andranno poi, ad uso avvenuto, individualmente restituite. La prestazione deve essere determinata

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "andranno poi, ad uso avvenuto, individualmente restituite. La prestazione deve essere determinata"

Transcript

1 Inadempimento e danni nel contratto di somministrazione Il contratto di somministrazione è - a norma dell art c.c. - quel «contratto con il quale una parte si obbliga, verso corrispettivo di un prezzo, ad eseguire, a favore dell altra, prestazioni periodiche o continuative di cose»; il codice civile lo disciplina negli artt Il rapporto di somministrazione s inquadra nei contratti di durata o ad esecuzione continuata, che hanno la particolare funzione - e questa li distingue nettamente dai contratti istantanei - di soddisfare bisogni continuativi attraverso la costituzione di rapporti duraturi di Ezio Guerinoni - Studio Legale Guerinoni - Università di Milano Il contratto in esame, peraltro, trova applicazione in contesti economici differenziati, che coinvolgono rapporti intercorrenti tra produttori e distributori, distributori e consumatori e tra produttori o anche tra distributori; con il contratto di somministrazione, infatti, si possono soddisfare le esigenze di beni e servizi dei consumatori, può essere utilizzato per fornire ai produttori materie prime o semilavorati o, ancora, per realizzare «un integrazione verticale» tra produttori e distributori (o tra distributori). Tradizionalmente si distingue tra somministrazione di consumo e somministrazione d uso: la prima ipotesi si avrebbe quando devono essere consegnate reiteratamente determinate cose, di cui il somministrato acquista o può aver acquistato la proprietà; la seconda, invece, nel caso in cui devono essere consegnate reiteratamente determinate cose, che andranno poi, ad uso avvenuto, individualmente restituite. La prestazione deve essere determinata o determinabile: possono essere determinate le singole prestazioni o il loro ammontare complessivo. Qualora non sia determinata l entità della somministrazione, a norma dell art. 1560, primo comma, c.c. si intende pattuita quella corrispondente al normale fabbisogno della parte che vi ha diritto, avuto riguardo al tempo della conclusione del contratto. Fuori dalla forma detta «a piacere» o «a richiesta», nella quale il somministrato ha la facoltà discrezionale di richiedere o meno, per il se e per il quanto, la somministrazione - forma che deve essere stipulata espressamente o che può desumersi dalle clausole convenute - il silenzio del contratto sul quantitativo della somministrazione importa che la determinazione legale di tale quantitativo, da intendersi commisurato al fabbisogno del somministrato, opera con efficacia vincolante non solo riguardo al somministrante ma anche riguardo al somministrato stesso, sicché questi è tenuto a richiederlo (Cass. 20 ottobre 1975, n. 3450, FI, 1976, I, 67). Nel caso in cui siano stabiliti un quantitativo minimo ed un quantitativo massimo, la determinazione in concreto spetta al somministrato, il quale meglio di ogni altro è il grado di giudicare delle proprie necessità (art. 1560, secondo comma). Sarà cura del somministrato, attraverso la richiesta, stabilire l effettiva entità della cosa che corrisponde al suo fabbisogno (sempre Giannattasio 1974, 257). Il prezzo Il prezzo può essere determinato dalle parti con riferimento alle singole prestazioni o al quantitativo globale da somministrare, può essere determinato con riferimento al consumo effettivo oppure a forfait, può essere previsto, oltre al corrispettivo per il consumo, un corrispettivo per l uso degli impianti, può aversi un prezzo «imposto». In ipotesi di omessa determinazione, il prezzo nelle somministrazioni di consumo deve essere determinato ai sensi degli artt e 1474, come si evince non solo dal richiamo alle «regole che disciplinano il contratto cui corrispondono le singole prestazioni» nell art c.c., ma anche dall espresso rinvio all art contenuto nell art Ai sensi di quest ultima norma, infatti, nella somministrazione a carattere periodico, se il prezzo 16

2 deve essere determinato secondo le norme dell art. 1474, si ha riguardo al tempo della scadenza delle singole prestazioni e al luogo in cui queste devono essere eseguite. Il prezzo nelle somministrazioni d uso deve essere parimenti determinato secondo i criteri contenuti nell art. 1474: infatti, da un lato, manca nella disciplina della locazione una disposizione ad hoc, dall altro, l art rinvia all art in ogni ipotesi di somministrazione a carattere periodico. Nelle somministrazioni di servizi il prezzo deve essere determinato a norma dell art Per quanto riguarda il tempo del pagamento del prezzo, l art c.c. distingue la somministrazione a carattere periodico da quella a carattere continuativo: nella prima il prezzo è corrisposto all atto delle singole prestazioni ed in proporzione di ciascuna di esse; nella seconda è pagato in relazione alle scadenze di uso (mensili, quindicinali, settimanali). Si tratta ovviamente di criteri legali la cui applicazione presuppone la mancata determinazione convenzionale. Connotato tipico della somministrazione a carattere continuativo è la rateizzazione del corrispettivo, alla quale spesso si accompagna il versamento di un deposito, anticipato a garanzia. Adempimento e inadempimenti L inadempimento può riguardare sia i singoli atti esecutivi e rimanere limitato ad essi, senza che la prestazione complessiva risulti necessariamente pregiudicata, sia i singoli atti esecutivi e di riflesso la prestazione integrale. In caso di mancata o inesatta esecuzione della prestazione, sono utilizzabili nella somministrazione i normali rimedi contrattuali previsti dal codice civile. In attuazione degli impegni assunti, il somministrante deve eseguire la sua prestazione a favore del somministrato il quale deve riceverla nei tempi, nel luogo e secondo le modalità concordate. L esecuzione della prestazione si configura come atto continuato «in cui i successivi comportamenti, per quanto indipendenti, vengono unificati dalla particolare funzione giuridica attribuita al complesso, che resta distinto dai singoli elementi costitutivi» (Zuddas). La casistica in tema di inadempimento del somministrante è particolarmente ampia. La giurisprudenza ha stabilito in più occasioni che la somministrazione d acqua non avente le caratteristiche di potabilità costituisce inesatto adempimento del contratto di fornitura che dà diritto al somministrato, non essendo ipotizzabile la risoluzione del contratto, ad un equa riduzione del canone al fine di rimediare all alterazione dell equilibrio patrimoniale tra prestazione e controprestazione causata dal mancato adempimento da parte dell ente della sua prestazione di fornire acqua potabile (secondo Giudice pace Pordenone 23 giugno 1997, Gpac, 1997, 252 e Giudice pace Rocca Sinibalda 20 febbraio 1998, Temi rom., 1998, 506, la somministrazione d acqua non potabile costituisce inesatto adempimento, per cui il somministrato ha diritto alla riduzione del canone per il periodo di mancata utilizzazione dell acqua, oltre al risarcimento dei danni; si veda anche Cass. 25 giugno 2002, n. 9240, RFI, 2002, voce Comune, n. 6). La stessa soluzione è stata accolta anche per la fornitura di latte, annacquato alla misura del 36%, bene che poteva evidentemente essere reperito altrimenti (Trib. Cagliari 18 maggio 1998, Rass. giur. sarda, 2001, 33). I contratti di somministrazione spesso attribuiscono al somministrante una serie di poteri i quali hanno lo scopo di agevolare l esecuzione della sua prestazione e consentirgli al contempo un rigoroso controllo dell adempimento della controparte. In applicazione di questo principio si afferma in termini abbastanza generali che il somministrante assume l obbligo di apprestare i mezzi necessari per l adempimento, che mutano in considerazione dell oggetto della prestazione, e al contempo il somministrato assume altri obblighi che sono tendenzialmente di deposito e di custodia (Cass. 9 luglio 1968, n. 2359, RFI, 1968, voce Energia elettrica, nn ). Nel caso in cui il somministrante abbia eseguito la sua prestazione, occorre procedere alla sua misurazione (con una valutazione espressa in chili, litri, metri cubi, ecc.), «circostanza questa che, in diverse occasioni, potrebbe apparire problematica, rendendo così ardua la conseguente determinazione del prezzo da corrispondere, ad esclusione delle ipotesi in cui sia stato de- 17

3 terminato in maniera forfetaria» (Zuddas). È questo un problema che riguarda proprio i contratti di somministrazione di maggiore diffusione, posto che se talvolta è l utente a controllare la quantità che gli è stata somministrata attraverso contatori appositamente installati (vedi ad es. contatori dell energia elettrica e dell acqua), in altri casi i medesimi impianti, pur essendo nella sfera di protezione dell utente, potrebbero non essere da lui controllabili (v. ad es. gas) oppure sono addirittura nella disponibilità esclusiva del somministrante (v. ad es. telefoni). Solitamente gli apparecchi di misurazione sono forniti dal somministrante che ne rimane proprietario essendo tenuto a mantenerli in buono stato di conservazione; per l uso che ne viene fatto il somministrato potrebbe essere tenuto a corrispondere un canone per il noleggio. Quali che siano le modalità di conservazione degli impianti, è pacifico che ognuno dei contraenti ha il diritto di controllare e verificare la quantità e l esattezza dei consumi, per cui, di solito a scadenze fisse, ma talvolta in modo saltuario o, addirittura, in base a consumi presunti, il somministrante, una volta accertato in qualche modo il consumo, emette un prospetto (la c.d. bolletta) contenente l indicazione dei consumi e tutti i dati relativi al pagamento. La bolletta costituisce un mero atto unilaterale di natura contabile (al pari della fattura), con la conseguenza che è rettificabile, in caso di divergenza tra realtà effettiva e quella dichiarata, dall emittente, senza essere sottoposta alla disciplina di cui all art c.c. (Cass. 17 febbraio 1986, n. 947). In relazione a contratto di somministrazione di energia elettrica, il fatto che il consumo dell energia da parte del somministrato non sia stato registrato dal contatore per avvenuto guasto dei relativi meccanismi non esonera il somministrato medesimo dall obbligo contrattuale, ex art. 1562, comma 1 (a prescindere, quindi, da espressa previsione nel detto contratto), di pagare il quantitativo di energia la cui consistenza risulti accertata con metodo scientifico e coerenza logica in riferimento alla natura e all epoca della insorgenza del guasto suddetto, nonché alla misura dei consumi di energia non registrati e quindi non pagati (Trib. Reggio Emilia 11 ottobre 1980, RGEnel, 1981, 653). Sull importo così determinato, va aggiunto quanto il somministrante abbia subito, a titolo di maggior danno, come conseguenza del diminuito potere di acquisto della moneta e sulla somma complessiva rivalutata decorrono gli interessi legali dalla data della domanda fino al saldo (Cass. 8 giugno 1963, n. 1533, in Rep. Foro it., 1963, voce Energia elettrica, n. 15). Si è anche precisato, al riguardo, che il somministrante non può interrompere la fornitura per il mancato pagamento di presunti consumi non registrati dal contatore a causa di un difetto di funzionamento (Pret. Spoleto, 13 agosto 1997, in Rass. giur. ENEL, 1997, p. 961, con riferimento all energia elettrica fornita dall Enel a un cantiere). Nella prassi, comunque, in caso di irregolare funzionamento del contatore, i fornitori sogliono addebitare al consumatore un canone forfetario determinato sulla base del consumo medio dell ultimo semestre o dell ultimo anno, ma a tal fine deve essere inserita nel contratto un apposita clausola. A questo criterio deve farsi ricorso anche se manchi una specifica previsione contrattuale, al fine di evitare un arricchimento ingiustificato. Il somministrato deve ricevere la prestazione che il somministrante intende eseguire - sempre che sia conforme a quanto dedotto in contratto (e quindi egli potrebbe rifiutare una prestazione parziale o diversa) - facendo quanto sia stato espressamente previsto nel contratto al riguardo e, in ogni caso, tenendo un comportamento conforme a buona fede. Non potrebbe quindi rifiutare il pagamento di merci deperibili che, pur rientrando nel quadro del suo fabbisogno (tante porzioni di carne o di pesce quanti sono i passeggeri della nave o i ricoverati in ospedale), non fossero poi consumate (a causa, ad esempio, del mal di mare); né potrebbe a suo piacimento ridurre o modificare la fornitura, in quanto per arrivare a questa soluzione occorre che sia stata espressamente pattuita la forma della somministrazione a piacere. Integra un comportamento contrario a buona fede il comportamento del somministrato che, dopo aver trascurato di ricevere le singole prestazioni alle rispettive scadenze, le pretenda poi tutte insieme non tenendo conto dei limiti delle capacità produttive del somministrante (Cass

4 luglio 1977, n. 3360, RFI, 1977, voce Somministrazione (contratto di), n. 2). Ove esistano, il somministrato ha l obbligo di custodire con la diligenza del buon padre di famiglia gli impianti (compresi i cavi conduttori), che dovrà restituire alla fine del rapporto, dovendogli anche proteggere dai danneggiamenti (App. Torino 7 luglio 1965, Mon. Trib., 1965, 965; Pret. Acireale 7 settembre 1990, Rass. giur. ENEL, 1991, 1077); qualora li abbia presi in consegna, dovrà altresì restituire, secondo le modalità pattuite, i recipienti che abbia ricevuto dal somministrante (Zuddas 2003, 103 ss.). Nel caso, poi, che il somministrato non dovesse consentire l accesso al contatore ai collaboratori del somministrante incaricati di effettuare le dovute misurazioni, tale condotta integrerebbe un inadempimento di una certa gravità che potrebbe condurre alla risoluzione del contratto; non solo: lo stesso fatto potrebbe essere sufficiente per ottenere dal giudice un provvedimento d urgenza (cfr. Pret. Asti 20 settembre 1984, Rass. giur. ENEL, 1984, 1042). Spesso nei contratti vengono inserite apposite clausole che subordinano l esecuzione della prestazione al compimento da parte del somministrato di determinate attività e al mantenimento degli impianti occorrenti, che restano di proprietà dell ente somministrante e possono essere utilizzati anche il favore di terzi, senza il consenso del proprietario (Trib. Catania 3 luglio 1987, Rass. giur. ENEL, 1988, 415). Tali clausole non integrano un contratto costitutivo di servitù, ma prevedono solo un obbligazione di natura personale, in forza della quale il somministrato non può pretendere la rimozione degli impianti, neppure di quella parte posta a servizio di altri utenti (App. Napoli 23 giugno 1992, Dir. Giur., 1993, 590; App. Napoli 13 gennaio 1986, in Rass. giur. ENEL, 1986, 711). La sospensione dell esecuzione A norma dell art c.c., se la parte che ha diritto alla somministrazione è inadempiente ma l inadempimento sia di lieve entità, il somministrante non può sospendere l esecuzione del contratto senza dare congruo preavviso. Dalla formulazione della norma si evince che se l inadempimento non è di lieve entità, l erogazione può essere sospesa immediatamente. Occorre dunque distinguere due differenti ipotesi: a) che l inadempimento sia di lieve entità; b) che l inadempimento rivesta una notevole entità. Nel primo caso (inadempimento di lieve entità) la sospensione può considerarsi legittima solo se preceduta da congruo preavviso (Trib. Lanciano 11 novembre 1995, Rass. giur. ENEL, 1996, 1002); nel secondo, di notevole entità, è consentita la sospensione senza preavviso e/o la risoluzione del contratto, qualora sia venuta meno la fiducia. In ogni caso, si deve rilevare che le imprese di somministrazione di acqua, gas ed elettricità tendono nei loro capitolati a prevedere una disciplina della sospensione della fornitura, nella quale sia preclusa al giudice ogni valutazione circa l entità dell inadempimento e l esercizio in buona fede dell eccezione, in modo da stabilire una rigidità di regolamento, che dia sicurezza ai loro rapporti con gli utenti, evitando ogni rischio diverso da quelli valutati nella determinazione del costo di gestione. L exceptio non adimpleti contractus opera, poi, non soltanto nell ipotesi di integrale inadempimento della controparte, ma anche quando vi sia stato un adempimento soltanto parziale, sempre che sussista adeguatezza tra la parte non eseguita del contraente adempiente e l entità dell inadempienza dell altro contraente. La giurisprudenza ha avuto occasione di rilevare che il somministrante può sospendere l adempimento anche delle obbligazioni nascenti da un altro contratto stipulato con lo stesso somministrato, ma solo se ciò sia stato espressamente pattuito (Trib. Brescia 17 febbraio 1999, Finanza locale, 1999, 673; Pret. Milano 13 luglio 1989, cit.; Pret. Bari 8 aprile 1986, Rass. giur. ENEL, 1986, 724; contra Pret. L Aquila 6 luglio 1983, GC, 1984, I, 987). La facoltà del somministrante di sospendere la prestazione in caso di ritardato pagamento anche di una sola fornitura costituisce una reazione all inadempimento dell utente; tale sospensione, tuttavia, è legittima finché permane l inadempimento, per cui, se attuata quando il debito sia stato pagato, costituisce inadempimento contrattuale e obbliga il somministrante al risarcimento del danno (Cass. 2 ottobre 19

5 1997, n. 9624, NGCC, 1999, I, 154; Pret. Matera 4 aprile 1984 e Pret. Melito Porto Salvo 18 aprile 1984, in Rass. giur. ENEL, 1984, 751). È legittima la sospensione del contratto a carico del somministrato che abbia omesso di vigilare sull integrità del misuratore di energia (App. Napoli 1 marzo 1995, Rass. giur. ENEL, 1996, 725; Trib. Napoli 24 novembre 1990, Rass. giur. ENEL, 1992, 717), ovvero abbia alterato il funzionamento degli apparecchi di misurazione (Pret. Martina Franca 12 gennaio 1984, Rass. giur. ENEL, 1984, 750), mentre invece è illegittimo il distacco senza alcun preavviso per il mancato pagamento di una sola bolletta quando il somministrante non sia in grado di documentare l invio della bolletta al destinatario (Pret. Roma 26 luglio 1985, FI, 1989, I, 270). È consentito al somministratore di opporre al somministrato l eccezione di inadempimento anche con riferimento alle prestazioni ancora da eseguire (App. Roma 10 dicembre 1984, RGEnel, 1985, 461). La risoluzione per inadempimento L art c.c., dispone che: «in caso di inadempimento di una delle parti relativo a singole prestazioni, l altra può chiedere la risoluzione del contratto, se l inadempimento ha una notevole importanza ed è tale da menomare la fiducia nell esattezza dei successivi adempimenti». L art c.c. dispone, in via generale, che riguardo ai contratti ad esecuzione continuata o periodica, che «l effetto della risoluzione non si estende alle prestazioni già eseguite». In base all art c.c., la risoluzione del contratto di somministrazione è condizionata al verificarsi di un inadempimento che sia: di notevole importanza e tale da menomare la fiducia nell esattezza dei successivi adempimenti. La regola vale sia con riferimento all inadempimento del somministrante, sia con riferimento all inadempimento del somministrato (a differenza della disciplina speciale della sospensione del contratto che riguarda, invece, solo l inadempimento del somministrato). Perché l effetto risolutivo si verifichi occorre, dunque, che l importanza dell inadempimento sia tale da menomare la fiducia nell esattezza dei successivi adempimenti (art c.c.), «il che si verificherà allorquando si tratti di un adempimento che turbi notevolmente l equilibrio del contratto in tutte le sue attuazioni, da lasciar ritenere che le parti, se lo avessero previsto, non avrebbero stipulato» (Giannattasio). Altri rimedi In base all art c.c., alla somministrazione si applicano le regole che disciplinano il contratto a cui corrispondono le singole prestazioni, in quanto compatibili con le disposizioni particolari che la riguardano. Al contratto di somministrazione si applicano le norme in tema di garanzia per i vizi e per l evizione relative alla vendita, almeno qualora si tratti di somministrazione di consumo e con il limite della compatibilità (Cagnasso), con esercizio delle relative azioni, come la Suprema Corte di recente ha puntualizzato precisando che la normativa applicabile, per il rinvio effettuato dall art c.c., è quella della vendita (perché le prestazioni possono considerarsi separatamente) e, quindi, quella contenuta negli artt. 1492, 1494 e 1495 c.c. (secondo Cass. 11 ottobre 2000, n , RFI, 2000, voce Somministrazione (contratto di),n.4, se la domanda è di risoluzione, si applica la norma di cui all art c.c. - secondo la quale l inadempimento deve avere una notevole importanza e deve essere tale da menomare la fiducia nei successivi adempimenti - in deroga all art c.c., e gli effetti sono quelli disciplinati dall art. 1458, primo comma, c.c. e non dall art c.c.). La normativa della vendita in tema di garanzia, e in particolare i brevi termini di prescrizione e decadenza, sono puntualmente applicabili anche alla somministrazione: la denunzia dei vizi deve perciò essere fatta entro i termini previsti, che decorrono dalle singole consegne o scoperte somministrazione (Zuddas). Nella somministrazione di consumo - se il somministrato ha la qualità di consumatore - possono essere esperiti i rimedi previsti dagli artt. 128 ss. cod. cons. (già introdotti nel 2002 nel testo del Codice Civile - artt bis ss. - con il D.Lgs. 2 febbraio 2002, n. 24, in attuazione della direttiva n. 1999/44/CE). Si deve premettere che l art. 128 cod. cons. equipara espressamente ai contratti di vendita quelli di somministrazione (pri- 20

6 mo comma), ma prevede al contempo che la disciplina relativa ai beni di consumo (da fabbricare, produrre o assemblare) non si applichi all acqua e al gas (quando non confezionati per la vendita in un volume delimitato o in quantità determinata), né all energia elettrica (secondo comma). In caso di difetti di conformità esistenti al momento della consegna del bene somministrato, il consumatore avrà diritto, senza spese, al ripristino della conformità del bene mediante riparazione o sostituzione, ovvero ad una riduzione adeguata del prezzo o alla risoluzione del contratto (art. 130 cod. cons.). Il somministrante è responsabile quando il difetto di conformità si manifesta entro il termine di due anni dalla consegna del bene; il consumatore decade dai suoi diritti se non ha fatto denuncia del difetto di conformità entro due mesi dalla scoperta e se non li esercita entro ventisei mesi dalla consegna del bene (art. 132 cod. cons.), fermo restando che è nullo ogni patto volto a limitare o escludere i diritti del consumatore (art. 134 cod. cons.). I danni risarcibili Per il caso di inadempimento alle obbligazioni derivanti dal contratto di somministrazione, il codice civile non contiene alcuna specifica previsione in merito al danno risarcibile; conseguentemente, in base alle norme generali dettate in tema di inadempimento e risarcimento del danno, i pregiudizi risarcibili saranno quelli che siano conseguenza immediata e diretta dell inadempimento (art c.c.) e, salvo il caso di dolo del debitore, che potevano prevedersi al tempo in cui è sorta l obbligazione (art c.c.). Il contraente adempiente potrà chiedere all inadempiente o la risoluzione del contratto o l esecuzione specifica dell obbligazione, col risarcimento dei danni in entrambi le ipotesi, compresi quelli verificatisi posteriormente alla domanda di risoluzione (art c.c.). Dal principio per cui il danno da risarcire per inadempimento contrattuale va accertato con riferimento al momento dell inadempimento, consegue che, nel caso di mancata esecuzione di un contratto di somministrazione, il quale importa che una parte sia obbligata a eseguire a favore dell altra non una singola prestazione, ma periodiche o continuative prestazioni di cose, il danno va accertato con riferimento a tutta la durata del contratto stesso (Cass. 14 gennaio 1949, n. 26, Giur. compl. Cass. civ., 1949, I, 288). Se il contratto è a tempo indeterminato, il danno va commisurato al periodo che intercorre dal momento della inadempienza a quello in cui cessa il periodo di preavviso. Non è da escludere, inoltre, l applicazione della disciplina prevista dall art. 1227, comma 2, c.c., che esclude il risarcimento con riguardo ai danni che il creditore avrebbe potuto evitare usando l ordinaria diligenza (cfr. ad esempio Cass. 13 settembre 2004, n , Juris Data Online). Per procedere alla quantificazione del danno, in caso di inadempimento consistente nel rifiuto di ricevere la prestazione pattuita, salvo l ulteriore danno, devono essere calcolati il lucro cessante, consistente nel calore differenziale tra il prezzo di costo (inteso come prezzo di acquisto che il somministrante ha dovuto sopportare, se l ha dovuto acquistare da altri, ovvero di produzione, se ha curato personalmente la produzione) e il prezzo di vendita concordato con il somministrato (Cass. 23 ottobre 1968, n. 3433, RFI, 1968, voce Somministrazione (contratto di), n. 4). In una vicenda che si presenta nella realtà con una certa frequenza - l erogazione di acqua torbida non potabile da parte dell azienda comunale - l ammontare del danno conseguente, da liquidarsi in via equitativa, è stato calcolato tenendo conto del prezzo medio giornaliero (Giudice pace Napoli 16 marzo 1998, Gpac, 1998, 198). Il somministrante non è comunque tenuto a risarcire il danno provocato ad un utente in occasione della sospensione dell erogazione del servizio, se lo ha preventivamente avvertito dell impossibilità, non riconducibile a propria colpa, di eseguire la prestazione (Cass. 9 giugno 1997, n. 5144, cit.; Trib. Terni 28 giugno 1996, Rass. giur. umbra, 1997, 449; Trib. Roma, 19 dicembre 1988, Rass. giur. ENEL, 1989, 702). L impossibilità della prestazione Può accadere che si verifichino eventi fortuiti che rendano oggettivamente ed assolutamente impossibile la prestazione da un cer- 21

7 to momento e per tutto il residuo periodo, in cui era dovuta, o sopravvenga una disposizione di legge, che per un analogo periodo renda illecita la prestazione. In questi casi il debitore è liberato dall obbligo di realizzare il risultato complessivo garantito (con le conseguenze previste in via generale dagli artt e 1464 c.c.) ed i singoli atti di prestazione leciti e possibili già intervenuti riaffermano la loro rilevanza autonoma di atti di adempimento di un rapporto con contenuto complesso. Maggiore complessità presenta il caso in cui per un fatto non imputabile al debitore la prestazione diventi impossibile per un certo periodo intermedio fra la sua costituzione e la sua estinzione o quando per un analogo periodo sia vietata da una disposizione eccezionale per esigenze di ordine pubblico. Per questi casi è dubbio se debba applicarsi la disciplina dell art. 1256, secondo comma, o dell art Il primo, in particolare, prevede che «se l impossibilità perdura fino a quando, in relazione al titolo dell obbligazione o alla natura dell oggetto, il debitore non può più essere ritenuto obbligato ad eseguire la prestazione, ovvero il creditore non ha più interesse a conseguirla»; per il secondo, invece, «quando la prestazione di una arte è divenuta solo parzialmente impossibile, l altra parte ha diritto a una corrispondente riduzione della prestazione da essa dovuta, e può anche recedere dal contratto quando non abbia un interesse apprezzabile all adempimento parziale». La giurisprudenza ha precisato che in ipotesi di interruzione nell erogazione dell energia elettrica, il somministrante non è tenuto a risarcire il danno patito dall utente qualora provi che la interruzione si sia verificata per il fatto illecito del terzo (App. Ancona 23 novembre 1982, GM, 1984, 1110). 22

QUESITO. Il Comune gestisce in proprio il servizio di erogazione idrico ai propri cittadini. Siamo a

QUESITO. Il Comune gestisce in proprio il servizio di erogazione idrico ai propri cittadini. Siamo a ASSOCIAZIONE NAZIONALE COMUNI ITALIANI Associazione Regionale del Piemonte QUESITO Si riscontra il seguente quesito: Il Comune gestisce in proprio il servizio di erogazione idrico ai propri cittadini.

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Applicazione delle Condizioni Generali di Vendita e modalità di modifica 1.1. Estral S.p.A., ora in avanti chiamata anche venditrice, e la Vs. società, ora in avanti definita

Dettagli

IL CONTRATTO DI AGENZIA IN GERMANIA

IL CONTRATTO DI AGENZIA IN GERMANIA IL CONTRATTO DI AGENZIA IN GERMANIA TRADUZIONE DEI 84. ss. DEL CODICE DI COMMERCIO TEDESCO (HGB) COME MODIFICATI DALLA L. 23 ottobre 1989 84. (Definizione dell agente di commercio) 1. È agente di commercio

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini avranno il significato di seguito

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO-TIPO

SCHEMA DI CONTRATTO-TIPO SCHEMA DI CONTRATTO-TIPO CONTRATTO DI APPALTO PRIVATO PER OPERE RELATIVE A IMMOBILI CIVILI Tra... d ora in avanti denominato il committente residente in. C.F... P. IVA - da una parte e.. d ora in avanti

Dettagli

DEL «BLACK-OUT» ELETTRICO RISPONDE IL GESTORE DI RETE.

DEL «BLACK-OUT» ELETTRICO RISPONDE IL GESTORE DI RETE. GUIDO BELLI DEL «BLACK-OUT» ELETTRICO RISPONDE IL GESTORE DI RETE. Non tutti i soggetti della cui attività il debitore si avvalga per l adempimento della propria obbligazione sono suoi ausiliari nei termini

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA TRENTOFRUTTA S.p.A.

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA TRENTOFRUTTA S.p.A. Ai sensi e per gli effetti degli artt.1469 bis e segg. c.c. le parti dichiarano che l'intero contratto ed ogni sua clausola è stato tra le stesse trattato e negoziato. 1. Ambito di validità - Natura del

Dettagli

La garanzia per i vizi nella vendita di diritto comune e di beni di consumo

La garanzia per i vizi nella vendita di diritto comune e di beni di consumo La garanzia per i vizi nella vendita di diritto comune e di beni di consumo Dott. Alessio Faccia www.alexpander.it Art. 1476 c.c. Obbligazioni del venditore: -Consegnare la cosa comperata -Fare acquistare

Dettagli

www.elsaweb.it CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DI PRODOTTI E SERVIZI

www.elsaweb.it CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DI PRODOTTI E SERVIZI Imola, 01/01/2013 CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DI PRODOTTI E SERVIZI 1 GENERALITA 1.1 Le seguenti condizioni generali di vendita si intendono valide per qualsiasi Conferma di Ordine (di seguito CdO )

Dettagli

Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012

Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012 Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012 INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione e principi generali Art. 2 - Decorrenza e durata del

Dettagli

CONTRATTO TIPO DI MANUTENZIONE SOFTWARE

CONTRATTO TIPO DI MANUTENZIONE SOFTWARE CONTRATTO TIPO DI MANUTENZIONE SOFTWARE Clausola tipo 1 Definizioni L Assistenza telefonica e/o online ha ad oggetto un servizio di call center di helpline via telefonica e/o telematica (via email o web

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO COMEC-BINDER S.r.l.

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO COMEC-BINDER S.r.l. CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO COMEC-BINDER S.r.l. 1. Oggetto del contratto Le forniture di materiali, semilavorati e prodotti finiti a COMEC-BINDER S.r.l. (nel seguito per brevità COMEC ) sono regolate

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Campo di applicazione Qualsiasi contratto stipulato tra Nossa Elettronica s.a.s (d ora in poi Nossa) per la fornitura dei propri Prodotti/Servizi (d ora in poi Prodotto)

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

Tribunale di Milano Sez. XII, sentenza n. 11798 del 29 ottobre 2012, Giudice ORSENIGO *** ** ***

Tribunale di Milano Sez. XII, sentenza n. 11798 del 29 ottobre 2012, Giudice ORSENIGO *** ** *** FACTORING La legittimità della clausola contrattuale sulla revoca della garanzia del pro soluto nel caso di contestazioni, da parte del debitore ceduto, sulle forniture effettuate dal cedente a cura di

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

DIRITTI DEL CONSUMATORE IN MATERIA DI GARANZIA LEGALE DI CONFORMITÀ (D.lgs. 206/2005 Codice del Consumo)

DIRITTI DEL CONSUMATORE IN MATERIA DI GARANZIA LEGALE DI CONFORMITÀ (D.lgs. 206/2005 Codice del Consumo) DIRITTI DEL CONSUMATORE IN MATERIA DI GARANZIA LEGALE DI CONFORMITÀ (D.lgs. 206/2005 Codice del Consumo) Gentile Cliente, vogliamo informarti dei tuoi diritti nel caso in cui i prodotti acquistati presso

Dettagli

1. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

1. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Le presenti Condizioni Generali condizionano i contratti di vendita o di fornitura di prodotti del Venditore ( di seguito denominati Prodotti Contrattuali ). A tali contratti

Dettagli

CONTRATTO DI FORNITURA

CONTRATTO DI FORNITURA VIA DEL GAVARDELLO, 29 25018 MONTICHIARI (BS) TEL. 030 9962701 FAX. 030 9962564 info@furgokit.it www.furgokit.it CONTRATTO DI FORNITURA Tra la società Furgokit srl, con sede in Via del Gavardello n. 29,

Dettagli

Condizioni Generali di Vendita Consumatori. 1. Lo Store: lo showroom della Venditrice Fisar S.r.l. è un centro di acquisto

Condizioni Generali di Vendita Consumatori. 1. Lo Store: lo showroom della Venditrice Fisar S.r.l. è un centro di acquisto Condizioni Generali di Vendita Consumatori 1. Lo Store: lo showroom della Venditrice Fisar S.r.l. è un centro di acquisto per utilizzatori non professionali e utilizzatori in generale (di seguito il Cliente

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO E DI SERVIZI

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO E DI SERVIZI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO E DI SERVIZI di tutti i contratti specifici di: SicurNet Liguria S.r.l. SOMMARIO: 1. Fonti legislative e riferimento agli impianti; 2. Condizioni economiche; 3. Esclusioni,

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI E TERMINI DI UTILIZZO. Art.1 Oggetto dell accordo

CONDIZIONI GENERALI E TERMINI DI UTILIZZO. Art.1 Oggetto dell accordo CONDIZIONI GENERALI E TERMINI DI UTILIZZO Art.1 Oggetto dell accordo a- Le parti stipulano alle condizioni descritte un contratto della durata di un anno per i servizi espressamente scelti dal CLIENTE,

Dettagli

Condizioni generali di vendita e consegna per contratti al di fuori del WebShop

Condizioni generali di vendita e consegna per contratti al di fuori del WebShop Condizioni generali di vendita e consegna per contratti al di fuori del WebShop 1. Concetti generali 1.1 Queste condizioni generali di vendita e consegna sono vincolanti, ove dichiarate applicabili in

Dettagli

CIRCOLARE N.17/E. OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16

CIRCOLARE N.17/E. OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16 CIRCOLARE N.17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 maggio 2013 OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16 INDICE Premessa... 3 1 La nuova disciplina fiscale dei

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Premessa : ogni fornitura comprende esclusivamente la merce e i servizi indicati nel relativo ordine d acquisto, nel preventivo e/o nella lettera di conferma d ordine accettati

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431 A) LOCATORE CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431 COGNOME E NOME, nato a Luogo (CO) in data data e residente in Luogo(CO), Indirizzo e n. civico, C.F. Se società:

Dettagli

Determinazione dirigenziale n. 11 del 04 Dicembre 2014. Oggetto: definizione della controversia XXX / BIP MOBILE XXX

Determinazione dirigenziale n. 11 del 04 Dicembre 2014. Oggetto: definizione della controversia XXX / BIP MOBILE XXX Determinazione dirigenziale n. 11 del 04 Dicembre 2014 Oggetto: definizione della controversia XXX / BIP MOBILE XXX IL DIRIGENTE VISTI i principi di cui al decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e s.m.i.,

Dettagli

GARANZIA LEGALE DI CONFORMITà

GARANZIA LEGALE DI CONFORMITà GARANZIA LEGALE DI CONFORMITà DIRITTI DEL CONSUMATORE IN MATERIA DI GARANZIA LEGALE DI CONFORMITÀ (D.lgs. 206/2005 Codice del Consumo) Gentile Cliente, vogliamo informarti dei tuoi diritti nel caso in

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 21 FEBBRAIO 2013 67/2013/R/COM DISPOSIZIONI PER IL MERCATO DELLA VENDITA AL DETTAGLIO DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE IN MATERIA DI COSTITUZIONE IN MORA L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ENERGIA ELETTRICA PER LE UTENZE AMIU GENOVA SPA PERIODO 01 LUGLIO 2010 31 DICEMBRE 2011 C.I.

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ENERGIA ELETTRICA PER LE UTENZE AMIU GENOVA SPA PERIODO 01 LUGLIO 2010 31 DICEMBRE 2011 C.I. Pagina 1 di 5 CAPITOLATO SPECIALE PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ENERGIA ELETTRICA PER LE UTENZE AMIU GENOVA SPA PERIODO 01 LUGLIO 2010 31 DICEMBRE 2011 C.I.G. 0437368F79 Pagina 2 di 5 INDICE ART. 1 - OGGETTO

Dettagli

1.3 Con l espressione Press Up S.r.l. si intendono il soggetto indicato in epigrafe ovvero il soggetto prestatore dei servizi di informazione.

1.3 Con l espressione Press Up S.r.l. si intendono il soggetto indicato in epigrafe ovvero il soggetto prestatore dei servizi di informazione. CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO 1. Identificazione della Press Up S.r.l. I servizi oggetto delle presenti condizioni generali sono offerti dalla Press Up s.r.l. con sede in Roma, Via Catone, 6 iscritta

Dettagli

GUARDA CHE TI RIGUARDA!

GUARDA CHE TI RIGUARDA! GUARDA CHE TI RIGUARDA! GARANZIE POST-VENDITA Progetto finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico 1 Un po di storia Con l espressione garanzie post-vendita si intende il complesso di tutele che

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA Federazione delle Associazioni Nazionali dell Industria Meccanica Varia ed Affine 20161 Milano Via Scarsellini 13 Tel. 02/45418.500 ric. aut. Telefax 02/45418.716 URL: http: / /www.ucif.net e-mail: info@ucif.net

Dettagli

Numero CIG 59174523DE RISPOSTA A RICHIESTA DI INFORMAZIONI COMPLEMENTARI N. 2

Numero CIG 59174523DE RISPOSTA A RICHIESTA DI INFORMAZIONI COMPLEMENTARI N. 2 Procedura aperta per l affidamento di gas naturale per il periodo 01.01.2015 31.12.2015. Autorizzata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 22.07.2014. Numero CIG 59174523DE RISPOSTA A RICHIESTA

Dettagli

TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE

TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE di Roberto Camera 1 - funzionario del Ministero del Lavoro Al fine di una maggiore trasparenza sulla assoggettabilità (o meno)

Dettagli

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori 7/2009 Il Caso Scelte gestionali e diligenza degli amministratori IN BREVE Una recentissima sentenza della Cassazione conferma il sistema della responsabilità degli amministratori di società delineato

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO LEVA SRL

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO LEVA SRL CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO LEVA SRL Le presenti Condizioni Generali di Acquisto rappresentano le Condizioni Generali di Acquisto della ditta Leva s.r.l. (di seguito indicata come Committente ). Esse

Dettagli

ATTO ACCESSIVO ALLA CONCESSIONE DI CUI ALLA DETERMINAZIONE N. DEL. L anno duemiladodici e questo dì del mese di TRA

ATTO ACCESSIVO ALLA CONCESSIONE DI CUI ALLA DETERMINAZIONE N. DEL. L anno duemiladodici e questo dì del mese di TRA ATTO ACCESSIVO ALLA CONCESSIONE DI CUI ALLA DETERMINAZIONE N. DEL L anno duemiladodici e questo dì del mese di in Firenze per il presente atto TRA - il Comune di Firenze, codice fiscale n. 01307110484,

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. (stipulato ai sensi dell art.2, comma 1, L.9 dicembre 1998, n.431)

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. (stipulato ai sensi dell art.2, comma 1, L.9 dicembre 1998, n.431) CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (stipulato ai sensi dell art.2, comma 1, L.9 dicembre 1998, n.431) TRA: la Signora ROSSI MARIA nata a ROMA (RM) il 03/08/1966 domiciliata in ROMA (RM), VIA DELLE

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE AD USO

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE AD USO CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE AD USO L anno 2012 il giorno 29 del mese di novembre tra le parti: la Dott.ssa Daniela Rivieccio nata a XXXXXXXXXXXXXXXXXXX e residente a XXXXXXXXXXXXXXXXXXX, cod, fisc.

Dettagli

Con l espressione tecnica di comunicazione a distanza si intende fare riferimento a qualunque mezzo che,

Con l espressione tecnica di comunicazione a distanza si intende fare riferimento a qualunque mezzo che, Un peculiare modo di formazione del contratto è quello che caratterizza i c.d. contratti a distanza, definiti dal legislatore come quei contratti, aventi ad oggetto beni o servizi, stipulati tra un professionista

Dettagli

VENDITA DI COSA ALTRUI. CONTRATTO PRELIMINARE DI VEN- DITA

VENDITA DI COSA ALTRUI. CONTRATTO PRELIMINARE DI VEN- DITA 191 ARGOMENTO VENDITA DI COSA ALTRUI. CONTRATTO PRELIMINARE DI VEN- DITA 1. Traccia Tizio, dopo aver preso contatto con Caio, intenzionato ad acquistare un immobile, che crede di Tizio, ma che in realtà

Dettagli

LE NORME STUDIO LEGALE ANDREELLO VIA MEDOACO 4 PADOVA TEL. 0498765327 FAX 0498647543

LE NORME STUDIO LEGALE ANDREELLO VIA MEDOACO 4 PADOVA TEL. 0498765327 FAX 0498647543 LE NORME La responsabilità del produttore per i danni derivanti da prodotto difettoso è stata introdotta nel nostro ordinamento dal D.P.R. 224/1988 che ha dato attuazione alla Direttiva 85/374/CEE relativa

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

Oggetto: definizione della controversia XXX/ OKCOM XXX.

Oggetto: definizione della controversia XXX/ OKCOM XXX. Determinazione dirigenziale n. 15 del 24 dicembre 2014 Oggetto: definizione della controversia XXX/ OKCOM XXX. IL DIRIGENTE VISTI i principi di cui al decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e s.m.i.,

Dettagli

Condizioni generali per i contratti di noleggio della Böcker AG e delle imprese ad essa collegate / situazione del mese di marzo 2015

Condizioni generali per i contratti di noleggio della Böcker AG e delle imprese ad essa collegate / situazione del mese di marzo 2015 Condizioni generali per i contratti di noleggio della Böcker AG e delle imprese ad essa collegate / situazione del mese di marzo 2015 1. Regolamentazioni generali ambito di validità 1.1 Le presenti condizioni

Dettagli

RECESSO ABUSIVO DAL CONTRATTO DI APERTURA DI CREDITO A proposito di ABF Roma, n. 5680/2013

RECESSO ABUSIVO DAL CONTRATTO DI APERTURA DI CREDITO A proposito di ABF Roma, n. 5680/2013 Marzo 2014 RECESSO ABUSIVO DAL CONTRATTO DI APERTURA DI CREDITO A proposito di ABF Roma, n. 5680/2013 Apertura di credito a tempo indeterminato Recesso della banca Mancanza idoneo preavviso Assenza di

Dettagli

TRIBUNALE DI UDINE. sezione civile

TRIBUNALE DI UDINE. sezione civile TRIBUNALE DI UDINE sezione civile Successivamente oggi 24.1.2014, ore 12.30, davanti al giudice istruttore, dott. Andrea Zuliani, nella causa civile iscritta al n 1155/10 R.A.C.C., promossa da - (A) S.r.l.,

Dettagli

CONTRATTO PER IL VETTORIAMENTO DI GAS NATURALE SULLA RETE DI DISTRIBUZIONE LOCALE. Tra la Pollino Gestione Impianti s.r.l. ( Distributore ), con sede

CONTRATTO PER IL VETTORIAMENTO DI GAS NATURALE SULLA RETE DI DISTRIBUZIONE LOCALE. Tra la Pollino Gestione Impianti s.r.l. ( Distributore ), con sede CONTRATTO PER IL VETTORIAMENTO DI GAS NATURALE SULLA RETE DI DISTRIBUZIONE LOCALE. Tra la Pollino Gestione Impianti s.r.l. ( Distributore ), con sede in Castrovillari Via Roma n. 23 partita IVA n. 02534750787,

Dettagli

Argos Energia srl Via Chiara Varotari, 11 35030 Rubano (PD)

Argos Energia srl Via Chiara Varotari, 11 35030 Rubano (PD) DELIBERAZIONE 21 FEBBRAIO 2013 67/2013/R/COM - DISPOSIZIONI PER IL MERCATO DELLA VENDITA AL DETTAGLIO DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE IN MATERIA DI COSTITUZIONE IN MORA L AUTORITÀ PER L ENERGIA

Dettagli

DETERMINAZIONE. Tit. 2013.1.10.21.684 del 5/09/2014 OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA X E VODAFONE OMNITEL B.V. - TELETU

DETERMINAZIONE. Tit. 2013.1.10.21.684 del 5/09/2014 OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA X E VODAFONE OMNITEL B.V. - TELETU Area Definizione delle controversie DETERMINAZIONE Determinazione n. 3/2014 DEFC.2014.3 Tit. 2013.1.10.21.684 del 5/09/2014 OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA X E VODAFONE OMNITEL B.V. - TELETU

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PER LE PRINCIPALI GARANZIE CHE ASSISTONO LA LOCAZIONE FINANZIARIA

FOGLIO INFORMATIVO PER LE PRINCIPALI GARANZIE CHE ASSISTONO LA LOCAZIONE FINANZIARIA FOGLIO INFORMATIVO PER LE PRINCIPALI GARANZIE CHE ASSISTONO LA LOCAZIONE FINANZIARIA DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (D.LGS.

Dettagli

La tutela dell acquirente nei contratti con causa di consumo.

La tutela dell acquirente nei contratti con causa di consumo. - Gabriele Gentilini - La tutela dell acquirente nei contratti con causa di consumo. Premessa Ambito di applicazione della nuova normativa La conformità al contratto La tutela del consumatore ====================================================

Dettagli

Ministero del lavoro e delle politiche sociali

Ministero del lavoro e delle politiche sociali CIRCOLARE N. 14/2013 Roma, 2 aprile 2013 Ministero del lavoro e delle politiche sociali Agli indirizzi in allegato Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0005914 Oggetto: L. n. 92/2012 (c.d.

Dettagli

Laminati Lunghi Condizioni Generali di Vendita

Laminati Lunghi Condizioni Generali di Vendita pag. 1 di 6 ART. 1 - DISCIPLINA DELLE FORNITURE 1.1 II rapporto di fornitura è regolato - esclusivamente - dai patti e dalle condizioni di cui alle presenti condizioni generali, che saranno integrate da

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

INDENNIZZO EQUO PER IL FINANZIATORE IN CASO DI RIMBORSO ANTICIPATO DEL FINANZIAMENTO

INDENNIZZO EQUO PER IL FINANZIATORE IN CASO DI RIMBORSO ANTICIPATO DEL FINANZIAMENTO Settembre 2014 INDENNIZZO EQUO PER IL FINANZIATORE IN CASO DI RIMBORSO ANTICIPATO DEL FINANZIAMENTO A proposito di ABF Napoli, n. 5318/2013 Massima. In ipotesi di estinzione anticipata di un rapporto di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE ED INDISPONIBILE DELL AZIENDA SANITARIA

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE ED INDISPONIBILE DELL AZIENDA SANITARIA REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE ED INDISPONIBILE DELL AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI PALERMO Allegato alla delibera n. 329 del 17/04/2015

Dettagli

COMUNE DI GAVARDO CAPITOLATO SPECIALE D ONERI

COMUNE DI GAVARDO CAPITOLATO SPECIALE D ONERI COMUNE DI GAVARDO PROV. DI BRESCIA INDIVIDUAZIONE DI ISTITUTO DI CREDITO PER LA EROGZIONE DI MUTUO DI IMPORTO PARI AD EURO 751.000,00 CIG: 5957655C6C CAPITOLATO SPECIALE D ONERI ART. 1 Oggetto dell appalto

Dettagli

CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI UFFICIO DI REGISTRAZIONE E RILASCIO DI SERVIZI DI CERTIFICAZIONE DIGITALE TRA

CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI UFFICIO DI REGISTRAZIONE E RILASCIO DI SERVIZI DI CERTIFICAZIONE DIGITALE TRA CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI UFFICIO DI REGISTRAZIONE E RILASCIO DI SERVIZI DI CERTIFICAZIONE DIGITALE TRA InfoCert S.p.A., con sede legale in Roma, Piazza Sallustio n. 9, in persona del

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Le presenti condizioni generali di vendita (di seguito le CGV ), ove non espressamente derogate per iscritto, regolano le vendite dei prodotti tra DTG srl. (di seguito la

Dettagli

LETTERA D INCARICO D AGENZIA. in persona del suo legale rappresentante pro-tempore con sede in. (di seguito denominata PREPONENTE) o

LETTERA D INCARICO D AGENZIA. in persona del suo legale rappresentante pro-tempore con sede in. (di seguito denominata PREPONENTE) o LETTERA D INCARICO D AGENZIA Tra le seguenti parti: in persona del suo legale rappresentante pro-tempore con sede in (di seguito denominata PREPONENTE) o E P.IVA: (di seguito denominato AGENTE) l agente

Dettagli

LA FORZA VI COLA TE DEL CO TRATTO E GLI EFFETTI TRA LE PARTI.

LA FORZA VI COLA TE DEL CO TRATTO E GLI EFFETTI TRA LE PARTI. 1 LA FORZA VI COLA TE DEL CO TRATTO E GLI EFFETTI TRA LE PARTI. Art. 1372 c.c.: forza vincolante del contratto. Contenuto: autonomia privata + fonti di integrazione: legge (anche buona fede), usi ed equità,

Dettagli

(Edizione giugno 2015)

(Edizione giugno 2015) SCHEMA DI ACCORDO TRA IL PARTECIPANTE DIRETTO E L AGENTE DI REGOLAMENTO (CLAUSOLE MINIMALI) (Edizione giugno 2015) ACCORDO TRA IL PARTECIPANTE DIRETTO E L AGENTE DI REGOLAMENTO (CLAUSOLE MINIMALI) TRA

Dettagli

INDIVIDUAZIONE DI ISTITUTO FINANZIARIO PER L EROGAZIONE DI MUTUO IPOTECARIO DI IMPORTO PARI AD EURO 600.000,00 CAPITOLATO SPECIALE D ONERI

INDIVIDUAZIONE DI ISTITUTO FINANZIARIO PER L EROGAZIONE DI MUTUO IPOTECARIO DI IMPORTO PARI AD EURO 600.000,00 CAPITOLATO SPECIALE D ONERI INDIVIDUAZIONE DI ISTITUTO FINANZIARIO PER L EROGAZIONE DI MUTUO IPOTECARIO DI IMPORTO PARI AD EURO 600.000,00 CAPITOLATO SPECIALE D ONERI ART. 1 Oggetto dell appalto è la somministrazione di servizio

Dettagli

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B)

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) Avvocato Maurizio Iorio, presidente di ANDEC Seminario organizzato da ANDEC Martedì 17 giugno 2014 Milano, Confcommercio - Corso Venezia 47 Sala Turismo LA GARANZIA

Dettagli

CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI BROKERAGGIO

CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI BROKERAGGIO MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEI SERVIZI GENERALI I Reparto 1 Divisione Piazza della Marina, 4 00196 - Roma www.commiservizi.difesa.it e-mail: commiservizi@commiservizi.difesa.it Tel.: 06/36806378

Dettagli

CONTRATTO TIPO AFFITTO D AZIENDA

CONTRATTO TIPO AFFITTO D AZIENDA CONTRATTO TIPO di AFFITTO D AZIENDA CONTRATTO D AFFITTO D AZIENDA Tra i signori: A..., di seguito concedente, nato a..., il..., codice fiscale..., partita IVA..., residente in..., via..., nella sua qualità

Dettagli

L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo

L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo Con la sentenza della Corte di Cassazione Sez. III, del 15 aprile 2011, n. 8733, la Corte di Cassazione si è pronunciata

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE IL CONSIGLIO COMUNALE

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE IL CONSIGLIO COMUNALE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI MASSELLO PROPOSTA DI DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: RICONOSCIMENTO DEBITI FUORI BILANCIO IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO che: il D.Lgs. 18.08.2000, n. 267 definisce

Dettagli

Condizioni generali della Holcim (Svizzera) SA per l acquisto di merci e servizi

Condizioni generali della Holcim (Svizzera) SA per l acquisto di merci e servizi Condizioni generali della Holcim (Svizzera) SA per l acquisto di merci e servizi I. Disposizioni generali 1. Validità Le presenti condizioni generali disciplinano la conclusione, il testo e l esecuzione

Dettagli

DEPOSITO CAUZIONALE: GIURISPRUDENZA

DEPOSITO CAUZIONALE: GIURISPRUDENZA DEPOSITO CAUZIONALE: GIURISPRUDENZA INDICE: Abrogazioni; Ambito di operatività; Controversie; Fideiussione bancaria; Interessi legali; Mancato versamento; Obbligo di restituzione. Entità del deposito cauzionale;

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1.- INTERPRETAZIONE Ai fini del presente contratto si intende: a.- per COMPRATORE - colui il cui ordine di acquisto viene accettato dal venditore. b.- per BENI i prodotti

Dettagli

PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA DE CASTEDDU ASSICURAZIONE GLOBALE CONDIZIONI GENERALI DEL SERVIZIO ASSICURATIVO GLOBALE

PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA DE CASTEDDU ASSICURAZIONE GLOBALE CONDIZIONI GENERALI DEL SERVIZIO ASSICURATIVO GLOBALE PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA DE CASTEDDU SETTORE ORGANI ISTITUZIONALI E AA.GG. Servizio Provveditorato ASSICURAZIONE GLOBALE CONDIZIONI GENERALI DEL SERVIZIO ASSICURATIVO GLOBALE ART. 1. OGGETTO 1.A.

Dettagli

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Corte di Cassazione, sezione terza civile, Sentenza del 7 gennaio 2004,

Dettagli

IL COLLEGIO DI MILANO. - Avv. Maria Elisabetta Contino Membro designato dalla Banca d'italia

IL COLLEGIO DI MILANO. - Avv. Maria Elisabetta Contino Membro designato dalla Banca d'italia IL COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Avv. Maria Elisabetta Contino Membro designato dalla Banca d'italia - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini Guastalla

Dettagli

TRASFERIMENTO E MUTAMENTO DI MANSIONI

TRASFERIMENTO E MUTAMENTO DI MANSIONI TRASFERIMENTO E MUTAMENTO DI MANSIONI SCUOLA FORENSE MILANO, 7 MARZO 2014 Avv. Marcello Giustiniani www.beplex.com Il mutamento del luogo di esecuzione della prestazione lavorativa 1. Il trasferimento

Dettagli

CONVENZIONE PER COSTRUZIONE E SUCCESSIVA LOCAZIONE DI IMMOBILE DA ADIBIRE A PALESTRA POLIVALENTE

CONVENZIONE PER COSTRUZIONE E SUCCESSIVA LOCAZIONE DI IMMOBILE DA ADIBIRE A PALESTRA POLIVALENTE CONVENZIONE PER COSTRUZIONE E SUCCESSIVA LOCAZIONE DI IMMOBILE DA ADIBIRE A PALESTRA POLIVALENTE Tra le sottoscritte parti: CASALE SPORTIVA SRL, con sede in Mirandola (MO), Via Giovanni Pico, 51, p. iva

Dettagli

SOMMARIO. Premessa...3

SOMMARIO. Premessa...3 CIRCOLARE N. 47/E Roma, 20 dicembre 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Questioni interpretative in merito all applicazione dell articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, (c.d. cedolare

Dettagli

In ordine alla durata, si prendono in considerazione le due ipotesi previste dall art. 62, lett. a) del d. lgs. n. 276/2003.

In ordine alla durata, si prendono in considerazione le due ipotesi previste dall art. 62, lett. a) del d. lgs. n. 276/2003. Nota esplicativa dello schema di contratto a progetto Lo schema di contratto di collaborazione coordinata e continuativa a progetto prevede, nell ambito delle singole clausole, alcune soluzioni alternative

Dettagli

LA REVOCA DEGLI AFFIDAMENTI BANCARI

LA REVOCA DEGLI AFFIDAMENTI BANCARI LA REVOCA DEGLI AFFIDAMENTI BANCARI Il problema derivante dall eventuale responsabilità delle banche per la revoca degli affidamenti alle imprese trova il suo fondamento nella prevalenza sempre maggiore

Dettagli

Responsabilità del committente e dell appaltatore per i debiti fiscali - Novità del DL 21.6.2013 n. 69 conv. L. 9.8.2013 n. 98

Responsabilità del committente e dell appaltatore per i debiti fiscali - Novità del DL 21.6.2013 n. 69 conv. L. 9.8.2013 n. 98 Circolare n. 26 del 13 settembre 2013 Responsabilità del committente e dell appaltatore per i debiti fiscali - Novità del DL 21.6.2013 n. 69 conv. L. 9.8.2013 n. 98 INDICE 1 Responsabilità ai fini fiscali

Dettagli

d) Vendita di autoveicoli usati

d) Vendita di autoveicoli usati 208 La compravendita «la vendita di opera d arte con garanzia di autenticità, rivelatasi, poi, falsa, va inquadrata nella vendita di aliud pro alio, ovvero nell ambito dell errore vizio a seconda delle

Dettagli

Condizioni generali di vendita

Condizioni generali di vendita Condizioni generali di vendita 1. DEFINIZIONI Nelle presenti condizioni generali di vendita i seguenti termini avranno il significato di seguito attribuito: Italbras: indica la società Italbras S.p.A.

Dettagli

Decisione N. 567 del 30 gennaio 2014

Decisione N. 567 del 30 gennaio 2014 COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) GRECO Membro designato

Dettagli

Compravendita: evizione parziale subita dal compratore dell immobile acquistato

Compravendita: evizione parziale subita dal compratore dell immobile acquistato STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

DELIBERA N. 25/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA MP XXX / BT ITALIA XXX

DELIBERA N. 25/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA MP XXX / BT ITALIA XXX DELIBERA N. 25/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA MP XXX / BT ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO Nella Riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità. Corecom Lazio

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE STIPULATO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DEL CODICE CIVILE (USO FORESTERIA) Con la presente scrittura privata tra

CONTRATTO DI LOCAZIONE STIPULATO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DEL CODICE CIVILE (USO FORESTERIA) Con la presente scrittura privata tra BOZZA n.5 CONTRATTO DI LOCAZIONE STIPULATO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DEL CODICE CIVILE (USO FORESTERIA) Con la presente scrittura privata tra la Parrocchia sita in, via n., C.F. (della Parrocchia), legalmente

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI SERVER DEDICATO Versione 1.1 1) Premesse e Allegati 1.1 Premesso che il servizio oggetto del contratto viene offerto dalla società fornitrice attraverso

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO DI LOCAZIONE. Premessa. Il Comune di Palermo è proprietario di un immobile sito in Palermo Via

SCHEMA DI CONTRATTO DI LOCAZIONE. Premessa. Il Comune di Palermo è proprietario di un immobile sito in Palermo Via SCHEMA DI CONTRATTO DI LOCAZIONE Premessa Il Comune di Palermo è proprietario di un immobile sito in Palermo Via pervenuto al Comune di Palermo giusta confisca ex L. 575/65 e succ. mod. ed integr. in pregiudizio

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Avv. Massimiliano Silvetti Prof. Avv. Diego Corapi Prof. Avv Marco Marinaro Membro designato dalla Banca

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DEI SERVIZI DI CERTIFICAZIONE. Versione 4.0. CG43 Vers. 10/2012 2

CONDIZIONI GENERALI DEI SERVIZI DI CERTIFICAZIONE. Versione 4.0. CG43 Vers. 10/2012 2 InfoCert S.p.A., con sede legale in Roma, P.zza Sallustio n. 9, ufficio amministrativo in Roma, Via Marco e Marcelliano n. 45, Sede Operativa in Padova, Corso Stati Uniti 14, opera quale certificatore

Dettagli

DISCIPLINARE DI VENDITA DEI PRODOTTI DEL MERCHANDISING LA SAPIENZA

DISCIPLINARE DI VENDITA DEI PRODOTTI DEL MERCHANDISING LA SAPIENZA ALLEGATO 2 DISCIPLINARE DI VENDITA DEI PRODOTTI DEL MERCHANDISING LA SAPIENZA ALL INTERNO DEL LOCALE DELLA FACOLTA DI ARCHITETTURA OVE SVOLGERE IL SERVIZIO DI GESTIONE DEL CAFFE LETTERARIO Università degli

Dettagli

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4 FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI. L ESPERIBILITÀ DELL AZIONE

Dettagli