UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA FACOLTÀ DI INGEGNERIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA FACOLTÀ DI INGEGNERIA"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ENERGETICA TESI DI LAUREA MAGISTRALE ANALISI DELLA CONVENIENZA ECONOMICA DEI PRINCIPALI INTERVENTI DI EFFICIENTAMENTO ENERGETICO IN COLLEGAMENTO CON LE SCHEDE STANDARD DELLO SCHEMA DEI CERTIFICATI BIANCHI RELATORE: ING. VITO INTRONA CANDIDATO: DE CHICCHIS LIVIO CORRELATORE: ING. DARIO DI SANTO ANNO ACCADEMICO

2 Sommario Introduzione... 3 Capitolo Stato dell arte Gran Bretagna Belgio- Regione delle Fiandre Francia Il primo periodo dello schema ( ) Il secondo periodo ( ) Considerazioni e confronto col meccanismo italiano L attuazione del terzo periodo ( ) Le schede standardizzate Capitolo Lo schema dei certificati bianchi Introduzione I meccanismi di incentivazione in Italia Il meccanismo dei certificati bianchi Metodologie di valutazione dei risparmi Le schede semplificate Il metodo a consuntivo Confronto tra metodologie Calcolo dei risparmi e valore dell incentivo Coefficiente di durabilità Dimensione minima e cumulabilità dei progetti Tipi di titoli Certificati bianchi II-CAR (Cogenerazione ad alto rendimento) Capitolo Settore industriale Motori elettrici Rifasamento motori elettrici

3 3.3 Inverter Gruppi di continuità UPS Confronto tra le tecnologie Capitolo Settore civile Caldaie ad alta efficienza Pompe di calore ad alta efficienza Doppi vetri Isolamento pareti e coperture Solare termico Fotovoltaico Confronto tra tecnologie Capitolo Altri settori coinvolti nel meccanismo Illuminazione pubblica Regolatori di flusso luminoso Illuminazione stradale ad alta efficienza TEE e impatto sul mercato: il caso delle CFL Evoluzione delle lampade Lampade fluorescenti compatte CFL Agricoltura Isolamento termico delle serre agricole Riscaldamento a biomassa delle serre agricole Risultati ottenuti e confronto Trasporti Capitolo Analisi dei risultati e commenti Stato delle tecnologie analizzate Confronto con i dati calcolati Conclusioni Bibliografia

4 Introduzione La sfida energetico-climatica in atto in questi ultimi anni sta obbligando tutti i paesi ad attuare misure che possano garantire un approvvigionamento energetico sicuro e sostenibile ed una drastica riduzione dell emissione di gas climalteranti. È infatti oramai assodato che un aumento della temperatura globale del pianeta oltre i due gradi centigradi avrebbe conseguenze rilevanti; a ciò vanno poi aggiunte ragioni geopolitiche, che spingono le diverse entità a raggiungere l indipendenza energetica, nella direzione delle rinnovabili e dell efficienza energetica. Per queste ragioni l Unione Europea si è mossa con numerosi interventi, sia in ambito internazionale (Protocollo di Kyoto) che internamente all Unione (Strategia ). Quest ultima in particolare è attuata tramite le direttive del pacchetto Clima-Ambiente, che prevede la riduzione delle emissioni di anidride carbonica, l aumento dell energia ricavata da fonti rinnovabili e la riduzione dei consumi di energia primaria del 20% entro il I Certificati Bianchi, o Titoli di Efficienza Energetica (TEE), rappresentano il principale meccanismo di incentivazione degli interventi di efficientamento energetico nel nostro Paese. Ha lo scopo di promuovere una sensibile riduzione del consumo di fonti primarie di energia mediante l incremento dell efficienza dei dispositivi di conversione energetica presso gli utenti finali. Il meccanismo ha finora fornito un contributo rilevante sotto questo punto di vista, e si pone come strumento prezioso nella Strategia Energetica Nazionale (SEN) adottata dal Ministero dello Sviluppo Economico nel Marzo Ma oltre che in Italia, questo meccanismo è in vigore anche in altri paesi dell Unione Europea quali Francia, Gran Bretagna e Regione delle Fiandre. Pertanto il primo capitolo del lavoro presenta una panoramica sul funzionamento del meccanismo negli altri stati europei dove è in vigore, allo scopo di contestualizzare il problema; particolarmente aggiornato e attuale è il caso francese dove sono descritte le novità entrate in vigore dal 1 Gennaio 2015 (tratte dal Ministère de l Ecologie, du Développement durable et de l Energie). Il secondo capitolo illustra in maniera approfondita il meccanismo dei TEE così come è in vigore in Italia, concentrandosi poi in maniera particolare sulla metodologia di valutazione dei risparmi standardizzata. 3

5 Il core della tesi verte sull analisi della capacità dello schema dei certificati bianchi di supportare la diffusione delle principali tecnologie, attraverso un confronto fra il valore dell incentivo riconosciuto e il costo della tecnologia corrispondente. Tale analisi è stata condotta per gli interventi relativi al metodo di valutazione standardizzato, che ha avuto particolare successo grazie alla semplicità di applicazione delle schede standard, le quali non richiedono né misure dirette dei flussi energetici, come per le schede analitiche, né un insieme di misure, algoritmi e proposte di calcolo, come per il metodo a consuntivo. La divisione dei capitoli è stata impostata in base ai vari settori di intervento: industriale (capitolo 3), civile (capitolo 4), illuminazione, agricoltura e trasporti (capitolo 5). La parte riguardante l illuminazione descrive gli interventi inerenti la pubblica illuminazione, per i quali sono in vigore schede standard, per poi approfondire la tecnologia delle CFL (lampade fluorescenti a basso consumo) che per anni è stata la più redditizia nel meccanismo dei certificati bianchi, prima che l apposita scheda venisse revocata. Per ogni tecnologia vengono riportate una descrizione tecnica e i benefici dal punto di vista energetico, prima di concentrarsi sull analisi svolta riguardo l impatto dei TEE. Infine l ultimo capitolo presenta lo stato delle tecnologie analizzate, in termini di titoli emessi per le schede relative a ciascuna di esse dall avvio del meccanismo ad oggi, al termine del quale si è cercato, per quanto possibile, di operare un confronto tra questi dati rilevati e quelli calcolati nell analisi precedente sull impatto dei TEE sul CAPEX. Nota metodologica e obiettivi del documento La tesi è stata svolta in collaborazione con la FIRE (Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia) mediante uno stage effettuato presso gli uffici all interno del Centro Ricerche Casaccia. Grazie alla collaborazione della Federazione è stato possibile svolgere un analisi di mercato presso aziende associate ed associazioni di categoria al fine di avere un idea chiara sui reali costi d intervento delle tecnologie di efficientamento energetico: in questo frangente hanno collaborato, con l invio di informazioni sui propri prodotti, tra gli altri ABB per la parte di automazione (motori elettrici e inverter), Atlas Copco per i sistemi di compressione, Clivet per 4

6 le pompe di calore, Enel Sole per l illuminazione pubblica. In questo modo si è riusciti ad avere informazioni su (quasi) tutte le tecnologie presenti nelle schede standard, e ognuna si basa su più fonti. Oltre ai dati economici, alcuni hanno fornito dei case study di interventi da loro realizzati. Una nota importante va fatta sui costi. Nella maggior parte delle analisi vengono presi in considerazioni i costi delle tecnologie, che rappresentano la gran parte del totale; tuttavia, per essere precisi, in alcuni casi andrebbero considerati anche i costi di installazione, che sono però difficilmente determinabili essendo dipendenti da una serie di fattori altamente variabili. Per questo motivo le percentuali di incidenza dei TEE sul CAPEX calcolati in questo lavoro possono risultare leggermente maggiorati rispetto ai valori effettivi. Per i progetti standardizzati il risparmio conseguibile a seguito dell intervento è direttamente deducibile dalle schede standardizzate ed è funzione per lo più di parametri tecnici e termodinamici. Sia per i costi d intervento che per i risparmi sono stati dedotti dei valori massimi e minimi, ed elaborando i dati tramite foglio Excel è stato definito per ogni tecnologia un range di incidenza dell incentivo sull investimento iniziale, indicatore della convenienza di richiedere TEE per quel determinato intervento. Alcune tecnologie presentano un elevata variabilità di quest intervallo dovuta per lo più alla grande incertezza dei risparmi: per avere un idea più chiara sono stati analizzati degli «interventi tipo» con valori reali, funzione di determinate grandezze tecniche. Per le analisi sui titoli emessi per le varie schede e sulla tecnologia delle CFL si è invece fatto riferimento ai dati pubblicati dal Gestore dei Servizi Energetici (GSE) 1 e dall Autorità per l Energia Elettrica, il Gas ed il Sistema Idrico (AEEGSI) 2. L obiettivo del lavoro è quindi quello di stabilire quanto il meccanismo risulti premiante rispetto ad un intervento, ma un importante premessa va fatta sin da questa fase 3 : i certificati bianchi non sono stati pensati per coprire quote rilevanti del costo d investimento, che 1 GSE, Rapporto annuale sul meccanismo dei Certificati Bianchi, Gennaio-Dicembre 2013; 2 AEEGSI, Stato e prospettive del meccanismo di Titoli di Efficienza Energetica, 2014; 3 Di Santo, Biele, Considerazioni sull applicazione del metodo di valutazione standardizzato, 2010; 5

7 dovrebbe essere ripagato dai risparmi conseguiti, ma per fungere da stimolo all implementazione dell intervento. In questo lavoro dunque non si intende valutare la bontà o meno di una tecnologia di efficientamento, che sarebbe altresì difficoltoso stabilire in maniera assoluta, ma la capacità da parte del meccanismo di incentivazione di supportare la diffusione di tale tecnologia. 6

8 Capitolo 1 Stato dell arte La politica energetica europea dovrà affrontare un gran numero di sfide nei prossimi decenni, essendo l energia un fattore chiave dell economia e delle attività umane. Per la competitività delle imprese ed il benessere dei cittadini è necessario mantenere i costi dell energia a livelli accettabili. L Europa ha tra l altro una dipendenza elevata e crescente dalle importazioni di energia, in particolare petrolio e gas naturale; allo stesso tempo si pone come leader a livello mondiale per affrontare la minaccia del cambiamento climatico, adottando obiettivi impegnativi per l abbattimento delle emissioni di anidride carbonica. Nonostante la priorità data a ciascuna di queste sfide vari da Paese a Paese, il miglioramento dell efficienza energetica può contribuire a rispondere a tutti questi obiettivi ridurre i costi energetici per le imprese e le famiglie limitando la dipendenza dalle importazioni di energia e riducendo le emissioni di anidride carbonica. L efficienza energetica gioca un ruolo sempre più significativo nella politica energetica sia a livello di UE che di singoli stati membri. Il meccanismo dei certificati bianchi è stato introdotto in Gran Bretagna nel 2002, in Italia nel 2005 ed in Francia nel Questo obbliga le imprese del settore energetico a realizzare un prefissato quantitativo di risparmi, incoraggiando i loro clienti ad adottare tecnologie efficienti. Il fondamento logico del meccanismo, ispirato dal programma Demand-Side Management, implementato negli anni 80 negli Stati Uniti, è di trarre vantaggio dai rapporti commerciali tra le imprese e i loro clienti al fine di raggiungere livelli stabili di risparmio energetico, in particolare nel settore civile e dei trasporti. Tuttavia, a differenza del programma DSM, imposto ai monopoli di energia elettrica, l avvento dei certificati bianchi si è verificato nel 7

9 contesto del mercato liberalizzato. Almeno in teoria, i mercati energetici in Gran Bretagna, Francia e Italia sono stati disaggregati e liberalizzati in base alle regole dettate dalle direttive Europee. Il contesto delle organizzazioni industriali è particolarmente importante in quanto gli obblighi di risparmio energetico vanno in conflitto con l obiettivo di un impresa energetica, che è quello di vendere più energia possibile; per ovviare a ciò, questi obblighi sono stati integrati con meccanismi più flessibili, come ad esempio la possibilità di un commercio dei risparmi. Questi meccanismi, sempre più diffusi nelle politiche ambientali dei vari Paesi, sono stati previsti al fine di minimizzare i costi da sostenere per il raggiungimento degli obiettivi. Inoltre, gli obblighi danno la possibilità alle imprese di trasformare il proprio modello di business in un più ampio energy service, che può rappresentare un prezioso mezzo di differenziazione commerciale nel sempre più competitivo mercato energetico. I certificati bianchi sono stati delineati dai modelli microeconomici come un meccanismo ibrido di sovvenzione fiscale, per cui le compagnie energetiche sono vincolate a sovvenzionare beni durevoli ad alta efficienza energetica, recuperando i costi tramite la diminuzione dei prezzi dell energia. Lo schema dei certificati bianchi non è facilmente generalizzabile tra i paesi della UE, a causa sia delle linee politiche di azione dei vari Stati, i quali possono privilegiare determinate caratteristiche rispetto ad altre, sia per la grande flessibilità dello strumento, che permette di poter adottare strategie diverse tra le varie compagnie energetiche. Ad esempio la tipologia di soggetto obbligato varia in base allo schema adottato dai vari Stati, tanto è vero che ogni Paese considerato in questa analisi ha dato una sua definizione di tale figura. Questi possono presentare direttamente i progetti di risparmio, oppure ciò può avvenire per mezzo di società di servizi energetici. Pertanto, ogni Paese dovrà dapprima definire una categoria di soggetti obbligati (la domanda) ed un target di risparmi e di certificati bianchi che vorrà raggiungere (l offerta) e ripartire questa quantità tra i vari soggetti; solo in un secondo momento verrà poi definito lo share di obbligo che ciascuno dovrà rispettare anno per anno. 8

10 L obiettivo di questo capitolo è di contestualizzare la situazione dell efficienza energetica nei paesi dell Unione Europea, descrivendo lo stato dell arte dei sistemi adottati in Italia, Gran Bretagna, Belgio e Francia. 1.1 Gran Bretagna 4 L attenzione del governo inglese è sempre stata rivolta all abbattimento delle emissioni di CO 2, pertanto la valutazione dei risparmi, compreso per il meccanismo dei certificati bianchi, è calcolata tramite emissioni evitate di gas inquinanti. I mercati dell energia elettrica e del gas in Gran Bretagna (oltre il 97% del mercato del Regno Unito) sono stati privatizzati e riformati separatamente alla fine degli anni 80; già dalla fine degli anni 90 il governo ha messo in evidenza la necessità di agire su interventi di efficientamento nel settore residenziale. Con l Energy Efficiency Commitment (EEC) il governo inglese ha voluto dare il via ad un processo di incentivazione dell efficienza energetica; questo è stato diviso in 3 cicli da 3 anni ciascuno, dal 2002 al Il primo programma prevedeva che i venditori di energia elettrica e gas con più di clienti residenziali potessero acquisire dei benefit di combustibile nel caso in cui avessero assistito i propri clienti nell effettuare interventi di efficienza energetica presso le proprie abitazioni; il target di risparmi era fissato a 62 TWh ma alla fine del periodo venne raggiunto un valore di 86,8 TWh. Nel secondo ciclo ( ) la soglia dei soggetti obbligati era salita da a clienti con un target fissato a 130 TWh: ovviamente l eccesso di risparmi ottenuto già nella prima fase ha permesso di raggiungere l obiettivo in brevissimo tempo. L ultima fase dal 2008 al 2011 è stata rinominata CERT (Carbon Emission Reduction Target). 4 Veronica Venturini, Il Meccanismo dei certificati bianchi in Europa, 2010 Bertoldi, Rezessy, Energy supplier obligations and white certificate schemes: Comparative analysis of experiences in the European Union,

11 Dal 2013 è in vigore la Energy Company Obligations (ECO), mediante la quale i fornitori di energia sono obbligati a migliorare l efficienza energetica dei propri clienti residenziali lungo tre linee guida: obbligo di ridurre le emissioni di CO 2 : interventi per l isolamento dell involucro edilizio sono da considerare primari per questo scopo. L obiettivo è abbattere 20,9 milioni di tonnellate di CO 2 ; obblighi comunitari: le imprese energetiche devono concentrarsi sulla fornitura di misure di isolamento e di connessioni a sistemi di teleriscaldamento locali che coprono aree di basso reddito. In particolare il 15% dei risparmi deve essere ottenuto tramite promozione di misure per famiglie a basso reddito che vivono in aree rurali. L obiettivo è abbattere 6,9 milioni di tonnellate di CO 2 ; obbligo di riduzione dei costi per il riscaldamento domestico: anche qui i fornitori di energia sono tenuti a tutelare le famiglie a basso reddito nel riscaldamento delle loro abitazioni. Ciò si traduce in interventi di risparmio energetico quali ad esempio la riparazione o sostituzione di una caldaia. L obiettivo è il risparmio di 4,2 miliardi di sterline. Lo schema inglese quindi prevede che il settore di intervento per adempiere agli obblighi di risparmio sia solamente quello residenziale: ciò è stato deciso in quanto nei primi tempi il mercato dell energia a livello residenziale non era ancora stato liberalizzato e mancava pertanto un vero mercato in questo settore. Successivamente si è deciso di non allargare lo schema (come accaduto ad esempio in Francia) a causa del timore che gli edifici residenziali a basso reddito potessero creare un mercato che andasse a finanziare altri settori. Da tutto ciò emerge come la social equity sia stato il motore principale per delineare il meccanismo, in particolare prevedendo interventi per edifici appartenenti alle categorie a basso reddito, considerate vulnerabili e non in grado di poter accedere autonomamente al meccanismo. Gli interventi possono riguardare diversi settori: elettricità, gas naturale, carbone, petrolio, GPL. In particolare emerge come gli interventi maggiormente effettuati riguardino 10

12 l isolamento di pareti, installazione di caldaie e elettrodomestici efficienti e lampade fluorescenti compatte: Figura 1. Misure di efficienza energetica installate: tassi di installazione annuale. Fonte ENERDATA L ente che gestisce il meccanismo per conto del Gas and Electricity Market Authority (l Autorità per il mercato elettrico e il gas) è l Ofgem E-Serve, che ha la responsabilità di determinare gli obblighi per ciascun soggetto, valutare le procedure e le modalità di calcolo dei risparmi, e verificare l adempimento degli obblighi (in caso di mancato raggiungimento è prevista una sanzione che può arrivare fino al 10% del fatturato dell azienda). Per il calcolo dei risparmi non viene applicato alcun tasso di decadimento o di sconto dovuto all efficacia dell intervento nel tempo, e l incentivo viene erogato upfront: grazie a questi motivi le barriere per l accesso al meccanismo sono ridotte al minimo. Non è prevista la possibilità di creare un mercato per lo scambio di certificati, non essendo una caratteristica del sistema inglese tanto che non esiste alcuna certificazione formale dei risultati ottenuti. È inoltre uno schema riservato ai soli fornitori di energia, i quali sono gli unici a potersi scambiare gli obblighi certificati. 11

13 1.2 Belgio- Regione delle Fiandre 5 Il mercato energetico nella regione delle Fiandre, una delle tre facenti parte dello stato federale del Belgio, è stato liberalizzato a partire dal 1 luglio 2003; nello stesso anno è stato introdotto nella Regione il meccanismo dei Certificati Bianchi. In base a quest ultimo gli obblighi, espressi in energia primaria risparmiata, sono stati imposti a 16 distributori di energia elettrica, e il programma prevede target di risparmio annuali per clienti residenziali, commerciali ed industriali. Ogni operatore della rete elettrica deve presentare ogni anno al dipartimento governativo il proprio programma di interventi per l anno successivo; tale programma deve descrivere misure, incentivi finanziari e metodo di calcolo dei risparmi, ottenibili per ogni tipologia di combustibile. Nella prima fase del meccanismo ( ), agli utenti ad alto voltaggio (servizio sopra i Volt) veniva richiesto un risparmio di energia primaria dell 1% annuo, per un totale del 6%, mentre per gli utenti a basso voltaggio era previsto un target totale del 10,5% per lo stesso arco di tempo. A partire dal 2008 sono inoltre stati separati i target di risparmio per i clienti residenziali e non, in particolare il 2% per i primi e l 1,5% per i secondi. Nella terza fase ( ) invece il discriminante è stato il numero di clienti del distributore: 3,5% per società aventi più di clienti, 2,5% per le altre. Questi target di risparmio in energia primaria hanno permesso agli operatori di poter scegliere gli interventi che ritenevano più opportuni per raggiungere l obiettivo: il risultato è stato la mancanza di azioni uniformi, tanto che il regolatore ha deciso di adottare delle imposizioni sugli interventi da intraprendere. Gli incentivi sono stati pertanto erogati per le seguenti azioni: isolamento dell involucro edilizio, installazione di pompe di calore e impianti solari termici, sistemi di illuminazione più efficienti, audit e analisi energetiche. Il meccanismo ha permesso di ottenere risultati soddisfacenti dal punto di vista economicofinanziario: la VEA (Agenzia per l Energia della Regione delle Fiandre) ha calcolato che la spesa 5 VEA, RUE Public Service Obligations in the Flemish Region 12

14 prevista per lo schema si è mantenuta ben al di sotto di quella preventivata per raggiungere l obbligo, oltre ovviamente ad aver permesso di raggiungere gli obiettivi stimati. Le figure seguenti (fino all anno 2011) dimostrano quanto detto: Figura 2. Risparmi di energia primaria in GWh. Fonte VEA Figura 3. Spesa per gli interventi. Fonte VEA 13

15 1.3. Francia Il primo periodo dello schema ( ) Il processo di liberalizzazione del mercato energetico francese ha avuto inizio nel 2000 e termine nel luglio del 2007, data alla quale il mercato è stato totalmente liberalizzato. In questo contesto il 13 luglio 2005 venne pubblicato il "Le Roi Programme atto a definire la nuova politica energetica. Questa legge riguardava quattro aspetti principali: sicurezza degli approvvigionamenti inseguendo l indipendenza energetica nazionale, competitività del prezzo dell energia, tutela dell ambiente e della salute umana ed obblighi di servizio pubblico in tutta la Francia garantendo l accesso all energia a tutti. In materia di efficienza energetica, vennero definiti una serie di strumenti volti ad incentivare il risparmio di energia, tra i quali il meccanismo dei certificati bianchi. A tale scopo veniva fissato l obiettivo di ridurre l intensità energetica del paese del 2% annuo fino al 2015 e successivamente del 2,5% fino al Durante il primo periodo del sistema ( ) gli obblighi di risparmio erano riservati ai fornitori di elettricità, gas, combustibile (non per i trasporti), riscaldamento e raffrescamento domestico; tali soggetti obbligati rifornivano il settore residenziale oltre una certa soglia, 100 GWh all anno per il GPL e 400 GWh all anno per gli altri settori coinvolti. L obiettivo nazionale di risparmio energetico per questi tre anni era di 54 TWh cumac, cumulative discounted rate, ovvero kwh cumulati durante la durata del progetto, con un tasso di sconto del 4%: kwh cumac = risparmio annuale (kwh) durata progetto tasso di sconto Il meccanismo francese è senz altro il più vicino a quello italiano in termini di interventi ammessi all incentivo e funzionamento generale. Una grande percentuale di obblighi era a carico di due grande fornitori, EDF e Gaz de France, mentre circa il 20% ricadeva su più di piccoli fornitori- soggetti obbligati. Come nel caso italiano, vi erano poi soggetti volontari ammessi al meccanismo dei CEE: persone giuridiche non soggette a obblighi (purché l attività per la quale richiedevano i titoli non rientrasse nel campo della loro attività principale e non 6 Veronica Venturini, Il Meccanismo dei certificati bianchi in Europa, 2010 Giraudet, Finon, European experiences with white certificate obligations: A critical review of existing evaluations,

16 portasse loro guadagno diretto), enti collettivi pubblici che effettuavano interventi di risparmio sia direttamente che tramite terzi, condomini per il proprio edificio. I soggetti, obbligati e non, potevano ottenere i certificati attivandosi alla realizzazione di interventi all interno della propria attività o presso terzi, oppure potevano scambiarsi i titoli tramite un apposita piattaforma, la Emmy. Gli obbligati acquistavano il loro obbligo individuale presentando dei certificati di risparmi energetici pari a una quantità equivalente; in caso di mancata presentazione, doveva essere pagata una penale di 2 centesimi di euro per kwh mancante. I CEE attestano la realizzazione di interventi di risparmio energetico addizionali rispetto all attività abituale dei richiedenti, che rispondono alle condizioni stabilite dai regolamenti. Per semplificare la documentazione sono state create delle schede standardizzate (fiches standardisées) al fine di raccogliere gli interventi più comuni; sono per lo più interventi semplici, che prevedono un calcolo dei risparmi forfettario e le cui peculiarità sono la semplicità, l accessibilità e la comprensibilità. Gli aspetti che le schede standardizzate non consentono di quantificare vengono considerati facendo ricorso a interventi su misura (opérations spécifiques), valutati singolarmente. Nel corso dei 3 anni, il target fissato è stato superato, arrivando fino a 65,2 TWh cumac. 15

17 Figura 4. Obbligo del primo periodo ripartito per fonti di energia e soggetti obbligati nel settore residenziale e terziario. Fonte Ministère du Développement durable Dal 2009 al 2011 si è attraversò un intervallo di transizione, in attesa della definizione di una nuova legge e della definizione del secondo periodo del meccanismo Il secondo periodo ( ) Il 29 giugno 2010 è stata approvata in maniera definitiva la legge Grenelle 2, che conferma e concretizza gli obiettivi già fissati in precedenza per quanto riguarda il meccanismo dei certificati bianchi. Tra le novità in materia vi sono: l obbligo di realizzare una parte degli interventi a beneficio delle abitazioni più sfavorite in situazione di insicurezza energetica; 16

18 installazione di macchinari che premettano di sostituire una fonte di energia non rinnovabile con una rinnovabile per la produzione di calore in un locale ad uso abitativo o dedicato ad attività terziarie; la necessità di inquadrare le azioni di informazione e innovazione del sistema, come ad esempio lo sviluppo di una mobilità sostenibile con veicoli che riescano a ridurre le emissioni di anidride carbonica. Il nuovo obbligo per il secondo periodo di CEE ammontava a 345 TWh cumac distribuiti su 3 anni. L articolo 27 della legge proponeva poi altre modifiche oltre a quelle già elencate: i soggetti che possono partecipare al meccanismo sono stati ridotti a fornitori, autorità locali e regionali, proprietari di immobili dedicati al social housing e l ANAH (Agenzia Nazionale per la casa); l esclusione dei venditori di gasolio al di sotto di un certo livello di vendita; la possibilità per soggetti obbligati e idonei di riunirsi in structures colectives, imprese o associazioni alle quali più soggetti obbligati hanno trasferito le proprie quote di risparmio. Questa soluzione permetteva ai fornitori di liberarsi della loro responsabilità, di evitare sanzioni e guadagnare benefici; questa struttura collettiva diveniva responsabile della gestione degli obblighi e della realizzazione degli interventi; il mantenimento delle modalità di calcolo delle schede standardizzate per tutta la durata del periodo, anche nel caso di evoluzione regolamentare. 17

19 Figura 5. Obbligo del secondo periodo ripartito per fonti di energia nel settore residenziale e terziario. Fonte Ministère du Développement durable Il funzionamento del meccanismo dei Certificats d èconomies d ènergie descritto finora è schematizzato nella figura seguente: Figura 6. Funzionamento del meccanismo. Fonte ATEE 18

20 Considerazioni e confronto col meccanismo italiano Il meccanismo dei certificati bianchi è stato accolto positivamente, in quanto i fornitori di energia hanno beneficiato di un buon ritorno economico per gli interventi di efficientamento effettuati presso i loro clienti: grazie a ciò, tutti i fornitori hanno assolto i loro obblighi di risparmio ed hanno iniziato a tener conto dell'efficienza energetica nel definire la propria politica commerciale. La definizione di azioni standardizzate rappresenta un modo efficace per incoraggiare gli interventi e ridurre i costi amministrativi; a ciò contribuiscono inoltre la libertà concessa ai fornitori di energia (ad esempio, un fornitore di energia elettrica può realizzare un intervento nel settore dei trasporti) e la possibilità di scambiare i certificati. Tra le note negative, c è la scarsa partecipazione al meccanismo dei soggetti non obbligati, e la necessità di semplificarne l applicazione espressa dalla maggior parte dei soggetti interessati. Similmente al meccanismo italiano, la maggior parte dei CEE è stata ottenuta tramite interventi standardizzati, tuttavia nel caso francese vi è una maggiore diversificazione degli interventi (10 schede hanno generato il 67% dei risparmi, mentre in Italia 7 schede ne hanno prodotto il 96%) grazie al maggior numero di schede presenti (195 contro 29). L altra grande differenza risiede nell ambito degli interventi e si spiega con il diverso mix energetico dei due paesi: in Francia prevalgono interventi in ambito termico (quasi il 70%), mentre in Italia i maggiori risparmi sono stati conseguiti nel settore elettrico. Grazie al metodo cumac per rendicontare i risparmi ed alla possibilità di ricevere l incentivo subito ed in un'unica tranche, che hanno dato all investitore maggiore garanzia sulla certezza del ritorno economico, in Francia si è registrato un maggior numero di interventi strutturali, con tempi di ritorno più elevati. A beneficio di ciò concorre anche la maggiore flessibilità dei CEE riguardo il concetto di addizionalità, definito in maniera più rigorosa nel meccanismo italiano. 19

I nuovi incentivi per l efficienza energetica. Enrico Biele, FIRE

I nuovi incentivi per l efficienza energetica. Enrico Biele, FIRE I nuovi incentivi per l efficienza energetica Enrico Biele, FIRE Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica che promuove per statuto l

Dettagli

Risparmio energetico ed efficienza energetica. perché l'energia più economica è quella che non si consuma

Risparmio energetico ed efficienza energetica. perché l'energia più economica è quella che non si consuma Risparmio energetico ed efficienza energetica perché l'energia più economica è quella che non si consuma L importanza dell Efficienza Energetica e del Risparmio Energetico Importazioni energetiche 2012

Dettagli

PUNTO ENERGIA _ Industrie o terziario di grandi dimensioni

PUNTO ENERGIA _ Industrie o terziario di grandi dimensioni PUNTO ENERGIA _ Industrie o terziario di grandi dimensioni Incentivazione del risparmio energetico nell industria tramite i Certificati Bianchi Linea Guida per accedere al contributo PREMESSA La legislazione

Dettagli

I certificati bianchi: aspetti generali e attori coinvolti

I certificati bianchi: aspetti generali e attori coinvolti I certificati bianchi: aspetti generali e attori coinvolti Enrico Biele, FIRE Convegno Efficienza energetica: normative ed opportunità per P.A. ed imprese 27 giugno 2013, Lomazzo (CO) Cos è la FIRE La

Dettagli

I mercati per l ambiente

I mercati per l ambiente I mercati per l ambiente Il piano «20-20-20» A marzo 2007, il Consiglio Europeo si è prefissato di raggiungere entro l anno 2020: a)la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra di almeno il 20%

Dettagli

Industria, occupazione, efficienza energetica: normativa, tecnologie e buone pratiche

Industria, occupazione, efficienza energetica: normativa, tecnologie e buone pratiche Anie Energia Napoli, Energy Med - 28 marzo 2014 Industria, occupazione, efficienza energetica: normativa, tecnologie e buone pratiche I certificati bianchi per l efficienza energetica in ambito industriale

Dettagli

Certificati bianchi: il concetto e le esperienze

Certificati bianchi: il concetto e le esperienze Certificati bianchi: il concetto e le esperienze Enrico Biele, FIRE Klimaenergy 2012 20 settembre 2012, Bolzano Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione

Dettagli

Efficienza energetica e condomini Una visione di insieme. Ing. Emanuele Bulgherini Project Manager EfficiencyKNow srl

Efficienza energetica e condomini Una visione di insieme. Ing. Emanuele Bulgherini Project Manager EfficiencyKNow srl Efficienza energetica e condomini Una visione di insieme Ing. Emanuele Bulgherini Project Manager EfficiencyKNow srl Il quadro normativo sull efficienza energetica e gli strumenti incentivanti o Legge

Dettagli

Energia: Minor costi maggior efficienza I MERCATI ITALIANI DELL ENERGIA

Energia: Minor costi maggior efficienza I MERCATI ITALIANI DELL ENERGIA Energia: Minor costi maggior efficienza I MERCATI ITALIANI DELL ENERGIA Assoutility srl - Assolombarda Arch. Daniela Colalillo Comune di Settala, 08 novembre 2006 Efficienza energetica e mercato liberalizzato:

Dettagli

COSA SONO I TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA

COSA SONO I TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA 1 COSA SONO I TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA Il meccanismo dei TEE è stato introdotto con i Decreti Ministeriali 20 luglio 2004 e recentemente modificato con il Decreto Ministeriale 28 dicembre 2012 che

Dettagli

DM Certificati bianchi 2013-2016

DM Certificati bianchi 2013-2016 DM Certificati bianchi 2013-2016 Certificati bianchi Bilanci e proposte a sette anni dall avvio ENEA 20 dicembre 2012 Div. Efficienza Energetica - DGENRE Dipartimento per l Energia Ministero dello Sviluppo

Dettagli

Risparmio energetico ed efficienza energetica. perché l'energia più economica è quella che non si consuma

Risparmio energetico ed efficienza energetica. perché l'energia più economica è quella che non si consuma Risparmio energetico ed efficienza energetica perché l'energia più economica è quella che non si consuma L importanza dell Efficienza Energetica e del Risparmio Energetico Importazioni energetiche 2012

Dettagli

Schemi di supporto all efficienza energetica nella UE: un confronto

Schemi di supporto all efficienza energetica nella UE: un confronto Energy Saving Policies and Energy Efficiency Obligation Scheme Schemi di supporto all efficienza energetica nella UE: un confronto Similitudini e peculiarità dei meccanismi in DK, FR, IT e UK Dario Di

Dettagli

I PROMOTORI I DESTINATARI OBIETTIVI I SETTORI. Società di servizi energetici accreditate presso l Autorità Energia Elettrica e Gas AEGG

I PROMOTORI I DESTINATARI OBIETTIVI I SETTORI. Società di servizi energetici accreditate presso l Autorità Energia Elettrica e Gas AEGG 3 I PROMOTORI Società di servizi energetici accreditate presso l Autorità Energia Elettrica e Gas AEGG I DESTINATARI - Sistema Produttivo - Pubblica Amministrazione - Cittadini OBIETTIVI Incentivare il

Dettagli

Il Conto Termico per la promozione dell efficienza energetica nei condomini. Ing. Emanuela Peruzzi

Il Conto Termico per la promozione dell efficienza energetica nei condomini. Ing. Emanuela Peruzzi Il Conto Termico per la promozione dell efficienza energetica nei condomini Ing. Emanuela Peruzzi Roma - Smart Energy Expo, 8 luglio 2015 Agenda La Strategia Energetica Nazionale: il ruolo del Conto Termico

Dettagli

EFFICIENZ@ ENERGETICA OGGI E DOMANI. finanziamenti, tecnologie per l efficienza energetica: focus industria

EFFICIENZ@ ENERGETICA OGGI E DOMANI. finanziamenti, tecnologie per l efficienza energetica: focus industria Anie Energia - EnergiaMedia Modena 29 aprile 2014 EFFICIENZ@ ENERGETICA OGGI E DOMANI finanziamenti, tecnologie per l efficienza energetica: focus industria Marco De Min Direzione Mercati Unità Produzione

Dettagli

Enrico Biele, FIRE Buone pratiche per la gestione dei consumi energetici in azienda

Enrico Biele, FIRE Buone pratiche per la gestione dei consumi energetici in azienda e altri incentivi per l efficienza energetica Enrico Biele, FIRE Buone pratiche per la gestione dei consumi energetici in azienda 11/06/14, Camera di Commercio di Como Cos è la FIRE La Federazione Italiana

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE TECNOLOGIE PER L EFFICIENZA ENERGETICA - INCENTIVI

INTRODUZIONE ALLE TECNOLOGIE PER L EFFICIENZA ENERGETICA - INCENTIVI Attuazione del Piano di Efficienza Energetica del Porto di Venezia Linea d azione 3, Task 3.1.d Workshop 2 - Tecnologie per l efficienza energetica INTRODUZIONE ALLE TECNOLOGIE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

AEIT. sez. Trentino Alto Adige Sudtirol. Marco De Min direzione Mercati Elettricità e Gas Autorità per l Energia Elettrica il Gas ed i Sistemi Idrici

AEIT. sez. Trentino Alto Adige Sudtirol. Marco De Min direzione Mercati Elettricità e Gas Autorità per l Energia Elettrica il Gas ed i Sistemi Idrici AEIT sez. Trentino Alto Adige Sudtirol Efficienza energetica e Conto Termico nuovi obiettivi per i certificati bianchi il DCO dell AEEG sul rimborso in tariffa Marco De Min direzione Mercati Elettricità

Dettagli

Risparmiare si può. Energy. Service COmpany. con un Progetto Integrato di Efficientamento Energetico. Imperia, 11 luglio 2014

Risparmiare si può. Energy. Service COmpany. con un Progetto Integrato di Efficientamento Energetico. Imperia, 11 luglio 2014 Risparmiare si può con un Progetto Integrato di Efficientamento Energetico Energy Imperia, 11 luglio 2014 Service COmpany CORE BUSINESS DI AURA ENERGY Nuova mission Nel 2012 Aura Energy, conseguentemente

Dettagli

Maurizio Cenci. Come ACEA supporta le Imprese per una maggiore efficienza energetica. 8 a Conferenza di Responsible Care

Maurizio Cenci. Come ACEA supporta le Imprese per una maggiore efficienza energetica. 8 a Conferenza di Responsible Care 8 a Conferenza di Responsible Care Strumenti finanziari per supportare lo Sviluppo Sostenibile dell Industria. Come ACEA supporta le Imprese per una maggiore efficienza energetica Maurizio Cenci Direttore

Dettagli

IL NUOVO CONTO TERMICO

IL NUOVO CONTO TERMICO IL NUOVO CONTO TERMICO Secondo il Decreto Ministeriale del 28/12/2012 G.U. n 1 del 2 gennaio 2013 Incentivazione della produzione di energia termica da fonti rinnovabili ed interventi di efficienza energetica

Dettagli

Efficienza energetica, online il Piano d'azione 2014 (PAEE). IL TESTO

Efficienza energetica, online il Piano d'azione 2014 (PAEE). IL TESTO casaeclima.com http://www.casaeclima.com/ar_18985 ITALIA-Ultime-notizie-paee-efficienza-energetica-Efficienza-energetica-online-il-Pianodazione-2014-PAEE.-IL-TESTO-.html Efficienza energetica, online il

Dettagli

Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato

Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato Scheda R Azione R.1 Fabbisogni energetici dell edilizia residenziale esistente Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato Obiettivi

Dettagli

Modelli e politiche di valorizzazione energetica degli edifici

Modelli e politiche di valorizzazione energetica degli edifici Modelli e politiche di valorizzazione energetica degli edifici Gianluca Ruggieri Dipartimento di Scienze Teoriche e Applicate DiSTA Uninsubria Brescia, Scuola Edile Bresciana 9 maggio 2013 La dipendenza

Dettagli

Ministero dello sviluppo economico

Ministero dello sviluppo economico Incentivi per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili e per interventi di efficienza energetica di piccole dimensioni Ministero dello sviluppo economico Dipartimento Energia - DGENRE - Div.

Dettagli

CERTIFICATI BIANCHI:

CERTIFICATI BIANCHI: Divisione CERTIFICATI BIANCHI: UNO STRUMENTO PER FINANZIARE L EFFICIENZA ENERGETICA Ing. Alessio Schiavon Edilvi spa Divisione ESCO schiavon@edilvi.it Forum Green Economy 2014 Roma, 4/5 giugno 2014 EDILVI

Dettagli

Efficienza energetica: opportunità per le aziende e il sistema Italia

Efficienza energetica: opportunità per le aziende e il sistema Italia Efficienza energetica: opportunità per le aziende e il sistema Italia Energy Med Napoli, 23/03/2012 Marco Ballicu, Unità affari istituzionali e regolamentari EGL Italia S.p.A. Una società del Gruppo Indice

Dettagli

Prospettive delle politiche di efficienza energetica e opportunità per l Italia

Prospettive delle politiche di efficienza energetica e opportunità per l Italia Seconda Conferenza nazionale sull efficienza energetica, Roma, 19 ottobre, 2010 Prospettive delle politiche di efficienza energetica e opportunità per l Italia Molocchi, resp. Studi Amici della Terra Italia

Dettagli

Incontro con le aziende del settore industriale e terziario

Incontro con le aziende del settore industriale e terziario Comuni di Airuno, Brivio Incontro con le aziende del settore industriale e terziario Brivio, 25 giugno 2015 Sportello Energia Dal mese di maggio 2015 è aperto lo sportello energia : lo Sportello Energia

Dettagli

I certificati bianchi e il risparmio energetico nel settore edilizio

I certificati bianchi e il risparmio energetico nel settore edilizio La sfida energetica: un opportunità per le imprese di costruzioni Convegno ANCE 21 settembre 2010, Roma I certificati bianchi e il risparmio energetico nel settore edilizio Marcella Pavan Responsabile

Dettagli

La politica Europea e Italiana per l Efficienza Energetica

La politica Europea e Italiana per l Efficienza Energetica La politica Europea e Italiana per l Efficienza Energetica Unità Tecnica Efficienza Energetica -UTEE Sommario Direttiva Europea sull Efficienza Energetica Strategia Energetica Nazionale (sett. 2012) 2

Dettagli

Giancarlo Giudici Politecnico di Milano giancarlo.giudici@polimi.it

Giancarlo Giudici Politecnico di Milano giancarlo.giudici@polimi.it Milano 24 novembre 2011 IL PATTO DEI SINDACI: ESPERIENZE E SOLUZIONI PRATICHE PER RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI DI RISPARMIO ENERGETICO E RIDUZIONE DELLE EMISSIONI Giancarlo Giudici Politecnico di Milano giancarlo.giudici@polimi.it

Dettagli

Insieme per crescere

Insieme per crescere Insieme per crescere La gestione dei TEE. Aspetti contrattuali e criticità per ESCO ed Energy Manager Alessandra Mari Rödl & Partner Smart Energy Expo - Verona, 9.10.2014 Rödl & Partner 11.03.2013 1 I

Dettagli

Ministero dello sviluppo economico

Ministero dello sviluppo economico Efficienza Energetica e FER termiche: le politiche. 8 febbraio 2013 Enrico Bonacci Obiettivi SEN al 2020: Fonti Rinnovabili Obiettivo sviluppo rinnovabili al 2020 Incidenza energia rinnovabile su consumi

Dettagli

C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO

C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Allegato C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Il decreto legislativo approvato il 7 febbraio 2007 in via definitiva dal Consiglio dei ministri in attuazione della

Dettagli

Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese

Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese Gianluca Riu, Direttore Impianti Energia Gruppo Egea Energie a servizio del territorio 22-24 maggio 2015 mercoledì

Dettagli

FINANZIARIA 2007. Energia. www.governo.it

FINANZIARIA 2007. Energia. www.governo.it FINANZIARIA 2007 Energia www.governo.it 1 Risparmio energetico per la bolletta e per l ambiente Agevolazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici Fondo per l incentivazione di edifici

Dettagli

ESCo Energy Service Company

ESCo Energy Service Company ESCo Energy Service Company Chi sono le ESCo. Le ESCo. (Energy Service Company) sono Società di Servizi Energetici (SSE) che realizzano progetti di ristrutturazione energetica finalizzati a ridurre al

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA

EFFICIENZA ENERGETICA EFFICIENZA ENERGETICA Profilo aziendale Nata nel 1986 come azienda artigiana per lo sviluppo di impianti tecnologici industriali, NUOVA ELETTRICA garantisce affidabilità e professionalità, unitamente all

Dettagli

Tabella 1 Costi unitari medi per l attestazione energetica degli edifici.

Tabella 1 Costi unitari medi per l attestazione energetica degli edifici. Relazione tecnica Schema di decreto-legge per il recepimento della Direttiva 2010/31/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19 maggio 2010, sulla prestazione energetica nell'edilizia, per la definizione

Dettagli

Microcogenerazione La sostenibilità economica dell efficienza energetica

Microcogenerazione La sostenibilità economica dell efficienza energetica Microcogenerazione La sostenibilità economica dell efficienza energetica Rimini li 12 Dicembre 2014 Perché parlare di efficienza energetica? L'efficienza energetica è la capacità di sfruttare in modo razionale

Dettagli

Certificati Bianchi: normative e benefici economici. Simone Mura Customer Relations simone.mura@tholosgreen.com

Certificati Bianchi: normative e benefici economici. Simone Mura Customer Relations simone.mura@tholosgreen.com Certificati Bianchi: normative e benefici economici Simone Mura Customer Relations simone.mura@tholosgreen.com Risparmio energetico Paesi Ocse-11 Il grafico mostra il risparmio energetico generato da interventi

Dettagli

Il protocollo di Kyoto

Il protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Il protocollo di Kyoto E' il primo tentativo globale di coordinamento delle politiche economiche di singoli stati sovrani. Il protocollo di Kyoto è lo storico accordo internazionale

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Da Energy Manager a Esperto in Gestione dell Energia

Da Energy Manager a Esperto in Gestione dell Energia Argomenti trattati Evoluzione delle figura professionale: da EM a EGE L Esperto in Gestione dell Energia Requisiti, compiti e competenze secondo UNI CEI 11339 Opportunità Schema di certificazione L Energy

Dettagli

Certificati Bianchi Titoli di Efficienza Energetica

Certificati Bianchi Titoli di Efficienza Energetica Certificati Bianchi Titoli di Efficienza Energetica Dott.ssa Valeria Paoletti I certificati bianchi sono stati istituiti per raggiungere gli OBIETTIVI NAZIONALI di risparmio energetico, finalizzati all

Dettagli

La questione del miglioramento dell efficienza energetica negli. usi finali in Italia: le aziende scoprono le ESCo * * *

La questione del miglioramento dell efficienza energetica negli. usi finali in Italia: le aziende scoprono le ESCo * * * La questione del miglioramento dell efficienza energetica negli usi finali in Italia: le aziende scoprono le ESCo * * * Il presente breve contributo intende dare conto di un interessante fenomeno economico/industriale,

Dettagli

Incentivi fiscali ed efficienza energetica: dalle politiche comunitarie alla regolazione regionale. di Gabriella De Maio

Incentivi fiscali ed efficienza energetica: dalle politiche comunitarie alla regolazione regionale. di Gabriella De Maio Incentivi fiscali ed efficienza energetica: dalle politiche comunitarie alla regolazione regionale di Gabriella De Maio La strategia energetica europea L UE considera l energia come un fattore essenziale

Dettagli

Guida alla Certificazione Energetica degli edifici

Guida alla Certificazione Energetica degli edifici Guida alla Certificazione Energetica degli edifici Il consumo energetico degli edifici Gli edifici, nella loro costruzione e utilizzo, rappresentano oltre il 40% del consumo finale di energia della Comunità

Dettagli

L efficienza un driver strategico per il settore dell energia

L efficienza un driver strategico per il settore dell energia L efficienza un driver strategico per il settore dell energia Arturo Lorenzoni Università degli Studi di Padova Milano, 11 luglio 2013 DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE Il potenziale di risparmio

Dettagli

Progettare un mondo migliore

Progettare un mondo migliore La Energy Service Company soci del sole srl è una società di servizi energetici operante su tutto il territorio nazionale. Grazie alla collaborazione di ingegneri esperti nel settore, la E.S.Co. soci del

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Sintesi del decreto legislativo sulla promozione della cogenerazione ad alto rendimento PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Il decreto

Dettagli

Introdotto dai DD.MM. 20 luglio 2004 e ss. mm. (gas e energia elettrica) Ha come obbiettivo il risparmio energetico presso gli usi finali dell energia

Introdotto dai DD.MM. 20 luglio 2004 e ss. mm. (gas e energia elettrica) Ha come obbiettivo il risparmio energetico presso gli usi finali dell energia Introdotto dai DD.MM. 20 luglio 2004 e ss. mm. (gas e energia elettrica) Ha come obbiettivo il risparmio energetico presso gli usi finali dell energia I soggetti obbligati al raggiungimento degli obbiettivi

Dettagli

Efficienza energetica nell industria: opportunità e strumenti

Efficienza energetica nell industria: opportunità e strumenti energetica nell industria: opportunità e strumenti Enrico Biele, FIRE Convegno: efficienza energetica, un giacimento da esplorare 23 ottobre 2013, Ferrara Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso

Dettagli

Workshop Industria. Le iniziative per diffondere l efficienza energetica nell industria. Donata Susca Enel Distribuzione SpA

Workshop Industria. Le iniziative per diffondere l efficienza energetica nell industria. Donata Susca Enel Distribuzione SpA Workshop Industria Le iniziative per diffondere l efficienza energetica nell industria Donata Susca Enel Distribuzione SpA Agenda Titoli di efficienza energetica: contesto normativo Indagine Fire-Enel

Dettagli

Misure e incentivi per l efficienza energetica

Misure e incentivi per l efficienza energetica Misure e incentivi per l efficienza energetica Docente incaricato in Economia e Gestione delle Imprese Dipartimento B.E.S.T. - Politecnico di Milano Indice 1. Finanziaria 2007. Agevolazioni per il risparmio

Dettagli

Indagine conoscitiva sulla Strategia Energetica Nazionale Audizione Gestore dei Servizi Energetici

Indagine conoscitiva sulla Strategia Energetica Nazionale Audizione Gestore dei Servizi Energetici Indagine conoscitiva sulla Strategia Energetica Nazionale Audizione Gestore dei Servizi Energetici Nando Pasquali Presidente e Amministratore Delegato Commissione Attività Produttive della Camera Roma,

Dettagli

CRESCERE. Titoli di Efficienza Energetica ed altri incentivi CON EFFICIENZA. Massimo Filippi Matteo Manica

CRESCERE. Titoli di Efficienza Energetica ed altri incentivi CON EFFICIENZA. Massimo Filippi Matteo Manica CRESCERE CON EFFICIENZA Titoli di Efficienza Energetica ed altri incentivi Massimo Filippi Matteo Manica DM 21 dicembre 2015 Contributi alle PMI per diagnosi energetiche e certificazione ISO 50001 Finalità

Dettagli

Venerdì, 27 febbraio 2015 INCENTIVAZIONI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA. prof. ing. Maurizio Fauri

Venerdì, 27 febbraio 2015 INCENTIVAZIONI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA. prof. ing. Maurizio Fauri Venerdì, 27 febbraio 2015 INCENTIVAZIONI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA D. Lgs. n.102 del 4 luglio 2014 Il 19 luglio 2014 è entrato in vigore il Decreto Legislativo n.102 del 4 luglio 2014 di "Attuazione

Dettagli

Energia, ambiente ed efficienza

Energia, ambiente ed efficienza Energia, ambiente ed efficienza Collegio Gregorianum, Padova 21 maggio 2008 Arturo Lorenzoni Introduzione Il settore energetico ha un incidenza di primaria importanza sull economia nazionale. È il primo

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA LA MIGLIORE OPPORTUNITA D INVESTIMENTO IN AZIENDA

EFFICIENZA ENERGETICA LA MIGLIORE OPPORTUNITA D INVESTIMENTO IN AZIENDA BIOENERGY ITALY - 05 MARZO 2014 - CREMONA EFFICIENZA ENERGETICA LA MIGLIORE OPPORTUNITA D INVESTIMENTO IN AZIENDA Fiorenzo Rainone Romano CHI SIAMO Elettrogreen Power Fondata a Genova nel 2006; qualificata

Dettagli

5 PARTE I - 7 1.1 I 7 1.2 I 8 1.3 10 PARTE II - 14 PARTE III

5 PARTE I - 7 1.1 I 7 1.2 I 8 1.3 10 PARTE II - 14 PARTE III Il meccanismo dei Titoli di Efficienza Energetica (certificati bianchi) dal 1 giugno al 31 dicembre 2009 Primo Rapporto Statistico Intermedio relativo all anno d obbligo 2009, predisposto ai sensi dell

Dettagli

Risparmio ed efficienza per l Università

Risparmio ed efficienza per l Università Risparmio ed efficienza per l Università Arturo Lorenzoni Università degli Studi di Padova Università degli Studi di Torino 4 giugno 2014 DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE L intervento in sintesi

Dettagli

CENNI ALLA NORMATIVA DI RIFERIMENTO

CENNI ALLA NORMATIVA DI RIFERIMENTO CENNI ALLA NORMATIVA DI RIFERIMENTO Introduzione CENNI ALLA NORMATIVA DI RIFERIMENTO Direttiva 2012/07/UE EFFICIENZA ENERGETICA D. Lgs 115/2008 EFFICIENZA USI FINALI ENERGIA E SSE D. Lgs 192/2005 RENDIMENTO

Dettagli

QUINTA CONFERENZA NAZIONALE SULLE FONTI RINNOVABILI TERMICHE

QUINTA CONFERENZA NAZIONALE SULLE FONTI RINNOVABILI TERMICHE QUINTA CONFERENZA NAZIONALE SULLE FONTI RINNOVABILI TERMICHE Roma, 27 e 28 Novembre 2013 IL RUOLO DELLE POMPE DI CALORE Fernando Pettorossi Associazione Co.Aer GLI USI EFFICIENTI DEL VETTORE ELETTRICO

Dettagli

RIQUALIFICAZIONI ENERGETICHE:

RIQUALIFICAZIONI ENERGETICHE: RIQUALIFICAZIONI ENERGETICHE: GLI INCENTIVI PER LE COOPERATIVE DI ABITANTI Sara Zoni, Finabita Legacoop Abitanti RIMINI, 6 NOVEMBRE 2015 I PRINCIPALI SCHEMI DI FINANZIAMENTO E DI INCENTIVO Le principali

Dettagli

TEE tra esperienza e governance Stefano Besseghini Presidente e AD RSE Spa Gruppo GSE

TEE tra esperienza e governance Stefano Besseghini Presidente e AD RSE Spa Gruppo GSE 01 Ottobre 2015 TEE tra esperienza e governance Stefano Besseghini Presidente e AD RSE Spa Gruppo GSE Il gruppo GSE I CERTIFICATI BIANCHI Lo stato dell arte Certificati Bianchi I Titoli di Efficienza

Dettagli

Conto Energia Termico 2012

Conto Energia Termico 2012 Studio Bernardi di Andrea Per.Ind. Bernardi Progettazione impianti tecnologici, antincendio e consulenze energetiche Conto Energia Termico 2012 Versione 1 21/11/2012 Via Roma, 223/B 30038 Spinea (VE) -

Dettagli

Rinnovabili termiche: possibili strumenti di incentivazione per il settore privato e la P.A.

Rinnovabili termiche: possibili strumenti di incentivazione per il settore privato e la P.A. Rinnovabili termiche: possibili strumenti di incentivazione per il settore privato e la P.A. Sebastiano Serra Ministero dell Ambiente Capo Segreteria Tecnica Pompe di calore ad assorbimento a metano ed

Dettagli

Università di Pavia gruppo di ricerca in Energetica Elettrica

Università di Pavia gruppo di ricerca in Energetica Elettrica Università di Pavia gruppo di ricerca in Energetica Elettrica Pavia, 18 dicembre 2014 Efficienza Energetica e Certificati Bianchi per interventi nell ambito del servizio aria compressa Inquadramento generale

Dettagli

Incentivi e strumenti di finanziamento Quadro riassuntivo delle principali iniziative europee, nazionali e regionali

Incentivi e strumenti di finanziamento Quadro riassuntivo delle principali iniziative europee, nazionali e regionali ALLEGATO INCENTIVI E STRUMENTI DI FINANZIAMENTO Incentivi e strumenti di finanziamento Quadro riassuntivo delle principali iniziative europee, nazionali e regionali Programmi UE: ELENA (European Local

Dettagli

Efficienza energetica: ruolo e funzioni dell ENEA, la nuova Agenzia nazionale

Efficienza energetica: ruolo e funzioni dell ENEA, la nuova Agenzia nazionale L Agenzia nazionale per l efficienza energetica IlD.Lgs.30maggio2008,n.115,attuandoa livello nazionale la direttiva comunitaria 2006/32, ha istituito l Agenzia nazionale per l efficienza energetica affidandone

Dettagli

Potenza efficiente Produzione lorda di lorda energia elettrica. Figura 1: situazione degli impianti di cogenerazione nel 2005 (fonti GSE e Terna).

Potenza efficiente Produzione lorda di lorda energia elettrica. Figura 1: situazione degli impianti di cogenerazione nel 2005 (fonti GSE e Terna). Scheda D Analisi e valutazioni relative al decreto legislativo 8 febbraio 2007, n. 20 di attuazione della Direttiva 2004/8/CE del Parlamento europeo e del Consiglio e altre norme in materia di cogenerazione

Dettagli

I Titoli di Efficienza Energetica (TEE) )per le imprese agricole

I Titoli di Efficienza Energetica (TEE) )per le imprese agricole I Titoli di Efficienza Energetica (TEE) )per le imprese agricole Domenico Santino ENEA, Unità Tecnica per l Efficienza Energetica L EFFICIENZA ENERGETICA, LE RINNOVABILI AGRICOLTURA Rimini 4 novembre 2010

Dettagli

LA SITUAZIONE IMPIANTISTICA IN ITALIA Introduzione

LA SITUAZIONE IMPIANTISTICA IN ITALIA Introduzione LA SITUAZIONE IMPIANTISTICA IN ITALIA Introduzione INTRODUZIONE SITUAZIONE PARCO IMMOBILIARE IN ITALIA Edifici residenziali STATISTICHE 2013 11,7 milioni di EDIFICI RESIDENZIALI 29 milioni di ABITAZIONI

Dettagli

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2 La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui energetici ed emissioni di CO 2 Rapporto di Sostenibilità 2011 I benefici di BIOCASA su energetici e emissioni di CO 2 Il Progetto BIOCASA è la risposta di

Dettagli

IL CONI PER L AMBIENTE

IL CONI PER L AMBIENTE 6 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE L IMPATTO AMBIENTALE DEL CONI 116 CONI BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2013 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE Il CONI pone una particolare attenzione

Dettagli

Certificati bianchi: le nuove proposte dell Autorità per potenziare l efficacia del meccanismo

Certificati bianchi: le nuove proposte dell Autorità per potenziare l efficacia del meccanismo Fonti rinnovabili ed efficienza energetica: le prospettive per le Aziende dei servizi pubblici locali Convegno Federutility 10 dicembre 2010, Roma Certificati bianchi: le nuove proposte dell Autorità per

Dettagli

L obiettivo di risparmio energetico per l Italia al 2020

L obiettivo di risparmio energetico per l Italia al 2020 L obiettivo di risparmio energetico per l Italia al 2020 Il vigente Piano d Azione italiano per l Efficienza Energetica ( 2007- PAEE),in recepimento della Direttiva 2006/32/CE, prevede un obiettivo di

Dettagli

CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO. Museo del Patrimonio Industriale 7 marzo 2014 - BOLOGNA

CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO. Museo del Patrimonio Industriale 7 marzo 2014 - BOLOGNA CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO Museo del Patrimonio Industriale 7 marzo 2014 - BOLOGNA Ottenere e valorizzare i Certificati Bianchi per i propri progetti di Efficienza Energetica

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Energetica: obiettivi, norme e gas climalteranti. Prof. Ing. GIORGIO RAFFELLINI

Università degli Studi di Firenze. Energetica: obiettivi, norme e gas climalteranti. Prof. Ing. GIORGIO RAFFELLINI Università degli Studi di Firenze Facoltà di Architettura Dipartimento di Tecnologia e Design Pierluigi Spadolini Energetica: obiettivi, norme e gas climalteranti. Prof. Ing. GIORGIO RAFFELLINI Programma

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Linee di sviluppo governative in tema di efficienza energetica Marcello Capra Dipartimento per l Energia EFFICIENZA ENERGETICA, POLITICHE TERRITORIALI E TELERISCALDAMENTO EGEA - Alba, 18 novembre 2011

Dettagli

Diagnosi Energetica: da obbligo normativo ad opportunità

Diagnosi Energetica: da obbligo normativo ad opportunità Energetica: da obbligo normativo ad opportunità Risparmi OBBLIGO NORMATIVO Il Decreto Legislativo 102/2014 obbliga le Grandi Imprese e le Imprese Energivore a svolgere una Energetica a norma entro il 5

Dettagli

ELETTROGREEN POWER S.r.l.

ELETTROGREEN POWER S.r.l. PRESENTAZIONE ATTIVITA Latina, 18 settembre 2012 PRESENTAZIONE ATTIVITA Elettrogreen Power fondata a Genova nel 2006; qualificata come E.S.Co. dal 2006; costituita da un team di ingegneri e dottori in

Dettagli

Così, insieme, la nostra energia vale di più

Così, insieme, la nostra energia vale di più 1 Protocollo d intesa del16 febbraio 2010 L impegno del Consorzio JPE sull uso razionale e consapevole dell energia nell edilizia PER IL RILANCIO PRODUTTIVO ED OCCUPAZIONALE DELLE PMI PIEMONTESI ATTRAVERSO

Dettagli

TRASMETTIAMO ENERGIA: P r o g e t t o d i m o d e l l i z z a z i o n e n. 1 0 7 5 / 1 / 3 / 4 4 8 / 2 0 1 4

TRASMETTIAMO ENERGIA: P r o g e t t o d i m o d e l l i z z a z i o n e n. 1 0 7 5 / 1 / 3 / 4 4 8 / 2 0 1 4 FARE RETE PER COMPETERE SPERIMENTARE L INNOVAZIONE PER LA CRESCITA INTELLIGENTE, SOSTENIBILE E INCLUSIVA DEI SISTEMI PRODUTTIVI VENETI FONDO SOCIALE EUROPEO IN SINERGIA CON IL FONDO EUROPEO DI SVILUPPO

Dettagli

DIRETTIVA 2009/28/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/28/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO DIRETTIVA 2009/28/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO Sulla promozione dell uso dell energia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/CE e 2003/30/CE

Dettagli

Serramenti a risparmio energetico: prospettive future

Serramenti a risparmio energetico: prospettive future Serramenti a risparmio energetico: prospettive future Quanto inquiniamo? U.S.A. ogni persona produce 22 tonnellate di CO2 all anno. anno. EUROPA ogni persona produce 8 tonnellate di CO2 all anno. anno.

Dettagli

I CERTIFICATI BIANCHI PER LA PROMOZIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN ITALIA

I CERTIFICATI BIANCHI PER LA PROMOZIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN ITALIA I CERTIFICATI BIANCHI PER LA PROMOZIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN ITALIA Roberto Malaman Direttore Generale Autorità per l'energia elettrica e il gas 1 Principali innovazioni negli strumenti di policy

Dettagli

Il decreto legislativo 102/2014 sull efficienza energetica: scenari ed opportunità

Il decreto legislativo 102/2014 sull efficienza energetica: scenari ed opportunità Il decreto legislativo 102/2014 sull efficienza energetica: scenari ed opportunità Fare impresa con l efficienza energetica: il decreto legislativo 102/2014. Smart Energy Expo Verona -8 ottobre 2014 Mauro

Dettagli

Il Piano Energetico Ambientale Regionale: Strategie regionali per il

Il Piano Energetico Ambientale Regionale: Strategie regionali per il Il Piano Energetico Ambientale Regionale: Strategie regionali per il raggiungimento degli obiettivi 2020 Relatore: Katiuscia Grassi PO Analisi e programmazione ambientale ed energetica Servizio Infrastrutture,

Dettagli

ordine degli ingegneri della provincia di bari

ordine degli ingegneri della provincia di bari ORDINE INGEGNERI BARI CORSO TECNICO FORMATIVO EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA : EVOLUZIONE DELLA LEGISLAZIONE E NORMATIVA ENERGETICA PER LA PROGETTAZIONE E LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA

Dettagli

L efficienza energetica negli edifici

L efficienza energetica negli edifici L efficienza energetica negli edifici Il nuovo conto termico (G.U. 02/03/2016): opportunità e obblighi per l efficientamento del patrimonio edilizio della P.A. Giovanni Puglisi Sala Merini, Spazio Oberdan

Dettagli

I TEE come strumento di promozione dell efficienza energetica

I TEE come strumento di promozione dell efficienza energetica I TEE come strumento di promozione dell efficienza energetica 10 anni di esperienze DAVIDE MARIANI CHI E ASSOEGE? (..E CHI SONO GLI EGE) Associazione degli Esperti Gestione Energia certificati ai sensi

Dettagli

Il costo opportunità della produzione di energie dalle biomasse Esperienze a confronto di aziende del comparto FORLENER BIELLA 25 Settembre 2009

Il costo opportunità della produzione di energie dalle biomasse Esperienze a confronto di aziende del comparto FORLENER BIELLA 25 Settembre 2009 Il costo opportunità della produzione di energie dalle biomasse Esperienze a confronto di aziende del comparto FORLENER BIELLA 25 Settembre 2009 Strumenti legislativi di promozione delle agro energie Giuseppe

Dettagli

Normativa di riferimento

Normativa di riferimento Normativa di riferimento La normativa in materia di energie alternative da fonti rinnovabili è presente a diverse scale territoriali: da indirizzi a livello globale ed europeo sino ad una trattazione a

Dettagli

Da Energy Manager a Esperto in Gestione dell Energia

Da Energy Manager a Esperto in Gestione dell Energia Argomenti trattati Evoluzione delle figura professionale: da EM a EGE L Esperto in Gestione dell Energia Requisiti, compiti e competenze secondo UNI CEI 11339 Opportunità Schema di certificazione L Energy

Dettagli

Villa Contarini, Piazzola sul Brenta 21 giugno 2013. Laura Bano, Galileia srl. Slide 1

Villa Contarini, Piazzola sul Brenta 21 giugno 2013. Laura Bano, Galileia srl. Slide 1 Normativa, vincoli e strategie per l efficienza energetica: la diagnosi energetica/audit energetico, strumento strategico per conseguire il potenziale di efficienza energetica Villa Contarini, Piazzola

Dettagli

28 QM 7 C. 1) La Life CycleCost Analysis(LCCA):

28 QM 7 C. 1) La Life CycleCost Analysis(LCCA): 28 QM 7 C 1) La Life CycleCost Analysis(LCCA): E uno strumento economico che permette di valutare tutti i costi relativi ad un determinato progetto, dalla culla alla tomba E una metodologia di analisi

Dettagli