Executive Master in Compliance Management 2009/2010 Lavoro di diploma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Executive Master in Compliance Management 2009/2010 Lavoro di diploma"

Transcript

1 Executive Master in Compliance Management 2009/2010 Lavoro di diploma AUTORIZZAZIONE IN SVIZZERA DI UN INVESTIMENTO COLLETTIVO ESTERO UCITS III AI SENSI DELLA LEGGE FEDERALE SUGLI INVESTIMENTI COLLETTIVI DI CAPITALE Pamela Mazzola* No. 35, novembre 2010 * Compliance officer, Banca del Ceresio SA, Lugano

2 La funzione di Compliance, oramai consolidata anche all interno degli istituti bancari della piazza finanziaria svizzera, in origine si è designata prevalentemente come una funzione di supporto al management in particolare in relazione a problematiche di lotta al riciclaggio di denaro. Negli anni si è poi assistito ad un graduale ampliamento di compiti e competenze e una sempre maggiore tendenza all inserimento del Compliance office nel sistema di controllo interno, peraltro dimostrata dall avvicinamento, anche organico, della funzione all unità di controllo del rischio. Questo nuovo indirizzo, riscontrabile anche nel profilo specialistico degli stessi Compliance officer, ha permesso, fra le altre cose, di superare la contrapposizione tra le esigenze di performance e quelle di conformità, fortemente riscontrata agli albori della creazione della funzione all interno delle banche. Le più recenti analisi di Corporate Governance sono infatti unanime nel considerare che solo attraverso un accurata gestione dei rischi, ed in particolare dei rischi operativi (in relazione ai quali si posiziona anche la figura del Compliance officer), si garantisce la sopravvivenza dell azienda. Il Centro di Studi Bancari, in linea con i propri principi, desidera contribuire alla creazione di una cultura di Compliance, non solo mediante l erogazione di corsi di formazione specialistica, ma anche attraverso la promozione di pubblicazioni tematiche che possono interessare la nostra Piazza finanziaria e che tengano conto degli sviluppi e orientamenti nazionali e internazionali. Il quaderno di ricerca 35 fa parte della serie tematica promossa dal Centro di Competenze Compliance ed é stato selezionato tra i lavori di diploma presentati nell ambito dell edizione del corso di Executive Master in Compliance Management. Il quaderno numero 35 approfondisce in maniera sistematica e descrittiva il tema dell autorizzazione in Svizzera di un investimento collettivo estero UCITS III, ai sensi della Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale. Il quaderno prevede una sintesi storica del concetto di investimento collettivo di capitale, una sommaria presentazione delle fonti giuridiche, dei suoi soggetti e delle tipologie. Di seguito vengono analizzate le problematiche relative alla distribuzione in Svizzera di investimenti collettivi di capitale esteri, dedicando un apposito capitolo alla procedura autorizzativa e proponendo un confronto con altri stati dell UE. La parte finale è dedicata ad una riflessione sugli sviluppi in corso e sull impatto degli stessi sull industria svizzera degli investimenti collettivi. Centro di competenze legal & compliance Tamara Erez Le idee espresse in questo quaderno sono di natura personale e non riflettono necessariamente le opinioni dei rappresentanti del Centro di Studi Bancari

3 INDICE Bibliografia e siti internet 1 Norme applicabili 2 Sigle e abbreviazioni 3 Introduzione e riassunto 4 Introduzione e cenni storici 5 PARTE I: QUADRO LEGALE E SUA EVOLUZIONE Un po di Storia La legge Federale sugli investimenti collettivi di capitale e relative ordinanze esecutorie Scopo della LICoL Campo di applicazione della LICoL Dalla definizione di fondo d investimento alla definizione di investimento collettivo Definizioni e tipologie degli investimenti Principio dela protezione differenziata degli investitori e nozione di investitore qualificato Appello al pubblico L Autoregolamentazione in materia di investimenti collettivi Autoregolamentazione emessa dall autorità di sorveglianza Autoregolazione emessa dalla Swiss Funds Association 17 PARTE II: DISTRIBUZIONE IN SVIZZERA DI INVESTIMENTI COLLETTIVI DI CAPITALI ESTERI Obbligo di ottenere un autorizzazione per l investimento collettivo estero Attori dei fondi esteri Rappresentante in Svizzera Nomina dei distributori Ufficio di pagamento 21 PARTE III: QUADRO LEGALE E SUA EVOLUZIONE Definizione tecnica di investimento collettivo a comparti multipli Domanda di autorizzazione Lo Swiss Finish Deposito delle domande Deposito ai fini di nuova autorizzazione e principali problemi che si incontrano Deposito a fini di notifica 29 PARTE IV: CONFRONTO CON ALTRI STATI DELL UNIONE EUROPEA Registrazione e notifica in Francia Registrazione e notifica in Austria Registrazione e notifica in Italia Registrazione e notifica in Germania Registrazione e notifica in Svezia Registrazione in Spagna 33

4 PARTE V: SVILUPPI FUTURI E IMPATTO SULL INDUSTRIA SVIZZERA DEGLI INVESTIMENTI COLLETTIVI Excursus I: Direttiva Europea sugli organismi di investimento collettivo ( UCITS IV ) Excursus II: Direttiva Europea sui fondi alternativi ( AIFMD ) Excursus III: U.S. Foreign Account Tax Compliance Act ( FATCA ) Excursus IV: Dodd Frank Wall Street Reform and Cunsomer Protection Act 40 ALLEGATI 1. Modello SFA dell Allegato per gli investitori in Svizzera Guida Pratica Finma per le richieste di autorizzazione e le richieste di modifica di investimenti collettivi di capitale eurocompatibili UCITS III Modello CESR del Key Investor Information Document 51

5 BIBLIOGRAFIA E SITI INTERNET Swiss Funds Association SFA, KAG-Atlas, Basilea, 1997 PricewaterhouseCoopers, Placements collectifs de capitaux en Suisse - 2.eme edition, Ginevra, 2009 Deloitte SA, Investimenti collettivi di capitale, Svizzera, 2007 Florence Fauth Rota, Sfide per la funzione Compliance presso un distributore o un rappresentante di fondi d investimento esteri in Svizzera, Lugano, 2006 Yann Wermeile, Presentazione Investimenti collettivi di capitale, Vezia, 2009 Isaia D Amelio, Presentazione Istituti LICol nel contesto europeo, Vezia, 2009 Bizzozero, P. Genazzi, Modulo 12: Compliance nell ambito della legislazione sui fondi di investimento, Vezia, 2009 J.S. Lassonde, S. Terranova, L UCITS IV ou le renforcement de l industrie européenne des fonds de placaments, da: PWC Flash Financial Services, pagg. 9-14, Ginevra, 2009 KPMG, RBC Dexia, UCITS IV: Which business model for tomorrow?, Luxembourg, 2009 KBL European Private Bankers S.A., KBL Newsletter October 2010, Luxembourg, 2010 Deloitte, Elvinger, Hoss & Prussen, Presentazione UCITS IV and its practical implications, Londra, Luxembourg, 2010 Deloitte, E. Dungwort, Z. Hart, Presentazione Fund Regulatory Changes Asset Managers, Londra, 2010 SFA, M. D. Otter, Presentazione AIFMD/UCITS IV Prospettive e soluzioni, Lugano, 2010 SFA, M. Thommen, Y. Mentha, Presentazione Investment funds related regulatory and tax developments in Europe and the US and their impact on Switzerland, Zurigo, 2010 Swissbanking, Zirkular n Foreign Account Tax Compliance Act of 2009 (FATCA), IRS Notice von , Basilea, 2010 Raccolta sistematica del diritto federale: Autorità di vigilanza sui mercati finanziari FINMA: Swiss Funds Association SFA: https://www.sfa.ch/ Archivio Commissione Federale delle Banche: Dipartimento Federale delle Finanze: Swissbanking: https://www.sba.ch (incluso accesso ristretto: https://www.sbvg.ch) CSSF: CONSOB: AMF: BAFIN: FMA: FI: CNMV: Wikipedia: CESR: 1

6 NORME APPLICABILI Leggi e ordinanze: Legge federale del 23 giugno 2006 sugli investimenti collettivi di capitale (RS ) Ordinanza del 22 novembre 2006 sugli investimenti collettivi di capitale (RS ) Ordinanza del 21 dicembre 2006 dell autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari sugli investimenti collettivi di capitale (RS ) Circolari FINMA in materia di investimenti collettivi di capitale, in particolare: Circ. FINMA 08/8 Appello pubblico ai sensi della legislazione sugli investimenti collettivi di capitale Autoregolamentazione FINMA, in particolare: Guida pratica FINMA datata Guide pratique pour des requêtes concernant l autorisation d un représentant de placements collectifs étrangers, les modifications au sein du représentant, le changement de représentant Guida pratica FINMA datata , Guide pratique pour des requêtes concernant l approbation des documents afférents au placement collectif étranger qui remplit les conditions de la directive 85/611/CEE, telle que modifiée par les deux directives 2001/107/CE et 2001/108/CE (directive UCITS III) et les modifications des documents afférents au placement collectif étranger Autoregolamentazione e documenti modello SFA 2

7 SIGLE E ABBREVIAZIONI art. segg. cpv. rif. cap. par. ed. pag. circ. articolo seguenti capoverso riferimento capitolo paragrafo edizione pagina circolare LFI Legge federale del 18 marzo 1994 sui fondi di investimento (RS ) LICol Legge federale del 23 giugno 2006 sugli investimenti collettivi di capitale (RS ) OICol Ordinanza del 22 novembre 2006 sugli investimenti collettivi di capitale (RS ) OICol-FINMA Ordinanza del 21 dicembre 2006 dell autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari sugli investimenti collettivi di capitale (RS ) LRD Legge federale del 10 ottobre 1997 sul riciclaggio di denaro (RS 955.0) LBVM Legge federale del 24 marzo 1995 sulle borse e il commercio di valori mobiliari (RS 954.1) LBCR Legge federale dell 8 novembre sulle banche (RS 952.0) MiFID AIFMD FATCA Markets in Financial Instruments Directive Alternative Investment Funds Managers Directive U.S. Foreign Account Tax Compliance Act FINMA CFB SFA CSSF AMF FMA CONSOB BAFIN FI CNMV FSA SFA CESR IRS SEC DFF CODIFI OCIVM SICAV SICAF SAIC KIID Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari Commissione Federale delle Banche Swiss Funds Association Commission de Surveillance du Secteur Financier Autorité des Marché Financiers Österreichische Finanzmarktaufsicht Commissione Nazionale per le Società e la Borsa Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht Swedish Finansinspektionen Comisión Nacional del Mercado de Valores Financial Services Authority Swiss Funds Association Committee of European Securities Regulators US Internal Revenue Service US Securities and Exchange Commission Dipartimento federale delle finanze Comitato di direzione dialogo sulla piazza finanziaria Organismo di investimento collettivo in valori mobiliari Società di investimento a capitale variabile Società di investimento a capitale fisso Società in accomandita per investimenti collettivi Key Investor Information Document 3

8 1 Introduzione e riassunto Il tema scelto per questo lavoro trae spunto dall attività quotidiana dell Ufficio Legal & Compliance di Banca del Ceresio SA, un istituto bancario svizzero costituito nel 1958 attivo fin dagli anni 60 nel campo degli investimenti collettivi di capitale, in particolare nella gestione di investimenti collettivi, hedge funds e ricerca e selezione di gestori di talento. La proprietà ha una lunga tradizione nel settore finanziario. A partire dagli inizi del 1900, aveva iniziato all estero l'attività di gestione patrimoniale, negoziazione di titoli e valute sopratutto a livello internazionale. Oltre alle attività di core business della Banca, dal 1999, anno in cui è stata fondata e promossa dall istituto, la Banca del Ceresio è Rappresentante in Svizzera di una SICAV multicomparto e multi-advisor di diritto lussemburghese, che è gestita dall affiliata di Londra Belgrave Capital Management Ltd., una società di gestione sottoposta alla sorveglianza della FSA 1 inglese. Trattandosi di una SICAV autogestita, il Sig. Raffaele Martinelli, Head del Legal & Compliance della Banca, è stato nominato General Manager dal Consiglio di Amministrazione della società. I suoi compiti principali in seno alla SICAV sono la supervisone dei rischi e la supervisione delle attività legali e di marketing e distribuzione, ivi compresa la tenuta dei contatti e la gestione dei rapporti con le varie autorità di sorveglianza. La mia principale attività giornaliera consiste nell occuparmi delle attività della Banca legate alla Rappresentanza in Svizzera della SICAV e nell affiancare il Sig. Martinelli nelle sue attività di General Manager per la SICAV. Come noto, l industria degli investimenti collettivi di capitale ha un ruolo di prim ordine nei mercati finanziari internazionali. A livello nazionale, il mercato degli investimenti collettivi offre un ampio ventaglio di prodotti svizzeri e esteri, che coprono mercati, strumenti finanziari e strategie d investimento diversi, alfine di raggiungere, soddisfare e proteggere le diverse tipologie di investitori. Per permettere agli investitori di utilizzare il prodotto investimento collettivo in modo efficiente, sicuro e trasparente, occorre una regolamentazione del prodotto stesso e del mercato di riferimento. In Svizzera, l investimento collettivo è l unico prodotto finanziario regolamentato (la prima regolamentazione degli investimenti collettivi risale già al 1966), e la struttura della regolamentazione è complessa ed estesa. A livello nazionale, grande importanza è ricoperta dagli investimenti collettivi esteri, che rappresentano ca. l 80% del mercato. Un investimento collettivo estero, per essere offerto o distribuito al pubblico in Svizzera deve ricevere un autorizzazione da parte dell autorità di sorveglianza, e deve rispondere a precisi requisiti legali per poterla ottenere. Anche la struttura della regolamentazione relativa alla distribuzione al pubblico è estesa e complessa, e diversi sono gli attori che intervengono. 1 Financial Services Authority, FSA 4

9 Molto spesso, gli istituti finanziari svizzeri ricoprono non solo la funzione di distributore di investimenti collettivi, ma fungono anche da promotore di investimenti collettivi esteri e ricoprono i ruoli di Rappresentante e di Ufficio di pagamento in Svizzera degli investimenti collettivi promossi. In tal caso, tali istituti finanziari sono coinvolti nella direzione dell investimento collettivo all estero, con lo scopo di vegliare affinché i requisiti della regolamentazione svizzera relativa alla distribuzione siano rispettati dalla direzione dell investimento collettivo stesso. Questi compiti spettano alla funzione compliance. Poiché nell ottobre del 2006, la mia collega Avv. Florance Fauth Rota aveva scritto e pubblicato il suo lavoro di diploma, dal titolo Sfide per la funzione compliance presso un distributore o un rappresentante di fondi di investimento esteri in Svizzera Analisi in base al diritto vigente e alla nuova LICol, per l Executive Master in Compliance Management , e il tema del suo lavoro è molto legato alla mia attività quotidiana, nonché, come detto, l industria degli investimenti collettivi di capitale ha un ruolo di prim ordine nei mercati finanziari internazionali e nazionali, ho pensato di scrivere questo lavoro prendendo spunto dal suo. Quando Florence ha scritto il suo lavoro, era in vigore la vecchia normativa del 1994 sui fondi di investimento. La nuova legge, attualmente in vigore, era in fase di progetto ed era imminente la sua entrata in vigore, e già il suo lavoro ne includeva alcuni excursus. Ho quindi deciso di iniziare il mio lavoro seguendo liberamente la struttura da lei data al suo lavoro e facendo un aggiornamento del suo, per poi staccarmi nella parte centrale e indirizzando il mio lavoro verso la tecnicità delle procedure di autorizzazione degli investimenti collettivi di capitale esteri UCITS III. Il mio lavoro, come quello di Florence, inizia quindi con la descrizione del quadro legale svizzero ed europeo, e dell evoluzione che tale quadro legale ha avuto nel corso degli anni. In questa parte passo in rassegna e descrivo le modifiche avvenute alla normativa svizzera con l entrata in vigore della nuova legge e le principali differenze con la vecchia. Nel secondo capitolo, siccome, come si vedrà, per quanto concerne le norme riferite agli investimenti collettivi esteri, la nuova legge non ha apportato modifiche sostanziali, mi limiterò a riassumere l essenziale dei requisiti legali relativi alla distribuzione di investimenti collettivi di capitale esteri in Svizzera, in quanto tema centrale del lavoro scritto dalla mia collega. Nel terzo capitolo mi addentrerò nel tema principale del mio lavoro e tratterò in modo più approfondito la tecnicità e le procedure di autorizzazione in Svizzera di un investimento collettivo estero UCITS III. In questo capitolo, riprendendo poi l argomento dell evoluzione storica che ha avuto in questi anni la normativa elvetica, non potrò tralasciare di dedicare un paragrafo alla questione del cosiddetto Swiss finish, che ha creato non pochi grattacapi ai Rappresentanti in Svizzera di investimenti collettivi di capitale esteri e che, anche se formalmente abolita, continua di fatto ad influenzare la prassi dell autorità di vigilanza. Riferendomi alla mia esperienza descriverò inoltre un caso pratico relativo alle procedure di richiesta di autorizzazione in Svizzera per un investimento collettivo estero UCITS III. 5

10 Nel quarto capitolo, sempre riferendomi alla mia esperienza, elencherò le procedure di notifica e registrazione dell investimento collettivo UCITS III ai fini della distribuzione al pubblico presso le autorità di sorveglianza di alcuni Paesi europei, alfine di fare un confronto con le procedure svizzere. Concluderò poi il lavoro accennando brevemente alla probabile evoluzione che si prospetta nel prossimo futuro con la riforma della Direttiva europea sugli organismi di investimento collettivo, votata dalla Commissione Europea il , dopo un ampia procedura di consultazione, e che sarà alla base del nuovo ordinamento UCITS IV. Infine accennerò anche ad altre direttive che avranno importanti ripercussioni nell ambito degli investimenti collettivi: la Direttiva europea sui fondi alternativi AIFMD e le nuove normative americane FATCA e Dodd- Frank Act. 6

11 1. Quadro legale e sua evoluzione L industria degli investimenti collettivi di capitale ha un ruolo di prim ordine nei mercati finanziari internazionali. A livello nazionale, il mercato degli investimenti collettivi offre un ampio ventaglio di prodotti svizzeri e esteri, che coprono mercati, strumenti finanziari e strategie d investimento diversi, alfine di raggiungere, soddisfare e proteggere le diverse tipologie di investitori. Per permettere agli investitori di utilizzare il prodotto investimento collettivo in modo efficiente, sicuro e trasparente, occorre una regolamentazione del prodotto stesso e del mercato di riferimento. Inoltre, occorre pure che il prodotto stesso nonché gli attori coinvolti nel mercato siano assoggettati ad una vigilanza da parte delle autorità di sorveglianza. In Svizzera, l investimento collettivo è l unico prodotto finanziario regolamentato e la struttura della regolamentazione è complessa ed estesa. Il quadro legale presenta alla sommità una legge quadro, e le relative ordinanze, seguite ad un secondo livello, da norme emanate dall autorità di sorveglianza (FINMA, o CFB, relativamente a quando farò riferimento all autorità di vigilanza prima del ) 2 sottoforma di direttive o circolari, e, ad un livello più dettagliato, norme di autoregolamentazione consistenti in direttive e regole di condotta emanate dalla Swiss Funds Association (SFA) 3. Tali strumenti di autoregolamentazione sono considerate dalla FINMA come standard minimo. La Tavola 1 seguente rappresenta graficamente la struttura della regolamentazione degli investimenti collettivi in Svizzera 4. 2 La Commissione Federale delle Banche (CFB), l Ufficio federale delle assicurazioni private (UFAP) e l Autorità di controllo per la lotta contro il riciclaggio di denaro (AdC LRD), con l entrata in vigore della Legge federale sulla vigilanza dei mercati finanziari LFINMA il , sono state riunite in un unica autorità, l Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (FINMA), incaricata della vigilanza statale su banche, imprese di assicurazione, borse, commercianti di beni mobiliari e altri intermediari finanziari. 3 L a Swiss Funds Association (SFA) è l organizzazione professionale di categoria dell industria degli investimenti collettivi. È stata fondata nel 1992 allo scopo di promuovere e difendere i diritti degli investimenti collettivi e della gestione patrimoniale istituzionale, in Svizzera e all estero. 4 Fonte: PricewaterhouseCoopers, Placements collectives de capitaux en Suisse, 2.eme édition

12 1.1. Un po di storia La prima regolamentazione degli investimenti collettivi in Svizzera risale al 1966 ed era stata creata allo scopo di garantire la tutela degli interessi degli investitori. Più tardi, alfine di adeguare la normativa svizzera alla Direttiva europea 85/611/CE sugli organismi di investimento collettivo in valori mobiliari (OICVM) del dicembre 1985, meglio nota come ordinamento UCITS I, la legge del 1966 è stata aggiornata e, il 1. gennaio 1995, sostituita dalla Legge federale sui fondi di investimento (LFI). La prima direttiva europea, che aveva come obiettivi assicurare la protezione degli investitori e creare un mercato unico europeo per i prodotti di gestione collettiva, prevedeva dei minimi normativi per quanto concerneva l autorizzazione, il controllo, la struttura, l attività e le informazioni da pubblicare sul prodotto; tali principi dovevano essere recepiti dai diversi Stati dell Unione Europea. Nel 2001, la Direttiva europea del 1985 è stata modificata con l introduzione di due nuove direttive: la Direttiva europea 2001/107/CE sulle prestazioni di servizi, e la Direttiva europea 2001/108/CE sui prodotti. Queste due direttive, adottate dal Consiglio d Europa il 21 gennaio 2002, sono in parte meno restrittive della direttiva precedente e hanno l obiettivo di tutelare maggiormente gli investitori, rinforzare il mercato unico europeo tramite il cosiddetto passaporto europeo sui prodotti, e assicurare la solvibilità delle società di gestione alfine di contribuire alla stabilità del sistema finanziario. Le nuove direttive europee aggiungevano ai requisiti minimi imposti della vecchia direttiva del 1985 altri requisiti, quali l estensione della definizione di valore mobiliare, l estensione dell attività delle società di gestione - il cui scopo principale restava la gestione di investimenti collettivi di capitale ma poteva ora fornire anche le prestazioni di consulenza agli investimenti, gestione tecnica di investimenti collettivi di capitale e gestione patrimoniale - la riconoscimento reciproco delle società di gestione autorizzate dalle autorità di sorveglianza dei singoli Paesi dell Unione, il capitale minimo iniziale necessario e i fondi propri aggiuntivi, e, infine, l obbligo di pubblicazione di un prospetto semplificato. Gli organismi di investimento collettivo esistenti hanno dovuto così adattarsi al nuovo diritto europeo, denominato ordinamento UCITS III, alfine di potersi garantire l eurocompatibilità, assicurarsi il cosiddetto passaporto europeo e il conseguente accesso al mercato dei diversi Stati membri dell Unione Europea. Con l entrata in vigore del nuovo ordinamento UCITS III, la LFI e i fondi d investimento svizzeri, non risultavano però più essere eurocompatibili. Di conseguenza, la Svizzera ha considerato opportuno procedere ad una revisione della normativa locale per favorire il riconoscimento degli investimenti collettivi svizzeri da parte delle autorità di sorveglianza dei paesi dell Unione. Il Parlamento ha quindi proceduto ad una revisione totale della legge allora in vigore. Attraverso tale revisione il legislatore ha voluto essenzialmente perseguire i seguenti obiettivi: 8

13 aumentare l attrattiva e promuovere la competitività della piazza svizzera dei fondi d investimento, istituendo in particolare nuove forme giuridiche per gli investimenti collettivi di capitale, e ristabilire la compatibilità della legislazione svizzera concernente i fondi di investimento con le norme europee. 5 Dopo una preparazione relativamente lunga, entra così in vigore il 1. gennaio 2007 la nuova Legge Federale sugli Investimenti Collettivi di Capitale (LICol) e le relative ordinanze esecutorie: Ordinanza sugli Investimenti Collettivi di Capitale (OICol) e Ordinanza della Commissione Federale delle Banche sugli Investimenti Collettivi di Capitale (OICol-CFB) 6. Nei successivi paragrafi intendo passare in rassegna l evoluzione della normativa ed elencare le principali modifiche intervenute con l entrata in vigore della LICol, riferendomi al lavoro scritto dalla mia collega e riprendendone in parte la struttura La Legge Federale sugli Investimenti Collettivi di Capitale e relative ordinanze esecutorie La LICol è stata concepita come legge quadro e si limita quindi ad illustrare le disposizioni legali fondamentali. L OICol e l OICol-FINMA chiarificano i concetti, completano le definizioni e specificano, in particolare, i dettagli in merito alle prescrizioni di investimento relativi agli investimenti collettivi. L OICol- FINMA, inoltre, fra le varie direttive dettagliate, regola gli impegni in strumenti finanziari derivati, le prescrizioni in materia di pubblicazione e le prescrizioni in materia di audit Scopo della LICol La LICol ha [...] lo scopo di proteggere gli investitori e di garantire la trasparenza e il buon funzionamento del mercato degli investimenti collettivi di capitale. 7 Tale scopo è da raggiungere per il tramite di una protezione differenziata degli investitori, ora distinti tra investitori ordinari e investitori qualificati: a questi ultimi, come si leggerà in seguito, possono essere riservati determinati prodotti. 5 Yann Wermeile, FINMA, Resp. dipartimento ICC, presentazione Investimenti collettivi di capitale, Centro Studi Bancari Vezia, Rinominata Ordinanza dell Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari sugli Investimenti Collettivi di Capitale (OICol- FINMA) dopo il Art. 1 LICol 9

14 Campo di applicazione della LICol Il campo di applicazione della legge è stato ampliato secondo il principio same business, same risks, same rules. Segnatamente: Sottostanno alla presente legge (n.d.a LICol), a prescindere dalla loro forma giuridica, gli investimenti collettivi di capitale e tutte le persone che gestiscono o custodiscono tali investimenti. [...] Sottostanno alle pertinenti disposizioni della presente legge (art. 119 segg.), a prescindere dalla loro forma giuridica, gli investimenti collettivi di capitale esteri per i quali si fa appello al pubblico in Svizzera o dalla Svizzera. 8 La LICol, a differenza della LFI che assoggettava solo le forme d investimento contrattuale, prevede l assoggettamento di tutte le forme di investimenti collettivi di capitale aperti e chiusi, le società di investimento a capitale variabile (SICAV), le società di investimento a capitale fisso (SICAF) e le società in accomandita per investimenti collettivi (SAIC), parificando così il trattamento degli investimenti collettivi, siano essi svizzeri che esteri. La LICol, con gli artt. 4 e 5, regolamenta inoltre, limitatamente ad alcuni aspetti, i portafogli collettivi interni delle banche (art. 4) e i prodotti strutturati (art. 5). Questi prodotti non sono però soggetti ad approvazione della FINMA. Non sono invece sottoposti alla LICol gli istituti e le istituzioni ausiliarie della previdenza professionale, comprese le fondazioni di investimento, gli istituti delle assicurazioni sociali e le casse di compensazione, gli enti e gli stabilimenti di diritto pubblico, le società operative che svolgono un attività imprenditoriale, le società holding, le società quotate, i club di investimento, le associazioni e le fondazioni Dalla definizione di fondo d investimento alla definizione di investimento collettivo La LFI differenziava la definizione di fondo d investimento tra fondo d investimento svizzero e fondo d investimento estero. Ai sensi dell art. 2 cpv. 2 LFI, il fondo di investimento svizzero era definito come gli apporti degli investitori in seguito ad un appello pubblico in vista di un investimento collettivo ed è gestito da una direzione, per conto degli investitori, di norma secondo il principio della ripartizione dei rischi, ed era tipo aperto (open-end). La legge suddivideva poi i fondi in diverse tipologie, sia dal punto di vista degli investimenti e tecniche autorizzate, che dal punto di vista economico. 9 8 Art. 2 cpv. 1 e Art. 2 cpv. 4 LICol 9 Rif. da F. Fauth Rota Sfide per la funzione Compliance presso un distributore o un rappresentante di fondi d investimento esteri in Svizzera, Cap. 2 - Definizione di investimento collettivo, Par Fondi d investimento svizzeri 10

15 La definizione di fondo di investimento estero era invece molto più estesa e comprendeva, secondo l art. 44 cpv. 2 e l art. 5 LFI: i fondi costituiti sulla base di un contratto di investimento collettivo gestiti da una direzione con sede e amministrazione all estero, le società con sede e amministrazione all estero che hanno per scopo l investimento collettivo, gli altri fondi o società esteri sottoposti nel loro Paese d origine a sorveglianza sui fondi di investimento, e qualunque veicolo di investimento estero che contiene una denominazione analoga a fondo di investimento che poteva indurre in errore o portare a confusione. 10 Nella normativa attuale, la definizione di fondo di investimento viene ridefinita come una categoria 11 della più ampia nuova definizione di investimento collettivo di capitale. Ai sensi dell art. 7 cpv. 1 LICol, Gli investimenti collettivi di capitale sono patrimoni accumulati da più investitori in vista del loro investimento comune e gestiti per loro conto. Le esigenze di investimento sono soddisfatte in modo proporzionato. Gli elementi costitutivi della definizione di investimenti collettivi sono dunque: dei patrimoni accumulati, quindi il capitale apportato può essere di diversa natura; da più investitori, quindi è necessaria una pluralità di investitori; per un investimento comune, quindi l investimento è gestito in modo omogeneo per tutti gli investitori; che è gestito per loro conto, quindi la gestione è affidata ad un terzo mediante un mandato collettivo Definizioni e tipologie degli investimenti collettivi secondo la LICol Come già specificato nel precedente paragrafo 1.2.2, la legge prevede che gli investimenti collettivi possano essere organizzati in forma contrattuale e in forma corporativa. Gli investimenti collettivi organizzati in forma contrattuale (art. 25 e segg. LICol), sono i vecchi fondi di investimento, che non hanno personalità giuridica propria. Gli investitori stipulano con la direzione e la banca depositaria un contratto che descrive i diritti e gli obblighi delle parti in merito all investimento collettivo, e ricevono quote pari alla proporzione di investimento effettuato. Gli investimenti collettivi organizzati in forma corporativa hanno invece personalità giuridica. L investitore è un azionista o un associato e riceve azioni pari alla proporzione di investimento fatto. I diritti e gli obblighi degli azionisti e dell investimento collettivo sono regolati dagli statuti della società. 10 Rif. da F. Fauth Rota Sfide per la funzione Compliance presso un distributore o un rappresentante di fondi d investimento esteri in Svizzera, Cap. 2 - Definizione di investimento collettivo Par Fondi d investimento esteri 11 Art. 53 LICol - I fondi in valori mobiliari sono investimenti collettivi di capitale aperti che collocano i loro mezzi in valori mobiliari e corrispondono alla legislazione delle Comunità europee. 11

16 La legge distingue poi fra gli investimenti collettivi di capitale aperti (open-end) e quelli chiusi (closeend). La normativa identifica la tipologia facendo riferimento alle condizioni di riscatto da parte dell investitore dall investimento collettivo. Dagli investimenti collettivi aperti gli investitori vantano un diritto immediato o mediato al rimborso al valore netto di inventario (art. 8 LICol). Nel caso degli investimenti collettivi di capitale chiusi, invece, gli investitori non vantano nei confronti del patrimonio collettivo alcun diritto immediato o mediato al rimborso delle loro quote (art. 9 LICol). L investitore, quindi, può uscire dall investimento collettivo solo per cessione o vendita delle quote ad un prezzo di mercato. La legge prevede inoltre quattro diverse strutture di investimento collettivo aperto, a dipendenza delle prescrizioni in materia di investimento: i fondi in valori mobiliari (art. 53 e segg. LICol) 12, sono i fondi eurocompatibili, le cui prescrizioni riprendono l ordinamento UCITS III; i fondi immobiliari (art. 58 e segg. LICol) 13 ; gli altri fondi per investimenti tradizionali (art. 70 LICol) 14 ; gli altri fondi per investimenti alternativi (art. 71 LICol) 15. La Tavola 2 seguente rappresenta graficamente l applicazione della LICol alle diverse forme di investimenti collettivi in Svizzera Art. 53 Definizione - I fondi in valori mobiliari sono investimenti collettivi di capitale aperti che collocano i loro mezzi in valori mobiliari e corrispondono alla legislazione delle Comunità europee. 13 Art. 58 Definizione - I fondi immobiliari sono investimenti collettivi di capitale aperti che collocano i loro mezzi in valori immobiliari. 14 Art. 70 cpv.1 - Si considerano altri fondi per investimenti tradizionali gli investimenti collettivi di capitale aperti i cui investimenti, tecniche e limitazioni di investimento presentano un profilo di rischio tipico per gli investimenti tradizionali. 15 Art. 71 cpv. 1 - Si considerano altri fondi per investimenti alternativi gli investimenti collettivi di capitale aperti i cui investimenti, struttura, tecniche di investimento (vendite a scoperto, assunzione di crediti ecc.) e limitazioni di investimento presentano un profilo di rischio tipico per gli investimenti alternativi. 16 Fonte: Swiss Funds Association SFA, KAG-Atlas, marzo

17 Per quanto concerne le norme riferite agli investimenti collettivi esteri, la LICol non ha apportato modifiche particolari, se non per quanto riguarda la definizione di investitore qualificato e quella di appello al pubblico. Entrambi i concetti, di cui si parlerà nei prossimi paragrafi, sono particolarmente rilevanti per quanto concerne gli investimenti collettivi esteri, in quanto nozioni chiave per la loro distribuzione in Svizzera Principio della protezione differenziata degli investitori e nozione di investitore qualificato Come definito dallo scopo stesso della legge, fra le modifiche apportate con la nuova LICol, si è voluto ancorare nella normativa il principio della protezione differenziata degli investitori, definendo gli investitori cosiddetti qualificati e riservando loro specifici investimenti collettivi o classi di quote di un investimento collettivo (art. 10 e art. 40 cpv. 3 LICol). Tali investimenti collettivi hanno una protezione ridotta dell investitore e possono presentare ad es.: la rinuncia a particolari diritti dell investitore, deroghe legali alle prescrizioni di investimento, maggiori rischi, documentazione semplificata, ecc. La nozione di investitore qualificato definita dalla legge, rispetto a quella sancita nell allora Circolare CFB 03/1 Appel au public/fonds de placament 17 e derivante della prassi della CFB, di cui parlerò nel prossimo paragrafo, è stata ampliata a più categorie. Ai sensi dell art. 10 cpv. 3 LICol, il termine di investitore qualificato comprende investitori istituzionali (banche, assicurazioni, ecc.) e privati facoltosi. Inoltre sono considerati qualificati gli investitori che hanno sottoscritto un mandato di gestione patrimoniale con un intermediario finanziario. L art. 6 OICol completa la definizione, specificando poi a sua volta: la definizione di privato facoltoso, ossia colui che conferma per iscritto di disporre di investimenti finanziari (bankable assets) per almeno CHF 2 mio netti, e le condizioni per cui, i gestori patrimoniali esterni possono essere considerati qualificati: secondo tale disposizione questi ultimi devono essere sottoposti alla legge sul riciclaggio di denaro, essere sottoposti alle norme di comportamento e avere un contratto scritto di mandato di gestione con i propri clienti, conforme alle direttive riconosciute da un organizzazione professionale di categoria e riconosciute come standard minimi dalla FINMA. La definizione LICol di investitore qualificato, quindi, tenuto conto dei dettagli specificati nell OICol, è riportata qui di seguito: a. Si considerano Investitori Qualificati segnatamente: b. gli intermediari finanziari sottoposti a vigilanza; c. gli istituti di assicurazione sottoposti a vigilanza; d. gli enti di diritto pubblico e gli istituti di previdenza con tesoreria professionale; 17 ora Circolare FINMA 08/8 Appello pubblico ai sensi della legislazione sugli investimenti collettivi di capitale 13

18 e. le imprese con tesoreria professionale; f. i privati facoltosi, ovvero la persona che conferma per scritto a un intermediario finanziario sottoposto a vigilanza o a un gerente patrimoniale indipendente di cui al pto. g, di disporre direttamente o indirettamente, al momento dell acquisizione, di investimenti finanziari per almeno CHF ; g. gli investitori che hanno concluso un contratto di gestione patrimoniale con un intermediario finanziario di cui alla lettera a. h. gli investitori che hanno concluso un contratto di gestione patrimoniale con un gestore patrimoniale se il gestore patrimoniale è sottoposti, in qualità di intermediario finanziario, alla Legge federale sul riciclaggio di denaro (LRD), sottostà alle norme di comportamento di un organizzazione settoriale riconosciute come standard minimi dall autorità di vigilanza e stipula contratti di gestione patrimoniale conformi alle direttive riconosciute di un organizzazione settoriale. La Tavola 3 seguente rappresenta graficamente la definizione di investitore qualificato ai sensi dell art. 10 cpv. 3 LICol e art. 6 OICol Appello al pubblico Come detto in precedenza, e come definito nel campo di applicazione della legge stessa (art. 2 cpv. 4 LICol), la nozione di appello al pubblico è particolarmente rilevante per gli investimenti collettivi esteri. Infatti: sottostanno alle pertinenti disposizioni della LICol (art. 119 segg.), a prescindere dalla loro forma giuridica, gli investimenti collettivi di capitale esteri per i quali si fa appello al pubblico in Svizzera o dalla Svizzera. In effetti, la definizione di appello al pubblico data dalla LICol è piuttosto scarna. L art. 3 LICol cita: È considerata appello al pubblico ai sensi della presente legge ogni pubblicità rivolta al pubblico. Non è considerata pubblicità, in particolare, la pubblicazione di prezzi, corsi e valori d inventario allestita da intermediari finanziari sottoposti a vigilanza. Non è considerata appello al pubblico la pubblicità rivolta esclusivamente a investitori qualificati secondo l articolo 10 capoverso Fonte: Swiss Funds Association SFA, KAG-Atlas, marzo

19 Come già in passato, e come già detto in riferimento alla nozione di investitore qualificato, la prassi dell autorità di sorveglianza, definita nella Circolare FINMA 08/8 Appello pubblico ai sensi della legislazione sugli investimenti collettivi di capitale, è determinate per completarne la nozione. La circolare stabilisce in quali casi vi sia un appello al pubblico che determina l obbligo si ottenere un autorizzazione per gli investimenti collettivi esteri e/o per l attività di distribuzione. Viene inoltre definito in quali casi è permessa la distribuzione di quote di investimenti collettivi esteri senza autorizzazione. 19 La circolare era già stata modificata nel 2006, per tenere conto del primo progetto della LICol e introdurre il concetto di privato facoltoso, ma è stata in seguito nuovamente modificata dopo l entrata in vigore della LICol. In sostanza, sulla base delle nuove prescrizioni di legge, oltre ai riferimenti alle basi legali e alla terminologia, la circolare è stata modificata per integrare i punti che seguono: I. Nella definizione di appello è stata integrata la disposizione che specifica che la pubblicazione di corsi, dati fiscali e performance di prodotti non autorizzati, quando non arreca indicazioni e coordinate di contatto, non è considerata appello. II. Nella legislazione è stato soppresso l elemento quantitativo nella nozione di pubblico, ovvero la cerchia ristretta di persone (equiparata a 20 dalla giurisprudenza). Di conseguenza, nella nuova versione della circolare, ogni appello è considerato come pubblico, fatta eccezione quando è diretto ad investitori qualificati o che vi sia presenza di un mandato di gestione patrimoniale. In sostanza, contattare un solo cliente che non rientra nella categoria di investitori qualificati è già considerato come un appello al pubblico che presuppone un autorizzazione. III. Poiché la nozione di investitore qualificato è stata allargata a più categorie, la struttura della circolare è stata modificata alfine di elencare le categorie alle quali l offerta di investimenti collettivi di capitale non autorizzati non è considerata appello pubblico e di integrare un capitolo con la definizione dettagliata della categoria privato facoltoso. IV. In merito alla nozione di privato facoltoso la circolare: lo definisce come un individuo che conferma per iscritto di possedere CHF 2 mio netti in investimenti finanziari ; elenca gli investimenti autorizzati e non autorizzati per il calcolo del capitale investito; determina che la dichiarazione dell esistenza del capitale posseduto deve avvenire al più tardi al momento in cui il prodotto è offerto e che tale dichiarazione deve essere verificata in qualsiasi momento quando vi è sospetto, constatazione o certezza che tale requisito non è adempiuto; specifica che è possibile rinunciare alla precedente dichiarazione quando gli investimenti finanziari sono depositati presso l offerente. 19 Rif. da F. Fauth Rota Sfide per la funzione Compliance presso un distributore o un rappresentante di fondi d investimento esteri in Svizzera, Cap. 3 - Distribuzione in Svizzera di investimenti collettivi esteri, Par Definizione di appello al pubblico 15

20 V. Il capitolo sui portafogli collettivi interni è stato adattato nel senso che essi, oltre che dalle banche, possono essere costituiti anche dai negozianti di valori mobiliari ai sensi della LBVM. 20 Per il resto, per quanto concerne invece i capitoli relativi l obbligo di ottenere l autorizzazione alla distribuzione e all uso di Internet, i termini della Circolare rimangono invariati L autoregolamentazione in materia di investimenti collettivi Autoregolamentazione emessa dall autorità di sorveglianza La FINMA esercita la sorveglianza in Svizzera sugli investimenti collettivi di capitale. Alla FINMA compete il rilascio delle autorizzazioni dei prodotti e degli istituti, così come prescritto dalla legge, e la sorveglianza del rispetto delle disposizioni legali, contrattuali, statutarie e regolamentari. La FINMA regola l applicazione della normativa per mezzo di circolari e per mezzo dell applicazione della prassi. In materia di investimenti collettivi di capitale, oltre alla già citata circolare FINMA 08/8 Appello al pubblico, sono pure da citare: Circ. FINMA 08/10 Norme di autoregolamentazione riconosciute come standard minimo dalla FINMA Circ. FINMA 08/37 Delega di compiti da parte della direzione del fondo e della SICAV Circ. FINMA 08/38 Regole di condotta sul mercato del commercio di valori mobiliari Circ. FINMA 08/41 Questioni in materia di audit, che modifica parzialmente, in materia di investimenti collettivi, la Circ. CFB 05/3 Società di audit, la Circ. CFB 07/1 Audit secondo la LICol e la Circ. CFB 07/2 Rapporto di audit secondo la LICol. 21 La FINMA ha inoltre pubblicato una serie di guide pratiche 22 come ausilio agli operatori del settore per la preparazione della documentazione da sottoporre per le richieste di autorizzazione e far fronte agli obblighi a cui devono sottostare gli istituti e i prodotti a cui è rilasciata un autorizzazione. 23 Parte di questi documenti esistevano già prima dell entrata in vigore della LICol. Essi hanno quindi dovuto essere rivisti e aggiornati ai nuovi requisiti di legge. 20 Legge federale del 24 marzo 1995 sulle borse e il commercio di valori mobiliari, LBVM 21 Le Circ. CFB 05/3, Circ. CFB 07/1 e la Circ. CFB 07/2 restano in vigore per tutto quanto non modificato dalla Circ. FINMA 08/ Prima dell entrata in vigore della LICol, le guide pratiche prendevano il titolo di Direttive. Con la riedizione la FINMA ha deciso di rinominarle guide pratiche. 23 Rif. elenco sul sito internet della FINMA: 16

Gestori di investimenti collettivi di capitale

Gestori di investimenti collettivi di capitale Comunicazione FINMA 34 (2012), 23 gennaio 2012 Gestori di investimenti collettivi di capitale Mercati Einsteinstrasse 2, 3003 Berna tel. +41 (0)31 327 91 00, fax +41 (0)31 327 91 01 www.finma.ch A205545/GB-M/M-AM1

Dettagli

Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale

Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale (Legge sugli investimenti collettivi, LICol) 951.31 del 23 giugno 2006 (Stato 1 giugno 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera;

Dettagli

Proposte della Commissione del Consiglio degli Stati del 24.4.2012 Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale

Proposte della Commissione del Consiglio degli Stati del 24.4.2012 Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale Proposte della Commissione del Consiglio degli Stati del 24.4.2012 Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale (, LICol) Modifica del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto

Dettagli

Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale

Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale (Legge sugli investimenti collettivi, LICol) 951.31 del 23 giugno 2006 (Stato 1 gennaio 2014) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera;

Dettagli

Leggi, ordinanze e circolari

Leggi, ordinanze e circolari Informazioni specifiche Fiscalità negli investimenti collettivi di capitale Dicembre 2009 I Introduzione Gli aspetti di diritto fiscale svolgono un ruolo chiave per tutti coloro che operano sul mercato

Dettagli

Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale

Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale (Legge sugli investimenti collettivi, LICol) 951.31 del 23 giugno 2006 (Stato 1 gennaio 2007) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera;

Dettagli

IL FONDO IMMOBILIARE DI DIRITTO SVIZZERO

IL FONDO IMMOBILIARE DI DIRITTO SVIZZERO L&F LAW AND FINANCE IL FONDO IMMOBILIARE DI DIRITTO SVIZZERO Seminario SVIT TICINO MLaw Daniel Rempfler Lugano, 1 marzo 2012 Indice 1. Tipologie di fondi 2. Fondi aperti e chiusi 3. Fondo contrattuale

Dettagli

Circolare 2008/3 Depositi del pubblico presso istituti non bancari

Circolare 2008/3 Depositi del pubblico presso istituti non bancari Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e cong. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzioni di fondi SICAV Società

Dettagli

Revisione interna nel settore assicurativo

Revisione interna nel settore assicurativo Circolare 2008/35 Revisione interna assicuratori Revisione interna nel settore assicurativo Riferimento: Circ. FINMA 08/35 «Revisione interna assicuratori» Data: 20 novembre 2008 Entrata in vigore: 1 gennaio

Dettagli

Ordinanza sugli investimenti collettivi di capitale

Ordinanza sugli investimenti collettivi di capitale Ordinanza sugli investimenti collettivi di capitale (Ordinanza sugli investimenti collettivi, OICol) 951.311 del 22 novembre 2006 (Stato 1 gennaio 2014) Il Consiglio federale svizzero, vista la legge del

Dettagli

Riconoscimento degli istituti di valutazione del merito creditizio (agenzie di rating del credito)

Riconoscimento degli istituti di valutazione del merito creditizio (agenzie di rating del credito) Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e congl. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzioni di fondi SICAV Società

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Circolare 2011/2 Margine di fondi propri e pianificazione del capitale banche

Circolare 2011/2 Margine di fondi propri e pianificazione del capitale banche Circolare 2011/2 Margine di fondi propri e pianificazione del capitale banche Margine di fondi propri e pianificazione del capitale nel settore bancario Riferimento: Circ. FINMA 11/2 «Margine di fondi

Dettagli

Accreditamento delle società di revisione LRD esterne

Accreditamento delle società di revisione LRD esterne Dipartimento federale delle finanze DFF Amministrazione federale delle finanze AFF Autorità di controllo per la lotta contro il riciclaggio di denaro Circolare 2004/1 del 6 dicembre 2004 (Versione del

Dettagli

Circolare 2013/9 Distribuzione di investimenti collettivi di capitale

Circolare 2013/9 Distribuzione di investimenti collettivi di capitale Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e congl. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzioni di fondi SICAV Società

Dettagli

IVA e imposte indirette Nuova prassi concernente gli investimenti collettivi di capitale

IVA e imposte indirette Nuova prassi concernente gli investimenti collettivi di capitale 34 IVA e imposte indirette Nuova prassi concernente gli investimenti collettivi di capitale Marco Molino Laureato in legge all Università di Friburgo, dottorato in diritto tributario Docente in diritto

Dettagli

Rendiconto sulla solvibilità I di gruppi e conglomerati assicurativi

Rendiconto sulla solvibilità I di gruppi e conglomerati assicurativi Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e congl. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzioni di fondi SICAV Società

Dettagli

Ordinanza sugli investimenti collettivi di capitale

Ordinanza sugli investimenti collettivi di capitale Ordinanza sugli investimenti collettivi di capitale (Ordinanza sugli investimenti collettivi, OICol) 951.311 del 22 novembre 2006 (Stato 1 marzo 2009) Il Consiglio federale svizzero, vista la legge del

Dettagli

Circolare 2008/1 Obbligo di autorizzazione e di notifica banche

Circolare 2008/1 Obbligo di autorizzazione e di notifica banche Circolare 2008/1 Obbligo di autorizzazione e di notifica banche Fatti soggetti ad autorizzazione o ad obbligo di notifica in ambito di borse, banche, commercianti di valori mobiliari e società di audit

Dettagli

Istruzioni per l applicazione delle funzioni di vigilanza da parte di incaricati (stato: maggio 2007)

Istruzioni per l applicazione delle funzioni di vigilanza da parte di incaricati (stato: maggio 2007) Istruzioni per l applicazione delle funzioni di vigilanza da parte di incaricati (stato: maggio 2007) La Commissione federale delle banche (CFB) è responsabile per l applicazione delle normative sulla

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Ordinanza concernente l esercizio a titolo professionale dell attività di intermediazione finanziaria

Ordinanza concernente l esercizio a titolo professionale dell attività di intermediazione finanziaria Ordinanza concernente l esercizio a titolo professionale dell attività di intermediazione finanziaria (OAIF) 955.071 del 18 novembre 2009 (Stato 1 gennaio 2010) Il Consiglio federale svizzero, visto l

Dettagli

Gestori di investimenti collettivi di capitale (LICol) Istruzioni per la compilazione del rilevamento dei dati - Edizione 2015

Gestori di investimenti collettivi di capitale (LICol) Istruzioni per la compilazione del rilevamento dei dati - Edizione 2015 13 febbraio 2015 Gestori di investimenti collettivi di capitale (LICol) Istruzioni per la compilazione del rilevamento dei dati - Edizione 2015 Laupenstrasse 27, 3003 Berna tel. +41 (0)31 327 91 00, fax

Dettagli

COMMUNITY INVESTING FUND

COMMUNITY INVESTING FUND COMMUNITY INVESTING FUND PROSPETTO INFORMATIVO SEMPLIFICATO Giugno 2009 Prospetto pubblicato mediante deposito presso l Archivio Prospetti della Consob in data 13 novembre 2009 Il presente Prospetto è

Dettagli

Aprile 2014. 2003/41/CE e 2009/65/CE e i Regolamenti (CE) n. 1060/2009 e (UE) n. 1095/2010.

Aprile 2014. 2003/41/CE e 2009/65/CE e i Regolamenti (CE) n. 1060/2009 e (UE) n. 1095/2010. Aprile 2014 Recepimento della AIFMD in Italia e spunti EMIR Laura Francazi, Allen & Overy Il decreto legislativo 1 che recepisce in Italia le disposizioni della direttiva europea sui gestori di fondi di

Dettagli

Regolamento degli investimenti della Tellco fondazione di libero passaggio

Regolamento degli investimenti della Tellco fondazione di libero passaggio Regolamento degli investimenti della Tellco fondazione di libero passaggio valevoli dal 01.03.2013 Tellco fondazione di libero passaggio Bahnhofstrasse 4 Casella postale 713 CH-6413 Svitto t + 41 41 817

Dettagli

Ordinanza sui fondi propri e sulla ripartizione dei rischi delle banche e dei commercianti di valori mobiliari

Ordinanza sui fondi propri e sulla ripartizione dei rischi delle banche e dei commercianti di valori mobiliari Ordinanza sui fondi propri e sulla ripartizione dei rischi delle banche e dei commercianti di valori mobiliari (Ordinanza sui fondi propri, OFoP) Modifica del Il Consiglio federale svizzero, ordina: I

Dettagli

Provvedimenti di carattere generale delle autorità creditizie Sezione II - Banca d'italia

Provvedimenti di carattere generale delle autorità creditizie Sezione II - Banca d'italia Comunicazione del 25 marzo 2015. Recepimento della direttiva 2011/61/UE (AIFMD). Modifiche alla disciplina in materia di risparmio gestito. Adempimenti per le SGR che intendono essere iscritte all'albo

Dettagli

Circolare 2011/3 Riserve tecniche riassicurazione. Riserve tecniche nella riassicurazione

Circolare 2011/3 Riserve tecniche riassicurazione. Riserve tecniche nella riassicurazione Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e congl. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzioni di fondi SICAV Società

Dettagli

LE SICAF: UNA NUOVA FORMA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

LE SICAF: UNA NUOVA FORMA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO regolazione LE SICAF: UNA NUOVA FORMA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Luigi Rizzi * Le Società di Investimento a Capitale Fisso (SICAF) rappresentano una delle principali novità della direttiva AIFM.

Dettagli

Indice. I. Scopo nm. 1. II. Campo di applicazione nm. 2-3. III. Principi nm. 4-11. IV. Costituzione delle provvisioni tecniche nm.

Indice. I. Scopo nm. 1. II. Campo di applicazione nm. 2-3. III. Principi nm. 4-11. IV. Costituzione delle provvisioni tecniche nm. Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e congl. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzioni di fondi SICAV Società

Dettagli

6 luglio 2011 Modifica della legge sugli investimenti collettivi (LICol)

6 luglio 2011 Modifica della legge sugli investimenti collettivi (LICol) 6 luglio 2011 Modifica della legge sugli investimenti collettivi (LICol) Rapporto esplicativo sull avamprogetto posto in consultazione Compendio Dall entrata in vigore nel 2007 della legge federale del

Dettagli

Key Investor Information Document (KIID)

Key Investor Information Document (KIID) Key Investor Information Document (KIID) Guida alle novità sui documenti di vendita QUESTIONS & ANSWERS Introduzione al KIID 1. Cos è il KIID e qual è il suo obiettivo? Il KIID (Key Investor Information

Dettagli

Circolare 1/2014 concernente l assicurazione interna della qualità nelle imprese di revisione (Circ. 1/2014)

Circolare 1/2014 concernente l assicurazione interna della qualità nelle imprese di revisione (Circ. 1/2014) Autorità federale di sorveglianza dei revisori ASR Circolare 1/2014 concernente l assicurazione interna della qualità nelle imprese di revisione (Circ. 1/2014) del 24 novembre 2014 Sommario I. Situazione

Dettagli

LEONARDO INVEST Leonardo European Bond Opportunities Société d'investissement à capital variable Lussemburgo PROSPETTO SEMPLIFICATO Maggio 2010

LEONARDO INVEST Leonardo European Bond Opportunities Société d'investissement à capital variable Lussemburgo PROSPETTO SEMPLIFICATO Maggio 2010 LEONARDO INVEST Leonardo European Bond Opportunities Société d'investissement à capital variable Lussemburgo PROSPETTO SEMPLIFICATO Maggio 2010 - 2 - Prospetto Informativo depositato presso la Consob in

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Regolamento d investimento

Regolamento d investimento Regolamento d investimento Liberty Fondazione di libero passaggio Sommario Art. 1 Scopo Art. 2 Principi d investimento degli averi Art. 3 Direttive di gestione degli investimenti patrimoniali Art. 4 Investimenti

Dettagli

IL MONDO DEI FONDI LUSSEMBURGHESI Operazioni vincenti e nuovi trend

IL MONDO DEI FONDI LUSSEMBURGHESI Operazioni vincenti e nuovi trend Lugano, 20 Gennaio 2015 IL MONDO DEI FONDI LUSSEMBURGHESI Operazioni vincenti e nuovi trend Avv. Oriana Magnano 1 Lugano, 20 Gennaio 2015 IL LUSSEMBURGO UNA SITUAZIONE STRATEGICA 2 Introduzione UNA POSIZIONE

Dettagli

Promemoria concernente l assicurazione sulla vita vincolata a partecipazioni

Promemoria concernente l assicurazione sulla vita vincolata a partecipazioni Dipartimento federale delle finanze DFF Ufficio federale delle assicurazioni private UFAP Promemoria concernente l assicurazione sulla vita vincolata a partecipazioni Stato: 1 maggio 2008 1. Situazione

Dettagli

Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Perspectiva per la previdenza professionale. Edizione gennaio 2015

Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Perspectiva per la previdenza professionale. Edizione gennaio 2015 Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Perspectiva per la previdenza professionale Edizione gennaio 2015 2 Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Perspectiva per la previdenza

Dettagli

a) Disposizioni preliminari operative di Consob del 6 luglio 2011 in attesa del nuovo emanando Regolamento Consob Emittenti

a) Disposizioni preliminari operative di Consob del 6 luglio 2011 in attesa del nuovo emanando Regolamento Consob Emittenti CIRCOLARE n. 1/2011 RISERVATA AI CLIENTI E AI CORRISPONDENTI DELLO STUDIO GHIDINI, GIRINO & ASSOCIATI www.ghidini-associati.it (N.B. La presente circolare è meramente informativa e non costituisce parere)

Dettagli

The Royal Bank of Scotland N.V.

The Royal Bank of Scotland N.V. Il testo che segue costituisce la traduzione in lingua italiana delle Condizioni Definitive ( Final Terms ) relative al prestito obbligazionario FINO A EURO 30.000.000 OBBLIGAZIONE STEP UP CALLABLE (codice

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

Luglio 2014 Direttive concernenti i requisiti minimi per i finanziamenti ipotecari

Luglio 2014 Direttive concernenti i requisiti minimi per i finanziamenti ipotecari Luglio Direttive concernenti i requisiti minimi per i finanziamenti ipotecari Sommario Introduzione... 2 1. Ambito di applicazione... 3 2. Requisiti minimi... 3 2.1 Mezzi propri... 3 2.2 Ammortamento...

Dettagli

Regolamento per gli investimenti della Tellco Pensinvest

Regolamento per gli investimenti della Tellco Pensinvest Regolamento per gli investimenti della Tellco Pensinvest valevoli dal 09.12.2014 Tellco Pensinvest Bahnhofstrasse 4 Postfach 434 CH-6431 Schwyz t + 41 41 817 70 50 f + 41 41 817 70 55 tellco.ch Indice

Dettagli

741.622 Ordinanza sugli addetti alla sicurezza per il trasporto di merci pericolose su strada, per ferrovia e per via navigabile

741.622 Ordinanza sugli addetti alla sicurezza per il trasporto di merci pericolose su strada, per ferrovia e per via navigabile Ordinanza sugli addetti alla sicurezza per il trasporto di merci pericolose su strada, per ferrovia e per via navigabile (Ordinanza sugli addetti alla sicurezza, OSAS) del 15 giugno 2001 (Stato 1 gennaio

Dettagli

Tutela dei clienti al point of sale e vigilanza unitaria sugli operatori finanziari nell ambito di una legge sui servizi finanziari

Tutela dei clienti al point of sale e vigilanza unitaria sugli operatori finanziari nell ambito di una legge sui servizi finanziari Point de Presse, 10 novembre 2010, Zurigo Dott. Patrick Raaflaub, Direttore Tutela dei clienti al point of sale e vigilanza unitaria sugli operatori finanziari nell ambito di una legge sui servizi finanziari

Dettagli

Strategia per la piazza finanziaria obblighi di diligenza estesi per impedire l accettazione di valori patrimoniali non dichiarati

Strategia per la piazza finanziaria obblighi di diligenza estesi per impedire l accettazione di valori patrimoniali non dichiarati Dipartimento federale delle finanze DFF Segreteria generale DFF Servizio giuridico DFF 27 febbraio 2013 Strategia per la piazza finanziaria obblighi di diligenza estesi per impedire l accettazione di valori

Dettagli

Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Trigona per la previdenza professionale. (Edizione gennaio 2014)

Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Trigona per la previdenza professionale. (Edizione gennaio 2014) Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Trigona per la previdenza professionale (Edizione gennaio 2014) 2 Regolamento d investimento Indice 1. Basi 3 2. Gestione del patrimonio 3 3. Obiettivi

Dettagli

AIFMD NOVITÀ INTRODOTTE CON I DECRETI ATTUATIVI: AMBITI DI APPLICAZIONE E PROFILI DI GOVERNANCE

AIFMD NOVITÀ INTRODOTTE CON I DECRETI ATTUATIVI: AMBITI DI APPLICAZIONE E PROFILI DI GOVERNANCE AIFMD NOVITÀ INTRODOTTE CON I DECRETI ATTUATIVI: AMBITI DI APPLICAZIONE E PROFILI DI GOVERNANCE Partner di: Private Equity LAB Associato a: Shadow Banking e AIFMD G20 Pittsburgh 2009 Rivedere l intero

Dettagli

Ordinanza della CFB sui fondi d investimento

Ordinanza della CFB sui fondi d investimento Ordinanza della CFB sui fondi d investimento (OFI-CFB) Modifica del 24 novembre 2004 La Commissione federale delle banche (CFB) ordina: I L ordinanza della CFB del 24 gennaio 2001 1 sui fondi d investimento

Dettagli

741.622 Ordinanza sugli addetti alla sicurezza per il trasporto di merci pericolose su strada, per ferrovia e per via navigabile

741.622 Ordinanza sugli addetti alla sicurezza per il trasporto di merci pericolose su strada, per ferrovia e per via navigabile Ordinanza sugli addetti alla sicurezza per il trasporto di merci pericolose su strada, per ferrovia e per via navigabile (Ordinanza sugli addetti alla sicurezza, OSAS) del 15 giugno 2001 (Stato 19 dicembre

Dettagli

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Policy Sulla classificazione della clientela Data ultima modifica 29/03/2016 Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Approvato da : Consiglio di Amministrazione Massimo

Dettagli

Statuto BSI SA BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873. Indice. I. Ragione sociale, sede e scopo della società 1. II. Capitale azionario, azioni 1

Statuto BSI SA BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873. Indice. I. Ragione sociale, sede e scopo della società 1. II. Capitale azionario, azioni 1 BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873 Statuto BSI SA 19 aprile 2012 Indice I. Ragione sociale, sede e scopo della società 1 II. Capitale azionario, azioni 1 III. Organi della società 2 IV. Conti annuali, riserve

Dettagli

Transazioni immobiliari e riciclaggio di denaro Recenti sviluppi. Lugano, 16 ottobre 2013

Transazioni immobiliari e riciclaggio di denaro Recenti sviluppi. Lugano, 16 ottobre 2013 Transazioni immobiliari e riciclaggio di denaro Recenti sviluppi Lugano, 16 ottobre 2013 STRUTTURA I. Introduzione II. III. IV. Analisi del rischio Legislazione attuale Informazioni sugli ultimi sviluppi

Dettagli

AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 30/2014. del 29 agosto 2014

AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 30/2014. del 29 agosto 2014 AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 30/2014 del 29 agosto 2014 1) OICVM: pubblicata nella Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea la Direttiva 2014/91/UE di modifica della Direttiva 2009/65/CE 2) CRD IV: pubblicato

Dettagli

ABN AMRO Bank N.V. (incorporata in Olanda con sede legale ad Amsterdam)

ABN AMRO Bank N.V. (incorporata in Olanda con sede legale ad Amsterdam) Il testo che segue costituisce la traduzione in lingua italiana delle Condizioni Definitive ( Final Terms ) relative al prestito obbligazionario FINO A EURO 40.000.000 TASSO FISSO 2009-2013 NOTES (codice

Dettagli

I soggetti che operano nel mercato finanziario. Francesca Mattassoglio

I soggetti che operano nel mercato finanziario. Francesca Mattassoglio I soggetti che operano nel mercato finanziario Francesca Mattassoglio Art. 18 TUF 1. L'esercizio professionale nei confronti del pubblico dei servizi e delle attività di investimento è riservato alle imprese

Dettagli

La legge sulla vigilanza dei mercati finanziari e la FINMA

La legge sulla vigilanza dei mercati finanziari e la FINMA La legge sulla vigilanza dei mercati finanziari e la FINMA Avv. Lars Schlichting, LL.M., Commissione federale delle banche (presentazione liberamente tratta dalla relazione tenuta a Zurigo dal Dr. Urs

Dettagli

The Royal Bank of Scotland N.V.

The Royal Bank of Scotland N.V. Il testo che segue costituisce la traduzione in lingua italiana delle Condizioni Definitive ( Final Terms ) relative al prestito obbligazionario FINO A EURO 20.000.000 OBBLIGAZIONE FISSO VARIABILE (codice

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 19.6.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 175/11 III (Atti preparatori) BANCA CENTRALE EUROPEA PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 25 aprile 2012 in merito alla proposta di regolamento del

Dettagli

Circolare 2008/42 Riserve tecniche assicurazione contro i danni. Riserve tecniche nell assicurazione contro i danni

Circolare 2008/42 Riserve tecniche assicurazione contro i danni. Riserve tecniche nell assicurazione contro i danni Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e congl. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzioni di fondi SICAV Società

Dettagli

del 22 agosto 1996 (ultima modifica: 20 maggio 2008)

del 22 agosto 1996 (ultima modifica: 20 maggio 2008) Circ.-CFB 96/4 Depositi del pubblico presso istituti non bancari Pagina Circolare della Commissione federale delle banche: Accettazione a titolo professionale di depositi del pubblico da parte di istituti

Dettagli

Ordinanza sugli investimenti collettivi di capitale

Ordinanza sugli investimenti collettivi di capitale Ordinanza sugli investimenti collettivi di capitale (Ordinanza sugli investimenti collettivi, OICol) del... (Stato il 7.07.2006) Il Consiglio federale svizzero, vista la legge del 23 giugno 2006 1 sugli

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE DATATE 15 MAGGIO 2008 FINO AD EURO 80.000.000 ZERO COUPON NOTES 13/06/2013 PREZZO D EMISSIONE: 82,565%

CONDIZIONI DEFINITIVE DATATE 15 MAGGIO 2008 FINO AD EURO 80.000.000 ZERO COUPON NOTES 13/06/2013 PREZZO D EMISSIONE: 82,565% Il testo che segue costituisce la traduzione in lingua italiana delle Condizioni Definitive ( Final Terms ) relative al prestito obbligazionario FINO A EURO 80.000.000 ZERO COUPON NOTES 13/06/2013 (codice

Dettagli

Giugno 2013. La Direttiva sui Gestori di Fondi di Investimento Alternativi (AIFMD): impianto normativo e impatto per l industria italiana dei fondi

Giugno 2013. La Direttiva sui Gestori di Fondi di Investimento Alternativi (AIFMD): impianto normativo e impatto per l industria italiana dei fondi Giugno 2013 La Direttiva sui Gestori di Fondi di Investimento Alternativi (AIFMD): impianto normativo e impatto per l industria italiana dei fondi Avv. Simona Sapienza, Caiazzo Donnini Pappalardo & Associati

Dettagli

Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Documento sintetico relativo alla SGR e ai servizi dalla stessa prestati

Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Documento sintetico relativo alla SGR e ai servizi dalla stessa prestati Documento sintetico relativo alla SGR e ai servizi dalla stessa prestati Premessa La Direttiva dell'unione Europea MiFID (2004/39/CE), acronimo di Markets in Financial Instruments Directive, ha modificato,

Dettagli

Legge federale sull organizzazione dell azienda delle telecomunicazioni della Confederazione

Legge federale sull organizzazione dell azienda delle telecomunicazioni della Confederazione Legge federale sull organizzazione dell azienda delle telecomunicazioni della Confederazione (Legge sull azienda delle telecomunicazioni, LATC) 784.11 del 30 aprile 1997 (Stato 3 ottobre 2000) L Assemblea

Dettagli

Legge federale sulla Cassa pensioni della Confederazione

Legge federale sulla Cassa pensioni della Confederazione Legge federale sulla Cassa pensioni della Confederazione (Legge sulla CPC) Disegno del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 34 quater e 85 numeri 1 e 3 della Costituzione

Dettagli

Informazioni chiave per gli investitori

Informazioni chiave per gli investitori Informazioni chiave per gli investitori Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo Comparto. Non si tratta di un documento

Dettagli

Linee guida per la regolamentazione dei mercati finanziari

Linee guida per la regolamentazione dei mercati finanziari 3 luglio 2013 Linee guida per la regolamentazione dei mercati finanziari Einsteinstrasse 2, 3003 Berna Tel. +41 (0)31 327 91 00, fax +41 (0)31 327 91 01 www.finma.ch A18124 Indice Obiettivi della regolamentazione

Dettagli

Circolare 2008/12 Principio della porta girevole previdenza professionale

Circolare 2008/12 Principio della porta girevole previdenza professionale Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e congl. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzioni di fondi SICAV Società

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

Transazioni immobiliari e riciclaggio di denaro Recenti sviluppi

Transazioni immobiliari e riciclaggio di denaro Recenti sviluppi Transazioni immobiliari e riciclaggio di denaro Recenti sviluppi Avv. Davide Jermini, notaio Studio legale Walder Wyss SA Lugano, 15 ottobre 2014 STRUTTURA I. Introduzione II. III. IV. Analisi del rischio

Dettagli

(Ordinanza FINMA sul riciclaggio di denaro, ORD-FINMA)

(Ordinanza FINMA sul riciclaggio di denaro, ORD-FINMA) Ordinanza dell Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari sulla lotta contro il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo nel settore finanziario (Ordinanza FINMA sul riciclaggio

Dettagli

Recepimento in Italia della Direttiva 2011/61/UE (AIFMD - Alternative Investment Fund Managers Directive)

Recepimento in Italia della Direttiva 2011/61/UE (AIFMD - Alternative Investment Fund Managers Directive) FLASH REPORT Recepimento in Italia della Direttiva 2011/61/UE (AIFMD - Alternative Investment Fund Managers Directive) Overview e Focus sul Sistema di Gestione del Rischio Marzo 2015 Introduzione all AIFMD

Dettagli

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento Sezione Terza I Fondi comuni di investimento 369. Nella valutazione dei beni del fondo comune di investimento, il valore degli strumenti finanziari ammessi alle negoziazioni su mercati regolamentati è

Dettagli

Wealth & Tax Planning Escrow Service

Wealth & Tax Planning Escrow Service Wealth & Tax Planning Escrow Service Le parti di Escrow Service Struttura semplificata Depositante A = Venditore Es. contratto di compravendita Depositante B = Acquirente Contratto escrow Rilascio del

Dettagli

Per chi non subisce i mercati LI CONTROLLA

Per chi non subisce i mercati LI CONTROLLA Per chi non subisce i mercati LI CONTROLLA Atomo Global Flexible Comparto di Atomo Sicav www.atomosicav.com Atomo Global Flexible è un fondo globale, flessibile che investe nelle classi di investimento

Dettagli

Osservazioni relative alle proposte di modifica del TUF

Osservazioni relative alle proposte di modifica del TUF Risposta ABI alla consultazione del Dipartimento del Tesoro sullo schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva 2009/65/CE, concernente il coordinamento delle disposizioni legislative,

Dettagli

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Delibera del Consiglio di Amministrazione del 19 Febbraio 2016 Premessa In conformità alle disposizioni di cui all Allegato 3 del Regolamento Intermediari CONSOB

Dettagli

05.072. Messaggio concernente la legge federale sugli investimenti collettivi di capitale. (Legge sugli investimenti collettivi di capitale)

05.072. Messaggio concernente la legge federale sugli investimenti collettivi di capitale. (Legge sugli investimenti collettivi di capitale) 05.072 Messaggio concernente la legge federale sugli investimenti collettivi di capitale (Legge sugli investimenti collettivi di capitale) del 23 settembre 2005 Onorevoli presidenti e consiglieri, con

Dettagli

Ordinanza sulle borse e il commercio di valori mobiliari

Ordinanza sulle borse e il commercio di valori mobiliari Ordinanza sulle borse e il commercio di valori mobiliari (Ordinanza sulle borse, OBVM) 954.11 del 2 dicembre 1996 (Stato 1 gennaio 2009) Il Consiglio federale svizzero, vista la legge federale del 24 marzo

Dettagli

Ausilio per l'attuazione/

Ausilio per l'attuazione/ Ordinanza contro le retribuzioni abusive nelle società anonime quotate in borsa (OReSA) Ausilio per l'attuazione/ Premesse Ricapitolando... L OReSA è entrata in vigore il gennaio 204. Il Consiglio federale

Dettagli

Compliance management

Compliance management Compliance management Presentazione I requisiti postulati dalla sorveglianza prudenziale, l orientamento ai rischi e l affermarsi progressivo di una cultura della trasparenza, hanno contribuito a valorizzare

Dettagli

(Ordinanza AdC sul riciclaggio di denaro, ORD AdC) del 10 ottobre 2003 (Stato 16 dicembre 2003)

(Ordinanza AdC sul riciclaggio di denaro, ORD AdC) del 10 ottobre 2003 (Stato 16 dicembre 2003) Ordinanza dell Autorità di controllo per la lotta contro il riciclaggio di denaro relativa agli obblighi degli intermediari finanziari che le sono direttamente sottoposti (Ordinanza AdC sul riciclaggio

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. della Commissione della Cassa pensioni dei dipendenti dello Stato

COMUNICATO STAMPA. della Commissione della Cassa pensioni dei dipendenti dello Stato Residenza Governativa Repubblica e Cantone Ticino telefono 091 814 44 60 fax 091 814 44 23 e-mail dfe-dir@ti.ch Internet www.ti.ch/dfe Funzionario incaricato Direzione Dipartimento delle finanze e dell

Dettagli

Guida alla classificazione delle Società ai fini FATCA Documentazione ad esclusivo uso interno

Guida alla classificazione delle Società ai fini FATCA Documentazione ad esclusivo uso interno Guida alla classificazione delle Società ai fini FATCA Documentazione ad esclusivo uso interno Il presente documento non sostituisce i regolamenti definitivi del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti,

Dettagli

Sei giorni full time di formazione operativa per fornire nuovi servizi di consulenza alle aziende con il supporto di Consultique

Sei giorni full time di formazione operativa per fornire nuovi servizi di consulenza alle aziende con il supporto di Consultique Master CORPORATE Sei giorni full time di formazione operativa per fornire nuovi servizi di consulenza alle aziende con il supporto di Consultique Verona - 4, 5 e 6 dicembre / 15, 16 e 17 gennaio CHI SIAMO

Dettagli

Prospetto tradotto fedelmente dall ultimo prospetto ricevuto dalla Commissione di Vigilanza del Settore Finanziario del Lussemburgo.

Prospetto tradotto fedelmente dall ultimo prospetto ricevuto dalla Commissione di Vigilanza del Settore Finanziario del Lussemburgo. EXTRA FUND SICAV TOTAL RETURN OPPORTUNITY Prospetto Informativo Semplificato Luglio 2009 Prospetto tradotto fedelmente dall ultimo prospetto ricevuto dalla Commissione di Vigilanza del Settore Finanziario

Dettagli

Facilitazioni temporanee nel Test svizzero di solvibilità (SST)

Facilitazioni temporanee nel Test svizzero di solvibilità (SST) Circolare 2013/2 Facilitazioni SST Facilitazioni temporanee nel Test svizzero di solvibilità (SST) Riferimento: Circ. FINMA 2013/xy «Facilitazionii SST» Data: 6 dicembre 2012 Entrata in vigore: 1 gennaio

Dettagli

Circolare agli Azionisti di. Xmtch (IE) on FTSE MIB. Xmtch (IE) plc

Circolare agli Azionisti di. Xmtch (IE) on FTSE MIB. Xmtch (IE) plc Circolare agli Azionisti di Xmtch (IE) on FTSE MIB di Xmtch (IE) plc una società di investimento OICVM multicomparto con separazione patrimoniale fra i comparti costituita secondo la legge irlandese 24

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Obbligo di dichiarazione delle transazioni di borsa

Circolare della Commissione federale delle banche: Obbligo di dichiarazione delle transazioni di borsa Circ.-CFB 04/3 Obbligo di dichiarazione Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Obbligo di dichiarazione delle transazioni di borsa (Obbligo di dichiarazione) del 19 agosto 2004 (Ultima

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Messaggio concernente la modifica della legge federale sugli investimenti collettivi di capitale

Messaggio concernente la modifica della legge federale sugli investimenti collettivi di capitale 12.037 Messaggio concernente la modifica della legge federale sugli investimenti collettivi di capitale (LICol) del 2 marzo 2012 Onorevoli presidenti e consiglieri, con il presente messaggio vi sottoponiamo,

Dettagli

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo La Privatizzazione della Borsa e il nuovo Quadro normativo Il processo di riorganizzazione e sviluppo dei mercati finanziari avviato con la legge 1/1991 - relativa alla disciplina dell attività di intermediazione

Dettagli

S T U D I E T E N D E N Z E. Massimo Paolo Gentili Sante Jannoni Marina Mastrangelo LE SICAV. Strumenti flessibili per la gestione del risparmio

S T U D I E T E N D E N Z E. Massimo Paolo Gentili Sante Jannoni Marina Mastrangelo LE SICAV. Strumenti flessibili per la gestione del risparmio S T U D I E T E N D E N Z E Massimo Paolo Gentili Sante Jannoni Marina Mastrangelo Strumenti flessibili per la gestione del risparmio Sicav_A_iniziali:00_DeVinc_cap_Som-Aut 22-03-2010 20:19 Pagina 3 Massimo

Dettagli

Prospetto Semplificato datato Dicembre 2011

Prospetto Semplificato datato Dicembre 2011 BPVN STRATEGIC INVESTMENT FUND è una Società d investimento a capitale variabile autorizzata ai sensi della Parte I della Legge lussemburghese del 17 dicembre 2010 Con sede legale in: 26, Boulevard Royal

Dettagli

CRESCENDO RENDIMENTO MEMORY Cina, India & Brasile

CRESCENDO RENDIMENTO MEMORY Cina, India & Brasile Maggio 2016 CRESCENDO RENDIMENTO MEMORY Cina, India & Brasile Codice ISIN: FR0013102886 Questo documento è una comunicazione a carattere promozionale. Questo documento non è stato redatto in conformità

Dettagli

Legge del 1988 relativa agli Organismi d Investimento Collettivi a Valori Mobiliari (OICVM) Parte I

Legge del 1988 relativa agli Organismi d Investimento Collettivi a Valori Mobiliari (OICVM) Parte I Legge del 1988 relativa agli Organismi d Investimento Collettivi a Valori Mobiliari (OICVM) Parte I I. Introduzione Sommario II. III. IV. Obiettivo dell investimento Gli investitori Le differenti strategie

Dettagli