DISCIPLINARE DI PRODUZIONE INTEGRATA MELO, SUSINO E ACTINIDIA 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DISCIPLINARE DI PRODUZIONE INTEGRATA MELO, SUSINO E ACTINIDIA 2015"

Transcript

1 IASMA Notizie IASMA Notizie FRUTTICOLTURA n. Stampato su carta certificata Ecolabel prodotta dalla cartiera Mondi EU Ecolabel: AT/11/001 Notiziario tecnico del Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione Edmund Mach - Istituto Agrario di S. Michele all Adige 17 aprile IASMA Notizie n Anno XIV - Taxe payée/tassa riscossa - TN-CPO - Direttore responsabile: Michele Pontalti - San Michele all Adige, Via E. Mach 1 - Autorizzazione Tribunale di Trento n del Stampa: Litotipografia Alcione, Lavis (TN) DISCIPLINARE DI PRODUZIONE INTEGRATA MELO, SUSINO E ACTINIDIA 2015

2 2 17 aprile 2015 IASMA Notizie Sommario PREMESSA...3 Norme generali di difesa integrata...4 Macchine distributrici di prodotti fitosanitari, impiego DPI e smaltimento confezioni...6 MELO...8 Fitoregolatori autorizzati...9 Difesa del melo Diserbo SUSINO ACTINIDIA I Disciplinari per la Produzione Integrata (DPI) per la Provincia Autonoma di Trento per melo, susino e actinidia, elaborati da APOT con la collaborazione del Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione Mach, sono stati formalmente approvati dal Dirigente del Servizio Agricoltura della PAT con proprie determine n. 250 del 13 marzo 2015 per il melo e n. 249 stessa data per susino e actinidia. Il Disciplinare del melo, parte agronomica e parte difesa, ha ricevuto precedentemente la conformità attribuita dal comitato per la produzione integrata del Ministero dell Agricoltura in Roma.

3 IASMA Notizie 17 aprile Dal 13 febbraio 2014 è in vigore anche in Italia il PAN (Piano di Azione Nazionale) sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari che ha previsto due livelli di difesa integrata (di base e volontaria) e l agricoltura biologica. In particolare, la difesa integrata di base, obbligatoria per tutti gli agricoltori e per tutte le colture a partire dal 1 gennaio 2014, e quella volontaria (avanzata), definita a livello nazionale attraverso specifiche commissioni istituite in seno al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, finalizzate all implementazione del Sistema di Qualità Nazionale di Produzione Integrata. Le differenze sostanziali fra i due sistemi produttivi (livello base-obbligatorio e livello avanzato-volontario), sono definiti da limitazioni all uso delle sostanze attive registrate per quella coltura, compreso il diserbo, e da prescrizioni/limitazioni nell esecuzione di pratiche agronomiche, quali il controllo dell apporto degli elementi nutritivi, la gestione dell acqua irrigua, le rotazioni. In Provincia di Trento si sono attivati conseguentemente anche sistemi informativi diversi in accordo con il Servizio Agricoltura della Provincia che è titolare della gestione del PAN: per la difesa integrata di base vengono pubblicati settimanalmente sul sito web di FEM-IASMA i bollettini per la difesa integrata per le principali colture agrarie; per la difesa integrata volontaria vengono utilizzati i soliti sistemi informativi trasmessi via mail, sms, avvisi murali, incontri tecnici, Per l agricoltura biologica non vengono al momento pubblicati bollettini salvo quelli riguardanti le lotte obbligatorie per le patologie da quarantena (scopazzi, colpo di fuoco, Pseudomonas syringae pv actinidiae). A livello di operatore è stato introdotto il concetto di utilizzatore professionale e non professionale con relative registrazione dei prodotti fitosanitari e prescrizione diverse a seconda si rientri nella prima o seconda PREMESSA categoria. Tra l altro si segnala che con il mese di marzo sono iniziati i nuovi corsi per il rilascio delle abilitazioni all acquisto e uso dei prodotti fitosanitari ( patentini ) mentre i corsi di rinnovo delle abilitazioni scadute tra il 26/11/2014 e il 31/12/2015 verranno organizzati a partire da dopo la raccolta. Attenzione: dal 26 novembre 2015 tutti i prodotti fitosanitari per utilizzatori professionali potranno essere acquistati e utilizzati solo da chi è in possesso della relativa abilitazione. Si ricorda inoltre che tutte le attrezzature per la distribuzione dei prodotti fitosanitari, comprese le lance e le macchine del diserbo devono essere sottoposte a controllo funzionale e di regolazione della distribuzione almeno 1 volta entro il 26 novembre 2016; sono escluse le irroratrici portatili e spalleggiate, azionate dall operatore, con serbatoi in pressione o dotate di pompante a leva manuale e le irroratrici spalleggiate a motore prive di ventilatore, quando non utilizzate per i trattamenti su colture protette. Dal 1 giugno 2015 potranno essere immessi sul mercato dalle ditte produttrici solo prodotti fitosanitari con la nuova classificazione denominata CLP; però fino al 1 giugno 2017 si potranno reperire sul mercato anche prodotti fitosanitari con la vecchia classificazione DPD. Questo significa che per i prossimi 2 anni (fino al 1/6/2017) si potranno trovare in commercio stessi prodotti con 2 classificazioni diverse; l agricoltore quindi in questo periodo deve prestare attenzione a non costituirsi in azienda inutili scorte di prodotto con il rischio che dopo un certo tempo questo debba essere smaltito. Attenzione anche alle limitazioni di impiego per alcune tipologie di prodotti fitosanitari previste dal PAN in prossimità di siti sensibili o frequentati da classi vulnerabili di popolazione.

4 4 17 aprile 2015 IASMA Notizie NORME GENERALI DI DIFESA INTEGRATA Le Linee Tecniche di difesa integrata rappresentano i criteri d intervento, le soluzioni agronomiche e le strategie da adottare per la difesa delle colture ed il controllo delle infestanti, nell ottica di un minor impatto verso l uomo e l ambiente, consentendo di ottenere produzioni economicamente sostenibili ( Produzione Integrata ). Le Linee, nel rispetto della normativa vigente, mirano a: adottare sistemi di monitoraggio razionali che consentano di valutare adeguatamente la situazione fitosanitaria delle coltivazioni; favorire l utilizzo degli organismi ausiliari; promuovere la difesa fitosanitaria attraverso metodi biologici, biotecnologici, fisici e agronomici in alternativa alla lotta chimica; limitare l esposizione degli operatori ai rischi derivanti dall uso degli agrofarmaci (dispositivi di protezione individuale, ); razionalizzare la distribuzione degli agrofarmaci limitandone la quantità distribuita, lo spreco e le perdite per deriva definendo i volumi d acqua di riferimento e le metodiche per il collaudo e la taratura delle attrezzature; limitare gli inquinamenti puntiformi derivanti da una non corretta preparazione delle soluzioni da distribuire e dal non corretto smaltimento delle stesse; ottimizzare la gestione dei magazzini in cui si conservano gli agrofarmaci; smaltire adeguatamente i contenitori degli agrofarmaci. Le strategie di difesa delle singole colture vengono sviluppate in schede dove vengono riportate, su colonne, le avversità, i criteri di intervento, le sostanze attive, gli organismi ausiliari e le note e limitazioni d uso. AGRICOLTURA BIOLOGICA Possono essere utilizzate tutte le sostanze attive previste dal Reg. CE n. 834/2007 e successive modifiche, a condizione che siano regolarmente registrati in Italia, con eccezione dei formulati classificati come T, T+ che potranno essere utilizzati solo se specificatamente indicati nelle norme tecniche di coltura. DEROGHE Nel caso di eccezionali condizioni meteo climatiche, infezioni o infestazioni non controllabili con i prodotti fitosanitari previsti dalle norme tecniche, la Provincia Autonoma di Trento, anche attraverso organismi tecnici all uopo delegati, potrà autorizzare deroghe aziendali o territoriali. DIFESA Adozione integrale delle linee di difesa, incluso il diserbo e solo contro le avversità per le quali sono indicate, rispettando i criteri d intervento o le limitazioni d uso. Le dosi d impiego delle sostanze attive sono quelle previste nell etichetta dei prodotti fitosanitari, salvo diversa indicazione; per i diserbi rispettare i dosaggi indicati o proporzionarli alle percentuale indicata. L utilizzo di solfato ammonico, olio minerale (ove registrato) e altri attivanti, sono ammessi secondo le necessità aziendali. DISTRIBUZIONE Le macchine distributrici di prodotti fitosanitari devono rispettare le norme e le prescrizioni riportate nei punti seguenti. SOSTANZE ATTIVE DI NUOVA REGISTRAZIONE Qualora durante l annata agraria fossero registrate nuove sostanze attive, la Provincia Autonoma di Trento potrà autorizzarne l impiego, per l anno in corso, a condizioni che sia acquisito il parere di conformità da parte del Gruppo Difesa Integrata. FORMULAZIONI Obbligo di impiegare le formulazioni Nc, Xi e Xn quando della stessa sostanza attiva esistano anche formulazioni di classe tossicologica T o T+. Obbligo di impiegare le formulazioni Nc e Xi quando della stessa sostanza attiva esistano formulazioni a diversa classe tossicologica (Xn, T o T+) con frasi di rischio relative ad effetti cronici sull uomo (R40, R60, R61, R62, R63, R68). Le prescrizioni soprastanti vengono sospese per 2 anni. Le sostanze attive elencate si possono utilizzare singolarmente o in miscela tra loro, alle dosi previste in etichetta; quelle presenti esclusivamente come miscela (es. Pyraclostrobin + Boscalid) qualora registrate all uso sulla coltura interessata anche separatamente possono essere normalmente impiegate. Per il diserbo le dosi in tabella si riferiscono alla quantità massima di formulato commerciale ammessa per ettaro e per

5 IASMA Notizie 17 aprile ciclo colturale; al variare della percentuale di principio attivo, le dosi vanno opportunamente modificate e rapportate alla dose indicata. DISERBO La quantità di prodotto diserbante impiegabile ad ettaro dipende dalla concentrazione della sostanza attiva nel prodotto stesso; per ogni sostanza attiva il disciplinare prevede una dose massima per una concentrazione specifica. Esempio Per il Disciplinare Produzione Integrata su melo è consentito utilizzare un prodotto commerciale a base di Glifosate al 30,4% (es. Gliphyt, ) di sostanza attiva alla dose massima di 9 l/ha anno, è possibile diserbare al massimo il 50% di superficie. Il calcolo da effettuare è: 9 : 2 = 4,5 l/anno di Gliphyt Nel caso di un prodotto fitosanitario con percentuale diversa, per esempio del 39,7% (es. Ermex), il calcolo diventa: (9 x 30,4) / 39,7= 6,89 l 2,29 / 2 = 3,445 l/ha anno di Ermex Il PAN prevede che nelle aree agricole, adiacenti alle aree frequentate dalla popolazione o da gruppi vulnerabili, quali parchi e giardini pubblici, campi sportivi, aree ricreative, cortili e aree verdi all interno con plessi scolastici, parchi gioco per bambini, superfici in prossimità di strutture sanitarie, è vietato l utilizzo, a distanze inferiori di 30 metri dalle predette aree, di prodotti fitosanitari classificati tossici, molto tossici e/o recanti in etichetta le frasi di rischio R40, R42, R43, R60, R61, R62, R63 e R68, ai sensi del Decreto legislativo n. 65/2003 successive modificazioni ed integrazioni, o le indicazioni di pericolo corrispondenti, di cui al regolamento (CE) n. 1272/2008. Nel caso in cui vengano adottate misure di contenimento della deriva, tenuto conto delle prescrizioni indicate in etichetta e fatte salve determinazioni più restrittive delle Autorità locali competenti, tale distanza può essere ridotta fino ad una distanza minima di 10 metri. Per le altre norme previste dal PAN per le aree frequentate dalla popolazione o da gruppi vulnerabili si rimanda al Decreto 22 gennaio 2014 relativo all approvazione del Piano d azione nazionale nel capitolo A.5.6: misure per la riduzione dell uso o dei rischi derivanti dall impiego dei prodotti fitosanitari nelle aree frequentate dalla popolazione o da gruppi vulnerabili. REGISTRO DEI TRATTAMENTI Adozione del registro dei trattamenti, o similari, ai sensi del D. Lgs 150/2012. GIACENZE DI MAGAZZINO DEI PRODOTTI FI- TOSANITARI Autorizzato l impiego dei prodotti fitosanitari previsti nelle norme tecniche o nei disciplinari dell anno precedente, ma esclusi nella presente stagione. Tale indicazione deve intendersi valida esclusivamente per l esaurimento delle scorte presenti in azienda e registrate nelle schede di magazzino alla data dell entrata in vigore delle nuove norme o per le quali sia dimostrabile l acquisto prima di tale data. Tale autorizzazione, valida solo per una annata agraria, non può intendersi attuabile qualora siano venute meno le autorizzazioni all impiego e può essere applicata utilizzando le sostanze interessate secondo le modalità previste nelle norme tecniche nell anno precedente. RATTICIDI È consentito l impiego di ratticidi regolarmente registrati per questo impiego, quali il Bromadiolone. Si raccomanda di disporre le esche in modo che siano inaccessibili ai bambini ed a specie diverse dal bersaglio quali animali domestici o uccelli selvatici. Tabellare le aree trattate con cartelli indicanti Attenzione derattizzazione in corso. Terminata la disinfestazione le esche residue devono essere distrutte o eliminate secondo le norme previste. TRAPPOLE PER INSETTI FITOFAGI L impiego delle trappole è obbligatorio tutte le volte che le catture sono ritenute necessarie per giustificare l esecuzione di un trattamento. È possibile fare riferimento a monitoraggi comprensoriali eseguiti dai servizi tecnici. Inoltre l installazione non è obbligatoria quando per la giustificazione di un trattamento sia previsto, in alternativa, il superamento di una soglia d intervento relativa ad altri stadi di sviluppo del parassita. PRECISAZIONE PER PIRETRINE PURE Nel testo delle norme di colture viene inserita la possibilità di utilizzare Piretrine Pure, intendendo con questa definizione comprendere: Piretrine, Piretrine pure, Piretro naturale e Piretro.

6 6 17 aprile 2015 IASMA Notizie UTILIZZO DI ACARICIDI Nell esecuzione dei trattamenti con acaricidi ammesse miscele tra le sostanze attive indicate nelle schede di coltura, a prescindere dalla limitazione dei trattamenti contro l avversità (es. limite di 1 trattamento all anno, ma ammessa miscela estemporanea con due delle s.a. presenti nella scheda di coltura per la difesa dagli acari). MACCHINE DISTRIBUTRICI DI PRODOTTI FITOSANITARI, IMPIEGO DPI E SMALTIMENTO CONFEZIONI SCELTA DELLE MACCHINE DISTRIBUTRICI DI PRODOTTI FITOSANITARI (PF) Le nuove macchine devono essere scelte in base alle caratteristiche dell azienda e delle colture da trattare (specie, forme di allevamento, tipologie di impianto, ), ed alla facilità e flessibilità d uso e di regolazione. Quando possibile si dovranno acquistare nuove macchine dotate di certificazione (ENAMA/EN- TAM EN 12761). È importante la scelta di attrezzature adeguatamente predisposte per contenere l effetto deriva (dispositivi di avvicinamento dell attrezzatura alla vegetazione, meccanismi di recupero, deflettori, ugelli antideriva, sistemi di esclusione dell aria, ). MANUTENZIONE E GESTIONE DELLE MACCHI- NE DISTRIBUTRICI L azienda agricola deve mantenere le attrezzature di distribuzione in uno stato di funzionamento efficiente e sottoporle a manutenzione almeno annuale, o comunque cadenzati in funzione della frequenza dell utilizzo. Allo scopo andranno effettuate verifiche aziendali, successivamente registrate, sulla regolare funzionalità dei principali componenti, con particolare riguardo per gli ugelli di distribuzione, manometro, pompa, portata ugelli, agitatore. L attrezzatura deve essere regolarmente sottoposta ad una adeguata pulizia per garantire il mantenimento del corretto funzionamento e per evitare imbrattamenti accidentali di persone, animali e cose. L attrezzatura deve essere comunque accuratamente bonificata in ogni sua parte ogni qualvolta ci sia il rischio di possibili contaminazioni con sostanze attive non ammesse dal piano di protezione per la coltura che ci si accinge a trattare. REVISIONE PERIODICA DELLE MACCHINE DI- STRIBUTRICI (controllo funzionale e regolazione distribuzione) Al fine di verificare se le attrezzature sono mantenute in corretto stato di efficienza si deve prevedere un controllo funzionale (UNI EN ISO 13790) con una periodicità di almeno 5 anni da parte di una struttura riconosciuta dalle autorità Provinciali fino al 2020 e poi ogni 3 anni. In coerenza con quanto stabilito dal PAN, tutte le attrezzature utilizzate per la distribuzione dei PF dovranno essere sottoposte a controllo funzionale almeno 1 volta entro il 26 novembre Le attrezzature nuove dovranno essere ispezionate entro 5 anni dall acquisto. Sono esonerati dalle ispezioni le irroratrici portatili e spalleggiate, azionate dall operatore, con serbatoi in pressione o dotate di pompante a leva manuale e le attrezzature spalleggiate a motore, senza ventilatore se non utilizzate in colture protette. L ispezione delle attrezzature per l applicazione dei PF deve riguardare tutti gli aspetti importanti per ottenere un elevato livello di sicurezza e di tutela della salute e dell ambiente nelle diverse fasi operative (riempimento, preparazione della miscela, trasporto, distribuzione, svuotamento, lavaggio). Occorre dedicare particolare attenzione ai seguenti elementi: elementi di trasmissione, pompa, agitazione, serbatoio per l irrorazione di prodotti liquidi, sistemi di misura, controllo e regolazione, tubi, filtraggio, barra irrorante (per le attrezzature che irrorano PF mediante una barra orizzontale situata in prossimità della coltura o del materiale da trattare), ugelli, distribuzione e ventilatore (per le attrezzature che distribuiscono i PF con sistema pneumatico) Per il corretto impiego delle macchine distributrici di PF è importante che le macchine stesse siano sottoposte a periodici controlli di taratura, al fine di

7 IASMA Notizie 17 aprile stabilire i parametri operativi più adeguati in funzione delle colture presenti in azienda, delle forme di allevamento, dei sistemi di impianto, dello stadio fenologico. CORRETTO IMPIEGO La preparazione della miscela dovrà essere effettuata con la massima attenzione a non determinare inquinamenti puntiformi. L esecuzione dei trattamenti dovrà avvenire nel rispetto delle precauzioni operative orientate alla minimizzazione degli effetti deriva. Ad esempio: trattare in assenza di vento, mantenere adeguata distanza da corpi idrici dalle strade e dalle abitazioni. Lo smaltimento dei residui del trattamento e delle acque di lavaggio dovrà essere attuato in modo da evitare contaminazioni puntiformi di PF nell ambiente. Può a questo proposito essere opportuno gestire lo smaltimento aziendale dei residui di trattamento e di lavaggio attraverso vasche attrezzate per la raccolta e/o sistemi bio-bed. IMPIEGO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE IN- DIVIDUALE In merito all impiego di DPI (dispositivi di protezione individuale), in tutte le fasi operative, dal prelievo del PF fino allo smaltimento del residuo di miscela, il personale addetto alla preparazione ed alla distribuzione delle miscele deve operare nel rispetto delle indicazioni riportate nelle schede di sicurezza dei singoli PF impiegati, adottando adeguate protezioni a difesa dei rischi derivanti da assorbimento cutaneo, contaminazione oculare, assorbimento per inalazione e orale. I DPI (tute, stivali, guanti ) devono essere mantenuti in idonee condizioni di pulizia e conservate in luogo separato rispetto ai PF. I filtri per maschere e cabine pressurizzate vanno periodicamente sostituiti, con frequenza proporzionata al periodo d uso. SMALTIMENTO DELLE CONFEZIONI Per lo smaltimento delle confezioni vuote o di PF revocati e dei DPI sostituiti, l agricoltore farà riferimento alle norme vigenti a livello provinciale (accordo di programma sui rifiuti).

8 8 17 aprile 2015 IASMA Notizie Il disciplinare per la produzione integrata del melo, per la Provincia di Trento, il cui rispetto rappresenta l adesione al SQNPI (sistema qualità nazionale di produzione integrata) è composto dalla parte agronomica e dalla parte difesa (difesa integrata volontaria). Per la parte agronomica si segnalano gli aspetti irrigazione e fertilizzazione che richiederanno da parte degli agricoltori particolare attenzione e relative registrazioni sul quaderno di campagna aziendale. MELO IRRIGAZIONE Essa deve soddisfare il fabbisogno idrico della coltura evitando di superare la capacità di campo, per contenere lo spreco di acqua, la lisciviazione dei nutrienti e lo sviluppo di avversità. Le aziende devono disporre dei dati meteo aziendali o messi a disposizione dalle reti regionali. Il DPI prevede: l utilizzo di efficienti tecniche di distribuzione irrigua (ad es. irrigazione a goccia, microirrigazione, subirrigazione, pioggia a bassa pressione, ) volumi di irrigazione determinati in relazione al bilancio idrico che tiene conto di fasi fenologiche, tipologie di suolo e condizioni climatiche dell ambiente di coltivazione la redazione di un piano di irrigazione basato sul bilancio idrico della coltura Per il melo l azienda deve registrare su apposite schede: data e volume di irrigazione per ogni intervento dato di pioggia ricavabile da pluviometro o da capannina meteorologica, oppure disporre di dati forniti da Servizi meteo ufficiali e riconosciuti Sono stati stabiliti i volumi massimi per intervento, che sono in funzione del tipo di terreno: terreno sciolto 35 mm terreno medio impasto 45 mm terreno argilloso 55 mm La situazione fondiaria trentina è diversa dalle altre e per questo si è previsto che per le aziende con superficie aziendale inferiore ad 1 ha e per le aziende che utilizzano impianti microirrigui è sufficiente indicare il volume di irrigazione distribuito per l intero ciclo colturale e le date di inizio e fine irrigazione. Queste stesse aziende sono esentate dalla registrazione del dato di pioggia In caso di gestione consortile o collettiva dell irrigazione i dati indicati possono essere forniti a cura della struttura che gestisce la risorsa idrica (es. Consorzio irriguo o Consorzio Miglioramento Fondiario) FERTILIZZAZIONE Il DPI prevede analisi del suolo per la stima della disponibilità di macroelementi e degli altri principali parametri della fertilità (con un intervallo di 5 anni per le colture erbacee e all impianto per le colture arboree); in alternativa l uso di carte pedologiche se adeguate come definizione. L imprenditore agricolo deve prevedere un piano di fertilizzazione con quantitativi massimi di N, P e K annuali per coltura/ ciclo colturale. In alternativa al piano di fertilizzazione analitico è possibile adottare un modello semplificato secondo le schede a dose standard per coltura (la dose standard va intesa come la dose di macroelemento da prendere come riferimento in condizioni ritenute ordinarie di resa produttiva, di fertilità del suolo e di condizioni climatiche). In Trentino si è scelto quest ultima strada e le informazioni tecniche del CTT rappresentano il piano di fertilizzazione a cui fare riferimento. La tabella con le dosi ammesse è reperibile sul quaderno di campagna melo ed il piano puntuale è riportato sulla circolare tecnica n. 4 del 02/04/2015 Sia per l irrigazione che per la fertilizzazione è opportuno fare riferimento alle specifiche schede presenti sul quaderno di campagna del melo.

9 IASMA Notizie 17 aprile FITOREGOLATORI AUTORIZZATI COLTURA ATTIVITÀ S.A. IMPIEGABILE Melo Allegante Anticascola Antiruggine Contenimento della vigoria (Regolatore dei processi di crescita della pianta) Diradante Favorisce uniformità frutti Acido gibberellico (GA3) Gibberelline (A4-A7) 6-Benziladenina NAA Acido gibberellico (GA3) Gibberelline (A4-A7) + 6-Benziladenina Prohexadione calcium NAA 6-Benziladenina NAA 6-Benziladedina + NAA NAD Etefon Metamitron Acido gibberellico (GA3) Gibberelline (A4-A7) + 6-Benziladenina NOTE E LIMITAZIONI D USO Impiego limitato n caso di rischio di danno da freddo Si raccomanda di utilizzarli solo in relazione a parametri territoriali oggettivi (Cvs, andamento climatico e/o parametri di maturazione) Vincolato a condizioni climatiche avverse ALTERNATIVA AGRONOMICA (PROPOSTA) Utilizzo di bombi e api Integrazione con diradamento manuale Integrazione con diradamento manuale Integrazione con diradamento manuale Integrazione con diradamento manuale Integrazione con diradamento manuale Integrazione con diradamento manuale Integrazione con diradamento manuale Nel 2015 è stato inserito l impiego del Metamitron: essendo il primo anno di possibile impiego su larga scala di questo prodotto molto efficace (Brevis), saranno importanti aumentare le conoscenze sul prodotto stesso interagendo in maniera continua con il tecnico di zona.

10 10 17 aprile 2015 IASMA Notizie DIFESA DEL MELO Per la parte difesa, le norme generali rimangono invariate rispetto al 2014, mentre per quanto riguarda i prodotti utilizzabili sono intervenute le modifiche di seguito riassunte. Sono state escluse le sostanze attive (s.a.) revocate o che hanno subito modifiche registrative. La commissione di Roma (GDI) ha deciso di mantenere la sospensione sull uso del Glufosinate ammonio per problemi tossicologici (frasi di rischio). Si ricorda che tutte le sostanze attive prima presenti solo in miscela (es. Boscalid e Pyraclostrobin) se registrate per avversità del melo previste nelle linee guida sono utilizzabili anche singolarmente. Si ricorda inoltre che per tutti i formulati commerciali tolti dal commercio, non per sospensioni cautelative riguardanti la tossicità o per restrizioni particolari esiste la possibilità di smaltire le scorte presenti in azienda, entro l anno successivo rispetto a quello normalmente autorizzato, se a disposizione prima dell emissione delle nuove norme. LE NOVITÀ Nella mese di dicembre sono state apportate le seguenti modifiche: inserimento della sostanza attiva Penthiopyrad (Fontelis) per la difesa dalla ticchiolatura, inserimento della sostanza attiva Diflufenican (es Stopper, Pelican) per il controllo delle malerbe inserimento della sostanza attiva Metamitron (Brevis) come diradante sospese per 2 anni le seguenti prescrizioni: Obbligo di impiegare le formulazioni Nc, Xi e Xn quando della stessa sostanza attiva esistano anche formulazioni di classe tossicologica T o T+. Obbligo di impiegare le formulazioni Nc e Xi quando della stessa sostanza attiva esistano formulazioni a diversa classe tossicologica (Xn, T o T+) con frasi di rischio relative ad effetti cronici sull uomo (R40, R60, R61, R62, R63, R68) nella scelta del prodotto fitosanitario meno tossico se della stessa sostanza attiva ne esiste di più tossico se nel trattamento acaricida si impiegano miscele di sostanze attive ad azione diversa, nel conteggio del numero massimo di trattamenti questo vale per 1 intervento inserite le soglie degli acaricidi (eguali a quelle presenti nel quaderno di campagna) inserita la seguente dicitura per le miscele di fungicidi: nelle miscele di fungicidi non impiegare più di 2 s.a. diverse contemporaneamente per ciascuna avversità; sono esclusi dalla limitazione i prodotti rameici, il Fosetil Al, i prodotti biologici e il Fosfonato di K. Utilizzabile 1 formulato commerciale per ogni s.a. inserimento di un numero massimo di trattamenti annui per il gruppo ditianon + captano a seconda di gruppi varietali così suddivisi: varietà resistenti alla ticchiolatura, R. Canada, Evelina, Gala, Red D. 12 trattamenti; Golden D., Morgenduft, Granny Smith, Fuji, Braeburn, Stayman, varietà minori 14 trattamenti Nella seduta di GDI del 25 marzo, dopo che la Provincia di Trento aveva già approvato i disciplinari sono stati inoltre apportate le ulteriori modifiche: inserimento delle sostanze attive in miscela Fluopyram + Tebuconazolo (Luna experience) su ticchiolatura e oidio (vedere limitazioni per gli IBE e per gli SDHI) inserimento Acetamiprid, con le stesse limitazioni per i neonicotinodi, contro Ceratitis capitata In giallo sono evidenziate le prescrizioni obbligatorie

11 IASMA Notizie 17 aprile FUNGICIDI AVVERSITÀ CRITERI D INTERVENTO S.A. E AUSILIARI NOTE E LIMITAZIONI D USO Ticchiolatura (Venturia inaequalis) Mal bianco (Podosphaera leucotricha, Oidium farinosum) Cancri e disseccamenti rameali (Nectria galligena) Marciume del colletto (Phytophthora spp.) Marciume lenticellare (Gloesporium album) Alternaria (Alternaria spp.) Interventi chimici Cadenzare i trattamenti a turno biologico, oppure adottare un turno fisso o allungato in funzione dell andamento climatico e della persistenza del fungicida. Interrompere i trattamenti antiticchiolatura, o ridurli sensibilmente, dopo la fase del frutto noce se nel frutteto non si rilevano attacchi di ticchiolatura. Interventi agronomici Asportare durante la potatura invernale i rametti con gemme oidiate ed eliminare in primavera-estate i germogli colpiti Interventi chimici sulle varietà più recettive e nelle aree di maggior rischio intervenire preventivamente sin dalla prefioritura, mentre negli altri casi attendere la comparsa dei primi sintomi Interventi chimici Di norma si prevede una applicazione autunnale poco prima della defogliazione ed una primaverile, ad ingrossamento gemme. Nei frutteti giovani od in quelli gravemente colpiti è opportuno intervenire in autunno anche a metà caduta foglie. Interventi chimici Intervenire in modo localizzato solo nelle aree colpite Intervenire dopo la ripresa vegetativa. Evitare i ristagni idrici, favorire i drenaggi. Interventi chimici Solo in pre-raccolta Prodotti rameici Polisolfuro di Ca Captano (A) Dodina Trifloxystrobin (1) Pyraclostrobin (1) Boscalid (2)(****) Dithianon IBE (3) (**) Pirimetanil (1b) (**) Ciprodinil (1b) (**) Propineb (4) Metiram (4) Bacillus subtilis Fosetil Al Fluazinam (***) Penthiopyrad (****) Fluopyram (****) + Tebuconazolo (3) Zolfo IBE (3) Pyraclostrobin (1) Boscalid (2) Trifloxystrobin (1) Quinoxifen Bupirimate ( ) Cyflufenamid ( ) Fluopyram (****) + Tebuconazolo (3) Prodotti rameici Dithianon Tiofanate metil* Fosetil Al Metalaxyl-m Prodotti rameici Metalaxyl Captano (A) Pyraclostrobin (1) + Boscalid (2) Thiram (TMTD) (4) Fludioxonil Iprodione (5) Pyraclostrobin (1) + Boscalid (2) Thiram (TMTD) (4) Propineb (4) Fludioxonil (**) Se ne consiglia l utilizzo in miscela con prodotti a diverso meccanismo d azione (***) Fare attenzione al tempo di carenza 60 (****) Max 4 trattamenti/anno per il gruppo SDHI (Boscalid, Penthiopyrad, Fluopyram) ( ) Fitotossico su cultivar Imperatore ( ) Massimo 2 trattamenti anno (****) Max 4 trattamenti/anno per il gruppo SDHI (Boscalid, penthiopyrad, Fluopyram) *Solo in post raccolta, massimo 2 trattamenti Al massimo 2 interventi all anno contro questa avversità Colpo di fuoco batterico (Ervinia amylovora) Lotta obbligatoria Acibenzolar metil Prodotti rameici Bacillus subtilis Bacillus amyloliquefaciens

12 12 17 aprile 2015 IASMA Notizie (A) Dithianon e Captano vanno considerati in blocco con queste modalità: varietà resistenti alla ticchiolatura, R. Canada, Evelina, Gala, Red D. 12 trattamenti; Golden D., Morgenduft, Granny Smith, Fuji, Braeburn, Stayman, varietà minori 14 trattamenti (1) Al massimo 3 interventi all anno per i prodotti della stessa famiglia (1b) Al massimo 4 interventi all anno (2) Al massimo 3 interventi all anno (3) IBE ammessi: Penconazolo, Fenbuconazolo, Tetraconazolo, Difenconazolo, Miclobutanil, Tebuconazolo, Triadimenol, Ciproconazolo. Al massimo 6 interventi all anno (4) Al massimo 5 trattamenti con ditiocarbammati all anno. (5) Al massimo 2 interventi all anno; 3 per la varietà Golden Delicious, Gala e Cripps Pink Nelle miscele di fungicidi non impiegare più di 2 s.a. diverse contemporaneamente per ciascuna avversità; sono esclusi dalla limitazione i prodotti rameici, il Fosetil Al, i prodotti biologici e il Fosfonato di K. Utilizzabile 1 formulato commerciale per ogni s.a. INSETTICIDI AVVERSITÀ CRITERI D INTERVENTO S.A. E AUSILIARI NOTE E LIMITAZIONI D USO Cocciniglia di San Josè (Comstockaspis perniciosa) Afide Grigio (Dysaphis plantaginea) Pandemis, Archips, Adoxophies, Eulia (Pandemis cerasana, Archips podanus, Adoxophies orana, Pandemis heparana, Argyrotaenia pulchellana) Carpocapsa (Cydia pomonella) Soglia - Presenza - A fine inverno, in caso di presenza, trattare alla migrazione delle neanidi Soglia Presenza Soglia Soglie d intervento raccomandate dagli enti di consulenza locali Ove possibile da privilegiare l impostazione della difesa sul metodo della confusione e del disorientamento sessuale. Per trattamenti preventivi seguire le indicazioni della consulenza locale. Soglie per trattamenti su infestazioni in atto (controlli su 500 frutti/ha): giugno 0,3% luglio 0,5% agosto 0,8% Olio minerale Fosmet (*) Clorpirifos metile (*) Buprofezin Pyriproxifen Spirotetramat ( ) Fluvalinate (1) Imidacloprid (2) Thiamethoxam (2) Acetamiprid (2) Flonicamid (3) Clotianidin (2)(4) Azadiractina Sali potassici acidi grassi Pirimicarb Spirotetramat ( ) Bacillus thuringiensis Tebufenozide (**) Metoxifenozide (**) Clorpirifos metile (*) Clorpirifos etile (*) Spinosad (2) Clorantraniliprole ( ) Emamectina benzoato ( ) Indoxacarb (3)( ) Confusione e disorientamento sex Virus della granulosi Diflubenzuron (**) Metoxifenozide (**) Tebufenozide (**) Spinosad (2) Etofenprox (3) Clorpirifos etile (*) Clorpirifos metile (*) Fosmet (*) Thiacloprid (4) Clorantraniliprole ( ) Emamectina benzoato ( ) ( ) Al massimo 2 trattamenti (1) Al massimo 1 intervento all anno, solo in pre-fioritura (2) Tra Acetamiprid, Thiamethoxam, Clotianidin e imidacloprid al massimo 1 intervento all anno 3) Al massimo 1 intervento all anno (4) Ammesso in post-fioritura ( ) Al massimo 2 trattamenti Trappole aziendali o reti di monitoraggio (2) Al massimo 3 interventi all anno ( ) Al massimo 2 interventi all anno ( ) Al massimo 2 interventi all anno (3) Prodotto attivo anche nei confronti della piralide, nottue e falene ( ) Al massimo 4 interventi all anno Trappole aziendali o reti di monitoraggio (2) Al massimo 3 interventi all anno (3) Al massimo 2 interventi all anno (4) Al massimo 2 interventi all anno Impiegabile anche su prima generazione qualora si siano impiegati altri neonicotinoidi contro gli afidi (effetto collaterale psilla) ( ) Al massimo 2 interventi all anno ( ) Al massimo 2 interventi all anno È possibile utilizzare i nematodi specifici quali S. carpocasae e S. feltiae

13 IASMA Notizie 17 aprile AVVERSITÀ CRITERI D INTERVENTO S.A. E AUSILIARI NOTE E LIMITAZIONI D USO Cidia del Pesco (Cydia molesta) Litocollete, Cemiostoma (Lithocolletis blancardella) (Leucoptera scitella) (Phyllonorycter corylifoliella) (Lyonetia clerkella) Rodilegno rosso (Cossus cossus) Soglia Ovideposizioni o 1% di fori di penetrazione verificati su almeno 100 frutti a ettaro Vedi raccomandazioni degli enti di consulenza locali Bacillus thuringiensis Confusione e disorientamento sex Metoxifenozide (**) Etofenprox (1) Spinosad (2) Clorantraniliprole ( ) Emamectina benzoato ( ) Acetamiprid (1) Imidacloprid (1) Thiamethoxam (1) Spinosad (2) Clorantraniliprole ( ) Emamectina benzoato ( ) Catture massali con trappole a feromoni (1) Al massimo 2 interventi all anno (2) Al massimo 3 interventi all anno ( ) Al massimo 2 interventi all anno ( ) Al massimo 2 interventi all anno (1) Tra Acetamiprid, Thiamethoxam, Clotianidin e Imidacloprid al massimo 1 intervento all anno (2) Al massimo 3 interventi all anno ( ) Al massimo 2 interventi all anno ( ) Al massimo 2 interventi all anno Presenza sporadica di Cemiostoma in Trentino Rodilegno giallo (Zeuzera pyrina) Orgia (Orgyia antiqua) Ragnetto rosso (Panonychus ulmi) (Tetranychus urticae) Eriofidi (Aculus schlechtendali) Afide verde (Aphis pomi) Afide lanigero (Eriosoma lanigerum) Sesia (Synanthedon sp.) Soglia Presenza di attacchi larvali Soglia: Mag 3-5; Giu 5-7; Lug 8-10; Ago 16-20; Set +20; acari/foglia Soglia Presenza di danni da melata Soglia 10 colonie vitali su 100 organi controllati con infestazioni in atto Verificare la presenza di Aphelinus mali che può contenere efficacemente le infestazioni Catture massali con trappole a feromoni Confusione sex Confusione sex Bacillus thuringiensis Diflubenzuron (**) Olio minerale Clofentezine Piridaben Etoxazole Exitiazox Fenpiroximate Tebufenpirad Acequinocyl Mylbemectina Abamectina (1) Abamectina (1) Spirodiclofen (2) Olio minerale Pirimicarb Azadiractina Thiamethoxam (1) Acetamiprid (1) Clotianidin (1)(2) Sali potassici acidi grassi Flonicamid (3) Spirotetramat ( ) Thiametoxam (1) Acetamiprid (1) Imidacloprid (1) Clorpirifos etile (*) Pirimicarb Sali potassici acidi grassi Spirotetramat ( ) Catture massali con trappole alimentari Contro queste avversità al massimo 2 interventi all anno. (1) Al massimo 1 intervento all anno Nell esecuzione dei trattamenti ammesse miscele tra le s.a. indicate, a prescindere dalla limitazione dei trattamenti contro l avversità In presenza di utili (fitoseidi) le soglie sopra riportate possono essere aumentate (1) Al massimo 1 intervento all anno a caduta petali (2) Al massimo 1 intervento all anno (1) Tra Acetamiprid, Thiamethoxam, Clotianidin e Imidacloprid al massimo 1 intervento all anno (2) Ammesso in post-fioritura (3) Al massimo 1 intervento all anno ( ) Al massimo 2 trattamenti (1) Tra Acetamiprid, Thiamethoxam, Clotianidin e Imidacloprid al massimo 1 intervento all anno ( ) Al massimo 2 trattamenti

14 14 17 aprile 2015 IASMA Notizie AVVERSITÀ CRITERI D INTERVENTO S.A. E AUSILIARI NOTE E LIMITAZIONI D USO Psille (Cacopsilla melanoneura) (Cacopsilla picta) Cicaline (Empoasca vitis) Maggiolino Melolontha melolontha Lotta obbligatoria Clorpirifos etile (*) Etofenprox (1) Fosmet (*) Sali potassici acidi grassi Buprofezin Vedi raccomandazioni degli enti di consulenza locali Acetamiprid (1) Topi e arvicole Sfalci frequenti Bromadiolone Bostrico Presenza Trappole massali Ceratitis capitata Presenza Deltametrina ( ) Fosmet Acetamiprid (1) (1) Al massimo 2 interventi all anno (1) Al massimo un trattamento all anno in aggiunta ai neonicotinoidi previsti ( ) Solo in abbinamento con metodo attract and kill (1) Tra Acetamiprid, Thiamethoxam, Clotianidin e Imidacloprid al massimo 1 intervento all anno (*) Indipendentemente dall avversità, ammessi complessivamente 4 interventi all anno con Clorpirifos etile, Fosmet, Clorpirifos metile-massimo 4 trattamenti di ognuno di essi (**) Indipendentemente dall avversità ammessi complessivamente 4 interventi all anno con: Metoxifenozide, Tebufenozide, Diflubenzuron e Metoxifenozide: effetto secondario su falene e nottue Si ricorda che nel 2015 le comunicazioni tecniche riporteranno le dosi dei prodotti fitosanitari espresse in dose massime ad ettaro per una quantità di miscela pari ai 15 hl/ha con trattamenti a volume normale. In una prima fase si riporteranno anche le dosi ad hl per permettere una facile interpretazione della comunicazione tecnica agli agricoltori.

15 IASMA Notizie 17 aprile DISERBO Le prescrizioni sull utilizzo del diserbo ed in particolare la limitazione della superficie massima diserbabile del 50% hanno creato negli scorsi anni alcune incomprensioni. Si ricorda la nota chiarificatrice di GDI del 2013: sulla base di quanto definito dalle norme tecniche e considerato il vincolo dell applicazione localizzata al massimo sul 50% della superficie, si ribadisce che in un anno su un frutteto della superficie complessiva di 1 ettaro, si possono impiegare al massimo litri 4,5 di formulato commerciale di Glifosate con una concentrazione del 30,4% di s.a. Attenzione particolare merita la s.a. Oxifluorfen che è presente sia in miscela con altri diserbanti, che da sola. Si invitano gli agricoltori a prestare particolare attenzione alle etichette dei prodotti contenenti Oxifluorfen e nello specifico sui periodi di utilizzo, ed in generale comunque a tutte le etichette. DISERBANTI INFESTANTI Graminacee e Dicotiledoni Graminacee CRITERI DI INTERVENTO Interventi agronomici Operare con inerbimenti, sfalci, trinciature e/o lavorazioni del terreno Non ammesse: - Lavorazioni nelle interfile di impianti dotati di sistemi di irrigazione Interventi chimici: Non ammessi interventi chimici nelle interfile Interventi localizzati sulle file, operando con microdosi su infestanti nei primi stadi di sviluppo. Ripetere le applicazioni in base alle necessità. Consigliabili le applicazioni nel periodo autunnale. L uso di diserbanti può essere opportuno quando : - Vi sia sulle file una distanza tra pianta e pianta inferiore a m 1,5 / 2 m - Le piante abbiano apparato radicale superficiale (es. M9 e M26) - Vi siano rischi di erosione (es. pendenze superiori al 5%) - Vi siano impianti con impalcature basse e di dimensioni tali da limitare la possibilità di intervenire con organi meccanici. Interventi chimici Vedi nota precedente Interventi chimici solo su astoni nei primi due anni di allevamento Solo in pre ripresa vegetativa, solo localizzati sulla fila e solo in impianti con: - distanza tra le piante sulla fila pari o inferiori a 1,50 m - o con impianti di irrigazione a goccia (o similari) appoggiati a terra SOSTANZA ATTIVA % S.a. DOSE l/ha ANNO Indipendentemente dal numero delle applicazioni sono annualmente ammessi: Glifosate 30,4 l/ha = 9,0 Oxifluorfen (1) 22,9 l/ha = 1 MCPA 25,0 l/ha = 1,5 Oxadiazon (3) 34,10 l/ha = 4 Fluroxipir 20,6 l/ha = 1,5 Carfentrazone etile (4) 6,45 l/ha = 1 Pyraflufen ethile (6) 2,65 l/ha= 1,6 Pendimetalin (5) 38,72 l/ha = 2 Ciclossidim 10,9 2-4 Oxifluorfen (2) 22,9 l/ha = 2 Il diserbo deve essere localizzato sulla fila. L area trattata non deve superare il 50% dell intera superficie. (1) Da utilizzarsi a dosi ridotte (l 0,3-0,45 per intervento) in miscela con prodotti sistemici (2) Impiegabile solo su astoni e non su piante innestate (3) Uso autorizzato esclusivamente nei primi tre anni di impianto (4) In impianti fino a tre anni la dose massima è di 2 l/ha per anno (5) Impiegabile solo in impianti fino a 3 anni (6) Da usare in alternativa al carfentrazone solo come spollonante

16 16 17 aprile 2015 IASMA Notizie È possibile utilizzare solo i prodotti registrati sulle avversità e sulle colture riportate in etichetta. L autorizzazione al loro utilizzo è strettamente vincolata al formulato commerciale e non al principio attivo. Si consiglia pertanto di non creare in azienda scorte di prodotti fitosanitari per non incappare in usi non più consentiti o nella necessità di un oneroso smaltimento. Sempre più attenzione va posta ai dosaggi, che oltre ad SUSINO FASE FENOLOGICA AVVERSITÀ PRINCIPI ATTIVI FORMULATO COMMERCIALE Periodo invernale, gemme rigonfie Rottura gemme Pre-fioritura Batteriosi, cancri, marciumi monilia Uova di acari e afidi avere una limitazione di concentrazione ad ettolitro, presentano in alcuni casi anche una dose massima ad ettaro. Per facilitare il lavoro di chi coltiva susino in Trentino, sono state realizzate tabelle di facile lettura dove vengono riportate, per ogni fase fenologica, le possibili patologie presenti in pianta, nonché i principi attivi e relativi prodotti commerciali utilizzabili nei trattamenti fitosanitari. È consentito l uso di tutte le sostanze attive autorizzate in agricoltura biologica su susino. DOSE A ETTOLITRO (g-ml/hl) Rame Vari Varie DOSE A ETTARO (l-kg/ha) CARENZA (gg) NOTE Limitare i trattamenti al periodo invernale Olio minerale, olio 1000 Vari bianco Olio minerale, olio Cocciniglia bianco Vari Varie 20 Buprofezin Applaud Plus Tetrasol Tiram Gommosi liquido, Rame Tetraram Flonicamid Teppeki 0,14 35 Max 1 tratt./anno Max 2 interventi Acetamiprid Epik 120 1,8 14 Afide l anno farinoso Pirimir 17,5, Pirimicarb Spirotetramat Movento 48 SC ,5 21 Max 2 tratt./anno Afidi Azadiractina Oikos, ,5 3 Ziram Crittam WG, Fine fioritura Corineo Rame Cuprofrut Bc ,2 20 Tiram Pomarsol 80 WG, Max 3 tratt./anno Monilia Tiram Pomarsol 80 WG, Max 3 tratt./anno Ruggine Rame Cuprofrut BC ,2 20 Afidi Imidacloprid Vari Max 1 tratt./anno Thiamethoxan Actara 20 0,2-0,3 14 Max 1 tratt./anno Corineo Tiram Pomarsol 80 WG Max 3 tratt./anno Monilia Tiram Pomarsol 80 WG Max 3 tratt./anno Moniliosi del frutto Moniliosi del frutto, clodosporiosi Ciprodinil Chorus ,75 7 Boscalid + Pyraclostrobin Bellis drupacee, Postfioritura 0,60-0,75 3 Max 3 interventi Boscalid Cantus 40 0,40 14 Max 3 interventi

17 IASMA Notizie 17 aprile FASE FENOLOGICA AVVERSITÀ PRINCIPI ATTIVI FORMULATO COMMERCIALE Postfioritura (continua) DOSE A ETTOLITRO (g-ml/hl) DOSE A ETTARO (l-kg/ha) CARENZA (gg) NOTE Zolfo Vari Varie 5 Myclobutanil Thiocur forte, 1,25-1,50 7 Cyproconazolo Caddy 12,5 7 Oidio Tebuconazolo + Flint max 20 0,30 14 Trifloxystrobin Pyraclostrobin + Bellis drupacee Boscalid 75 0,75 14 Ruggine Tebuconazolo Foliar WA, ,75-1,125 7 Max 2 tratt./anno Batteriosi Rame Flowbrix, Zolfo Microsulf WG Bacillus thuringensis kurstaki Rapax, Fosmet Spada WDG, ,2 14 Cydia Etofenprox Trebon up, 50 7 Clorantraniprole Coragen ,3 14 Max 2 tratt./anno Thiacloprid Calypso Spinosad Laser, ,3-0,45 7 Max 3 tratt./anno Emamectina benzoato Affirm Max 3 tratt./anno Eulia Fosmet Vedi sopra Thiamethoxam Actara Clofentezine Acarispop, Ragno rosso Olio minerale Biolid E, Etoxazole Borneo ,3-0,5 45 Pyridaben Nexter, Acetamiprid Vedi sopra Max 2 tratt./anno Minatrice Azadiractina Oikos, ,5 3 Fosmet Vedi sopra Imidacloprid Vedi sopra Max 1 tratt./anno Tentredine del susino Imidacloprid Vedi sopra Tignola Bacillus thuringensis Vari Varie Tortricidi defoglia tori Bacillus thuringensis Vari Varie e ricamatori Beuveria Bassiana Naturalis 120 Azadiractina Vari Varie Tripidi Olio minerale Biolid E, Fosmet Vedi sopra Spinodad Laser, ,3-0,45 7 Max 3 tratt./anno Optoptere, Orgya, Falene, Bacillus thuringensis Vari Varie

18 18 17 aprile 2015 IASMA Notizie FASE FENOLOGICA AVVERSITÀ PRINCIPI ATTIVI FORMULATO COMMERCIALE Pre-raccolta Diserbanti Botrite, mal bianco Monilia dei frutti DOSE A ETTOLITRO (g-ml/hl) CARENZA (gg) NOTE Tebuconazolo Folicur WG, Max 2 tratt./anno Fenexamide Teldor ,5 3 Max 4 tratt./anno Fludioxonil + Max 2 tratt./anno in Switch 60 0, Ciprodinil pre-raccolta DOSE A ETTARO (l-kg/ha) 0,75-1,125 Fenbuconazolo Indar 5 EW, Fenexamide Vedi sopra Tebuconazolo + Trifloxystrobin Flint max 20 0,3 14 Pyraclostrobin + Bellis drupacee Boscalid 75 0,75 14 Ciproconazolo Caddy 12,5 7 Ciprodinil Chorus ,75 7 Fenexamide Teldor ,50 3 Max 4 tratt./anno Mycobutanil Thiocur forte, 0,125-0,150 7 Boscalid Cantus 40 0,4 14 Max 3 interventi Glifosate Vari Varie Oxadiazion Ronstar FL 6,5 Oxifluorfen Vari Varie Carfentraszone etile Spotlight plus 1 Glufosinate ammonio Basta ,5 12,5 14 Rodenticidi Bromadiolone Agrirat,

19 IASMA Notizie 17 aprile ACTINIDIA I principi attivi autorizzati su actinidia sono limitati a quelli riportati nella seguente tabella. Si ricorda che è consentito l utilizzo di tutte le sostanze autorizzate in agricoltura biologica su actinidia. FASE FENOLOGICA AVVERSITÀ PRINCIPI ATTIVI UTILIZZABILI Periodo invernale, gemme rigonfie Postfioritura Primavera estate Diserbanti FORMULATO COMMERCIALE DOSE A ETTOLITRO (g-ml/hl) DOSE A ETTARO (l-kg/ha) CARENZA (gg) Alternaria, batteriosi, maculatura batterica, marciume del colletto Rame Vari Varie Cocciniglia Olio minerale Chemol, Cocciniglia Buprofezin Applaud Plus Fitoftora Idrossido di rame Cuprossil idro 25 WP Gestione vigore Forclorfenuron Sitofex 1,3 50 Afidi, cicaline, minatori Azadiractina Oikos, ,5 3 fogliari, tripidi Marciume del colletto Rame Vari 20 Botrite Iprodione Rovral Alternaria Iprodione Rovral 150 1,5 15 Trebon star, Etofenprox Metcalfa Buprofezin Applaud Plus Mosca della Trebon star, Etofenprox frutta Regolatore di crescita Forchlorfenuron Sitofex 0,4-1,3 50 Eulia, Tignola Bacillus thuringensis Vari 3 Rodenticidi Bromadiolone Agrirat, Fitoftora Metalaxil M Ridomil gold 1-2 ml/m 2 Glifosate Vari Varie Glufosinate ammonio Basta ,5 12,5 14 NOTE Limitare i trattamenti al periodo invernale o caduta foglie

20

IASMA Notizie DIFESA DA TICCHIOLATURA, OIDIO E AFIDI IN PRE E POST FIORITURA TICCHIOLATURA FRUTTICOLTURA

IASMA Notizie DIFESA DA TICCHIOLATURA, OIDIO E AFIDI IN PRE E POST FIORITURA TICCHIOLATURA FRUTTICOLTURA IASMA Notizie FRUTTICOLTURA Notiziario tecnico del Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione Edmund Mach - Istituto Agrario di S. Michele all Adige n. 4 IASMA Notizie - n. 14 - Anno VIII - Taxe

Dettagli

Si raccomanda di porre la massima attenzione al tempo di carenza dei prodotti utilizzati.

Si raccomanda di porre la massima attenzione al tempo di carenza dei prodotti utilizzati. PROVINCIA DI RAVENNA - ASSESSORATO AGRICOLTURA BOLLETTINO TECNICO AGROMETEOROLOGICO E DI PRODUZIONE INTEGRATA a cura del COMITATO PROVINCIALE per il COORDINAMENTO dei SERVIZI BOLLETTINO TECNICO N. 22 del

Dettagli

Integrata e Biologica

Integrata e Biologica DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA, ECONOMIA ITTICA, ATTIVITÀ FAUNISTICO-VENATORIE PROVINCIA DI RIMINI Bollettino di Produzione Integrata e Biologica N 24 del 02/08/2012 PREVISIONI DEL TEMPO è previsto tempo

Dettagli

QUADERNO DI DI CAMPAGNA PER PER LA LA PRODUZIONE INTEGRATA 2010

QUADERNO DI DI CAMPAGNA PER PER LA LA PRODUZIONE INTEGRATA 2010 Cooperativa Ortofrutticola Alta Valtellina Cooperativa Ortofrutticola Ponte in Valtellina PROVINCIA DI SONDRIO Cooperativa Frutticoltori Villa di Tirano QUADER DI DI CAMPAGNA PER PER LA LA PRODUZIONE INTEGRATA

Dettagli

BOLLETTINO TECNICO N. 24 del 16 luglio 2008

BOLLETTINO TECNICO N. 24 del 16 luglio 2008 PROVINCIA DI RAVENNA - ASSESSORATO AGRICOLTURA BOLLETTINO TECNICO AGROMETEOROLOGICO E DI PRODUZIONE INTEGRATA a cura del COMITATO PROVINCIALE per il COORDINAMENTO dei SERVIZI BOLLETTINO TECNICO N. 24 del

Dettagli

Controllo Integrato delle infestanti dell'actinidia. INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Indipendentemente dal

Controllo Integrato delle infestanti dell'actinidia. INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Indipendentemente dal INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Graminacee e Interventi chimici: Glifosate 30.40 9 l/ha Consigliabili le applicazioni nel periodo autunnale. L'uso di diserbanti può

Dettagli

Bollettino di Difesa Integrata obbligatoria

Bollettino di Difesa Integrata obbligatoria del 24-06-2015 Provincia di BOLOGNA Bollettino di Integrata obbligatoria PREVISIONI DEL TEMPO (24/06/15) Un vasto promontorio anticiclonico, in espansione sull europa occidentale manterrà sulla nostra

Dettagli

Negli ambienti laziali le infezioni di Botritis preceduta da abbondanti e ripetute precipitazioni.

Negli ambienti laziali le infezioni di Botritis preceduta da abbondanti e ripetute precipitazioni. Difesa integrata di: Actinidia AVVERSITA' CRITERI DI INTERVENTO S.a. e AUSILIARI LIMITAZIONI D'USO E NOTE Muffa grigia Interventi chimici: Al massimo 1 intervento all'anno contro questa avversità (Botrytis

Dettagli

INCONTRO TECNICO FRUTTICOLO

INCONTRO TECNICO FRUTTICOLO 1 INCONTRO TECNICO FRUTTICOLO Manta 10 dicembre 2013 Giacomo Michelatti Settore Fitosanitario Regionale 2 NORME TECNICHE DI PRODUZIONE INTEGRATA Aggiornamento 2014 3 Aggiornamenti difesa frutta Coltura

Dettagli

IASMA Notizie DIFESA ESTIVA DELL OLIVO

IASMA Notizie DIFESA ESTIVA DELL OLIVO IASMA Notizie OLIVICOLTURA Notiziario tecnico del Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione Edmund Mach - Istituto Agrario di S. Michele all Adige 24 giugno 2011 n. 2 IASMA Notizie n. 28 - Anno

Dettagli

Insetticidi. Rodenticidi PMC Concimi Erbicidi Fungicidi Insetticidi PAB PPO

Insetticidi. Rodenticidi PMC Concimi Erbicidi Fungicidi Insetticidi PAB PPO Rodenticidi PMC Concimi Erbicidi Fungicidi PAB PPO Calypso Protector SE Confidor 200 SL Decis Energy Confidor Oil Decis Jet Oliocin Reldan 22 Lumachicida Mesurol M Plus Insetticida acaricida Spaikil Team

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO AMBIENTE E AGRICOLTURA N. 47 DEL 11/02/2014

DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO AMBIENTE E AGRICOLTURA N. 47 DEL 11/02/2014 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO AMBIENTE E AGRICOLTURA N. 47 DEL 11/02/2014 Oggetto: Reg. CE n. 1698/2005 sostegno allo sviluppo rurale aggiornamento delle linee guida per la produzione integrata

Dettagli

NORME TECNICHE APPLICATIVE

NORME TECNICHE APPLICATIVE REGIONE MOLISE ASSESSORATO ALLE POLITICHE AGRICOLE, FORESTALI E ITTICHE --------------------------------------------------------------- NORME TECNICHE APPLICATIVE DISCIPLINARI DI DIFESA INTEGRATA D.M.

Dettagli

Linea Ornamentali. Un ampia gamma di soluzioni al servizio delle colture ornamentali

Linea Ornamentali. Un ampia gamma di soluzioni al servizio delle colture ornamentali Linea Ornamentali Un ampia gamma di soluzioni al servizio delle colture ornamentali Prodotti registrati per la difesa delle colture ornamentali Indice 2. Il mondo delle Ornamentali 3. L offerta completa

Dettagli

CONTROLLO DELLE PRINCIPALI AVVERSITÀ FUNGINE DEL VIGNETO. Angera, 23 Gennaio 2010

CONTROLLO DELLE PRINCIPALI AVVERSITÀ FUNGINE DEL VIGNETO. Angera, 23 Gennaio 2010 CONTROLLO DELLE PRINCIPALI AVVERSITÀ FUNGINE DEL VIGNETO. Angera, 23 Gennaio 2010 Laboratorio Fitopatologico SFR c/o Fondazione Minoprio, Azienda con Sistema di Qualità Certificato ISO 9001:2008 Norme

Dettagli

IASMA Notizie OIDIO DELLA VITE VITICOLTURA

IASMA Notizie OIDIO DELLA VITE VITICOLTURA IASMA Notizie VITICOLTURA Notiziario tecnico del Centro per l Assistenza Tecnica della Fondazione Edmund Mach - Istituto Agrario di S. Michele all Adige 5 maggio 2008 n. 4 IASMA Notizie - n. 2 - Anno VII

Dettagli

Sperimentazione a supporto del Servizio di Assistenza Tecnica: Filiera Orticola

Sperimentazione a supporto del Servizio di Assistenza Tecnica: Filiera Orticola Sperimentazione a supporto del Servizio di Assistenza Tecnica: Filiera Orticola OBIETTIVI Il presente progetto sperimentale prevedeva l esecuzione di diverse prove di campo, condotte nel 2006, riguardanti

Dettagli

Integrata e Biologica

Integrata e Biologica DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA, ECONOMIA ITTICA, ATTIVITÀ FAUNISTICO-VENATORIE PROVINCIA DI RIMINI Bollettino di Produzione Integrata e Biologica N 10 del 26/04/2012 PREVISIONI DEL TEMPO è previsto tempo

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Difesa : AGRUMI (1/10)

Difesa : AGRUMI (1/10) Difesa : AGRUMI (1/10) Cocciniglia rosso forte (Aonidiella auranttii) - Ridurre le potature, - Ridurre la presenza di polvere sulla chioma, - Lavorare il terreno per disturbare i nidi delle formiche. Intervenire

Dettagli

Allegato I. Parte A Obiettivi formativi

Allegato I. Parte A Obiettivi formativi Allegato I Parte A Obiettivi formativi Tenuto conto dei contenuti formativi riportati nell Allegato I del decreto legislativo n. 150/2012, si riportano di seguito i contenuti comuni degli specifici corsi

Dettagli

Pensato per chi fa agricoltura sostenibile

Pensato per chi fa agricoltura sostenibile Pensato per chi fa agricoltura sostenibile 1 2 Scopri cosa c è di più in Fitogest Vai su www.fitogest.com/piu 3 Acquista Fitogest+ Cos è Fitogest+ integra le funzionalità del portale www.fitogest.com con

Dettagli

Assessorato Agricoltura. Ambiente e Sviluppo sostenibile. Piano Regionale di Sviluppo Rurale (P.R.S.R.) della Regione Emilia-Romagna - Italia

Assessorato Agricoltura. Ambiente e Sviluppo sostenibile. Piano Regionale di Sviluppo Rurale (P.R.S.R.) della Regione Emilia-Romagna - Italia Assessorato Agricoltura. Ambiente e Sviluppo sostenibile LA QUALITÀ DELL AGRICOLTURA PER LA QUALITÀ DELL AMBIENTE E DEL TERRITORIO Piano Regionale di Sviluppo Rurale (P.R.S.R.) della Regione Emilia-Romagna

Dettagli

BOLLETTINO FITOSANITARIO ZONALE

BOLLETTINO FITOSANITARIO ZONALE GIUNTA REGIONALE della CAMPANIA Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale Politiche Agricole Alimentari e Forestali U.O.D. Servizio Territoriale Provinciale di CASERTA BOLLETTINO

Dettagli

Monitoraggio, campionamenti, soglie di intervento e lotta alla mosca delle olive

Monitoraggio, campionamenti, soglie di intervento e lotta alla mosca delle olive Angelo Canale Antonio Belcari Ruggero Petacchi Monitoraggio, campionamenti, soglie di intervento e lotta alla mosca delle olive Villa Montepaldi, S. Casciano V.P. (FI), 21 gennaio 2015 Argomenti Lotta

Dettagli

BOLLETTINO DI PRODUZIONE BIOLOGICA ED INTEGRATA N 17 DEL 29.07.2015

BOLLETTINO DI PRODUZIONE BIOLOGICA ED INTEGRATA N 17 DEL 29.07.2015 BOLLETTINO DI PRODUZIONE BIOLOGICA ED INTEGRATA N 17 DEL 29.07.2015 Le informazioni di seguito riportate fanno riferimento alle disposizioni relative ai Regolamenti CE sull Agricoltura Biologica n 834/2007

Dettagli

Bollettino Difesa Integrata Vite Brescia

Bollettino Difesa Integrata Vite Brescia Bollettino Difesa Integrata Vite Brescia Bollettino n. 10/2015 Emesso in data 12/06/15 Indicazioni valide per la sola area di riferimento Adesso in campo: Peronospora Settimana caratterizzata da temperature

Dettagli

Metodi di controllo di Cydalima perspectalis (Walker)

Metodi di controllo di Cydalima perspectalis (Walker) Metodi di controllo di Cydalima perspectalis (Walker) Dott. For. Daniele Benassai Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali di Firenze Giovedì 2 ottobre e Mercoledì 12 novembre 2014 Palazzo Vecchio

Dettagli

CAPITOLO 6 GESTIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI

CAPITOLO 6 GESTIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI CAPITOLO 6 GESTIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI 5/5 6.9 Pulire l irroratrice al termine del trattamento 6.10 Smaltire le rimanenze e gli imballaggi dei PF File n. 15 di 15 della raccolta Materiale didattico

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULL USO DEI PRODOTTI FITOSANITARI

REGOLAMENTO COMUNALE SULL USO DEI PRODOTTI FITOSANITARI ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 12 DEL 04 aprile 2013 COMUNE di MASER Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE SULL USO DEI PRODOTTI FITOSANITARI Approvato con deliberazione del

Dettagli

PROGRAMMA Formazione e aggiornamento degli utilizzatori professionali e dei consulenti fitosanitari

PROGRAMMA Formazione e aggiornamento degli utilizzatori professionali e dei consulenti fitosanitari PROGRAMMA Formazione e aggiornamento degli utilizzatori professionali e dei consulenti fitosanitari Tenuto conto dei contenuti formativi riportati nel PAN, nell Allegato I del decreto legislativo n. 150/2012,

Dettagli

ASSAM - Centro Operativo Fitosanitario (Servizio Fitosanitario Regionale)

ASSAM - Centro Operativo Fitosanitario (Servizio Fitosanitario Regionale) LINEE GUIDA DI DIFESA GUIDATA ED INTEGRATA E DI DISERBO, DELLA MISURA F, SOTTOMISURA F1, DEL PIANO DI SVILUPPO RURALE DELLE MARCHE (PSR), PREDISPOSTO AI SENSI DEL REG. CE N. 1257/99 AGGIORNAMENTO 2005

Dettagli

LA DIRETTIVA 2009/127/CE (EMENDAMENTO DELLA DIRETTIVA MACCHINE) Paolo Balsari DEIAFA Università di Torino paolo.balsari@unito.it

LA DIRETTIVA 2009/127/CE (EMENDAMENTO DELLA DIRETTIVA MACCHINE) Paolo Balsari DEIAFA Università di Torino paolo.balsari@unito.it LA DIRETTIVA 2009/127/CE (EMENDAMENTO DELLA DIRETTIVA MACCHINE) Paolo Balsari DEIAFA Università di Torino paolo.balsari@unito.it COME SI STA EVOLVENDO IL QUADRO NORMATIVO NEL SETTORE DELLE MACCHINE PER

Dettagli

Forum Fitoiatrici Legnaro, 5 dicembre 2013 CENTRO TRASFERIMENTO TECNOLOGICO

Forum Fitoiatrici Legnaro, 5 dicembre 2013 CENTRO TRASFERIMENTO TECNOLOGICO RIDUZIONE DELLA DERIVA ED EFFICACIA DEI TRATTAMENTI ESPERIENZE IN TRENTINO DANIEL BONDESAN & CLAUDIO RIZZI P.P.A. Forum Fitoiatrici Legnaro, 5 dicembre 2013 SPERIMENTAZIONE 2009 2013 Obiettivi Individuazione

Dettagli

Benefici apportati dall adozione di un opportuna tecnica applicativa

Benefici apportati dall adozione di un opportuna tecnica applicativa La qualità di distribuzione degli agrofarmaci La qualità della distribuzione degli agrofarmaci sulle colture rappresenta un aspetto fondamentale per il conseguimento di un ottimale efficacia biologica

Dettagli

Macchine irroratrici: criteri di scelta, regolazione e controlli funzionali per la riduzione della deriva e il miglioramento dell efficienza

Macchine irroratrici: criteri di scelta, regolazione e controlli funzionali per la riduzione della deriva e il miglioramento dell efficienza Macchine irroratrici: criteri di scelta, regolazione e controlli funzionali per la riduzione della deriva e il miglioramento dell efficienza Cristiano Baldoin Dip. Territorio e Sistemi Agro-forestali Università

Dettagli

POMACEE AVVERSITÀ E STRATEGIE DI DIFESA

POMACEE AVVERSITÀ E STRATEGIE DI DIFESA POMACEE AVVERSITÀ E STRATEGIE DI DIFESA I n d i c e Insetti e acari 2 Carpocapsa 6 Cidia 7 Rodilegni 8 Orgia 9 Ricamatori 12 Fillominatori 13 Piralide 13 Cicaline 14 Afidi 17 Cocciniglie 19 Psilla 21 Tentredine

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA POSIZIONE DI FUNZIONE TUTELA DEL TERRITORIO E SVILUPPO RURALE N. 73/TTS_10 DEL 14/03/2006

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA POSIZIONE DI FUNZIONE TUTELA DEL TERRITORIO E SVILUPPO RURALE N. 73/TTS_10 DEL 14/03/2006 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA POSIZIONE DI FUNZIONE TUTELA DEL TERRITORIO E SVILUPPO RURALE N. 73/TTS_10 DEL 14/03/2006 Oggetto: Reg. CE 1257/99 Piano di Sviluppo Rurale (PSR) Marche Misura F1. Approvazione

Dettagli

Introduzione alla Relazione del convegno

Introduzione alla Relazione del convegno PIANO D AZIONE NAZIONALE PER L USO SOSTENIBIL E DEI PRODOTTI FITOSANIT ARI E PROPOSTE DI STRUMENT I APPLICAT IV I 19 novembre 2012 Environmental Park Centro Congressi Sala Kyoto Via Livorno, 60 Torino

Dettagli

Bollettino di Produzione Integrata e Biologica

Bollettino di Produzione Integrata e Biologica Territorio provinciale di Piacenza Bollettino di Produzione Integrata e Biologica n. 07 del 30/04/2015 PREVISIONI DEL TEMPO VENERDI Al mattino molto nuvoloso con piogge deboli; nel pomeriggio in pianura

Dettagli

Introduzione semplice veloce flessibile sicuro completo

Introduzione semplice veloce flessibile sicuro completo Manuale di utilizzo Introduzione Quaderno di Campagna è il Software on line per la gestione delle varie fasi di produzione della tua azienda agricola: dalla definizione degli appezzamenti (con geolocalizzazione),

Dettagli

LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae

LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae 1 LA MOSCA DELLE OLIVE Principale parassita dell olivo Numerodigenerazionida2-3finoa4-7/anno Latitudine Altitudine Andamento climatico Permanenza di olive sulle piante

Dettagli

L attuazione del PAN nel razionalizzare l applicazione dei prodotti fitosanitari. Piacenza 22 novembre 2013

L attuazione del PAN nel razionalizzare l applicazione dei prodotti fitosanitari. Piacenza 22 novembre 2013 L attuazione del PAN nel razionalizzare l applicazione dei prodotti fitosanitari Piacenza 22 novembre 2013 Obiettivo La 128/2009/CE istituisce un quadro per realizzare un uso sostenibile dei PF per: assicurare

Dettagli

PREVISIONI METEOROLOGICHE (LE PREVISIONI METEO SONO A CURA DELL ARPA LOMBARDIA;

PREVISIONI METEOROLOGICHE (LE PREVISIONI METEO SONO A CURA DELL ARPA LOMBARDIA; Bollettini e schede del Manuale di Viticoltura del CVP su: www.centrovitivinicoloprovinciale.it - BOLLETTINO N 09 del 23/04/2008 PREVISIONI METEOROLOGICHE (LE PREVISIONI METEO SONO A CURA DELL ARPA LOMBARDIA;

Dettagli

CORRETTA APPLICAZIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI. Brescia, 01 febbraio 2008

CORRETTA APPLICAZIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI. Brescia, 01 febbraio 2008 CORRETTA APPLICAZIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI Brescia, 01 febbraio 2008 SCELTA DEL PRODOTTO Modo d azione della s.a. Caratteristiche del formulato Formulazione Coadiuvanti DISTRIBUZIONE Copertura della

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULL USO DEI PRODOTTI FITOSANITARI

REGOLAMENTO COMUNALE SULL USO DEI PRODOTTI FITOSANITARI C O M U N E PROVINCIA DI TREVISO DI PONTE DI PIAVE REGOLAMENTO COMUNALE SULL USO DEI PRODOTTI FITOSANITARI Approvato con Deliberazione Consiliare n. 10 del 24.04.2013 Pubblicato dal 15.05.2013 al 31.05.2013

Dettagli

Estensione all impiego contro: Plasmopara viticola Venturia pyrina

Estensione all impiego contro: Plasmopara viticola Venturia pyrina Estensione all impiego contro: Plasmopara viticola Venturia pyrina (Fluazinam 500 g/l - SC) Registrazione n 14165 del 05/03/2012 Classificazione CLP Colture malattie autorizzate: Vite da vino (Botrytis

Dettagli

EVOLUZIONE DELLE TECNICHE COLTURALI E INTERAZIONI CON LA GESTIONE FAUNISTICA NEL CONTESTO DELLA NUOVA PAC

EVOLUZIONE DELLE TECNICHE COLTURALI E INTERAZIONI CON LA GESTIONE FAUNISTICA NEL CONTESTO DELLA NUOVA PAC VENEZIA, 19 MAGGIO 2014 EVOLUZIONE DELLE TECNICHE COLTURALI E INTERAZIONI CON LA GESTIONE FAUNISTICA NEL CONTESTO DELLA NUOVA PAC MANUEL BENINCA (COLDIRETTI VENETO) 1 QUALI SONO LE NORME CHE REGOLANO LE

Dettagli

Agricoltura Responsabile TM

Agricoltura Responsabile TM Protagonisti oggi dell Agricoltura di domani Agricoltura Responsabile TM IL RUOLO DI SYNGENTA Syngenta è impegnata attivamente nel promuovere un Agricoltura Responsabile TM, l approccio culturale volto

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Regione Siciliana

REPUBBLICA ITALIANA. Regione Siciliana REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE DEGLI INTERVENTI STRUTTURALI PER L AGRICOLTURA Allegato alla CIRCOLARE 11 aprile 2013, n. 9

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

COME VALUTARE IL GRADO DI INFESTAZIONE DA VARROA NEGLI ALVEARI

COME VALUTARE IL GRADO DI INFESTAZIONE DA VARROA NEGLI ALVEARI IASMA Notizie Notiziario tecnico del Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione Edmund Mach - Istituto Agrario di S. Michele all Adige Stampato su carta certificata Ecolabel prodotta dalla cartiera

Dettagli

n. 30 del 06/09/2013

n. 30 del 06/09/2013 PROVINCIA DI PIACENZA Bollettino di Produzione Integrata e Biologica n. 30 del 06/09/2013 PREVISIONI DEL TEMPO Domenica ancora tempo stabile e soleggiato, dalla giornata di martedì sino a mercoledì nella

Dettagli

Numero ventuno 1 giugno 2012 In questo numero Comunicato stampa: il Presidente esprime la solidarietà alle vittime del terremoto pag. 1 Barbabietola da zucchero: approfondimento tecniche difesa nottue

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE AGRICOLTURA BIOLOGICA: CERTIFICAZIONE DI QUALITA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI ENTE DI FORMAZIONE: CO.S.P.A. Cooperativa Servizi Professionali Agroalimentari F.I.P.A. Federazione

Dettagli

Bozza 8 novembre 2012

Bozza 8 novembre 2012 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 PIANO D AZIONE NAZIONALE PER L USO SOSTENIBILE DEI PRODOTTI FITOSANITARI (Art. 6 del decreto legislativo 14 agosto 2012, n. 150) 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27

Dettagli

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze ALLEGATO VI Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze VI.1 - Stoccaggio dei prodotti fitosanitari Fatte salve le

Dettagli

PROPOSTE PER FRONTEGGIARE IL COMPLESSO DEL DISSECCAMENTO RAPIDO DELL OLIVO (CoDiRO) NEL TERRITORIO DELLA REGIONE PUGLIA

PROPOSTE PER FRONTEGGIARE IL COMPLESSO DEL DISSECCAMENTO RAPIDO DELL OLIVO (CoDiRO) NEL TERRITORIO DELLA REGIONE PUGLIA PROPOSTE PER FRONTEGGIARE IL COMPLESSO DEL DISSECCAMENTO RAPIDO DELL OLIVO (CoDiRO) NEL TERRITORIO DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSA A seguito dell emanazione del PIANO DEGLI INTERVENTI art. 1 c. 4 dell OCDPC

Dettagli

Acquisti.benza.it. Servizio Newsletter del 13 Giugno 2012

Acquisti.benza.it. Servizio Newsletter del 13 Giugno 2012 1 di 5 13/07/2013 16.00 Oggetto: [Benza.it] Newsletter del mese di Giugno Mittente: "Newsletter Benza.it" Data: 13/06/2012 17.10 A: info@benza.it Gentili clienti ed iscritti al ns.

Dettagli

Precauzioni per l ambiente

Precauzioni per l ambiente Precauzioni per l amiente DOMANDE &RISPOSTE 86 L impiego dei prodotti fitosanitari può causare danni all amiente? a no, se il prodotto non è molto tossico sì, possono contaminare il s u o l o, l aria,

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS Pag. 1 di 7 DOCUMENTO TECNICO DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS CCPB SRL 40126 Bologna Italy Via J. Barozzi, 8 tel. 051/6089811 fax 051/254842 www.ccpb.it ccpb@ccpb.it

Dettagli

Nuovi insetticidi per la difesa integrata delle colture

Nuovi insetticidi per la difesa integrata delle colture Università degli Studi di Sassari Dipartimento di Agraria, Sez. Patologia vegetale e Entomologia Nuovi insetticidi per la difesa integrata delle colture DELRIO GAVINO & FOXI CIPRIANO Nuova normativa europea

Dettagli

Effetto deriva e possibile riduzione delle perdite aeree nella distribuzione dei fitofarmaci

Effetto deriva e possibile riduzione delle perdite aeree nella distribuzione dei fitofarmaci Effetto deriva e possibile riduzione delle perdite aeree nella distribuzione dei fitofarmaci Effetto deriva e possibile riduzione delle perdite aeree nella distribuzione dei fitofarmaci A cura di ARPAT,

Dettagli

Opportunità di commercializzazione e Tecnica di coltivazione dell ASPARAGO in Italia

Opportunità di commercializzazione e Tecnica di coltivazione dell ASPARAGO in Italia Piacenza, 1 dicembre 2009 Opportunità di commercializzazione e Tecnica di coltivazione dell ASPARAGO in Italia Luciano Trentini CSO - Centro Servizi Ortofrutticoli 1 1 LA PRODUZIONE DI ASPARAGO NEI PRINCIPALI

Dettagli

CALCIOCIANAMIDE. COMPOSIZIONE CONCIME CE AZOTO (N) totale 19,8% di cui nitrico 1,5% OSSIDO DI CALCIO (CaO) 50% CONFEZIONI:

CALCIOCIANAMIDE. COMPOSIZIONE CONCIME CE AZOTO (N) totale 19,8% di cui nitrico 1,5% OSSIDO DI CALCIO (CaO) 50% CONFEZIONI: CALCIOCIANAMIDE NITRATA GRANULARE È un prodotto microgranulare azotato ideale per ogni coltura orticola, frutticola e floricola; particolarmente indicata per terreni a ph acido svolge un azione fertilizzante

Dettagli

Prove di contenimento di Pseudomonas syringae pv. actinidiae. Prove su Zespri Gold nel Lazio Primo biennio di studio

Prove di contenimento di Pseudomonas syringae pv. actinidiae. Prove su Zespri Gold nel Lazio Primo biennio di studio Prove di contenimento di Pseudomonas syringae pv. actinidiae. Prove su Zespri Gold nel Lazio Primo biennio di studio Apofruit stabilimento di Aprilia Fabio Marocchi, Marco Mastroleo, Stefano Simeoni C.R.A.

Dettagli

Avversità delle piante coltivate

Avversità delle piante coltivate Avversità delle piante coltivate Le colture agrarie, in tutte le fasi del loro ciclo, possono essere soggette ad avversità di vario genere e si calcola che, ogni anno, circa il 30% della produzione mondiale

Dettagli

CIRCOLARI ASSESSORATO DELL AGRICOLTURA E DELLE FORESTE

CIRCOLARI ASSESSORATO DELL AGRICOLTURA E DELLE FORESTE 2 Suppl. ord. alla GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA (p. I) n. 16 dell 11-4-2008 (n. 14) CIRCOLARI ASSESSORATO DELL AGRICOLTURA E DELLE FORESTE CIRCOLARE 20 marzo 2008, n. 4. Norme tecniche di

Dettagli

I contenuti della Difesa antiparassitaria

I contenuti della Difesa antiparassitaria Difesa antiparassitaria I contenuti della Difesa antiparassitaria I contenuti della Difesa antiparassitaria Selezionando la voce Difesa antiparassitaria dell Indice Generale di AGRIMEDIA si passa all indice

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO SOSTENIBILE DEI PRODOTTI FITOSANITARI NEL COMUNE DI SORIANO NEL CIMINO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO SOSTENIBILE DEI PRODOTTI FITOSANITARI NEL COMUNE DI SORIANO NEL CIMINO REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO SOSTENIBILE DEI PRODOTTI FITOSANITARI NEL COMUNE DI SORIANO NEL CIMINO 1 Campo di applicazione Il presente regolamento si applica integralmente al territorio comunale per

Dettagli

Situazione e gestione della resistenza ai fungicidi antioidici

Situazione e gestione della resistenza ai fungicidi antioidici M. COLLINA Centro di Fitofarmacia Dipartimento di Scienze Agrarie Situazione e gestione della resistenza ai fungicidi antioidici Incontro tecnico Vite: Problemi fitosanitari e strategie di difesa 27 febbraio,

Dettagli

IL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI

IL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI IL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI Guida al patentino per l acquisto dei prodotti fitosanitari in Emilia-Romagna MODULO 1 Le caratteristiche tecniche dei prodotti fitosanitari e dei loro coadiuvanti

Dettagli

Gestione certificati di abilitazione all'utilizzo di prodotti fitosanitari

Gestione certificati di abilitazione all'utilizzo di prodotti fitosanitari Gestione certificati di abilitazione all'utilizzo di prodotti fitosanitari Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale per le Politiche Agricole e Forestali (52/06) Regione Campania

Dettagli

RICCADONA OSCAR DANIELE Centro Forniture Giardinaggio

RICCADONA OSCAR DANIELE Centro Forniture Giardinaggio RICCADONA OSCAR DANIELE Centro Forniture Giardinaggio Via Volpare 104/B - 37069 Villafranca di Verona (VR) IT tel. / fax (+39) 045 6300192 - cell. (+39) 348 0069434 website: www.riccadona.it e-mail: info@riccadona.it

Dettagli

Tutela e valorizzazione del territorio: Servizio Fitosanitario Regionale: Autorità di Controllo e Tracciabilità:

Tutela e valorizzazione del territorio: Servizio Fitosanitario Regionale: Autorità di Controllo e Tracciabilità: La rete agrofenologica nelle Marche: esperienze e applicazioni Angela Sanchioni ** - Daniele Sparvoli* IPHEN 2011 Roma, 3 Marzo 2011 *Centro Operativo Agrometrologico **Centro Agrometeo Locale per la Provincia

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO CORSI BASE E DI AGGIORNAMENTO PER UTILIZZATORI PROFESSIONALI E CONSULENTI DEI PRODOTTI FITOSANITARI

PROGRAMMA FORMATIVO CORSI BASE E DI AGGIORNAMENTO PER UTILIZZATORI PROFESSIONALI E CONSULENTI DEI PRODOTTI FITOSANITARI PROGRAMMA FORMATIVO CORSI BASE E DI AGGIORNAMENTO PER UTILIZZATORI PROFESSIONALI E CONSULENTI DEI PRODOTTI FITOSANITARI (COME STABILITO DALL ARTICOLO 6 DEL D.LGS 14/08/2012, N. 150 RECANTE: ATTUAZIONE

Dettagli

NORME REGIONALI DI DIFESA INTEGRATA

NORME REGIONALI DI DIFESA INTEGRATA Allegato alla D.D. n del ALLEGATO A R E G I O N E P U G L I A AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO RURALE SERVIZIO ALIMENTAZIONE OSSERVATORIO FITOSANITARIO REGIONALE B A R I NORME REGIONALI DI DIFESA INTEGRATA

Dettagli

A relazione degli Assessori Ferrero, Saitta:

A relazione degli Assessori Ferrero, Saitta: REGIONE PIEMONTE BU51S2 18/12/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 24 novembre 2014, n. 44-645 Applicazione in Piemonte del D.M. 22 gennaio 2014. "Adozione del Piano d'azione Nazionale (PAN) per l'uso

Dettagli

S MAP Notizie. Scopazzi del melo - Apple proliferation

S MAP Notizie. Scopazzi del melo - Apple proliferation S MAP Notizie Scopazzi del melo - Apple proliferation Anno 2 Numero 2 Agosto 2007 Sommario Istituto Agrario di San Michele Centro Sperimentale Via E. Mach 1 38010 San Michele all Adige (TN) Redazione Dott.

Dettagli

Documento di lavoro. ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura. (Versione 1.0)

Documento di lavoro. ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura. (Versione 1.0) ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura R Documento di lavoro T Sintesi Gestione dei terreni ritirati dalla produzione (Versione 1.0) Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura

Dettagli

sintesi delle attività del Centro

sintesi delle attività del Centro sintesi delle attività del Centro Previsioni meteorologiche Monitoraggio agro-idro-meteorologico Gestione allerte meteorologiche Agrometeorologia Biometeorologia Climatologia Realizzazione e diffusione

Dettagli

Università degli Studi di Torino Facoltà di Agraria. Pietro Piccarolo. Realizzazione e gestione del verde pubblico

Università degli Studi di Torino Facoltà di Agraria. Pietro Piccarolo. Realizzazione e gestione del verde pubblico Realizzazione e gestione Quando si progetta e realizza un area verde, non si può prescindere da quella che sarà la sua gestione. Una manutenzione inadeguata infatti, porta inevitabilmente al degrado dell

Dettagli

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4 Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura melo, pero, kiwi schede colturali - volume 4 I prodotti che AGM fabbrica con destinazione speciale per frutteti, sono stati testati

Dettagli

f u n g i c i d a s i s t e m i c o

f u n g i c i d a s i s t e m i c o fungicida sistemico Vantaggi e benefici Elevata efficacia in campo Azione persistente sui frutti conservati in magazzino Ottimo profilo residuale Brevissimo periodo di carenza sulle drupacee (3 gg) Profilo

Dettagli

MALATTIE DEL TAPPETO ERBOSO

MALATTIE DEL TAPPETO ERBOSO SOLUZIONI PROFESSIONALI PER LA GESTIONE DEL PRATO MALATTIE DEL TAPPETO ERBOSO Marciume Rosa Invernale (Microdochium nivale) Malattia tipica della stagione invernale SINTOMI Si manifesta al principio con

Dettagli

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Presentazione dei risultati del secondo biennio di attività Linee guida e disciplinari per la produzione di sementi biologiche D.ssa Alessandra Sommovigo

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Pericolo e rischio: Regolamento CE 1272/2008, etichetta, scheda di sicurezza e deposito. Legnago 20 maggio 2015

Pericolo e rischio: Regolamento CE 1272/2008, etichetta, scheda di sicurezza e deposito. Legnago 20 maggio 2015 Pericolo e rischio: Regolamento CE 1272/2008, etichetta, scheda di sicurezza e deposito Legnago 20 maggio 2015 Il Regolamento CLP Il Regolamento 1272/2008 (CLP - Classification, Labeling and Packaging)

Dettagli

Effetti del nuovo sistema di classificazione CLP sulla gestione operativa degli agrofarmaci

Effetti del nuovo sistema di classificazione CLP sulla gestione operativa degli agrofarmaci Il Regolamento CE n. 1272/2008 (CLP) relativo alla classificazione, all'etichettatura e all'imballaggio delle sostanze e delle miscele. Effetti del nuovo sistema di classificazione CLP sulla gestione operativa

Dettagli

Cereali: tecnica colturale del frumento

Cereali: tecnica colturale del frumento Cereali: tecnica colturale del frumento Modulo di sistemi foraggeri Andrea Onofri Perugia, A.A. 2009-2010 1 Contenuti Contents 1 Tecnica d impianto Scelta varietale 1. Qualità e destinazione del prodotto

Dettagli

POSSIBILITÀ DI DIFESA DI ROSMARINO, TIMO E SALVIA ALLEVATI IN VASO DA PATOGENI FUNGINI

POSSIBILITÀ DI DIFESA DI ROSMARINO, TIMO E SALVIA ALLEVATI IN VASO DA PATOGENI FUNGINI ATTI Giornate Fitopatologiche, 2012, 2,, 593-598 POSSIBILITÀ DI DIFESA DI ROSMARINO, TIMO E SALVIA ALLEVATI IN VASO DA PATOGENI FUNGINI A. MINUTO, A. BOGLIOLO, P. VINOTTI, C. BRUZZONE, E. DANI, G. DELFINO,

Dettagli

CAMPAGNA ASSICURATIVA AVVERSITÀ ATMOSFERICHE - ANNO 2013

CAMPAGNA ASSICURATIVA AVVERSITÀ ATMOSFERICHE - ANNO 2013 Il Nuovo Notiziario agricolo del Consorzio di Difesa della Provincia di Foggia C O N D I F E S A FOGGIA Periodico di informazione a cura del Consorzio di Difesa delle Produzioni Intensive della Provincia

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE INTEGRATA:

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE INTEGRATA: IASMA Notizie PICCOLI FRUTTI E ORTAGGI n. Stampato su carta certificata Ecolabel prodotta dalla cartiera Mondi EU Ecolabel: AT/11/001 Notiziario tecnico del Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione

Dettagli

COMUNE DI ZAVATTARELLO

COMUNE DI ZAVATTARELLO M COMUNE DI ZAVATTARELLO PROVINCIA DI PAVIA MANUALE DI ESERCIZIO E GESTIONE DELL ACQUEDOTTO COMUNALE 1 INDICE Premessa e richiami normativi 3 Criteri di potabilità 4 Interventi di manutenzione ordinaria

Dettagli

Oidio e black rot. Linea di protezione Syngenta

Oidio e black rot. Linea di protezione Syngenta Oidio e black rot Linea di protezione Syngenta Il fungicida di ultima generazione contro l oidio Cidely è il nuovo antioidico di Syngenta dotato di caratteristiche uniche e innovative che lo rendono uno

Dettagli

Protocollo Ortaggi. n.3 Anno II 28.04.2003. IASMA Notizie

Protocollo Ortaggi. n.3 Anno II 28.04.2003. IASMA Notizie ortoflorofrutticoltura 1 IASMA Notizie IASMA Notizie n.3 Anno II 28.04.2003 Notiziario del Centro per l assistenza tecnica dell Istituto Agrario di S. Michele all Adige IASMA Notizie N. 18 - Spedizione

Dettagli

Danni insoliti da tripidi sul frutto melo

Danni insoliti da tripidi sul frutto melo Danni insoliti da tripidi sul frutto melo L osservazione e lo studio di sintomi su piante o frutti fa parte delle attività della Sezione Difesa delle Piante presso il Centro per la Sperimentazione Agraria

Dettagli

La difesa del vivaio mese per mese

La difesa del vivaio mese per mese Pagina 4 Novembre-Dicembre 2009 Notiziario Ce.Spe.Vi. N 171 La difesa del vivaio mese per mese Rubrica fitopatologica per il vivaismo ornamentale pistoiese a cura del Dr. Andrea Trinci MARZO-APRILE Insetti

Dettagli

Indagine sulla presenza di ragno rosso (Panonychus ulmi) e dei suoi antagonisti su melo e pesco

Indagine sulla presenza di ragno rosso (Panonychus ulmi) e dei suoi antagonisti su melo e pesco Indagine sulla presenza di ragno rosso (Panonychus ulmi) e dei suoi antagonisti su melo e pesco Giuseppe Monge 1, Daniele Demaria 1, Marco Pagani 2, Alessandro Bevilacqua 1, Graziano Vittone 1, Fabio Molinari

Dettagli