CORSO DI FORMAZIONE PER «ADDETTI ANTINCENDIO» (AI SENSI DELD.M. 10 MARZO1998 E DELD.LGS.81/2008 E SMI)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORSO DI FORMAZIONE PER «ADDETTI ANTINCENDIO» (AI SENSI DELD.M. 10 MARZO1998 E DELD.LGS.81/2008 E SMI)"

Transcript

1 CORSO DI FORMAZIONE PER «ADDETTI ANTINCENDIO» (AI SENSI DELD.M. 10 MARZO1998 E DELD.LGS.81/2008 E SMI) ESERCITAZIONI PRATICHE ING. ALESSIO CIRRI

2 CENNI NORMATIVI RICHIAMI TEORICI ARGOMENTI DEL CORSO PRINCIPALI ATTREZZATURE ED IMPIANTI DI SPEGNIMENTO PRINCIPALI ATTREZZATURE DI PROTEZIONE INDIVIDUALE ESERCITAZIONI SULL USO DELLE ATTREZZATURE DI SPEGNIMENTO E DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

3 CENNI NORMATIVI

4 CENNI NORMATIVI D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. «TestoUnicoinmateriadisaluteesicurezzaneiluoghidilavoroes.m.i.» Art.18-Obblighideldatoredilavoroedeidirigenti 1.Ildatoredilavoro,cheesercitaleattivitàdicuiall articolo3,eidirigenti,cheorganizzanoedirigono le stesse attività secondo le attribuzioni e competenze ad essi conferite, devono: [ ]OMISSIS b) designare preventivamente i lavoratori incaricati dell attuazione delle misure di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei luoghi di lavoro in caso di pericolo grave e immediato, di salvataggio, di primo soccorso e, comunque, di gestione dell emergenza; [ ]OMISSIS h) adottare le misure per il controllo delle situazioni di rischio in caso di emergenza e dare istruzioni affinché i lavoratori, in caso di pericolo grave, immediato ed inevitabile, abbandonino il posto di lavoro o la zona pericolosa; i) informare il più presto possibile i lavoratori esposti al rischio di un pericolo grave e immediato circa il rischio stesso e le disposizioni prese o da prendere in materia di protezione;

5 CENNI NORMATIVI [ ]OMISSIS t) adottare le misure necessarie ai fini della prevenzione incendi e dell evacuazione dei luoghi di lavoro, nonché per il caso di pericolo grave e immediato, secondo le disposizioni di cui all articolo 43. Tali misure devono essere adeguate alla natura dell attività, alle dimensioni dell azienda o dell unità produttiva, e al numero delle persone presenti; [ ]OMISSIS Art. 43- Disposizioni generali relative alla Gestione delle emergenze 1.Aifinidegliadempimentidicuiall articolo18,comma1,letterat),ildatoredilavoro: a) organizza i necessari rapporti con i servizi pubblici competenti in materia di primo soccorso, salvataggio, lotta antincendio e gestione dell emergenza; b) designa preventivamente i lavoratori di cui all articolo 18, comma 1, lettera b); c) informa tutti i lavoratori che possono essere esposti a un pericolo grave e immediato circa le misure predisposte e i comportamenti da adottare; d) programma gli interventi, prende i provvedimenti e dà istruzioni affinché i lavoratori, in caso di pericolo grave e immediato che non può essere evitato, possano cessare la loro attività, o mettersi al sicuro, abbandonando immediatamente il luogo di lavoro;

6 CENNI NORMATIVI e) adotta i provvedimenti necessari affinché qualsiasi lavoratore, in caso di pericolo grave ed immediato per la propria sicurezza o per quella di altre persone e nell impossibilità di contattare il competente superiore gerarchico, possa prendere le misure adeguate per evitare le conseguenze di tale pericolo, tenendo conto delle sue conoscenze e dei mezzi tecnici disponibili; e-bis) garantisce la presenza di mezzi di estinzione idonei alla classe di incendio ed al livello di rischio presenti sul luogo di lavoro, tenendo anche conto delle particolari condizioni in cui possono essere usati. L obbligo si applica anche agli impianti di estinzione fissi, manuali o automatici, individuati in relazione alla valutazione dei rischi. 2.Aifinidelledesignazionidicuialcomma1,letterab),ildatoredilavorotienecontodelledimensioni dell azienda e dei rischi specifici dell azienda o della unità produttiva secondo i criteri previsti nei decreti di cui all articolo I lavoratori non possono, se non per giustificato motivo, rifiutare la designazione. Essi devono essere formati, essere in numero sufficiente e disporre di attrezzature adeguate, tenendo conto delle dimensioni e dei rischi specifici dell azienda o dell unità produttiva. 4. Il datore di lavoro deve, salvo eccezioni debitamente motivate, astenersi dal chiedere ai lavoratori di riprendere la loro attività in una situazione di lavoro in cui persiste un pericolo grave ed immediato.

7 Art. 46- Prevenzione incendi CENNI NORMATIVI 1. La prevenzione incendi è la funzione di preminente interesse pubblico, di esclusiva competenza statuale, diretta a conseguire, secondo criteri applicativi uniformi sul territorio nazionale, gli obiettivi di sicurezza della vita umana, di incolumità delle persone e di tutela dei beni e dell ambiente. 2. Nei luoghi di lavoro soggetti al presente decreto legislativo devono essere adottate idonee misure per prevenire gli incendi e per tutelare l incolumità dei lavoratori. [ ]OMISSIS 4. Fino all adozione dei decreti di cui al comma 3, continuano ad applicarsi i criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione delle emergenze nei luoghi di lavoro di cui al decreto del Ministro dell interno in data 10 marzo [ ]OMISSIS ALLEGATO IV- Requisiti dei luoghi di lavoro Punto 4- Misure contro l incendio e l esplosione [ ]OMISSIS

8 CENNI NORMATIVI D.M. 10 Marzo 1998 «Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro» Art. 1 -Oggetto -campo di applicazione Art. 2 - Valutazione dei rischi di incendio Art. 3 - Misure preventive, protettive e precauzionali di esercizio Art. 4 - Controllo e manutenzione degli impianti e delle attrezzature antincendio Art. 5 - Gestione dell'emergenza in caso di incendio Art. 6 - Designazione degli addetti al servizio antincendio Art. 7 - Formazione degli addetti alla prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione dell'emergenza [ ]OMISSIS

9 D.P.R. 1 Agosto 2011 n. 151 CENNI NORMATIVI «Regolamento recante semplificazione della disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione degli incendi, a norma dell'articolo 49, comma 4- quater, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122.» ATTIVITA SOGGETTE AL CONTROLLO DEI VV.FF Le attività elencate nella tabella allegata al D.P.R. 1 Agosto 2011 n. 151 sono soggette al Controllo dei Vigili del Fuoco e in particolare a seconda della categoria (A, B o C) in cui ricadono occorrerà adempiere ai relativi obblighi di legge previsti in materia di prevenzione incendi!!!!

10 RICHIAMI TEORICI

11 TRIANGOLO DEL FUOCO RICHIAMI TEORICI Condizione necessaria affinché possa verificarsi il fenomeno della combustione (ovvero che si inneschi un incendio), è la contemporanea presenza di: - COMBURENTE; - COMBUSTIBILE; - CALORE O TEMPERATURA DI ACCENSIONE. Tale condizione è rappresentata graficamente dal cosiddetto TRIANGOLO DEL FUOCO, per cui l incendio può essere innescato se risultano presenti tutti e tre i lati che compongono il triangolo e se si verificano le seguenti condizioni: - l ossigeno raggiunge un minimo di concentrazione, generalmente noninferioreal15%; -- l energia somministrata è almeno uguale o superiore a quella - minima necessaria per provocare l innesco; - il combustibile risulta entro il proprio campo di infiammabilità.

12 CLASSI DI INCENDIO RICHIAMI TEORICI Gli incendi vengono distinti in 5 classi, secondo le caratteristiche dei materiali combustibili, inaccordoconlanormaunien2:2005. CLASSE A: Fuochi da materiali solidi quali: legno, carta, tessuti, pelli, gomma e derivati, ecc.. la cui combustione genera braci. CLASSE B: Fuochi da liquidi quali: benzine, alcoli, solventi, oli minerali, eteri, ecc.. CLASSE C: Fuochi da gas quali: metano, acetilene, propano, butano, ecc.. CLASSE D: Fuochi da metalli quali: alluminio, magnesio, sodio, ecc.. CLASSE F: Fuochi che interessano mezzi di cottura quali: olio da cucina e grassi vegetali o animali.

13 RICHIAMI TEORICI Ex CLASSE E La norma UNI EN 2:2005 non comprende i fuochi di"impianti ed attrezzature elettriche sotto tensione" (vecchia classe E) in quanto, gli incendi di impianti ed attrezzature elettriche sono riconducibili alle classiaob. In particolare per stabilire se un estintore può essere utilizzato su apparecchiature sotto tensione deve essere effettuata la prova dielettrica prevista dalla norma UNI EN 3-7:2008. Tale prova non è richiesta per gli estintori a CO 2 in quanto l'anidride carbonica non è conduttrice di elettricità, ne è richiesta per quegli estintori per i quali non viene chiesto l'impiego per parti elettriche sotto tensione. Gli estintori che non sono sottoposti a prova dielettrica, o non soddisfano tali requisiti, devono riportare la seguente avvertenza:«non utilizzare su apparecchiature elettriche sotto tensione". Gli estintori portatili che utilizzano altri agenti e gli estintori a base d'acqua conformi alla norma UNI EN 3-7:2008, devono riportare l'indicazione della loro idoneità all'uso su apparecchiature elettriche sotto tensione, per esempio: "Adatto all'uso su apparecchiature elettriche sotto tensione finoa1000vadunadistanzadiunmetro".

14 RICHIAMI TEORICI MECCANISMI DI ESTINZIONE DEGLI INCENDI RAFFREDDAMENTO: abbassamento della temperatura del materiale che brucia, e dei materiali contigui e circostanti, al di sotto della temperatura di accensione del combustibile (onde evitare riaccensioni spontanee successive all azione di spegnimento a seguito del contatto di vapori combustibili con corpi caldi a temperatura superiore a quella di accensione) e, se possibile, al di sotto della temperatura di infiammabilità (ed in tal caso si renderebbe impossibile il mantenimento della combustione). SOFFOCAMENTO: Separazione tra il materiale che brucia e l aria circostante, impedendo in tal modo che l ossigeno atmosferico, miscelandosi con il combustibile, continui ad alimentare la combustione, e quindi eliminando una delle condizioni indispensabili per il mantenimento della combustione. L azione di soffocamento può anche avvenire per diluizione dell ossigeno, cioè riducendo il tenore di ossigeno presente nell atmosfera circostante l incendio al di sotto della concentrazione necessaria per poter sostenere la combustione.

15 RICHIAMI TEORICI SEPARAZIONE: Metodo indiretto di spegnimento, che si attua allontanando o segregando materialmente la sostanza combustibile non ancora interessata dalla combustione da quella già incendiata nella zona dell incendio. Tale metodo si può attuare, ad esempio, mediante intercettazione del flusso di un combustibile liquido o gassoso che fluisce in una condotta, o mediante travaso di un combustibile liquido dal suo contenitore ad un altro sicuro dall incendio, o mediante l interposizione di setti incombustibili o di fasce tagliafuoco. INIBIZIONE CHIMICA(AZIONE ANTICATALITICA): Metodo che sfrutta la capacità di alcune sostanze estinguenti di inibire chimicamente la combustione, in modo tanto efficace da provocarne l arresto. In particolare queste sostanze possiedono la proprietà di interagire chimicamente con gli induttori di reazione, provocando la rottura delle reazioni a catena, e conseguentemente il rallentamento e l arresto della reazione di combustione. L azione di spegnimento di un incendio può ottenersi impiegando uno di tali meccanismi, o anche più meccanismi contemporaneamente, amplificando in tal modo l efficacia dell azione estinguente!!!

16 PRINCIPALI ATTREZZATURE E IMPIANTI

17 PRINCIPALI ATTREZZATURE ED IMPIANTI COPERTA ANTIFIAMMA Le coperte antifiamma sono indicate per l estinzione, mediante soffocamento, di piccoli incendi. In particolare tali attrezzature possono essere indicate: per estinguere piccoli incendi principalmente causati da liquidi infiammabili, laddove l utilizzo dell estintore risulti difficile; per soccorrere le persone i cui vestiti sono stati attaccati dal fuoco; perproteggersidallefiammeincasodifuga. Tali coperte sono in tessuto di fibra di vetro incombustibile, in particolare non bruciano, non lasciano depositi e non sono tossiche. Le medesime sono utilizzabili una sola volta e devono essere impiegate, da uno o 2 addetti contemporaneamente a seconda dei casi, adeguatamente formati e addestrati al loro utilizzo.

18 ESTINTORI PRINCIPALI ATTREZZATURE ED IMPIANTI Classificazione degli estintori (in base al loro peso complessivo): ESTINTORI PORTATILI (D.M. del ) ESTINTORI CARRELLATI (D.M. del ) Estintori concepiti per essere portati e utilizzati a mano e che, prontiall'uso,hannounamassaminoreougualea20kg. Il suddetto parametro nasce dal fatto che l estintore portatile è concepito per essere portato e utilizzato a mano da un singolo operatore. Un eccessivo peso dell estintore comporterebbe naturalmente difficoltà operative nell azione di estinzione. Estintori trasportati su ruote di massa totale maggiore di 20 kg e contenente estinguente fino a 150 kg. Hanno le medesime caratteristiche funzionali degli estintori portatili ma, a causa delle maggiori dimensioni e peso, presentano una minore praticità d uso e maneggevolezza connessa allo spostamento del carrello di supporto (devono essere impiegati in 2 operatori). La loro scelta può essere dettata dalla necessità di disporre di una maggiore capacità estinguente e sono comunque da considerarsi integrativi di quelli portatili.

19 PRINCIPALI ATTREZZATURE ED IMPIANTI Classificazione degli estintori (in base all agente estinguente in essi contenuto): ESTINTORI AD ACQUA ESTINTORI A SCHIUMA ESTINTORI A POLVERE ESTINTORI AD ANIDRIDE CARBONICA(CO 2 ) ESTINTORI AD IDROCARBURI ALOGENATI(NON più utilizzabili)

20 PRINCIPALI ATTREZZATURE ED IMPIANTI Nella tabella che segue, a scopo indicativo, si riportano le due tipologie di estintori (portatile e carrellato) con le cariche previste a seconda dell agente estinguente in esso contenuto.

21 PRINCIPALI ATTREZZATURE ED IMPIANTI Durata di funzionamento degli estintori La durata di funzionamento è il tempo durante il quale si verifica la completa proiezione dell agente estinguente, senza interruzioni, con valvola totalmente aperta e senza tener conto dell emissione del gas ausiliario residuo. L importanza di una durata minima esigibile è fondamentale, infatti una buona durata di funzionamento può determinare l estinzione immediata di un principio d incendio. Tuttavia è importante non superare di molto la durata minima, per non perdere potenza nel getto iniziale fondamentale per l attacco al principio d incendio.

22 PRINCIPALI ATTREZZATURE ED IMPIANTI La seguente tabella indica la durata minima di funzionamento degli estintori portatili: La seguente tabella indica il campo di durata di funzionamento degli estintori carrellati:

23 PRINCIPALI ATTREZZATURE ED IMPIANTI Descrizione degli estintori più diffusi Estintore a polvere E' un estintore contenente polvere chimica estinguente composta da varie sostanze chimiche miscelate tra loro con aggiunta di additivi per migliorarne le qualità di fluidità e idrorepellenza. Le polveri possono essere idonee ad incendi di classe: ABC - polvere polivalente valida per lo spegnimento di più tipi di fuoco, realizzata generalmente da solfato e fosfato di ammonio, solfato di bario, etc. BC - specifica per incendi di liquidi e gas infiammabili, costituiti principalmente da bicarbonato di sodio. La polvere, contenuta all interno del serbatoio, viene espulsa a mezzo di un gas propellente. In base alle caratteristiche di funzionamento il propellente può trovarsi direttamente a contatto con la polvere (estintori pressurizzati) o all interno di una bombola che può essere collocata internamente o esternamente al serbatoio.

24 PRINCIPALI ATTREZZATURE E IMPIANTI EstintoreadAnidrideCarbonica(CO 2 ) E' un estintore in cui l agente estinguente è la CO 2. In funzione della temperatura ambiente l anidride carbonica, contenuta all interno della bombola, può trovarsi allo stato liquido o compresso in quanto la temperatura criticadellaco 2 èdicirca31 C. Strutturalmente questo tipo di estintore è diverso dagli altri in quanto costituito da una bombola in acciaio realizzata in unico pezzo di spessore adeguato alle pressioni interne, gruppo valvolare con attacco conico e senza foro per attacco manometro ne valvolino per controllo pressioni. E' idoneo per spegnimenti di fuochi di classe B e C; essendo un gas inerte e dielettrico la normativa di prevenzione incendi ne prescrive l'installazione in prossimità dei quadri elettrici. Al momento dell'azionamento, l'anidride carbonica contenuta nel corpo dell'estintore, spinta dalla pressione propria interna, pari a circa 55/60 bar (a 20 C), raggiunge il cono diffusore dal quale, attraverso il passaggio obbligato in un filtro frangigetto, si espande con una temperatura di circa -79 C sotto forma di:"neve carbonica o ghiaccio secco". La distanza utile del getto dell'anidride carbonica è molto limitata (non più di 2-4metri).

25 Estintore a schiuma PRINCIPALI ATTREZZATURE ED IMPIANTI GliestintoriaschiumavengonoimpiegatiperlospegnimentodeifuochidiclasseAeB. La particolarità del liquido schiumogeno, nello spegnimento del fuoco, è quella del soffocamento, che avviene per effetto filmante (uno strato di schiuma-film che si espande sul fuoco). Sul mercato vi sono disponibili vari tipi di liquidi schiumogeni in funzione del prodotto che si vuol estinguere, del tipo di incendioedeltipodiinterventochesivuolattuare. Gli estintori a schiuma, in funzione di come viene prodotto l agente estinguente, possono essere di due tipi: Estintore a schiuma meccanica: è un estintore contenente liquidi schiumogeni, miscelati in acqua, che presenta come particolare tecnico costruttivo una lancia di scarica munita di fori per aspirare l'aria necessaria per l'espansione della schiuma. La fuoriuscita dell'agente estinguente avviene per mezzo di un propellente gassoso. Il gas può essere o permanentemente compresso all interno della bombola o fornito da apposita bombolina di pressurizzazione. Estintore a schiuma chimica: è un estintore che sfrutta la reazione di due sostanze, solfato di alluminio e bicarbonato di sodio, che, mescolate al momento dell'impiego, producono una reazione chimica con sviluppo di CO 2 (anidride carbonica), necessaria alla fuoriuscita del prodotto.

26 PRINCIPALI ATTREZZATURE ED IMPIANTI Dispositivi di sicurezza sull estintore I dispositivi di sicurezza degli estintori sono generalmente collocati in prossimità degli organi di azionamento, situati sulla parte superiore dell estintore. In particolare, tutti gli estintori sono muniti di una valvola di sicurezza che interviene nel momento in cui la sovrappressione che si può sviluppare all interno degli estintori, per cause legate alla temperatura, superano i limiti indicati: -da 17 a 20 MPa(circa atm) per estintori a CO 2 ; -tutti gli altri estintori per un valore massimo di 2,4 MPa(circa 24 atm). Particolare del gruppo valvolare di un estintore a polvere

27 PRINCIPALI ATTREZZATURE ED IMPIANTI Valvola di sicurezza per estintori (escluso estintore a CO2) Comesipuònotarelavalvolaècostituitadaundadoghieraforataalcentro,unamollaaspiraletarata,edun tappo di gomma. L azionamento e l apertura della valvola avviene quando la pressione interna dell estintore, sul tappo di gomma, supera la forza contraria della molla permettendo al gas di fuoriuscire attraverso le spirali della stessa e dal foro sulla ghiera. Valvola di sicurezza per estintori a CO2 La valvola di sicurezza degli estintori a CO 2 è costituito da un dischetto metallico sottilissimo che è investito dalla pressione su una piccolissima superficie, che si perforerà nel momento in cui la sovrappressione supera la forza di taratura del dischetto, perforando lo stesso e procurando la completa scarica dell agente estinguente contenuto. La fuoriuscita del gas avviene attraverso i fori predisposti sul bordo del dado di chiusura. Dispositivo di controllo della pressione indipendente dal manometro Questo dispositivo è presente solamente negli estintori a pressione permanente e si tratta di un sistema di controllo della pressione dell estintore indipendente dal manometro. E installato sul gruppo valvolare ed è costituito da una valvola di ritegno che all interno alloggia un pistoncino trattenuto da una molla, il quale nel momento in cui si inserisce un manometro si ritrae permettendo la pressione di affluire nel manometro e quindi di dare l esatta indicazione dello stato di carica. Questo tipo di dispositivo può essere alloggiato anche nella sede del manometro dell estintore.

28 Il manometro PRINCIPALI ATTREZZATURE ED IMPIANTI Alloggia sul gruppo valvolare degli estintori a pressione permanente, sul quadrante dello stesso devono essere riportate le seguenti indicazioni: una indicazione del punto zero; una zona di colore verde (campo di utilizzo) relativa alle pressioni (P) comprese da P(-20 C) e P(+60 C), oppure nel caso di estintori a base di acqua da P(+5 C) a P(+60 C); due zone di colore rosso al di fuori della zona verde suddetta; l indicazione del valore della pressione a 20 C è obbligatoria; la lunghezza del campo di lettura deve essere all incirca uguale a 1,5 volte la lunghezza tra 0 e P(+60 C). L indicatore rappresenta, approssimativamente, lo stato di pressione dell estintore. Questo dispositivo non è presente negli estintori a CO 2. Dispositivo per evitare funzionamenti accidentali Gli organi d azionamento dell estintore devono essere muniti di una sicura che ne eviti un funzionamento accidentale. La sicura in genere è un dispositivo che blocca la valvola di azionamento, spessositrattadiunocchiellometallicobloccatodaunasagolainplasticaodaunsigillodipiombo. La spina di sicurezza in metallo (a) è inserita nella leva di intercettazione per bloccarne il movimento, alla sua estremità viene introdotto un sigillo di sicurezza (b) che ne impedisce la fuoriuscita casuale.

29 PRINCIPALI ATTREZZATURE ED IMPIANTI Contrassegni distintivi dell estintore(etichetta) Sull estintore (sia portatile che carrellato) deve essere apposta un etichetta che deve riportare le seguenti informazioni in sequenza: Prima parte: la parola estintore ; la carica nominale; il tipo di agente estinguente; le classi di incendio sulle quali l estintore può essere utilizzato; la capacità di estinzione. Parte seconda: le istruzioni per l uso che devono contenere uno o più pittogrammi che indichino le modalità di utilizzo dell estintore; i pittogrammi delle classi di fuochi.

30 Parte terza: le avvertenze di pericolo; PRINCIPALI ATTREZZATURE ED IMPIANTI limitazioni d uso o pericoli associati in particolare a tossicità e rischio elettrico. Parte quarta: istruzioni per la ricarica dopo il funzionamento; istruzioni per la verifica periodica; la definizione dell agente estinguente e, in particolare, la definizione e la percentuale degli additivi per gli agenti a base d acqua; se pertinente, la definizione del gas propellente; il numero di riferimento relativo all omologazione dell estintore; il campo di temperatura di esercizio; un avvertenza contro il rischio di congelamento per gli estintori a base d acqua; un riferimento alla norma UNI EN 3-7. Parte quinta: nome e indirizzo del costruttore e/o del fornitore dell estintore; Inoltre sull estintore deve essere indicato l anno di fabbricazione.

31 PRINCIPALI ATTREZZATURE ED IMPIANTI Cartellino di controllo e manutenzione Il cartellino può essere strutturato in modo da poter essere utilizzato per più interventi e per più anni, sullo stesso devono essere obbligatoriamente riportati: numero di matricola o altri estremi identificativi dell estintore; ragione sociale e indirizzo completo e altri estremi di identificazione del manutentore; massa lorda dell estintore; carica effettiva; tipo di fase effettuata; data dell ultimo intervento effettuato (mese/anno formato mm/aa); firma leggibile o punzone identificativo del manutentore.

32 PRINCIPALI ATTREZZATURE ED IMPIANTI Modalità di impiego degli estintori portatili Qualunque sia l estintore e contro qualunque fuoco l intervento sia diretto è necessario attenersi alle istruzioni d uso, verificando che l estinguente sia adatto al tipo di fuoco. Dopo aver controllato l etichetta si deve verificare lo stato di idonea pressione del propellente(solo per gli estintori in cui è previsto) mediante lettura del manometro apposto a lato dell impugnatura. La lancetta deve essere posizionata nel campo verde. Prima di avvicinarsi al fuoco togliere la forcella di sicurezza, impugnare saldamente con una mano il tubo erogatore e con l altra la maniglia di azione, e avere la garanzia del buon funzionamento dell estintore. Durante le fasi di avvicinamento al focolaio e le fasi di erogazione dell estinguente mantenere una posizione più bassa (posizione d attacco) per evitare il movimento delle lingue di fuoco e/o sfuggire eventualmente a proiezioni di materiali ardenti.

33 PRINCIPALI ATTREZZATURE ED IMPIANTI Azionare l estintore, premendo a fondo la leva di comando impugnando la maniglia di sostegno, alla giusta distanza dalla fiamma per colpire il focolare con la massima efficacia del getto, compatibilmente con l intensità del calore della fiamma. La distanza può variare a seconda della lunghezza del getto consentita dall estintore, compresa tra 3 e 10 metri. Operare a giusta distanza di sicurezza, esaminando quali potrebbero essere gli sviluppi dell incendio ed il percorso di propagazione più probabile delle fiamme, assicurandosi di avereallespalleunaviadifugasicura. Dirigere il getto della sostanza estinguente alla base delle fiamme.

34 PRINCIPALI ATTREZZATURE ED IMPIANTI Agire in progressione iniziando a dirigere il getto sulle fiamme più vicine per poi proseguire verso quelle più distanti. Non attraversare con il getto le fiamme, nell intento di aggredire il focolaio più esteso, ma agire progressivamente, cercando di spegnere le fiamme più vicine per aprirsi la strada per un azione in profondità. Durante l erogazione l estintore va mosso leggermente a ventaglio. Non sprecare inutilmente sostanza estinguente, soprattutto con piccoli estintori.

35 PRINCIPALI ATTREZZATURE ED IMPIANTI Operare sempre sopravvento rispetto al focolare. Nel caso di incendio all aperto in presenza di vento, operare sopravvento rispetto al fuoco, in modo che il getto di estinguente venga spinto verso la fiamma anziché essere deviato o disperso. Nel caso di incendi di liquidi contenuti in recipienti aperti, operare in modo che il getto non causi proiezione del liquido che brucia al di fuori del recipiente poiché questo potrebbe causare la propagazione dell incendio. In particolare erogare facendo «rimbalzare» l estinguente sul lato interno opposto a quello di erogazione. Spegnendo la fiamma di gas con estintore è necessario erogare il getto in modo che la sostanza estinguente segua la stessa direzione della fiamma. Non tagliare trasversalmente e non colpire di fronte la fiamma.

36 PRINCIPALI ATTREZZATURE ED IMPIANTI In caso di contemporaneo impiego di due o più estintori gli operatori non devono mai operare da posizione contrapposta ma muoversi preferibilmente verso un unica direzione (mantenendo gli estintori affiancati a debita distanza) o operare da posizioni che formino un angolo rispetto al fuoco nonsuperiore a 90 inmodo tale da non proiettare parti calde, fiamme o frammenti del materiale che brucia contro gli altri operatori. Dopo l estinzione di qualsiasi incendio, prima di abbandonare il luogo di intervento, assicurarsi sempre che il focolaio sia effettivamente spento e che sia esclusa la possibilità di una sua riaccensione. Dopo ogni uso parziale o accidentale di un estintore, anche se molto breve, non rimettere mai l estintore al suo posto, ma provvedere invece per la sua immediata ricarica.

37 PRINCIPALI ATTREZZATURE ED IMPIANTI RETE IDRICA ANTINCENDIO A protezione delle attività industriali o civili caratterizzate da un rilevante rischio viene di norma istallata una rete idrica antincendio collegata direttamente, o a mezzo di vasca di disgiunzione, all acquedotto cittadino. La presenza della vasca di disgiunzione è necessaria ogni qualvolta l acquedotto non garantisca continuità di erogazione e sufficiente pressione. In tal caso le caratteristiche idrauliche richieste agli erogatori (idranti UNI 45 oppure UNI70) vengono assicurate in termini di portata e pressione dalla capacità della riserva idrica e dal gruppo di pompaggio. La rete idrica antincendio deve, a garanzia di affidabilità e funzionalità, rispettare i seguenti criteri progettuali: Indipendenza della rete da altre utilizzazioni; Dotazione di valvole di sezionamento; Disponibilità di riserva idrica e di costanza di pressione; Ridondanza del gruppo di pompe; Disposizione della rete ad anello; Protezione della rete dall azione del gelo e dalla corrosione; Caratteristiche idrauliche specifiche(portata-pressione); Idranti (a muro, a colonna, sottosuolo o naspi) collegati con tubazioni flessibili a lance erogatrici che consentono, per numero ed ubicazione, la copertura protettiva dell intera attività.

38 PRINCIPALI ATTREZZATURE ED IMPIANTI Per la progettazione, l installazione e l esercizio delle reti di idranti si seguono le indicazioni contenute nella norma tecnica UNI In particolare le reti di idranti comprendono i seguenti componenti principali: Alimentazione idrica; Rete di tubazioni; Valvole di intercettazione; Gruppo di attacco per autopompa; Apparecchi di erogazione. ALIMENTAZIONE IDRICA La rete di idranti antincendio deve prevedere un'alimentazione idrica in grado di assicurare, all impianto antincendio, le richieste caratteristiche di affidabilità e di sicurezza. L alimentazione idrica deve assicurare, come minimo e con continuità, la portata e la pressione richiesta dall impianto, nonché garantire i tempi di erogazione fissati. Le caratteristiche sopra descritte sono riportate in una parte specificatamente, destinata alle alimentazioni idriche, della norma UNI EN La norma UNI EN, oltre a descrivere le caratteristiche che un alimentazione idrica deve avere, definisce anche tutte le possibili tipologie e le caratteristiche costruttive delle alimentazioni idriche ammesse.

39 PRINCIPALI ATTREZZATURE ED IMPIANTI RETE DI TUBAZIONI, VALVOLE DI INTERCETTAZIONE E GRUPPO DI ATTACCO PER AUTOPOMPA A valle della sezione alimentazione troviamo la rete di tubazioni che trasporta l agente estinguente acqua all interno dell attività, fino ai punti di erogazione. La norma UNI prescrive, nel dettaglio, che la rete di tubazioni deve essere permanentemente in pressione, ad uso esclusivo antincendio e preferibilmente del tipo chiuso ad anello al fine di avere, per ogni punto della rete, due direzioni da cui far giungere l'acqua. Lungo la rete di tubazioni sono poi installate, in posizione facilmente accessibile e segnalata, le valvole di intercettazione che devono essere bloccate, mediante apposito dispositivo, nella posizione di normale funzionamento. La norma UNI prescrive, da ultimo, per la rete di tubazioni, la presenza di almeno un attacco di mandata per autopompa per l immissione di acqua in condizioni di emergenza, da installare in posizione facilmente accessibile e segnalata. La segnalazione del gruppo di attacco, secondo la UNI 10779, deve essere effettuata mediante idonei cartelli o iscrizioni recanti specifiche diciture.

40 APPARECCHI DI EROGAZIONE PRINCIPALI ATTREZZATURE ED IMPIANTI Nelle reti di idranti troviamo, come ultimo elemento componente dell impianto, gli apparecchi di erogazione per il prelevamento dell'acqua in pressione dalla rete di alimentazione. Gli attacchi normalizzati, comunemente utilizzati negli apparecchi di erogazione, sono del tipo UNI 45 e UNI 70. La norma UNI prevede l utilizzo di quattro diverse tipologie di apparecchi di erogazione:

41 IDRANTE A MURO PRINCIPALI ATTREZZATURE ED IMPIANTI Gli idranti a muro sono composti essenzialmente da una cassetta, con un portello di protezione, dal supporto della tubazione flessibile, da una valvola manuale di intercettazione, e da una tubazione flessibile completa di raccordi e di lancia erogatrice. Gli idranti a muro, in corretto funzionamento, costituiscono un efficiente mezzo di estinzione incendi erogando un getto d acqua continuo, immediatamente disponibile. Gli idranti DN45 normalmente vengono utilizzati per la protezione interna degli edifici mentre i DN70 per la protezione esterna. Tali attrezzature devono essere impiegate almeno da 2 addetti contemporaneamente, adeguatamente formati e addestrati al loro utilizzo. Le manichette antincendio sono costituite da tubazioni flessibili in fibre sintetiche di lunghezza pari a 20 m e sono dotate ad un estremità di un raccordo filettato maschio (per collegamento alla lancia) e all altra estremità un raccordo femmina(per collegamento alla presa dell idrante). Le manichette antincendio di mandata sono normalmente disponibili nei diametri DN45 o DN70. Le lance erogatrici rappresentano i componenti terminali della rete di idranti e servono per erogare l acqua e dirigerne il getto. Normalmente sono impiegate lance a triplice effetto che consentono, mediante un selettore a 3 posizioni, di regolare il getto di acqua realizzando: - la chiusura getto; - il getto frazionato; -ilgettopieno.

42 PRINCIPALI ATTREZZATURE ED IMPIANTI Per il corretto impiego delle manichette antincendio di mandata si evidenzia quanto segue: le manichette vanno poste all interno delle apposite cassette avvolte in doppio e scollegate dalla lancia e dall idrante; nello stendere le manichette, il raccordo femmina deve essere sempre tenuto verso l idrante, ed il raccordo maschio verso l erogazione; lo stendimento delle manichette deve essere effettuato senza curve strette od avvitamenti, per evitare ostruzioni al passaggio dell acqua o dannose perdite di carico; nell uso si dovrà evitare l appoggio delle manichette su spigoli vivi o taglienti, o superfici molto scabrose per evitare che subiscano tagli, abrasioni, forature, ecc..; dopo l'uso le manichette devono essere lavate internamente con acqua potabile, pulite esternamente con spazzole non metalliche, ed infine messe ad asciugare all'ombra, preferibilmente in posizione verticale; per il loro riavvolgimento si deve procedere piegandole in due, onde avere affiancati i due raccordi maschio e femmina, ed arrotolandole a partire dalla parte opposta a quella dei raccordi.

43 NASPOAMURO PRINCIPALI ATTREZZATURE ED IMPIANTI Il naspo a muro è un'attrezzatura antincendio composta da una bobina con alimentazione idrica assiale, una valvola d intercettazione, una tubazione semirigida, una lancia erogatrice e, quando richiesto, una guida di scorrimento per la tubazione. Latubazionesemirigidaènormalmentelunga 20m conundiametropariadn20odn25. Tale attrezzatura è impiegata per la protezione interna degli edifici e può essere usata individualmente dall operatore. In particolare i naspi antincendio possono essere del tipo: manuale(apparecchiatura dotata di valvola di intercettazione manuale); automatico(apparecchiatura dotata di valvola automatica di intercettazione, con apertura completa dopo non più di 3 giri completi della bobina); fisso(naspochepuòruotaresuunsolopiano); naspo orientabile (naspo che può ruotare su più piani e montato su: braccio snodabile giunto orientabile - portello cernierato).

44 PRINCIPALI ATTREZZATURE DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

45 PRINCIPALI ATTREZZATURE DI PROTEZIONE INDIVIDUALE TIPOLOGIA D.P.I. ANTINCENDIO I dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) per l antincendio consistono in attrezzature destinate ad essere indossate, dal personale addetto alla gestione delle emergenze, allo scopo di proteggerlo: 1) dall esposizione a fiamme e calore; 2) dall esposizione a gas e vapori d incendio; 3)datraumidovutiacaduteedurti,ecc. I D.P.I. principalmente impiegati sono: Indumenti protettivi in materiale ignifugo per la protezione del corpo dagli effetti delle fiamme e del calore; Elmetticonvisiera,perlaprotezionedelcapoedelvisodall impattoedallacadutadioggettiedaglieffetti delcalore; Guanti antiustione, per la protezione delle mani dal contatto di corpi caldi; Attrezzature per la protezione delle vie respiratorie (per la presenza di sostanze tossiche, asfissianti, ovvero per carenza di ossigeno), comprendenti: a) maschera antigas, con relativi filtri, per la protezione delle vie respiratorie in presenza di atmosfere modestamente inquinate e con concentrazioni di ossigeno accettabili(conc. > 17%); b) autorespiratore, per consentire la respirazione in atmosfere assai inquinate e con concentrazioni di ossigeno insufficienti (conc.<17%).

46 PRINCIPALI ATTREZZATURE DI PROTEZIONE INDIVIDUALE Indumenti di protezione UNIEN469 Indumenti di protezione per Vigili del fuoco che proteggono il corpo durante la lotta contro l incendio e attività connesse. UNIENISO11612 Indumenti per la protezione contro il calore e la fiamma.

4. ESERCITAZIONI PRATICHE

4. ESERCITAZIONI PRATICHE 4. ESERCITAZIONI PRATICHE a cura di Geom. Vittorio BARILLI - Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Genova SOMMARIO 4. ESERCITAZIONI PRATICHE 110 4.1 Principali attrezzature ed impianti di spegnimento

Dettagli

Opuscolo informativo per i lavoratori della scuola Prevenzione Incendi

Opuscolo informativo per i lavoratori della scuola Prevenzione Incendi Opuscolo informativo per i lavoratori della scuola Prevenzione Incendi A cura del Servizio di Prevenzione e Protezione Pagina 1 di 7 PREVENZIONE INCENDI e LOTTA ANTINCENDIO Mezzi di estinzione fissi o

Dettagli

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari.

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari. Corso Per Addetto Antincendio pag. 15 CAPITOLO 3 LA COMBUSTIONE e L INCENDIO Per combustione si intende una reazione chimica di una sostanza combustibile con un comburente che da luogo allo sviluppo di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di VERDELLINO Largo Cartesio 1-24040 Verdellino (BG) Procedure organizzative integrate tra addetti all Antincendio e Insegnanti

ISTITUTO COMPRENSIVO di VERDELLINO Largo Cartesio 1-24040 Verdellino (BG) Procedure organizzative integrate tra addetti all Antincendio e Insegnanti Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO di VERDELLINO Largo Cartesio 1-24040 Verdellino (BG) Procedure organizzative integrate tra addetti all Antincendio e Insegnanti

Dettagli

L ESTINZIONE DEGLI INCENDI. L estinzione degli incendi -- Programma LEONARDO

L ESTINZIONE DEGLI INCENDI. L estinzione degli incendi -- Programma LEONARDO L ESTINZIONE DEGLI INCENDI L estinzione degli incendi Per interrompere la reazione di combustione, bisogna eliminare almeno uno dei tre fattori indispensabile alla sua esistenza, che sono: combustibile

Dettagli

Principali misure di protezione antincendio - INTRODUZIONE -

Principali misure di protezione antincendio - INTRODUZIONE - Principali misure di protezione antincendio - INTRODUZIONE - La protezione antincendio consiste nell insieme delle misure finalizzate alla riduzione dei danni conseguenti al verificarsi di un incendio.

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELL EMRGENZA

PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELL EMRGENZA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELL EMRGENZA EMRGENZA Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione INCENDIO E ESPLOSIONE Ai fini della valutazione del rischio incendio il Datore di Lavoro classifica

Dettagli

Dott. Ing. Paolo PALOMBO

Dott. Ing. Paolo PALOMBO INCENDIO PREVENZIONE - PROTEZIONE Dott. Ing. Paolo PALOMBO Ordine dei Medici della provincia di Latina Incontro di aggiornamento STUDI SICURI 2012 E Obbligo del datore di lavoro l assicurare gli adempimenti

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI ANTINCENDIO PARTE 4 - PRATICA

CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI ANTINCENDIO PARTE 4 - PRATICA CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI ANTINCENDIO PARTE 4 - PRATICA art. 46 D.L.vo 81/08 D.M. 10/3/98 Allegato IX Relatore: Prof.ssa MASELLA Cinzia Rev. 10-2015 Classificazione dei fuochi La normativa europea

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

56331LFROD%$5,/( 2SXVFRORLQIRUPDWLYR SHULODYRUDWRULGHOODVFXROD ³3UHYHQ]LRQH,QFHQGL. $FXUDGHO6HUYL]LRGL3UHYHQ]LRQHH3URWH]LRQH Pagina 1 di 7

56331LFROD%$5,/( 2SXVFRORLQIRUPDWLYR SHULODYRUDWRULGHOODVFXROD ³3UHYHQ]LRQH,QFHQGL. $FXUDGHO6HUYL]LRGL3UHYHQ]LRQHH3URWH]LRQH Pagina 1 di 7 2SXVFRORLQIRUPDWLYR SHULODYRUDWRULGHOODVFXROD ³3UHYHQ]LRQH,QFHQGL $FXUDGHO6HUYL]LRGL3UHYHQ]LRQHH3URWH]LRQH Pagina 1 di 7 PREVENZIONE INCENDI e LOTTA ANTINCENDIO Mezzi di estinzione fissi o mobili e loro

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE

PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE Perché possa insorgere un incendio occorre la contemporanea presenza di: - COMBUSTIBILE = la sostanza che brucia (può essere solida, liquida o gassosa) -

Dettagli

PRESENTAZIONE ESTINTORE IDRICO A BOMBOLA INTERNA

PRESENTAZIONE ESTINTORE IDRICO A BOMBOLA INTERNA PRESENTAZIONE ESTINTORE IDRICO A BOMBOLA INTERNA 1 SITUAZIONE ATTUALE MERCATO ESTINTORI Per capire l odierna situazione del mercato, è necessario conoscere i pregressi che ci hanno portato all attuale

Dettagli

Linee guida Canton Ticino nr. 01 Dispositivi di spegnimento manuali

Linee guida Canton Ticino nr. 01 Dispositivi di spegnimento manuali Ccpolf - Commissione consultiva in materia di polizia del fuoco c/o Ufficio domande di costruzione, Viale Stefano Franscini 17-6501 Bellinzona Tel. +41 91 814 36 70 Fax. +41 91 814 44 75 E-mail DT-Ccpolf@ti.ch

Dettagli

- Classe "A": fuochi da materiali solidi, generalmente di natura organica, la cui combustione avviene con formazione di braci.

- Classe A: fuochi da materiali solidi, generalmente di natura organica, la cui combustione avviene con formazione di braci. IMPIEGO DEGLI ESTINTORI Gli estintori debbono essere eseguiti secondo precise norme tecniche179 stabilite nel già citato decreto 20 no re 1982 (S.O.G.U. n. 19 del 20/1/1983).Gli estintori del vecchio tipo

Dettagli

CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO

CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO Bergamo 20 Novembre 2003 Geom. Stefano Fiori LA GESTIONE DELLE EMERGENZE OBBIETTIVI ATTUARE COMPORTAMENTI

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

L INCENDIO E LA PREVENZIONE INCENDI

L INCENDIO E LA PREVENZIONE INCENDI L INCENDIO E LA PREVENZIONE INCENDI L INCENDIO Rapida ossidazione di materiali con sviluppo di calore, fiamme, fumo e gas caldi. Effetti dell'incendio: Emanazione di energia (calore) Trasformazione dei

Dettagli

Guida pratica all antincendio Prevenzione e protezione incendi in azienda

Guida pratica all antincendio Prevenzione e protezione incendi in azienda guida pratica all antincendio - E. Lavè, P. Lavè PREVENZIONE INCENDI Edmondo Lavè Paolo Lavè guida pratica all antincendio prevenzione e protezione incendi in azienda II edizione Guida pratica all antincendio

Dettagli

Dispositivi di spegnimento

Dispositivi di spegnimento Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Dispositivi di spegnimento 26.03.2003

Dettagli

CAPITOLO 3 PROCEDURE DA ADOTTARE IN CASO DI INCENDIO

CAPITOLO 3 PROCEDURE DA ADOTTARE IN CASO DI INCENDIO CAPITOLO 3 PROCEDURE DA ADOTTARE IN CASO DI INCENDIO Il piano di emergenza in caso di incendio Piano di emergenza; Procedure da adottare quando si scopre un incendio; Procedure da adottare in caso di allarme;

Dettagli

4. ESERCITAZIONI PRATICHE

4. ESERCITAZIONI PRATICHE 4. ESERCITAZIONI PRATICHE SOMMARIO 4. ESERCITAZIONI PRATICHE 132 4.1 Principali attrezzature ed impianti di spegnimento 133 4.1.1 Estintori portatili d incendio 133 4.1.2 Tubazioni ed accessori degli impianti

Dettagli

SOMMARIO PRESENTAZIONE V PARTE I INTRODUZIONE ALLA PROBLEMATICA ANTINCENDIO. 1.1 La prevenzione 1.2 Il controllo e l estensione

SOMMARIO PRESENTAZIONE V PARTE I INTRODUZIONE ALLA PROBLEMATICA ANTINCENDIO. 1.1 La prevenzione 1.2 Il controllo e l estensione SOMMARIO PRESENTAZIONE V PARTE I INTRODUZIONE ALLA PROBLEMATICA ANTINCENDIO CAPITOLO 1 - I criteri di difesa antincendio 3 1.1 La prevenzione 1.2 Il controllo e l estensione» 3» 3 CAPITOLO 2 - I sistemi

Dettagli

Argomento Estintori. Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale. Docente. n.marotta@ing.unipi.it

Argomento Estintori. Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale. Docente. n.marotta@ing.unipi.it Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» Argomento Estintori Docente n.marotta@ing.unipi.it Estintori Un estintore è un apparecchio contenente un agente

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLA GESTIONE EMERGENZA ANTINCENDIO

NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLA GESTIONE EMERGENZA ANTINCENDIO NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLA GESTIONE EMERGENZA ANTINCENDIO Il piano di Emergenza dell Istituto Siani redatto dal R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda, ha previsto l individuazione degli

Dettagli

MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua.

MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua. MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua. 9 4 6 5 7 3 8 1 2 1. Strumento base MP7 UNI 2. Attacco UNI 45

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO Le vie di esodo costituiscono il primo problema da affrontare quando si progetta la sicurezza di un edificio. Infatti, la sicurezza delle persone

Dettagli

RISCHIO INCENDIO Parliamo di FUOCO nella sua forma non controllata

RISCHIO INCENDIO Parliamo di FUOCO nella sua forma non controllata RISCHIO INCENDIO Parliamo di FUOCO nella sua forma non controllata RISCHIO INCENDIO MEDIO Il DLgs 81/2008 Il DM 10.03.1998 è la Legge di che tratta Criteri generali di sicurezza antincendio per la gestione

Dettagli

Comando Rieti, maggio 2010

Comando Rieti, maggio 2010 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO IMPIANTI DI SPEGNIMENTO AD IDRANTI Comando Rieti, maggio 2010

Dettagli

PROCEDURE DI SICUREZZA DA ADOTTARE NELL UTILIZZO DI BOMBOLE DI GAS COMPRESSI

PROCEDURE DI SICUREZZA DA ADOTTARE NELL UTILIZZO DI BOMBOLE DI GAS COMPRESSI UFFICI AMMINISTRATIVI SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE Lungarno Pacinotti, 44 56100 Pisa Tel. 050/2212140 Fax 050/2212663 E-mail spp@adm.unipi.it PROCEDURE DI SICUREZZA DA ADOTTARE NELL UTILIZZO DI BOMBOLE

Dettagli

IMPIANTI ANTINCENDIO A SCHIUMA

IMPIANTI ANTINCENDIO A SCHIUMA Il premescolatore detto anche a spostamento di liquido, è costituito da un serbatoio in acciaio collaudato, marcato CE. Nel suo interno vi è una membrana in materiale sintetico resistente alla corrosione

Dettagli

Corso di FORMAZIONE PER ADDETTO ANTINCENDIO

Corso di FORMAZIONE PER ADDETTO ANTINCENDIO ELABORATO N. 5 Corso di FORMAZIONE PER ADDETTO ANTINCENDIO ALLEGATO 1 - PERCORSO FORMATIVO PER ADDETTO ANTINCENDIO (DECRETO MINISTERIALE 10/03/1998) Roma lì, GRUPPO DI LAVORO D - Corso ADDETTO ANTINCENDIO

Dettagli

DOCUMENTO OPERATIVO/INFORMATIVO NORME DI COMPORTAMENTO PER L'UTILIZZO IN SICUREZZA DEGLI ESTINTORI PORTATILI

DOCUMENTO OPERATIVO/INFORMATIVO NORME DI COMPORTAMENTO PER L'UTILIZZO IN SICUREZZA DEGLI ESTINTORI PORTATILI Rcv.O Pagina 1 di 5 1. SCOPO DEL DOI Nelle strutture della A.O. sono dislocati presidi e attrezzature antincendio identificabili mediante apposita segnaletica di sicurezza e tramite localizzazione sui

Dettagli

Sostanze estinguenti in relazione al tipo di incendio

Sostanze estinguenti in relazione al tipo di incendio Sostanze estinguenti in relazione al tipo di incendio L estinzione dell incendio si ottiene per raffreddamento, sottrazione del combustibile soffocamento. Tali azioni possono essere ottenute singolarmente

Dettagli

Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto

Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto Il recepimento della direttiva comunitaria 2000/53/CE relativa ai veicoli fuori

Dettagli

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)]

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] A seguito dell incontro del 20 marzo u.s. e degli accordi presi a maggioranza dei presenti, si trasmette la modifica del calendario

Dettagli

Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione

Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 27 settembre

Dettagli

Documento INAIL sulla gestione sicura delle sostanze pericolose etichettature e stoccaggio modalità operative -

Documento INAIL sulla gestione sicura delle sostanze pericolose etichettature e stoccaggio modalità operative - Documento INAIL sulla gestione sicura delle sostanze pericolose etichettature e stoccaggio modalità operative - di Avv. Rosa Bertuzzi Il presente lavoro consta in una serie di schede informative sulle

Dettagli

Framinia. Corso di formazione ed informazione ai sensi del D.lgs. 81/08 ADDETTI ALLA GESTIONE DELL EMERGENZA INCENDIO RISCHIO BASSO

Framinia. Corso di formazione ed informazione ai sensi del D.lgs. 81/08 ADDETTI ALLA GESTIONE DELL EMERGENZA INCENDIO RISCHIO BASSO Framinia Corso di formazione ed informazione ai sensi del D.lgs. 81/08 ADDETTI ALLA GESTIONE DELL EMERGENZA INCENDIO RISCHIO BASSO RISCHIO INCENDIO MODALITA DELLA DISCIPLINA PREVENZIONE riduzione delle

Dettagli

INDICE CATEGORIE MERCEOLOGICHE

INDICE CATEGORIE MERCEOLOGICHE INDICE CATEGORIE MERCEOLOGICHE ESTINTORI PORTATILI, CARRELLATI, AUTOMATICI Pag. 5 RICAMBI PER ESTINTORI Pag. 29 ACCESSORI PER ESTINTORI Pag. 35 ACCESSORI PER MANUTENZIONE ESTINTORI Pag. 39 MACCHINE RIEMPIMENTO

Dettagli

INFORMAZIONE ANTINCENDIO

INFORMAZIONE ANTINCENDIO INFORMAZIONE ANTINCENDIO Nozioni Utili per gli addetti Antincendio PREMESSA Nell ambito degli obiettivi di sicurezza antincendio e delle relative misure da adottare in caso di necessità per affrontare

Dettagli

V.Cardarelli Strada Prov.le Porto Clementino, snc 01016 TARQUINIA (VT) 0766/856779 fax 0766/848266 vtis001002@istruzione.it C.F.

V.Cardarelli Strada Prov.le Porto Clementino, snc 01016 TARQUINIA (VT) 0766/856779 fax 0766/848266 vtis001002@istruzione.it C.F. M.I.U.R. - Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE V.Cardarelli Strada Prov.le Porto Clementino, snc 01016 TARQUINIA

Dettagli

PROCEDURA PER LA MANUTENZIONE DEI PRESIDI ANTINCENDIO

PROCEDURA PER LA MANUTENZIONE DEI PRESIDI ANTINCENDIO PROCEDURA PER LA MANUTENZIONE DEI PRESIDI ANTINCENDIO 1) Scopo La presente procedura descrive le modalità operative per eseguire gli interventi di manutenzione periodica dei presidi antincendio presenti

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI IL RUOLO DELLA MANUTENZIONE

PREVENZIONE INCENDI IL RUOLO DELLA MANUTENZIONE PREVENZIONE INCENDI IL RUOLO DELLA MANUTENZIONE 1 Associazione M. A. I. A. Autore: Giuseppe Macchi Introduzione L evoluzione legislativa ed ancora di più quella normativa sia nazionale che europea nel

Dettagli

Impianti e dispositivi antincendio

Impianti e dispositivi antincendio Gestione ambientale Impianti e dispositivi antincendio 1/2 Concetti base sugli incendi classificazione e cinetica degli incendi carico d incendio e REI 2 2005 Politecnico Torino 1 2/2 Interventi preventivi

Dettagli

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 Relazioni con il D.M. 18/09/2002 - La Guida AIIGM Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM CORSO DI FORMAZIONE CARATTERISTICHE E PROGETTAZIONE DEGLI

Dettagli

Sicurezza nell utilizzo dei gas medicinali in ambito ospedaliero e domiciliare Ing. Andrea Fieschi Direttore Assogastecnici

Sicurezza nell utilizzo dei gas medicinali in ambito ospedaliero e domiciliare Ing. Andrea Fieschi Direttore Assogastecnici Sicurezza nell utilizzo dei gas medicinali in ambito ospedaliero e domiciliare Ing. Andrea Fieschi Direttore Assogastecnici Contenuti della presentazione Descrivere caratteristiche e modalità di impiego

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

Omologati D.M. 07/01/2005 UNI EN3/7

Omologati D.M. 07/01/2005 UNI EN3/7 IN Omologati D.M. 07/01/2005 UNI EN3/7 POLVERE Pressurizzati 13111-P1 13123-P2 13131-P3 13160-P6 13162-P6 13169-P6 13192-P9 13172-P12 Classe A: fuochi di materiali solidi, generalmente di natura organica

Dettagli

GUIDA ALL USO DEGLI ESTINTORI

GUIDA ALL USO DEGLI ESTINTORI Informazioni di base utili per il corretto utilizzo di validi strumenti di difesa dal fuoco. Dr. Angelo Scardellato Gli estintori costituiscono il presidio antincendio rappresen - tato in tutti i posti

Dettagli

Registro antincendio e dei controlli periodici

Registro antincendio e dei controlli periodici Registro antincendio e dei controlli periodici Art. 12 del D. M. 26 agosto 1992 Art. 4. D.M 10 marzo 1998 D.Lgs 81/08 e successive modifiche e integrazioni D.P.R. 1 agosto 2011, n. 151 www.sicurezzainnanzitutto.it

Dettagli

1.2. ALTEZZA DEI PIANI. Altezza massima misurata tra pavimento e intradosso del soffitto.

1.2. ALTEZZA DEI PIANI. Altezza massima misurata tra pavimento e intradosso del soffitto. ESPRESSIONI SPECIFICHE DELLA PREVENZIONE INCENDI ( ESTRATTO DEL D.M. 30 NOVEMBRE 1983 ) Ai fini di un uniforme linguaggio ed uniforme applicazione delle norme emanate, si è rilevata la necessità di determinare

Dettagli

RELAZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO

RELAZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO 1. TERMINOLOGIA RELAZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO Idrante antincendio: apparecchiatura antincendio dotata di un attacco unificato, di valvola di intercettazione ad apertura manuale e collegato ad una

Dettagli

Università degli Studi di Bari. Incendi: classificazione, presidi antincendio e comportamenti da adottare in caso di incendio Arch.

Università degli Studi di Bari. Incendi: classificazione, presidi antincendio e comportamenti da adottare in caso di incendio Arch. Università degli Studi di Bari Incendi: classificazione, presidi antincendio e comportamenti da adottare in caso di incendio Arch. Valentina Megna Triangolo del Fuoco 2 Combustibile (legno, carta, benzina,

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

Dipartimento Sociale Direzione Regionale Politiche della prevenzione e Sicurezza sul lavoro. Dipartiment

Dipartimento Sociale Direzione Regionale Politiche della prevenzione e Sicurezza sul lavoro. Dipartiment Dipartiment Dipartimento Sociale NOTA INFORMATIVA SINTETICA PER L APPLICAZIONE DELLE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE NEI LAVORI IN AMBIENTI SOSPETTI DI INQUINAMENTO ART. 66 D.LGS. 81/08 Luglio 2009

Dettagli

http://www.vigilfuoconole.it/normativa/1983-dm-30-11-83-simboli.htm

http://www.vigilfuoconole.it/normativa/1983-dm-30-11-83-simboli.htm Pagina 1 Decreto Ministeriale 30 novembre 1983 Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi (Gazzetta Ufficiale n. 339 del 12 dicembre 1983) IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la

Dettagli

Macchina: OVERFLOW A PRESSIONE

Macchina: OVERFLOW A PRESSIONE Scheda 28 Lavorazione: TINTURA IN PEZZA Macchina: OVERFLOW A PRESSIONE Scopo della lavorazione La tintura in overflow sotto pressione è utilizzata per tingere in corda tessuti delicati o tessuti a maglia

Dettagli

LA PROTEZIONE ATTIVA : (Sostanze estinguenti Estintori - Rete idranti Impianti di spegnimento automatici) Dott.Ing. Michele DE VINCENTIS

LA PROTEZIONE ATTIVA : (Sostanze estinguenti Estintori - Rete idranti Impianti di spegnimento automatici) Dott.Ing. Michele DE VINCENTIS LA PROTEZIONE ATTIVA : (Sostanze estinguenti Estintori - Rete idranti Impianti di spegnimento automatici) Dott.Ing. Michele DE VINCENTIS Le fondamentali funzioni da assolvere in caso di incendio sono la

Dettagli

PREMESSA DEFINIZIONI DEFINIZIONI

PREMESSA DEFINIZIONI DEFINIZIONI PREMESSA NOVITA INTRODOTTE DAL D.P.R. 177/2011 Dr.ssa Tiziana BAGNARA Tecnico della Prevenzione nell Ambiente e nei Luoghi di Lavoro S.Pre.S.A.L. ASL TO3 Ogni anno si registrano in Italia numerosi incidenti

Dettagli

L ESTINTORE: USO E MANUTENZIONE

L ESTINTORE: USO E MANUTENZIONE L ESTINTORE: USO E MANUTENZIONE L ESTINTORE: CENNI STORICI L estintore è molto probabilmente il mezzo antincendio che ha origini più antiche nel settore della protezione attiva rispetto a tutti gli altri.

Dettagli

Scheda dati sicurezza - UE Pagina 1 / 5

Scheda dati sicurezza - UE Pagina 1 / 5 Scheda dati sicurezza - UE Pagina 1 / 5 L Articolo No.: TW 1000 Data: 21.11.05 Revisione: 10.02.06 1 Identificazione della sostanza / preparato e della casa produttrice 1.1 Nome di vendita del prodotto:

Dettagli

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Decreto Ministero dell interno 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987) Il testo del presente

Dettagli

prevenzione incendi e GeSTione delle emergenze

prevenzione incendi e GeSTione delle emergenze Collana Cultura della sicurezza prevenzione incendi e GeSTione delle emergenze Quaderno informativo n. 2 Ufficio Speciale prevenzione e protezione Ufficio Speciale prevenzione e protezione Collana Cultura

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Soluzione con Novec 1230

Soluzione con Novec 1230 Soluzione con Novec 1230 CAPITOLATO TECNICO SISTEMA DI SPEGNIMENTO A GAS NOVEC 1230 Fluido di Protezione Antincendio 3M TM Novec TM 1230 Introduzione Il Fluido di Protezione Antincendio 3M TM Novec TM

Dettagli

emmeciemme Srl Laboratorio di analisi, servizi e consulenze in campo agroalimentare 1 di 5 ROBERTO CROTTI

emmeciemme Srl Laboratorio di analisi, servizi e consulenze in campo agroalimentare 1 di 5 ROBERTO CROTTI D. Lgs Governo 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Art. 37. - Formazione dei lavoratori

Dettagli

SCHEDA informativa di SICUREZZA DM 04-04-97, DM 28-01-92

SCHEDA informativa di SICUREZZA DM 04-04-97, DM 28-01-92 pag. 01/06-NTM25 SCHEDA informativa di SICUREZZA DM 04-04-97, DM 28-01-92 Data di emissione : 5 agosto 1998 Versione N. : 3 1. DENOMINAZIONE COMMERCIALE PRODOTTO 1.1 Nome commerciale : 1.2 Società produttrice

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PREPARATO

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PREPARATO SCHEDA DI SICUREZZA DEL PREPARATO 1 IDENTIFICAZIONE PREPARATO E SOCIETA PRODUTTRICE 1.1 Denominazione commerciale : DILUENTE DELCO 1.2 Ditta produttrice : MGR ELECTRO SRL 1.3 Numero telefonico : 02/9660699

Dettagli

Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro. D. Lgs. 493/96

Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro. D. Lgs. 493/96 Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro D. Lgs. 493/96 Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro Il D.Lgs. 626/94 stabilisce le misure generali di tutela della salute e della sicurezza

Dettagli

ordinarie schiume antincendi ed in tal caso occorre ricorrere a tipi di schiume particolari resistenti all'alcool.

ordinarie schiume antincendi ed in tal caso occorre ricorrere a tipi di schiume particolari resistenti all'alcool. ESTINZIONE DI UN INCENDIO Abbiamo accennato all'importanza di poter scoprire l'incendio sin dai primi momenti. Altrettanto importante è poter disporre di mezzi e personale antincendi per intervenire efficacemente

Dettagli

GOVERNO DELLA FEDERAZIONE RUSSA. DELIBERA n. 241 del 17 marzo 2009

GOVERNO DELLA FEDERAZIONE RUSSA. DELIBERA n. 241 del 17 marzo 2009 GOVERNO DELLA FEDERAZIONE RUSSA DELIBERA n. 241 del 17 marzo 2009 SULL APPROVAZIONE DELLA LISTA DI PRODOTTI SOGGETTI A CERTIFICAZIONE OBBLIGATORIA IN CONFORMITA AL REGOLAMENTO TECNICO IN MATERIA DI SICUREZZA

Dettagli

HIGH PERFORMANCE INNOVATION IN FIREFIGHTING

HIGH PERFORMANCE INNOVATION IN FIREFIGHTING HIGH PERFORMANCE INNOVATION IN FIREFIGHTING Efficace fino a -30 C La tecnologia wetting agent di nuova generazione progettata per proteggere persone, proprietà ed ambiente. CINQUE PRODOTTI IN UNO 1 2 3

Dettagli

ESTINTORI IDRANTI E NASPI

ESTINTORI IDRANTI E NASPI ESTINTORI La norma di riferimento per la manutenzione degli estintori portatili e carrellati è la UNI 9994 rev. 11/03. Tale norma indica le periodicità degli interventi e le modalità d'esecuzione. Le principali

Dettagli

CORSO RSPP modulo B SAFETY CONTACT SRL RISCHIO ELETTRICO. Consulenza e servizi Divisione Antinfortunistica Antincendio

CORSO RSPP modulo B SAFETY CONTACT SRL RISCHIO ELETTRICO. Consulenza e servizi Divisione Antinfortunistica Antincendio SAFETY CONTACT SRL CORSO RSPP modulo B RISCHIO ELETTRICO D.Lgs. 81/08. IGIENE SICUREZZA AMBIENTE CERTIFICAZIONI ANTINCENDIO MEDICINA del LAVORO PRIVACY Divisione Consulenza e servizi Divisione Antinfortunistica

Dettagli

FOGLIO DI ISTRUZIONI D USO IN SICUREZZA

FOGLIO DI ISTRUZIONI D USO IN SICUREZZA FOGLIO DI ISTRUZIONI D USO IN SICUREZZA Grigliati in Poliestere Rinforzato con Fibra di Vetro (PRFV) Revisione 5 del 30/12/2014 0. INTRODUZIONE La Normativa Europea sui prodotti chimici N 1907/2 006 (REACH)

Dettagli

IL NUOVO QUADRO DELLE SANZIONI ANTINCENDIO. Art. 20 co. 1 D.Lgs. 139 del 08.03.2006

IL NUOVO QUADRO DELLE SANZIONI ANTINCENDIO. Art. 20 co. 1 D.Lgs. 139 del 08.03.2006 IL NUOVO QUADRO DELLE SANZIONI ANTINCENDIO OMISSIONE NORMA VIOLATA NORMA PENALE SANZIONE Omessa richiesta di rilascio o rinnovo di certificato di prevenzione incendi Art. 20 co. 1 D.Lgs. 139 del 08.03.2006

Dettagli

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (G.U. 27-06-1987, n. 148, Serie Generale) Preambolo IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941,

Dettagli

Le condizioni necessarie affinché si produca una combustione sono l esistenza

Le condizioni necessarie affinché si produca una combustione sono l esistenza INCENDI Nell industria di processo l incendio rappresenta il processo più frequente: il calore prodotto e irraggiato provoca generalmente notevoli danni all impianto e pone in serio pericolo l incolumità

Dettagli

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio Nuovo codice di prevenzione incendi Capitolo S.9: Operatività antincendio Istituto Superiore Antincendi, Roma Cos è?? Perchè?? Cos è? E la strategia antincendio che ha come scopo rendere possibile l effettuazione

Dettagli

Impianti di estinzione incendi Reti di idranti Progettazione, installazione ed esercizio

Impianti di estinzione incendi Reti di idranti Progettazione, installazione ed esercizio NORMA ITALIANA Impianti di estinzione incendi Reti di idranti Progettazione, installazione ed esercizio UNI 10779 Fire fighting equipment Hydrants systems - Design, installation and operation SETTEMBRE

Dettagli

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione.

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione contenute

Dettagli

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Impianti di estinzione incendi RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed esercizio UNI 10779 - Luglio 2007 Vicenza: aprile 2008 relatore: Giuseppe Ing.

Dettagli

53 - IMPIANTI ED APPARECCHIATURE ANTINCENDIO

53 - IMPIANTI ED APPARECCHIATURE ANTINCENDIO pag. 124 53 - IMPIANTI ED APPARECCHIATURE ANTINCENDIO Nr. 780 S53.A10.001 Nr. 781 S53.A10.002 Nr. 782 S53.A10.004 Nr. 783 S53.A10.006 Nr. 784 S53.A10.009 Estintore portatile a polvere polivalente - Kg

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti

CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti Secondo il D.Lgs. 81/2008 s.m. e l Accordo della Conferenza Stato-Regioni per la formazione del 21 dicembre 2011 Modulo 2 Gestione e organizzazione della sicurezza Organizzazione

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE PROCEDURA H. Procedura utilizzo gas compressi

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE PROCEDURA H. Procedura utilizzo gas compressi DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE EDIZIONE N 01 REVISIONE N 00 DATA 20/06/08 SEZIONE 08 PAGINA 1 di 3 PROCEDURA H Procedura utilizzo gas compressi Le bombole di gas compresso sono costituite

Dettagli

Sicurezza Antincendio

Sicurezza Antincendio Sicurezza Antincendio Principi della combustione, Classificazione dei fuochi e tecniche di estinzione PRINCIPI DELLA COMBUSTIONE La combustione è una particolare reazione chimica, detta esotermica in quanto

Dettagli

BWT SOLAR PUMPE. Gruppo di caricamento e lavaggio per impianti solari, geotermici e di riscaldamento tradizionali MANUTENZIONE ORDINARIA

BWT SOLAR PUMPE. Gruppo di caricamento e lavaggio per impianti solari, geotermici e di riscaldamento tradizionali MANUTENZIONE ORDINARIA BWT SOLAR PUMPE Gruppo di caricamento e lavaggio per impianti solari, geotermici e di riscaldamento tradizionali NOTE GENERALI DATI TECNICI INSTALLAZIONE AVVIAMENTO MANUTENZIONE ORDINARIA INTERVENTI STRAORDINARI

Dettagli

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Preambolo Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Il Ministro dell'interno

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Stampata il Pagina n.1 / 1 Scheda Dati di Sicurezza 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 138500 Denominazione EDERPISCINE-

Dettagli

PORTE DI USCITA DI SICUREZZA

PORTE DI USCITA DI SICUREZZA PORTE DI USCITA DI SICUREZZA (fire safety exits) Per uscita (di sicurezza) il decreto 30/11/1983 intende: Apertura atta a consentire il deflusso di persone verso un luogo sicuro avente altezza non inferiore

Dettagli

Individuazione generale delle problematiche

Individuazione generale delle problematiche Prevenzione e protezione 10 Individuazione generale delle problematiche LA COMBUSTIONE La combustione è una reazione chimica esotermica che si sviluppa tra due sostanze, una chiamata combustibile ed un

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 10 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

Rischi per la Sicurezza

Rischi per la Sicurezza Laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico - Corso integrato Biologia generale e Chimica biologica Modulo didattico: Organizzazione di laboratorio e Sicurezza Salute e Sicurezza sul lavoro - 4 Rischi

Dettagli

DESCRIZIONE DEI PREZZI UNITARI

DESCRIZIONE DEI PREZZI UNITARI ELENCO PREZZI DESCRIZIONE DEI PREZZI UNITARI Tutti i materiali, le apparecchiature, di seguito elencati, si intendono dati in opera con ogni lavorazione, con la sola esclusione delle opere in muratura

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE

SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE 8 revisione del 20/10/2014 SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO 1.1. Nome commerciale: Granuli di noce. 1.2. Nome del prodotto: Granuli di gusci di noce. 1.3.

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Indicazioni per la stesura del documento standardizzato

Dettagli

La centralità della valutazione dei rischi nella prevenzione degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali

La centralità della valutazione dei rischi nella prevenzione degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali La centralità della valutazione dei rischi nella prevenzione degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali La valutazione del rischio incendio e il piano di emergenza Avigliana 28 aprile 2011

Dettagli