IASMA Notizie DIFESA DA TICCHIOLATURA, OIDIO E AFIDI IN PRE E POST FIORITURA TICCHIOLATURA FRUTTICOLTURA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IASMA Notizie DIFESA DA TICCHIOLATURA, OIDIO E AFIDI IN PRE E POST FIORITURA TICCHIOLATURA FRUTTICOLTURA"

Transcript

1 IASMA Notizie FRUTTICOLTURA Notiziario tecnico del Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione Edmund Mach - Istituto Agrario di S. Michele all Adige n. 4 IASMA Notizie - n Anno VIII - Taxe payée/tassa riscossa - TN-CPO - Dir. editoriale: Giovanni Gius - Dir. responsabile: Michele Pontalti - San Michele all Adige, Via E. Mach 1 - Aut. Tribunale TN n del DIFESA DA TICCHIOLATURA, OIDIO E AFIDI IN PRE E POST FIORITURA TICCHIOLATURA L annata 2008 è stata certamente molto difficile per quanto riguarda la difesa dalla ticchiolatura. Tutta la stagione, infatti, si è caratterizzata per un andamento meteorologico particolarmente favorevole alla malattia e per problemi nella gestione della difesa a causa dei lunghi periodi di pioggia, al dilavamento dei prodotti e alla difficoltà, in molti casi, ad accedere ai fondi per fare tempestivamente i trattamenti. Il risultato è stato che molti frutteti, nel corso della stagione, presentavano percentuali d attacco variabili da caso a caso, a volte, anche di una certa entità. Durante l inverno le condizioni climatiche sono state favorevoli alla conservazione e alla maturazione delle spore di ticchiolatura per cui c è da aspettarsi un consistente inoculo, già nelle prime fasi della campagna 2009, che potrebbe favorire lo sviluppo di forti infezioni primarie. Per questo è importante che i frutticoltori affrontino, fin dall inizio, la difesa con cura e attenzione perché anche un leggero attacco precoce, potrebbe essere assai pericoloso, specialmente in caso di andamento meteorologico primaverile favorevole alla malattia. L obiettivo principale di tutta la campagna di difesa dalla ticchiolatura, rimane quello di sempre e cioè di arrivare alla fine del periodo delle infezioni primarie con i frutteti esenti o quasi, da macchie di ticchiolatura. Questa è una condizione indispensabile per il successo nella difesa da questa malattia e consente di semplificare poi, la gestione della campagna fino alla raccolta. La strategia d intervento, che offre le maggiori garanzie di successo ed è ormai consolidata da anni di esperienza, si basa sull utilizzo di pro-

2 2 IASMA Notizie dotti ad azione preventiva, posizionati subito prima di eventuali piogge infettanti, integrati, in caso di necessità, da trattamenti curativi con prodotti ad azione retroattiva, in grado cioè di bloccare l infezione entro un certo numero di ore dal suo inizio. INTERVENTI PREVENTIVI Vanno posizionati, come si è detto, possibilmente, poco prima della pioggia. Per fare questo è fondamentale avvalersi delle previsioni meteo. Si consiglia di fare riferimento a quelle locali che sono generalmente più precise e attendibili, consultando frequentemente servizi previsionali come Meteotrentino (segreteria telefonica 0461/238939; self fax 0461/237089; SMS inviando meteo ; sito web www. provincia.tn.it/meteo ) oppure il servizio meteo di Arabba (segreteria telefonica 0436/780007; self fax 0436/780008; sito web ) o altri. La persistenza di un trattamento fatto con prodotti preventivi dipende dall accrescimento vegetativo e dalla quantità di pioggia caduta dopo il trattamento. La velocità con cui avanza lo sviluppo fogliare delle piante determina i giorni di copertura da attribuire ad un trattamento preventivo: di solito si attribuiscono 4 giorni di copertura (dal momento del trattamento) nelle prime fasi vegetative e fino all approssimarsi della fioritura, poi 3 giorni nel periodo di maggior crescita fogliare per tornare, di nuovo, a 4 giorni man mano che ci si avvicina alla fine del periodo delle infezioni primarie. Una volta fuori dal periodo delle infezioni primarie, la copertura attribuita ai trattamenti preventivi può variare, in situazioni normali, dalle 2 alle 3 settimane. Le forti piogge possono ridurre la persistenza e l efficacia di un trattamento preventivo perché possono dilavare parzialmente o completamente i prodotti impiegati. Di solito si calcola che dopo mm di pioggia (secondo il tipo di prodotto) il trattamento sia stato dilavato. I prodotti preventivi ammessi dal protocollo 2009 per la difesa dalla ticchiolatura sono: Prodotti rameici Dithianon Dodina Ditiocarbammati (Mancozeb, Metiram) Captano Trifloxystrobin (Flint) Pyraclostrobin+Boscalid (Bellis) Polisolfuro di calcio Caratteristiche e strategia d impiego dei principali prodotti preventivi: Prodotti rameici Si impiegano prevalentemente nei trattamenti precoci di inizio stagione a dosi variabili da 100 a 250 g/hl a seconda del formulato. Dopo quest epoca, il loro utilizzo è sconsigliato (almeno per le varietà soggette a rugginosità). I prodotti a base di rame, in concomitanza con forti abbassamenti termici e specialmente se miscelati con olio minerale, possono dare problemi di fitotossicità. Dithianon Rimane uno dei prodotti preventivi più affidabili e versatili perché impiegabile, senza restrizioni, per tutta la stagione e su tutte le varietà. Inoltre si miscela bene con la maggior parte dei formulati. Va utilizzato a dosaggi variabili dai 30 ai 50 g/hl a seconda del momento d impiego, delle cadenze adottate nei trattamenti e dell andamento meteorologico. Dodina Questo p.a. è un buon preventivo antiticchiolatura, purtroppo la scarsa miscibilità con altri prodotti e il rischio che su Golden Delicious possa avere interferenza sulla rugginosità, ne limitano molto l impiego. Per i formulati in polvere al 65% di p.a. le dosi d impiego sono di g/hl; per quelli liquidi o Flow, consultare le dosi in etichetta.

3 IASMA Notizie 3 Ditiocarbammati I p.a. ammessi dal protocollo 2009 sono Mancozeb e Metiram però possono essere impiegate anche eventuali scorte di Ziram e Propineb presenti in azienda. Thiram (TMTD), invece, è ammesso solo per l alternaria. Il limite massimo di trattamenti/anno effettuabile, in base al protocollo 2009, con questi prodotti, è stato ridotto da 7 a 5; inoltre è stato inserito il vincolo di concludere gli interventi con ditiocarbammati entro il 15 giugno. Non si consiglia l utilizzo di ditiocarbammati nei momenti di maggiore pericolosità della malattia perché, in condizioni critiche, la loro efficacia non sempre si è dimostrata soddisfacente. Captano Ottimo prodotto preventivo. Può essere vantaggiosamente impiegato per la difesa della Golden Delicious nel periodo post-fiorale in quanto gli si attribuisce anche una certa azione cosmetica. Può essere utilizzato anche su Gala, Granny Smith, Fuji, Cripps Pink e altre cultivar, mentre su varietà quali Delicious rosse, Renetta Canada, Stayman, Braeburn, fino a giugno inoltrato potrebbe provocare qualche problema di fitotossicità, soprattutto se fatto in miscela con Zolfo. È importante distanziare i trattamenti con Captano di almeno 15 giorni da eventuali interventi con olio minerale. Il protocollo permette, con questo p.a., un numero massimo di 4 trattamenti/anno su Golden Delicious, Pinova, Pink Lady, Gala, Jonagold, Elstar, Granny Smith, Fuji, Braeburn e su Red Delicious se inserita come impollinante mentre per le cultivar non comprese in questo elenco, i trattamenti consentiti sono solo 2. Strobilurine I prodotti ammessi dal protocollo sono il Trifloxystrobin (es. Flint) e il Pyraclostrobin + Boscalid (Bellis). Il Kresoxym-methyl (Stroby WG) è ammesso solo ai fini dell esaurimento delle giacenze presenti in azienda. Bellis dovrà essere impiegato, preferibilmente, nell ambito di una strategia congiunta ticchiolatura-alternaria e come prodotto interessante per i trattamenti di pre raccolta. Flint e Stroby è meglio utilizzarli all infuori dei periodi più critici per la ticchiolatura. Alle Strobilurine si può attribuire anche una azione collaterale antioidica. Dosi d impiego: Flint g/hl; Stroby WG g/hl; Bellis g/hl; Il protocollo prevede un numero massimo di 3 trattamenti/anno con Strobilurine. INTERVENTI CURATIVI È necessario intervenire con prodotti curativi ogni volta che un'infezione riesce a penetrare nella pianta. Questo può avvenire principalmente quando: la nuova vegetazione, al momento dell infezione, non è sufficientemente coperta da un trattamento preventivo fatto in precedenza il fungicida preventivo è stato dilavato Dalla partenza vegetativa fino alla fioritura compresa, i prodotti curativi da impiegare sono le Anilinopirimidine (Scala e Chorus). Questi due prodotti hanno una retroattività di circa 72 ore dall inizio dell infezione. Hanno inoltre la caratteristica di essere efficaci anche con basse temperature e per questo il loro utilizzo è importante in un periodo come la prefioritura nel quale spesso il fattore limitante per l azione dei prodotti curativi, sono proprio le basse temperature. In caso di eccezionali ritorni di freddo, l impiego delle anilinopirimidine può essere trascinato fino alla fase di postfioritura. Il protocollo prevede al massimo 3 interventi all anno con Anilinopirimidine. Dopo la fioritura, per curare le infezioni di ticchiolatura, si impiegano gli IBE (Inibitori dello Sterolo) e tra questi il p.a. che offre le maggiori

4 4 IASMA Notizie garanzie di successo è il Difenconazolo (Score 10 WG; Score 25 EC). Questo p.a. ha una retroattività di 96 ore dall inizio dell infezione. Perché il prodotto possa essere assorbito ed esplicare al meglio la sua attività, la temperatura deve essere superiore ai C. Il protocollo prevede di poter effettuare complessivamente 6 interventi/anno con IBE (compresi anche quelli fatti per l oidio). Si consiglia di impiegare i prodotti retroattivi (Anilinopirimidine e IBE) in miscela con un prodotto preventivo di contatto. OIDIO Questa crittogama desta da qualche anno maggiori preoccupazioni rispetto al passato perché sembra essere più aggressiva e invadente. La malattia ha una pericolosità diversa a seconda delle zone (le zone di fondovalle sono in genere, meno problematiche mentre le zone collinari, asciutte, ben ventilate sono molto più soggette allo sviluppo dell oidio) e delle varietà (Gala, Morgenduft, Renetta Canada, Cripps Pink, Braeburn, Elstar, Idared, Jonagold e Pinova sono assai sensibili; Golden, Granny Smith, Winesap hanno una media sensibilità; le Red Delicious sono poco sensibili). La difesa dall oidio va attuata con mezzi agronomici e chimici. I mezzi agronomici consistono, essenzialmente, nell eliminazione, durante la potatura invernale, del legno infetto e nell asportazione sistematica e periodica, durante il periodo primaverile ed estivo, dei germogli colpiti da mal bianco. Con questo tipo di interventi già si può ridurre la pressione infettiva della malattia in maniera sostanziale e si possono porre i presupposti per un risultato migliore della difesa chimica. Per quanto riguarda gli interventi chimici, il protocollo 2009, prevede la possibilità di impiegare i seguenti prodotti: Zolfo Inibitori dello Sterolo Bupirimate (Nimrod 250 EW, ecc.) Quinoxifen (Arius) Trifloxystrobin (Flint) Pyraclostrobin + Boscalid (Bellis) La strategia degli interventi dovrà essere calibrata in base al grado di rischio della zona e all aggressività della malattia: zone a basso rischio: possono essere sufficienti interventi cadenzati con Zolfo (per le varietà che lo tollerano) affiancati, in determinati momenti critici, da eventuali trattamenti con prodotti antioidici specifici (es. Bupirimate, Quinoxifen, IBE). zone a rischio elevato e varietà più sensibili all oidio: si propone di eseguire da 1 a 2 interventi in pre-fioritura, a partire dalla fase di mazzetti differenziati, con antioidici specifici seguiti, dalla fase di post-fioritura in poi, da interventi con IBE cadenzati secondo necessità. Anche lo Zolfo potrà essere inserito in questa strategia ad integrazione dei trattamenti con prodotti specifici. Per quanto riguarda il suo eventuale impiego su varietà poco tolleranti verso questo p.a., si rimanda alle strategie proposte, a livello di zona, dai tecnici sul territorio. Caratteristiche dei principali antioidici: Zolfo Lo Zolfo bagnabile esplica al meglio la sua attività antioidica in un intervallo di temperature compreso tra 15 e 25 C: sotto i 15 C l azione è scarsa mentre sopra i 25 C potrebbero esserci problemi di fitotossicità. Alcune varietà (Red Delicious, Granny Smith, Renetta Canada, Winesap, Braeburn) tollerano poco lo Zolfo, specialmente in post fioritura. Oggi esistono in commercio degli zolfi con una formulazione particolare, liquida (es. Thiopron) che garantiscono una maggior efficacia ed una migliore resistenza al dilavamento.

5 IASMA Notizie 5 È importante distanziare di circa 8-10 giorni i trattamenti con zolfi da eventuali trattamenti con olio minerale. Lo Zolfo esplica anche una valida azione collaterale contro gli eriofidi. Bupirimate La collocazione ideale di questo prodotto è in pre-fioritura, fino alla fase di inizio bottoni rosa. È preferibile non impiegarlo in post fioritura sulle varietà sensibili alla rugginosità. Non utilizzarlo sulla varietà Morgenduft (rischio fitotossicità). Inibitori dello Sterolo I fattori limitanti per l impiego di questi prodotti sono la temperatura (che deve essere almeno superiore ai C) e la presenza di una certa superficie fogliare in grado di assorbirli (da bottoni rosa in poi). Si consiglia di impiegare IBE dotati di una efficace azione antioidica come ad esempio: Penconazolo (Topas 10 WDG, Topas 200 EW, ecc.), Tetraconazolo (Domark 40 EW, ecc.), Myclobutanil (Systhane 4.5 Plus, Thiocur Forte, ecc.) e altri. Si ricorda che il protocollo prevede la possibilità di effettuare un numero massimo di 6 trattamenti/anno con IBE (compresi anche quelli fatti per la ticchiolatura). Quinoxifen È un antioidico preventivo che agisce inibendo la germinazione dei conidi. Ha una buona persistenza d azione in quanto può ridistribuirsi, in fase di vapore, sulla vegetazione trattata. Massimo 3 interventi/anno. DIFESA AFICIDA PRE-FIORALE Nella fase di pre-fioritura gli afidi sono gli insetti che meritano maggiormente la nostra attenzione ed in particolare l afide cenerognolo che è il più pericoloso. È fondamentale attuare una buona strategia di difesa in questa fase perché questo ci permette di porre le migliori premesse per il successo della difesa aficida per tutta la stagione. Il trattamento aficida pre-fiorale va collocato circa alla fase di inizio bottoni rosa. Prodotti proposti: principio attivo prodotto commerciale dose restrizioni Flonicamid Teppeki 140 gr/ettaro (9,3 g/hl per 15 hl/ha di miscela) Pirimicarb Pirimor 17,5 200 g/hl Azadiractina NeemAzal-T/S Oikos 200 g/hl 100 g/hl max 1 tratt. all anno Teppeki: è un prodotto sistemico. Dopo 3 ore dal trattamento, con condizioni favorevoli, si considera completamente assorbito e non è più dilavabile. NeemAzal e Oikos sono impiegabili anche in agricoltura biologica. DIFESA AFICIDA IN POST- FIORITURA Terminata la fioritura ed una volta allontanati dai frutteti gli alveari utilizzati per l impollinazione, si procede al trattamento aficida postfiorale. Qui si illustra la sola strategia contro gli

6 6 IASMA Notizie afidi, senza tenere conto degli interventi insetticidi di post fioritura contro ricamatori, larve, ecc. che saranno oggetto di una ulteriore specifica circolare tecnica. Prodotti proposti: principio attivo prodotto commerciale dose restrizioni Imidacloprid Confidor 200 SL, Kohinor 200, Warrant SL cc/hl (1) Acetamiprid Epik 100 g/hl (1) Thiamethoxam Actara g/hl (1) Azadiractina NeemAzal-T/S Oikos 200 g/hl 100 g/hl (1) tutti questi prodotti fanno parte del gruppo dei Neonicotinoidi per i quali è prevista la possibilità di effettuare, complessivamente, 1 unico trattamento all anno. TUTELA DELLE API Si richiama l attenzione dei frutticoltori sul massimo rispetto delle norme di legge e sulle corrette pratiche di campagna, a tutela delle api ed in particolare: divieto di effettuare trattamenti insetticidi, acaricidi e diserbanti durante la fioritura e per tutto il periodo di presenza delle arnie nei frutteti. Nell esecuzione dei trattamenti ammessi in fioritura (fungicidi, fitoregolatori, ecc.), cercare di non intervenire nelle ore di massimo volo delle api e rispettare il più possibile le postazioni degli alveari in campagna evitando di colpirli direttamente con il trattamento. Effettuare lo sfalcio dell interfilare, se sono presenti erbe in fiore, per evitare i rischi di contaminazione delle api ma anche per togliere la concorrenza con i fiori di melo e migliorare quindi l efficienza dell impollinazione. È fondamentale effettuare questa operazione al mattino presto o alla sera: procedere allo sfalcio con i fiori aperti e nelle ore centrali del giorno, comporterebbe un vero e proprio sterminio di api. IMPORTANTE Dal 27 marzo 2009 è entrata in vigore l ultima riorganizzazione dei Codici di Avviamento Postale. Al fine di provvedere quanto prima ad aggiornare i nostri indirizzari, sia per consentire a Poste Italiane di offrire un servizio di recapito più preciso e veloce, sia per recepire i cambiamenti della toponomastica del territorio nazionale e provinciale, chiediamo la vostra collaborazione nel controllare l indirizzo con il quale vi viene recapitato IASMA Notizie e nel segnalarci qualsiasi eventuale inesattezza o variazione: nel CAP, nella sigla della provincia, nella denominazione di comuni, frazioni, strade, numeri civici. Potete inviare una a oppure telefonare, al mattino, a Vania Caneppele

IASMA Notizie OIDIO DELLA VITE VITICOLTURA

IASMA Notizie OIDIO DELLA VITE VITICOLTURA IASMA Notizie VITICOLTURA Notiziario tecnico del Centro per l Assistenza Tecnica della Fondazione Edmund Mach - Istituto Agrario di S. Michele all Adige 5 maggio 2008 n. 4 IASMA Notizie - n. 2 - Anno VII

Dettagli

Situazione e gestione della resistenza ai fungicidi antioidici

Situazione e gestione della resistenza ai fungicidi antioidici M. COLLINA Centro di Fitofarmacia Dipartimento di Scienze Agrarie Situazione e gestione della resistenza ai fungicidi antioidici Incontro tecnico Vite: Problemi fitosanitari e strategie di difesa 27 febbraio,

Dettagli

Oidio e black rot. Linea di protezione Syngenta

Oidio e black rot. Linea di protezione Syngenta Oidio e black rot Linea di protezione Syngenta Il fungicida di ultima generazione contro l oidio Cidely è il nuovo antioidico di Syngenta dotato di caratteristiche uniche e innovative che lo rendono uno

Dettagli

CONTROLLO DELLE PRINCIPALI AVVERSITÀ FUNGINE DEL VIGNETO. Angera, 23 Gennaio 2010

CONTROLLO DELLE PRINCIPALI AVVERSITÀ FUNGINE DEL VIGNETO. Angera, 23 Gennaio 2010 CONTROLLO DELLE PRINCIPALI AVVERSITÀ FUNGINE DEL VIGNETO. Angera, 23 Gennaio 2010 Laboratorio Fitopatologico SFR c/o Fondazione Minoprio, Azienda con Sistema di Qualità Certificato ISO 9001:2008 Norme

Dettagli

IASMA Notizie DIFESA ESTIVA DELL OLIVO

IASMA Notizie DIFESA ESTIVA DELL OLIVO IASMA Notizie OLIVICOLTURA Notiziario tecnico del Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione Edmund Mach - Istituto Agrario di S. Michele all Adige 24 giugno 2011 n. 2 IASMA Notizie n. 28 - Anno

Dettagli

Insetticidi. Rodenticidi PMC Concimi Erbicidi Fungicidi Insetticidi PAB PPO

Insetticidi. Rodenticidi PMC Concimi Erbicidi Fungicidi Insetticidi PAB PPO Rodenticidi PMC Concimi Erbicidi Fungicidi PAB PPO Calypso Protector SE Confidor 200 SL Decis Energy Confidor Oil Decis Jet Oliocin Reldan 22 Lumachicida Mesurol M Plus Insetticida acaricida Spaikil Team

Dettagli

Estensione all impiego contro: Plasmopara viticola Venturia pyrina

Estensione all impiego contro: Plasmopara viticola Venturia pyrina Estensione all impiego contro: Plasmopara viticola Venturia pyrina (Fluazinam 500 g/l - SC) Registrazione n 14165 del 05/03/2012 Classificazione CLP Colture malattie autorizzate: Vite da vino (Botrytis

Dettagli

Sperimentazione a supporto del Servizio di Assistenza Tecnica: Filiera Orticola

Sperimentazione a supporto del Servizio di Assistenza Tecnica: Filiera Orticola Sperimentazione a supporto del Servizio di Assistenza Tecnica: Filiera Orticola OBIETTIVI Il presente progetto sperimentale prevedeva l esecuzione di diverse prove di campo, condotte nel 2006, riguardanti

Dettagli

Bollettino di Difesa Integrata obbligatoria

Bollettino di Difesa Integrata obbligatoria del 24-06-2015 Provincia di BOLOGNA Bollettino di Integrata obbligatoria PREVISIONI DEL TEMPO (24/06/15) Un vasto promontorio anticiclonico, in espansione sull europa occidentale manterrà sulla nostra

Dettagli

Linea Ornamentali. Un ampia gamma di soluzioni al servizio delle colture ornamentali

Linea Ornamentali. Un ampia gamma di soluzioni al servizio delle colture ornamentali Linea Ornamentali Un ampia gamma di soluzioni al servizio delle colture ornamentali Prodotti registrati per la difesa delle colture ornamentali Indice 2. Il mondo delle Ornamentali 3. L offerta completa

Dettagli

Danni insoliti da tripidi sul frutto melo

Danni insoliti da tripidi sul frutto melo Danni insoliti da tripidi sul frutto melo L osservazione e lo studio di sintomi su piante o frutti fa parte delle attività della Sezione Difesa delle Piante presso il Centro per la Sperimentazione Agraria

Dettagli

f u n g i c i d a s i s t e m i c o

f u n g i c i d a s i s t e m i c o fungicida sistemico Vantaggi e benefici Elevata efficacia in campo Azione persistente sui frutti conservati in magazzino Ottimo profilo residuale Brevissimo periodo di carenza sulle drupacee (3 gg) Profilo

Dettagli

Si raccomanda di porre la massima attenzione al tempo di carenza dei prodotti utilizzati.

Si raccomanda di porre la massima attenzione al tempo di carenza dei prodotti utilizzati. PROVINCIA DI RAVENNA - ASSESSORATO AGRICOLTURA BOLLETTINO TECNICO AGROMETEOROLOGICO E DI PRODUZIONE INTEGRATA a cura del COMITATO PROVINCIALE per il COORDINAMENTO dei SERVIZI BOLLETTINO TECNICO N. 22 del

Dettagli

COME VALUTARE IL GRADO DI INFESTAZIONE DA VARROA NEGLI ALVEARI

COME VALUTARE IL GRADO DI INFESTAZIONE DA VARROA NEGLI ALVEARI IASMA Notizie Notiziario tecnico del Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione Edmund Mach - Istituto Agrario di S. Michele all Adige Stampato su carta certificata Ecolabel prodotta dalla cartiera

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE INTEGRATA MELO, SUSINO E ACTINIDIA 2015

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE INTEGRATA MELO, SUSINO E ACTINIDIA 2015 IASMA Notizie IASMA Notizie FRUTTICOLTURA n. Stampato su carta certificata Ecolabel prodotta dalla cartiera Mondi EU Ecolabel: AT/11/001 Notiziario tecnico del Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

CORRETTA APPLICAZIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI. Brescia, 01 febbraio 2008

CORRETTA APPLICAZIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI. Brescia, 01 febbraio 2008 CORRETTA APPLICAZIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI Brescia, 01 febbraio 2008 SCELTA DEL PRODOTTO Modo d azione della s.a. Caratteristiche del formulato Formulazione Coadiuvanti DISTRIBUZIONE Copertura della

Dettagli

QUADERNO DI DI CAMPAGNA PER PER LA LA PRODUZIONE INTEGRATA 2010

QUADERNO DI DI CAMPAGNA PER PER LA LA PRODUZIONE INTEGRATA 2010 Cooperativa Ortofrutticola Alta Valtellina Cooperativa Ortofrutticola Ponte in Valtellina PROVINCIA DI SONDRIO Cooperativa Frutticoltori Villa di Tirano QUADER DI DI CAMPAGNA PER PER LA LA PRODUZIONE INTEGRATA

Dettagli

Bollettino Agrometeorologico Viticoltura

Bollettino Agrometeorologico Viticoltura Viale Bornata 11 25123 Brescia tel 3.362285-3677 assistenzatecnica@centrovitivinicoloprovinciale.it Bollettini e schede del Manuale di Viticoltura del CVP su: www.centrovitivinicoloprovinciale.it - BOLLETTINO

Dettagli

PREVISIONI METEOROLOGICHE (LE PREVISIONI METEO SONO A CURA DELL ARPA LOMBARDIA;

PREVISIONI METEOROLOGICHE (LE PREVISIONI METEO SONO A CURA DELL ARPA LOMBARDIA; Bollettini e schede del Manuale di Viticoltura del CVP su: www.centrovitivinicoloprovinciale.it - BOLLETTINO N 09 del 23/04/2008 PREVISIONI METEOROLOGICHE (LE PREVISIONI METEO SONO A CURA DELL ARPA LOMBARDIA;

Dettagli

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO Operazioni PREPARAZIONE DEL TERRENO Il terreno ideale da giardino è quello con tessitura argillosa-sabbiosa, friabile. Se il terreno dovesse essere pesante e compatto bisognerà correggerlo incorporando

Dettagli

Integrata e Biologica

Integrata e Biologica DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA, ECONOMIA ITTICA, ATTIVITÀ FAUNISTICO-VENATORIE PROVINCIA DI RIMINI Bollettino di Produzione Integrata e Biologica N 10 del 26/04/2012 PREVISIONI DEL TEMPO è previsto tempo

Dettagli

I prodotti di qualità dell Alto Adige

I prodotti di qualità dell Alto Adige F A C T S H E E T I prodotti di qualità dell Alto Adige Sono dodici i gruppi di prodotti agroalimentari di qualità dell Alto Adige che si fregiano di una denominazione di origine a garanzia della loro

Dettagli

CALCIOCIANAMIDE. COMPOSIZIONE CONCIME CE AZOTO (N) totale 19,8% di cui nitrico 1,5% OSSIDO DI CALCIO (CaO) 50% CONFEZIONI:

CALCIOCIANAMIDE. COMPOSIZIONE CONCIME CE AZOTO (N) totale 19,8% di cui nitrico 1,5% OSSIDO DI CALCIO (CaO) 50% CONFEZIONI: CALCIOCIANAMIDE NITRATA GRANULARE È un prodotto microgranulare azotato ideale per ogni coltura orticola, frutticola e floricola; particolarmente indicata per terreni a ph acido svolge un azione fertilizzante

Dettagli

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4 Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura melo, pero, kiwi schede colturali - volume 4 I prodotti che AGM fabbrica con destinazione speciale per frutteti, sono stati testati

Dettagli

Affidabilità senza condizioni

Affidabilità senza condizioni NOVITÀ Affidabilità senza condizioni Pergado: fungicida antiperonosporico per la vite Mandipropamid, una molecola dalle caratteristiche innovative Mandipropamid, molecola originale della ricerca Syngenta,

Dettagli

Nuovo antioidico per vite e melo

Nuovo antioidico per vite e melo Nuovo antioidico per vite e melo Nota Tecnica 2 Da Syngenta, l innovativo fungicida antioidico per vite da vino, vite da tavola e melo CIDELY è il nuovo antioidico per vite e melo proposto da Syngenta,

Dettagli

IL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI

IL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI IL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI Guida al patentino per l acquisto dei prodotti fitosanitari in Emilia-Romagna MODULO 1 Le caratteristiche tecniche dei prodotti fitosanitari e dei loro coadiuvanti

Dettagli

La difesa del vivaio mese per mese

La difesa del vivaio mese per mese Pagina 4 Novembre-Dicembre 2009 Notiziario Ce.Spe.Vi. N 171 La difesa del vivaio mese per mese Rubrica fitopatologica per il vivaismo ornamentale pistoiese a cura del Dr. Andrea Trinci MARZO-APRILE Insetti

Dettagli

Bollettino Difesa Integrata Vite Brescia

Bollettino Difesa Integrata Vite Brescia Bollettino Difesa Integrata Vite Brescia Bollettino n. 10/2015 Emesso in data 12/06/15 Indicazioni valide per la sola area di riferimento Adesso in campo: Peronospora Settimana caratterizzata da temperature

Dettagli

BOLLETTINO TECNICO N. 24 del 16 luglio 2008

BOLLETTINO TECNICO N. 24 del 16 luglio 2008 PROVINCIA DI RAVENNA - ASSESSORATO AGRICOLTURA BOLLETTINO TECNICO AGROMETEOROLOGICO E DI PRODUZIONE INTEGRATA a cura del COMITATO PROVINCIALE per il COORDINAMENTO dei SERVIZI BOLLETTINO TECNICO N. 24 del

Dettagli

-www.cpt-ti.ch/fito-

-www.cpt-ti.ch/fito- Occuparsi delle piante non è così facile come sembra, è infatti necessario avere delle conoscenze abbastanza approfondite per quel che riguarda la cura, le malattie più o meno comuni, le conseguenze in

Dettagli

Forum Fitoiatrici Legnaro, 5 dicembre 2013 CENTRO TRASFERIMENTO TECNOLOGICO

Forum Fitoiatrici Legnaro, 5 dicembre 2013 CENTRO TRASFERIMENTO TECNOLOGICO RIDUZIONE DELLA DERIVA ED EFFICACIA DEI TRATTAMENTI ESPERIENZE IN TRENTINO DANIEL BONDESAN & CLAUDIO RIZZI P.P.A. Forum Fitoiatrici Legnaro, 5 dicembre 2013 SPERIMENTAZIONE 2009 2013 Obiettivi Individuazione

Dettagli

VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI REPELLENZA E DELLA TOSSICITÀ DI INSETTICIDI NEONICOTINOIDI SU APIS MELLIFERA LIGUSTICA

VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI REPELLENZA E DELLA TOSSICITÀ DI INSETTICIDI NEONICOTINOIDI SU APIS MELLIFERA LIGUSTICA ATTI Giornate Fitopatologiche, 2006, I, 51-58 VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI REPELLENZA E DELLA TOSSICITÀ DI INSETTICIDI NEONICOTINOIDI SU APIS MELLIFERA LIGUSTICA M. FANTI, R. MAINES, G. ANGELI Istituto Agrario

Dettagli

Fitopro s.r.l. - Milano. Servizio Fitosanitario Regionaledel Veneto - Bovolino di Buttapietra (VR)

Fitopro s.r.l. - Milano. Servizio Fitosanitario Regionaledel Veneto - Bovolino di Buttapietra (VR) LOTTA ANTIPERONOSPORICA SU VITE IN REGIME DI AGRICOLTURA BIOLOGICA: CONFRONTO TRA STRATEGIA A PROTEZIONE CONTINUA E STRATEGIA SUPPORTATA DAL MODELLO EPI. VENETO, BIENNIO 2007/2008 M. Buccini 1, G. Rho

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara

Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara VitiMeteo-Plasmopara consente di affinare la lotta contro la peronospora, senza tralasciare gli episodi d infezioni importanti e permette di evitare dei

Dettagli

RICCADONA OSCAR DANIELE Centro Forniture Giardinaggio

RICCADONA OSCAR DANIELE Centro Forniture Giardinaggio RICCADONA OSCAR DANIELE Centro Forniture Giardinaggio Via Volpare 104/B - 37069 Villafranca di Verona (VR) IT tel. / fax (+39) 045 6300192 - cell. (+39) 348 0069434 website: www.riccadona.it e-mail: info@riccadona.it

Dettagli

Prove di contenimento di Pseudomonas syringae pv. actinidiae. Prove su Zespri Gold nel Lazio Primo biennio di studio

Prove di contenimento di Pseudomonas syringae pv. actinidiae. Prove su Zespri Gold nel Lazio Primo biennio di studio Prove di contenimento di Pseudomonas syringae pv. actinidiae. Prove su Zespri Gold nel Lazio Primo biennio di studio Apofruit stabilimento di Aprilia Fabio Marocchi, Marco Mastroleo, Stefano Simeoni C.R.A.

Dettagli

Monitoraggio, campionamenti, soglie di intervento e lotta alla mosca delle olive

Monitoraggio, campionamenti, soglie di intervento e lotta alla mosca delle olive Angelo Canale Antonio Belcari Ruggero Petacchi Monitoraggio, campionamenti, soglie di intervento e lotta alla mosca delle olive Villa Montepaldi, S. Casciano V.P. (FI), 21 gennaio 2015 Argomenti Lotta

Dettagli

ta ra g te in e n zio u d ro L oidio della vite

ta ra g te in e n zio u d ro L oidio della vite D. Angeli, I. Pertot L oidio della vite Produzione integrata Istituto Agrario di San Michele all Adige SafeCrop Centre Produzione integrata Il Centro SafeCrop, dell Istituto Agrario di San Michele all

Dettagli

S MAP Notizie. Scopazzi del melo - Apple proliferation

S MAP Notizie. Scopazzi del melo - Apple proliferation S MAP Notizie Scopazzi del melo - Apple proliferation Anno 2 Numero 2 Agosto 2007 Sommario Istituto Agrario di San Michele Centro Sperimentale Via E. Mach 1 38010 San Michele all Adige (TN) Redazione Dott.

Dettagli

INDICE VITE PERO KIWI. Meccanismo d azione 2. Spettro d azione 3. Azione su Botrite e Oidio 5-6. Strategia d impiego 7-8. Voglio saperne di più 9

INDICE VITE PERO KIWI. Meccanismo d azione 2. Spettro d azione 3. Azione su Botrite e Oidio 5-6. Strategia d impiego 7-8. Voglio saperne di più 9 INDICE pag Meccanismo d azione 2 Spettro d azione 3 VITE Azione su Botrite e Oidio 5-6 Strategia d impiego 7-8 Voglio saperne di più 9 Accorgimenti 10-11 Vantaggi 12-13 PERO Azione su Stemphylium vesicarium

Dettagli

Acquisti.benza.it. Servizio Newsletter del 13 Giugno 2012

Acquisti.benza.it. Servizio Newsletter del 13 Giugno 2012 1 di 5 13/07/2013 16.00 Oggetto: [Benza.it] Newsletter del mese di Giugno Mittente: "Newsletter Benza.it" Data: 13/06/2012 17.10 A: info@benza.it Gentili clienti ed iscritti al ns.

Dettagli

1 - I PRODOTTI FITOSANITARI ED I COADIUVANTI

1 - I PRODOTTI FITOSANITARI ED I COADIUVANTI 1 - I PRODOTTI FITOSANITARI ED I COADIUVANTI Fino ad oggi abbiamo comunemente utilizzato i termini presidi sanitari, fitofarmaci, antiparassitari e pesticidi, ora dovremo usare solo il termine di prodotti

Dettagli

Applicazioni di Ampelomyces quisqualis nel controllo dell oidio della vite

Applicazioni di Ampelomyces quisqualis nel controllo dell oidio della vite Applicazioni di Ampelomyces quisqualis nel controllo dell oidio della vite S.E. Legler, T. Caffi, and V. Rossi Istituto di Entomologia e Patologia Vegetale Università Cattolica del Sacro Cuore Piacenza

Dettagli

Guida alla realizzazione e gestione dei nuovi impianti di melo

Guida alla realizzazione e gestione dei nuovi impianti di melo Guida alla realizzazione e gestione dei nuovi impianti di melo a cura di Tommaso Pantezzi ISTITUTO AGRARIO DI SAN MICHELE ALL ADIGE Istituto Agrario di San Michele all Adige Centro per l Assistenza Tecnica

Dettagli

LA POTATURA DEGLI ALBERI DA FRUTTO E LA DIFESA DALLE PRINCIPALI AVVERSITA

LA POTATURA DEGLI ALBERI DA FRUTTO E LA DIFESA DALLE PRINCIPALI AVVERSITA CORSO DI FRUTTICOLTURA LA POTATURA DEGLI ALBERI DA FRUTTO E LA DIFESA DALLE PRINCIPALI AVVERSITA Lezione 1- L albero da frutto: elementi di anatomia e fisiologia vegetale (dr. Giulio RE) Le funzioni vitali

Dettagli

Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa **

Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa ** MELONE Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa ** * Tecnico CReSO ; Tecnici SATA / Cadir Lab. Elenco delle cultivar poste a confronto Varietà Ditta Tip. Agustino Rijk

Dettagli

Grazie a tutti. Alcune considerazioni sul bilancio. La produzione 2007 di Melinda. Prime indicazioni sull annata commerciale 2007-2008

Grazie a tutti. Alcune considerazioni sul bilancio. La produzione 2007 di Melinda. Prime indicazioni sull annata commerciale 2007-2008 1 supplemento al n. 42 di Mondo Apot di Dicembre 2006 - SCHEDA n 8 Autorizzazione Tribunale n 860 del 2/5/95 - direttore responsabile Walter Liber Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in A.P. - 70% - CNS

Dettagli

Vivaio aperto - Perugia

Vivaio aperto - Perugia Vivaio aperto - Perugia Corso di potatura dei frutti INTRODUZIONE ALLA POTATURA 13 e 20 Febbraio 2010 - Bricocenter Perugia Estratto lezione dott. Agronomo Luca Crotti Questo documento è un estratto del

Dettagli

ABC. L per la potatura e la cura degli alberi ornamentali e da frutta

ABC. L per la potatura e la cura degli alberi ornamentali e da frutta ABC L per la potatura e la cura degli alberi ornamentali e da frutta Consigli per la cura degli alberi Non è necessario essere professionisti per curare e potare alberi da frutto ed ornamentali. Di seguito

Dettagli

Tecniche di gestione dell alveare

Tecniche di gestione dell alveare Tecniche di gestione dell alveare Problematiche periodo postproduzione 2014 in FVG Scarsa o nulla produzione (trattamenti in ritardo) Pessimo andamento meteo 1. Poca efficacia evaporanti (timoli, formico)

Dettagli

VERBALE DI CAMPIONAMENTO N..

VERBALE DI CAMPIONAMENTO N.. VERBALE DI CAMPIONAMENTO N.. Data... Servizio Veterinario dell USSL o ASL di. All IZS di Prelievo effettuato da Azienda apistica...in qualità di... codice aziendale sub codice Telefono Luogo del campionamento:

Dettagli

Ape domestica (Apis mellifera) su fiore di melo (Malus domestica), Sant Antonino, aprile 2013

Ape domestica (Apis mellifera) su fiore di melo (Malus domestica), Sant Antonino, aprile 2013 Ape domestica (Apis mellifera) su fiore di melo (Malus domestica), Sant Antonino, aprile 2013 Redatto da: Stazione di ricerca Agroscope Changins-Wädenswil ACW AMTRA Adattamento: Servizio fitosanitario

Dettagli

DATI METEO INDICI CLIMATICI

DATI METEO INDICI CLIMATICI DATI METEO I dati meteo utilizzati nelle elaborazioni sono quelli derivanti dalla rete regionale di stazioni meteo dell Osservatorio Meteo Idrologico della Regione Liguria (OMIRL) www.arpal.gov.it. Questi

Dettagli

uva da vino Agrofarmaci 2012 Una gamma completa per una protezione di qualità

uva da vino Agrofarmaci 2012 Una gamma completa per una protezione di qualità TM uva da vino Agrofarmaci 2012 Una gamma completa per una protezione di qualità 2 3 L impegno di Syngenta: offrire all agricoltura italiana gli strumenti per un futuro da protagonista Da sempre, Syngenta

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

BOLLETTINO DI PRODUZIONE BIOLOGICA ED INTEGRATA N 17 DEL 29.07.2015

BOLLETTINO DI PRODUZIONE BIOLOGICA ED INTEGRATA N 17 DEL 29.07.2015 BOLLETTINO DI PRODUZIONE BIOLOGICA ED INTEGRATA N 17 DEL 29.07.2015 Le informazioni di seguito riportate fanno riferimento alle disposizioni relative ai Regolamenti CE sull Agricoltura Biologica n 834/2007

Dettagli

A come Ape. Un agricoltura senza pesticidi è possibile.

A come Ape. Un agricoltura senza pesticidi è possibile. A come Ape. Un agricoltura senza pesticidi è possibile. Maggio 2014 greenpeace.it 2 A come Ape. Un agricoltura senza pesticidi è possibile - Maggio 2014 Sintesi del rapporto Plan bee living without pesticides.

Dettagli

Verifica di diverse strategie di fertirrigazione biologica sulla CV Pink Lady

Verifica di diverse strategie di fertirrigazione biologica sulla CV Pink Lady Verifica di diverse strategie di fertirrigazione biologica sulla CV Pink Lady Pinna Massimo ( ) -Gamba Ursula ( ) -Spagnolo Sandra ( ) ( ) CRAB-Centro di Riferimento per l Agricoltura Biologica della Provincia

Dettagli

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento dossier FRUMENTO 2 I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento Aumentare la resa del frumento, e contemporaneamente anche la qualità, è possibile solo con una concimazione azotata continua

Dettagli

Diffusione della malattia.

Diffusione della malattia. IL VIRUS DEL MOSAICO COMUNE DEL FRUMENTO Angelo Sarti, ASTRA Innovazione e Sviluppo U.O. Mario Neri Imola (BO) angelo.sarti@astrainnovazione.it Coception Rubies-Autonnell, Dista Area di Patologia Vegetale

Dettagli

Protocollo Ortaggi. n.3 Anno II 28.04.2003. IASMA Notizie

Protocollo Ortaggi. n.3 Anno II 28.04.2003. IASMA Notizie ortoflorofrutticoltura 1 IASMA Notizie IASMA Notizie n.3 Anno II 28.04.2003 Notiziario del Centro per l assistenza tecnica dell Istituto Agrario di S. Michele all Adige IASMA Notizie N. 18 - Spedizione

Dettagli

Nel fornire a viticoltori e tecnici le indicazioni pratiche per il contenimento delle più importanti avversità della vite, si è tenuto conto dei

Nel fornire a viticoltori e tecnici le indicazioni pratiche per il contenimento delle più importanti avversità della vite, si è tenuto conto dei Nel fornire a viticoltori e tecnici le indicazioni pratiche per il contenimento delle più importanti avversità della vite, si è tenuto conto dei risultati delle sperimentazioni e delle esperienze maturate

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

NOTIZIARIO N 1. (gennaio-marzo 2013)

NOTIZIARIO N 1. (gennaio-marzo 2013) Le Nostre Api Associazione Apicoltori Felsinei Sede Legale Via IV Novembre n 83 40056 Crespellano Bologna Cell 377 1802294-346 5790104 NOTIZIARIO N 1 (gennaio-marzo 2013) Gentilissime socie e gentilissimi

Dettagli

INDICE PRODOTTI FITOSANITARI PER LA FRUTTICOLTURA

INDICE PRODOTTI FITOSANITARI PER LA FRUTTICOLTURA INDICE PRODOTTI FITOSANITARI PER LA FRUTTICOLTURA 2009 Redatto da: Stazione di ricerca Agroscope Changins-Wädenswil ACW AMTRA Rhagoletis cerasi Adattamento: Servizio fitosanitario cantonale, 6501 Bellinzona

Dettagli

Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine

Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine FERTILIZZAZIONE RISULTATI DI UNA SPERIMENTAZIONE BIENNALE SU 4 VARIETÀ Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine L azoto è fondamentale per arrivare a rese soddisfacenti nei frumenti

Dettagli

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane Agrofarmaco biologico per la prevenzione delle malattie fungine del terreno TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane NOVITà TELLUS: la nuova risorsa per una crescita vigorosa TELLUS

Dettagli

ERBAI E SORGHI DA SFALCIO, INSILATO E GRANELLA SEMINE PRIMAVERILI ESTIVE 2014

ERBAI E SORGHI DA SFALCIO, INSILATO E GRANELLA SEMINE PRIMAVERILI ESTIVE 2014 ERBAI E SORGHI DA SFALCIO, INSILATO E GRANELLA SEMINE PRIMAVERILI ESTIVE 2014 TECNOZOO, AL FIANCO DEGLI ALLEVATORI DAL SEME AL PRODOTTO FINITO! SOMMARIO SORGO IBRIDO DA SFALCIO KARIM Pag 4 SORGO GENTILE

Dettagli

DI COMO - LECCO - SONDRIO. Ufficio Tecnico

DI COMO - LECCO - SONDRIO. Ufficio Tecnico Consigli per ridurre la presenza di micotossine nella granella di mais (Presentato da A.I.R.E.S Associazione Raccoglitori Essiccatori Stoccatori di cereali e semi oleosi) Le ricerche sperimentali condotte

Dettagli

LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae

LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae 1 LA MOSCA DELLE OLIVE Principale parassita dell olivo Numerodigenerazionida2-3finoa4-7/anno Latitudine Altitudine Andamento climatico Permanenza di olive sulle piante

Dettagli

Il melo in coltivazione biologica

Il melo in coltivazione biologica in collaborazione con Il melo in coltivazione biologica La mela rientra tra le prime dieci colture ortofrutticole più coltivate nel mondo; tra i soli frutti è alla quarta posizione con quasi 64 milioni

Dettagli

I prodotti fitosanitari

I prodotti fitosanitari I prodotti fitosanitari 3.1 Cosa sono i prodotti fitosanitari Il decreto del Presidente della Repubblica n. 290/01, a conferma di quanto stabilito dal decreto legislativo n 194/95, precisa che il termine

Dettagli

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Obiettivi: - evitare o ridurre il fenomeno della sciamatura - conservare le api nell alveare o nell apiario (sciamatura temporanea) I metodi sono diversi

Dettagli

Relatore: Caven Elger

Relatore: Caven Elger Relatore: Caven Elger 1. Parametri basali: temperatura, luce, concime ed acqua 2. Cura dopo la fioritura 3. Fioritura ripetuta 4. Danni da parassiti 5. Danni non da parassiti 6. Caduta dei boccioli 7.

Dettagli

Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali

Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali FACOLTA DI AGRARIA Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali Corso di Agronomia e Sistemi foraggeri Modulo di Sistemi foraggeri ESERCITAZIONE - QUESTIONARIO n. 2 Nome e cognome... n. di matricola.

Dettagli

ACARI DELLA VITE ERIOFIDI. Eriofide della vite Colomerus (=Eriophyes) vitis (Pagenstecher)

ACARI DELLA VITE ERIOFIDI. Eriofide della vite Colomerus (=Eriophyes) vitis (Pagenstecher) libro definitivo 19.05.04 19-05-2004 18:13 Pagina 161 ACARI DELLA VITE Da oltre un trentennio gli acari fitofagi della vite hanno assunto notevole importanza poiché possono provocare ingenti danni. Questi

Dettagli

Giornate tecniche 2011

Giornate tecniche 2011 Giornate tecniche 2011 Seminario: Aspetti applicativi della potatura delle piante ornamentali Relatore: dott. agr. Antonio Sagaria Data: 13 febbraio 2011 DICHIO vivai garden DICHIO vivai garden Un albero

Dettagli

Gocce al veleno. Analisi sulla presenza di insetticidi neonicotinoidi nell acqua di guttazione del mais. greenpeace.it.

Gocce al veleno. Analisi sulla presenza di insetticidi neonicotinoidi nell acqua di guttazione del mais. greenpeace.it. Gocce al veleno Dicembre 2013 Analisi sulla presenza di insetticidi neonicotinoidi nell acqua di guttazione del mais greenpeace.it 2 Gocce al veleno - Dicembre 2013 Sintesi del rapporto DRIPPING POISON

Dettagli

Numero nove 7 marzo 2014

Numero nove 7 marzo 2014 Numero nove 7 marzo 2014 La situazione dei mercati mondiali dei cereali - prospettive 4 marzo 2014 Powered by Aretè s.r.l. In questo numero Mercati: le quotazioni nazionali dei principali prodotti agricoli

Dettagli

NORME TECNICHE APPLICATIVE

NORME TECNICHE APPLICATIVE REGIONE MOLISE ASSESSORATO ALLE POLITICHE AGRICOLE, FORESTALI E ITTICHE --------------------------------------------------------------- NORME TECNICHE APPLICATIVE DISCIPLINARI DI DIFESA INTEGRATA D.M.

Dettagli

IMPIEGO DI UN MODELLO AGROMETEOROLOGICO PER LA CARATTERIZZAZIONE DEL RISCHIO POTENZIALE DI PRODUZIONE DI MICOTOSSINE NELLE AREE MAIDICOLE PIEMONTESI.

IMPIEGO DI UN MODELLO AGROMETEOROLOGICO PER LA CARATTERIZZAZIONE DEL RISCHIO POTENZIALE DI PRODUZIONE DI MICOTOSSINE NELLE AREE MAIDICOLE PIEMONTESI. IMPIEGO DI UN MODELLO AGROMETEOROLOGICO PER LA CARATTERIZZAZIONE DEL RISCHIO POTENZIALE DI PRODUZIONE DI MICOTOSSINE NELLE AREE MAIDICOLE PIEMONTESI. F. Spanna 1, G. Cressano 1, T. La Iacona 1, I. Vercellino

Dettagli

L invernamento degli alveari (aggiornamento ottobre 2012) Belletti PierAntonio Giorgio Della Vedova Tecnici apistici Regione FVG

L invernamento degli alveari (aggiornamento ottobre 2012) Belletti PierAntonio Giorgio Della Vedova Tecnici apistici Regione FVG L invernamento degli alveari (aggiornamento ottobre 2012) Belletti PierAntonio Giorgio Della Vedova Tecnici apistici Regione FVG È una delle operazioni di tecnica apistica più importanti. Un buon invernamento

Dettagli

Minimizzare la presenza di micotossine nella granella

Minimizzare la presenza di micotossine nella granella n. 14/2013 [ SPECIALE DIFESA MAIS ] Terra e Vita 45 Minimizzare la presenza di micotossine nella granella [ DI RICCARDO BUGIANI ] Le strategie agronomiche, il possibile contributo dei bio control agents

Dettagli

In data 10 giugno u.s. si è effettuato un sopralluogo ordinario presso il comprensorio preceduto da una riunione con la Commissione del Verde.

In data 10 giugno u.s. si è effettuato un sopralluogo ordinario presso il comprensorio preceduto da una riunione con la Commissione del Verde. Spett.le Condominio Centrale San Felice c.a. Amministrazione Milano, 11 giugno 2014 Oggetto: verbale riunione-sopralluogo del 10.06.2014 In data 10 giugno u.s. si è effettuato un sopralluogo ordinario

Dettagli

Meccanismo d azione d fungicidi per il FRAC

Meccanismo d azione d fungicidi per il FRAC Meccanismo d azione d dei fungicidi per il FRAC FRAC Fungicide Resistance Action Committee Gruppo tecnico specialistico internazionale di difesa delle colture agrarie Nasce nel 1980 in seguito di un corso

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS Pag. 1 di 7 DOCUMENTO TECNICO DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS CCPB SRL 40126 Bologna Italy Via J. Barozzi, 8 tel. 051/6089811 fax 051/254842 www.ccpb.it ccpb@ccpb.it

Dettagli

Determinazione simultanea di insetticidi neonicotinoidi mediante HPLC/MS/MS

Determinazione simultanea di insetticidi neonicotinoidi mediante HPLC/MS/MS Torino 6/7 dicembre 2007 7 Convegno Nazionale Fitofarmaci e Ambiente Determinazione simultanea di insetticidi neonicotinoidi mediante HPLC/MS/MS Annalisa Longo, Paolo Branca Arpa Piemonte - Agenzia Regionale

Dettagli

Scelta delle varietà di bietola a semina autunnale

Scelta delle varietà di bietola a semina autunnale Scelta delle varietà di bietola a semina autunnale di RODOLFO TELLOLI, CARLO GIORDANO Al momento della stesura del presente articolo, non si è purtroppo in grado di fornire dati definitivi in quanto lo

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Presentazione dei risultati del secondo biennio di attività Linee guida e disciplinari per la produzione di sementi biologiche D.ssa Alessandra Sommovigo

Dettagli

ATTIVITÀ ANTIPERONOSPORICA SU VITE DI PRODOTTI A BASE DI FOSFITO DI POTASSIO

ATTIVITÀ ANTIPERONOSPORICA SU VITE DI PRODOTTI A BASE DI FOSFITO DI POTASSIO ATTIVITÀ ANTIPERONOSPORICA SU VITE DI PRODOTTI A BASE DI FOSFITO DI POTASSIO S. LAVEZZARO, A. MORANDO, S. GOZZELINO, D. MORANDO VitEn - Via Bionzo, 13bis - 1452 Calosso (AT) info@viten.net RIASSUNTO Nelle

Dettagli

Integrata e Biologica

Integrata e Biologica DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA, ECONOMIA ITTICA, ATTIVITÀ FAUNISTICO-VENATORIE PROVINCIA DI RIMINI Bollettino di Produzione Integrata e Biologica N 24 del 02/08/2012 PREVISIONI DEL TEMPO è previsto tempo

Dettagli

Controllo Integrato delle infestanti dell'actinidia. INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Indipendentemente dal

Controllo Integrato delle infestanti dell'actinidia. INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Indipendentemente dal INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Graminacee e Interventi chimici: Glifosate 30.40 9 l/ha Consigliabili le applicazioni nel periodo autunnale. L'uso di diserbanti può

Dettagli

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO SEMINARIO TECNICO ALBICOCCHE DI QUALITA :tecniche agronomiche, innovazione varietale e strategie di mercato APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO Sala Consiliare Comune di Scanzano

Dettagli

Bollettino di Produzione Integrata e Biologica

Bollettino di Produzione Integrata e Biologica Territorio provinciale di Piacenza Bollettino di Produzione Integrata e Biologica n. 07 del 30/04/2015 PREVISIONI DEL TEMPO VENERDI Al mattino molto nuvoloso con piogge deboli; nel pomeriggio in pianura

Dettagli

Team dedicati e impegnati. Goëmar E-training : formazione individuale e on-line

Team dedicati e impegnati. Goëmar E-training : formazione individuale e on-line Team dedicati e impegnati GOËMAR per soddisfare al meglio le esigenze dei coltivatori è presente con i suoi partner in tutti i continenti. La società implementa le proprie competenze attraverso rigorosi

Dettagli

Metodi di controllo di Cydalima perspectalis (Walker)

Metodi di controllo di Cydalima perspectalis (Walker) Metodi di controllo di Cydalima perspectalis (Walker) Dott. For. Daniele Benassai Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali di Firenze Giovedì 2 ottobre e Mercoledì 12 novembre 2014 Palazzo Vecchio

Dettagli