RELAZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO"

Transcript

1

2 1. TERMINOLOGIA RELAZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO Idrante antincendio: apparecchiatura antincendio dotata di un attacco unificato, di valvola di intercettazione ad apertura manuale e collegato ad una rete di alimentazione idrica. Idrante a colonna soprasuolo: apparecchiatura antincendio, permanentemente collegata a una rete di alimentazione idrica, costituita da una valvola alloggiata nella porzione interrata dell'apparecchio, manovrata attraverso un albero verticale che ruota nel corpo cilindrico, nel quale sono anche ricavati uno o più attacchi con filettatura unificata. Il corpo è in ghisa. Per ciascun idrante deve essere previsto un equipaggiamento composto da una manichetta antincendio, completa di raccordi e lancia di erogazione. Idrante a muro: apparecchiatura antincendio composta essenzialmente da una cassetta, o da un portello di protezione, un supporto della tubazione, una valvola manuale di intercettazione, una tubazione flessibile completa di raccordi, una lancia erogatrice; è un sistema di protezione interna degli edifici. Idrante sottosuolo: apparecchiatura antincendio, permanentemente collegata a una rete di alimentazione idrica, costituita da una valvola provvista di un attacco unificato ed alloggiato in una custodia con chiusino installato a piano di calpestio. Per ciascun idrante deve essere previsto un equipaggiamento composto da una manichetta antincendio, completa di raccordi e lancia di erogazione. Naspo: apparecchiatura antincendio costituita da una bobina mobile su cui è avvolta una tubazione semirigida collegata ad una estremità, in modo permanente con una rete di alimentazione idrica e terminante all altra estremità con una lancia erogatrice munita di valvola regolatrice e di chiusura del getto. Manichetta: mezzo di congiunzione tra l idrante e la lancia idrica. È costituita da una tubazione flessibile, rivestita internamente di gomma, filettata maschio ad una estremità (dalla parte della lancia) e all altra femmina (dalla parte dell idrante). Lance: sono i componenti terminali di una rete di idranti e servono ad erogare l acqua e dirigerne il getto. Lance a getto frazionato: ha un corpo generalmente in alluminio e consente, tramite un selettore a tre posizioni, sia di aprire o chiudere il getto d acqua. Spostando poi il selettore in una delle altre due posizioni si può utilizzare l acqua a getto pieno o a getto frazionato.

3 2. RIFERIMENTI NORMATIVI UNI EN "Installazioni fisse antincendio. Sistemi automatici a sprinkler. Progettazione, installazione e manutenzione". UNI Impianti di estinzione incendi: reti di idranti UNI 802 Apparecchiature per estinzione incendi Prospetto di tipi unificati UNI 804 Apparecchiature per estinzione incendi Raccordi per tubazioni flessibili UNI 805 Apparecchiature per estinzione incendi Canotti filettati per raccordi per tubazioni flessibili UNI 807 Apparecchiature per estinzione incendi Canotti non filettati per raccordi per tubazioni flessibili UNI 808 Apparecchiature per estinzione incendi Girelli per raccordi per tubazioni flessibili UNI 810 Apparecchiature per estinzione incendi Attacchi a vite UNI 811 Apparecchiature per estinzione incendi Attacchi a madrevite UNI 813 Apparecchiature per estinzione incendi Guarnizioni per raccordi e attacchi per tubazioni flessibili UNI 814 Apparecchiature per estinzione incendi Chiavi per la manovra dei raccordi, attacchi e tappi per tubazioni flessibili UNI 6363 Tubi di acciaio, senza saldatura e saldati, per condotti di acqua UNI 6884 Valvole di intercettazione e regolazione fluidi. Condizioni tecniche di fornitura e collaudo UNI 7125 Saracinesche flangiate per condotti di acqua. Condizioni tecniche di fornitura UNI 7145 Gaffe per tubazioni a bordo di navi Prospetto dei tipi unificati UNI 7421 Apparecchiature per estinzione incendi Tappi per valvole e raccordi per tubazioni flessibili UNI 7422 Apparecchiature per estinzione incendi Requisiti delle legature per tubazioni flessibili UNI 8478 Apparecchiature per estinzione incendi Lance a getto pieno dimensione, requisiti e prove UNI 8863 Tubi senza saldatura e saldati, di acciaio non legato filettabili secondo UNI - ISO 7.1 UNI 9485 Apparecchiature per estinzione incendi Idranti a colonna soprasuolo di ghisa UNI 9486 Apparecchiature per estinzione incendi Idranti sottosuolo di ghisa UNI 9487 Apparecchiature per estinzione incendi Tubazioni flessibili antincendio di DN 45 e 70 per pressioni di esercizio fino a 1.2 MPa UNI 9488 Apparecchiature per estinzione incendi Tubazioni semirigide di DN 20 e 25 per NASPI antincendio UNI EN Sistemi fissi di estinzione incendi Sistemi equipaggiati con tubazioni Naspi antincendio con tubazioni semirigide UNI EN Sistemi fissi di estinzione incendi Sistemi equipaggiati con tubazioni Idranti a muro con tubazioni flessibili UNI EN Sistemi fissi di estinzione incendi Sistemi equipaggiati con tubazioni

4 3. DESCRIZIONE IMPIANTO 3.1 Caratteristiche L impianto è costituito da una riserva idrica, un sistema di pompaggio, una rete idrica completamente a vista con derivazioni per idranti, gli idranti o naspi. La riserva è ad accumulo in vasche e serbatoi, in quanto l acquedotto pubblico non è in grado di garantire la portata e le pressioni richieste dall impianto. A monte della tubazione di mandata è installato un idoneo attacco di mandata per autopompa. La divisione in tre livelli di rischio (1: basso, 2: medio, 3: alto) fornita dalla UNI definisce le caratteristiche idrauliche minime di un impianto in base alle caratteristiche del luogo ed al suo carico di incendio. L impianto è realizzato esclusivamente nell autorimessa con 4 idranti interni in ragione superiore ad uno ogni cinquanta autoveicoli o frazione, cosi suddivisi : 4. tre idranti nelle zone filtro ; 5. un idrante in prossimità della rampa di accesso. L impianto è costituito da una rete di tubazioni con idranti UNI 45 presso ogni uscita. 3.2 Custodia degli idranti La custodia di ogni idrante è installata in un punto ben visibile. È munita di sportello in vetro trasparente, ha larghezza ed altezza non inferiore rispettivamente a 0.35 m e 0.55 m ed una profondità che consenta di tenere, a sportello chiuso, manichette e lancia permanentemente collegate. 3.3 Tubazione flessibile e lance La tubazione flessibile è costituita da un tratto di tubo, di tipo approvato, di lunghezza che consenta di raggiungere col getto ogni punto dell'area protetta. La manichetta flessibile, in un materiale che causi le minori perdite di carico possibili, presenta alle estremità gli attacchi filettati per portare l acqua dall idrante al luogo dell incendio, erogandola tramite una lancia a forma di tronco di cono con all estremità una parte terminale chiamata bocchiello il cui diametro definisce la pressione e la portata finali. 3.4 Tubazioni fisse La rete idrica è realizzata con tubi di ferro zincato o materiali equivalenti protetti contro il gelo ed è indipendente dalla rete dei servizi sanitari. 3.5 Caratteristiche idrauliche L impianto ha caratteristiche idrauliche tali da garantire al bocchello della lancia, nelle condizioni più sfavorevoli di altimetria e di distanza, una portata non inferiore a 120 litri al minuto primo e una pressione di almeno 2 bar. L'impianto è dimensionato per una portata totale determinata considerando la probabilità di contemporaneo funzionamento del 50% degli idranti (due idranti). 3.6 Alimentazione dell'impianto L'impianto è alimentato da riserva idrica costituita da un serbatoio con apposito impianto di pompaggio (secondo norma UNI EV 12845) idoneo a conferire in permanenza alla rete le caratteristiche idrauliche di cui al precedente punto. 3.7 Collegamento dei mezzi dei Vigili del fuoco L'impianto è tenuto costantemente sotto pressione e munito di attacco per il collegamento dei mezzi dei vigili del fuoco, installato al piano terra in un punto ben visibile e facilmente accessibile ai mezzi stessi. 3.8 Capacità della riserva idrica La riserva idrica ha una capacità tale da assicurare il funzionamento dell'impianto per 30 minuti primi alle condizioni di portata e di pressione prescritte in precedenza. A tal fine, supponendo il funzionamento contemporaneo di 2 idranti la capacità minima risulta : V = 120 l/min x 2 x 30 min = 7200 l = 7,2 mc La capacità utile del serbatoio risulta :

5 Vutile= 3 m x 1,7 m x 1,8 m = 9,18 mc superiore al valore minimo prescritto. 3.9 Sistema di pompaggio Il sistema di pompaggio utilizza una pompa centrifuga ad asse orizzontale accoppiate a motori elettrici e una motopompa. La rete idrica è indipendente da qualsiasi altra rete ed è definita come un sistema di tubazione fissa in pressione per alimentazione idrica, dal quale sono derivati uno o più idranti antincendio. L elettropompa di alimentazione della rete antincendio è alimentata elettricamente da una propria linea preferenziale. L'avviamento del gruppo di pompaggio sarà automatico con pressostato di avviamento. Tutte le tubazioni di alimentazione e quelle costituenti la rete saranno protette dal gelo, da urti e dal fuoco. La colonna montante corre, a giorno o incassate, nel vano scala. Il gruppo di pressurizzazione è costituito da : - pompa elettrica centrifuga orizzontale tipo monogirante con corpo in ghisa e albero in acciaio inox AISI 316L; aspirazione assiale e mandata radiale ; girante in acciaio inox AISI 316L saldata con tecnologia al laser; accoppiamento motore-pompa tramite lanterna, supporto, giunto elastico con spaziatore e base di allineamento ed ancoraggio; possibilità di sfilare girante, lanterna, motore, senza rimuovere il corpo pompa dalle tubazioni. - motopompa con motore diesel ed accoppiamento alla pompa di servizio; quadro elettrico di controllo motopompa e caricabatteria ; circuito avviamento motore diesel con due batterie indipendenti ; doppio relè di avviamento motore; dispositivo di spegnimento motore da comando elettrico (Elettrostop); serbatoio carburante completo di galleggiante ; basamento in profilato con verniciatura a polvere epossidica RAL La motopompa dovrà essere fornita su proprio basamento completo di piedini antivibranti, quadro elettrico a muro completo di cavi di lunghezza 3 metri, serbatoio carburante a pavimento, batterie a pavimento. L installazione del motore diesel dovrà prevedere un adeguato sistema di ventilazione e scarico dei fumi di combustione. Accessori previsti : Valvole principali d intercettazione poste in mandata di ciascuna pompa, del tipo a farfalla con maniglia a leva incluso dispositivo per il monitoraggio dello stato ON/OFF. Dispositivo di ricircolo per ciascuna pompa di servizio comprendente il pressostato per l attivazione degli allarmi di pompa in marcia e la valvola di prova per verificare la tenuta della valvola di ritegno. Manometro posto sul lato mandata di ciascuna pompa di servizio, tra la valvola di ritegno e la valvola di intercettazione. Valvola di ritegno del tipo ispezionabile sul lato di mandata di ciascuna pompa con attacco flangiato. Collettore di mandata in ferro verniciato (PN 16) e tronchetti filettati con relative calotte per il collegamento del vaso a membrana da 24 litri; flangia a saldare e cieca zincate. Due pressostati di avviamento per ogni pompa di servizio. Per le pompe di servizio l avviamento avviene tramite il pressostato ma la fermata deve essere manuale. Circuito del pressostato di avviamento per la pompa di servizio, comprensivo di tubazione di collegamento al collettore di mandata, circuito di ricircolo. Questo circuito è composto da valvola di intercettazione, valvola di non ritorno, valvola di scarico e raccorderia varia. La configurazione del circuito dovrà consentire al pressostato di intervenire anche nel caso risultasse chiusa la relativa valvola d intercettazione. Raccorderia varia (ottone, acciaio zincato). Basamento in lamiera piegata oppure in profilato di acciaio con verniciatura a polvere epossidica RAL Struttura portaquadri in profilati di acciaio con verniciatura a polveri epossidica RAL Motore Diesel con accoppiamento alla pompa di servizio. Giunti antivibranti sul lato mandata. Quadro elettrico di controllo motopompa e carica batterie. Circuito avviamento motore diesel con due batterie indipendenti. Lunghezza cavo collegamento batterie scatola connessione max 3 m. Doppio relé di avviamento motore. Dispositivo di spegnimento motore da comando elettrico (Elettrostop).

6 Kit per installazioni sottobattente su ogni singola pompa composto di: - Giunto antivibrante da fissare alla bocca di aspirazione della pompa. - Cono eccentrico o tronchetto flangiato. - Manovuotometro. - Valvola di intercettazione a farfalla con maniglia a leva Nel quadro elettrico di servizio dovrà essere inserito un circuito di spegnimento automatico. In determinate situazioni, dovrà consentire l arresto automatico dopo che per almeno venti minuti la pressione dell impianto si sia mantenuta a valori superiori a quelli di avviamento.

7 4. DIMENSIONAMENTO DELLA RETE La rete idrica antincendio è realizzata mediante tubazioni in acciaio UNI8863 e in polietilene Pead UNI 7611, pressione nominale PN16 avente origine dal gruppo di pressurizzazione UNI9490. La distribuzione è ad anello con percorso nel sottosuolo per la distribuzione esterna, a vista a soffitto nel piano interrato del fabbricato e a vista per le colonne montanti ai piani superiori. Il gruppo di pressurizzazione garantisce una portata d acqua pari a 300 l/min. alla pressione di 3,5 bar. Nei calcoli di verifica della rete installata per il calcolo delle perdite di carico per attrito lungo la tubazione viene utilizzata la formula di Hazen-Williams: p= perdita di carico unitaria(mbar/m di tubazione) 6.05 x Q 1.87 x 10 8 Q= portata (l/min.) p = ove: C 1.87 x d 4.87 C= costante dipendente dalla natura del tubo (120 per l acciaio ; 150 per i materiali plastici) d= diametro interno della tubazione Le perdite di carico concentrate sono determinate con il metodo della lunghezza di tubazione equivalente secondo la tabella seguente. ACCESSORIO DN Lunghezza tubazione equivalente [m ] Curva a 45 0,2 0,2 0,4 0,4 0,6 0,6 0,9 1,1 1,5 1,9 2,4 2,8 Curva a 90 0,4 0,6 0,9 1,1 1,3 1,5 2,1 2,6 3,0 3,9 4,7 5,8 Curva a 90 a largo raggio 0,4 0,4 0,4 0,6 0,9 1,1 1,3 1,7 1,9 2,8 3,4 3,9 T o raccordo a croce 1,1 1,3 1,7 2,1 2,6 3,2 4,3 5,3 6,4 7,5 10,7 12,8 Saracinesca ,2 0,2 0,2 0,4 0,4 0,6 0,9 1,1 1,3 Valvola di non ritorno 1,1 1,5 1,9 2,4 3,0 3,4 4,7 5,9 7,4 9,6 11,8 13,9 La tabella è valida per il coefficiente di Hazen Williams C=100 (accessori di ghisa); per accessori in acciaio moltiplicare i valori per 1,41; per accessori in acciaio inossidabile, rame e ghisa rivestita e materiali plastici moltiplicare i valori per 1,85. Determinata la lunghezza di tubazione equivalente le perdite di carico si ottengono sommando la lunghezza reale a quella equivalente e calcolando le perdite con la formula soprariportata. Per ultimo dalla Norma Sperimentale CTIMA n 12, prf (perdite di carico nelle tubazioni flessibili fino alla lancia di erogazione) si assume per il calcolo il valore di 250 mbar per tubazione flessibile internamente impermeabilizzata per la portata convenzionale massima di 150 dm 3 /min, e per la lunghezza normale di 20 m.

8 Pressione di progetto: mm - (3,0 Bar) (0,30 MPa) Formule utilizzate come da UNI Le perdite di carico parziali e totali in tabella sono in mm Note : Tronco iniziale Nome Lun. L.eq. Out Tubo Ø D.P. SumDP Vel. Lt/1' Radice 20,0 1,0 P ,0 246 Valvola ritegn o 0,0 13,1 Fl 2'½ ,1 246 A - B 10,0 1,0 RAMO B Fl 2'½ ,1 246 B - C 20,0 1,0 RAMO C - D Fl 2'½ ,1 246 C - E 40,0 1,0 RAMO E - F Fl 2'½ ,1 246 E - G 40,0 1,0 Terminale Fl 2' ,9 122 Idrante con bocchello da 12 mm - KV= 72 Pressione disponibile al terminale mm - (2,7 Bar) (0,27 MPa) Derivato da C - E Nome Lun. L.eq. Out Tubo Ø D.P. SumDP Vel. Lt/1' RAMO E - F 5,0 1,0 Terminale Fl 1'½ ,5 124 Idrante con bocchello da 12 mm - KV= 72 Pressione disponibile al terminale mm - (2,7 Bar) (0,27 MPa) Nome Lun. L.eq. Out Tubo Ø D.P. SumDP Vel. Lt/1' RAMO C - D 5,0 1,0 Terminale Fl 1'½ ,0 0 Idrante con bocchello da 12 mm - KV= 72 Portata nulla Nome Lun. L.eq. Out Tubo Ø D.P. SumDP Vel. Lt/1' RAMO B 2,0 1,0 Terminale Fl 1'½ ,0 0 Buschini Arch. Maurizio

COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI

COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI Con la costituzione dei nuovi filtri in adiacenza ai vani scala a prova di fumo, si prevede lo spostamento degli idranti attualmente esistenti all'interno dei vani filtro sopra

Dettagli

Comando Rieti, maggio 2010

Comando Rieti, maggio 2010 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO IMPIANTI DI SPEGNIMENTO AD IDRANTI Comando Rieti, maggio 2010

Dettagli

Impianto Antincendio. 1 di 5

Impianto Antincendio. 1 di 5 1 Impianto Antincendio 1. 01 Allestimento di cantiere comprensivo di apposizione di segnaletica di sicurezza, apposizione di cartello di cantiere indicante lavori da eseguire, committente, impresa e quant'altro,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO Premessa Attualmente all interno della struttura è già presente un impianto di estinzione incendi costituito da idranti UNI45; si provvederà ad

Dettagli

MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua.

MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua. MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua. 9 4 6 5 7 3 8 1 2 1. Strumento base MP7 UNI 2. Attacco UNI 45

Dettagli

SOMMARIO. 44-EIDRT004 VVF.doc 1/9

SOMMARIO. 44-EIDRT004 VVF.doc 1/9 SOMMARIO... 2 1.1 Premessa... 2 1.2 Riferimenti normativi... 2 1.3 Caratteristiche generali dell impianto e prestazioni garantite... 2 1.4 Caratteristiche generali della rete.... 5 1.5 Progettazione ed

Dettagli

RETI IDRANTI UNI 10779-07. A cura di BM SISTEMI srl. Progettazione, Installazione ed Esercizio

RETI IDRANTI UNI 10779-07. A cura di BM SISTEMI srl. Progettazione, Installazione ed Esercizio RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed Esercizio UNI 10779-07 A cura di BM SISTEMI srl Introduzione La progettazione e l installazione delle reti idranti è regolata in Italia dalla norma UNI 10779.

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO IMPIANTO ANTINCENDIO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO IMPIANTO ANTINCENDIO Comune di Offida Lavori di: Legge 27 dicembre 2002 n. 289, art. 21 comma 80 PIANO STRAORDINARIO PER LA MESSA IN SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI Delibera CIPE n. 143/2006 di approvazione del II programma

Dettagli

ALLEGATO 1 (al Capitolato Speciale d Appalto)

ALLEGATO 1 (al Capitolato Speciale d Appalto) ALLEGATO 1 (al Capitolato Speciale d Appalto) PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO NEGLI IMMOBILI DELL'AMMINISTRAZIONE REGIONALE ELENCO PREZZI UNITARI

Dettagli

Impianti di estinzione incendi Reti di idranti Progettazione, installazione ed esercizio

Impianti di estinzione incendi Reti di idranti Progettazione, installazione ed esercizio NORMA ITALIANA Impianti di estinzione incendi Reti di idranti Progettazione, installazione ed esercizio UNI 10779 Fire fighting equipment Hydrants systems - Design, installation and operation SETTEMBRE

Dettagli

MICHELE BATTEZZATI MICHELE BATTEZZATI. Forniture generali per acquedotti e fognature ANTINCENDIO

MICHELE BATTEZZATI MICHELE BATTEZZATI. Forniture generali per acquedotti e fognature ANTINCENDIO MICHELE ATTEZZATI ANTINCENDIO ANTINCENDIO CASSETTE COMPLETE Art. 55A - 55-55C CASSETTA ANTINCENDIO PER ESTERNI IN LAMIERA Il sistema è composto da: Cassetta da esterni in lamiera verniciata rossa. Lastra

Dettagli

TECHNOLOGIES 2000 S.r.l. via Baldinucci, 14/a - 59100 Prato pag. 2

TECHNOLOGIES 2000 S.r.l. via Baldinucci, 14/a - 59100 Prato pag. 2 via Baldinucci, 14/a - 59100 Prato pag. 2 D E S C R I Z I O N E D E L L' A R T I C O L O di misura P R E Z Z O UNITARIO Nr. 1 Fornitura e posa in opera di nr. 1 GRUPPO PRESSURIZZAZIONE ANTINCENDIO a norma

Dettagli

Argomento Idranti. Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale. Docente. n.marotta@ing.unipi.it

Argomento Idranti. Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale. Docente. n.marotta@ing.unipi.it Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» Argomento Idranti Docente n.marotta@ing.unipi.it Impianti di protezione attiva antincendi Gli impianti di protezione

Dettagli

M A T E R I A L E POMPIERISTICO

M A T E R I A L E POMPIERISTICO L A N C E U NI 25 / 4 5 A N O R M A U NI 671/1-2 NOTE GENERALI: Portata minima per idranti a muro con tubazioni flessibili fino a DN52 secondo UNI EN 671-2. I valori di portata sia nella posizione a getto

Dettagli

1. RIFERIMENTI NORMATIVI

1. RIFERIMENTI NORMATIVI Pag. 1 1. RIFERIMENTI NORMATIVI Agli impianti idrici antincendio si applicano le seguenti norme tecniche: Norma UNI 10779 "Impianti di estinzione incendi: Reti di Idranti" (Luglio 2007) Norma UNI EN 12845

Dettagli

DESCRIZIONE DEI PREZZI UNITARI

DESCRIZIONE DEI PREZZI UNITARI ELENCO PREZZI DESCRIZIONE DEI PREZZI UNITARI Tutti i materiali, le apparecchiature, di seguito elencati, si intendono dati in opera con ogni lavorazione, con la sola esclusione delle opere in muratura

Dettagli

I sistemi a norma UNI EN 12845. Curva caratteristica Pompa principale per sistemi di pressurizzazione idrica antincendio a norme UNI EN 12845

I sistemi a norma UNI EN 12845. Curva caratteristica Pompa principale per sistemi di pressurizzazione idrica antincendio a norme UNI EN 12845 Curva caratteristica Pompa principale per sistemi di pressurizzazione idrica antincendio a norme UNI EN 12845 Tipologie di pompe ammesse: 1. Pompe base-giunto di tipo back Pull-out 2. Pompe base-giunto

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

AREA FUNZIONALE TECNICA U.O. NUOVE OPERE Piazza Giovanni XXIII 51100 PISTOIA Telefono 0573/3521 352070 Fax 352059 E mail: e.tesi@usl3.toscana.

AREA FUNZIONALE TECNICA U.O. NUOVE OPERE Piazza Giovanni XXIII 51100 PISTOIA Telefono 0573/3521 352070 Fax 352059 E mail: e.tesi@usl3.toscana. Opere per adeguamento normativo ai fini della prevenzione incendi del fabbricato uso uffici e ambulatori dell Azienda Usl. 3 di Pistoia ubicato in viale Matteotti nc. 19 Pistoia di Progetto rete idrica

Dettagli

1. Premessa. 2. Descrizione degli impianti antincendio

1. Premessa. 2. Descrizione degli impianti antincendio Sommario 1. Premessa...2 2. Descrizione degli impianti antincendio...2 3. Centrali antincendio...4 4. Locali destinati ad ospitare i gruppi di pressurizzazione (Osservanza della norma UNI 11292 - Agosto

Dettagli

NORME DI RIFERIMENTO

NORME DI RIFERIMENTO NORME DI RIFERIMENTO Gli impianti e i relativi componenti devono rispettare, ove di pertinenza, le prescrizioni contenute nelle seguenti norme di riferimento, comprese eventuali varianti, aggiornamenti

Dettagli

IMPIANTI IDRAULICI ED ANTINCENDIO PROGETTO ESECUTIVO

IMPIANTI IDRAULICI ED ANTINCENDIO PROGETTO ESECUTIVO SETTORE LAVORII PUBBLIICII E MANUTENZIIONE DEL PATRIIMONIIO REALIZZAZIONE DEL NUOVO MAGAZZINO COMUNALE IN REGIONE DENTE RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA E CALCOLI ESECUTIVI (articolo 37 e 39 del Decreto

Dettagli

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)]

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] A seguito dell incontro del 20 marzo u.s. e degli accordi presi a maggioranza dei presenti, si trasmette la modifica del calendario

Dettagli

Pressurizzazione idrica

Pressurizzazione idrica Pioneering for for You You Brochure informativa Informazioni per per progettisti di di impianti termotecnici Una Una garanzia per per il il futuro. Stratos GIGA, Stratos e e Yonos Yonos MAXO. Pressurizzazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI MILANO Settore Edilizia Scolastica GRUPPO 1 - ZONA 2 - SCUOLA N 1170 -------- RELAZIONE DESCRITTIVA DELLE OPERE DA REALIZZARE PER L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO E ADDUZIONE GAS NEL

Dettagli

Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione

Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 27 settembre

Dettagli

Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845

Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845 Allegato A05 - Impianti idrici-antincendio Scheda n. 1 Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845 02.01 Lettura manometri acqua, condotte principali. Ispezione visiva

Dettagli

L impianto è a servizio dell attività: Sita in: Progettazione a cura di:

L impianto è a servizio dell attività: Sita in: Progettazione a cura di: Pag. 1 RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO DI UN IMPIANTO DI SPEGNIMENTO IDRICO AD IDRANTI L impianto è a servizio dell attività: Sita in: Proprietà: Timbro e Firma del legale rappresentante della proprietà:

Dettagli

RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO DI UN IMPIANTO DI SPEGNIMENTO IDRICO AD IDRANTI

RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO DI UN IMPIANTO DI SPEGNIMENTO IDRICO AD IDRANTI Pag. 1 RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO DI UN IMPIANTO DI SPEGNIMENTO IDRICO AD IDRANTI L impianto è a servizio dell attività: Albergo Sita in: Via Rivoltana 98 - Segrate (MI) Proprietà: Car Touring S.r.l.

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Decreto Ministero dell interno 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987) Il testo del presente

Dettagli

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione.

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione contenute

Dettagli

RELAZIONE DELLA RETE IDRICA E ANTINCENDIO

RELAZIONE DELLA RETE IDRICA E ANTINCENDIO RELAZIONE DELLA RETE IDRICA E ANTINCENDIO INDICE 1 PREMESSE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 GENERALITA SULL IMPIANTO... 6 4 CONDOTTE... 6 4.1 Rete idrica-antincendio ed allacciamenti secondari...

Dettagli

accessori acquedotti accessori acquedotti idranti saracinesche saracinescheantincendio saracinesche

accessori acquedotti accessori acquedotti idranti saracinesche saracinescheantincendio saracinesche NASTRO SEGNALATORE collari collari /cad 14,00 RETE DI SEGNALAZIONE ACCESSORI ACQUEDOTTI ED ANTINCENDIO,,, collari SCRIZIONE /cad RETE GIALLA TUBO GAS DIM h.250x250 mt. CON FILO RILEVATORE IN 168,90 RETE

Dettagli

CATALOGO - LISTINO 2014 FIRE TRADE CATALOGO - LISTINO 2014

CATALOGO - LISTINO 2014 FIRE TRADE CATALOGO - LISTINO 2014 CATALOGO - LISTINO 2014 n t i n c e n d i o A i s t e m i S e r t i c o l i A FIRE TRADE LBL Sales & Promotion (FIRE TRADE) Via Cairoli, 5-20010 Cornaredo MI - Italy Tel.: + 39 02 93563681 - Fax: + 39

Dettagli

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione D.M.Interno del 16/05/87, n.246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato

Dettagli

NELL AMBITO DELL OPERA DI

NELL AMBITO DELL OPERA DI f di Maurizio Livraghi, Tecnoprogen srl MEGASTORE A MILANO IMPIANTO SPRINKLER E IDRANTI NELL AMBITO DELL OPERA DI RISTRUTTURAZIONE DI UNA STORICA SALA CINEMATOGRAFICA, RICONVERTITA IN MEGASTORE NEL CENTRO

Dettagli

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (G.U. 27-06-1987, n. 148, Serie Generale) Preambolo IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941,

Dettagli

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Preambolo Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Il Ministro dell'interno

Dettagli

sig. Pietro Tamburrino

sig. Pietro Tamburrino Pag. 1 COMUNE dii PONTELATONE CE RELAZIONE TECNICA e dii CALCOLO IMPIANTO dii SPEGNIMENTO IDRICO ad IDRANTI UNI 45 L impianto sarà a servizio di: Sita in: STRUTTURA COMMERCIALE PONTELATONE CE - Località

Dettagli

Comuni di Sirolo e Numana

Comuni di Sirolo e Numana Progettista: Arch Giorgio Pagnoni LUGLIO 2012 RELAZIONE TECNICA IMPIANTO RISCALDAMENTO I STRALCIO FUNZIONALE Service & Consulting Immobiliare srl - Via Trieste n 21-60124 Ancona - tel 071 3580027 PROGETTO

Dettagli

DIMENSIONAMENTO IMPIANTO ANTINCENDIO D.2

DIMENSIONAMENTO IMPIANTO ANTINCENDIO D.2 PROGETTAZIONE ESECUTIVA PER L ESECUZIONE DEI LAVORI DI REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO MECCANICO E BIOLOGICO DELLA FRAZIONE RESIDUALE E DELLA FRAZIONE ORGANICA DEI RIFIUTI URBANI DA REALIZZARE

Dettagli

IMPIANTI IDROSANITARI ED ANTINCENDIO

IMPIANTI IDROSANITARI ED ANTINCENDIO CAPITOLO 17 IMPIANTI IDROSANITARI ED ANTINCENDIO CODICE DESCRIZIONE DELL ARTICOLO UNITA DI MISURA PREZZO IN EURO 17.1 17.1.1 17.1.2 17.1.3 17.1.4 17.1.5 17.1.6 Fornitura di vasca da bagno sul luogo di

Dettagli

D.M. n 246 del 16 maggio 1987

D.M. n 246 del 16 maggio 1987 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato al presente decreto. Sono

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO RETI ANTINCENDIO. Le apparecchiature e gli impianti di estinzione degli incendi saranno realizzati a regola d'arte.

RELAZIONE DI CALCOLO RETI ANTINCENDIO. Le apparecchiature e gli impianti di estinzione degli incendi saranno realizzati a regola d'arte. RELAZIONE DI CALCOLO RETI ANTINCENDIO MEZZI ED IMPIANTI DI ESTINZIONE DEGLI INCENDI Generalità Le apparecchiature e gli impianti di estinzione degli incendi saranno realizzati a regola d'arte. Estintori

Dettagli

PREZZO UNITARIO [ ] in cifre. Articolo CATEGORIE DI LAVORO RIFERITE ALL'ELENCO DESCRITTIVO DELLE VOCI. PRODOTTO [ ] (quantità x prezzo) N.

PREZZO UNITARIO [ ] in cifre. Articolo CATEGORIE DI LAVORO RIFERITE ALL'ELENCO DESCRITTIVO DELLE VOCI. PRODOTTO [ ] (quantità x prezzo) N. N. Codice U.M. Q.tà in cifre IMPIANTO ANTINCENDIO, DI ACCUMULO E PRESSURIZZAZIONE I.S.I.S. MOZZALI "SEZIONE E SEDE" Fornitura e posa in opera di rete di idranti con sviluppo planimetrico come risulta dalle

Dettagli

SymCAD/C.A.T.S. modulo Antincendio

SymCAD/C.A.T.S. modulo Antincendio SymCAD/C.A.T.S. modulo Antincendio Potente ed aggiornato strumento di progettazione di reti idranti e sprinkler secondo le norme UNI EN 12845, UNI 10779 e NFPA 13 - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Dettagli

53 - IMPIANTI ED APPARECCHIATURE ANTINCENDIO

53 - IMPIANTI ED APPARECCHIATURE ANTINCENDIO pag. 124 53 - IMPIANTI ED APPARECCHIATURE ANTINCENDIO Nr. 780 S53.A10.001 Nr. 781 S53.A10.002 Nr. 782 S53.A10.004 Nr. 783 S53.A10.006 Nr. 784 S53.A10.009 Estintore portatile a polvere polivalente - Kg

Dettagli

IMPIANTI ANTINCENDIO A SCHIUMA

IMPIANTI ANTINCENDIO A SCHIUMA Il premescolatore detto anche a spostamento di liquido, è costituito da un serbatoio in acciaio collaudato, marcato CE. Nel suo interno vi è una membrana in materiale sintetico resistente alla corrosione

Dettagli

CATEGORIE DI LAVORO RIFERITE. PREZZO UNITARIO [ ] N. Codice ALL'ELENCO DESCRITTIVO DELLE VOCI U.M. Q.tà

CATEGORIE DI LAVORO RIFERITE. PREZZO UNITARIO [ ] N. Codice ALL'ELENCO DESCRITTIVO DELLE VOCI U.M. Q.tà IMPIANTO ANTINCENDIO, DI ACCUMULO E PRESSURIZZAZIONE Fornitura e posa in opera di rete di idranti con sviluppo planimetrico come risulta dalle tavole di progetto allegate, da realizzarsi conformemente

Dettagli

Provincia di Lecce PROGETTO ESECUTIVO

Provincia di Lecce PROGETTO ESECUTIVO CITTÀ DI MELISSANO Provincia di Lecce RISTRUTTURAZIONE E MESSA IN SICUREZZA DELL'EDIFICIO SCOLASTICO "ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE - SCUOLA SECONDARIA I GRADO" DI VIA FELLINE - MELISSANO (LE) PROGETTO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI E' previsto il rifacimento di tutti i corpi bagni. Gli apparecchi sanitari previsti nella progettazione edile, sono delle seguenti tipologie: vaso del tipo a

Dettagli

ALLEGATO A - Elenco e descrizione della fornitura

ALLEGATO A - Elenco e descrizione della fornitura Direzione Generale Servizio antinceno, protezione civile e infrastrutture ALLEGATO A - Elenco e descrizione della fornitura Procedura negoziata per l'affidamento della fornitura Manichette, tubazioni e

Dettagli

BANCO PROVA AUTOMATICO PER POMPE VOLUMETRICHE ACQUA FINO A 30 KW POMPE PER IRRORAZIONE POMPE PER IDROPULITRICI

BANCO PROVA AUTOMATICO PER POMPE VOLUMETRICHE ACQUA FINO A 30 KW POMPE PER IRRORAZIONE POMPE PER IDROPULITRICI BANCO PROVA AUTOMATICO PER POMPE VOLUMETRICHE ACQUA FINO A 30 KW POMPE PER IRRORAZIONE POMPE PER IDROPULITRICI Caratteristiche generali Banco prova per pompe volumetriche acqua a pistoni Prova di pompe

Dettagli

PROGETTO IMPIANTI ANTINCENDIO - RETE IDRANTI E B.I. I N D I C E PREMESSA E GENERALITA... 1 1) IMPIANTO A RETI IDRANTI ESTERNE E B.I...

PROGETTO IMPIANTI ANTINCENDIO - RETE IDRANTI E B.I. I N D I C E PREMESSA E GENERALITA... 1 1) IMPIANTO A RETI IDRANTI ESTERNE E B.I... CAPITOLATO SPECIALE PROGETTO IMPIANTI ANTINCENDIO - RETE IDRANTI E B.I. I N D I C E PREMESSA E GENERALITA... 1 1) IMPIANTO A RETI IDRANTI ESTERNE E B.I.... 1 1.1.1) TIPO DI IMPIANTO... 1 1.1.2) UBICAZIONE

Dettagli

Sistema Multistrato Fluxo Gas. Sistema multistrato in PEX/AL/PEX per distribuzione di gas gpl o metano nelle abitazioni domestiche

Sistema Multistrato Fluxo Gas. Sistema multistrato in PEX/AL/PEX per distribuzione di gas gpl o metano nelle abitazioni domestiche FOGNATURA SANITARIO VENTILAZIONE SCARICO IDROSANITARIO RADIANTE ADDUZIONE RECUPERO Sistema Multistrato Fluxo Gas Sistema multistrato in PEX/AL/PEX per distribuzione di gas gpl o metano nelle abitazioni

Dettagli

Elenco dei Corpi d'opera. Corpo d'opera 03OPERE IMPIANTISTICHE. Unità tecnologiche 03 OPERE IMPIANTISTICHE

Elenco dei Corpi d'opera. Corpo d'opera 03OPERE IMPIANTISTICHE. Unità tecnologiche 03 OPERE IMPIANTISTICHE Elenco dei Corpi d'opera 03 OPERE IMPIANTISTICHE Corpo d'opera 03OPERE IMPIANTISTICHE Unità tecnologiche 01 Impianto riscaldamento 02 Impianto smaltimento acque usate e meteoriche 03 Impianto antincendio

Dettagli

INDICE 1 RIFERIMENTI NORMATIVI 2 GENERALITA SULL IMPIANTO. 2.1 Componenti dell impianto. 2.2 Tubazioni antincendio

INDICE 1 RIFERIMENTI NORMATIVI 2 GENERALITA SULL IMPIANTO. 2.1 Componenti dell impianto. 2.2 Tubazioni antincendio INDICE 1 RIFERIMENTI NORMATIVI 2 GENERALITA SULL IMPIANTO 2.1 Componenti dell impianto 2.2 Tubazioni antincendio 2.3 Attacchi per mandata per motopompa 2.4 Custodia delle bocche di incendio 2.5 Estintori

Dettagli

COMUNE DI BOLLATE (Provincia di Milano) AREA QUALITA' URBANA SERVIZIO LAVORI PUBBLICI RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI BOLLATE (Provincia di Milano) AREA QUALITA' URBANA SERVIZIO LAVORI PUBBLICI RELAZIONE TECNICA ANDREA ARCHITETTO NADALINI COMUNE DI BOLLATE (Provincia di Milano) AREA QUALITA' URBANA SERVIZIO LAVORI PUBBLICI RELAZIONE TECNICA PROGETTO ESECUTIVO SCUOLA DI VIA DIAZ INTEGRAZIONE RETE IDRANTI MILANO

Dettagli

6.1. Componenti Obbligatori - Fornibili a Richiesta. Riduzioni Eccentriche

6.1. Componenti Obbligatori - Fornibili a Richiesta. Riduzioni Eccentriche 6.1 Componenti Obbligatori - Fornibili a Richiesta Riduzioni Eccentriche Riduzioni eccentriche flangiate da installare in aspirazione delle pompe principali, sono complete di stacco da ¼ con valvola a

Dettagli

MULTI-HE MONOFASE CAMPO DI IMPIEGO APPLICAZIONI VANTAGGI. Portata max: 10 m 3 /h

MULTI-HE MONOFASE CAMPO DI IMPIEGO APPLICAZIONI VANTAGGI. Portata max: 10 m 3 /h CAMPO DI IMPIEGO Portata max: m 3 /h Prevalenza max: 8 mc.a. Pressione d esercizio max: bar Pressione in aspir. max: 6 bar Temperatura d esercizio: da a + 1 C* Temperatura ambiente max: + 4 C DN Attacchi:

Dettagli

Centrale termica per EcoBongas

Centrale termica per EcoBongas Centrale termica per EcoBongas Istruzioni di montaggio Centrale termica per BCC 80 singola e in cascata Centrale termica per BCC 120 singola e in cascata Centrale termica per BCC 160 singola e in cascata

Dettagli

CATALOGO LISTINO 2014

CATALOGO LISTINO 2014 CATALOGO LISTINO 2014 Articoli per antincendio INDICE 3 Lance certificate 66 Gruppi autopompa in linea 67 Gruppi autopompa di mandata 4 Naspi DN 25 CE 68 Gruppi autopompa e valvole di sicurezza 8 Naspi

Dettagli

http://www.vigilfuoconole.it/normativa/1983-dm-30-11-83-simboli.htm

http://www.vigilfuoconole.it/normativa/1983-dm-30-11-83-simboli.htm Pagina 1 Decreto Ministeriale 30 novembre 1983 Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi (Gazzetta Ufficiale n. 339 del 12 dicembre 1983) IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la

Dettagli

Sistemi di pressurizzazione Idrica a norma UNI EN 12845. Milano 26 Ottobre 2011

Sistemi di pressurizzazione Idrica a norma UNI EN 12845. Milano 26 Ottobre 2011 Sistemi di pressurizzazione Idrica a norma UNI EN 12845 Milano 26 Ottobre 2011 Salmson la leggenda Un marchio, oltre un secolo di storia 1896 : Emile SALMSON «SA» fabbrica pompe e compressori centrifughi

Dettagli

10006 MOTOPOMPA PORTATILE WILDFIRE MINI STRIKER / MOSKITO

10006 MOTOPOMPA PORTATILE WILDFIRE MINI STRIKER / MOSKITO 10006 MOTOPOMPA PORTATILE WILDFIRE MINI STRIKER / MOSKITO Pompa Centrifuga mono stadio con corpo e girante in lega leggera Avviamento Manuale a strappo Questa pompa è progettata per un utilizzo dove viene

Dettagli

Serie GEN con Motopompe. 50 Hz

Serie GEN con Motopompe. 50 Hz Hz Serie GEN con Motopompe GRUPPI DI PRESSIONE ANTINCENDIO EN 1284, ELETTROPOMPE CON MOTORI AD ALTA EFFICIENZA E MOTOPOMPE CENTRIFUGHE ORIZZONTALI SERIE FHF e SHF Cod. 19146 Rev ev.a.a Ed.11/211 2 SOMMARIO

Dettagli

THE NEW FIRE PROTECTION SYSTEM IS

THE NEW FIRE PROTECTION SYSTEM IS THE NEW FIRE PROTECTION SYSTEM IS BY SISTEMA PROGETTATO IN RIFERIMENTO ALLA UNI 11292 Locali destinati ad ospitare gruppi di pompaggio per antincendio. Quest ultima specifica i requisiti costruttivi e

Dettagli

IMPIANTO IDRICO-SANITARIO. Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì

IMPIANTO IDRICO-SANITARIO. Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì IMPIANTO IDRICO-SANITARIO I AGGIORNAMENTO 14/12/2013 GENERALITÀ L impianto idrico-sanitario comprende:

Dettagli

Relazione tecnica di prevenzione incendi 1

Relazione tecnica di prevenzione incendi 1 1. RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI... 2 1.1. PREMESSA... 2 1.2 ACCESSIBILITÀ PER I DISABILI... 3 2. GENERALITA... 4 2.1. PRESIDI PASSIVI ANTINCENDIO... 4 2.2 SISTEMA DI RIVELAZIONE INCENDIO...

Dettagli

Gruppo Sfera Gruppi serie GXS, GMD, GTKS, GHV

Gruppo Sfera Gruppi serie GXS, GMD, GTKS, GHV Hz Gruppo Sfera Gruppi serie GXS, GMD, GTKS, GHV GRUPPI DI PRESSIONE PER USO RESIDENZIALE Cod. 191 Rev ev.b.b Ed.3/1 SOMMARIO Introduzione generale...3 Descrizione del funzionamento... Scelta e selezione...

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4 Sommario 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2 2. Descrizione degli interventi... 4 2.1 Impianto protezione idrica antincendio... 4 2.1.1 Rete idranti... 4 2.1.2 Sostituzione del gruppo di pressurizzazione

Dettagli

ATTACCO DI MANDATA PER AUTOMPOMPA Pressione massima 1.2 MPa RETE

ATTACCO DI MANDATA PER AUTOMPOMPA Pressione massima 1.2 MPa RETE 2.3 TUBAZIONI PER IDRANTI E NASPI Le tubazioni flessibili antincendio saranno conformi alla UNI EN 14540 (DN 45) e alla UNI 9487 (DN 70). 2.4 ATTACCHI DI MANDATA PER AUTOPOMPA Ogni attacco per autopompa

Dettagli

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Attività n. 95 di cui alla tabella allegata al D.M. 16 febbraio 1982 A questo punto, con l entrata in vigore del DPR 151/2011, bisogna precisare: ALLEGATO II DPR 151/2011 (di

Dettagli

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Impianti di estinzione incendi RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed esercizio UNI 10779 - Luglio 2007 Vicenza: aprile 2008 relatore: Giuseppe Ing.

Dettagli

1.2. ALTEZZA DEI PIANI. Altezza massima misurata tra pavimento e intradosso del soffitto.

1.2. ALTEZZA DEI PIANI. Altezza massima misurata tra pavimento e intradosso del soffitto. ESPRESSIONI SPECIFICHE DELLA PREVENZIONE INCENDI ( ESTRATTO DEL D.M. 30 NOVEMBRE 1983 ) Ai fini di un uniforme linguaggio ed uniforme applicazione delle norme emanate, si è rilevata la necessità di determinare

Dettagli

COMUNE DI LIZZANO PROVINCIA DI TARANTO

COMUNE DI LIZZANO PROVINCIA DI TARANTO COMUNE DI LIZZANO PROVINCIA DI TARANTO PROGETTO ESECUTIVO ADEGUAMENTO DELLA CENTRALE TERMICA E DELL'IMPIANTO DI RISCALDAMENTO DELL'ISTITUTO COMPRENSIVO "ALESSANDRO MANZONI" - PLESSO A. MANZONI ANALISI

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Napoli Programma Operativo Interregionale

Dettagli

www.buildingthefuture.it

www.buildingthefuture.it Oggetto via Orly, n. 327 Campi Bisenzio Impianti di riscaldamento, condizionamento, idrico sanitario, adduzione EDIFICIO INDUSTRIALE Zona Lavori L'offerta comprende la fornitura e posa in opera di : A

Dettagli

SIL. ELETTROPOMPE IN-LINE SINGOLE Riscaldamento - Condizionamento Ricircolo acqua calda sanitaria 50 Hz CAMPO DI IMPIEGO APPLICAZIONI VANTAGGI

SIL. ELETTROPOMPE IN-LINE SINGOLE Riscaldamento - Condizionamento Ricircolo acqua calda sanitaria 50 Hz CAMPO DI IMPIEGO APPLICAZIONI VANTAGGI CAMPO DI IMPIEGO Portata fino a: m /h Prevalenza fino a: mc.a. Press. max d esercizio: bar fino a + C bar fino a + C Temperatura d esercizio: da a + C DN attacchi : da a SIL ELETTROPOMPE IN-LINE SINGOLE

Dettagli

L edificio è costituito da un unico compartimento costituito dal piano interrato destinato a ricovero autoveicoli.

L edificio è costituito da un unico compartimento costituito dal piano interrato destinato a ricovero autoveicoli. Relazione tecnica relativa alla realizzazione di autorimessa annessa a nuovo edificio di civile abitazione (DM 1 febbraio 1986 G.U. n. 38 del 15 febbraio 1986) 1.1 Classificazione Trattasi di autorimessa

Dettagli

CITTA di TORINO DIREZIONE SERVIZI TECNICI PER L EDILIZIAPUBBLICA SERVIZIO EDILIZIA SCOLASTICA OGGETTO DEI LAVORI

CITTA di TORINO DIREZIONE SERVIZI TECNICI PER L EDILIZIAPUBBLICA SERVIZIO EDILIZIA SCOLASTICA OGGETTO DEI LAVORI Agg. 14.10.2014 CITTA di TORINO DIREZIONE SERVIZI TECNICI PER L EDILIZIAPUBBLICA SERVIZIO EDILIZIA SCOLASTICA via BAZZI n. 4 telefono 011/442.6260 telefax 011/442.6177 OGGETTO DEI LAVORI MANUTENZIONE STRAORDINARIA

Dettagli

RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO DI PORZIONE DI EDIFICIO STORICO DENOMINATO Cà BERIZZI IN LOCALITA REGORDA NEL COMUNE DI CORNA IMAGNA

RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO DI PORZIONE DI EDIFICIO STORICO DENOMINATO Cà BERIZZI IN LOCALITA REGORDA NEL COMUNE DI CORNA IMAGNA COMUNE DI CORNA IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO DI PORZIONE DI EDIFICIO STORICO DENOMINATO Cà BERIZZI IN LOCALITA REGORDA NEL COMUNE DI CORNA IMAGNA PROGETTO ESECUTIVO IMPIANTO

Dettagli

TOTALE 272,22 Incidenza Oneri Sicurezza 8,17 (3 % su 272,22) 13% SPESE GENERALI SU 272,22 35,39 10% UTILE IMPRESA SU 307,61 30,76 PREZZO 338,37

TOTALE 272,22 Incidenza Oneri Sicurezza 8,17 (3 % su 272,22) 13% SPESE GENERALI SU 272,22 35,39 10% UTILE IMPRESA SU 307,61 30,76 PREZZO 338,37 INGG SALVATORE CATALANO & ORAZIO URSO Pag. 1 1) IA.002 Fornitura e posa in opera di idrante ant A.001 Operaio specializzato h 24,07 3 72,21 A.003 Operaio comune h 20,19 3 60,57 C.040 cassetta in lamiera

Dettagli

Termoregolatori auto-servoazionati a pilota 37D e 37DE

Termoregolatori auto-servoazionati a pilota 37D e 37DE TI-P102-01 CH Ed. 4 IT - 2006 Termoregolatori auto-servoazionati a pilota 37D e 37DE Descrizione Le valvole 37D sono dei regolatori di temperatura a pilota per l utilizzo su applicazioni di scambio termico

Dettagli

Codice Codice Fornitore Descrizione u.m Prezzo

Codice Codice Fornitore Descrizione u.m Prezzo VALVOLA DI SICUREZZA QUALIFICATA E TARATA (527) CALE0001 527430 VALVOLA DI SICUREZZA 3 BAR 1/2 F. x 3/4 F. PZ 53,550 CALE0120 527460 VALVOLA DI SICUREZZA 6 BAR 1/2 F. x 3/4 F. PZ 53,550 CALE0002 527530

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI GRANDI STAZIONI S.p.A. Via Giolitti, 34 00185 - Roma LAVORI- - Impianti Meccanici - Edificio 5 - Piano Terra - Opere Propedeutiche per riallocazione di terzi utilizzatori in sedi provvisorie o definitive.

Dettagli

livello progettazione: Relazione Impianto Idrico Fognante ing. Antonello DE STASIO Geom. Angelo CASOLI ing. Renato Mario PAVIA

livello progettazione: Relazione Impianto Idrico Fognante ing. Antonello DE STASIO Geom. Angelo CASOLI ing. Renato Mario PAVIA COMUNE DI TROIA (Provincia di Foggia) denominazione progetto: Fondo Per lo Sviluppo e Coesione 2007-2013 Accordo di programma quadro "Settore Aree Urbane - Città" Realizzazione di n. 18 alloggi di edilizia

Dettagli

PORTELLI PER RIVESTIMENTO IDRANTI A MURO E NASPI

PORTELLI PER RIVESTIMENTO IDRANTI A MURO E NASPI PORTELLI PER RIVESTIMENTO IDRANTI A MURO E NASPI Art. 715/A Portello uniform New Basic sigillabile per rivestimento idranti a muro Per installazione idranti a muro in nicchia - forma A secondo UNI EN 671-2

Dettagli

COMUNITA MONTANA ALBURNI AREA TECNICA - Ufficio Gare e Contratti -

COMUNITA MONTANA ALBURNI AREA TECNICA - Ufficio Gare e Contratti - COMUNITA MONTANA ALBURNI AREA TECNICA - Ufficio Gare e Contratti - P.S.R. 2007/2013 Misura 226 Azione d) (Acquisto di attrezzature e mezzi innovativi per il potenziamento degli interventi di prevenzione

Dettagli

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO...

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... 2 1.1 IMPIANTO DI SCARICO... 2 1.1.1 Calcolo delle Unità di scarico... 3 1.2 IMPIANTO IDROSANITARIO... 5 1.2.1 Alimentazione...

Dettagli

Raccordi e valvole in PE a saldare. condotte gas, antincendio e acqua in pressione

Raccordi e valvole in PE a saldare. condotte gas, antincendio e acqua in pressione Raccordi e valvole in PE a saldare condotte gas, antincendio e acqua in pressione Listino GIALLO 11-6 Marzo 2011 Indice INTRODUZIONE LISTINO PREZZI Indice............................................ Pag.

Dettagli

18.2.6.3 Pompe antincendio azionate da motore elettrico. 18.2.7 Dispositivi di prova e funzionamento. in funzione. Tubazioni

18.2.6.3 Pompe antincendio azionate da motore elettrico. 18.2.7 Dispositivi di prova e funzionamento. in funzione. Tubazioni 18.2.6.3 Pompe antincendio azionate da motore elettrico Ogni interruttore sull'alimentazione elettrica dedicato al motore elettrico del}a pompa antincendio deve essere etichettato come segue: "ALIMENTAZIONE

Dettagli

Raccordi e valvole in PE a saldare. condotte gas, antincendio e acqua in pressione

Raccordi e valvole in PE a saldare. condotte gas, antincendio e acqua in pressione Raccordi e valvole in PE a saldare condotte gas, antincendio e acqua in pressione Listino GIALLO 12-3 Aprile 2012 Indice INTRODUZIONE LISTINO PREZZI Indice.... Pag. 3 Elenco prodotti... Pag. 4 Simboli

Dettagli

Prestazioni Rotore di taglio con effetto agitazione

Prestazioni Rotore di taglio con effetto agitazione Applicazioni Le pompe sommerse con sistema di taglio MultiCut vengono impiegate come stazioni fisse nella protezione di abitazioni singole e negli impianti di sollevamento. Sono indicate per l estrazione

Dettagli

Roma 27 Maggio 2009. Progettare gli impianti antincendio in armonia con le regole tecniche di prevenzione incendi e le norme UNI

Roma 27 Maggio 2009. Progettare gli impianti antincendio in armonia con le regole tecniche di prevenzione incendi e le norme UNI Forum di Prevenzione Incendi Roma 27 Maggio 2009 Progettare gli impianti antincendio in armonia con le regole tecniche di prevenzione incendi e le norme UNI 1 Parte I : Progettazione dei sistemi antincendio

Dettagli

ANTINCENDIO. COMUNE DI Località. Piano Organizzativo di Sicurezza LAVORI DI MANUTENZIONE ANTINCENDIO PROVINCIA :..

ANTINCENDIO. COMUNE DI Località. Piano Organizzativo di Sicurezza LAVORI DI MANUTENZIONE ANTINCENDIO PROVINCIA :.. Via di Torre Spaccata 224/A 00169 - ROMA - Tel. 06/2382342 Fax. 06/2382340 COMUNE DI Località LAVORI DI MANUTENZIONE.. PROVINCIA :.. PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA PER I LAVORI DI MANUTENZIONE (Titolo IV

Dettagli

Componenti per la distribuzione, regolazione e controllo delle reti idriche

Componenti per la distribuzione, regolazione e controllo delle reti idriche Componenti per la distribuzione, regolazione e controllo delle reti idriche A Division of Watts Water Technologies Inc. A Division of Watts Water Technologies Inc. Una gamma completa di prodotti al vostro

Dettagli

CALDAIE A CONDENSAZIONE

CALDAIE A CONDENSAZIONE 60 CALDAIE A CONDENSAZIONE 04/2009 Mono RENDIMENTO CLASSE NOx 5 Modulo a condensazione idoneo all installazione esterna in conformità a quanto prescritto dal titolo II del D.M. 12 aprile 1996 Mono: un

Dettagli