VERSO UNA NUOVA VOCE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VERSO UNA NUOVA VOCE"

Transcript

1 DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE Ambulatori di Logopedia Albenga- Savona - Cairo Montenotte Coordinatrice : Dott.ssa Antonella Panero VERSO UNA NUOVA VOCE Consigli e indicazioni pratiche per pazienti sottoposti ad intervento di laringectomia totale Questo opuscolo è rivolto a chi, come Lei, è stato sottoposto ad un intervento di laringectomia, allo scopo di fornire consigli utili e indicazioni pratiche per la Pagina 1

2 gestione della nuova situazione e per accompagnarla passo a passo verso i recupero dell autonomia e il ripristino della nuova voce. AUTRICI: Dott. Bertolini Sonia Fisioterapista Dott. Panero Antonella Logopedista Con la collaborazione delle logopediste e fisioterapiste in servizio alla data di pubblicazione del Vademecum presso le Strutture Riabilitative Ospedaliere dell ASL 2 Savonese.: Dott. Log. Pellero Laura Dott. Log. Rebagliati Samantha Fkt. Giuseppina Silvia Di Vita Fkt. Laura Magnano Consulente psicologa: Dott. ssa Ferraris Angela Illustrazioni: Infermiere Professionale Chiappino G. Si ringraziano i Medici del Reparto di Otorinolaringoiatria degli Ospedali S. Paolo di Savo na e Santa Misericordia di Albenga per la gentile collaborazione. Pagina 2

3 INTRODUZIONE COSA SUCCEDE DOPO L'INTERVENTO DI LARINGECTOMIA TOTALE? La laringe è un piccolo organo che svolge molteplici funzioni. Principalmente costituisce una valvola che regola il passaggio dell aria dall esterno ai polmoni, è una protezione alla penetrazione di sostanze e corpi estranei e consente, attraverso il meccanismo della tosse, la loro espulsione. Ma è soprattutto la sede delle corde vocali, che insieme ad altri organi svolgono la funzione fonatoria; infatti permettono la produzione della voce e quindi della comunicazione verbale. Infatti, con l ablazione della laringe e quindi delle corde vocali, le vie respiratoria e deglutitoria vengono disgiunte e l ingresso e l uscita dell aria non avvengono più dalla bocca e dal naso, ma dal foro posto nella parte anteriore del collo, detto stoma. L alimentazione invece continua a seguire le vie naturali. In seguito a queste modificazioni anche l'olfatto e il gusto all'inizio diminuiscono notevolmente, col passare del tempo però noterete un discreto miglioramento. I giorni successivi all'intervento sono i più difficili a causa delle modificazioni anatomiche subite e quindi al nuovo tipo di respirazione. Le verrà applicato un sondino naso-gastrico che le consentirà un adeguato apporto alimentare. Nel giro di pochi giorni le verrà rimosso e lei potrà tornare a bere liquidi e poco per volta ad alimentarsi come prima dell'intervento. Nel tracheostoma al momento del risveglio troverà una cannula che le permette di respirare; essa richiederà una minuziosa pulizia e manutenzione che durante la degenza viene svolta dal personale infermieristico e a casa lei proseguirà. In seguito le sarà tolta anche la cannula e dovrà verificare che lo stoma rimanga pervio e pulito. All'inizio le sembrerà faticoso respirare ma in genere questo sintomo regredisce in breve tempo. Nei primi momenti post-operatori le consigliamo di scrivere ciò che vorrebbe esprimere verbalmente. Per parlare sarà necessario imparare un nuovo tipo di voce detta voce esofagea. Infatti lei dovrà utilizzare l'esofago per parlare: la manovra che permette l'emissione della voce è quella di ingoiare l'aria, mandarla nell'esofago e ributtarla fuori ( semplicemente come per eruttare!), facendo vibrare con essa non più le corde vocali ma la parte più alta dell'esofago nella quale si formeranno pliche dette neocorde o pseudo corde vocali. Non deve essere troppo ansioso di parlare con la nuova voce, quando verrà dimesso del reparto O.R.L. i tecnici rieducatori la aiuteranno ad iniziare il programma terapeutico. Le sembrerà inizialmente difficile ma molti prima di lei hanno imparato e ricordi soprattutto che AVENDO RISOLTO IL PROBLEMA DELLA MALATTIA LARINGEA LEI POTRA' PROSEGUIRE NORMALMENTE LA SUA VITA! Pagina 3

4 PRIMA PARTE Nella prima parte di questo opuscolo le verranno fornite alcune spiegazioni sulle modificazioni anatomiche e funzionali che sono avvenute in seguito all'intervento. Seguendo i nostri consigli e accettando le nostre prospettive riabilitative le sarà possibile, in breve tempo, riacquistare la capacità comunicativa e reinserirsi nella società. Tutte le persone che subiscono una laringectomia totale vivono questa esperienza con emotività e sofferenza, tuttavia non devono sentirsi sole perché molti operatori si interessano dei loro problemi e possono essere d'aiuto nell'affrontarli. All'interno dell's.c.r.r.f. ( Struttura Complessa di Recupero e Rieducazione Funzionale) dell'a.s.l. 2 Savonese ci si occupa fra le altre patologie anche dei pazienti operati di laringectomie totali e parziali. I terapisti della riabilitazione; logopedisti e fisioterapisti, seguono i paziente durante tutto l'iter riabilitativo. Presso il nostro Servizio viene effettuata la prima visita FISIATRICA e quindi il paziente è accolto nel gruppo di terapia collettiva. Il gruppo viene gestito con interventi multidisciplinari da diverse figure: La figura del fisioterapista che esegue un esame obiettivo osservando i dimorfismi a livello cutaneo e l atteggiamento posturale. Quindi propone esercizi finalizzati al recupero di una postura e uno schema motorio corretti e al loro mantenimento nel tempo. La logopedista che si occupa dell'impostazione della voce erigmofonica, in modo tale da permettere al paziente di utilizzare una modalità comunicativa efficace. Durante le sedute logopediche il paziente impara a rifornirsi adeguatamente di aria, spingerla nell esofago e riportarla nella neoglottide ove, per mezzo della vibrazione delle neocorde viene prodotta la voce erigmofonica. In tal modo si incrementa la quantità e la velocità dell aria emessa modulando la voce. Il maestro laringectomizzato che si occupa dell'inserimento del nuovo paziente nel gruppo e di lavorare, con metodiche di "auto mutuo aiuto". Lo psicologo, quando necessario, con colloqui singoli aiuta il paziente e i famigliari nell'affrontare le problematiche legate alla malattia oncologica. SECONDA PARTE Pagina 4

5 Senza dubbio la dimissione dall ospedale rappresenta un grosso momento di disorientamento e di ansie: in corsia il personale infermieristico e medico rappresentano un grosso contenitore dei suoi nuovi bisogni legati all intervento subito e, i compagni di stanza e di reparto, una realtà per tanti aspetti rassicurante soprattutto perché condivisa ( mal comune mezzo gaudio ). Abbandonare l ospedale è un po ricominciare una nuova vita che in quel momento è naturale che la spaventi molto, al punto da indurla a isolarsi, ad abbandonare i suoi amici, ma non solo, ad essere altresì diverso con gli stessi suoi familiari, con il compagno o la compagna e con i figli. Questo momento è da ritenersi assolutamente normale perché lei dovrà soprattutto avere tempo di abituarsi alla sua nuova condizione fisica e psicologica per riuscire poi ad affrontare le sue relazioni esterne. In questo periodo le potrà senza dubbio capitare di sentire il bisogno di stare solo, di evitare contatti con le persone, anche più vicine: non si colpevolizzi. Questo atteggiamento rappresenta un meccanismo di difesa che tutti noi adottiamo nei momenti di debolezza: non possiamo correre se abbiamo una frattura ad un piede! Dobbiamo attendere che la frattura guarisca. Allo stesso modo lei dovrà cercare di ritrovare quella forza di volontà che caratterizza ognuno di noi e a volte sarà molto difficile riuscire a trovarla, ma è importantissimo che lei ci provi al fine di ritrovare la fiducia in se stesso e nelle sue capacità di recupero per il ripristino di una nuova voce e di una nuova vita qualitativamente simile a quella di prima. Le sarà utile a questo proposito la collaborazione di tutte le persone che lei ha vicino, non solo i tecnici specialisti, ma anche i suoi familiari. Ma il primo attore, quello che interpreta il ruolo principale sarà lei, con la sua autodeterminazione e la sua voglia di ricominciare a correre! La dimissione dall'ospedale può essere per lei un momento di grande disorientamento. In corsia il personale infermieristico e medico erano sempre disponibili ad aiutarla mentre ora improvvisamente le cose sembrano più difficili. Con l'operazione della laringe a volte può succedere di subire iniziali alterazioni del carattere che riguardano la fiducia in se stessi, la propria immagine e sarà facile lasciarsi andare ad un atteggiamento depressivo. E' necessario invece reagire e sforzarsi di ottenere e riacquistare il più possibile la fiducia in se stesso. Sappia che ognuno di noi possiede internamente uno slancio vitale che in questa circostanza lei deve stimolare e ripristinare al fine di poter nuovamente avviare un sereno rapporto affettivo con i suoi famigliari, gli amici, con l'ambiente lavorativo e con il mondo circostante. Richiudersi in se stessi, rifiutare il contatto con gli altri e la comunicazione ( anche extra-verbale) Rinforza il malessere e impedisce il proseguimento di un sereno rapporto affettivo con la sua famiglia e con il mondo. Alle dimissioni dall'ospedale è necessario che lei segua alla lettera alcune Pagina 5

6 NORME IGIENICHE CHE LE VERRANNO INSEGNATE DAL PERSONALE DEL REPARTO e che in breve riportiamo qui di seguito: Per evitare che il tracheostoma si restringa è necessario portare per un certo periodo la cannula La cannula e la controcannula devono essere pulite sotto l'acqua corrente almeno due volte al giorno : se sono in materiale metallico possono essere sterilizzate facendole bollire; se invece sono in plastica devono essere sterilizzate con disinfettanti appositi. Prima dell'introduzione la cannula va lubrificata con olio di vaselina oppure con sostanza oleosa. La cannula deve essere sempre in buon stato : se cade e s'ammacca va sostituita! Se un forte colpo di tosse espelle la cannula è necessario infilarla nuovamente e se non riesce in breve tempo si vede rivolgere ad un medico Otorinolaringoiatra, prima che lo stoma possa restringersi Toglierà definitivamente la cannula solo quando lo specialista curante lo riterrà opportuno. L' Otorinolaringoiatra le prescriverà il materiale per le medicazioni che le verrà erogato dal S.S.N. previa autorizzazione dell'a.s.l. di appartenenza. Le consigliamo di conservare l'elenco del materiale indicato dallo specialista in quanto successivamente tale elenco potrà essere redatto dal suo medico di base. E' utile che lo stoma tracheale sia sempre protetto e quindi pervio, ma coperto onde evitare infezioni; non utilizzi per nessuna ragione fazzoletti di carta o di stoffa. Esistono infatti in commercio pratici bavaglini di garza o cotone ( o filtranti simili ad un cerotto) in diversi colori dando un risultato sia igienico che estetico migliore. ALCUNI CONSIGLI PER LA VITA QUOTIDIANA 1) E' BENE NON ESPORSI A FORTI CORRENTI D'ARIA preferendo invece ambienti ben umidificati e con temperature non elevate. 2) SE VA AL PARCO O ALL'ARIA APERTA non tolga mai la garza di copertura perché pollini, polvere o insetti potrebbero penetrare nello stoma. 3) SE VA AL MARE eviti di stare in spiaggia le ore più calde e quando c'è vento che solleva la sabbia. I BAGNI sono sconsigliati ed è preferibile rimanere al fresco sotto l'ombrellone o ripararsi con un cappello a larghe falde. Pagina 6

7 4) EVITI GLI AMBIENTI FUMOSI E POVEROSI 5) NON ABUSI DELLE BEVANDE ALCOLICHE : una vita igienica sana riuscirà assai utile alla sua salute a alla futura acquisizione della voce esofagea. 6) QUANDO FA LA DOCCIA ripari il tracheostoma dell'acqua con le garze di copertura, mentre quando fa IL BAGNO eviti che il livello dell'acqua superi il torace e che la temperatura dell'acqua sia eccessiva, in quanto il vapore potrebbe crearle difficoltà respiratorie. 7) Per la RASATURA le consigliamo di mantenere ugualmente protetto il tracheostoma per evitare che acqua o peli possano penetrare in trachea 8) Le signore possono continuare a portare COLLANE e GIROCOLLI purchè non sia di impedimento al normale passaggio di aria dallo stoma. 9) Pulisca frequentemente e con cura I DENTI e RISCIACQUI SPESSO LA BOCCA usando un buon Pagina 7

8 collutorio, in questo modo eviterà l'alito cattivo e migliorerà le capacità gustative. TERZA PARTE Come abbiamo già precedentemente detto, per poter nuovamente condurre una vita familiare, sociale e professionale uguale a quella degli altri, è necessario un certo impegno riabilitativo. A questo punto, infatti, dopo la dimissione dal reparto otorinolaringoiatrico, siete accolti nell unita operativa recupero e rieducazione funzionale, dove, dopo aver effettuato la visita fisiatrica di inquadramento potrete iniziare la rieducazione logopedica e fisioterapica. tali terapie verranno effettuate in gruppo. Nel corso della RIEDUCAZIONE LOGOPEDICA, insieme alla logopedista e al rieducatore laringectomizzato, potrete imparare ad utilizzare la nuova voce, la VOCE ESOFAGEA, applicando con calma e precisione gli esercizi che Le verranno insegnati. Come è già stato illustrato nella prima parte di questo opuscolo ora l aria respirata entra e esce dai vostri polmoni attraverso lo stoma, non più attraverso bocca e naso. Dopo l intervento avrete già tentato di parlare producendo una voce sussurrata. E importante non perseverare in questa cattiva abitudine perché continuare a bisbigliare può ostacolare l acquisizione della voce esofagea. E meglio all inizio, se possibile, ricorrere alla scrittura. Ora non parlerete più con la laringe e le corde vocali usando l aria che esce dai polmoni, ma con l esofago, il canale dove passa il cibo. E necessario quindi ingoiare l aria, mangiarla, spingerla nell esofago e ributtarla fuori facendo vibrare con essa non più le corde vocali, ma la parte più alta delle pareti dell esofago. Pagina 8

9 PERCORSO RIABILITATIVO VOCE ESOFAGEA PRIMA LEZIONE Per prima cosa lei deve imparare a portare l aria all esofago (il canale alimentare) e farla ritornare verso l alto producendo in questo modo un suono che userà poi per formare le parole. Prima inspiri ed espiri profondamente due o tre volte. Inspiri un altra volta riempiendo la bocca di aria. Ora usi la lingua per spingere l aria in gola e nell esofago. Non permetta che vada fino allo stomaco. Dopo aver ingoiato l aria la riporti in alto: il suono risultante dovrà essere simile ad un rutto. Continui a provare fino a quando riuscirà a produrre il suono tutte le volte che lo desidera e nella maniera più prolungata possibile. Mentre l aria esce provi a pronunciare le vocali sempre più lunghe. Esempio AAAAAAAAAAAAAA OOOOOOOOOOOOOO E così per tutte le vocali! CERCHI DI RIMANERE RILASSATO E TRANQUILLO MENTRE PROVA. E probabile che lei possa emettere il suono durante le prime prove, mentre potrebbe succedere di poter impiegare più tempo per riuscirci. Non abbia fretta, si alleni spesso durante il giorno in modo da esercitare i muscoli e rendere così la manovra più spontanea possibile. SUGGERIMENTI UTILI 1. Si eserciti il più possibile durante il giorno (effettuare in media diversi tentativi ogni ora) 2. L esercitazione deve essere breve e alternata da pause di riposo 3. Assicurarsi di far entrare l aria dalla bocca: bisogna aprire la bocca simulando il gesto della presa del cibo 4. Cerchi di non far rumore mentre spinge l aria nell esofago. 5. Si eserciti davanti allo specchio per evitare di fare delle smorfie e per verificare che i movimenti della bocca siano corretti. 6. Non usi la voce bisbigliata. Il continuo uso di questa voce può essere d ostacolo ad imparare correttamente l uso della voce esofagea. Quindi continui per ora ad usare carta e penna per comunicare. Pagina 9

10 7. E probabile che all inizio provi stanchezza e nausea o sensazione di vertigini (per aver ingerito troppa aria). Si fermi, si riposi, queste sensazioni spariranno con l allenamento. 8. Se fa radioterapia non cessi mai di esercitarsi, ma anzi lavori di più così da vincere l azione di questi raggi che, utili per bloccare il male, induriscono però la zona del collo. Potrebbe avere anche sensazione di mancanza di salivazione, quindi si aiuti idratandosi di più e bevendo acqua gassata la quale facilita l eruttazione. SECONDA LEZIONE Ora Lei ha imparato a portare l aria nell esofago e a produrre il rutto. Non si senta in imbarazzo, piano piano con l allenamento i suoni che Lei emetterà assomiglieranno sempre meno a un rutto e saranno più gradevoli, perché DIVENTERANNO DELLE PAROLE. Quando riesce a produrre senza fatica i primi suoni che le abbiamo proposto, provi a pronunciare le sillabe seguenti. E importante che Lei cerchi di allungare il più possibile il suono delle vocali: questo le permetterà di imparare a modulare la voce e a pronunciare più parole con una sola eruttazione. PA PE PI PO PU TA TE TI TO TU GA GHE GHI GO GU ZA ZE ZI ZO ZU CA CHE CHI CO CU GIA GE GI GIO GIU RA RE RI RO RU VA VE VI VO VU SCA SCO SCHI SCHE SCU STA STE STI STO STU GLIA GLIE GLI GLIO GLIU BA BE BI BO BU DA DE DI DO DU SA SE SI SO SU FA FE FI FO FU CIA CE CI CIO CIU LA LE LI LO LU MA ME MI MO MU NA NE NI NO NU SPA SPE SPI SPO SPU SLA SLE SLI SLO SLU SCIA SCE SCI SCIO SCIU Alcune di queste sillabe sono più facili da produrre, altre risultano inizialmente più complicate. Non si perda d'animo, continui a provare: questo è il momento più delicato della rieducazione superato il quale la parola verrà da sola, senza difficoltà eccessive. Se pronunciando le sillabe sente un soffio d'aria proveniente dalla cannula significa che sta facendo una pressione eccessiva sul diaframma, costringendo l'aria ad uscire troppo rapidamente. Per diventare un buon parlatore è necessario che lei impari a dominare dosando l'aria in uscita per poter dire più parole con la stessa boccata d'aria e perché le stesse risultino più chiare e comprensibili. Per far questo è necessario allenarsi molto e soprattutto rilasciare i muscoli delle braccia, del petto, del collo del collo e del viso, inspirare ed espirare dolcemente affinchè l'aria non esca rumorosamente dalla cannula. Ora provi a pronunciare una "A" dolcemente mantenendo il suono il più a lungo possibile. Misuri il tempo con un orologio e osservi i progressi fatti. Fare così l aiuterà a sviluppare una voce migliore. Potrà rifare gli esercizi sillabici cercando di prolungare le vocali. Noterà che i suoni emessi perderanno progressivamente la loro somiglianza a rutti per assumere sempre più il timbro della voce normale. Si ricordi sempre di rilassare tutti i muscoli e di parlare molto lentamente: se cede la tensione i suoni usciranno quasi da soli. TERZA LEZIONE E il momento di pronunciare le prime parole. Cominci prima a sillabarle prendendo aria prima di ogni sillaba e poi piano piano provi ad unire più suoni nella stessa emissione di fiato. Aria CA aria CO CU BO CHIC- CO CACO CUBO CHICCO Aria PO aria CO PA PA PU PA POCO PAPA PUPA Pagina 10

11 CO CHI COCHI PE RA PE RA COT - TO COT TO TRE NO TRENO CRU DO CRU DO TRO TA TROTA QUEL LA QUELLA TRIL LO TRILLO QUAN TO QUANTO SAL TO SALTO MER LO MERLO CAM -PO CAMPO PA NI -NO PANINO CA VA-LLO CAVALLO TA VO LO TAVOLO TE LE FO -NO TELEFONO CA VO LO CAVOLO TA- VO- LI- NO TAVOLINO PA TA TE PATATE FAR-FA-LLA FARFALLA MA TI TA MATITA TE LE VI-SO-RE TELEVISORE Cerchi di parlare sempre molto lentamente, scandendo bene le sillabe. In questo modo il suo linguaggio sarà molto più chiaro! QUARTA LEZIONE Proviamo a dire i numeri da uno a dieci. Alcuni sono più facili, altri più difficili da pronunciare. Prenda aria e pronunci più volte uno, due, tre, sei poi provi a sillabare qua ttro, cin que, set te, ot- to, no ve. Provi ancora, piano piano le parole verranno fuori con maggior facilità. Ripeta nuovamente recuperando aria ad ogni numero: uno, due, tre, quattro, cinque, sei,sette, otto, nove, dieci. QUINTA LEZIONE Ripetiamo alcune parole corte e simili tra loro. Provi a pronunciarle davanti allo specchio; cerchi di essere naturale mentre parla. Le ripeta più volte cercando di accentuare la differenza fra i suoni. Quanto più lo farà, tanto più diventerà facile. Se possiede un registratore, provi a riascoltare la sua voce e se le sembra poco comprensibile cerchi di parlare più lentamente, scandisca di più le parole movendo maggiormente la bocca per differenziare le sillabe, controlli che non vi sia soffio d aria che esce dal tracheostoma. Non sia troppo severo con se stesso, si ricordi che poco tempo fa non pensava neppure di poter parlare di nuovo. Ora ci sta riuscendo e molto bene! PAPA' BABA' PALLA BALLA POLLO BOLLO FOCE VOCE FEDE VEDE FINO PANCA BANCA PASTA BASTA TOPO DOPO ALTO ALDO CORTA CORDA FARO PARA PALA TOCCA CIOCCA BOTTE BOCCE FONTINA FONDINA INFERNO INVERNO SIMONE Pagina 11

12 VINO VARO TIMONE FERMI FIALE FINOCCHIO VERMI VIALE PINOCCHIO COLA CIELO TALLONE GOLA GELO PALLONE CALLO MANCIA MOBILE GALLO MANGIA NOBILE CARA OTTO FANTINO GARA OSSO SANTINO SACCO BUSSA PASTELLO TACCO BUTTA CASTELLO FILA ROSSA BALCONE PILA ROTTA BARCONE FINO VERE TAVOLO PINO BERE CAVOLO TANE PACCO SADANO PANE TACCO SEGANO PINO BOCCIA FACCHINO TINO DOCCIA TACCHINO PELO BUE AFFERRA TELO DUE ATTERRA BIRO PARTE CACCIATORE CHIRO CARTE CALCIATORE RUBA PORTA BATTERE RUGA CORTA SBATTERE CARA PATTO ARMATO GARA PAZZO AMATO BALLO PETTO CASCATA GALLO PEZZO CASSATA BATTE RAZZO SCARICA GATTE RATTO CARICA DIO COTTA SCOLPISCE ZIO COZZA COLPISCE ROTTA MULO SCOPPIARE LOTTA MURO COPIARE REGNO CALLO CORRERE LEGNO CARRO SCORRERE Le parole utilizzate sono state tratte da "Il Libro delle coppie minime 1 e 2" Ed. Del Cerro. Ora proviamo ad articolare parole sempre più lunghe: VITA CUCCIA CANE ACQUA VELA PORTA SCHIACCIA SPAVENTA VITAMINA CUCCIATO CANINO ACQUARIO VELATO PORTATO SCHIACCIATO SPAVENTATO VITAMINICO CUCCIOLATA CAGNIACCIO ACQUERELLO VELLUTATO PORTAOMBRELLO SCHIACCIANOCI SPAVENTAPASSERI Pagina 12

13 SESTA LEZIONE Stiamo progredendo molto bene! Cerchiamo ora, dividendo le parole in sillabe, a pronunciare alcune frasi di uso quotidiano. Inizialmente parli prendendo ogni volta aria dove è segnato il trattino. Poco per volta cerchi di unire le sillabe. CI-A-OOOO BU-ON GIOR-NO CO-ME VA? DO-VE VA-I? SE-I PRON-TO OG-GI HO FA-ME PRON-TO CHI PAR-LA? CIA-A-O SO-NO.. VA-DO A CA-SA VI-E-NI QUI CO-ME TI CHI-A-MI? O-RA SO-NO STAN-CO QUAN-TO COS-TA? E' TRO-PPO CA-RA VA-DO A DOR-MI-RE MOL-TO BE-NE GRA-ZIE MI-LLE VEN-GO IN MA-CCHI-NA O-GGI VA-DO A SPA-SSO E' MOL-TO BE-LLO MI DI-A PER UNA MA-NO SI SBRI - GHI PER FA-VO-RE LE VO-RREI DI-RE QUE-STO MI DIS-PIA-CE NON E COL-PA CIAOOOO! BUON GIORNO! COME VA? DOVE VAI? SEI PRONTO? OGGI HO FAME! PRONTO CHI PARLA? CIAO SONO. VADO A CASA VIENI QUI! COME TI CHIAMI? ORA SONO STANCO! QUANTO COSTA? E' TROPPO CARA! VADO A DORMIRE MOLTO BENE! GRAZIE MILLE! VENGO IN MACCHINA OGGI VADO A SPASSO E' MOLTO BELLO! MI DIA UNA MANO SI SBRIGHI PER FAVORE LE VORREI DIRE QUESTO MI DISPIACE NON E COLPA MIA MIA Sta facendo molti progressi. Ora può cominciare a conversare con i familiari e gli amici, usando la nuova voce. Continui però a fare gli esercizi per perfezionarsi ulteriormente. SETTIMA LEZIONE Immagini ora che qualcuno le ponga alcune domande o debba rispondere al cellulare o al telefono di casa. Si ricordi di parlare sempre lentamente e soprattutto al telefono non cerchi di alzare il volume! Provi davanti allo specchio e con il registratore. Stiamo facendo passi da gigante! Vada al bar e chieda un caffè. Vada in edicola e chieda il giornale: deve iniziare a sperimentare la nuova voce!! Si faccia aiutare dagli amici, dai familiari faccia le prove con loro! Telefoni alla moglie o al marito, al suo più caro amico e gli chieda di dire semplicemente se riesce a capire ciò che lei sta dicendo o di ripeterglielo, gli chieda di essere sincero e di dire quali parole ha compreso con più difficoltà e si eserciti su queste!! Più pratica farà e meglio parlerà! Provi anche da solo passeggiando tranquillamente: contare i passi è un ottimo esercizio! Riprenda il più presto le attività sociali abituali, uscendo e sperimentando l efficacia della nuova voce. Più avrà fatto pratica, meglio saprà cavarsela nelle situazioni difficoltose. OTTAVA LEZIONE Provi a leggere queste frasi sempre più lunghe prendendo più volte il respiro. Pagina 13

14 Perché la lettura risulti chiara è necessario che Lei divida le frasi in gruppi di parole e che riprenda aria alla fine di una parola e non a metà. Se non riesce ricominci da capo e ripeta quello che voleva dire. Poi legga il brano qui di seguito rifornendosi inizialmente di aria ad ogni parola; poco per volta si eserciti a leggere più parole con la stessa emissione di fiato. Ricordi di non forzare la voce ed articoli sempre molto bene muovendo molto la bocca! La sua lettura deve essere chiara e comprensibile, cercando di impiegare minor fatica possibile! Se può registri la sua voce per riascoltarla e correggere eventuali errori. Inspiro OGGI FUORI Inspiro C E IL SOLE Inspiro OGGI FUORI C E IL SOLE E Inspiro IO VADO A PASSEGGIO Inspiro OGGI FUORI C E IL SOLE E Inspiro IO VADO A PASSEGGIO Inspiro CON IL CANE Inspiro OGGI FUORI C E IL SOLE Inspiro E IO VADO A PASSEGGIO Inspiro CON IL CANE FINO AL MARE Ora si regoli lei quando ha necessità di rifornirsi di aria!! GIACOMO HA FINITO I COMPITI GIACOMO HA FINITO I COMPITI E GIOCA GIACOMO HA FINITO I COMPITI E GIOCA CON LAURA A PALLA GIACOMO HA FINITO I COMPITI E GIOCA CON LAURA A PALLA IN GIARDINO E L ORA DI FARE MERENDA E L ORA DI FARE MERENDA E I BAMINI MANGIANO E L ORA DI FARE MERENDA E I BAMBINI MANGIANO LA NUTELLA E L ORA DI FARE MERENDA E I BAMBINI MANGIANO PANE E NUTELLA METTO IL CAPPOTTO METTO IL CAPPOTTO NUOVO METTO IL CAPPOTTO NUOVO PERCHE FA FREDDO METTO IL CAPPOTTO NUOVO PERCHE FA FREDDO ED ESCO METTO IL CAPPOTTO NUOVO PERCHE FA FREDDO ED ESCO PER ANDARE A PASSEGGIO IL DESERTO E UN IMMENSA DISTESA IL DESERTO E UN IMMENSA DISTESA DI SABBIA IL DESERTO E UN IMMENSA DISTESA DI SABBIA PRIVA D ACQUA IL DESERTO E UN IMMENSA DISTESA DI SABBIA PRIVA D ACQUA E DI VEGETAZIONE IL DESERTO E UN IMMENSA DISTESA DI SABBIA PRIVA D ACQUA E DI VEGETAZIONE SULLA QUALE SI ALZANO COLLINETTE IL DESERTO E UN IMMENSA DISTESA DI SABBIA PRIVA D ACQUA E DI VEGETAZIONE SULLA QUALE SI ALZANO COLLINETTE CHIAMATE DUNE Pagina 14

15 IL DESERTO. Adesso provi a leggere questo brano, cercando di trovare il momento più opportuno per riprendere aria sia rispetto alle sue esigenze sia in base alla prosodia del testo. E un immensa distesa di sabbia priva d acqua e di vegetazione, sulla quale si alzano collinette chiamate dune. Sul deserto il cielo è quasi sempre sereno e il sole brucia e accieca. Di giorno il caldo è soffocante, ma di notte la sabbia si raffredda rapidamente e la temperatura si fa rigida. Talvolta il cielo si copre di nuvole nere e la pioggia scroscia con violenza, ma la sabbia lascia filtrare l acqua e dopo breve tempo il deserto torna ad essere arido e desolato come prima. Non di rado sul deserto soffia un vento fortissimo che solleva e trasporta ondate di sabbia infuocata. Gli uomini allora devono gettarsi a terra, mettere la testa fra le gambe e coprirsi interamente con il loro mantello bianco. Il terribile vento di deserto spira da sud-ovest e si chiama simun. Quando il vento cessa, il deserto ha cambiato aspetto: sono scomparse alcune dune, mentre altre si sono formate dove prima c era il piano. Nella distesa di sabbia, a breve distanza fra di esse, crescono piante irte di spine: sono cactus. Fra queste piante si annidano le serpi. Pagina 15

16 LETTURA DI POESIA Ora legga questa poesia prendendo aria ad ogni capoverso IL BUIO Un grave buio Ha sfatto i miei pensieri Ha ucciso i miei sogni e ha cancellato Dai miei occhi la luce e i suoi colori. Un buio sordo Ha annerito il cielo Ha soffocato le stelle Ora il Creato ha perso la favella. In un mondo oscuro Dove fa paura la guerra Alte grida di dolore Hanno avvolto il pianeta terra. Piccole luci di stelle Hanno bucato il nero manto della notte E il solo con la usa luce vivificante Ci ha liberati da quel buio accecante. (Giovanni Balconi AILAR - Associazione Italiana Laringectomizzati) CANZONE Sa che potrebbe anche canticchiare? Pagina 16

17 Provi a riprendere le vocali prolungate, modulandole su più toni, producendo un suono simile alla sirena Pr ovi anche a aumenta r e e diminuire il volume della sua vo ce sul piano e sul fo rte oooo OO oo o O O O o o o Potrebbe intonare questa o con altre canzoni a Lei più familiari QUATTRO AMICI Eravamo quattro amici al bar Che volevano cambiare il mondo, destinati a qualche cosa in più che a una donna ed un impiego in banca Si parlava con profondità di anarchia e di libertà tra un bicchier di coca ed un caffè tiravi fuori i tuoi perché e proponevi i tuoi farò.. Pagina 17

18 FILASTROCCA AD OGNI MESE IL SUO PROVERBIO Lo sapete che GENNAIO Tiene i frutti nel solaio, che FEBBRAIO è piccolino, breve, freddo e biricchino? Arriva MARZO pazzerello: esce il sole e prendi l ombrello! Dietro a lui viene APRILE: sbadiglia, sbadiglia, è dolce dormire. Esplode MAGGIO ed è beato Chi per tempo ha seminato. Biondo ondeggia di GIUGNO il grano Pronto sta il contadino con falce in mano. LUGLIO-lunghe son le giornateporta il pieno dell estate. Ecco, torrido d AGOSTO, il solleone brucia il bosco. E SETTEMBRE un mese bello: sole misto a venticello. Davvero OTTOBRE è generoso E di tutti il più fruttuoso. A NOVEMBRE i dì gelati Son dannosi ai campi seminati. A DICEMBRE, neve abbondante Salva il grano per il pane croccante. Per finire sempre in rima, lo sai tu, mia piccina, che TRENTA GIORNI HA NOVEMBRE CON APRIL, GIUGNO E SETTEMBRE; DI VENTOTTO C E NE UNO: TUTTI GLI ALTRI NE HAN TRENTUNO?! LETTURA TESTO CON CONVERSAZIONE/INTERVISTA Legga questo brano alternandosi con altre persone in modo tale da suddividersi le parti dei protagonisti del Pagina 18

19 brano. IL FUMO E L ARROSTO Una volta un mendicante entrò in una rosticceria e mise un pezzo di pane sul fumo di un pollo arrosto. Pagami subito quello che hai preso! gridò il rosticciere. Ma io non ho preso nulla! gli rispose il mendicante. Ho messo soltanto il mio pane sul fumo odoroso del pollo E tu pagami il fumo! Ma neanche per sogno! Discuti, discuti, fecero chiasso e accorse gente. Vennero allora le guardie che portarono i due litiganti dal giudice. Il giudice volle sapere con precisione com erano andate le cose. Poi dette questa sentenza: Tu mendicante, che hai goduto il fumo dell arrosto, sei condannato a battere una moneta su questo mio banco. La moneta suonerà e tu, rosticciere, con quel suono sarai pagato del fumo del tuo arrosto. RICORDI UNA COSA MOLTO IMPORTANTE: L USO DEL TELEFONO E L USO DI FRASI BREVI DURANTE LA GIONATA CON LE PERSONE CHE LE SONO VICINE E UN ESERCIZIO QUOTIDIANO E COSTANTE.!! Le lezioni si concludono qui. Sino a poco tempo fa lei si chiedeva se sarebbe riuscito a parlare di nuovo, ed ecco ora, grazie soprattutto alla sua pazienza e al suo impegno nell eseguire costantemente gli esercizi, può servirsi della nuova voce per comunicare di nuovo, per conversare con gli amici, per sentirsi nuovamente autonomo e sicuro di sé. Continui con regolarità e costanza gli esercizi: più avrà fatto pratica e meglio se la caverà nelle difficoltà e dominerà la propria voce; se continua provando e conversando, la sua voce migliorerà come potenza e come qualità. SE SA DI QUALCUNO CHE DOPO UN INTERVENTO COME IL SUO DESIDERA IMPARARE NUOVAMENTE A PARLARE, VADA A TROVARLA, GLI PARLI, GLI RACCONTI LA SUA ESPERIENZA. QUESTA SARA L OCCASIONE PER AIUTARE UN ALTRA PERSONA. VERSO UNA NUOVA AUTONOMIA Dopo l intervento la possibilità di tornare a comunicare con gli altri attraverso la voce è indubbiamente il punto Pagina 19

20 più importante per sentirsi reinserito nella vita sociale ma la riduzione della funzionalità delle spalle e delle braccia può rallentare indubbiamente la vostra autonomia. Può accadere che le spalle siano dolenti, soprattutto se si è subito un intervento profondo ( svuotamento bilaterale a livello dei muscoli del collo). Innanzi tutto, in fase post-operatoria, si dovrà avere cura di mantenere UNA POSIZIONE BEN DIRITTA, che prevenga l instaurarsi di atteggiamenti SCORRETTI e favorisca nel contempo una migliore espansione della gabbia toracica. Sarà utile inoltre eseguire esercizi per ripristinare la funzionalità degli arti superiori. QUESTI ESERCIZI DEVONO ESSERE ESEGUITI CON COSTANZA GIORNALMENTE con difficoltà progressiva, per brevi tempi, dosando gradualmente la potenza, senza eccedere nella sforzo. Essendo finalizzati alla riduzione dei dolori post-operatori al collo ed alle spalle, devono essere continuati anche in presenza del dolore. Una più frequente ripetizione delle seri di esercizi si rende necessaria per chi ha subito un intervento più esteso o chi ha già in precedenza accusato dolori cervicali e alla parte superiore del tronco. Durante gli esercizi si potrà avvertire una sensazione di tensione alla cicatrice e a volte anche dolore, bisogna cercare di non interrompersi e continuare : I RISULTATI NON SI FARANNO ATTENDERE! Naturalmente, soprattutto a casa devono essere compiuti ogni giorno i movimenti più comuni come lavarsi, vestirsi, pettinarsi, toccarsi la schiena. Fig. 1 Seduto, busto eretto inclini il capo verso la spalla destra indietro verso la spalla sinistra in avanti sul petto infine ruoti la testa verso destra e verso sinistra in modo da compiere un intero giro. TUTTI I MOVIMENTI VANNO ESEGUITI MOLTO LENTAMENTE Pagina 20

Consigli e indicazioni pratiche per pazienti sottoposti ad intervento di laringectomia totale

Consigli e indicazioni pratiche per pazienti sottoposti ad intervento di laringectomia totale VADEMECUM PER PAZIENTI LARINGECTOMIZZATI DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE. S. S. D. RIEDUCAZIONE FUNZIONALE Ospedale Savona - Territorio Savonese S. S. D. RIEDUCAZIONE FUNZIONALE Ospedale Albenga - Territorio

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA La RACHIALGIA, nome scientifico del mal di schiena, si colloca tra le patologie più diffuse, colpendo in modo democratico persone di tutte le età, di tutte le categorie professionali e di tutte le tipologie.

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

A cura di Marcello Ghizzo

A cura di Marcello Ghizzo IL PRIMO SOCCORSO A NOI E AGLI ALTRI A cura di Marcello Ghizzo Per cominciare Il rischio che tu o i tuoi compagni possiate restare vittime di incidenti durante la pratica sportiva, il gioco, a scuola o

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE Struttura Semplice Dipartimentale Rieducazione Funzionale Ospedale Albenga/Territorio Albenganese Responsabile Dssa. Anna Maria Amato 2

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai:

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai: Unità 6 Al Pronto Soccorso In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso l uso degli

Dettagli

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce 4. Esercizi raccomandati La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce una indicazione ed un invito ad adottare un vero e proprio stile di vita sano, per tutelare l integrità e conservare

Dettagli

Sequenza Disintossicante

Sequenza Disintossicante Sequenza Disintossicante Lezioni e suggerimenti pratici di Kundalini Yoga HTTP://WWW.LEVIEDELDHARMA.IT 1 Sequenza Disintossicante Lezioni e suggerimenti pratici di Kundalini Yoga Detoxification Sequenza

Dettagli

Ginnastica preparatoria

Ginnastica preparatoria Ginnastica preparatoria Le attività di una ginnastica per attività sportiva sono essenzialmente 4: Riscaldamento muscolare allungamento dei muscoli tonificazione (potenziamento ) muscolare minimo allenamento

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

L uso delle mani e del corpo

L uso delle mani e del corpo PARTE SECONDA 77 78 1 L uso delle mani e del corpo Il contatto: massimo Il contatto delle mani e, quando possibile, delle avambraccia sul corpo, deve essere pieno e senza interruzioni. Durante il massaggio

Dettagli

Consigli per assistere la Persona con Demenza

Consigli per assistere la Persona con Demenza Ospedale San Lorenzo Valdagno Dipartimento Medicina Interna Unità Operativa di Lungodegenza Responsabile dr. Marcello Mari Consigli per assistere la Persona con Demenza Strumenti per qualificare le cure

Dettagli

I.N.R.C.A. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Anziani - IRCCS in Forma

I.N.R.C.A. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Anziani - IRCCS in Forma Il movimento è fondamentale per il soggetto anziano per mantenere o riacquistare l indipendenza e l autosufficienza. Spesso l atteggiamento della persona di una certa età è di sfiducia e rassegnazione:

Dettagli

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico La al ESERCIZI PRATICI ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico L attività fisica è fondamentale per sentirsi bene e per mantenersi in forma. Eseguire degli esercizi di ginnastica dolce, nel postintervento,

Dettagli

CERVICALGIA ESERCIZI DI FISIOTERAPIA

CERVICALGIA ESERCIZI DI FISIOTERAPIA CERVICALGIA ESERCIZI DI FISIOTERAPIA Esercizi di fisioterapia Il tratto cervicale è la prima parte della colonna vertebrale. Quando si parla di cervicalgia si intende un dolore a livello del collo che

Dettagli

Riabilitazione per stupor nervo facciale

Riabilitazione per stupor nervo facciale Riabilitazione per stupor nervo facciale Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da

Dettagli

Ricerca dei segni dello stress

Ricerca dei segni dello stress 5 Ricerca dei segni dello stress Prima di iniziare il massaggio vero e proprio, specialmente quando massaggiate una persona per la prima volta, accertate il livello dello stress attraverso la ricerca dei

Dettagli

Serena vive, scrive, comunica

Serena vive, scrive, comunica Serena vive, scrive, comunica Serena Negrisolo SERENA VIVE, SCRIVE, COMUNICA Poesie alla mia cara mamma a Marcella al mio papà Introduzione Sono Pino, il papà di Serena. Al termine del terzo anno di

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati *Dopo il primo incontro con la monaca buddista Doyu Freire, i bambini sono stati invitati a raccontare liberamente l esperienza, appena fatta,

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

La costruzione della respirazione

La costruzione della respirazione La costruzione della respirazione ovvero : La funzione toracica nel nuoto di Gabriele SALVADORI Spazio emozione sport Lo spazio dà la chiave dell emozione, l emozione dà la chiave dello sport Bernard Jeu

Dettagli

INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE

INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE Francesco Albanese, 67 anni Ex titolare di una impresa edile Operato 5 anni fa di protesi alle ginocchia Sul sito web www.storiedivitainmovimento.it

Dettagli

MANUALE DI PRIMO SOCCORSO. (..il lupetto pensa agli altri come sé stesso.. )

MANUALE DI PRIMO SOCCORSO. (..il lupetto pensa agli altri come sé stesso.. ) MANUALE DI PRIMO SOCCORSO (..il lupetto pensa agli altri come sé stesso.. ) IN OGNI CASO,PRIMA DI TUTTO CHIAMARE UN ADULTO O SE SIAMO COL BRANCO, UN VECCHIO LUPO 1) FERITE e ABRASIONI cutanee Cosa sono?

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO La voce dopo microchirurgia laringea

OPUSCOLO INFORMATIVO La voce dopo microchirurgia laringea OPUSCOLO INFORMATIVO La voce dopo microchirurgia laringea Clinica OTORINOLARINGOIATRICA Strada di Fiume 447 34100 Trieste www.aots.sanita.fvg.it LA VOCE: come funziona? Nella produzione della voce viene

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

Hai mai guidato una macchina?

Hai mai guidato una macchina? INDICE CAPITOLO UNO Al posto di guida 7 CAPITOLO DUE Un segreto sulla rabbia 13 CAPITOLO TRE Arrabbiarti ti aiuta a farti degli amici? 23 CAPITOLO QUATTRO Al fuoco, al fuoco! 27 CAPITOLO CINQUE Metodo

Dettagli

MASTECTOMIA ESERCIZI DI FISIOTERAPIA

MASTECTOMIA ESERCIZI DI FISIOTERAPIA MASTECTOMIA ESERCIZI DI FISIOTERAPIA Esercizi di fisioterapia In questo opuscolo sono riportati alcuni semplici esercizi che devono essere ripetuti quotidianamente sino al recupero totale della funzionalità

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE?

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE? SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 PROGETTO SCIENTIFICO di Marica Loppo Gruppo anni 5 LA MEMORIA è una GRANDE CASA in cui si depositano le informazioni recuperate con l aiuto dei sensi (LE FINESTRE)

Dettagli

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO CONOSCERE IL PROPRIO CORPO Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

CONSIGLI PRATICI PER I FAMILIARI DEL PAZIENTE AFASICO

CONSIGLI PRATICI PER I FAMILIARI DEL PAZIENTE AFASICO CONSIGLI PRATICI PER I FAMILIARI DEL PAZIENTE AFASICO Gentile Utente, o questa guida intende fornirle alcune informazioni e consigli sull AFASIA, un disturbo che limita il linguaggio. Nel nostro Ospedale

Dettagli

SPALLE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA

SPALLE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA SPALLE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA Esercizi di fisioterapia Gli esercizi descritti in questo opuscolo sono consigliati ai pazienti affetti da patologie delle spalle (periartriti, esiti di intervento, esiti

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Enzo De Maio, datore di lavoro Nella mia funzione di case manager e consulente HR della Direzione generale delle dogane, ho ricevuto una comunicazione

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Consigli ai genitori per aiutare i bambini a parlare bene

Consigli ai genitori per aiutare i bambini a parlare bene Claudia Azzaro Parlare GIOCANDO Consigli ai genitori per aiutare i bambini a parlare bene Armando editore 3 AZZARO, Claudia Parlare giocando. Consigli ai genitori per aiutare i bambini a parlare bene ;

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

CATALOGO DI ESERCIZI PER PAUSE IN MOVIMENTO. ESERCIZI PER STIMOLARE LA CONCENTRAZIONE

CATALOGO DI ESERCIZI PER PAUSE IN MOVIMENTO. ESERCIZI PER STIMOLARE LA CONCENTRAZIONE MOVING SCHOOL 21 PROGETTO LA SCUOLA IN MOVIMENTO CATALOGO DI ESERCIZI PER PAUSE IN MOVIMENTO. ESERCIZI PER STIMOLARE LA CONCENTRAZIONE Autore: Stephan Riegger, Berlinbewegt e.v., Moving School 21 1 Stimola

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

La Prevenzione del Rischio da MMC. Introduzione. Newsletter 08/2014

La Prevenzione del Rischio da MMC. Introduzione. Newsletter 08/2014 Codroipo, lì 15 settembre 2014 Prot. 4714LM La Prevenzione del Rischio da Movimentazione Manuale dei Carichi MMC Introduzione Newsletter 08/2014 ECONSULTING del dott. Luciano Martinelli Via Roma, 15 int.

Dettagli

Linee Guida per una Ginnastica utile per le Mani.

Linee Guida per una Ginnastica utile per le Mani. Dottor Giuseppe Internullo Specialista in Ortopedia e Traumatologia Specialista in Chirurgia della Mano e Microchirurgia Ortopedica Università di Modena. Linee Guida per una Ginnastica utile per le Mani.

Dettagli

PER PAZIENTI OPERATI ALLA SPALLA

PER PAZIENTI OPERATI ALLA SPALLA H H H Settore di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Nino Basaglia MODULO DIPARTIMENTALE ATTIVITÀ AMBULATORIALE Responsabile: Dott. Efisio

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Laboratorio Musicale Musica Maestro di Barbara Pavesi Anno scolastico 2008-2009 dal 12 gennaio 2009 al 27 marzo 2009

Laboratorio Musicale Musica Maestro di Barbara Pavesi Anno scolastico 2008-2009 dal 12 gennaio 2009 al 27 marzo 2009 Laboratorio Musicale Musica Maestro di Barbara Pavesi Anno scolastico 2008-2009 dal 12 gennaio 2009 al 27 marzo 2009 Suddivisione del gruppo I bambini della Sezione Primavera, divisi in 2 gruppi da 10-11

Dettagli

Cristiano Carli. BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile. Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com. I ed.

Cristiano Carli. BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile. Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com. I ed. Cristiano Carli BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com I ed. marzo 2014 Copertina: Giulia Tessari about me giulia.tessari@gmail.com DISCLAIMER

Dettagli

La relazione di aiuto con il paziente e la famiglia nella sedazione palliativa

La relazione di aiuto con il paziente e la famiglia nella sedazione palliativa La relazione di aiuto con il paziente e la famiglia nella sedazione palliativa Dott.ssa Amanda Panebianco Psicologa psicoterapeuta Servizio di psicologia ospedaliera ASL TO4 L inizio della relazione d

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

ESERCIZI METAFONOLOGICI

ESERCIZI METAFONOLOGICI ESERCIZI METAFONOLOGICI - Segmentazione e fusione sillabica (es. MA-TI-TA); - Riconoscimento della sillaba iniziale delle parole ; - Riconoscimento del sillaba finale; - Riconoscimento della somiglianza

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Estate sicura Come vincere il caldo in gravidanza

Estate sicura Come vincere il caldo in gravidanza Estate sicura Come vincere il caldo in gravidanza Pochi e semplici consigli per un estate in salute per la futura mamma ed il suo bambino sapere che... In estate, il caldo può nuocere alla mamma che non

Dettagli

Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof.

Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Nino Basaglia MODULO DIPARTIMENTALE ATTIVITÀ AMBULATORIALE Responsabile: Dott. Efisio

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Esercizi per la fatigue

Esercizi per la fatigue Esercizi per la fatigue È stato dimostrato che, praticando una costante e adeguata attività fisica, la sensazione di fatigue provata dal paziente si riduce notevolmente e che di conseguenza si ottiene

Dettagli

SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI

SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI Classi 3-5 II Livello SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI Motivazione: una buona capacità comunicativa interpersonale trova il suo punto di partenza nel semplice parlare e ascoltare

Dettagli

Scegliete la risposta che corrisponde maggiormente a ciò che voi fareste nella situazione descritta.

Scegliete la risposta che corrisponde maggiormente a ciò che voi fareste nella situazione descritta. Cognome : Nome: Data : Istruzioni Sono state elaborate sotto forma di questionario a scelta multipla alcune tipiche situazioni professionali dell assistenza domiciliare. Vengono proposte tre situazioni

Dettagli

Suggerimenti ai genitori sulla lettura ai bambini dal primo anno di vita

Suggerimenti ai genitori sulla lettura ai bambini dal primo anno di vita Suggerimenti ai genitori sulla lettura ai bambini dal primo anno di vita Il bambino, il suo sviluppo e la lettura Queste brevi indicazioni ti possono servire a seguire e comprendere lo sviluppo del tuo

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE NR. 8/08 CORTE D ASSISE E NR. 9066/2007 R.G.N.R. ELENCO DELLA DIFESA DI SOLLECITO RAFFAELE

PROCEDIMENTO PENALE NR. 8/08 CORTE D ASSISE E NR. 9066/2007 R.G.N.R. ELENCO DELLA DIFESA DI SOLLECITO RAFFAELE PROCEDIMENTO PENALE NR. 8/08 CORTE D ASSISE E NR. 9066/2007 R.G.N.R. ELENCO DELLA DIFESA DI SOLLECITO RAFFAELE TRASCRIZIONI INTERCETTAZIONI TELEF. Nr. 13 Data. 05.11.2007 Ora 15.00 Intercettazioni telefoniche

Dettagli

Palla a muro con una mano sola su un piede solo girando le spalle al muro

Palla a muro con una mano sola su un piede solo girando le spalle al muro Palla a muro Il gioco è molto semplice e consiste nel tirare una palla contro un muro per poi riprenderla senza farla cadere. Le regole che governano il gioco sono dettate dalle stesse filastrocche che

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

VENGO ANCH IO CONDIVIDERE LA MALATTIA E LE CURE CON I FIGLI. Dott.ssa Lucia Montesi Psicologa Psicoterapeuta U.O. Oncologia Area Vasta 3, Macerata

VENGO ANCH IO CONDIVIDERE LA MALATTIA E LE CURE CON I FIGLI. Dott.ssa Lucia Montesi Psicologa Psicoterapeuta U.O. Oncologia Area Vasta 3, Macerata VENGO ANCH IO CONDIVIDERE LA MALATTIA E LE CURE CON I FIGLI I BENEFICI DELLA COMUNICAZIONE IN FAMIGLIA Dott.ssa Lucia Montesi Psicologa Psicoterapeuta U.O. Oncologia Area Vasta 3, Macerata FORMATO FAMIGLIA

Dettagli

che hanno racconto come protagonisti degli animali una morale linguaggio semplice frasi brevi insegnamento parlano e si comportano come gli uomini

che hanno racconto come protagonisti degli animali una morale linguaggio semplice frasi brevi insegnamento parlano e si comportano come gli uomini LA favola È un racconto breve ha come protagonisti degli animali che parlano e si comportano come gli uomini un linguaggio semplice frasi brevi molti dialoghi una morale cioè un insegnamento hanno pregi

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro Introduzione Che si lavori seduti o in piedi, la mancanza di movimento legata a una postura statica prolungata può a lungo andare

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

Dischi educativi ideali per l addestramento efficace grazie al segnale sonoro. Trixie

Dischi educativi ideali per l addestramento efficace grazie al segnale sonoro. Trixie Non importa quante diverse razze canine esistano oggi, ma anche il comportamento del vostro cane deriva all 85% dal suo progenitore: il lupo! Spesso si dimentica questo fatto e tanti padroni tendono ad

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley I giochi tradizionali adatti alla pallavolo e Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley ricerca e composizione di: Rosario Ravalli docente regionale allenatori FIPAV Foggia Questo piccolo

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

ESERCIZI PER LA MOTRICITÀ FINE DELLA MANO a cura di Loredana Soldini (loredana.soldini@tiscali.it)

ESERCIZI PER LA MOTRICITÀ FINE DELLA MANO a cura di Loredana Soldini (loredana.soldini@tiscali.it) A.E.D. ESERCIZI PER LA MOTRICITÀ FINE DELLA MANO a cura di Loredana Soldini (loredana.soldini@tiscali.it) La mano con la sua capacità di opporre il pollice all indice e alle altre dita rappresenta una

Dettagli

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA C A N I D A S S I S T E N Z A F I D E S LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA r Mirjam Spinnler e Bayou Caro Bayou, che cosa farei senza di te? Con te la mia vita è più semplice, allegra e colorata.

Dettagli

E LA SALUTE DEI DENTI

E LA SALUTE DEI DENTI IO & OTTAVIO Due amici per denti più felici E LA SALUTE DEI DENTI Yep! La salute della comunità degli emofilici passa anche attraverso la salute della bocca. La FedEmo promuove l alleanza tra il S.S.N.,

Dettagli

con rotazione destra e inclinazione sinistra

con rotazione destra e inclinazione sinistra Dipartimento Ostetrico Ginecologico e Pediatrico Unità Riabilit. Gravi Disabilità Infantili Dott. A. Ferrari - Direttore Torcicollo con rotazione destra e inclinazione sinistra 1 A cura di: Giulia Borelli,

Dettagli

Le principali cause del mal di schiena: 1. Postura scorretta quando si è seduti, al lavoro, in casa o in automobile.

Le principali cause del mal di schiena: 1. Postura scorretta quando si è seduti, al lavoro, in casa o in automobile. ESERCIZI PER LA SCHIENA La maggior parte delle persone che viene nel nostro centro soffre di dolori alla schiena. Vi consigliamo di leggere attentamente questo opuscolo e di attenervi il più possibile

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE

CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE Esercizio nr. 1) Piegate il busto in avanti in modo che sia parallelo al pavimento ed appoggiatevi con il braccio sano ad uno sgabello o ad un tavolino.

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO APPROCCIO FISIOTERAPICO AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO RIEDUCAZIONE MOTORIA RIEDUCAZIONE RESPIRATORIA Il trattamento riabilitativo motorio e respiratorio va iniziato precocemente a distanza di pochi giorni

Dettagli

PAZIENTI CON PROTESI ALLA SPALLA

PAZIENTI CON PROTESI ALLA SPALLA H H UH Settore di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Nino Basaglia MODULO DIPARTIMENTALE ATTIVITÀ AMBULATORIALE Responsabile: Dott. Efisio

Dettagli

Guida Pratica dopo intervento di Chirurgia Senologica

Guida Pratica dopo intervento di Chirurgia Senologica Guida Pratica dopo intervento di Chirurgia Senologica Il Servizio di Riabilitazione Oncologica segue la paziente nel momento dell intervento e successivamente, durante le fasi di cura e di follow-up. A

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

ANDARE A SCUOLA : UN'AVVENTURA PERICOLOSA

ANDARE A SCUOLA : UN'AVVENTURA PERICOLOSA ANDARE A SCUOLA : UN'AVVENTURA PERICOLOSA Molto spesso arrivo a scuola in ritardo per colpa di un semaforo che diventa verde dopo molto tempo o di persone in auto che non mi vogliono far passare sulle

Dettagli

IRINA E GIOVANNI. La giornata di Irina

IRINA E GIOVANNI. La giornata di Irina IRINA E GIOVANNI La giornata di Irina La mia sveglia suona sempre alle 7.00 del mattino: mi alzo, vado in bagno e mi lavo, mi vesto, faccio colazione e alle 8.00 esco di casa per andare a scuola. Spesso

Dettagli