D.G.R. n del Allegato A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "D.G.R. n. 1454 del 22.12.2014. Allegato A"

Transcript

1 D.G.R. n del Allegato A PROGRAMMA FORMATIVO ANNO 2015 rivolto al personale della Regione Marche e al personale dell Agenzia Regionale Sanitaria 1

2 Indice Introduzione pag. 03 Parte Prima FORMAZIONE TRASVERSALE pag. 04 TABELLE DI SINTESI ATTIVITA FORMATIVA TRASVERSALE. pag. 07 Parte Seconda FORMAZIONE DI SETTORE pag. 50 TABELLA DI SINTESI ATTIVITA FORMATIVA DI SETTORE.. pag. 53 Parte Terza - REGOLE DI INFORMAZIONE, ACCESSO, PARTECIPAZIONE E CERTIFICAZIONE DEI PERCORSI FORMATIVI. pag. 92 TAB.1 DETERMINAZIONE COEFFICIENTE FORMATIVO... pag. 97 TAB.2 - BUDGET DI FORMAZIONE ANNO 2015 pag. 98 Appendice LA RETE DEI REFERENTI DELLA FORMAZIONE.. pag. 99 2

3 Introduzione La nuova programmazione europea e il problema ricorrente del rapporto fra risorse disponibili e bisogni a cui far fronte, conduce la pubblica amministrazione verso schemi di azione rivolti alla ricerca di più forti economie, possibili solo attraverso un approccio integrato fra obiettivi, strumenti ed azioni. Affrontare la programmazione e la gestione in logica di integrazione richiede al tempo stesso lo sviluppo di un importante insieme di risorse metodologiche e di strumenti di supporto da mettere a disposizione delle risorse umane che vi operano. Il programma formativo 2015 ha quindi assunto l integrazione come competenza chiave, su cui riparametrare gli interventi formativi, concentrando le risorse finanziarie a disposizione su alcuni assi di intervento strategici: 1. EUROPROGETTAZIONE : A seguito di un forte investimento pluriennale ( ) per lo sviluppo di risorse professionali interne, competenti in materia di europrogettazione e distribuite in modo omogeneo nell ambito delle strutture organizzative dell amministrazione regionale, il programma formativo 2015 prevede un ulteriore rafforzamento della rete degli europrogettisti nella programmazione comunitaria integrata, al fine di attrarre e/o mantenere le risorse critiche per i processi di sviluppo regionali. 2. TRASPARENZA, ANTICORRUZIONE E INTEGRITA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: La disciplina sulla trasparenza nelle pubbliche amministrazioni è stata negli ultimi anni oggetto di penetranti interventi normativi ad elevato impatto organizzativo, sia internamente all Amministrazione regionale sia nelle relazioni con altre pubbliche amministrazioni del territorio; il programma formativo intende quest anno sostenere il processo di adeguamento al quadro normativo di riferimento mediante una pluralità di interventi integrati (e non più semplicemente paralleli) finalizzati a superare la logica dell adempimento normativo e perseguire la trasparenza con un approccio pluridimensionale e integrato. 3. RIFORMA CONTABILE: A seguito della riforma della contabilità e finanza pubblica, introdotta dalla Legge n.196/2009 e definita dalle disposizioni del D.Lgs n.118/2011, il 2015 sarà l anno di avvio del processo di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio regionale: di qui la scelta di un progetto formativo pluriennale, iniziato nel 2013, la cui impostazione metodologica deriva dalla natura stessa del processo di armonizzazione, che comporta non solo una revisione profonda degli istituti del bilancio, ma soprattutto un cambiamento di approccio sia nella programmazione che nella gestione delle risorse pubbliche: al fine di governare il processo, in particolare nel periodo di transizione dal vecchio al nuovo modello operativo, la formazione nel settore specifico richiederà il coinvolgimento non solo degli addetti presso le strutture centrali del bilancio e della ragioneria, ma di tutto l apparato amministrativo dell ente, a partire dalla dirigenza, per diffondersi a cascata su tutti i responsabili di procedimento in un ottica di reciproca integrazione. Da ultimo va sottolineato che, anche per l anno 2015, a seguito della sperimentazione positiva della modalità didattica in e-learning, il programma formativo offre numerose opportunità di aggiornamento anche mediante il riuso a costo zero di pacchetti formativi a disposizione di tutto il personale regionale. L Assessore al Personale (Luigi Viventi) 3

4 PARTE PRIMA Formazione trasversale 4

5 Premessa La prima parte del programma formativo 2015, dedicata alla formazione cd. "trasversale a tutto il personale regionale, è il frutto di una serie di incontri di focus group, organizzati dalla Scuola regionale di formazione della pubblica amministrazione e finalizzati all approfondimento di alcune tematiche trasversali particolarmente strategiche, e le aree formative a queste ultime collegate, mediante il coinvolgimento dei relativi dirigenti responsabili per competenza e i loro stretti collaboratori, responsabili di posizione organizzativa e/o di alta professionalità. Dai risultati emersi dagli incontri realizzati, vengono riconfermati i tre filoni di intervento, già presenti nella programmazione formativa 2014: al tempo stesso le attività previste in ciascun filone tengono conto dei suggerimenti segnalati dai soggetti coinvolti sulla base della valutazione dell esperienza formativa pluriennale pregressa e soprattutto sulla base della opportunità/necessità di rivedere le stesse secondo un approccio integrato fra obiettivi, strumenti ed azioni. A. Europrogettazione Il forte investimento formativo degli anni precedenti ( ), che prevedeva lo sviluppo delle competenze di europrogettazione su tre livelli formativi (base, avanzato e strategico) ha coinvolto complessivamente n. dipendenti, di cui n.38 (distribuiti nelle diverse strutture amministrative della Giunta, hanno già completato il ciclo formativo (n.27dipendenti) o lo completeranno nel corso del 2015 (n.11 dipendenti). Obiettivo del programma 2015 è dunque quello di: a) completare il progetto, portando tutti i funzionari coinvolti al terzo livello strategico di euro progettazione e all acquisizione delle competenze linguistiche collegate b) sviluppare le competenze chiave per la realizzazione efficace della strategia della Macroregione Adriatico-Ionica, in un ottica di integrazione delle risorse disponibili c) sostenere al tempo stesso la programmazione integrata delle risorse regionali con una attenzione specifica alla nuova programmazione e in particolare alle competenze di gestione e di rendicontazione degli interventi. B. Trasparenza, anticorruzione e semplificazione/digitalizzazione amministrativa A seguito dell adeguamento dell Amministrazione regionale alla disciplina in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni, di cui al D.Lgs. 14 marzo 2013 n.33, il programma prevede una serie di iniziative formative caratterizzate da un approccio integrato e pluridimensionale alla trasparenza della pubblica amministrazione: Semplificazione amministrativa: partendo dalla ricognizione dei procedimenti/processi regionali della banca dati procedimarche, viene avviato un laboratorio integrato (vedi report di settore n.1), cui parteciperanno la rete dei referenti per la trasparenza, la rete dei referenti per l anticorruzione, la rete dei referenti esperti digitali, in modo da procedere alla semplificazione con criteri condivisi e integrati. Ridisegno digitale dei procedimenti oggetto di semplificazione: in considerazione degli ottimi risultati conseguiti in tale settore nel 2014, la metodologia e gli strumenti per la digitalizzazione dei procedimenti amministrativi vengono estesi a tutto il personale amministrativo delle diverse strutture amministrative (vedi corso DA03) in modo che possano collaborare e integrarsi con la rete degli esperti digitali; al tempo stesso viene previsto un ulteriore corso avanzato per i referenti, al fine di proseguire l applicazione degli istituti del Codice di Amministrazione Digitale secondo standard condivisi e verificare le ipotesi di reingegnerizzazione dei procedimenti scaturite dal corso svolto nel 2014 (vedi corso DA04). 5

6 Integrità e prevenzione della corruzione: a seguito delle attività formative obbligatorie svolte nel 2014 per i dirigenti, nel 2015 vengono previste le seguenti attività formative: a) per tutto il personale, un corso in modalità e-learning sul tema dell Anticorruzione e la gestione trasparente della cosa pubblica; b) corsi mirati al personale maggiormente esposto a situazioni di rischio potenziale, individuato a seguito della valutazione del rischio in ogni settore dell amministrazione prevista dal Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione adottato dalla Giunta regionale con DGR n.43/2014. C. Asse di intervento: Riforma contabile Mentre nel biennio sono state svolte attività formative specifiche per il personale addetto alle funzioni centralizzate del bilancio e della ragioneria, il programma formativo 2015 prevede interventi formativi, differenziati per tipologia di destinatari e relative competenze, al fine di preparare tutto l apparato amministrativo all avvio operativo del processo di armonizzazione da realizzare nei tempi fissati dalle previsioni normative nazionali. In particolare l attività formativa programmata, da svolgere con la tipologia didattica di tipo laboratoriale, ha la finalità di favorire fortemente l integrazione fra uffici centrali e di settore in modo tale da avvicinare la programmazione e la gestione delle risorse del bilancio regionale ai nuovi istituti contabili dettati dalla riforma. La formazione trasversale del programma 2015 prevede altresì: l attività formativa specifica a supporto del progetto Ben Essere organizzativo (BOM) che, sulla scorta deli esiti della rilevazione sullo stato di benessere organizzativo percepito dal personale nelle diverse strutture amministrative della Giunta, sarà finalizzata a focalizzare le eventuali criticità emerse e a individuare soluzioni concrete, condivise e contestualizzate, ai problemi rilevati. la formazione/aggiornamento obbligatorio previsto dal decreto legislativo n.81/2008 in materia di tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro: la formazione in materia di appalti, che da quest anno viene sviluppata in modo differenziato non più per tipologie di contratto, bensì approfondendo le singole fasi principali del processo complessivo di appalto, in coerenza con la distribuzione delle competenze e l assetto organizzativo previsto dalla Legge regionale n.12/2012. Coerentemente al livello strategico rappresentato dagli obiettivi da raggiungere, la verifica degli interventi formativi afferenti agli assi non si limiterà alla valutazione della qualità dell offerta formativa e alla misurazione degli apprendimenti formativi, ma verrà estesa alla verifica del trasferimento degli apprendimenti (verifica di impatto) negli ambienti di lavoro attraverso la definizione preventiva, da parte dell amministrazione regionale, di indicatori di risultato sulla base dei quali misurare i cambiamenti ottenuti in termini di miglioramento delle performance nei contesti lavorativi. Di seguito vengono riportate la scheda descrittiva di ciascuna attività formativa e la tabella riassuntiva delle attività formative di tipo trasversale programmate per il Il programma di dettaglio di ciascuna iniziativa verrà pubblicato sul sito della Scuola di Formazione (www.scuola.regione.marche.it ) e comunicato con il dovuto anticipo prima dell avvio dell attività formativa. 6

7 FORMAZIONE AREA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (FORMAZIONE OBBLIGATORIA) Codice Titolo Oggetto Destinatari SC01 SC02 SC03 SC04 SC05 SC06 SC07 SC08 SC09 FORMAZIONE GENERALE FORMAZIONE DIRIGENTI (1^ 2^ 3^ 4^ MODULO) Formazione addetti gestione emergenze di prevenzione e lotta incendi ( rischio medio ) Formazione addetti gestione emergenze di primo soccorso Formazione dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Aggiornamento obbligatorio per RSPP e ASPP Aggiornamento obbligatorio dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Aggiornamento obbligatorio per Coordinatori per la sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione lavori Aggiornamento addetti alla gestione emergenze di primo soccorso D.Lgs. 81/2008 art.37, comma 1, lett.a Accordo Conferenza Stato-Regioni D.Lgs. 81/2008 art.37, comma 7 Accordo Conferenza Stato-Regioni D.Lgs. 81/2008 D.M.10/03/98 D.Lgs. 81/2008 D.M.388/03 D.Lgs. 81/2008 art.37, comma 11 D.Lgs. 81/2008 D.Lgs.195/03 LAVORATORI, a tempo indeterminato e determinato, comandati, in utilizzo e atipici (n.73) Dirigenti della Giunta regionale e dell ARS che non hanno ancora assolto l obbligo formativo addetti gestione emergenze di prevenzione e lotta incendi (di nuova nomina) addetti gestione emergenze di primo soccorso (di nuova nomina) RLS di nuova nomina della Giunta, del Consiglio, ARS e ASSAM RSPP e ASPP del Servizio di Prevenzione e Protezione della Giunta, del Consiglio, dell'assam e dell ARS D.Lgs. 81/2008 RLS Giunta, Consiglio, ASSAM e ARS D.Lgs. 81/2008 art comma 2 e 3 D.Lgs.81/2008 D.M. 388/2003 Personale della Giunta che esercita il ruolo di Coordinatori per la sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione lavori Addetti alle gestione emergenze di primo soccorso (n.120 circa) Sviluppo competenze di base di ruolo di ruolo di ruolo di ruolo di ruolo di ruolo di ruolo di ruolo Metodologia didattica Aula interattiva Aula interattiva Aula interattiva Aula interattiva Aula interattiva Aula interattiva Aula interattiva Aula interattiva Aula interattiva Prova di verifica Durata (gg) (1) Durata (ore) numero edizioni Tot.gg aula Tot. Moduli e-learning (2) si ,5 -- si si si ,5 -- si ,5 -- si si si si ,5 -- SC10 Rischi interferenti e Documento Unico di Valutazione Rischi da Interferenze (DUVRI) D.Lgs. 81/2008 Art.26 Personale che ricopre il ruolo di Responsabile Unico del Procedimento negli appalti di profilo Aula interattiva si Subtotale

8 Codice Titolo Oggetto Destinatari DA01 DA02 DA03 DA04 DA05 DA06 DA07 DA08 Semplificazione normativa e amministrativa: ambiti di intervento La normativa in materia di privacy (formazione obbligatoria) Il procedimento amministrativo digitale: CORSO BASE Il procedimento amministrativo digitale: CORSO AVANZATO La comunicazione digitale Anticorruzione e gestione trasparente della cosa pubblica (formazione obbligatoria) La legalità nelle aree di lavoro a rischio di corruzione(formazione obbligatoria) La complessità del sistema delle fonti normative e il relativo impatto nell ordinamento regionale La metodologia di semplificazione applicata alla produzione normativa regionale Disciplina sulla privacy, trattamento dei dati, diritti dell'interessato, misure di sicurezza La reingegnerizzazione del procedimento amministrativo mediante gli strumenti digitali e le tecnologie ICT Verifica e sviluppo delle ipotesi di reingegnerizzazione dei procedimenti proposte nel corso base Obblighi di pubblicità e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni, ai sensi del D.Lgs.33/2013 Legge n.190/2012 e il sistema anticorruzione integrato La prevenzione della corruzione nelle aree a rischio di corruzione definite nel Piano triennale Aggiornamento giuridiconormativo FORMAZIONE AREA GIURIDICO/NORMATIVA Dirigenti e funzionari di Cat. D tutto il personale regionale (max n.200 partecipanti) Personale amministrativo di cat. D che non ha frequentato il corso base nel 2014 Personale amministrativo di cat. D che ha già frequentato il corso base nel 2014 Personale designato per la rete dei comunicatori digitali: n.1 funzionario responsabile n.1 addetto alla pubblicazione Tutto il personale di categoria B, C e D (200 partecipanti) Personale esposto a rischio di corruzione (individuato a seguito di valutazione del rischio) dirigenti e funzionari dell Assemblea legislativa e della Giunta regionale Sviluppo competenze di profilo Metodologia didattica Aula Interattiva Prova di verifica Durata (gg) (1) Durata (ore) numero edizioni Tot.gg aula Tot.Moduli e-learning (2) si di profilo e-learning si di profilo di profilo di profilo Aula interattiva Aula interattiva Aula interattiva si si si di ruolo e-learning si di ruolo seminario no di profilo CICLO DI SEMINARI si Subtotale

9 Codice Titolo Oggetto Destinatari EC01 EC02 EC03 EC04 Gli appalti pubblici: CORSO BASE Appalti di beni e servizi: LA FASE DELLA PROGETTAZIONE Appalti di beni e servizi: LA FASE DELLA GESTIONE DELLA PROCEDURA DI APPALTO Appalti di beni e servizi: LA FASE DI ESECUZIONE DELL APPALTO Il ciclo degli appalti: dalla fase di progettazione alla fase di aggiudicazione ed esecuzione del contratto La progettazione degli atti a base della procedura di appalto La gestione della procedura di appalto, dal provvedimento di avvio alla stipulazione del contratto Gli adempimenti tecnicoamministrativo- contabili connessi all esecuzione del contratto FORMAZIONE AREA ECONOMICO-FINANZIARIA Dipendenti di cat.c e D non esperti Dipendenti che esercitano il ruolo di Responsabile Unico del Procedimento ai sensi del Codice degli Appalti Dipendenti che esercitano il ruolo di Responsabile Unico del Procedimento Personale assegnato alla SUAM Dipendenti che esercitano il ruolo di Direttore in fase di esecuzione Sviluppo competenze di profilo di profilo di profilo di profilo Metodologia didattica Aula interattiva Aula interattiva Aula interattiva Aula interattiva Prova di verifica Durata (gg) (1) Durata (ore) numero edizioni Tot.gg aula Tot. Moduli e-learning (2) si si si si EC05 Laboratorio formativo per funzionari esperti di procedure di appalto di opere, forniture e servizi Approfondimenti tematici in materia di appalti Dipendenti regionali che hanno partecipato alle fasi precedenti del laboratorio di profilo Laboratorio formativo si EC06 La riforma della contabilità e della finanza pubblica: le nuove modalità di programmazione e gestione delle risorse del bilancio regionale Riflessi operativi della riforma contabile nella gestione dei capitoli di entrata e di spesa del nuovo bilancio Dipendenti responsabili di p.o., dipendenti di cat.c e D responsabili di procedimento di profilo Aula interattiva si EC07 L utilizzo del sistema informativo SIAGI per la consultazione della contabilità regionale Addestramento all utilizzo del software Dipendenti che hanno accesso alle funzioni decentrate del sistema SIAGI di profilo Aula interattiva no 0, _* -- Subtotale *Il corso EC07 verrà svolto mediante le risorse per la formazione già previste dal contratto di fornitura del software SIAGI 9

10 Codice Titolo Oggetto Destinatari ORG01 ORG02 ORG03 L etica aziendale e il Codice di comportamento nella pubblica amministrazione (formazione obbligatoria) Progetto Benessere Organizzativo Marche (BOM): Percorsi formativi sullo sviluppo delle risorse umane Formazione d ingresso per neo-assunti D.P.R. 16 aprile 2013, n.62 il benessere psicofisico nell ambiente lavorativo percorso di orientamento del neo-assunto nell ambito dell amministrazione regionale FORMAZIONE AREA ORGANIZZAZIONE E PERSONALE tutto il personale del comparto (n.400 partecipanti) Dipendenti delle strutture regionali individuate come cantieri sperimentali per i laboratori sul benessere organizzativo (da definire) personale con contratto a tempo indeterminato (di categoria B, C e D) assunto nel 2014 (n.36 circa) Sviluppo competenze Metodologia didattica Prova di verifica Durata (gg) (1) Durata (ore) numero edizioni Tot.gg aula Tot. Moduli e-learning (2) di ruolo e-learning si di ruolo di ruolo laboratorio formativo aula interattiva no si Subtotale

11 Codice Titolo Oggetto Destinatari INT01 Laboratorio di euro progettazione STRATEGICA Produzione di un parco progetti finanziabili per ogni servizio/dipartimento della Giunta FORMAZIONE AREA INTERNAZIONALE Dipendenti regionali che hanno già frequentato il corso AVANZATO Sviluppo competenze di profilo Metodologia didattica laboratorio formativo Prova di verifica Durata (gg) (1) Durata (ore) numero edizioni Tot.gg aula Tot. Moduli e-learning (2) si INT02 Il management dei progetti comunitari Gestione, monitoraggio e valutazione in itinere di un progetto Funzionari che curano la gestione di progetti europei di profilo Aula interattiva si INT03 La rendicontazione dei progetti comunitari Tecniche di rendicontazione e redazione di financial report Funzionari che si occupano degli aspetti amministrativi e contabili di progetti comunitari di profilo Aula interattiva si INT04 INT05 Progettare la MACROREGIONE ADRIATICO-IONICA EUROENGLISH LIVELLO BASE 1^ STEP Progetti integrati di intervento FORMAZIONE LINGUISTICA per l euro progettazione Gruppo di lavoro sulla progettazione integrata a supporto della strategia della Macroregione Adriatico-Ionica Dipendenti, con competenze linguistiche di base, che hanno già frequentato i laboratori di euro-progettazione avanzata o strategica di profilo di profilo Laboratorio formativo Aula interattiva si si INT06 EUROENGLISH LIVELLO BASE 2^ STEP FORMAZIONE LINGUISTICA per l euro progettazione Dipendenti che hanno già frequentato il corso base negli anni di profilo Aula interattiva si INT07 EUROENGLISH: LIVELLO INTERMEDIO 1^ STEP FORMAZIONE LINGUISTICA per l euro progettazione Dipendenti regionali che hanno già frequentato il corso AVANZATO e/o il laboratorio di euro progettazione strategica di profilo aula interattiva si INT08 EUROENGLISH: LIVELLO INTERMEDIO 2^STEP FORMAZIONE LINGUISTICA per l euro progettazione Dipendenti che hanno già frequentato il corso intermedio negli anni di profilo Aula interattiva+ Colloqui individuali si Subtotale

12 Codice Titolo Oggetto Destinatari LIN01 LIN02 Lingua inglese (e-learning) English for users Dal livello A1 (livello base) al livello C1 (livello avanzato o di efficienza autonoma ) delle abilità definite dal Quadro Europeo di riferimento per la conoscenza delle lingue (CEFR) Trasferire le competenze della lingua inglese in un contesto professionale FORMAZIONE AREA LINGUISTICA Sviluppo competenze Metodologia didattica Prova di verifica Durata (gg) (1) Durata (ore) numero edizioni Tutto il personale di base e-learning si Dipendenti per i quali l uso della lingua è competenza indispensabile all espletamento dell attività lavorativa (max.15 partecipanti) di profilo Colloqui individuali Tot. gg aula Tot. Moduli e-learning (2) si Subtotale 5 -- LEGENDA NOTE: 1) la durata dell intervento equivale all impegno temporale complessivo richiesto a ciascun dipendente partecipante; tale parametro viene espresso: in gg formative, nel caso della formazione d aula e della formazione sul campo in ore formative, nel caso della formazione e-learning 2) il numero totale dei moduli formativi individuali da erogare in modalità e-learning sono calcolati sulla base del numero presumibile dei destinatari; ogni modulo è pari a n.7 ore/allievo di erogazione on line 12

13 SINTESI DELLA FORMAZIONE TRASVERSALE Tab.1 - Attività formativa suddivisa per area di riferimento AREA FORMATIVA gg AULA (formazione programmata gg aula (formazione obbligatoria) Tot.le gg aula n. moduli (e-learning) Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro Giuridico/Normativa Economico-Finanziaria Organizzazione e personale Internazionale Linguistica Totale

14 FORMAZIONE AREA GIURIDICO NORMATIVA TITOLO COD. DESTINATARI FINALITÀ Semplificazione normativa e amministrativa: ambiti di intervento DA01 Dirigenti e funzionari di categoria D Il carico burocratico e l eccessiva produzione normativa allontanano la pubblica amministrazione dalla società civile ed imprenditoriale, riducendone le potenzialità di intervento come fattore di sviluppo e di efficienza del sistema economico-sociale. Di qui l importanza di sviluppare competenze di semplificazione normativa e amministrativa, per migliorare sia la qualità della legislazione regionale sia l efficacia dell azione amministrativa. Il corso è quindi finalizzato a sviluppare la conoscenza degli spazi di semplificazione nella normazione regionale OBIETTIVI CONTENUTI SPECIFICI Essere in grado di: individuare e segnalare alle strutture competenti (P.F. Attività normativa e P.F. Consulenza e BUR ) gli ambiti di semplificazione normativa o amministrativa possibile, nel rispetto delle previsioni statali di competenza inderogabile Aggiornamento delle recenti novità del panorama legislativo in materia di semplificazione. Analisi e commento della normativa statale e comunitaria, affiancati dall approfondimento della giurisprudenza costituzionale e delle più recenti sentenze della Corte costituzionale in materia. OUTPUT VERIFICABILI STRUTTURA E DURATA PROVA DI ACCERTAMENTO individuare nell ambito di una legge regionale (presa in esame come caso di studio) gli spazi di intervento per la delegificazione e la semplificazione normativa durata: n.2 gg formative d aula edizioni: n.1 Prova pratica su un caso di studio 14

15 FORMAZIONE AREA GIURIDICO NORMATIVA TITOLO COD. DESTINATARI FINALITÀ La normativa in materia di privacy DA02 tutto il personale regionale (che non abbia ancora assolto l obbligo formativo) Il corso è finalizzato a creare una cultura diffusa presso la PA sui temi della Privacy al fine di indurre comportamenti virtuosi negli addetti al trattamento dei dati, che facilitino l applicazione della normativa vigente. OBIETTIVI CONTENUTI SPECIFICI acquisire conoscenze normative e giuridiche in tema di Privacy; acquisire conoscenze relativamente al Documento programmatico per la Sicurezza regionale adottato con Delibera di Giunta n.502 del 30/03/2009; acquisire competenze e modalità operative corrette per il trattamento dei dati. Normativa nazionale in tema di privacy; prescrizioni regionali in materia di Privacy; modalità operative in relazione all attività svolta e in particolare: archiviazione, data entry, relazioni con l esterno, trattamento dei dati sensibili e giudiziari. OUTPUT VERIFICABILI STRUTTURA E DURATA PROVA DI ACCERTAMENTO - Elaborazione e trattamento dei dati personali secondo quanto predisposto dal titolare, dal Responsabile del trattamento e dal Responsabile della Sicurezza; - Messa in atto di comportamenti corretti sotto il profilo giuridico nell ambito delle attività di trattamento dei dati. Il corso si svolgerà in modalità e-learning (formazione a distanza) attraverso la fruizione di moduli didattici on-line dalla piattaforma e-learning della Scuola della durata complessiva di n.5 ore circa. Test di verifica degli apprendimenti (on-line) 15

16 FORMAZIONE AREA GIURIDICO NORMATIVA TITOLO COD. DESTINATARI FINALITÀ Il procedimento amministrativo digitale: corso BASE DA03 Amministrativi di categoria D che non hanno svolto il corso base nel 2014 (max.n.1 partecipante per P.F.) Il procedimento amministrativo è l insieme di una pluralità di atti e di operazioni funzionalmente collegati e preordinati al perseguimento del medesimo fine, consistente nell adozione da parte dell ente di un atto perfetto ed efficace. Le pubbliche amministrazioni agiscono per procedimenti e di conseguenza il processo di digitalizzazione non può limitarsi alla mera informatizzazione degli atti. Fino ad oggi l attenzione sugli aspetti giuridici dell azione amministrativa svolta con tecnologie digitali si è concentrata su singoli segmenti del procedimento, quali ad esempio l invio dell istanza o la firma del documento, senza considerare il procedimento amministrativo come un unico processo informatizzato attraverso il quale pervenire al provvedimento/ servizio richiesto dall utente. Con l introduzione del Codice di Amministrazione Digitale e la recente normativa collegata, l informatizzazione di un procedimento non si limita infatti alla sola trasformazione del processo da manuale ad automatico, ma richiede invece la riorganizzazione dei sistemi di lavoro, la revisione delle relazioni organizzative tra e nelle amministrazioni, semplificando i procedimenti e ridefinendo i rapporti tra le istituzioni pubbliche e i cittadini. Il corso ha quindi la finalità di conoscere e ripercorrere le fasi tipiche del procedimento amministrativo, e di reingegnereizzarne il flusso informativo, sapendo tener presenti le opportunità e i vincoli derivanti dal processo di digitalizzazione. OBIETTIVI SPECIFICI 1. Conoscere gli istituti del Codice dell Amministrazione digitale e sapere utilizzare gli strumenti e le applicazioni esistenti nell amministrazione per la dematerializzazione dei flussi documentali 2. Potenzialità delle fasi dei procedimenti amministrativi ad essere dematerializzati. 3. Saper reingegnerizzare uno specifico procedimento amministrativo della propria struttura, dematerializzando il flusso secondo regole definite dal CAD (Codice di Amministrazione Digitale) con gli strumenti messi a disposizione dall Amministrazione. CONTENUTI Normativa sul procedimento La fase dell iniziativa del procedimento: l invio telematico delle istanze alla p.a. e la ridefinizione della modulistica e dei formulari da pubblicare sul sito istituzionale La fase dell istruttoria on line e la decertificazione La fase costitutiva: la dematerializzazione documentale, il ruolo della sottoscrizione digitale, la trasmissione informatica dei documenti La fase di pubblicazione on line/ eventuale fase integrativa 16

17 dell efficacia (notifica via pec) Gli strumenti per la gestione documentale digitale e il CAD La reingegnerizzazione dei procedimenti Casi d uso OUTPUT VERIFICABILI STRUTTURA E DURATA PROVA DI ACCERTAMENTO ridefinizione di un procedimento amministrativo di competenza mediante l utilizzo di tutte le opportunità offerte dalle tecnologie ICT n. 3 gg di aula n. 1 edizione prova pratica su un caso di studio 17

18 FORMAZIONE AREA GIURIDICO NORMATIVA TITOLO COD. DESTINATARI FINALITÀ Il procedimento amministrativo digitale: corso AVANZATO DA04 Amministrativi di categoria D che hanno già svolto il corso base nel 2014 (referenti esperti digitali) Il corso ha la finalità di focalizzare gli impatti organizzativi, tecnologici e giuridici della reingegnerizzazione del flusso informativo relativo al procedimento digitale, alla gestione documentale connessa, agli aspetti di trasparenza e di conservazione, e in particolare: -Ridefinizione dell interazione con i soggetti esterni che partecipano al procedimento digitale, istituzioni pubbliche, cittadini e imprese. -Analisi degli aspetti documentali per gestione ricerca e conservazione in coerenza con Procedi Marche. OBIETTIVI SPECIFICI 1. Applicare gli istituti del Codice dell Amministrazione digitale utilizzando secondo standard condivisi gli strumenti e le applicazioni esistenti nella Regione Marche per la dematerializzazione dei flussi documentali 2. Definire i metadati descrittivi del procedimento/processo necessari alla apertura dei dati (open data), condivisione tra processi diversi, trasparenza e conservazione. 3. Ridefinire le modalità di interazione con i soggetti esterni in ottica di riduzione dei costi e condivisione dell iter procedimentale e/o di processo, CONTENUTI Verifica delle ipotesi di reingegnerizzazione dei procedimenti proposte nel corso base e selezione per i case studies. Aggiornamento normativa di riferimento. La fase dell iniziativa del procedimento: definizione di linee guida e metodologie standard per l invio telematico delle istanze alla p.a.. La fase dell istruttoria on line e l analisi dei metadati per le finalità specifiche del corso La fase costitutiva e la fase di pubblicazione: definizione di linee guida e metodologie standard Gli strumenti per la conservazione e gestione documentale digitale OUTPUT VERIFICABILI STRUTTURA E DURATA PROVA DI ACCERTAMENTO ridefinizione degli standard e dei processi, definizione dei metadati associati ai casi selezionati e individuazione degli opendata da pubblicare n. 3 gg di aula n. 1 edizione prova pratica su un caso di studio 18

19 FORMAZIONE AREA GIURIDICO NORMATIVA TITOLO COD. DESTINATARI FINALITÀ La comunicazione digitale DA05 Personale designato dalle strutture titolari di domini web: 1 funzionario responsabile e 1 addetto alla pubblicazione dei contenuti Ai sensi del D.Lgs.33/2013, che ha riordinato la disciplina degli obblighi di pubblicità e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni, la trasparenza è intesa come accessibilità totale delle informazioni concernenti l'organizzazione e l'attività delle pubbliche amministrazioni, allo scopo di favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e sull'utilizzo delle risorse pubbliche. Oltre a ciò altre normative e successive modifiche ed integrazioni (Codice Amministrazione Digitale, ad esempio in tema di autenticazione nei sistemi di front-end, Open Data, etc.; tutela della privacy ai sensi del D.LGS.196/03; accessibilità informatica L. 4/2004; adempimenti anticorruzione L. n. 190 del 6/11/2012; D.Lgs n. 150/2009 sui contenuti minimi e atti fondamentali da pubblicare sui siti istituzionali; etc.), regolamenti attuativi e linee guida governative (Direttiva ministeriale 26/11/2009 sulla riduzione dei siti web delle PA e sul miglioramento della qualità dei servizi e delle informazioni online; Delibera CiVIT n. 105/2010; linee guida del garante Privacy 2/3/2011; etc.) intervengono in modo sempre più stringente sulle attività di aggiornamento dei contenuti pubblicati e dei servizi offerti dalle pubbliche amministrazioni sul web. Tali regole devono diventare patrimonio informativo anche dei soggetti che, a vario titolo, contribuiscono nelle attività di comunicazione e di organizzazione delle informazioni digitali, lato utente finale, attraverso l uso dei sistemi informativi ed informatici regionali preposti. Inoltre attualmente la Regione Marche gestisce oltre 100 siti web html e la PF Sistemi Informativi agisce da intermediario tecnologico, realizzando, mettendo in funzione e supportando l esercizio dei vari sistemi di front-end multicanale per le attività di comunicazione interna ed esterna. Tuttavia risulta ormai chiaro che tali attività devono essere gestite non da informatici ma, il più possibile in autonomia, da esperti del dominio tematico di cui il sito web o la singola sezione si occupa. A tal fine è necessario: - da un lato formare gli utenti comunicatori e responsabili dei contenuti (tipicamente funzionari e PO), in grado di conoscere le regole del gioco, i vari strumenti a disposizione nonché di preparare e validare i testi che verranno diffusi attraverso essi. - dall altro potenziare le abilità tecniche dei referenti delle redazioni distribuite, i quali materialmente utilizzeranno i vari sistemi di front-end, e le tecnologie opportune, per caricare i 19

20 OBIETTIVI SPECIFICI contenuti informativi validati Al termine del percorso formativo il partecipante sarà in grado di: Conoscere gli obblighi definiti dalla normativa Selezionare le informazioni e i documenti da pubblicare Aggiornare, secondo regole e criteri condivisi, il portale internet istituzionale della Giunta (sezione dedicata alla propria struttura, area bandi, area amministrazione trasparente) in tecnologia DOTNETNUKE Aggiornare, secondo regole e criteri condivisi, il portale internet tematico della propria struttura Aggiornare ed utilizzare, secondo regole e criteri condivisi, il sito intranet regionale (annunci ed eventi, area comunicazione istituzionale ed ufficio stampa, servizi al dipendente: prenotazione aule, auto aziendali, videoconferenze) in tecnologia Sharepoint2010 Utilizzare, secondo regole e criteri condivisi, la piattaforma extranet collaborativa e di condivisione documentale mcloud project community in tecnologia Alfresco Share Assicurare l'integrità delle informazioni, il costante aggiornamento, la completezza, la tempestività, la semplicità di consultazione, la comprensibilità, l'omogeneità, la facile accessibilità, nonché la conformità ai documenti originali in possesso dell'amministrazione, l'indicazione della loro provenienza e la riutilizzabilità Saper usare gli strumenti messi a disposizione dall Amministrazione per la gestione degli adempimenti CONTENUTI Ogni normativa attinente, tra cui: Responsabilità ed obblighi di pubblicazione ai sensi della normativa sulla trasparenza amministrativa, adempimenti anticorruzione, pubblicità e diritto alla conoscibilità, qualità delle informazioni e contenuti minimi, etc. accessibilità dei siti web (ai sensi della L. 4/2004 e s.m.i.) e conformità ai requisiti normativi vigenti (di cui al DM 20/03/2013) Codice Amministrazione Digitale (DLgs 7 marzo 2005 n. 82 e s.m.i.) con riferimento ai rapporti con il cittadino mediati da strumenti di front-end Open data Semplificazione dell attività amministrativa privacy, trattamento dati, diritto all oblio, accesso civico, etc. Efficace presenza e comunicazione su web Tagging, word cloud e motori di ricerca Strumenti di social networking e Web 2.0 (opportunità e cautele) Organizzazione di redazioni web distribuite e workflow di 20

D.G.R. N.1760 del 27.12.2013

D.G.R. N.1760 del 27.12.2013 D.G.R. N.1760 del 27.12.2013 Allegato A PROGRAMMA FORMATIVO ANNO 2014 rivolto al personale della Regione Marche e al personale dell Agenzia Regionale Sanitaria 1 Indice Introduzione pag. 3 Parte Prima

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (ART. 1, COMMA 8, LEGGE 6 NOVEMBRE 2012, N.

PIANO TRIENNALE PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (ART. 1, COMMA 8, LEGGE 6 NOVEMBRE 2012, N. PIANO TRIENNALE PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (ART. 1, COMMA 8, LEGGE 6 NOVEMBRE 2012, N. 190) INDICE Premessa 1. La formazione: strumento di promozione della

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE S. PERTINI

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE S. PERTINI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE S. PERTINI Via Napoli, n.3-00045 GENZANO DI ROMA Tel.06121125600

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017 1 Il Programma Triennale della Trasparenza e Integrità è strutturato in sezioni relative a: 1) Premessa; 2) Supporto normativo; 3)

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 1 Premessa Sempre di più la Pubblica Amministrazione sta proseguendo nell opera di riorganizzazione e revisione del proprio assetto organizzativo e

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIREZIONE DIDATTICA STATALE 1 CIRCOLO N. VACCALLUZZO LEONFORTE (EN) Corso Umberto, 339 - C.A.P. : 94013 - Tel.Direzione: 0935/902257 Tel-Fax Segreteria

Dettagli

Istituto Comprensivo " E. Mattei"

Istituto Comprensivo  E. Mattei Istituto Comprensivo " E. Mattei" Centro Territoriale Permanente per l 'Istruzione e la Formazione in età adulta Viale Roma, 30 Tel. 0737 84339-787634 /Fax 0737 787634 E-mail: mcic80700n@istruzione.it

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN GIOVANNI BOSCO Via Dante n. 18 92028 Naro (AG) Tel. 0922 956081 Fax 0922 956041 E- mail agic85300c@istruzione.it P.E.C. agic85300c@pec.istruzione.it C.F. 82002930848 PROGRAMMA

Dettagli

PADOVA ATTIVA SRL PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015 2017 (adottato con determina n. 3/2015)

PADOVA ATTIVA SRL PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015 2017 (adottato con determina n. 3/2015) PADOVA ATTIVA SRL PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 015 017 (adottato con determina n. 3/015) 1. PREMESSA Nel d.lgs. n. 150/009 Attuazione della legge 4 marzo 009 n.15 in materia di OTTIMIZZAZIONE

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. SEGUENZA MESSINA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2014 2016

LICEO SCIENTIFICO G. SEGUENZA MESSINA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2014 2016 LICEO SCIENTIFICO G. SEGUENZA MESSINA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2014 2016 Introduzione: organizzazione e funzioni dell Amministrazione Il principio di trasparenza va

Dettagli

COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013 2014-2015. Premessa pag. 2

COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013 2014-2015. Premessa pag. 2 COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013 2014-2015 Indice: Premessa pag. 2 1. I dati da pubblicare sul sito istituzionale del comune pag. 3 2.

Dettagli

Comune di Nogarole Vicentino

Comune di Nogarole Vicentino Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 Introduzione: organizzazione e funzioni

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2015 2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2015 2016 COMUNE DI GRIZZANA MORANDI PROVINCIA DI BOLOGNA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2015 2016 Approvato con deliberazione della Giunta comunale n. 15 del 29/1/2014 PREMESSA Sito

Dettagli

Programma Triennale per la trasparenza e l integrità del Comune di Allumiere 2015-2017 SEGRETERIA GENERALE

Programma Triennale per la trasparenza e l integrità del Comune di Allumiere 2015-2017 SEGRETERIA GENERALE Programma Triennale per la trasparenza e l integrità del Comune di Allumiere 2015-2017 SEGRETERIA GENERALE ALLEGATO N. 2 AL PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DEL COMUNE DI ALLUMIERE Marzo 2015 1 1)

Dettagli

Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014

Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014 Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014 1. PREMESSA Con la redazione del presente Programma Triennale per la trasparenza e l integrità,

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2014-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2014-2016 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 22 dicembre 2014 INDICE Premessa I contenuti del Programma triennale della trasparenza pag.3 pag.4 Misure

Dettagli

Pubblicato sul sito internet nella sezione Amministrazione trasparente. Premessa

Pubblicato sul sito internet nella sezione Amministrazione trasparente. Premessa RELAZIONE ANNUALE, A CURA del RESPONSABILE dell ANTICORRUZIONE, ai SENSI dell ART. 1, co. 14, della L. 190/2012, SULLO STATO DI ATTUAZIONE DEL PIANO DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DI MILANO RISTORAZIONE

Dettagli

Programma per la trasparenza e l integrità

Programma per la trasparenza e l integrità Programma per la trasparenza e l integrità Periodo 2015-2017 ARAN - Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni Approvato dal Collegio di indirizzo e controllo con delibera

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2016-2018

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2016-2018 Pag: 1 di 12 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2016-2018 Approvato dal Presidente del Consiglio di Amministrazione con provvedimento d urgenza n 3 del 29 gennaio 2016. Seguirà ratifica

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 (PRIMA EDIZIONE)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 (PRIMA EDIZIONE) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 (PRIMA EDIZIONE) Il seguente Programma Triennale della Trasparenza e Integrità si struttura attraverso le seguenti sezioni: 1) Premessa

Dettagli

Parte II Il programma per la trasparenza e l integrità

Parte II Il programma per la trasparenza e l integrità Allegato B Parte II Il programma per la trasparenza e l integrità 1. Introduzione: organizzazione e funzioni dell amministrazione La struttura organizzativa dell ente è stata recentemente ridefinita con

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014-2016 Predisposto dal responsabile per la trasparenza e pubblicato nella sezione Amministrazione trasparente del sito web istituzionale www.venetoagricoltura.org

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI NOVARA PER IL TRIENNIO 2015/2017 (approvato con decreto n. 10 del 29.1.

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI NOVARA PER IL TRIENNIO 2015/2017 (approvato con decreto n. 10 del 29.1. --- PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI NOVARA PER IL TRIENNIO (approvato con decreto n. 10 del 29.1.2015) 1 --- Indice (redatto in conformità alle indicazioni fornite

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO ARPA LAZIO ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DEFINIZIONE DELLE ATTRIBUZIONI DEI DIRIGENTI

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO ARPA LAZIO ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DEFINIZIONE DELLE ATTRIBUZIONI DEI DIRIGENTI Allegato A deliberazione n. 15 del 28/02/2013 AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO ARPA LAZIO ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DEFINIZIONE DELLE ATTRIBUZIONI DEI DIRIGENTI INDICE Organizzazione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2012-2014 Sommario 1. Premessa... 3 2. Selezione dei dati da pubblicare... 4 3. Descrizione delle modalità di pubblicazione online dei dati... 8 4.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 INDICE 1. Introduzione... pag. 2 1.1 Trasparenza... pag. 2 1.2 Integrità... pag. 2 1.3 Obiettivi... pag. 2 2. Individuazione dei dati da pubblicare...

Dettagli

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 (Articolo 11 del decreto legislativo n. 150/2009) INDICE 1. Introduzione pag. 3 2. Selezione dei

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 : Comune di Samugheo Provincia di Oristano PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 Indice 1 INTRODUZIONE 2- STATO DI ATTUAZIONE 1. Dati già pubblicati sul sito 2. "Trasparenza, valutazione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017. (allegato al piano triennale anticorruzione)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017. (allegato al piano triennale anticorruzione) COMUNE DI CELLAMARE (Prov. di Bari) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017 (allegato al piano triennale anticorruzione) Approvato con deliberazione di G.C. n. 3 del 29/01/2015

Dettagli

PIANO DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE IN MATERIA DI ANTICORRUZIONE

PIANO DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE IN MATERIA DI ANTICORRUZIONE PIANO DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE IN MATERIA DI ANTICORRUZIONE pagina 1 di pagine 8 PREMESSA La legge 190/2012 Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e la repressione della

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Programma triennale per la trasparenza e l integrità Comune di Prata di Pordenone Approvato con delibera di Giunta n 9 del 21 gennaio 2014 Programma triennale per la trasparenza e l integrità Anni 2014-2016 Sottotitoli del catalogo Redatto in conformità

Dettagli

Prot. n. 2711/B1 Foggia, 31.10.2013. Il Dirigente scolastico presenta il PROGRAMMA TRIENNALE DELLA TRASPARENZA E DELL INTEGRITA 2013 2015

Prot. n. 2711/B1 Foggia, 31.10.2013. Il Dirigente scolastico presenta il PROGRAMMA TRIENNALE DELLA TRASPARENZA E DELL INTEGRITA 2013 2015 Prot. n. 2711/B1 Foggia, 31.10.2013 Il Dirigente scolastico presenta il PROGRAMMA TRIENNALE DELLA TRASPARENZA E DELL INTEGRITA 2013 2015 La riforma della Pubblica Amministrazione impone la revisione e

Dettagli

RMIC8FA00B@PEC.ISTRUZIONE. IT

RMIC8FA00B@PEC.ISTRUZIONE. IT MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VIA DEL CASALE DEL FINOCCHIO, 56 C.M. RMIC8FA00B C.F. 97713530588 Via del

Dettagli

#DECRETOTRASPARENZA. cosa cambia per le PA. Avv. Prof. Ernesto Belisario. www.ernestobelisario.eu

#DECRETOTRASPARENZA. cosa cambia per le PA. Avv. Prof. Ernesto Belisario. www.ernestobelisario.eu #DECRETOTRASPARENZA cosa cambia per le PA Avv. Prof. Ernesto Belisario www.ernestobelisario.eu SOMMARIO IL DECRETO LEGISLATIVO 33/2013 (introduzione e obblighi) LE CRITICITA DA AFFRONTARE COME CAMBIANO

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016

PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 COMUNE DI FERRERA DI VARESE PROVINCIA DI VARESE PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 Approvato con deliberazione di G.C. n. del INDICE 1. PREMESSA NORMATIVA 2. CONTENUTO DEL PROGRAMMA

Dettagli

Decreto n. 234.13 Prot. 5276 IL RETTORE

Decreto n. 234.13 Prot. 5276 IL RETTORE Decreto n. 234.13 Prot. 5276 IL RETTORE - Viste le Leggi sull Istruzione Universitaria; - Visto l art.11, comma 2, del Decreto Legislativo 27 ottobre 2009, n.150 Attuazione della legge 4 marzo 2009, n.

Dettagli

COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014/2016

COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014/2016 COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014/2016 (Sezione del Piano triennale di prevenzione della corruzione) Introduzione L amministrazione trasparente

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2015/2017 Ai sensi del D. Lgs. n. 33/2013 Rev. 0 del 19 marzo 2015 Regione Calabria INDICE DEI CONTENUTI PREMESSA 1. PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L

Dettagli

AUTOMOBILE CLUB UDINE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2012-2014

AUTOMOBILE CLUB UDINE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2012-2014 AUTOMOBILE CLUB UDINE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2012-2014 Gennaio 2012 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA, LA LEGALITA E L INTEGRITA DELL AUTOMOBILE CLUB DI UDINE CONSIDERAZIONI

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Istituto Comprensivo n.1 G. Mazzini-E.Fermi Via Mazzini n.68 67051 Avezzano (AQ) tel. 0863413379/fax 0863410724 cod. mecc. AQIC84000R C.F. 90041360661 email: aqic84000r@istruzione.it PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ (Art. 11 Decreto. Lgs N. 150 del 27/10/209 e Art. 10 Decreto Lgs N. 33 del 14 Marzo 2013)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ (Art. 11 Decreto. Lgs N. 150 del 27/10/209 e Art. 10 Decreto Lgs N. 33 del 14 Marzo 2013) LICEO STATALE GIULIANO DELLA ROVERE Via Monturbano, 8 17100 SAVONA tel. 019/850424 fax 019/814926 e-mail : segreteria@liceodellarovere.it Prot. n. 249 /A19 Savona, 23 Gennaio 2014 PROGRAMMA TRIENNALE PER

Dettagli

Comune di San Pellegrino Terme. PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA e L INTEGRITA 2014-2016

Comune di San Pellegrino Terme. PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA e L INTEGRITA 2014-2016 Comune di San Pellegrino Terme PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA e L INTEGRITA 2014-2016 Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 3,03 del 31 gennaio 2014 SOMMARIO INTRODUZIONE - ORGANIZZAZIONE

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2015 2017 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA

PIANO TRIENNALE 2015 2017 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA PIANO TRIENNALE 2015 2017 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA E PROGRAMMA TRIENNALE 2015 2017 PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PARTE PRIMA PIANO TRIENNALE 2015-2017 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 INDICE

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 INDICE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 INDICE PREMESSA 1. Organizzazione e funzioni dell amministrazione 2. Obiettivi strategici in materia di trasparenza e integrità

Dettagli

COMUNE DI CENTO Provincia di Ferrara PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015/2017

COMUNE DI CENTO Provincia di Ferrara PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015/2017 COMUNE DI CENTO Provincia di Ferrara PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015/2017 Predisposto dal responsabile per la Trasparenza Segretario Generale Dott.ssa Margherita Clemente Adottato

Dettagli

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia Programma triennale per la trasparenza e l integrità (Decreto Legislativo n. 33 del 14 marzo 2013) Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del PREMESSA

Dettagli

ENTE PARCO REGIONALE SIRENTE VELINO

ENTE PARCO REGIONALE SIRENTE VELINO ENTE PARCO REGIONALE SIRENTE VELINO Qui proteggiamo natura e cultura Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Anno 2012-2014 (Attuazione dell art. 11 comma 8, lett. a) D.Lgs. 27 ottobre 2009

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ, TRASPARENZA E DIFFUSIONE DI INFORMAZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

REGOLAMENTO SUGLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ, TRASPARENZA E DIFFUSIONE DI INFORMAZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO REGOLAMENTO SUGLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ, TRASPARENZA E DIFFUSIONE DI INFORMAZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO Capo I Definizioni e principi generali Articolo 1 (Definizioni)

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014 1 PREMESSA Con la redazione del presente Programma Triennale per la trasparenza e l integrità, di seguito denominato Programma,

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ISTITUTO COMPRENSIVO A. CROSARA Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Via G.G. Trissino, 1 cap. 36073 *Cornedo Vicentino* (Vicenza) C.M.VIIC82400G C.F.85001490243 e mail: viic82400g@istruzione.it

Dettagli

PROPOSTE FORMATIVE. Aprile 2015

PROPOSTE FORMATIVE. Aprile 2015 PROPOSTE FORMATIVE Aprile 2015 AREE TEMATICHE GESTIONE D IMPRESA COMPLIANCE E-LEARNING ANALISI ORGANIZZATIVA FINALITA : Intraprendere un progetto di cambiamento organizzativo prevede la capacità di individuare

Dettagli

Comune di Dueville (Provincia di Vicenza)

Comune di Dueville (Provincia di Vicenza) Comune di Dueville (Provincia di Vicenza) DIREZIONE GENERALE Servizio programmazione e sviluppo organizzativo Servizio informatica Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014 2016 1 Introduzione:

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PER IL TRIENNIO 2014-2016

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PER IL TRIENNIO 2014-2016 UNIONE DEI COMUNI DEL MEDIO BRENTA Cadoneghe Vigodarzere PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PER IL TRIENNIO 2014-2016 Approvato con delibera

Dettagli

UNIVERSITA AGRARIA DI TARQUINIA PROVINCIA DI VITERBO. Piano triennale per la trasparenza e l integrità (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n.

UNIVERSITA AGRARIA DI TARQUINIA PROVINCIA DI VITERBO. Piano triennale per la trasparenza e l integrità (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. UNIVERSITA AGRARIA DI TARQUINIA PROVINCIA DI VITERBO Piano triennale per la trasparenza e l integrità (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. 33) PREMESSA Con il presente programma triennale per la trasparenza

Dettagli

Programma per la trasparenza e l integrità

Programma per la trasparenza e l integrità Programma per la trasparenza e l integrità Periodo 2014-2016 ARAN - Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni Approvato dal Collegio di indirizzo e controllo con delibera

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016 1. PREMESSA L'art. 10 del Decreto legislativo 14.3.2013, n. 33, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 80 del 5.4.2013, prescrive

Dettagli

BOZZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015/2017

BOZZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015/2017 Comune di Villasor Allegato alla deliberazione GC n. 3 del 13/01/2015 BOZZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015/2017 IL SINDACO Walter Marongiu IL SEGRETARIO COMUNALE Dott.ssa Areddu

Dettagli

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014/2016

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014/2016 PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014/2016 CAPO I PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA Articolo 1 (Oggetto e finalità) 1.

Dettagli

C I T T À D I A R O N A PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014/2016. Più la scrittura è trasparente e più la poesia è visibile.

C I T T À D I A R O N A PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014/2016. Più la scrittura è trasparente e più la poesia è visibile. C I T T À D I A R O N A PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014/2016 1. Introduzione 1.1. L amministrazione trasparente La nozione di trasparenza, già introdotta nell ordinamento dall

Dettagli

Programma Triennale della Trasparenza e Integrità. Anni 2015-2017

Programma Triennale della Trasparenza e Integrità. Anni 2015-2017 Programma Triennale della Trasparenza e Integrità Anni 2015-2017 Le novità normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli enti locali la revisione e la

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica

Dettagli

COMUNE DI VIZZINI PROVINCIA DI CATANIA PROGRAMMA TRIENNALE DELLA TRASPARENZA E L INTEGRITA' 2015-2017. ( D.Lgs. 14 marzo 2013, n.

COMUNE DI VIZZINI PROVINCIA DI CATANIA PROGRAMMA TRIENNALE DELLA TRASPARENZA E L INTEGRITA' 2015-2017. ( D.Lgs. 14 marzo 2013, n. COMUNE DI VIZZINI PROVINCIA DI CATANIA PROGRAMMA TRIENNALE DELLA TRASPARENZA E L INTEGRITA' 2015-2017 ( D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 33) Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 74 del 07/11/2014 PREMESSA

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Sommario Art. 1 - Principi generali Art. 2 - Tipologie di formazione, soggetti destinatari e fonti

Dettagli

COMUNITA MONTANA DUE LAGHI CUSIO MOTTARONE E VAL STRONA

COMUNITA MONTANA DUE LAGHI CUSIO MOTTARONE E VAL STRONA COMUNITA MONTANA DUE LAGHI CUSIO MOTTARONE E VAL STRONA PROGRAMMA TRIENNALE 2014 2016 PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (ai sensi dell art. 11, commi 2 e 8, lettera a) del D.Lgs. n. 150/2009) (come riordinato

Dettagli

1. Premessa. - gli obiettivi che l ente si pone per dare piena attuazione al principio di trasparenza;

1. Premessa. - gli obiettivi che l ente si pone per dare piena attuazione al principio di trasparenza; 1. Premessa Il Parco Valle Lambro dimostra la propria piena partecipazione al processo di attivazione delle buone prassi di trasparenza ed etica con l adozione del presente piano, intitolato Programma

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 6. IL PROCESSO SEGUITO E LE AZIONI DI MIGLIORAMENTO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 6.1 Fasi, soggetti e tempi del processo di redazione del Piano Analogamente a quanto avvenuto per il 2012, il

Dettagli

Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario

Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015 2017 1 1 Approvato con deliberazione della Giunta

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA AMENDOLA, 18 TEL E FAX 0985/81036 CSIC836001@istruzione.it Sito web : www.icdiamantebuonvicino.gov.it 87023 DIAMANTE

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014-2016 ISTITUTO COMPRENSIVO PITAGORA Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Via Anacreonte, 60-75012 BERNALDA (Matera) Tel. 0835-544863 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ -2016

Dettagli

Delibera Consiglio Direttivo n 100 del 23 febbraio 2015

Delibera Consiglio Direttivo n 100 del 23 febbraio 2015 Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e prevenzione della corruzione del Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Bologna ai sensi dell art. 2, comma 2-bis del D.L. 31 agosto

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni da parte del Consiglio Nazionale dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati e dei Consigli territoriali

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. GEMELLI - SANT AGNELLO (NA) PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ TRIENNIO 2016-2018 Anno 2016 - VERSIONE 1.03 PREMESSA L'Istituto

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ (PTTI) 2016-2018. Delibera C.d.I. n. 41 del 24-05-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ (PTTI) 2016-2018. Delibera C.d.I. n. 41 del 24-05-2016 Istituto di Istruzione Secondaria Superiore P. Mattarella D. Dolci Liceo- Tecnico -Professionale Castellammare del Golfo Alcamo - Calatafimi Segesta PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Comune di Vigevano PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012 2014 Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 266 del 6 dicembre 2012 Indice: Premessa....3 1. Trasparenza, integrità

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2013-2014-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2013-2014-2015 ALLEGATO A) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2013-2014-2015 1 - INTRODUZIONE: ORGANIZZAZIONI E FUNZIONI DELL AMMINISTRAZIONE La struttura organizzativa dell Ente prevede la presenza

Dettagli

COMUNE DI SOLETO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

COMUNE DI SOLETO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA COMUNE DI SOLETO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014/2016 PREMESSA La recente normativa, nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione, impone agli Enti

Dettagli

CONSORZIO SIR UMBRIA *** PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ADOTTATO CON DELIBERAZIONE DEL PRESIDENTE N.

CONSORZIO SIR UMBRIA *** PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ADOTTATO CON DELIBERAZIONE DEL PRESIDENTE N. CONSORZIO SIR UMBRIA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 *** ADOTTATO CON DELIBERAZIONE DEL PRESIDENTE N. 5 DEL 30/01/2014 1. Introduzione 1. Le fonti di diritto La P.A. è chiamata

Dettagli

Piano Triennale della Trasparenza e Integrità 2015-2016-2017. Aggiornamento.

Piano Triennale della Trasparenza e Integrità 2015-2016-2017. Aggiornamento. COMUNE DI MONTEPRANDONE Provincia di Ascoli Piceno Piano Triennale della Trasparenza e Integrità 2015-2016-2017. Aggiornamento. 1) QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO La principale fonte normativa per la stesura

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

Trasparenza e integrità

Trasparenza e integrità Trasparenza e integrità In base al D.Lgs.33/2013 Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte della pubbliche amministrazioni e alle

Dettagli

Università degli Studi di Firenze

Università degli Studi di Firenze Università degli Studi di Firenze Piano per la formazione del personale dell Università degli Studi di Firenze nell ambito della prevenzione della corruzione Anni 2013-2015 PIANO PER LA FORMAZIONE DEL

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017 PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017 Premessa Il Consorzio è stato costituito ai sensi dell art. 31 del T.U di cui al D.Lgs 267/2000

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA (Approvato con deliberazione n. 5 del 1 febbraio 2013) Azienda Speciale Comunale CREMONA SOLIDALE Settore Affari Generali PREMESSA INTRODUTTIVA La trasparenza è intesa come

Dettagli

COMUNE DI REALMONTE PROVINCIA DI AGRIGENTO

COMUNE DI REALMONTE PROVINCIA DI AGRIGENTO COMUNE DI REALMONTE PROVINCIA DI AGRIGENTO PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2015 2017 A cura del Responsabile per la Trasparenza Dott. Chiara Salvatore Approvato dalla Giunta Comunale

Dettagli

AGORÀ Unione di Comuni PROVINCIA DI PAVIA

AGORÀ Unione di Comuni PROVINCIA DI PAVIA AGORÀ Unione di Comuni PROVINCIA DI PAVIA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012 2014 Indice: Premessa.....1 1.I dati da pubblicare sul portale dell Unione.....3 2.Il processo di pubblicazione

Dettagli

COLLEGIO DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI VERONA

COLLEGIO DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI VERONA Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni da parte del Consiglio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Verona ai

Dettagli

COMUNE DI GALGAGNANO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2013-2015

COMUNE DI GALGAGNANO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2013-2015 ALLEGATO N. 1 COMUNE DI GALGAGNANO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2013-2015 1. PREMESSA Con la redazione del presente Programma Triennale per la trasparenza e l integrità,

Dettagli

Programma Triennale della Trasparenza e Integrità 2014 2016

Programma Triennale della Trasparenza e Integrità 2014 2016 Programma Triennale della Trasparenza e Integrità 2014 2016 Delibera del consiglio d Istituto no 21 del 28 gennaio 2014 La redazione del Programma Triennale della Trasparenza e Integrità è strutturata

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 Le modifiche normative intervenute, nell ambito dell ampio programma di riforma della Pubblica Amministrazione, impongono agli Enti Locali

Dettagli

Collegio Territoriale dell Ordine dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati delle Province di Bari e B.A.T.

Collegio Territoriale dell Ordine dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati delle Province di Bari e B.A.T. Collegio Territoriale dell Ordine dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati delle Province di Bari e B.A.T. Regolamento sugli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni

Dettagli

Ente Parco Nazionale Area Contabilità e Finanza - ex VII qualifica funzionale

Ente Parco Nazionale Area Contabilità e Finanza - ex VII qualifica funzionale Apprendimento generale: Ente Parco Nazionale Area Contabilità e Finanza - ex VII qualifica funzionale metodi e strumenti di lavoro di tipo generale pubblica amministrazione e ambiente processi di lavoro

Dettagli