DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE. Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE: QUINTA A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE. Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE: QUINTA A"

Transcript

1 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE: QUINTA A INDIRIZZO: AMMINISTRAZIONE-FINANZA-MARKETING ILCOORDINATORE Prof. De Feo Nicoletta IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prof. Giovanni De Nicolo 1

2 Composizione del Consiglio di Classe COMPONENTE MATERIA DE FEO NICOLETTA ITALIANO - STORIA DE MANNA GIOACCHINO DIRITTO-SC.FINANZA IPPEDICO ROSANNA LINGUA INGLESE STASI GIACOMA LINGUA FRANCESE MALERBA ANGELA LINGUA TEDESCA MONTARULI SALVATORE ECONOMIA AZIENDALE DE CHIRIC0 OTTAVIO MATEMATICA GUASTAMACCHIA DOMENICO ED. FISICA BOCCACCIO ROSANNA RELIGIONE SARDONE AGNESE SOSTEGNO ELENCO DEGLI ALUNNI 1. ALBANESE ROBERTO 2. BASILE GABRIELE 3. CAGNETTA GIOVANNA 4. CAMPANALE SILVIA 5. CHIAPPERINI MICHELE 6. DE CHIRICO LUCIANO 7. DE CHIRICO ROSA 8. DE NICOLO GIUSEPPE 9. GIACO FLAVIA 10. MATTEUCCI ALESSANDRO 11. PANSINI MAURO 12. PISCHETOLA VINCENZO 13. SIBILLANO FRANCESCO 14. STASI LUIGI 15. STRAGAPEDE FRANCESCA 16. TAMBONE DANIELE 17. VOLPE ILARIA 2

3 STORIA DEL TRIENNIO CONCLUSIVO e CREDITI SCOLASTICI TABELLA RIASSUNTIVA Classe Iscritti stessa classe Iscritti da altra classe Promossi Promossi con debito Materie da recuperare TERZA Ingl.,,Ec Aziend., Matematica,Informat ica,diritto,storia,geo QUARTA Ec.Aziendale, Inglese, Matematica QUINTA 17 La tabella sottostante evidenzia la composizione della classe, con i giudizi sospesi al 3 e 4 anno e con i crediti scolastici: 3 debiti 3 anno crediti 3 anno debiti 4 anno crediti 4 anno 1 ALBANESE ROBERTO Diritto BASILE GABRIELE CAGNETTA GIOVANNA Matem. Infor. Inglese 4 CAMPANALE SILVIA 4 Matem. Ec.Azien d. Inglese CHIAPPERINI MICHELE DE CHIRICO LUCIANO Inglese DE CHIRICO ROSA DE NICOLO GIUSEPPE Ec.Azien d. Infor.Ma tem. 9 GIACO FLAVIA Storia,I ngl. Geogr. 10 MATTEUCCI ALESSANDR O Ingl. Ec.Azien d. Matem PANSINI MAURO PISCHETOLA VINCENZO crediti totale

4 13 SIBILANO FRANCESCO STASI LUIGI STRAGAPEDE FRANCESCA TAMBONE DANIELE VOLPE ILARIA Diritto,I nfor. Ec.Azien PROFILO DELLA CLASSE La classe è formata da 17 alunni di cui 11 maschi e 6 femmine, di cui fa parte un alunno segnalato per DSA per il quale si rimanda al fascicolo riservato allegato al presente documento e un alunna diversamente abile. Nel corso del quarto anno nella classe si è inserito l alunna Volpe Ilaria, proveniente dalla classe quarta Sez. B. La classe, nel corso del triennio, ha potuto contare sulla stabilità del corpo docente per tutte le discipline, tranne che per Ec. Aziendale e per Storia che nel quarto anno sono state insegnate da altri docenti,mentre sono tornati nel quinto anno i docenti presenti al terzo anno in queste due discipline. Gli alunni hanno partecipato alle attività didattiche con un certo interesse, si sono aperti al dialogo educativo in modo propositivo, costruendo un clima di classe produttivo. Gli interventi di alcuni studenti più diligenti hanno dimostrato curiosità e vivacità intellettuale che hanno arricchito il percorso formativo. I rapporti tra gli alunni sono stati sempre sereni e corretti quelli tra alunni e docenti. Il dialogo educativo si è sempre svolto nelle migliori condizioni, favorendo il processo di apprendimento degli alunni. La classe ha partecipato alle attività scolastiche ed extrascolastiche, condividendo gli obiettivi delle varie discipline. Nella classe si distingue, per serietà e senso di responsabilità, un gruppo di studenti che ha mostrato un buon impegno, studiando con costanza, evidenziando il possesso di una più che discreta preparazione in termini di conoscenze, abilità e competenze, sia culturali che professionali. Un secondo gruppo, invece, dotato di sufficienti capacità, di metodo di studio e adeguato interesse alle attività proposte, ha raggiunto risultati mediamente positivi. Per pochi alunni, infine, le lacune pregresse, unite ad una motivazione non sempre adeguata, malgrado le ripetute azioni di recupero e le attività intraprese per meglio motivarli, hanno consentito il raggiungimento degli obiettivi minimi, specie in alcune discipline. L assidua partecipazione alle attività didattiche ha reso proficuo l insegnamento ed ha consentito alla quasi totalità degli alunni di raggiungere le finalità e gli obiettivi formativi prefissati nella programmazione preventiva. Sul piano affettivo-relazionale vi sono alunni più vivaci ed estroversi ed altri che si presentano più riservati; comunque la classe è sostanzialmente omogenea, non vi sono gruppetti che la frazionano. 4

5 In generale, gli alunni sono maturati nel corso degli anni, sviluppando valori di rispetto reciproco e di solidarietà; anche nei confronti dei docenti i ragazzi hanno dimostrato un rapporto abbastanza corretto ed educato. Nel corso del quarto e del quinto anno gli alunni sono entrati in contatto con le strutture produttive e le realtà libero professionali del territorio per realizzare le attività di stage previste dal curricolo scolastico. Tali esperienze hanno arricchito i ragazzi non solo di conoscenze relative al funzionamento del settore professionale di loro competenza, ma anche delle problematiche del mondo del lavoro. Gli incontri di orientamento organizzati dall Istituto e dall Università degli Studi di Bari hanno consentito di maturare una maggiore consapevolezza in merito alle future scelte di studio o di lavoro. Per quanto attiene agli obiettivi, declinati in termini di conoscenze, abilità e competenze, si rinvia alle relazioni dei docenti delle singole discipline allegate al presente documento. L attività didattica ha subìto un interruzione, a causa della partecipazione di quasi tutti gli alunni della classe al viaggio di istruzione, nel periodo di marzo; l attività didattica ha subito, inoltre, un leggero rallentamento a causa dello svolgimento degli stage aziendali nel periodo dal 1 al 15 aprile. Il curriculum scolastico degli allievi può considerarsi, nel complesso, abbastanza regolare. La classe giunge, comunque, all esame di stato al termine di un percorso scolastico che ha visto crescere progressivamente il livello di conoscenze acquisite, la maturità di giudizio, la partecipazione e il senso di responsabilità. Sotto questo profilo si può senz altro affermare che obiettivi e finalità stabiliti in sede di programmazione sono stati, nel complesso, raggiunti, pur con differenziazioni riconducibili all impegno e alle attitudini di ciascun allievo. Il positivo clima di collaborazione con i docenti ha permesso di raggiungere un grado di profitto mediamente discreto. I programmi preventivati sono stati svolti nella loro interezza in quasi tutte le discipline. La classe ha partecipato ad iniziative sociali, culturali e sportive, sempre condivise dal consiglio di classe, coerenti con le linee programmatiche del piano dell offerta formativa e finalizzate all arricchimento personale e alla crescita intellettuale e civile di ciascuno studente. In conclusione, si esprime un giudizio generalmente positivo in relazione alle potenzialità intrinseche del gruppo classe che ha espresso nel corso di quest ultimo anno, in più di un occasione, maggiore capacità di rielaborazione individuale autonoma, discrete capacità logiche ed un accettabile senso critico. Il consiglio di classe ha deliberato di svolgere una simulazione della terza prova, optando per la tipologia B, con due quesiti per ciascuna disciplina coinvolta,i cui testi si allegano al presente documento. I programmi sono stati adeguati alle capacità della classe, perciò si fa riferimento alle relazioni personali per il percorso didattico seguito da ciascun docente. Come già accennato nella classe è presente di un alunna diversamente abile che, per la sua particolare patologia ha usufruito dell insegnamento domiciliare in tutto il quinquennio,con una programmazione differenziata e per la quale si allega documentazione specifica; è inoltre presente un alunno con dislessia, 5

6 dichiarata dal quarto anno con diagnosi medica, per il quale si è redatto un P.D.P. indicando gli strumenti e le modalità didattici messe a sua disposizione di cui si allega il fascicolo riservato. CONTESTO SOCIO-AMBIENTALE Il bacino d utenza dell istituto (Ruvo e Terlizzi) è formato da alunni che, per la maggior parte, provengono dal mondo del lavoro dipendente, pubblico e privato, delle attività produttive agricole e artigianali; non molti sono dunque gli studenti provenienti da ambiti familiari fortemente motivati al prosieguo degli studi. Le famiglie decidono di far frequentare l Istituto perché ritengono sia l indirizzo scolastico più idoneo per l inserimento rapido dello studente nel contesto lavorativo, nonché per l accesso alle facoltà universitarie a vocazione aziendale, giuridica, linguistica. L Istituto Padre A. M. Tannoia costituisce un elemento fondamentale nella crescita educativa e formativa delle popolazioni studentesche di adolescenti che si avvalgono di una vasta gamma di servizi, attività e indirizzi offerti dalla scuola, oltre alle possibilità di sbocco professionale. Gli alunni hanno assunto, nel contesto familiare, modelli educativi conformati a valori molto positivi. La maggior parte dei genitori sono stati, nel corso del triennio, partecipi alla vita scolastica dei loro figli, mostrandosi collaborativi e fiduciosi nell Istituzione scolastica. 6 ATTIVITA EXTRACURRICULARI La classe, o in alcuni casi un gruppo di alunni,nel triennio ha svolto le seguenti attività: Orientamento al lavoro con stage aziendali presso strutture locali Orientamento universitario c/o Università di Bari Orientamento al lavoro tramite partecipazione a conferenze Torneo di calcio, pallavolo,tiro con l arco,ping-pong Partecipazione a spettacoli cinematografici e teatrali Partecipazione alla giornata della memoria Redazione articoli per il giornale d istituto Certificazione esterna di Lingua Francese e Tedesca,livello B1, nel corso degli ultimi 2 anni scolastici (conseguita con buoni risultati per coloro che hanno partecipato) Partecipazione ad un PON linguistico con stage in Germania per due alunni della durata di 4 settimane all inizio di questo A.S. Partecipazione a laboratori espressivo-corporeo-teatrali Partecipazione a spettacoli teatrali in lingua straniera nel corso del triennio Viaggio d istruzione a Barcellona Lettura guidata e critica del quotidiano in classe Partecipazione al PON pr creare un cortometraggio (3^ anno) Partecipazione a FLASH MOb contro la violenza sulle donne Partecipazione alla presentazione di un libro sulla SHOAH Partecipazione alla giornata mondiale del FAI Partecipazione al PON sulla GREEN ECONOMY (4^ anno) Partecipazione al PON sull AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE (4^anno) Partecipazione al PON sull INTEGRAZIONE INTERCULTURALE (3^ anno)

7 Partecipazione alle Olimpiadi della Matematica PROFILO PROFESSIONALE IN USCITA DEL PERITO IN AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING. Il Perito in A.F.M. ha competenze specifiche nel campo dei macrofenomeni economico aziendali nazionali ed internazionali, della normativa civilistica e fiscale,dei sitemi aziendale previsione,organizzazione,gestione e controllo, degli strumenti di marketing e dei prodotti assicurativo-finanziari. Integra le competenze linguistiche con quelle gestionali ed informatiche per operare nel sistema informativo dell azienda e contribuire all innovazione,adeguamento tecnologico dell impresa. E in grado di attivarsi nel sistema amministrativo,finanziario e di marketing,avendo acquisito le seguenti competenze: COMPETENZE TRASVERSALI A TUTTI GLI ASSI: - Utilizzare metodi, strumenti informatici e software, tecniche contabili ed extracontabili per una corretta rilevazione dei fenomeni gestionali; - Leggere, redigere, interpretare ogni significativo documento aziendale; - Gestire il sistema informativo aziendale, collaborare alla loro progettazione e ristrutturazione; - Elaborare dati e rappresentarli in modo efficace per favorire i diversi processi decisionali; - Cogliere gli aspetti organizzativi delle varie funzioni aziendali per controllarli o suggerire modifiche; -Partecipare al lavoro organizzato con responsabilità e contributo personale; -Documentare il proprio lavoro; -Operare per obiettivi e progetti con visione sistemica o con flessibilità in vari contesti; -Comunicare con linguaggi appropriati,con codici diversi e in una o più lingue straniere. CONOSCENZE TRASVERSALI A TUTTI GLI ASSI: Consistente cultura generale, accompagnata da capacità linguisticoespressive e logico interpretative. Conoscenze ampie e sistematiche dei processi che caratterizzano la gestione aziendale sotto il profilo economico, giuridico, organizzativo e contabile. Conoscenza dei rapporti tra l azienda e l ambiente in cui opera per proporre soluzioni a problemi specifici ABILITA TRASVERSALI A TUTTI GLI ASSI: Documentare adeguatamente il proprio lavoro; Comunicare efficacemente, utilizzando appropriati linguaggi; Analizzare situazioni e rappresentarle con modelli funzionali al problema da risolvere; Effettuare scelte e prendere decisioni ricercando le informazioni opportune; 7

8 Partecipare al lavoro organizzato, individuale o di gruppo, accettando ed esercitando il coordinamento; Affrontare i cambiamenti aggiornandosi nelle proprie conoscenze OBIETTIVI TRASVERSALI EDUCATIVI conoscere e rispettare le regole interne all Istituzione scolastica, assumendo comportamenti improntati a senso di responsabilità, rispetto delle persone, delle cose e dell ambiente; acquisire consapevolezza dei diritti-doveri di cittadinanza; potenziare la stima di sé quale contributo alla sviluppo globale della personalità; partecipare in modo attivo all attività scolastica e contribuire consapevolmente al proprio processo di apprendimento; essere disponibile al dialogo, al confronto, alla cooperazione e al lavoro di gruppo, ed eventualmente ad azioni di sostegno, concordate con i docenti, nei confronti di compagni in difficoltà; saper organizzare il proprio lavoro individuando tempi e strategie; acquisire autonomia sociale. COMPETENZE RAGGIUNTE NELL ASSE LINGUISTICO (ITALIANO,LINGUE STRANIERE, ED.MOTORIA) (Italiano) -Individuare e utilizzare gli strumenti di comunicazione e di team working più appropriati per intervenire nei contesti organizzativi e professionali di riferimento; -Redigere relazioni tecniche e documentare le attività individuali e di gruppo relative a situazioni professionali; -Utilizzare gli strumenti culturali e metodologici per porsi con atteggiamento razionale, critico e responsabile di fronte alla realtà, ai suoi fenomeni, ai suoi problemi, anche ai fini dell apprendimento permanente. (Lingue) -Padroneggiare la lingua straniera per interagire in contesti diversificati e coerenti con i settori di indirizzo, al livello B1/B2 del quadro comune europeo di riferimento per le lingue (QCER) (Ed.Motoria) -Consolidare le tecniche conosciute per mantenere,migliorare e ritrovare la forma fisica; -organizzare attività ed arbitraggio di sport individuali e di squadra; -utilizzare norme di comportamento per prevenire infortuni e tutelare la salute. COMPETENZE RAGGIUNTE NELL ASSE STORICO-SOCIALE (DIRITTO,SC.FINANZE,STORIA) (Storia) -Correlare la conoscenza storica generale agli sviluppi delle scienze, delle tecnologie e delle tecniche negli specifici campi professionali di riferimento. -Riconoscere gli aspetti geografici, ecologici, territoriali dell ambiente naturale ed antropico, le connessioni con le strutture demografiche, 8

9 economiche, sociali, culturali e le trasformazioni intervenute nel corso del tempo. ( DIRITTO) -individuare e accedere alla normativa pubblicistica, civilistica e fiscale -collocare in modo organico e sistematico l'esperienza personale in un sistema di regole fondato sul reciproco riconoscimento dei diritti garantiti dalla costituzione italiana, dal Trattato di Nizza e dalla Dichiarazione Universale dei diritti dell'uomo -riconoscere ed individuare gli organi e le funzioni dello Stato, l'organizzazione della P.A. e le forme di manifestazione della volontà amministrativa (SCIENZA DELLE FINANZE) -interpretare il ruolo dell'operatore pubblico nella realtà politica, economica e sociale degli stati contemporanei alla luce delle diverse scuole di pensiero economico -avere consapevolezza dei problemi riguardanti l'espansione della spesa pubblica, delle politiche di contenimento della spesa nel quadro della normativa europea e nel rapporto tra Stato ed autonomie locali -individuare la funzione di politica economica del bilancio dello Stato -riconoscere e valutare le problematiche relative all'imposizione fiscale sotto il profilo dell'equità impositiva, dell'efficienza amministrativa e degli effetti economici - comprendere e riconoscere le diverse forme in cui è attuato il prelievo fiscale e la funzione che ciascuna di esse può svolgere nel quadro generale del sistema tributario e del contesto istituzionale, socioeconomico e politico dello Stato COMPETENZE RAGGIUNTE NELL ASSE TECNOLOGICO-MATEMATICO (EC.AZIENDALE,MATEMATICA) (Matematica) - Utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo algebrico, rappresentandole anche sotto forma grafica; - Confrontare a analizzare figure geometriche individuando invarianti e relazioni; - Analizzare dati e interpretarli sviluppando deduzioni e ragionamenti sugli stessi anche con l ausilio di rappresentazioni grafiche, usando consapevolmente gli strumenti di calcolo e le potenzialità offerte da applicazioni specifiche di tipo matematico; - Saper tradurre e rappresentare in modo formalizzato problemi finanziari ed economici attraverso modelli matematici; - Saper affrontare criticamente situazioni problematiche di varia natura. (Ec.Aziendale) riconoscere e interpretare: - le tendenze dei mercati locali, nazionali e globali anche per coglierne le ripercussioni in un dato contesto; - i macrofenomeni economici nazionali e internazionali per connetterli alla specificità di un azienda; 9

10 - i cambiamenti dei sistemi economici nella dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche storiche e nella dimensione sincronica attraverso il confronto fra aree geografiche e culture diverse individuare e accedere alla normativa pubblicistica, civilistica e fiscale con particolare riferimento alle attività aziendali interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, processi e flussi informativi con riferimento alle differenti tipologie di imprese riconoscere i diversi modelli organizzativi aziendali, documentare le procedure e ricercare soluzioni efficaci rispetto a situazioni date individuare le caratteristiche del mercato del lavoro e collaborare alla gestione delle risorse umane gestire il sistema delle rilevazioni aziendali con l ausilio di programmi di contabilità integrata applicare i principi e gli strumenti della programmazione e del controllo di gestione, analizzandone i risultati inquadrare l attività di marketing nel ciclo di vita dell azienda e realizzare applicazioni con riferimento a specifici contesti e diverse politiche di mercato orientarsi nel mercato dei prodotti assicurativo-finanziari, anche per collaborare nella ricerca di soluzioni economicamente vantaggiose utilizzare i sistemi informativi aziendali e gli strumenti di comunicazione integrata d impresa, per realizzare attività comunicative con riferimento a differenti contesti analizzare e produrre i documenti relativi alla rendicontazione sociale e ambientale, alla luce dei criteri sulla responsabilità sociale d impresa identificare e applicare le metodologie e le tecniche della gestione per progetti METODOLOGIA, TIPOLOGIA PROVE, VERIFICHE, VALUTAZIONE. METODOLOGIA La metodologia adottata dal consiglio di classe prende le mosse dalla programmazione disciplinare. Ogni docente, sulla base del rapporto stabilito con la classe, considerato il livello di conoscenze degli alunni, visti i contenuti qualificanti la disciplina e oggetto di studio, ha programmato gli obiettivi da raggiungere, servendosi degli strumenti a disposizione nell istituto. Così, di volta in volta, dopo aver suddiviso in autonomi moduli di apprendimento le Unità Didattiche da sviluppare, si è fatto uso della lezione frontale, della lezione in cui simulare situazioni, in coppia e in gruppo con l attività di tutoring del docente o di un alunno del gruppo, del role play, del problem solving, della didattica breve e del cooperative learning. TIPOLOGIA PROVE Gli alunni sono stati sottoposti a prove, scritte ed orali, come:risoluzione dei problemi, domande V/F, domande a scelta multipla, trattazione breve di un tema,relazione, saggio breve, lettura,comprensione ed analisi guidata di un testo, per esercitarli alle tipologie delle prove scritte ed orali dell esame di stato. 10

11 VERIFICHE Le verifiche sono state di tipo dialogico, espositivo-descrittivo, argomentativo e risolutivo. VALUTAZIONE Si è basata sulla tassonomia di Bloom secondo i seguenti indicatori: Indicatori di valutazione comportamentali: socializzazione, autocontrollo, partecipazione al dialogo educativo, impegno e interesse, metodo di lavoro, frequenza. Indicatori di valutazione di apprendimento: conoscenze generali e specifiche, competenze comunicative, di approfondimento, di applicazione per la risoluzione dei problemi, abilità logiche (analisi, sintesi, confronto, critica). INDICATORI DEL LIVELLO DI COMPETENZA Livello standard minimo: la competenza in esame si manifesta in forma essenziale/basilare ed è attivata sotto opportuna guida. Livello standard medio: la competenza in esame si manifesta in maniera accettabile ed è agita con apprezzabile autonomia. Livello standard alto: la competenza in esame si manifesta in modo completo, consapevole ed è agita con sicurezza e con completa autonomia. Livello base non raggiunto: la competenza in esame si manifesta in modo limitato, non funzionale, incoerente, privo di autonomia, nel rifiuto anche della guida. - SIMULAZIONE DELLA TERZA PROVA DATE TEMPO ASSEGNATO 23/03/ 15 3 ore MATERIE:DIRITTO,SC.delleFINANZE,INGLESE, MATEMATICA,FRANCESE,TEDESCO QUESITI -TIPOLOGIA B: 2 domande a risposta aperta per ogni disciplina (max 15 righe) CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA SIMULAZIONE DELLA TERZA PROVA Sono stati valutati: Competenza linguistica e tecnica; Conoscenze disciplinari; Capacità di utilizzare ed integrare conoscenze e competenze. Le prove sono valutate con un punteggio in quindicesimi La prova della tipologia B prevede 10 quesiti a risposta singola, con l assegnazione di massimo 15 punti per ogni domanda. Il voto complessivo è dato dalla media del punteggio attribuito. Seguono in allegato le schede della simulazione CONSIDERAZIONI DEL CONSIGLIO DI CLASSE SUL LAVORO SVOLTO Continuo è stato l impegno dei docenti nel cercare di conciliare le attività complementari, le assenze, le assemblee di classe, le festività, viaggio di istruzione, 11

12 con l attività curriculare evitando di far disperdere la concentrazione allo studio per gli alunni. Talvolta si è ravvisata la necessità di operare degli adattamenti alle programmazioni disciplinari. PROGRAMMAZIONE DELLE SINGOLE DISCIPLINE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA- STORIA DIRITTO-SC.DELLE FINANZE LINGUA FRANCESE LINGUA INGLESE LINGUA TEDESCA ECONOMIA AZIENDALE MATEMATICA EDUCAZIONE FISICA RELIGIONE 12

13 L I N G U A E L E T T E R A T U R A I T A L I A N A S T O R I A 13

14 LINGUA E LETTERATURA ITALIANA-STORIA Durante il triennio sotto il profilo comportamentale la classe ha mostrato un altalenante livello di autocontrollo, di socializzazione e di collaborazione. Alcuni alunni hanno avuto bisogno di stimoli motivazionali per impegnarsi di più nello studio, per consolidare il proprio metodo di lavoro, per essere attivi durante la lezione; quelli già avviati su questa linea, hanno raggiunto,nel tempo,un metodo di studio critico che ha consentito loro di conoscere le proprie abilità, di autovalutarsi e di riconoscersi maturi. Sotto il profilo didattico, durante il triennio, una parte della classe ha mostrato buon impegno, partecipazione ed interesse verso le discipline da me insegnate, pertanto gli obiettivi indicati in ciascun modulo sono stati raggiunti pienamente. L altra parte della classe, più lenta nell impegno e nello studio, ha fatto accettabili progressi rispetto al livello di partenza, migliorando il proprio metodo di studio, che resta, però, alquanto mnemonico, perché si tenta così di supplire alle proprie carenze logiche; fanno parte di questa fascia alunni disinteressati che, dietro vari stimoli all impegno, hanno ottenuto alcuni risultati che comunque sono stati al di sotto delle loro potenziali capacità. Nella classe è presente un alunno con diagnosi di DSA per il quale si è dovuto seguire una particolare metodologia con cui l alunno ha comunque raggiunto gli obiettivi minimi così come fissati per tutta la classe e un alunna diversamente abile che ha seguito una programmazione differenziata con insegnamento domiciliare per i quali si allega documentazione. METODOLOGIA Italiano- Storia 1 Cooperative learning, con cui si è sviluppato l apprendimento consapevole e condiviso attraverso il lavoro di gruppo; 2 Didattica breve che, puntando sull acquisizione dei saperi minimi, è riuscita a ridurre i tempi della lezione teorica e frontale per creare spazi allo studio guidato, per attività di recupero ed approfondimento con l utilizzo di strumenti multimediali; 3 Lezione frontale, in cui si è definito il tema in esame e il metodo di lavoro; 4 Problem solving che ha sviluppato le abilità logiche di: analisi, sintesi, comparazione, critica. Bream storming, con cui si è lavorato per il recupero delle conoscenze e per lo sviluppo delle capacità logiche. Tutoring svolto dal docente o da un alunno all interno del gruppo. Queste metodologie si sono accompagnate alla rivisitazione del curriculum di Italiano e Storia che è stato sfoltito delle conoscenze non funzionali allo sviluppo delle competenze e delle abilità indicate nelle U.D. 14

15 Nei casi in cui la verifica postuma ha dimostrato che gli obiettivi fissati non erano stati raggiunti dalla classe, si è operato un ritorno con attività di recupero e di consolidamento fatto in itinere, creando una contestualità di alunni che dovevano recuperare e di quelli che dovevano consolidare, con il mio intervento guida per l uno e per l altro gruppo o attraverso sportelli didattici pomeridiani. Per l alunno con diagnosi di DSA si è proceduto con l utilizzo di schede riassuntive, con la semplificazione dei contenuti, con il rallentamento dei tempi d apprendimento, con la programmazione delle verifiche orali, con l accompagnamento di spiegazioni del testo per le verifiche scritte che comunque hanno avuto gli stessi contenuti e gli stessi obiettivi di tutta la classe. Si è collaborato per la realizzazione del progetto di orientamento con l università degli studi di Bari, con visite alle facoltà, con incontri con esperti, per la partecipazione a concorsi nazionali e locali degli alunni che hanno potenziato le capacità linguistiche e logiche dei partecipanti, si è preparata la classe per partecipare alla giornata della memoria (olocausto e foibe). Si è sottoposta la classe a continue attività di simulazione delle prove d esame, attraverso: lo svolgimento di verifiche di Italiano secondo la tipologia indicata dal Ministero per la prima prova scritta degli esami di stato; la creazione di percorsi per il colloquio orale pluridisciplinare. VALUTAZIONE ITALIANO- STORIA La valutazione è stata formativa, fatta alla fine di ogni U.D. e sommativa, fatta alla fine di ogni modulo di tempo, tenendo conto non solo delle competenze raggiunte, ma anche dell impegno, della partecipazione alle attività, dei progressi compiuti rispetto alla posizione di partenza. La valutazione sia nelle prove scritte che orali ha tenuto conto dei seguenti indicatori, presi dalla tassonomia di Bloom: conoscenze, competenze(comprensione ed elaborazione di un testo nelle diverse forme di comunicazione, elaborazione di un proprio pensiero critico) abilità logiche (analisi, sintesi) abilità linguistiche. OBIETTIVI ITALIANO-STORIA Conoscenze 1. Conoscere il contesto politico,economico, sociale, il ruolo dell intellettuale, la lingua, i generi letterari; 2. Conoscere le caratteristiche della produzione degli autori. 3. Conoscere i fatti storici in forma sincronica e diacronica ritrovando i collegamenti causa-effetto. Abilità 15

16 1.analizzare un testo ; 2.cogliere le relazioni tra il testo e il contesto ad esso collegato; 3.utilizzare i linguaggi specifici; idee. 4.elaborare in forma critica e personale un testo ed argomentare le proprie 5.procedere nelle diverse fasi della redazione di un testo; Competenze -Individuare e utilizzare gli strumenti di comunicazione e di team working più appropriati per intervenire nei contesti organizzativi e professionali di riferimento; -Redigere relazioni tecniche e documentare le attività individuali e di gruppo relative a situazioni professionali con padronanza linguistica e di diverse tecniche testuali; -Utilizzare gli strumenti culturali e metodologici per porsi con atteggiamento razionale, critico e responsabile di fronte alla realtà, ai suoi fenomeni, ai suoi problemi, anche ai fini dell apprendimento permanente Contenuti affrontati in Italiano 1)Verismo e naturalismo con particolare interesse per Verga; 2)Decadentismo, con riferimenti al simbolismo francese, con interesse particolare per Pascoli e D Annunzio; 3)Primo novecento, con interesse particolare per Svevo e Pirandello; 4)Letteratura fra le due guerre, con interesse particolare per Ungaretti, Montale e la poesia ermetica ; Contenuti affrontati in Storia 1)Decollo industriale ed europeo del 900 e la grande guerra; 2)Ventennio fra le due guerre mondiali:la dittatura fascista,nazista,staliniana,franchista; 3)Seconda guerra mondiale e dopoguerra, l Italia repubblicana ; 4)Guerra fredda ; 5)Crollo degli imperi coloniali ; 6)Mondo attuale. 16

17 VALUTAZIONE ITALIANO STORIA VERIFICHE ITALIANO- STORIA La valutazione è stata formativa, fatta alla fine di ogni U.D. e sommativa, fatta alla fine di ogni modulo di tempo, tenendo conto non solo delle competenze raggiunte, ma anche dell impegno, della partecipazione alle attività, dei progressi compiuti rispetto alla posizione di partenza. La valutazione sia nelle prove scritte che orali ha tenuto conto dei seguenti indicatori, presi dalla tassonomia di Bloom: conoscenze, competenze(comprensione di un testo, elaborazione di un proprio pensiero critico,applicazione di concetti acquisiti a nuove problematiche,utilizzo di varie forme di linguaggio) abilità logiche (analisi, sintesi) abilità linguistiche. 1. Formative: domande flash, questionari e verifiche brevi sulle caratteristiche tecniche dell opera, colloquio per accertare la padronanza del tema letterario e storico; 2. Sommative: lavoro domestico di analisi del testo e di questionari suggeriti dal testo di antologia e di storia, interrogazioni, discussione. Lavoro da svolgere in classe per accertare competenze, abilità, conoscenze, secondo le modalità della prima prova scritta dell esame di stato: analisi guidata di un testo letterario e non, sviluppo di un argomento storico politico socio-economico tecnico nella forma di saggio breve, di tema tradizionale STRUMENTI Durante il corso dell anno si sono letti testi di vari autori. Testo di adozione, documenti, film, cd rom, tavole sinottiche, cartine storiche e geografiche, computer e internet. 17

18 ITALIANO: programma svolto TESTO ADOTTATO: M.Magri,V.Vittorini Il NUOVO FARE LETTERATURA (MANUALE ED ANTOLOGIA VOL 3^ AeB) Paravia MODULO N. 1 L ETA POSTUNITARIA Periodo: Settembre, Ottobre, Novembre U. D. 1 Quadro di riferimento L età del Realismo Naturalismo Francese di Zola e letteratura positivista 2 La poetica del Verismo italiano, Giovanni Verga: la tecnica narrativa, l ideologia verghiana, svolgimento dell opera verghiana: Vita dei campi, Malavaglia, Mastro don Gesualdo. analisi testuale di: La famiglia Toscano (Malavoglia); Rossomalpelo da Vita dei Campi. CONOSCENZE 1 Conoscere il contesto storico-culturale di un opera, le strutture politiche, economiche, sociali, il ruolo dell intellettuale, la lingua, i generi letterari. 2 Conoscere la produzione di Verga nella sua evoluzione. 3 Lettura dei testi rappresentativi. ABILITA 1 Saper analizzare un testo letterario. 2 Saper cogliere le relazioni tra il testo dell autore e il contesto storico culturale in cui è vissuto. 3 Saper utilizzare i linguaggi specifici e le diverse tecniche testuali. 4 Saper svolgere una relazione su un argomento dato. 5 Saper elaborare in forma critica e personale un testo scritto e orale argomentativo. COMPETENZE 1 Leggere, comprendere ed interpretare testi scritti di vario tipo. 2 Arricchire il proprio bagaglio linguistico ed ideologico. 3 Padroneggiare strumenti espressivi ed argomentativi per gestire la comunicazione un vari contesti. 4 Produrre testi di vario tipo in relazione ai vari scopi comunicativi. 5 Utilizzare e produrre testi multimediali. MODULO N. 2 Il DECADENTISMO Periodo: Da Dicembre ad Aprile U. D. 1 Quadro di riferimento, l origine del termine decadentismo, la visione del mondo, la poetica e i temi letterari, panoramica del decadentismo europeo, 18

19 il romanzo psicologico. 2 Gabriele D Annunzio:la vita, la poetica, l estetismo il super-uomo le laudi la produzione teatrale, il notturno, analisi testuale di Un ritratto allo specchio, dal Piacere, La pioggia nel pineto da Alcyione 3 Giovanni Pascoli: la vita, le idee, la visione del mondo, la poetica, la lingua, l ideologia politica, le opere: Myricae, Canti di Castelvecchio, Poemetti, poesie di contenuto storico, analisi testuale di: X agosto, Novembre, Il lampo (Myricae), Il gelsomino notturno da Canti di Castelvecchio ; 4 Italo Svevo: la vita, la cultura, I romanzi: Una vita, Senilità, La coscienza di Zeno, il monologo di Zeno e il flusso di coscienza, analisi testuale di brani: Una richiesta di matrimonio (La coscienza di Zeno), Ritratto dell inetto (Senilità). 5 Luigi Pirandello: la vita, la visione del mondo, la poetica, le novelle, i romanzi: Esclusa; Il fu Mattia Pascal; Uno, nessuno, centomila;i quaderni di Serafino Gubbio operatore; il teatro nelle tre espressioni pirandelliane, analisi testuali: La patente, La carriola, Il treno ha fischiato (Novelle per un anno); il romanzo: Il fu Mattia Pascal (brani), Il piacere dell onestà (brani) CONOSCENZE 1 Epoca del decadentismo nelle ideologie europee; 2 Decadentismo italiano attraverso le ideologie di D Annunzio, Pascoli, Svevo, Pirandello; 3 Conoscenza dei testi rappresentativi degli autori studiati. ABILITA 1 Saper leggere, analizzare e contestualizzare le opere studiate; 2 Affinamento delle capacità critiche; 3 Saper ricercare nella lettura dei testi letterari elementi per comprendere il periodo culturale. COMPETENZE Vedi Modulo 1 MODULO N. 3 SCRITTORI E POETI TRA LE DUE GUERRE Periodo: Maggio U.D. 1 Quadro di riferimento; 2 Ermetismo: Ungaretti, la vita, la poetica, la produzione; analisi testuale di: I fiumi Veglia (Allegria dei naufragi). 3 Montale, la vita, la parola e il significato della sua poesia. 19

20 analisi testuale di: Meriggiare pallido e assorto (Ossi di seppia) CONOSCENZE 1 Conoscere le tendenze della lirica e della prosa del 900. ABILITA 1 Saper cogliere il diverso ruolo che il poeta del 900 dà alla parola e alla poesia; 2 Saper impostare un lavoro di critica. COMPETENZE Vedi moduli 1 MODULO N. 4 NARRATORI DEL DOPOGUERRA U. D. 1 Quadro di riferimento storico;(cenni) 2 Il neorealismo:caratteri,linguaggi,generi.(cenni) CONOSCENZE Conoscenze della narrativa contemporanea(cenni) Docente DE FEO NOCOLETTA 20

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Bologna, 24 febbraio 2014 I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Il P.O.F. La DIAGNOSI Il PDP Il GIUDIZIO

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici ALLEGATO A Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione per gli Istituti Tecnici 1. Premessa I percorsi degli Istituti

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli