PEGASUS. le foto dei lettori. notiziario del. in questo numero:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PEGASUS. le foto dei lettori. notiziario del. in questo numero:"

Transcript

1 PEGASUS le foto dei lettori notiziario del Gruppo Astrofili Forlivesi J. Hevelius Anno XX n 111 Marzo - Aprile 2012 La nebulosa Fiamma (NGC 2024) in Orione FOTOGRAFIA di Dante Giunchi in questo numero: Pegasus, notiziario del Gruppo Astrofili Forlivesi è aperto a tutti coloro che vogliono collaborare inviando il materiale al socio Fabio Colella all indirizzo oppure al socio Marco Raggi all indirizzo oppure presso la sede del GAF pag. 3 Editoriale pag. 4 Attività dei soci pag. 6 Attività dei soci Ultime novità dall Osservatorio di Monte Maggiore di Giancarlo Cortini Un Natale pieno di sorprese di Giancarlo Cortini pag. 11 Notiziario di astronautica pag. 13 L angolo della meteorologia a cura di Matteo Rosamilia a cura di Giuseppe Biffi pag. 14 Cosa osservare Breve Almanacco Astronomico pag. 17 Rassegna stampa Indice principali riviste di Stefano Moretti a cura della Redazione pag. 19 Incontri settimanali Il programma prossimo venturo 20

2 Pegasus Anno XX - n 111 Marzo - Aprile 2012 ************* A CURA DI: Marco Raggi e Fabio Colella GRAFICA E IMPAGINAZIONE: Fabio Colella HANNO COLLABORATO A QUESTO NUMERO: Giuseppe Biffi, Giancarlo Cortini, Dante Giunchi, Claudio Lelli, Stefano Moretti, Matteo Rosamilia ************* Recapito: C.P. n FORLI Sito INTERNET: esi.it/ Mailing-List: p/gruppoastrofiliforlivesi/ ************* IN COPERTINA L ammasso aperto con nebulosa ad emissione NGC 1893 in Auriga (13 pose per complessive ore 5,25 con ottica Celestron 9,25 - CCD SBIG ST 4000 XCM elaborazione: Astroart/Photoshop/CCDOps/ Maxim DL) Fotografia di Dante Giunchi Il Gruppo Astrofili Forlivesi J. Hevelius si riunisce ogni martedì sera presso i locali della Circoscrizione n 1 Via Orceoli n 15 Forlì. Le riunioni sono aperte a tutti gli interessati. ************** E aperto il tesseramento per l anno Le quote di iscrizione rimangono le stesse (invariate dal 2007): Quota ordinaria (minima): 30,00 Quota ridotta: (per ragazzi fino a 18 anni) 15,00 Quota di ingresso 10,00 (per i nuovi iscritti valida per il primo anno) La quota si versa direttamente in sede o con bonifico sul conto corrente intestato a GRUPPO ASTROFILI FORLIVESI, aperto presso Banca Prossima, IBAN: IT25 U Per chi lo preferisse si può anche versare a mezzo vaglia postale (attenzione all alto costo del vaglia) indirizzato a: GRUPPO ASTROFILI FORLIVESI CASELLA POSTALE FORLI' Si ringraziano tutti coloro che hanno già provveduto al pagamento e quanti vorranno con sollecitudine mettersi in regola e contribuire al sostentamento delle attività del Gruppo «La storia dell astronomia è la storia di sfuggenti orizzonti» Edwin Hubble 2 Martedì 06 marzo Martedì 13 marzo Programma di Marzo e Aprile 2012 Ultime novità astronomiche L inquinamento luminoso Martedì 20 marzo Serata libera 19 G. Cortini Tesina di G. Succi Martedì 27 marzo L energia del vuoto A. Tronconi Martedì 03 aprile Ultime novità astronomiche Martedì 10 aprile Serata libera Martedì 17 aprile Fotometria ad altissima precisione Martedì 24 aprile Serata libera Martedì 01 maggio Serata libera Martedì 08 maggio Martedì 15 maggio Ultime novità astronomiche Le meraviglie naturali e celesti della Patagonia Martedì 22 maggio Serata libera G. Cortini S. Tomaselli G. Cortini G. Mambelli

3 nuovo ORIONE Quel giardino d inverno sul filo dell orizzonte L Osservatorio Ettore Maiorana Montature equatoriali Avalon - Linear & M-Uno Fast Reverse R Leporis, la stella cremisi di Hind Seguendo (433) Eros verso le stelle del Sud Consoliamoci con la Garradd Le stelle nei libri Il cielo sopra Walt Whitman Cose notevoli Tornati vivi da Plutone 18 Livio Gratton Come sono riuscito a riprendere Thebe piccola e nascosta luna di Giove 100 insignificanti puntini luminosi Le stelle nei libri Cielo: Serenità e Sgomento Test: Barlow X-Cel 2x Celestron Ultime Supernovae Astraea e Flora insieme verso il Leone La Garradd alla minima distanza Deboli luci nel Leone Minore n.236 Gennaio n.237 Febbraio 2012 Camera Imaging Source DBK 21AU618 Konus Digimax-130 Creare i mosaici con Pixinsight Le stupende stelle doppie invernali Gli strumenti nel 2012: orientamenti e prospettive Le missioni spaziali nel 2012, l anno di Curiosity Che cosa ci propone il cielo del 2012 Geoptik Polar Photo Box Telescopio Meade LightSwitch ACF 8 La stazione astronomica di Monteviasco Una notte nel Deserto dei Pinnacoli I progressi della spettroscopia amatoriale Radioastron: sussurri dal cosmo Osservare un piccolo pezzo della faccia nascosta Il Centr Test della Fondazione FOAM13 I colori naturali del cielo con sei filtri AVVISO AI SOCI: Domenica 18 marzo Giornata nazionale dei Planetari. Come tradizione ci recheremo in visita presso il Planetario di Ravenna. Per chi fosse interessato il ritrovo è alle ore 14 davanti alla sede sociale, mezzi propri. EDITORIALE Martedì 28 febbraio si è tenuta l annuale Assemblea Ordinaria del Gruppo Astrofili Forlivesi, che ha visto una buona partecipazione dei soci. Originariamente l Assemblea si sarebbe dovuta tenere un paio di settimane prima, il 14 di febbraio, ma l eccezionale (è il termine giusto da utilizzare) fenomeno nevoso che ha interessato la Romagna per oltre una decina di giorni ne ha consigliato giustamente un rinvio. Sul prossimo numero di Pegasus il curatore della nostra rubrica dedicata alla meteorologia ne farà probabilmente un resoconto più dettagliato (dai dati in possesso di Arpa nella sola città di Forlì sembrano essere caduti a più riprese ben 158 cm di neve..). Tornando all Assemblea va detto che questa da un lato costituisce sempre l occasione di tracciare i bilanci di quanto è stato fatto nel corso dell anno precedente (compito che non solo storicamente ma anche istituzionalmente appartiene al nostro Presidente Claudio Lelli), dall altro è il momento nel quale i soci possono esprimere le proprie idee e delineare le linee di quanto si farà nel prossimo futuro. Questo numero di Pegasus riporta due articoli del nostro Responsabile Scientifico Giancarlo Cortini relativi alle sue ultime scoperte nel campo della ricerca di supernovae. Un attività scientifica intensa e che a fronte dei sacrifici sopportati sa regalare a Giancarlo enormi soddisfazioni. Ma non è finita! Proprio al momento di andare in stampa apprendiamo infatti che Giancarlo ha scoperto il 25 gennaio un altra supernova (la 2012V) nella galassia NGC 6829 nella costellazione del Draco, portando così il suo bottino personale di scoperte a ben 13 supernovae ufficialmente riconosciute (oltre a 2 non riconosciute). Sicuramente in uno dei prossimi numeri Giancarlo ci racconterà i dettagli di questa scoperta. Nel frattempo non possiamo che complimentarci con lui per i successi Immagine di Tom Krajci ottenuti. Se il buongiorno si vede dal mattino posso anticipare che anche il 2012 saprà regalare belle sorprese e tante soddisfazioni! 3 Marco Raggi

4 ATTIVITA DEI SOCI Ultime novità dall Osservatorio di Monte Maggiore 4 di Giancarlo Cortini Nel penultimo numero di Pegasus avevo concluso la relazione, sulla mia ultima scoperta, con la promessa che sarei tornato sull argomento il più presto possibile; non posso quindi che essere felice di mantener fede a quelle parole, dal momento che la possibile supernova (PSN) nella galassia NGC 4490 è ben lungi dall oblio che, prima o poi, accade a qualunque fenomeno transiente. La PSN in questione, infatti, è più vispa che mai, ben oltre le mie più rosee speranze: sia che si tratti di una LBV in outburst o di una SN tipo II pec. sottoluminosa (mia vecchia ipotesi sempre meno credibile), essa ha mantenuto negli ultimi 2 mesi una luminosità significativa. Anzi, dopo la congiunzione molto larga col Sole (in Novembre), si è rinvigorita fino a raggiungere la mag. vis , quando invece pensavo che sarebbe crollata oltre la mag. +19, per scomparire dalla rilevazione della mia strumentazione. In effetti, se fosse una SN, mostrerebbe un comportamento molto anomalo, per cui sembra proprio essere una luminosissima LBV. Il fenomeno rimane, perciò, sempre molto interessante, poiché lo sviluppo fotometrico di queste stelle supergiganti variabili è normalmente erratico e ben poco prevedibile; dopo 4 mesi dalla sua scoperta, è probabile che le sorprese non siano ancora finite. Così come non sono terminate le novità della ricerca che conduco: nella prima parte della notte di Mercoledì 16 Nov., verso le ore 19 locali, una debole stellina, sul disco di una altrettanto debole e minuscola galassia a spirale in Camelopardalis (UGC 3131), ha attratto subito la mia attenzione, occhieggiando fuori posto. Ormai avrete capito che mi sono imbattuto in una nuova stella ospite, che ha annunciato la sua comparsa dalla mostruosa distanza di 220 milioni di anni luce! Tenendo fede al solito modello delle proporzioni, se assumiamo il diametro del nostro sistema solare (circa 10 miliardi di Km.) uguale ad 1 mm., questa galassia ospite si collocherebbe a circa Km. di distanza!, quasi a 2/3 del percorso reale tra Terra e Luna E facile perdersi in simili viaggi mentali, ma per fortuna ci sono le supernovae a mostrarci la via, anche dai più remoti angoli del nostro universo. le Stelle RASSEGNA STAMPA 17 a cura della Redazione Indice principali riviste astronomiche del bimestre passato n.102 Gennaio 2012 n. 103 Febbraio 2012 Radiogalassie: la voce Nozze d argento con la dell Universo supernova 1987A ET a caccia di onde Alessandro Bemporad. Una gravitazionali grande passione per la nostra L occhio di Galileo. Come il stella cielo conquistò la terza La cosmologia al computer dimensione A tu per tu con un gigante Un bombardamento tardivo? REM, uno strumento robotico a Leonardo. Un astronomo caccia di GRB dimenticato SkyProdigy: il cielo a portata di Marta Burgay. La regina delle mano pulsar Kepler-22B: l esopianeta più Quanti metalli nell Universo simile alla Terra primordiale? Il lampo di Natale. Un GRB GX 339-4: Identikit di una da record stella cannibale Rotazioni discordanti nel Ionosfera lunare: forse svelato centro delle galassie il mistero Acqua liquida su Europa? 2005 YU55. Un passaggio Sembra proprio di sì molto ravvicinato Cassini: la missione continua Un congresso per SWIFT e Un asteroide per Primo Levi Fermi conta fino a 100 FOBOS- GRUNT: problemi per la missione marziana n.156 Gennaio 2012 n.157 Febbraio 2012 Cœlum La storia di PROXIMA Centauri. Marte Vicino e lontano C/1996 B2 (Hyakutake) La grande cometa di primavera L importanza di chiamarsi Callicore (piuttosto di J XLIV) Il mistero delle Galassie a Guscio Riprendere il colore delle stelle con la tecnica della sfuocatura delle tracce Ascesa e declino del Keplero americano

5 Da rimarcare Congiunzione Luna - Venere del 26 marzo 2011 Opposizione di Marte 2012: cosa potremo osservare in questa opposizione minore di Marte? Di seguito ho riportato l'aspetto della superficie marziana alle ore 23 solari, nel corso del mese di marzo 2012: il diametro apparente sempre inferiore a 14" d'arco non agevolerà le osservazioni, ma in serate particolarmente tranquille, le caratteristiche maggiori potranno essere osservate anche con strumenti di diametro modesto. Anche in questo caso le procedure di verifica sono state rallegrate da piacevoli momenti di ansia, soprattutto a causa della difficile determinazione della mag. apparente di questa stella inattesa; la mia stima iniziale, al momento della scoperta, è stata di +17.3, ben diversa da quella di 2 astrofili indipendenti, entrambi concordi sul valore di Un divario così vistoso (di circa 6 decimi di magnitudine) è difficile da spiegare con la qualità della strumentazione che abbiamo oggi a disposizione anche noi non professionisti; ma per oggetti stellari così deboli, il programma di fotometria che uso abitualmente si rivela poco affidabile, per cui sono obbligato a fare una valutazione personale ad occhio sull immagine del monitor del computer dell osservatorio. E se buon senso, memoria ed esperienza osservativa possono essere considerate belle doti, di certo non possono produrre molta accuratezza; mi dovrò impegnare per cercare una soluzione concreta, e risolvere la questione della stima fotometrica delle stelle più deboli. Ma alla fine tutto è bene ciò che finisce bene: grazie alla gentile disponibilità dell osservatorio astronomico di Asiago (e del Dott. Andrea Pastorello), già Sabato 19 Nov. era disponibile un primo spettro della stella ospite, che ha mostrato il caratteristico profilo delle SNe di tipo II classiche in fase giovane, cioè pochi giorni prima del loro massimo di luce. E la tanto attesa ufficializzazione non si è fatta attendere molto, con la CBET N che comunica la mia scoperta di SN 2011 hy (la numero 12, la decima ufficiale). Posso dire che finisce bene un anno denso di eventi astronomici di rilievo, e speriamo, naturalmente, che continui così anche nel fatidico anno della fine del mondo! Ops, scusate, volevo dire nel 2012 Notti serene a tutti. 16 5

6 ATTIVITA DEI SOCI Un Natale pieno di sorprese di Giancarlo Cortini Le festività natalizie non sono sicuramente più quelle che vivevo anni fa, per i più disparati motivi esistenziali che penso di condividere con molti miei coetanei, ma, grazie alla mia attività astronomica di ricerca, l ultimo fine Dicembre mi ha regalato un bel po di soddisfazioni, piovute letteralmente dal profondo cielo. Iniziamo dal primo dono celeste, che in pratica rappresenta la continuazione della storia della stella ospite che ho scoperto, assieme a Stefano Antonellini, la notte del 16 Agosto 2011: mi riferisco alla PSN in NGC 4490, della quale ho già trattato negli ultimi numeri del nostro Pegasus. A metà Dicembre, dopo circa 4 mesi dalla sua apparizione, la OT (optical transient), come viene anche indicata dagli astronomi che la seguono, non sembra proprio volerne sapere di iniziare la sua discesa luminosa che, prima poi, dovrà subire per forza di cose. Anzi, si è riaccesa, tanto da arrivare ad un suo secondo massimo luminoso, proprio in coincidenza dei primi giorni del nuovo anno! Una mia recente immagine, della notte tra il 30 e 31 Dicembre scorso, la evidenzia di mag. apparente +16.0, quindi oltre 2.5 magnitudini più luminosa del periodo di Ott. Nov. Un comportamento molto strano, tanto che anche l astronomo Andrea Pastorello (Oss. Astron. di Asiago Univ. di Padova), col quale sono da mesi in fruttuosa collaborazione, ha ammesso di non essere in grado di fornire una spiegazione astrofisica attendibile. Letteralmente mi scrive: NGC 4490 OT è di nuovo in aumento, ma lo spettro non sta cambiando, quindi è di difficile interpretazione; ha una nuova curva di luce a doppio picco (cioè con 2 massimi), molto blu il primo, e molto blu anche il secondo. Anche gli spettri sono diversissimi nei 2 casi. E un oggetto di estremo interesse, e finora mai osservato prima da nessuno. Questo al 18 Dicembre. Successivamente mi ha comunicato quanto segue: NGC 4490 OT ha appena superato il massimo e lo spettro sta cambiando ancora: inizia a mostrare righe del Fe II (cioè ionizzato 1 volta), come nei primi spettri di Agosto. Insisto con la mia idea, non si tratta di una supernova, contrariamente a quello che sostengono gli americani Infine 6 Fenomeni particolari di Marzo e Aprile 2012: : Opposizione di Marte (13.9 mag. 1.23) vedi pag. seguente : Massima elongazione Est di Mercurio (18 ) osservab ile nel periodo direttamente seguente il tramonto del Sole verso l orizzonte Ovest in basso rispetto al pianeta Venere : Equinozio di Primavera (ore 6.14) : Urano in congiunzione solare : bella congiunzione Luna Venere (2 ) in un quadret to molto suggestivo completato dalla Pleiadi (al di sopra) e Giove (più in basso e vicino all orizzonte Ovest) - vedi pag. seguente : Massima elongazione Est di Venere (46 dal Sole m ag fase 15%) : Saturno in opposizione : Massima elongazione Ovest di Mercurio (27.5 ) visib ile con difficoltà al mattino prima del sorgere del Sole Scegli di destinare il 5 per mille al Gruppo Astrofili Forlivesi Per farlo è sufficiente la tua firma nel riquadro relativo al sostegno delle ONLUS e delle Associazioni di Promozione Sociale con l indicazione del Codice Fiscale del Gruppo: Grazie per il prezioso contributo a sostegno delle attività della nostra Associazione! 15

7 Pianeta Breve Almanacco Astronomico Mesi di: Marzo e Aprile 2012 Visibilità Pianeti (giorno 15 del mese) Marzo: Mattina Marzo: Sera a cura di Stefano Moretti Aprile: Mattina Aprile Sera Mercurio* X X Venere X X Marte X X X X Giove X X Saturno X X X X Urano Nettuno X Plutone X X X: visibile XX:Visibile tutta la notte nessuna indicazione: non visibile * Per Mercurio sono indicate le condizioni di massima visibilità che si protraggono, intorno alla data indicata, per pochi giorni aggiunge: La spettroscopia, realizzata con il riflettore inglese W. Herschel di 4.2 m. di diametro alle Isole Canarie, ci indica che il materiale in espansione è ora freddo (sotto i K), quindi praticamente tutto ciò che era inizialmente ionizzato si è ora ricombinato. Inoltre la velocità di questo materiale è adesso piuttosto bassa (alcune centinaia di Km./sec.),perciò ben sotto i valori tipici di un esplosione di SN. Il perché si manifesti un massimo secondario è un gran mistero E siamo al 27 Dicembre. Che spettacolo! Probabilmente non si tratta di una SN (inizialmente mi era un po dispiaciuto che potesse non esserlo ), e quindi è possibile che sia una variabile iperluminosa dal comportamento anomalo; non potevo certamente chiedere di più ad una scoperta, anche in considerazione della bella e luminosa galassia che la ospita. Ma i regali sotto l albero di Natale 2011 non sono ancora finiti. Il primo dono è venuto da una lontana galassia a spirale (UGC 10331), appena mezz ora dopo l inizio della mia attività (ore di tempo locale) il Sabato 17 Dicembre, un po in anticipo sull appuntamento con Babbo Natale. Crepuscoli Astronomici Data Mattina Sera 10 Marzo Marzo Marzo* Aprile* Aprile* Aprile* * Ora legale Fasi Lunari Primo Luna Ultimo Luna quarto piena quarto nuova Marzo 1/ Aprile Osservando con molta attenzione (necessaria in una ricerca come questa, per evitare che diventi una carrellata di immagini digitali b/n fini a se stesse), 7

8 ho notato subito che sul bordo N-W della sua debole silohuette era presente, fuori posto, un minuscolo oggetto di apparenza quasi stellare. A causa della sua debole magnit. apparente (circa +17.5), ho impiegato circa mezz ora per essere sicuro che il sospetto fosse ben evidente, e reale, prima di iniziare la consueta procedura di verifiche; continuo sempre ad avere il massimo sospetto per qualunque potenziale scoperta, anche dopo aver eseguito almeno una decina di immagini di conferma: gli errori (già commessi), le sviste, le cattive interpretazioni delle immagini digitali sono sempre in agguato! UGC si trova molto lontana dall eclittica, per cui si può già essere sufficientemente sicuri che non si tratti di un pianetino vagabondo; così, verso le 22.30, mi decido a inviare la comunicazione ufficiale al C.B.A.T. di Boston, dopo aver fugato ogni residuo dubbio circa la mia potenziale scoperta. I giorni successivi passano con la solita ansia di fondo, rasserenata da alcune immagini di conferma che appaiono in rete, realizzate da astrofili nei più disparati angoli del pianeta; anche in questo caso, nonostante abbia richiesto all ormai fidato astronomo Andrea Pastorello uno spettro di conferma, l attesa si prospetta piuttosto lunga a causa delle attuali procedure di ufficializzazione: è, o non è, una stella in esplosione? Se non altro sono contento di come va il tempo, che continua a regalarci delle giornate serene, con condizioni ottimali per qualunque tipo di attività astronomica. Ed è durante una delle successive notti che mi imbatto in una galassia a spirale dall aspetto apparentemente normale, ma con il nucleo un po strano mi sembra infatti di notare una minuscola protuberanza ad Est (a sinistra) del core di UGC 2134; è estremamente difficile evidenziare un oggetto di aspetto stellare così debole, ma confido nelle mie forze alleate: l ottica del mio C 14 è ottima, il CCD della Starlight X Press è una vera bomba tecnologica, l inseguimento (dopo svariati secondi di attesa per stabilizzare il telescopio) è dignitoso. Risultato: inizio a credere veramente che ci sia una stellina ospite proprio accanto al nucleo della spirale inquadrata; che emozione! Nell ora che segue (sono passate da poco le 20 locali) eseguo almeno altre 20 immagini, per togliermi ogni dubbio residuo: mai mi era capitato prima un caso così tosto. Un primo scoglio da superare è la stima fotometrica di una sorgente così appiccicata all immagine diffusa di un nucleo galattico; la mia stima, circa +17.3, è, come al solito, frutto della mia esperienza, dato che non posso usare in modo affidabile il programma di Astroart. Fortunatamente i professionisti, e il Dott. D. Green del C.B.A.T. in primis, non richiedono una notevole precisione nella magnitudine di un sospetto; la 8 L ANGOLO DELLA METEOROLOGIA 13 a cura di Giuseppe Biffi Parametri (g=giorno) DICEMBRE 2011 ANNO 2011 T min. assoluta (g) -3,2 (21) -4,6 (25/1) T min. media 0,9 8,9 T max. assoluta (g) 18,2(5) 38,9 (13/7) T max. media 10,8 20,6 T media 5,8 14,7 T min. massima (g) 6,1 (5) T max. minima (g) 3,3 (24) Giorni con T <= Giorni con T >= Giorni con T >= Giorni sereni Giorni sereni totali Giorni nuvolosi Giorni piovosi 7 73 Giorni con temporali 1 15 Giorni con nebbia 2 10 Pioggia caduta mm Max pioggia nelle 24h mm (g) 12 (24) 36 (20/9) Giorni con neve 0 4 Altezza neve 0 34 Permanenza neve al suolo (g) 0 5 Precipitazioni totali mm Vento max. - Km/h (g) WSW 76 (16) WSW 76 (16/12) Pressione min. - mb (g) 986 (16) 986 (16/12) Pressione max. - mb (g) 1041 (27) 1041 (27/12) Dati stazione meteo: Altezza s.l.m. 36 mt; zona aeroporto periferia SW di Forlì. Si effettuano 3 osservazioni giornaliere: ore 8.00, 16.00, circa

9 un'altitudine di 50 km. La fase di raccolta dati della missione avrà inizio in marzo e durerà circa tre mesi. miglior precisione possibile è invece richiesta nella misura astrometrica, cioè nell esatta posizione, in coordinate equatoriali, del sospetto stesso. Fortunatamente Astroart è molto accurato e affidabile su questo punto, ma il bello è che il cursore del programma non si attiva nel centraggio del sospetto, per cui non si può sfruttare la routine di calcolo di posizione Splendido, ci mancava anche questa! Per fortuna che vale il detto: le necessità aguzzano l ingegno, ovviamente se uno lo possiede nella testa Sono perciò costretto ad arrangiarmi con misure di posizione, applicando il righello millimetrato allo schermo del computer; alla fine, dopo una camicia e mezzo sudata, raggiungo un risultato che mi sembra abbastanza attendibile. Spedisco finalmente la comunicazione al C.B.A.T., confidando che tutte le verifiche eseguite siano state corrette; ma ho come la percezione che qualcosa non vada bene, un dubbio mi gira nella testa con troppa insistenza. Giunto a casa verso la mezzanotte e mezza, quando sarebbe ormai ora di prendere sonno per un comune mortale, continuo ad avere la sensazione di aver già notato altre volte quella stellina nuova, ma quando? Il lancio inaugurale di Vega Il lancio di Curiosity. 12 9

10 Con un interrogativo così, un tipo ansioso come me non riesce certo a chiudere occhio, e cosa c è di più bello che cercare di levarselo di mezzo alle 6 del mattino? Niente, tanto che me ne frego del sonno che non è arrivato, e, come ovvia conseguenza di tutto ciò, non mi resta che catapultarmi a velocità quasi supersonica all osservatorio, per cercare di risolvere definitivamente la questione. All arrivo a Monte Maggiore mi attende una sottilissima falce di Luna vicino ad Antares, in un cielo limpidissimo di un alba gelida; sembrerebbe tutto bello, a parte il fatto che, appena sceso dall auto, mi accorgo che ho forato la gomma anteriore destra! Non mi era mai capitato in oltre Km. percorsi, ma adotto un atteggiamento anglosassone, infischiandomene del tutto; l importante è fugare, in un modo o in un altro, il dubbio che mi tormenta. Fortunatamente ci arrivo nel giro di una ventina di minuti: sembra tutto ok, il sospetto non appare in alcuna mia vecchia immagine d archivio. A questo punto riprendo la strada di casa a passo di corteo funebre (dato che non posso sostituire la ruota forata, avendo tolto il ruotino di scorta per l installazione dell impianto a gpl); fortunatamente, con la gomma completamente distrutta, arrivo da un gommista a Castrocaro, e alle 8.45 sono già in ufficio, anche se in condizioni difficilmente descrivibili Da Venerdì 23 fino alla mattina di Natale il passo è breve: appena mi collego ad Internet, mi rendo subito conto che Babbo Natale questa volta non si è dimenticato di me! Sono infatti apparse da poco le 2 C.B.E.T. recanti l ufficializzazione delle mie scoperte: SN 2011 jg in UGC e SN 2011 jf in UGC 2134, e, come se non bastasse, le conferme spettroscopiche indicano che queste 2 supernovae appartengono a due tipologie molto rare, essendo la prima una II b, la seconda una I b/c (prodotte sempre dal collasso gravitazionale di stelle giganti di svariate masse solari). La mia gioia è incontenibile, tanto che mi verrebbe da ringraziare il Babbo Natale dell unione astronomica internazionale (al secolo il sig. Daniel Green), per la stupenda sorpresa natalizia. Scherzi a parte, un buon 2012 a tutti quanti. NUOVI SOCI 271) Prati Marinella 272) Dallari Daniele 10 NOTIZIARIO DI ASTRONAUTICA 11 a cura di Matteo Rosamilia Vega E' avvenuto con pieno successo il volo inaugurale del nuovo lanciatore europeo Vega. Il vettore è decollato dalla rampa di lancio alle 11:00 italiane di lunedì 13 febbraio e dopo circa un'ora ha raggiunto la quota orbitale di 1450 km, dove ha rilasciato il carico principale. Questo vettore è stato costruito al 65% dall'italia, con la collaborazione di paesi membri dell'esa, guidati dall'asi e dall'agenzia spaziale francese CNES. L'acronimo è uno dei pochi a essere italiano (Vega significa infatti Vettore Europeo di Generazione Avanzata ) e il razzo è caratterizzato da una grande flessibilità che gli permette di portare in orbita fino a 9 satelliti contemporaneamente. A seconda dell'altitudine, esso può orbitare carichi che vanno dai 300 kg ai 2500 kg, con la prestazione di riferimento di 1500 kg a 700 km in orbita polare. Il carico di questo volo inaugurale era composto dal satellite scientifico LARES, dal satellite tecnologico dimostrativo ALMASat 1, dell'università di Bologna, e da sette CubeSats provenienti da varie università europee. LARES (LAser RElativity Satellite) è un satellite di forma sferica in tungsteno del peso di 392 kg e ha l'obbiettivo di misurare l'effetto Lense-Thirring. Sulla sua superficie sono presenti 92 riflettori laser ed è già stato testato il ritorno del laser con l'attrezzatura presente al Centro di Geodesia Spaziale di Matera. Questo satellite consentirà di misurare l effetto di avvitamento spazio-tempo intorno alla Terra. Esso sarà completamente passivo, e a 1450 km di quota avrà un periodo orbitale di anni. Mars Science Laboratory Il vettore Atlas V con a bordo MSL si è staccato dalla rampa di lancio in perfetto orario, alle 16:02 CET del 26 novembre 2011, spingendolo in una traiettoria lunga 567 milioni di km, al termine della quale Curiosity giungerà il 6 agosto GRAIL E' avvenuta alla perfezione l'inserzione in orbita delle sonde GRAIL. La prima delle due, GRAIL-A, è entrata in orbita lunare il 31 dicembre 2011, mentre GRAIL-B è entrata in orbita l'1 gennaio Le due sonde avevano un'orbita molto ellittica subito dopo l'accensione, per la precisione di 90 x 8363 km, del periodo di circa 11 ore e mezza, che è stata in seguito circolarizzata fino ad

Il Sistema Solare. Il suo diametro è di 1400000Km e la sua massa è pari a 328000 volte la massa del nostro pianeta.

Il Sistema Solare. Il suo diametro è di 1400000Km e la sua massa è pari a 328000 volte la massa del nostro pianeta. Il Sistema Solare Il Sole Il Sole è nato circa cinque miliardi d anni fa e, secondo gli scienziati, vivrà per altri cinque miliardi di anni. Esso ci appare come un enorme palla di fuoco solo per la sua

Dettagli

Visibilità dei Pianeti:

Visibilità dei Pianeti: A.V.D.A. Associazione Vigevanese Divulgazione Astronomica Internet www.avdavigevano.com Indirizzo E-Mail info@avdavigevano.com CALENDARIO ASTRONOMICO LUGLIO-AGOSTO-SETTEMBRE 07 Visibilità dei Pianeti:

Dettagli

PROGETTO SCUOLA LEZIONI-SPETTACOLO E LABORATORI IN UN'UNICA USCITA ALTRE VISITE COORDINATE A RICHIESTA SEMPLICITA' E RISPARMIO

PROGETTO SCUOLA LEZIONI-SPETTACOLO E LABORATORI IN UN'UNICA USCITA ALTRE VISITE COORDINATE A RICHIESTA SEMPLICITA' E RISPARMIO PROGETTO SCUOLA LEZIONI-SPETTACOLO E LABORATORI IN UN'UNICA USCITA Il Planetario di Padova offre alle scuole di ogni ordine e grado la possibilità di fare varie attività ed esperienze scientifiche, di

Dettagli

MERCURIO CI RACCONTA. La giornata

MERCURIO CI RACCONTA. La giornata MERCURIO CI RACCONTA 9 maggio 2016 L Istituto Nazionale di AstroFisica e il Dipartimento di Fisica e Astronomia G. Galilei dell Università degli Studi di Padova promuovono nelle loro due sedi di Padova

Dettagli

La volta celeste. SMS di Piancavallo 1

La volta celeste. SMS di Piancavallo 1 La volta celeste L Astronomia è la scienza che studia l Universo e le sue origini. Le origini dello studio della volta celeste si perdono nella notte dei tempi, perché l uomo è sempre stato attratto ed

Dettagli

DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO

DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO G. Iafrate e M. Ramella INAF - Osservatorio Astronomico di Trieste Informazioni e contatti: http://vo-for-education.oats.inaf.it - iafrate@oats.inaf.it La Nebulosa

Dettagli

DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO

DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO G. Iafrate e M. Ramella INAF - Osservatorio Astronomico di Trieste Informazioni e contatti: wwwas.oats.inaf.it/aidawp5 - aidawp5@oats.inaf.it La Nebulosa del Granchio

Dettagli

Salve ragazze e ragazzi!

Salve ragazze e ragazzi! Salve ragazze e ragazzi! Iniziamo con questa pagina il nostro viaggio che ci porterà dalla scoperta della nostra Galassia fino ai confini dell Universo, così come oggi possiamo osservarli e conoscerli

Dettagli

URANO E NETTUNO. I due pianeti glaciali del Sistema Solare. Ricerca Astronomia" 1

URANO E NETTUNO. I due pianeti glaciali del Sistema Solare. Ricerca Astronomia 1 URANO E NETTUNO I due pianeti glaciali del Sistema Solare Ricerca Astronomia" 1 Introduzione: Urano e Nettuno fanno parte dei pianeti recenti, ovvero quelli scoperti nel 19 secolo. Sono infatti stati i

Dettagli

SCIENZE. Il Sistema Solare. Introduzione. il testo: 2012/2013 La Semplificazione dei Testi Scolastici per gli Alunni Stranieri IPSIA A.

SCIENZE. Il Sistema Solare. Introduzione. il testo: 2012/2013 La Semplificazione dei Testi Scolastici per gli Alunni Stranieri IPSIA A. 01 Introduzione è formato dal Sole, da otto pianeti e da altre parti di materia (vedi figura 1). Figura1.. Tutte le parti del Sistema Solare si sono formate quasi 5 miliardi di anni fa. Esse si sono formate

Dettagli

Luoghi. Contenuti digitali. didattiche aperte. Competenze digitali del docente. In aula: 8 h A casa: 5 h

Luoghi. Contenuti digitali. didattiche aperte. Competenze digitali del docente. In aula: 8 h A casa: 5 h 78 l e z i o n i d i g i ta l i U n i tà d i A P P R e n d i M e n t o B7 L UniVERSO E IL SISteMA SolaRE Tempi In aula: 8 h A casa: 5 h Luoghi Aula con lavagna LIM o PC con videoproiettore Per alcune attività

Dettagli

Il sistema solare SOLE. Terra

Il sistema solare SOLE. Terra Il sistema solare SOLE Terra Il Sole, la stella a noi più vicina In quanti modi si può vedere il Sole? Luce bianca Luce da atomi di Calcio Luce da atomi di idrogeno Luce ultravioletta Raggi X Onde radio

Dettagli

A.V.D.A. Associazione Vigevanese Divulgazione Astronomica Codice Fiscale 94029820183

A.V.D.A. Associazione Vigevanese Divulgazione Astronomica Codice Fiscale 94029820183 Codice Fiscale 94029820183 a Vigevano dal 1996 www.avdavigevano.com CALENDARIO ASTRONOMICO MESE DI GIUGNO 10 Visibilità dei pianeti: MERCURIO: inizialmente il pianeta è ancora visibile al mattino, ma l

Dettagli

UNO SGUARDO NEL COSMO

UNO SGUARDO NEL COSMO UNO SGUARDO NEL COSMO AST R I S Astronomical Roman Indipendent Society Sole in H alfa Cominciamo il nostro viaggio partendo dal Sole. Sappiamo che è una sfera immensa di gas e che ci vogliono più di 320

Dettagli

Caratteristiche delle stelle ed evoluzione stellare

Caratteristiche delle stelle ed evoluzione stellare Caratteristiche delle stelle ed evoluzione stellare stelle Corpi celesti di grande massa, che producono al loro interno energia mediante fusione nucleare, e la emettono sotto forma di radiazioni elettromagnetiche.

Dettagli

LA COMETA MACHHOLZ SI STA AVVICINANDO

LA COMETA MACHHOLZ SI STA AVVICINANDO Comitato Scientifico dell Osservatorio Astronomico della Valle d Aosta a cura di Federico Manzini 27 dicembre 2004 LA COMETA MACHHOLZ SI STA AVVICINANDO Una cometa scoperta il 24 agosto si sta ora muovendo

Dettagli

Riuscire a leggere il cielo notturno

Riuscire a leggere il cielo notturno Stella Polare - Il cielo del trimestre Il cielo autunnale: gennaio, febbraio e marzo 2011 di Vittorio Napoli (astronomiavisuale@infinito.it) Stella Polare Riuscire a leggere il cielo notturno vuol dire

Dettagli

Daniele Gasparri. Tecniche, trucchi e segreti dell imaging planetario. Star party del Silenzio, 5-7 Luglio 2013

Daniele Gasparri. Tecniche, trucchi e segreti dell imaging planetario. Star party del Silenzio, 5-7 Luglio 2013 Tecniche, trucchi e segreti dell imaging planetario Star party del Silenzio, 5-7 Luglio 2013 Daniele Gasparri Sito web: www.danielegasparri.com Mail: info@danielegasparri.com Un piccolo estratto del mio

Dettagli

Studio della curva di luce della Supernova 2003cg in NGC 3169

Studio della curva di luce della Supernova 2003cg in NGC 3169 Studio della curva di luce della Supernova 2003cg in NGC 3169 Nicola Contu, Federica Poli, Istituto Magistrale A. Fogazzaro - Vicenza Elena Lobbia, Nadia Negro, Enrico Posenato, Roberto Sartori Liceo Scientifico

Dettagli

Le distanze delle stelle, un problema fondamentale dell astronomia

Le distanze delle stelle, un problema fondamentale dell astronomia Le distanze delle stelle, un problema fondamentale dell astronomia Ciao, riprendiamo oggi a studiare le stelle. L ultima volta abbiamo parlato della loro luminosità, e abbiamo scoperto che la luminosità

Dettagli

IN SECONDA ELEMENTARE ABBIAMO RACCONTATO COM E FATTO IL SISTEMA SOLARE Vi ricordate?

IN SECONDA ELEMENTARE ABBIAMO RACCONTATO COM E FATTO IL SISTEMA SOLARE Vi ricordate? IN SECONDA ELEMENTARE ABBIAMO RACCONTATO COM E FATTO IL SISTEMA SOLARE Vi ricordate? altre lezioni su www.giocomania.org lezione preparata con materiale da www.scopriticielo.it IN TERZA INVECE ABBIAMO

Dettagli

Mostra astronomica al Planetario Itinerante

Mostra astronomica al Planetario Itinerante Museo Civico di Storia Naturale Società Piacentina di Scienze Naturali Mostra astronomica al Planetario Itinerante Curatore Dott. Ing. Cifalinò Michele Anno 2013-2014 INDICE INDICE... 2 SCOPO DEL PROGETTO...

Dettagli

Attività didattiche Scuola Secondaria I grado

Attività didattiche Scuola Secondaria I grado 1 VISITA GUIDATE Attività didattiche Scuola Secondaria I grado Visita standard Gli studenti vengono condotti da un animatore scientifico in una visita ad alcune delle postazioni interattive del Museo.

Dettagli

VENERDI 15 GENNAIO Alla scoperta del Grande Cacciatore Orione. DOMENICA 7 FEBBRAIO Osservazione solare. VENERDI 19 FEBBRAIO Il ruggito del Leone

VENERDI 15 GENNAIO Alla scoperta del Grande Cacciatore Orione. DOMENICA 7 FEBBRAIO Osservazione solare. VENERDI 19 FEBBRAIO Il ruggito del Leone 2016 VENERDI 15 GENNAIO Alla scoperta del Grande Cacciatore Orione Iniziamo l anno nuovo andando a scoprire il Grande Cacciatore, ossia la costellazione di Orione con tutte le sue meravigliose nebulose,

Dettagli

PROGRAMMA STELLE DI NATALE Dal 26 dicembre 2011 all 8 gennaio 2012 straordinari spettacoli e speciali appuntamenti dedicati ai bambini

PROGRAMMA STELLE DI NATALE Dal 26 dicembre 2011 all 8 gennaio 2012 straordinari spettacoli e speciali appuntamenti dedicati ai bambini LO SGUARDO SUL COSMO DEL PLANETARIO DI ROMA Comunicato stampa PROGRAMMA STELLE DI NATALE Dal 26 dicembre 2011 all 8 gennaio 2012 straordinari spettacoli e speciali appuntamenti dedicati ai bambini Roma,

Dettagli

IL SISTEMA SOLARE. Obiettivi: Livello linguistico: B1. Strategie di studio: lettura selettiva ATTIVITÁ DI PRE-LETTURA

IL SISTEMA SOLARE. Obiettivi: Livello linguistico: B1. Strategie di studio: lettura selettiva ATTIVITÁ DI PRE-LETTURA IL SISTEMA SOLARE LC.17.03.06 Prerequisiti: conoscenza del sistema metrico decimale e delle figure geometriche conoscenza simboli chimici capacità di lettura di mappe concettuali Obiettivi: fare ipotesi

Dettagli

L osservatorio del Monte Baldo, dispone tra le altre strumentazioni di uno spettroscopio DSS7 Sbig, utilizzato sia a scopi di ricerca che didattci.

L osservatorio del Monte Baldo, dispone tra le altre strumentazioni di uno spettroscopio DSS7 Sbig, utilizzato sia a scopi di ricerca che didattci. Il DSS7 Lo spettroscopio dell Osservatorio Monte Baldo A.Gelodi L osservatorio del Monte Baldo, dispone tra le altre strumentazioni di uno spettroscopio DSS7 Sbig, utilizzato sia a scopi di ricerca che

Dettagli

Progetto ROADr PROGRAMMIAMO LA CAMPAGNA OSSERVATIVA

Progetto ROADr PROGRAMMIAMO LA CAMPAGNA OSSERVATIVA Progetto ROADr PROGRAMMIAMO LA CAMPAGNA OSSERVATIVA 1. Scegliere il tipo di studio, fotometrico (differenziale o assoluta) o astrometrico (ricerca o conferma). E E importante valutare la durata dello studio,

Dettagli

Il Sistema solare Gainotti, Modelli Incontro con le scienze integrate Zanichelli editore 2014

Il Sistema solare Gainotti, Modelli Incontro con le scienze integrate Zanichelli editore 2014 Il Sistema solare In viaggio nello spazio Insieme con altri pianeti la Terra orbita attorno a una stella, il Sole. Il Sole e i pianeti formano il Sistema solare. Il Sistema solare fa parte di una galassia

Dettagli

Ciao! Una sola raccomandazione: non fissare mai il Sole direttamente, può danneggiarti gli occhi!

Ciao! Una sola raccomandazione: non fissare mai il Sole direttamente, può danneggiarti gli occhi! 1 Ciao! Il tuo Osservatorio di Monte Rosa si apre questa mattina e così inizia questa avventura alla scoperta del Cielo, per conoscere e comprendere quel che succede nell Universo, di cui la nostra Terra

Dettagli

Le stelle nascono all'interno di enormi nuvole di gas e polvere, come quella mostrata nella figura a sinistra, dove, a causa di qualche "disturbo"

Le stelle nascono all'interno di enormi nuvole di gas e polvere, come quella mostrata nella figura a sinistra, dove, a causa di qualche disturbo Le stelle nascono all'interno di enormi nuvole di gas e polvere, come quella mostrata nella figura a sinistra, dove, a causa di qualche "disturbo" esterno, si iniziano a formare dei "grumi" più densi che

Dettagli

Il planetario portatile Homestar di Daniele Gasparri

Il planetario portatile Homestar di Daniele Gasparri Il planetario portatile Homestar di Daniele Gasparri il planetario con il cassettino portadischi chiuso. Notate il pannello di controllo, molto semplice da capire, la ghiera per la messa a fuoco, che contorna

Dettagli

TERRA: FORMA E MOVIMENTI

TERRA: FORMA E MOVIMENTI ISTITUTO AMSICORA I.P.I.A. OLBIA TERRA: FORMA E MOVIMENTI PROF.SSA PORTAS NERINA FORMA E MOVIMENTI DELLA TERRA La Terra e' il terzo pianeta del Sistema Solare, ha un raggio di 6378 km e dista dal Sole

Dettagli

La scoperta di 2007 RT6

La scoperta di 2007 RT6 La scoperta di 2007 RT6 di Albino Carbognani albino.carbognani@alice.it Introduzione Il 1 gennaio 1801 Giuseppe Piazzi scopriva, dall Osservatorio di Palermo, il primo asteroide: 1 Ceres, un corpo roccioso

Dettagli

La storia dell'osservazione delle stelle è sempre stata. un mistero, un salto nell'immaginazione che è riuscito ad

La storia dell'osservazione delle stelle è sempre stata. un mistero, un salto nell'immaginazione che è riuscito ad La storia dell'osservazione delle stelle è sempre stata un mistero, un salto nell'immaginazione che è riuscito ad affascinare tutti, soprattutto noi ragazzi. Il cielo è stato pressoché dimenticato per

Dettagli

17. UNO, CENTO, MILLE PIANETI!

17. UNO, CENTO, MILLE PIANETI! 17. UNO, CENTO, MILLE PIANETI! IL TI-ENNE-GI SUL VULCANO Con quella tua giravolta, navicella imbranata, sembravi ubriaca peggio di un pirata! Siamo finiti in un cratere rosso e arancione: ho fame, ho sete

Dettagli

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Relazione sull incontro con Massimo Volante Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Il ciclo della vita di una stella (1) Protostella (2b) Nana bruna (2a) Stella (3) Gigante rossa Sono esaurite le

Dettagli

Percorsi planetario globe

Percorsi planetario globe Percorsi planetario globe Da quest anno c è anche la possibilità di scegliere tra tre filmati FULL DOME: Losing the dark (in italiano), Stars (In italiano), e Back to the Moon for good (In inglese). Quest

Dettagli

INVERNO. Programma di osservazione

INVERNO. Programma di osservazione INVERNO Programma di osservazione 1 Il programma osservativo dell Inverno Tipo Nome Cost A.R. Dec Mag Sep Diam ** Theta1 Ori 05h 36m -05 23 5-6-7-8 13.3 13.1 16.8 ** Delta Ori 05h 32m -00 17 2.0-6.5 53

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

Luna e Pianeti. Programma di osservazione

Luna e Pianeti. Programma di osservazione Luna e Pianeti Programma di osservazione 1 Il programma osservativo Luna e Pianeti Gli antichi osservatori del cielo si resero conto che fra le molte stelle che rimanevano ferme una rispetto all altra,

Dettagli

L osservatorio è collocato all interno del Parco pineta tra Saronno e Varese. Attorno ad esso troviamo un incredibile distesa di alberi.

L osservatorio è collocato all interno del Parco pineta tra Saronno e Varese. Attorno ad esso troviamo un incredibile distesa di alberi. L osservatorio L osservatorio è collocato all interno del Parco pineta tra Saronno e Varese. Attorno ad esso troviamo un incredibile distesa di alberi. All interno troviamo la sala conferenze e i vari

Dettagli

Proposte osservative e didattiche con l Osservatorio Astronomico F. Fuligni

Proposte osservative e didattiche con l Osservatorio Astronomico F. Fuligni Proposte osservative e didattiche con l Osservatorio Astronomico F. Fuligni Rete degli Osservatori didattici e remotizzati Frasso Sabino (RI), 10 novembre 2013 ATA - Presentazione istituzionale 1 Chi siamo

Dettagli

Nascita e morte delle stelle

Nascita e morte delle stelle Nascita e morte delle stelle Se la materia che componeva l universo primordiale fosse stata tutta perfettamente omogenea e diffusa in modo uguale, non esisterebbero né stelle né pianeti. C erano invece

Dettagli

Porta il cielo nelle tue mani...

Porta il cielo nelle tue mani... Porta il cielo nelle tue mani... Depliant.indd 1 11/09/13 10:36 Associazione ONLUS iscritta negli Albi comunale, provinciale e regionale del volontariato senza fini di lucro Facile da raggiungere: Presso

Dettagli

PLANETARIO PROGRAMMA OTTOBRE

PLANETARIO PROGRAMMA OTTOBRE PLANETARIO PROGRAMMA OTTOBRE Arriva l autunno ma gli spettacoli del Planetario di Roma non si fermano. Per tutto il mese si alterneranno storie, immagini, musiche e curiosità sul cosmo e i misteri che

Dettagli

IL SISTEMA SOLARE. laboratorio classe 2^O. a.s. 2002-2003. proff. A. Donello - G. Moro

IL SISTEMA SOLARE. laboratorio classe 2^O. a.s. 2002-2003. proff. A. Donello - G. Moro IL SISTEMA SOLARE laboratorio classe 2^O a.s. 2002-2003 proff. A. Donello - G. Moro PIANETA Corpo oscuro rotante attorno a una stella; in particolare, ciascuno dei corpi maggiori, a eccezione del Sole,

Dettagli

Cinisello Balsamo, 12 febbraio 2010

Cinisello Balsamo, 12 febbraio 2010 LE STELLE DOPPIE Gianluca Sordiglioni GACB Cinisello Balsamo, 12 febbraio 2010 Definizione Due o più stelle legate gravitazionalmente Due o più stelle prospetticamente vicine Doppie fisiche (o binarie)

Dettagli

SETI GALASSIE A GUSCIO IL MISTERO DELLE. «Come sono riuscito a riprendere THEBE, la piccola luna di Giove» GIOVE e VENERE uniti al tramonto

SETI GALASSIE A GUSCIO IL MISTERO DELLE. «Come sono riuscito a riprendere THEBE, la piccola luna di Giove» GIOVE e VENERE uniti al tramonto GIOVE e VENERE uniti al tramonto www.coelum.com I risultati del CONCORSO FOTOGRAFICO Ritratto con Lune di Giove «Come sono riuscito a riprendere THEBE, la piccola luna di Giove» SETI L ULTIMO LIBRO DI

Dettagli

LE STELLE. G. Iafrate (a), M. Ramella (a) e V. Bologna (b) Informazioni e contatti: wwwas.oats.inaf.it/aidawp5 - aidawp5@oats.inaf.

LE STELLE. G. Iafrate (a), M. Ramella (a) e V. Bologna (b) Informazioni e contatti: wwwas.oats.inaf.it/aidawp5 - aidawp5@oats.inaf. LE STELLE G. Iafrate (a), M. Ramella (a) e V. Bologna (b) (a) INAF - Osservatorio Astronomico di Trieste (b) Istituto Comprensivo S. Giovanni Sc. Sec. di primo grado M. Codermatz" - Trieste Questo modulo

Dettagli

Ski Report Pasqua 2008 a Canazei

Ski Report Pasqua 2008 a Canazei Ski Report Pasqua 2008 a Canazei Venerdi' 21 marzo con Giuse si sale sul pordoi tardi (verso le 11) con l'idea di andare sulla mezdi. Poi a Giuse non gli regge di farsi la salita quindi ripieghiamo per

Dettagli

-13 Novembre 2011 ore 21.00: Le zone in ombra sono l Europa, l Asia, quasi tutta l Africa e il Polo Sud.

-13 Novembre 2011 ore 21.00: Le zone in ombra sono l Europa, l Asia, quasi tutta l Africa e il Polo Sud. 1 Sommario RELAZIONE SULLE LEZIONI DI INFORMATICA... 3 Prima lezione: il sito www.fourmilab.it... 3 Vista from Sun e Night Side... 6 L alternarsi del dì e della notte... 7 Diversa durata del dì e della

Dettagli

La scienza delle immagini a colori e dei CCD

La scienza delle immagini a colori e dei CCD INTRODUZIONE SULLE IMMAGINI A COLORI IMMAGINI A COLORI La scienza delle immagini a colori e dei CCD autore: Daniel Duggan traduzione e adattamento Alessandra Zanazzi Pag 1 di 6 Questo progetto è stato

Dettagli

Compendio della Tesi

Compendio della Tesi Compendio della Tesi Le galassie sono sistemi stellari di enormi proporzioni tenuti insieme dall attrazione gravitazionale, e rappresentano, su grande scala, i mattoni costituenti dell Universo. Ciascuna

Dettagli

Il signor Galileo e il suo cannocchiale Laboratorio per la scuola secondaria di. primo grado

Il signor Galileo e il suo cannocchiale Laboratorio per la scuola secondaria di. primo grado Il signor Galileo e il suo cannocchiale Laboratorio per la scuola secondaria di primo grado Premessa per i docenti L'intento con cui è stato preparato questo materiale è quello di fornire i presupposti

Dettagli

Tutorial: Come fotografare la via lattea

Tutorial: Come fotografare la via lattea Tutorial: Come fotografare la via lattea Chi mi segue da tempo saprà certamente che durante i miei viaggi e le mie escursioni ho dedicato molto tempo nella fotografia di paesaggio e sempre più spesso dedico

Dettagli

Martina Zaminato Classe III A A.S. 2012/2013

Martina Zaminato Classe III A A.S. 2012/2013 Martina Zaminato Classe III A A.S. 2012/2013 IL SOLE Tutti prima o poi si chiedono cosa sia il Sole, già da bambini chi non è stato incuriosito dalla nostra stella? Il Sole non è altro che una gigantesca

Dettagli

LA SEQUENZA DI HUBBLE

LA SEQUENZA DI HUBBLE LA SEQUENZA DI HUBBLE G. Iafrate (a), M. Ramella (a) e V. Bologna (b) (a) INAF - Osservatorio Astronomico di Trieste (b) Istituto Comprensivo S. Giovanni - Sc. Sec. di primo grado M. Codermatz" - Trieste

Dettagli

Il pittogramma di Chaco Canyon rappresenta la supernova SN1054?

Il pittogramma di Chaco Canyon rappresenta la supernova SN1054? Il pittogramma di Chaco Canyon rappresenta la supernova SN1054? Immagine: il Grande Kiva di Chetro Ketl, una delle Grandi Case nel Chaco Canyon (New Mexico, USA). Fonte: Chaco Canyon National Historical

Dettagli

CORSO DI ASTROFOTOGRAFIA PRESSO L OSSERVATORIO ASTRONOMICO DI LOIANO

CORSO DI ASTROFOTOGRAFIA PRESSO L OSSERVATORIO ASTRONOMICO DI LOIANO CORSO DI ASTROFOTOGRAFIA PRESSO L OSSERVATORIO ASTRONOMICO DI LOIANO 27-28-29 maggio 2011 Il primo corso di astrofotografia tenuto in un Osservatorio professionale e con riprese di immagini, di profondo

Dettagli

Didascalie Strumenti del Parco Astronomico sulla Rocca di

Didascalie Strumenti del Parco Astronomico sulla Rocca di Comune di Pecetto di Valenza Didascalie Strumenti del Parco Astronomico sulla Rocca di Pecetto di Valenza Progetto, rilevamenti e calcoli di: Luigi Torlai esperto di gnomonica e costruttore di meridiane.

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

Il ruolo degli astrofili per il monitoraggio delle controparti ottiche delle Binarie X di alta massa

Il ruolo degli astrofili per il monitoraggio delle controparti ottiche delle Binarie X di alta massa Il ruolo degli astrofili per il monitoraggio delle controparti ottiche delle Binarie X di alta massa V.F. Polcaro Istituto Nazionale di AstroFisica Istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica Cosmica Roma

Dettagli

1.6 Che cosa vede l astronomo

1.6 Che cosa vede l astronomo 1.6 Che cosa vede l astronomo Stelle in rotazione Nel corso della notte, la Sfera celeste sembra ruotare attorno a noi. Soltanto un punto detto Polo nord celeste resta fermo; esso si trova vicino a una

Dettagli

Se analizziamo quel segnale luminoso possiamo capire parecchie cose sulla sorgente che lo ha emesso (che si chiama sorgente luminosa).

Se analizziamo quel segnale luminoso possiamo capire parecchie cose sulla sorgente che lo ha emesso (che si chiama sorgente luminosa). Ciao a tutti! Il segnale che arriva, sotto forma di luce visibile, è quello che permette di studiare quei puntini luminosi che vediamo in cielo la notte. Se analizziamo quel segnale luminoso possiamo capire

Dettagli

Obiettivogalassie! Premessa per i docenti

Obiettivogalassie! Premessa per i docenti Obiettivo Obiettivogalassie! galassie! Laboratorio Laboratorioper perlalascuola scuolasecondaria secondariadidisecondo secondogrado grado Premessa per i docenti L'intento con cui è stato preparato questo

Dettagli

unità A3. L orientamento e la misura del tempo

unità A3. L orientamento e la misura del tempo giorno Sole osservazione del cielo notte Stella Polare/Croce del sud longitudine in base all ora locale Orientamento coordinate geografiche latitudine altezza della stella Polare altezza del Sole bussola

Dettagli

Web: ParcoAstronomico.it - email: ParcoAstronomico@gmail.com - Infotel 349/8470776! 7 Gennaio 2015. Cometa C/2014 Q2 Lovejoy

Web: ParcoAstronomico.it - email: ParcoAstronomico@gmail.com - Infotel 349/8470776! 7 Gennaio 2015. Cometa C/2014 Q2 Lovejoy SIDEREUS il 1 Parco Astronomico del SALENTO contrada Leopaldi 73050 Salve (LE) Web: ParcoAstronomico.it - email: ParcoAstronomico@gmail.com - Infotel 349/8470776 7 Gennaio 2015 Cometa C/2014 Q2 Lovejoy

Dettagli

Dalla Terra all Universo

Dalla Terra all Universo 1 of 8 Dalla Terra all Universo 00 07 Sentence 1 Trailer Il cielo notturno affascinante e misterioso. Dalla notte dei tempi è il protagonista delle storie raccontate ai fuochi degli accampamenti e dei

Dettagli

La fotografia del Cielo. Strumentazione e tecniche per catturare emozioni

La fotografia del Cielo. Strumentazione e tecniche per catturare emozioni La fotografia del Cielo Strumentazione e tecniche per catturare emozioni Gli strumenti di ripresa digitali webcam CCD Alcuni concetti base Il cielo notturno e gli oggetti che lo popolano hanno solitamente

Dettagli

Punti cardinali Bussola Di giorno Di notte Ricapitolando. A caccia del Nord. L orientamento di giorno e di notte. Daniela Cirrincione

Punti cardinali Bussola Di giorno Di notte Ricapitolando. A caccia del Nord. L orientamento di giorno e di notte. Daniela Cirrincione L orientamento di giorno e di notte Daniela Cirrincione INAF - Osservatorio Astronomico di Palermo G. S. Vaiana 15 maggio 2011 Punti cardinali I punti cardinali sono dei punti di riferimento che indicano

Dettagli

IL SISTEMA SOLARE. Modulo facilitato e didattizzato per studenti stranieri con competenza linguistica di livello A2

IL SISTEMA SOLARE. Modulo facilitato e didattizzato per studenti stranieri con competenza linguistica di livello A2 IL SISTEMA SOLARE Modulo facilitato e didattizzato per studenti stranieri con competenza linguistica di livello A2 A cura di Gaia Pieraccioni e Arianna Canu PER FARSI UN IDEA 1. Li riconosci? Sono,.. e..

Dettagli

IL LATO OSCURO DELL UNIVERSO dov e` la materia che non vediamo? Elena Zucca. INAF - Osservatorio Astronomico di Bologna

IL LATO OSCURO DELL UNIVERSO dov e` la materia che non vediamo? Elena Zucca. INAF - Osservatorio Astronomico di Bologna IL LATO OSCURO DELL UNIVERSO dov e` la materia che non vediamo? Elena Zucca INAF - Osservatorio Astronomico di Bologna Ma l Universo è costituito solo da materia luminosa? La forza di gravità Galileo

Dettagli

SETI GALASSIE A GUSCIO IL MISTERO DELLE. «Come sono riuscito a riprendere THEBE, la piccola luna di Giove» GIOVE e VENERE uniti al tramonto

SETI GALASSIE A GUSCIO IL MISTERO DELLE. «Come sono riuscito a riprendere THEBE, la piccola luna di Giove» GIOVE e VENERE uniti al tramonto GIOVE e VENERE uniti al tramonto www.coelum.com I risultati del CONCORSO FOTOGRAFICO Ritratto con Lune di Giove «Come sono riuscito a riprendere THEBE, la piccola luna di Giove» SETI L ULTIMO LIBRO DI

Dettagli

Ciao! Come fa il Sole a tenere legati i pianeti, gli asteroidi... che pure sono

Ciao! Come fa il Sole a tenere legati i pianeti, gli asteroidi... che pure sono Ciao! La volta scorsa abbiamo detto che il Sistema Solare è una sfera. Abbiamo parlato di tutti gli strati che formano questa sfera, li abbiamo descritti all incirca. Adesso parliamo del Sole! Dicono gli

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

IL SOLE. STRUTTURA del SOLE. CONFRONTO TRA sole e terra. macchie solari SOLE ATTIVO E SOLE TRANQUILLO

IL SOLE. STRUTTURA del SOLE. CONFRONTO TRA sole e terra. macchie solari SOLE ATTIVO E SOLE TRANQUILLO IL SOLE Nell universo ci sono tantissime stelle, ma il Sole è quella più vicina a noi, attorno alla quale ruotiamo insieme agli altri pianeti del sistema solare. E nato circa 5 miliardi di anni fa ed è

Dettagli

Prova di auto-valutazione 2006

Prova di auto-valutazione 2006 Prova di auto-valutazione 2006 Questa prova permette ai candidati di valutare la propria abilità di risolvere problemi e di riconoscere le nozioni mancanti. La correzione sarà fatta dal proprio professore

Dettagli

Circolare n. 01/2006

Circolare n. 01/2006 C.F.F.L.M.P. Planetary Research Team Sede: c/o Osservatorio Astronomico Comunale di S. Giovanni Persiceto - BO Circolare n. 01/2006 a cura di Rodolfo Calanca Indice: Programma osservativo a Loiano per

Dettagli

Perché osservare le binarie ad eclisse

Perché osservare le binarie ad eclisse Perché osservare le binarie ad eclisse Marco Vincenzi Amelia 15-16 maggio 2010 VI Meeting sulle Stelle Variabili SSV UAI GRAV Le binarie ad eclisse, e, più in generale, i sistemi binari si studiano perché

Dettagli

L astronomia X dopo una storia iniziale travagliata sbocciò grazie all ingegno di due scienziati italiani immigrati negli USA: Bruno Rossi e Riccardo

L astronomia X dopo una storia iniziale travagliata sbocciò grazie all ingegno di due scienziati italiani immigrati negli USA: Bruno Rossi e Riccardo L astronomia X dopo una storia iniziale travagliata sbocciò grazie all ingegno di due scienziati italiani immigrati negli USA: Bruno Rossi e Riccardo Giacconi. La prima osservazione astronomica nei raggi

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

NUOVA SERATA: 20 febbraio 2010 (in sostituzione della serata del 13 febbraio)

NUOVA SERATA: 20 febbraio 2010 (in sostituzione della serata del 13 febbraio) TERRE DEL CIELO (e molto altro ) Una serata all Osservatorio di Brera-Merate in diretta sul web alla pagina: www.crabnebula.it L osservazione della Luna, di Marte e del transito del pianeta extrasolare

Dettagli

Guida all utilizzo in remoto del Virtual Telescope

Guida all utilizzo in remoto del Virtual Telescope Guida all utilizzo in remoto del Virtual Telescope A cura di Gianluca Masi Ultima revisione: 9 Aprile 2008 The Virtual Telescope Project Enjoy the Universe from your desktop Il Virtual Telescope è un progetto

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

L analisi della luce degli astri: fotometria e spettrometria

L analisi della luce degli astri: fotometria e spettrometria Università del Salento Progetto Lauree Scientifiche Attività formativa Modulo 1 L analisi della luce degli astri: fotometria e spettrometria Vincenzo Orofino Gruppo di Astrofisica LA LUCE Natura della

Dettagli

Osservazioni di oggetti celesti con un piccolo telescopio.

Osservazioni di oggetti celesti con un piccolo telescopio. Osservazioni di oggetti celesti con un piccolo telescopio. Progetto realizzato per l'a.s. 2007/2008 per gli studenti delle V classi del Liceo Scientifico Copernico. Con questo progetto intendiamo svolgere

Dettagli

Scegli per ciascuna risposta l'alternativa corretta. Scegli per ciascuna risposta l'alternativa corretta

Scegli per ciascuna risposta l'alternativa corretta. Scegli per ciascuna risposta l'alternativa corretta ERIICA La Terra e la Luna Cognome Nome Classe Data I/1 ero o also? L eclisse di Sole è dovuta all ombra della Luna che si proietta sulla Terra Durante un eclisse di Sole la Luna può oscurare il Sole anche

Dettagli

Beta Horologii, di mag. 4,98, è una gigante bianca con una temperatura superficiale di 8500 K e dista 313 a.l.

Beta Horologii, di mag. 4,98, è una gigante bianca con una temperatura superficiale di 8500 K e dista 313 a.l. 1 Nome latino: Horologium (Horologii) Hor Coordinate: A.R. 3 h; Dec.: -55 Superficie: 249 quadrati Fascia di osservabilità: Lat. -90 /+23 Passaggio al meridiano: 25 dicembre Stella alfa: alfa Horologii

Dettagli

Osservazioni astronomiche in remoto in ambiente web collaborativo

Osservazioni astronomiche in remoto in ambiente web collaborativo Università del Salento Dipartimento di Fisica Gruppo di Astrofisica Osservazioni astronomiche in remoto in ambiente web collaborativo D.Licchelli*, A. Blanco*,, M. Bochicchio**, A. Bernardo**, S. Fonti*,

Dettagli

Il transito di Venere (i transiti planetari)

Il transito di Venere (i transiti planetari) La scuola adotta un esperimento per Esperienza InSegna 2012 Il transito di Venere (i transiti planetari) Luigi Scelsi & Antonio Maggio Gli aspetti principali del transito di Venere e dei transiti planetari

Dettagli

Gruppo Astrofili Soresinesi Via Matteotti, 4 26015 SORESINA (CR) tel. 0374 343722 3381169422 e mail: info@osservatoriosoresina.it

Gruppo Astrofili Soresinesi Via Matteotti, 4 26015 SORESINA (CR) tel. 0374 343722 3381169422 e mail: info@osservatoriosoresina.it OSSERVATORIO ASTRONOMICO PUBBLICO DI SORESINA Gruppo Astrofili Soresinesi Via Matteotti, 4 26015 SORESINA (CR) tel. 0374 343722 3381169422 e mail: info@osservatoriosoresina.it Progetto STUDENTI E ASTRONOMIA

Dettagli

raffaele de marinis FOTO PANORAMICHE PIANIFICAZIONE, PRODUZIONE, POSTPRODUZIONE E PRESENTAZIONE

raffaele de marinis FOTO PANORAMICHE PIANIFICAZIONE, PRODUZIONE, POSTPRODUZIONE E PRESENTAZIONE raffaele de marinis FOTO PANORAMICHE PIANIFICAZIONE, PRODUZIONE, POSTPRODUZIONE E PRESENTAZIONE Seconda parte la: PRODUZIONE Nel precedente articolo abbiamo pianificato la panoramica, scegliendo luogo

Dettagli

LA FORMA DELLA TERRA

LA FORMA DELLA TERRA LA FORMA DELLA TERRA La forma approssimativamente sferica della Terra può essere dimostrata con alcune prove fisiche, valide prima che l Uomo osservasse la Terra dallo Spazio: 1 - Avvicinamento di una

Dettagli

Circolare n. 22/2007

Circolare n. 22/2007 Planetary Research Team Associazione Astronomica Nazionale di Liberi Pensatori Sedi: c/o Osservatorio Astronomico Comunale di S. Giovanni Persiceto - BO Italy c/o Osservatorio Astronomico Padre F. De Vico

Dettagli

ORIENTARSI sulla TERRA

ORIENTARSI sulla TERRA ORIENTARSI sulla TERRA significato del termine orientarsi : il termine orientarsi indica letteralmente la capacità di individuare l oriente e fa quindi riferimento alla possibilità di localizzare i quattro

Dettagli

Progetti SCRUTANDO IL CIELO DEL PARCO

Progetti SCRUTANDO IL CIELO DEL PARCO Progetti SCRUTANDO IL CIELO DEL PARCO Sin dai tempi più remoti il cielo ha avuto grande importanza per l uomo. Il cielo è testimone di miti, di leggende di popoli antichi; narra di terre lontane, di costellazioni

Dettagli

Cartografia, topografia e orientamento

Cartografia, topografia e orientamento Cartografia, topografia e orientamento Mappa tratta dall archivio dei musei vaticani ANVVFC,, Presidenza Nazionale, febbraio 2008 pag 1 Orbita terrestre e misura del tempo Tutti sappiamo che la terra non

Dettagli

Moto dei proiettili (1)

Moto dei proiettili (1) Moto dei proiettili (1) Trascurando l attrito dell aria, si osserva, sperimentalmente, che il moto di un proiettile è bidimensionale, cioè avviene in un piano. L unica accelerazione presente è g ed essa

Dettagli