OGGETTO: APPROVAZIONE TARIFFE DEI SERVIZI E DEI TRIBUTI COMUNALI ANNO 2006 LA GIUNTA COMUNALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OGGETTO: APPROVAZIONE TARIFFE DEI SERVIZI E DEI TRIBUTI COMUNALI ANNO 2006 LA GIUNTA COMUNALE"

Transcript

1 OGGETTO: APPROVAZIONE TARIFFE DEI SERVIZI E DEI TRIBUTI COMUNALI ANNO 2006 LA GIUNTA COMUNALE VISTA la delibera di G.C. n. 21 del 11/02/2005; RITENUTO di adeguare le aliquote d imposta per i tributi e le tariffe dei servizi locali, rideterminandole come di seguito specificate: 1) Imposta comunale sugli immobili (ICI) - Anno 2006 Servizio riferimento:...servizio Bilancio, Finanze e Tributi...Gianluca Della Bella Ufficio riferimento:...tributi...simonetta Bianchelli - Visto l art. 4 della legge delega 23 Ottobre 1992, n. 421; - Visto il D.Lgs. 30/12/1992 n. 504 di riordino della Finanza Territoriale, con il quale è stata istituita la imposta comunale sugli immobili a decorrere dall'anno 1993 e le successive modificazioni; - Visto il Regolamento comunale per la disciplina della imposta comunale sugli immobili (ICI) approvato con deliberazione C.C. n. 280 del 30/10/1998 e successive modificazioni; - Richiamata la deliberazione G.C. n. 21 del 11/02/2005 con la quale venivano fissate le aliquote e le detrazioni ICI per l anno 2005; - Vista la deliberazione di G.C. n. 282 del 14/12/2004 con la quale venivano definiti i valori di stima delle aree fabbricabili ai fini dell imposta comunale sugli immobili per l anno 2005; - Ritenuto di fissare, per l anno 2006, le aliquote così come meglio specificato al punto 1) del dispositivo del presente atto; 2) Imposta comunale sulla pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni Servizio riferimento:...servizio Bilancio, Finanze e Tributi...Gianluca Della Bella Ufficio riferimento:...tributi...simonetta Bianchelli - Visto il Capo I del D.Lgs. 15/11/1993 n. 507, e successive modificazioni, relativo alla imposta di pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni ; - Vista la deliberazione C.C. n. 257 del 21/10/1994 con la quale venivano determinate le tariffe per imposta di pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni in vigore dal 01/01/1994; - Ritenuto di confermare, per l anno 2006, le tariffe come specificato nelle tabelle inserite al punto 2) del dispositivo; 3) Tassa smaltimento rifiuti solidi urbani Servizio riferimento:...servizio Bilancio, Finanze e Tributi...Gianluca Della Bella Ufficio riferimento:...tributi...simonetta Bianchelli - Visto il Capo III del D.Lgs. 15/11/1993 n. 507, e successive modificazioni, relativo alla tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani interni ; - Visto il Regolamento Comunale per l applicazione della tassa, approvato con deliberazione di C.C. n. 186 del 22/12/1995 e successive modificazioni; - Visto l'art. 61 del citato D.Lgs. 507/1993, che dispone, al comma 1, che il gettito complessivo della tassa non può essere superiore al costo di esercizio del servizio di smaltimento dei rifiuti solidi urbani interni, né può essere inferiore al 50% del medesimo; - Sulla base delle varie categorie stabilite dal vigente Regolamento Comunale, si rideterminano le tariffe come riportato al punto 3) del dispositivo; 1

2 4) Tassa occupazione spazi ed aree pubbliche (permanente e temporanea) Servizio riferimento:...servizio Bilancio, Finanze e Tributi...Gianluca Della Bella Ufficio riferimento:...tributi...simonetta Bianchelli - Visto il Regolamento Comunale per l applicazione della tassa relativa alle occupazioni di spazi ed aree pubbliche, approvato con deliberazione di C.C. n. 78 del 22/04/1994 e successive modificazioni; - Ritenuto di dover confermare per l anno 2006 le tariffe della tassa di occupazione di spazi ed aree pubbliche (temporanea e permanente) come riportato al punto 4) del dispositivo del presente atto; 5) Tariffe mattatoio comunale Servizio riferimento:... Progetto Sviluppo Economico...Stefano Gennai Ufficio riferimento:...statistica...matilde Sargenti - Richiamata la deliberazione di C.C. n. 340 del 04/12/1992; - Richiamata la deliberazione di G.C. n. 16 del 31/01/2003 all oggetto: Modifica tariffe diritti di frigorifero presso il Mattatoio Comunale ; - Ritenuto di dover rideterminare le tariffe, come riportato al punto 5) del dispositivo del presente atto; 6) Tariffe operazioni cimiteriali Servizio riferimento:...servizi Demografici/URP...Simonetta Bianchelli Ufficio riferimento:...servizi Cimiteriali...Simonetta Bianchelli - Richiamate le deliberazioni di G.C. n. 317 del 28/12/2001, G.C. n. 25 del 24/02/2004 e G.C. n. 21 del 11/02/2005; - Ritenuto di dover rideterminare le tariffe delle operazioni cimiteriali, per l anno 2006, come riportato al punto 6) del dispositivo del presente atto; 7) Tariffe Servizi Educativi Servizio riferimento:... Servizi per la persona e la famiglia...mauro Torelli Ufficio riferimento:...servizi Educativi...Nadia Cenci - Vista la delibera di G.C. n. 164 del 13/07/2004 con la quale sono state determinate le tariffe dei servizi educativi per l anno scolastico 2004/2005; - Ritenuto opportuno, per l anno scolastico 2006/2007 e per l estate 2006 riapprovarle anche con riferimento al tasso di inflazione, come riportato al punto 7) del dispositivo del presente atto; - Ritenuto, inoltre, necessario adeguare anche i limiti delle fasce di reddito come riportato al punto 7) del dispositivo del presente atto; - Dato atto che le tariffe sono così articolate: A) Compartecipazione alla spesa del servizio tempo per le famiglie Girotondo insieme - Ritenuto di dover rideterminare le tariffe del servizio tempo per le famiglie Girotondo insieme, fissandole per l anno scolastico 2006/2007 come specificato nelle tabelle al punto 7/A) del dispositivo; B) Compartecipazione alla spesa del servizio centro per l Infanzia 44 gatti 2

3 - Ritenuto di dover rideterminare le tariffe del servizio centro per l infanzia 44 gatti, fissandole per l anno scolastico 2006/2007 come specificato nelle tabelle al punto 7/B) del dispositivo; C) Compartecipazione alla spesa del servizio asili nido e centri per l infanzia Oasi, Oscar Romero, Girotondo - Ritenuto di dover rideterminare le tariffe del servizio asili nido e centri per l infanzia Oasi, Oscar Romero, Girotondo, fissandole per l anno scolastico 2006/2007 come specificato nelle tabelle al punto 7/C) del dispositivo; D) Compartecipazione alla spesa del servizio mense scolastiche - Ritenuto di dover rideterminare le tariffe del servizio mense scolastiche, fissandole per l anno scolastico 2006/2007 come specificato nelle tabelle al punto 7/D) del dispositivo; E) Compartecipazione alla spesa del servizio trasporto scolastico 2006/ Ritenuto di dover rideterminare le tariffe del servizio trasporto scolastico, fissandole per l anno scolastico 2006/2007 come specificato nelle tabelle al punto 7/E) del dispositivo; F) Compartecipazione alla spesa del servizio pre-scuola 2006/ Ritenuto di dover rideterminare le tariffe del servizio Pre-scuola, fissandola per l anno scolastico 2006/2007 come specificato nelle tabelle al punto 7/F) del dispositivo; G) Limiti fasce di reddito ISEE - Ritenuto di dover rideterminare le fasce ed i limiti che individuano le 12 fasce di contribuzione ISEE, fissandole per l anno scolastico 2006/2007 come specificato nella tabella di cui al punto 7/G) del dispositivo; 8) Tariffe per i servizi di Colonia marina, Centri estivi e Servizio Ludoteca Servizio riferimento:... Servizi per la persona e la famiglia...mauro Torelli Ufficio riferimento:...politiche Giovanili... Primangela Luchetti - Richiamata la deliberazione di G.C. n. 21 del 11/02/2005 con cui sono state determinate le tariffe per l anno 2005; - Ritenuto di dover rideterminare le tariffe per colonia marina, centri estivi e servizio ludoteca, così come meglio evidenziato al punto 8) del dispositivo; 9) Tariffe Parcheggi a pagamento Servizio riferimento:...servizio Bilancio, Finanze e Tributi...Gianluca Della Bella Ufficio riferimento:... Economato... Catia Belardinelli - Ritenuto di dover rideterminare le tariffe dei parcheggi a pagamento, così come precisato al punto 9) del dispositivo; 10)Tariffe per uso impianti sportivi Servizio riferimento:... Servizi per la persona e la famiglia...mauro Torelli Ufficio riferimento:...sport... Nunzia Toti - Ritenuto pertanto opportuno aggiornare le tariffe per uso impianti sportivi a decorrere dal 01/01/2005, come specificato al punto 10) del dispositivo; 3

4 11)Diritti di segreteria delle attività del Servizio Urbanistica Servizio riferimento:...urbanistica e ambiente...giovanni Romagnoli Ufficio riferimento:... Urbanistica...Anna Santinelli - Ritenuto di dover provvedere alla revisione degli importi dei diritti di segreteria, così come meglio precisato al punto 11) del dispositivo; 12)Diritti per la fornitura di prodotti cartografici del Sistema Informativo Territoriale Comunale Servizio riferimento:...urbanistica e ambiente...giovanni Romagnoli Ufficio riferimento:... Urbanistica... Tonino Conti - Ritenuto di dover istituire una tariffa per la fornitura dei prodotti cartografici del S.I.T., così come meglio precisato al punto 12) del dispositivo; 13)Diritti di Istruttoria S.U.A.P. Servizio riferimento:... Progetto Sviluppo Economico...Stefano Gennai Ufficio riferimento:...s.u.a.p....matilde Sargenti - Ritenuto di dover adeguare le tariffe ed i diritti relativi ai servizi erogati dall Uff. SUAP, così come meglio stabilito al punto 13) del dispositivo; 14)Diritti dei Servizi Demografici Servizio riferimento:...anagrafe/tributi...simonetta Bianchelli Ufficio riferimento:...anagrafe/tributi...simonetta Bianchelli - Ritenuto di dover adeguare le tariffe ed i diritti relativi ai servizi erogati dall Uff. Anagrafe, così come meglio stabilito al punto 14) del dispositivo; 15)Tassa di partecipazione concorsi comunali Servizio riferimento:...personale e organizzazione...stefano Gennai Ufficio riferimento:...personale... Roberta Cecchi - Ritenuto di dover mantenere la tassa di partecipazione ai concorsi così come meglio stabilito al punto 15) del dispositivo; 16)Tariffe dei servizi vari erogati a favore dei cittadini Servizio riferimento:...aff. generali e istituzionali...stefano Gennai Ufficio riferimento:...aff. generali e istituzionali...isabella Binetti - Ritenuto di dover adeguare le tariffe di diversi servizi erogati dai più disparati uffici comunali, così come meglio stabilito al punto 16) del dispositivo; 17)Tariffe delle concessioni delle Sale Comunali Servizio riferimento:...aff. generali e istituzionali...stefano Gennai Ufficio riferimento:...aff. generali e istituzionali...isabella Binetti 4

5 - Ritenuto di dover adeguare le tariffe di concessione delle diverse Sale Comunali, così come meglio stabilito al punto 17) del dispositivo; 5

6 18)Tariffe dei cataloghi e dei souvenirs della Pinacoteca Comunale Servizio riferimento:... Arti visive...loretta Mozzoni Ufficio riferimento:...pinacoteca...maila Coltorti - Ritenuto di dover adeguare le tariffe dei cataloghi e dei souvenirs della Pinacoteca Comunale, così come meglio stabilito al punto 18) del dispositivo; 19)Tariffe del servizio Prestito interbibliotecario svolto dalla Biblioteca Planettiana Servizio riferimento:...biblioteca e Associazionismo...Rosalia Bigliardi Ufficio riferimento:...biblioteca Planettiana... Enrica Conversazioni - Ritenuto di dover costituire le tariffe relative al servizio Prestito interbibliotecario, così come meglio stabilito al punto 19) del dispositivo; 20)Tariffe utilizzo Galleria Pianetti, sala del Consiglio e sala Giunta per matrimoni, cerimonie e ricevimenti Servizio riferimento:...gabinetto del Sindaco...Isabella Binetti Uffici riferimento:...segreteria Sindaco/Pinacoteca...Isabella Binetti/Loretta Mozzoni - Richiamata la deliberazione di C.C. n. 13 del 24/01/2003; - Ritenuto di dover introdurre una nuova tariffa comunale per quanto concerne l utilizzo delle sale Giunta e Consiglio site presso la Residenza Municipale, per gli scopi di cui al presente punto 20); - Ritenuto di dover adeguare le tariffe per l utilizzo della Galleria Pianetti, sala del Consiglio e sala Giunta per matrimoni, cerimonie e ricevimenti, così come meglio stabilito al punto 20) del dispositivo; 21)Tariffe dei servizi erogati dalla Istituzione Centro Servizi Sociali Servizio riferimento:...istituzione e servizi sociali...massimo Manenti Ufficio riferimento:...centro Servizi Sociali...Paolo Mancia - Ritenuto di dover adeguare le rette e le tariffe dei servizi erogati dalla Istituzione Centro Servizi Sociali, così come meglio stabilito al punto 21) del dispositivo; 22)Tariffe di concessione in uso del Teatro Pergolesi e del Teatro Studio San Floriano Servizio riferimento:...attività teatrali...loretta Mozzoni Ufficio riferimento:...teatro Pergolesi...Fondazione Pergolesi-Spontini - Ritenuto di dover adeguare le tariffe delle concessioni in uso del Teatro Pergolesi, così come meglio stabilito al punto 22) del dispositivo; 23) Tariffe per rilascio rapporti e documenti da parte della Polizia Municipale Servizio riferimento:... Polizia Municipale...Enrico Lancellotti Ufficio riferimento:...polizia Municipale/Infortunistica stradale...umberto Mecarelli - Ritenuto di dover adeguare le tariffe per il rilascio dei rapporti e documenti da parte della Polizia Municipale, così come meglio stabilito al punto 23) del dispositivo; 6

7 24)Addizionale comunale IRPEF Servizio riferimento:...servizio Bilancio, Finanze e Tributi...Gianluca Della Bella Ufficio riferimento:...tributi...simonetta Bianchelli - Preso atto che, ai sensi di legge, è obbligatorio mantenere inalterata l addizionale comunale IRPEF nella misura dello 0,3%; 25)Canoni illuminazione votiva Servizio riferimento:...servizi Demografici/URP...Simonetta Bianchelli Ufficio riferimento:...servizi Cimiteriali...Simonetta Bianchelli - Richiamata la deliberazione di G.C. n. 21 del 05/06/2001; - Ritenuto di dover rideterminare i canoni per il servizio di illuminazione votiva presso i cimiteri comunali come riportato al punto 25) del dispositivo del presente atto; VISTO l art. 48 del T.U.E.L. n. 267 del 18/08/2000; ACQUISITI i pareri favorevoli di cui all art.49 comma 1 della medesima legge in ordine alla regolarità tecnica e contabile che si allegano alla presente a formarne parte integrante e sostanziale; Con voti favorevoli unanimi, legalmente espressi; DELIBERA - la premessa narrativa rappresenta parte integrante e sostanziale del presente atto; - di determinare per l anno 2006, per le ragioni espresse in premessa, le tariffe, i diritti e le aliquote dei servizi erogati ai cittadini, nonché dei tributi e tasse comunali e per l anno scolastico 2005/2006 le tariffe dei servizi educativi, così come di seguito indicato: 1) Imposta comunale sugli immobili (ICI) a) 7 per mille (aliquota ordinaria) * fabbricati in genere, aree fabbricabili, abitazioni in ristrutturazione e terreni agricoli; b) 5 per mille (aliquota ridotta) applicando le seguenti detrazioni: detrazione 104,00 * abitazione principale del soggetto passivo; * abitazioni concesse dal proprietario (senza detrazione e da certificare con apposita dichiarazione) in uso gratuito al coniuge, parenti entro il 4 grado ed affini entro il 2 grado (genitori, figli, fratelli, zii, nonni, nipoti, cugini, cognati, nuore, generi, suoceri): nelle fattispecie precedenti con detrazione in caso di utilizzo scambievole; * abitazione posseduta a titolo di proprietà o di usufrutto da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente e certificato, purché la stessa non risulti locata; * abitazione posseduta a titolo di proprietà o di usufrutto da cittadini italiani residenti all estero, purché la stessa non risulti locata; 7

8 * abitazioni appartenenti a cooperative edilizie a proprietà indivisa adibite ad abitazione principale dei soci assegnatari; * alloggi regolarmente assegnati dall Istituto Autonomo Case Popolari. detrazione 130,00 * abitazioni principali di contribuenti che abbiano compiuto il 65 anno di età entro il 31/12/2005 ed alle seguenti condizioni (da certificare con apposita dichiarazione): 1) siano titolari di un unica abitazione; 2) facciano parte di un nucleo familiare composto da 1 o 2 persone e che abbiano avuto un reddito lordo per l anno 2005 non superiore a: 8.000,00 (1 persona); ,00 (2 persone); 3) che l immobile posseduto dal richiedente sia classificato nelle categorie A/2-A/3- A/4-A/5-A/6; * abitazioni principali di contribuenti disoccupati alla data del 30/06/2006 ed alle seguenti condizioni (da certificare con apposita dichiarazione): 1) siano titolari di un unica abitazione; 2) abbiano avuto un reddito lordo per l anno 2005 non superiore a: 8.000,00 (1 persona); ,00 (per il nucleo familiare); 3) che l immobile posseduto dal richiedente sia classificato nelle categorie A/2-A/3- A/4-A/5-A/6; I valori delle aree fabbricabili determinati con atti di G.C. n. 282 del 13/12/2004 e n. 160 del 28/06/2005 sono aggiornati del 5%. Una pertinenza assume l aliquota dell abitazione cui si riferisce (ubicata nello stesso edificio o max a 300 metri, categoria catastali C2, C6, C7); 8

9 2) Imposta comunale sulla pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni - A partire dal 1 gennaio 2006 si applicheranno le tariffe secondo il seguente schema: TABELLA 1 - (Art.12 - D.Lgs. 507/93 ed Art. 30 c. 17 L. 488/99 - DPCM) PUBBLICITÀ ORDINARIA: TARIFFA ANNUA PER METRO QUADRATO PUBBLICITA' ORDINARIA LUMINOSA OD ILLUMINATA SUPERFICIE cat. normale cat. speciale cat. normale cat. speciale fino a mq. 1 18,592 46,481 37,185 65,074 da mq. 1 a mq. 5,5 23,241 58,101 46,481 81,342 da mq. 5,5 a mq. 8,5 34,861 69,722 58,101 92,962 oltre mq. 8,5 46,481 81,342 69, ,583 N.B.: per periodi non superiori a tre mesi si applica, per ogni mese o frazione, la tariffa pari ad 1/10 di quella prevista annualmente TABELLA 2 - (Art.13 c. 1 - D.Lgs. 507/93 ed Art.30 c. 17 L. 488/99 - DPCM) PUBBLICITA' EFFETTUATA CON VEICOLI IN GENERE TARIFFA ANNUA PER METRO QUADRATO SUPERFICIE INTERNA ESTERNA fino a mq. 1 18,592 18,592 fino a mq. 5,5 23,241 23,241 da mq. 5,5 a mq. 8,5 34,861 oltre mq. 8,5 46,481 N.B.: Se la pubblicità è luminosa o illuminata la tariffa è maggiorata del 100% TABELLA 3 - (Art.13 c. 3 - Lett. A - B D.Lgs. 507/93 ed Art.30 c. 17 L. 488/99) PUBBLICITA' EFFETTUATA PER CONTO PROPRIO SU AUTOVEICOLI TARIFFA ANNUA PER METRO QUADRATO SUPERFICIE TARIFFA autoveicoli con portata inferiore ai 3000 Kg 59,496 autoveicoli con portata superiore ai 3000 Kg 89,244 N.B.: Se la pubblicità è luminosa o illuminata la tariffa è maggiorata del 100%. Per i veicoli circolanti con rimorchio la tariffa è raddoppiata. TABELLA 4 - (Art.13 c. 3 - Lett. C - D.Lgs. 507/93 ed Art.30 c. 17 L. 488/99) PUBBLICITA' EFFETTUATA MOTOVEICOLI E VEICOLI NON COMPRESI NELLA TABELLA PRECEDENTE TARIFFA ANNUA PER METRO QUADRATO 29,748 N.B.: Se la pubblicità è luminosa o illuminata la tariffa è maggiorata del 100%. Per i veicoli circolanti con rimorchio la tariffa è raddoppiata. TABELLA 5 - (Art.14 c D.Lgs. 507/93 ed Art.30 c. 17 L. 488/99) PUBBLICITA' EFFETTUATA CON PANNELLI LUMINOSI TARIFFA ANNUA PER METRO QUADRATO CATEGORIE NORMALE SPECIALE effettuata per conto proprio 29,748 74,370 effettuata per conto terzi 59, ,740 N.B.: Per periodi non superiori ai 3 mesi, la tariffa è pari ad 1/10 della tariffa annua per ogni mese o frazione. TABELLA 6 - (Art.14 c. 4-5 D.Lgs. 507/93 ed Art.30 c. 17 L. 488/99) PUBBLICITA' EFFETTUATA CON PROIEZIONI: TARIFFA GIORNALIERA Categoria normale 3,718 Categoria speciale 9,295 N.B.: Se la durata è superiore a 30 giorni la tariffa giornaliera, dopo tale periodo, è ridotta del 50% 9

10 TABELLA 7 - (Art.15 c. 1 D.Lgs. 507/93 ed Art.30 c. 17 L. 488/99 - DPCM) PUBBLICITA' CON STRISCIONI: tariffa annua per mq. e per ogni periodo di 15 gg. o frazione Categoria normale 23,241 Categoria speciale 58,103 TABELLA 8 - (Art.15 c. 2 D.Lgs. 507/93 ed Art.30 c. 17 L. 488/99) PUBBLICITA' CON AEROMOBILE TARIFFA ANNUA PER OGNI GIORNO O FRAZIONE 89,244 TABELLA 9 - (Art.15 c. 3 D.Lgs. 507/93 ed Art.30 c. 17 L. 488/99) PUBBLICITA' CON PALLONI FRENATI TARIFFA ANNUA PER OGNI GIORNO O FRAZIONE 44,622 TABELLA 10 - (Art.15 c. 4 D.Lgs. 507/93 ed Art.30 c. 17 L. 488/99) PUBBLICITÀ MEDIANTE DISTRIBUZIONE DI MATERIALE PUBBLICITARIO OPPURE PERSONE CIRCOLANTI CON CARTELLI O ALTRO: TARIFFA PER PERSONA PER OGNI GIORNO O FRAZIONE 3,718 TABELLA 11 - (Art.15 c. 5 D.Lgs. 507/93 ed Art.30 c. 17 L. 488/99) PUBBLICITA' A MEZZO DI APPARECCHI AMPLIFICATORI: tariffa per ciascun punto per ogni giorno o frazione Categoria normale 11,155 Categoria speciale 27,888 DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Prezzi a foglio per manifesti 70x100 CATEGORIA per i primi 10 gg per ogni periodo di 5 gg o frazione normale 1,487 0,446 speciale 3,718 1,115 Prezzi a foglio per manifesti costituiti da più di un foglio 70x100; es. 100x140 CATEGORIA per i primi 10 gg per ogni periodo di 5 gg o frazione normale 1,859 0,558 speciale 4,648 1,395 - Per ogni commissione inferiore a 50 fogli il diritto è maggiorato del 50%; - per i manifesti costituiti da otto fogli fino a dodici fogli il diritto è maggiorato del 50%; - per i manifesti costituiti da più di dodici fogli il diritto è maggiorato del 100%; - qualora il committente richieda espressamente che l affissione venga eseguita in spazi determinati da lui prescelti, è dovuta una maggiorazione del 100% del diritto; - per le affissioni richieste per il giorno in cui è stato consegnato il materiale da affiggere, od entro i due giorni successivi, se trattasi di affissioni di contenuto commerciale è dovuta, per ciascuna commissione, la maggiorazione del 10% del diritto, con un minimo di 30, Ai sensi dell art. 6 comma 6 del D. Lgs. 507/93, per il periodo settembre-ottobre-novembre-dicembre si applica la maggiorazione del 50% delle tariffe per la pubblicità di cui all art. 12 (comma 2), all art. 14 (commi 2, 3, 4, 5) e all art. 15, nonché, limitatamente a quelli di carattere commerciale, della tariffa per le pubbliche affissioni, di cui all art ) Tassa smaltimento rifiuti solidi urbani - A decorrere dal 1 gennaio 2006 si applicheranno le seguenti tariffe della tassa smaltimento rifiuti solidi urbani; - L'eventuale eccedenza di gettito sarà computata in diminuzione del tributo iscritto a ruolo per l anno 2006; 10

11 TARSU cat. Tariffe Tariffe DESCRIZIONE % * locali A ABITAZIONI; 1,100 1, Associazioni, biblioteche, circoli (culturali, politici, religiosi), luoghi di culto, musei, scuole; 1,100 1, m 2 Cinematografi e Teatri; 1,000 1, m 3 Autorimesse, autotrasporti, magazzini senza alcuna vendita diretta; 1,100 1, M 4 Campeggi, distributori di carburante, impianti sportivi, palestre, saune; 1,500 1, m 5 Stabilimenti balneari, terme e simili; 1,500 1, M 6 Autosaloni, esposizioni, gallerie commerciali; 1,200 1, M 7 Alberghi con ristorazione, altre strutture ricettive con ristorazione (agriturist); 3,200 3, M 8 Alberghi senza ristorazione, affittacamere, bed & breakfast, pensioni; 1,700 2, m 9 Case di riposo e cura, carceri, caserme, collegi e convitti, enti pubblici, istituti di assistenza e beneficenza; 1,700 1, m 10 Ambulatori medici e veterinari, cliniche, ospedali; 1,600 1, m 11 Agenzie viaggi e automobilistiche, assicurazioni, radio private, studi professionali, uffici 2,900 3, M 12 Banche e istituti di credito; 2,000 2, M 13 Negozi di: abbigliamento, calzature, librerie, cartolerie, ferramenta e altri beni durevoli, ingrosso di beni durevoli; 2,500 2, M 14 Edicole, farmacie, plurilicenze (beni durevoli), prodotti per l agricoltura, tabaccherie; 2,600 2, M 15 Negozi particolari di: antiquariato, cappelli, ombrelli, filatelia, tappeti, tende e tessuti; 2,000 2, M 16 Banchi di mercato di beni durevoli; 3,200 3, M 17 Attività artigianali tipo botteghe di: barbiere e parrucchiere, estetista, lavanderie, tintorie, stirerie, centri benessere; 2,000 2, m 18 Attività artigianali tipo botteghe di: calzolaio, elettricista, elettromeccanico, fabbro, falegname, idraulico, impresa pulizie, tornitore; 2,000 2, M 19 Attività artigianali di: carrozzeria, carburatorista, elettrauto, gommista, officina auto, cicli e moto, 1,900 radiatorista; 2, M 20 Attività industriali con capannoni di produzione; 1,400 1, Me 21 Attività artigianali di produzione beni specifici (abbigliamento, odontotecnico, oreficerie, pelletterie, litografie, sartorie, serigrafie, tipografie); 1,900 2, M 22 Osterie, pub, ristoranti, trattorie; 6,000 7, m 23 Birrerie, hamburgherie, mense; 5,000 6, m 24 Bar, caffè, gelaterie, pasticcerie; 5,000 6, m 25 Generi alimentari, macellerie, pane e pasta, salumi e formaggi, supermercati; 4,000 4, Me 26 Plurilicenze alimentari e/o miste; 4,000 4, Me 27 Fiori e piante, ortofrutta, pescherie, pizza al taglio; 7,000 8, m 28 Grandi magazzini, ingrosso alimentari, ipermercati di generi misti; 3,200 3, M 29 Banchi e chioschi di mercato di generi alimentari; 6,000 7, m 30 Discoteche, night club, sale da ballo, sale giochi; 3,200 3, M 31 Aree scoperte operative. 0,369 0, TABELLA RIDUZIONI Zone NON servite = tariffa ridotta al 30% della classe corrispondente 1 Attività stagionali inferiori a 6 mesi: tariffa ridotta del 70% della classe corrispondente 2 Abitazioni tariffa ridotta del 20% = 0,968 al mq. 3 Abitazioni tariffa ridotta del 15% = 1,029 al mq. 4 Abitazioni tariffa ridotta del 10% = 1,089 al mq. 5 Tassa giornaliera per gg. 52 = 0,764 6 Tassa giornaliera per gg. 104 = 1,528 * Coefficiente produzione rifiuti applicato per formazione tariffa 2005 (m=minimo; M=Massimo, Me=Medio) TARSU GIORNALIERA Giornaliera per 52 gg 0,837 Giornaliera per 104 gg 1,674 11

12 4) Tassa occupazione spazi ed aree pubbliche (permanente e temporanea) - A decorrere dal 1 gennaio 2006 si applicheranno le seguenti tariffe della Tassa occupazione spazi ed aree pubbliche ; TOSAP PERMANENTE TARIFFE ^ Categoria 41,777 QUALSIASI NATURA 2^ Categoria 27,852 3^ Categoria 13,925 RIDUZIONE A 1/3 (occupazioni di 1^ Categoria 13,925 qualsiasi natura di spazi sopra e 2^ Categoria 9,284 sottostanti il suolo) 3^ Categoria 4,641 1^ Categoria 12,532 CON TENDE SOLARI 2^ Categoria 8,355 (riduzione al 30%) 3^ Categoria 4,177 CON PASSI 1^ Categoria 20,889 CARRABILI (riduzione 2^ Categoria 13,879 al 50%) 3^ Categoria 6,962 CON PASSI CARRABILI (riduzione al 25%: passi carrabili costruiti direttamente dal Comune e non utilizzabili di fatto o comunque non utilizzati) CON PASSI CARRABILI A RASO O PEDONALI ACCESSO AI DISTRIBUTORI DI CARBURANTE AUTOVETTURE TRASPORTO PUBBLICO Con innesti ed allacci Apparecchi distribuzione tabacchi Distributori carburanti 1^ Categoria 10,444 2^ Categoria 6,962 3^ Categoria 3,480 1^ Categoria 18,800 2^ Categoria 12,532 3^ Categoria 6,267 1^ Categoria 12,532 2^ Categoria 8,355 3^ Categoria 4,177 1^ Categoria 41,777 2^ Categoria 27,852 3^ Categoria 13,925 38,683 Centro abitato 23,211 Zona limitrofa 15,474 Sobborghi e periferie 7,737 Centro abitato 69,629 Zona limitrofa 41,777 Sobborghi e periferie 23,211 Frazioni 11,603 ALTRE UTENZE Con utenze (ENEL, TELECOM etc) 0,729 Con utenze (ENEL, etc) inferiore a ,839 TOSAP TEMPORANEA AMBULANTI Temporanea per 52 gg 12,240 Temporanea per 104 gg 24,479 Temporanea ambulanti permanenti 50,840 12

13 TOSAP TEMPORANEA TARIFFE ^ Categoria 3,767 QUALSIASI NATURA 2^ Categoria 2,543 3^ Categoria 1,130 1^ Categoria 0,236 dalle ore 6,00 alle ore 2^ Categoria 0,161 14,00 3^ Categoria 0,071 1^ Categoria 0,117 dalle ore 14,00 alle ore 2^ Categoria 0,081 6,00 3^ Categoria 0,036 1^ Categoria 3,767 oltre le 24 ore fino a 14 2^ Categoria 2,543 giorni 3^ Categoria 1,130 1^ Categoria 1,884 oltre i 14 giorni interi 2^ Categoria 1,271 3^ Categoria 0,566 1^ Categoria 1,254 riduzione a 1/3 2^ Categoria 0,848 3^ Categoria 0,377 1^ Categoria 1,130 con tende e simili 2^ Categoria 0,762 (riduzione al 30%) 3^ Categoria 0,341 fino a Km lineare entro 30 gg 18,831 oltre il Km lineare entro 30 gg 28,247 fino a Km lineare entro 90 gg 24,479 oltre il Km lineare entro 90 gg 36,719 fino a Km lineare tra 90 e 180 gg 28,245 oltre il Km lineare tra 90 e 180 gg 42,368 fino a Km lineare oltre 180 gg 37,658 oltre il Km lineare oltre 180 gg 56,487 per le occupazioni realizzate per l esercizio dell attività edile le tariffe sono ridotte del 40% - alla Gestor spa, concessionaria della riscossione della tassa, viene attribuita la competenza dell emissione e della riscossione degli atti di accertamento per gli anni (e successivo eventuale recupero coattivo per gli atti di accertamento inevasi) Tosap per gli anni e per l emissione e riscossione delle procedure per il recupero coattivo di cui al Regio Decreto n. 639 del 14/10/2003 (ingiunzione fiscale) per l anno 2000; 5) Tariffe Mattatoio Comunale - A decorrere dal 1 gennaio 2006 si applicheranno le seguenti tariffe per i servizi resi all utenza presso il Mattatoio Comunale: ANIMALE TARIFFA MODALITA' Bovini/equini 16,50 + IVA 20% a capo Vitello 9,00 + IVA 20% a capo Ovino adulto 3,00 + IVA 20% a capo Agnello 3,00 + IVA 20% a capo - A decorrere dal 1 gennaio 2006 si applicheranno le tariffe per i diritti di frigorifero presso il Mattatoio Comunale nel modo seguente: ANIMALE TARIFFA MODALITA' Bovini/equini 10,00 + IVA 20% a capo Vitello 6,00 + IVA 20% a capo Ovino adulto 2,00 + IVA 20% a capo Agnello 1,00 + IVA 20% a capo 13

14 6) Tariffe operazioni cimiteriali - A decorrere dal 1 gennaio 2006 si applicheranno le tariffe per le operazioni cimiteriali, come di seguito riportato: OPERAZIONE Tariffe 2006 Tumulazione in loculo 198,90 Tumulazione in sarcofago 224,90 Tumulazione in tombe private 252,20 Tumulazione in loculo ossario 132,60 Tumulazione in loculi bambini 132,60 Inumazione (Adulti) 198,90 Inumazione (Bambini o arti) 158,60 Estumulazione 198,90 Esumazione 198,90 Ricognizione 66,30 Condizionamento (Estumulazione + Inumazione a terra salma mummificata) 504,40 Condizionamento (Estumulazione + Resti Mortali con ritumulazione nello stesso loculo) 331,50 Traslazione (Estumulazione e trasferimento da loculo a loculo) 252,20 Traslazione (Estumulazione e ritumulazione nello stesso loculo per lavori) 224,90 Traslazione (Estumulazione e trasferimento da tomba privata/loculo a loculo/tomba privata) 305,50 Traslazione di resti mortali 158,60 Traslazione di salme tumulate provvisoriamente prima del nella sede definitiva 66,30 Traslazione di salme tumulate provvisoriamente dal nella sede definitiva A carico del Comune Tariffa mensile per tumulazioni provvisorie (nuova tariffa) 25,00 7) Tariffe Servizi Educativi - A decorrere dall anno scolastico 2006/2007 si applicheranno le tariffe per i servizi educativi, come di seguito riportato: A) Compartecipazione alla spesa del servizio tempo per le famiglie Girotondo insieme quota fissa mensile quota giornaliera Retta per una frequenza settimanale 12,00 3,00 Retta per due frequenze settimanali 24,00 3,00 14

15 B) Compartecipazione alla spesa del servizio asili nido e centri per l infanzia Oasi, Oscar Romero, Girotondo, 44 Gatti FASCE REDDITO Quota fissa mensile ore 13,00 Quota presenza giornaliera (max 15 gg) Retta mensile per uscita ore 13,00 ANNO SCOLASTICO 2006/2007 Quota fissa mensile ore 16,00 Quota presenza giornaliera (max 15 gg) Retta per uscita ore 16,00 Quota fissa mensile ore 18,00 Quota presenza giornaliera (max 15 gg) Tariffa mensile per uscita ore 18,00 Tariffa giornaliera di ammissione per il primo mese 1 18,11 1,18 35,81 28,11 1,78 54,81 34,67 2,19 67,52 3, ,73 2,94 107,83 98,39 4,42 164,69 121,51 5,61 205,66 8, ,78 3,25 116,53 104,64 5,02 179,94 129,33 6,20 222,33 10, ,84 4,42 148,14 126,50 6,79 228,35 156,18 8,26 280,08 11, ,77 5,02 158,07 128,07 7,67 243,12 158,06 9,43 299,51 12, ,09 5,61 177,24 143,69 8,86 276,59 177,87 10,91 341,52 14, ,09 6,48 200,29 159,31 10,03 309,76 196,78 12,39 382,63 15, ,27 7,38 225,97 178,05 11,21 346,20 219,90 13,86 427,80 17, ,26 7,95 244,51 193,66 12,39 379,51 239,27 15,35 469,52 18, ,57 8,86 268,47 209,29 13,58 412,99 258,63 16,52 506,43 20, ,44 9,43 288,89 228,03 14,75 449,28 281,75 18,29 556,10 21, ,50 10,34 306,60 234,27 15,93 473,22 289,25 19,47 581,30 22,90 N.B.: 1. qualora il calcolo giornaliero della quota di ammissione superi il tetto massimo della retta attribuita, verrà applicata la tariffa relativa alla fascia di competenza; 2. per l attività estiva del mese di luglio 2007 la quota fissa mensile verrà proporzionata all effettivo funzionamento del servizio; 3. le rette vengono calcolate conteggiando la quota fissa e massimo 15gg di presenza mensile; 4. la presenza di due fratelli contemporaneamente al nido da diritto allo sgravio di una quota fissa. C) Compartecipazione alla spesa del servizio mense scolastiche Scuole materne ed elementari con 5 pasti settimanali 2006/2007 FASCE Quota fissa Retta mensile per Quota pasto REDDITO mensile 20 pasti 1-1,63 32, ,34 1,63 49, ,79 1,63 53, ,19 1,63 63, ,59 1,63 74, ,90 1,63 84, ,16 1,63 92, ,46 1,63 101, ,81 1,63 109, ,04 1,63 117, ,37 1,63 125, ,69 1,63 136,29 NO ISEE e residenti in comuni non convenzionati. 103,69 1,63 136,29 15

16 Scuole elementari con 4 pasti settimanali 2006/2007 FASCE REDDITO Quota fissa mensile Quota pasto Retta mensile per 16 pasti 1-1,63 26, ,11 1,63 37, ,26 1,63 41, ,23 1,63 50, ,64 1,63 60, ,52 1,63 67, ,40 1,63 74, ,35 1,63 81, ,25 1,63 88, ,12 1,63 95, ,64 1,63 98, ,51 1,63 105,59 NO ISEE e residenti in comuni non convenzionati. 79,51 1,63 105,59 Tariffe Scuole elementari tempo modulare 2006/2007 Quota fissa mensile Quota pasto elementari modulo 4 pasti mensili 12,96 1,02 elementari modulo 8 pasti mensili 25,92 1,02 residenti in comuni non convenzionati che effettuano 4 pasti mensili 21,60 2,04 residenti in comuni non convenzionati che effettuano 8 pasti mensili 43,20 2,04 Nei mesi di settembre e giugno le quote fisse mensili verranno proporzionate all effettivo funzionamento del servizio Colazione scuole materne 2006/2007 Quota mensile 8,80 Quote pasto personale autorizzato 2006/2007 Quota pasto Quota pasto personale autorizzato 7,70 Quota pasto Educatori Cooperative appalti 1,76 16

17 D) Compartecipazione alla spesa del servizio trasporto scolastico 2006/2007 Tipo servizio Retta mensile Mensile utenti aventi diritto ( andata e ritorno) 24,20 Mensile utenti aventi diritto (solo andata o solo ritorno) 19,80 Mensile utenti aventi diritto con riserva di andata e ritorno 33,00 Mensile utenti aventi diritto con riserva di sola andata o solo ritorno 24,20 Mensile per due rientri settimanali 8,80 Mensile per un rientro settimanale 4,40 Uscite didattiche nel territorio comunale: costo a bambino 1,10 Uscite didattiche fuori dal territorio comunale: costo a bambino 2,20 Uscite per attività comunali a bambino 0,55 Nei mesi di settembre e giugno le tariffe mensili verranno proporzionate all effettivo funzionamento del servizio E) Compartecipazione alla spesa del servizio pre-scuola 2006/2007 Tariffa Gennaio - Giugno 36,30 Settembre - Dicembre 24,20 F) Limiti fasce di reddito ISEE Limiti delle fasce di reddito 2006/2007 1^ Fascia - a 5.069,70 2^ Fascia da 5.069,71 a 7.604,57 3^ Fascia da 7.604,58 a ,44 4^ Fascia da ,45 a ,63 5^ Fascia da ,64 a ,83 6^ Fascia da ,84 a ,02 7^ Fascia da ,03 a ,00 8^ Fascia da ,01 a ,97 9^ Fascia da ,98 a ,95 10^ Fascia da ,96 a ,92 11^ Fascia da ,93 a ,90 12^ Fascia da , nei mesi di settembre e di giugno le tariffe mensili verranno proporzionate all effettivo funzionamento dei servizi; - per l attività estiva dei nidi e dei servizi per l infanzia la quota fissa mensile verrà proporzionata all effettivo funzionamento del servizio; - agli utenti non residenti iscritti al servizio di mensa scolastica verrà applicato il nostro sistema contributivo per l assegnazione della tariffa, in presenza di specifiche convenzioni con i rispettivi comuni; in assenza di dette convenzioni verrà applicata la tariffa più elevata riferita ai vari servizi. 17

18 8) Tariffe 2006 per i servizi di Colonia marina, Centri estivi e Servizio Ludoteca 1. Colonia marina (per bambini da 6 anni a 12 anni) Importo (a turno) Primo figlio 80,30 Altri figli 71,50 le quote sono comprensive del servizio di trasporto con lo scuolabus. 2. Centri estivi (per i bambini da 3 anni a 12 anni) Tariffa con ISEE fino ad 9.940,62 (limite della 3 fascia ISEE anno scolastico 2005/2006 dei Serv. Educ.) Importo (a turno) Primo figlio 99,00 Altri figli 71,50 Tariffa con ISEE da 9.940,63 (limite inferiore della 4 fascia ISEE anno scolastico 2005/2006 dei Serv. Educ.) Importo (a turno) Primo figlio 148,50 Altri figli 121,00 Entrambe le quote suddette sono comprensive del servizio di trasporto con lo scuolabus ove ne ricorrano i requisiti per averne diritto in base al regolamento comunale approvato con atto di C.C. n. 120 dell 30/06/ Ludoteca Quota iscrizione annua per l'accesso al servizio 25,00 Quota per il prestito di ciascun gioco 3,50 Il servizio di ludobus può essere concesso a privati o ad Enti pubblici (Scuole, Comuni, ecc) che ne facciano richiesta all Ufficio Politiche Giovanili, compatibilmente con le attività già programmate dalla Ludoteca. La concessione viene effettuata dietro pagamento delle seguenti tariffe: Tariffa per mezza giornata (5 ore) con un operatore di ludoteca 106,70 Tariffa per mezza giornata (5 ore) con due operatori di ludoteca 220, ,00 per percorrenza inferiore a 30 Km + 30,00 per percorrenza superiore a 30 Km (fino ad un massimo di 100 km) Tariffa per intera giornata (10 ore) con un operatore di ludoteca 220,00 Tariffa per intera giornata (10 ore) con due operatori di ludoteca 418, ,00 per percorrenza inferiore a 30 Km + 33,00 per percorrenza superiore a 30 Km (fino ad un massimo di 100 km) 18

19 9) Tariffe Parcheggi a pagamento - A decorrere dal 1 Gennaio 2006 si applicheranno le tariffe per i parcheggi a pagamento, come di seguito riportato: - 1 scheda parcheggio da ½ ora... 0,60-1 scheda parcheggio da 1 ora... 1,10 - parcheggio da 2 ora e ½... 2,50 10) Tariffe per uso impianti sportivi - A decorrere dal 1 Settembre 2006 si applicheranno le tariffe per l utilizzo degli impianti sportivi, come di seguito riportato: GARE CON PUBBLICO A PAGAMENTO TARIFFE 2006 IMPIANTO (per ogni gara) Dilettanti Amatori Stadio comunale 211,00 237,00 Stadio comunale (notturno) 421,00 474,00 Campo sportivo Minonna 160,00 178,00 Campo sportivo Cardinaletti 160,00 178,00 Campi di Calcio 107,00 119,00 Campi di Calcio A5 107,00 119,00 Campo di Rugby 160,00 178,00 Palestra Carbonari 35,00 78,00 Palasport 317,00 413,00 GARE CON PUBBLICO NON A PAGAMENTO TARIFFE 2006 IMPIANTO (per ogni gara) Dilettanti Amatori Stadio comunale 131,00 172,00 Stadio comunale (notturno) 264,00 341,00 Campo sportivo Cardinaletti 100,00 129,00 Campo Sportivo Minonna 100,00 129,00 Campi di Calcio 66,00 86,00 Campi di Calcio A5 66,00 86,00 Campo di Rugby 100,00 129,00 Palestra Carbonari e Palestre Via Zannoni 30,00 60,00 Altre Palestre 23,00 54,00 Palasport 198,00 260,00 19

20 ALLENAMENTI TARIFFE 2006 IMPIANTO (Costo orario) Dilettanti Amatori Stadio comunale 29,00 41,00 Campi di Calcio A5 13,00 21,00 Campo Sportivo Minonna 21,00 31,00 Campi Sportivo Cardinaletti 21,00 31,00 Campi di Calcio 13,00 21,00 Campo di Rugby 21,00 31,00 Palestra San Martino 12,00 24,00 Palestre Asiago, Collodi, Federico II, Leopardi, Carducci 15,00 30,00 Palestra Carbonari 20,00 40,00 Palestre Via Zannoni 24,00 48,00 Palestre IPSIA, ITIS, CUPPARI, Lic. Scient. (solo custodia e pulizia) 12,00 20,00 Palasport 41,00 54,00 ALTRE TARIFFE IMPIANTO Descrizione attività Tariffe 2006 Bocciodromo partita a bocce per soci 5,00 partita a bocce per non soci 9,00 allenamenti: abb.to mensile a società affiliate Fidal 119,00 allenamenti: abb.to mensile per persona (con uso doccia) 25,00 Pista di Atletica allenamenti: abb.to mensile per persona (senza uso doccia) 12,00 Polisportivo Cardinaletti allenamenti: ingresso giornaliero per persona 4,00 Maifestazioni FIDAL o società affiliate (1 giorno) 109,00 allenamenti: abb.to mensile società affiliate a Fihp 123,00 Pista di pattinaggio allenamenti: abb.to mensile per persona 13,00 Polisportivo Cardinaletti allenamenti: ingresso giornaliero per persona 5,00 Campi da tennis singolo 9,00 doppio 17,00 Stadio Comunale e campi Sportivi Cardinaletti e 525,00 Minonna Polisportivo Martin Luther King incontri di calcio organizzati dalla FIGC o da società non jesine in occasione di spareggi, squalifiche di campo etc manifestazioni varie (tariffa giornaliera) 113,00 20

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classe 1 - Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni con fini assistenziali

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

COMUNE DI AVELLINO. COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Consiglieri assegnati n. 32 Consiglieri in carica n. 32

COMUNE DI AVELLINO. COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Consiglieri assegnati n. 32 Consiglieri in carica n. 32 COMUNE DI AVELLINO COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Consiglieri assegnati n. 32 Consiglieri in carica n. 32 ANNO 2014 DELIBERAZIONE N. 274 OGGETTO: Approvazione tariffe TARI e piano economico

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

Comune di Bagnacavallo

Comune di Bagnacavallo CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: SETTORE SEGRETERIA RESPONSABILE: GRATTONI ANGELA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Settore Segreteria 1 SETTORE SEGRETERIA

Dettagli

COMUNE DI STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare PROVINCIA DI LUCCA AREA ECONOMICA UFFICIO TRIBUTI

COMUNE DI STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare PROVINCIA DI LUCCA AREA ECONOMICA UFFICIO TRIBUTI COMUNE DI STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare PROVINCIA DI LUCCA AREA ECONOMICA UFFICIO TRIBUTI Regolamento per l applicazione della Tassa sui Rifiuti (TARI) Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

Comune di Massa Lombarda

Comune di Massa Lombarda CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AFFARI GENERALI RESPONSABILE: CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Affari Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

Deliberazione del Consiglio Comunale

Deliberazione del Consiglio Comunale Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Ordinaria Seduta di Prima convocazione Comune di Finale Ligure Provincia di Savona Numero progressivo 56 OGGETTO Determinazione delle aliquote e detrazioni

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 203 Funzion Servizi. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizi 0. 02 Segreteria generale,personale e organizzazione Servizi 0. 03

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 38.83,47.000,00 75.86,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 04 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0,00 980,00 9.007,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 6.40,57.44,00 38.640,43

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR005 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. COMUNICAZIONE UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Comune di Castel Maggiore. Provincia di Bologna. Regolamento per la disciplina della Tassa sui rifiuti - TARI

Comune di Castel Maggiore. Provincia di Bologna. Regolamento per la disciplina della Tassa sui rifiuti - TARI Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna Regolamento per la disciplina della Tassa sui rifiuti - TARI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 13 del 8/04/2014-1 - Art. 1 Oggetto del regolamento

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 1010203 240/21 SPESE MANUTENZIONE IMMOBILI ED 17.424,61 17.424,61 17.424,61 IMPIANTI UFFICI COMUNALI 1010203 400/10 SPESE PER

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE Esente da bollo N.B.: presentare almeno 10 giorni prima dell inizio SPAZIO PER ETICHETTA PROTOCOLLO COMUNALE Si consiglia di presentare in triplice copia di cui n.1 timbrata dall Ufficio PROTOCOLLO da

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI AREA PATRIMONIO AMBIENTE UFFICIO TUTELA DEL PAESAGGIO E SUPPORTO AMMINISTRATIVO ALL AREA SETTORE PATRIMONIO E MANUTENZIONI REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI (Approvato con deliberazione

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009

CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009 CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone Prot. n. AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009 E intendimento dell Amministrazione Comunale,

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Sottoscritto definitivamente in data 20 dicembre 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE VERSIONE SPERIMENTALE

SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE VERSIONE SPERIMENTALE 1 1. Cos è la Carta della qualità dei servizi La realtà sempre più completa ed articolata delle pubbliche amministrazioni, se da un lato consente di offrire servizi diversificati alla cittadinanza, dall

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

COMUNE DI MONTORIO NEI FRENTANI

COMUNE DI MONTORIO NEI FRENTANI Approvato con delibera consiliare n. 11 del 03.09.2014 COMUNE DI MONTORIO NEI FRENTANI Provincia di Campobasso Regolamento per la disciplina dell Imposta Unica Comunale (IUC) 1 INDICE TITOLO 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2012

CONTO DEL BILANCIO 2012 CONTO DEL BILANCIO 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 7.640,44 750,00 8.66,48 5.343,90

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE MOD.COM 3 Al Comune di * ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA copia per il Comune COMUNICAZIONE Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt.10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno).

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). Dati Schede 2 C - Mod. C enti non commerciali COMUNE DI... D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO ENTI NON COMMERCIALI E ATTIVITÀ SOCIALI Organizzazioni, fondazioni, associazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti Premessa L IMU comporta un forte aumento del prelievo patrimoniale sugli immobili (pari al 233% dell ICI) gran parte del quale va a beneficio

Dettagli

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.)

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Familiari per i quali può essere richiesto il ricongiungimento: 1. Coniuge non

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 007 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 9 0 3 5.00 7.00.00 Servizio

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli