LA GIUNTA COMUNALE. SI RITIENE OPPORTUNO aumentare per l anno 2009 le seguenti tariffe:

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA GIUNTA COMUNALE. SI RITIENE OPPORTUNO aumentare per l anno 2009 le seguenti tariffe:"

Transcript

1 LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO: che la TRSU Tassa per lo Smaltimento dei Rifiuti Solidi Urbani Interni è stata istituita con il Capo III, del D.Lgvo 15 novembre 1992, n.507 e dallo stesso disciplinata, con le modifiche ed integrazioni introdotte con successivi provvedimenti legislativi; CHE, ai sensi del combinato disposto degli artt. 42, 48 e 172 del T.U. delle leggi sull ordinamento degli Enti Locali, di cui al D.Lgvo 18/08/2000, n.267, compete alla Giunta Comunale l approvazione delle tariffe per lo Smaltimento dei Rifiuti Solidi Urbani Interni ai fini dell approvazione dello schema di bilancio preventivo; CHE ai sensi dell art.61, comma1, del D.Lgvo n. 507/93 Il gettito complessivo della tassa non può superare il costo di esercizio del servizio di smaltimento dei rifiuti solidi urbani interni il gettito complessivo della tassa non può essere inferiore al 50 per cento del costo di esercizio SI RITIENE OPPORTUNO aumentare per l anno 2009 le seguenti tariffe: CATEGORIA DESCRIZIONE TARIFFE 1 UFFICI POSTALI 4,73 2 LOCALI DEGLI AUTOSERVIZI E LE AREE DEI 3,30 DISTIBUTORI DI CARBURANTE 3 LOCALI DEGLI ESERCIZI DI VENDITA DI FRUTTA 4,07 E VERDURA,DI FIORI, DI POLLAME, DI UOVA, DI PESCE, PANE, DEI SUPERMERCATI DI ALIMENTARI 4 LOCALI DEGLI AMBULATORI, DEI 6,27 POLIAMBULATORI E DEGLI STUDI MEDICI E VETERINARI, DEI LABORATORI DI ANALISI CLINICHE, DEGLI STABILIMENTI TERMALI E DELLE FARMACIE 5 LOCALI DEGLI ALBERGHI, DELLE LOCANDE, 5,83 DELLE PENSIONI, DEGLI STABILIMENTI BALNEARI, DEI BAGNI PUBBLICI 12 LOCALI DELLE ABITAZIONI PRIVATE 2,00 22 ALTRI LOCALI DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI DI 3,96 VENDITA E LOCALI DESTINATI ALLE RIVEDITE DI GIORNALI 23 PERTINENZE DELLE ABITAZIONI PRIVATE 1,51 (SOFFITTE, GARAGES, MAGAZZINI, DEPOSITI, ETC) 24 LOCALI DEGLI STABILIMENTI INDUSTRIALI, DEI 5,24 LABORATORI E BOTTEGHE DEGLI ARTIGIANI 25 LOCALI DELLE SALE DI ESPOSIZIONE DEGLI 2,54 ESERCIZI COMMERCIALI 26 LOCALI DEI RISTORANTI, DELLE TRATTORIE, DELLE PIZZERIE, DELLE TAVOLE CALDE, DELLE ROSTICCERIE E AGRITURISMI 27 LOCALI DEI CAFFE, DEI BAR, DELLE GELATERIE, PASTICCERIE, DELLE OSTERIE, DELLE BIRRERIE, TABACCHERIE 28 LOCALI DELLE AGENZIE IPPICHE, DELLE RICEVITORIE DEL TOTOCALCIO, DEL TOTIP, DELL ENALOTTO, DEI BANCHI DI LOTTO E I LOCALI DELLA CLASSE 27 CON LE RICEVITORIE PREDETTE 6,44

2 29 LOCALI DELLE SALE DA BALLO, DEI 4,62 CIRCOLI, DELLE DISCOTECHE, DELLE SALE DA GIOCHI 30 LOCALI DEGLI STUDI PROFESSIONALI 5,34 DIVERSI DALLA CLASSE 4 31 LOCALI DELLE BANCHE, DEGLI ISTITUTI DI 6,93 CREDITO, DELLE ASSICURAZIONI, DELLE AGENZIE FINANZIARIE, DELLE AGENZIE DI VIAGGI 32 LOCALI DEI SALONI DI BELLEZZA, DELLE 6,22 SAUNE, DELLE PALESTRE, PARRUCCHIERI E SIMILI 33 LOCALI DEI COLLEGI, DEI CONVITTI, DEGLI 5,50 ISTITUTI DI ASSISTENZA, DEGLI ISTITUTI RELIGIOSI CON CONVITTO, DEGLI OSPEDALI, DELLE CASE DI CURA, DELLE A.S.L. 34 LOCALI DEI TEATRI E DEI CINEMATOGRAFI 5,83 35 LOCALI E AREE DELLE AUTORIMESSE, DEGLI AUTOTRASPORTATORI 36 AREE SCOPERTE OPERATIVE 0,55 37 LOCALI DEGLI ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI, DEI MUSEI, DELLE BIBLIOTECHE, DELLE ASSOCIAZIONI,TECNICO ECONOMICHE, DEGLI ORDINI PROFESSIONALI, DELLE ASSOCIAZIONI OD ISTITUZIONI DI NATURA RELIGIOSA, POLITICA, SINDACALE ED ENTI DI ASSISTENZA. 38 ASSOCIAZIONI CULTURALI, DI BALLO, SPORTIVE ED UMANITARIE 39 LOCALI DI LAVORAZIONE E DEPOSITO 0,44 DELLE INDUSTRIE PER LA CARTA E SUOI DERIVATI 40 SCUOLE PUBBLICHE 1,10 41 SCUOLE PRIVATE 4,73 SI PRECISA CHE Qualora i locali e le aree da assoggettare al tributo non si identifichino, in base alla loro destinazione d uso, con la classificazione in categorie contenuta nel presente regolamento, la tassa è calcolata applicando la tariffa della categoria recante voci d uso assimilabili per attitudine qualitativa a produrre rifiuti solidi urbani; Per i locali e le aree diversi da quelli ad uso di abitazione, quali gli uffici, gli spogliatoi, le mense aziendali e simili, che risultano collegati sia funzionalmente che strutturalmente ai locali e alle aree adibiti all esercizio di un attività produttiva, la tassa è calcolata applicando all intero insediamento la tariffa prevista per detta attività.

3 Se in un unico insediamento si svolgono due o più attività economiche gestite da un unico soggetto la tassa è calcolata applicando a ciascuna di dette attività la corrispondente voce di tariffa. Le addizionali e il tributo dovute per leggi sono: ECA MECA Tributo PROVINCIALE Visto il decreto legislativo n. 507/1993; Visto il Decreto legislativo n. 267/2000; Vista la finanziaria 2009; Con voti unanimi, favorevoli resi nei modi di legge DELIBERA Di approvare le seguenti Tariffe per l anno 2009 CATEGORIA DESCRIZIONE TARIFFE 1 UFFICI POSTALI 4,73 2 LOCALI DEGLI AUTOSERVIZI E LE AREE DEI 3,30 DISTIBUTORI DI CARBURANTE 3 LOCALI DEGLI ESERCIZI DI VENDITA DI 4,07 FRUTTA E VERDURA,DI FIORI, DI POLLAME, DI UOVA, DI PESCE, PANE, DEI SUPERMERCATI DI ALIMENTARI 4 LOCALI DEGLI AMBULATORI, DEI 6,27 POLIAMBULATORI E DEGLI STUDI MEDICI E VETERINARI, DEI LABORATORI DI ANALISI CLINICHE, DEGLI STABILIMENTI TERMALI E DELLE FARMACIE 5 LOCALI DEGLI ALBERGHI, DELLE LOCANDE, 5,83 DELLE PENSIONI, DEGLI STABILIMENTI BALNEARI, DEI BAGNI PUBBLICI 12 LOCALI DELLE ABITAZIONI PRIVATE 2,00 22 ALTRI LOCALI DEGLI ESERCIZI 3,96 COMMERCIALI DI VENDITA E LOCALI DESTINATI ALLE RIVEDITE DI GIORNALI 23 PERTINENZE DELLE ABITAZIONI PRIVATE 1,51 (SOFFITTE, GARAGES, MAGAZZINI, DEPOSITI, ETC) 24 LOCALI DEGLI STABILIMENTI INDUSTRIALI, 5,24 DEI LABORATORI E BOTTEGHE DEGLI ARTIGIANI 25 LOCALI DELLE SALE DI ESPOSIZIONE DEGLI 2,54 ESERCIZI COMMERCIALI 26 LOCALI DEI RISTORANTI, DELLE TRATTORIE, DELLE PIZZERIE, DELLE TAVOLE CALDE, DELLE ROSTICCERIE E AGRITURISMI

4 27 LOCALI DEI CAFFE, DEI BAR, DELLE GELATERIE, PASTICCERIE, DELLE OSTERIE, DELLE BIRRERIE, TABACCHERIE 28 LOCALI DELLE AGENZIE IPPICHE, DELLE 6,44 RICEVITORIE DEL TOTOCALCIO, DEL TOTIP, DELL ENALOTTO, DEI BANCHI DI LOTTO E I LOCALI DELLA CLASSE 27 CON LE RICEVITORIE PREDETTE 29 LOCALI DELLE SALE DA BALLO, DEI 4,62 CIRCOLI, DELLE DISCOTECHE, DELLE SALE DA GIOCHI 30 LOCALI DEGLI STUDI PROFESSIONALI 5,34 DIVERSI DALLA CLASSE 4 31 LOCALI DELLE BANCHE, DEGLI ISTITUTI DI 6,93 CREDITO, DELLE ASSICURAZIONI, DELLE AGENZIE FINANZIARIE, DELLE AGENZIE DI VIAGGI 32 LOCALI DEI SALONI DI BELLEZZA, DELLE 6,22 SAUNE, DELLE PALESTRE, PARRUCCHIERI E SIMILI 33 LOCALI DEI COLLEGI, DEI CONVITTI, DEGLI 5,50 ISTITUTI DI ASSISTENZA, DEGLI ISTITUTI RELIGIOSI CON CONVITTO, DEGLI OSPEDALI, DELLE CASE DI CURA, DELLE A.S.L. 34 LOCALI DEI TEATRI E DEI CINEMATOGRAFI 5,83 35 LOCALI E AREE DELLE AUTORIMESSE, DEGLI AUTOTRASPORTATORI 36 AREE SCOPERTE OPERATIVE 0,55 37 LOCALI DEGLI ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI, DEI MUSEI, DELLE BIBLIOTECHE, DELLE ASSOCIAZIONI,TECNICO ECONOMICHE, DEGLI ORDINI PROFESSIONALI, DELLE ASSOCIAZIONI OD ISTITUZIONI DI NATURA RELIGIOSA, POLITICA, SINDACALE ED ENTI DI ASSISTENZA. 38 ASSOCIAZIONI CULTURALI, DI BALLO, SPORTIVE ED UMANITARIE 39 LOCALI DI LAVORAZIONE E DEPOSITO 0,44 DELLE INDUSTRIE PER LA CARTA E SUOI DERIVATI 40 SCUOLE PUBBLICHE 1,10 41 SCUOLE PRIVATE 4,73 SI PRECISA CHE Qualora i locali e le aree da assoggettare al tributo non si identifichino, in base alla loro destinazione d uso, con la classificazione in categorie contenuta nel presente regolamento, la tassa è calcolata applicando la tariffa della categoria recante voci d uso assimilabili per attitudine qualitativa a produrre rifiuti solidi urbani;

5 Per i locali e le aree diversi da quelli ad uso di abitazione, quali gli uffici, gli spogliatoi, le mense aziendali e simili, che risultano collegati sia funzionalmente che strutturalmente ai locali e alle aree adibiti all esercizio di un attività produttiva, la tassa è calcolata applicando all intero insediamento la tariffa prevista per detta attività. Se in un unico insediamento si svolgono due o più attività economiche gestite da un unico soggetto la tassa è calcolata applicando a ciascuna di dette attività la corrispondente voce di tariffa. Le addizionali e il tributo dovute per leggi sono: ECA MECA Tributo PROVINCIALE 4) Ai sensi dell art. 69 comma 4 del Decreto Legislativo n 507 le deliberazioni tariffarie divenute esecutiva a norma di legge sono trasmesse entro 30 giorni alla Direzione Centrale per la fiscalità locale del Ministero delle Finanze. 5) Di trasmettere copia della presente deliberazione alla società RIS.CO. s.r.l. corso Roma, Francavilla al Mare, concessionario del servizio. Successivamente, stante l urgenza di dare esecuzione al presente atto, lo stesso viene reso immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134 comma 4 del D.Lgs. 267/2000.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI VERGATO PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A. Cognome e Nome Carica Presente SINDACO DEGLI ESPOSTI GIULIANA

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI VERGATO PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A. Cognome e Nome Carica Presente SINDACO DEGLI ESPOSTI GIULIANA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI VERGATO PROVINCIA DI BOLOGNA Comunicata ai Capigruppo C O P I A il Nr. Prot. TASSA RACCOLTA E SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI. DETERMINAZIONE TARIFFE ANNO

Dettagli

ENTRATE DI BILANCIO DEL COMUNE DI GALEATA CONTO CONSUNTIVO ANNO 1999

ENTRATE DI BILANCIO DEL COMUNE DI GALEATA CONTO CONSUNTIVO ANNO 1999 ENTRATE DEL COMUNE DI GALEATA - CONTO CONSUNTIVO - ANNO 1999 Tipo di entrata Importo Imposte: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF 0,00 ICIAP 380,11 I.C.I. 351.460,00 ADDIZIONALE COMUNALE ENERGIA ELETTRICA 21.646,26

Dettagli

COMUNE DI GRAVELLONA LOMELLINA (Provincia di PAVIA)

COMUNE DI GRAVELLONA LOMELLINA (Provincia di PAVIA) COMUNE DI GRAVELLONA LOMELLINA (Provincia di PAVIA) DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 14 Reg. Delib. OGGETTO : Approvazione del piano finanziario per la determinazione dei costi del servizio di gestione

Dettagli

DI GIAMBERARDINO VINCENZO

DI GIAMBERARDINO VINCENZO COMUNE DI PIANELLA PROVINCIA DI PECARA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE eduta in data : 30/10/2012 Oggetto: AUMENTO TARIFFE TRU ANNO 2012 Atto n. 92 L'anno DUEMILADODICI, il giorno TRENTA,

Dettagli

COMUNE DI ZOCCA. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 46 in data 29 maggio 2012

COMUNE DI ZOCCA. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 46 in data 29 maggio 2012 COMUNE DI ZOCCA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 46 in data 29 maggio 2012 OGGETTO: TASSA PER LA RACCOLTA E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI DETERMINAZIONE TARIFFE ANNO 2012. LA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI CASTELLO D'ARGILE

COMUNE DI CASTELLO D'ARGILE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI CATELLO D'ARGILE PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A Comunicata ai Capigruppo Consiliari il 12/02/2008Nr. Prot. 1664 Affissa all'albo Pretorio il 12/02/2008 DETERMINAZIONE

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE DEI PEPOLI

COMUNE DI CASTIGLIONE DEI PEPOLI COMUNE DI CASTIGLIONE DEI PEPOLI DELIBERAZIONE N. 23 C O P I A VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: Tassa Raccolta Smaltimento Rifiuti Solidi Urbani (TARSU): determinazione tariffe anno

Dettagli

COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese)

COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese) COPIA COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Delibera N. 51 del 28/05/2012 OGGETTO: EAME ED APPROVAZIONE DELLE TARIFFE PER L'APPLICAZIONE DELLA TASSA PER

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Comune di San Pietro Vernotico Provincia di Brindisi Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 41 del 07/04/2009 OGGETTO : TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI - CONFERMA ALIQUOTE ANNO

Dettagli

COMUNE DI MONTICELLI D'ONGINA Provincia di PIACENZA COPIA Deliberazione N. 51 del 14/06/2012

COMUNE DI MONTICELLI D'ONGINA Provincia di PIACENZA COPIA Deliberazione N. 51 del 14/06/2012 COMUNE DI MONTICELLI D'ONGINA Provincia di PIACENZA COPIA Deliberazione N. 51 del 14/06/2012 Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: TASSA PER LO SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI. CONFERMA

Dettagli

CONFRONTO TRA GLI INTERVALLI DI COEFFICIENTI PREVISTI DAL DPR 158 E QUELLI SCELTI DAL COMUNE DI FERRARA

CONFRONTO TRA GLI INTERVALLI DI COEFFICIENTI PREVISTI DAL DPR 158 E QUELLI SCELTI DAL COMUNE DI FERRARA CONFRONTO TRA GLI INTERVALLI DI COEFFICIENTI PREVISTI DAL E QUELLI SCELTI DAL COMUNE DI FERRARA A) Coefficiente potenziale produzione (kc) PER LA PARTE FISSA Gruppo Descrizione gruppo di attività economica

Dettagli

ESERCIZIO FINANZIARIO 2007

ESERCIZIO FINANZIARIO 2007 CAPITOLO 5801938 5181954 5451960 4391943 5621937 5830404 5801493 5801939 5830406 ESERCIZIO FINANZIARIO 2007 Canone Servizio raccolta R.S.U. 8.577.807,93 Canone pulizia cimitero 140.892,00 Canone pul. Piazzali,

Dettagli

Rapporto 2014 di monitoraggio dei servizi pubblici ambientali. Servizio Gestione Rifiuti Urbani. Allegato B: TARES 2013: utenze non domestiche

Rapporto 2014 di monitoraggio dei servizi pubblici ambientali. Servizio Gestione Rifiuti Urbani. Allegato B: TARES 2013: utenze non domestiche DIREZIONE GENERALE AMBIENTE E DIFESA DEL SUOLO E DELLA COSTA OSSERVATORIO REGIONALE SERVIZI IDRICI E DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Rapporto 2014 di monitoraggio dei servizi pubblici ambientali Servizio

Dettagli

L'Assessore alle Attività Finanziarie e ai Servizi Comunali, VALENTINO rag. Gerardo, propone l'adozione del presente provvedimento:

L'Assessore alle Attività Finanziarie e ai Servizi Comunali, VALENTINO rag. Gerardo, propone l'adozione del presente provvedimento: CITTÀ DI CERIGNOLA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Atto N. 29 In data 09-02-06 OGGETTO: Approvazione tariffe TARSU delle categorie di locali e aree di produzione rifiuti - Anno. L'anno duemilasei,

Dettagli

COMUNE DI BORDIGHERA PROVINCIA DI IMPERIA DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA ADOTTATA CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI BORDIGHERA PROVINCIA DI IMPERIA DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA ADOTTATA CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE C o p i a COMUNE DI BORDIGHERA PROVINCIA DI IMPERIA DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA ADOTTATA CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE N. 56 del registro delle deliberazioni. OGGETTO: TRIBUTI -

Dettagli

CEDEGOLO. Musei, archivi, istituzioni, biblioteche, attività di istituzioni culturali, politiche e religiose

CEDEGOLO. Musei, archivi, istituzioni, biblioteche, attività di istituzioni culturali, politiche e religiose CEDEGOLO 01 Abitazioni private escluso solai. 1B 2B 3B A1 A2 A3 A4 B1 Solai e cantine Rimesse, autorimesse ecc. tettoie, portici e verande Musei, archivi, istituzioni, biblioteche, attività di istituzioni

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE NELLE CATEGORIE TARI

CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE NELLE CATEGORIE TARI CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE NELLE CATEGORIE TARI Classe 1 -Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni con fini assistenziali Associazioni o istituzioni

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE

CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE 1) Musei, Biblioteche, Scuole, Associazioni, Luoghi di culto Musei e gallerie pubbliche e private Biblioteche Scuole pubbliche di ogni ordine e grado Scuole parificate

Dettagli

COMUNE DI CANALE TARIFFA PER L'APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI 1. in vigore dal 1/1/2011. Provincia di Cuneo

COMUNE DI CANALE TARIFFA PER L'APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI 1. in vigore dal 1/1/2011. Provincia di Cuneo COMUNE DI CANALE Provincia di Cuneo PER L'APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI 1 in vigore dal 1/1/2011 1 Approvata con la Deliberazione della Giunta Comunale N. 93 in

Dettagli

L'Assessore al Bilancio, Tributi e Patrimonio, GALLO dott. Nicola, propone l'adozione del presente provvedimento:

L'Assessore al Bilancio, Tributi e Patrimonio, GALLO dott. Nicola, propone l'adozione del presente provvedimento: CITTÀ DI CERIGNOLA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Atto N.225 In data 03-07-2012 OGGETTO: Approvazione tariffe TARSU delle categorie dei locali ed aree di produzione di rifiuti. - Anno 2012.

Dettagli

COMUNE DI TODI (Provincia di Perugia)

COMUNE DI TODI (Provincia di Perugia) COMUNE DI TODI (Provincia di Perugia) DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 92 DEL 25 MARZO 2010 Oggetto: Tassa smaltimento Rifiuti Solidi Urbani TARSU Determinazione tariffe anno 2010. L anno duemiladieci

Dettagli

ALLEGATO B Categorie di utenze non domestiche. Le utenze non domestiche sono suddivise nelle seguenti categorie:

ALLEGATO B Categorie di utenze non domestiche. Le utenze non domestiche sono suddivise nelle seguenti categorie: ALLEGATO B Categorie di utenze non domestiche Le utenze non domestiche sono suddivise nelle seguenti categorie: Categoria 1 Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni

Dettagli

Deliberazione di C.C. n.35 del 29.2.2000, ad oggetto:

Deliberazione di C.C. n.35 del 29.2.2000, ad oggetto: Deliberazione di C.C. n.35 del 29.2.2000, ad oggetto: DELIBERA C.C. N.93 DEL 29.10.1999, AD OGGETTO: REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE E LA RISCOSSIONE DELLA TARIFFA DEL SERVIZIO DI GESTIONE INTEGRATA

Dettagli

COMUNE DI SAVIGNANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA. Deliberazione del Consiglio Comunale. N. 8 del 14/03/2011

COMUNE DI SAVIGNANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA. Deliberazione del Consiglio Comunale. N. 8 del 14/03/2011 COMUNE DI SAVIGNANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale N. 8 del 14/03/2011 OGGETTO: TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI (TARSU) - DETERMINAZIONE TARIFFE ANNO 2011. Seduta

Dettagli

COMUNE DI ZEDDIANI PROVINCIA DI OR V E R B AL E D I D E L I B E R AZ I ONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 17

COMUNE DI ZEDDIANI PROVINCIA DI OR V E R B AL E D I D E L I B E R AZ I ONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 17 C o p i a COMUNE DI ZEDDIANI PROVINCIA DI OR V E R B AL E D I D E L I B E R AZ I ONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 17 OGGETTO: CONFERMA T.A.R.S.U. ANNO 2009 L anno duemilanove addì dodici del mese di febbraio

Dettagli

CATEGORIE E SOTTOCATEGORIE DEI LOCALI E DELLE AREE TASSABILI STABILITE DAL REGOLAMENTO COMUNALE

CATEGORIE E SOTTOCATEGORIE DEI LOCALI E DELLE AREE TASSABILI STABILITE DAL REGOLAMENTO COMUNALE G.C. n. 03 del 28/01/2011 Oggetto: tassa per lo smaltimento rifiuti solidi urbani rideterminazione anno 2011. LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO che: l art. 49, comma 1, del D. Lgs. 5/2/1997 n. 22, prevede il

Dettagli

COMUNE DI PARETE (PROVINCIA DI CASERTA)

COMUNE DI PARETE (PROVINCIA DI CASERTA) COMUNE DI PARETE (PROVINCIA DI CASERTA) Delibera di Consiglio Comunale N 17 del 3/07/2014 OGGETTO: TASSA SUI RIFIUTI (TARI) DETERMINAZIONE TARIFFE ANNO 2014 Premesso che: L Assessore all Ambiente - il

Dettagli

Comune di Villafranca di Verona APPROVATA CON DELIBERAZIONE N 27 DEL 27/05/2015

Comune di Villafranca di Verona APPROVATA CON DELIBERAZIONE N 27 DEL 27/05/2015 Comune di Villafranca di Verona APPROVATA CON DELIBERAZIONE N 27 DEL 27/05/2015 Proposta di Deliberazione N : 231 del 14/05/2015 AREA II - SERVIZI ECONOMICO FINANZIARI E TRIBUTARI Unità TRIBUTI OGGETTO:

Dettagli

Verbale di deliberazione del Commissario Straordinario (Assunta con i poteri della Giunta Comunale) OGGETTO: Determinazione tariffe TARSU anno 2011.

Verbale di deliberazione del Commissario Straordinario (Assunta con i poteri della Giunta Comunale) OGGETTO: Determinazione tariffe TARSU anno 2011. Verbale di deliberazione del (Assunta con i poteri della Giunta Comunale) N. 46 del 11/5/2011 OGGETTO: Determinazione tariffe TARSU anno 2011. L'anno duemilaundici, addì undici del mese di maggio, alle

Dettagli

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti (fonte comune di Venezia 09.11.2012)

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti (fonte comune di Venezia 09.11.2012) Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti (fonte comune di Venezia 09.11.2012) Classe 1 - Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto (classe 1

Dettagli

Comune di Crespellano Provincia di Bologna

Comune di Crespellano Provincia di Bologna Comune di Crespellano rovincia di Bologna Copia dell ORIGINLE dunanza Ordinaria in prima convocazione. Seduta pubblica. DELIBERZIONE DEL CONSIGLIO COMUNLE N. 40 DEL 23/05/2012. OGGETTO: REGOLMENTO ER L'

Dettagli

ENTRATE DEL COMUNE DI MELDOLA - CONTO CONSUNTIVO - ANNO 1999

ENTRATE DEL COMUNE DI MELDOLA - CONTO CONSUNTIVO - ANNO 1999 ENTRATE DEL COMUNE DI MELDOLA - CONTO CONSUNTIVO - ANNO 1999 Tipo di entrata Importo Imposte: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF 0 ICIAP RECUPERO ANNI PRECEDENTI 104.443,51 I.R.A.P. 296.998,60 I.C.I. 1.472.327,21

Dettagli

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classe 1 - Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni con fini assistenziali

Dettagli

Provincia di Lecco TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI SCHEDA DI DENUNCIA DEI LOCALI ED AREE TASSABILI 1) DATI RELATIVI AL DENUNCIANTE

Provincia di Lecco TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI SCHEDA DI DENUNCIA DEI LOCALI ED AREE TASSABILI 1) DATI RELATIVI AL DENUNCIANTE Si rilascia Ricevuta n. Tesserino Piattaforma Ecologica anno Secchiello per la raccolta Umido Comune di Missaglia Provincia di Lecco TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI SCHEDA DI DENUNCIA

Dettagli

Comune di Fabriano GIUNTA COMUNALE

Comune di Fabriano GIUNTA COMUNALE L anno duemiladieci addì trenta del mese di marzo alle ore 18.30 in Fabriano si è riunita la Giunta Comunale nel prescritto numero legale con l intervento dei Signori: Risultano PRESENTI: SORCI ROBERTO

Dettagli

D.C.C. N. 04 DEL 12/01/2004 OGGETTO: DETERMINAZIONI IN MERITO A MODIFICHE AL REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SMALTIMENTO RIFIUTI. IL CONSIGLIO COMUNALE

D.C.C. N. 04 DEL 12/01/2004 OGGETTO: DETERMINAZIONI IN MERITO A MODIFICHE AL REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SMALTIMENTO RIFIUTI. IL CONSIGLIO COMUNALE D.C.C. N. 04 DEL 12/01/2004 OGGETTO: DETERMINAZIONI IN MERITO A MODIFICHE AL REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SMALTIMENTO RIFIUTI. IL CONSIGLIO COMUNALE VISTA la D.C.C. n. 43 in data 06/10/1995 avente per oggetto:

Dettagli

BOZZA RELAZIONE. Desenzano del Garda 03.05.2014. Pagina 1 di 7

BOZZA RELAZIONE. Desenzano del Garda 03.05.2014. Pagina 1 di 7 BOZZA RELAZIONE Desenzano del Garda 03.05.2014 Pagina 1 di 7 Richiamata la recente Legge 27 dicembre 2013 n. 147 ( Legge di stabilità 2014), in particolare art. 1 commi 639 668 di istituzione della TARI

Dettagli

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES COMUNE DI SERRENTI Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES Classe 1 - Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni con fini assistenziali

Dettagli

IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U - ANNO 2015

IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U - ANNO 2015 PROSPETTO A allegato alla deliberazione n. 7 del 28/05/2015 ALIQUOTE: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U - ANNO 2015 - Aliquota ordinaria nella misura del 0,90 per cento Ad esclusione delle fattispecie sotto

Dettagli

COMUNE DI LAURIANO Provincia di Torino

COMUNE DI LAURIANO Provincia di Torino COMUNE DI LAURIANO Provincia di Torino Via Mazzini, 22 10020 LAURIANO (TO) Tel. 011 9187801 Fax 011 9187482 P.IVA 01734040015 C.F. 82500430010 WWW.COMUNE.LAURIANO.TO.IT info@comune.lauriano.to.it mail

Dettagli

ENTRATE DEL COMUNE DI PREMILCUORE - CONTO CONSUNTIVO - ANNO 1999

ENTRATE DEL COMUNE DI PREMILCUORE - CONTO CONSUNTIVO - ANNO 1999 ENTRATE DEL COMUNE DI PREMILCUORE - CONTO CONSUNTIVO - ANNO 1999 Tipo di entrata Importo Imposte: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF 0 ICIAP 997,14 I.R.A.P. 26.081,69 I.C.I. 189.948,44 ADDIZIONALE COMUNALE

Dettagli

CALCOLO E DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI TASSA SUI RIFIUTI TARI TARIFFE ESERCIZIO 2014

CALCOLO E DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI TASSA SUI RIFIUTI TARI TARIFFE ESERCIZIO 2014 CALCOLO E DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI TASSA SUI RIFIUTI TARI TARIFFE ESERCIZIO 2014 DATI DI BASE abitanti al 31/12/2013 n. 25.859 COSTI PREVISTI PER L ESERCIZIO

Dettagli

DICHIARA, PER PROPRIO CONTO IN QUALITA' DI

DICHIARA, PER PROPRIO CONTO IN QUALITA' DI Numero di protocollo DENUNCIA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI IL SOTTOSCRITTO Cognome e nome:... C.F.: nat... il:... a:... residente a:... in Via/P.zza:... n :... CAP:... Avente recapito diverso

Dettagli

C O M U N E DI G A Z Z O L A (Provincia di Piacenza) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O M U N E DI G A Z Z O L A (Provincia di Piacenza) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE C O M U N E DI G A Z Z O L A (Provincia di Piacenza) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 28 maggio 2012 OGGETTO: ENTRATE TRIBUTARIE: ALIQUOTE T.A.R.S.U. ANNO 2012. DETERMINAZIONI.

Dettagli

COMUNE DI VALBREMBO Provincia di Bergamo

COMUNE DI VALBREMBO Provincia di Bergamo COMUNE DI VALBREMBO Provincia di Bergamo PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI TARI ANNO 2015 MODALITA' DI SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO Con deliberazione del Consiglio Comunale n.

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE CC n. 30 del 26/10/2013 Oggetto: Rettifica delibera consiliare n. 21 del 24/09/2013 "tariffe per la gestione dei rifiuti solidi urbani e assimilati per l'anno 2013" IL CONSIGLIO COMUNALE Visto l art. 14

Dettagli

COMUNE DI MONTIGNOSO PIANO FINANZIARIO E DEFINIZIONE DELLO SCENARIO. Allegato A

COMUNE DI MONTIGNOSO PIANO FINANZIARIO E DEFINIZIONE DELLO SCENARIO. Allegato A COMUNE DI MONTIGNOSO PIANO FINANZIARIO E DEFINIZIONE DELLO SCENARIO Allegato A RILEVAZIONE SULLO STATO DELL ARTE STATO DELL ARTE La base di partenza dell elaborazione necessaria all analisi per il passaggio

Dettagli

COMUNE DI AZZANO MELLA Provincia di Brescia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI AZZANO MELLA Provincia di Brescia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA COMUNE DI AZZANO MELLA Provincia di Brescia Delibera N. 100 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Definizione dei criteri di assimilazione ai rifiuti urbani dei rifiuti speciali

Dettagli

TABELLA A Allegata alla Deliberazione G.M. n. del

TABELLA A Allegata alla Deliberazione G.M. n. del Codice categoria Descrizione Categoria Tariffe anno 2006-2007-2008 100 ABITAZIONI 1,21 102 CANTINE- GARAGE-MAGAZZINI-TINELLI 0,61 1100 MUSEI 1,11 1200 BIBLIOTECHE 1,11 1300 SCUOLE 1,11 1400 ASSOCIAZIONI

Dettagli

TASSA SUI RIFIUTI (TARI) ANNO 2016 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA DETERMINAZIONE TARIFFE TARI METODO NORMALIZZATO 1

TASSA SUI RIFIUTI (TARI) ANNO 2016 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA DETERMINAZIONE TARIFFE TARI METODO NORMALIZZATO 1 allegato A) alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 22 in data 30/04/2016 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA DETERMINAZIONE TARIFFE TARI METODO NORMALIZZATO 1 Il procedimento di calcolo delle tariffe TARI

Dettagli

COMUNE DI OTTOBIANO PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI OTTOBIANO PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI OTTOBIANO PROVINCIA DI PAVIA COPIA DELIBERAZIONE N. 16 in data: 21.06.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA ORDINARIA DI PRIMA CONVOCAZIONE - SEDUTA PUBBLICA OGGETTO:

Dettagli

fino a 30 1 da 31 a 45 2 da 46 a 60 3 da 61 a 75 4 da 76 a 90 5

fino a 30 1 da 31 a 45 2 da 46 a 60 3 da 61 a 75 4 da 76 a 90 5 TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI GUIDA AL CALCOLO TARES (AGGIORNATO ALL'11/01/2014) La componente Rifiuti della TARES è composta da: UNA QUOTA FISSA: determinata in relazione alle componenti

Dettagli

Comune di Montopoli in Val D'Arno (Provincia di Pisa). Via Francesco Guicciardini n 61-56020 - Montopoli in Val d'arno - ( 0571/44.98.

Comune di Montopoli in Val D'Arno (Provincia di Pisa). Via Francesco Guicciardini n 61-56020 - Montopoli in Val d'arno - ( 0571/44.98. UFFICIO TRIBUTI OGGETTO: DENUNCIA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI Locali ad uso diverso da abitazione (da restituire compilata all Ufficio Tributi) MOTIVO DELLA DENUNCIA (barrare l ipotesi che ricorre) INIZIO

Dettagli

COMUNE DI ERBUSCO PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI ERBUSCO PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI ERBUSCO PROVINCIA DI BRESCIA Via Verdi, 16-25030 Erbusco C.F.:00759960172 P.IVA 00577180987 Tel. 030 7767332 Fax 0307760141 E-mail: tributi@comune.erbusco.bs.it PEC comune.erbusco@pec.regione.lombardia.it

Dettagli

CITTA DI ALESSANO Provincia di Lecce Settore Tributi

CITTA DI ALESSANO Provincia di Lecce Settore Tributi CITTA DI ALESSANO Provincia di Lecce Settore Tributi COME SI CALCOLA LA TARES (Esempi di calcolo e confronto con la TARSU) UTENZE DOMESTICHE Superficie imponibile mq. 100 N. Componenti Nucleo Familiare

Dettagli

C O M U N E D I S A S S O M A R C O N I PROVINCIA DI BOLOGNA ESTRATTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 74 DEL 26/11/2013

C O M U N E D I S A S S O M A R C O N I PROVINCIA DI BOLOGNA ESTRATTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 74 DEL 26/11/2013 C O M U N E D I S A S S O M A R C O N I PROVINCIA DI BOLOGNA ESTRATTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 74 DEL 26/11/2013 Adunanza ordinaria in PRIMA convocazione OGGETTO: DETERMINAZIONE

Dettagli

COMUNE DI AZZANELLO Provincia di Cremona. Seduta ordinaria Prima convocazione VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI AZZANELLO Provincia di Cremona. Seduta ordinaria Prima convocazione VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI AZZANELLO Provincia di Cremona Seduta ordinaria Prima convocazione VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 14 del 29/04/2015 OGGETTO: ESAME ED APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO SERVIZI

Dettagli

COMUNE DI PRATO CARNICO

COMUNE DI PRATO CARNICO Copia conforme COMUNE DI PRATO CARNICO Provincia di Udine Cap 33020 - tel. 0433 69034 - fax 0433 69001 - Partita Iva 00416340305 - E Mail: VERBALE DI DELIBERAZIONE

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA 1 DATI ANAGRAFICI. Risposta a quesito 2. Nr. Abitanti 13.504 (al 31.12.2008)

SCHEDA INFORMATIVA 1 DATI ANAGRAFICI. Risposta a quesito 2. Nr. Abitanti 13.504 (al 31.12.2008) Risposta a quesito 2 SCHEDA INFORMATIVA 1 DATI ANAGRAFICI COMUNE di: LAURIA Nr. Abitanti 13.504 (al 31.12.2008) Indirizzo Via Roma,104 C.A.P. / Provincia 85044 - PZ Tel: 0973 627111 Fax: 0973 823793 E

Dettagli

COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA

COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA C O P I A Affissa all'albo Pretorio il 10/04/2015 APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO E DETERMINAZIONE TARIFFE TARI 2015.

Dettagli

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ORIGINALE N. 46 OGGETTO: Modifica tariffe Tares DEL 18-10-2013 SESSIONE Straordinaria SEDUTA Pubblica DI Prima CONVOCAZIONE

Dettagli

COMUNE DI BIBBONA PROVINCIA DI LIVORNO

COMUNE DI BIBBONA PROVINCIA DI LIVORNO COMUNE DI BIBBONA PROVINCIA DI LIVORNO TARI (TASSA SUI RIFIUTI) DENUNCIA DEI LOCALI ED AREE ADIBITE AD USO DIVERSO ABITAZIONE ANNO... IL SOTTOSCRITTO NATO A IL SESSO M F RESIDENTE IN VIA/PIAZZA N. CIVICO

Dettagli

COMUNE DI LONGARE. TARIFFA RIFIUTI URBANI Anno 2013

COMUNE DI LONGARE. TARIFFA RIFIUTI URBANI Anno 2013 COMUNE DI LONGARE TARIFFA RIFIUTI URBANI Anno 2013 1.1 Utenze domestiche Il territorio comunale è stato diviso in 5 zone in funzione dei caratteri del servizio fornito, come descritto nella tabella che

Dettagli

COMUNE DI COTRONEI (Provincia di Crotone) COPIA

COMUNE DI COTRONEI (Provincia di Crotone) COPIA COMUNE DI COTRONEI (Provincia di Crotone) COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 22 DEL 12.03.2009 OGGETTO: Tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani. Determinazione tariffe per l anno 2009.

Dettagli

COMUNE DI ALTILIA Prov. di Cosenza

COMUNE DI ALTILIA Prov. di Cosenza COMUNE DI ALTILIA Prov. di Cosenza TARIFFE TASSA SUI RIFIUTI (TARI) - ANNO 2016 Utenze domestiche 1,00 a mq. Utenze domestiche di campagna 0,60 a mq. Utenze domestiche (Pensionati nei paesi di residenza

Dettagli

Gestione Rifiuti - BILANCIO ANNO 2014 IN EURO (I.V.A. inclusa)

Gestione Rifiuti - BILANCIO ANNO 2014 IN EURO (I.V.A. inclusa) CO STI Gestione Rifiuti BILANCIO ANNO 2014 IN EURO (I.V.A. inclusa) PARTE FISSA PARTE VARIABILE 0% 100% TO TALE Costi vari (sia fissi che variabili) 0,00 0,00 0,0 CSL Costi di spazzam ento e lavaggio delle

Dettagli

COMUNE DI CINTANO Provincia di Torino

COMUNE DI CINTANO Provincia di Torino COMUNE DI CINTANO Provincia di Torino ESTRATTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza ORDINARIA di PRIMA CONVOCAZIONE Seduta PUBBLICA N. 24 Del 31/07/2014 OGGETTO : Tributo servizio rifiuti

Dettagli

COMUNE DI TORRE D'ARESE PROVINCIA DI PAVIA ----------------------

COMUNE DI TORRE D'ARESE PROVINCIA DI PAVIA ---------------------- COMUNE DI TORRE D'ARESE PROVINCIA DI PAVIA ---------------------- Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale Sessione ordinaria Seduta pubblica di prima Convocazione NR. 23 DEL 29-07-2014 ORIGINALE

Dettagli

Comune di Boscotrecase Provincia di Napoli

Comune di Boscotrecase Provincia di Napoli Comune di Boscotrecase Provincia di Napoli COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 94 del 28/05/2009 OGGETTO: Determinazione Tassa Rifiuti Solidi Urbani per l'anno 2009 L'anno duemilanove

Dettagli

* COMUNITA MONTANA - COMMUNAUTE DE

* COMUNITA MONTANA - COMMUNAUTE DE * COMUNITA MONTANA - COMMUNAUTE DE MONTAGNE GRAND COMBIN Scopri con me quanto costa il Servizio di raccolta e smaltimento rifiuti e come si calcola quanto si paga per l anno 2014 * Previsione costi anno

Dettagli

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA Deliberazione Consiglio comunale n. 24 del 29.04.2014 OGGETTO: Approvazione tariffe della tassa rifiuti (TARI) anno 2014 e definizione scadenze. IL CONSIGLIO COMUNALE - Preso atto che, in relazione ai

Dettagli

COMUNE DI FANANO (Provincia di Modena)

COMUNE DI FANANO (Provincia di Modena) COMUNE DI FANANO (Provincia di Modena) ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Prot. del DELIBERA N. 30 del 20.07.2015 OGGETTO: RISCOSSIONE TARI ANNO 2015 - DETERMINAZIONE DEL NUMERO

Dettagli

La tassa sui rifiuti (TARI)

La tassa sui rifiuti (TARI) COMUNE DI COMO La tassa sui rifiuti (TARI) Anno 2014 DISCIPLINA L articolo 1, comma 639, della legge n. 147/2013, ha istituito l imposta unica comunale (IUC) che, per la sua componente riferita ai servizi,

Dettagli

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC)

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) COMUNE DI ERBUSCO PROVINCIA DI BRESCIA Via Verdi, 16-25030 Erbusco C.F.:00759960172 P.IVA 00577180987 Tel. 030 7767332 Fax 0307760141 E-mail: tributi@comune.erbusco.bs.it PEC comune.erbusco@pec.regione.lombardia.it

Dettagli

PIANO FINANZIARIO GESTIONE TARI

PIANO FINANZIARIO GESTIONE TARI PIANO FINANZIARIO GESTIONE TARI Premessa normativa Il presente Piano Finanziario, redatto in conformità a quanto previsto nel D.P.R. n. 158/1999, ha lo scopo di fornire i dati utili all'applicazione del

Dettagli

Comune di. Determinazione delle tariffe della Tassa sui rifiuti- TARI. Allegato A) alla D.C.C. n. 14 del 30/07/2015. Oggetto:

Comune di. Determinazione delle tariffe della Tassa sui rifiuti- TARI. Allegato A) alla D.C.C. n. 14 del 30/07/2015. Oggetto: Comune di BOSCHI SANT ANNA Oggetto: Determinazione delle tariffe della Tassa sui rifiuti- TARI L. 147 del 27.12.2013 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 Competenza: UFFICIO TRIBUTI DEL COMUNE DI BOSCHI SANT

Dettagli

COMUNE DI OLIVA GESSI PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI OLIVA GESSI PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI OLIVA GESSI PROVINCIA DI PAVIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 9 Reg. Delib. Del 09-02-2009 COPIA Numero 36 Reg. Pubbl. Oggetto: DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO

Dettagli

COMUNE DI VERBANIA TRANSIZIONE A TARES DEFINIZIONE DEGLI SCENARI TARES 2013 UD 49,71% UND 50,29%

COMUNE DI VERBANIA TRANSIZIONE A TARES DEFINIZIONE DEGLI SCENARI TARES 2013 UD 49,71% UND 50,29% COMUNE DI VERBANIA TRANSIZIONE A TARES DEFINIZIONE DEGLI SCENARI TARES 2013 UD 49,71% UND 50,29% Piano Economico Finanziario come approvato da AC con atto 8/13; ELABORAZIONE TRANSIZIONE A TARES Il presente

Dettagli

originale COMUNE DI SUNI Provincia di Oristano DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n 17 del 02.09.2013

originale COMUNE DI SUNI Provincia di Oristano DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n 17 del 02.09.2013 originale COMUNE DI SUNI Provincia di Oristano DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n 17 del 02.09.2013 Oggetto: Approvazione tariffe. Tributo comunale sui rifiuti e servizi. TARES 2013. L'anno duemilatredici,

Dettagli

Articolazione tariffaria

Articolazione tariffaria III Settore Regolamento per la disciplina del tributo comunale sui rifiuti e sui servizi Annualità 2013 Articolazione tariffaria Documento allegato alla Deliberazione della Giunta Comunale n del 2013 DETERMINAZIONE

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO CAVOUR Provincia di Lecce UFFICIO TRIBUTI PIANO FINANZIARIO-TARIFFARIO GESTIONE RIFIUTI URBANI ANNO 2014

COMUNE DI SOGLIANO CAVOUR Provincia di Lecce UFFICIO TRIBUTI PIANO FINANZIARIO-TARIFFARIO GESTIONE RIFIUTI URBANI ANNO 2014 COMUNE DI SOGLIANO CAVOUR Provincia di Lecce UFFICIO TRIBUTI PIANO FINANZIARIO-TARIFFARIO GESTIONE RIFIUTI URBANI ANNO 2014 Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 11 del 01/08/2014 1 Il presente

Dettagli

C I T T À D I M A G L I E Provincia di Lecce

C I T T À D I M A G L I E Provincia di Lecce C I T T À D I M A G L I E Provincia di Lecce COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 125 del 07-06-2011 Oggetto: ALIQUOTE ICI, ADDIZIONALE IRPEF, TARSU, COSAP, DI= RITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI,

Dettagli

COMUNE DI CASTELLINA IN CHIANTI PROVINCIA DI SIENA

COMUNE DI CASTELLINA IN CHIANTI PROVINCIA DI SIENA {Copiaprima COMUNE DI CASTELLINA IN CHIANTI PROVINCIA DI SIENA COPIA Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale DELIBERAZIONE N. 28 DEL 30/07/2015 Oggetto: IUC Componente TARI - Approvazione Piano

Dettagli

CATEGORIA 2: UTENZE NON DOMESTICHE

CATEGORIA 2: UTENZE NON DOMESTICHE CATEGORIA 2: UTENZE NON DOMESTICHE Sottocategoria 1 - Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni con fini assistenziali Associazioni o istituzioni politiche Associazioni

Dettagli

Comune di Roana PROVINCIA DI VICENZA ORIGINALE. Deliberazione n. 66 Data 24-04-2012. Soggetta a ratifica Immediatamente eseguibile

Comune di Roana PROVINCIA DI VICENZA ORIGINALE. Deliberazione n. 66 Data 24-04-2012. Soggetta a ratifica Immediatamente eseguibile Comune di Roana PROVINCIA DI VICENZA Deliberazione n. 66 Data 24-04-2012 ORIGINALE Soggetta a ratifica Immediatamente eseguibile N S VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: DETERMINAZIONE

Dettagli

Oggetto: Approvazione aliquote tassa per la gestione dei rifiuti urbani - TARI per l anno di imposta 2015. Il Consiglio Comunale

Oggetto: Approvazione aliquote tassa per la gestione dei rifiuti urbani - TARI per l anno di imposta 2015. Il Consiglio Comunale CC 14 dd11-03-2015 Oggetto: Approvazione aliquote tassa per la gestione dei rifiuti urbani - TARI per l anno di imposta 2015. Il Consiglio Comunale Ricordato che l'art. 1 comma 639, della L. 147/2013,

Dettagli

COMUNITA DELLA VAL DI NON

COMUNITA DELLA VAL DI NON Allegato sub. 2) alla delibera dell Assemblea n. di data 16.02.2015 COMUNITA DELLA VAL DI NON TARIFFA DI IGIENE AMBIENTALE ANNO 2015 Per i Comuni di: Amblar, Bresimo, Brez, Cagnò, Campodenno, Castelfondo,

Dettagli

Città di Iglesias III Settore. Disciplina del tributo comunale sui rifiuti (TARI) Annualità Articolazione tariffaria

Città di Iglesias III Settore. Disciplina del tributo comunale sui rifiuti (TARI) Annualità Articolazione tariffaria Disciplina del tributo comunale sui rifiuti (TARI) Annualità 2014 Articolazione tariffaria Documento allegato alla Deliberazione del Consiglio comunale n del 2014 DETERMINAZIONE QUANTITÀ DI RIFIUTI PRODOTTI

Dettagli

Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale

Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Deliberazione n.16 Comune di Sestola (Mo) Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza ordinaria di 1a_ convocazione. Seduta pubblica_ Oggetto: Approvazione piano finanziario e tariffe TARI

Dettagli

La Giunta comunale propone al Consiglio l adozione della sotto riportata deliberazione. Il Consiglio Comunale

La Giunta comunale propone al Consiglio l adozione della sotto riportata deliberazione. Il Consiglio Comunale Delib. n. 60-20.4.2015 OGGETTO: Servizio relativo alla raccolta e al trasporto dei rifiuti urbani. Tassa sui rifiuti (TARI). Tariffe per le utenze domestiche e per le utenze non domestiche per l anno 2015.

Dettagli

Comune di BELPASSO TARI TASSA COMUNALE SUI RIFIUTI ANNO 2015 DETERMINAZIONE TARIFFE AI SENSI DELL ART. 1 C. 651 DELLA LEGGE 27 DICEMBRE 2013, N.

Comune di BELPASSO TARI TASSA COMUNALE SUI RIFIUTI ANNO 2015 DETERMINAZIONE TARIFFE AI SENSI DELL ART. 1 C. 651 DELLA LEGGE 27 DICEMBRE 2013, N. TARI TASSA COMUNALE SUI RIFIUTI ANNO 2015 DETERMINAZIONE TARIFFE AI SENSI DELL ART. 1 C. 651 DELLA LEGGE 27 DICEMBRE 2013, N. 147 SIMULAZIONE TARI 2015_c.651/04 22 luglio 2015 Tabelle riassuntive 1 PREMESSA

Dettagli

PREMESSA L ISTITUZIONE DELLA IUC (IMPOSTA UNICA COMUNALE)

PREMESSA L ISTITUZIONE DELLA IUC (IMPOSTA UNICA COMUNALE) TARI COMUNE DI BUTTRIO Tassa sui Rifiuti Urbani componente tributaria IUC 2014 GUIDA INFORMATIVA PREMESSA L ISTITUZIONE DELLA IUC (IMPOSTA UNICA COMUNALE) Con i commi dal 639 al 705 dell articolo 1 della

Dettagli

TASSA RIFIUTI (TARI) RICHIESTA RIDUZIONE PER SMALTIMENTO RIFIUTI SPECIALI

TASSA RIFIUTI (TARI) RICHIESTA RIDUZIONE PER SMALTIMENTO RIFIUTI SPECIALI Unione dei Comuni Lombarda della Valletta Ufficio Tributi c/o Municipio di Santa Maria Hoè Piazza Padre Fausto Tentorio, 2 23889 Santa Maria Hoè (LC) Telefono 039-5311174 int. 4 TASSA RIFIUTI (TARI) RICHIESTA

Dettagli

VISTO l'art. 1, comma 184, della L. 27.12.2006 n. 296 (Legge Finanziaria. 2008) in cui è previsto che il regime di prelievo relativo al servizio

VISTO l'art. 1, comma 184, della L. 27.12.2006 n. 296 (Legge Finanziaria. 2008) in cui è previsto che il regime di prelievo relativo al servizio GIUNTA MUNICIPALE L'anno 2011 addì 9 del mese di marzo, alle ore 19,00, nella sala delle adunanze, posta nella Sede Comunale, appositamente convocata, si è riunita la Giunta Municipale nelle persone dei

Dettagli

Comune di Sindia Provincia di Nuoro

Comune di Sindia Provincia di Nuoro Comune di Sindia Provincia di Nuoro DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n 11 del 30.07.2015 Oggetto: Tributo sui rifiuti (TARI): approvazione tariffe per l anno 2015. Il giorno trenta del mese di luglio

Dettagli

COMUNE DI SAN GEMINI PROVINCIA DI TERNI COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI SAN GEMINI PROVINCIA DI TERNI COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI SAN GEMINI PROVINCIA DI TERNI COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 29 Data 29/07/2015 OGGETTO: Approvazione tariffe TARI. L anno 2015 il giorno 29 del mese di LUGLIO alle ore 17:30, nella

Dettagli

CITTA DI CERIGNOLA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI

CITTA DI CERIGNOLA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI CITTA DI CERIGNOLA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI (Adottato con delibera di Consiglio Comunale n. 56 del 26/6/1995, modificato con delibera

Dettagli

C O M U N E DI L I M B A D I (Provincia di Vibo Valentia) *************

C O M U N E DI L I M B A D I (Provincia di Vibo Valentia) ************* C O M U N E DI L I M B A D I (Provincia di Vibo Valentia) ************* COPIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO nell esercizio delle competenze e dei poteri del Consiglio comunale N. 4 del Reg.

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE TARIFFE TARI 2015

OGGETTO: APPROVAZIONE TARIFFE TARI 2015 Città metropolitana di Bologna COPIA n. 19 del 18.03.2015 OGGETTO: APPROVAZIONE TARIFFE TARI 2015 Il giorno 18 marzo 2015 alle ore 14.00 nel Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità prescritte

Dettagli

COMUNE DI BELFIORE. Provincia di Verona REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI

COMUNE DI BELFIORE. Provincia di Verona REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI COMUNE DI BELFIORE Provincia di Verona REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI Approvato con delibera Consiglio Comunale n 35 del 30/10/1995 Modificato con

Dettagli