla

Dettagli

OPUSCOLO PER I LAVORATORI RISCHI CONNESSI ALL USO DEL VDT

OPUSCOLO PER I LAVORATORI RISCHI CONNESSI ALL USO DEL VDT OPUSCOLO PER I LAVORATORI RISCHI CONNESSI ALL USO DEL VDT RISCHI FISICI - I VIDEOTERMINALI Definizioni (videoterminale, posto di lavoro e lavoratore) Videoterminale: uno schermo alfanumerico o grafico

Dettagli

D.Lgs. 81/08 I FATTORI DI RISCHIO. Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione

D.Lgs. 81/08 I FATTORI DI RISCHIO. Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione D.Lgs. 81/08 I FATTORI DI RISCHIO Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione D.Lgs. 81/08 Fattori di rischio Identificazione delle principali tipologie di fattori di rischio RISCHI PER LA SICUREZZA

Dettagli

Formazione specifica Unità Didattica 1. L ambiente e le attrezzature di lavoro

Formazione specifica Unità Didattica 1. L ambiente e le attrezzature di lavoro Formazione specifica Unità Didattica 1 L ambiente e le attrezzature di lavoro Definizione di ambiente di lavoro D.Lgs. 81/2008 Per luogo di lavoro si intende: i luoghi destinati a ospitare posti di lavoro,

Dettagli

10. I PRINCIPALI FATTORI DI RISCHIO PER CATEGORIE DI LAVORATORI NELLA SCUOLA

10. I PRINCIPALI FATTORI DI RISCHIO PER CATEGORIE DI LAVORATORI NELLA SCUOLA 10. I PRINCIPALI FATTORI DI RISCHIO PER CATEGORIE DI LAVORATORI NELLA SCUOLA 1 FATTORI DI RISCHIO PER CATEGORIE DI LAVORATORI NELLA SCUOLA 1. RISCHI CONNESSI ALL ATTIVITA SCOLASTICA: RISCHI SPECIFICI (V.

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA. Istruzione Liceale - Istruzione Tecnica Economica

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA. Istruzione Liceale - Istruzione Tecnica Economica MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto di Istruzione Superiore Guglielmo Oberdan Istruzione Liceale - Istruzione Tecnica Economica viale Merisio n. 14-24047 TREVIGLIO (BG)

Dettagli

Come promotori della Campagna Postura Corretta e nostro piacere fornirvi questa Guida per la salute della colonna vertebrale e della vista.

Come promotori della Campagna Postura Corretta e nostro piacere fornirvi questa Guida per la salute della colonna vertebrale e della vista. Come promotori della Campagna Postura Corretta e nostro piacere fornirvi questa Guida per la salute della colonna vertebrale e della vista. Le patologie vertebrali e visive sono considerate le malattie

Dettagli

I Lezione I.I.S. Alberghiero Loreto:

I Lezione I.I.S. Alberghiero Loreto: I Lezione I.I.S. Alberghiero Loreto: Infortuni e sicurezza sul lavoro QUAL E IL RUOLO DEL SERVIZO DI PREVENZIONE E SICUREZZA DEGLI AMBIENTI DI LAVORO (SPSAL)? L organo di vigilanza Oltre ad esercitare

Dettagli

Requisiti e prescrizioni per la sicurezza dei lavoratori

Requisiti e prescrizioni per la sicurezza dei lavoratori Requisiti e prescrizioni per la sicurezza dei lavoratori 32 Requisiti e Prescrizioni di Sicurezza Il D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. indica requisiti e prescrizioni per: - Luoghi di Lavoro; - Uso delle attrezzature

Dettagli

La movimentazione manuale dei carichi

La movimentazione manuale dei carichi ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE "EINSTEIN" Torino (TO) La movimentazione manuale dei carichi Note informative per la sicurezza e la salute sul lavoro Decreto Legislativo n. 9 aprile 2008 n. 81 Procedura

Dettagli

10. Fare prevenzione: esercizi di rilassamento e altre raccomandazioni

10. Fare prevenzione: esercizi di rilassamento e altre raccomandazioni 28 10. Fare prevenzione: esercizi di rilassamento e altre raccomandazioni Muoversi di più Chi lavora abitualmente al videoterminale deve approfittare di qualsiasi occasione per muoversi e cambiare la posizione

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA. Ambienti di Lavoro

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA. Ambienti di Lavoro SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA Ambienti di Lavoro protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico Territoriale

Dettagli

I FATTORI DI RISCHIO. Ing. Guido SAULE

I FATTORI DI RISCHIO. Ing. Guido SAULE I FATTORI DI RISCHIO Ing. Guido SAULE I PRINCIPALI FATTORI DI RISCHIO I rischi lavorativi presenti negli ambienti di lavoro, in conseguenza dello svolgimento delle attività lavorative in un determinato

Dettagli

Il ruolo del medico in azienda e i principali rischi per la salute del lavoratore. Dott. Carlo Valchi Medico Specialista in Medicina del Lavoro

Il ruolo del medico in azienda e i principali rischi per la salute del lavoratore. Dott. Carlo Valchi Medico Specialista in Medicina del Lavoro Il ruolo del medico in azienda e i principali rischi per la salute del lavoratore Dott. Carlo Valchi Medico Specialista in Medicina del Lavoro Il ruolo del medico in azienda: premesse norma2ve DECRETO

Dettagli