Bilancio consolidato al 31 dicembre 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bilancio consolidato al 31 dicembre 2012"

Transcript

1 Bilancio consolidato al 31 dicembre 2012

2

3 Compagnia Valdostana delle Acque S.p.A. Compagnie Valdôtaine des Eaux S.p.A. Siglabile C.V.A. S.p.A. a s.u. Sede Legale Via Stazione n Châtillon (AO) Capitale sociale euro interamente versato Codice Fiscale Partita IVA N.ro di iscrizione nel Registro delle Imprese di Aosta R.E.A Web:

4 Bacino del Gabiet Gressoney La Trinité (Aosta) Lavori di costruzione delle condotte forzate della centrale di Pont-Saint-Martin (Aosta)

5 Sommario 5 ANNI IN BREVE IL GRUPPO C.V.A. S.p.A ANNI DI ENERGIA IL GRUPPO C.V.A. S.p.A MISSIONE DEL GRUPPO C.V.A. S.p.A IL GRUPPO C.V.A. S.p.A SOCIETA CONTROLLATE... 8 SOCIETA COLLEGATE E PARTECIPATE LA STRUTTURA DEL GRUPPO C.V.A. S.p.A. al LETTERA AGLI AZIONISTI RELAZIONE SULLA GESTIONE STRUTTURA DEL GRUPPO E AREA DI CONSOLIDAMENTO ANDAMENTO E RISULTATI 2012 DEL GRUPPO E PREVEDIBILE EVOLUZIONE NEL SITUAZIONE ECONOMICA, PATRIMONIALE E FINANZIARIA GRUPPO C.V.A Situazione Economica Situazione patrimoniale QUADRO GENERALE DI RIFERIMENTO Evoluzione del quadro normativo AREE DI ATTIVITA' E LORO ANDAMENTO Posizionamento del Gruppo I flussi di energia elettrica del Gruppo C.V.A. per il mercato libero Attività commerciale rivolta al mercato libero MANUTENZIONI E INVESTIMENTI DEL GRUPPO Gli impianti idroelettrici: C.V.A. S.p.A. e VALDIGNE ENERGIE S.r.l Gli sfiori producibili Diga di Beauregard: sicurezza e ambiente Rete di distribuzione e misura: Deval S.p.A Acquisizione linee da Monterosa S.p.A Cabina Primaria di Aymavilles Cabina Primaria di Gressoney SICUREZZA E GESTIONE AMBIENTALE: CVA S.p.A. e CVA Trading S.r.l

6 6. GESTIONE FINANZIARIA E RATING Rating: Baa1 con prospettive stabili di Moody s; A con prospettive negative di FitchRatings PERSONALE Gruppo C.V.A. S.p.A C.V.A. Trading S.r.l Deval S.p.A Vallenergie S.p.A SISTEMI INFORMATIVI Per la C.V.A. S.p.A: l avanzamento del progetto fibra ottica Attività di supporto a Vallenergie S.p.A Per Deval S.p.A CONTROLLO INTERNO AI SENSI DEL D. lgs. 231/01 E CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Sistema di controllo interno ai sensi del D. Lgs. 231/ Codice in materia di protezione dei dati personali DIFFUSIONE DEL MARCHIO EAUX de la Vallée Energia pura e PROMOZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI RICERCA E SVILUPPO La stima dell equivalente in acqua del manto nevoso (SWE) Progetti Europei: Settimo programma quadro (FP7) RAPPORTI CON LE PARTECIPATE DESCRIZIONE DEI PRINCIPALI RISCHI ED INCERTEZZE EX ARTICOLO 2428 CODICE CIVILE FATTI DI RILIEVO AVVENUTI DOPO LA CHIUSURA DELL ESERCIZIO Evoluzione prevedibile della gestione RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE SCHEMI DI BILANCIO STATO PATRIMONIALE ATTIVO STATO PATRIMONIALE PASSIVO CONTI D ORDINE CONTO ECONOMICO RENDICONTO FINANZIARIO STRUTTURA E CONTENUTO DEL BILANCIO ELENCO DELLE IMPRESE INCLUSE NEL CONSOLIDAMENTO

7 VARIAZIONI DELL AREA DI CONSOLIDAMENTO ELENCO DELLE PARTECIPAZIONI NON CONOSOLIDATE INTEGRALMENTE Imprese controllate Imprese collegate Altre imprese DATA DI RIFERIMENTO DEL BILANCIO CONSOLIDATO CRITERI DI CONSOLIDAMENTO CRITERI DI VALUTAZIONE Immobilizzazioni immateriali Immobilizzazioni materiali Immobilizzazioni finanziarie Rimanenze Crediti Ratei e risconti Fondi per rischi ed oneri Per trattamento di quiescenza ed obblighi simili Fondo trattamento di fine rapporto di lavoro subordinato Debiti Conti d ordine Contabilizzazione delle operazioni di copertura Contabilizzazione dei ricavi e dei costi Imposte sul reddito dell esercizio COMMENTI ALLE PRINCIPALI VOCI BILANCIO STATO PATRIMONIALE ATTIVO A) Crediti v/soci per versamenti ancora dovuti B) Immobilizzazioni C) Attivo Circolante D) Ratei e risconti STATO PATRIMONIALE PASSIVO A) Patrimonio Netto B) Fondi per rischi ed oneri C) Trattamento di fine rapporto di lavoro subordinato D) Debiti

8 E) Ratei e risconti passivi CONTI D ORDINE CONTO ECONOMICO A) Valore della produzione B) Costi della produzione C) Proventi e oneri finanziari D18) Rivalutazione di attività finanziarie D19) Svalutazione di attività finanziarie E) Proventi e oneri straordinari ) Imposte sul reddito di esercizio, correnti, differite e anticipate INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO ALLEGATI RELAZIONE DELLA SOCIETA DI REVISIONE

9 5 ANNI IN BREVE IL GRUPPO C.V.A. S.p.A Dati economici (migliaia di euro) Valore della Produzione ¹ Valore della Produzione ² Margine operativo lordo Utile operativo Utile lordo Utile netto prima della quota di pertinenza di terzi Utile netto di pertinenza del Gruppo Dati patrimoniali (migliaia di euro) Capitale investito netto Patrimonio netto consolidato del Gruppo Patrimonio netto consolidato del Gruppo e di terzi Posizione finanziaria netta Indicatori economico finanziari MOL/Valore della produzione ¹ 15,77% 14,01% 26,03% 28,62% 20,59% MOL/Valore della produzione ² 20,92% 17,77% 34,27% 36,85% 27,43% Indice di copertura interessi netti - 15,8-11,7-19,8-20,6-25,7 Indice di copertura oneri finanziari 16,21 12,56 18,14 29,35 11,35 Posizione finanziaria netta / Patrimonio netto Gruppo 14,35% 17,31% 28,49% 26,93% 15,73% Tax rate 43,58% 41,87% 37,85% 38,15% 31,94% Utile per azione 0,1871 0,1630 0,1983 0,2077 0,1789 Numero azioni Dati tecnici e commerciali Energia elettrica ceduta (GWh) Energia elettrica prodotta (GWh) Punti di consegna Dipendenti ³ N.B.: Valore della Produzione ¹ = Valore della produzione come desumibile dal conto economico consolidato Valore della Produzione ² = Valore della produzione come desumibile dal conto economico consolidato al netto delle partite di giro (trasporto, oneri di sistema, oneri di dispacciamento, ecc.) Dipendenti ³ = Al 31/12/2011 il numero dei dipendenti considerando anche i dipendenti delle società DEVAL S.p.A. e VALLENERGIE S.p.A., per cui non si è proceduto al consolidamento del conto economico, è di 568 risorse 5

10 5 ANNI DI ENERGIA IL GRUPPO C.V.A. S.p.A. Bilancio dell'energia Elettrica (dati in GWh) Idroelettrico - Produzione Lorda per il dispacciamento 2.824, , , , ,0 Fotovoltaico - Produzione Lorda per il dispacciamento 16,1 12, Eolico - Produzione Lorda per il dispacciamento 85, Energia acquistata da Acquirente Unico 174, Energia intermediata 1.603, , , , ,0 Energia da Borsa Elettrica / Scambio 133, ,0 Totale Fonti 4.836, , , , ,0 Autoconsumo Soci-Consorziati 2.456, , , , ,0 Vendita a clienti finali 1.792, , , , ,0 Vendita a clienti maggior tutela 174, Vendita in Borsa Elettrica / Scambio - 166,0 191,0 387,0 - Vendite a G.S.E. / Deval / altri operatori 126,3 39,0 134,0 97,0 96,0 Perdite 287,5 320,0 266,0 259,0 334,0 Totale Impieghi 4.836, , , , ,0 Energia distribuita sul territorio valdostano 957, C.V.A. S.p.A. - Diga di Place Moulin Bionaz (Aosta) 6

11 MISSIONE DEL GRUPPO C.V.A. S.p.A. Il Gruppo C.V.A. persegue la realizzazione delle migliori condizioni di sicurezza e di tutela delle persone e dell ambiente, valorizzando la produzione di energia idroelettrica e da altre fonti rinnovabili e ricercando i migliori standard di servizio nelle attività di distribuzione. Il Gruppo ha quale costante riferimento le esigenze del cliente e vuole essere l operatore di riferimento su tutto il territorio nazionale per attenzione, capacità di adattamento e correttezza operativa nei confronti della propria clientela. Per il raggiungimento di questi obiettivi, il Gruppo C.V.A. opera con risorse umane competenti e motivate e con strutture produttive efficienti, contribuendo concretamente, tra l altro, allo sviluppo socio-economico della Regione Autonoma Valle d Aosta. Il Gruppo C.V.A. pone la massima attenzione alla produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili e da impianti ad alta efficienza energetica. C.V.A. S.p.A. - Diga del Goillet - Breuil-Cervinia (Aosta) 7

12 IL GRUPPO C.V.A. S.p.A. C.V.A. S.p.A. Compagnia Valdostana delle Acque Compagnie Valdôtaine des Eaux S.p.A. Via Stazione, n Châtillon (AO) Cod. Fiscale e Partita IVA Registro delle Imprese di Aosta R.E.A. n Capitale Sociale ,00 - Int. Versato SOCIETA CONTROLLATE C.V.A. TRADING S.r.l. a socio unico Sede legale: Via Stazione, Châtillon (AO) Cod. Fiscale e Partita IVA Registro delle Imprese di Aosta R.E.A. n Capitale Sociale ,00 - Int. Versato 8

13 DEVAL S.p.A. Sede legale: Via Clavalitè, Aosta (AO) Cod. Fiscale e Partita IVA Registro delle Imprese di Aosta R.E.A. n Capitale Sociale ,00 - Int. Versato VALLENERGIE S.p.A. Sede legale: Via Clavalitè, Aosta (AO) Cod. Fiscale e Partita IVA Registro delle Imprese di Aosta R.E.A. n Capitale Sociale ,00 - Int. Versato PIANSANO ENERGY S.r.l. Sede legale: Via Stazione, Châtillon (AO) Cod. Fiscale e Partita IVA Registro delle Imprese di Aosta R.E.A. n AO Capitale Sociale ,00 - Int. Versato 9

14 Idroenergia S.c.r.l. Via Stazione, n Châtillon (AO) Cod. Fiscale e Partita IVA Registro delle Imprese di Aosta R.E.A. n Capitale Sociale ,00 - Int. Versato C.V.A. SOLE S.r.l. Via Stazione, n Châtillon (AO) Cod. Fiscale e Partita IVA Registro delle Imprese di Aosta R.E.A. n Capitale Sociale ,17 - Int. Versato 10

15 Idroelettrica S.c.r.l. Idroelettrica Valle d Aosta S.c.r.l. Via Stazione, n Châtillon (AO) Cod. Fiscale e Partita IVA Registro delle Imprese di Aosta R.E.A. n Capitale Sociale ,00 - Int. Versato Valdigne Energie S.r.l. Sede legale: P.zza Vittorio Emanuele II, Pré Saint Didier (AO) Cod. Fiscale e Partita IVA Registro delle Imprese di Aosta R.E.A. n Capitale Sociale ,00 - di cui ,00 Int. Versato 11

16 Saint Denis Vento Saint Denis Vento S.r.l. Sede legale: Rue De La Gare, Châtillon (AO) Cod. Fiscale e Partita IVA Registro delle Imprese di Aosta R.E.A. n Capitale Sociale ,00 - Int. Versato SOCIETA COLLEGATE E PARTECIPATE Telcha S.r.l. Sede legale: Via Stazione, n Châtillon (AO) Cod. Fiscale e Partita IVA Registro delle Imprese di Aosta R.E.A. n Capitale Sociale ,00 - Int. Versato 12

17 Water Gen Power S.r.l. Sede legale: Via Giuseppe Macaggi, n. 23/ Genova (GE) Cod. Fiscale e Partita IVA Registro delle Imprese di Genova R.E.A. n Capitale Sociale ,00 - Int. Versato Le Brasier S.r.l. Sede legale: Piazza Principe Tommaso, Morgex (AO) Cod. Fiscale e Partita IVA Registro delle Imprese di Aosta R.E.A. n Capitale Sociale deliberato ,00 Int. Versato Electrorhemes S.r.l. Sede legale: Località Bruil Rhemes Notre Dame (AO) Cod. Fiscale e Partita IVA Registro delle Imprese di Aosta R.E.A. n Capitale Sociale ,00 Int. Versato 13

18 LA STRUTTURA DEL GRUPPO C.V.A. S.p.A. al

19 LETTERA AGLI AZIONISTI Signori Azionisti Il 2012 è stato il primo anno di piena operatività del Gruppo in tutti i comparti del settore: produzione, distribuzione e misura, mercato libero e maggior tutela. Nei settori della produzione di energia, esclusivamente da fonti rinnovabili, tramite le società CVA S.p.A., Valdigne Energie S.r.l., Piansano Energy S.r.l. e CVA Sole S.r.l.; vendita al mercato libero con la società CVA Trading S.r.l., cessione per autoconsumo Soci-Consorziati con i consorzi Idroelettrica S.c.r.l. e Idroenergia S.c.r.l., distribuzione e misura dell energia sul territorio valdostano attraverso il distributore Deval S.p.A. e vendita dell energia nel mercato di maggior tutela per il tramite della controllata Vallenergie S.p.A. La coesistenza di società differenti, focalizzate ognuna su differenti aree di business, ha comportato, e comporterà, un notevole sforzo di integrazione, ottimizzazione delle strutture e dei servizi di Gruppo. Questa fase di estensione delle problematiche organizzative e gestionali è coincisa con un anno difficile per l economia nazionale ed europea, sulle quali ha pesato anche il rallentamento della crescita delle economie emergenti. In Italia assistiamo ad una costante contrazione dei consumi (-3.5%), e anche gli investimenti delle famiglie sono in discesa. A ciò si aggiunga che le difficoltà a livello europeo e mondiale tolgono sostegno alle esportazioni, unica componente delle domanda che sino ad oggi ha tenuto. L industria italiana resta in una situazione preoccupante, con un trend di produzione purtroppo costantemente in discesa. Inoltre, le politiche fiscali pesantemente restrittive adottate nell ultimo anno e mezzo, unitamente ad un quadro internazionale peggiore rispetto alle aspettative, stanno di fatto azzerando le prospettive di una ripresa nel 2013, anzi le previsioni portano ormai ad una stima di ulteriore decrescita del PIL (superiore al -1%) dopo la caduta del 2.2% del Anche dal mercato del lavoro provengono segnali preoccupanti, con un tasso di disoccupazione superiore all 11%, ma ancor più allarmante se si guarda la disoccupazione giovanile dove si è superato il livello del 37%. Situazione di difficoltà occupazionale che sta colpendo, per la prima volta, anche il settore elettrico con le richieste di Cassa Integrazione per gli addetti agli impianti di generazione termica. Su queste premesse, i dati relativi ai consumi elettrici nazionali non potevano essere che negativi: il 2012 ha registrato il secondo peggior risultato del secolo per i consumi elettrici, 15

20 riportando la domanda ai livelli del Sulla base dei dati Terna, infatti, l energia richiesta in Italia è stata pari a TWh, il 2.8% in meno rispetto al Rispetto all anno precedente, a parità di calendario il dato è ancora peggiore: -3.1%. Spostandoci sulle dinamiche territoriali, l unica regione in controtendenza rispetto al 2011 è stata la Lombardia (+1.7%) mentre tutto il resto del territorio nazionale ha registrato pesanti contrazioni: Liguria, Piemonte e Valle d Aosta 7.7%; Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige e Veneto -5.5%. Emilia Romagna e Toscana 2.0%, ad esempio. La domanda di energia elettrica è stata soddisfatta per l 86.8% con produzione nazionale, di cui il 62.2% termoelettrica, 13.3% idroelettrica, 5.6% fotovoltaica, 4.0% eolica e 1.6% geotermica. La produzione nazionale netta (284.8 TWh) si contrae del 2.3% rispetto al 2011, con una calo sul termoelettrico (-6.3%), idroelettrico(-8.2%) e geotermico (-1.4%) mentre sono in controtendenza, per effetto dei continui investimenti, il fotovoltaico (+71.8%) e la fonte eolica (+34.2%). Il PUN baseload 2012, in contrapposizione alla debolezza della domanda, ha chiuso in rialzo rispetto all anno precedente (72.23 Euro/MWh), con un incremento del 4% a Euro/MWh. Al rialzo dei prezzi dell energia hanno concorso le dinamiche dei costi di generazione e le modifiche strutturali dell offerta, dovute al forte incremento della produzione fotovoltaica, che hanno determinato una crescita dei prezzi sia a livello zonale che a livello che di fasce orarie. Si noti, a riguardo, come a fronte di un incremento del Peakload del 10% i valori offpeak siano cresciuti di quasi il 22% su base tendenziale. Gli impianti idroelettrici modulabili, presenti nel patrimonio impiantistico del Vostro Guppo, spuntano quindi differenziali sul base load mediamente meno remunerativi rispetto al passato. La produzione idroelettrica nazionale ha risentito della scarsa piovosità del 2012 e si è attestata a 43.3 TWh, con un calo dell 8.2% rispetto al 2011 (47.2 TWh). Tale produzione, al netto della produzione da pompaggio, si attesta a 40.7 TWh, con una riduzione di circa il 9% rispetto al In forte crescita, invece, l apporto delle altre fonti rinnovabili: la produzione eolica, sempre sulla base dei dati di Terna, si attesta intorno a 13.1 TWh (9.7 nel 2011) mentre la produzione da impianti fotovoltaici ha definitivamente superato la produzione eolica posizionandosi a 18.3 TWh, rispetto a 9.7 TWh del In entrambi i casi l incremento della produzione realizzata è conseguente all elevata crescita della potenza installata. L andamento negativo della produzione idroelettrica nazionale non è riflesso dalla produzione delle centrali idroelettriche di proprietà del Vostro Gruppo. Nel 2012, infatti, la produzione idroelettrica del Gruppo ha raggiunto i GWh, con un incremento del 12% rispetto ai

21 GWh del Complessivamente, considerando la produzione realizzata dagli impianti fotovoltaici della sede, di Botticino, La Tour, Alessandria e Valenza, per complessivi 16.1 GWh, e dagli impianti eolici di Piansano e Saint Denis,pari a complessivi 85.9 GWh, la produzione totale di energia elettrica realizzata dal Vostro Gruppo è stata di circa GWh rispetto ai GWh nel 2011, con un incremento di 393 GWh, pari al 13,4%. Anche a livello di volumi di energia distribuita sul territorio valdostano, il calo dello 0.5% a 957 GWh del 2012 rispetto ai dell anno precedente non riflette l andamento dl comparto Nord-Ovest. Il valore della produzione del Gruppo CVA si è attestato a migliaia di Euro, rispetto a migliaia di Euro del 2011 (+17,7%). La variazione è dovuta all effetto combinato, sopra descritto, della maggiore quantità di energia prodotta dagli impianti, dalla crescita del prezzo dell energia, del consolidamento per l intero anno delle attività delle società Deval S.p.A. e Vallenergie S.p.A. e delle nuove attività nel settore eolico. La crescita del valore della produzione ha trascinato nella stessa direzione il margine operativo lordo (EBITDA), che si è posizionato a migliaia di Euro rispetto alle migliaia del 2011, con un aumento di migliaia di Euro. In termini percentuali sul Valore della Produzione, rappresenta il 15,77% rispetto al 14,01% dell anno La gestione finanziaria nonostante l andamento dei tassi d interesse ed il significativo assorbimento di liquidità dovuto alle acquisizioni a fine Novembre 2011 del 100% del capitale delle società Deval S.p.A. e Vallenergie S.p.A. ed a maggio 2012 del 95% del capitale sociale della società Piansano Energy S.r.l. oltre che al finanziamento dell impianto eolico dalla stessa realizzato, ha generato un saldo positivo di oneri e proventi finanziari pari a migliaia di Euro, raffrontato a migliaia di Euro del La copertura degli interessi passivi è pari a 20,79 volte. Il Gruppo C.V.A. ha da sempre considerato l impiego della liquidità generata dalla gestione industriale in operazioni finanziarie, come una attività temporanea propedeutica ad ottenere dall asset liquidità una remunerazione almeno superiore al costo del debito e con attenzione alla conservazione del capitale investito. La contrazione del risultato economico della gestione finanziaria consuntivata nel 2012 conferma tale impostazione in quanto, nel 2012 una parte importante delle risorse finanziarie è stata destinata all acquisizione del parco eolico di Piansano ed al finanziamento dell attività industriale di tutte le società del Gruppo. L Utile ante Imposte (EBT) è stato pari a migliaia di Euro rispetto a migliaia di Euro dell anno precedente (+20,38%) e sconta, tra l altro, accantonamenti per migliaia di Euro effettuati a copertura del rischio di dover sostenere oneri straordinari per la messa in 17

22 sicurezza e la manutenzione delle grandi dighe, a fronte di quanto disciplinato dalla L. 22 dicembre 2011 n 214 relativa agli interventi di rimozione dei sedimenti accumulati nel serbatoi e accantonamenti per 875 migliaia di Euro a copertura del rischio di dovere ripetere in favore dell INPS gli importi che la stessa è stata tenuta a versare alla Vostra Società relativamente al contenzioso in materia di malattia e maternità. Il Vostro Gruppo ha realizzato nel 2012 un Utile netto complessivo, comprensivo della quota di pertinenza di terzi, pari a migliaia di Euro ( migliaia di Euro nel 2011), dopo avere rilevato oneri per Imposte e Tasse per migliaia di Euro ( migliaia di Euro nel 2011), con un aliquota media del 43,58%. La variazione dell aliquota media rispetto al 41,9% del 2011 è conseguenza principale della mancata deducibilità fiscale degli oneri sostenuti per svalutazione di partecipazioni. I risultati sopra riportati confermano l elevata redditività che il Gruppo è in grado di generare, unitamente al pagamento dell elevato flusso per imposte dirette, indirette e canoni di concessione. Inoltre, anche nell esercizio 2012 il Gruppo ha posto in essere operazioni di carattere straordinario finalizzate ad incrementare la redditività, l efficienza e rafforzare la sua posizione di mercato. In particolare: con riferimento alle attività di produzione di energia elettrica: o nel corso del primo semestre 2012 è stato acquisito un campo eolico in località Piansano (Viterbo) formato da 21 pale eoliche Vestas V90, della potenza singola di 2MW, per una potenza complessiva di 42 MW e una produzione media attesa di circa 80 GWh anno; o sono stati anticipati, alla luce delle nuove regole e dei nuovi parametri economici introdotti dal DM FER del 7 luglio 2012, peggiorativi rispetto al passato, non senza la consapevolezza di accettare una sfida pesante, i rifacimenti totali degli impianti di Gressoney e Nus, originariamente programmati nel Il completamento degli interventi entro dicembre 2012 ha permesso il riconoscimento su detti impianti degli incentivi come regolamentati nel precedente periodo regolatorio, consentendo, quindi, alla C.V.A. S.p.A. la possibilità di realizzare ricavi incrementali su un arco di 15 anni; o con la morbida del 2012 è entrata in piena produzione la centrale di Champagne 2, di proprietà della C.V.A. S.p.A. e soggetta ad un rifacimento totale. I nuovi gruppi sono stati testati per l intero 2012 e l analisi puntuale delle produzioni ha evidenziato 18

23 un notevole aumento dell efficienza dell impianto, con un incremento del coefficiente energetico di circa il 8% ed una maggior produzione stimabile, su base annua e a parità di apporto, di circa 12 GWh (+ 10%); o la Valdigne Energie S.r.l. ha completato, nel 2012, l attività di realizzazione degli impianti idroelettrici di Torrent e Faubourg nonché l immissione in piena produzione di Faubourg realizzando una produzione complessiva di energia elettrica di 70,7 GWh. In riferimento ai singoli impianti, si segnala in dettaglio: Faubourg: l immissione della piena produzione sulla rete 132 kv è stata realizzata a maggio 2012 consentendo all impianto di entrare in servizio definitivo dal mese di luglio 2012 e di produrre complessivamente nel ,2 GWh contro i 18 GWh del 2011; Torrent: la messa in parallelo dell impianto di Torrent e il conseguente avvio delle attività di produzione sono stati effettuati ad aprile 2012 entrando ufficialmente in servizio definitivo da maggio 2012 e realizzando una produzione di 41,5 GWh. o a fine 2012 ha avuto luogo la fusione delle società C.V.A. Sole S.r.l., RAL S.r.l in RVA S.r.l. Quest ultima ha successivamente cambiato la sua denominazione in C.V.A. Sole S.r.l. Questa semplificazione societaria, terminate le finalità delle singole società veicolo, concentra in CVA Sole le maggiori attività di produzione fotovoltaica del Gruppo in una ottica di riduzione dei costi amministrativi. con riferimento alle attività di distribuzione di energia elettrica: o nel periodo dal 30 gennaio al 3 febbraio 2012 si è conclusa l operazione di abbandono della vecchia piattaforma informatica denominata Venere e passaggio alla piattaforma informatica multi-societaria utilizzata da Enel Distribuzione. L obiettivo è stato di raggiungere una nuova soglia di efficienza informatica che il vecchio sistema non garantiva. L accordo siglato in sede di cessione prevede un successivo carve out informatico, entro finestre temporali predefinite, per raggiungere la piena autonomia operativa. Questo processo ha interessato tutti gli applicativi tecnici, gestionali e amministrativi per un totale di 16 sistemi principali tra di loro integrati; 19

24 con riferimento alle attività di vendita dell energia elettrica: o la Vallenergie S.p.A. ha avviato numerose attività finalizzate alla ottimizzazione del sistema informatico, al recupero dei cicli di fatturazione attiva, alla gestione dei crediti e all esternalizzazione delle attività di call center, che hanno portato anche ad una riorganizzazione aziendale; o la C.V.A. Trading S.r.l. è riuscita a consolidare nel 2012 i positivi risultati raggiunti nei passati esercizi (ha fornito complessivamente punti di riconsegna dell energia elettrica, cedendo agli stessi circa GWh contro i punti di riconsegna e GWh del 2011) e, per meglio cogliere le opportunità del settore merceologico in cui opera e con effetto dal 2013, ha varato una riorganizzazione delle proprie attività. La riorganizzazione si è focalizzata sullo sviluppo del core business di acquisto e vendita di energia elettrica e di tutte le attività di gestione, previsione e programmazione ad esso correlate, e sulla cessazione delle attività di information technology, di gestione clienti business e distributori e di gestione dei crediti del Gruppo C.V.A. non core business. Tali attività sono state prese in carico dalla controllante C.V.A. S.p.A.; con riferimento alle attività di produzione per autoconsumo dei Soci Consorziati: o i due consorzi Idroelettrica S.c.r.l. e Idroenergia S.c.r.l. hanno consolidato nel 2012 il rapporto con i propri Soci Consorziati ripartendo, per coprire i consumi di energia degli stessi, GWh di energia elettrica (2.280 GWh Idroenergia e 176 GWh Idroelettrica) contro i GWh del 2011 su un totale di ( Idroenergia e Idroelettrica) punti somministrati contro i punti del o Le due consortili hanno, inoltre, effettuato una ampia analisi circa la futura organizzazione ed operatività delle stesse in un mutato contesto normativo e di mercato di riferimento. Alla luce di quanto emerso da tale analisi le stesse hanno ritenuto di sospendere le attività di produzione di energia elettrica e hanno cessato la somministrazione di energia ai soci consorziati dall esercizio Prosegue, inoltre, il programma di manutenzione, rifacimento e potenziamento del parco impianti del Gruppo. A riguardo nel 2012, in Valle d Aosta, sono stati effettuati investimenti sugli impianti per la produzione di energia idroelettrica per migliaia di Euro, interventi di manutenzione per migliaia di Euro e controlli per ore. Sulle linee di alta, media e bassa tensione Deval ha investito migliaia di Euro (8.377 migliaia di Euro nel 2011) e 20

25 1.456 migliaia di Euro su altri impianti. Il Gruppo ha quindi investito localmente, nel solo 2012, migliaia di Euro. Il Gruppo, infine, continua a coltivare le domande di concessione presentate negli anni passati. Purtroppo, l elevato livello di concorrenza presente su alcune aste comporta, spesso, l avvio di contenziosi da parte dei concorrenti la cui composizione dilata enormemente i tempi e aumenta l alea per giungere all assegnazione della concessione. Inoltre, andando ad insistere i nuovi impianti, o i potenziamenti dei vecchi impianti, in contesti ambientali di pregio, il dialogo con i diversi stakeholder accrescerebbe le problematiche realizzative dilatando, anche in questo caso, sia i tempi che i costi stimati per la realizzazione delle opere. Consapevoli delle limitate possibilità di crescita sul territorio locale, il Gruppo continua ad analizzare opportunità industriali in Italia, in ambito eolico e solare, sia con riferimento ad impianti realizzati che a progetti cantierabili. Sono stati individuati alcuni progetti di interesse, che, considerate le procedure d asta previste nel Decreto FER, i crescenti vincoli che vengono imposti alle produzioni da fonte rinnovabile, vedono, come ormai per buona parte delle FER, un costante innalzamento del profilo di rischio industriale delle iniziative e, purtroppo, una significativa contrazione della redditività attesa. Inoltre, si evidenzia all Azionista che nonostante la crisi che ha colpito i mercati finanziari oltre che l economia reale e i successivi downgrade del merito creditizio della Repubblica Italiana il Vostro Gruppo è riuscito a mantenere dei rating elevati sia da parte di Moody s ( Baa1 con outlook negativo ) che di FitchRatings ( A con outlook negativo ). Signori azionisti, il 2013 continua ad essere condizionato dalla difficile situazione economica e finanziaria europea. Purtroppo viene confermata la decrescita del PIL nazionale, la contrazione della domanda elettrica (stima -1.7% con una richiesta di TWh, e un calo di circa 6 TWh rispetto al 2012) e l avvio di una significativa discesa dei prezzi dell energia. Infatti, le quotazioni forward dei prezzi dell energia sono in contrazione sia sul 2013 che nel A ciò si aggiunga che alcuni recenti provvedimenti, quali il richiamato Decreto FER e l introduzione della Delibera 281/2012 che prevede l applicazione ai produttori di penali sulla errata programmazione in immissione dell energia prodotta da fonti di energia non programmabili peggioreranno sicuramente il quadro di redditività del settore e dell azienda. Corre altresì l obbligo di segnalare il crescente numero di incombenze che vengono riversate sulle aziende, e quindi anche sul Gruppo, quali a titolo esemplificativo l estensione delle competenze della Direzione Dighe, della Regione in tema di traverse e piccole dighe, di responsabilità nei confronti dei fornitori in tema di IVA e DURC, che comportano aggravi 21

Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo. in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA

Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo. in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA C V A M O S T R E Mostre in Centrale 2010 Doppio appuntamento a Maën A Valtournenche, in occasione dei dieci anni

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA GESTORE DEI SERVIZI ELETTRICI GSE SPA Direzione Operativa www.gse.it www.gsel.it 2 Commercializzazione dell energia energia elettrica

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Scaglioni di potenza (kw) 1

1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1 Tariffe per la copertura degli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di controllo, inerenti i meccanismi di incentivazione e di sostegno, a carico dei beneficiari

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista a utente non domestico - Prezzo di mercato prevalente della componente energia e della commercializzazione al dettaglio

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli