Michele Stefanile IL LINGOTTO DI PIOMBO DI CN. ATELLIUS CN. E MISERINUS E GLI ATELLII DI CARTHAGO NOVA ESTRATTO DA:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Michele Stefanile IL LINGOTTO DI PIOMBO DI CN. ATELLIUS CN. E MISERINUS E GLI ATELLII DI CARTHAGO NOVA ESTRATTO DA:"

Transcript

1 Michele Stefanile DISCUSSIONI IL LINGOTTO DI PIOMBO DI CN. ATELLIUS CN. E MISERINUS E GLI ATELLII DI CARTHAGO NOVA ESTRATTO DA: Rivista di antichità Anno XVin - n. 2 - Luglio-Dicembre 2009 LOFFREDO EDITORE NAPOLI

2 DISCUSSIONI IL LINGOTTO DI PIOMBO DI CN. ATELLIUS CN. F. MISERINUS E GLI ATELLII DI CARTHAGO NOVA Michele Stefanile Nello specchio d'acqua compreso fra la spiaggia di Carta Romana e l'isolotto trachitico su cui si impianta il Castello Aragonese, nell'area degli Scogli di Sant'Anna, sul lato nord orientale dell'isola d'ischia (fig. 1), fu condotta nell'autunno del 1972 una campagna di indagini archeologiche che produsse in breve tempo alcuni risultati dì discreto interesse[l1. Dal mare della baia (il cui fondale, all'epoca caratterizzato da una fitta prateria di poseidonia, si trovava ad una profondità compresa tra 4 e 7 metri) riemersero numerosi materiali ceramici databili al periodo compreso fra il III secolo a.c. e il I secolo d.c, frammenti di anfore Dressel 1B, ceramica campana a vernice nera, ceramica a pareti sottili, sigillata tardo-italica, insieme ad alcuni lingotti di piombo, lingotti di stagno e frammenti di galena. Nella zona si individuarono inoltre i resti di strutture murarie in opus reticulatum, considerate sommerse per effetto del bradisismo flegreo, e alcuni frammenti ar- chi tettonici (tra cui un fusto di colonna marmorea scanalata, una base e un capitello in trachite locale). Dopo i primi articoli giornalistici[21, un resoconto dello scavo, con una prima presentazione delle ricerche, purtroppo viziata da alcune vistose imprecisioni, fu pubblicato nel 1980 per opera di Pietro Monti 31. Lo storico ischitano interpretava i resti sommersi come le vcstigia dell'antica città romana dì Aenaria, e in particolare riconosceva nelle strutture in prossimità delle quali erano stati rinvenuti i reperti metallici la plunibaria di Gneo Atellio e del figlio Miserino. L'attribuzione nasceva dall'iscrizione Cn. Atelli Cn.f. Miscrini compresa nel cartiglio di uno dei due lingotti di piombo, erroneamente letta dal Monti Cn(aei) Atelli etf(ili) Miserinilì]. A tale lingotto (fig. 2) e agli altri materiali metallici, poi esposti nel Museo Archeologico di Pithecusa a Lacco Ameno151, sono state dedicate in anni recenti approfondite analisi archeometriche 6] che hanno determinato, per le due massae phimbeae, una chiara provenienza dall'area mìnera- Fìg. 1. L'area di Carta Romana e ti castello aragonese d'ischia. 111 II presente lavoro nasce all'interno di un più ampio progetto di ricerca dottorale sulle relazioni intercorse tra la Campania e il Sud Est della Penisola Iberica tra il II secolo a.c. e la prima età imperiale. Al prof. G. Camodeca, preziosa guida dell'intera ricerca e inesauribile fonte di spunti, notizie e suggerimenti, vanno i miei più sentiti ringraziamenti. P] La notizia veniva annunciata sul quotidiano II Mattino, il 7 ottobre 1972, in un articolo dal titolo "Resti di una città romana al largo de! Castello Aragonese", che faceva menzione dei primi rinvenimenti e del coinvolgimento dell'ardi. Di Stefano e dell'ing. A. Caròla, già coinvolti in numerose ricerche sottomarine a Baia e nei Campi Flegrei. Alla fine della campagna di lavori subacquei, il quindicinale Giornale d'ischia, anno II, n. 23, il 29 ottobre 1972, riportò in prima pagina la foto di uno dei lingotti di piombo insieme a quella dei sub che avevano individuato il giacimento (Rosario D'Ambra e Pierino Boffelli). 131 Monti [4) Dall'erronea lettura dell'iscrizione scaturiva anche l'erronea considerazione cronologica di una presunta continuità d'uso della plumbaria nel tempo sulla base della successione padre-figlio (Monti 1980, 170 ss.). [5] G. Buchner, C. Gialaneila, Museo Archeologico di Pithecusa, Isola d'ischia, Roma (6] M. Boni, C. Gialanelia, M. Knill, La fonderia di Carta Romana (isola d'ischia): provenienza de! minerale di piombo e utilizzazione dei metalli, in A. D'Amico, C.A. Livadie (edd.), Le Scienze della Terra e l'archeometria, IV giornata (Atti Convegno Napoli 1997), Napoli 1998, ; M. Boni, A. D'Ambrosio, C. Gialaneila, G. Di Maio, R. Frei, I. Villa, Analisi isotopiche di oggetti di piombo romani dall'italia meridionale: Pompei e Ischia. Ipotesi sulla loro provenienza, in P.G. Guzzo (ed.), Pompei. Scienza e società. 250 Anniversario degli Scavi di Pompei (Atti Convegno Napoli 1998), Milano 2001,

3 Michele Stefanik Fig. 2, II lingotto ili piombo di Cn. Atellius Cn. f. Miserinus. ria di Carthago Nova, nella Spagna sud orientale, perfettamente compatibile con i dati desumibili da semplici osservazioni di carattere autoptico, tipologico ed epigrafico. I due lingotti di Carta Romana appartengono al Tipo 1 (il cosiddetto "tipo repubblicano") della classificazione di C. Domergue, come si evince dalla loro forma allungata, a sezione parabolica, e dal peso di circa 30 kg, ancora molto vicino allo standard di 100 libbre romane (32/750 kg) tipico delle massae plumbeae più antiche. Le dimensioni dei due reperti sono simili ma non identiche: il primo lingotto[7] è infatti lungo 41 cm e alto 8 cm; per il secondo[8], di uguale lunghezza, si registra invece un'altezza di 10 cm. Su entrambi i lingotti si nota la presenza di una fitta serie di solchi orizzontali, paralleli ma non equidistanti fra loro, in parte resi più evidenti dalle concrezioni createsi nel corso della lunga permanenza sottomarina. Tali tracce, ben visibili su un grandissimo numero di lingotti antichi, sia in Hispania che altrove[y], rimandano verosimilmente al momento della fusione nello stampo[10]. Le differenze più evidenti fra i due reperti riguardano le iscrizioni: sulla parte superiore del primo lingotto campeggia, in un profondo cartiglio rettangolare, la già menzionata iscrizione Cn. Atelli Cn.f. Miserinì; nella stessa posizione, sul secondo lingotto, un cartiglio molto più piccolo, di forma quadrangolare, include un'altra iscrizione, probabilmente una sigla, ormai resa illeggibile dal tempo e dalle concrezioni marine. Sullo stesso lingotto si nota anche un'iscrizione graffita L. CL, che C. Gialanella ha interpretato come un possibile riferimento al commerciante, al trasportatore o al peso del lingotto stesso. Non compare, stranamente, nell'esigua bibliografia relativa, alcun riferimento all'iscrizione, ben visibile/ impressa su uno dei lati corti del lingotto di Cn, Atellius Miserinus e che sembra possa leggersi come VAL SAMinI (fig. 3). Tale sigla, da integrare probabilmente come Val(ernis) Sam(?), potrebbe riferirsi al negotiator, coinvolto nell'acquisto, nell'esportazione e nella commercializzazione delle massae plumbeae; la presenza di cinque Valerli a Carthago Nova (C. Valerius Felix^, M. Valerius M. f. Vindicianus^, Valeria L. L Erotte, Valerla L. I. Sufun(?), Valerius C. f.[16]), tutti compresi tra la prima metà del I secolo d.c e il II secolo d.c. non basta a determinare l'identità del Val(erìus) Sam(?) del lingotto, sia per l'enorme diffusione del gentilizio, sia perché, a ben vedere, non v'è alcuna ragione per cui il negotiator, distinto dal proprietario delle miniere, dovesse risiedere stabilmente a Carthago Nova. La documentazione relativa alle contromarche apposte sui lingotti di piombo antichi dopo la fusione è relativamente ridotta ma non assente: su alcuni dei 72 piombi ritrovati nel relitto 7] Museo Archeologico di Pithecusa, Lacco Ameno, n. inv ) Museo Archeologico di Pithecusa, Lacco Ameno, n. inv [y Ad esempio i lingotti dei relitti di Sud Perduto 2, Sud Lavezzi B, Escombreras, Saintes-Maries-de-la-Mer. Sui lingotti di piombo romano, in generale, cfr. Domergue L. Long, C. Domergue, Le "véritable plomb de Luchis Flavius Vemda" et autres lingots. L'épave 1 de Saintes-Maries-de-la-Mer, in MEFRA CVII, 2,1995, [ll] I caratteri, impressi sul piombo in maniera abbastanza profonda, su due righe, presentano un'altezza media di ca. cm. 1,2. AL e AM sono resi in legatura. Al di sotto della sigla SAM. si nota la linea impressa dal margine inferiore del bollo. I12I CILII3410; Abascal-Ramallo CIL II 3418; Abascal-Ramallo CIL II 3509; Abascal-Ramallo I15' CIL II3510; Abascal-Ramallo CIL II 5939; Abascal-Ramallo

4 DISCUSSIONI /II lingotto di piombo di Cn. Atellius Cn. E Miserinus egli Atellii di Carthago Nova augusteo di Rena Malore, individuato nel 1997 ad appena 5 metri di profondità all'imboccatura occidentale delle Bocche di Bonifacio1171 si leggono le contromarche IMP, CH1CHI e VAL RVF, oltre ad altre contromarche di natura numerica relative alla differenza di peso rispetto allo standard dì cento libbre; la marca AP IVN ZETH compare su parte del carico plumbeo di provenienza betica del relitto imperiale di Sud Lavezzi B[IS ; in questo caso, sappiamo che il nome presente nella sigla coincide con quello dell'armatore della nave, riconoscibile sulla base delle iscrizioni rinvenute sulle ancore, e probabilmente da identificare con Appius lunius Zethus, liberto di Appius hmius Silanus, console nel 28 d.c., governatore in Tarraconensis nel 41 d.c, figlio a sua volta di C. lunius Silanus, C./., M. n,, console nel 10 d.c., proconsole in Asia nel d.c, poi caduto in disgrazia; nel relitto di Lavezzi 1liy, simile per carico e cronologia al precedente, si registrano le marche L AVR e M B A; parte dei 99 lingotti di piombo betico del piccolo relitto di età flavia di Saintes-Maries-de-la-Mer riportano le marche IMP CAES, L FI VE, L FI VERV, ERO- T7S[M1; sui quattro lingotti del relitto imperiale di Piscinas(21] (Arbus, Sardegna occidentale), dal lungo cartiglio illeggibile, si registrano alcune contromarche numeriche e le sigle CIC e ON(?)CJCI, accostate dalla Salvi alle sigle C CACI identificate su 43 lingotti appartenenti al carico del relitto di Sud - Perduto 2[221; quest'ultima nave, naufraga ta nella prima metà del I secolo d.c., ancora una volta nel famigerato passaggio delle Bocche di Bonifacio, in prossimità delle isole di Lavezzi, carica di piombo betico, proveniente dell'alta Andalusia, a Nord del corso del Guadalquivir (un distretto minerario ben più attivo di quello di Carta gena durante l'età imperiale) contiene un ricchissimo repertorio di contromarche tra cui si segnalano, oltre alla suddetta C CACI, Q KAMAEC, P TVRPIL GERM, M. ACCI ANT, L AGRI, PHILARG, più la consueta serie di incisioni numeriche. Simile per carico, provenienza e cronologia e accomunato alla nave di Sud Perduto 2 dalla presenza di lingotti di uno stesso produttore, M. Valerius Ablo, il relitto di Cabrerà V'231, nelle Baleari, fa anch'esso mostra di numerose contromarche. Per le imbarcazioni che trasportavano piombo dell'alta Andalusia è stato proposto[241 Ftg. 3. La contromarca VAL SAM su uno dei lali corti del lingotto. [171 E. Riccardi, S. Genovesi, Un carico di piombo da Rena Majore (Aglientu), in M. Khanoussi, L. Maurin (edd.), L'Africa Romana. XIV. Lo spazio marittimo del Mediterraneo occidentale: geografia storica ed economica (Atti Convegno Sassari 2000), Roma 2002, ; per una rapida sintesi sui relitti carichi di piombo ispanico si vedano anche Bigagli 2002 e C. Bigagli, Spagna, Sardegna, Italia: le rotte commerciali del piombo spagnolo tra l'età tardorepubblicana e la prima imperiale, in M. Khanoussi, L. Maurin (edd.), L'Africa Romana. XIV Lo spazio marittimo del Mediterraneo occidentale: geografia storica ed economica (Atti Convegno Sassari 2000), Roma 2002, [IS B. Liou, C. Domergue, Le commerce de la Bétique au ler siede de notre ère. L'épave Sud-Lavezzi2 (Bonifacio, Corse du Sud), in Archaeonautica, X, 1990, "'J1 B. Liou, Le commerce de la Bétique au ler siede de notre ère. Notes sur l'épave Lavezzi 1 (Bonifacio, Corse du Sud), in Archaeonautica X, 1990, 'zo1 L. Long, C. Domergue, op. cit. [2I) D. Salvi, Lingotti, ancore e altri reperti di età romana nelle acque di Piscinas-Arbus, in Pallas L, 1999, H. Bernard, C. Domergue, Les lingots de plomb de l'épave romaine Sud Perduto 2 (Bouches de Bonifacio, Corse), in Bulletin de la Società des Sciences historiques et naturelles de la Corse CXI, 1991, D. Colìs, C. Domergue, V. Guerrero Ayuso, Les lingots de plomb de l'épave romaine Cabrerà 5 (Baléares), in Archaeonautica VI, 1986, Si veda, da ultimo, C. Domergue, Un parcours a travers les lingots de plomb romains d'espagne ( ), in Pallas LXVI, 2004,

5 Michele Stefanile anche di interpretare le marche come una prova di un passaggio ulteriore nella catena dal produttore al destinatario finale: quello del trasporto fluviale lungo il corso del Bastie f su battelli di piccole dimensioni che assicuravano, per ragioni di stabilità, il prezioso carico per mezzo di funi strette attraverso fori passanti direttamente nel lingotto (è il caso di 18 dei 42 lingotti rinvenuti nel relitto di Cabrerà V). Relativamente diffuse nel corso dell'età imperiale, le contromarche non sembrano documentate nel periodo precedente, il che, considerata la precocità dell'attività mineraria degli Atelliif accresce ulteriormente l'interesse del reperto ischitano. Questo Atellius, contraddistinto dal cogivomen Miserinus, finora, a quanto sembra, senza confronti1251, compare per la prima e unica volta nel lingotto di Ischìa. Si tratta di un nuovo membro, finora restato ignoto, di questa famiglia di Cartagena, che è al contrario molto ben attestata nella documentazione epigrafica della città, da cui sono noti ben dieci individui, in alcuni casi giunti alle massime magistrature cittadine. Due di essi hanno lasciato il loro nome impresso nei cartigli di alcuni lingotti di piombo certamente provenienti dal ricco distretto minerario di Carthago Nova, di tipo e dimensioni molto simili a quelle dei lingotti ischitani: si tratta di Cn. Atellius T. f. Men., che sigla i lingotti rinvenuti nei carichi recuperati dal relitto di Mahdia, in Tunisia t261, e nel relitto di Mal di Ventre 27], sulle coste occidentali della Sardegna, e di Cn. Atellius Cn. I. Bulio, il cui nome compare invece su un lingotto rinvenuto nel 2006 a Capo Passero, in Sicilia, e su due lingotti trovati insieme ad altri due pani di piombo siglati da C. Utius C. f. Menen. in quella che probabilmente doveva essere la dota- Fig. 4. Distribuzione dei lingotti di piombo degli Atellii. zione di bordo della nave naufragata a Capo Testa, sempre in Sardegna, all'entrata delle Bocche di Bonifacio[2H) (fìg. 4). C. Domergue ha ritenuto plausibile considerare VAtellius dei piombi di Capo Testa come un liberto dello Cn. Atellius T.f. Men. dei lingotti di Mahdia e Mal di Ventre. Altri tre Atellii membri dell'elite di Carthago Nova sono attestati dalla documentazione numismatica: sono P. Atellius, che compare insieme a un L. Fabricius in quella che sembra essere la prima emissione monetale della città, datata intorno al 40 a.c.1291; Cn, Atellius Ponti[ ], apparentemente imparentato con la ben nota famiglia di probabile origine picena dei PontUieni, pure largamente coinvolti nell'esportazione del piombo iberico, che è invece duovir quinquennalis a Carthago Nova in coppia con Giuba II di Mauretania 3UI; Cn. Atellius Flaccus, che batte moneta nell'ultima serie cittadina, insieme a Cn. Pompeius Flaccus, presumibilmente nel d.c.[31]. A tali occorrente vanno aggiunte poi quelle provenienti dall'epigrafia funeraria e commemorativa della città spagnola: la serie inizia probabilmente con il benefattore [ ]us Cn. f. Men.[32], convin II cogìiomen, assente in Kajanto 1982, e Solin-Salomies 1988, è finora noto forse solo in CIL Vili, (N'tmphydia Miserina, morta ad appena un anno di vita, da Cartagine). Resta però dubbio se anche qui non sìa cognomen, ma aggettivo come è invece in EE Vili, 304 = Ut. 1.1, 76 (Thetis miserino, da Salerno); CIL VI, 26704, 3918 (Spude Pusinna miserina, morta all'età di due anni, da Roma). i26' AE 1913,147 e CIL P I27) AE 1992, 862f; D. Salvi, Le massae plumbeae di Mal di Ventre, in A. Mastino (ed.), L'Africa Romana, IX, (Atti Convegno Nuoro 1991), Sassari 1992, ; Domergue S1 Sul lingotto di Capo Passero, P. Tisseyre, S. Tusa, W. Cairns, F. Selvaggio Bottacin, C. Barbante, R. Ciriminna, M. Pagliaro, The lead ingots of Capo Passero: Romart global Mediterranean Trade, Oxford Journal of Archeology, 27-3, 2008, : sui piombi di Capo Testa AE 1989,349d; M. Bonello Lai, Pani di piombo rinvenuti in Sardegna, in SS XXVII, , 7-39; C. Domergue, op. tit.; D. Gandolfi, II relitto di Capo Testa (S. Teresa di Gallura, SS). Prima campagna 1978, in Forma Maris Antiqui, XI-X11, , Bordighera 1983, 40-68; D. Gandolfi, Relazione preliminare sul relitto di Capo Testa presso Santa Teresa di Gallura (prov. Sassari), in VI Congreso Internadonal de Arqueologia Submarina (Atri Convegno Cartagena 1982), Madrid 1985, ; D. Gandolfi, II relitto di Capo Testa, in Archeologia Subacquea III BA, Suppl. n ,1986, i29' RPC RPC 169. P'i RPC '32l CIL II3430; F. Méndez, Noticias de la vida y escritos del reo. PM. Fr. Henrique Florez, con ima relación individuai de los viajes que hizo a las provincms y ciudades mas principales de Espaiìa, Madrid 1780; A. Beltràn Martinez, Las lapidas latinas religiosas y conmemorativas de Cartagena, 562

6 DISCUSSIONI I II lingotto di piombo ài Cn. Atellius Cn. F. Miserinus e gli Atellii di Carthago Nova centemente integrato da J.M. Abascal in [Atell]ius Cn. f. Men. (e forse figlio dello Cn. Atellius T.f. Men. dei lingotti), che si distingue in città per aver contribuito de sua pecunia alla costruzione di un portico per il teatro cittadino, intorno alla metà del I secolo a.c. Dello stesso periodo è forse anche l'iscrizione funeraria di Atellia Cleunica Cn. /.[331 (la datazione alta sarebbe giustificata dalla tipologia delle lettere e delle interpunzioni e per la forma heic sitasi, anche se Abascal e Koch sembrano maggiormente orientati verso il periodo augusteo[341). Giulio- claudia è considerata l'interessante iscrizione di Cn. Atellius Cn. I Tolocol35], che colpisce per il cognomen rarissimo e presumibilmente di origine indigena1361, oltre che per la scena di aratura con una coppia di buoi resa con bel rilievo. Per M. Koch ci troveremmo al cospetto di un liberto iberico degli Atellii, impegnato nel lavoro dei campi; questo potrebbe suggerire un cambio negli interessi economici della famiglia, che in virtù della ricchezza e della posizione raggiunta grazie allo sfruttamento delle miniere e al commercio marittimo del piombo si sarebbe in un secondo momento orientata verso il possesso della terra[37]. MJ. Pena Gimeno ha sottolineato l'interesse di questa iscrizione per capire come le potenti famiglie di Carthago Nova raccogliessero manodopera indigena nelle zone interne della Penisola1381. Due liberti dal cognomen grecanico chiudono la serie: si tratta di Cn. Atellius Cn. I Theophrastus e di Cn. A[t]elius Cn. 1. Philox[e]mts. Per il primo, la cui iscrizione apparteneva a un monumento funerario presente in una delle necropoli cittadine (non è possibile determinare con precisione la provenienza dal Fig. 5. Gii Atellii nella Penisola Iberica. momento che l'epigrafe fu ritrovata nel XVII secolo reimpiegata in una casa) è stata proposta una cronologia compresa nella prima metà del I secolo d.c; nulla più del nome si conosce invece per la seconda iscrizione, sparita da tempo. Presenti in maniera consistente a Carthago Nova sin dal I secolo a.c., approdati alle massime magistrature cittadine, distintisi per atti di evergetismo, arricchitisi grazie allo sfruttamento minerario e poi forse in parte riconvertitisi verso la proprietà fondiaria, gli Atellii sono una delle famiglie più rappresentative del complesso fenomeno dell'emigrazione italica tardo-repubblicana nel Sud Est iberico. La loro presenza nel resto della Penisola, anche in periodi successivi, è abbastanza limitata: sono note al momento solo le attestazioni di P. Atellius P.f. Gai. Verecundus e P. Atellius Gai. Homuttus in un'iscrizione funeraria1391 proveniente da Dia- AEA XXIII, 1950, ; C. Belda Navarro, El proceso de romanización de la Provincia de Marcia, Murcia 1975; Abascal-Ramalio ! CIL I2 227; CIL II 3451; A. de Bibràn, Inscripciones per universam Hispaniam, Paris 1603; Vargas Foncé, Colección Vargas Ponce. Manuscritos, Madrid ; R. Amador de los Rìos, Espana. Sits monumenlos y arte, su naturaleza e historia. Murcia y Albacete, Barcelona 1889; M. Fernàndez-Villamarzo, Estitdios graftco-históricos de Cartagena. Desde ìos tietnpos prehistóricos Jmsta la expulsión de los arabes, Cartagena 1907; C. Belda Navarro, op. cit.; Abascal-Ramalio [34) Sul problema delle datazioni del corpus epigraphicum di Carthago Nova e sulla tendenza a ribassare molte cronologie si veda M.J. Pena Gimeno, Algunas consideraciones sabre la epigrafia funeraria de Carthago Nova, in AnMurcia XI-XII, , [35! CIL II3450; Valcàrcel, conde de Lumiares, Inscripciones de Carthago Nova, hoy Cartagena en el rei/no de Murcia, Madrid 1796; Vargas Ponce, op. cit,; M. Fernàndez-Villamarzo, op. cit.; A. Garcìa y Bellido, Esculturas romanas de Espana y Portitgal, Madrid 1949; A. Beltràn Martfnez, Las inscripciones funerarias de Cartagena, in AEA XXIII, 1950, ; J.R. Garcia del Toro, Cartagena, Guìa Arqueológica, Cartagena 1982; J.M. Noguera Celdràn, La chtdad romana de Carthago Nova. La escullura, Murcia 1991; Abascal-Ramalio I36! Lo stesso cognomen, reso nella forma Toloconi (forse un dativo) si incontra a Canno (odierna Cannona, in Andalusia) e presenta dei paralleli interessanti con l'onomastica dell'area celtiberica; cfr. Pena Gimeno W Koch Pena Gimeno ] CIL II 3603; G. Mayans, Gregarii Mayansi epistolarum libri sex, Valencia 1732; A. Dempere, Inscripciones, armano de reliquias, Idmparas etc de la iglesia del Puig, El Puig de Santa Maria (Valencia), 1770; F. Pérez Bayer, Diario del viage desde Valencia a Andalusia hecho por Don Francisco Pérez Eayer en el ano 1782, (manoscritto) Valencia 1782; Valcàrcel conde de Lumiares, Inscripciones y antigiiedades del Reino de Valencia, la mai/or parte inéditas, copiadns de sits originales, Madrid 1800; J. Sanchis Sivera, La Dwcesis valentìna. Estudios históricos, Valencia 1920; 563

7 Michele Stefanik nium, oggi Dènia, nella Comunidad Valenciana, di Q. Atellius htcundus e Atellia Q. I Felicia da Basti[m (Baza, in Andalusia), di P. Atellius Chanusl4ì] da Tutugi (Galera, ancora in Andalusia), di Affilia Pronità, P. A(t)ellius Serg. Paulimis e Atellius Paulus da Osca (Huesca, in Aragona)142' (fig. 5). Per quanto riguarda la provenienza della gens, c'è stato finora accordo fra gli studiosi nel propendere per la Campania. L'immediato richiamo alla città campana di Atellfi (sita nel territorio dell'odierna Orta di Atella, nell'agro aversano, tra Neapolis e Copiici) può però trarre in inganno: l'indicazione chiara della tribù, che per tutti gli Atellii di Carthago, che ne fanno menzione, è sempre la Menenia, non è compatibile con gli atellani, ascritti, per quanto sappiamo, alla tribù Falema14^. Va evidenziato invece il legarne con la città di Het'culaneum, che condivideva con le altre città della ed. lega nucerina (Nuceria, Pompei, Surrentum) la tribù Menenia, e che ha restituito ben quattro Decorrenze relative alla gens, tutte contraddistinte dal praenomen Sextus: si tratta di Sex. Atellius Felix, noto da una tabula cerata [44], e di tre individui iscritti in una lista di cittadini ed incolae degli ultimi decenni di vita della città[45], Sex. Atellius Comicus, Sex. Atellius Sex. 1. Merc[ ] e Sex. Atellius (mulieris) 1. Felix; quest'ultimo tuttavia va verosimilmente identificato con il personaggio omonimo delle tavolette cerate. A parte Roma dove sono attestati diversi Atellii (fra cui i proprietari della figlina Tonneiana Vicciana 46!), nel resto d'italia compaiono nell'elite di Praeneste in età tiberiana (M. Atellius, quaestor1471; cfr. inoltre Atellia L. I. Hedonel48]); altrimenti solo una poco significativa Decorrenza a Treia nel Fig. 6. Gli Atellii nella Penisola Italiana. Picenum (Atellia L. f. Prisca di I sec.)[j9]: tarda, per il nostro orizzonte cronologico, e per di più incerta la menzione di un Atellius in un'iscrizione traianea di CapuaI50i (fig. 6). In conclusione, si può verosimilmente sostenere che un lingotto di piombo, ricavato dalla fusione del minerale estratto nei ricchi giacimenti dell'area di Carthago Nova, e in particolare nelle miniere gestite dalla ricca e nota famiglia degli Atellii, di origine quasi certamente campana, avesse raggiunto l'italia, probabilmente attraversando il Mediterraneo occidentale nella stiva di una nave condotta lungo la rotta delle Baleari e delle pericolose Bocche di Bonifacio, fino a uno dei grandi porti del Tirreno, Ostia o Puteoli. Di lì, separato dal resto del carico nei piccoli stock delle rotte redistributive, fino ai rivoli del mercato particolare, sarebbe giunto all'isola d'ischia e all'officina metallurgica di un individuo a noi sconosciuto, non certo un Atellius e con tutta probabilità neppure un Valerius Sam(?) se consideriamo la contromarca legata al nome del negotiator, e C. Sarthou Carreres, J. Martìnez Aloj, Provincia de Valentia, in Geografia generai del Reino de Valentia, Barcelona 1920; J. Blay Navarro, Documentos y datos para la instarla de la ciudad de Oliva, Valencia 1960; J. Vives, Inscripciones latinas de la Espana Romana, Barcelona 1971; E. Pia Ballester, Iniciación a la historta de Oliva, Oliva 1978; R. Wiegels, Die Tribusinschrifìen des romischen Hispanien. Ein Katalog, Berlin 1985; J. Corell, Inscripcions romanes d'ilici, Lucentum, Allon, Dianium i eìs seus territoris, Valencia W CILII3405. I4" AE 1983, 609. I42'CIL II ! Sul punto ora G. Camodeca, Le tribù della Campania, in Atti XVI Rencontre sur l'epigraphie du monde romain "Le tribù romane" {Atti Convegno Bari, ott. 2009), Bari 2010, e. d. st. W AE 1993, 462, vd. G. Camodeca, in Ostraka II, 1993, 201 ss.; in generale sulla importanza dei numerosi signatores, noti dagli archivi di tabulae ceratae, per la storia sociale della città, vd. G. Camodeca, Archivi privati e storia sociale delle città campane: Pnteoìi ed Hercnlaneum, in Prosopograpkie und Sozialgeschichte der Kaiserzeit, Koln-Wien 1993,339 ss. [45J CIL X 1403; G. Camodeca, I ceti dirigenti di rango senatorio equestre e decurionale della Campania romana, Napoli 2008, 153 s., passim; per una riedizione e datazione di questi albi vd. ora G. Camodeca, La popolazione degli ultimi decenni di Ercolano, in M.P. Guidobaldi (ed.), Ercolano. Tre secoli di scoperte {Catalogo Mostra Napoli 2008), Napoli 2008, i46' CIL XV 660,1-3; H. Bloch, Supplement to volume XVI ofthe Corpus Inscriptionutn Latinnnun, Harvard 1947, n. 583,1 e 583,2. i47) CIL XIV I*8'CIL XIV '49' CIL IX I5 J AE 1980, 225, di tradizione manoscritta. Il gentilizio non è difatti accolto in G- D'Isanto, Capita romana, Roma

8 DISCUSSIONI I II lingotto di piombo di Cn. Ateliius Cn. r. Miserinus e gii Atellii di Carthago Nova non all'acquirente finale del metallo. Tutto questo poteva avvenire verosimilmente a cavallo del cambio d'era, o immediatamente dopo: se infatti la tipologia del lingotto e il peso ancora prossimo allo standard arcaico spingono a rialzare la datazione verso la fine dell'età Repubblicana, la presenza delle contromarche ribassa la cronologia verso il primo periodo imperiale; non oltre, comunque, gli inizi del I secolo d.c, quando le miniere di Carthago Nova entrano in profonda crisi e vengono completamente soppiantate sul mercato internazionale dai metalli della Sierra Morena, nell'alta Andalusia, esportati attraverso il passaggio aggiuntivo del fiume Baetis e il porto di Hispalis, Abbreviazioni bibliogmfiche Abascal-Ramallo 1997 = J.M. Abascal Palazón, S.F. Ramallo Asensio, La dudad de Carthago Nova: la documentación epigràfica, Murcia Bigagli 2002 = C. Bigagli, II commercio del piombo ispanico lungo le rotte attestate nel bacino occidentale del Mediterraneo, in Empùries LIB, 2002, Domergue 1990 = C. Domergue, Les mines de la Pén'msuie Ibérìque dans l'antiquité romaine, Paris-Roma Kajanto 1982 = I. Kajanto, The Latiti Cognomina, Roma Koch 1986 = M. Koch, Las grandes familias en la epigrafìa de Carthago Nova, in Actas I Congreso Peninsular de Historia Anttgua (Atti Convegno Santiago de Compostela 1986), Santiago de Compostela 1988, Monti 1980 = P. Monti, Ischia. Archeologia e storia, Napoli Pena Gimeno 1999 = MJ. Pena Gimeno, La epigrafìa funeraria de Cartliago Nova, in Atti dell'xi Congresso Internazionale di Epigrafia Greca e Latina (Arti Convegno Roma 1997), Roma Solin-Salomies 1988 = H. Solin, O. Salomies, Repertorium nominimi gentilium et cognominimi latinorum, Hildesheim, Zùrich, New York

LA FORNACE DI SANT'ARPINO*

LA FORNACE DI SANT'ARPINO* LA FORNACE DI SANT'ARPINO* * L'articolo è tratto da uno dei cartelli esplicativi preparati dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Caserta e Benevento in collaborazione con l'architetto

Dettagli

GRUPPOARCHEOLOGICO ROMAilO. Acura di Marco Mengoli

GRUPPOARCHEOLOGICO ROMAilO. Acura di Marco Mengoli GRUPPOARCHEOLOGICO ROMAilO TIPOLOGIE DEIMONUMENTI FUNERARI DI ROMA ANTICA Acura di Marco Mengoli presente si tenterà didescrivere in breve alcune tipologie classiche dei monumentifunerari romani per quanto

Dettagli

Ceramiche invetriate tardo antiche ed alto medievali da Genova

Ceramiche invetriate tardo antiche ed alto medievali da Genova * Ceramiche invetriate tardo antiche ed alto medievali da Genova Da più di 20 anni si conducono a Genova ricerche di archeologia urbana che hanno permesso di delineare un quadro pur lacunoso delle fasi

Dettagli

U n po z z o art e s i a n o (fora g e) per l ap p r o v v i g i o n a m e n t o di ac q u a pot a b i l e.

U n po z z o art e s i a n o (fora g e) per l ap p r o v v i g i o n a m e n t o di ac q u a pot a b i l e. In m o l ti pa e s i po c o svil u p p a t i, co m p r e s o il M al i, un a dell a pri n c i p a l i ca u s e di da n n o alla sal u t e e, in ulti m a ista n z a, di m o r t e, risi e d e nell a qu al

Dettagli

ARCHEOMETALLURGIA IN EUROPA AQUILEIA, 17-21 GIUGNO 2007

ARCHEOMETALLURGIA IN EUROPA AQUILEIA, 17-21 GIUGNO 2007 ARCHEOMETALLURGIA IN EUROPA AQUILEIA, 17-21 GIUGNO 2007 ANALISI ARCHEOMETALLURGICHE ESEGUITE SU UN QUINCUSSIS PROVENIENTE DALL AREA VESUVIANA. CONFRONTO CON UN RITROVAMENTO ANALOGO DAL MUSEO ARCHEOLOGICO

Dettagli

Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico

Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico COMUNE DI SAN GIOVANNI INCARICO COMUNE DI FALVATERRA PROVINCIA DI FROSINONE POLITICHE GIOVANILI COMUNE DI PASTENA Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico Indagini topografiche

Dettagli

AA.VV., Entella. Ricognizioni topografiche e scavi 1983-1986, Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa, S. III, XVI, 1986, 1075-1174.

AA.VV., Entella. Ricognizioni topografiche e scavi 1983-1986, Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa, S. III, XVI, 1986, 1075-1174. AA.VV., Entella. Ricognizioni topografiche e scavi 1983-1986, Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa, S. III, XVI, 1986, 1075-1174. M. Giangiulio - M. Lombardo, Ricognizione esplorativa 1983 G.

Dettagli

CURRICULUM VITAE STEFANO IAVARONE

CURRICULUM VITAE STEFANO IAVARONE CURRICULUM VITAE STEFANO IAVARONE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di Nascita Cittadinanza Stefano Iavarone Indirizzo Telefono E-mail ISTRUZIONE E FORMAZIONE A.a. 2012/13 - in corso Dottorato di ricerca

Dettagli

Civico Museo Archeologico di Como. Marina Uboldi. L archeologo non è Indiana Jones. Motivazioni e finalità della ricerca archeologica.

Civico Museo Archeologico di Como. Marina Uboldi. L archeologo non è Indiana Jones. Motivazioni e finalità della ricerca archeologica. Civico Museo Archeologico di Como Marina Uboldi L archeologo non è Indiana Jones. Motivazioni e finalità della ricerca archeologica 16 gennaio 2013 l archeologo nell immaginario cinematografico - che lavoro

Dettagli

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e Pannello 1 I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e nelle vicinanze della strada basolata di età imperiale messa in luce negli anni 60 del secolo

Dettagli

Due tombe d età imperiale rinvenute in via dell Acqua Bullicante a Roma

Due tombe d età imperiale rinvenute in via dell Acqua Bullicante a Roma The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 / 06.69.78.91.19 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

La Geotermia in Italia

La Geotermia in Italia La geotermia: una nuova ricchezza per l Italia L Italia rappresenta una zona straordinaria dal punto geologico e vulcanologico, per la presenza della crosta terrestre più sottile e perché al di sotto di

Dettagli

I contenitori da cantina e da trasporto

I contenitori da cantina e da trasporto Le anfore I contenitori da cantina e da trasporto Le anfore Caratteristiche generali Area di produzione Cronologia Note Amphora: unità di misura di capacità pari a ca. 26 litri Contenitori/solidi di rotazione

Dettagli

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA,

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, SILVANO PIROTTA RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, ROMANA E LONGOBARDA LUNGO I CANTIERI AUTOSTRADALI E DELL ALTA VELOCITÀ 2012 I RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI NEL TERRITORIO DELLA MARTESANA I

Dettagli

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità.

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. Prof.sse Cinque Caterina, Martani Rita, Rossi Francesca V., Sabatini Francesca, Tarsi Stefania Ficana e il re

Dettagli

La storia della carta stampata dal papiro a www.quotidiano.net

La storia della carta stampata dal papiro a www.quotidiano.net La storia della carta stampata dal papiro a www.quotidiano.net Uno dei primi supporti per la scrittura, che precedettero la carta, fu il papiro. Questo veniva ottenuto già verso il 3500 a.c. in Egitto,

Dettagli

ANNALI DELLA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA - PUBBLICAZIONI CATALOGO 2014

ANNALI DELLA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA - PUBBLICAZIONI CATALOGO 2014 LA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA ORVIETO Un po di storia La collezione Faina si formò nel 1864, ad opera di due esponenti importanti della famiglia: i conti Mauro ed Eugenio. Secondo una tradizione

Dettagli

Cattedrale de Santiago de Compostela. Cattedrale di Santiago de Compostela Lucas Soto Alonso

Cattedrale de Santiago de Compostela. Cattedrale di Santiago de Compostela Lucas Soto Alonso Cattedrale de Santiago de Compostela Cattedrale di Santiago de Compostela Cattedrale di Santiago de Compostela Address: Piazza dell Obradoiro City: Santiago de Compostela Region: Galizia Country: Spagna

Dettagli

I_I17.s La Spagna (ed EXPO2015)

I_I17.s La Spagna (ed EXPO2015) PoliCulturaExpoMilano2015 I_I17.s La Spagna (ed EXPO2015) Versione breve Paolo Paolini, HOC-LAB (DEIB, Politecnico di Milano, IT), da una intervista a Prof. Josep Vicent Boira Maiques Professore di Geografia

Dettagli

Osservazioni su un sito di interesse archeologico nei pressi di Finale Ligure

Osservazioni su un sito di interesse archeologico nei pressi di Finale Ligure Osservazioni su un sito di interesse archeologico nei pressi di Finale Ligure Autore: Alfredo Pirondini Riassunto Viene descritto il sito, il suo orientamento ed i reperti (graffiti rupestri, pozze per

Dettagli

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Dai dati di scavo è stato possibile ipotizzare quanto segue: Fase I: IX-X sec.

Dettagli

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica GLI ACQUEDOTTI NELL ANTICA ROMA

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica GLI ACQUEDOTTI NELL ANTICA ROMA Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica GLI ACQUEDOTTI NELL ANTICA ROMA Come si può leggere nell introduzione del trattato sugli acquedotti di Frontino, il noto curator aquarum (magistrato preposto

Dettagli

KOS: VIII/IX ΜISSIONE (2008)

KOS: VIII/IX ΜISSIONE (2008) KOS: VIII/IX ΜISSIONE (2008) Nel corso del 2008 sono state svolte due diverse missioni, in primavera (dal 27 marzo al 6 aprile) e in estate (dal 1 agosto al 2 settembre). Le due campagne sono state dirette

Dettagli

Società Numismatica Italiana

Società Numismatica Italiana Società Numismatica Italiana La Monetazione Augustea per le Provincie Nord-Africane: dall'egitto alla Mauretania Nel corso dell ultimo secolo a.c. i Romani conquistarono quasi tutta l Africa settentrionale

Dettagli

CERAMICA A PARETI SOTTILI:

CERAMICA A PARETI SOTTILI: CERAMICA A PARETI SOTTILI: con questo termine si indica un tipo di ceramica fine da mensa, con funzione prevalentemente potoria, caratterizzata dall'estrema sottigliezza delle pareti, che va da un minimo

Dettagli

Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone

Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone Il Museo Civico di Pizzighettone è uno fra i più antichi della provincia di Cremona: inaugurato nel 1907 in seguito a donazioni private, dopo il 25

Dettagli

Tre epigrafi dalla Via Amerina, in località Cavo degli Zucchi (Fabrica di Roma, Viterbo)

Tre epigrafi dalla Via Amerina, in località Cavo degli Zucchi (Fabrica di Roma, Viterbo) n. 18 (1999), pp. 23-30. Tre epigrafi dalla Via Amerina, in località Cavo degli Zucchi (Fabrica di Roma, Viterbo) Antonio Prisco Gruppo Archeologico Romano 12 Nell estate del 1996, durante i lavori di

Dettagli

PARCHEGGIO. Verifica preventiva

PARCHEGGIO. Verifica preventiva FIRENZE Piazzaa del Carmine PARCHEGGIO INTERRATO PROGETTO PRELIMINARE 0 Verifica preventiva dell interesse archeologico (d. Lgs. 163/2006, art. 95 96) SOMMARIO Premessa... 1 Inquadramento archeologico...

Dettagli

Opulentissima Patavium

Opulentissima Patavium Marchio su rosso (Pantone 187) : Padova + culla delle arti = bianco Nursery of Arts = 30% nero Cornici culla/prato della Valle = M100 - G100 - N45 W. Shakespeare = bianco Opulentissima Patavium Padova

Dettagli

LE ANFORE ARCAICHE DI KAMARINA

LE ANFORE ARCAICHE DI KAMARINA PARCO ARCHEOLOGICO TERRACQUEO DI KAMARINA LE ANFORE ARCAICHE DI KAMARINA SCHEDE DIDATTICHE REGIONE SICILIANA Assessorato dei beni culturali e dell identità siciliana 1 A Il PADIGLIONE DELLE ANFORE Il Padiglione

Dettagli

L Europa mediterranea

L Europa mediterranea L Europa mediterranea Nel bacino del mar Mediterraneo sono nate le grandi civiltà dell uomo: gli egiziano, i fenici, i greci e i romani. Si sono diffuse le grandi religioni monoteiste. Questa zona di frontiera

Dettagli

PROGETTO SCUOLEINSIEME

PROGETTO SCUOLEINSIEME Bando Fondazione Cariplo PROMUOVERE PERCORSI DI INTEGRAZIONE INTERCULTURALE TRA SCUOLA E TERRITORIO PROGETTO SCUOLEINSIEME UNITÀ DIDATTICA SEMPLIFICATA Elaborata da: Dott.ssa Bellante Ilaria A cura di:

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

STAGE LINGUISTICO A VALENCIA SUD EST DELLA SPAGNA DAL 15 AL 21 MARZO 2015 CLASSI SECONDE ATTUALI LINGUISTICO E L.S.E.

STAGE LINGUISTICO A VALENCIA SUD EST DELLA SPAGNA DAL 15 AL 21 MARZO 2015 CLASSI SECONDE ATTUALI LINGUISTICO E L.S.E. STAGE LINGUISTICO A VALENCIA SUD EST DELLA SPAGNA DAL 15 AL 21 MARZO 2015 CLASSI SECONDE ATTUALI LINGUISTICO E L.S.E. Valencia è la città capoluogo della Comunità Valenzana, con circa 800 mila abitanti

Dettagli

TRASPORTI NEL MEDIOEVO

TRASPORTI NEL MEDIOEVO TRASPORTI NEL MEDIOEVO Circolo Filatelico Numismatico della Pro Loco di Paese Testi e impaginazione a cura dei soci Vittorio Condotta e Giorgio Ruzza Le vie di terra II succedersi delle invasioni barbariche,

Dettagli

DOSSIER 01. La Rete 30 GIUGNO 2015

DOSSIER 01. La Rete 30 GIUGNO 2015 La Rete è sul web: grandevercelli.it ed è costituita da: DOSSIER 01 30 GIUGNO 2015 RICONTESTUALIZZAZIONE E VALORIZZAZIONE A VER- CELLI DI ALCUNI REPERTI STORICO-ARCHEOLOGICI SIGNIFICATIVI In ottemperanza

Dettagli

Saggio di scavo nell area settentrionale delle Terme di Diocleziano a Roma

Saggio di scavo nell area settentrionale delle Terme di Diocleziano a Roma The Journal of Fasti Online (ISSN 1828-3179) Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

Unità dal volto antico. Le radici archeologiche dell immagine dell Italia. Dialogo con il mondo della scuola

Unità dal volto antico. Le radici archeologiche dell immagine dell Italia. Dialogo con il mondo della scuola Unità dal volto antico Le radici archeologiche dell immagine dell Italia Dialogo con il mondo della scuola Un nome, una terra Italia: casa comune fin dall antichità di Luca Mercuri Archeologo della Soprintendenza

Dettagli

Scheda N. 347. museo DEFINIZIONE : Deposito Museale. Comune Oppeano Frazione Localita Via Roma 13

Scheda N. 347. museo DEFINIZIONE : Deposito Museale. Comune Oppeano Frazione Localita Via Roma 13 Scheda N. 347 Deposito Museale archeologico Destinazione Attuale : Deposito Museale di Oppeano Comune Oppeano Localita Via Roma 13 Datazione Unico ambiente ubicato all'interno della Biblioteca comunale

Dettagli

Attività didattica a.s. 2015/2016

Attività didattica a.s. 2015/2016 MUSEO CIVICO di MANERBIO e DEL TERRITORIO Attività didattica a.s. 2015/2016 Percorsi didattici Scuola dell infanzia Scuola primaria Scuola secondaria di I grado Scuola secondaria di II grado Museo Civico

Dettagli

MO D E L L O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

MO D E L L O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E MO D E L L O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome [COGNOME, Nome] Murolo Nadia Data di nascita 2.12.1965 Qualifica Dirigente Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico

Dettagli

UNA INEDITA FOTOGRAFIA DEGLI ESORDI DI ADRIANO DE BONIS Andrea Sciolari, settembre 2014

UNA INEDITA FOTOGRAFIA DEGLI ESORDI DI ADRIANO DE BONIS Andrea Sciolari, settembre 2014 UNA INEDITA FOTOGRAFIA DEGLI ESORDI DI ADRIANO DE BONIS Andrea Sciolari, settembre 2014 1 UNA INEDITA FOTOGRAFIA DEGLI ESORDI DI ADRIANO DE BONIS Andrea Sciolari, settembre 2014 La fotografia del Colosseo

Dettagli

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica I MODI DI COSTRUIRE DEGLI ANTICHI ROMANI

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica I MODI DI COSTRUIRE DEGLI ANTICHI ROMANI Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica I MODI DI COSTRUIRE DEGLI ANTICHI ROMANI La visione diretta delle innumerevoli testimonianze archeologiche che popolano i nostri territori, unita alla

Dettagli

tici, tra cui uccelli, arieti, cervi e pesci. mentre i manici delle tazze, rivestiti d'oro, sono a forma di animali selvaggi.

tici, tra cui uccelli, arieti, cervi e pesci. mentre i manici delle tazze, rivestiti d'oro, sono a forma di animali selvaggi. Il 15 marzo prossimo si inaugura a Milano (Palazzo Reale) 110ro. Il mistero dei Sarmati e degli Scitil1, una mostra di eccezionale interesse dedicata a un fenomeno particolare dell'arte antica, il cosiddetto

Dettagli

RELITTO BARON GAUTSCH RELITTO DRAGA

RELITTO BARON GAUTSCH RELITTO DRAGA RELITTO BARON GAUTSCH Distanza dal centro: 14 NM Massima profondità: 39 metri Minima profondità: 28 metri Lunghezza: 89 metri Questa e la nave di passeggeri Austriaca ed e la più conosciuta destinazione

Dettagli

LA CONVENZIONE UNESCO SULLA PROTEZIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE SUBACQUEO

LA CONVENZIONE UNESCO SULLA PROTEZIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE SUBACQUEO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO - BICOCCA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA ROBERTA GARABELLO LA CONVENZIONE UNESCO SULLA PROTEZIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE SUBACQUEO

Dettagli

Stage Linguistico Spagna a.s. 2014/2015. Cádiz Dal l 1-2 settembre al 12-13 settembre 2015

Stage Linguistico Spagna a.s. 2014/2015. Cádiz Dal l 1-2 settembre al 12-13 settembre 2015 Stage Linguistico Spagna a.s. 2014/2015 Cádiz Dal l 1-2 settembre al 12-13 settembre 2015 Cádiz: Andalusia Cádiz e la sua provincia La provincia di Cadice fa parte delle otto province della Comunità Autonoma

Dettagli

Il leone funeriario in pietra calcarea rinvenuto all Aquila, nel cantiere di Porta Barete.

Il leone funeriario in pietra calcarea rinvenuto all Aquila, nel cantiere di Porta Barete. All Aquila, nuovo leone come i due ormai al Getty A Porta Barete, una statua calcarea simile ad altre rinvenute nella zona. Le sculture a Malibu e l'"atleta" di Fano. Il leone funeriario in pietra calcarea

Dettagli

«Filosofia» Norme redazionali. Titolo paragrafo: Times New Roman, corpo 12, 2 righe vuote sopra, 1 riga vuota sotto, interlinea 1,5

«Filosofia» Norme redazionali. Titolo paragrafo: Times New Roman, corpo 12, 2 righe vuote sopra, 1 riga vuota sotto, interlinea 1,5 «Filosofia» Norme redazionali Regole generali Autore: Times New Roman, corpo 14, corsivo, interlinea 1,5 Titolo saggio: Times New Roman, corpo 14, grassetto, interlinea 1,5 Titolo paragrafo: Times New

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E ESPERIENZA PROFESSIONALE 2013 AD OGGI Studio della ceramica comune proveniente dal sito di Campo della Fiera (Orvieto) Direzione Scientifica:

Dettagli

www.archeologiametodologie.com

www.archeologiametodologie.com Università degli Studi di Genova Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di laurea in Conservazione dei Beni Culturali A.A. 2005-2006 Tesi di Laurea in Metodologie della Ricerca Archeologica LA PRODUZIONE

Dettagli

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA Il Museo Archeologico Aquaria è molto giovane ed è nato per l intraprendenza di un gruppo di appassionati di archeologia di Gallignano, piccola frazione di Soncino. Anche i

Dettagli

Cercando i riusi 01. www.archeologiametodologie.com. Nelle immagini seguenti, gli esempi trovati dagli studenti del corso 2009-2010:

Cercando i riusi 01. www.archeologiametodologie.com. Nelle immagini seguenti, gli esempi trovati dagli studenti del corso 2009-2010: Cercando i riusi 01 Nelle immagini seguenti, gli esempi trovati dagli studenti del corso 2009-2010: 2010: Nicoletta Balistreri SAN SALVATORE A SIRMIONE (BS) UN CIPPO REIMPIEGATO COME BLOCCO NELLA FONDAZIONE

Dettagli

TURISMO ARCHEOLOGICO E LA CITTA CONTEMPORANEA Fuori dalla città: strade e campagna

TURISMO ARCHEOLOGICO E LA CITTA CONTEMPORANEA Fuori dalla città: strade e campagna TURISMO ARCHEOLOGICO E LA CITTA CONTEMPORANEA Fuori dalla città: strade e campagna Le strade La realizzazione di strade che collegano diverse città e luoghi sparsi ovunque per l impero sono un altro elemento

Dettagli

ARCHITETTURA ROMANA. Dalla fondazione alla monarchia (754-509 a.c.) Età repubblicana (509-31 a.c.) Età imperiale (31 a.c.- 476 d.c.

ARCHITETTURA ROMANA. Dalla fondazione alla monarchia (754-509 a.c.) Età repubblicana (509-31 a.c.) Età imperiale (31 a.c.- 476 d.c. Storia dell Architettura I ARCHITETTURA ROMANA Dalla fondazione alla monarchia (754-509 a.c.) Età repubblicana (509-31 a.c.) Età imperiale (31 a.c.- 476 d.c. fine 2 dell Impero romano d Occidente) tempio

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Con la Scuola al Museo Nazionale Atestino di Este

Con la Scuola al Museo Nazionale Atestino di Este Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO NAZIONALE ATESTINO DI ESTE Premessa Il Museo Nazionale Atestino si trova dal 1902 nel

Dettagli

Alle origini del gusto. Il Cibo a Pompei e nell Italia antica Asti, Palazzo Mazzetti 7 marzo 5 luglio 2015

Alle origini del gusto. Il Cibo a Pompei e nell Italia antica Asti, Palazzo Mazzetti 7 marzo 5 luglio 2015 Alle origini del gusto. Il Cibo a Pompei e nell Italia antica Asti, Palazzo Mazzetti 7 marzo 5 luglio 2015 Didascalie immagini ad uso ufficio stampa Immagine guida Piatti da pesce dalle necropoli di Paestum

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

PIATTAFORMA CONTINENTALE ITALIANA

PIATTAFORMA CONTINENTALE ITALIANA PIATTAFORMA CONTINENTALE ITALIANA ITALIA - EX JUGOSLAVIA D.P.R. 22 maggio 1969 n. 830 e Legge 14 marzo 1977 n. 73 ITALIA - ALBANIA Legge 12 aprile 1995 n. 147 ITALIA GRECIA Legge 23 maggio 1980 n. 290

Dettagli

PROGRAMMA DIVINA PASTORA MARATòN 16-19 Novembre 2012. Venerdì 16 Novembre 2012 h 10:00 h 15:00 h 17:00 h 19:10 h 21:50 h 23:10 h 00:05

PROGRAMMA DIVINA PASTORA MARATòN 16-19 Novembre 2012. Venerdì 16 Novembre 2012 h 10:00 h 15:00 h 17:00 h 19:10 h 21:50 h 23:10 h 00:05 PROGRAMMA DIVINA PASTORA MARATòN 16-19 Novembre 2012 Venerdì 16 Novembre 2012 h 10:00 h 15:00 h 17:00 h 19:10 h 21:50 h 23:10 h 00:05 Partenza da Potenza per Roma Arrivo all aeroporto di Roma Fiumicino

Dettagli

STORIA GEOLOGICA D ITALIA

STORIA GEOLOGICA D ITALIA STORIA GEOLOGICA D ITALIA PERMIANO-TRIASSICO 300-250 Ma Il Triassico (250 Ma) che cominciò con una grande estinzione di massa, fu l epoca nella quale si avviarono i grandi cambiamenti geografici ed evolutivi

Dettagli

BANDO DI CONCORSO FRUIZIONE SOSTENIBILE E VALORIZZAZIONE DI UN SITO ARCHEOLOGICO NELL AMBITO DELLA GESTIONE COSTIERA INTEGRATA A SCALA MEDITERRANEA"

BANDO DI CONCORSO FRUIZIONE SOSTENIBILE E VALORIZZAZIONE DI UN SITO ARCHEOLOGICO NELL AMBITO DELLA GESTIONE COSTIERA INTEGRATA A SCALA MEDITERRANEA BANDO DI CONCORSO FRUIZIONE SOSTENIBILE E VALORIZZAZIONE DI UN SITO ARCHEOLOGICO NELL AMBITO DELLA GESTIONE COSTIERA INTEGRATA A SCALA MEDITERRANEA" SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA, CAPOFILA DEL PROGETTO GREAT

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Funzionario Direttivo (D6) della Regione Siciliana-

CURRICULUM VITAE. Funzionario Direttivo (D6) della Regione Siciliana- CURRICULUM VITAE Cognome e Nome : Casano Carmelo Data e luogo di Nascita: 29.08.1962 Gela (Cl) Residenza: Via Cappuccini 16- Gela (CL) Recapiti telefonici: - 331/5771483 Professione: Funzionario Direttivo

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 3157 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore RIPAMONTI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 20 OTTOBRE 2004 Norme per la vendita del libro a prezzo fisso TIPOGRAFIA

Dettagli

Cognome : - Nome : - Istituto scolastico : - Ho visitato le catacombe il --

Cognome : - Nome : - Istituto scolastico : - Ho visitato le catacombe il -- IT Cognome : - Nome : - Istituto scolastico : - Ho visitato le catacombe il -- Realizzato da Catacombe di San Sebastiano tutti i diritti riservati www.catacombe.org - twitter @catacombsrome Seguimi alla

Dettagli

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566 Gli Etruschi Ori, bronzi e terracotte etrusche nel Museo etrusco di Villa Giulia Alla scoperta dei corredi funerari etruschi nel Museo Gregoriano etrusco dei Musei Vaticani Dove riposano gli antenati dei

Dettagli

Le tombe del VI e V secolo a.c. della necropoli di Capua materiali ritrovati per lo studio della comunità arcaica 1

Le tombe del VI e V secolo a.c. della necropoli di Capua materiali ritrovati per lo studio della comunità arcaica 1 The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA Per accompagnare e approfondire l insegnamento scolastico delle antiche civiltà, si propone una serie incontri che si potranno adottare o per

Dettagli

Parco Novi Sad. Analisi preventive del rischio archeologico

Parco Novi Sad. Analisi preventive del rischio archeologico MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO ETNOLOGICO Parco Novi Sad Analisi preventive del rischio archeologico Analisi dei campioni indisturbati dei sondaggi meccanici a carotaggio continuo luglio 2007 Parco Novi Sad

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale.

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale. Cinque occasioni da non perdere 1 Il Museo 2 I Templi 3 L anfiteatro. Nazionale. Paestum Una città antica. 4 Il Comune di 5 Il Parco Nazionale del Cilento e Valle di Capaccio, una meraviglia ed una scoperta

Dettagli

ARCHEOLOGIATTIVA E. MARINE SUB S.a.s. Opere Marittime Lavori di Dragaggio e Scavi Archeologici

ARCHEOLOGIATTIVA E. MARINE SUB S.a.s. Opere Marittime Lavori di Dragaggio e Scavi Archeologici Il NUCLEO DI ARCHEOLOGIA SUBACQUEA di ARCHEOLOGIATTIVA E MARINE SUB S.a.s. Opere Marittime Lavori di Dragaggio e Scavi Archeologici Con la Direzione della MISSIONE ARCHEOLOGICA ITALIANA IN GIAPPONE E Con

Dettagli

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Salerno e Avellino Via Trotula de Ruggiero, 6/7-84121 Salerno tel. +39 089 5647201/2/3 - fax +39 089

Dettagli

Prof. DINU ADAMESTEANU. Università degli Studi di Lecce

Prof. DINU ADAMESTEANU. Università degli Studi di Lecce Prof. DINU ADAMESTEANU Università degli Studi di Lecce Fin da questa mattina ho sentito come l'archeologia della Basilicata viene chiamata sempre in causa; non so, dato il tempo limitato a mia disposizione,

Dettagli

Scrittura fenicia. Aramaico VI sec. a. C. Ebraico VI sec. a. C. Fenicio VI sec a.c.

Scrittura fenicia. Aramaico VI sec. a. C. Ebraico VI sec. a. C. Fenicio VI sec a.c. Scrittura fenicia Per convenzione, la definizione di scrittura fenicia è riservata alla scrittura alfabetica (consonantica) lineare attestata dal XII sec. a.c. presso i popoli fenici. I caratteri fenici

Dettagli

Lacco Ameno Data di pubblicazione: 01/11/2015

Lacco Ameno Data di pubblicazione: 01/11/2015 Lacco Ameno Data di pubblicazione: 01/11/2015 Tag più popolari Arte e cultura Mete per la famiglia Mete romantiche Verde e natura Sole e mare Sport Divertente Il meglio secondo voi 1. Chiesa di Santa Restituta

Dettagli

CATALOGAZIONE DEL FONDO LIBRARIO DEL SACRO MONTE DELLA MADONNA DEL SASSO. www.madonnadelsasso.org

CATALOGAZIONE DEL FONDO LIBRARIO DEL SACRO MONTE DELLA MADONNA DEL SASSO. www.madonnadelsasso.org CATALOGAZIONE DEL FONDO LIBRARIO DEL SACRO MONTE DELLA MADONNA DEL SASSO www.madonnadelsasso.org 1 La storia I fondi librari conservati alla Madonna del Sasso sono attualmente di proprietà dei Cappuccini

Dettagli

Patrizia Calabria. 1990 - Responsabile delle collezioni numismatiche del Museo dell Arte Classica, Università degli Studi di Roma La Sapienza

Patrizia Calabria. 1990 - Responsabile delle collezioni numismatiche del Museo dell Arte Classica, Università degli Studi di Roma La Sapienza Patrizia Calabria Socio corrispondente dell Istituto di Studi Romani, Roma Membro del Gruppo dei Romanisti, Roma Membro dell Accademia dell Arcadia, Accademia Letteraria Italiana, Roma 2000 - Professore

Dettagli

Corso di Teoria e Storia del Restauro

Corso di Teoria e Storia del Restauro UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Scienze dell Architettura_L17 Corso di Teoria e Storia del Restauro Attuali prassi operative nel campo del restauro: esempi

Dettagli

Contesti ceramici dai Fori Imperiali

Contesti ceramici dai Fori Imperiali Contesti ceramici dai Fori Imperiali a cura di BAR International Series 2455 2013 Published by Archaeopress Publishers of British Archaeological Reports Gordon House 276 Banbury Road Oxford OX2 7ED England

Dettagli

La posizione dei nostri monumenti

La posizione dei nostri monumenti Foro romano Autori: Luca Gray Beltrano, Irene Bielli, Luca Borgia, Alessandra Caldani e Martina Capitani Anno: 2013, classe: 1 N Professoressa: Francesca Giani La posizione dei nostri monumenti Tempio

Dettagli

Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di

Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di La popolazione Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di trasformare il cibo in lavoro. Data l

Dettagli

Pompei: Progetto Regio VI Filippo Coarelli-Fabrizio Pesando

Pompei: Progetto Regio VI Filippo Coarelli-Fabrizio Pesando The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 / 06.69.78.91.19 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

Le principali catene montuose sono: Sistema Iberico. Sistema Centrale. Pirenei

Le principali catene montuose sono: Sistema Iberico. Sistema Centrale. Pirenei Parte A: aspetto fisico e clima. La Spagna è una nazione dell'europa sud-occidentale, che comprende circa l'84% della penisola iberica. E localizzato a Nord-ovest rispetto all Italia. Confina a: Nord con

Dettagli

Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele

Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele Marinaccio Il Colombario Costantiniano è situato nel

Dettagli

Informazioni generali: - Sardegna -

Informazioni generali: - Sardegna - Informazioni generali: - Sardegna - LE ORIGINI DEL NOME: Il nome deriva dall antico popolo che la abitava: i Sardi. Colonizzata dai Fenici, poi dai Greci, fu da questi ultimi chiamata Ienusa, perché nella

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Villa dei Misteri a. dagli scavi dell antica Pompei. Era sede dei giochi circensi e gladiatorii.

Cinque occasioni da non perdere. Villa dei Misteri a. dagli scavi dell antica Pompei. Era sede dei giochi circensi e gladiatorii. Cinque occasioni da non perdere 1 Godere delle meraviglie riemerse di affreschi della sud-est della città. 2 L incredibile ciclo 3 L anfiteatro nell area dagli scavi dell antica Pompei. Villa dei Misteri

Dettagli

VILLA MEMO GIORDANI VALERI

VILLA MEMO GIORDANI VALERI VILLA MEMO GIORDANI VALERI VILLA MEMO GIORDANI VALERI Ora di proprietà del Comune di Quinto La villa, che si trova in via Borgo in prossimità dell incrocio con via Noalese, chiamata Memo, Giordani, Valeri

Dettagli

NOTE IN MARGINE AL NUOVO LAPIDARIO ROMANO DI ADRIA

NOTE IN MARGINE AL NUOVO LAPIDARIO ROMANO DI ADRIA NOTE IN MARGINE AL NUOVO LAPIDARIO ROMANO DI ADRIA Simonetta Bonomi, Rossella Sigolo Aspetti e criteri del nuovo allestimento La realizzazione del nuovo Lapidario romano di Adria, inaugurato nell aprile

Dettagli

Le ceramiche comuni di età romana

Le ceramiche comuni di età romana Le ceramiche comuni di età romana Alessandro Quercia Introduzione Le ceramiche comuni di età romana 1 costituiscono di gran lunga la categoria ceramica maggiormente attestata nello scavo di via Sacchi:

Dettagli

Responsabile - SOPRINTENDENZA ARCHIVISTICA PER LA CAMPANIA

Responsabile - SOPRINTENDENZA ARCHIVISTICA PER LA CAMPANIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 04/02/1954 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio STORCHI MARIA LUISA II Fascia MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI

Dettagli

finita el tutto et di pittura et di stucco La Rustica, Palazzo ducale di Mantova Greta Bruschi

finita el tutto et di pittura et di stucco La Rustica, Palazzo ducale di Mantova Greta Bruschi A.A. 2012-2013 Corso di Consolidamento degli edifici storici Prof. Paolo Faccio finita el tutto et di pittura et di stucco La Rustica, Palazzo ducale di Mantova Greta Bruschi 1. La Rustica e il cortile

Dettagli

La pianta incisa da S. Duperac e data alle stampe dal Lafrery nel 1566

La pianta incisa da S. Duperac e data alle stampe dal Lafrery nel 1566 napoli la tavola strozzi illustra il trionfo navale di Ferrante d Aragona del 1464 restituendo una immagine frontale della città da Castel dell Ovo sino al baluardo del Carmine La pianta incisa da S. Duperac

Dettagli

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi Lezione 1 - pag.1 Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi 1.1. Tutto si muove Tutto intorno a noi si muove. Le nuvole nel cielo, l acqua negli oceani e nei fiumi, il vento che gonfia le vele

Dettagli

LE BOCCHE DI BONIFACIO DIVENTANO PSSA - PARTICULARY SENSITIVE SEA AREA.

LE BOCCHE DI BONIFACIO DIVENTANO PSSA - PARTICULARY SENSITIVE SEA AREA. LE BOCCHE DI BONIFACIO DIVENTANO PSSA - PARTICULARY SENSITIVE SEA AREA. A cura di Cristian Rovito Sottufficiale del Corpo delle Capitanerie di porto Guardia Costiera. Si stima che nelle Bocche di Bonifacio

Dettagli

Itinerando Scuola. per conoscere il Litorale Romano

Itinerando Scuola. per conoscere il Litorale Romano Itinerando Scuola per conoscere il Litorale Romano Visite guidate per bambini e ragazzi alla scoperta delle bellezze naturalistiche, storico-culturali e paesaggistiche del territorio Chi siamo Programma

Dettagli

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15)

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) Taranto fu fondata nel 706 a.c. dai coloni spartani, rendendo schiave le popolazioni indigene locali. Si estendeva dalla penisola del borgo antico fino alle

Dettagli

LA CERAMICA A VERNICE ROSSA di Maria Aprosio

LA CERAMICA A VERNICE ROSSA di Maria Aprosio 4. LA CERAMICA A VERNICE ROSSA di Maria Aprosio 1 Lippolis 1984, pp. 31-34. 2 Goudineau 1968, pp. 320-322. 3 Lamboglia 1950, p. 69. 4 Cristofani 1972, p. 506. 5 Palermo 1990, pp. 114-115. 6 Cristofani

Dettagli

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE Progetto promosso da Assicurazioni

Dettagli

La crisi del XVII secolo

La crisi del XVII secolo La crisi del XVII secolo L Europa visse nel XVII una grave emergenza economica e sociale. Nel XV e nel XVI secolo la popolazione era aumentata era necessario accrescere anche la produzione agricola. Le

Dettagli