per un uso sostenibile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "per un uso sostenibile"

Transcript

1 Linee guida per un uso sostenibile del seme conciato cereali Sicurezza Ambiente Salute Agricoltura Fabio Berta, Alberto Pezza, Adriano Politi, Luigi Toppo (Syngenta Crop Protection S.p.A. - Syngenta Seeds S.p.A.), Beniamino Cavagna (Regione Lombardia, Servizio Fitosanitario), Mariangela Ciampitti (ERSAF, Servizio Fitosanitario)

2 Linee guida per un uso sostenibile del seme conciato cereali

3 2

4 introduzione STABILIMENTI SEMENTIERI La concia del seme La concia dei cereali con prodotti chimici e biologici è finalizzata a contrastare patogeni e parassiti nella fase di germinazione del seme e nei primi stadi di sviluppo della plantula. Questa tecnica di applicazione permette di utilizzare in modo efficace limitati quantitativi di prodotto fitosanitario, in alternativa al loro impiego a dosi più elevate in pieno campo. La concia può essere effettuata: 0 con prodotti fungicidi, principalmente per contenere malattie trasmissibili attraverso il seme 0 con prodotti insetticidi, per controllare attacchi da insetti del terreno (es. elateridi o diabrotica nel mais) o da fitofagi fogliari 0 con una miscela di entrambi In alto Larva di diabrotica del mais Sotto Moria di una piantina di frumento da Fusarium spp. Per molte colture, oltre il 90% delle sementi poste in commercio è sottoposto ad un trattamento di concia di tipo industriale. La società sementiera è responsabile della corretta applicazione dei prodotti fitosanitari in termini sia di condizioni operative e di sicurezza all'interno dello stabilimento sia di qualità e uniformità di distribuzione sul seme. Le operazioni per il trattamento di concia in azienda agricola sono praticabili se questa è dotata di apposite attrezzature e idonee infrastrutture atte a gestire adeguatamente l'intero processo. 3

5 I principali vantaggi della concia del seme possono essere così riassunti: 0 difesa della coltura nelle prime fasi di sviluppo 0 riduzione dei quantitativi di sostanze attive distribuite nel terreno 0 applicazione mirata dei prodotti fitosanitari 0 semplificazione delle operazioni in campo rispetto ai trattamenti con microgranulatori o con attrezzature di distribuzione 0 per la concia industriale: impiego dei prodotti in condizioni controllate e nel rispetto delle condizioni di sicurezza degli operatori facile movimentazione delle sementi pronte all uso La Direttiva 2009/128/CE (recepita con il Decreto Legislativo n. 150 del 14 agosto 2012), istituisce un quadro per l azione comunitaria ai fini dell utilizzo sostenibile dei prodotti fitosanitari e si pone l obiettivo di razionalizzare il loro impiego e di ridurre i rischi per la salute umana e per l ambiente. In questo contesto la concia delle sementi, che si configura come un intervento di difesa localizzato, rappresenta una soluzione tecnica in linea con gli obiettivi della Direttiva (Allegato 3 Principi generali di difesa integrata Punto 6). Le operazioni di concia delle sementi e l uso professionale del seme conciato, tuttavia, richiedono la consapevolezza circa i potenziali impatti negativi derivanti dai trattamenti e da un uso improprio dei prodotti. Pertanto necessitano dell applicazione di determinati accorgimenti (procedure di comportamento, utilizzo dei Dispositivi di Protezione Individuale, adozione di misure di mitigazione) in grado di assicurare la sostenibilità lungo tutta la filiera. Schematicamente le principali fasi nel corso delle quali si possono avere esposizioni che possono porre un rischio per la salute e per l'ambiente sono: Lavorazione del seme Manipolazione dei prodotti fitosanitari per la concia Concia del seme Trasporto e impiego del seme conciato Smaltimento dei rifiuti Le fonti di esposizione sono, rispettivamente: Polveri sui semi Prodotti fitosanitari Seme conciato Polveri contaminate da prodotti fitosanitari Rifiuti di varia origine 4

6 INTRODUZIONE Scopo del lavoro Lo scopo di questo documento è quello di fornire a tutti gli attori (società sementiere, trasportatori, tecnici, consulenti e imprenditori agricoli) delle linee guida alle quali fare riferimento durante le diverse fasi operative: dagli stabilimenti di lavorazione delle sementi al trasporto, dai depositi all utilizzo in azienda agricola. Le indicazioni fornite intendono mettere i vari operatori nelle condizioni di agire al meglio, in primo luogo per la tutela della propria salute e delle altre persone potenzialmente esposte ai prodotti utilizzati (astanti e residenti), ma anche per la tutela dell ambiente, in particolare quello agricolo e degli organismi non target che lo abitano. Le "Linee guida" possono inoltre trovare applicazione quale supporto alla formazione, in particolare delle categorie interessate dalla Direttiva 2009/128/CE, ovvero distributori, agricoltori e consulenti tecnici. Lo strumento permette di evidenziare comportamenti non adeguati nella gestione dei prodotti fitosanitari per la concia e del seme conciato, fornendo indicazioni migliorative; a tale scopo, per ciascuna fase viene riportata una tabella che riassume schematicamente gli aspetti critici, la modalità preventiva e le azioni correttive. Per lo sviluppo delle "Linee guida" ci si è avvalsi delle informazioni e degli studi sviluppati da Istituzioni di Ricerca, Organismi Associativi e Imprese, sia a livello nazionale che internazionale. In particolare le fonti sono state: lo "standard qualitativo" ESTA (European Seed Treatment Assurance), messo a punto da ESA (European Seed Association) per la concia in stabilimento delle sementi e per la loro successiva movimentazione ed utilizzazione; le "Linee guida" per un Uso Sostenibile dei Prodotti Fitosanitari; la normativa Comunitaria e Nazionale di settore. Sopralluoghi presso aziende agricole, stabilimenti di lavorazione delle sementi e distributori, sono stati effettuati al fine di verificare le attuali metodiche applicative utilizzate. Negli allegati sono riportati approfondimenti sui potenziali rischi e misure preventive negli stabilimenti sementieri, sullo stoccaggio dei prodotti fitosanitari (guida di compatibilità), sulla classificazione e gestione dei rifiuti che si generano nei vari processi e sulla pulizia o eventuale smaltimento dei Dispositivi di Protezione Individuale dopo il loro utilizzo. Completano le informazioni un esempio di etichetta e i pittogrammi ESTA per un uso sicuro delle sementi conciate. Stabilimenti sementieri Stoccaggio, movimentazione e trasporto dei sacchi di semente conciata Aziende agricole 5

7 6

8 capitolo 01 Stabilimenti sementieri Negli stabilimenti di lavorazione delle sementi, le diverse fasi di lavorazione possono essere così riassunte: Ricevimento delle sementi ed eventuale essicazione Stoccaggio delle sementi Ricevimento dei prodotti fitosanitari per la concia Stoccaggio dei prodotti fitosanitari per la concia Pulizia e selezione delle sementi Preparazione della miscela per la concia Taratura delle attrezzature e validazione del processo di concia Concia del seme Confezionamento del seme conciato Etichettatura Riconfezionamento del seme conciato Pulizia delle attrezzature Le modalità con cui vengono svolte alcune attività negli stabilimenti sementieri hanno rilevanza anche per l autorizzazione all utilizzo delle sostanze attive per la concia. 7

9 Ad esempio, la direttiva 2010/21/CE recepita dal decreto del Ministero della salute del 15 ottobre 2010 prevede tra le condizioni per l uso nella concia delle sementi degli insetticidi fipronil, imidacloprid, clothianidin e thiamethoxam, che la copertura del tegumento va effettuata solo in strutture specializzate nel trattamento delle sementi. Dette strutture devono applicare le migliori tecniche disponibili al fine di ridurre il rilascio di polveri durante l applicazione sulle sementi, l immagazzinamento e il trasporto delle stesse. Questi requisiti vengono sviluppati nei paragrafi che seguono per tutte le fasi di lavorazione delle sementi. Ulteriori informazioni relative ai diversi locali che costituiscono uno stabilimento sementiero sono riportate nello schema riassuntivo in Allegato Ricevimento delle sementi ed eventuale essicazione I semi dei cereali a paglia e le spighe di mais provenienti dai campi di coltivazione vengono conferiti allo stabilimento dove, una volta scaricato il prodotto, si procede all allontanamento di pietre e altro materiale contaminante. Nel corso delle operazioni di consegna, oltre alla sicurezza del personale coinvolto, si deve prestare attenzione a non causare rotture accidentali del seme. Per la conservazione delle sementi sono importanti diversi fattori fra cui la loro pulizia e la presenza di semi rotti o danneggiati, di altri semi, di sclerozi o di materiale inerte. Un ruolo fondamentale è svolto dal grado di umidità in base al quale può essere eseguito un trattamento di essicazione. Ricevimento delle spighe di mais e prima pulitura meccanica attraverso sfogliatrici Selezione manuale e successivo trasporto alle celle di essicazione 8

10 STABILIMENTI SEMENTIERI Per quanto riguarda il mais, al fine di ottenere una maggiore qualità del seme, le spighe raccolte con un umidità non superiore al 40% vengono dapprima sfogliate, poi essiccate fino ad un valore del 12,5% e solo successivamente avviate all impianto di sgranatura per la separazione del tutolo dalla granella. È importante mantenere il più possibile il luogo di lavorazione pulito, eventualmente utilizzando aspiratori che permettono la riduzione della polverosità nei locali. Gli operatori addetti alle fasi di scarico, pulizia ed essicazione della semente devono essere formati e dotati dei Dispositivi di Protezione Individuale idonei, come previsto dalla valutazione dei rischi nel sito: tuta, guanti, maschera con adeguati filtri, occhiali, scarpe antinfortunistiche. Essicazione delle spighe di mais e successivo invio all impianto di sgranatura. Fase Aspetti critici Modalità preventiva Azioni correttive Ricevimento delle sementi ed eventuale essiccazione Potenziale rottura dei semi e livello di umidità Movimentare le sementi con attenzione Utilizzare attrezzature idonee e dimensionate in funzione delle quantità di seme da lavorare ed essicare - Esposizione dell'operatore alle polveri Formare adeguatamente gli operatori Dotare gli operatori di Dispositivi di Protezione Individuale adeguati Dotare i locali di sistemi di aspirazione e filtrazione dell'aria - 9

11 1.2 Stoccaggio delle sementi Il seme essiccato può essere conservato in silos o magazzini di stoccaggio seguendo le modalità operative previste e rispettando le procedure messe a punto per garantire la sicurezza sui luoghi di lavoro. Nelle fasi di movimentazione occorre operare con attrezzature idonee al fine di ridurre eventuali rotture o danneggiamenti delle sementi. Fase Aspetti critici Modalità preventiva Azioni correttive Stoccaggio delle sementi Potenziale rottura dei semi Movimentare le sementi con attenzione Utilizzare attrezzature idonee e dimensionate per ridurre l abrasione tra i semi - Silos di stoccaggio delle sementi 1.3 Ricevimento dei prodotti fitosanitari per la concia L acquisto di prodotti fitosanitari è regolato da specifici requisiti di legge. Gli operatori che devono utilizzare prodotti fitosanitari classificati ed etichettati come molto tossici, tossici o nocivi devono essere muniti dell autorizzazione (patentino) all'acquisto e all'impiego. Nuove disposizioni in merito all'acquisto e utilizzo dei prodotti fitosanitari sono previste nel Decreto Legislativo n. 150 del 14 agosto 2012 (certificato di abilitazione). I prodotti fitosanitari devono essere acquistati presso rivenditori autorizzati. Il loro trasporto va effettuato adottando tutte le precauzioni del caso in conformità alle normative vigenti. In aggiunta a quanto previsto dal Codice della Strada, il trasporto delle sostanze pericolose è regolamentato dall'accordo Europeo sul Trasporto delle sostanze pericolose su Strada (ADR, Accord européen relatif au transport international des marchandises Dangereuses par Route, Ginevra 30 Settembre 1957) e successivi aggiornamenti e dalle relative leggi a livello nazionale. Scheda di Sicurezza Quando il prodotto fitosanitario utilizzato per la concia arriva nello stabilimento è necessario verificare l'integrità dell imballaggio e delle confezioni. Nel caso si riscontrino anomalie, queste devono essere segnalate al fornitore; il prodotto fitosanitario non conforme deve essere riposto in una zona separata e non utilizzato. 10

12 STABILIMENTI SEMENTIERI Prima delle fasi di scarico è opportuno informarsi su quanto previsto in etichetta e sulla Scheda di Sicurezza in merito alla manipolazione e al corretto impiego del prodotto conciante. L'operatore deve svolgere le attività di scarico utilizzando adeguati Dispositivi di Protezione Individuale (tuta, guanti e scarpe antinfortunistiche) e specifici accorgimenti per evitare ribaltamenti e sversamenti accidentali di prodotto. In caso di sversamenti, è necessario intervenire tempestivamente e ripulire la zona contaminata seguendo le misure indicate al punto 6 della Scheda di Sicurezza. I rifiuti prodotti devono essere smaltiti attenendosi a quanto previsto dalla normativa vigente (Allegato 3). Prima di procedere, gli operatori devono indossare adeguati Dispositivi di Protezione Individuale quali tuta, guanti, maschera con adeguati filtri, occhiali, scarpe antinfortunistiche. In presenza di contaminazione ambientale è necessario avvisare le autorità competenti. Etichetta del prodotto fitosanitario L ITAL/11P PPE CELEST TRIO Fungicida in concentrato fluido per la concia delle sementi di frumento, orzo, triticale, segale e avena Composizione 100 g di prodotto contengono: difenoconazolo g 2.34 (25 g/l) fludioxonil g 2.34 (25 g/l) tebuconazolo g 0.93 (10 g/l) coformulanti q.b. a g 100 FRASI DI RISCHIO - Altamente tossico per gli organismi acquatici, può provocare a lungo termine effetti negativi per l'ambiente acquatico. CONSIGLI DI PRUDENZA - Conservare fuori della portata dei bambini. Conservare lontano da alimenti o mangimi e da bevande. Non mangiare, né bere, né fumare durante l'impiego. Non gettare i residui nelle fognature. Questo materiale e/o il suo contenitore devono essere smaltiti come rifiuti pericolosi. Non disperdere nell'ambiente. Riferirsi alle istruzioni speciali/schede informative in materia di sicurezza. PERICOLOSO SYNGENTA CROP PROTECTION S.p.A. Via Gallarate, MILANO PER L AMBIENTE Stabilimento di produzione: SYNGENTA AGRO S.A. Porrino (Spagna) Registrazione Ministero della Salute n del 28/10/2011 Partita n.vedi corpo della confezione 1000 litri PRESCRIZIONI SUPPLEMENTARI Dosi e modalità d impiego Durante tutte le operazioni di trattamento delle sementi e durante le operazioni di carico e semina utilizzare guanti idonei e tuta da lavoro completa. Non contaminare l acqua con il prodotto o il suo contenitore. Non pulire il materiale d applicazione in prossimità delle acque di superficie. Evitare la contaminazione Colture Parassiti Dose ml per 100 kg di seme Quantità di acqua in ml da miscelare* Frumento Fusariosi (Fusarium spp., Microdochium nivale) ml attraverso i sistemi di scolo delle acque dalle aziende agricole e dalle strade. Carie (Tilletia caries,tilletia controversa) Carbone (Ustilago tritici) Orzo Fusariosi (Microdochium nivale) ml INFORMAZIONI PER IL MEDICO Striatura bruna (Pyrenophora graminea) Trattasi di associazione delle seguenti sostanze attive: Carbone (Ustilago nuda, Ustilago hordei) difenoconazolo 2.34 % Segale Fusariosi (Microdochium nivale) ml fludioxonil 2.34 % Carbone (Urocystis occulta) tebuconazolo 0.93 % Triticale Fusariosi (Microdochium nivale) ml le quali, separatamente, provocano i seguenti sintomi di intossicazione: Avena Carbone (Ustilago avenae) ml FLUDIOXONIL: non si conoscono dati clinici di intossicazione sull uomo: nelle prove sperimentali eseguite sugli animali si sono rilevati i seguenti sintomi: sedazione, dispnea, esoftalmo, trisma, spasmi muscolari. DIFENOCONAZOLO: Sintomi: organi interessati: occhi, cute, mucose del tratto respiratorio, fegato, reni. Provoca gravi lesioni cutanee su base allergica (da semplici dermatiti eritematose a dermatiti necrotizzanti). Provoca tosse, broncospasmo e disp- * per trattare 100 kg di seme nea per irritazione bronchiale. Fenomeni di tossicità sistemica solo per assorbimenti di alte dosi. Sono possibili tubulonecrosi renale acuta ed epatonecrosi attribuite ad un meccanismo immunoallergico. In caso di ingestione insorgono sintomi di gastroenterite (nausea, vomito, diarrea) e cefalea, oltre natural- quali o mediante schiuma) che con il metodo tradizionale di concia umida denominato slurry. Per un ottimale concia tipo slurry seguire scrupolosamente Celest Trio è indicato per tutti i tipi di attrezzature utilizzate per il trattamento industriale delle sementi, sia quelli che consentono il trattamento in continuo (tal mente a segni del possibile interessamento epatico e/o renale. Nell intossicazione grave si evidenziano segni di eccitamento e depressione del SNC. le seguenti indicazioni: Metabolismo: dopo ingestione la sostanza è prontamente assorbita e metabolizzata. L escrezione renale e fecale avviene in 72 ore. TEBUCONAZOLO: 1. Introdurre nella vasca di preparazione il volume di acqua necessario (secondo la quantità di semente da trattare e il volume di miscela prescelto). Sintomi: organi interessati: occhi, cute, mucose del tratto respiratorio, fegato, reni. Provoca gravi lesioni cutanee su base allergica (da semplici dermatiti eritematose a dermatiti necrotizzanti). Provoca tosse, broncospasmo e dispnea per irritazione bronchiale. Fenomeni di tossicità sistemica solo per assorbi- 3. Quando la miscela risulta omogenea, il trattamento può avere inizio. 2. Agitare il prodotto prima dell uso e quindi aggiungere la quantità necessaria per la miscela. E importante eseguire le operazioni nell ordine indicato. mento di alte dosi. Sono possibili tubulonecrosi renale acuta ed epatonecrosi attribuite ad un meccanismo immunoallergico. In caso di ingestione insorgono sintomi di gastroenterite (nausea, vomito, diarrea) e cefalea, oltre naturalmente a segni del possibile interessamento epatico e/o renale. Nell'intossicazione ATTENZIONE grave si evidenziano segni di eccitamento e depressione del SNC. Metabolismo: dopo ingestione la sostanza è prontamente assorbita e metabolizzata. Da impiegarsi esclusivamente per gli usi e alle condizioni riportate in questa etichetta. L'escrezione renale e fecale avviene in 72 ore. Misure di pronto soccorso: Se si verifica malore, chiamare un medico e ad applicare le misure di primo soccorso. Non è noto l antidoto specifico. Generale: Rimuovere la persona colpita dalla zona di pericolo in una stanza ben ventilata o di aria fresca, e proteg- Chi impiega il prodotto è responsabile degli eventuali danni derivanti da uso improprio del preparato. gerla dal freddo. IN CASO DI SOSPETTO AVVELENAMENTO: Chiamare immediatamente un Centro Antiveleni. In caso di contatto con la pelle: Togliere Il rispetto di tutte le indicazioni contenute nella presente etichetta è condizione essenziale per assicurare l efficacia del trattamento e per evitare danni alle gli indumenti contaminati e lavare accuratamente le parti interessate del corpo con l'acqua seguita da acqua e sapone, inclusi i capelli e sotto le unghie. piante, alle persone ed agli animali. Consigli per il medico: Se la quantità di sostanza chimica è giudicata minore della dose letale, osservare il paziente e trattare sintomaticamente. Se si ritiene necessaria la lavanda gastrica, effettuare prima l'aspirazione di materiale gastrico. Prendere in considerazione la somministrazione di carbone attivo e Per evitare rischi per l uomo e per l ambiente seguire le istruzioni per l uso. Non applicare con mezzi aerei un lassativo. Da non vendersi sfuso. Il contenitore completamente svuotato non deve essere disperso nell ambiente. Caratteristiche Smaltire le confezioni secondo le norme vigenti. Celest Trio è un fungicida in sospensione concentrata a base di difenoconazolo, fludioxonil e tebuconazolo per la concia delle sementi di frumento, orzo, segale, triticale e avena. La sua formulazione è stata appositamente studiata per permettere: Lo stoccaggio da parte dell utilizzatore del contenitore da litri 200, litri 220 e litri 1000 dovrà essere effettuato in zona dotata di bacino di contenimento di Il contenitore non può essere riutilizzato. una buona distribuzione del prodotto sul seme al fine di ottimizzarne l efficacia; adeguato volume atto a raccogliere eventuali fuoriuscite accidentali del prodotto. condizioni ottimali di lavoro (assenza di polveri); buona fluidità/scorrimento della granella. Etichetta autorizzata con decreto dirigenziale del 28/10/2011 Fase Aspetti critici Modalità preventiva Azioni correttive Ricevimento dei prodotti fitosanitari per la concia Rottura dei contenitori con fuoriuscita accidentale del prodotto fitosanitario: contaminazione dell'ambiente e dell'operatore Effettuare il trasporto rispettando le norme vigenti in particolar modo se il prodotto fitosanitario rientra nella normativa ADR Leggere attentamente le informazioni riportate in etichetta e sulla Scheda di Sicurezza Prestare attenzione nelle fasi di scarico impiegando personale formato, attrezzature adeguate e correttamente funzionanti Dotare gli operatori di Dispositivi di Protezione Individuale adeguati Gli operatori coinvolti nelle fasi di raccolta devono indossare adeguati Dispositivi di Protezione Individuale Raccogliere tempestivamente il prodotto disperso accidentalmente e pulire la zona secondo quanto previsto al punto 6 della Scheda di Sicurezza del prodotto Utilizzare materiale assorbente quale sabbia o vermiculite per tamponare dispersioni di prodotto liquido Riporre il prodotto raccolto in contenitori di plastica ermetici e opportunamente etichettati Smaltire i rifiuti come previsto dalla normativa vigente Avvisare le Autorità competenti in caso di contaminazione ambientale 11

13 1.4 Stoccaggio dei prodotti fitosanitari per la concia I prodotti fitosanitari impiegati per la concia devono essere conservati in magazzini a norma e ad uso esclusivo, segregati in funzione della loro pericolosità come riportato nell'allegato 2. Il locale adibito allo stoccaggio deve essere posizionato in una zona pianeggiante e in un area non a rischio sotto l aspetto ambientale, e pertanto lontano da pozzi, corsi d'acqua superficiale, ecc. La dimensione deve essere proporzionata alle quantità necessarie per la concia e, come regola, è bene non conservare i prodotti fitosanitari per più di due anni. In ogni caso occorre smaltire quelli scaduti. Il locale deve avere un ingresso autonomo con la porta di accesso chiusa a chiave, riportare le segnalazioni relative ai divieti e ai pericoli, rispettare le normative antincendio, avere l impianto elettrico a norma, essere ben illuminato, permettere il ricambio dell aria, non essere sottoposto ad elevate temperature, avere pavimenti imermeabili e lisci per facilitarne la pulizia, essere isolato dalla rete fognaria. Non deve essere utilizzato per conservare generi alimentari, anche se destinati all alimentazione animale, né essere nelle vicinanze di locali di stoccaggio di alimenti. Il magazzino deve possedere un attrezzatura fissa o mobile per la raccolta di eventuali fuoriuscite di prodotto, come vasche di contenimento o manicotti sottostanti alle confezioni dei prodotti fitosanitari. Prodotto fitosanitario conciante da stoccare 12

14 STABILIMENTI SEMENTIERI TABELLA 1 Simboli da riportare all ingresso del locale di stoccaggio dei prodotti fitosanitari CARTELLI DI DIVIETO CARTELLI DI AVVERTIMENTO CARTELLI DI PRESCRIZIONE I prodotti fitosanitari devono essere sistemati all interno del magazzino nei loro contenitori originali, con le etichette integre e con le bocche di estrazione rivolte verso il muro; è buona prassi conservare i prodotti liquidi nelle parti basse del magazzino. I contenitori vuoti presenti nel locale devono essere posizionati con l apertura rivolta verso l alto per evitare dispersioni accidentali. Solo persone autorizzate possono accedere al magazzino e devono essere disponibili procedure di emergenza secondo quanto previsto dalla normativa vigente. Fase Aspetti critici Modalità preventiva Azioni correttive Stoccaggio dei prodotti fitosanitari per la concia Rottura dei contenitori con fuoriuscita accidentale del prodotto fitosanitario Contaminazione ambientale Dimensione del locale e dotazioni proporzionate alla quantità di prodotti fitosanitari da stoccare Movimentare con attenzione i prodotti fitosanitari evitando urti accidentali con le strutture all'interno del magazzino Dotare il locale di attrezzature fisse o mobili per il contenimento di eventuali sversamenti di prodotto Il locale adibito allo stoccaggio dei prodotti fitosanitari deve essere in un area non a rischio, ovvero lontano da pozzi, corsi d'acqua superficiali, ecc. Il magazzino deve essere isolato dalla rete fognaria e avere pavimenti impermeabili Posizionare cartellonistica di informazione dei pericoli Gli operatori coinvolti nelle fasi di raccolta devono indossare adeguati Dispositivi di Protezione Individuale Raccogliere tempestivamente il prodotto disperso accidentalmente e pulire la zona secondo quanto previsto al punto 6 della Scheda di Sicurezza del prodotto Utilizzare materiale assorbente quale sabbia o vermiculite per tamponare dispersioni di prodotto liquido Riporre il prodotto raccolto in contenitori di plastica ermetici e opportunamente etichettati Smaltire i rifiuti come previsto dalla normativa vigente Alterazione del prodotto fitosanitario Locale ben areato e dotato di sistemi per evitare temperature troppo alte o basse Smaltire i prodotti alterati 13

15 1.5 Pulizia e selezione delle sementi Prima della concia il seme deve essere opportunamente lavorato per eliminare le impurità e, in particolare per il mais, frazionato in base alle dimensioni (calibratura). Le attrezzature impiegate per queste fasi devono evitare la rottura dei semi, permettere la maggior pulitura possibile e trattenere le polveri per ridurne al minimo l emissione nell aria. Generalmente negli stabilimenti vengono utilizzati spietratori a secco, pulitori per aspirazione di vari tipi, calibratori e tavole densimetriche. La presenza di polveri sul seme può ridurre sensibilmente la qualità e l efficacia del trattamento conciante; per questo motivo è necessario porre particolare attenzione a rimuovere anche le particelle più fini. Gli operatori coinvolti devono indossare adeguati Dispositivi di Protezione Individuale: tuta, guanti, maschera con adeguati filtri, occhiali, scarpe antinfortunistiche. Macchinario utilizzato durante la fase di pulizia e calibratura delle sementi Fase Aspetti critici Modalità preventiva Azioni correttive Pulizia e selezione delle sementi Presenza di polvere sui semi e potenziale rottura durante la lavorazione Garantire la manutenzione e la pulizia e controllare il corretto funzionamento degli impianti Utilizzare attrezzature che evitino la rottura dei semi Impiegare macchinari in grado di aspirare e trattenere le polveri, anche le più fini Rilavorare le sementi per eliminare impurità e polvere in eccesso Esposizione dell'operatore alle polveri Formare adeguatamente gli operatori Dotare gli operatori di Dispositivi di Protezione Individuale adeguati Dotare i locali di sistemi di aspirazione e filtrazione dell'aria Smaltire correttamente il materiale raccolto - 14

16 1.6 Preparazione della miscela per la concia STABILIMENTI SEMENTIERI La preparazione della miscela per la concia deve essere pianificata attentamente per garantire la corretta riuscita del trattamento al seme, ridurre i rischi per gli operatori ed evitare dispersioni nell'ambiente. Una volta portato nel reparto dove si effettua la concia, il prodotto fitosanitario deve essere posizionato in un area delimitata che consenta di circoscrivere perdite accidentali mediante muretti di contenimento o l utilizzo di un manicotto. Devono essere inoltre disponibili attrezzi e materiale assorbente per ripulire tempestivamente la zona eventualmente contaminata. Il personale addetto alla miscelazione deve essere dotato dei Dispositivi di Protezione Individuale come previsto dall etichetta e dalla Scheda di Sicurezza del prodotto impiegato e nel rispetto di quanto riportato nel documento di valutazione dei rischi. Questi generalmente includono guanti, tuta, occhiali di protezione, maschere con filtri, scarpe di sicurezza. Contenitori di prodotto conciante nell area adibita al trattamento Nella preparazione della miscela è indispensabile attenersi scrupolosamente a quanto riportato sull etichetta del prodotto fitosanitario, rispettando dosi e modalità d impiego. Prestare attenzione nella fase di apertura del contenitore e usare idonei strumenti per la misura delle quantità da distribuire. L adozione di attrezzature che eseguono in automatico l intero processo consente di ridurre l intervento dell operatore e, conseguentemente, i rischi di una sua esposizione. Dove è possibile utilizzare un giunto a tenuta stagna (per esempio un giunto ad ogiva dry brake ) per collegare il contenitore dei prodotti fitosanitari con il tubo di aspirazione. Le condotte che portano l acqua ai serbatoi per la miscelazione è opportuno che siano dotate di valvole anti-ritorno e di filtri per trattenere particelle o sporco. Ogni qualvolta si renda necessario, cambiare i guanti in modo da evitare contaminazioni incrociate tra parti diverse dei macchinari (es. pulsanti, leve di comando, ecc). 15

17 I prodotti fitosanitari non sono gli unici componenti della miscela conciante. Oltre all'acqua vengono generalmente aggiunte ulteriori sostanze (polimeri, adesivanti, coloranti, ecc.) in grado di migliorare l'adesione e minimizzare la formazione di polveri, aumentare la fluidità dei semi e ridurre l'abrasione, caratterizzare visivamente gli stessi e distinguerli da quelli non trattati. Attrezzature per la preparazione della miscela conciante Fase Aspetti critici Modalità preventiva Azioni correttive Preparazione della miscela per la concia Dispersione del prodotto fitosanitario nell'ambiente di lavoro e contaminazione degli operatori Formare adeguatamente gli operatori Leggere quanto riportato sull etichetta e sulla Scheda di Sicurezza del prodotto fitosanitario Utilizzare manicotti o vasche di contenimento per la raccolta di eventuali perdite dai contenitori Dotare gli operatori di Dispositivi di Protezione Individuale adeguati Utilizzare strumenti idonei per l apertura dei contenitori di prodotti fitosanitari evitando fuoriuscite Utilizzare giunti a tenuta stagna per collegare i contenitori dei prodotti con il tubo di aspirazione Dotare l'impianto di valvole anti-ritorno montate sui tubi di carico dell acqua Adottare filtri per la raccolta di impurità contenute nell acqua o nelle tubature dei macchinari impiegati Impiegare aspiratori nelle zone di miscelazione o adottare vasche di miscelazione chiuse Gli operatori coinvolti nelle fasi di raccolta devono indossare adeguati Dispositivi di Protezione Individuale Raccogliere tempestivamente il prodotto disperso accidentalmente e pulire la zona secondo quanto previsto al punto 6 della Scheda di Sicurezza del prodotto Utilizzare materiale assorbente quale sabbia o vermiculite per tamponare dispersioni di prodotto liquido Riporre il prodotto raccolto in contenitori di plastica ermetici e opportunamente etichettati Smaltire i rifiuti come previsto dalla normativa vigente Contaminazione incrociata di parti dei macchinari Cambiare i guanti o lavarli nel caso non siano del tipo "usa e getta" ogni qualvolta si devono toccare parti dei macchinari che non sono a contatto diretto con il prodotto fitosanitario, in particolare interruttori di avvio o fermo, strumenti di regolazione del flusso ecc. Pulire immediatamente le parti contaminate Sovradosaggio o sottodosaggio Attenersi scrupolosamente alle dosi riportate sull etichetta Utilizzare strumenti di misura tarati Dotarsi di impianti che eseguono in automatico il dosaggio e la miscelazione dei prodotti per la concia Recuperare la miscela e rilavorarla in modo da raggiungere la dose riportata in etichetta 16

18 STABILIMENTI SEMENTIERI 1.7 Taratura delle attrezzature e validazione del processo di concia Prima della concia è necessario tarare l attrezzatura in modo da garantire l uniformità dell applicazione nel rispetto della dose di prodotto fitosanitario consigliata in etichetta e della quantità di seme da trattare. Per questa operazione il personale deve impiegare adeguati Dispositivi di Protezione Individuale: tuta, guanti, scarpe antinfortunistiche e, se previsto, maschera con adeguati filtri e occhiali. Gli strumenti di misura devono essere puliti e immediatamente disponibili; i rifiuti generati, quali guanti, stracci, carte assorbenti, ecc., vanno deposti in contenitori dedicati e smaltiti seguendo le norme vigenti. Per evitare la contaminazione di pulsanti di avvio o altre parti dei macchinari, cambiare i guanti sporchi quando necessario. Processo automatizzato di concia del seme L operazione di taratura va ripetuta prima della concia di ogni nuovo lotto di seme. Attrezzature che eseguono in automatico il processo di concia consentono una più facile verifica di questa fase. Fase Aspetti critici Modalità preventiva Azioni correttive Taratura delle attrezzature e validazione del processo di concia Distribuzione del corretto dosaggio del prodotto fitosanitario Dispersione del prodotto fitosanitario nell ambiente di lavoro e contaminazione degli operatori Formare adeguatamente gli operatori Dotare gli operatori di Dispositivi di Protezione Individuale adeguati Utilizzare strumenti di misura puliti e prontamente disponibili Raccogliere e smaltire in modo idoneo i rifiuti eventualmente generati durante le attività di taratura e raccogliere le acque utilizzate per la pulizia in contenitori dedicati Dotarsi di impianti che eseguono in automatico la fase di taratura Gli operatori coinvolti nelle fasi di raccolta devono indossare adeguati Dispositivi di Protezione Individuale Raccogliere tempestivamente il prodotto disperso accidentalmente e pulire la zona secondo quanto previsto al punto 6 della Scheda di Sicurezza del prodotto Utilizzare materiale assorbente inerte quale sabbia o vermiculite per tamponare dispersioni di prodotto liquido Riporre il prodotto raccolto in contenitori di plastica ermetici e opportunamente etichettati Smaltire i rifiuti come previsto dalla normativa vigente Contaminazione incrociata di parti dei macchinari Cambiare i guanti o lavarli nel caso non siano del tipo "usa e getta" ogni qualvolta si devono toccare parti dei macchinari che non sono a contatto diretto con il prodotto fitosanitario, in particolare interruttori di avvio o fermo, strumenti di regolazione del flusso ecc. Pulire immediatamente le parti contaminate 17

19 1.8 Concia del seme Per garantire che l operazione di concia avvenga secondo i parametri stabiliti è necessario tenere monitorato il processo, in particolare attraverso la verifica del corretto funzionamento delle attrezzature adibite all applicazione del prodotto fitosanitario. Queste devono essere a norma (marchio CE) e garantire una distribuzione ottimale della miscela conciante tale da permettere la copertura omogenea dei semi trattati. Per non influire sulla qualità della concia, le pareti del recipiente dove avviene l applicazione e le altre parti del macchinario in cui avvengono i successivi spostamenti devono essere fatte in modo da ridurre il più possibile l abrasione dei semi. Agli operatori che sono preposti al controllo della fase di concia è richiesto di indossare sempre idonei Dispositivi di Protezione Individuale: tuta, guanti, maschera con adeguati filtri, occhiali, scarpe antinfortunistiche. Oltre ai macchinari, particolare attenzione va prestata anche ad eventuali perdite di prodotto o di seme trattato. Nel primo caso è necessario intervenire come già indicato in precedenza; nel secondo il seme va raccolto immediatamente e, se possibile, recuperato assicurandosi che rispetti i requisiti di conformità o, in alternativa, smaltito secondo la normativa vigente. I contenitori dei prodotti fitosanitari, una volta svuotati, devono essere stoccati in appositi luoghi in attesa di essere conferiti ad aziende autorizzate per il trasporto e lo smaltimento o il riciclo. Fase di concia del seme 18

20 STABILIMENTI SEMENTIERI Fase Aspetti critici Modalità preventiva Azioni correttive Concia del seme Adesione non ottimale del prodotto conciante ai semi Dispersione del prodotto fitosanitario nell ambiente di lavoro e contaminazione degli operatori Formate adeguatamente gli operatori Dotare gli operatori di adeguati Dispositivi di Protezione Individuale adeguati Effettuare manutenzione e pulizia dei macchinari per garantirne l efficienza Preferire macchinari che riducano l abrasione tra i semi Utilizzare adesivanti nella miscela di concia per favorire il fissaggio del prodotto fitosanitario alla semente Gli operatori coinvolti nelle fasi di raccolta devono indossare adeguati Dispositivi di Protezione Individuale Raccogliere tempestivamente il prodotto disperso accidentalmente e pulire la zona secondo quanto previsto al punto 6 della Scheda di Sicurezza del prodotto Utilizzare materiale assorbente quale sabbia o vermiculite per tamponare dispersioni di prodotto liquido Riporre il prodotto raccolto in contenitori di plastica ermetici e opportunamente etichettati Smaltire i rifiuti come previsto dalla normativa vigente Dispersione del seme conciato Effettuare manutenzione e pulizia dei macchinari per garantirne efficienza Raccogliere immediatamente il seme conciato disperso e porlo, in caso di smaltimento, in contenitori sigillati ed etichettati 1.9 Confezionamento del seme conciato Per non compromettere la qualità della concia e per evitare impaccamenti all'interno dei sacchi, prima del confezionamento è bene accertarsi che il prodotto distribuito sul seme si sia completamente asciugato. Un'ulteriore verifica, suggerita per garantire la caratterizzazione del seme conciato rispetto al suo potenziale impatto sull operatore e sull'ambiente, è l analisi del grado di polverosità secondo il metodo Heubach, parte dello standard qualitativo ESTA messo a punto da ESA. Fase di confezionamento L operazione di confezionamento ha un importanza significativa per gli aspetti di sostenibilità; in questa fase, infatti, il seme conciato viene inserito nel packaging finale entro il quale sarà trasportato e distribuito fino all azienda agricola. Da questo momento diventa di primaria importanza la movimentazione e manipolazione dei sacchi che devono avvenire in modo da ridurre il più possibile la formazione di polveri 19

SCHEDA DI SICUREZZA ATTENZIONE: MANIPOLARE CON PRUDENZA

SCHEDA DI SICUREZZA ATTENZIONE: MANIPOLARE CON PRUDENZA Pag. 1 di 5... SCHEDA DI SICUREZZA 1. Denominazione della sostanza/preparato e della Ditta (Registr. n. 10113 del 27/07/1999) Ditta: 2. Composizione - Informazioni sui componenti Carattere chimico Contiene

Dettagli

MIRADOR Ditta: SCAM S.r.l. Strada Bellaria, 164 41010 - S.MARIA MUGNANO - MODENA (Tel. 059/586511 - Fax 059/460133)

MIRADOR Ditta: SCAM S.r.l. Strada Bellaria, 164 41010 - S.MARIA MUGNANO - MODENA (Tel. 059/586511 - Fax 059/460133) S C A M S.r.l. Pag. 1 di 5 SCHEDA DI SICUREZZA 1. Denominazione della sostanza/preparato e della Ditta (Registr. n. 11624 del 11/03/2003) MIRADOR Ditta: SCAM S.r.l. Strada Bellaria, 164 41010 - S.MARIA

Dettagli

Scheda di sicurezza. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DEL PRODUTTORE O/E DISTRIBUTORE Identificazione della sostanza o preparato

Scheda di sicurezza. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DEL PRODUTTORE O/E DISTRIBUTORE Identificazione della sostanza o preparato 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DEL PRODUTTORE O/E DISTRIBUTORE Identificazione della sostanza o preparato Nome del prodotto Design Code Utilizzo ETRAVON SYNGENTA A14734A Bagnante adesivante,

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DATI DI SICUREZZA SCHEDA DATI DI SICUREZZA 1. Identificazione del prodotto e della società Nome preparato: BIXAN MG Polvere insetticida microgranulare Società: EUROEQUIPE srl Via del Lavoro, 3-40056 Crespellano (BO) Telefono

Dettagli

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA E DELLA SOCIETÀ 1.1 Identificatore del prodotto Nome prodotto Prodotto fitosanitario Reg. Min. Sal. n. 12393 del 27.09.2005 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza

Dettagli

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze ALLEGATO VI Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze VI.1 - Stoccaggio dei prodotti fitosanitari Fatte salve le

Dettagli

Scheda di sicurezza. Ridomil R liquido

Scheda di sicurezza. Ridomil R liquido 1. Identificazione della Sostanza o del Preparato e del Produttore o/e Distributore Identificazione della sostanza o preparato Nome del prodotto Ridomil R liquido Design Code A9590A Utilizzo Fungicida.

Dettagli

Scheda di sicurezza. Thiamon Plus

Scheda di sicurezza. Thiamon Plus 1. Identificazione della Sostanza o del Preparato e del Produttore o/e Distributore Identificazione della sostanza o preparato Nome del prodotto Design Code Utilizzo Produttore / Distributore Prodotto

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE

SCHEDA DI SICUREZZA Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE 1/6 Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE 1 - Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Denominazione commerciale: ACIDE D,L-MALIQUE Impiego: Preparato per uso enologico

Dettagli

LIQUIDO ELETTROLITICO

LIQUIDO ELETTROLITICO 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA DITTA 1.1 Identificazione del preparato Nome del prodotto: 1.2 Usi previsti: liquido elettrolitico per marcatura/incisione su metalli 1.3 Identificazione della

Dettagli

Scheda di sicurezza FLEX

Scheda di sicurezza FLEX 1. Identificazione della Sostanza o del Preparato e del Produttore o/e Distributore Identificazione della sostanza o preparato Nome del prodotto FLEX Design Code A11928B Utilizzo Erbicida. Da impiegarsi

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

Corrette modalità di trasporto, di stoccaggio dei prodotti fitosanitari e smaltimento degli imballaggi. exätàéüx WÜA TzÜA WÉÇtàÉ YxÜÜâvv

Corrette modalità di trasporto, di stoccaggio dei prodotti fitosanitari e smaltimento degli imballaggi. exätàéüx WÜA TzÜA WÉÇtàÉ YxÜÜâvv Corrette modalità di trasporto, di stoccaggio dei prodotti fitosanitari e smaltimento degli imballaggi exätàéüx WÜA TzÜA WÉÇtàÉ YxÜÜâvv D.Lvo 150/2012 art. 17 MANIPOLAZIONE E STOCCAGGIO Fatte salve le

Dettagli

Lo Stoccaggio dei Prodotti Fitosanitari

Lo Stoccaggio dei Prodotti Fitosanitari Lo Stoccaggio dei Prodotti Fitosanitari Dal 01/01/15, come previsto dal Piano di Azione Nazionale sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari, diventeranno obbligatorie le norme relative al Deposito

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DATA DI COMPILAZIONE: MARZO 2001 PAGINA: 1 DI 6 DATA DI REVISIONE: GENNAIO 2006

SCHEDA DI SICUREZZA DATA DI COMPILAZIONE: MARZO 2001 PAGINA: 1 DI 6 DATA DI REVISIONE: GENNAIO 2006 SCHEDA DI SICUREZZA UFO ULTRA FINE OIL DATA DI COMPILAZIONE: MARZO 2001 PAGINA: 1 DI 6 1 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Nome commerciale UFO - ULTRA FINE OIL Identificazione

Dettagli

FOSPHYCON 54. Contenuto Acido Ortofosforico 75 % p / p ( 53 BE ) Provoca gravi ustioni. I fumi fosforici sono tossici.

FOSPHYCON 54. Contenuto Acido Ortofosforico 75 % p / p ( 53 BE ) Provoca gravi ustioni. I fumi fosforici sono tossici. Corso Alba, 85/89 12043 - CANALE d Alba (CN) SCHEDA DATI DI SICUREZZA Tel. (0173) 95.433 Fax (0173) 979.464 nr. P/L/0030 FOSPHYCON 54 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA E DELLA SOCIETA Sostanza Nome Chimico

Dettagli

Nome commerciale: PROMASPRAY P300 Data di pubblicazione 10/11/2010 La presente versione annulla sostituisce le precedenti

Nome commerciale: PROMASPRAY P300 Data di pubblicazione 10/11/2010 La presente versione annulla sostituisce le precedenti 1. Identificazione del prodotto e della Società Nome del prodotto: PROMASPRAY P300 Impiego previsto: PROMASPRAY P300 è un intonaco applicato a spruzzo, adatto per la protezione passiva al fuoco di strutture

Dettagli

GENOL PLANT Versione 2 Elaborato 6. Settembre 2007 Data di stampa 6. Settembre 2007

GENOL PLANT Versione 2 Elaborato 6. Settembre 2007 Data di stampa 6. Settembre 2007 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ INFORMAZIONI SUL PRODOTTO Nome del prodotto : Design Code : A 10998A Uso : insetticida Società : Maag Agro, Syngenta Agro AG, Postfach 233, Chemiestrasse,

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 Scheda Dati di Sicurezza 1. Identificazione della sostanza / preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o preparato Codice: 199686 Denominazione 1.2 Utilizzazione della

Dettagli

Scheda di Sicurezza. 1. Identificazione della Sostanza / Preparazione e del Produttore / Distributore

Scheda di Sicurezza. 1. Identificazione della Sostanza / Preparazione e del Produttore / Distributore 1. Identificazione della Sostanza / Preparazione e del Produttore / Distributore Identificatione della sostanza o preparazione Nome del Prodotto Design Code 2/ISK AGI Code * Produttore / Distributore Società

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PREPARATO

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PREPARATO SCHEDA DI SICUREZZA DEL PREPARATO 1 IDENTIFICAZIONE PREPARATO E SOCIETA PRODUTTRICE 1.1 Denominazione commerciale : DILUENTE DELCO 1.2 Ditta produttrice : MGR ELECTRO SRL 1.3 Numero telefonico : 02/9660699

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA VAPOR GARD DATA DI COMPILAZIONE: MARZO 2001 PAGINA: 1 DI 6 DATA DI REVISIONE: GENNAIO 2006

SCHEDA DI SICUREZZA VAPOR GARD DATA DI COMPILAZIONE: MARZO 2001 PAGINA: 1 DI 6 DATA DI REVISIONE: GENNAIO 2006 SCHEDA DI SICUREZZA VAPOR GARD DATA DI COMPILAZIONE: MARZO 2001 PAGINA: 1 DI 6 1 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Identificazione della sostanza/preparato Utilizzazione

Dettagli

SICUREZZA CHI SA COSA STA FACENDO VIVE BENE E A LUNGO E NON PROVOCA DANNO AL VICINO

SICUREZZA CHI SA COSA STA FACENDO VIVE BENE E A LUNGO E NON PROVOCA DANNO AL VICINO SICUREZZA CHI SA COSA STA FACENDO VIVE BENE E A LUNGO E NON PROVOCA DANNO AL VICINO SICUREZZA DPI DISPOSITIVI PROTEZIONE INDIVIDUALE CAMICE GUANTI OCCHIALI PROTETTIVI VANNO INDOSSATI SEMPRE IN LABORATORIO

Dettagli

Leggere attentamente l etichetta e la Scheda di 2Sicurezza (SDS)

Leggere attentamente l etichetta e la Scheda di 2Sicurezza (SDS) Leggere attentamente l etichetta e la Scheda di 2Sicurezza (SDS) Come si legge un etichetta L etichetta di un agrofarmaco deriva dalla valutazione di numerosi studi effettuati sul prodotto inerenti aspetti

Dettagli

ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE "Frasi di Rischio" ( R ) e "Consigli di Prudenza" ( S )

ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE Frasi di Rischio ( R ) e Consigli di Prudenza ( S ) ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE "Frasi di Rischio" ( R ) e "Consigli di Prudenza" ( S ) La Legge 29 Maggio 1974, N 0 256 obbliga tutti i fabbricanti di prodotti aventi determinate caratteristiche

Dettagli

Scheda di sicurezza. COPRANTOL Hi Bio

Scheda di sicurezza. COPRANTOL Hi Bio 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DEL PRODUTTORE O/E DISTRIBUTORE Identificazione della sostanza o preparato Nome del prodotto Design Code Utilizzo COPRANTOL Hi Bio A15579A Fungicida.

Dettagli

Scheda di Sicurezza. Sottofondo-Superleggero-Termoisolante. 0583.379028/370480 0583.370964 ufficiotecnico@marraccinilucca.

Scheda di Sicurezza. Sottofondo-Superleggero-Termoisolante. 0583.379028/370480 0583.370964 ufficiotecnico@marraccinilucca. Scheda di Sicurezza 1 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA - PREPARATO E DELLA SOCIETA' Nome commerciale del prodotto MAX 250 Impiego Identificazione della società Numero telefono emergenza : 2. IDENTIFICAZIONE

Dettagli

Versione 1 Data di stampa 27/09/06 Data di revisione 06/2005 HOB/A - 054

Versione 1 Data di stampa 27/09/06 Data di revisione 06/2005 HOB/A - 054 1. Identificazione della Sostanza o del Preparato e del Produttore o/e Distributore Identificazione della sostanza o preparato Nome del prodotto COMPO Touchdown Utilizzo Produttore Titolare registrazione

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o preparato Codice: 199278 Denominazione 1.2 Utilizzazione della

Dettagli

Askoll test S C H E D E D AT I D I S I C U R E Z Z A. Askoll. L acquario facile

Askoll test S C H E D E D AT I D I S I C U R E Z Z A. Askoll. L acquario facile Askoll test S C H E D E D AT I D I S I C U R E Z Z A Askoll L acquario facile Test ph acqua dolce Askoll test ph acqua dolce 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA / PREPARATO E DELLA SOCIETÀ 1.1 Identificazione

Dettagli

SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDE DI SICUREZZA DEI PRODOTTI DETERGENTI

SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDE DI SICUREZZA DEI PRODOTTI DETERGENTI SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDE DI SICUREZZA DEI PRODOTTI DETERGENTI Ai sensi del Reg. (CE) 1907/2006 e Reg. (CE) 453/2010 SCHEDA SICUREZZA DENOMINAZIONE PRODOTTO: DET. PIATTI LIMONE FLEUR. ML. 1250 CODICE

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA CLEM CANDEGGINA

SCHEDA DI SICUREZZA CLEM CANDEGGINA Pagina: 1/5 1- INDIVIDUAZIONE DEL PRODOTTO MARCHIO PRODUTTORE/FORNITORE CLEM DETERGENTI S.R.L. INDIRIZZO Via Corcioni, 7 Ottaviano (NA) TEL./FAX 081/8279995 E-mail clem.detergenti@virgilio.it CENTRI ANTIVELENO:

Dettagli

SACCO TAC LAVATRICE. : polvere omogenea. : bianco con granelli blu

SACCO TAC LAVATRICE. : polvere omogenea. : bianco con granelli blu TAC Lavatrice - Aggiornamento del 28-03-2008 SACCO TAC LAVATRICE Descrizione prodotto : Detersivo in polvere per bucato in lavatrice CARATTERISTICHE FISICHE ASPETTO COLORE ODORE PROFUMO PESO SPECIFICO

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Data di revisione: 30/06/2009

SCHEDA DI SICUREZZA Data di revisione: 30/06/2009 SCHEDA DI SICUREZZA Data di revisione: 30/06/2009 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA 1.1 Descrizione commerciale: GRASSELLO 1.2 Usi previsti: Settore industriale: Edilizia Tipo di Impiego:

Dettagli

DM-BS 230 DETERGENTE SGRASSANTE CONCENTRATO

DM-BS 230 DETERGENTE SGRASSANTE CONCENTRATO Pagina 1 di 5 DETERGENTE SGRASSANTE ALCALINO CONCENTRATO 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA NOME PRODOTTO: TIPO DI PRODOTTO ED IMPIEGO: NOME DEL DISTRIBUTORE: INDIRIZZO COMPLETO: DETERGENTE

Dettagli

SIERI PER CAPELLI (BASI SILICONICHE)

SIERI PER CAPELLI (BASI SILICONICHE) SIERI PER CAPELLI (BASI SILICONICHE) IDENTIFICAZIONE DEI PRODOTTI E DELLA SOCIETA Nome Commerciale Cod. 15933 TRI ACTION HEAT PROTECTIUM SERUM STYLE PERFETTO Descrizione del prodotto Fluido idratante protettivo

Dettagli

radiello : cartuccia adsorbente cod. 145

radiello : cartuccia adsorbente cod. 145 SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA radiello : cartuccia adsorbente cod. 145 1. Identificazione del preparato e della società produttrice pag. 2 2. Composizione. Informazioni sugli ingredienti pag. 2 3. Identificazione

Dettagli

EC safety data sheet. 1.) Identificazione del prodotto e della società. 2.) Identificazione dei pericoli

EC safety data sheet. 1.) Identificazione del prodotto e della società. 2.) Identificazione dei pericoli 1.) Identificazione del prodotto e della società Denominazione del prodotto BIO KILL Utilizzo della sostanza o preparato ed usi sconsigliati Utilizzo della sostanza o preparato Insetticida Informazioni

Dettagli

SCHEDA informativa di SICUREZZA DM 04-04-97, DM 28-01-92

SCHEDA informativa di SICUREZZA DM 04-04-97, DM 28-01-92 pag. 01/06-NTM25 SCHEDA informativa di SICUREZZA DM 04-04-97, DM 28-01-92 Data di emissione : 5 agosto 1998 Versione N. : 3 1. DENOMINAZIONE COMMERCIALE PRODOTTO 1.1 Nome commerciale : 1.2 Società produttrice

Dettagli

Scheda dati di sicurezza

Scheda dati di sicurezza Scheda dati di sicurezza Conforme al regolamento (CE) 1907/2006 (REACH), Allegato II - Svizzera 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/DELL'IMPRESA Identificazione della sostanza

Dettagli

Scheda di sicurezza 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA SOCIETA /IMPRESA PRODUTTORE O/E DISTRIBUTORE

Scheda di sicurezza 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA SOCIETA /IMPRESA PRODUTTORE O/E DISTRIBUTORE 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA SOCIETA /IMPRESA PRODUTTORE O/E DISTRIBUTORE 1.1. Identificazione della sostanza o preparato Nome del prodotto ETRAVON SYNGENTA Design Code A14734A

Dettagli

Scheda di sicurezza CANDOGEN 2B SCHEDA DI SICUREZZA

Scheda di sicurezza CANDOGEN 2B SCHEDA DI SICUREZZA SCHEDA DI SICUREZZA 1.0 IDENTIFICAZIONE PRODOTTO E SOCIETA' 1.1 Nome commerciale 1.2 Impieghi Riducente per l industria tessile. 1.3 Produttore ed assistenza DATT CHIMICA SRL Via Clerici, 16 22070 Bulgarograsso

Dettagli

SOLFAC GEL SCARAFAGGI 1. * IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ

SOLFAC GEL SCARAFAGGI 1. * IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ 1. * IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ Bayer CropScience S.r.l. V.le Certosa 130 MILANO 02.3972.1 (Centralino) Numero di chiamata di urgenza/emergenza 02.3978.2282 Centro antiveleni

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE

SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE 8 revisione del 20/10/2014 SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO 1.1. Nome commerciale: Granuli di noce. 1.2. Nome del prodotto: Granuli di gusci di noce. 1.3.

Dettagli

COFARM srl via matteotti 12-18038 sanremo - Italy phone:0184532703 - fax 0184575445 EMail:info@cofarm-srl.it - www.cofarm-srl.it

COFARM srl via matteotti 12-18038 sanremo - Italy phone:0184532703 - fax 0184575445 EMail:info@cofarm-srl.it - www.cofarm-srl.it SCHEDA DATI DI SICUREZZA 1) IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA - DENOMINAZIONE DEL PRESIDIO EXYDINA 10 - SOCIETA PRODUTTRICE COFARM srl-via MATTEOTTI 12 SANREMO TEL.0184532703 2) COMPOSIZIONE

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

Scheda di sicurezza TOPAS COMBI

Scheda di sicurezza TOPAS COMBI 1. Identificazione della Sostanza o del Preparato e del Produttore o/e Distributore Identificazione della sostanza o preparato Nome del prodotto TOPAS COMBI Design Code A7687B Utilizzo Fungicida. Da impiegarsi

Dettagli

Scheda di sicurezza Malta Collante Ytong

Scheda di sicurezza Malta Collante Ytong Pagina 1 / 6 1: Identificazione del prodotto 1.1: Nome del prodotto / nome commerciale: Nome 1.2: Applicazioni Edilizia 1.3: Informazioni sul fornitore della scheda di dati di sicurezza Nome Malta collante

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina 1 di 5 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto 1.2. Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DATI DI SICUREZZA Scheda Dati di Sicurezza BLATTOXUR GEL - GIUGNO 2010 PAGINE TOTALI 5 - Pagina 1 /5 SCHEDA DATI DI SICUREZZA 1. IDETIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA Nome: BLATTOXUR GEL Presidio medico chirurgico

Dettagli

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA 1.1 Identificatore del prodotto Denominazione commerciale: 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela ed usi consigliati

Dettagli

Innu-Science NU-Flow

Innu-Science NU-Flow 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome commerciale Innu-Science NU-Flow 1.2. Pertinenti usi identificati della sostanza o miscela

Dettagli

1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA

1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA SCHEDA DI SICUREZZA REVISIONE 00 DEL 04/03/2014 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1. Identificazione della sostanza o del preparato 1.1.1. Nome commerciale: Unidry

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA secondo direttiva 88/379/CEE TRASPIRANTE PER INTERNO

SCHEDA DI SICUREZZA secondo direttiva 88/379/CEE TRASPIRANTE PER INTERNO 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Informazioni sul prodotto Nome del prodotto : Codice prodotto : P003 DITTA : Ercolor di De Simone & C. S.n.c.

Dettagli

OSMOCEM D-S Componente A

OSMOCEM D-S Componente A Xi Revisione n 2 del 6/07/2005 SCHEDA DATI DI SICUREZZA CONFORME ALLA DIRETTIVA 91/155/CEE OSMOCEM D-S Componente A 1) IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione del preparato Tipo

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

Scheda dati di sicurezza

Scheda dati di sicurezza Scheda dati di sicurezza Conforme al regolamento (CE) 1907/2006 (REACH), Allegato II - Svizzera 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/DELL'IMPRESA Identificazione della sostanza

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE

SCHEDA DI SICUREZZA Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE 1/5 Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE 1 - Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Denominazione commerciale: VIVACTIV PERFORMANCE Impiego: Preparato per uso enologico

Dettagli

Scheda di sicurezza. Actara 25 WG

Scheda di sicurezza. Actara 25 WG 1. Identificazione della Sostanza o del Preparato e del Produttore o/e Distributore Identificazione della sostanza o preparato Nome del prodotto Actara 25 WG Design Code A9584C Utilizzo Insetticida. Da

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina 1 di 5 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto 1.2. Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA PRODUTTRICE. Polvere disperdibile per uso in bagni podali per ruminanti

1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA PRODUTTRICE. Polvere disperdibile per uso in bagni podali per ruminanti 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA PRODUTTRICE Nome Kling-on Blue Descrizione Fornitore Polvere disperdibile per uso in bagni podali per ruminanti Forum Products Ltd 41 51 Brighton Road Redhill

Dettagli

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006 PENNCOZEB DG - IT

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006 PENNCOZEB DG - IT SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 197/26 26/CE CE, Articolo 31 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA IMPRESA Nome prodotto Codice prodotto 4-2 Tipo di prodotto

Dettagli

Ecolush 15/03/2014 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELL'IMPRESA

Ecolush 15/03/2014 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELL'IMPRESA Pagina 1 di 9 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELL'IMPRESA 1.1. Identificatore del prodotto Nome del prodotto: 1.2. Usi pertinenti della sostanza o miscela e usi sconsigliati 1.2.1

Dettagli

14808-60-7 Sabbia silicea-quarzo alfa ~ 50 (Frazione respirabile <5µm) < 0,02

14808-60-7 Sabbia silicea-quarzo alfa ~ 50 (Frazione respirabile <5µm) < 0,02 WCOLCLASSGR pag. 1 di 5 1 - Identificazione del prodotto (preparato) Codice del prodotto : 23023/23101/23391/23291/23431 Nome commerciale : WEBER.COL CLASSIC PLUS PRESTIGE - PROGRES GRIGIO Natura del prodotto

Dettagli

ATTENZIONE: l introduzione del Reg. CLP prevedere un periodo transitorio nel quale possano coesistere due versioni di etichetta valide.

ATTENZIONE: l introduzione del Reg. CLP prevedere un periodo transitorio nel quale possano coesistere due versioni di etichetta valide. ATTENZIONE: l introduzione del Reg. CLP prevedere un periodo transitorio nel quale possano coesistere due versioni di etichetta valide. A seguire sono riportate alcune informazioni sul regolamento CLP;

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA CERE ALLA CITRONELLA SANDOKAN

SCHEDA DI SICUREZZA CERE ALLA CITRONELLA SANDOKAN SCHEDA DI SICUREZZA CERE ALLA CITRONELLA SANDOKAN Data: aprile 2010 1. Identificazione del preparato e della Società/Impresa 1.1.1 Identificazione del preparato: Cere alla Citronella 1.1.2. Tipologia del

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA. Conforme al Regolamento CE 1907/2006, come modificato dal Regolamento CE 453/2010

SCHEDA DI SICUREZZA. Conforme al Regolamento CE 1907/2006, come modificato dal Regolamento CE 453/2010 Pag.1 di 6 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO 1.1 Nome commerciale: TAPPATUTTO BEIGE Monocomponente 1.2 Uso: Usi sconsigliati: Pasta fibrorinforzata a base di resine acriliche, per sigillature impermeabili.

Dettagli

OSMOCEM RD Componente A

OSMOCEM RD Componente A Xi Revisione n 2 del 6/07/2005 SCHEDA DATI DI SICUREZZA CONFORME ALLA DIRETTIVA 91/155/CEE OSMOCEM RD Componente A 1) IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione del preparato Tipo

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA LA PREVENZIONE NELL USO DI DETERGENTI, DISINFETTANTI E STERILIZZANTI

PROCEDURA DI SICUREZZA LA PREVENZIONE NELL USO DI DETERGENTI, DISINFETTANTI E STERILIZZANTI Pag. 1 di 7 SOMMARIO: 1. Oggetto e scopo 2. Campo di applicazione 3. Responsabilità 4. Definizioni e abbreviazioni 5. Documenti di Riferimento 6. Moduli e documenti di registrazione 7. Modalità operative

Dettagli

SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA Pagina 1 di 9 SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA NITRATO POTASSICO / MULTIGREEN NK 13.0.46 1. Identificazione del prodotto e dell azienda 1.1. Identificazione della sostanza / preparato: - Denominazione NITRATO

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA In accordo con il regolamento comunitario 1907/2006/CE (R.E.A.Ch.)

SCHEDA DI SICUREZZA In accordo con il regolamento comunitario 1907/2006/CE (R.E.A.Ch.) SCHEDA DI SICUREZZA In accordo con il regolamento comunitario 1907/2006/CE (R.E.A.Ch.) Revisione n 3 Emessa il 01/08/10 Pag. 1 di 2 1 IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO Nome commerciale Impiego tipico Fabbricante

Dettagli

: Bioshout Sciogli Macchia

: Bioshout Sciogli Macchia 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/ MISCELA E DELLA SOCIETÀ/DELL'IMPRESA Informazioni sul prodotto Nome del prodotto Utilizzazione della sostanza/della miscela : : Smacchiatore Società : S.C. Johnson Italy

Dettagli

ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R E DEI CONSIGLI DI PRUDENZA S E DELLE LORO RELATIVE COMBINAZIONI ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R

ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R E DEI CONSIGLI DI PRUDENZA S E DELLE LORO RELATIVE COMBINAZIONI ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R Le sigle R e S sempre presenti sulle etichette dei prodotti chimici utilizzati in laboratorio rappresentano rispettivamente una definizione dei rischi specifici connessi con l impiego della sostanza chimica

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PREPARATO SALVANS OXYD - EMULSIONE OSSIDANTE PROFUMATA 40 VOL.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PREPARATO SALVANS OXYD - EMULSIONE OSSIDANTE PROFUMATA 40 VOL. SCHEDA DI SICUREZZA DEL PREPARATO SALVANS OXYD - EMULSIONE OSSIDANTE PROFUMATA 40 VOL. Data di emissione della scheda : 08/06/2012 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione del

Dettagli

1 IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA' PRODUTTRICE -----------------------------------------------------------------------

1 IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA' PRODUTTRICE ----------------------------------------------------------------------- 3M ITALIA S.P.A. VIA SAN BOVIO 1/3 I20090 SEGRATE MI ITALY ======================================================================== Scheda di dati di sicurezza ========================================================================

Dettagli

Scheda dei dati di sicurezza (a norma CEE 91/155)

Scheda dei dati di sicurezza (a norma CEE 91/155) Scheda dei dati di sicurezza (a norma CEE 91/155) Scheda dei dati di sicurezza (a norma CEE 91/155) SPACHTFIX stucco poliestere bicomponente valida da: 09/2002 1. Identificazione della sostanza, della

Dettagli

1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/ DELL'IMPRESA

1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/ DELL'IMPRESA 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/ DELL'IMPRESA Nome commerciale Prod-Nr. 3014, 3015 Fornitore Settore che fornisce informazioni Informazioni d'emergenza Neogard AG Industriestrasse,

Dettagli

Presa Rapida Utilizzazione del preparato / descrizione Identificazione del Fornitore

Presa Rapida Utilizzazione del preparato / descrizione Identificazione del Fornitore Pagina 1 di 7 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA / PREPARATO E DEL FORNITORE Identificazione del preparato / nome commerciale Presa Rapida Utilizzazione del preparato / descrizione Identificazione del Fornitore

Dettagli

ABX MINOTROL CRP A91A00707CIT Revisione 08/09/2008

ABX MINOTROL CRP A91A00707CIT Revisione 08/09/2008 Scheda di sicurezza ABX MINOTROL CRP A91A00707CIT Revisione 1. Identificazione del prodotto e dell'azienda 1.1. Identificazione del prodotto Identificazione del prodotto: Denominazione del prodotto: 1.2.

Dettagli

Scheda di sicurezza. DACONIL liquido

Scheda di sicurezza. DACONIL liquido 1. Identificazione della Sostanza o del Preparato e del Produttore o/e Distributore Identificazione della sostanza o preparato Nome del prodotto DACONIL liquido Design Code A7867A Utilizzo Fungicida. Da

Dettagli

SCHEDA SICUREZZA MATERIALI

SCHEDA SICUREZZA MATERIALI SCHEDA SICUREZZA MATERIALI 1. Identificazione della sostanza/preparato e della società/impresa Nome preparato: FALGRO TABLET Utilizzo del preparato: Regolatore della crescita orticola per uso professionale

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Secondo direttiva 1907/2006/CE

SCHEDA DI SICUREZZA Secondo direttiva 1907/2006/CE SCHEDA DI SICUREZZA Secondo direttiva 1907/2006/CE Pagina: 1 di 6 Doc. N 429937 rev.0 Data di preparazione: 12/11/2014 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA SOCIETÀ/ IMPRESA 1.1 Identificatori

Dettagli

MSDS - Scheda. Seieffe Industrie Via Appia Km 240,300 82013 BONEA (BN) Italia. Tel.: +39 0824 847911 Fax: +39 0824 847999

MSDS - Scheda. Seieffe Industrie Via Appia Km 240,300 82013 BONEA (BN) Italia. Tel.: +39 0824 847911 Fax: +39 0824 847999 MSDS - Scheda dati di Sicurezza Seieffe Industrie Via Appia Km 240,300 82013 BONEA (BN) Italia Tel.: +39 0824 847911 Fax: +39 0824 847999 okite@okite.com www.okite.com 6 - MSDS - Scheda dati di Sicurezza

Dettagli

Scheda di Sicurezza GLIPHYT

Scheda di Sicurezza GLIPHYT Scheda di Sicurezza GLIPHYT Data creazione: 12.02.2009 1. Identificazione della sostanza o preparato 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato GLIPHYT 1.2 Utilizzazione della sostanza o del preparato

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Filtro in Fibra di Vetro 1 ( 91 / 155 / CEE )

SCHEDA DI SICUREZZA Filtro in Fibra di Vetro 1 ( 91 / 155 / CEE ) 1. ELEMENTI IDENTIFICATORI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA / IMPRESA 1.1. Denominazione commerciale: Filtro in Fibra di Vetro (Tipo VBB) 1 (180g/m 2 ) 1.2. Società distributrice: D.L.G.

Dettagli

DETERSIVO IN POLVERE pl 6/7sc SCHEDA DI SICUREZZA

DETERSIVO IN POLVERE pl 6/7sc SCHEDA DI SICUREZZA DETERSIVO IN POLVERE pl 6/7sc SCHEDA DI SICUREZZA 01. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA' pag. 1/4 Nome commerciale Detersivo in polvere per lavatrice con scaglie di sapone. Impieghi Detersivo

Dettagli

SOSTANZE PERICOLOSE: Istruzioni per l uso. Introduzione

SOSTANZE PERICOLOSE: Istruzioni per l uso. Introduzione Introduzione Il presente lavoro consta in una serie di schede informative sulle corrette modalità di gestione delle sostanze pericolose ed è indirizzato ai lavoratori dei diversi comparti produttivi. Esso

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA. 1. Identificazione della sostanza/preparato e della società/ditta Identificazione del prodotto

SCHEDA DI SICUREZZA. 1. Identificazione della sostanza/preparato e della società/ditta Identificazione del prodotto TEL 022-56782800, FAX 022-56782808 SCHEDA DI SICUREZZA 1. Identificazione della sostanza/preparato e della società/ditta Identificazione del prodotto Nome del prodotto Quizalofop P - Etile 5% EC Impiego

Dettagli

Pericolo e rischio: Regolamento CE 1272/2008, etichetta, scheda di sicurezza e deposito. Legnago 20 maggio 2015

Pericolo e rischio: Regolamento CE 1272/2008, etichetta, scheda di sicurezza e deposito. Legnago 20 maggio 2015 Pericolo e rischio: Regolamento CE 1272/2008, etichetta, scheda di sicurezza e deposito Legnago 20 maggio 2015 Il Regolamento CLP Il Regolamento 1272/2008 (CLP - Classification, Labeling and Packaging)

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA MATERIALE Conforme al Regolamento Europeo N 453/2010 Uso dentale

SCHEDA DI SICUREZZA MATERIALE Conforme al Regolamento Europeo N 453/2010 Uso dentale 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA 1.1 Identificazione del prodotto Codice Prodotto: JX/10065 Denominazione Prodotto: Descrizione prodotto: Composito fluido 1.2 Usi pertinenti

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina 1 di 5 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto 1.2. Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

PASTA VERDE VIKY SUPER

PASTA VERDE VIKY SUPER SCHEDA DI SICUREZZA COMPILATA AI SENSI DEL REGOLAMENTO CE 19072006 - REACH - All II Liv. revisione: 00 Emissione: 24022010 Revisione: Eulab codex: PF0011 Stampa: 03032010 Pag. 15 1. IDENTIFICAZIONE DEL

Dettagli

Scheda dei dati di sicurezza

Scheda dei dati di sicurezza Scheda dei dati di sicurezza Edizione 1.0 Revisione 04.10.2015 Data di emissione 08.10.2015 Seite 1 von 5 1. Classificazione della sostanza Identificazione della sostanza Identificazione della Triptorelin

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA (91/155 CEE - 2001/58/CE) Decreto 7 settembre 2002 Ministero della Salute 2001/58/CE SABBIA SILICEA

SCHEDA DI SICUREZZA (91/155 CEE - 2001/58/CE) Decreto 7 settembre 2002 Ministero della Salute 2001/58/CE SABBIA SILICEA SCHEDA DI SICUREZZA (91/155 CEE - 2001/58/CE) Decreto 7 settembre 2002 Ministero della Salute 2001/58/CE SABBIA SILICEA 1 IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO 1.1. Identificazione della sostanza o preparato. Sabbia

Dettagli

Scheda di sicurezza ATEMI EW

Scheda di sicurezza ATEMI EW 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA SOCIETA /IMPRESA PRODUTTORE O/E DISTRIBUTORE 1.1. Identificazione della sostanza o preparato Nome del prodotto ATEMI EW Design Code A19504A Registrazione

Dettagli

ISTITUTO ATERNO-MANTHONE'

ISTITUTO ATERNO-MANTHONE' ISTITUTO ATERNO-MANTHONE' INTRODUZIONE Il termine sicurezza nella comune accezione indica una caratteristica di ciò che non presenta pericoli o ne è ben difeso. Sicurezza è una caratteristica anche delle

Dettagli

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale OSSIDANTI PER TINTURE, RIFLESSANTI E DECOLORANTI

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale OSSIDANTI PER TINTURE, RIFLESSANTI E DECOLORANTI Allegato 3 Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale OSSIDANTI PER TINTURE, RIFLESSANTI E DECOLORANTI INFORMAZIONI GENERALI Nome commerciale: Descrizione prodotto: : soluzioni di acqua

Dettagli