Toscana. Dati regionali. Osservatorio dei consumi I Analisi dei mercati con focus regionali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Toscana. Dati regionali. Osservatorio dei consumi I Analisi dei mercati con focus regionali"

Transcript

1 Osservatorio dei consumi I Analisi dei mercati con focus regionali Toscana Dopo una crescita molto debole nel 2011, la Toscana ha subito una fl essione del PIL di poco più contenuta della media nazionale l anno seguente. Il reddito disponibile pro capite nella regione si è ridotto del 2,2% nel 2012 (-2,3% in Italia), collocandosi sui euro pro capite, valore superiore di oltre 2 mila euro per abitante rispetto alla media nazionale e di 218 rispetto a quella delle regioni centrali. Tra le province nel 2012 il reddito disponibile per abitante è diminuito soprattutto a Siena, ad Arezzo (-2,7% entrambe) e a Prato (-2,6%), mentre riduzioni contenute entro il 2% hanno coinvolto Massa Carrara, Lucca, Pistoia, Livorno e Grosseto. Sempre a livello provinciale spicca il dato di Firenze che con euro per abitante è la quarta provincia d Italia in termini di reddito disponibile. Al secondo posto nella graduatoria provinciale si posiziona Siena ( euro per abitante, 15esima nella classifi ca di tutte le province italiane); seguono Lucca ( euro), Pistoia ( euro), e Prato ( euro). Pisa, Livorno e Grosseto mantengono un reddito disponibile attorno ai 18 mila euro per abitante, mentre i valori più modesti riguardano Arezzo ( euro per abitante) e Massa Carrara ( euro per abitante, 972 euro in meno rispetto alla media nazionale). L impatto della crisi sul reddito disponibile ha condizionato in maniera signifi cativa le scelte di consumo di beni durevoli da parte delle famiglie toscane: nel 2012, infatti, la spesa media familiare si è contratta del 15,6%, riduzione più ampia dopo quelle di Valle d Aosta, Marche e Friuli Venezia Giulia. Se si guarda ai livelli, tuttavia, la regione permane in una situazione favorevole: nel 2012, infatti, le famiglie toscane hanno speso in media per i beni durevoli euro, meno di quanto hanno fatto solo le famiglie del Trentino Alto Adige, della Valle d Aosta e della Lombardia. Il comparto che nella regione ha contribuito maggiormente a determinare la caduta della spesa complessiva è stato quello dell auto: il segmento del nuovo, che incide per il 30% sull acquisto di durevoli, ha evidenziato una fl essione del 22,6%, quello dell usato si è contratto del 13,4%. Dopo l auto hanno maggiormente contribuito al calo generale la fl essione degli acquisti di elettronica di consumo (-24,7% rispetto al -13% dell Italia) e quella di mobili (-7,8%), comparto più rilevante dopo quello delle auto nuove. Nel 2012 si sono contratte anche le altre voci di spesa: gli acquisti destinati ai motoveicoli sono calati del 27,1%, quelli per gli elettrodomestici sono diminuiti in linea con la media nazionale (-8,1%), mentre più di quest ultima si sono contratti quelli in information technology (-5,3% rispetto al -1,9% dell Italia). A mostrare le performance relativamente migliori nell andamento della spesa per beni durevoli nel 2012 sono state le province di Firenze (-14,8%), Arezzo (-14,9%) e Pisa (-15%), seguite da Massa Carrara, Grosseto (-15,2% entrambe) e Pistoia (-15,3%), mentre un evoluzione peggiore della media regionale ha coinvolto Prato (-16,5%), Siena (-16,9), Lucca (-17%) e Livorno (-17,2%). Dati regionali Panorama economico Fonte: Prometeia - Findomestic Nota: il reddito disponibile pro capite rappresenta il reddito medio per abitante ed è calcolato rapportando il reddito complessivo della provincia/regione alla popolazione residente. Reddito disponibile pro capite (in Euro) Firenze Siena Lucca Pistoia Prato Pisa Livorno Grosseto Arezzo Massa Carrara Toscana Totale Italia Variazione del reddito disponibile pro capite (residenti) Massa Carrara 3,2% -1,3% Grosseto 2,4% -1,8% Pistoia 2,6% -1,8% Livorno 1,8% -1,9% Lucca 1,5% -2,0% Firenze 1,3% -2,2% Pisa 1,6% -2,2% Prato 1,3% -2,6% Siena 1,5% -2,7% Arezzo 1,2% -2,7% Toscana 1,6% -2,2% Totale Italia 1,9% -2,3%

2 Spesa durevoli (mln Euro) Toscana var. % 2011/ var. % 2012/2011 peso 2011 peso 2012 contributi 2012 Auto nuove ,1% ,4% 32,6 29,9-7,0 Auto usate ,0% ,1% 21,4 22,0-2,6 Motoveicoli ,8% ,1% 3,3 2,9-0,9 Elettrodomestici grandi e piccoli ,9% 278-6,8% 6,5 7,0-0,4 Elettronica di consumo ,7% ,6% 7,5 6,7-1,8 Mobili ,0% ,5% 25,0 27,3-1,6 Information technology famiglie ,4% 164-4,0% 3,7 4,2-0,1 Durevoli ,6% ,4% 100,0 100,0-14,4 Reddito pro capite ,6% ,2% Italia var. % 2011/ var. % 2012/2011 peso 2011 peso 2012 contributi 2012 Auto nuove ,5% ,2% 28,1 25,1-6,2 Auto usate ,9% ,0% 25,8 26,0-3,1 Motoveicoli ,2% ,4% 2,9 2,6-0,6 Elettrodomestici grandi e piccoli ,2% ,8% 6,8 7,3-0,5 Elettronica di consumo ,7% ,8% 5,9 5,9-0,7 Mobili ,4% ,8% 27,1 29,0-1,8 Information technology famiglie ,9% ,6% 3,5 4,0 0,0 Durevoli ,7% ,9% 100,0 100,0-12,9 Reddito pro capite ,9% ,3%

3 Osservatorio dei consumi I Analisi dei mercati con focus regionali Panorama auto nuove (aziende e famiglie) Immatricolazioni (in numero di auto) Parco circolante Firenze Firenze Pisa Pisa Lucca Lucca Livorno Arezzo Prato Livorno Pistoia Pistoia Arezzo Siena Siena Prato Massa Carrara Grosseto Grosseto Massa Carrara Toscana Toscana Totale Italia Totale Italia Variazione immatricolazioni Variazione parco circolante Pisa -5,6% -19,8% Prato 1,0% Massa Carrara -6,0% -20,4% Siena 0,7% Arezzo -10,4% -21,4% Grosseto 0,6% Prato 0,4% -21,4% Pistoia 0,5% Grosseto -13,6% -22,6% Pisa 0,2% Lucca -6,3% -22,9% Livorno 0,2% Pistoia -5,9% -23,5% Firenze -0,5% Siena -6,2% -24,6% Arezzo -1,0% Livorno -5,4% -26,0% Lucca -1,0% Firenze -5,0% -62,2% Massa Carrara -1,3% Toscana -5,7% -40,5% Toscana -0,2% Totale Italia -10,9% -19,9% Totale Italia -0,1% Fonte: Prometeia - Findomestic

4 Panorama auto nuove (famiglie) Immatricolazioni (in numero di auto) Consumi complessivi (mln Euro) Spesa per famiglia (Euro) Firenze Firenze Prato Pisa Pisa Pisa Lucca Lucca Lucca Livorno Livorno Pistoia Pistoia Pistoia Massa C Arezzo Prato Siena Prato Arezzo Firenze Siena Siena Livorno Massa C Massa C Arezzo Grosseto Grosseto Grosseto Toscana Toscana Toscana Totale Italia Totale Italia Totale Italia Variazione immatricolazioni Variazione consumi complessivi Variazione spesa per famiglia Pisa -6,0% -20,3% Pisa -3,2% -19,2% Pisa -20,5% Arezzo -12,2% -20,5% Arezzo -9,6% -19,4% Arezzo -20,8% Massa C. -7,2% -21,9% Massa C. -4,4% -20,8% Massa C. -21,5% Firenze -4,8% -22,0% Firenze -1,9% -20,9% Firenze -22,0% Prato 0,5% -22,7% Prato 3,6% -21,6% Prato -22,2% Grosseto -15,4% -22,9% Grosseto -12,8% -21,8% Grosseto -23,0% Pistoia -6,5% -23,0% Pistoia -3,7% -21,9% Pistoia -23,1% Lucca -6,5% -24,1% Lucca -3,7% -23,0% Lucca -24,1% Siena -8,9% -24,1% Siena -6,2% -23,1% Siena -24,4% Livorno -9,2% -25,3% Livorno -6,5% -24,2% Livorno -25,2% Toscana -6,9% -22,5% Toscana -4,1% -21,4% Toscana -22,6% Totale Italia -17,4% -23,4% Totale Italia -14,5% -22,2% Totale Italia -23,3% Fonte: Prometeia - Findomestic

5 Osservatorio dei consumi I Analisi dei mercati con focus regionali Panorama auto nuove (aziende) Immatricolazioni (in numero di auto) Variazione immatricolazioni Firenze Massa Carrara 2,5% -9,5% Prato Lucca -5,3% -15,0% Pisa Prato -0,2% -15,6% Lucca Pisa -2,3% -15,8% Arezzo Grosseto 2,2% -20,5% Livorno Arezzo -0,5% -25,3% Siena Pistoia -2,0% -26,5% Pistoia Siena 10,3% -27,2% Massa Carrara Livorno 26,3% -30,2% Grosseto Firenze -5,1% -82,8% Toscana Toscana -3,6% -70,1% Totale Italia Totale Italia 5,4% -13,2% Fonte: Prometeia - Findomestic

6 Panorama auto usate (famiglie) Numero di auto Consumi complessivi (mln Euro) Spesa per famiglia (Euro) Firenze Firenze Siena Pisa Lucca Firenze Lucca Pisa Prato Arezzo Arezzo Arezzo Livorno Siena Grosseto Siena Livorno Lucca Pistoia Pistoia Pistoia Grosseto Grosseto Pisa Prato Prato Livorno Massa C Massa C Massa C Toscana Toscana Toscana Totale Italia Totale Italia Totale Italia Variazione numero Variazione consumi complessivi Variazione spesa per famiglia Firenze 3,7% -11,9% Firenze 5,9% -10,6% Massa C. -11,6% Massa C. 1,8% -12,9% Massa C. 5,1% -10,8% Firenze -11,9% Prato -0,4% -13,2% Lucca -1,8% -12,0% Prato -13,0% Lucca -3,6% -13,5% Prato 1,5% -12,3% Lucca -13,3% Livorno -1,5% -13,9% Livorno 0,6% -12,3% Livorno -13,4% Pistoia -2,1% -13,9% Pistoia 0,7% -12,3% Pistoia -13,6% Grosseto 0,5% -14,0% Grosseto 3,2% -12,4% Grosseto -13,7% Pisa 1,0% -14,6% Pisa 3,2% -13,4% Pisa -14,8% Siena 1,6% -14,8% Siena 3,5% -13,9% Siena -15,5% Arezzo 2,1% -14,8% Arezzo 3,7% -14,0% Arezzo -15,5% Toscana 0,8% -13,5% Toscana 3,0% -12,1% Toscana -13,4% Totale Italia -0,3% -13,5% Totale Italia 2,9% -12,0% Totale Italia -13,2% Fonte: Prometeia - Findomestic

7 Osservatorio dei consumi I Analisi dei mercati con focus regionali Panorama motoveicoli Vendite (in numero di motoveicoli) Parco circolante Firenze Firenze Livorno Livorno Pisa Lucca Lucca Arezzo Siena Pisa Arezzo Pistoia Grosseto Grosseto Massa Carrara Massa Carrara Prato Siena Pistoia Prato Toscana Toscana Totale Italia Totale Italia Variazione vendite in numero Variazione parco circolante Firenze -18,8% -23,0% Arezzo -0,2% Pisa -13,6% -26,5% Pisa -0,3% Livorno -17,2% -27,1% Livorno -1,1% Siena -20,6% -28,3% Grosseto -1,1% Arezzo -18,8% -29,4% Massa Carrara -1,2% Massa Carrara -13,5% -29,8% Siena -1,2% Prato -16,1% -31,5% Lucca -1,6% Pistoia -17,8% -33,2% Pistoia -1,9% Grosseto -14,4% -33,3% Firenze -2,4% Lucca -20,1% -35,2% Prato -2,6% Toscana -17,5% -27,9% Toscana -1,5% Totale Italia -16,9% -22,1% Totale Italia -1,0%

8 Consumi complessivi (mln Euro) Spesa per famiglia (Euro) Firenze Livorno Livorno Pisa Pisa Firenze Lucca Massa Carrara Siena Lucca Grosseto Grosseto Massa Carrara Siena Arezzo Prato Prato Arezzo Pistoia Pistoia Toscana Toscana Totale Italia Totale Italia Variazione consumi complessivi Variazione spesa per famiglia Firenze -16,4% -20,1% Firenze -21,2% Pisa -10,6% -22,3% Pisa -23,6% Siena -18,9% -24,9% Siena -26,3% Livorno -13,2% -28,0% Massa Carrara -28,7% Massa Carrara -9,4% -28,1% Livorno -28,9% Arezzo -15,5% -29,0% Arezzo -30,2% Grosseto -11,3% -31,2% Prato -31,8% Prato -13,1% -31,3% Grosseto -32,3% Lucca -19,4% -32,9% Lucca -33,8% Pistoia -14,3% -33,3% Pistoia -34,3% Toscana -14,8% -26,1% Toscana -27,1% Totale Italia -14,2% -20,4% Totale Italia -21,5% Fonte: Prometeia - Findomestic

9 Osservatorio dei consumi I Analisi dei mercati con focus regionali Panorama beni per la casa Elettrodomestici grandi e piccoli Consumi complessivi (mln Euro) Spesa per famiglia (Euro) Firenze Prato Pisa Pistoia Lucca Pisa Livorno Arezzo Arezzo Lucca Pistoia Massa Carrara Siena Firenze Prato Siena Grosseto Livorno Massa Carrara Grosseto Toscana Toscana Totale Italia Totale Italia Variazione consumi Variazione spesa per famiglia Pistoia -4,4% -5,6% Pistoia -7,0% Arezzo -5,8% -5,8% Massa Carrara -7,1% Pisa -3,8% -6,0% Arezzo -7,5% Grosseto -7,1% -6,2% Pisa -7,5% Massa Carrara -5,7% -6,3% Grosseto -7,6% Firenze -3,9% -6,9% Firenze -8,2% Livorno -6,5% -7,2% Livorno -8,3% Siena -6,8% -7,5% Prato -8,8% Lucca -5,6% -7,6% Lucca -8,9% Prato -2,4% -8,1% Siena -9,1% Toscana -4,9% -6,8% Toscana -8,1% Totale Italia -7,2% -6,8% Totale Italia -8,1% Fonte: GFK - elaborazione dati Prometeia

10 Elettronica di consumo Consumi complessivi (mln Euro) Spesa per famiglia (Euro) Firenze Prato Pisa Pistoia Lucca Pisa Arezzo Arezzo Livorno Massa Carrara Pistoia Firenze Siena Lucca Prato Siena Grosseto Livorno Massa Carrara Grosseto Toscana Toscana Totale Italia Totale Italia Variazione consumi Variazione spesa per famiglia Arezzo 0,3% -20,9% Arezzo -22,3% Pisa 3,8% -21,2% Pisa -22,5% Pistoia 2,2% -21,8% Pistoia -23,0% Firenze 4,1% -22,9% Firenze -24,0% Grosseto -3,5% -23,2% Grosseto -24,3% Siena -2,1% -23,9% Siena -25,3% Massa Carrara 0,1% -25,2% Massa Carrara -25,9% Lucca 0,2% -25,5% Lucca -26,6% Prato 7,2% -26,8% Prato -27,4% Livorno -1,4% -27,0% Livorno -27,9% Toscana 1,7% -23,6% Toscana -24,7% Totale Italia -21,7% -11,8% Totale Italia -13,0% Fonte: GFK - elaborazione dati Prometeia

11 Osservatorio dei consumi I Analisi dei mercati con focus regionali Mobili Consumi complessivi (mln Euro) Spesa per famiglia (Euro) Firenze Pistoia Pisa Prato Lucca Pisa Arezzo Lucca Livorno Arezzo Pistoia Massa Carrara Prato Firenze Siena Grosseto Grosseto Livorno Massa Carrara Siena Toscana Toscana Totale Italia Totale Italia Variazione consumi Variazione spesa per famiglia Pistoia 4,8% -4,7% Pistoia -6,1% Pisa 5,5% -5,7% Pisa -7,2% Arezzo 3,7% -6,1% Grosseto -7,5% Grosseto 2,7% -6,1% Arezzo -7,7% Siena -4,0% -6,2% Siena -7,9% Lucca 4,0% -6,7% Massa Carrara -7,9% Livorno 3,2% -6,8% Livorno -8,0% Firenze 5,2% -6,8% Lucca -8,1% Massa Carrara 3,3% -7,1% Firenze -8,1% Prato 6,9% -8,2% Prato -8,9% Toscana 4,0% -6,5% Toscana -7,8% Totale Italia 3,4% -6,8% Totale Italia -8,1% Fonte: GFK - elaborazione dati Prometeia

12 Information technology famiglia Consumi complessivi (mln Euro) Spesa per famiglia (Euro) Firenze Prato Pisa Pisa Lucca Firenze Livorno Pistoia Arezzo Lucca Pistoia Arezzo Siena Siena Prato Massa Carrara Grosseto Livorno Massa Carrara Grosseto Toscana Toscana Totale Italia Totale Italia Variazione consumi Variazione spesa per famiglia Pistoia -0,8% -2,7% Pistoia -4,1% Pisa 1,2% -3,0% Pisa -4,5% Arezzo -2,6% -3,2% Massa Carrara -4,7% Grosseto -2,6% -3,6% Arezzo -4,9% Massa Carrara 0,6% -3,9% Grosseto -5,1% Siena -3,8% -4,0% Siena -5,7% Firenze 1,6% -4,4% Firenze -5,7% Lucca -1,2% -4,5% Livorno -5,7% Livorno -2,9% -4,6% Lucca -5,8% Prato 2,1% -5,4% Prato -6,1% Toscana -0,4% -4,0% Toscana -5,3% Totale Italia -6,9% -0,6% Totale Italia -1,9% Fonte: GFK - elaborazione dati Prometeia

Lombardia DATI REGIONALI. Panorama economico

Lombardia DATI REGIONALI. Panorama economico Lombardia L andamento del PIL è migliore rispetto a quello delle altre regioni, il reddito per abitante aumenta e sale anche la spesa complessiva per i beni durevoli. Milano continua a detenere il primato

Dettagli

Redditi Irpef e Toscana nel 2014 (anno d imposta 2013)

Redditi Irpef e Toscana nel 2014 (anno d imposta 2013) Settore Sistema Informativo di Supporto alle Decisioni. Ufficio Regionale di Statistica Redditi Irpef e nel 2014 (anno d imposta 2013) SINTESI Redditi Irpef e nel 2014 La seguente presentazione offre una

Dettagli

Il settore RESIDENZIALE

Il settore RESIDENZIALE 3.13 TOSCANA scheda regionale Nella regione Toscana, si assiste ad un incremento tendenziale dello stock in tutti i settori; per quanto riguarda il NTN, si registra nel biennio 2003/2004 una crescita generalizzata,

Dettagli

Dossier Statistico Immigrazione: L IMMIGRAZIONE IN TOSCANA

Dossier Statistico Immigrazione: L IMMIGRAZIONE IN TOSCANA Dossier Statistico Immigrazione: L IMMIGRAZIONE IN TOSCANA 395.573 immigrati residenti, + 2,1% rispetto al 2013 (387.350) Il 62 % degli immigrati toscani vivono nella c.d. Toscana dell Arno Prato: èimmigrato

Dettagli

Emilia Romagna. Dati regionali. Osservatorio dei consumi I Analisi dei mercati con focus regionali

Emilia Romagna. Dati regionali. Osservatorio dei consumi I Analisi dei mercati con focus regionali Osservatorio dei consumi I Analisi dei mercati con focus regionali Emilia Romagna Tra le regioni del Nord l economia dell Emilia Romagna ha evidenziato la più ampia fl essione nel 2012, effetto della nuova

Dettagli

Case, crollano i prezzi dell usato: -2,1% a luglio.

Case, crollano i prezzi dell usato: -2,1% a luglio. Case, crollano i prezzi dell usato: -2,1% a luglio. Con questo calo le case toccano i 2.006 euro/m 2 Soffrono anche i grandi mercati cittadini, primi fra tutti Napoli (-3,9%) e Roma (-3%). Giù anche a

Dettagli

I prezzi delle case italiane aumentano dello 0,3% a gennaio, ma calano a Roma

I prezzi delle case italiane aumentano dello 0,3% a gennaio, ma calano a Roma I prezzi delle case italiane aumentano dello 0,3% a gennaio, ma calano a Roma Dopo la modesta accelerazione di gennaio, il prezzo medio delle case di seconda mano si attesta a 1.979 euro/m 2 Rispetto allo

Dettagli

CONFRONTI DELLA DISTRIBUZIONE GROCERY IN REGIONE EMILIA-ROMAGNA CON ALTRE REGIONI E ALTRE NAZIONI EUROPEE

CONFRONTI DELLA DISTRIBUZIONE GROCERY IN REGIONE EMILIA-ROMAGNA CON ALTRE REGIONI E ALTRE NAZIONI EUROPEE Osservatorio regionale del commercio CONFRONTI DELLA DISTRIBUZIONE GROCERY IN REGIONE EMILIA-ROMAGNA CON ALTRE REGIONI E ALTRE NAZIONI EUROPEE Aprile 2015 Andamento della rete al dettaglio alimentare e

Dettagli

Totale posti Comuni 600.823 577.441 6.240 29.622 21.880

Totale posti Comuni 600.823 577.441 6.240 29.622 21.880 GRADO ISTRUZIONE ToscanaContingentiNomineDocenti2015TabellaAliquote15072015.xlsx contingenti per sui posti vacanti e disponibili in titolari 2015/16 al 16 esubero provinciale vacanze su O.D. contingente

Dettagli

Distribuzione di Internet a livello generale (persone fisiche e giuridiche italiane e straniere): Ranking Regioni Numero domini registrati

Distribuzione di Internet a livello generale (persone fisiche e giuridiche italiane e straniere): Ranking Regioni Numero domini registrati Generale Anche per il 2009 la regione Trentino Alto Adige risulta essere la prima in termini di tasso di (numero dei domini rapportati alla popolazione). Distribuzione di Internet a livello generale (persone

Dettagli

EMBARGO ORE 9.30 DEL 28 MAGGIO

EMBARGO ORE 9.30 DEL 28 MAGGIO EMBARGO ORE 9.30 DEL 28 MAGGIO Turismo e commercio, Osservatorio Confesercenti. Continua la crisi: nei primi 4 mesi dell anno persi 1,8 miliardi di vendite e chiuse 45mila imprese. Crescono solo gli ambulanti

Dettagli

UNA STRATEGIA PER LA CULTURA. UNA STRATEGIA PER IL PAESE

UNA STRATEGIA PER LA CULTURA. UNA STRATEGIA PER IL PAESE UNA STRATEGIA PER LA CULTURA. UNA STRATEGIA PER IL PAESE Rapporto Annuale Federculture 2013 - Dati e analisi - Focus SICILIA - La spesa e i consumi culturali Nel 2012, dopo un lungo trend di crescita costante

Dettagli

L apicoltura italiana: caratteristiche e prospettive di sviluppo

L apicoltura italiana: caratteristiche e prospettive di sviluppo L apicoltura italiana: caratteristiche e prospettive di sviluppo Prodotti dell alveare Polline Gelatina reale Propoli Veleno Miele 2 Miele PRODOTTO ALIMENTARE CHE LE API DOMESTICHE PRODUCONO DAL NETTARE

Dettagli

Le consistenze e la natimortalità

Le consistenze e la natimortalità Rete carburanti, contrazione di imprese,consumi in rosso per la rete, perdita secca in autostrada. 2014 da dimenticare. Le consistenze e la natimortalità Nei primi dieci mesi del 2014 le imprese che operano

Dettagli

I consumi alimentari in Italia in periodo di crisi

I consumi alimentari in Italia in periodo di crisi I consumi alimentari in Italia in periodo di crisi Alberto Franco Pozzolo (Università degli Studi del Molise e Gruppo 213) Le domande La Grande recessione, iniziata nel 28, è stata la peggiore crisi economica

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI - ALLEGATO A DISTRIBUZIONE TERRITORIALE DEI PUNTI DI VENDITA DI GIOCO IPPICO

CAPITOLATO D ONERI - ALLEGATO A DISTRIBUZIONE TERRITORIALE DEI PUNTI DI VENDITA DI GIOCO IPPICO CAPITOLATO D ONERI - ALLEGATO A DISTRIBUZIONE TERRITORIALE DEI PUNTI DI VENDITA DI GIOCO IPPICO Procedura di selezione per l affidamento in concessione dell esercizio dei giochi pubblici di cui all articolo

Dettagli

Povertà assoluta in Lombardia e nelle regioni del nord Italia - Anno 2014

Povertà assoluta in Lombardia e nelle regioni del nord Italia - Anno 2014 Lombardia Statistiche Report N 4 / 10 maggio 2016 Povertà assoluta in Lombardia e nelle regioni del nord Italia - Anno 2014 Sintesi A Milano una famiglia composta da una coppia e un bambino di 4-10 è considerata

Dettagli

ADDIZIONALI REGIONALI IRPEF a cura del Servizio Politiche Territoriali della UIL

ADDIZIONALI REGIONALI IRPEF a cura del Servizio Politiche Territoriali della UIL ADDIZIONALI REGIONALI IRPEF a cura del Servizio Politiche Territoriali della UIL ADDIZIONALI REGIONALI IRPEF: NEL 2014 BUSTE PAGA PIÚ LEGGERE DI 58 EURO MEDI PER 7,2 MILIONI DI CONTRIBUENTI UN AUMENTO

Dettagli

Variazione del Numero di Banche in Italia

Variazione del Numero di Banche in Italia TIDONA COMUNICAZIONE del Numero di Banche in Italia Anni: 2000-2014 Analisi statistica Tidona Comunicazione Srl - Via Cesare Battisti, 1-20122 Milano Tel.: 02.7628.0502 - Fax: 02.700.525.125 - - info@tidonacomunicazione.com

Dettagli

A Cura del Servizio Politiche Territoriali della Uil

A Cura del Servizio Politiche Territoriali della Uil A Cura del Servizio Politiche Territoriali della Uil MANOVRA ECONOMICA: SE TUTTE LE REGIONI ALLE PRESE CON L EXTRADEFICIT SANITARIO AUMENTASSERO L IRPEF REGIONALE POSSIBILI AUMENTI MEDI DEL 47,4% (221

Dettagli

IN 2 COMUNI CAPOLUOGO SU 3 LA TASI E PIU LEGGERA DELL IMU

IN 2 COMUNI CAPOLUOGO SU 3 LA TASI E PIU LEGGERA DELL IMU IN 2 COMUNI CAPOLUOGO SU 3 LA TASI E PIU LEGGERA DELL IMU Nelle grandi città i risparmi saranno molto importanti: a Torino 332 euro, a Roma 319 euro, a Milano e Genova 174 euro e a Napoli 165 euro. =========================================

Dettagli

TURISMO 2020 IN TOSCANA Consuntivo 2014 e prospettive 2015. A cura di Toscana Promozione e Centro Studi Turistici Firenze

TURISMO 2020 IN TOSCANA Consuntivo 2014 e prospettive 2015. A cura di Toscana Promozione e Centro Studi Turistici Firenze TURISMO 2020 IN TOSCANA Consuntivo 2014 e prospettive 2015 A cura di Toscana Promozione e Centro Studi Turistici Firenze Le stime 2014 per la Toscana La Toscana si conferma tra le regioni più competitive:

Dettagli

Commento sintetico dei dati 2008 relativi alla dinamica imprenditoriale in provincia di Grosseto

Commento sintetico dei dati 2008 relativi alla dinamica imprenditoriale in provincia di Grosseto Commento sintetico dei dati 2008 relativi alla dinamica imprenditoriale in provincia di Grosseto Elaborazioni su dati Movimprese marzo 2009 Da un primo superficiale esame dei dati risulterebbe che nel

Dettagli

4. IL PC E INTERNET NEL TERRITORIO REGIONALE

4. IL PC E INTERNET NEL TERRITORIO REGIONALE 4. IL PC E INTERNET NEL TERRITORIO REGIONALE 4.1 Possesso, uso del PC e collegamento ad Internet per provincia, ampiezza demografica e tipologia dei comuni In questo capitolo viene analizzato come il possesso

Dettagli

IL TERZO SETTORE NELLA SOCIETA E NELL ECONOMIA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

IL TERZO SETTORE NELLA SOCIETA E NELL ECONOMIA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA IL TERZO SETTORE NELLA SOCIETA E NELL ECONOMIA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA luglio 2014 Via Morpurgo 4-33100 Udine - Tel. +39 0432 273223 273224 - fax +39 0432 512408 - email: unioncamerefvg@ud.camcom.it

Dettagli

Censimento della popolazione

Censimento della popolazione Censimento della popolazione Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Censimento della popolazione Il 9 Ottobre 2011 si è svolto in Italia

Dettagli

CENTRO Italia 10-11-2006 18:33 Pagina 154 FIRENZE Toscana

CENTRO Italia 10-11-2006 18:33 Pagina 154 FIRENZE Toscana CENTRO Italia 0--00 8: Pagina FIRENZE CENTRO Italia 0--00 8: Pagina Toscana CENTRO Italia 0--00 8: Pagina LE CATEGORIE DELLA CGIL iscritti FILCEA FILLEA FIOM FILTEA FILCAMS FILT FNLE FP FISAC FLAI SNS

Dettagli

Il censimento della popolazione straniera

Il censimento della popolazione straniera 19 dicembre 2012 Il censimento della popolazione straniera Nel corso dell ultimo decennio la popolazione straniera residente in Italia è triplicata: da poco più di 1 milione e 300 mila persone nel 2001

Dettagli

TRASPORTI 2013 Trasporto stradale Autovetture per standard emissivo

TRASPORTI 2013 Trasporto stradale Autovetture per standard emissivo TRASPORTI 2013 Trasporto stradale Autovetture per standard emissivo Nome indicatore DPSIR Fonte dati Autovetture per standard emissivo P ACI Disponibilità Copertura Obiettivo dati Temporale Spaziale Monitorare

Dettagli

Treni News: analisi delle comunicazioni di Trenitalia e RFI. dicembre 2014. Elaborazioni Fondazione Sistema Toscana per Regione Toscana

Treni News: analisi delle comunicazioni di Trenitalia e RFI. dicembre 2014. Elaborazioni Fondazione Sistema Toscana per Regione Toscana Treni News: analisi delle comunicazioni di Trenitalia e RFI dicembre 014 Elaborazioni Fondazione Sistema Toscana per Regione Toscana CONTENUTI DELL ANALISI Il rapporto presenta l analisi delle comunicazioni

Dettagli

Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia. Reggio Calabria. Reggio Emilia. Vibo Valentia

Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia. Reggio Calabria. Reggio Emilia. Vibo Valentia Gorizia Pordenone Trieste Udine AAAA SCUOLA DELL'INFANZIA 3 3 8 0 3 EEEE SCUOLA PRIMARIA 7 3 5 7 7 8 6 3 3 6 9 A03 CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE A06 COSTRUZIONI TECNICO A07 DISCIPLINE ECONOMICO-AZIENDALI

Dettagli

La stagione dei saldi invernali 2011 02/01-08/01. Marketing CartaSi

La stagione dei saldi invernali 2011 02/01-08/01. Marketing CartaSi La stagione dei saldi invernali 2011 02/01-08/01 Marketing CartaSi 1 CartaSi SpA Azienda del Gruppo ICBPI Osservatorio Acquisti CartaSi 2011 Inizio di saldi debole. Sul territorio sono in controtendenza

Dettagli

Ance Salerno: Nel 2013 in Campania mercato residenziale in caduta libera, ma nell ultimo trimestre segnali di ripresa

Ance Salerno: Nel 2013 in Campania mercato residenziale in caduta libera, ma nell ultimo trimestre segnali di ripresa Documento 1 Ance Salerno: Nel 2013 in Campania mercato residenziale in caduta libera, ma nell ultimo trimestre segnali di ripresa Le compravendite del settore residenziale in Campania sono diminuite nel

Dettagli

L offerta di abitazioni in affitto nelle aree metropolitane SUNIA

L offerta di abitazioni in affitto nelle aree metropolitane SUNIA L offerta di abitazioni in affitto nelle aree metropolitane SUNIA L indagine è stata effettuata su un campione di circa 5.000 offerte di locazione attraverso la rilevazione e classificazione dell offerta

Dettagli

In Toscana, dai dati alle scelte: il trasporto neonatale protetto. Archivio dei trasporti neonatali protetti della Regione Toscana.

In Toscana, dai dati alle scelte: il trasporto neonatale protetto. Archivio dei trasporti neonatali protetti della Regione Toscana. In Toscana, dai dati alle scelte: il trasporto neonatale protetto Firenze, 5 Maggio Archivio dei trasporti neonatali protetti della Regione Toscana Analisi dati 9 Monia Puglia, Sara Franchi, Franca Rusconi,

Dettagli

Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di 50.000 nomine per l'a.s. 2007/08 Personale docente ed educativo

Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di 50.000 nomine per l'a.s. 2007/08 Personale docente ed educativo Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di 50.000 nomine per l'a.s. 2007/08 Personale docente ed educativo Contingente su posto normale Contingente su scuole speciali Provincia/regione

Dettagli

Osservatorio Regionale della Mobilità e dei Trasporti

Osservatorio Regionale della Mobilità e dei Trasporti Rapporto settimanale sul servizio di trasporto pubblico regionale Settimana dal 08/08/2016 al 14/08/2016 Questo rapporto analizza il servizio di trasporto pubblico programmato nei bacini regionali e le

Dettagli

La congiuntura dell artigianato in Toscana nel 2010

La congiuntura dell artigianato in Toscana nel 2010 Toscana Toscana Un.Reg. Toscana La congiuntura dell artigianato in Toscana nel 2010 Conferenza Stampa 28 marzo 2011 Consuntivo anno 2010 Previsioni 1 semestre 2011 Variazione del fatturato nel 2010 rispetto

Dettagli

OSSERVATORIO SULLE COMUNICAZIONI N. 1/2016. Servizio Economico Statistico

OSSERVATORIO SULLE COMUNICAZIONI N. 1/2016. Servizio Economico Statistico OSSERVATORIO SULLE COMUNICAZIONI N. 1/2016 Servizio Economico Statistico Indice 1. Comunicazioni elettroniche 1.1 Rete fissa: accessi diretti complessivi 1.2 Rete fissa: accessi diretti degli altri operatori

Dettagli

Le esportazioni del vino veneto Maria Teresa Coronella Regione del Veneto Direzione Sistema Statistico Regionale

Le esportazioni del vino veneto Maria Teresa Coronella Regione del Veneto Direzione Sistema Statistico Regionale Le esportazioni del vino veneto Regione del Veneto Direzione Sistema Statistico Regionale Vino veneto Strumenti per la competitività I contenuti della trattazione Il contesto socio-economico Le esportazioni

Dettagli

Individuazione del personale degli enti di area vasta destinatarie delle procedure di mobilità

Individuazione del personale degli enti di area vasta destinatarie delle procedure di mobilità Individuazione del personale degli enti di area vasta destinatarie delle procedure di mobilità Monitoraggio sulla partecipazione alla rilevazione Dati aggiornati al 16 novembre 2015 ore 10.30 Sezione 1

Dettagli

M E S S I N A. Nomisma 127 NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2015 1

M E S S I N A. Nomisma 127 NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2015 1 Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo M E S S I N A NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 1 Figura 1 Evoluzione delle compravendite Settore residenziale Settore non residenziale (1)

Dettagli

I Comuni italiani 2015

I Comuni italiani 2015 I Comuni italiani 2015 Numeri in tasca A cura di IFEL - Fondazione ANCI Coordinamento Walter Tortorella Gli apparati statistici e cartografici sono stati elaborati da Giorgia Marinuzzi, gli apparati statistici

Dettagli

Lombardia e crisi di struttura. Roberto Romano CdL Brescia, 8 aprile 2014

Lombardia e crisi di struttura. Roberto Romano CdL Brescia, 8 aprile 2014 Lombardia e crisi di struttura Roberto Romano CdL Brescia, 8 aprile 2014 Lo sradicamento della povertà e la libertà dal bisogno sono il tratto costitutivo delle economie industrializzate William Beveridge

Dettagli

Approfondimenti descrittivi

Approfondimenti descrittivi ARS Dipartimento di Sanità Pubblica Università di Firenze Firenze 4 Novembre 2011 Convegno La gestione delle cronicità sul territorio in Toscana: evidenze dalla banca dati MaCro Approfondimenti descrittivi

Dettagli

DATI DEFINITIVI, IN UN COMUNE CAPOLUOGO SU 2 TASI PIU CARA DELL IMU

DATI DEFINITIVI, IN UN COMUNE CAPOLUOGO SU 2 TASI PIU CARA DELL IMU DATI DEFINITIVI, IN UN COMUNE CAPOLUOGO SU 2 TASI PIU CARA DELL Nei casi in cui i proprietari non hanno figli la situazione migliora: solo un su 3 quest anno pagherà di più rispetto al. A Treviso in molti

Dettagli

Indicatori congiunturali del settore delle costruzioni in provincia di Padova

Indicatori congiunturali del settore delle costruzioni in provincia di Padova Indicatori congiunturali del settore delle costruzioni in provincia di Padova Anno 2015 Indicatori congiunturali del settore delle costruzioni in provincia di Padova - Anno 2015 In questa nota vengono

Dettagli

Le associazioni di promozione sociale in provincia di Lucca

Le associazioni di promozione sociale in provincia di Lucca PROVINCIA DI LUCCA SERVIZIO POLITICHE GIOVANILI, SOCIALI E SPORTIVE E DI GENERE Le associazioni di promozione sociale in provincia di Lucca Risultati della rilevazione online 0 Alcune statistiche 0 Le

Dettagli

Rapporto riparazioni 2016. Rapporto riparazioni 2016 RiparAutOnline Febbraio 2016. RiparAutOnline srl www.riparautonline.com info@riparautonline.

Rapporto riparazioni 2016. Rapporto riparazioni 2016 RiparAutOnline Febbraio 2016. RiparAutOnline srl www.riparautonline.com info@riparautonline. Rapporto riparazioni 2016 Rapporto riparazioni 2016 RiparAutOnline Febbraio 2016 RiparAutOnline srl www.riparautonline.com info@riparautonline.com Testo elaborato su dati 2015 del portale www.riparautonline.com

Dettagli

Le differenze nel livello dei prezzi in 20 comuni capoluogo

Le differenze nel livello dei prezzi in 20 comuni capoluogo Le differenze nel livello dei prezzi in 20 comuni capoluogo Aprile 2008 L Istat ha diffuso, per la prima volta, i risultati di una ricerca sui differenziali di livello dei prezzi al consumo relativi all

Dettagli

FIAT PANDA 166 FIAT PANDA 82

FIAT PANDA 166 FIAT PANDA 82 ABRUZZO 2015 ENIMENTI 2015 ABRUZZO FIAT PANDA 166 FIAT PANDA 76 PROVINCIA RUBATE ENUTE CITROEN C3 124 FIAT UNO 68 L AQUILA 213 102 VOLKSWAGEN GOLF 107 FIAT 35 CHIETI 643 205 FIAT 87 LANCIA Y 26 PESCARA

Dettagli

Esame del flusso turistico dalla Cina negli ultimi 10 anni

Esame del flusso turistico dalla Cina negli ultimi 10 anni TURISMO in TOSCANA Esame del flusso turistico dalla Cina negli ultimi 10 anni a cura di: CENTRO STUDI TURISTICI DI FIRENZE Firenze, 24 Ottobre 2011 Parte 1 Caratteri strutturali del turismo in Toscana

Dettagli

IMU 6,6 COSTO PER UNA ABITAZIONE ABITAZIONE A/3 ABITAZIONE A/2

IMU 6,6 COSTO PER UNA ABITAZIONE ABITAZIONE A/3 ABITAZIONE A/2 SIMULAZIONE COSTI IMU E SULLA PRIMA CASA CON RIVALUTAZIONE DELLE RENDITE DEL 5% (ATTUALE CALCOLO): I DATI NELLE CITTA CAPOLUOGO La simulazione sui costi deli IMU per le abitazioni principali e per la ReS,

Dettagli

Ecommerce: le Spese degli Italiani con Carta di Credito

Ecommerce: le Spese degli Italiani con Carta di Credito Ecommerce: le Spese degli Italiani con Carta di Credito Dicembre 2012 Marketing CartaSi 1 Le principali evidenze del mese Nel mese di dicembre gli italiani hanno speso con carta nel canale ecommerce 813

Dettagli

Occupati - Totale economia livello, migliaia

Occupati - Totale economia livello, migliaia VALLE D AOSTA Le previsioni al 215: impiego di lavoro Nel corso del periodo 28-215 1, la Valle d Aosta sperimenterà una dinamica occupazionale positiva. L incremento medio annuo sarà dello.9 per cento,

Dettagli

La spesa media turistica pro capite in Campania Il caso degli stranieri (giugno 2008)

La spesa media turistica pro capite in Campania Il caso degli stranieri (giugno 2008) La spesa media turistica pro capite in Campania Il caso degli stranieri (giugno 2008) Codice Prodotto- OSPN12-R01-D01 Copyright 2008 Osservatorio del Turismo della Campania Tutti i diritti riservati Osservatorio

Dettagli

La Lombardia è la regione con il numero maggiore di imprese attive (circa 803.000): la metà sono imprese individuali, ¼ sono società di capitale e ¼

La Lombardia è la regione con il numero maggiore di imprese attive (circa 803.000): la metà sono imprese individuali, ¼ sono società di capitale e ¼ Analisi di settore Questo documento è un analisi sintetica sulle caratteristiche delle imprese italiane suddivise nei principali settori merceologici. L analisi è realizzata da CRIBIS.it con l ausilio

Dettagli

L industria chimica in Toscana. Giugno 2016

L industria chimica in Toscana. Giugno 2016 L industria chimica in Toscana Giugno 2016 Il comparto chimico in Italia Perchè la chimica è importante? Con 52 miliardi di euro prodotti la chimica italiana si colloca al 3 posto in Europa (al 10 nel

Dettagli

SCHEDA DI SETTORE ABBIGLIAMENTO INTIMO. 2011 Gennaio / Ottobre

SCHEDA DI SETTORE ABBIGLIAMENTO INTIMO. 2011 Gennaio / Ottobre SCHEDA DI SETTORE ABBIGLIAMENTO INTIMO Gennaio / Ottobre Voci Doganali : 6107 Slip, mutande, camice da notte, vestaglie in maglia; 6108 Slip, camice da notte, pigiami, accappatoi, abbigliamento a maglia

Dettagli

Indagine nazionale su superfici e produzioni delle aziende florovivaistiche- dati 2007

Indagine nazionale su superfici e produzioni delle aziende florovivaistiche- dati 2007 Indagine nazionale su superfici e produzioni delle aziende florovivaistiche- dati 2007 INDICE Tav.1 Aziende e superficie florovivaistica per provincia. Valori assoluti e percentuali (superficie in ettari)

Dettagli

Le aziende agrituristiche

Le aziende agrituristiche Nel 2014 sono state autorizzate all esercizio agrituristico 21.744 aziende, con una crescita del 4% rispetto al 2013. L attività preponderante riguarda l alloggio, praticato dall 82% degli agriturismi.

Dettagli

Utenti di veicoli a 2Ruote coinvolti in incidente stradale per localizzazione e conseguenza dell incidente Anno 2012

Utenti di veicoli a 2Ruote coinvolti in incidente stradale per localizzazione e conseguenza dell incidente Anno 2012 Utenti di veicoli a 2Ruote coinvolti in incidente stradale per localizzazione e conseguenza dell incidente Anno 2012 Motociclisti Ciclisti Conducenti e passeggeri di Ciclomotori Localizzazione 2012 2012

Dettagli

+31,0% LA DOMANDA DI MUTUI NEL I TRIMESTRE 2016. LE RICHIESTE SI CARATTERIZZANO SEMPRE PIÙ PER IMPORTO CONTENUTO E PIANI DI RIMBORSO LUNGHI.

+31,0% LA DOMANDA DI MUTUI NEL I TRIMESTRE 2016. LE RICHIESTE SI CARATTERIZZANO SEMPRE PIÙ PER IMPORTO CONTENUTO E PIANI DI RIMBORSO LUNGHI. ! Barometro CRIF della domanda di mutui da parte delle famiglie +31,0% LA DOMANDA DI MUTUI NEL I TRIMESTRE 2016. LE RICHIESTE SI CARATTERIZZANO SEMPRE PIÙ PER IMPORTO CONTENUTO E PIANI DI RIMBORSO LUNGHI.

Dettagli

Raccomandazioni cliniche per i principali tumori solidi: tumori della mammella, del polmone, del colon-retto, della prostata e ginecologici

Raccomandazioni cliniche per i principali tumori solidi: tumori della mammella, del polmone, del colon-retto, della prostata e ginecologici Raccomandazioni cliniche per i principali tumori solidi: tumori della mammella, del polmone, del colon-retto, della prostata e ginecologici Luglio 2005 CAPITOLO 1 EPIDEMIOLOGIA DESCRITTIVA DEI PRINCIPALI

Dettagli

CONFRONTI DELLA DISTRIBUZIONE GROCERY IN REGIONE EMILIA-ROMAGNA CON ALTRE REGIONI E ALTRE NAZIONI EUROPEE

CONFRONTI DELLA DISTRIBUZIONE GROCERY IN REGIONE EMILIA-ROMAGNA CON ALTRE REGIONI E ALTRE NAZIONI EUROPEE Osservatorio regionale del commercio CONFRONTI DELLA DISTRIBUZIONE GROCERY IN REGIONE EMILIA-ROMAGNA CON ALTRE REGIONI E ALTRE NAZIONI EUROPEE GENNAIO 2013 Osservatorio Commercio N IT 231513 Confronti

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO ISTITUTO CENTRALE PER IL CATALOGO E LA DOCUMENTAZIONE

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO ISTITUTO CENTRALE PER IL CATALOGO E LA DOCUMENTAZIONE MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO ISTITUTO CENTRALE PER IL CATALOGO E LA DOCUMENTAZIONE Enti Liste codici Ente competente/schedatore Enti MiBACT attivi Aggiornato al 31/12/2013

Dettagli

EMILIA ROMAGNA. Le previsioni al 2016: impiego di lavoro

EMILIA ROMAGNA. Le previsioni al 2016: impiego di lavoro EMILIA ROMAGNA Le previsioni al 2016: impiego di lavoro Lo scenario di previsione relativo alle dinamiche occupazionali dell Emilia Romagna tra il 2010 e il 2016 1 indica una modesta crescita dell occupazione,

Dettagli

ALFID. Associazione Laica Famiglie in Difficoltà

ALFID. Associazione Laica Famiglie in Difficoltà ALFID Associazione Laica Famiglie in Difficoltà Separazione e Divorzio: alcuni dati a confronto sui principali recenti cambiamenti in Provincia di Trento e nel resto d Italia a cura di Marco Brusegan Il

Dettagli

Investimenti nelle Aziende Agricole

Investimenti nelle Aziende Agricole Investimenti nelle Aziende Agricole newsletter Agenzia regionale toscana per le erogazioni in agricoltura n. 9 - giugno 2005 Riforma PAC sostegno allo sviluppo rurale Regolamento CE n. 817/2004 Piano di

Dettagli

Dimensione socio-demografica. Numerosità e popolazione residente dei comuni italiani, per regione, 2011. N comuni. Pop. residente

Dimensione socio-demografica. Numerosità e popolazione residente dei comuni italiani, per regione, 2011. N comuni. Pop. residente Numerosità e popolazione residente dei comuni italiani, per regione, 2011 Regione N comuni Pop. residente Densità territoriale Piemonte 1.206 4.457.335 175 Valle d Aosta 74 128.230 39 Lombardia 1.544 9.917.714

Dettagli

Associazione Bed & Breakfast di Qualità in Trentino Assemblea dei soci 23 marzo 2010

Associazione Bed & Breakfast di Qualità in Trentino Assemblea dei soci 23 marzo 2010 Associazione Bed & Breakfast di Qualità in Trentino Assemblea dei soci 23 marzo 2010 Sommario 1. Crisi e turismo 2. Prezzi e performance 3. La soddisfazione dell ospite 4. Un confronto con l ospite di

Dettagli

UNITÀ OPERATIVE TERRITORIALI DI CERTIFICAZIONE, VERIFICA E RICERCA

UNITÀ OPERATIVE TERRITORIALI DI CERTIFICAZIONE, VERIFICA E RICERCA UNITÀ OPERATIVE TERRITORIALI DI CERTIFICAZIONE, VERIFICA E RICERCA PIEMONTE ALESSANDRIA Competenza territoriale per le province di Alessandria, Asti 15121 Alessandria, via A. Gramsci 2 Tel. 0131/252653,

Dettagli

Guido Corbetta. Irene Dagnino. Mario Minoja. Giovanni Valentini

Guido Corbetta. Irene Dagnino. Mario Minoja. Giovanni Valentini Il settore farmaceutico in Italia: Posizionamento e fattori di crescita Guido Corbetta Irene Dagnino Mario Minoja Giovanni Valentini Centro di Ricerca Imprenditorialità e Imprenditori (EntER) Università

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE FRA LE IMPRESE EDILI DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D'AOSTA. Torino, 10 marzo 2010

INDAGINE CONGIUNTURALE FRA LE IMPRESE EDILI DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D'AOSTA. Torino, 10 marzo 2010 INDAGINE CONGIUNTURALE FRA LE IMPRESE EDILI DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D'AOSTA Torino, 10 marzo 2010 L indagine congiunturale dell ANCE Piemonte, avviata a giugno del 2002 e svolta con cadenza semestrale,

Dettagli

Rafforzare la filiera casa per accelerare la ripresa economica. Gregorio De Felice Direzione Studi e Ricerche

Rafforzare la filiera casa per accelerare la ripresa economica. Gregorio De Felice Direzione Studi e Ricerche Rafforzare la filiera casa per accelerare la ripresa economica Gregorio De Felice Direzione Studi e Ricerche Milano, 1 ottobre 2015 Dal sistema casa un rafforzamento della ripresa La ripresa, partita sulla

Dettagli

La spesa turistica nelle regioni italiane 2000-2014

La spesa turistica nelle regioni italiane 2000-2014 La spesa turistica nelle regioni italiane 2000- Andrea Alivernini XVI Conferenza CISET L Italia e il turismo internazionale Risultati e tendenze per incoming e outgoing nel 2015 dai dati Banca d Italia

Dettagli

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE 13 giugno 2011 I Trimestre 2011 LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE Nel primo trimestre 2011 si rileva una crescita congiunturale delle esportazioni per tutte le ripartizioni territoriali, più marcata

Dettagli

Carta d identità. Delta 2012-2011 % Perimetro GRI KPI UM 2012 2011 2010 GENERAZIONE

Carta d identità. Delta 2012-2011 % Perimetro GRI KPI UM 2012 2011 2010 GENERAZIONE Carta d identità GRI KPI UM 2012 2011 2010 EU1 EU2 GENERAZIONE Capacità installata Potenza efficiente netta per fonte energetica primaria Potenza efficiente netta termoelettrica (MW) 56.559 57.059 57.222-500

Dettagli

Province a rischio. Province a rischio

Province a rischio. Province a rischio TAB 1 - Il "destino" delle a seguito della spending review Città metropolitane salve a rischio Totale Nord 5 11 24 40 Centro 2 4 16 22 Sud 3 11 10 24 Totale 10 26 50 86 Elaborazione Plancia - strumento

Dettagli

Foglio Notizie n. 791 (settimana dal 5 al 10 maggio 2003) Sezioni Carni e Uova

Foglio Notizie n. 791 (settimana dal 5 al 10 maggio 2003) Sezioni Carni e Uova U.N.A. Unione Nazionale Avicoltura Prot. n. 36561/RP.GC/dp Roma, 9 maggio 2003 Foglio Notizie n. 791 (settimana dal 5 al 10 maggio 2003) Sezioni Carni e Uova Riportiamo di seguito i risultati dell annata

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Osservatorio trimestrale sulle unicazioni (*) -Aggiornamento al 31 dicembre 2012 - (*) - I valori indicati nelle figure che seguono rappresentano elaborazioni

Dettagli

FONDI DI VENTURE CAPITAL E IMPRESE A CONFRONTO. Con la collaborazione di:

FONDI DI VENTURE CAPITAL E IMPRESE A CONFRONTO. Con la collaborazione di: FONDI DI VENTURE CAPITAL E IMPRESE A CONFRONTO Con la collaborazione di: Il Venture Capital in Italia e in Piemonte Alessia Muzio Ufficio Studi Il ciclo di vita dell impresa e il capitale di rischio Early

Dettagli

ANALISI A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE TERRITORIALI DELLA UIL

ANALISI A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE TERRITORIALI DELLA UIL ANALISI A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE TERRITORIALI DELLA UIL ADDIZIONALI COMUNALI: QUEST ANNO GIA IL 31,2% DEI COMUNI HA AUMENTATO L ALIQUOTA TRA CUI MILANO, VENEZIA, NAPOLI PER L COMUNALE SI PAGHERANNO,

Dettagli

Nome indicatore DPSIR Fonte dati Parco veicolare pugliese D ACI. Disponibilità dati *** 2002-2012 P

Nome indicatore DPSIR Fonte dati Parco veicolare pugliese D ACI. Disponibilità dati *** 2002-2012 P TRASPORTI Trasporto stradale Parco veicolare pugliese Nome indicatore DPSIR Fonte dati Parco veicolare pugliese D ACI Obiettivo Monitorare la flotta veicolare circolante Disponibilità dati Copertura Temporale

Dettagli

Le imprese giovanili 1 in Piemonte

Le imprese giovanili 1 in Piemonte Le imprese giovanili 1 in Piemonte A fine 2015, le imprese giovanili registrate in Italia hanno raggiunto quota 623.755 unità, il 10,3% delle imprese complessivamente censite presso i Registri delle Camere

Dettagli

3.14 PIEMONTE e VALLE D AOSTA

3.14 PIEMONTE e VALLE D AOSTA 3.14 PIEMONTE e VALLE D AOSTA Il Piemonte, dopo un 2004 in crescita su tutti i settori registra nel 2005 un ulteriore incremento del numero di NTN su tre dei quattro settori, mentre la Val d Aosta dopo

Dettagli

8. COMMERCIO E SERVIZI

8. COMMERCIO E SERVIZI 8. COMMERCIO E SERVIZI 8.1 Struttura e dinamica dei servizi Nel corso del 2009 è stata adottata una nuova classificazione delle attività economiche (ATECO 2007) che entra ancora più nel dettaglio dei vari

Dettagli

IMMATRICOLAZIONI AUTO MAGGIO 07 1 GIUGNO Rassegna stampa

IMMATRICOLAZIONI AUTO MAGGIO 07 1 GIUGNO Rassegna stampa IMMATRICOLAZIONI AUTO MAGGIO 07 1 GIUGNO 2007 Rassegna stampa Milano, 4 giugno 2007 APCOM Titolo: ANFIA: cresce il mercato per il quinto mese consecutivo Data: 1 giugno 2007 Apc-AUTO/ ANFIA:CRESCE IL MERCATO

Dettagli

Ance Salerno: In Campania ed in provincia di Napoli boom di imprese con titolari stranieri

Ance Salerno: In Campania ed in provincia di Napoli boom di imprese con titolari stranieri Documento 1 Ance Salerno: In Campania ed in provincia di Napoli boom di imprese con titolari stranieri Napoli e la Campania guidano la graduatoria per incremento di imprese con il titolare straniero 1.

Dettagli

COMMISSIONE DI GARANZIA TERRITORIALE "TOSCANA" ELEZIONI R.S.U. e R.L.S. 24-25 - 26-27 NOVEMBRE 2015 DISPOSIZIONI SEGGI ELETTORALI e ORARI DI APERTURA

COMMISSIONE DI GARANZIA TERRITORIALE TOSCANA ELEZIONI R.S.U. e R.L.S. 24-25 - 26-27 NOVEMBRE 2015 DISPOSIZIONI SEGGI ELETTORALI e ORARI DI APERTURA SEGGI COLLOCAZIONE INTERESSATE PERSONALE INTERESSATO NOTE 1 giorno: 9,00-13,00 dep.lo; 14,00-1,00 FI SMN 2 giorno: 9,00-13,00 dep.loc; 14,00-1-00 FI SMN 3 giorno 9,00-13,00 FI SMN ; 14,00-1,00 4 giorno

Dettagli

IL MERCATO BRASILIANO Una visione generale, come primo approccio ad un economia in crescita.

IL MERCATO BRASILIANO Una visione generale, come primo approccio ad un economia in crescita. IL MERCATO BRASILIANO Una visione generale, come primo approccio ad un economia in crescita. Il presente documento é destinato a organizzare informazioni per valutare al meglio le strategie aziendali e

Dettagli

Economia dei Mercati Agro-Alimentari (a.a. 08/09)

Economia dei Mercati Agro-Alimentari (a.a. 08/09) SOLUZIONE Economia dei Mercati Agro-Alimentari (a.a. 08/09) Esame (13 maggio 2009) 1. (15p.) Si consideri un impresa i cui costi di produzione totali siano dati da: CT(q) = 4 + 2q + q 2 Si ipotizzi che

Dettagli

Il turismo in Puglia e nelle regioni italiane: l analisi di benchmarking nel periodo 2007-2013

Il turismo in Puglia e nelle regioni italiane: l analisi di benchmarking nel periodo 2007-2013 Il turismo in Puglia e nelle regioni italiane: l analisi di benchmarking nel periodo 2007-2013 Competitività, internazionalizzazione e turismo: la Puglia nel contesto globale Laura Leoni Istat Direzione

Dettagli

della provincia di Padova Sintesi anno 2015 A cura del Servizio Studi - Padova, marzo 2016

della provincia di Padova Sintesi anno 2015 A cura del Servizio Studi - Padova, marzo 2016 Indicatori del mercato del lavoro della provincia di Padova Sintesi anno 2015 A cura del Servizio Studi - Padova, marzo 2016 Principali indicatori del mercato del lavoro provinciale Fonti disponibili Inps

Dettagli

Area Internazionalizzazione. Servizio di orientamento individuale. (1) Scheda facsimile

Area Internazionalizzazione. Servizio di orientamento individuale. (1) Scheda facsimile Area Internazionalizzazione Servizio di orientamento individuale (1) Scheda facsimile Riservato Pagina 1 Spett.le Oggetto: Valutazione preliminare Committente: Settore: progettazione e produzione arredamenti

Dettagli

Con il 2013 le famiglie italiane dicono addio alla peggiore crisi economica della storia recente.

Con il 2013 le famiglie italiane dicono addio alla peggiore crisi economica della storia recente. Con il 2013 le famiglie italiane dicono addio alla peggiore crisi economica della storia recente. Se infatti il 2013 si chiude con una flessione del Pil quantificabile in un -1,8%, il 2014 segnala una

Dettagli

Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE DEL DIRETTORIO E COMUNICAZIONE

Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE DEL DIRETTORIO E COMUNICAZIONE Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE DEL DIRETTORIO E COMUNICAZIONE Roma, 1 settembre 2016 IL TURNOVER DEI MERCATI DEI CAMBI E DEI DERIVATI OTC SU VALUTE E TASSI DI INTERESSE

Dettagli

Barometro Minibond. Evoluzione del mercato dei Minibond in Italia. Principali indicatori al 31 dicembre 2014

Barometro Minibond. Evoluzione del mercato dei Minibond in Italia. Principali indicatori al 31 dicembre 2014 Barometro Minibond Evoluzione del mercato dei Minibond in Italia Principali indicatori al 31 dicembre 2014 Fonte: Elaborazioni Business Support Spa su dati Osservatorio Minibond, Politecnico di Milano

Dettagli

La vite e il vino in Toscana

La vite e il vino in Toscana La vite e il vino in Toscana Campagna viticola 2014/2015 DATI STRUTTURALI E PRODUTTIVI Tabella n. 1: potenziale viticolo regionale, superficie vitata, aziende con vite e superficie media di vigneto per

Dettagli