IGIENE E PREVENZIONE PER GLI OPERATORI DEI CENTRI PER MIGRANTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IGIENE E PREVENZIONE PER GLI OPERATORI DEI CENTRI PER MIGRANTI"

Transcript

1 IGIENE E PREVENZIONE PER GLI OPERATORI DEI CENTRI PER MIGRANTI FER - Fondo Europeo Rifugiati Azione 4

2 Coordinatore nazionale Progetto Praesidium, responsabile sanitario: Alessandra Diodati Coordinatore attività di supporto psicologico Praesidium VII: Gessica De Cesare Facilitatore del progetto Marta Parisi Per info e contatti: Croce Rossa Italiana Progetto Praesidium Via B. Ramazzini, Roma Croce Rossa Italiana Comitato Centrale Via Toscana, Roma

3 INTRODUZIONE La prevenzione costituisce uno degli strumenti più efficaci per ridurre il rischio di trasmissione di gran parte delle malattie infettive, attraverso la promozione di stili di vita sani. Essa risulta quindi fondamentale in luoghi come i Centri per migranti, i quali sono spesso sovraffollati, per cui il contatto ravvicinato e continuo tra le persone che vi risiedono potrebbe rendere più facile la trasmissione di malattie. Inoltre, lasciato il centro, spesso è difficile mantenere contatti con ospiti bisognosi di monitoraggio, che vanno a costituire una popolazione difficile da raggiungere e da trattare, a rischio di mancato accesso alle cure. L informazione e la formazione del personale operante in questi contesti può essere determinante per riconoscere situazioni potenzialmente pericolose e per adottare le necessarie contromisure che permettano la tutela personale e la tutela della sanità pubblica. Più specificamente, operatori sanitari e non sanitari, ricoprono un ruolo fondamentale non solo nella cura delle malattie, ma anche nel vigilare affinché buone norme proteggano la comunità e gli operatori stessi.

4 CONCETTI GENERALI 1 A partire dal 1978, l Organizzazione Mondiale della Sanità dà il via ad una prospettiva di sanità pubblica che richiama l attenzione sull importanza della prevenzione nell ambito delle politiche internazionali ed all interno dei sistemi sanitari nazionali. Sanità pubblica: Azione della comunità rivolta ad evitare le malattie ed ogni altra forma di minaccia alla salute ad al benessere degli individui e della popolazione Medicina di sanità pubblica: Scienza e arte di prevenire le malattie, di prolungare la vita e di promuovere la salute attraverso gli sforzi organizzati della società Salute: Igiene: Informazione sanitaria Educazione sanitaria Promozione della salute è diritto fondamentale di ogni essere umano il possesso del miglior stato di salute che ciascuno è capace di raggiungere, intendendosi per salute non solo l'assenza di malattia, ma un completo stato di benessere fisico, mentale e sociale Disciplina che ha per fine di promuovere e conservare la salute sia individuale che collettiva Intervento teso a fornire conoscenze relative ai temi riguardanti la salute Insieme di interventi coordinati per aiutare l'individuo o il gruppo a conoscere, ad accettare e ad acquisire dei modi di agire che siano utili a mantenere e a migliorare la salute propria e degli altri Processo che conferisce alle persone la capacità di aumentare e migliorare il controllo sulla propria salute La Prevenzione: mira al mantenimento ed al miglioramento dello stato di salute della popolazione; le attività di prevenzione sono messe in atto prima dell instaurarsi dello stato di malattia. Prevenzione attiva Prevenzione di comunità Prevenzione Primaria Prevenzione Secondaria Prevenzione Terziaria Insieme degli interventi di prevenzione offerto in maniera attiva alla popolazione o ai soggetti a rischio da parte dei diversi attori del Sistema Sanitario Nazionale Insieme degli interventi diretti ad intere popolazioni, che rientrano generalmente nell'ambito nell'ambito della prevenzione primaria e che non coinvolgono necessariamente personale sanitario Insieme di interventi volti ad impedire lo sviluppo delle malattie. Essa agisce sulla rimozione dei fattori di rischio, che favoriscono l'insorgere di determinate malattie, prima dell'instaurarsi di un qualsiasi stato di malattia Intervento volto all'identificazione precoce di malattie cronico-degenerative o di fattori di rischio, affinchè si impedisca l'instaurarsi di uno stato di malattia in soggetti già esposti a fattori di rischio. Si conclude con l'intervento terapeutico per bloccarne o limitarne il percorso Intervento volto alla riduzione delle complicanze di una malattia che però è già manifesta

5 Pulizia Nell ambito della prevenzione primaria da adottare nei confronti delle malattie infettive, occorre considerare anche le seguenti pratiche: PULIZIA procedimenti ed operazioni atti a rimuovere polveri, materiale non desiderato, sporcizia da superfici, oggetti, ambienti confinati ed aree di pertinenza DISINFEZIONE procedimenti ed operazioni atti a rendere sani determinati ambienti mediante la distruzione o l'inattivazione di microrganismi patogeni DISINFESTAZIONE procedimenti ed operazioni atti a distruggere specie vegetali non desiderate e piccoli animali, sia perché parassiti, veicoli di agenti patogeni, sia perché molesti DERATTIZZAZIONE procedimenti ed operazioni di disinfestazione atti a determinare la distruzione completa o la riduzione della popolazione dei ratti o dei topi SANIFICAZIONE STERILIZZAZIONE procedimenti ed operazioni atti a rendere sani determinati ambienti mediante l'attività di pulizia, o disinfezione, o disinfestazione, ovvero mediante il controllo ed il miglioramento delle condizioni del microclima per quanto riguarda la temperatura, l'umidità, la ventilazione, l'illuminazione ed il rumore eliminazione da un substrato di ogni forma vivente, patogena e non patogena; si ottiene attraverso l'utilizzo di agenti fisici e chimici

6 Principali fattori di rischio per la salute del migrante: Sono le condizioni che determinano un decadimento delle condizioni di salute e riducono le difese immunitarie, oppure rendono difficile cure adeguate Alimentazione insufficiente e/o sbilanciata Discriminazione nell'accesso e/o utilizzo dei servizi socio-sanitari Inadeguatezza alloggiativa: sovraffollamento, carenze igieniche, mancanza di acqua salubre, mancanza di acqua e luce, umidità permanente, insufficiente altezza dei locali rispetto alle misure standard Diversità climatiche Disoccupazione o precarietà occupazione, scarsa tutela sul lavoro Sradicamento culturale, diversità di costumi e valori Difficoltà comunicative e di inserimento sociale Lontananza dagli affetti, mancanza di supporto psico-affettivo Principali interventi di Prevenzione primaria Vaccinazioni 1 Isolamento a seguito di diagnosi di caso contagioso Bonifica ambientale Corretta gestione e smaltimento dei rifiuti Controllo sugli alimenti e sull'acqua potabile Legislazione e normativa in materia di igiene edilizia Riduzione del sovraffollamento Educazione alimentare Campagne di informazione ed educazione sanitaria contro stili di vita insalubri 1 Si ricorda che le vaccinazioni dei minori sono obbligatorie e che sono necessarie alla tutela della salute dei minori stessi e delle comunità che frequentano (in particolare, la scuola)

7 PREVENZIONE GENERALE DELLE MALATTIE Le malattie si dividono in due distinte categorie: - malattie non infettive, che sono spesso la risultante di fattori di rischio che si combinano tra loro, correlati a caratteristiche genetiche proprie dell individuo, a stili di vita inappropriati ed a fattori ambientali; esse hanno un decorso cronico, spesso di lunga durata; - malattie infettive, che si verificano quando un germe penetra nell organismo umano e si riproduce a spese della salute. In seguito all esposizione all agente patogeno vi è un periodo di incubazione, in cui il soggetto non accusa sintomi, poi una fase prodromica, caratterizzata dalla comparsa di sintomi aspecifici, in cui il soggetto può anche eliminare il microrganismo; infine, se ciò non avviene, vi è la fase conclamata della malattia, caratterizzata dai sintomi tipici delle varie patologie; Una citazione specifica è necessaria per l infestazione, la quale si verifica quando i sintomi della malattia sono legati alla presenza dell ospite-parassita attraverso prurito, o conseguenti lesioni cutanee. Si trasmette con il passaggio del parassita per contatto cute/cute, o tramite abiti e lenzuola. Tipici esempi sono la scabbia e la pediculosi. I principali organismi di difesa dell organismo contro le malattie infettive sono: - cute e rivestimenti degli organi interni (mucose); - sistema immunitario (cellule e linfociti che producono anticorpi). Modalità di trasmissione delle malattie infettive. Le malattie infettive possono essere trasmesse da un individuo all altro: i germi patogeni iniziano a diffondersi a partire da soggetti infetti, che li liberano attraverso diverse vie di eliminazione, e raggiungono altri soggetti attraverso due modalità di trasmissione: Trasmissione diretta Trasmissione indiretta i germi passano direttamente dalla fonte di infezione al soggetto sensibile i germi emessi dalla fonte di infezione sostano nell'ambiente, più o meno a lungo, e raggiungono il soggetto sensibile indirettamente, trasportati da altri veicoli Raggiunto l individuo sensibile, i germi patogeni possono penetrare all interno dell organismo attraverso specifiche vie d ingresso, diverse da malattia a malattia e da germe a germe. Le modalità di trasmissione, quindi, dipendono dalle vie di ingresso dei microrganismi patogeni e dalla loro resistenza nell ambiente

8 esterno. Quelle più frequentemente utilizzate dai patogeni sono l apparato respiratorio, l apparato digerente, le vie genito-urinarie e le congiuntive oculari. La cute rappresenta una buona barriera difensiva, che può essere superata solo se sono presenti ferite o escoriazioni, o a causa di punture di insetti e morsi di animali. Le malattie sono classificabili a seconda delle modalità di trasmissione: - malattie trasmissibili attraverso l aria (via aerea); - malattie trasmissibili attraverso il sangue o il contatto con liquidi biologici (via parenterale o sessuale); - malattie trasmissibili attraverso il contatto interumano diretto con portatori di infezioni o malati e attraverso alimenti, bevande o oggetti contaminati (via oro-fecale). Trasmissione Vie di ingresso Esempi di patologie Influenza, Meningite, Polmonite,Tubercolosi Trasmissione aerea respiro, tosse, starnuti polmonare Trasmissione parenterale e sessuale sangue, liquidi biologici Epatiti, HIV Trasmissione oro-fecale feci, intestino Epatite A, Tifo, Poliomelite, Colera Zoonosi: da animale ad essere umano Peste, Rabbia, Tubercolosi bovina.. Via verticale: madre-feto placenta HIV, Epatite B, TORCH Trasmissione per contatto diretto con esseri umani o animali cute Prurito, lesioni cutanee per grattamento MISURE PER IL CONTRASTO ALLA DIFFUSIONE DELLE MALATTIE: IL CASO DEI CENTRI DI ACCOGLIENZA Il sovraffollamento, la mancanza di spazi, la conseguente carenza o inadeguatezza igienica dei servizi, può avere effetti dirompenti sulle condizioni generali di salute degli ospiti, ai quali non vengono garantite le più elementari norme igieniche e sanitarie, dato che gli stessi sono costretti a vivere in uno spazio che non corrisponde a quello minimo vitale, con una riduzione della mobilità che è causa di patologie specifiche. Il sovraffollamento può assumere dimensioni tali da creare problemi di ordine pubblico: in situazioni di emergenza che recentemente si sono verificate, il rapporto numerico tra migranti e doperatori, inclusi educatori ed assistenti sociali, ha spesso frustrato ogni possibile serio tentativo di intraprendere e seguire, per la maggior parte dei migranti, percorsi socio-sanitari individualizzati ed adeguati. Alcune malattie infettive altamente contagiose richiedono l applicazione di misure di riduzione del rischio di trasmissione ad altri individui potenzialmente suscettibili. Due sono particolarmente utili nei contesti relativi ai migranti:

9 1. Sistema di notifica obbligatoria delle malattie infettive: il medico che fa diagnosi di una determinata malattia infettiva, la deve obbligatoriamente notificare alle autorità sanitarie competenti; 2. Isolamento: separazione per il periodo di contagiosità di persone infette in luoghi o condizioni, al fine di ridurre o limitare il rischio di contagio.tale modalità è applicabile sia nelle strutture sanitarie che nei Centri. RACCOMANDAZIONI E BUONE PRATICHE IGIENICHE Spesso chi lavora nelle comunità a contatto con le persone, anche apparentemente sane, sono soggette a contrarre malattie ma diventano anche veicoli di diffusione delle malattie all interno dell ambiente di lavoro e all esterno tra le persone che frequentano fuori dell orariodi lavoro.esistono cinque gruppi di buone pratiche igieniche, con le quali gli operatori che lavorano in ambienti comunitari e a contatto con le persone, possono ridurre la possibilità di contrarre malattie durante il lavoro e di diffonderle. Norme di igiene personale Utensili e oggetti di uso personale Lavaggio delle mani dopo ogni contatto con materiale potenzialmente sporco, o dopo aver starnutito, tossito, usato servizi igienici. E' consigliato l'utilizzo di oggetti monouso, o effettuare cambi e lavaggi con frequenza almeno settimanale Ambienti Tenere gli ambienti più sgombri possibile, disporre i letti ad una distanza di almeno 70 cm l'un l'altro e lontano da correnti d'aria o fonti di calore intenso, assicurarsi della perfetta chiusura di porte e finestre. Dispositivi di Protezione Individuale (DPI) Essi sono attrezzature che l'operatore indossa per proteggersi dai rischi per la salute e la sicurezza durante il lavoro. Ci si riferisce a guanti, mascherine e camici, che hanno una funzione di tutela sia nei confronti degli operatori, che degli utenti Vaccinazioni consigliate per gli operatori sanitari In condizioni di particolare emergenza si aggiungono specifiche vaccinazioni a quelle già previste di norma

10 Un buon esempio su come applicare queste norme sono le raccomandazioni di comportamento diffuse dall OMS e dalla IFRC durante l epidemia di influenza H1N1 Come riconoscere l influenza La nuova influenza A/H1N1 è un infezione virale acuta dell apparato respiratorio con sintomi fondamentalmente simili a quelli classici dell influenza: febbre ad esordio rapido, tosse, mal di gola, malessere generale; la diagnosi è basata sul solo criterio clinico: un affezione respiratoria acuta ad esordio brusco ed improvviso con la compresenza di una triade di sintomi ovvero: - febbre a 38 C - un sintomo respiratorio tra i seguenti: tosse, mal di gola, congestione nasale e naso che cola - un sintomo sistemico tra i seguenti: cefalea, malessere generalizzato, sensazione di febbre (sudorazione, brividi), astenia La via di trasmissione più diffusa del virus dell'influenza AH1N1 è quella diretta da uomo a uomo per via aerea, attraverso le gocce di saliva di chi tossisce o starnutisce, e per via indiretta, attraverso il contatto con mani contaminate dalle secrezioni respiratorie. Il periodo di contagiosità va da -1 a + 7 giorni dall inizio della sintomatologia negli adulti, ed è un po più lungo nei bambini (ai fini pratici si considera il limite di 10 giorni dall inizio dei sintomi). Cosa dovete fare se siete affetti da influenza 1. rimanere a casa. Se le condizioni cliniche non migliorano nel periodo previsto (in genere tre giorni) avvisare il proprio Medico di Famiglia. 2. soggiornate per il periodo della malattia in una sola stanza; 3. identificate se possibile un solo familiare che abbia contatto con voi; 4. evitare contatti non strettamente necessari con familiari e amici e ancor più con i bambini e donne in stato di gravidanza; 5. coprire bocca e naso con fazzoletto di carta in caso di tosse o starnuti; 6. eliminare i fazzoletti di carta monouso in sacchetti chiusi, normalmente come rifiuto urbano. Raccomandazioni ai familiari e/o conviventi: 1. arieggiare gli ambienti più volte al giorno; 2. lavarsi accuratamente le mani con acqua calda e sapone dopo ogni contatto con il malato, i suoi effetti personali e quelli presente nell ambiente; 3. evitare il contatto diretto con le diverse secrezioni ed escrezioni del malato: se questo dovesse verificarsi lavate immediatamente le mani o le altre parti del corpo, cambiare gli indumenti e lavarli come di consueto; 4. evitare di toccarsi con le mani gli occhi, il naso e la bocca;

11 5. indossare guanti monouso per la pulizia di materiali usati dal malato, o contaminati da secrezioni del malato e lavarsi sempre le mani dopo la rimozione dei guanti. Non riutilizzare i guanti una volta tolti e smaltirli in sacchetti chiusi normalmente come rifiuto urbano; 6. non utilizzare direttamente salviette, asciugamani, posateria, bicchieri, indumenti, lenzuola, coperte, federe usate dal malato; possono invece essere riutilizzati da chiunque dopo il consueto lavaggio a caldo con sapone o con gli usuali detersivi/detergenti domestici; 7. la pulizia di superfici, oggetti e quant altro venuti a contatto con il malato o con le sue secrezioni può essere fatta con gli usuali prodotti detergenti/disinfettanti di uso domestico utilizzando materiale di carta che va poi eliminato come rifiuto urbano, in sacchetti chiusi; 8. i rifiuti contaminati dalle secrezioni/escrezioni del paziente (fazzoletti e salviette di carta, etc) vanno introdotti e chiusi in un sacchetto di plastica ed eliminati con i rifiuti; lavarsi le mani dopo questa operazione.

12 LAVARSI LE MANI E UNO DEI MEZZI PIU EFFICACI PER RIDURRE IL CONTAGIO TRA LE PERSONE Lava le mani regolarmente, Lavale se starnutisci o tossisci, se ti soffi il naso o aiuti una persona che tossisce o starnutisce. Lava le mani con acqua e sapone e asciugale accuratamente. Usa preparati a base alcolica se non puoi lavarti le mani con l acqua e sapone. OCCORRE FARLO SPESSO, E FARLO BENE!!! BAGNA LE MANI CON L ACQUA e APPLICA IL SAPONE oppure SPRUZZA IL PRODOTTO DISINFETTANTE Poi inizia STROFINA PALMO CONTRO PALMO POI IL DORSO E TRA LE DITA LAVA LE PUNTE DELLE DITA E POI PASSA AI POLLICI E ANCORA UNA VOLTA SUL PALMO CON LE DITA RISCIACQUA CON ACQUA ASCIUGA LE MANI CON UNA SALVIETTA DI CARTA MONOUSO USA LA SALVIETTA PER CHIUDERE L ACQUA E POI GETTALA ADESSO LE TUE MANI SONO PULITE RIPETI GLI STESSI GESTI ANCHE QUANDO PULISCI LE MANI CON UN PRODOTTO DISINFETTANTE SENZA ACQUA 2 Durata del lavaggio: secondi 2 Fonte OMS.

13 SFATIAMO UN MITO.LA SCABBIA:PREVENZIONE E TRATTAMENTO La scabbia è solitamente una parassitosi di modesta contagiosità e di scarsa gravità. Il serbatoio d infezione è l uomo. Il contagio avviene quasi sempre per contatto interumano ed è tipico il contagio tra persone che condividono lo stesso letto o gli stessi indumenti. La probabilità che si sviluppino casi secondari, conseguenti a contatti occasionali, è molto bassa. Eventuali epidemie causate da soggetti malati presuppongono un contatto prolungato e si hanno, in genere, solo tra soggetti conviventi o contatti sessuali (epidemie intrafamiliari). La scabbia oggi viene annoverata tra le infezioni sessualmente trasmissibili, poiché la trasmissione interumana necessita di contatti intimi e prolungati, come può avvenire nei rapporti sessuali. Le persone immunocompromesse (es. HIV+, anziani, ecc.) sono invece a maggior rischio di contagio e nelle comunità in cui sono ospiti possono verificarsi più facilmente epidemie di scabbia. In caso di primo contagio, il periodo di incubazione è di circa tre settimane, mentre è molto più breve, 1-3 giorni, in caso di reinfestazione. Quadro clinico La sintomatologia della scabbia è rappresentata dal prurito intenso e prevalentemente notturno che non lascia dormire il paziente. L eruzione cutanea è costituita da lesioni patognomoniche (cunicoli scabbiosi e vescicole perlacee) e altre lesioni, più spesso da trattamento (papule, noduli, escoriazioni e croste). La malattia non comporta rischi per la vita, ma il prurito intenso, ingravescente e persistente e le infezioni secondarie possono essere invalidanti. Diagnosi La diagnosi si basa sulla storia di contatto con persone che lamentano prurito e sul quadro clinico. Le caratteristiche del prurito, soprattutto notturno, sono tipiche delle malattie. L esame microscopico diretto delle squame prelevate dalla cute può evidenziare la presenza dell acaro o delle uova. Gli esiti del trattamento e la valutazione della sua efficacia sono possibili dopo circa giorni. Come trattare il paziente affetto da scabbia? La terapia della scabbia è, salvo qualche eccezione, topica: il prodotto anti-scabbia va applicato su tutta la superficie cutanea, dal collo ai piedi (esclusi il capo - a meno che non sia direttamente colpito dall infestazione e l intera zona circostante l ano e i genitali). Il tempo di contatto deve essere di 24 ore, senza lavarsi, ciò vale anche per le mani, che, se vengono lavate prima di questo tempo, devono essere ritrattate. L applicazione deve essere accurata, specie sulla pelle tra le dita e intorno alle unghie.

14 Non sempre un ciclo di trattamento è sufficiente ad eliminare in modo completo l infestazione: a volte a distanza di una settimana può essere indispensabile effettuare un secondo ciclo, su indicazione dello specialista. Tuttavia, dopo 48 ore si può solitamente già notare una diminuzione del prurito. Il persistere del prurito, anche per una o 2 settimane dopo il ciclo di trattamento anti-scabbia, non è tuttavia da considerarsi necessariamente un fallimento della terapia, potendo essere legato a fenomeni di sensibilizzazione e/o all azione irritante del farmaco usato per eliminare il parassita. Le possibili papule post-infestazione valutate dallo specialista dermatologo possono essere trattate con pomate; nei casi di infezione batterica delle lesioni da grattamento, è indicato l uso di un antibiotico (di solito per bocca). Può essere utile la somministrazione serale di un farmaco per bocca, per ridurre il prurito. Abitualmente i prodotti anti-scabbia sono applicati dopo un bagno caldo; tuttavia questo non è necessario, anzi, esistono evidenze che un bagno caldo possa aumentare l assorbimento del farmaco, riducendone la concentrazione nella sede d azione, cioè sulla cute. Che precauzioni sono consigliabili? Per quanto riguarda le misure igieniche e di profilassi, la persona affetta da scabbia deve essere trattata con apposita terapia, evitando contatti intimi con altre persone per almeno 24 ore dall inizio del trattamento e mantenendo la vita comunitaria, senza necessità di un isolamento completo. Al termine del trattamento è necessario cambiare gli abiti, inclusa la biancheria intima, le lenzuola ed il materasso, se l infestazione si è verificata mentre il migrante si trovava nel Centro. E consigliabile, inoltre, lavare gli indumenti in acqua molto calda ed esporre il materasso al sole per almeno 48 ore. Per l ambiente in generale non sono necessari interventi di disinfestazione, ma è indispensabile un accurata pulizia dei locali con i comuni detergenti. Il giorno successivo al trattamento è necessario fare un bagno di pulizia e cambiare biancheria personale e lenzuola. FER - Fondo Europeo Rifugiati Azione 4

GESTIONE SCOLASTICA DEL VIRUS INFLUENZALE A/H1N1

GESTIONE SCOLASTICA DEL VIRUS INFLUENZALE A/H1N1 I.T.I. OMAR GESTIONE SCOLASTICA DEL VIRUS INFLUENZALE A/H1N1 Procedure igienico sanitarie OTTOBRE 2009 REVISIONE 01 SOMMARIO La sindrome influenzale da virus A/H1N1 3 Misure di prevenzione 3 Come lavare

Dettagli

Influenza A(H1N1) How to protect yourself and others. www.euro.who.int/influenza

Influenza A(H1N1) How to protect yourself and others. www.euro.who.int/influenza Influenza A(H1N1) How to protect yourself and others www.euro.who.int/influenza INFLUENZA A(H1N1) COSA E QUESTA NUOVA INFLUENZA 1. Cosa è l Influenza A(H1N1)? L influenza A(H1N1) è un nuovo virus influenzale

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA PREVENZIONE E CURA DELLA SCABBIA

PROTOCOLLO PER LA PREVENZIONE E CURA DELLA SCABBIA PROTOCOLLO PER LA PREVENZIONE E CURA DELLA SCABBIA 1. SCOPO Il presente protocollo vuole essere uno strumento per la gestione degli interventi da attuare negli operatori sanitari in caso di esposizione

Dettagli

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Non farti influenzare Contro l A/H1N1 scegli la prevenzione www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI

INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI (Ministero della Salute - http://www.salute.gov.it) INTRODUZIONE Le mani sono un ricettacolo di germi; circa il 20% è rappresentato da microrganismi non patogeni,

Dettagli

SITUAZIONE MATERIALI DA DISINFETTARE PROCEDURE

SITUAZIONE MATERIALI DA DISINFETTARE PROCEDURE Il 5 luglio scorso l Organizzazione mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato contenuta in tutto il mondo l epidemia di SARS. Ciononostante occorre mantenere alta la vigilanza globale. A questo proposito

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 novembre 2001, n.465 Regolamento che stabilisce le condizioni nelle quali è obbligatoria la vaccinazione antitubercolare, a norma dell'articolo 93, comma 2, della

Dettagli

Bollettino Epidemiologico n. 80 LE PARASSITOSI CUTANEE IN AMBITO SCOLASTICO

Bollettino Epidemiologico n. 80 LE PARASSITOSI CUTANEE IN AMBITO SCOLASTICO Dipartimento di Prevenzione E & P ASL - Benevento Bollettino Epidemiologico n. 80 Servizio Epidemiologia e Prevenzione - Tel. 0824-308 284-5-6-9 - Fax 0824-308302 - e-mail sep@aslbenevento.it LE PARASSITOSI

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA PREVENZIONE E LA CURA DELLA SCABBIA

PROTOCOLLO PER LA PREVENZIONE E LA CURA DELLA SCABBIA PROTOCOLLO PER LA PREVENZIONE E LA CURA DELLA SCABBIA GENERALITA La scabbia è una delle affezioni dermatologiche di più frequente riscontro, soprattutto nelle comunità in genere. Tale affezione è causata

Dettagli

LA SCABBIA NELLA STORIA

LA SCABBIA NELLA STORIA LA SCABBIA LA SCABBIA NELLA STORIA Il termine scabbia deriva dal latino scabere = grattare. La scabbia è già menzionata nelle Sacre Scritture ed è ampiamente trattata nel De Ornatum Mulierum della dott.

Dettagli

Procedura generale sanitaria. Paziente affetto da scabbia Pagina di 1/10

Procedura generale sanitaria. Paziente affetto da scabbia Pagina di 1/10 Cod. PGS18/DS Paziente affetto da scabbia Pagina di 1/10 ORIGINALE N CONSEGNATO A INDICE 1. Scopo... 2 2. Campo di applicazione... 2 3. Diagramma di flusso... 3 4. Responsabilità... 4 5. Descrizione delle

Dettagli

PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE. MISURE di ISOLAMENTO. 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio

PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE. MISURE di ISOLAMENTO. 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE MISURE di ISOLAMENTO 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio 1 PROFILASSI MALATTIE INFETTIVE La Profilassi mira ad impedire l insorgenza e la diffusione delle malattie infettive

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Epidemiologia delle malattie infettive

Epidemiologia delle malattie infettive Epidemiologia delle malattie infettive Dott.ssa Pamela Di Giovanni Malattie infettive Con il termine di malattia infettiva si intendono tutte quelle affezioni patologiche provocate da organismi viventi

Dettagli

Per qualunque ed ulteriore informazione si faccia riferimento al proprio Medico.

Per qualunque ed ulteriore informazione si faccia riferimento al proprio Medico. F.A.R.O. S.R.L. Formazione - Antinfortunistica - Ricerche - Orientamenti Via Lavoratori Autobianchi, 1 20033 Desio (Mi) C.F. e P. IVA 02502170968 C.C.I.A.A. n. 1482084 Telefono (0362) 306216 fax (0362)

Dettagli

PROCEDURA PER IL CONTROLLO DELLA TRASMISSIONE DELLA SCABBIA Emissione: Settembre 2006

PROCEDURA PER IL CONTROLLO DELLA TRASMISSIONE DELLA SCABBIA Emissione: Settembre 2006 REV. 2 Dirigenza Medica Ospedaliera - Servizio di Prevenzione e Protezione Aziendale Pag. 1 Elaborazione a cura di: - Dirigenza Medica Ospedaliera - Servizio Infezioni Ospedaliere - Servizio Prevenzione

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

IGIENE DELLE MANI METROLOGIKA HANDS. Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani NELL ASSISTENZA SANITARIA

IGIENE DELLE MANI METROLOGIKA HANDS. Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani NELL ASSISTENZA SANITARIA IGIENE DELLE MANI NELL ASSISTENZA SANITARIA METROLOGIKA HANDS Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani. SOMMARIO - Cosa sono le infezioni correlate all assistenza sanitaria e qual è

Dettagli

PRECAUZIONI STANDARD contro il RISCHIO BIOLOGICO

PRECAUZIONI STANDARD contro il RISCHIO BIOLOGICO PRECAUZIONI STANDARD contro il RISCHIO BIOLOGICO Manuale di informazione per i Collaboratori Scolastici delle Istituzioni scolastiche statali impegnati nelle operazioni di assistenza agli alunni portatori

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA DEGLI OPERATORI

Dettagli

Influenza suina: l influenza A (H1N1)

Influenza suina: l influenza A (H1N1) . Influenza suina: l influenza A (H1N1) Il virus: lui chi è Ad aprile si sono registrati in Messico casi di infezione nell uomo da nuovo virus influenzale di tipo A (H1N1), precedentemente identificato

Dettagli

Pediculosi del capo (i pidocchi)

Pediculosi del capo (i pidocchi) Pediculosi del capo (i pidocchi) Scarsi sintomi, molta preoccupazione La pediculosi del capillizio è una malattia infettiva dovuta al pidocchio del capo. Si tratta del Pediculus humanus varietà capitis,

Dettagli

PROCEDURE PER GLI ADDETTI INTERNI ALLE PULIZIE PARTE PRIMA ELENCO DELLE SOSTANZE

PROCEDURE PER GLI ADDETTI INTERNI ALLE PULIZIE PARTE PRIMA ELENCO DELLE SOSTANZE PROCEDURE PER GLI ADDETTI INTERNI ALLE PULIZIE PARTE PRIMA ELENCO DELLE SOSTANZE Il D.S.G.A. dovrà produrre l Elenco delle Sostanze Utilizzate (prodotti per la pulizia, l igiene, ecc.). L originale del

Dettagli

Malattie a trasmissione sessuale

Malattie a trasmissione sessuale Malattie a trasmissione sessuale 1 Definizione Sono infezioni che colpiscono sia gli organi genitali che altre parti del corpo e che si trasmettono mediante i rapporti sessuali con persone infette. 2 Inquadramento

Dettagli

L influenza pandemica: tutto ciò che dovete sapere

L influenza pandemica: tutto ciò che dovete sapere Sigla editoriale Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Editore: Ufficio federale della sanità pubblica Data di pubblicazione: settembre 2009 L opuscolo è pubblicato anche nelle seguenti lingue: Tedesco

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Gestione dei casi di pediculosi del capo CIRCOLARE PERMANENTE

Gestione dei casi di pediculosi del capo CIRCOLARE PERMANENTE Gestione dei casi di pediculosi del capo CIRCOLARE PERMANENTE Premessa La pediculosi è un infestazione del cuoio capelluto, causata da piccoli parassiti (lunghi 1-4 mm) che depongono uova chiamate lendini.

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO SUL TRATTAMENTO DELLA PEDICULOSI

OPUSCOLO INFORMATIVO SUL TRATTAMENTO DELLA PEDICULOSI OPUSCOLO INFORMATIVO SUL TRATTAMENTO DELLA PEDICULOSI A cura del Servizio Igiene e Sanità Pubblica DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE 1 IL PIDOCCHIO DEL CAPO Il pidocchio del capo è un parassita specifico dell

Dettagli

FAQ Influenza stagionale

FAQ Influenza stagionale Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 17.09.2013 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

Igiene e profilassi. Presentazione

Igiene e profilassi. Presentazione Igiene e profilassi Presentazione Un aspetto particolarmente delicato per chi deve operare all interno di una realtà ospedaliera riguarda le misure di igiene e profilassi che si devono adottare per salvaguardare

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Pulizie Locali Punto di Prelievo REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI

Pulizie Locali Punto di Prelievo REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE Redazione Verifica Approvazione Autorizzazione Emissione Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR

Dettagli

Allegato A. ISTRUZIONE OPERATIVA N. 1 pag. 9 Allegato B. SCHEDA DI VERIFICA DELL APPLICAZIONE pag. 10 Allegato C. INDICATORI DI VERIFICA pag.

Allegato A. ISTRUZIONE OPERATIVA N. 1 pag. 9 Allegato B. SCHEDA DI VERIFICA DELL APPLICAZIONE pag. 10 Allegato C. INDICATORI DI VERIFICA pag. CONTROLLO DELLA TRASMISSIONE DELLA PATOLOGIA INFETTIVA IN OSPEDALE: Pag. 1 di Pag. 11 TIPO DI DOCUMENTO PROCEDURA ASSISTENZIALE ELABORAZIONE D. Ballardini, D. Di Leo Data: Maggio 2001 INDICE 1. Introduzione

Dettagli

Per questo sono qui a proporvi oggi alcuni spunti su cui riflettere e magari approfondire nel tempo.

Per questo sono qui a proporvi oggi alcuni spunti su cui riflettere e magari approfondire nel tempo. Martedì, 26 novembre 2013. LA PERCEZIONE DEL RISCHIO Sono una pensionata e casalinga, oggi a tempo pieno e mi occupo anche dei genitori anziani nella loro abitazione. Conosco le difficoltà del lavoro in

Dettagli

CHE COSA E UNA MALATTIA INFETTIVA?

CHE COSA E UNA MALATTIA INFETTIVA? MALATTIE INFETTIVE CHE COSA E UNA MALATTIA INFETTIVA? E IL RISULTATO DEL CONTATTO TRA UN SOGGETTO SANO E UN MICRORGANISMO I MICRORGANISMI POSSONO ESSERE DI DIVERSI TIPI: BATTERI VIRUS FUNGHI BATTERI Posseggono

Dettagli

S.C. SERVIZIO IGIENE E SANITA' PUBBLICA

S.C. SERVIZIO IGIENE E SANITA' PUBBLICA ALL. D REGIONE PIEMONTE Azienda Sanitaria Locale n 13 via dei Mille n 2-28100 Novara P.I./C.F. 01522670031 --------------------------------------- DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE S.C. SERVIZIO IGIENE E SANITA'

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Concetti base sulle comuni Parassitosi

Concetti base sulle comuni Parassitosi Concetti base sulle comuni Parassitosi 1 Parassitosi nei nostri bambini Sono molte: Amebiasi, Scabbia, Giardiasi, Teniasi, Toxoplasmosi, etc Interessano per lo più l intestino Le due più comuni forme di

Dettagli

L apparato tegumentario

L apparato tegumentario L apparato tegumentario... o di rivestimento protegge il nostro corpo e permette gli scambi con l esterno, è formato da pelle o cute + annessi cutanei La pelle riveste tutta la parte esterna del corpo.

Dettagli

RISCHIO INFETTIVO IGIENE E DISINFEZIONE

RISCHIO INFETTIVO IGIENE E DISINFEZIONE SERVIZIO OPERATIVO SANITARIO COMMISSIONE FORMAZIONE SONA - VR CORSO PER SOCCORRITORI RISCHIO INFETTIVO IGIENE E DISINFEZIONE 1 ATTENZIONE Questo manuale deve essere associato ad uno specifico corso teorico

Dettagli

Norme di sicurezza Attività di trasporto infermi (parte II) Ver 0.1

Norme di sicurezza Attività di trasporto infermi (parte II) Ver 0.1 Norme di sicurezza Attività di trasporto infermi (parte II) Ver 0.1 Obiettivi Evitare che vi facciate del male, o peggio, durante la vostra futura attività di Croce Rossa. Per oggi ci limiteremo a: Illustrare

Dettagli

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Materiale elaborato con la supervisione della dott.ssa Barbara Ricciardi dai partecipanti al corso di formazione per volontari Comunicare

Dettagli

Capitolo 6 infezione da hiv e aids sindrome da immunodeficienza acquisita SIDA acquired immune defi- ciency syndrome AIDS hiv

Capitolo 6 infezione da hiv e aids sindrome da immunodeficienza acquisita SIDA acquired immune defi- ciency syndrome AIDS hiv Infezione da HIV e AIDS Capitolo 6 La sindrome da immunodeficienza acquisita (SIDA) o acquired immune deficiency syndrome (AIDS) è una malattia del sistema immunitario umano causata dal virus dell immunodeficienza

Dettagli

Protezione delle vie respiratorie per l esposizione al virus dell influenza suina / nuova influenza umana A/H1N1: Domande Frequenti (FAQ)

Protezione delle vie respiratorie per l esposizione al virus dell influenza suina / nuova influenza umana A/H1N1: Domande Frequenti (FAQ) 3M Prodotti per la Sicurezza sul Lavoro 3M Italia S.p.A. via San Bovio, 3 Loc. San Felice (MI) Protezione delle vie respiratorie per l esposizione al virus dell influenza suina / nuova influenza umana

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO. SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale

RISCHIO BIOLOGICO. SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale RISCHIO BIOLOGICO SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale RISCHIO BIOLOGICO SIGNIFICATO: Inizialmente il rischio Biologico era inteso come la possibilità di contrarre un infezione

Dettagli

IL PIDOCCHIO DEI CAPELLI

IL PIDOCCHIO DEI CAPELLI IL PIDOCCHIO DEI CAPELLI INFORMAZIONI SULLA GESTIONE DELLA PEDICULOSI IN FAMIGLIA E NELLA SCUOLA AZIENDA USL 5 DI PISA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE UF IGIENE E SANITA PUBBLICA IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE

Dettagli

INFORMAZIONI DA APPORRE SULL IMBALLAGGIO ESTERNO/FOGLIETTO ILLUSTRATIVO/ETICHETTA INTERNA FLACONE DA 100 ml

INFORMAZIONI DA APPORRE SULL IMBALLAGGIO ESTERNO/FOGLIETTO ILLUSTRATIVO/ETICHETTA INTERNA FLACONE DA 100 ml INFORMAZIONI DA APPORRE SULL IMBALLAGGIO ESTERNO/FOGLIETTO ILLUSTRATIVO/ETICHETTA INTERNA FLACONE DA 100 ml DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE VETERINARIO EFFIPRO 2,5 mg/ml soluzione spray per uso topico, per

Dettagli

Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA EMORRAGIE - FERITE OBIETTIVO DELLA LEZIONE Conoscere le emorragie e saperle trattare Conoscere le ferite e saperle trattare Il meccanismo della

Dettagli

Dr. Giuliana Battistini Servizio Igiene Pubblica AUSL Parma

Dr. Giuliana Battistini Servizio Igiene Pubblica AUSL Parma Tattoo e piercing La protezione dell operatore Parma 18 marzo 2013 Dr. Giuliana Battistini Servizio Igiene Pubblica AUSL Parma Tutti i pazienti possono essere portatori di microorganismi trasmissibili

Dettagli

Bollettino sanitario D I P A R T I M E N T O D I S A N I T A E I G I E N E M E N T A L E D E L L A C I T T À D I N E W Y O R K

Bollettino sanitario D I P A R T I M E N T O D I S A N I T A E I G I E N E M E N T A L E D E L L A C I T T À D I N E W Y O R K V O L U M E 8, N U M E R O 8 Bollettino sanitario D I P A R T I M E N T O D I S A N I T A E I G I E N E M E N T A L E D E L L A C I T T À D I N E W Y O R K D I P A R T I M E N T O D I S A N I T A E I G

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO ESPOSITIVO IN CORSO DI PANDEMIA INFLUENZALE

RACCOMANDAZIONI PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO ESPOSITIVO IN CORSO DI PANDEMIA INFLUENZALE RACCOMANDAZIONI PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO ESPOSITIVO IN CORSO DI PANDEMIA INFLUENZALE Introduzione Ad aprile del 2009, si sono registrati in Messico casi di infezione nell uomo da nuovo virus influenzale

Dettagli

U. O. EMATOLOGIA e CENTRO TRAPIANTO MIDOLLO OSSEO Presidio Ospedaliero di Piacenza Via Cantone del Cristo

U. O. EMATOLOGIA e CENTRO TRAPIANTO MIDOLLO OSSEO Presidio Ospedaliero di Piacenza Via Cantone del Cristo Dipartimento di Onco - Ematologia Direttore Dr. Luigi Cavanna U. O. EMATOLOGIA e CENTRO TRAPIANTO MIDOLLO OSSEO Presidio Ospedaliero di Piacenza Via Cantone del Cristo Direttore Dr. Daniele Vallisa Coordinatore

Dettagli

Patologia da incendio

Patologia da incendio USTIONI FUMI TOSSICI TRAUMI Patologia da incendio la vittima di un incendio può essere intossicata senza essere ustionata, al contrario ustioni gravi sono sempre concomitanti con una intossicazione da

Dettagli

Il rischio biologico da contatto con gli animali

Il rischio biologico da contatto con gli animali WORKSHOP FATTORIE DIDATTICHE 28 NOVEMBRE 2011 Il rischio biologico da contatto con gli animali Laura Chiavacci Osservatorio Epidemiologico Fattorie didattiche La Comunità europea ha incoraggiato lo sviluppo

Dettagli

REQUISITI MINIMI NECESSARI ALL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI TATUAGGIO E PIERCING

REQUISITI MINIMI NECESSARI ALL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI MINIMI NECESSARI ALL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI MINIMI DEI LOCALI I locali nei quali sono eseguite le attività di tatuaggio e di piercing devono essere in possesso

Dettagli

Area igienico sanitaria. 12/02/2010 Corso OSS 2009/2010 Luca Cecchetto 1

Area igienico sanitaria. 12/02/2010 Corso OSS 2009/2010 Luca Cecchetto 1 Area igienico sanitaria 12/02/2010 Corso OSS 2009/2010 Luca Cecchetto 1 SALUTE SICUREZZA 12/02/2010 Corso OSS 2009/2010 Luca Cecchetto 2 Cosa intendiamo per sicurezza. Sicurezza: situazione certa e costante

Dettagli

FEBBRE DEL LABBRO MAI PIÙ HERPOTHERM

FEBBRE DEL LABBRO MAI PIÙ HERPOTHERM FEBBRE DEL LABBRO MAI PIÙ HERPOTHERM Alta tecnologia Made in Germany per una nuova terapia di Herpes Labialis - senza sostanze chimiche! Che cosa è HERPOTHERM? HERPOTHERM è un nuovo, ma soprattutto innovativo,

Dettagli

Azienda Sanitaria Firenze

Azienda Sanitaria Firenze Azienda Sanitaria Firenze LA PEDICULOSI NELLE SCUOLE prevenzione e controllo Assistente Sanitario Dott.ssa Elisa Sereno, Dott.ssa Daniela Zocchi U.O. Assistenza Sanitaria in Ambito Preventivo Direttore

Dettagli

Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA

Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA Il morbillo nel mondo Epidemia di morbillo in Campania del 2002 Stimati circa 40.000 casi Eguale distribuzione per sesso Incidenza più elevata

Dettagli

Toxoplasmosi. A cura di Dr Nadia Gussetti, Azienda Ospedaliera di Padova Prof Mario Pietrobelli, Università degli Studi di Padova

Toxoplasmosi. A cura di Dr Nadia Gussetti, Azienda Ospedaliera di Padova Prof Mario Pietrobelli, Università degli Studi di Padova Questo opuscolo informativo nasce da un iniziativa organizzata dall Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Padova e dall Ordine dei Medici Veterinari di Padova con il patrocinio del Comune

Dettagli

Linee Guida per l'igiene di Parrucchieri e Barbieri. 16/05/05 Luca Ricci - Az. USL 2 Lucca U.O. Igiene e Sanità Pubblica

Linee Guida per l'igiene di Parrucchieri e Barbieri. 16/05/05 Luca Ricci - Az. USL 2 Lucca U.O. Igiene e Sanità Pubblica Linee Guida per l'igiene di Parrucchieri e Barbieri 1 Introduzione Le infezioni possono trasmettersi: per contatto diretto operatore/cliente (e viceversa) per contatto indiretto con gli strumenti, le attrezzature

Dettagli

INDICAZIONI PER IL CONTROLLO E PREVENZIONE DELLE MALATTIE INFETTIVE NELLE SCUOLE. Inserimento al nido

INDICAZIONI PER IL CONTROLLO E PREVENZIONE DELLE MALATTIE INFETTIVE NELLE SCUOLE. Inserimento al nido Servizio Igiene e Sanità Pubblica INDICAZIONI PER IL CONTROLLO E PREVENZIONE DELLE MALATTIE INFETTIVE NELLE SCUOLE Il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica dell Azienda ULSS 9 di Treviso, ha ritenuto opportuno

Dettagli

Aspetti Sanitari per la cura del cane e del gatto. 30 Gennaio 2010 IGIENE COME MEZZO DI CONTROLLO DELLE PARASSITOSI

Aspetti Sanitari per la cura del cane e del gatto. 30 Gennaio 2010 IGIENE COME MEZZO DI CONTROLLO DELLE PARASSITOSI Aspetti Sanitari per la cura del cane e del gatto 30 Gennaio 2010 IGIENE COME MEZZO DI CONTROLLO DELLE PARASSITOSI Roberta Galuppi DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA E PATOLOGIA ANIMALE UNIVERSITA

Dettagli

DALLE PRECAUZIONI STANDARD ALLE LINEE GUIDA APPLICATIVE: UN ESEMPIO. (E. Vuillard)

DALLE PRECAUZIONI STANDARD ALLE LINEE GUIDA APPLICATIVE: UN ESEMPIO. (E. Vuillard) DALLE PRECAUZIONI STANDARD ALLE LINEE GUIDA APPLICATIVE: UN ESEMPIO (E. Vuillard) La strategia delle Precauzioni Standard Sangue Liquidi e materiali biologici Tutte le - secrezioni - escrezioni, Cute lesa

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche Negli ultimi decenni la frequenza delle malattie allergiche in Italia e nel mondo ha subìto un continuo aumento, dando luogo a quella che

Dettagli

Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Il neutrofilo PHIL

Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Il neutrofilo PHIL Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Il neutrofilo PHIL Informazioni utili sulla NEUTROPENIA durante il trattamento chemioterapico NEUTROFILO PHIL La tua guardia

Dettagli

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A L AIDS MARTINA ZAMINATO CLASSE 3 A ANNO SCOLASTICO 2012/2013 AIDS e HIV: sintomi - cause - test - trasmissione Introduzione AIDS (Acquired Immune Deficiency Syndrome) sta per sindrome da immunodeficienza

Dettagli

Protocollo di pulizia per l'asilo Nido. II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli

Protocollo di pulizia per l'asilo Nido. II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli Protocollo di pulizia per l'asilo Nido II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli standard che dovranno essere rispettati al fine di assicurare l'adeguata pulizia dell'asilo

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER L UTENZA. RISCHIO BIOLOGICO Titolo X D. Lgs. 81/2008

NOTA INFORMATIVA PER L UTENZA. RISCHIO BIOLOGICO Titolo X D. Lgs. 81/2008 NOTA INFORMATIVA PER L UTENZA RISCHIO BIOLOGICO Titolo X D. Lgs. 81/2008 Segnale di rischio biologico Il Titolo X del D. Lgs. 81/2008 riguarda la prevenzione e la protezione dei lavoratori dall esposizione

Dettagli

LA MEDICINA SCOLASTICA OGGI NEL TERRITORIO DELLA AZIENDA USL RM H

LA MEDICINA SCOLASTICA OGGI NEL TERRITORIO DELLA AZIENDA USL RM H LA MEDICINA SCOLASTICA OGGI NEL TERRITORIO DELLA AZIENDA USL RM H 1 LA MEDICINA SCOLASTICA OGGI VISITE MEDICHE E SCREENING Le visite mediche e gli screening, prima effettuati dal medico scolastico presso

Dettagli

Igiene delle mani negli ambienti sanitari

Igiene delle mani negli ambienti sanitari LISTA DI DISTRIBUZIONE Direttori Presidi Ospedalieri Direttori UU.OO. Servizio Infermieristico Coordinatori Infermieristici UU.OO. Rev Causale Redazione Verifica Approv. DG 01 14.02.2012 Revisione Gruppo

Dettagli

QUALITA DELL ARIA INDOOR E RISCHIO BIOLOGICO NELLE. Federica Venanzetti, INAIL Direzione Generale CONVEGNO NAZIONALE SPES 27-28 ottobre 2011

QUALITA DELL ARIA INDOOR E RISCHIO BIOLOGICO NELLE. Federica Venanzetti, INAIL Direzione Generale CONVEGNO NAZIONALE SPES 27-28 ottobre 2011 QUALITA DELL ARIA INDOOR E RISCHIO BIOLOGICO NELLE STRUTTURE DI PRONTO SOCCORSO riduzione qualità prestazioni riduzione soddisfazione sovraffollamento POTENZIALE INCREMENTO TRASMISSIONE INFEZIONI riduzione

Dettagli

www.unionecomuni.re.it - info@unionecomuni.re.it www.parcoappennino.it

www.unionecomuni.re.it - info@unionecomuni.re.it www.parcoappennino.it LINEE GUIDA PRESTAZIONI SOCIO ASSISTENZIALI DOMICILIARI Note di carattere generale: 1. Ogni operatore dovrà essere dotato di ausili, conservati in spazi appositi e separati; 2. ogni operatore deve indossare

Dettagli

MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER BARBIERI, PARRUCCHIERI, ESTETISTE

MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER BARBIERI, PARRUCCHIERI, ESTETISTE MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER BARBIERI, PARRUCCHIERI, ESTETISTE Dott. Mauro Verna Direttore Servizio Igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione A.S.U.R. Zona Territoriale 7 Ancona Dott.

Dettagli

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Gruppo Operativo per la Lotta alle Infezioni Ospedaliere Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Data 1^ stesura: 02:07.98 Edizione: 1 PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO AUTORI: Gruppo

Dettagli

Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it

Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it 1 Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it EPATITE DA HBV Introduzione... 1 Epidemiologia... 2 Modalità e vie di trasmissione... 2 Patogenesi... 3 Clinica... 4 Diagnosi...

Dettagli

Foglio di approfondimento Allergeni di origine animale

Foglio di approfondimento Allergeni di origine animale Foglio di approfondimento Allergeni di origine animale Premessa Le diverse specie animali possono rappresentare una fonte di allergeni per gli individui suscettibili. In particolare gli animali, sia quelli

Dettagli

IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA

IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA Torino, 25 novembre 2006 Dott. Maria Merlo Epidemiologia Agente eziologico: VZV (herpes virus) La più contagiosa delle malattie esantematiche dell infanzia

Dettagli

EFFICACIA DELL IGIENE DELLE MANI NEL CONTROLLO E NELLA PREVENZIONE DI TUTTI I RISCHI INFETTIVI

EFFICACIA DELL IGIENE DELLE MANI NEL CONTROLLO E NELLA PREVENZIONE DI TUTTI I RISCHI INFETTIVI EFFICACIA DELL IGIENE DELLE MANI NEL CONTROLLO E NELLA PREVENZIONE DI TUTTI I RISCHI INFETTIVI LUCIA RANALLI MANUELA CIOTTI INFEZIONE OSPEDALIERA Un infezione contratta dai pazienti ricoverati in ambiente

Dettagli

GESTIONE IN SICUREZZA: ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI

GESTIONE IN SICUREZZA: ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI Pag. 1/5 SOMMARIO 1. OGGETTO E SCOPO... 2 2. CAMPO E LUOGO DI APPLICAZIONE... 2 3. RESPONSABILITÀ... 2 3.1. Responsabilità di applicazione... 2 3.2. Responsabilità di redazione... 2 3.3. Responsabilità

Dettagli

Legionelle: un pericolo per chi lavora nei cantieri sotterranei

Legionelle: un pericolo per chi lavora nei cantieri sotterranei Divisione medicina del lavoro suva Versione agosto 2011 Factsheet Legionelle: un pericolo per chi lavora nei cantieri sotterranei Irène Kunz, Marcel Jost Agente patogeno Legionella pneumophila è l agente

Dettagli

sintomi,decorso coinfezioni

sintomi,decorso coinfezioni 2007 L epatite è un infiammazione del fegato; se è causata da un virus l epatite può essere trasmessa da una persona all altra.invece l epatite non è contagiosa se ha origine da abuso di alcool o medicamenti,

Dettagli

Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica ESEMPIO STAMPA. Edizione Descrizione Data

Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica ESEMPIO STAMPA. Edizione Descrizione Data Manuale H.A.C.C.P (ai sensi del Reg. CE 852/2004) Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica LOGO AZIENDALE AZIENDA ESEMPIO Indirizzo: Via, 8

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI SICUREZZA. Modena 29 giugno 2009

CORSI DI FORMAZIONE TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI SICUREZZA. Modena 29 giugno 2009 CORSI DI FORMAZIONE TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI SICUREZZA Modena 29 giugno 2009 CENNI DI EPIDEMIOLOGIA E PREVENZIONE DELLE PRINCIPALI INFEZIONI TRASMISSIBILI PER VIA PARENTERALE Epatite B Epatite

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

IL RISCHIO BIOLOGICO IN AMBITO ASSISTENZIALE

IL RISCHIO BIOLOGICO IN AMBITO ASSISTENZIALE IL RISCHIO BIOLOGICO IN AMBITO ASSISTENZIALE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SOMMARIO INTRODUZIONE...3 OBBLIGHI DEI LAVORATORI...3 DECRETO LEGISLATIVO 626/94: OBBLIGHI DEI LAVORATORI...3 MISURE DI PROTEZIONE

Dettagli

INTRODUZIONE ALL'IGIENE, LAVAGGIO DELLE MANI, DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE

INTRODUZIONE ALL'IGIENE, LAVAGGIO DELLE MANI, DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE INTRODUZIONE ALL'IGIENE, LAVAGGIO DELLE MANI, DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE CHIMICO AMBIENTE MATERIALE ILTRIANGOLO DELLA SALUTE (Modolo, 2005) INDIVIDUO AMBIENTE IMMATERIALE Igiene e Sanità Pubblica L

Dettagli

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi)

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Servizi di Consulenza Alimentare DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA QUESTIONARIO N 2 (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Cognome: Mansione: Nome: Data: 1. A quali fasi

Dettagli

Malattie da virus a trasmissione parenterale

Malattie da virus a trasmissione parenterale Malattie da virus a trasmissione parenterale Epatite B Eziologia Il virus dell epatite B appartiene alla famiglia Hepadnaviridae, genere Orthohepadnavirus. HBV è una particella sferica di 42 nm di diametro.

Dettagli

Le seguenti indicazioni rispondono complessivamente alle voci previste nel capitolo Requisiti generali, in particolare i punti:

Le seguenti indicazioni rispondono complessivamente alle voci previste nel capitolo Requisiti generali, in particolare i punti: Requisiti richiesti agli studi odontoiatrici, per ottemperare a quanto previsto dalla Delibera della Giunta Regionale dell Emilia-Romagna n. 327 del 23/02/04 Le seguenti indicazioni rispondono complessivamente

Dettagli

CORSO PER R.S.P.P. MODULO B RISCHIO BIOLOGICO

CORSO PER R.S.P.P. MODULO B RISCHIO BIOLOGICO CORSO PER R.S.P.P. MODULO B RISCHIO BIOLOGICO Corso per RSPP modulo B Rischio biologico 1 Definizione Probabilità di contrarre una infezione o una malattia infettiva a causa del proprio lavoro in seguito

Dettagli

PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO ASL 7

PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO ASL 7 PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO 1 Criteri generali Per quanto sia stato ampiamente dimostrato che le superfici ambientali sono, di per sé, difficilmente responsabili della trasmissione

Dettagli

IGIENE DELLE MANI NELL ASSISTENZA SANITARIA

IGIENE DELLE MANI NELL ASSISTENZA SANITARIA TECNOLOGIA INNOVATIVA DI OSSERVAZIONE DELL IGIENE DELLE MANI IGIENE DELLE MANI NELL ASSISTENZA SANITARIA SOMMARIO INTRODUZIONE - Cosa sono le infezioni correlate all assistenza sanitaria e qual è l impatto

Dettagli

SCHEDA CONTROLLO TEMPERATURE frequenza del rilevamento: GIORNALIERA (*)

SCHEDA CONTROLLO TEMPERATURE frequenza del rilevamento: GIORNALIERA (*) MESE ANNO G I O R N O 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 REGIONE SCHEDA CONTROLLO TEMPERATURE frequenza del rilevamento: GIORNALIERA (*) T C 1 T C 2 T C

Dettagli

H.A.C.C.P. 1998 D.Lgs 155/97. 2006 pachetto igiene (regolamenti europei) HAZARD ANALISIS AND CRITICAL CONTROL POINT

H.A.C.C.P. 1998 D.Lgs 155/97. 2006 pachetto igiene (regolamenti europei) HAZARD ANALISIS AND CRITICAL CONTROL POINT H.A.C.C.P. HAZARD ANALISIS AND CRITICAL CONTROL POINT 1998 D.Lgs 155/97 2006 pachetto igiene (regolamenti europei) A CHI E RIVOLTO Aziende di trasformazione degli alimenti (confetture latte verdure in

Dettagli

FILARIOSI E LEISHMANIOSI

FILARIOSI E LEISHMANIOSI FILARIOSI E LEISHMANIOSI A cura di: Dr.ssa Emanuela Valena Medico veterinario specializzato in clinica e patologia degli animali da affezione Se ne sente parlare spesso ma molti proprietari di cani ancora

Dettagli