UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA FACOLTÀ DI INGEGNERIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA FACOLTÀ DI INGEGNERIA"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ENERGETICA TESI DI LAUREA MAGISTRALE ANALISI DELLA CONVENIENZA ECONOMICA DEI PRINCIPALI INTERVENTI DI EFFICIENTAMENTO ENERGETICO IN COLLEGAMENTO CON LE SCHEDE STANDARD DELLO SCHEMA DEI CERTIFICATI BIANCHI RELATORE: ING. VITO INTRONA CANDIDATO: DE CHICCHIS LIVIO CORRELATORE: ING. DARIO DI SANTO ANNO ACCADEMICO

2 Sommario Introduzione... 3 Capitolo Stato dell arte Gran Bretagna Belgio- Regione delle Fiandre Francia Il primo periodo dello schema ( ) Il secondo periodo ( ) Considerazioni e confronto col meccanismo italiano L attuazione del terzo periodo ( ) Le schede standardizzate Capitolo Lo schema dei certificati bianchi Introduzione I meccanismi di incentivazione in Italia Il meccanismo dei certificati bianchi Metodologie di valutazione dei risparmi Le schede semplificate Il metodo a consuntivo Confronto tra metodologie Calcolo dei risparmi e valore dell incentivo Coefficiente di durabilità Dimensione minima e cumulabilità dei progetti Tipi di titoli Certificati bianchi II-CAR (Cogenerazione ad alto rendimento) Capitolo Settore industriale Motori elettrici Rifasamento motori elettrici

3 3.3 Inverter Gruppi di continuità UPS Confronto tra le tecnologie Capitolo Settore civile Caldaie ad alta efficienza Pompe di calore ad alta efficienza Doppi vetri Isolamento pareti e coperture Solare termico Fotovoltaico Confronto tra tecnologie Capitolo Altri settori coinvolti nel meccanismo Illuminazione pubblica Regolatori di flusso luminoso Illuminazione stradale ad alta efficienza TEE e impatto sul mercato: il caso delle CFL Evoluzione delle lampade Lampade fluorescenti compatte CFL Agricoltura Isolamento termico delle serre agricole Riscaldamento a biomassa delle serre agricole Risultati ottenuti e confronto Trasporti Capitolo Analisi dei risultati e commenti Stato delle tecnologie analizzate Confronto con i dati calcolati Conclusioni Bibliografia

4 Introduzione La sfida energetico-climatica in atto in questi ultimi anni sta obbligando tutti i paesi ad attuare misure che possano garantire un approvvigionamento energetico sicuro e sostenibile ed una drastica riduzione dell emissione di gas climalteranti. È infatti oramai assodato che un aumento della temperatura globale del pianeta oltre i due gradi centigradi avrebbe conseguenze rilevanti; a ciò vanno poi aggiunte ragioni geopolitiche, che spingono le diverse entità a raggiungere l indipendenza energetica, nella direzione delle rinnovabili e dell efficienza energetica. Per queste ragioni l Unione Europea si è mossa con numerosi interventi, sia in ambito internazionale (Protocollo di Kyoto) che internamente all Unione (Strategia ). Quest ultima in particolare è attuata tramite le direttive del pacchetto Clima-Ambiente, che prevede la riduzione delle emissioni di anidride carbonica, l aumento dell energia ricavata da fonti rinnovabili e la riduzione dei consumi di energia primaria del 20% entro il I Certificati Bianchi, o Titoli di Efficienza Energetica (TEE), rappresentano il principale meccanismo di incentivazione degli interventi di efficientamento energetico nel nostro Paese. Ha lo scopo di promuovere una sensibile riduzione del consumo di fonti primarie di energia mediante l incremento dell efficienza dei dispositivi di conversione energetica presso gli utenti finali. Il meccanismo ha finora fornito un contributo rilevante sotto questo punto di vista, e si pone come strumento prezioso nella Strategia Energetica Nazionale (SEN) adottata dal Ministero dello Sviluppo Economico nel Marzo Ma oltre che in Italia, questo meccanismo è in vigore anche in altri paesi dell Unione Europea quali Francia, Gran Bretagna e Regione delle Fiandre. Pertanto il primo capitolo del lavoro presenta una panoramica sul funzionamento del meccanismo negli altri stati europei dove è in vigore, allo scopo di contestualizzare il problema; particolarmente aggiornato e attuale è il caso francese dove sono descritte le novità entrate in vigore dal 1 Gennaio 2015 (tratte dal Ministère de l Ecologie, du Développement durable et de l Energie). Il secondo capitolo illustra in maniera approfondita il meccanismo dei TEE così come è in vigore in Italia, concentrandosi poi in maniera particolare sulla metodologia di valutazione dei risparmi standardizzata. 3

5 Il core della tesi verte sull analisi della capacità dello schema dei certificati bianchi di supportare la diffusione delle principali tecnologie, attraverso un confronto fra il valore dell incentivo riconosciuto e il costo della tecnologia corrispondente. Tale analisi è stata condotta per gli interventi relativi al metodo di valutazione standardizzato, che ha avuto particolare successo grazie alla semplicità di applicazione delle schede standard, le quali non richiedono né misure dirette dei flussi energetici, come per le schede analitiche, né un insieme di misure, algoritmi e proposte di calcolo, come per il metodo a consuntivo. La divisione dei capitoli è stata impostata in base ai vari settori di intervento: industriale (capitolo 3), civile (capitolo 4), illuminazione, agricoltura e trasporti (capitolo 5). La parte riguardante l illuminazione descrive gli interventi inerenti la pubblica illuminazione, per i quali sono in vigore schede standard, per poi approfondire la tecnologia delle CFL (lampade fluorescenti a basso consumo) che per anni è stata la più redditizia nel meccanismo dei certificati bianchi, prima che l apposita scheda venisse revocata. Per ogni tecnologia vengono riportate una descrizione tecnica e i benefici dal punto di vista energetico, prima di concentrarsi sull analisi svolta riguardo l impatto dei TEE. Infine l ultimo capitolo presenta lo stato delle tecnologie analizzate, in termini di titoli emessi per le schede relative a ciascuna di esse dall avvio del meccanismo ad oggi, al termine del quale si è cercato, per quanto possibile, di operare un confronto tra questi dati rilevati e quelli calcolati nell analisi precedente sull impatto dei TEE sul CAPEX. Nota metodologica e obiettivi del documento La tesi è stata svolta in collaborazione con la FIRE (Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia) mediante uno stage effettuato presso gli uffici all interno del Centro Ricerche Casaccia. Grazie alla collaborazione della Federazione è stato possibile svolgere un analisi di mercato presso aziende associate ed associazioni di categoria al fine di avere un idea chiara sui reali costi d intervento delle tecnologie di efficientamento energetico: in questo frangente hanno collaborato, con l invio di informazioni sui propri prodotti, tra gli altri ABB per la parte di automazione (motori elettrici e inverter), Atlas Copco per i sistemi di compressione, Clivet per 4

6 le pompe di calore, Enel Sole per l illuminazione pubblica. In questo modo si è riusciti ad avere informazioni su (quasi) tutte le tecnologie presenti nelle schede standard, e ognuna si basa su più fonti. Oltre ai dati economici, alcuni hanno fornito dei case study di interventi da loro realizzati. Una nota importante va fatta sui costi. Nella maggior parte delle analisi vengono presi in considerazioni i costi delle tecnologie, che rappresentano la gran parte del totale; tuttavia, per essere precisi, in alcuni casi andrebbero considerati anche i costi di installazione, che sono però difficilmente determinabili essendo dipendenti da una serie di fattori altamente variabili. Per questo motivo le percentuali di incidenza dei TEE sul CAPEX calcolati in questo lavoro possono risultare leggermente maggiorati rispetto ai valori effettivi. Per i progetti standardizzati il risparmio conseguibile a seguito dell intervento è direttamente deducibile dalle schede standardizzate ed è funzione per lo più di parametri tecnici e termodinamici. Sia per i costi d intervento che per i risparmi sono stati dedotti dei valori massimi e minimi, ed elaborando i dati tramite foglio Excel è stato definito per ogni tecnologia un range di incidenza dell incentivo sull investimento iniziale, indicatore della convenienza di richiedere TEE per quel determinato intervento. Alcune tecnologie presentano un elevata variabilità di quest intervallo dovuta per lo più alla grande incertezza dei risparmi: per avere un idea più chiara sono stati analizzati degli «interventi tipo» con valori reali, funzione di determinate grandezze tecniche. Per le analisi sui titoli emessi per le varie schede e sulla tecnologia delle CFL si è invece fatto riferimento ai dati pubblicati dal Gestore dei Servizi Energetici (GSE) 1 e dall Autorità per l Energia Elettrica, il Gas ed il Sistema Idrico (AEEGSI) 2. L obiettivo del lavoro è quindi quello di stabilire quanto il meccanismo risulti premiante rispetto ad un intervento, ma un importante premessa va fatta sin da questa fase 3 : i certificati bianchi non sono stati pensati per coprire quote rilevanti del costo d investimento, che 1 GSE, Rapporto annuale sul meccanismo dei Certificati Bianchi, Gennaio-Dicembre 2013; 2 AEEGSI, Stato e prospettive del meccanismo di Titoli di Efficienza Energetica, 2014; 3 Di Santo, Biele, Considerazioni sull applicazione del metodo di valutazione standardizzato, 2010; 5

7 dovrebbe essere ripagato dai risparmi conseguiti, ma per fungere da stimolo all implementazione dell intervento. In questo lavoro dunque non si intende valutare la bontà o meno di una tecnologia di efficientamento, che sarebbe altresì difficoltoso stabilire in maniera assoluta, ma la capacità da parte del meccanismo di incentivazione di supportare la diffusione di tale tecnologia. 6

8 Capitolo 1 Stato dell arte La politica energetica europea dovrà affrontare un gran numero di sfide nei prossimi decenni, essendo l energia un fattore chiave dell economia e delle attività umane. Per la competitività delle imprese ed il benessere dei cittadini è necessario mantenere i costi dell energia a livelli accettabili. L Europa ha tra l altro una dipendenza elevata e crescente dalle importazioni di energia, in particolare petrolio e gas naturale; allo stesso tempo si pone come leader a livello mondiale per affrontare la minaccia del cambiamento climatico, adottando obiettivi impegnativi per l abbattimento delle emissioni di anidride carbonica. Nonostante la priorità data a ciascuna di queste sfide vari da Paese a Paese, il miglioramento dell efficienza energetica può contribuire a rispondere a tutti questi obiettivi ridurre i costi energetici per le imprese e le famiglie limitando la dipendenza dalle importazioni di energia e riducendo le emissioni di anidride carbonica. L efficienza energetica gioca un ruolo sempre più significativo nella politica energetica sia a livello di UE che di singoli stati membri. Il meccanismo dei certificati bianchi è stato introdotto in Gran Bretagna nel 2002, in Italia nel 2005 ed in Francia nel Questo obbliga le imprese del settore energetico a realizzare un prefissato quantitativo di risparmi, incoraggiando i loro clienti ad adottare tecnologie efficienti. Il fondamento logico del meccanismo, ispirato dal programma Demand-Side Management, implementato negli anni 80 negli Stati Uniti, è di trarre vantaggio dai rapporti commerciali tra le imprese e i loro clienti al fine di raggiungere livelli stabili di risparmio energetico, in particolare nel settore civile e dei trasporti. Tuttavia, a differenza del programma DSM, imposto ai monopoli di energia elettrica, l avvento dei certificati bianchi si è verificato nel 7

9 contesto del mercato liberalizzato. Almeno in teoria, i mercati energetici in Gran Bretagna, Francia e Italia sono stati disaggregati e liberalizzati in base alle regole dettate dalle direttive Europee. Il contesto delle organizzazioni industriali è particolarmente importante in quanto gli obblighi di risparmio energetico vanno in conflitto con l obiettivo di un impresa energetica, che è quello di vendere più energia possibile; per ovviare a ciò, questi obblighi sono stati integrati con meccanismi più flessibili, come ad esempio la possibilità di un commercio dei risparmi. Questi meccanismi, sempre più diffusi nelle politiche ambientali dei vari Paesi, sono stati previsti al fine di minimizzare i costi da sostenere per il raggiungimento degli obiettivi. Inoltre, gli obblighi danno la possibilità alle imprese di trasformare il proprio modello di business in un più ampio energy service, che può rappresentare un prezioso mezzo di differenziazione commerciale nel sempre più competitivo mercato energetico. I certificati bianchi sono stati delineati dai modelli microeconomici come un meccanismo ibrido di sovvenzione fiscale, per cui le compagnie energetiche sono vincolate a sovvenzionare beni durevoli ad alta efficienza energetica, recuperando i costi tramite la diminuzione dei prezzi dell energia. Lo schema dei certificati bianchi non è facilmente generalizzabile tra i paesi della UE, a causa sia delle linee politiche di azione dei vari Stati, i quali possono privilegiare determinate caratteristiche rispetto ad altre, sia per la grande flessibilità dello strumento, che permette di poter adottare strategie diverse tra le varie compagnie energetiche. Ad esempio la tipologia di soggetto obbligato varia in base allo schema adottato dai vari Stati, tanto è vero che ogni Paese considerato in questa analisi ha dato una sua definizione di tale figura. Questi possono presentare direttamente i progetti di risparmio, oppure ciò può avvenire per mezzo di società di servizi energetici. Pertanto, ogni Paese dovrà dapprima definire una categoria di soggetti obbligati (la domanda) ed un target di risparmi e di certificati bianchi che vorrà raggiungere (l offerta) e ripartire questa quantità tra i vari soggetti; solo in un secondo momento verrà poi definito lo share di obbligo che ciascuno dovrà rispettare anno per anno. 8

10 L obiettivo di questo capitolo è di contestualizzare la situazione dell efficienza energetica nei paesi dell Unione Europea, descrivendo lo stato dell arte dei sistemi adottati in Italia, Gran Bretagna, Belgio e Francia. 1.1 Gran Bretagna 4 L attenzione del governo inglese è sempre stata rivolta all abbattimento delle emissioni di CO 2, pertanto la valutazione dei risparmi, compreso per il meccanismo dei certificati bianchi, è calcolata tramite emissioni evitate di gas inquinanti. I mercati dell energia elettrica e del gas in Gran Bretagna (oltre il 97% del mercato del Regno Unito) sono stati privatizzati e riformati separatamente alla fine degli anni 80; già dalla fine degli anni 90 il governo ha messo in evidenza la necessità di agire su interventi di efficientamento nel settore residenziale. Con l Energy Efficiency Commitment (EEC) il governo inglese ha voluto dare il via ad un processo di incentivazione dell efficienza energetica; questo è stato diviso in 3 cicli da 3 anni ciascuno, dal 2002 al Il primo programma prevedeva che i venditori di energia elettrica e gas con più di clienti residenziali potessero acquisire dei benefit di combustibile nel caso in cui avessero assistito i propri clienti nell effettuare interventi di efficienza energetica presso le proprie abitazioni; il target di risparmi era fissato a 62 TWh ma alla fine del periodo venne raggiunto un valore di 86,8 TWh. Nel secondo ciclo ( ) la soglia dei soggetti obbligati era salita da a clienti con un target fissato a 130 TWh: ovviamente l eccesso di risparmi ottenuto già nella prima fase ha permesso di raggiungere l obiettivo in brevissimo tempo. L ultima fase dal 2008 al 2011 è stata rinominata CERT (Carbon Emission Reduction Target). 4 Veronica Venturini, Il Meccanismo dei certificati bianchi in Europa, 2010 Bertoldi, Rezessy, Energy supplier obligations and white certificate schemes: Comparative analysis of experiences in the European Union,

11 Dal 2013 è in vigore la Energy Company Obligations (ECO), mediante la quale i fornitori di energia sono obbligati a migliorare l efficienza energetica dei propri clienti residenziali lungo tre linee guida: obbligo di ridurre le emissioni di CO 2 : interventi per l isolamento dell involucro edilizio sono da considerare primari per questo scopo. L obiettivo è abbattere 20,9 milioni di tonnellate di CO 2 ; obblighi comunitari: le imprese energetiche devono concentrarsi sulla fornitura di misure di isolamento e di connessioni a sistemi di teleriscaldamento locali che coprono aree di basso reddito. In particolare il 15% dei risparmi deve essere ottenuto tramite promozione di misure per famiglie a basso reddito che vivono in aree rurali. L obiettivo è abbattere 6,9 milioni di tonnellate di CO 2 ; obbligo di riduzione dei costi per il riscaldamento domestico: anche qui i fornitori di energia sono tenuti a tutelare le famiglie a basso reddito nel riscaldamento delle loro abitazioni. Ciò si traduce in interventi di risparmio energetico quali ad esempio la riparazione o sostituzione di una caldaia. L obiettivo è il risparmio di 4,2 miliardi di sterline. Lo schema inglese quindi prevede che il settore di intervento per adempiere agli obblighi di risparmio sia solamente quello residenziale: ciò è stato deciso in quanto nei primi tempi il mercato dell energia a livello residenziale non era ancora stato liberalizzato e mancava pertanto un vero mercato in questo settore. Successivamente si è deciso di non allargare lo schema (come accaduto ad esempio in Francia) a causa del timore che gli edifici residenziali a basso reddito potessero creare un mercato che andasse a finanziare altri settori. Da tutto ciò emerge come la social equity sia stato il motore principale per delineare il meccanismo, in particolare prevedendo interventi per edifici appartenenti alle categorie a basso reddito, considerate vulnerabili e non in grado di poter accedere autonomamente al meccanismo. Gli interventi possono riguardare diversi settori: elettricità, gas naturale, carbone, petrolio, GPL. In particolare emerge come gli interventi maggiormente effettuati riguardino 10

12 l isolamento di pareti, installazione di caldaie e elettrodomestici efficienti e lampade fluorescenti compatte: Figura 1. Misure di efficienza energetica installate: tassi di installazione annuale. Fonte ENERDATA L ente che gestisce il meccanismo per conto del Gas and Electricity Market Authority (l Autorità per il mercato elettrico e il gas) è l Ofgem E-Serve, che ha la responsabilità di determinare gli obblighi per ciascun soggetto, valutare le procedure e le modalità di calcolo dei risparmi, e verificare l adempimento degli obblighi (in caso di mancato raggiungimento è prevista una sanzione che può arrivare fino al 10% del fatturato dell azienda). Per il calcolo dei risparmi non viene applicato alcun tasso di decadimento o di sconto dovuto all efficacia dell intervento nel tempo, e l incentivo viene erogato upfront: grazie a questi motivi le barriere per l accesso al meccanismo sono ridotte al minimo. Non è prevista la possibilità di creare un mercato per lo scambio di certificati, non essendo una caratteristica del sistema inglese tanto che non esiste alcuna certificazione formale dei risultati ottenuti. È inoltre uno schema riservato ai soli fornitori di energia, i quali sono gli unici a potersi scambiare gli obblighi certificati. 11

13 1.2 Belgio- Regione delle Fiandre 5 Il mercato energetico nella regione delle Fiandre, una delle tre facenti parte dello stato federale del Belgio, è stato liberalizzato a partire dal 1 luglio 2003; nello stesso anno è stato introdotto nella Regione il meccanismo dei Certificati Bianchi. In base a quest ultimo gli obblighi, espressi in energia primaria risparmiata, sono stati imposti a 16 distributori di energia elettrica, e il programma prevede target di risparmio annuali per clienti residenziali, commerciali ed industriali. Ogni operatore della rete elettrica deve presentare ogni anno al dipartimento governativo il proprio programma di interventi per l anno successivo; tale programma deve descrivere misure, incentivi finanziari e metodo di calcolo dei risparmi, ottenibili per ogni tipologia di combustibile. Nella prima fase del meccanismo ( ), agli utenti ad alto voltaggio (servizio sopra i Volt) veniva richiesto un risparmio di energia primaria dell 1% annuo, per un totale del 6%, mentre per gli utenti a basso voltaggio era previsto un target totale del 10,5% per lo stesso arco di tempo. A partire dal 2008 sono inoltre stati separati i target di risparmio per i clienti residenziali e non, in particolare il 2% per i primi e l 1,5% per i secondi. Nella terza fase ( ) invece il discriminante è stato il numero di clienti del distributore: 3,5% per società aventi più di clienti, 2,5% per le altre. Questi target di risparmio in energia primaria hanno permesso agli operatori di poter scegliere gli interventi che ritenevano più opportuni per raggiungere l obiettivo: il risultato è stato la mancanza di azioni uniformi, tanto che il regolatore ha deciso di adottare delle imposizioni sugli interventi da intraprendere. Gli incentivi sono stati pertanto erogati per le seguenti azioni: isolamento dell involucro edilizio, installazione di pompe di calore e impianti solari termici, sistemi di illuminazione più efficienti, audit e analisi energetiche. Il meccanismo ha permesso di ottenere risultati soddisfacenti dal punto di vista economicofinanziario: la VEA (Agenzia per l Energia della Regione delle Fiandre) ha calcolato che la spesa 5 VEA, RUE Public Service Obligations in the Flemish Region 12

14 prevista per lo schema si è mantenuta ben al di sotto di quella preventivata per raggiungere l obbligo, oltre ovviamente ad aver permesso di raggiungere gli obiettivi stimati. Le figure seguenti (fino all anno 2011) dimostrano quanto detto: Figura 2. Risparmi di energia primaria in GWh. Fonte VEA Figura 3. Spesa per gli interventi. Fonte VEA 13

15 1.3. Francia Il primo periodo dello schema ( ) Il processo di liberalizzazione del mercato energetico francese ha avuto inizio nel 2000 e termine nel luglio del 2007, data alla quale il mercato è stato totalmente liberalizzato. In questo contesto il 13 luglio 2005 venne pubblicato il "Le Roi Programme atto a definire la nuova politica energetica. Questa legge riguardava quattro aspetti principali: sicurezza degli approvvigionamenti inseguendo l indipendenza energetica nazionale, competitività del prezzo dell energia, tutela dell ambiente e della salute umana ed obblighi di servizio pubblico in tutta la Francia garantendo l accesso all energia a tutti. In materia di efficienza energetica, vennero definiti una serie di strumenti volti ad incentivare il risparmio di energia, tra i quali il meccanismo dei certificati bianchi. A tale scopo veniva fissato l obiettivo di ridurre l intensità energetica del paese del 2% annuo fino al 2015 e successivamente del 2,5% fino al Durante il primo periodo del sistema ( ) gli obblighi di risparmio erano riservati ai fornitori di elettricità, gas, combustibile (non per i trasporti), riscaldamento e raffrescamento domestico; tali soggetti obbligati rifornivano il settore residenziale oltre una certa soglia, 100 GWh all anno per il GPL e 400 GWh all anno per gli altri settori coinvolti. L obiettivo nazionale di risparmio energetico per questi tre anni era di 54 TWh cumac, cumulative discounted rate, ovvero kwh cumulati durante la durata del progetto, con un tasso di sconto del 4%: kwh cumac = risparmio annuale (kwh) durata progetto tasso di sconto Il meccanismo francese è senz altro il più vicino a quello italiano in termini di interventi ammessi all incentivo e funzionamento generale. Una grande percentuale di obblighi era a carico di due grande fornitori, EDF e Gaz de France, mentre circa il 20% ricadeva su più di piccoli fornitori- soggetti obbligati. Come nel caso italiano, vi erano poi soggetti volontari ammessi al meccanismo dei CEE: persone giuridiche non soggette a obblighi (purché l attività per la quale richiedevano i titoli non rientrasse nel campo della loro attività principale e non 6 Veronica Venturini, Il Meccanismo dei certificati bianchi in Europa, 2010 Giraudet, Finon, European experiences with white certificate obligations: A critical review of existing evaluations,

16 portasse loro guadagno diretto), enti collettivi pubblici che effettuavano interventi di risparmio sia direttamente che tramite terzi, condomini per il proprio edificio. I soggetti, obbligati e non, potevano ottenere i certificati attivandosi alla realizzazione di interventi all interno della propria attività o presso terzi, oppure potevano scambiarsi i titoli tramite un apposita piattaforma, la Emmy. Gli obbligati acquistavano il loro obbligo individuale presentando dei certificati di risparmi energetici pari a una quantità equivalente; in caso di mancata presentazione, doveva essere pagata una penale di 2 centesimi di euro per kwh mancante. I CEE attestano la realizzazione di interventi di risparmio energetico addizionali rispetto all attività abituale dei richiedenti, che rispondono alle condizioni stabilite dai regolamenti. Per semplificare la documentazione sono state create delle schede standardizzate (fiches standardisées) al fine di raccogliere gli interventi più comuni; sono per lo più interventi semplici, che prevedono un calcolo dei risparmi forfettario e le cui peculiarità sono la semplicità, l accessibilità e la comprensibilità. Gli aspetti che le schede standardizzate non consentono di quantificare vengono considerati facendo ricorso a interventi su misura (opérations spécifiques), valutati singolarmente. Nel corso dei 3 anni, il target fissato è stato superato, arrivando fino a 65,2 TWh cumac. 15

17 Figura 4. Obbligo del primo periodo ripartito per fonti di energia e soggetti obbligati nel settore residenziale e terziario. Fonte Ministère du Développement durable Dal 2009 al 2011 si è attraversò un intervallo di transizione, in attesa della definizione di una nuova legge e della definizione del secondo periodo del meccanismo Il secondo periodo ( ) Il 29 giugno 2010 è stata approvata in maniera definitiva la legge Grenelle 2, che conferma e concretizza gli obiettivi già fissati in precedenza per quanto riguarda il meccanismo dei certificati bianchi. Tra le novità in materia vi sono: l obbligo di realizzare una parte degli interventi a beneficio delle abitazioni più sfavorite in situazione di insicurezza energetica; 16

18 installazione di macchinari che premettano di sostituire una fonte di energia non rinnovabile con una rinnovabile per la produzione di calore in un locale ad uso abitativo o dedicato ad attività terziarie; la necessità di inquadrare le azioni di informazione e innovazione del sistema, come ad esempio lo sviluppo di una mobilità sostenibile con veicoli che riescano a ridurre le emissioni di anidride carbonica. Il nuovo obbligo per il secondo periodo di CEE ammontava a 345 TWh cumac distribuiti su 3 anni. L articolo 27 della legge proponeva poi altre modifiche oltre a quelle già elencate: i soggetti che possono partecipare al meccanismo sono stati ridotti a fornitori, autorità locali e regionali, proprietari di immobili dedicati al social housing e l ANAH (Agenzia Nazionale per la casa); l esclusione dei venditori di gasolio al di sotto di un certo livello di vendita; la possibilità per soggetti obbligati e idonei di riunirsi in structures colectives, imprese o associazioni alle quali più soggetti obbligati hanno trasferito le proprie quote di risparmio. Questa soluzione permetteva ai fornitori di liberarsi della loro responsabilità, di evitare sanzioni e guadagnare benefici; questa struttura collettiva diveniva responsabile della gestione degli obblighi e della realizzazione degli interventi; il mantenimento delle modalità di calcolo delle schede standardizzate per tutta la durata del periodo, anche nel caso di evoluzione regolamentare. 17

19 Figura 5. Obbligo del secondo periodo ripartito per fonti di energia nel settore residenziale e terziario. Fonte Ministère du Développement durable Il funzionamento del meccanismo dei Certificats d èconomies d ènergie descritto finora è schematizzato nella figura seguente: Figura 6. Funzionamento del meccanismo. Fonte ATEE 18

20 Considerazioni e confronto col meccanismo italiano Il meccanismo dei certificati bianchi è stato accolto positivamente, in quanto i fornitori di energia hanno beneficiato di un buon ritorno economico per gli interventi di efficientamento effettuati presso i loro clienti: grazie a ciò, tutti i fornitori hanno assolto i loro obblighi di risparmio ed hanno iniziato a tener conto dell'efficienza energetica nel definire la propria politica commerciale. La definizione di azioni standardizzate rappresenta un modo efficace per incoraggiare gli interventi e ridurre i costi amministrativi; a ciò contribuiscono inoltre la libertà concessa ai fornitori di energia (ad esempio, un fornitore di energia elettrica può realizzare un intervento nel settore dei trasporti) e la possibilità di scambiare i certificati. Tra le note negative, c è la scarsa partecipazione al meccanismo dei soggetti non obbligati, e la necessità di semplificarne l applicazione espressa dalla maggior parte dei soggetti interessati. Similmente al meccanismo italiano, la maggior parte dei CEE è stata ottenuta tramite interventi standardizzati, tuttavia nel caso francese vi è una maggiore diversificazione degli interventi (10 schede hanno generato il 67% dei risparmi, mentre in Italia 7 schede ne hanno prodotto il 96%) grazie al maggior numero di schede presenti (195 contro 29). L altra grande differenza risiede nell ambito degli interventi e si spiega con il diverso mix energetico dei due paesi: in Francia prevalgono interventi in ambito termico (quasi il 70%), mentre in Italia i maggiori risparmi sono stati conseguiti nel settore elettrico. Grazie al metodo cumac per rendicontare i risparmi ed alla possibilità di ricevere l incentivo subito ed in un'unica tranche, che hanno dato all investitore maggiore garanzia sulla certezza del ritorno economico, in Francia si è registrato un maggior numero di interventi strutturali, con tempi di ritorno più elevati. A beneficio di ciò concorre anche la maggiore flessibilità dei CEE riguardo il concetto di addizionalità, definito in maniera più rigorosa nel meccanismo italiano. 19

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo

Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo Enrico Biele, FIRE Green shipping summit 2014 26 giugno 2014, Napoli Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Federesco Le Energy Service Company La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Seminario Strumenti, opportunità e potenzialità dell efficienza energetica a supporto del sistema locale

Dettagli

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Roma, aprile 2013 INDICE Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Esempi di interventi incentivabili -2- Il Conto Termico: DM 28 12 12 Il Conto Termico

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

PIANO ENERGETICO della

PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO 2 Documento di aggiornamento - 2011 Nuove politiche energetiche Offerta e Domanda di energia al 2010 Fonti di Energie Rinnovabili al 2010 Bilancio

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014 AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager Novembre 2014 AZZEROCO 2 AzzeroCO 2 è una società di consulenza energetico-ambientale creata da Legambiente, Kyoto

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Art.5 Piani regionali.

Art.5 Piani regionali. Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia (legge 9/1/1991 n 10) TITOLO I Norme

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

Scaglioni di potenza (kw) 1

1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1 Tariffe per la copertura degli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di controllo, inerenti i meccanismi di incentivazione e di sostegno, a carico dei beneficiari

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Gli aggiornamenti più recenti proroga detrazione del 65% estensione dell agevolazione ad altri interventi aumento della ritenuta d acconto sui bonifici

Dettagli

I certificati bianchi: Uno strumento di competitività per le imprese

I certificati bianchi: Uno strumento di competitività per le imprese Una pubblicazione realizzata da FIRE per l efficienza energetica nelle imprese e negli enti I certificati bianchi: Uno strumento di competitività per le imprese Realizzazione e disclaimer La presente guida

Dettagli

Parc Hotel Villa Immacolata

Parc Hotel Villa Immacolata SEMINARIO di presentazione del corso: USO EFFICIENTE DELLE RISORSE ENERGETICHE: L AZIENDA E L ENERGY MANAGEMENT Pescara, 13 Marzo 2009 Segreteria organizzativa Centro Congressi Strada Comunale San Silvestro,

Dettagli

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER 15 giugno 2015 Il Decreto di incentivazione delle FER non fotovoltaiche in via di emanazione dal Ministero dello Sviluppo Economico dovrebbe

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Innovazione e investimenti in campo energetico Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Sommario Considerazioni sulle peculiarità del sistema energetico Italiano e Piemontese

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di seguito:

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

GUIDA ALL USO DELLE RISORSE PER INCENTIVARE RINNOVABILI ED EFFICIENZA ENERGETICA

GUIDA ALL USO DELLE RISORSE PER INCENTIVARE RINNOVABILI ED EFFICIENZA ENERGETICA Una pubblicazione realizzata da FIRE su incarico dell ENEA a favore dei decisori della P.A. regionale e locale GUIDA ALL USO DELLE RISORSE PER INCENTIVARE RINNOVABILI ED EFFICIENZA ENERGETICA pagina 2

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

ESPERIENZE D IMPRESA 1/2012 ORNELLA MALANDRINO DANIELA SICA ASSEGNISTA DI RICERCA IN SCIENZE MERCEOLOGICHE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO

ESPERIENZE D IMPRESA 1/2012 ORNELLA MALANDRINO DANIELA SICA ASSEGNISTA DI RICERCA IN SCIENZE MERCEOLOGICHE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO ESPERIENZE D IMPRESA 1/2012 93 IL CONTRIBUTO DEI CERTIFICATI BIANCHI AL MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN ITALIA STEFANIA SUPINO PROFESSORE ASSOCIATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO ORNELLA

Dettagli

Prot. n. 5140. L'Assemblea legislativa

Prot. n. 5140. L'Assemblea legislativa Progr. n. 156 Oggetto n. 3124: Approvazione atto di indirizzo e coordinamento sui requisiti di rendimento energetico e sulle procedure di certificazione energetica degli edifici. (Proposta della Giunta

Dettagli

www.energystrategy.it 1

www.energystrategy.it 1 www.energystrategy.it 1 C è ancora un mercato italiano del fotovoltaico? Quanto è importante la gestione degli asset? Cosa vuol dire fare gestione degli asset e chi la fa oggi in Italia? www.energystrategy.it

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile POR FESR LAZIO 2007-2013 Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile FAQ Quesito n. 1 Il Bando PSOR al punto n delle premesse definisce impianti

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

4. L ENERGIA. Informazioni ricavate dai dati di bilancio energetico nazionale. 60

4. L ENERGIA. Informazioni ricavate dai dati di bilancio energetico nazionale. 60 4. L ENERGIA 4.1. Premessa L 80% circa dell energia consumata nell UE deriva dai combustibili fossili: petrolio, gas naturale e carbone. Di questa percentuale, una parte considerevole, in costante aumento,

Dettagli

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10)

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN Costruire il futuro Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) 1 indice Obiettivi dell Unione Europea 04 La direttiva nel contesto della certificazione CE 05

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

L 114/64 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 27.4.2006

L 114/64 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 27.4.2006 L 114/64 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 27.4.2006 DIRETTIVA 2006/32/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 concernente l'efficienza degli usi finali dell'energia e i servizi

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa

Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa (intervento 2.B - art. 4, comma 2, lettera b) D.M. 28 dicembre 2012 Agosto 2013 AIEL Annalisa Paniz

Dettagli

INTERVENTI A SUPPORTO DELLE POLITICHE EUROPEE

INTERVENTI A SUPPORTO DELLE POLITICHE EUROPEE Programma Operativo Nazionale Governance e Assistenza Tecnica (FESR 2007 2013) - Asse II Obiettivo Operativo II.4 INTERVENTI A SUPPORTO DELLE POLITICHE EUROPEE Ricognizione preliminare delle principali

Dettagli

EMANA la seguente. (Circolare pubblicata sul Supplemento Straordinario n. 3 alla G.U. n. 51 del 1 marzo 2012)

EMANA la seguente. (Circolare pubblicata sul Supplemento Straordinario n. 3 alla G.U. n. 51 del 1 marzo 2012) Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare di concerto con il Ministero dello Sviluppo Economico e d intesa con la Cassa Depositi e Prestiti EMANA la seguente Circolare del 16

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli