Problemi di schedulazione distribuita su Grid

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Problemi di schedulazione distribuita su Grid"

Transcript

1 Problemi di schedulazione distribuita su Grid Ivan Porro Università degli Studi di Genova, DIST, Laboratorio BioLab Si ringrazia per il materiale il Dr. Andrea Clematis dell IMATI CNR di Genova Layered grid architecture 1

2 Unit 1. Riassunto strutturato: cos è Grid 2. Layered Grid architecture /* Certificati in Grid: un esempio */ Layered grid architecture 2

3 Riassunto strutturato: cos è Grid (non è una ripetizione della prima lezione ) Layered grid architecture 3

4 Riassunto strutturato: cos è Grid Un ambiente persistente in cui le applicazioni possono integrare ed utilizzare risorse computazionali, dati, device, e reti appartenenti a diverse organizzazioni ed in diverse locazioni La condivisione di risorse è ottenuta attraverso accessi diretti da parte degli utenti e gli accessi alle risorse vengono strettamente controllati Un gruppo di utenti o organizzazioni regolati da una politica di condivisione formano una virtual organization Layered grid architecture 4

5 Virtual Organization Una Virtual Organization (VO) è costituita da: un insieme di individui o istituzioni un insieme di risorse da condividere un insieme di regole per la condivisione Una VO è una collezione di utenti che condividono regole per l accesso a risorse di calcolo e a dati distribuiti e perseguono obiettivi comuni Concetto chiave : l abilità di negoziare le modalità di condivisione delle risorse tra i componenti di una VO (providers and consumers) ed il successivo utilizzo per i propri scopi Layered grid architecture 5

6 Virtual Organization Le regole per la condivisione delle risorse specificano quando, dove e cosa può essere fatto. Vengono quindi richieste: Politiche e meccanismi per formalizzare tali regole Autenticazione: stabilire l identità degli utenti Autorizzazione: determinare se una operazione è coerente con le regole di condivisione definite Layered grid architecture 6

7 Qual è il tipo di applicazioni? Compute intensive Simulazioni interattive (climate modeling) Simulazioni e analisi su larga scala (formazione di galassie, campi gravitazionali, previsione di terremoti) Ingegneria (studi di parametri, linked component models) Data intensive Analisi di dati sperimentali (high-energy physics) Analisi delle immagini (astronomia, climatologia, ecologia) Layered grid architecture 7

8 Qual è il tipo di applicazioni? Collaborazioni distribuite Strumenti online (microscopi, x-ray devices, etc.) Remote visualization (studi climatologici, biologia) Ingegneria (large-scale structural testing, ingegneria chimica) E tutti problemi tali da richiedere la collaborazione di persone appartenenti a organizzazioni diverse e la condivisione di risorse di calcolo, dati, strumenti e conoscenze Layered grid architecture 8

9 Temi richiesti Le problematiche correlate alle Griglie sono molteplici: Security Monitoring/Discovery Computing/Processing Power Moving and Managing Data Managing Systems System Packaging/Distribution Layered grid architecture 9

10 Cosa c è di nuovo Le tecnologie esistenti non risolvono adeguatamente le esigenze di sharing Richieste complesse: lanciare un programma X su un elemento Y soggetto alle politiche P, fornendo l accesso ai dati Z rispettando le politiche di Q High performance: richieste per sistemi avanzati ed ad alte prestazioni Risorse eterogenee: computer, dati, politiche, conoscenze... Problem solving coordinati Estensione della visione client-server: analisi ed elaborazione di dati distribuiti Layered grid architecture 10

11 A Checklist for a GRID to be a GRID (I.Foster) Il Grid coordina risorse che non sono soggette ad un controllo centralizzato e fornisce meccanismi per la sicurezza, policy, membership Usa protocolli ed interfacce standard, open e general-purpose. Il Grid permette l utilizzo delle sue risorse con differenti Qualities of Service ( tempo di risposta, throughput, disponibilità, sicurezza, ). L utilità del sistema (middle tier) è molto maggiore a quella della somma delle sue parti nel soddisfare le necessità dell utente. Layered grid architecture 11

12 Computational Grid Il fine: sharing di risorse di calcolo flessibile, sicuro, coordinato attraverso collezioni dinamiche di individui, istituzioni e risorse Permette a gruppi di utenti VO di condividere risorse geograficamente distribuite visto che perseguono fini comuni - assumendo l assenza di Una locazione centralizzata Un controllo centralizzato Onniscienza Esistenza di relazioni di fiducia Layered grid architecture 12

13 Risorse Un entità che viene condivisa Computer, dati, software, elementi di storage non necessariamente entità fisica File system distribuito, persone definita in termini di interfacce e non di strumenti Uno scheduler come PBS definisce una risorsa computazionale Open/close/read/write definiscono degli accessi a file system distribuiti, come NFS, AFS Layered grid architecture 13

14 La tecnologia Globus toolkit (GTK) E un sistema open-source che si propone come lo standard de facto per il middleware per lo sviluppo di Grid La maggior parte dei middleware Grid ha alla base, prima o poi, GTK GT2 (1998) fornisce i protocolli, le API ed i servizi utilizzati per lo sviluppo di centinaia di Grid GT2 fornisce strumenti per autenticazione, resource discovery, resource access, data movement ed altro Lo sviluppo di GT non è comunque lineare, in molti casi non è formalmente definito e ben documentato Una storia analoga accompagna altri sistemi quali ad esempio Condor Attualmente GT è orientato ai servizi (Grid service) Layered grid architecture 14

15 La tecnologia Open Grid Services Architecture (OGSA) per mettere ordine nello sviluppo del middleware per Grid è stato creato (1998) il Global Grid Forum (GGF) Nel 2002 il GGF ha proposto uno standard architetturale condiviso dalla comunità: OGSA OGSA porta ad un allineamento del Grid computing con progetti di tipo industriale che propongono architetture service oriented e Web services OGSA prevede uno standard reale e più implementazioni una delle quali è GT nelle versioni GT3 (2003) e GT4 (2004) Layered grid architecture 15

16 Layered grid architecture 16

17 Orientamento ai servizi Integrazione Virtualizzazione Esistono tre concetti chiave per la comprensione del Grid e delle sue tecnologie: Orientamento ai servizi Un servizio è accessibile attraverso uno scambio di messaggi che provocano l effettuazione di un operazione; la parte visibile e fissa è l interfaccia, l implementazione è isolata sia in termini di modo che di locazione; Virtualizzazione è una conseguenza del punto precedente Integrazione la distinzione tra implementazione ed interfaccia permette di utilizzare i servizi come building block con i quali sviluppare nuovi servizi. Layered grid architecture 17

18 Layered Grid Architecture Layered grid architecture 18

19 Overview Layered grid architecture 19

20 Analogia con l architettura Internet Coordinating multiple resources : ubiquitous infrastructure services, app-specific distributed services Sharing single resources : negotiating access, controlling use Talking to Grid elements : communication (Internet protocols) & security Controlling elements locally : Access to, & control of, resources Layered Grid Architecture Grid Architecture Application Collective Resource Connectivity Fabric Internet Architecture Application Transport internet Link Internet Protocol Architecture Layered grid architecture 20

21 Fabric Layer Protocolli & Servizi Fornisce accesso alle risorse condivise mediante protocolli Grid Implementa operazioni locali su risorse specifiche (attraverso protocolli interni), in modo trasparente agli strati superiori che accedono alle interfacce e non alle caratteristiche interne Le operazioni di questo livello sono invocate da quelle di condivisione delle risorse ai livelli più alti Layered grid architecture 21

22 Fabric Layer Protocolli & Servizi Funzionalità più avanzate abilitano operazioni di condivisione più sofisticate Il set minimo di operazioni a questo livello: richieste di informazioni dello stato, caratteristiche hardware/software Gestione delle risorse Esempi Risorse computazionali, sistemi di storage, file catalogs, risorse di rete, file system, archivi, etc Layered grid architecture 22

23 Esempi di capability Risorse computazionali: Avvio dei programmi Fabric Layer Monitoring delle esecuzioni e dei corrispondenti processi Gestione delle risorse Richieste di informazioni (capacità hw/sw, carico, code d attesa, etc) Layered grid architecture 23

24 Esempi di capability Risorse di storage: Put/get di file Data transfer ad alte prestazioni Lettura/scrittura di file Fabric Layer Gestione dei dischi, disk bandwidth, network bandwidth, CPU, etc Richieste di caratteristiche hw/sw, spazio libero, utilizzo di bandwidth, etc Layered grid architecture 24

25 Connectivity Layer Protocolli & Servizi Supporta comunicazioni sicure tra le risorse del livello Fabric, tramite la definizione di nucleo di comunicazioni e di protocolli di autenticazione richieste per le funzionalità di griglia Supporta una varietà di comportamenti condivisi senza dover avanzare altre richieste alle risorse condivise Layered grid architecture 25

26 Comunicazioni: Connectivity Layer Protocolli & Servizi trasporto (e.g. IP), naming (e.g. DNS), routing, etc. (the TCP/IP protocol stack) Security: Grid Security Infrastructure (GSI) Meccanismi uniformi per autenticazioni, autorizzazioni, e protezione dei messaggi in operazioni multi istituzionali Single sign-on: di utenti devono identificarsi solo una volta ed avere accesso a diverse risorse Eventualmente: interoperabilità tra diverse Grid ( ) Layered grid architecture 26

27 Connectivity Layer Protocolli & Servizi Security Delegation: un programma può accedere alle risorse su cui ha le opportune autorizzazioni Integrazione con le politiche di security locali: Grid security ha bisogno di interagire con le politiche locali adottate dai resource manager Relazioni di fiducia verso l utente: un utente può accedere a risorse appartenenti a diversi domini senza doversi ri-autenticare ogni volta Layered grid architecture 27

28 Connectivity Layer Protocolli & Servizi Security Crittografia della chiave pubblica: Secure Socket Layer (SSL), Generic Security Service API (GSS-API, API accessi sicuri a sistemi, standardizzati dall Internet Engineering Task Force) Supporto alle infrastrutture: Certificate Authorities, gestione del certificato e della chiave Layered grid architecture 28

29 Resources Layer Protocolli & Servizi Il Resource layer definisce protocolli e API per operazioni sicure di negoziazione, inizializzazione, monitoring, accounting e payment delle operazioni sulle singole risorse L implementazione del Resource layer si basa sulle funzionalità del Fabric layer Esempi Accesso a cluster, storage, informazioni Invocazioni ai servizi provider di risorse Accesso a scheduler locali Layered grid architecture 29

30 Resources Layer Protocolli & Servizi Le due componenti principali che lo definiscono: information protocols: utilizzato per ottenere informazioni sulla struttura e lo stato delle risorse, es: configurazione, carico di lavoro corrente, politiche di utilizzo management protocols: utilizzato per negoziare gli accessi alle risorse condivise, specificando ad esempio QoS, advanced reservation, etc. Layered grid architecture 30

31 Collective Layer Protocolli & Servizi Il livello Collective contiene protocolli e servizi che coordinano in modo concorrente risorse multiple, ad esempio essi catturano interazioni attraverso una collezione di risorse Layered grid architecture 31

32 Esempi: Collective Layer Protocolli & Servizi Directory services: abilitano gli utenti di una VO al discovery dell esistenza e/o proprietà delle risorse della VO Co-allocation, scheduling: abilitano gli utenti di una VO alle richieste di allocazioni di una o più risorse per uno scopo specifico e lo scheduling dei task sulle risorse appropriate Monitoring: supporto al monitoring alle risorse di una VO (intrusioni, failure, carico,..) Layered grid architecture 32

33 Esempi Collective Layer Protocolli & Servizi Data replication: supporta la gestione delle risorse di storage di una VO per massimizzare le perfomance degli accessi ai dati Workload management: descrizione, uso e gestione di workflow complessi (sottomissioni di job interdipendenti) Servizi di autorizzazioni, accounting, servizi di cooperazioni (scambi di messaggi sincroni/asincroni) Layered grid architecture 33

34 Applications Layer Include le applicazioni sviluppate dagli utenti che operano in una VO Le applicazioni sono costruite come invocazioni di servizi ed uso di protocolli definiti in uno qualsiasi dei sottostanti livelli. Esempio, un utente può sottomettere job tramite l invocazione di servizi di diversi livelli Layered grid architecture 34

35 Applications Layer Esempi di sottomissione di job Collective Layer: sottomettendolo a Workload Manager (fornisce: code interne in caso di submission failure, sottomissione periodica, accesso alle informazioni di logging and bookkeeping, gestione dei file di I/O) Resource Layer: sottomettendolo direttamente ad uno scheduler di risorse (un cluster locale) Connectivity Layer: sottomettendolo ad un cluster remoto Fabric Layer: sottomettendolo ad un cluster locale Layered grid architecture 35

36 Certificati in Grid: un esempio Layered grid architecture 36

37 Tradizionale Si richiede un certificato ad una Certification Authority Ci si autentica presso una Registration Authority con un documento La RA emette un codice univoco con il quale l utente richiede il certificato alla CA La CA emette il certificato che è scaricabile all interno del browser web e da li esportabile Command Line Interface (CLI) Certificato nella propria home Shell: # myproxy-init -- vo gilda Layered grid architecture 37

38 Caratteristiche dei certificati Hanno una durata limitata nel tempo (decine di ore): se il job dura mesi? Proxy delegation Hanno estensioni che permettono di mappare ruoli/gruppi della propria VO (VOMS extensions) X.509 standard (PKI) Layered grid architecture 38

39 Però Sono una effettiva garanzia di sicurezza e allo stesso tempo una delle più forti limitazioni: La procedura per ottenerli non è poi così semplice Medici Pubblica amministrazione... Vanno (andrebbero) conservati con cura Se non posso / non voglio / non so usare una command line? Layered grid architecture 39

40 Quindi: Si richiede un certificato ad una Certification Authority [come prima] Si accede ad un portale Web Certificato nella propria home sul server Il portale mappa credenziali di login con il certificato ed esegue l inizializzazione #!/bin/sh su - <user> myproxy-init --vo gilda Da ora tutti i servizi a cui si accede sul portale sono lanciati con le credenziali del certificato Layered grid architecture 40

41 Ma! I certificati sono una sorta di documento elettronico (di fatto, bisogna essere identificati a vista per ottenerli) Sono personali, non cedibili, e da conservare sotto con la massima cura preferibilmente su smart-card... Chi di voi ha una smart card? Se sono nella vostra home su un server remoto rispettano questi requisiti? Layered grid architecture 41

42 Quindi Grid proxy delegation su robot certificate conservati su smart card Tradotto: L utente NON ha un proprio certificato L amministratore del server/portale richiede un Robot certificate Il certificato risiede su un token USB smart card, crittografato Al login, il portale esegue uno script che inizializza un certificato delega per l utente, figlio del certificato robot Il portale mantiene mapping tra le deleghe e gli utenti Layered grid architecture 42

Griglie computazionali

Griglie computazionali Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno IL MIDDLEWARE Richiami sulla caratterizzazione dei sistemi GRID Il Concetto di Virtual

Dettagli

Organizzazioni nel Grid Computing

Organizzazioni nel Grid Computing Il ruolo delle Organizzazioni nel Grid Computing Un primo sguardo a Globus - Parte 5 Organizzazioni di Grid Computing Panoramica sui prodotti software Primo sguardo a Globus Dott. Marcello CASTELLANO La

Dettagli

Reti di Calcolatori GRIGLIE COMPUTAZIONALI

Reti di Calcolatori GRIGLIE COMPUTAZIONALI D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 10-1 Reti di Calcolatori GRIGLIE COMPUTAZIONALI D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 10-2 Griglie Computazionali Cosa è il Grid Computing? Architettura Ambienti Globus

Dettagli

GRIGLIE COMPUTAZIONALI

GRIGLIE COMPUTAZIONALI Reti di Calcolatori GRIGLIE COMPUTAZIONALI D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 10-1 Griglie Computazionali Cosa è il Grid Computing? Architettura Ambienti Globus D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL

Dettagli

An Open Grid Service Architecture OGSA

An Open Grid Service Architecture OGSA An Open Grid Service Architecture OGSA Corso di laboratorio specialistico 2 Antonella Galizia Percorso Ripasso La tecnologia dei Web Service (molto!) in breve OGSA e l architettura Grid Grid Services Antonella

Dettagli

Presentazione NIS Network Integration & Solutions s.r.l. Autore: nome Cognome Data: Evento

Presentazione NIS Network Integration & Solutions s.r.l. Autore: nome Cognome Data: Evento Presentazione NIS Network Integration & Solutions s.r.l. Autore: nome Cognome Data: Evento Chi siamo NIS nasce nel 1993 come spin-off dalla Università di Genova (DIST) Nel 1996 viene aperta una unità operativa

Dettagli

Sistemi Distribuiti. Libri di Testo

Sistemi Distribuiti. Libri di Testo Sistemi Distribuiti Rocco Aversa Tel. 0815010268 rocco.aversa@unina2.it it Ricevimento: Martedì 14:16 Giovedì 14:16 1 Libri di Testo Testo Principale A.S. Tanenbaum, M. van Steen, Distributed Systems (2

Dettagli

Griglie computazionali LEZIONE N. 14. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno

Griglie computazionali LEZIONE N. 14. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno LEZIONE N. 14 OGSA, OGSI e WSRF Gli Standard OGF Griglie computazionali - a.a. 2009-10

Dettagli

Service Level Agreement Management Framework

Service Level Agreement Management Framework Facoltà di Ingegneria Università degli studi di Catania Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Workshop su QoS e SLA Service Level Agreement Management Framework Giovanni Morana

Dettagli

Sicurezza su Grid. Corso: Sicurezza Informatica Studente: Mattia Cinquilli Professore: Stefano Bistarelli AA: 2008/2009

Sicurezza su Grid. Corso: Sicurezza Informatica Studente: Mattia Cinquilli Professore: Stefano Bistarelli AA: 2008/2009 Sicurezza su Grid Corso: Sicurezza Informatica Studente: Mattia Cinquilli Professore: Stefano Bistarelli AA: 2008/2009 Introduzione e Definizione di Computing Grid La griglia computazionale eʼ un tipo

Dettagli

Ambienti di calcolo a griglia - Parte 3

Ambienti di calcolo a griglia - Parte 3 TOC Ambienti di calcolo a griglia - Parte 3 Obiettivo Formativo Un software di griglia può essere installato con una certa facilità da programmatori. Al crescere dell uso e della dipendenza dell utenza,

Dettagli

Grid Scheduling e WS-Agreement

Grid Scheduling e WS-Agreement Grid Scheduling e WS-Agreement D. Talia - UNICAL Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Sommario Il Problema del esource Management Applicazioni in più domini Obiettivi del proprietario vs. obiettivi

Dettagli

Architetture software

Architetture software Sistemi Distribuiti Architetture software 1 Sistemi distribuiti: Architetture software Il software di gestione di un sistema distribuito ha funzionalità analoghe ad un sistema operativo Gestione delle

Dettagli

Grid Data Management Services. Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui

Grid Data Management Services. Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Grid Data Management Services D. Talia - UNICAL Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Sommario Grid Data Management in Globus Toolkit GridFTP RFT RLS OGSA-DAI GridFTP GT4 Data Services High-performance

Dettagli

Grid Data Management Services

Grid Data Management Services Grid Management Services D. Talia - UNICAL Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Sommario Grid Management in Globus Toolkit GridFTP (Trasferimento Dati) RFT (Trasferimento Dati Affidabile) RLS (Gestione

Dettagli

Indice. 1 Introduzione 7 1.1 Introduzione... 7 1.2 Cos è un impianto informatico enterprise... 8

Indice. 1 Introduzione 7 1.1 Introduzione... 7 1.2 Cos è un impianto informatico enterprise... 8 Indice 1 Introduzione 7 1.1 Introduzione............................. 7 1.2 Cos è un impianto informatico enterprise............. 8 2 Affidabilità 11 2.1 Introduzione............................. 12 2.1.1

Dettagli

Cos'é una (Computing) GRID?

Cos'é una (Computing) GRID? Incontro Borsisti Progetto Lauree Scientifiche Perugia, 26 agosto 1 settembre 2007 Cos'é una (Computing) GRID? Istituto Nazionale Fisica Nucleare Sezione di Perugia Università Studi di Perugia Perché il

Dettagli

EGRID MIDDLEWARE OVERVIEW. Angelo Leto Abdus Salam I.C.T.P. aleto@ictp.trieste.it 08/10/2004

EGRID MIDDLEWARE OVERVIEW. Angelo Leto Abdus Salam I.C.T.P. aleto@ictp.trieste.it 08/10/2004 EGRID MIDDLEWARE OVERVIEW Angelo Leto Abdus Salam I.C.T.P. aleto@ictp.trieste.it 08/10/2004 Introduzione al concetto di GRID Sulla base dell implementazione GLOBUS-EDG-EGRID What is the GRID? What is the

Dettagli

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF. Sommario. Page 1

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF. Sommario. Page 1 Sommario Web Services e Grid Services OGSA e WSRF SOA Grid: Evoluzione OGSA - Open Grid Services Architecture WSRF Web Services Resource Framework Web services Servizi stateless Gestione dello stato Grid

Dettagli

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF Web Services e Grid Services OGSA e WSRF Sommario SOA Grid: Evoluzione OGSA - Open Grid Services Architecture WSRF Web Services Resource Framework Web services Servizi stateless Gestione dello stato Grid

Dettagli

WS-Agreement. Sommario. Il Problema del Resource Management. Obiettivi del proprietario vs. obiettivi delle applicazioni

WS-Agreement. Sommario. Il Problema del Resource Management. Obiettivi del proprietario vs. obiettivi delle applicazioni Gid Grid Scheduling Shdli e WS-Agreement D. Talia - UNICAL Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Sommario Il Problema del esource Management Applicazioni i i in più domini i Obiettivi del proprietario

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno

Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno LEZIONE N. 16 Resource Management Systems: PBS, MAUI Il Computing Element Griglie computazionali

Dettagli

Griglie computazionali LEZIONE N. 10. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno

Griglie computazionali LEZIONE N. 10. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno LEZIONE N. 10 Tecnologie di Storage; DAS, NAS, SAN Esempio di SRM: StoRM 1 Introduzione

Dettagli

Sistemi Distribuiti Introduzione al corso

Sistemi Distribuiti Introduzione al corso Altri testi di consultazione Sistemi Distribuiti Introduzione al corso Testo di riferimento G.Coulouris, J.Dollimore and T.Kindberg Distributed Systems: Concepts and Design IV Ed., Addison-Wesley 2005

Dettagli

Sicurezza nelle Grid. Sommario. Page 1. Il Problema della Sicurezza nelle Grid. Grid Security Infrastructure Autorizzazione

Sicurezza nelle Grid. Sommario. Page 1. Il Problema della Sicurezza nelle Grid. Grid Security Infrastructure Autorizzazione Sommario Il Problema della Sicurezza nelle Grid Sicurezza nelle Grid Grid Security Infrastructure Autorizzazione 2 Page 1 Il Problema della Sicurezza nelle Grid (1) Le risorse sono presenti domini amministrativi

Dettagli

Sistemi Distribuiti. Introduzione Definizione Vantaggi e svantaggi Architetture hardware e software Problemi di progetto. Sistemi Operativi mod.

Sistemi Distribuiti. Introduzione Definizione Vantaggi e svantaggi Architetture hardware e software Problemi di progetto. Sistemi Operativi mod. Sistemi Distribuiti Introduzione Definizione Vantaggi e svantaggi Architetture hardware e software Problemi di progetto 19.1 Introduzione A metà degli anni quaranta inizia l era dei calcolatori elettronici

Dettagli

Introduzione. Sistemi Distribuiti. Introduzione. Introduzione. Definizione di sistema distribuito. Introduzione

Introduzione. Sistemi Distribuiti. Introduzione. Introduzione. Definizione di sistema distribuito. Introduzione Sistemi Distribuiti Definizione Vantaggi e svantaggi Architetture hardware e software Problemi di progetto A metà degli anni quaranta inizia l era dei calcolatori elettronici moderni: grandi, costosi e

Dettagli

Sicurezza nei Sistemi Distribuiti

Sicurezza nei Sistemi Distribuiti Sicurezza nei Sistemi Distribuiti Aspetti di Sicurezza La sicurezza nei sistemi distribuiti deve riguardare tutti i componenti del sistema e coinvolge due aspetti principali: Le comunicazioni tra utenti

Dettagli

Sicurezza nei Sistemi Distribuiti

Sicurezza nei Sistemi Distribuiti Sicurezza nei Sistemi Distribuiti Aspetti di Sicurezza La sicurezza nei sistemi distribuiti deve riguardare tutti i componenti del sistema e coinvolge due aspetti principali: Le comunicazioni tra utenti

Dettagli

Identity Access Management nel web 2.0

Identity Access Management nel web 2.0 Identity Access Management nel web 2.0 Single Sign On in applicazioni eterogenee Carlo Bonamico, NIS s.r.l. carlo.bonamico@nispro.it 1 Sommario Problematiche di autenticazione in infrastrutture IT complesse

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2008/2009 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI E FILE SYSTEM DISTRIBUITI 12.1 Sistemi Distribuiti Sistemi operativi di rete Sistemi operativi distribuiti Robustezza File system distribuiti Naming e Trasparenza Caching

Dettagli

Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui. Grid File Systems. Requisiti, Funzionalità e Architettura. Grid File System: Requisiti

Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui. Grid File Systems. Requisiti, Funzionalità e Architettura. Grid File System: Requisiti Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Grid File Systems Requisiti, Funzionalità e Architettura Griglie e Sistemi Ubiqui - D. Talia - UNICAL 1 Grid File System: Requisiti Name Space Gerarchico Logico

Dettagli

Grid Data Management Services

Grid Data Management Services Grid Management Services D. Talia - UNICAL Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Sommario Grid Management GridFTP RFT RLS OGSA-DAI 1 GT4 Services GridFTP High-performance transfer protocol The Reliable

Dettagli

Il middleware INFNGRID Certification Authority Virtual Organization Servizi core Servizi collective Servizi di supporto al deployment e per la

Il middleware INFNGRID Certification Authority Virtual Organization Servizi core Servizi collective Servizi di supporto al deployment e per la Architettura del middleware INFNGRID e piano di deployment sull'infrastruttura SCoPE Gennaro Tortone INFN Napoli 21 febbraio 2007 Indice Il middleware INFNGRID Certification Authority Virtual Organization

Dettagli

Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui. Grid File Systems. Requisiti, Funzionalità e Architettura. Griglie e Sistemi Ubiqui - D.

Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui. Grid File Systems. Requisiti, Funzionalità e Architettura. Griglie e Sistemi Ubiqui - D. Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Grid File Systems Requisiti, Funzionalità e Architettura Griglie e Sistemi Ubiqui - D. Talia - UNICAL 1 Grid File System: Requisiti Name Space Gerarchico Logico

Dettagli

Strategie di Super-Scheduling e Replicazione dei dati in Griglie per Applicazioni Data-intensive : Risultati per il progetto EU-DataGrid.

Strategie di Super-Scheduling e Replicazione dei dati in Griglie per Applicazioni Data-intensive : Risultati per il progetto EU-DataGrid. POLITECNICO DI BARI Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica Tesi di Laurea in Sistemi Operativi Strategie di Super-Scheduling e Replicazione dei dati in Griglie per Applicazioni

Dettagli

Condor-G: Un Agente per la Gestione dell Elaborazione in Multi-Institutional Grids

Condor-G: Un Agente per la Gestione dell Elaborazione in Multi-Institutional Grids Condor-G: Un Agente per la Gestione dell Elaborazione in Multi-Institutional Grids James Frey, Todd Tannenbaum, Miron Livny, Ian Foster, Steven Tuecke Condor-G Sfrutta: Security, comunicazioni, resource

Dettagli

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003 Il clustering Sistemi Distribuiti 2002/2003 Introduzione In termini generali, un cluster è un gruppo di sistemi indipendenti che funzionano come un sistema unico Un client interagisce con un cluster come

Dettagli

Wireless Grids e Pervasive Grids. Pervasive Grids

Wireless Grids e Pervasive Grids. Pervasive Grids Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Wireless Grids e Pervasive Grids Griglie e Sistemi Ubiqui - D. Talia - UNICAL 1 Wireless Grids e Pervasive Grids Wireless Grids Caratteristiche Sistemi Applicazioni

Dettagli

Infrastruttura di produzione INFN-GRID

Infrastruttura di produzione INFN-GRID Infrastruttura di produzione INFN-GRID Introduzione Infrastruttura condivisa Multi-VO Modello Organizzativo Conclusioni 1 Introduzione Dopo circa tre anni dall inizio dei progetti GRID, lo stato del middleware

Dettagli

@CCEDO: Accessibilità, Sicurezza, Architettura

@CCEDO: Accessibilità, Sicurezza, Architettura Rev. 8, agg. Settembre 2014 @CCEDO: Accessibilità, Sicurezza, Architettura 1.1 Il Sistema di Gestione della Sicurezza Per quanto riguarda la gestione della Sicurezza, @ccedo è dotato di un sistema di autenticazione

Dettagli

D3.2 Documento illustrante l architettura 3D Cloud per la realizzazione di servizi in modalità SaaS

D3.2 Documento illustrante l architettura 3D Cloud per la realizzazione di servizi in modalità SaaS D3.2 Documento illustrante l architettura 3D Cloud per la realizzazione di servizi in modalità SaaS Il modello SaaS Architettura 3D Cloud Il protocollo DCV Benefici Il portale Web EnginFrame EnginFrame

Dettagli

La genealogia di Windows. Windows NT e Windows 95/98. Dimensioni del codice. Parte IX. Windows

La genealogia di Windows. Windows NT e Windows 95/98. Dimensioni del codice. Parte IX. Windows La genealogia di Windows Parte IX Windows Sistemi Operativi - prof. Silvio Salza - a.a. 2008-2009 IX - 1 DOS: sistema operativo monoutente Windows 3.1 interfaccia a finestre che gira su DOS Windows 95/98

Dettagli

Parte IX. Windows. Sistemi Operativi - prof. Silvio Salza - a.a. 2008-2009 IX - 1

Parte IX. Windows. Sistemi Operativi - prof. Silvio Salza - a.a. 2008-2009 IX - 1 Parte IX Windows Sistemi Operativi - prof. Silvio Salza - a.a. 2008-2009 IX - 1 La genealogia di Windows DOS: sistema operativo monoutente Windows 3.1 interfaccia a finestre che gira su DOS Windows 95/98

Dettagli

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale 1. Livello infrastrutturale Il Cloud, inteso come un ampio insieme di risorse e servizi fruibili da Internet che possono essere dinamicamente

Dettagli

IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD

IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it L ICT come Commodity L emergere del Cloud Computing e i nuovi modelli di delivery Trend n. 1 - ICT Commoditization

Dettagli

Table of Contents. Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano

Table of Contents. Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano Table of Contents Definizione di Sistema Distribuito - 4 Obiettivi Principali di un S.D. - 7 Tipi di Sistemi

Dettagli

Lezione 4 La Struttura dei Sistemi Operativi. Introduzione

Lezione 4 La Struttura dei Sistemi Operativi. Introduzione Lezione 4 La Struttura dei Sistemi Operativi Introduzione Funzionamento di un SO La Struttura di un SO Sistemi Operativi con Struttura Monolitica Progettazione a Livelli di un SO 4.2 1 Introduzione (cont.)

Dettagli

Sistemi Distribuiti. Informatica B. Informatica B

Sistemi Distribuiti. Informatica B. Informatica B Sistemi Distribuiti Introduzione Che cos è un sistema distribuito? Un sistema distribuito è una collezione di computer indipendenti che appare all utente come un solo sistema coerente Da notare: le macchine

Dettagli

RETI PEER-TO-PEER. Reti di Calcolatori. Applicazioni di Rete avanzate: Reti di Calcolatori. Sistemi Peer to Peer Griglie Computazionali

RETI PEER-TO-PEER. Reti di Calcolatori. Applicazioni di Rete avanzate: Reti di Calcolatori. Sistemi Peer to Peer Griglie Computazionali Reti di Calcolatori Applicazioni di Rete avanzate: Sistemi Peer to Peer Griglie Computazionali Corso di Reti di Calcolatori Carlo Mastroianni Reti di Calcolatori RETI PEER-TO-PEER Sistemi P2P In una rete

Dettagli

Stefano Bucci Technology Director Sales Consulting. Roma, 23 Maggio 2007

Stefano Bucci Technology Director Sales Consulting. Roma, 23 Maggio 2007 L Information Technology a supporto delle ALI: Come coniugare un modello di crescita sostenibile con le irrinuciabili caratteristiche di integrazione, sicurezza ed elevata disponibilità di un Centro Servizi

Dettagli

LBSEC. http://www.liveboxcloud.com

LBSEC. http://www.liveboxcloud.com 2014 LBSEC http://www.liveboxcloud.com LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di commerciabilità

Dettagli

Single Sign On sul web

Single Sign On sul web Single Sign On sul web Abstract Un Sigle Sign On (SSO) è un sistema di autenticazione centralizzata che consente a un utente di fornire le proprie credenziali una sola volta e di accedere a molteplici

Dettagli

Sistemi Operativi. Conclusioni e nuove frontiere

Sistemi Operativi. Conclusioni e nuove frontiere Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Conclusioni e nuove frontiere Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2008-09 Sommario Definizione di sistema operativo Evoluzione futura

Dettagli

Table of Contents. Definizione di Sistema Distribuito 15/03/2013

Table of Contents. Definizione di Sistema Distribuito 15/03/2013 Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano Table of Contents Definizione di Sistema Distribuito - 4-7 - 13 Definizioni e Principali Caratteristiche

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 6

Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Lo strato di applicazione protocolli Programma della lezione Applicazioni di rete client - server

Dettagli

PANORAMA. Panorama consente la gestione centralizzata di policy e dispositivi attraverso una rete di firewall di nuova generazione Palo Alto Networks.

PANORAMA. Panorama consente la gestione centralizzata di policy e dispositivi attraverso una rete di firewall di nuova generazione Palo Alto Networks. PANORAMA consente la gestione centralizzata di policy e dispositivi attraverso una rete di firewall di nuova generazione Palo Alto Networks. Interfaccia Web HTTPS SSL Grafici di riepilogo delle applicazioni

Dettagli

D3.1 Documento di analisi della visualizzazione 3D in ambiente Cloud e relative problematiche

D3.1 Documento di analisi della visualizzazione 3D in ambiente Cloud e relative problematiche D3.1 Documento di analisi della visualizzazione 3D in ambiente Cloud e relative problematiche Il Cloud Computing La visualizzazione nella Cloud Problematiche Virtualizzazione della GPU Front end Virtualization

Dettagli

Protocolli e architetture per WIS

Protocolli e architetture per WIS Protocolli e architetture per WIS Web Information Systems (WIS) Un Web Information System (WIS) usa le tecnologie Web per permettere la fruizione di informazioni e servizi Le architetture moderne dei WIS

Dettagli

Sistemi Distribuiti Definizioni e caratteristiche. Informatica B Prof. Morzenti

Sistemi Distribuiti Definizioni e caratteristiche. Informatica B Prof. Morzenti Sistemi Distribuiti Definizioni e caratteristiche Informatica B Prof. Morzenti Che cos è un sistema distribuito? Un sistema distribuito è una collezione di computer indipendenti che appare all utente come

Dettagli

Architetture di Cloud Computing

Architetture di Cloud Computing Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del A. A. 2013-2014 Architetture di Cloud Computing 1 Cloud computing Sommario Principali requisiti richiesti dal cloud clomputing

Dettagli

Sistemi Operativi STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL

Sistemi Operativi STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1 Struttura dei Componenti Servizi di un sistema operativo System Call Programmi di sistema Struttura del sistema operativo Macchine virtuali Progettazione e Realizzazione

Dettagli

Livello di Applicazione in Internet

Livello di Applicazione in Internet Università di Genova Facoltà di Ingegneria Livello di in Internet 1. Introduzione Prof. Raffaele Bolla Ing. Matteo Repetto dist Caratteristiche del corso: Docenti o Docente titolare Prof. Raffaele Bolla

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2010/2011 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

PKI e gestione delle Identità degli accessi. Franco Tafini. Security Solution Leader INTESA An IBM Company

PKI e gestione delle Identità degli accessi. Franco Tafini. Security Solution Leader INTESA An IBM Company PKI e gestione delle Identità degli accessi Franco Tafini Security Solution Leader INTESA An IBM Company Roma 10 Giugno 2008 Firma Digitale e non solo. Come nella quotidianità, anche in campo informatico,

Dettagli

An Open Grid Service Architecture OGSA

An Open Grid Service Architecture OGSA An Open Grid Service Architecture OGSA Corso di laboratorio specialistico 2 Antonella Galizia Percorso Riprendiamo dei concetti della scorsa lezione Approfondire le interfacce Un piccolissimo esempio Hosting

Dettagli

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-15 corso di Sistemi Distribuiti. 8. Le architetture (prima parte) Prof. S.Pizzutilo

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-15 corso di Sistemi Distribuiti. 8. Le architetture (prima parte) Prof. S.Pizzutilo CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-15 corso di Sistemi Distribuiti 8. Le architetture (prima parte) Prof. S.Pizzutilo I Sistemi Distribuiti Un Sistema Distribuito è un insieme di processori indipendenti

Dettagli

Making the Internet Secure TM

Making the Internet Secure TM Making the Internet Secure TM e-security DAY 3 luglio 2003, Milano Kenneth Udd Senior Sales Manager SSH Communications Security Corp. SSH Communications Security Corp Storia Fondata nel 1995 Ideatrice

Dettagli

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009)

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) CeBAS Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) Introduzione Il progetto CEBAS: la finalità è di migliorare l efficienza operativa interna dell Ente rispondere alle aspettative

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica.

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica. Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Sistemi Distribuiti Prof. Stefano Russo Caratterizzazionedei SistemiDistribuiti

Dettagli

Esperimenti di Cloud Computing in ENEA-GRID

Esperimenti di Cloud Computing in ENEA-GRID Conferenza GARR 2011 Bologna, 8-10 Novembre Esperimenti di Cloud Computing in ENEA-GRID Ing. Giovanni Ponti, Ph.D. ENEA C.R. Portici giovanni.ponti@enea.it Joint work with A. Secco, F. Ambrosino, G. Bracco,

Dettagli

tecnologie di cloud computing per il calcolo scientifico Presentazione stage per studenti triennali Università di Torino Mar 6, 2013

tecnologie di cloud computing per il calcolo scientifico Presentazione stage per studenti triennali Università di Torino Mar 6, 2013 tecnologie di cloud computing per il calcolo scientifico Università di Torino Mar 6, 2013 il centro di calcolo INFN Università di Torino Mar 6, 2013-2/417 Cosa facciamo a torino Ricerca tecnologica Core

Dettagli

8. Sistemi Distribuiti e Middleware

8. Sistemi Distribuiti e Middleware 8. Sistemi Distribuiti e Middleware Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 8. Sistemi distribuiti e Middleware 1 / 32 Sommario 1 Sistemi distribuiti

Dettagli

LBSEC. http://www.liveboxcloud.com

LBSEC. http://www.liveboxcloud.com 2014 LBSEC http://www.liveboxcloud.com LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di commerciabilità

Dettagli

Gestione delle Reti di Telecomunicazioni

Gestione delle Reti di Telecomunicazioni Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Gestione delle Reti di Telecomunicazioni Reti di TLC Ing. Tommaso Pecorella Ing. Giada Mennuti {pecos,giada}@lenst.det.unifi.it 1 Sommario 1. Introduzione

Dettagli

Infrastrutture distribuite di calcolo ed archiviazione

Infrastrutture distribuite di calcolo ed archiviazione Infrastrutture distribuite di calcolo ed archiviazione Grid e Cloud Computing Contenuti Grids & Clouds Esempi l ambito e-health Conclusioni 2 La Grid Grids&Clouds La Grid e un idea che nasce 15 (!) anni

Dettagli

BANCA VIRTUALE/1 tecnologie dell informazione della comunicazione

BANCA VIRTUALE/1 tecnologie dell informazione della comunicazione BANCA VIRTUALE/1 Il termine indica un entità finanziaria che vende servizi finanziari alla clientela tramite le tecnologie dell informazione e della comunicazione, senza ricorrere al personale di filiale

Dettagli

Work Package Grid Workload Management

Work Package Grid Workload Management Work Package Grid Workload Management Last modified: 22.05.01 Nell ambito del progetto DataGrid, le attivita` del work package 1 (Grid Workload Management), di cui l INFN e` responsabile, si stanno concentrando

Dettagli

La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento Indice

La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento Indice Indice 1. Definizioni essenziali 2. Modelli di rete 3. Reti fisiche 4. Protocolli di rete 5. Modelli di riferimento 6. Raffronto tra modelli Architettura degli Elaboratori 2 - T. Vardanega Pagina 275 Definizioni

Dettagli

Sicurezza e virtualizzazione per il cloud

Sicurezza e virtualizzazione per il cloud Sicurezza e virtualizzazione per il cloud Con il cloud gli utenti arrivano ovunque, ma la protezione dei dati no. GARL sviluppa prodotti di sicurezza informatica e servizi di virtualizzazione focalizzati

Dettagli

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security

Dettagli

CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY. Prima parte: Panoramica sugli attori

CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY. Prima parte: Panoramica sugli attori ANALISI 11 marzo 2012 CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY Nella newsletter N 4 abbiamo già parlato di Cloud Computing, introducendone

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA

RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA RELAZIONE ANNUALE CONSUNTIVA PROGRAMMA DI RICERCA SETTORE Legge 449/97 SETTORE: Strumenti, Ambienti e Applicazioni per la Società dell Informazione PROGETTO: SP1 Reti Internet: efficienza, integrazione

Dettagli

Informatica di Base - 6 c.f.u.

Informatica di Base - 6 c.f.u. Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica Informatica di Base - 6 c.f.u. Anno Accademico 2007/2008 Docente: ing. Salvatore Sorce Il Sistema Operativo Gerarchia del software

Dettagli

CRESCO. Centro computazionale di RicErca sui Sistemi COmplessi. Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Matematica Applicata

CRESCO. Centro computazionale di RicErca sui Sistemi COmplessi. Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Matematica Applicata CRESCO Centro computazionale di RicErca sui Sistemi COmplessi Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Matematica Applicata Università di Salerno Responsabile Unità Operativa Prof. Ciro D Apice Attività

Dettagli

La sicurezza nelle reti di calcolatori

La sicurezza nelle reti di calcolatori La sicurezza nelle reti di calcolatori Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza Analisi di traffico

Dettagli

Architettura Tecnica i. Architettura Tecnica

Architettura Tecnica i. Architettura Tecnica i Architettura Tecnica ii Copyright 2005-2011 Link.it s.r.l. iii Indice 1 Scopo del documento 1 1.1 Abbreviazioni..................................................... 1 2 Overview 1 2.1 La PdD........................................................

Dettagli

Strutture dei Sistemi Operativi

Strutture dei Sistemi Operativi Strutture dei Sistemi Operativi Componenti di sistema Servizi del sistema operativo Chiamate di sistema Programmi di sistema Struttura del sistema Macchine virtuali Progetto e implementazione di sistemi

Dettagli

CONCETTI DI NAVIGAZIONE IN RETE

CONCETTI DI NAVIGAZIONE IN RETE CONCETTI DI NAVIGAZIONE IN RETE Internet (La rete delle reti) è l insieme dei canali (linee in rame, fibre ottiche, canali radio, reti satellitari, ecc.) attraverso cui passano le informazioni quando vengono

Dettagli

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1 Introduzione Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete 2-1 Pila di protocolli Internet Software applicazione: di

Dettagli

Sistemi Informativi Distribuiti

Sistemi Informativi Distribuiti Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 SISTEMI INFORMATIVI MODULO II Sistemi Informativi Distribuiti 1 Sistemi informativi distribuiti

Dettagli

Appl. di emissione PKCS#11. API (Metacomandi) Resource Manager Windows. Drivers PC/SC dei lettori

Appl. di emissione PKCS#11. API (Metacomandi) Resource Manager Windows. Drivers PC/SC dei lettori Roma, 30 gennaio 2003 La realtà della carta di identità elettronica (nel seguito CIE) e della carta nazionale dei servizi (nel seguito CNS) rende ineluttabile l individuazione di servizi da erogare in

Dettagli

IBM iseries Soluzioni integrate per xseries

IBM iseries Soluzioni integrate per xseries Soluzioni innovative per l integrazione dei server Intel IBM iseries Soluzioni integrate per xseries La famiglia iseries, il cui modello più recente è l _` i5, offre due soluzioni che forniscono alternative

Dettagli

27/03/2013. Contenuti

27/03/2013. Contenuti Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano Contenuti Virtualizzazione - 3 Macchina virtuale - 4 Architetture delle macchine virtuali - 6 Tipi di virtualizzazione - 7 Monitor della

Dettagli

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Dopo anni di innovazioni nel settore dell Information Technology, è in atto una profonda trasformazione.

Dettagli

Introduzione a Windows XP Professional Installazione di Windows XP Professional Configurazione e gestione di account utente

Introduzione a Windows XP Professional Installazione di Windows XP Professional Configurazione e gestione di account utente Programma Introduzione a Windows XP Professional Esplorazione delle nuove funzionalità e dei miglioramenti Risoluzione dei problemi mediante Guida in linea e supporto tecnico Gruppi di lavoro e domini

Dettagli

Introduzione al Grid Computing e al Globus Toolkit

Introduzione al Grid Computing e al Globus Toolkit Sommario Introduzione al Grid Computing e al Globus Toolkit Introduzione al Grid Computing Alcune Definizioni La Filosofia della Architettura di Griglia Il Globus Toolkit (GT2) Introduzione, Security,

Dettagli

The Globus Toolkit. Corso laboratorio specialistico 2. Antonella Galizia

The Globus Toolkit. Corso laboratorio specialistico 2. Antonella Galizia The Globus Toolkit Corso laboratorio specialistico 2 Antonella Galizia Outline Introduzione Globus Toolkit 2 Globus Toolkit 3 Diamo per scontate i concetti noti Antonella Galizia Lezione 5 2 La storia

Dettagli

D3.3 Documento illustrante le metodologie di interfacciamento tra il visualizzatore remoto e il portale EnginFrame in ambiente Cloud.

D3.3 Documento illustrante le metodologie di interfacciamento tra il visualizzatore remoto e il portale EnginFrame in ambiente Cloud. D3.3 Documento illustrante le metodologie di interfacciamento tra il visualizzatore remoto e il portale EnginFrame in ambiente Cloud. Plugin Interactive Flusso di esecuzione Caratteristiche Plugin Interactive

Dettagli