ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO"

Transcript

1 Comune di Terzigno (Na) ALLEGATO 1 AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11 DEL D.LGS. 163/2006 DELLE ATTIVITÀ DI RILIEVO ED INDAGINE PROPEDEUTICHE ALLA PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI DI MITIGAZIONE DEL TRASPORTO SOLIDO IN LOCALITA CAMPITELLI NEL COMUNE DI TERZIGNO (NAPOLI) C.I.G.: B14 C.U.P.: I38F

2 INDICE 1 OGGETTO DELL AFFIDAMENTO Finalità dell affidamento Oggetto dell affidamento e attività previste Osservanza di leggi e norme tecniche Sicurezza ATTIVITÀ PRELIMINARI PER LA CAMPAGNA GEOGNOSTICA Accesso alle aree per lo svolgimento delle attività e indagini catastali Attività preliminari in campo e allestimento del cantiere SPECIFICHE TECNICHE PER LA REALIZZAZIONE DEL RILIEVO Attività da svolgere Rilievo aerofotogrammetrico Ripresa aerofotogrammetrica Inquadramento geodetico Campagna topografica di appoggio Restituzione Ricognizione Editing grafico Vestizione grafica e plottaggio Ortopiano digitale Requisiti di conformità Elaborati da fornire Rilievo con tecnica LIDAR Requisiti della strumentazione e documentazione richiesta Qualità metrica e caratteristiche prestazionali Progetto del rilievo Esecuzione del rilievo Utilizzo del GPS Periodo delle misure Trattamento dei dati Controlli di qualità interni Elaborati da fornire SPECIFICHE TECNICHE PER L ESECUZIONE DI SONDAGGI GEOGNOSTICI Requisiti generali Posizionamento dei sondaggi Esecuzione dei sondaggi Programma di perforazione Prelievo di campioni indisturbati per prove geotecniche... 17

3 4.5 Esecuzione di Prove Penetrometriche Dinamiche (S.P.T.) SPECIFICHE TECNICHE PER L ESECUZIONE DELLE ANALISI GEOTECNICHE DI LABORATORIO Requisiti generali del laboratorio Identificazione e conservazione dei campioni Programma delle prove e documentazione da fornire Esecuzione delle prove Apertura e descrizione dei campioni Prove da effettuare Normativa di riferimento per l esecuzione delle prove Documentazione da consegnare SPECIFICHE TECNICHE PER LA DETERMINAZIONE DEI PROFILI SISMICI A RIFRAZIONE SPECIFICHE TECNICHE PER LA DETERMINAZIONE DEI PROFILI ELETTRICI MULTIELETTRODICI (TOMOGRAFIE GEOELETTRICHE) DOCUMENTAZIONE DA PRODURRE E REPORT FINALE INDAGINI GEOGNOSTICHE Documentazione da produrre e report finale Specifiche per elaborazione e interpretazione dei dati GESTIONE DEI RIFIUTI QUALITÀ E SICUREZZA... 35

4 1 OGGETTO DELL AFFIDAMENTO 1.1 FINALITÀ DELL AFFIDAMENTO Finalità dell affidamento è l esecuzione delle indagini geognostiche e geotecniche e dei rilievi topografici propedeutici alla progettazione degli interventi di mitigazione del trasporto solido proveniente dai versanti e dalle fiumare vesuviane lungo la Via Pedemontana Zabatta in loc. Campitelli nel Comune di Terzigno (Provincia di Napoli). Tali interventi si inquadrano all interno della Convenzione Quadro stipulata tra il Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e Sogesid S.p.A. per la realizzazione di interventi di bonifica dei siti inquinati e potenziamento delle strutture relative al ciclo delle acque reflue previsti nell Accordo di Programma Strategico per le Compensazioni Ambientali nella regione Campania del 18 Luglio 2008 e successivo Atto Modificativo dell'8 aprile In particolare, le attività oggetto del presente affidamento sono relative all intervento n. 18 dell All. 1 al Verbale della seduta del del Comitato di Indirizzo e Controllo dell Accordo su citato: Comune di Terzigno - Completamento della rete fognaria comunale. Ampliamento rete fognaria della periferia Boccia al Mauro, canaletta di gronda lungo la via Pedemontana Zabatta in loc. Campitelli, (Cod. Commessa Sogesid COM218). 1.2 OGGETTO DELL AFFIDAMENTO E ATTIVITÀ PREVISTE Il servizio oggetto dell affidamento è costituito, in via esemplificativa, dalle seguenti attività: - attività preliminari: ricerca catastale, piano particellare, autorizzazioni per l accesso alle aree oggetto degli interventi; - rilievo aerofotogrammetrico e rilievo Lidar; - sondaggi geognostici; - Standard Penetration Test (S.P.T.); - tomografie geoelettriche; - profilo sismico a rifrazione; - prelievo, conservazione, trasporto e analisi di laboratorio chimico-fisiche di campioni di terreno. I punti di campionamento stabiliti e l area da rilevare sono riportate nella cartografia fornita dalla Sogesid. Tutte le attività dovranno essere svolte secondo le modalità dettagliate nel seguito del presente documento. In dettaglio le indagini da eseguire sono riportate nella tabella 1.1. seguente. Tabella 1.1. Attività oggetto dell affidamento DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ QUANTITÀ Attività preliminari 1. Esecuzione di rilievo aerofotogrammetrico e rilievo Lidar 130 ha 2. Sondaggi geognostici (alla profondità di 30 m) n Prelievo di campioni nei sondaggi e prove geotecniche in laboratorio n Prove penetrometriche dinamiche (SPT) n Profili sismici a rifrazione n. 6x 100 m = 600 m 6. Profili elettrici multi elettrodici (tomografie geoelettriche) n. 6x 100 m = 600 m 1

5 1.3 OSSERVANZA DI LEGGI E NORME TECNICHE Le norme da osservare per l esecuzione delle attività di cui al presente documento, oltre alle norme tecniche specifiche richiamate nel seguito per ciascun tipo di attività, sono a titolo esemplificativo e non esaustivo, le seguenti: Decreto legislativo 12 aprile 2006, n.163 Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE e s.m.i.; D.P.R. del 5 ottobre 2010, n.207 Regolamento di esecuzione ed attuazione del D. Lgs. 12 aprile 2006, n.163, recante Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE e s.m.i.; Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 "Norme in materia ambientale" e s.m.i.; Decreto legislativo 9 aprile 2008, n.81 Attuazione dell'art. 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro " e s.m.i.; Decreto Ministeriale 14 gennaio 2008 Norme tecniche per le costruzioni, pubblicato nella G.U. del n. 29 e s.m.i.; Circolare del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici. Istruzioni per l applicazione delle Norme tecniche per le costruzioni del 7 marzo 2008; Decreto ministeriale 19 aprile 2000, n. 145 Regolamento recante il capitolato generale d appalto dei lavori pubblici, ai sensi dell articolo 3, comma 5, della legge 11 febbraio 1994, n. 109 e s.m.i.; Legge 13 agosto 2010, n. 136 e s.m.i. Piano straordinario contro le mafie, nonché delega al governo in materia di normativa antimafia e s.m.i.; Decreto Legislativo 6 settembre 2011 n Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione e s.m.i., nonche nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 13 agosto 2010, n. 136 e s.m.i.; Legge 31 maggio 1965 n.575 art Disposizioni contro la mafia e s.m.i.; Decreto legislativo giugno 2010, n. 128 e s.m.i.. Modifiche ed integrazioni al decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e s.m.i., recante norme in materia ambientale, a norma dell articolo 12 della legge 18 giugno 2009, n. 69 e s.m.i.; Decreto Legislativo 16 gennaio 2008, n.4 - Ulteriori disposizioni correttive ed integrative del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, recante norme in materia ambientale e s.m.i.; Decreto 5 aprile 2006, n. 186 e s.m.i.: Regolamento recante modifiche al decreto ministeriale 5 febbraio 1998 «Individuazione dei rifiuti non pericolosi sottoposti alle procedure semplificate di recupero, ai sensi degli articoli 31 e 33 del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22» e s.m.i.; D.M. 10 agosto 2012, n Regolamento recante la disciplina dell'utilizzazione delle terre e rocce da scavo. 1.4 SICUREZZA L Affidatario si obbliga, durante l esecuzione delle attività, ad osservare e far osservare scrupolosamente tutte le norme di legge per la prevenzione infortuni, igiene sul lavoro e buona tecnica, e in particolare quanto stabilito dal Decreto legislativo 9 aprile 2008, n.81 Attuazione dell'art. 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro " e s.m.i.. In particolare, l Affidatario è soggetto alla piena e scrupolosa osservanza di quanto esposto nella normativa vigente in materia di sicurezza sul lavoro. Tutto il personale dell Affidatario operante nel sito dovrà essere dotato di idonei Dispositivi di Protezione Individuale delle vie respiratorie e di un sufficiente numero di indumenti protettivi completi ed a norma. L Affidatario rimane comunque unico responsabile della sicurezza durante l espletamento delle attività. 2

6 2 ATTIVITÀ PRELIMINARI PER LA CAMPAGNA GEOGNOSTICA 2.1 ACCESSO ALLE AREE PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITÀ E INDAGINI CATASTALI Le autorizzazioni relative all accesso alle aree private interessate dalle indagini, dovranno essere richieste a cura dell Aggiudicatario. Eventuali spese saranno a carico dell Aggiudicatario. L identificazione delle Ditte proprietarie delle aree interessate dalle attività di indagine deve essere fornita dall Affidatario, mediante la redazione, a partire dalla cartografia fornita da Sogesid, del relativo piano particellare, costituito da un elenco con i dati relativi ad ogni particella catastale, con le relative visure catastali e gli estratti di mappa. 2.2 ATTIVITÀ PRELIMINARI IN CAMPO E ALLESTIMENTO DEL CANTIERE Prima di dar corso alle attività di indagine deve essere allestita l area di cantiere. Sarà cura dell Affidatario adoperarsi per reperire gli spazi necessari all allestimento del cantiere comprese le aree eventualmente necessarie al ricovero dei mezzi e delle strumentazioni di campo, nonché dell eventuale deposito dei materiali di risulta solidi e liquidi in attesa del successivo recupero/smaltimento presso impianti autorizzati. L Affidatario dovrà provvedere a predisporre, se necessaria, una recinzione provvisoria intorno all area logistica di cantiere; tale recinzione dovrà essere realizzata con pannelli in rete elettrosaldata e appoggio in blocchi di cls prefabbricato e resterà sul sito per il tempo necessario allo svolgimento delle attività. All esterno della recinzione provvisoria intorno all area logistica di cantiere dovrà essere installata la segnaletica di sicurezza prevista per legge. Preliminarmente all inizio delle attività di campo si dovrà inoltre verificare l accessibilità a tutte le zone di indagine. In relazione allo stato di fatto l Affidatario dovrà procedere all eventuale realizzazione di piste di accesso ai punti di perforazione, anche tramite eventuale decespugliamento e successiva gestione e smaltimento degli sfalci prodotti. Resta inoltre a carico dell Affidatario l ottenimento di tutti i permessi necessari all accesso alle aree di proprietà privata. La Sogesid provvederà comunque a svolgere attività di supporto nell ottenimento dei necessari permessi. 3

7 3 SPECIFICHE TECNICHE PER LA REALIZZAZIONE DEL RILIEVO 3.1 ATTIVITÀ DA SVOLGERE L attività riguarda l esecuzione di: rilievo aerofotogrammetrico; rilievo LIDAR; produzione di cartografia tecnica numerica; da eseguirsi nell ambito del territorio comunale di Terzigno a monte di via Vecchia Campitelli. Il rilievo deve interessare l intera area rappresentata indicativamente nell immagine seguente, della superficie di 130 ha. AREA OGGETTO DI RILIEVO 3.2 RILIEVO AEROFOTOGRAMMETRICO Ripresa aerofotogrammetrica La ripresa aerofotogrammetria a colori deve essere eseguita ad una quota idonea ad ottenere una scala lastra compresa fra 1:8.000 e 1:10.000, con scala apparente per ogni strisciata. La focale da utilizzare deve essere di 152 mm o di caratteristiche equivalenti superiori. 4

8 La ricopertura longitudinale (tra fotogrammi consecutivi appartenenti alla stessa strisciata) deve essere pari al 60%. La ricopertura trasversale (tra due strisciate adiacenti) deve essere pari al 20%. Le riprese devono essere eseguite nelle ore a cavallo del mezzogiorno solare. I fotogrammi devono presentarsi nitidi, privi di nubi o di ombre da esse provocate. L impresa esecutrice è tenuta ad adempiere, con ogni onere e spese a proprio carico, a tutti gli obblighi di legge circa le autorizzazioni da chiedersi alle Autorità competenti, civili e militari. In ogni caso deve essere redatto il progetto di ripresa da sottoporre, prima della missione operativa, alla Sogesid spa per il relativo assenso. Della camera aerofotogrammetria utilizzata deve essere fornito alla Sogesid il certificato di calibrazione Inquadramento geodetico L intero territorio oggetto dello studio deve essere inquadrato geodeticamente con collegamento alla rete IGM 95. A collegamento eseguito deve essere creata una sottorete locale mediante determinazione e materializzazione di almeno tre capisaldi distribuiti nell area di studio. Detti capisaldi di proprietà della Sogesid spa, opportunamente monografati secondo uno schema proposto dalla ditta aggiudicataria, costituiranno altrettanti punti di partenza (perfettamente omogenei con la cartografia tecnica-numerica alla scala prodotta) per un eventuale successivo intervento topografico e/o territoriale (progettazioni, pianificazioni, realizzazioni di opere, etc.). Il progetto di inquadramento geodetico e della determinazione della sottorete locale deve essere sottoposto, prima della realizzazione, all approvazione della Sogesid Campagna topografica di appoggio Gli stereogrammi devono essere poggiati plani metricamente ed altimetricamente mediante campagna topografica a terra, con l utilizzo di strumentazione satellitare GPS. Di tutti i punti determinati ed utilizzati per l appoggio deve essere consegnata apposita monografia secondo uno schema proposto dalla ditta aggiudicataria. Dopo la determinazione e la verifica dei punti prescelti per l appoggio degli stereogrammi, si deve quindi procedere alla triangolazione aerea delle strisciate fotogrammetriche su stereo restitutore analitico, equipaggiato con software dedicato, allo scopo di conferire a tutto il lavoro una maggiore rigorosità di calcolo ed omogeneità di precisione Restituzione La restituzione deve essere eseguita su stereorestitutore analitico di alta precisione e/o stazione digitale tipo HELAVA ed adottare tutte le prescrizioni tecniche previste per le rappresentazioni territoriali da Sogesid. Prima della fase di restituzione devono essere concordati con la Sogesid i contenuti della legenda, anche in funzione di esigenze particolari, differenziando in ogni caso (a titolo esemplificativo) i seguenti particolari: Viabilità autostrade, raccordi autostradali; strade statali e provinciali; strade secondarie; strade carrozzabili; strade in costruzione; strade campestri; mulattiere; sentieri; ponti; piazze; verde pubblico e alberature; scale e simili; marciapiedi. 5

9 Edifici civili; industriali; ospedali; amministrativi; religiosi; scuole; strutture adibite al pubblico spettacolo; impianti sportivi; castelli; ruderi; cimiteri; silos; tettoie; baracche; serre; prefabbricati; containers. Elementi divisori muri in cemento; muri a secco; staccionate; siepi cancellate. Curve di livello direttrici, intermedie, ausiliarie, di incerta determinazione, punti di quota. Elementi artificiali del terreno Acque scarpate; muri di sostegno. sorgenti, fontane, pozzi; fiumi e torrenti, fossi, ruscelli, canali, briglie; sifoni e vasche, serbatoi, impianti di depurazione. Tutti i punti devono essere determinati plano-altimetricamente e visualizzabili a video sia in modo grafico che numerico Ricognizione Questa fase riguarda la verifica ed il controllo sul territorio della rappresentazione territoriale ottenuta nella fase di restituzione. Se necessario devono essere apportate le correzioni del caso anche integrando la cartografia con quei particolari non restituiti perché poco visibili o perché coperti da vegetazione. Deve essere effettuata, inoltre, la raccolta di tutta la toponomastica. Infine, devono essere inserite in questa fase tutte le osservazioni ed i suggerimenti che la Sogesid riterrà opportuno formulare Editing grafico In tale fase devono essere riportate sulla cartografia restituita, con l ausilio di stazioni videografiche, tutte le correzioni ed integrazioni rilevate nella fase precedente. La fase di editing deve consistere, inoltre, in alcune operazioni sugli elementi vettoriali (polilinee) e puntiformi (punti isolati), costituenti gli oggetti cartografici numerici, e sui files complessivi, ovvero: chiusura poligonali con aggancio linee (aree chiuse); controllo delle incongruenze geometriche; 6

10 controllo altimetria; controllo toponomastica; controllo nel formato di uscita dei dati numerici. L editing, come in precedenza la restituzione, deve essere compatibile con software CAD Vestizione grafica e plottaggio In questa fase i files numerici del territorio devono essere elaborati con software dedicato, per l assegnazione dei pattern grafici (tipi linee, simboli, testi, etc.) da apposita libreria grafica predisposta per le diverse scale di plottaggio. La vestizione dei files deve essere effettuata impiegando un opportuno software elaborato per l ottimizzazione dell utilizzo degli stessi, non facendo loro perdere la caratteristica 3D anche dopo la vestizione. In tale fase si deve provvedere alla definizione della cornice, parametratura e legenda dei fogli secondo le istruzioni della Sogesid Ortopiano digitale Dagli stereogrammi utilizzati per la restituzione cartografica deve essere creato un ortopiano digitale, alla scala nominale 1:1.000, ma con la possibilità di eseguire zoomate fino alla scala 1:500 ed oltre. Le scansioni devono essere effettuate direttamente dalla bobina originale con scanner fotogrammetrico tipo LHZ DSW 500 a 1200 dpi ottici. L ortopiano deve essere poggiato sugli stessi punti utilizzati per l appoggio cartografico implementandoli, ove necessario, con punti estrapolati alla stazione videografica dalla cartografia tecnica numerica. L ortofotopiano deve avere una superficie pari a tutto il territorio cartografato Requisiti di conformità Tutte le operazioni devono essere eseguite da personale qualificato nel rispetto degli standard tecnici e delle norme vigenti, in particolare, per quanto riguarda i requisiti di qualità e di sicurezza Elaborati da fornire Devono essere forniti i seguenti elaborati: 1 serie completa di fotogrammi stereoscopici con stampa su carta a colori, con relativo piano di volo; 1 serie completa di fotogrammi stereoscopici in diapositive; Restituzione cartografica alla scala 1:1.000 con relativo quadro d unione; 1 ortopiano digitale alla scala nominale 1: Tutti i dati raccolti devono essere informatizzati con l ausilio di strumenti informatici, scelti tra i più diffusi ed aderenti agli standard di mercato. La fornitura su supporto informatico deve essere finalizzata al trasferimento, alla Sogesid, di tutte le conoscenze acquisite (inclusi eventuali modelli matematici e software sviluppati) nel corso del rilievo. Tutti i dati e gli elaborati dovranno essere compatibili con i software di cui dispone attualmente la Sogesid (Microsoft Office, Acrobat Standard, Autodesk Map 3d). 7

11 3.3 RILIEVO CON TECNICA LIDAR La fornitura ha per l oggetto l esecuzione di una campagna di telerilevamento con tecnica LIDAR (Laser Imaging Detection and Ranging) da piattaforma aeromobile. Dai dati grezzi dovranno essere ottenuti i modelli digitali di superficie DSM (Digital Surface Model) e del terreno DTM (Digital Terrain Model). La superficie oggetto della scansione LIDAR è la stessa individuata e descritta al punto 9.1 e si estende per circa 130 Ha Requisiti della strumentazione e documentazione richiesta Il sistema LIDAR dovrà possedere i requisiti minimi per garantire il raggiungimento delle precisioni e delle densità specificate al punto successivo. Il sensore LIDAR dovrà essere in grado di determinare almeno due distanze per ogni impulso laser (first-pulse, last-pulse). L Aggiudicatario dovrà consegnare alla Sogesid spa, insieme alla relazione indicata al successivo punto 3.3.2, tutta la documentazione tecnica descrittiva del sensore che intende utilizzare. Dovrà essere fornita relazione e documentazione da parte dell Impresa aggiudicataria anche sui software utilizzati e sulle procedure di elaborazione dei dati grezzi Qualità metrica e caratteristiche prestazionali Il territorio oggetto di rilievo dovrà essere rilevato con strumentazione e procedure in grado di garantire le seguenti prestazioni: - sqm altimetrico: 25 cm - sqm planimetrico: 50 cm - densità per mq: 1,5 punti - valori di risposta per impulso: >= Progetto del rilievo Prima di iniziare le attività operative, l Aggiudicatario dovrà consegnare alla Sogesid, per la sua approvazione, una relazione nella quale vengono descritte: le caratteristiche tecniche della strumentazione laser da utilizzare per il rilievo e le modalità di calibrazione del sistema; il piano di volo delle riprese laser con la suddivisione in blocchi omogenei e le modalità del rilievo che consideri la particolare morfologia del territorio da rilevare. Dovrà essere prevista una sovrapposizione laterale tra le strisciate non inferiore al 20%. Il piano di volo dovrà essere presentato su cartografia alla scala 1: e in forma numerica in formato shapefile sovrapposto a cartografia raster o vettoriale. La scelta della quota di volo dovrà garantire la densità dei punti e la precisione plano-altimetrica richiesta; i parametri tecnici e analitici di volo e le impostazioni della strumentazione che si intendono adottare affinché siano rispettate la qualità metrica e la densità dei punti sul terreno indicati al punto precedente; l individuazione e la localizzazione delle stazioni GPS di riferimento a terra per i voli di ripresa Lidar e l accertamento delle condizioni di ricezione dei segnali satellitari e di omogeneità alla rete RDN con riferimento agli elementi esposti ai successivi punti e 9.3.5; le tecniche di trattamento dati, l hardware, il software e gli algoritmi che si intende utilizzare, specificando nomi e versioni; 8

12 la procedura di generazione dei modelli digitali; il piano di dettagliato delle attività articolato e illustrato seconda la forma del Cronoprogramma Esecuzione del rilievo Le scansioni LIDAR dovranno essere eseguite nel rispetto di tutti i requisiti richiesti dalla tecnica più aggiornata, includendo l uso di sistemi GPS aerotrasportati integrati con sistemi inerziali per la determinazione dei tracciati delle traiettorie effettuate dal sensore. In funzione dell andamento e dell assetto plano-altimetrico della superficie di ripresa dovranno essere progettati e realizzati insiemi omogenei di strisciate (blocchi) e si dovrà provvedere all inserimento di strisciate trasversali in testa ed in coda a ciascun blocco di analogo sviluppo longitudinale. Ogni blocco, anche se volato in epoca differente, dovrà avere, rispetto a quelli ad esso adiacenti una zona di sovrapposizione sufficiente a garantire la continuità della copertura e a permettere il controllo della corretta georeferenziazione dei dati acquisiti. All interno dell area di lavoro l Impresa dovrà predisporre opportune aree-test sulle quali verrà eseguita la calibrazione dei sensori e verificata la stabilità della calibrazione ad ogni missione. I dati relativi alle areetest, ossia i report, i dati laser del volo, la traiettoria GPS del volo di calibrazione e la documentazione sull elaborazione dei dati INS/GPS dovranno essere consegnati alla Sogesid unitamente ad una relazione in cui vengano descritte le modalità utilizzate nel rilievo e le analisi statistiche di confronto con i dati desunti dal volo LIDAR sulle medesime aree. Ogni missione deve acquisire i dati di almeno un area di test. Se gli errori residui (cioè dopo l applicazione dei parametri di calibrazione e l eventuale correzione dei sistematismi descritta al successivo punto 3.3.7) eccedono i valori indicati al punto 3.3.2, l Impresa è tenuta a ripetere la ripresa Utilizzo del GPS Durante le riprese devono essere attivi sul terreno almeno tre ricevitori con le medesime caratteristiche di quello a bordo, oppure utilizzate almeno tre stazioni permanenti appartenenti alla RDN o alla rete regionale (con intervallo di campionamento a 1 secondo). Le distanze tra i ricevitori non devono essere inferiori a 10 km, mentre quelle tra il vettore aereo ed i ricevitori a terra non devono mai superare i 30 km per il ricevitore più vicino e i 50 km per quello più lontano. I tre ricevitori devono essere in stazione su vertici di coordinate note nel sistema di riferimento definito dalla rete geodetica nazionale e ciascuno deve tracciare almeno 5 satelliti tra quelli ricevuti sull aereo. Poiché le stazioni di riferimento a terra consentono di determinare più soluzioni indipendenti per ciascun centro di presa, la Ditta può, giustificando le scelte fatte, definire la posizione impiegando una combinazione lineare delle diverse soluzioni. Le stazioni a terra dovranno essere scelte in modo da garantire la migliore soluzione per ognuno dei blocchi in cui sarà suddiviso il territorio da rilevare Periodo delle misure L acquisizione dovrà essere effettuata nel periodo di minor copertura vegetazionale, in assenza di manto nevoso e di nubi. In ogni caso tutte le riprese dovranno avvenire con condizioni di terreno asciutto. Le date delle riprese dovranno essere concordate con la Sogesid, in modo da assicurare la sussistenza di idonee condizioni per il rilievo. 9

13 3.3.7 Trattamento dei dati I dati acquisiti dovranno essere trattati dal punto di vista della georeferenziazione, tenendo conto di tutte le informazioni derivanti dalla rete GPS di terra, dai sensori GPS e dalle piattaforme inerziali di bordo al fine di definire in modo univoco il corretto posizionamento dei punti LIDAR nel sistema di riferimento adottato. Dalla scansione laser possono risultare alcuni punti anomali (outliers), sia sotto la superficie del terreno sia sopra di esso, a causa di echi dovuti a multipath, riflessioni su cavi aerei di linee elettriche, funivie, densi fumi, volatili ecc.). Una prima fase di ripulitura dei dati deve provvedere all eliminazione di tali punti. Dovranno essere utilizzate le breakline per vincolare la modellazione delle linee di costa, dei laghi e dei fiumi di grandi dimensioni o di particolare interesse. Se sono disponibili elementi vettoriali di qualità metrica non inferiore a quella del rilievo Lidar essi potranno essere direttamente utilizzati, con eventuale correzione planimetrica - purché di entità inferiore all accuratezza planimetrica di cui al precedente punto Qualità metrica e caratteristiche prestazionali, per adattarli orizzontalmente alla posizione delle corrispondenti linee di variazione altimetrica riconoscibili sulla nuvole di punti. In caso contrario, le breakline dovranno essere tracciate sui dati LIDAR, collegando opportunamente i punti della nuvola che corrispondono alle linee di costa o agli specchi e corsi d acqua sopra definiti; se disponibili, potranno essere utilizzate informazioni preesistenti (ortofoto, CTR, ecc...), anche se di qualità geometrica inferiore al LIDAR, come ausilio per il solo riconoscimento della presenza di tali oggetti sul territorio. Mediante algoritmi automatici e/o semiautomatici dovrà inoltre essere eseguita la diversa classificazione di tutti i punti che non appartengono al terreno ( Overground : edifici, coperture arboree e vegetali, pali, tralicci, ecc...). Tale operazione potrà essere utilmente facilitata dalle informazioni desumibili dai prodotti cartografici forniti dalla Sogesid. La procedura e gli algoritmi utilizzati dovranno essere documentati mediante un apposita relazione. Dalle nuvole di punti classificate come terreno e non-terreno dovranno essere ricavati i modelli a maglia regolare DSM First pulse, DSM Last pulse e DTM, attraverso la creazione e l interpolazione di modelli di servizio a maglia triangolare (TIN). Le modalità di creazione e di interpolazione dei TIN dovranno essere approvate dalla Sogesid spa. Eventuali metodologie alternative per la generazione dei modelli a maglia regolare potranno essere concordate con la Sogesid. I modelli a maglia regolare rappresentano le seguenti superfici: DSM First pulse : terreni aperti, sommità di manufatti ed edifici, superficie superiore della nuvola di punti nelle zone con risposta ad echi multipli; DSM Last pulse : terreni aperti, sommità di manufatti ed edifici, superficie inferiore della nuvola di punti nelle zone con risposta ad echi multipli; DTM: andamento del solo terreno. Il modello è ottenuto dal DSM Last pulse mediante l eliminazione degli oggetti solidi in elevazione (edificato, manufatti ecc.); le parti di modello eliminate vengono sostituite con porzioni di superficie ottenute per interpolazione dei valori circostanti. Se nelle zone da rilevare sono presenti infrastrutture viarie sopraelevate dal terreno, quali svincoli, ponti, sovrappassi, viadotti, le parti di tali opere che si possono ritenere poggianti direttamente sul terreno (es. le rampe in rilevato) devono essere incluse nel DTM; le parti sospese generano invece una doppia modellazione: il terreno sottostante viene incluso soltanto nel DTM, mentre la superficie superiore si comporta come l edificato, partecipando ai DSM First pulse e Last pulse. In corrispondenza di depositi di materiale (impianti per il confezionamento di calcestruzzi, cave per la produzione di inerti) o di prodotti finiti o semilavorati nelle aree adiacenti edifici industriali che occupino estese porzioni di territorio, le modalità di generazione del DTM dovranno essere concordate con la Sogesid. I modelli a maglia triangolare sono prodotti di lavoro intermedio, non oggetto di consegna. È invece richiesta la consegna di una selezione di punti chiave della nuvola classificata come Ground, tale da consentire la creazione di un modello di superficie semplificato (spesso definito Keypoints Model), la cui 10

14 quota non si discosti più di 20 cm (o altro valore meno vincolante eventualmente indicato dalla committenza) da quella ottenuta con l insieme completo di punti. Il modello semplificato deve comunque garantire una densità di almeno 100 punti a km 2. Ogni missione deve acquisire i dati di almeno un area di test. Se le verifiche sulle aree di test dovessero evidenziare la presenza di un sistematismo, la Ditta deve informare tempestivamente la Sogesid e sottoporre per approvazione le procedure che intende adottare per la correzione del problema. Se non dovesse risultare possibile adottare una procedura in grado di garantire il rispetto delle accuratezze indicate al punto 3.3.2, la Ditta è tenuta a ripetere la ripresa Controlli di qualità interni L Aggiudicatario dovrà garantire l esecuzione dei lavori a regola d arte, verificare la qualità dei dati prodotti, nei limiti delle precisioni prescritte, e garantire inoltre la loro affidabilità in relazione ai fini preposti. L acquisizione dati geografici e la formazione dei prodotti richiesti sono sviluppati attraverso fasi operative distinte e successive, regolate ciascuna da specifiche prescrizioni tecniche, per cui i controlli di qualità degli elaborati intermedi devono avvenire in corso d opera, prima di ammetterli ad ogni altro successivo trattamento. Detti controlli dovranno avvenire secondo i parametri definiti dall International Standard Organization mediante la normativa ISO serie 9000, per la garanzia e l assicurazione della qualità Elaborati da fornire L Aggiudicatario dovrà fornire i seguenti documenti: grafico delle strisciate con i dati dei voli e i limiti dell area da rilevare; rapporti di volo; report dei dati laser del volo per ogni sessione di calibrazione eseguita, traiettoria del volo di calibrazione e documentazione sull elaborazione dei dati INS/GPS, che riporti le informazioni sulla qualità del dato GPS e inerziale e un indicazione sull accuratezza di determinazione della posizione del sensore al momento della misura; protocollo delle stazioni GPS permanenti, utilizzate per la correzione differenziale; dati GPS delle acquisizioni a bordo e delle stazioni a terra, in formato Rinex; report dei confronti tra i dati 3D acquisiti ed i dati plano altimetrici delle aree test, comprensivo del calcolo degli scarti delle misure eseguite ed opportuna analisi statistica degli stessi; relazione su procedure e algoritmi utilizzati per l eliminazione delle informazioni che non appartengono al terreno; garanzia scritta sui seguenti punti: non si sono verificati problemi tecnici durante i voli e l acquisizione dei dati; i dati non sono influenzati da offset, inclinazioni e curvature del volo e sono stati verificati; le aree misurate non presentano alcuna discontinuità di rilevamento. L elaborazione degli elaborati di consegna è basata sulla rappresentazione del territorio in scala nominale 1: La rappresentazione dell area dovrà essere tale da consentire la restituzione di tutte le sezioni necessarie per le verifiche di stabilità e per la ricostruzione della morfologia; in particolare, per quanto riguarda la natura del terreno e la copertura vegetale presente in sito, si dovranno rilevare ed indicare i tratti caratteristici, secondo la scala di valori di seguito riportata: 11

15 tratti con presenza di vegetazione composta prevalentemente da alberi di grande dimensione, con diametro superiore a 30 cm; tratti con presenza di vegetazione composta prevalentemente da alberi di media dimensione, con diametro inferiore a 30 cm; tratti con presenza di vegetazione composta prevalentemente da arbusti; tratti con presenza di vegetazione composta prevalentemente da erba; tratti con presenza di vegetazione composta prevalentemente da cespugli; tratti con prevalente presenza di roccia viva; tratti con prevalente presenza di materiali grossolani (ciottoli, blocchi e massi); tratti con prevalente presenza di materiali fini (argille, limi e sabbie). Dovranno altresì essere restituiti i profili e le sezioni delle principali aste individuate nella tavola inserita nel paragrafo 3.1 e di seguito elencate: tratto A-X-Y-Y1-Y4-Y8; tratto Y4-Y5-Y6; tratto Y5-Y7; tratto Y4-Y8; tratto Y1-Y3; tratto Y-Y2; tratto A-X-Z; tratto Z-Z1; tratto Z-Z2; tratto C-J; tratto A1-A2; tratto A-A1. Le sezioni fornite dovranno essere estese lateralmente alle sponde delle aste da rilevare per una larghezza di almeno 10 m in destra idraulica e 10 in sinistra idraulica; andranno rilevate tutte le discontinuità e le singolarità quali cambi di pendenza, variazione delle caratteristiche di scabrezza delle superfici interessate dal rilievo e della vegetazione. Particolare cura dovrà essere posta nella restituzione delle aree in cui sono previste le vasche di laminazione intermedie (in arancione nella tavola su citata). 12

16 4 SPECIFICHE TECNICHE PER L ESECUZIONE DI SONDAGGI GEOGNOSTICI 4.1 REQUISITI GENERALI L Affidatario deve attenersi a quanto qui definito, senza apportare variazioni al programma, alle attrezzature o alle modalità esecutive, che non siano state preventivamente approvate dalla Sogesid. Si fa presente che le specifiche tecniche riportate qui di seguito hanno carattere generale, mentre per quanto non specificato si farà riferimento alle seguenti raccomandazioni: A.G.I. (Associazione Geotecnica Italiana) - Raccomandazioni sulla Programmazione ed Esecuzione delle Indagini Geotecniche ; A.N.I.S.I.G. (Associazione Nazionale Imprese Specializzate in Indagini Geognostiche) Modalità tecnologiche e norme di misurazione e contabilizzazione per l esecuzione di lavori di indagini geognostiche. Tali norme si considerano accettate da parte dell Affidatario che dichiarerà, con la sottoscrizione del contratto, di conoscerle perfettamente. Durante l esecuzione delle indagini, potranno essere apportate modifiche alle modalità esecutive qualora le circostanze contingenti lo richiedano e solo in seguito ad autorizzazione della Sogesid, con cui in ogni caso l Affidatario è tenuto ad agire in accordo. Prima dell avvio delle indagini, saranno condotte tutte le attività necessarie affinché l esecuzione delle stesse avvenga in condizioni di sicurezza per i lavoratori impegnati. In particolare, dovrà essere verificata la stabilità dei terreni mediante rilievo geomorfologico di superficie, determinazione dei parametri geotecnici (angolo di attrito dei terreni ecc.), con conseguente recinzione delle aree a rischio d instabilità per impedirne l accesso ai lavoratori. L Affidatario applicherà quanto qui specificato, fornendo personale e attrezzature pienamente rispondenti alle esigenze qualitative dell indagine. L Affidatario deve assicurare, inoltre, a proprie spese e durante tutte le fasi di perforazione (installazione del cantiere, perforazione, cementazione, etc.) e di indagine, l'assistenza continuativa di un geologo, che sarà il Responsabile del cantiere. Il Responsabile del cantiere è tenuto a tenere in situ una copia del fascicolo, delle citate raccomandazioni A.G.I. e A.N.I.S.I.G. e degli eventuali documenti integrativi seguiti alla definizione particolareggiata delle attrezzature e delle modalità esecutive. Per una migliore gestione e un corretto svolgimento delle attività, entro 7 (sette) giorni dalla data di stipula del contratto, l Aggiudicatario dovrà presentare, per l approvazione da parte della Sogesid, un Programma dettagliato delle Attività con l indicazione giornaliera delle operazioni che si devono effettuare. Il Programma delle Attività dovrà indicare, per ciascun giorno di attività: le attività che saranno svolte; le aree interessate; il gruppo di lavoro, il tipo di personale, i mezzi e le attrezzature impiegati. La Sogesid si riserva il diritto di apportare al Programma tutte le modifiche utili o necessarie per la corretta esecuzione del servizio e per il coordinamento di tutti i soggetti interessati, senza che ciò possa costituire titolo per il riconoscimento di maggiori oneri. Al termine delle attività dovrà essere redatta una Relazione Descrittiva e prodotti gli elaborati grafici ed analitici utili a rappresentare le attività svolte ed i risultati ottenuti. Tutti i dati dovranno essere forniti sia in versione cartacea che digitale in formato editabile, in n. 2 copie. Le attività affidate dovranno essere eseguite con la più moderna strumentazione e con mezzi meccanici di nuova generazione, conformi alla Direttiva Macchine 2006/42/CE e al D. Lgs. n.17/2010 e s.m. e i., per 13

17 mantenere una produttività tale da assicurare la tempestiva ultimazione delle prestazioni richieste, da eseguire a perfetta regola d arte e secondo le prescrizioni stabilite e di seguito indicate. In particolare, i macchinari di perforazione devono essere di potenza adeguata e attrezzati per le prestazioni da eseguire. Qualora l attrezzatura di perforazione installata nel cantiere non fosse ritenuta idonea allo scopo, la Sogesid ha facoltà di richiederne l immediata sostituzione, sospendendo le indagini sino a sostituzione avvenuta, senza che l Affidatario possa vantare alcun ulteriore compenso. Le perforazioni dovranno essere eseguite nei 6 punti indicati nella cartografia fornita dalla Sogesid. Rimarrà comunque facoltà della Sogesid variare la localizzazione di tali indagini in funzione delle maggiori conoscenze e informazioni che saranno acquisite durante la fase esecutiva delle indagini o per sopravvenute nuove esigenze, senza che l Affidatario possa vantare alcun ulteriore compenso. L installazione dei macchinari di perforazione in luoghi diversi da quelli concordati comporterà una nuova installazione degli stessi e il riperforamento dei terreni, senza che l Affidatario possa vantare alcun ulteriore compenso. Tutte le attrezzature necessarie per lo svolgimento del programma dovranno necessariamente essere presenti in cantiere dal giorno di inizio delle attività. Tutte le attività dovranno essere eseguite da personale specializzato, efficacemente istruito e formato all utilizzo della strumentazione idonea per l esecuzione delle attività previste, nel rispetto di adeguate procedure di sicurezza. In ogni caso, l Affidatario dovrà eseguire i servizi con personale tecnico-operativo di provata capacità e idoneo, per numero e qualità, alla perfetta esecuzione delle attività richieste dalla Sogesid. Tutte le attività analitiche dovranno essere gestite nel rispetto dei protocolli che assicurano la qualità del dato e tutte le attività previste dovranno essere condotte secondo le procedure di qualità definite dalle norme ISO 9001/2008. Le analisi geotecniche dovranno essere effettuate da laboratori autorizzati con certificazione di cui all art. 59 del D.P.R n. 380 e s.m.i., rilasciata ai sensi della Circolare del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti n dell 8/9/2010. Tutte le attività dovranno altresì essere svolte nel rispetto della vigente normativa in materia di sicurezza (D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.). L Affidatario dovrà, pertanto, approntare tutte le misure (igienico-sanitarie, di protezione collettiva e individuale, di emergenza, ecc.) necessarie a svolgere in completa sicurezza le varie tipologie di attività, sia per il proprio personale incaricato sia per il personale esterno (personale Sogesid, Ente di validazione, Commissariato di Governo o altro Ente interessato) che potrà essere presente durante l esecuzione del servizio. 4.2 POSIZIONAMENTO DEI SONDAGGI I sondaggi saranno ubicati tenendo presente l accessibilità e il rispetto delle condizioni di sicurezza dei lavoratori. Saranno preferibilmente realizzati con una sonda meccanica a rotazione, senza l uso di fluidi di perforazione, a carotaggio continuo del diametro di 127 mm e rivestimento a seguire del diametro di 152 mm. Il campionamento del terreno sarà effettuato avendo cura di procedere con basse velocità di rotazione del campionatore per evitare fenomeni di surriscaldamento del terreno. La scelta della tipologia di carotiere sarà condizionata dalla tipologia dei litotipi presenti. In linea generale si richiede una sonda semovente cingolata o autocarrata in grado di fornire spinta massima, tiro, coppia massima e di essere attrezzata con aste di perforazione e rivestimenti sufficienti a raggiungere agevolmente la profondità massima prevista di 8 m. In fase di piazzamento della macchina operatrice dovrà essere curata al massimo la verticalità del foro mediante controlli con livelletta idrica sulla colonna di perforazione. 14

18 I diametri saranno scelti sulla base delle caratteristiche fisico-meccaniche dai litotipi presenti, delle prove da eseguire e della strumentazione da istallare. In particolare il diametro minimo a fondo foro dovrà essere sufficiente a prelevare campioni indisturbati del diametro non inferiore a 80 mm, e comunque ad attrezzare il foro con tubo in ABS, PVC pesante di diametro interno di 80 mm. Laddove le condizioni e le caratteristiche dei terreni non garantiscano una perfetta prosecuzione della perforazione si potrà richiedere, previo esplicita autorizzazione della Sogesid S.p.A., l impiego di doppi rivestimenti metallici provvisori, uno interno con diametro pari a 127 mm e uno esterno con diametro pari a 151 mm. L impresa avrà cura di asportare, attraverso adeguate manovre di pulizia a fondo foro, tutto il materiale presente nell intercapedine tra i due rivestimenti. La Sogesid S.p.A. potrà modificare in corso d'opera il programma di attività in relazione al prelievo di campioni e anche alla profondità di indagine, alla natura dei terreni incontrati, sempre nel rispetto degli obiettivi fissati dal programma. Di norma, le percentuali di recupero, valutate per ogni singola manovra, non dovrebbero essere inferiori a: - 70% per i terreni a grana grossa (sabbia, ghiaia, ecc.); - 80% per i terreni a grana fine (argilla, argilla marmose, ecc.) e rocce fratturate; - 90% per rocce compatte in genere (calcari, calcari marnosi, conglomerati, gessi, anitriti, rocce ignee, rocce metamorfiche, ecc.). L'attribuzione dei terreni incontrati alle classi sopra riportate è fatta dal geologo incaricato per l'assistenza di cantiere; qualora il recupero risulti inferiore alle percentuali sopra riportate, a giudizio insindacabile della Sogesid S.p.A. potrà essere richiesta una ripetizione dei sondaggi senza alcun aggravio di spesa a carico della Sogesid S.p.A. stessa. In ogni caso il tratto corrispondente alla percentuale di recupero non sarà computato nella contabilità finale. Tutta l attrezzatura di perforazione sarà sottoposta a procedura di decontaminazione, prima dell inizio delle indagini, tra un sondaggio e l altro e prima di lasciare il sito. Le carote, riposte in apposite cassette catalogatrici sigillate, saranno conservate e rimarranno a disposizione per eventuali futuri rilievi. Tutte le operazioni di perforazione saranno coordinate dal geologo, responsabile tecnico, che redigerà la stratigrafia intercettata segnalando la presenza di eventuali anomalie o livelli contaminati. Il posizionamento sui punti di sondaggio dovrà avvenire tramite DGPS (Differential Global Positioning System) in modalità RTK. Di ogni campagna di rilievo dovrà essere fornito il file Rinex. Ogni punto di perforazione verrà georeferenziato nel sistema UTM (ellissoide di riferimento WGS84) e quotato sul livello del mare. La quota di ciascun piezometro dovrà essere misurata e riferita sia al piano campagna sia alla bocca-pozzo, sul quale saranno marcati con un segno indelebile, e tali dati dovranno essere riportati sulle rappresentazioni grafiche (colonne stratigrafiche). Si dovrà prestare cura che l asta del carotiere sia collimata con la verticale d indagine. 4.3 ESECUZIONE DEI SONDAGGI Il tipo di attrezzatura per l'esecuzione dei sondaggi deve essere adeguato al raggiungimento delle posizioni e delle profondità prefissate, ovvero che si renderanno necessarie, in funzione dei risultati dell'indagine fino a quel momento svolta. Pertanto, qualora le condizioni morfologiche lo richiedano dovrà essere utilizzata una sonda montata su cingoli. Le modalità di perforazione e il diametro dei fori saranno tali da rendere minimo il disturbo dei terreni attraversati. La perforazione dovrà consentire la massima percentuale di recupero delle carote in funzione del tipo di terreno attraversato; il recupero dovrà essere ritenuto idoneo dalla Sogesid. Le carote prelevate durante il corso della perforazione verranno conservate in apposite cassette catalogatrici sulle quali verranno riportati in perfetta evidenza e in modo indelebile il numero di sondaggio e la profondità del rilievo. Il compenso per la fornitura delle cassette catalogatrici verrà riconosciuto solo per quelle utilizzate per la conservazione temporanea, per il periodo richiesto. 15

19 L'impresa potrà recuperare le cassette al termine dei lavori, con l'onere del trasporto a discarica del materiale estratto. Dopo aver completato ogni singola cassetta, l impresa è tenuta ad eseguire a proprie cure e spese, almeno una fotografia su stampa a colori del contenuto, in cui sia visibile, oltre alle carote, l indicazione del cantiere, il numero del sondaggio, la profondità dal piano di campagna cui corrisponde la cassetta e un comparatore colorimetrico. Le stampe dovranno essere fornite insieme alla relazione tecnica, al termine dei lavori. In terreni teneri la perforazione sarà eseguita con carotiere semplice ed assolutamente a secco. In presenza di terreni consistenti, o in particolari condizioni stabilite dalla Sogesid, la perforazione dovrà essere eseguita con carotiere doppio o altra attrezzatura ritenuta idonea dalla Sogesid; in ogni caso si dovrà limitare l'uso dell'acqua. Per evitare il franamento delle pareti dei fori di sondaggio saranno impiegati rivestimenti metallici il cui avanzamento seguirà quello della perforazione. Il diametro dei rivestimenti sarà tale da permettere l'uso dei campionatori previsti e di quant'altro necessario per effettuare le prove in sito. In presenza di foro poco stabile l'operatore dovrà mettere in atto tutti gli accorgimenti necessari ad assicurane la stabilità. Eventuali deformazioni di fori non rivestiti o franamenti delle pareti comportano l'esecuzione di perforazioni sostitutive, a distanza di 2-3 m, sino alla quota precedentemente raggiunta, senza che la Ditta appaltatrice possa chiedere compensi o sovrapprezzi. Nel corso dei sondaggi sarà rilevata la stratigrafia del terreno attraversato; in essa dovranno comparire tutti gli elementi relativi ai campioni rimaneggiati ed indisturbati. Per ogni sondaggio eseguito in terreni sciolti e/o coesivi dovrà essere descritto: - ubicazione e denominazione del cantiere; - committente ed Impresa esecutrice; - quota dei sondaggi; - orientamento del sondaggio e inclinazione rispetto alla verticale; - data di inizio e fine della perforazione; - metodi di perforazione impiegati nei diversi tratti; - caratteristiche dell'attrezzatura di perforazione e diametro di perforazione del carotiere; - eventuali metodi di stabilizzazione del foro adottati; - tipo e diametro degli eventuali rivestimenti; - profilo stratigrafico rilevato durante la perforazione con denominazione e rappresentazione simbolica della natura e consistenza dei terreni attraversati, con profondità dal piano di campagna e spessore dei diversi tipi litologici; - profondità di prelievo dei campioni disturbati e/o indisturbati; - note relative a perdite di fluidi di circolazione, eventuali franamenti delle pareti, rifluimenti dal fondo e quant'altro possa essere rilevato in campagna; - profondità di ogni manifestazione acquifera incontrata, da semplici perdite ai livelli freatici, di cui dovrà essere fornita la quota massima e minima rilevate nel corso del sondaggio fino a stabilizzazione o diversamente, a richiesta della Sogesid. Le misurazioni inoltre andranno sempre effettuate all'inizi, alla fine di ogni turno di lavoro e alla sospensione antimeridiana, avendo cura che il foro sia libero da eventuali materiali che impediscano alla falda di raggiungere, durante la notte, il livello statico. Il sondaggio, se non utilizzato per la posa in opera di strumentazione geotecnica, dovrà essere riempito con idoneo materiale, secondo le indicazioni della Sogesid, con onere dell'impresa. Per sondaggi in roccia o in strati cementati, il diametro di perforazione sarà tale da ottenere carote del diametro di almeno 85 mm. Non è consentito l'uso di attrezzi quali triconi, scalpelli o altri che operino "a distruzione", a meno che ciò non sia, per fini particolari, esplicitamente richiesto. Il loro uso è consentito per alesare un foro in cui siano già state prelevate le carote con le modalità sopra indicate. 16

20 I sondaggi saranno preferibilmente realizzati con una sonda meccanica a rotazione a carotaggio continuo, ad andamento verticale del diametro di 127 mm e rivestimento a seguire del diametro di 152 mm. Le pareti del perforo dovranno essere sostenute mediante una tubazione di rivestimento provvisoria (camicia di acciaio), che sarà approfondita man mano che avanza la perforazione. Le operazioni di perforazione dovranno essere eseguite rigorosamente a secco con estrusione delle carote tramite pistone. In caso di necessità, previa autorizzazione della Sogesid S.p.A., potrà essere utilizzato come fluido di perforazione l acqua, per la quale sarà verificata, a cura e oneri dell Affidatario, la provenienza e la qualità mediante lo svolgimento regolare di analisi chimiche. In linea generale, si richiede una sonda semovente cingolata o autocarrata in grado di fornire spinta massima di danm, tiro di danm, coppia massima di danm e di essere attrezzata con aste di perforazione e rivestimento sufficienti a raggiungere profondità di almeno 50 m. Laddove le condizioni e le caratteristiche dei terreni non garantiscano una perfetta prosecuzione della perforazione si potrà richiedere, in base a esplicita autorizzazione della Sogesid S.p.A., l impiego di doppi rivestimenti metallici provvisori, uno interno con diametro pari a 127 mm e uno esterno con diametro pari a 151 mm. L Affidatario avrà cura di asportare, attraverso adeguate manovre di pulizia a fondo foro, tutto il materiale presente nell intercapedine tra i due rivestimenti. La profondità che dovrà essere raggiunta sarà indicata dalla Sogesid S.p.A., prima dell inizio del foro ed eventualmente durante la perforazione in relazione alla natura dei terreni incontrati. La Sogesid S.p.A. potrà modificare in corso d opera il programma preliminare d indagine in relazione al prelievo di campioni e anche alla profondità nel rispetto degli obiettivi fissati dal programma. Dopo ogni battuta il materiale raccolto per mezzo del carotiere dovrà essere estruso, a mezzo di pistone, senza ricorrere a liquidi e disposto nelle apposite cassette catalogatrici, avendo cura di rispettare la naturale successione stratigrafica. Dovranno essere osservate tutte le norme di sicurezza previste per le perforazioni in aree contaminate Programma di perforazione Al momento della consegna delle attività l Affidatario dovrà proporre un dettagliato "Programma di perforazione", il quale indicherà: la tecnica di perforazione; la profondità; i diametri di perforazione iniziale e finale; L Affidatario dovrà attenersi scrupolosamente a tale programma comunicando tempestivamente l eventuali variazioni provocate da difficoltà incontrate o accorgimenti per dare migliore funzionalità all opera. Non potranno essere attuate varianti al programma se non ordinate o confermate dalla Sogesid. Ultimata la perforazione l Affidatario presenterà alla Sogesid la stratigrafia dettagliata del pozzo. La Sogesid ha, comunque, la facoltà di accettare la proposta dell Affidatario o di ordinare il completamento secondo le proprie indicazioni senza che ciò dia diritto a ulteriori compensi oltre quanto previsto dal capitolato. 4.4 PRELIEVO DI CAMPIONI INDISTURBATI PER PROVE GEOTECNICHE In contemporanea alla realizzazione dei sondaggi si dovrà procedere al prelievo di campioni indisturbati. Per n. 6 sondaggi geognostici, da indicarsi a cura della Sogesid, si dovranno prelevare i seguenti campioni: n. 1 campione indisturbato nel tratto compreso tra 0 e 20 m dal p.c.; n. 3 campioni indisturbati su indicazione della Sogesid. 17

21 I campioni destinati ad analisi geotecniche di laboratorio dovranno essere di tipo indisturbato, prelevati con idoneo campionatori, scelti in base alle caratteristiche dei terreni. Nei terreni coesivi e semicoesivi saranno utilizzati campionatori Shelby, Osterberg o analoghi). I campioni indisturbati avranno dimensioni non inferiori a 100 mm di diametro e 50 cm di lunghezza. Per campioni indisturbati s intendono quelli prelevati con apparecchiature idonee a conferire il massimo grado di qualità, compatibilmente con la natura del terreno, in base alla classificazione proposta dalle Raccomandazioni AGI ("Raccomandazioni sulla programmazione ed esecuzione delle indagini geotecniche" elaborate dalla Commissione AGI per la Normativa Geotecnica), Q.4 Q.5 per terreni coesivi e Q.2 Q.3 per terreni incoerenti o comunque difficili. Ogni campionamento dovrà essere preceduto dalle seguenti operazioni: adeguata stabilizzazione del foro mediante rivestimento provvisorio; controllo della profondità dopo l introduzione del campionatore; ulteriore manovra di pulizia con metodi adeguati (da definirsi in ogni caso specifico), qualora si accertasse la presenza di detriti sul fondo foro per un altezza incompatibile con la lunghezza del campionatore; la tolleranza in tal senso può essere maggiore nel caso di apparecchi muniti di pistone e in pratica "chiusi" alla base prima dell infissione. L'infissione del campionatore deve sempre avvenire in un'unica tratta. I campionatori a pistone devono essere costruiti in modo da poter portare alla pressione atmosferica, a fine prelievo, la superficie di contatto tra la parte alta del campione ed il pistone. Nel campionatore rotativo, la sporgenza della fustella dal carotiere esterno può essere regolata a priori fra 0,5 e 3 cm, ma deve poi rimanere costante durante ciascun prelievo. Il prelievo di campioni indisturbati deve seguire la manovra di perforazione e precedere quella di rivestimento a quota; nel caso l'autosostentamento del foro nel tratto scoperto non esista anche per il breve lasso di tempo necessario al prelievo, si rivestirà prima di campionare avendo cura di fermare l'estremità inferiore del rivestimento metallico provvisorio 0,2-0,5 m più in alto della quota di inizio prelievo, ripulendo quindi il fondo del foro. Si deve, inoltre, evitare qualsiasi eccesso di pressione nel fluido di circolazione nella fase di installazione dei rivestimenti. A tal fine, la pressione del fluido alla testa del foro dovrà essere controllabile in ogni istante attraverso un manometro di basso fondo scala (10 bar) (da escludere nelle fasi di campionamento Osterberg, ove sono necessarie pressioni maggiori) Ultimata l infissione, il campionatore sarà estratto usando gli accorgimenti necessari per staccare il campione dal terreno sottostante e per ridurre il disturbo dovuto alla decompressione e al risucchio. Subito dopo l estrazione, dalle estremità della fustella dovranno essere accuratamente rimosse le parti disturbate. A tal proposito occorrerà osservare che, a pulizia avvenuta e a parità di tipo di materiale, la consistenza del terreno nella parte alta del campione sia simile a quella misurabile nella parte bassa. In caso contrario la rimozione di terreno disturbato nella parte alta del campione dovrà proseguire fino ad ottenere dati soddisfacenti. In terreni cementati e rocciosi si prelevano dal carotaggio spezzoni di lunghezza >=15 cm, purché rappresentativi del tipo litologico perforato. Gli spezzoni di carota devono essere puliti, paraffinati ed inseriti in un involucro rigido di protezione (contenitori cilindrici di PVC); l'intercapedine tra la carota ed il cilindro verrà riempita con paraffina fusa che verrà impiegata anche per sigillare le due estremità. Qualunque sia il tipo di terreno, dopo la pulizia delle estremità le medesime dovranno essere sigillate con paraffina fusa e ove il campione risultasse notevolmente più corto rispetto alla fustella, sopra la paraffina si dovrà porre della sabbia umida fino alla sommità della fustella. Le estremità dei campioni indisturbati dovranno essere chiuse con tappi e protette con nastro adesivo. Il campione dovrà essere riposto in luogo riparato dal gelo e dal sole in attesa di essere inviato al laboratorio geotecnico. I campioni dovranno essere contraddistinti da cartellini inalterabili, che indicheranno: cantiere; 18

22 numero del sondaggio; numero del campione; profondità di prelievo; tipo di campionatore impiegato; data di prelievo; tipo di prova di laboratorio geotecnica previsto per il campione (a.e. edometria e caratterizzazione meccanica ); parte alta (per campioni indisturbati e spezzoni di carota). Il numero del campione, il tipo di campionatore usato e il metodo di prelievo dovranno essere riportati anche nel caso di prelievi non riusciti. Nella relativa documentazione sarà richiesto anche: metodo d infissione del campionatore; lunghezza del campione, misurata prima della sigillatura; classificazione macroscopica del terreno, per quanto è visibile alle estremità del campione; altre eventuali osservazioni ritenute utili dall operatore. I campioni destinati al laboratorio saranno sistemati in cassette con adeguati separatori ed imbottiture alle estremità, onde assorbire le inevitabili vibrazioni del trasporto. Le cassette andranno collocate in un locale idoneo, protette dal sole e dalle intemperie, fino al momento della spedizione, e dovranno contenere un massimo di 6 fustelle onde facilitarne il maneggio; saranno dotate di coperchio e maniglie. Sul coperchio si indicherà la parte alta. Il trasporto verrà effettuato con tutte le precauzioni necessarie per evitare il danneggiamento dei campioni sotto la diretta responsabilità dell'affidatario. 4.5 ESECUZIONE DI PROVE PENETROMETRICHE DINAMICHE (S.P.T.) È prevista l esecuzione di n. 130 Prove Penetrometriche Dinamiche (S.P.T) che saranno effettuate secondo una maglia 100x100 m. La normativa di riferimento per l esecuzione della prova S.P.T. è la seguente: A.G.I. Associazione Geotecnica Italiana (1977). Raccomandazione sulla programmazione ed esecuzione delle indagini geotecniche; ASTM D (74); D Standard Method for Penetration Test and Split-Barrel Sampling of Soil; ISSMFE Techn. Committee (1988) Standard Penetration Test (SPT): International Reference Test procedure. Per la prova dovrà essere usato un campionatore Raymond di lunghezza 711 mm, diametro esterno di 50,8 mm, diametro interno 34,9 mm e un dispositivo di guida e di sgancio automatico del maglio, di peso 63,5 kg, che assicuri una corsa a caduta libera di 0,76 mm. Le aste di perforazione non dovranno superare il peso di 10 kg/m. La differenza tra il diametro esterno delle aste e diametro interno della tubazione provvisoria di rivestimento non deve superare di norma i 6 cm; in caso contrario, dovranno essere predisposte, lungo la batteria delle aste ad intervalli di 3 m, opportune alette di irrigidimento di dimensioni adeguate al diametro interno effettivo della tubazione di rivestimento provvisoria. Fra la testa di battuta in sommità delle aste e il piano di campagna deve essere installato almeno un centratore di guida ed irrigidimento delle aste stesse. Sul fondo foro provvisorio opportunamente pulito, dovrà essere infisso a percussione un campionatore di forma e dimensioni standard (tipo Raymond), per tre tratti consecutivi di 15 cm ciascuno, misurando il numero dei colpi (N) necessari alla penetrazione di 45 cm. Il valore Nspt è dato dalla somma dei colpi ottenuti per il secondo e il terzo tratto di 15 cm. 19

23 La prova viene sospesa quando il numero di colpi, per un tratto di 15 cm, supera i 50; in tal caso si annota la penetrazione (in cm) ottenuta con i 50 colpi e tale valore rappresenta il rifiuto. Le fasi da eseguire per la prova sono le seguenti: controllo della quota del fondo foro con lo scandaglio e verifica della stessa con quella raggiunta con la manovra di perforazione o di pulizia precedentemente eseguita; se tale differenza di quota, per effetto di del fondo foro o per decantazione di detriti in sospensione del fluido, supera i 7 cm, è necessario effettuare un altra manovra di pulizia; installazione a fondo foro della batteria di prova; l evntuale affondamento del campione, per il peso proprio e delle aste deve essere annotato, ma è già parte integrante dei 45 cm di infissione complessiva; infissione, contando e annotando il numero di colpi del maglio; il ritmo di percussione deve essere compreso tra 10 e 30 colpi al minuto; estrazione del campione, che sarà misurato, descritto, trascurando l eventuale parte alta costituita dai detriti, sigillato in apposito contenitore e inviato in laboratorio; In presenza di materiali molto compatti o ghiaie grossolane, si adotterà la particolare punta conica. La norma ASTM n. D potrà essere derogata nel caso in cui i terreni interessati siano molto compatti o ghiaiosi; in tal caso, previa autorizzazione da parte della Sogesid S.p.A, l Affidatario potrà impiegare, al posto della scarpa del campionatore sopra descritto, una punta conica del diametro di 51 mm e di 60 di apertura angolare. Le tre fasi di penetrazione di 15 cm ciascuna andranno comunque eseguite e per ciascuna fase, in caso di rifiuto, andrà indicata la penetrazione raggiunta in cm. La documentazione da presentare per ciascuna prova deve comprendere: quota della tubazione di rivestimento provvisorio del foro; quota raggiunta con la manovra di perforazione o pulizia; quota del fondo del foro controllata prima di iniziare la prova; penetrazione (per peso proprio e delle aste) del campionatore; N di infissione di ciascuno dei tre tratti di 15 cm; eventuale rifiuto ; peso per metro lineare delle aste impiegate; lunghezza e descrizione geotecnica del campione estratto; tipo di campionatore (aperto o chiuso) impiegato. Inoltre per ciascuna verticale indagata dovrà essere riportato il grafico Nspt in funzione della profondità. Nel caso sia disponibile il dispositivo per la determinazione dell energia trasmessa al campionatore, le caratteristiche del sistema di misure e i risultati determinati saranno parte integrante della documentazione. 20

24 5 SPECIFICHE TECNICHE PER L ESECUZIONE DELLE ANALISI GEOTECNICHE DI LABORATORIO 5.1 REQUISITI GENERALI DEL LABORATORIO I campioni indisturbati prelevati in numero di 18 (n. 6 sondaggi x 3 campioni), accompagnati da opportuni documenti di trasporto, dovranno essere analizzati in laboratorio geotecnico con prove di laboratorio atte alla caratterizzazione meccanica del terreno. Analogamente si provvederà per i n. 6 campioni rimaneggiati superficiali (n. 6 sondaggi x 1 campione) L attività del laboratorio di prova dovrà essere condotta in accordo alla norma UNI-CEI-EN Criteri generali per il funzionamento dei laboratori di prova. Il laboratorio di prova dovrà essere competente per l esecuzione delle prove in programma; il personale tecnico sarà in numero sufficiente, avrà adeguata formazione ed aggiornamento documentabili e farà capo ad un Responsabile di laboratorio. Le prove dovranno eseguirsi in laboratori certificati ai sensi del D.P.R. n. 380/2001 art. 59 e s.m.i. e delle Circolari del n. 7618/STC e s.m.i.. L ambiente in cui le prove vengono eseguite non deve in alcun modo invalidarne i risultati né influenzare le misure: i locali di prova dovranno essere opportunamente protetti da condizioni anomale quali temperatura, polveri, umidità, vapori, vibrazioni, disturbi o interferenze elettromagnetiche; dovranno inoltre essere sufficientemente spaziosi e dotati di apparecchiature e sorgenti di alimentazione adeguate. Per quanto riguarda ambienti particolari quali camera umida di conservazione o zona di preparazione provini e assemblaggio delle prove, i locali dovranno essere dotati di strumentazione di controllo e condizionamento ambientale. L accesso alle zone di prova dovrà essere controllato e regolato da procedure. Il laboratorio di prova deve essere fornito di tutte le apparecchiature necessarie per la corretta esecuzione delle prove in programma. Tutte le apparecchiatura devono essere conservate con cura e devono essere disponibili idonee procedure di manutenzione. Per le apparecchiature di prova principali dovrà essere disponibile un sistema di registrazione in cui sia riportato: il nome dell apparecchiatura; il nome del fabbricante, l identificazione del tipo ed il numero di serie; la data di acquisizione e la data di messa in servizio; lo stato al momento del ricevimento; le operazioni di manutenzione eseguite; i danni subiti e le riparazioni eseguite; copia del certificato di taratura di data non anteriore di sei mesi alla data di prova. Una copia delle schede di registrazione delle apparecchiature da utilizzare dovrà essere fornita alla Sogesid prima dell inizio dell attività di prova. Gli strumenti di misura e le apparecchiature di prova dovranno essere sottoposte a taratura secondo un programma temporale adeguato al carico di lavoro del laboratorio, e comunque ad intervalli non superiori ai sei mesi. La taratura degli strumenti di misura e di prova dovrà essere effettuata in modo da garantire la riferibilità delle misure effettuate alla catena metrologica internazionale. Copia dei certificati di taratura delle apparecchiature e degli strumenti di misura utilizzati per l esecuzione delle prove, di data non anteriore di sei mesi la data di prova, dovrà accompagnare il rapporto di prova emesso dal laboratorio. 5.2 IDENTIFICAZIONE E CONSERVAZIONE DEI CAMPIONI Sarà necessario presentare alla Sogesid le procedure adottate dal laboratorio prove per l identificazione dei campioni e delle parti di campioni da sottoporre a prova. Al momento del ricevimento dei campioni si 21

25 dovrà controllare la corrispondenza con le distinte o le stratigrafie di accompagnamento, segnalando immediatamente alla Sogesid qualsiasi difformità. Tutti i campioni e le relative porzioni da sottoporre a prova (provini) dovranno essere chiaramente identificati da una sigla o codice che accompagnerà il campione o il provino in tutte le fasi dell attività di laboratorio (conservazione, preparazione, esecuzione delle prove, preparazione della documentazione di prova e del rapporto finale); dovrà inoltre essere stabilita una corrispondenza tra il codice di identificazione adottato dal laboratorio e il sistema di identificazione utilizzato durante il prelievo in situ, in modo che i risultati delle prove di laboratorio siano sempre chiaramente attribuibili. Prima dell inizio delle attività di laboratorio dovrà essere redatta e trasmessa alla Sogesid una scheda contenente: la località di prelievo; il numero del sondaggio o del pozzetto esplorativo; la profondità di prelievo; il codice adottato nel corso del campionamento; il codice identificativo del campione o del provino adottato in laboratorio; il programma di prove indicato dalla società; il programma temporale di attuazione. I campioni consegnati al laboratorio dovranno essere conservati in modo da non alterarne le caratteristiche naturali. All atto della consegna si verificheranno le condizioni di sigillatura dei campioni e si segnaleranno tempestivamente alla Sogesid eventuali danni alle fustelle che potrebbero aver alterato le condizioni originarie dei campioni (ovalizzazioni, deformazioni anomale, etc.). I campioni dovranno essere conservati in cella umidificata a temperatura ed umidità controllata in modo da garantire il mantenimento dei seguenti parametri ambientali: temperatura : 20 ± 2 umidità relativa > 95% Al termine delle attività di prova, i campioni residui non sottoposti a prova dovranno essere conservati in ambiente ad atmosfera controllata e potranno essere avviati a discarica, unitamente ai campioni ed ai provini sottoposti a prova, idoneamente conservati, solo previa autorizzazione della Sogesid o, salvo diverse indicazioni, dopo 2 anni dalla fine delle attività. In tutte le fasi dell attività di laboratorio, i campioni e le relative porzioni da sottoporre a prova dovranno essere trattati e manipolati in modo di minimizzare il disturbo ad essi arrecato e di alterarne il meno possibile le caratteristiche e le proprietà naturali che devono essere determinate o investigate. In particolare si dovrà avere la massima cura per evitare di: alterare significativamente il contenuto d acqua; modificare la struttura del terreno; applicare sollecitazioni tali da alterare lo stato tensionale residuo; modificare la composizione granulometrica del terreno. Risulta di conseguenza necessario che le operazioni di apertura, descrizione, selezione dei materiali e preparazione dei provini siano effettuati in ambienti con temperatura intorno ai 20 ed umidità non inferiore al 75%, meglio se ad atmosfera controllata; in ogni caso le condizioni ambientali della zona di preparazione dei provini devono essere tali da assicurare variazioni del contenuto d acqua non superiori all 1 %. L inizio delle analisi o prove programmate dovrà immediatamente seguire l apertura dei campioni; nel caso in cui l inizio delle attività di prova debba essere necessariamente procrastinato, i provini già confezionati, opportunamente siglati e sigillati, dovranno essere conservati nel locale ad atmosfera controllata utilizzato per la conservazione dei campioni. Durante le fasi di montaggio e di avvio delle prove dovrà essere garantito il mantenimento delle condizioni originarie dei campioni, segnalando le 22

26 eventuali variazioni connesse alle procedure di prova ed evitando ogni tipo di modificazione incontrollata. 5.3 PROGRAMMA DELLE PROVE E DOCUMENTAZIONE DA FORNIRE Il laboratorio dovrà comunicare alla Sogesid il programma temporale delle attività, in modo che sia possibile presenziare all apertura dei campioni. Il Responsabile del laboratorio manterrà i contatti con la Sogesid, cui dovrà comunicare qualsiasi problema o inconveniente che dovesse insorgere durante l effettuazione delle prove in programma e si farà carico di trasmettere settimanalmente un rapporto comprendente lo stato di avanzamento dell attività di laboratorio e i risultati delle prove già eseguite, anche in bozza. In caso di controversie o di perplessità relative alle modalità operative del laboratorio, la Sogesid si riserva la facoltà di richiedere l esame di alcuni campioni o l esecuzione di alcune prove di controllo e verifica da effettuarsi presso un laboratorio di sua fiducia. Alla consegna dei certificati di prova dovrà essere fornita anche una sintesi che riporterà i risultati principali ottenuti dalle singole prove. Tale sintesi, espressa in un quadro riepilogativo generale, dovrà contenere: la sigla identificativa del campione e la profondità di prelievo; le percentuali delle diverse frazioni granulometriche; i valori dei limiti di consistenza e dell indice di plasticità; le classificazioni AGI, USCS e CNR-UNI 10006; il contenuto d acqua e il peso di volume naturale; i valori ottenuti dalle prove di taglio diretto e dalle prove triassiali; i valori di modulo edometrico, permeabilità, coefficiente di consolidazione verticale e coefficiente di consolidazione secondaria per una determinata pressione di riferimento. Il rapporto finale di ciascuna prova dovrà comprendere almeno le seguenti informazioni: il nome e l indirizzo del laboratorio di prova; l identificazione univoca del rapporto di prova, di ciascuna sua pagina e del numero totale delle pagine; il nome ed indirizzo del committente; l identificazione dei campioni; la data di ricevimento dei campioni e la data di prova; lo standard di riferimento seguito per l esecuzione delle prove; tutte le misure, gli esami e i loro risultati, corredati di tabelle, grafici, disegni e fotografie e tutte le anomalie individuate; la firma del responsabile del rapporto di prova e la data di emissione. I risultati di tutti i calcoli e le determinazioni eseguite dovranno essere espressi in opportune unità SI, con relative multipli o sottomultipli. 5.4 ESECUZIONE DELLE PROVE Apertura e descrizione dei campioni Per i campioni indisturbati, l estrusione dalle fustelle o dalle cassette di alloggiamento dovrà avvenire tramite l utilizzo di un estrusore idraulico, con lentezza e continuità, evitando l applicazione di sforzi eccessivi o l esecuzione di brusche manovre, il tutto in modo da minimizzare il disturbo arrecato al campione. 23

27 Dopo l estrusione il campione sarà sottoposto a scorticatura e ripulitura delle estremità e si procederà alla descrizione geotecnica visivo-manuale del materiale, indicando natura, colore, strutture, inclusioni, frammenti di conchiglie, resti organici, eventuale odore ed ogni altro elemento ritenuto significativo. La descrizione geotecnica visivo-manuale dovrà essere condotta in accordo allo standard ASTM D (Standard Practice for Description and Identification of Soils - Visual-Manual Procedure). Si effettuerà quindi una ripresa fotografica a colori del campione, avendo cura che l immagine risulti nitida e chiaramente leggibile; la foto comprenderà anche una scala colorimetrica e una scala metrica di riferimento e riporterà la completa identificazione del campione e del suo alto. Successivamente si procederà all esecuzione di prove speditive con penetrometro e scissometro tascabile ad intervalli regolari, per la determinazione dello stato di consistenza del materiale campionato. Da ultimo si procederà alla selezione delle porzioni del campione da sottoporre a prova, avendo particolare cura di escludere, dal confezionamento dei provini da sottoporre a prova, le porzioni disturbate per rammollimento o deformazione eccessiva, e di scegliere porzioni omogenee del campione per l esecuzione di prove che richiedano la preparazione di una serie di provini. Nella scelta delle porzioni di campione da sottoporre a prova assume particolare rilevanza la valutazione della stato di qualità del campione che dovrà in ogni caso essere indicata. Al termine dell esame sarà redatto un apposito modulo contenente tutte le osservazioni e le misure condotte, l indicazione delle prove da eseguire e dei relativi provini, le indicazioni sullo stato di qualità del campione e della fustella, le dimensioni della fustella e del campione estruso. Il modulo sarà corredato dalla documentazione fotografica del campione. Per i campioni rimaneggiati, l estrazione di un campione rimaneggiato dal contenitore di alloggiamento (sacchetto, barattolo, vasetto, etc.) sarà seguita dalla descrizione geotecnica visivo-manuale del materiale, condotta in accordo allo standard ASTM D (Standard Practice for Description and Identification of Soils - Visual-Manual Procedure). Il materiale campionato sarà sottoposto a ripresa fotografica a colori, avendo cura che l immagine risulti nitida e chiaramente leggibile; la foto comprenderà anche una scala colorimetrica e una scala metrica di riferimento e riporterà la completa identificazione del campione. Anche in questo caso, al termine delle operazioni, si procederà alla redazione di un modulo contenente la descrizione geotecnica del campione, l indicazione delle prove da eseguire e l eventuale documentazione fotografica Prove da effettuare Per ciascun campione di terreno indisturbato, saranno effettuate le seguenti prove: determinazione del contenuto d acqua allo stato naturale; determinazione dei limiti di consistenza (liquidità/plasticità); determinazione dei limiti di ritiro; determinazione della resistenza al taglio di picco tramite prova di taglio diretto; determinazione della saturazione con il metodo della saturazione completa; determinazione del peso di volume allo stato naturale (peso specifico apparente); determinazione della porosità (indice dei vuoti); analisi granulometrica per vagliatura; analisi granulometrica per sedimentazione; La consistenza del terreno si misurerà utilizzando il penetrometro tascabile o, caso dei terreni molto teneri, il Torvane. Un campione indisturbato a sondaggio, prelevato in corrispondenza dello strato più superficiale del sondaggio, dovrà essere sottoposto a: Prova di consolidazione edometrica; Prova triassiale consolidata non drenata (CU); Prova triassiale non consolidata non drenata (UU). 24

28 5.4.3 Normativa di riferimento per l esecuzione delle prove Le prove dovranno essere effettuate facendo riferimento alle più importanti normative nazionali e internazionali esistenti (C.N.R. - U.N.I. A.S.T.M. - B.S.) e alle raccomandazioni A.G.I.: A.G.I. (1977) Raccomandazioni sulla programmazione ed esecuzione delle indagini geotecniche ; A.G.I. (1994) Raccomandazioni sulle prove geotecniche di laboratorio ; norma CNR UNI 10010/64 Prove sulle terre. Peso specifico di una terra ; norma CNR UNI 10014/64 Prove sulle terre. Determinazione dei limiti di consistenza (o di Atterberg) di una terra ; U.S.A. ASTM D421 - D2217 per la analisi granulometrica mediante vagliatura; ISO del 1998 e ISO del 2004 per la determinazione delle curve caratteristiche idrauliche del terreno non saturo. Più dettagliatamente: Per la determinazione delle caratteristiche fisiche generali: contenuto naturale d acqua (ASTM D Standard Test Method for Laboratory Determination of Water (Moisture) Content of Soil and Rock); limiti di consistenza (ASTM D Standard Test Method for Liquid Limit, Plastic Limit, and Plasticity Index of Soils); limiti di ritiro (ASTM D Test Method for Shrinkage Factors of Soils by the Mercury Method; tenuto conto della tossicità del mercurio utilizzato nel metodo è consentito l uso dello standard alternativo ASTM D ); resistenza al taglio di picco (ASTM D Standard Test Method for Direct Shear Test of Soils Under Consolidated Drained Conditions); saturazione con il metodo della saturazione completa; Peso di volume allo stato naturale o peso specifico apparente (BS 1377 (1990) Methods of test for soils for civil engineering purposes - Part 2: Classification tests); Porosità o indice dei vuoti; Analisi granulometrica per vagliatura (ASTM D (90) - Standard Test Method for Particle-Size Analysis of Soils; ASTM D (93) - Standard Practice for Dry Preparation of Soil Samples for Particle-Size Analysis and Determination of Soils Constants); analisi granulometrica per sedimentazione (ASTM D (90) - Standard Test Method for Particle-Size Analysis of Soils; ASTM D (93) - Standard Practice for Dry Preparation of Soil Samples for Particle-SizeAnalysis and Determination of Soils Constants); Per la determinazione delle caratteristiche fisico-meccaniche: Prova di consolidazione edometrica a incrementi di carico controllati (IL) (ASTM D Standard Test Method for One-Dimensional Consolidation Properties of Soils); Prova triassiale consolidata non drenata (CU); Prova triassiale non consolidata non drenata (UU) (ASTM D Standard Test Method for Unconsolidated, Undrained Compressive Strength of Cohesive Soils in Triaxial Compression) Documentazione da consegnare Di seguito si riporta la documentazione minima da fornire per ciascun tipo di prova. Contenuto naturale d acqua identificazione completa del campione sottoposto a prova; 25

29 valore percentuale del contenuto d acqua espresso alla prima cifra decimale; documentazione delle pesate eseguite; note sulla eventuale disomogeneità del campione ed indicazione della porzione a cui si riferisce la determinazione; copia del certificato di taratura degli strumenti di misura e controllo impiegati (bilancia, termostato), non anteriore di sei mesi alla data di prova. Limiti di consistenza identificazione completa del campione sottoposto a prova; risultato delle determinazioni espresse come valori percentuali con indicazione della prima cifra decimale; documentazione delle pesate eseguite; copia del certificato di taratura degli strumenti di misura e controllo impiegati (bilancia, termostato), non anteriore di sei mesi alla data di prova. Limiti di ritiro identificazione completa del campione sottoposto a prova; risultato espresso come valore percentuale con indicazione della prima cifra decimale, calcolato come media delle due determinazioni effettuate; documentazione delle pesate eseguite; copia del certificato di taratura degli strumenti di misura e controllo impiegati (bilancia, termostato), non anteriore di sei mesi alla data di prova. Taglio di picco identificazione completa del campione e dei provini sottoposti a prova; dimensioni iniziali dei provini; peso di volume naturale, contenuto d acqua e grado di saturazione iniziale e finale dei provini; tabella con la progressione di carico adottata in fase di consolidazione per ciascun provino; tabella con i valori della variazione di altezza e dei relativi tempi di acquisizione durante la fase di consolidazione per ciascun provino; diagramma della deformazione verticale - logaritmo del tempo, o in alternativa deformazione verticale - radice quadrata del tempo per ciascun provino; valore del tempo di fine consolidazione t100 di ciascun provino; altezza dei provini al termine della fase di consolidazione; velocità di deformazione adottata nella fase di rottura; tabella di sintesi con i valori di resistenza al taglio, scorrimento orizzontale e deformazione verticale registrati per ciascun provino in fase di rottura; diagramma della resistenza al taglio - scorrimento orizzontale per ciascun provino; diagramma della deformazione verticale - scorrimento orizzontale per ciascun provino; eventuale diagramma cumulato della resistenza al taglio - scorrimento orizzontale per la determinazione della resistenza residua; valori della resistenza al taglio e dello scorrimento orizzontale a rottura per ciascun provino; eventuali valori della resistenza al taglio residua e del relativo scorrimento orizzontale per ciascun provino; rappresentazione dello stato di sollecitazione a rottura ed eventualmente allo stato residuo di tutti i provini sottoposti a prova espresso in termini di sforzi efficaci nel piano σ/τ con indicazione dell inviluppo di rottura; 26

30 indicazione del valore di resistenza al taglio di picco ed eventualmente residua del campione esaminato espresso in termini di tensioni efficaci dai parametri c e φ'; documentazione delle misure effettuate; copia del certificato di taratura degli strumenti di misura e controllo (bilancia, comparatori millesimali o trasduttori lineari di spostamento, anelli dinamometrici o trasduttori di carico), non anteriore di sei mesi alla data di prova. Saturazione identificazione completa del campione sottoposto a prova; risultato della determinazione espresso in unità SI con definizione della seconda cifra decimale; copia del certificato di taratura degli strumenti di misura e controllo (bilancia, comparatori millesimali o trasduttori lineari di spostamento, anelli dinamometrici o trasduttori di carico), non anteriore di sei mesi alla data di prova. Peso di volume allo stato naturale identificazione completa del campione sottoposto a prova; risultato della determinazione espresso in unità SI con definizione della seconda cifra decimale; documentazione delle pesate eseguite e delle dimensioni dei provini; note sulla eventuale disomogeneità del campione ed indicazione della porzione a cui si riferisce la determinazione; copia del certificato di taratura degli strumenti di misura e controllo impiegati (bilancia), non anteriore di sei mesi alla data di prova. Porosità (indice dei vuoti) identificazione completa del campione sottoposto a prova; risultato della determinazione espresso in unità SI con definizione della seconda cifra decimale; copia del certificato di taratura degli strumenti di misura e controllo (bilancia, comparatori millesimali o trasduttori lineari di spostamento, anelli dinamometrici o trasduttori di carico), non anteriore di sei mesi alla data di prova. Analisi granulometrica per vagliatura identificazione completa del campione sottoposto a prova; diametro massimo del campione analizzato; quantità di materiale analizzato; tabella con indicazione della percentuale di materiale trattenuto a ciascun setaccio; diagramma semilogaritmico % di trattenuto - diametro; classificazione granulometrica del materiale analizzato; documentazione delle pesate eseguite; copia del certificato di taratura degli strumenti di misura e controllo impiegati (bilancia, termostato), non anteriore di sei mesi alla data di prova. Analisi granulometrica per sedimentazione identificazione completa del campione sottoposto a prova; quantità di materiale analizzato; data di preparazione della soluzione disperdente; tabella con indicazione della percentuale di materiale trattenuto in corrispondenza di ciascun diametro; diagramma semilogaritmico % - diametro; classificazione granulometrica del materiale analizzato; 27

31 documentazione delle letture di densità e temperature eseguite; copia del certificato di taratura degli strumenti di misura e controllo impiegati (bilancia, termostato, termometro), non anteriore di sei mesi alla data di prova. Prova di consolidazione edometrica identificazione completa del campione sottoposto a prova; dimensioni iniziali e finali del provino; contenuto d acqua iniziale e finale del provino; indice dei vuoti iniziale e finale del provino; peso di volume iniziale e finale del provino; grado di saturazione iniziale e finale del provino; tabella riassuntiva riportante i valori di deformazione verticale percentuale e di indice dei vuoti per ciascun livello di carico ed i valori del modulo edometrico nei tratti di carico; tabella con i valori di cv, k e c ove richiesto; diagramma indice dei vuoti - logaritmo del carico verticale efficace (e - logσ v) costruito sulla base dei cedimenti corrispondenti ai t100 di fine consolidazione; diagramma logaritmo del carico - logaritmo del modulo edometrico; tabelle cedimento - tempo per ciascun gradino di carico o scarico; diagramma cedimento - logaritmo del tempo per tutti i gradini di carico; documentazione delle misure effettuate; copia del certificato di taratura degli strumenti di misura e controllo impiegati (bilancia, comparatori o trasduttori di spostamento lineari, eventuali trasduttori di carico), non anteriore di sei mesi alla data di prova. Prova triassiale consolidata non drenata identificazione completa del campione sottoposto a prova; dimensioni dei provini; peso di volume naturale; contenuto d acqua dei provini; velocità di deformazione adottata; valore della pressione di cella adottata per ciascun provino; tabella di sintesi con i valori di sforzo e deformazione assiale registrati per ciascun provino; diagramma sforzo - deformazione per ciascun provino; valori dello sforzo e della deformazione assiale a rottura per ciascun provino; rappresentazione dello stato di sforzo a rottura, espresso in termini di sforzi totali nel piano σ/τ a mezzo cerchi di Mohr, con indicazione dell inviluppo di rottura; documentazione delle misure effettuate; risultato della determinazione espresso in unità SI con definizione della seconda cifra decimale; copia del certificato di taratura degli strumenti di misura e controllo (bilancia, comparatori millesimali o trasduttori lineari di spostamento, anelli dinamometrici o trasduttori di carico), non anteriore di sei mesi alla data di prova. Prova triassiale non consolidata non drenata identificazione completa del campione e dei provini sottoposti a prova; dimensioni dei provini; peso di volume naturale; contenuto d acqua iniziale dei provini; 28

32 velocità di deformazione adottata; valore della pressione di cella adottata per ciascun provino; tabella di sintesi con i valori di sforzo deviatorico e deformazione assiale registrati per ciascun provino; diagramma dello sforzo deviatorico - deformazione assiale per ciascun provino; valori dello sforzo deviatorico e della deformazione assiale a rottura per ciascun provino; rappresentazione dello stato di sforzo a rottura, espresso in termini di sforzi totali nel piano σ/τ a mezzo cerchi di Mohr, con indicazione dell inviluppo di rottura; indicazione del valore di resistenza al taglio del campione esaminato, espresso in termini di tensioni totali dal parametro cu; documentazione delle misure effettuate; copia del certificato di taratura degli strumenti di misura e controllo (bilancia, comparatori millesimali o trasduttori lineari di spostamento, anelli dinamometrici o trasduttori di carico; manometri o trasduttori di pressione), non anteriore di sei mesi alla data di prova. 29

33 6 SPECIFICHE TECNICHE PER LA DETERMINAZIONE DEI PROFILI SISMICI A RIFRAZIONE È una metodologia geofisica di rilevazione rigorosamente non invasiva di carattere qualitativo che consente di definire le caratteristiche sismostratigrafiche dei litotipi e classificare sismicamente il suolo secondo la normativa vigente (D.M. 14 gennaio 2008) e di conseguenza condurre un analisi della risposta sismica del suolo fornendo il calcolo degli spettri di risposta elastici delle componenti orizzontale e verticale delle azioni sismiche di progetto (D.M. 14 gennaio 2008). Tale metodologia si basa sull analisi multicanale delle onde superficiali di Rayleigh MASW (Multichannel Analysis of Surface Waves) ed è una efficiente ed accreditata metodologia sismica per la determinazione delle velocità delle onde di taglio VS. L indagine sarà condotta mediante l utilizzo di sismografo 24 bit 24 canali, strumento progettato e realizzato appositamente per eseguire indagini di prospezione sismica convenzionali (rifrazione, riflessione) e non convenzionali [Re.Mi. (Refraction Microtremor); M.A.S.W. (Multichannel Analysis of Surface Waves); S.A.S.W. (Spectral Analysis of Surface Waves)]. L indagine sarà condotta con base fino a 34m con uso di sismografo multicanale di 24 canali, con sommatoria sincrona dei segnali, con profilo diretto e coniugato, con qualsiasi tipo di energizzazioni escluso l'uso di esplosivi di 2 con spaziature geofoniche > m 5 e < m 10. La relazione di indagine riporterà la determinazione delle velocità delle onde di taglio VS alle varie profondità, il valore medio nel tratto 4-34m e la conseguente categoria di suolo. L esecuzione di ciascun profilo sismico a rifrazione dovrà essere effettuata con base fino a 230 m con sismografo multicanale di almeno 24 canali, con sommatoria sincrona dei segnali, con profilo diretto e coniugato, con qualsiasi tipo di energizzazioni escluso l'uso di esplosivi, con spaziature geofoniche fino a 5 m: polarizzazione e misura sia di onde di compressione sia di onde di taglio P+S. 30

34 7 SPECIFICHE TECNICHE PER LA DETERMINAZIONE DEI PROFILI ELETTRICI MULTIELETTRODICI (TOMOGRAFIE GEOELETTRICHE) Questo tipo di indagine, eseguita con diverse configurazioni (Wenner, dipolo-dipolo o Schlumberger), può essere utilizzata con successo nella definizione della geometria e dello spessore di strutture sepolte a piccola profondità; volta per volta verrà definita la profondità dell indagine e quindi le caratteristiche delle geometrie impiegate. L attrezzatura di prova dovrà essere costituita dai seguenti componenti: - strumentazione di acquisizione multicanale (fino a 96) e che dovrà eseguire in automatico le seguenti operazioni: cancellazione automatica dei potenziali spontanei; sommatoria automatica del segnale ( stacking ) programmabile; possibilità di impostare finestre di misura; risoluzione di misura fino a 30 Nv; elettrodi definiti intelligenti, dotati, cioè, di elettronica interna (smart electodes), montati permanentemente sul cavo elettrico; cavi di collegamento vari ed accessori. Le esatte modalità di configurazione in fase di prova saranno preventivamente concordati con la Sogesid. In ogni caso la tomografia elettrica dovrà essere eseguita con una configurazione Wenner, dipolo-dipolo e Schlumberger, dovranno comunque essere utilizzati stendimenti base composti da 48/72/96 elettrodi ubicati ad intervallo regolare lungo il profilo con passo di 5 metri, per uno sviluppo massimo di 475 metri lineari. In relazione al dettaglio richiesto ed alla profondità di indagine potranno variare sia la spaziatura degli elettrodi che la dimensione finale dello stendimento di base. La suddetta strumentazione di acquisizione dovrà essere in grado di gestire, acquisire e memorizzare automaticamente le misure, tramite opportuno software e sarà costituita da tre elementi principali: unità di controllo, sistema automatico di commutazione degli elettrodi, set di cavi multicanale con elettrodi dotati di elettronica interna (smart electrodes). Il ricoprimento tra due basi contigue verrà acquisito secondo la modalità del roll along, ripetute secondo passo regolare con spostamenti successivi dello stendimento principale e sarà definito dalla profondità d indagine richiesta, secondo il rapporto AB / Pf = 6. La posizione degli elettrodi dovrà essere oggetto di adeguato rilievo planoaltimetrico. L elaborazione dei dati seguirà due fasi successive: - ricostruzione di pseudosezioni di resistività tramite l utilizzo di software di definizione delle linee di contorno ( countouring ) tipo Surfer; - inversione mono e bidimensionale per lo sviluppo di un adeguato modello di distribuzione della resistività del sottosuolo; il software d inversione dovrà essere in grado di applicare l eventuale correzione topografica (tipo RES2D inv). 31

35 8 DOCUMENTAZIONE DA PRODURRE E REPORT FINALE INDAGINI GEOGNOSTICHE 8.1 DOCUMENTAZIONE DA PRODURRE E REPORT FINALE La documentazione inerente il lavoro svolto sarà progressivamente aggiornata nel corso delle attività e sarà sempre a disposizione della Sogesid. La documentazione definitiva sarà trasmessa alla Sogesid, in due copie cartacee e due copie digitali, entro e non oltre 15 giorni dalla conclusione delle attività e sarà redatta in accordo alla normativa vigente. La Relazione Descrittiva delle attività di investigazione dovrà contenere: la relazione di sintesi e interpretativa dei dati ricavati dalle indagini geofisiche e geotecniche in situ; la descrizione delle attività svolte in campo; la ricostruzione dell assetto geologico e idrogeologico del sito in funzione dei risultati delle indagini; la descrizione delle indagini svolte in laboratorio (sotto forma di tabelle di sintesi, di rappresentazioni grafiche e cartografiche) e dei relativi metodi utilizzati. Tale relazione descrittiva dovrà, inoltre, contenere le relazioni di cantiere firmate dal professionista geologo abilitato responsabile del cantiere e delle attività, i grafici e i risultati relativi alle diverse indagini e prove effettuate. Dovranno, inoltre, essere prodotti i seguenti elaborati: planimetrie con l ubicazione effettiva delle stazioni di campionamento; schede tecniche descrittive delle attività svolte relative alle fasi di campionatura debitamente compilate; originali e copia di tutti i rapporti di campo e di prova descritti nei capitoli precedenti; dettagliata documentazione fotografica in formato digitale dei punti di prelievo. I dati acquisiti saranno georeferenziati nel sistema UTM WGS84 e resi su supporto informatico (in versione 3D e in versione 2D), in modo da essere inseriti in un SIT. 8.2 SPECIFICHE PER ELABORAZIONE E INTERPRETAZIONE DEI DATI Al termine di tutte le attività di indagine di campo e di laboratorio, dovrà essere prodotta, da parte dell Affidatario, una Relazione Tecnica finale relativa a tutte le investigazioni eseguite. Tale relazione dovrà descrivere le modalità di esecuzione delle stesse e riportare i risultati delle attività di campo e di laboratorio svolte. I risultati delle attività di campo e di laboratorio dovranno essere espressi anche sotto forma di tabelle di sintesi e di rappresentazioni cartografiche. La relazione finale dovrà riportare tutte le informazioni richieste per i rapporti finali delle singole attività precedentemente esplicitate (es: rapporto finale sondaggi elettrici verticali, ecc.). L Affidatario dovrà restituire i dati relativi alle attività svolte come di seguito riportato: carta georeferenziata dell ubicazione dei punti di sondaggio con distinzione tipologica (Sondaggi e Pz, prove penetrometriche, indagini geofisiche e sismiche) e profondità di prelievo dei campioni, da restituire su formato cartaceo e informatizzato (dwg e shapefile); report fotografico di tutte le attività eseguite in sito (esecuzione di S.E.V. prove penetro metriche, prove sismiche, esecuzione sondaggi, esecuzione campionamento terreni ecc.); tutti i dati raccolti durante la caratterizzazione (dati numerici, alfa numerici, grafici, raster, vettoriali o misti, dati conseguenti all elaborazione dei dati grezzi, dati derivanti dalle analisi di 32

36 laboratorio ecc.) dovranno essere restituiti in formato digitale, per essere poi inseriti in una banca dati relazionale, georeferenziata e dettagliatamente documentata, ed infine trasferiti in un unico Sistema Informativo Territoriale (G.I.S.); i dati derivanti dalle attività di caratterizzazione dovranno essere resi disponibili anche in formato digitale per essere poi inseriti in una banca dati relazionale, in un unica tabella in formato excel e MDB (Microsoft Access), georeferenziata e dettagliatamente documentata, per essere eventualmente trasferiti in un unico Sistema Informativo Territoriale (G.I.S.); la formattazione dei dati dovrà rispondere ai seguenti requisiti generali: - I nomi dei campi della tabella non dovranno contenere né spazi né caratteri speciali o di punteggiatura. - I primi campi della tabella access dovranno essere obbligatoriamente i seguenti: Codice del sondaggio Codice del campione Est UTM (m) Nord UTM (m) è ammesso l uso del carattere underscore (_) e del carattere. tutte le coordinate dovranno essere riferite al datum WGS84 UTM fuso 32N. Le coordinate geografiche dovranno essere restituite come gg pp.mmmm (4 cifre decimali per le frazioni di primo); tutte le quote dovranno essere espresse in metri con precisione centimetrica (2 cifre decimali); ad ogni campione dovrà essere associato un unico record di una tabella che dovrà contenere tutte le informazioni richieste; i campi relativi alle tipologie di analisi che prevedono risultati di tipo descrittivo (granulometria, descrizione del campione, qualità organolettiche, ecc ) dovranno essere di tipo testo; i campi relativi alle informazioni e alle tipologie di analisi che prevedono dati di tipo numerico (ad es. coordinate, profondità, analisi chimico-fisiche, ecc ) dovranno essere unicamente di tipo numerico. La precisione dovrà essere adeguata al parametro descritto; tutti i risultati analitici al di sotto del limite di rilevabilità dovranno essere indicati con un valore pari alla metà del limite stesso; i Rapporti di Prova dovranno essere forniti, oltre che in originale, in formato pdf (Adobe Reader), completi delle informazioni richieste in merito all Assicurazione Qualità del dato analitico. Si ricorda la necessità di verificare ed assicurare l esatta corrispondenza tra il dato riportato sul Rapporto di Prova ed il dato in forma digitale, corredato dalle coordinate effettive registrate al momento del campionamento. 33

37 9 GESTIONE DEI RIFIUTI Tutti i rifiuti, sia solidi che liquidi, provenienti dalle attività eseguite, dovranno essere gestiti nel rispetto della vigente normativa in materia di trasporto e smaltimento. L Affidatario dovrà procedere, ai sensi della vigente normativa, ad indicare la classificazione dei rifiuti che saranno prodotti e gestiti nelle varie fasi di intervento, fino al successivo smaltimento. Il produttore di rifiuti è tenuto ad effettuare la caratterizzazione di base di ciascuna categoria di rifiuti (omologa del rifiuto) realizzata con la raccolta di tutte le informazioni necessarie per uno smaltimento finale in condizioni di sicurezza. Se le caratteristiche di base di una tipologia di rifiuti dimostrano che gli stessi soddisfano i criteri di ammissibilità per una categoria di discarica, tali rifiuti sono considerati ammissibili nella corrispondente categoria. A tal fine i rifiuti solidi prodotti e destinati allo smaltimento in discarica, dovranno essere sottoposti alla caratterizzazione ai sensi del D.M. 27/09/2010. I rifiuti liquidi dovranno essere codificati e caratterizzati ai sensi del Nuovo Codice CER e inviati a impianto di destinazione finale. L Affidatario sarà considerato responsabile della corretta gestione dei rifiuti prodotti all interno dell area di lavoro e pertanto, ai fini delle operazioni di prelievo, trasporto, recupero e/o smaltimento sarà considerata a tutti gli effetti il produttore e detentore dei rifiuti in oggetto. L Affidatario dovrà comunque fornire alla Stazione Appaltante per l approvazione, prima dell inizio delle attività di campo, un piano di gestione dei rifiuti prodotti nel corso delle attività. I rifiuti e i materiali di risulta prodotti dalle attività di perforazione potranno essere temporaneamente collocati in un apposita area logistica di cantiere; la loro permanenza in tale area, nell attesa del successivo smaltimento secondo la normativa vigente, a cura del prestatore del servizio, dovrà perdurare entro e non oltre i tre mesi successivi al termine delle attività in sito. Si rammenta che le cassette catalogatrici dovranno essere conservate per un periodo di tempo non inferiore a 6 mesi e successivamente smaltite di concerto e a seguito di autorizzazione della Sogesid. Il trasporto dei rifiuti dovrà avvenire con mezzi adeguati ed autorizzati al trasporto in ottemperanza alle norme vigenti in materia. Per tutti i rifiuti inviati a smaltimento, sia solidi che liquidi, l Affidatario dovrà trasmettere alla Committente, oltre la quarta copia del formulario di trasporto, anche il certificato di avvenuto smaltimento rilasciato dal titolare dell'impianto. Nel caso i rifiuti siano conferiti in impianti autorizzati situati all interno del territorio nazionale la quarta copia del formulario dovrà essere trasmessa alla Committente entro tre mesi dalla data di conferimento dei rifiuti al trasportatore; tale termine è esteso a sei mesi nel caso di spedizioni transfrontaliere. Il certificato di avvenuto recupero e/o smaltimento dovrà essere trasmesso alla Sogesid rispettivamente entro quattro e sette mesi dalla data di conferimento dei rifiuti al trasportatore. 34

38 10 QUALITÀ E SICUREZZA Nell espletamento dell incarico l Affidatario si impegna a: - utilizzare esclusivamente strumenti di misura tarati per l esecuzione delle attività di propria competenza ed a fornire preventivamente copie delle suddette certificazioni al Direttore dell esecuzione del contratto indicato dalla Sogesid S.p.A.; - utilizzare laboratori accreditati presso gli appositi organismi di competenza per l esecuzione delle attività affidate esibendo a richiesta del personale della Sogesid S.p.A. copie delle rispettive autorizzazioni; - accettare integralmente l attività di controllo che verrà messa in atto dalla Sogesid S.p.A. secondo le procedure aziendali interne redatte in conformità agli standard ISO 9001:2008; - utilizzare software regolarmente licenziati esibendo a richiesta del personale della Sogesid S.p.A. copia delle rispettive certificazioni; - utilizzare macchinari o attrezzature dotate di Marcatura CE secondo le vigenti normative comunitarie (es. Direttive Macchine 2006/42/CE recepita dal D. Lgs. 17/2010 e s.m.i.) esibendo a richiesta del personale della Sogesid S.p.A. copia delle rispettive certificazioni di conformità; - gestire i rifiuti nel rispetto degli artt. 188 e segg. del D. Lgs. n. 152/2006 e s.m.i. ed a consegnare alla Sogesid S.p.A. fotocopia della 4 copia del FIR esibendo, a richiesta, il registro carico/scarico di cui all art. 190 del citato D. Lgs.; - garantire (a proprie spese) l esecuzione di tutte le misure previste dal D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. in materia di salute, sicurezza ed igiene sul lavoro ed approntare tutte le misure (igieniche, di protezione collettiva e individuale, di emergenza ecc.) necessarie a svolgere in completa sicurezza le varie tipologie di attività per il proprio personale incaricato sia per il personale esterno (personale Sogesid S.p.A. o altro Ente interessato) che potrà essere presente durante l esecuzione dei servizi. 35

39 PLANIMETRIA CON UBICAZIONE DELLE INDAGINI 36

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

2 Editor di... stile. 2 Colonna... metrica. 6 Percentuale... di carotaggio. 10 Colonne... libere/utente 11 Colonne... grafico

2 Editor di... stile. 2 Colonna... metrica. 6 Percentuale... di carotaggio. 10 Colonne... libere/utente 11 Colonne... grafico I Parte I Introduzione 1 1 Introduzione... 1 2 Editor di... stile 1 Parte II Modello grafico 4 1 Intestazione... 4 2 Colonna... metrica 4 3 Litologia... 5 4 Descrizione... 5 5 Quota... 6 6 Percentuale...

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA COMMISSIONE TASSAZIONE NOTULE FASI O "LIVELLI DI ELABORAZIONE E REDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO NEI LAVORI PRIVATI PREMESSA L'accertamento

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA. Corso di aggiornamento professionale

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA. Corso di aggiornamento professionale ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA Corso di aggiornamento professionale Il D.M. Ambiente del 10 agosto 2012 n. 161: I piani di utilizzo delle terre e rocce da scavo 15 Febbraio - Cagliari 22 Febbraio

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica ALLEGATO F PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica Appalto n. 1649 - S.P. n. 29 del Colle di Cadibona. Lavori di adeguamento del tracciato stradale

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 1 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 RIMOZIONE DI ARMATURA STRADALE P001 ESISTENTE Prezzo per rimozione a qualsiasi altezza di armatura stradale esistente, completa di accessori elettrici e lampada, previo

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il Comune di Frascati Provincia di Roma pag. 1 RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il suo collegamento al collettore ACEA lungo Via Enrico Fermi.

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net ........... COMUNITA' MONTANA MUGELLO Oggetto dei lavori: REALIZZAZIONE DI NUOVO LOCALE TECNICO - I DIACCI II LOTTO Progettista: Geom. Francesco Minniti COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 2 LOTTO - COMPUTO METRICO

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE COMUNE DI FAENZA SETTORE LAVORI PUBBLICI REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI SCAVO SU SUOLO PUBBLICO Regolamento approvato con atto C.C. verbale n. 275 del 15/11/2010 - prot. n. 44926 del 19/11/2010

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Assessorato Ambiente, Parchi e Aree Protette, Promozione del risparmio energetico Risorse Idriche, Acque Minerali e Termali LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA Con l emanazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

ALLEGATO B - ELABORATI FACENTI PARTE INTEGRANTE DEL PROGETTO DEFINITIVO

ALLEGATO B - ELABORATI FACENTI PARTE INTEGRANTE DEL PROGETTO DEFINITIVO Supplemento n. 1 al B.U. n. 20/I-II del 15/05/2012 / Beiblatt Nr. 1 zum Amtsblatt vom 15/05/2012 Nr. 20/I-II 200 ALLEGATO B - ELABORATI FACENTI PARTE INTEGRANTE DEL PROGETTO DEFINITIVO Il progetto definitivo

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

INDAGINI IN SITO CAPITOLO 12. 12.1 Programmazione delle indagini

INDAGINI IN SITO CAPITOLO 12. 12.1 Programmazione delle indagini CAPITOLO 12 12.1 Programmazione delle indagini Ogni opera di ingegneria civile interagisce con una parte del sottosuolo, detta volume significativo. Il comportamento dell opera dipende, oltre che dai carichi

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CASERTA SETTORE TECNICO UFFICIO PROGETTAZIONE INTERVENTI E.R.S. E M.O. LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA EDILE ELENCO PREZZI UNITARI RESP. UFFICIO

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i. Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Rev. N. 00 00 Data: Bando di gara di appalto o di prestazione

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA Oggetto: Affidamento, mediante appalto integrato e con procedura aperta, degli interventi per la Valorizzazione

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

Capitolato prestazionale di progetto OPERE STRADALI

Capitolato prestazionale di progetto OPERE STRADALI Capitolato prestazionale di progetto OPERE STRADALI Layout Giulio Andreolli Studio Massimo Zuani Grafica digitale Pierluigi Moschini Stampa Tipoffset Moschini Ordine degli Ingegneri della Provincia di

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Linee Guida su criteri e modalità applicative per la valutazione del valore di rimborso degli impianti di distribuzione del gas naturale 7 Aprile 2014 Indice Parte I

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI Dalla tecnica PSInSAR al nuovo algoritmo SqueeSAR : Principi, approfondimenti e applicazioni 30 Novembre - 1 Dicembre 2010 Milano Il corso è accreditato

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli