Programma LLP Leonardo 2012 Progetto InnovAction. Incontro di preparazione tecnico-professionale 14 marzo 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programma LLP Leonardo 2012 Progetto InnovAction. Incontro di preparazione tecnico-professionale 14 marzo 2013"

Transcript

1 Programma LLP Leonardo 2012 Progetto InnovAction Incontro di preparazione tecnico-professionale 14 marzo 2013

2 Incontro di preparazione tecnico-professionale: Valenza Informativa Valenza Orientativa Consapevolezza

3 Incontro di preparazione tecnico-professionale: INFORMAZIONI

4 Il Programma settoriale Leonardo da Vinci è inserito nell'ambito del più ampio Programma per l'apprendimento Permanente LLP , istituito con Decisione del Parlamento europeo del (n. 1720/2006/CE). Le azioni di mobilità previste al suo interno devono contribuire: alla costruzione di uno spazio europeo dell apprendimento permanente; alla promozione dell occupazione e di un attiva cittadinanza europea

5 Leonardo Mobilità PLM Persone disponibili sul mercato del Lavoro Obiettivo:Supportare la mobilità transnazionale di persone disponibili sul mercato del lavoro; Contenuto: Periodo di formazione professionale e/o esperienza di lavoro intrapresa da un partecipante presso un organizzazione partner in un altro Paese europeo; Destinatari: Persone sul mercato del lavoro (persone disponibili sul mercato del lavoro, diplomati, laureati, lavoratori,etc.); Durata: Minimo 2 settimane Massimo 26 settimane

6 Preparazione Progetto di mobilità Gli attori coinvolti: Agenzia Nazionale ISFOL Organismo beneficiario / invio Università degli Studi G. d Annunzio Partenariato locale / organismi intermediari Partenariato transnazionale / organismi ospitanti Soggetti in mobilità

7 Preparazione Progetto di mobilità

8 Approvazione Progetto di Mobilità Assegnazione della sovvenzione Leonardo da Vinci Cosa è? E un contributo comunitario che va ad integrare il cofinanziamento apportato dall organismo beneficiario (Università) A cosa serve? Serve alla realizzazione del progetto (organizzazione, preparazione, mobilità e validazione) e si fonda sul principio del cofinanziamento Come si formalizza? Attraverso una convenzione di sovvenzione tra l Università e l Isfol

9 Organizzazione della mobilità L università G. d Annunzio, in qualità di soggetto proponente deve: Predisporre il Bando di Selezione: - Identificando requisiti dei partecipanti e criteri di selezione; - Specificando le modalità e le tecniche di selezione; Pubblicare i risultati delle selezioni; Attivare i corsi di preparazione tecnico-professionale e linguistica; Avviare e gestire la mobilità

10 Avviare e gestire la mobilità vuol dire definire : Il contenuto formativo del tirocinio e il relativo programma di lavoro; Le modalità di erogazione della borsa; Il supporto pratico-logistico (viaggio, soggiorno, assicurazione); Il tutoraggio ed il monitoraggio; Le modalità di riconoscimento e validazione dell esperienza (Europass)

11 Contratto di tirocinio Il Contratto individuale di tirocinio si compone di una parte generale e di un contratto di stage, in cui viene definito il contenuto formativo della esperienza di mobilità tirocinio e il relativo programma di lavoro. Il modello di contratto è fornito dall Agenzia Nazionale Isfol e viene sottoscritto dal Partecipante e dall Università. Il Soggetto in mobilità sarà seguito da due tutor, uno designato dall Università e l altro dal Partner ospitante. Avrà a disposizione un registro presenze e dovrà impegnarsi a rispettare il regolamento dell'ente ospitante, i suoi orari di lavoro, le regole in vigore e le disposizioni di legge riguardanti il segreto professionale.

12 Supporto pratico-logistico e Borsa I tirocini Leonardo non sono retribuiti. La borsa prevista è un contributo alla sussistenza nel Paese ospitante. E erogata allo scopo di coprire le spese vive di mobilità (in base alla scheda modalità di pagamento): La prima tranche pari all 80% del totale entro 45 giorni dall avvio del tirocinio La seconda tranche pari al 20% del totale a conclusione del tirocinio e solo previa presentazione di tutti i giustificativi di spesa. N.B.: Il non speso non sarà erogato

13 Modalità di pagamento: Progetto InnovAction Supporto pratico-logistico e Borsa 1 - Bonifico bancario o postale: - Il codice IBAN deve essere completo di TUTTI i 27 caratteri - Il c/corrente DEVE essere INTESTATO o COINTESTATO al beneficiario della Borsa di studio 2 Assegno bancario: - verrà spedito per POSTA ORDINARIA all indirizzo fornito; - la validità dell assegno è di mesi 2 dalla data di emissione e può essere riscosso SOLO in Italia e SOLO dal beneficiario della Borsa di studio (NON sono possibili DELEGHE). Dopo tale periodo NON POTRETE PIU INCASSARLO

14 Supporto pratico-logistico e Borsa La Borsa Leonardo fiscalmente è considerata Reddito assimilato a lavoro dipendente ed è assoggettata ad IRPEF ed IRAP. Entro Febbraio dell anno successivo al pagamento riceverete il modello CUD: -Se l importo del compenso da voi ricevuto: 1) è inferiore ad euro 2.840,51 potete continuare ad essere dichiarati A CARICO 2) è maggiore ad euro 2.840,51 NON potete essere dichiarati a carico: - se nell anno in cui avete ricevuto la Borsa di studio non avete ricevuto altro reddito NON avete l obbligo di presentazione della dichiarazione dei redditi; - se avete invece ricevuto altri redditi per cui sono stati emessi altri CUD siete OBBLIGATI a presentare la dichiarazione dei redditi.

15 Supporto pratico-logistico e Borsa Le voci ammissibili sono: Viaggio di andata e ritorno verso la destinazione del tirocinio (in treno II classe-, bus o aereo). N.B.: Non il viaggio effettuato per motivi personali nel corso del tirocinio; Alloggio; Vitto; Trasporti locali

16 Viaggio Il viaggio deve essere documentato dai seguenti giustificativi: Se effettuato in aereo / treno / nave / pullman Titoli di viaggio (copie conformi all originale) convalidati; Ricevuta/fattura dell agenzia di viaggio Da essi si deve evincere chiaramente il nominativo del beneficiario, la tratta percorsa, le date di partenza e di rientro.

17 Viaggio Se effettuato con vettura privata: Nel caso di utilizzo del mezzo proprio oppure di trasporto da parte di altri, verrà rimborsato il costo di un biglietto aereo con tariffa APEX o di un biglietto ferroviario di seconda classe. Dovranno comunque essere prodotte le ricevute dei pedaggi autostradali; Nel caso in cui sul mezzo siano trasportate più persone, verrà assegnata un indennità chilometrica forfettaria, nella misura prevista dalla normativa italiana vigente (legge n. 417 del 26 luglio 1978, art. 8) pari cioè ad 1/5 del costo di un litro di benzina super vigente nel tempo. Anche in questo caso è necessario produrre le ricevute dei pedaggi autostradali.

18 Viaggio Sono invece considerate spese ineleggibili, quindi non rimborsabili: Taxi; Tessere di viaggio di varia natura (CTS o analoghe); Sovrattasse per eccesso di bagaglio; Penali per rinuncia o cambi data

19 Assicurazioni I soggetti in mobilità sono coperti da polizza assicurativa RCT ed INAIL (infortuni e responsabilità civile) valida nel paese d accoglienza per tutto il periodo di tirocinio. L assicurazione sanitaria è invece già attiva in quanto prevista dalla tessera sanitaria nazionale TEAM, la quale ha validità europea. Nel caso in cui la TEAM sia smarrita o scaduta bisogna rivolgersi alle autorità competenti (Aziende Sanitarie Locali) per farsi rilasciare certificazione sostitutiva.

20 Assicurazioni La tessera europea di assicurazione malattia (TEAM) è entrata in vigore, anche in Italia, dal 1 novembre Tale tessera permette di usufruire delle prestazioni sanitarie coperte in precedenza dai modelli E110, E111, E119 ed E128. La legge che ha dato vita al Servizio sanitario nazionale riconosce un diritto incondizionato alla copertura sanitaria in favore dei cittadini che si recano all'estero per motivi diversi dal lavoro (ad esempio: tirocini di studio) per i soli Stati comunitari e convenzionati. La TEAM permette, dunque, ad un cittadino in temporaneo soggiorno all'estero di ricevere nello Stato UE le cure "medicalmente necessarie" (e non solo le cure urgenti che venivano assicurate in precedenza dal modello E111), ma non prevede la copertura delle spese per il trasferimento dell'infermo da una località estera all'italia.

21 Vitto, alloggio e trasporto locale Le spese di soggiorno (alloggio, vitto, trasporti locali ecc.) devono necessariamente essere documentate da giustificativi. Per l alloggio: contratti di affitto e fatture (intestati al/i soggetto/i in mobilità) Per il vitto: ricevute, fatture o scontrini fiscali (se è possibile intestati) Per il trasporto locale: titoli di viaggio convalidati (se è possibile intestati)

22 Vitto, alloggio e trasporto locale Sono considerate spese ineleggibili e quindi non rimborsabili: Tessere ostelli; Taxi; Spese telefoniche; Farmaci Spese di varia natura non specificatamente attinenti al tirocinio (pub, cinema, acquisti personali..)

23 Supporto pratico-logistico e Borsa Per agevolare la gestione contabile della mobilità nonché la fase finale di rendicontazione viene fornita una scheda di monitoraggio delle spese così impostata: Cognome e nome del beneficiario Paese di svolgimento tirocinio Durata del tirocinio dal al Periodo contrattuale Periodo effettivo Totale settimane di tirocinio effettuale RENDICONTAZIONE SPESE SOSTENUTE Gestione indiretta DATA Causale IMPORTO Giustificativi spese (biglietti originali, prenotazioni on-line, carte d'imbarco, trasporti locali, ecc.) Totale spese 0,00

24 Supporto pratico-logistico e Borsa Si sottolinea, inoltre, come specificato su Bando, che qualora, per cause di forza maggiore, si sia costretti ad interrompere lo stage, il contributo verrà calcolato in proporzione agli effettivi giorni di permanenza all estero.

25 Supporto pratico-logistico e Borsa Documentazione amministrativo/finanziaria descritta: Contratto di tirocinio; Titoli di viaggio; Registri presenze; Fatture; Scontrini fiscali; Ricevute

26 Tutoraggio e Monitoraggio Il sistema di monitoraggio deve essere in grado di percepire i vincoli che si frappongono alla fattibilità dell azione formativa Le figure coinvolte sono: Il tutor dell Università; Il tutor del soggetto ospitante; Il soggetto in mobilità Gli strumenti sono: Questionari; Griglie di osservazioni; Colloqui

27 Tutoraggio e Monitoraggio Gli indicatori per la valutazione del tirocinio: Livello di gradimento dei partecipanti all esperienza di mobilità transnazionale Coerenza del contenuto formativo del tirocinio con il percorso accademico del partecipante Pertinenza dell esperienza lavorativa svolta rispetto al fabbisogno formativo del partecipante Capacità del partecipante di dimostrare le nuove competenze e/o conoscenze acquisite in una specifica area professionale Efficacia dell attività di tutoring Presenza di criticità

28 Portfolio Europass Nel dicembre 2004 la Commissione europea ha adottato una Decisione relativa alla istituzione di un quadro unico per la trasparenza delle qualifiche e delle competenze chiamato EUROPASS (decisione n. 2241/2004/CE). Europass è un portafoglio di documenti pensato per facilitare la mobilità geografica e professionale dei cittadini europei mediante la valorizzazione del patrimonio di esperienze e conoscenze teoriche e pratiche acquisite nel tempo. I documenti contenuti nel portafoglio Europass, che vengono anche chiamati dispositivi europei per la trasparenza, sono stati realizzati tra il 1996 e il 2002 dalla Commissione europea, dal Consiglio d Europa e dall Unesco, in collaborazione con gli Stati membri. Essi contengono alcune informazioni aggiuntive rispetto a quelle contenute nei certificati o nelle attestazioni rilasciate a livello nazionale.

29 Portfolio Europass

30 Europass - Mobilità E un dispositivo comunitario che documenta i percorsi di apprendimento effettuati in un Paese diverso da quello di appartenenza, a qualsiasi livello e con qualsiasi finalità, che soddisfano determinati criteri qualitativi. Promuove la mobilità tramite l adozione di un documento individuale che conferisce trasparenza e visibilità alle esperienze di studio e di lavoro effettuate all estero, sulla base di contenuti, obiettivi, durata e modalità operative concordati tra l Università e l organismo di accoglienza. Garantisce il rispetto dei criteri comuni di qualità condivisi dai Paesi che partecipano all iniziativa rendendo visibili e trasparenti i contenuti e le modalità delle esperienze acquisite. La gestione di Europass Mobilità è affidata al Centro Nazionale Europass (NEC) istituito presso l ISFOL.

31 Incontro di preparazione tecnico-professionale: ORIENTAMENTO

32 Mobilità Questa attività di orientamento è finalizzata a far cogliere appieno ai partecipanti le potenzialità dell esperienza di stage all estero. La mobilità è spesso affrontata sulla base di ciò che produce il nostro immaginario: esperienza nuova, diversa e quindi positiva. In realtà essa è una prova, un cambiamento che richiede compromessi ed adattamenti.

33 Shock Culturale e Fase di transizione: Progetto InnovAction Mobilità Primo periodo (prima settimana): Luna di miele Tutto si rivela nuovo, eccitante ed esaltante; Secondo periodo: Pensieri negativi Reazione al cambiamento, primi ostacoli e contrattempi, senso di inadeguatezza (codici di comportamento e comunicazione); Terza fase: Apprendimento Conoscenza e gestione delle difficoltà (giusto peso agli accadimenti) ; Quarta fase: Adattamento Nuova lucidità e nuove relazioni; Quinta fase: Rientro Rifamiliarizzare con col contesto casalingo

34 Mobilità Sfrutta l occasione Vivere un periodo della propria vita all estero costringe a non dare nulla per scontato e stimola alla riflessione sulle proprie conoscenze, competenze ed abilità: Chi sono? Cosa so? Cosa so fare? E necessariamente la partenza impone delle aspettative: Chi sarò? Cosa saprò? Cosa saprò fare?

35 Gestione delle aspettative Progetto InnovAction Mobilità Devono essere realistiche e servire a fare concreti bilanci: Le aspettative generali sul Paese di destinazione devono basarsi sull analisi di documentazione storica e culturale e su approfondimenti inerenti la realtà contemporanea; Le aspettative di lavoro si devono fondare sulla conoscenza dell azienda ospitante, sul job profile offerto, sulle proprie competenze ed attitudini; Le aspettative legate a speranze ed aspirazioni devono essere il più possibile oggettive e vicine alla realtà dei fatti.

36 Mercato del Lavoro Bilancio di competenze E necessario comprendere la differenza tra la spinta iniziale del vorrei fare ed il più realistico cosa posso effettivamente fare in questo stadio della mia maturità professionale ed accademica. COME? Momento di chiarimento sui propri obiettivi e sul Mondo del Lavoro

37 Mercato del Lavoro Nel novembre 2006, la Commissione europea ha incaricato un istituto di studi socioeconomici di realizzare un lavoro dal titolo Analisi degli effetti delle azioni di mobilità LEONARDO DA VINCI su giovani occupati e in formazione. Da tale studio emerge che circa le motivazioni i partecipanti si aspettano dall esperienza miglioramenti nell'ambito sociale e interculturale, nel campo delle competenze linguistiche e maggiori possibilità di inserimento nel mercato del lavoro, dopo la conclusione del soggiorno all estero.

38 Mercato del Lavoro Una percentuale considerevole di giovani laureati si dichiara poco o per nulla soddisfatta riguardo l utilizzo delle conoscenze acquisite all università (il 32,6% tra quelli in uscita da un corso lungo e il 28,5% tra quelli dei corsi di triennali) Fonte ISTAT -Università e lavoro Una volta conclusa l esperienza di studio, nel momento in cui ci si confronta con il mondo del lavoro, emergono infatti le difficoltà legate all inserimento ed alla realizzazione professionale. Lo scontento del neolaureato porta a ripensare in maniera fortemente critica l iter accademico concluso e rafforza la delusione per l esperienza di studio effettuata.

39 Mercato del Lavoro Per incrementare l occupabilità e la partecipazione attiva al mercato del lavoro nazionale ed europeo dei neolaureati, il nostro Ateneo ha individuato organismi ospitanti appartenenti a macro aree produttive ad elevato contenuto professionalizzante e con una significativa capacità di assorbimento occupazionale - si veda Cedefop, Skill Needs in Europe. Focus on Si tratta di società di servizi alle imprese e di associazioni, centri di ricerca, fondazioni ed Università che operano nel campo ambientale connesso ai green jobs ed in quello della information technology applicata alla ricerca. In questo modo i bisogni specifici dei neolaureati, anziché modularsi in base a "pressioni esterne" inizieranno ad accordarsi a criteri condivisi di crescita e di sviluppo e saranno indirizzati verso un miglioramento qualitativo e quantitativo dell occupazione.

40 Mercato del Lavoro L obiettivo è dunque quello di riuscire ad implementare un sistema di osmosi tra mondo produttivo e mondo accademico puntando tutto sul principale fattore di competitività della nostra economia: il capitale umano. Un neolaureato, il quale non deve mettere da parte il patrimonio di conoscenza acquisito, deve essere però consapevole che per superare con agilità gli ostacoli legati all ingresso nel mondo del lavoro dovrà possedere un profilo professionale appetibile per il mercato. Se da un lato, infatti le imprese dichiarano che per oltre il 72% delle persone da assumere occorrerà un ulteriore formazione (Excelsior 2008), dall altro i neotitolati sottolineano come, una volta assunti, svolgano attività poco pertinenti con la laurea acquisita (circa il 31%-ISTAT).

41 Mercato del Lavoro La risposta che ci sembra di poter dare per tentare di sbloccare questa fase di mismatch consiste proprio nell incrementare le occasioni di incontro tra giovani e lavoro in territorio neutro, il tirocinio appunto. In questo modo si potrà perseguire una sintonia di intenti: i futuri lavoratori otterranno una formazione ulteriore e più mirata, arricchita di competenze tecnico-professionali, comunicativo-linguistiche ed interpersonali, che l Università non è in grado di trasmettere; le aziende avranno fatto il primo passo verso una adeguata pianificazione strategica del lavoro che nel fattore umano vede la leva per l aumento della produttività e della competitività

42 Stage Materiale messo a disposizione: Scheda Anagrafica Azienda; Scheda Profilo Candidato Ideale; Scheda Area professionale o Professione di riferimento; Scheda Progetto Professionale

43 Stage Per il soggetto ospitante vengono fornite: Informazioni anagrafiche; Descrizione settore ed attività; Profilo candidato ideale La scheda sulla professione di riferimento tratta dal repertorio ISFOL- va esplorata analizzando: l ambito lavorativo e le mansioni rappresentative; l insieme di saperi, competenze tecniche e trasversali richieste,

44 Stage Analisi della personalità lavorativa Riflessione stimolata dalle schede fornite: Le mie risorse (soddisfazione e dotazione psico-sociale) Le Competenze trasversali (relazionarsi, diagnosticare, affrontare) Valutazione ed attese Cosa voglio dal lavoro (bisogni e soddisfazione) Vincoli nel lavoro Scheda di presentazione

45 Stage Rispondenza e progetto stage Dal rapporto comparativo tra risorse richieste e risorse possedute si ha una anticipazione su come si caratterizzerà il tirocinio: pista professionale nota; pista professionale nuova; tirocinio di specializzazione. Lo scopo è inquadrare in modo attendibile le proprie aspettative rispetto all esperienza di mobilità e il tipo di capitalizzazione che è possibile trarre da questo ulteriore investimento formativo e orientativo.

46 Stage Bilancio in progress L orientamento sarà una misura di accompagnamento trasversale a tutta l esperienza di stage, e servirà a tracciare un bilancio in progress di ciò che si sta apprendendo e della consapevolezza che sul posto di lavoro sta emergendo sulle proprie capacità, competenze, attitudini. La comprensione del sistema azienda/ente, da vivere come learning organisation. Rispetto a queste informazioni iniziali ci si confronterà a distanza (stagista e tutor) per sciogliere eventuali criticità o errori di prospettiva rispetto alla valutazione di sé o delle variabili esterne non preventivabili, che emergono dall esperienza in progress.

47 Stage Regole d oro Pensare positivo: i problemi all'estero sono gli stessi che a casa, è solo più difficile risolverli. Chi li prende come sfida positiva, troverà una soluzione e andrà avanti; Vivere l esperienza: fare tesoro di tutto ciò che succede (sia di positivo sia di negativo), essere coscienti che il progetto Leonardo non è solo tirocinio ma anche arricchimento umano e culturale; Essere curiosi e avere voglia di imparare: non attendere che ogni cosa cada dall alto ma darsi da fare e mostrare interesse verso tutto ciò che viene proposto (al lavoro come nella vita quotidiana);

48 Stage Uscire dal guscio: l esperienza Leonardo è un occasione per vincere le proprie timidezze e mettersi alla prova; Fare amicizie: ci vuole tempo per integrarsi, bisogna cercare di vivere il più possibile la cultura del Paese in cui ci si trova (cibo, orari, abitudini); Documentare l esperienza: diario, foto, video, serviranno come materiale di diffusione dei risultati del progetto;

49 Documenti indispensabili Progetto InnovAction Stage Carta d'identità o Passaporto (validità almeno 6 mesi) Biglietti del viaggio (può essere utile farne delle fotocopie) Patente Tessera europea per assistenza sanitaria Bancomat o carta di credito

50

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Che cos è un Master Universitario? Il Master Universitario è un corso di perfezionamento scientifico e di alta qualificazione formativa, finalizzato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

A tal fine l incaricato in missione dovrà utilizzare l idonea modulistica allegata al presente regolamento.

A tal fine l incaricato in missione dovrà utilizzare l idonea modulistica allegata al presente regolamento. REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA PER L AUTORIZZAZIONE ALL UTILIZZO DEL MEZZO PROPRIO, NELL AMBITO DELL ISTITUTO DELLA MISSIONE l'incarico e l'autorizzazione a compiere la missione, devono risultare da un

Dettagli

Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università

Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università COS'È TORNO SUBITO Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università finanziata con fondi POR FSE Lazio 2007-2013 Asse II Occupabilità; Asse V Transnazionalità

Dettagli

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Nota introduttiva I percorsi formativi che prevedono in esito il rilascio di un certificato di qualifica professionale

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale?

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? HELPDESK PER LE AZIENDE AZIENDE OSPITANTI 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? E un tipo di formazione sul lavoro che si realizza in aziende di un Paese diverso da quello nel quale il giovane

Dettagli

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99)

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99) Mod. 6322/triennale Marca da bollo da 16.00 euro Domanda di laurea Valida per la prova finale dei corsi di studio di primo livello Questo modulo va consegnato alla Segreteria amministrativa del Corso a

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO 1 Esistono difficoltà di accesso degli studenti all Università rilevate dagli esiti dei test di ingresso. 2 A ciò si aggiunge il ritardo negli studi universitari

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

Erogazione di altri benefici

Erogazione di altri benefici N. Operazione Esecutore Note/moduli/ attrezzature connessi alla borsa di studio borsa servizi 1 Mobilità Internazionale: Il bando di concorso per la borsa di studio prevede che l Azienda conceda integrazioni

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo VADEMECUM Finanziamenti diretti europei Come redigere un progetto di successo redazione: Petra Sevvi, Renata Tomi Info Point Europa della Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Europa Ufficio

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione 1 PREMESSA...3 PRIMA PARTE...4 1. Il Curriculum Vitae...4 Modello...5 Fac simile 1...6 2. Il Curriculum Europass...7

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

La lettera di presentazione

La lettera di presentazione La lettera di presentazione Aggiornato a novembre 2008 La lettera di presentazione è necessaria nel caso di autocandidatura e facoltativa (quando non richiesta esplicitamente dall'azienda) negli altri

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

Il tirocinio extracurriculare. come, quando, dove e perché

Il tirocinio extracurriculare. come, quando, dove e perché Il tirocinio extracurriculare come, quando, dove e perché Contenuti Cos è un tirocinio Le finalità del tirocinio extracurriculare La legislazione che lo regola Come cercare informazioni Prima di iniziare

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE V MOD2 FR GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE INIZIATIVE DI FRANCHISI NG DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II Introduzione Questa guida è stata realizzata per

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Divisione Studenti Divisione Studenti ciale Luigi Bocconi Università Commer Guida alla borsa di studio ISU Bocconi

Divisione Studenti Divisione Studenti ciale Luigi Bocconi Università Commer Guida alla borsa di studio ISU Bocconi Divisione Studenti Servizi agli Studenti Divisione Studenti ISU BOCCONI Università Commerciale Luigi Bocconi Guida alla borsa di studio ISU Bocconi Questo documento riassume le caratteristiche principali

Dettagli

Mod. A. Domanda di partecipazione alla selezione, per titoli ed esami, per l individuazione di educatori museali

Mod. A. Domanda di partecipazione alla selezione, per titoli ed esami, per l individuazione di educatori museali Mod. A Al Museo Castello del Buonconsiglio monumenti e collezioni provinciali Via B. Clesio, 5 38122 - TRENTO Esente da bollo ai sensi del D.P.R. 642/1972 Punto 11 Tab. All. B Domanda di partecipazione

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA AVVISO PUBBLICO Selezione di Statistici junior BIC Sardegna SpA, Soggetto Attuatore dell intervento IDMS, Sistema Informativo dell indice di Deprivazione Multipla

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Modulistica per richiedere le agevolazioni tariffarie di cui alla L.R. n.22/98, da utilizzarsi a cura degli invalidi con tutela, comprendente:

Modulistica per richiedere le agevolazioni tariffarie di cui alla L.R. n.22/98, da utilizzarsi a cura degli invalidi con tutela, comprendente: Modulistica per richiedere le agevolazioni tariffarie di cui alla L.R. n.22/98, da utilizzarsi a cura degli invalidi con tutela, comprendente: Modello finalizzato a richiedere per la 1 volta la tessera

Dettagli

Bando Tipologia A (20 tirocini)

Bando Tipologia A (20 tirocini) Bando Tipologia A (20 tirocini) Destinazioni e periodo di realizzazione dei tirocini: Irlanda - 5 tirocini Regno Unito - 2 tirocini Spagna - 8 tirocini Germania - 3 tirocini Francia - 2 tirocini L'esperienza

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

INDICE. 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3. 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10. 3. Come acquistare on line Pag. 14

INDICE. 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3. 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10. 3. Come acquistare on line Pag. 14 INDICE Carte Prepagate istruzioni per l uso 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10 3. Come acquistare on line Pag. 14 4. Come creare il 3D security Pag. 16 5. Collegamento

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Programma Erasmus+/Erasmus - Adempimenti per la mobilità studenti per studio e traineeship Bando A.A. 2015/2016

Programma Erasmus+/Erasmus - Adempimenti per la mobilità studenti per studio e traineeship Bando A.A. 2015/2016 Programma Erasmus+/Erasmus - Adempimenti per la mobilità studenti per studio e traineeship Bando A.A. 2015/2016 1. Presentazione della domanda La domanda deve essere compilata e presentata esclusivamente

Dettagli

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica Il Rettore Decreto n. 122549 (1147) Anno _2012 VISTO l art. 3, comma 9, del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO 1 PUBBLICATO ALL ALBO DELL ASL 2 SAVONESE IL 08.01.2010 SCADE IL 28.01.2010 AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO In attuazione della deliberazione del Direttore Generale

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele

Università Vita~Salute San Raffaele Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4185 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Affidati al monitoraggio di ADAPT e Repubblica degli Stagisti ben 3mila racconti: il problema principale sono i lunghi

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014 Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma BANDO DI CONCORSO CORSO DI FORMAZIONE PER ISTRUTTORE DI 1 GRADO DI TENNIS ISTRUTTORE DI 1 LIVELLO DI BEACH TENNIS

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011 Monitoraggio dei processi formativi Genova, 2 dicembre 2011 Premessa: un patto!!! Nel Protocollo d Intesa le organizzazioni formative garantiscono un progressivo miglioramento e innalzamento della qualità

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

IL BUDGET. Che cos è il budget.

IL BUDGET. Che cos è il budget. IL BUDGET Che cos è il budget. Ogni progetto deve possedere una sostenibilità economica che permette la realizzazione delle attività e il raggiungimento degli obiettivi. Questa sostenibilità economica

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU Ai sensi delle seguenti disposizioni: Legge 02.12.1991, n. 390 Articolo 13 D.P.C.M. 09/04/2001 Articolo 4 comma 17 D.P.C.M. 05/12/2013

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

Il Sottoscritto. chiede. dichiara:

Il Sottoscritto. chiede. dichiara: P.G. n. del Comune di Vicenza Settore Interventi Sociali Ufficio Prestazioni al Cittadino timbro e firma per ricevuta RICHIESTA DI CONTRIBUTO PER IL RIENTRO DEI VENETI NEL MONDO (ART. 8, L.R. 2/2003) Il

Dettagli